Istat: in Italia la qualità dell aria sta migliorando

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istat: in Italia la qualità dell aria sta migliorando"

Transcript

1 PRIMO PIANO Cementificazione selvaggia emergenza in Italia Istat: in Italia la qualità dell aria sta migliorando Maisto a pag.2 AMBIENTE & LIBRI Libri che raccontano il futuro del Pianeta Con la crisi finanziaria globale, sembra che i temi dell ambiente non siano più al centro della discussione politica internazionale. Eppure si continua a scrivere di natura, ecologia, cambiamenti climatici, inquinamento e salute, nel mondo come in Italia. Mosca a pag.4 SCIENZA & TECNOLOGIA Misurare il respiro dei vulcani I vulcani sono una delle manifestazioni più appariscenti e spettacolari dei processi geodinamici che operano all interno della terra e la conoscenza degli stessi e dei meccanismi che li governano riveste un ruolo di primaria importanza... Buonfanti a pag.9 AMBIENTE & SALUTE Fecondazione eterologa: si intravede uno spiraglio Clemente a pag.11 La qualità dell'aria in Italia migliora per effetto dell'aumento della mobilità sostenibile; lo rileva uno studio dell Istat. I dati sono relativi al 2013 che risulta il secondo anno consecutivo in cui si registra una lieve flessione discendente dei tassi di motorizzazione dei capoluoghi di provincia: circa 613, 2 automobili e 132,7 motocicli per mille abitanti (rispettivamente - 0,9 e -0,6 % rispetto al 2012). Che sia per effetto di una maggior responsabilità ambientale o della crisi finanziaria, più italiani scelgono mezzi alternativi rispetto al La scelta, probabilmente causa malfunzionamento, non ricade però sui mezzi pubblici, la cui domanda è infatti in calo. Esposito a pag.7 RACCONTIAMO IL METEO Luglio 2014 insolitamente fresco e piovoso Quello di quest anno è stato tra i mesi di luglio più freschi ed instabili degli ultimi decenni. La lunga sequenza delle perturbazioni che hanno colpito l Italia ha fatto registrare a luglio precipitazioni di gran lunga superiori alla norma. Loffredo a pag.5 Garbage Patch State l arcipelago di plastica Forse pochi lo sanno ma esiste una nazione composta pezzo per pezzo da qualcosa che ognuno di noi ha abbandonato perché poco importante. Funaro a pag.6 AMBIENTE & CULTURA Il principe di Metternich a Napoli Terzi a pag.13 L'Orto botanico di Napoli è tra i più antichi d Italia e senz altro il più importante per il numero e le qualità delle collezioni presenti. Il Real Orto botanico fu fondato nel 1807 (anche se alcuni anni prima a Monteoliveto già esisteva un orto botanico universitario) in un area ai piedi della meravigliosa collina di Capodimonte nei pressi del Real Albergo dei Poveri, un opera monumentale anch essa conosciuta ed apprezzata in tutto il mondo. De Crescenzo-Lanza a pag.12 Vuoi tu dare un futuro ai bimbi? Sì lo voglio Francesco che trascina il carretto, Simona che gioca con le conchiglie... Nella notte tra il 22 e il 23 agosto del 1791 nell isola di Haiti, gli africani deportati insorsero contro i negrieri e organizzarono la prima rivolta storica occidentale per l abolizione dello stato di schiavitù. Tafuro a pag.17 AMBIENTE & TRADIZIONE Il Real Orto Botanico di Napoli LAVORO & PREVIDENZA La Corte di Giustizia dell Unione Europea Ai sensi dell art. 19 TUE, la Corte di Giustizia dell Unione Europea comprende al suo interno la Corte di Giustizia, il Tribunale e i tribunali specializzati. Compito della Corte di giustizia è quello di interpretare il diritto dell' Unione Europea affinché esso trovi identica applicazione in tutti i Paesi rientranti in tale contesto. Essa giudica, inoltre, in merito alle controversie tra i governi degli Stati membri e le istituzioni dell'ue. Tutti possono rivolgersi alla Corte di Giustizia, privati cittadini, imprese, nonché organizzazioni, nel caso in cui si ritenga che sussista una lesione di diritti da parte di un'istituzione dell'ue. Ferrara a pag.16

2 È necessario regolamentare il consumo di suolo Cementificazione selvaggia, emergenza in Italia Contabilità ambientale Rosario Maisto Un invasione di case insicure, fragili, non coibentate, energeticamente costose e spesso vuote e inutili, insieme a capannoni, autostrade, parcheggi, cave e strade continuano a cancellare importanti porzioni del nostro territorio. In tre anni abbiamo perso, secondo dure che permettano finalmente di avviare progetti innovativi. Dei chilometri quadrati urbanizzati in Italia, il 30% è occupato da edifici e capannoni, il 28% da strade asfaltate e ferrovie. Tra le città con le superfici più cementificate troviamo Napoli e Milano (con oltre il 60%) seguite da Pescara e Torino sta situazione, il settore dell edilizia vive una drammatica crisi occupazionale con oltre posti di lavoro persi e migliaia di imprese chiuse. C è quindi urgente bisogno di un progetto che tenga assieme gli obiettivi e le politiche per tre grandi questioni strettamente connesse tra loro: il consumo di suolo, l emergenza casa e la Gestire i flussi di materia e energia Angelo Morlando Italia ligia al dovere l Ispra, ben 720 chilometri quadrati di suolo. Nemmeno la crisi ferma questa epidemia cementificatoria, che devasta il Paese senza incidere per nulla sull emergenza casa che riguarda ben 650mila famiglie che per reddito e condizioni avrebbero diritto ad un alloggio di edilizia popolare. Senza un serio impegno politico la situazione non cambierà. Servono subito provvedimenti specifici per frenare il consumo di suolo e per la riqualificazione del patrimonio edilizio con chiari obiettivi di efficienza energetica e sicurezza antisismica. Non servono altre case di carta in periferia, insicure e invivibili, ma nuove politiche per ripensare periferie degradate e dismesse con proce- (oltre il 50%) e poi da Monza, Bergamo, Brescia e Bari con oltre il 40% di superficie impermeabilizzata. Nel 2014, inoltre, ancora in gran parte d Italia non esistono controlli e sanzioni rispetto ai consumi delle abitazioni (ossia le verifiche degli attestati di prestazione energetica che per la Direttiva sono obbligatori) e quindi si condannano le famiglie a spendere migliaia di Euro per case fredde d inverno e calde d estate. Malgrado dibattiti e impegni, ancora non è in vigore il libretto del fabbricato e non si hanno informazioni nemmeno per edifici in zone a rischio sismico e idrogeologico, o controlli mirati relativi ai materiali e alle tecniche di costruzione utilizzate. In que- rigenerazione urbana. Rispetto all emergenza casa, negli ultimi 5 anni sono stati emessi oltre sfratti, e milioni di famiglie vivono condizioni di grave disagio per pagare le rate del mutuo o dell affitto nonostante siano le case vuote su tutto il territorio italiano (contro le nel Regno Unito per fare un esempio). Servono nuove politiche, con risorse stabili per riqualificare il patrimonio edilizio pubblico in locazione e per creare nuovi alloggi negli ambiti di riqualificazione, con nuovi strumenti urbanistici e fiscali da affidare ai Comuni per gestire il patrimonio immobiliare. Interventi che mancano completamente nel Decreto sulla casa. Nel bilancio della UE, la politica di coesione investirà 325 miliardi di euro per realizzare gli obiettivi in tema di crescita e occupazione, nonché per affrontare le problematiche legate al cambiamento climatico e alla dipendenza energetica. Tenendo conto dei contributi nazionali, l'impatto complessivo dovrebbe superare i 500 miliardi di euro. Gli elementi chiave della riforma si basano sull' adattare il livello di sostegno e il contributo nazionale ai relativi livelli di sviluppo indirizzando le risorse, contemporaneamente, sui settori chiave per la crescita. Le priorità saranno quattro: innovazione e ricerca, agenda digitale, sostegno alle piccole e medie imprese (PMI) ed economia a bassa emissione di carbonio. E' necessario stabilire obiettivi chiari, trasparenti, misurabili e parametri di responsabilità e di risultato. Solo in questo modo sarà possibile assicurare l'efficacia degli investimenti e un migliore coordinamento per evitare le sovrapposizioni. Nell Agenda verde del governo, inoltre, è stato inserito un nuovo articolo: è il numero 31 ed istituisce il "Comitato per il capitale naturale". L'articolo è ancora una bozza, ma potrebbe risultare determinante per colmare una lacuna decisiva che si protrae da anni. Le basi per la contabilità ambientale sono poste dal capitolo 8 dell'agenda 21 in cui viene proposto un programma per tutti i paesi, ma in Italia il sistema è ancora lacunoso e ciò mina alla base la sostenibilità di ogni politica industriale. Senza risorse, infatti, non c è industria. Ogni manifattura, a sua volta, produce scarti che vanno gestiti. La gestione dei flussi di materia e di energia è ciò che mantiene in vita i processi economici; la mancanza di conoscenza della loro qualità, quantità e movimenti, pone il paese e l'intero sistema economico di fronte a gravi rischi. L Ispra e l Istat hanno provato, con le risorse disponibili, a portare la contabilità ambientale al massimo livello possibile, ma senza mai poterne proporre una versione definitiva. Citiamo la nota ufficiale del Ministero dell'ambiente: «Entro il 28 febbraio di ogni anno il Comitato consegna al Presidente del Consiglio dei Ministri e al Ministro dell economia e delle finanze un rapporto sullo stato del capitale naturale del Paese, corredato delle informazioni e dei dati ambientali espressi in unità fisiche e monetarie seguendo le metodologie definite dalle Nazioni Unite e dall Unione europea». Se tutto ciò sarà seriamente e definitivamente stabilito, sarà concretamente possibile limitare lo sfruttamento delle risorse naturali.

3 Dossier Legambiente sull inquinamento dei laghi Laghi inquinati e minacciati dal cemento. È complessivamente negativo l'esito del monitoraggio scientifico dell edizione 2014 della Goletta dei Laghi di Legambiente, che con il contributo del Coou (Consorzio Obbligatorio Oli Usati) e Novamont ha fatto undici tappe, attraversando dieci regioni, ed analizzato campioni di acqua in oltre cento punti in 11 laghi italiani: Iseo, Lario, Varese, Ceresio Maggiore e Garda in Lombardia, la sponda del Maggiore in Piemonte e quella del Garda in Veneto, Bolsena, Bracciano, Albano e Vico nel Lazio e Trasimeno e Piediluco in Umbria. Su 101 punti campionati dai tecnici del laboratorio mobile, "ben 62 hanno mostrato una concentrazione di batteri fecali superiori alla norma, 39 in misura tale da risultare fortemente inquinati" è la conclusione dopo un mese di viaggio della Goletta. Tra i più critici, spiega Legambiente, i bacini della Lombardia, con 38 punti su 58 oltre i limiti di legge. Imputati principali si confermano le foci dei corsi d'acqua "che raccolgono reflui nell'entroterra, oltre agli scarichi diretti a lago, in un quadro generale afflitto troppo spesso dall'inadeguatezza dei sistemi fognari e depurativi". Che assieme alla cementificazione delle coste (Iseo e Garda), a progetti impattanti «Nel 51% dei campionamenti nei laghi italiani» i valori dei batteri sono fuori norma come la possibile realizzazione del comprensorio sciistico più grande del Sud Italia (sui laghi Arvo e Cecita in Calabria), alle attività agricole (Como), e alle attività industriali (Pertusillo in Basilicata), sono tra le minacce più rilevanti. Per far fronte alla situazione "urgono investimenti in infrastrutture fognarie e depurative", osserva Legambiente. Ma accanto alle criticità, non mancano le località che hanno saputo coniugare con successo l'offerta turistica e la sostenibilità ambientale, veri e propri presidi ecologici, come i Pantani di Lentini e Gelsari in Sicilia, il lago di Vico nel Lazio, il lago di Porta in Toscana, i bacini della Sila in Calabria. "In un momento economico così difficile - commenta Rossella Muroni, direttrice nazionale di Legambiente - i laghi possono essere motori della green economy e diventare volani di sviluppo sostenibile. Da qui il nostro sostegno a strumenti come i Contratti di Lago che possono far collaborare concretamente le istituzioni provinciali e regionali, le amministrazioni lacuali e quelle Il festival dell impegno civile Storie perbene nella terra di Gomorra dell'entroterra, gli enti tecnici, le società di gestione, le associazioni e i cittadini". "La carenza del sistema depurativo riguarda ancora un'estesa area del nostro Paese - spiega Giorgio Zampetti, responsabile scientifico nazionale di Legambiente - Le conseguenze hanno un impatto sull'ambiente e sono anche economiche: rischiamo di dover pagare pesanti sanzioni per le procedure d'infrazione dovute al mancato rispetto delle direttive europee". L intento di questo dossier è anche quello di dare sostegno a strumenti come i Contratti di lago la cui esperienza traccia la strada per una pianificazione partecipata del territorio e la riqualificazione dei bacini lacustri. Durante l'edizione appena conclusasi, la Goletta ha stimolato l'utilizzo dello strumento dei Contratti, previsto dalla Direttiva Quadro Europea sulle Acque 2000/60/CE, sulla scia dei percorsi avviati sul Trasimeno in Umbria e sui laghi di Avigliana in Piemonte. Questi ultimi sono un esempio della buona gestione auspicata dagli ambientalisti. Lo dimostrano le 5 Vele della Guida Blu di Touring Club e Legambiente con cui Avigliana è stata premiata nella classifica nazionale dedicata ai laghi dell'edizione 2014 della storica iniziativa. G.M. Anche quest anno si è concluso il festival dell impegno civile, festival itinerante giunto alla sua settima edizione. Stiamo parlando dell'unica rassegna interamente realizzata nei beni confiscati alla camorra, promosso dal Comitato don Peppe Diana e l'associazione Libera - coordinamento di Caserta. La rassegna, nata sette anni fa a Casal di Principe, muove i primi passi già nel 2006 quando, il 15 Aprile, durante i funerali di Don Peppe Diana,in quella triste occasione nascerà infatti quell impegno che porterà le terre di Gomorra a trasformarsi nelle terre di Don Peppe Diana, il prete ucciso dalla camorra venti anni fa. Il tema scelto per il festival di quest anno è stato Storie per bene,con l intento di far rivivere tramite il racconto tutte le vicende che quotidianamente vengono costruite da chi abita le terre di Don Peppe Diana. Incontri, dibattiti, concerti, presentazioni di libri, degustazioni di prodotti realizzati sui terreni confiscati alle mafie, rappresentano la colonna portante di una rassegna che vuole illuminare l'impegno di comunità educative, solidali e sane che operano in territori laboriosi di rinnovata identità dal passato opulento. Così nel bene confiscato di Maiano a Sessa Aurunca, su un terreno confiscato e dedicato a una vittima innocente di camorra, Alberto Varone, nasce il primo laboratorio di trasformazione di prodotti agricoli nato su un terreno confiscato. Il laboratorio è dedicato a Giuseppe Mascolo, altra vittima innocente di camorra, un imprenditore di Sessa Aurunca. In questo impianto si trasformeranno i prodotti agricoli che diverranno conserve le quali verranno inserite nel progetto facciamo un pacco alla camorra, il pacco alimentare che racchiude le primizie provenienti dalle cinquantuno imprese che oggi restituiscono il pacco che la camorra ha da sempre fatto alla gente perbene! Il festival ha fatto tappa in tutta la Campania e non solo, Casalnuovo, Baia Verde, Napoli, Ottaviano, Castel Volturno, Casal di Principe, San Cipriano d'aversa, Sessa Aurunca. Durante le tappe sono intervenuti i parenti delle vittime innocenti di camorra, attori, musicisti, artisti, cantanti, mediatori culturali, uomini e donne in rappresentanza dell'economia etica e sociale, rappresentanti della politica, giornalisti, docenti, magistrati, scrittori, sacerdoti e tanti giovani, in particolare quelli dei campi estivi organizzati da Libera. Tutti insieme per urlare a gran voce che si può fare! e i fatti lo stanno dimostrando. F.S.

4 Libri che raccontano il futuro del Pianeta Sono molte le novità editoriali in tema di ambiente, in Italia e nel mondo Luigi Mosca Con la crisi finanziaria globale, sembra che i temi dell ambiente non siano più al centro della discussione politica internazionale. Eppure si continua a scrivere di natura, ecologia, cambiamenti climatici, inquinamento e salute, nel mondo come in Italia. Segno che esiste ancora, nel pianeta, una necessità di conoscere il mondo naturale dove viviamo e le sue trasformazioni: un bisogno che non viene espresso solo da scienziati e addetti dai lavori, ma anche dal pubblico più in generale. Su questi temi, sono tanti i libri di carattere divulgativo, pubblicati nel nostro Paese e a livello internazionale nel corso del 2014, oppure di prossima uscita. Naomi Klein, che ha segnato un epoca con il suo No Logo, bestseller internazionale del 2001, si appresta a pubblicare un libro-denuncia sui cambiamenti climatici, la cui uscita è prevista a settembre nei paesi di lingua inglese. Il volume si intitola This Changes Everything, Questo cambia tutto, ed esibisce un sottotitolo polemico e di sicura presa ( Capitalism vs. The Climate, cioè Capitalismo contro clima ). Principale bersaglio dell autrice canadese è l ottimismo di chi ritiene che il mercato e lo sviluppo tecnologico siano in grado di auto-regolarsi, favorendo la diffusione di dispositivi e sistemi sempre più sofisticati e quindi sostenibili dal punto di vista ecologico. La Klein mostra di non crederci e reclama soluzioni drastiche e immediate per tagliare le emissioni di gas serra. In Italia, invece, sta per arrivare la traduzione di Cooked, un brillante saggio-racconto scritto dal giornalista Michael Pollan. Il quale ha già avvicinato negli Stati Uniti schiere di lettori alla botanica e all arte di cucinare, con un insolita capacità di affabulare attraverso gli oggetti e le abitudini di ogni giorno. In Cooked, in uscita per i tipi di Adelphi (424 pagine, 26 euro, il titolo italiano è Cotto ), ci si avventura in una storia intrisa di umorismo, ambientata nella cucina dell autore. Qui, Pollan riporta la trasformazione del cibo ai quattro elementi fondamentali: il fuoco, cioè l arrostire; l acqua, quindi il bollire; l aria, che innesca il lievitare, e la terra, che custodisce la fermentazione. «Riappropriarsi dell arte di cucinare», scrive Pollan, «può essere il passo più importante, che chiunque può fare, per contribuire a rendere il sistema alimentare degli Stati Uniti più sano e sostenibile». Quest anno, poi, Einaudi ha proposto in Italia un altro fortunato autore americano: si tratta di David George Haskell, professore di biologia alla University of the South, in Tennessee, e finalista del premio Pulitzer 2013 nella categoria saggistica. Per un anno intero, Haskell si è recato ogni giorno in un bosco sotto casa, osservando sempre lo stesso metro quadrato di terreno, per poi raccontarne la vita intensa e mutevole. Il risultato è La foresta nascosta. Un anno trascorso a osservare la natura (292 pagine, 29 euro), in cui quella piccola porzione di mondo viene descritta come un microcosmo meraviglioso e avvincente. Ma ovviamente, la natura e le sue mutazioni sono anche fonte di apprensione, e quindi è inevitabile che a dominare la pubblicistica sia il tema dei cambiamenti climatici: un testo edito di recente da Zanichelli e curato dalla fondazione indipendente Climate Central si intitola Le stranezze del clima. Che cosa sta cambiando, e perché (184 pagine, 12,90 euro), e pur rivolgendosi a un pubblico ampio, si avvale del rigoroso controllo scientifico di un gruppo di esperti di livello internazionale. Di radioattività scrive invece il professore Giovanni Vittorio Pallottino, ordinario di Elettronica alla Sapienza di Roma, che con Dedalo ha pubblicato quest anno La radioattività intorno a noi. Pregiudizi e realtà (184 pagine, 16 euro). L intento dello studioso è, innanzitutto, di ricordare ai lettori che la radioattività è un fenomeno naturale: arriva dal cosmo, viene emessa dal sottosuolo e dai materiali da costruzione, e si sprigiona, in maniera naturale, persino dal nostro corpo. Il professor Pallottino ci invita a guardare al fenomeno - e a ponderarne i rischi - in maniera razionale. Stesso approccio per Il Caso Ogm, volume pubblicato di recente da Carocci (148 pagine, 11 euro) e scritto da Roberto Defez, che dirige il Laboratorio di biotecnologie microbiche all Istituto di bioscienze e biorisorse del Cnr di Napoli. Defez ripercorre il dibattito sugli organismi geneticamente modificati, ne ricorda gli accenti più critici, ma documenta anche le opportunità offerte dalle biotecnologie.

5 Raccontiamo il meteo. All origine dell anomalia, un anticiclone che ha garantito il beltempo in Scandinavia Luglio 2014 insolitamente fresco e piovoso Gennaro Loffredo Quello di quest anno è risultato tra i mesi di luglio più freschi ed instabili degli ultimi decenni. Eravamo fin troppo abituati, negli anni precedenti, alle performance durature del famigerato anticiclone africano, il quale soffocava la nostra penisola con temperature da canicola. La lunga sequenza delle perturbazioni che ha colpito l Italia ha fatto registrare a luglio precipitazioni di gran lunga superiori alla norma e temperature inferiori alla media, soprattutto al centro nord. Lo attestano i dati dell Istituto di scienze dell atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche ( Isac- Cnr) di Bologna, che mostrano, per il luglio 2014, un +73% rispetto alle precipitazioni medie registrate nello stesso mese sul periodo L Italia centro-settentrionale è stata maggiormente colpita dalle anomalie, ma anche le regioni meridionali (in primis la Campania) hanno avuto la loro dose di piogge, nel mese più stabile e secco dell anno secondo la climatologia italiana. Dalla Toscana in su le piogge sono risultate oltre il doppio del normale, ma su alcune zone del Triveneto e Scostamento delle temperature medie in Europa nel luglio 2014, rispetto ai valori del periodo (fonte: Cnr-Isac, Noaa) dell Emilia occidentale sono state addirittura il triplo. La causa di questo continuo flusso di correnti instabili e fresche sul nostro paese è imputabile alla presenza di un robusto ed anomalo anticiclone sulla Scandinavia che ha deviato il treno di perturbazioni atlantiche proprio sul bacino del mediterraneo. L enorme energia in gioco, purtroppo, è stata la causa di numerosi nubifragi, i quali Scostamento della piovosità del luglio 2014 in Europa, rispetto ai valori del periodo hanno provocato e causato danni e vittime, ad esempio nel Trevigiano. L anticiclone africano, inoltre, inibito da una siffatta configurazione sinottica, ha interessato solo sporadicamente le nostre regioni meridionali, puntando spesso la Grecia e le nazioni del Medio Oriente. Oltre alle abbondanti precipitazioni, il mese di luglio ha fatto registrare anche temperature piuttosto fresche, chiudendo con un anomalia di circa mezzo grado sotto la media del periodo Per trovare anomalie più basse a luglio occorre andare indietro negli anni 90: i mesi di luglio 1996 e del 1993 furono infatti più freddi di quello di quest anno. Questa situazione di avverse condizioni meteorologiche ha messo letteralmente in ginocchio il turismo balneare, e ha praticamente accentuato la crisi economica del paese. È stata una prima parte della stagione estiva praticamente fallimentare su gran parte del centro-nord: parzialmente salvo solo l estremo sud, in particolare la Sicilia che si è rivelata, come sempre, l isola felice del panorama meteorologico. È un trend che è proseguito anche nella seconda parte dell estate del 2014, sebbene con toni meno esasperati del mese precedente.

6 GARBAGE PATCH STATE: L ARCIPELAGO DI PLASTICA Un installazione per dare forma ad un emergenza terribile ma invisibile Rosa Funaro Forse pochi lo sanno ma esiste una nazione composta pezzo per pezzo da qualcosa che ognuno di noi ha abbandonato perché poco importante, si chiama Garbage Patch State ed è uno stato Federale di 16 milioni di chilometri quadrati che comprende le 5 isole costituite dai rifiuti plastici convogliate dalle correnti oceaniche denominate Garbage Patch. Il GPS è stato rappresentato dall artista Maria Cristina Finucci con una performance /installazione all UNESCO e come tutti gli stati ha una sua bandiera, una costituzione, un anagrafe di 5mila oggetti che possono essere virtualmente adottati da chi ne richiede la cittadinanza, non si trova ancora sulle cartine geografiche ma presto avrà anche una sua Ambasciata. Nel Garbage Patch si trovano pezzi di plastica di varie dimensioni che vanno da quelli più grandi fino ad arrivare a particelle microscopiche, questa mescolanza di plastica sciolta nel mare viene comunemente definita la zuppa di plastica. Le creature marine che vengono intrappolate nelle reti abbandonate dai pescatori o dagli anelli delle confezioni da sei lattine (sixpacks) o dai sacchetti di plastica, inevitabilmente muoiono perché non riescono più a liberarsi o perché soffocati, oppure perché scambiano per cibo i pezzetti colorati di plastica che non potendo digerire li portano alla morte. Le analisi dell acqua hanno evidenziato che per ogni particella di plankton ce ne sono 6 di plastica fino ad una profondità di 30m sotto il livello del mare per cui i pesci ingeriscono più plastica che nutrimento. La plastica, che è porosa, attira gli ormoni dispersi negli oceani, come è noto il mare contiene una grande quantità di ormoni di sintesi prodotti per uso umano o per l industria agro alimentare. Quindi, insieme alla plastica, i pesci ingeriscono anche alte dosi di ormoni che creano squilibri al loro sistema endocrino. Inoltre Il manto di plastica agisce da filtro e impedisce la fotosintesi di quella specie di alghe che sono proposte ad ossigenare il mare, questo influisce sul livello di CO 2 nell atmosfera. Non esiste per ora alcun rimedio per questo disastro ambientale, perché anche qualora si trovassero i fondi necessari per ripulire i 16 m di kmq di mare inquinato, fino ad una profondità di 30 m, sarebbe impossibile evitare di rimuovere insieme alla plastica anche i microorganismi presenti nel mare e si finirebbe con il rovinare ancora di più l ecosistema. Lo stato del GPS è stato ideato e fondato per rendere tangibile attraverso l immagine una realtà molto complicata da percepire perché per sua natura quasi invisibile. Il GPS nasce come azione artistica volta a far conoscere e quindi a combattere il fenomeno del GP,affinché ognuno di noi si impegni a far sì che questo pericoloso ammasso di plastica non cresca ulteriormente ( dal 1970 il GP è ingrandito 100 volte). L Arte può con la potenza delle sue immagini e delle sue azioni smuovere nel profondo laddove la comunicazione scientifica non ha saputo sufficientemente formare un immaginario collettivo. LA GRANDE MELA AVRÀ UNA SUA SPIAGGIA: NASCE NEW YORK CITY BEACH Anna Paparo L Isola artificiale sul fiume Hudson Da oggi anche New York avrà la sua spiaggia grazie all inventiva di alcuni architetti della Grande Mela che hanno progettato un isola artificiale nel fiume Hudson. Così nasce New York City Beach, una spiaggia galleggiante lunga duecento sessanta metri e larga sessantacinque metri che sorge proprio di fronte lo skyline di New York. Per il momento si tratta solo di un idea, un idea che costa la bellezza di ventiquattro milioni di dollari che sta cercando fondi per poter prendere forma attraverso Indiegogo. Il progetto prevede l istallazione lungo il corso del fiume di una sorta di isola galleggiante con tanto di ombrelloni, tavolini, ristoranti, bar a seguito. In particolare, la chiatta, costruita su due livelli, ricorda un ponte levatoio ed è completa di sabbia, sdraio ed ombrellone. Insomma, per i newyorkesi sarà proprio come fare una vacanza al mare, solo che non dovranno spostarsi di molto. Se la campagna di crowdfounding andrà a buon fine e gli architetti responsabili otterranno il permesso della città, non dovremmo aspettare tanto per vedere il tutto realizzato. Più o meno un paio d anni. Da un idea di Blayne Ross in collaborazione con Matt Berman e Andrew Kotchen di workshop/apd, importante studio di design, e Nathaniel Statnton di Craft Engineering Studio, il progetto potrà essere finanziato attraverso delle donazioni. Infatti, si potrà acquistare un semplice shout-out su un apposito sito a soli venticinque dollari oppure si potrà acquistare opzione per i donatori più facoltosi e generosi - un ricevimento privato con il signor Ross e la sua squadra a soli cinque mila dollari. Quindi, sotto a chi tocca. La spiaggia galleggiante newyorkese sta scalpitando e, se tutto andrà secondo i piani, sarà inaugurata, poi, attraverso una campagna Kickstarter. La comodità di questa fantastica spiaggia sarà per i cittadini newyorkesi quella di rilassarsi e godersi una vacanza senza necessariamente doversi allontanare dalla città. Ma questo non è l unico progetto ideato per rispondere alle esigenze degli americani stressati da una vita frenetica e in continuo movimento: infatti, nel prossimo 2016arriverà anche The Plus Pool (è possibile visionare il progetto visitando il sito una grande piscina olimpionica sull East River collegata alla riva da una sorta di sentiero. Manca davvero poco e anche a New York potranno cantare per quest anno non cambiare, stessa spiaggia stesso mare senza essere costretti a spostarsi o a viaggiare lontano da casa.

7 Istat: in Italia qualità dell aria in ripresa Il rapporto 2013 fa registrare un miglioramento green al Centro Nord, mentre il Sud è in affanno Alessia Esposito La qualità dell'aria in Italia migliora per effetto dell'aumento della mobilità sostenibile; lo rileva uno studio dell Istat. I dati sono relativi al 2013 che risulta il secondo anno consecutivo in cui si registra una lieve flessione discendente dei tassi di motorizzazione dei capoluoghi di provincia: circa 613, 2 automobili e 132,7 motocicli per mille abitanti (rispettivamente - 0,9 e -0,6 % rispetto al 2012). Che sia per effetto di una maggior responsabilità ambientale o della crisi finanziaria, più italiani scelgono mezzi alternativi rispetto al La scelta, probabilmente causa malfunzionamento, non ricade però sui mezzi pubblici, la cui domanda è infatti in calo. Pare che la vera risposta siano state le iniziative di mobilità sostenibile, come il car sharing (attivo in 23 città, soprattutto nel settentrione) e il bike sharing (presente ormai in ben 66 città). I comuni si adeguano: ormai dei 116 sono 36 quelli a disporre d almeno 34 km di pista ciclabile. Nonostante tutto, però, l'italia non può ancora fare a meno delle politiche di limitazione della circolazione del traffico privato che sia per il superamento della soglia limite di inquinamento o per prevenzione. Ventotto i capoluoghi che ne hanno fatto uso. In ogni caso, si registra un generale miglioramento della qualità dell'aria per quanto riguarda il superamento della soglia delle polveri sottili: rispetto all'anno precedente, nel 2013 diminuisce il numero di capoluoghi in cui il valore massimo (Pm10) viene superato per più di 35 giorni. Ciò accade al Centro (da 9 a 6 capoluoghi) e al Nord (da 37 a 32) anche grazie all'incremento di autovetture euro 4 o superiori o motocicli meno inquinanti. Il Mezzogiorno fa registrare invece una media del 10% in meno dei veicoli di questo tipo. Concausa, questa, del fatto che il Sud non rispetta il trend positivo. Per quanto riguarda la Campania, ad esempio, i capoluoghi della regione che oltrepassano la soglia di inquinamento per più di 35 giorni passano da 2 a 4. Notizie positive riguardano gli spazi verdi pubblici. Nel 2013 rappresentano il 2,7% del territorio dei capoluoghi di provincia che corrispondono a circa 577 milioni di metri quadrati, ovvero 32,2 m2 per abitanti (+0,7% rispetto al 2012). Inoltre sono ben 57 le amministrazioni che hanno affidato orti urbani ai cittadini. A garanzia della salvaguardia della biodiversità urbana, oltre km quadrati del territorio dei capoluoghi (ovvero il 15,8%) sono stati poi identificati come aree naturali protette. Mobilità sostenibile: il bike sharing arriva a Salerno Saranno tre le ciclostazioni attive Prende il via il progetto Bike Sharing Salerno per il miglioramento della mobilità sostenibile. In tre ciclostazioni collocate in via Giuseppe Odierno (alle spalle della Villa Comunale), sul lungomare Tafuri e in piazza della Libertà (Pastena), sono da oggi utilizzabili 24 biciclette a pedalata assistita per gli spostamenti in città. Dopo una prima fase sperimentale, il servizio sarà potenziato con nuove ciclostazioni e nuove bici. Lo annuncia il sindaco Vincenzo De Luca sulla sua pagina Facebook. Il progetto di bike sharing è stato affidato alla Renergo Energy, società di giovani ingegneri salernitani e sul sito del Comune vengono indicate le modalità di utilizzo: è necessario stipulare un contratto d'uso presso alcuni BKS point grazie a cui effettuare l'abbonamento e ritirare una tessera con importo a scalare. Gli utenti potranno sottoscrivere l'abbonamento (e ricaricarlo) anche dal sito Gli stessi dispositivi danno accesso ai servizi di prenotazione bici e di controllo. Si possono cioè visualizzare le bici libere e la posizione delle ciclostazioni più vicine. A breve sarà attivata anche l'app relativa per facilitare le operazioni. Le ciclostazioni sono per il momento state implementate in zone strategiche, ma, dopo un primo periodo di sperimentazione, è previsto di situarle progressivamente in diverse zone per servire al meglio la città. Sono dotate di impianto fotovoltaico per essere green a 360, ma, per garantire la continuità del servizio 365 giorni l'anno 24 ore su 24, sono collegate anche alla rete elettrica in caso di giornate non soleggiate e di utilizzo notturno. Ciascuna delle tre prevede deposito e ricarica per otto biciclette più due posti liberi. Le bici hanno tre livelli di velocità e queste sono a pedalata assistita per consentire una pedalata semplice anche nelle zone collinari presenti nella città di Salerno. Per promuovere l'utilizzo del bike sharing nei primi tempi sono previsti stand informativi e per incentivarne l'uso l'attivazione di convenzioni con bar e locali della movida. Il piano tariffario è accessibile: 39 di abbonamento valido per 20 ore di utilizzo, oltre a promozioni pensate per utenti abituali e nel caso di eventi cittadini. A.E.

8 Il pannello solare termico Sferasol Grazie alla sua forma sferica incanalerà più energia Fabio Schiattarella Giunto da un po di tempo sui mercati, il pannello solare termico Sferasol acquista sempre più consensi. Questa nuova tipologia di pannello contiene un sistema di scambio termico completamente integrato. All interno c è un serbatoio da 150 litri con la serpentina e il vaso di espansione, nella base c è una centralina di controllo, il gruppo di pompaggio del fluido e un circuito chiuso di glicole etilenico, che trasferisce il calore del sole al serbatoio pieno d acqua. La cornice è una sfera d acciaio verniciata, essa è volta a captare i raggi del sole, e infine, una base in acciaio inox. Il pannello non supera un metro e mezzo d altezza e può essere senza troppe difficoltà collocato ove c è spazio sufficiente. Basta davvero poco: allacciarlo a un tubo dell acqua in entrata e uno in uscita, attaccarlo alla corrente e nulla più. Mario Boaglio, co fondatore ed amministratore delegato di Sferasol spiega come la mission sia stata quella di rivoluzionare il modo di vivere il solare termico. La sfera non dovrà essere installata per forza sul tetto ma anche altrove. Il progetto nasce come start up del Politecnico di Torino e successivamente grazie alla Start Cup organizzata dalla stesso Politecnico hanno avuto ragione della loro idea. L idea di un collettore sferico nasce e si sviluppa da un idea estremamente semplice. Un pannello piano è capace di raccogliere l energia solare in proporzione alla superficie esposta perpendicolarmente ai raggi del sole. Ma il sole non ha un moto di questo tipo, sorge basso all orizzonte, si muove lentamente verso Sud e tramonta tornando basso a Ovest. Non solo, in estate sale più alto nel cielo, mentre in inverno rimane più basso. Il pannello solare piano, quindi, non potrà mai essere perfettamente esposto, è impossibile, ma tenderà a perdere in rendimento nelle ore iniziali e finali della giornata e nelle stagioni fredde. Sferasol invece segue, grazie alla sua forma, il movimento del sole, in questo modo incanalerà più energia lungo tutto l arco della giornata. Grazie alla sua forma, questo collettore innovativo rende molto di più di un pannello solare tradizionale e ingombra molto di meno: via i pannelli piani dal tetto, via il serbatoio dalla casa, via la pompa, il vaso di espansione e il sistema di controllo. Grazie al suo design d avanguardia, il pannello solare Sferasol non ha bisogno di essere messo in disparte. All interno del nostro giardino potrebbe diventare una delle principali attrattive. Attualmente c è chi ne acquista anche più di uno. Non sarà strano ritrovarne due o tre all interno di giardini privati, ed il suo successo non sembra voler esaurirsi. Le prerogative per il suo successo ci sono tutte. Praticità, duttilità, rispetto dell ambiente e quel tocco di design che oggi è diventato indispensabile. Internet si tinge di verde Per chi non lo sapesse anche il traffico via web ha un suo impatto ambientale. Purtroppo è la verità, anche se risulta davvero difficile rendersi conto che un prolungato tempo di connessione porta a un enorme consumo di energia impattando anche l ambiente che ci circonda. Ma niente paura. E arrivata una possibile soluzione, made in Italy, che riuscirebbe a rendere internet una realtà più verde. Tutto ciò grazie alla mente geniale di uno scienziato italiano, Diego Reforgiato Recupero, autore di diversi studi e diverse ricerche presso la University of Maryland Institute for Advanced Computer Studies. Nel giro degli ultimi anni il traffico internet è cresciuto a vista d occhio. Basti pensare a tutte le possibilità di accesso alla rete che oggi abbiamo, dal classico personal computer al portatile, dallo smartphone al tablet. Tutto è a portata di mano e di click. Ed in più sono, anche, aumentati i servizi disponibili in rete, dal social network ai siti di informazione, dalle app per giocare a quelle per vedere video e film in streaming. Insomma, i consumi energetici della rete continuano ad aumentare e con questi l impatto di internet sull ambiente. Uno dei problemi fondamentali è rappresentato dal fatto che i router consumano la stessa energia anche di notte, quando il traffico della rete è meno intenso. Così, Reforgiato Recupero ha ben pensato per risparmiare energia di ideare lo smart standby, che consentirebbe ai router di accedere ad uno stato di risparmio energetico, alternativo ai due stati acceso/spento. Oltre a questo, Reforgiato Recupero ha messo su anche altri metodi per il risparmio energetico: sistemi di dynamic frequency scaling (DFS, una possibile alternativa allo smart standby), tecnologie di raffreddamento che abbassano la frequenza ed i consumi della CPU dei server, sistemi che consentono di spegnere provvisoriamente quei nodi della rete che sono meno utilizzati. Sistemi che, da un lato non intaccano la qualità dei servizi e dall altro consentono di abbattere i consumi della rete. È proprio il caso di dirlo: ci sono tutte le premesse affinché internet diventi uno spazio virtuale verde così da accorciare le distanze ma non la vita della natura. A.P.

9 Misurare il respiro dei vulcani Migliorare le tecniche di monitoraggio per capire e prevenire sempre più l attività sismica Ilaria Buonfanti I vulcani sono una delle manifestazioni più appariscenti e spettacolari dei processi geodinamici che operano all interno della terra e la conoscenza degli stessi e dei meccanismi che li governano riveste un ruolo di primaria importanza non solo per meglio comprendere l evoluzione del nostro pianeta ma anche nella valutazione della pericolosità ad essi associata. Sul territorio italiano esistono dieci vulcani attivi, ovvero che hanno dato manifestazioni negli ultimi anni. Di questi, solo Stromboli ed Etna sono in attività persistente, ovvero danno eruzioni continue o separate da brevi periodi di riposo, dell ordine di mesi o di pochissimi anni. Ma tutti questi vulcani possono produrre eruzioni in tempi brevi o medi. E allora, proprio perché siamo un popolo cresciuto all ombra del vulcano, la ricerca italiana pare ancora una volta dettare il ritmo delle nuove tecnologie in materia di monitoraggio dei vulcani. Un gruppo di ricerca dell Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) ha messo a punto negli ultimi anni, una metodologia innovativa per monitorare il respiro dei vulcani, la loro attività esplosiva. Si tratta di un sistema sincronizzato di telecamere a infrarosso ad alta velocità, collegate a speciali microfoni che permettono di ricostruire ciò che l uomo non vede, rallentare i processi di esplosione in modo da permetterne un analisi precisa e dettagliata, fino a descrivere le traiettorie dei lapilli e costruendo vere e proprie immagini tridimensionali degli eventi vulcanici. Un modello questo, che i ricercatori italiani stano condividendo con i colleghi di tutto il mondo. La ricerca è iniziata monitorando i vulcani delle Eolie. E così che sulla sommità dello Stromboli sono stati installati strumenti tecnologicamente all avanguardia come le telecamere termiche, due ad alta velocità, che riescono ad ottenere sequenze di video riprese in infrarosso e che riescono a registrare eventi esplosivi in diretta nonché una rete di 18 microfoni con stazioni sismo acustiche. Queste tecnologie, spiega uno dei ricercatori, consentono di osservare l evoluzione in superficie dei fenomeni vulcanici legati alla pressione nella camera magmatica e alla risalita del magma nei condotti, processi fondamentali che precedono un eruzione. Le telecamere termiche riescono a realizzare una mappatura in tempo reale dei prodotti di eruzione nonché di avere indicazioni precise sulla profondità della colonna magmatica e carpire praticamente sempre in diretta l evoluzione ed il manifestarsi dei fenomeni eruttivi. Quella che noi chiamiamo pericolosità di un vulcano, dal punto di vista strettamente scientifico è una probabilità: per dirla in parole povere è la probabilità che in un dato periodo si verifichi un certo evento o un altro. Per questa ragione il modo forse più valido per ridurre il rischio legato all attività eruttiva di un vulcano è capirne l andamento ed il comportamento durante tutte le sue fasi. Conoscere il funzionamento di un sistema vulcanico è inoltre di conseguenza fondamentale dal punto di vista della protezione civile. 01Non tutti i vulcani però vengono monitorati allo stesso modo, specie nei paesi in via di sviluppo, dove le eruzioni vulcaniche si trasformano spesso in vere e proprie emergenze, come è avvenuto lo scorso 30 dicembre a El Salvador, con l eruzione del vulcano Chaparrastique. Proprio in questo caso l INGV ha collaborato con il governo locale per istallare delle speciali telecamere e altri strumenti di ultima generazione per monitorare momento per momento l evolvere dell eruzione. Raccogliere dati da monitoraggi in tutto il mondo è importantissimo perché ci permette di costruire dei modelli che vanno oltre il singolo evento, ma che sono applicabili a tutte le attività esplosive. Carpito il segreto della fotosintesi Alternative ai combustibili fossili: prosegue la ricerca Paolo D Auria Universalmente riconosciuti come la principale fonte di emissioni di CO 2, i combustibili fossili sono il vero tallone d Achille dell uomo moderno. Un veleno da cui tutti, più o meno consapevolmente, siamo dipendenti e su cui poggiano le fondamenta dell economia globale. Le questioni ambientali sollevate dal loro utilizzo, unite alle considerazioni sul progressivo esaurimento hanno negli ultimi decenni dato sempre più impulso alla ricerca di un alternativa. Ricerca che, inevitabilmente, si scontra con gli interessi delle grandi lobby petrolifere e sulla praticabilità di un modello adottabile su vasta scala e, soprattutto, sostenibile sia economicamente che ecologicamente. La notizia di un carburante pulito ottenuto grazie all acqua e alla luce del sole, potrebbe, ora, rivoluzionare lo scenario energetico così come lo conosciamo. Un team di scienziati dell Australian National university (Anu) ha riprodotto con successo uno dei passaggi cruciali della fotosintesi, aprendo la strada a nuove possibilità per produrre idrogeno come fonte di combustibile pulito ed economico. Acqua e luce solare sono abbondanti. È una prospettiva entusiasmante quella di poterli usare per creare idrogeno, e farlo in modo economico e sicuro, ha spiegato la ricercatrice Kastoori Hingorani. È chiaro che l idrogeno può essere un potenziale sostituto a emissioni zero di carbonio per i prodotti petroliferi. Il team ha creato una proteina che, quando viene esposta alla luce solare, riesce a catturarne l energia primaria, che è la chiave della fotosintesi. Il sistema utilizza una proteina presente in quasi tutti gli organismi viventi, la ferritina, che non ha bisogno di batterie o metalli costosi, il che significa che potrebbe essere una soluzione conveniente nei paesi in via di sviluppo, ha spiegato ancora Hingorani. Il co-ricercatore Ron Pace ha rilevato che questa ricerca apre la strada a nuove possibilità per produrre idrogeno come fonte di carburante pulito e a buon mercato. È la prima volta che riproduciamo la cattura primaria dell energia dalla luce solare ha spiegato. Potrebbe essere l inizio continua di una serie di possibilità per la creazione di un combustibile altamente efficiente o per la cattura del carbonio atmosferico. Quindi, produrre grandi quantità di combustibile ad idrogeno potrebbe trasformare l economia ha sottolineato. Questo ciclo senza emissioni di carbonio è sostenibile, praticamente all infinito. La luce solare è straordinariamente abbondante, così come l acqua conclude Pace.

10 Nuovo cratere tra gli Astroni e la Solfatara La Campania è tra le regioni a più alto rischio vulcanico Il maggiore e più antico dei vulcani centrali nella zona flegrea è quello di Agnano che presenta un cratere svasato di circa due chilometri. Tra gli Astroni e la Solfatara, alcuni mesi fa, è stata scoperta una nuova bocca eruttiva. Adesso la zona flegrea viene tenuta sotto controllo. La Campania è tra le regioni a più alto rischio vulcanico al mondo e i vulcani attivi sono tutti dislocati in aree densamente popolate. Le bocche, quelle che vengono chiamate anche fornaci, sono tenute sotto controllo 24 ore su 24 da un sistema di monitoraggio che consente di registrare eventuali segnali che possano far scattare l'allarme eruttivo. Sono vari i parametri le cui variazioni possono far scattare l'allarme. Innanzitutto le scosse di terremoto che possono essere facilmente percepite dai cittadini, ma anche le deformazioni del suolo. Tecnicamente ci sono le variazioni chimiche e di temperatura dei gas provenienti dalle fumarole. Tutti parametri che potrebbero servire a lanciare l'allarme e mettere al sicuro la popolazione che abita nelle zone a rischio. A questo punto si presenta uno degli antichi problemi sollevati in più occasioni sul territorio. Perché infatti la gestione dell'emergenza proficua è finalizzata a tutelare i cittadini, sarebbe necessario organizzare e pianificare piani di emergenza che le persone dovrebbero apprendere anche mediante esercitazioni mirate e coordinate dalla protezione civile. La nuova bocca scoperta si trova nella zona compresa tra Adrano, Astroni e Solfatara. Questa fu frutto di uno studio dei ricercatori dell'istituto nazionale di Geofisica e vulcanologia insieme ai colleghi delle Università di Oxford. La ricerca aveva anche elaborato la stima dei tempi di ristagno dei magmi al di sotto della struttura dei Campi Flegrei, prima di essere espulsi verso l esterno. In quella circostanza furono anche tracciate le cosiddette mappe del rischio. In base a quello studio pur non parlando di pericoli imminenti si è reso necessario effettuare periodicamente monitoraggi mirati e finalizzati, soprattutto alla prevenzione. Dunque, non è solo il Vesuvio, ad essere nell occhio del ciclone! R.M. La nuova bocca si trova nella zona compresa tra Adrano, Astroni e la Solfatara Dieci milioni di api-sentinelle nella Terra dei Fuochi Milioni di piccoli insetti, instancabili e silenziosi, aiutano l uomo nella tutela ambientale e nei controlli inerenti il fenomeno della Terra dei Fuochi. Il progetto, lanciato nel dicembre 2013, si chiama C.A.R.A. Terra ed è stato ideato da CoNaProA (Consorzio Nazionale Produttori Apistici) che ha diverse unità produttive proprio in provincia di Caserta e di Napoli. All inizio del mese di luglio, il progetto è stato insignito dell Oscar Green 2014, premio promosso dalla Coldiretti Giovani. Le api, gli insetti impollinatori per eccellenza, sono infatti dei veri e propri sensori viaggianti, in grado di raccogliere circa dieci milioni di micro prelievi quotidiani su acqua, aria, terreno e vegetazione. Grazie ai campioni raccolti dalle api stesse, e reperibili nel miele e dalla cera, è possibile successivamente eseguire delle analisi in laboratorio sui livelli di cadmio, piombo e idrocarburi policiclici aromatici (IPA), ossia tutte quelle sostanze derivanti dalla combustione incompleta dei rifiuti. Con C.A.R.A Terra si cerca quindi di stabilire anche con maggiore attendibilità e precisione quali siano le aree effettivamente inquinate, così che, a priori, non tutta l economia del settore agroalimentare nella Terra dei Fuochi venga danneggiata. Il progetto, che gode del sostegno scientifico dell Università del Molise e dell Università di Napoli impegnate rispettivamente con Antonio De Cristofaro, docente di apicoltura, ed Emilio Caprio, ricercatore di entomologia generale e applicata, per seguire le complesse attività analitiche, in un campo di indagine piuttosto ampio, sembra essere destinato a durare a lungo. Al momento sono quattro le bio-centraline, installate a Caianello, Galluccio, Marzano Appio e Vairano Patenora, che accolgono le api monitorate dal progetto. Un altra dovrebbe essere installata a breve sul territorio di Piedimonte Matese. L ape è un efficientissima sentinella del territorio e l apicoltore è colui che garantisce la perfetta efficienza e la capillare dislocazione di questo delicato sistema di raccolta dati. Le api e gli insetti impollinatori sono necessari alla salvaguardia dell agricoltura e dell ecosistema in generale: per questo motivo tiene banco, negli ultimi mesi, il fenomeno della moria delle api. Nel nostro continente il fenomeno ha riguardato principalmente i Paesi dell Europa centrale e meridionale, raggiungendo punte del 53% di mortalità. Greenpeace fa sapere che fino al 35% della produzione di cibo a livello globale dipende dal servizio di impollinazione naturale offerto da tali insetti. Sotto accusa per questo evento pesticidi e fitofarmaci, in particolare i neocotinoidi, recentemente vietati dall Ue. I.B.

11 Fabiana Clemente L Italia si adegua al panorama europeo Fecondazione eterologa: si intravede uno spiraglio Gravidanze grazie alla donazione dei gameti? Una realtà che inizia a radicarsi anche nel nostro paese. Ma di cosa si tratta? In cosa consiste questa tecnica? Nello specifico, la fecondazione eterologa si verifica quando in caso di infertilità di uno dei due coniugi - il seme o l ovulo provengono da un soggetto esterno alla coppia. Un donatore insomma. Fino a poco tempo fa, le donne e gli uomini sterili desiderosi di diventare genitori, ricorrevano ad escamotage al di fuori del nostro paese una triste realtà conosciuta come turismo riproduttivo. Numerose coppie si sono recate in Paesi esteri, dove la legislazione consente terapie e cure adeguate. Spagna e Belgio i paesi prediletti. Ma lo scenario sta per cambiare radicalmente. Nei prossimi mesi, infatti, l Italia sarà pronta ad offrire una soluzione al problema di sterilità. Una soluzione a carico del Servizio sanitario nazionale. Lo scorso aprile, la sentenza della Consulta ha giudicato incostituzionale il divieto di ricorrere alla fecondazione eterologa in vigore dal La legge 40/2004 escludeva, infatti, la possibilità di ricorrere a questa tecnica di procreazione. La Corte Costituzionale in data 9/4/2014 ha dato un taglio al passato e guardando concretamente al futuro. Il ministro per la salute, Beatrice Lorenzin, ha esposto poche settimane fa alla Camera le prime linee guida per la fecondazione eterologa. In sintesi, è stato fissato un limite massimo di età 35 anni per le donatrici e 40 per i donatori; non si esclude la possibilità di una doppia donazione eterologa se entrambi i componenti della coppia non sono fertili potrebbero richiedere gameti dai donatori. Fissato il limite massimo di 10 nuovi nati per ciascun donatore, oltre ad attuare un meccanismo che renda minimo il rischio di incontro involontario tra consanguinei. La procreazione medicalmente assistita eterologa sarà inserita nei livelli essenziali di assistenza, sarà vincolata una quota del Fondo sanitario nazionale per permettere l accesso alla procreazione medicalmente assistita nei centri pubblici. Il ministro ha affrontato in parlamento anche una discussione concernente i diritti del nuovo nato e la questione circa la tracciabilità del donatore. E istituito infatti presso Iss-Cnt un registro nazionale dei donatori cui le strutture autorizzate dovranno fare riferimento non solo per la tracciabilità completa donatore-nato - per un monitoraggio e un calcolo esatto delle donazioni. Ulteriore tema caldo, su cui Lorenzin ha inviato nel dibattito in Parlamento, riguarda la modalità di concepimento. Si Domenico Matania La proposta è shock ed arriva da Londra: alcuni medici britannici hanno chiesto di vietare la vendita del fumo a tutti coloro che sono nati dopo il Già nello scorso febbraio oltre 700 medici ed esperti britannici avevano scritto una lettera al Parlamento chiedendo di approvare una legge che vietasse il fumo in auto per proteggere i bambini, attraverso una nota, pubblicata dal British Medical Journal. Ora la proposta è ancora più rivoluzionaria ed avrebbe lo scopo di creare per la prima volta generazioni di non fumatori. I dati riguardo al fumo sono di sicuro allarmanti: parte dal completamento del recepimento della direttiva europea 17/ ha spiegato Lorenzin. Altro aspetto da non sottovalutare: la donazione è gratuita. I donatori, infatti, non potranno percepire alcun pagamento. Una serie di punti legislativi che concretizzano il desiderio di genitorialità di tanti. Giovani e meno giovani che non hanno sufficienti risorse economiche per poter fare un tentativo all estero. Finalmente, dopo anni di repressione, anche l Italia si adeguerà a breve al panorama europeo - da decenni capace di offrire un ampio ventaglio di modalità per la fecondazione medicalmente assistita. ogni anno muoiono circa cinque milioni e mezzo di persone a causa dell utilizzo del tabacco. Un paradosso se si pensa alla malaria che ogni anno fa meno di un milione di morti. Di sicuro la proposta è talmente rivoluzionaria da non avere vita facile per essere attuata. Dall Italia si è espresso l Osservatorio su fumo alcol e droga dell Istituto Con la moka minor impatto ambientale Il caffè ecologico Brunella Mercadante Il caffè è una delle bevande più diffuse al mondo. Si ottiene dalla tostatura e macinazione dei semi di alcuni alberelli tropicali appartenenti alla famiglia delle rubiacee, di cui ne esistono più di 600 generi e specie. Del genere Coffea ne sono state identificate e descritte quasi 100 specie, ma commercialmente le più diffuse sono l'arabica, la robusta, la liberica e derivante da quest'ultima l'excelsa. Le diverse varietà differiscono per gusto e per contenuto di caffeina- più aromatica l'arabica, più forte la robusta- ma anche per le modalità con cui il caffè viene preparato. Tantissimi sono i modi di preparazione, ogni paese ha la sua tradizione, da noi, ad esempio, c'è il caffè della napoletana, della moka, il caffè americano e poi l'espresso - il ristretto caffè del bar- ma ora preparato anche a casa con le apposite macchinette, solo più piccole di quelle del bar, ma altrettanto efficienti. Ma qual'è dal punto di vista ambientale il caffè più ecologico? La palma del rispetto dell'ambiente va senz'altro al caffè preparato con la macchinetta napoletana o con la moka, in entrambi i casi la macchinetta è fatta di alluminio riciclabile, il caffè è acquistato in una unica confezione e non subisce altre manipolazioni, non si consuma energia elettrica, e un ulteriore risparmio ecologico lo si può fare dosando bene la quantità di polvere, non sprecando così caffè. La macchinetta con le cialde ha un maggiore impatto ambientale per il consumo energetico e c'è anche la carta che contiene la cialde. Per la macchinetta con le capsule, oltre all'impatto della macchinetta stessa, c'è la plastica e l'alluminio delle capsule. Ci sono poi i modelli automatici, in questi casi il caffè viene macinato dai grani con il conseguente maggior consumo di energia, poi c'è il materiale dell'apparecchio da smaltire. Infine le macchinette con il filtro, anche queste consumano tanta energia, per tenere tra l'altro il caffè sempre al caldo, e inoltre c'è da considerare l'impatto dei filtri. MEDICI BRITANNICI: STOP AL FUMO PER I NATI DOPO IL 2000 superiore di sanità. Innanzitutto si creerebbe un problema di discriminazione tra adulti e non, tra chi potrebbe e chi non potrebbe acquistare sigarette. Inoltre la componente psicologica della merce proibita renderebbe il prodotto sigaretta ancora più allettante agli occhi dei teen ager, andando poi ad alimentare mercati neri già difficili da abbattere. In Italia nel 1950 era presente una componente del 35 % di fumatori, oggi ne sono il 22 %, ma il calo nell ultimo decennio è diminuito. Il dato più allarmante è che un terzo dei minorenni fuma e che il 57 % dei fumatori attuali ha cominciato prima dei 17 anni. E allora quale soluzione? Negli Stati Uniti ed in Australia sono state applicate misure antifumo molto decise: a parte campagne pubblicitarie mirate a presentare il fumo come prodotto poco cool, in maniera molto più efficace sono stati aumentati i prezzi delle sigarette e del tabacco sfuso (il più utilizzato dai giovani). Ma se lo Stato guadagna sulla vendita del tabacco

12 Il Real Orto Botanico di Napoli Eccellenza napoletana Gennaro De Crescenzo Salvatore Lanza L'Orto botanico di Napoli è tra i più antichi d Italia e senz altro il più importante per il numero e le qualità delle collezioni presenti. Il Real Orto botanico fu fondato nel 1807 (anche se alcuni anni prima a Monteoliveto già esisteva un orto botanico universitario) in un area ai piedi della meravigliosa collina di Capodimonte nei pressi del Real Albergo dei Poveri, un opera monumentale anch essa conosciuta ed apprezzata in tutto il mondo. Oggi l Orto botanico è una struttura universitaria, che appartiene alle facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali e si estende per circa 12 ettari, sui quali sono raccolte almeno specie vegetali per un totale di quasi esemplari provenienti da ogni parte del mondo. Gli architetti De Fazio e Paoletti curarono la realizzazione della nascente struttura mentre l arch. Tenore si occupò dell'organizzazione scientifica e ne fu direttore dagli inizi della fondazione fino al Il primo articolo del decreto istitutivo individuava nell'istruzione del pubblico e nella moltiplicazione delle piante utili alla salute, all'agricoltura e all'industria, gli scopi principali dell orto. Si intuisce, quindi, la modernità degli intenti e la molteplicità delle funzioni previste per la struttura. Tutto ciò scaturiva principalmente dalla concezione moderna delle scienze botaniche posseduta dal Tenore il quale, precorrendo i tempi, non considerava la botanica come una semplice branca della medicina ma la riteneva una disciplina autonoma. Oggi, oltre alla raccolta, alla coltivazione e alla presentazione a fini museologici di collezioni vegetali, sono principalmente svolte attività didattiche, di ricerca e di conservazione soprattutto di specie vegetali in pericolo di estinzione. L Orto botanico è una notevole risorsa ambientale in pieno centro di Napoli: basta pensare che ad appena 400 metri di distanza, c è una delle strade più trafficate ed inquinate d Italia, via Pessina, angolo Museo Nazionale. Considerato il periodo di fondazione(inizi del XIX secolo) siamo in piena epoca Neoclassica e l elemento architettonico fondamentale è caratterizzato dalla semplicità nel pieno rispetto di spazi ed equilibri della tradizione classica come del resto è testimoniato dalle grandi opere borboniche contemporanee. Le diverse aree dell Orto botanico presentano aspetti differenti legati alla diversa modalità di utilizzo, a seconda che siano dedicate prevalentemente alla cura oppure all esposizione delle collezioni vegetali. Tali differenze vengono rese più complesse dalla presenza di esemplari storici di particolare rilevanza, dalle trasformazioni operate nel tempo relativamente alle destinazioni d uso delle aree verdi e delle pertinenze architettoniche. La Serra Monumentale o Serra Merola, costruita pochi anni dopo l inaugurazione dell Orto botanico in stile neoclassico, serve da ricovero in inverno per le piante provenienti da zone tropicali o subtropicali. Solo in epoche recenti questa struttura è stata dotata di un impianto di riscaldamento. In prossimità della Serra Merola si trova un imponente gruppo di lecci. Si tratta delle piante più vecchie presenti in Orto, dell età di almeno 200 anni e quindi precedenti la fondazione di questa istituzione. Vi è poi il moderno complesso delle Serre Califano, che copre una superficie di circa 5000 mq e si compone di vari ambienti che accolgono collezioni di Cycadales, Bromeliaceae, succulente tropicali, felci, piante insettivore e talune specie di piante tipiche delle mangrovie. Tra le collezioni presenti nell Orto botanico quella delle Cycadales è senz altro la più prestigiosa. Essa annovera circa 1000 esemplari appartenenti a 90 specie. Di particolare interesse l Encephalartos woodii, pianta originaria del Sud Africa, estinta in natura e conservata solo in pochissime collezioni botaniche. L agrumeto, raccoglie una collezione di agrumi che comprende piante introdotte nell Orto botanico durante il periodo borbonico. Si tratta in genere di varietà di arancio amaro (Citrus aurantium) con strane caratteristiche morfologiche che rendono queste piante atipiche: esempio la foglia crespa nel melangolo riccio, la buccia percorsa da canali nello scompiglio di Venere, oppure la varietà con la buccia a strisce alternate di colore giallo e arancione nota con il nome di braghe tedesche. Nel cortile cresce un notevole esemplare di Gardenia thunbergia, ai due lati del portone d ingresso sono presenti due grandi esemplari di Eugenia myrtifolia. In un area antistante, è infine coltivato un enorme esemplare di Camellia japonica, forse uno dei primi introdotti in Europa. Di recente allestimento o ristrutturazione sono invece le aree dedicate alla coltivazione delle piante epifite, delle idrofite, delle palme, delle gimnosperme, delle piante di clima mediterraneo. Vi è inoltre una Sezione Sperimentale delle Piante Officinali nata nel 1928 e diventata negli anni settanta parte integrante dell Orto botanico: essa ha scopi didattici e di acclimatazione di piante esotiche che possano avere interesse da un punto di vista farmacologico e industriale. Quest area è suddivisa in tre sezioni: i campi sperimentali, il frutteto e la zona espositiva che è l unica a cui può accedere il pubblico. Nell area espositiva si possono osservare numerose specie usate per l alimentazione umana, piante tintorie, piante utilizzate per la produzione di essenze e fibre. Nei campi sperimentali sono coltivate numerose specie di interesse medicinale. Nel frutteto sono coltivate alcune varietà rilevanti in passato dal punto di vista agricolo ed ora praticamente scomparse dall attività produttiva. All interno della struttura troviamo, infine, il Museo di Paleobotanica ed Etnobotanica. La sezione dedicata alla Paleobotanica occupa l ingresso e le prime due sale descrivono nel complesso l evoluzione delle piante terrestri dal Siluriano (435 milioni di anni fa) fino ai nostri giorni.

13 Il castello di Campolattaro Attualmente la fortezza, interamente visitabile, è stata adibita a bed and breakfast Linda Iacuzio Le prime notizie storiche riguardanti il castello di Campolattaro - cittadina appartenente all odierna provincia di Benevento - risalgono al X secolo, allorché cominciò a formarsi il centro abitato del paese. Nel periodo normanno l unica fortificazione esistente consisteva in una torre a base quadrata alta una ventina di metri. Peraltro, nel 1138 il borgo venne dato alle fiamme per ordine di re Ruggero, il quale intese punire la popolazione che gli si era ribellata. Nel XIII secolo si diede inizio alla costruzione del vero e proprio castello. La torre originaria fu quindi inserita in una struttura delimitata da mura perimetrali rinforzate da barbacani, comprendente altre tre torri: la prima di avvistamento; la seconda, cilindrica, con funzione di difesa; la terza, una torre campanaria, dotata di bertesche, ossia opere difensive in muratura o legname, sporgenti rispetto alle mura o poste fra le merlature allo scopo di permettere al difensore di restare coperto durante le battaglie pur continuando a offendere. L interno, diviso in circa sei appartamenti, racchiude quaranta stanze. Si entra nel castello varcando il fossato e l ingresso con arco in pietra. Si giunge, così, nella corte interna; qui, nel XVI secolo, fu edificata la Cappella palatina. Nel 1589 il castello venne infeudato alla famiglia di Capua. Domenico Marra di Capua, nel 1659, vendette il marchesato di Campolattaro per 8000 ducati a Michele Blanch; i discendenti di costui rimasero proprietari del castello sino al 1813, anno in cui Giovanni de Agostini comprò la rocca da Gennaro Blanch. Pare che il castello di Campolattaro abbia ospitato anche membri dell Ordine dei Templari, come sembra suggerire l esistenza di graffiti raffiguranti le croci tipiche dell Ordine e il simbolo della Triplice Cinta (o del Triplice Quadrato), che consiste in tre quadrati concentrici tagliati sui lati da quattro segmenti. Tali incisioni, non rare nelle chiese medievali sino al XIII-XIV secolo, generalmente contrassegnavano luoghi aventi un particolare significato sacrale per questi cavalieri; ciò spiega la loro presenza in molti degli edifici deputati all ospitalità dei Templari lungo il tragitto dei loro viaggi in Terrasanta. Attualmente la fortezza, interamente visitabile, è di proprietà delle famiglie de Agostini e Ciannella. È stata adibita a bed and breakfast e a location per ricevimenti, concerti e sfilate. La cinquecentesca Cappella palatina è consacrata; vi si celebrano, infatti, matrimoni e battesimi. Fonte:www.fondoambiente.it/ upload/ oggetti/castello_campolattaro.pdf Vi soggiornò nel 1819 al seguito dell Imperatore Francesco d Austria IL PRINCIPE DI METTERNICH A NAPOLI Lorenzo Terzi Klemens Wenzel Lothar, conte, poi principe di Metternich-Winneburg, abilissimo diplomatico al servizio degli Asburgo d Austria, fu il principale tessitore delle trattative fra le nazioni riunitesi nel Congresso di Vienna ( ), durante il quale egli agì per modellare la carta politica d Europa, dopo l età rivoluzionaria e napoleonica, secondo il principio dell equilibrio delle potenze artefici della disfatta di Napoleone, ovvero Austria, Inghilterra, Prussia e Russia. Esse costituirono la Quadruplice Alleanza, cui aderì, nel 1817, anche la Francia. Con le conferenze di Karlsbad e di Vienna (1819) Metternich riuscì ad affermare l egemonia austriaca nella Confederazione germanica. I moti napoletani del 1820 gli permisero di raggiungere il medesimo risultato in Italia: nei congressi di Troppau (1820) e di Lubiana (1821) egli, infatti, promosse il principio dell intervento, allo scopo di scongiurare tentativi di sovversione. Questi avvenimenti segnarono l apogeo della carriera del diplomatico asburgico; tuttavia, ben presto le divergenze fra i paesi della Quintuplice Alleanza decretarono la fine del sistema geopolitico da lui ideato. Il soggiorno di Metternich a Napoli nel 1819, al seguito dell imperatore d Austria Francesco, si inserisce nella trama dei rapporti che fondavano quel sistema. Le vicende del viaggio sono state ricostruite da Nino Cortese, nel 1920, in «Napoli Nobilissima». Il principe giunse nella capitale del Regno delle Due Sicilie il 25 aprile del 1819 precedendo l imperatore, il quale arrivò a Mola di Gaeta due giorni dopo, accolto da Ferdinando I di Borbone. Sino al 31 maggio Francesco riservò le sue giornate alle cerimonie e alla visita dei più importanti monumenti e istituti d arte, cultura e beneficenza di Napoli e dintorni. Nelle lettere scritte da Metternich in questa occasione, traspare una totale mancanza di comprensione nei confronti del popolo napoletano minuto. In compenso, l aspetto della capitale e delle sue vicinanze suscita il suo più incondizionato entusiasmo. In una lettera alla madre egli scrive: Noi abbiamo gusti abbastanza somiglianti perché io sia convinto che voi sareste la creatura più felice del mondo in questo paese. Tutto ciò che la natura ha fatto di più bello, di più maestoso e di più incantevole è versato qui da essa a torrenti su tutto ciò che si vede, si sente e si tocca. Amate le montagne, ebbene è la Svizzera; amate un cielo dolce e sereno, e potete disporne con una costanza sconosciuta da noi.

14 L architettura del paesaggio secondo Franco Zagari Il paesaggio è il progetto, ed essendo un organismo vivente, o evolve, o muore Antonio Palumbo ARPA CAMPANIA AMBIENTE del 31 agosto Anno X, N.16 Edizione chiusa dalla redazione il 29 agosto 2014 DIRETTORE EDITORIALE Pietro Vasaturo DIRETTORE RESPONSABILE Pietro Funaro CAPOREDATTORI Salvatore Lanza, Fabiana Liguori, Giulia Martelli IN REDAZIONE Cristina Abbrunzo, Anna Gaudioso, Luigi Mosca, Andrea Tafuro GRAFICA E IMPAGINAZIONE Savino Cuomo HANNO COLLABORATO I. Buonfanti, F. Clemente, P. D Auria, G. De Crescenzo, A. Esposito, E. Ferrara, R. Funaro, L. Iacuzio, G. Loffredo, R. Maisto, D. Matania, B. Mercadante, A. Morlando, A. Palumbo, A. Paparo, F. Schiattarella, L. Terzi SEGRETARIA AMMINISTRATIVA Carla Gavini DIRETTORE AMMINISTRATIVO Pietro Vasaturo EDITORE Arpa Campania Via Vicinale Santa Maria del Pianto Centro Polifunzionale Torre Napoli REDAZIONE Via Vicinale Santa Maria del Pianto Centro Polifunzionale Torre Napoli Phone: /427/451 Fax: Iscrizione al Registro Stampa del Tribunale di Napoli n.07 del 2 febbraio 2005 distribuzione gratuita. L editore garantisce la massima riservatezza dei dati forniti e la possibilità di richiederne la rettifica o la cancellazione scrivendo a: ArpaCampania Ambiente,Via Vicinale Santa Maria del Pianto, Centro Polifunzionale, Torre Napoli. Informativa Legge 675/96 tutela dei dati personali. Figura centrale nella cultura del progetto ecosostenibile di paesaggio, in Italia come all'estero, Franco Zagari affianca l'attività progettuale alla didattica e alla ricerca teorica. I suoi temi privilegiati sono lo spazio pubblico urbano e il giardino e le sue opere ed i suoi scritti testimoniano un approccio al progetto paesaggistico basato sull'ibridazione tra elementi fisici ed immateriali e caratteristiche specifiche dei luoghi di intervento. Riqualificare il paesaggio urbano: un lavoro che, a differenza di quello strettamente architettonico, è frutto di una sensibilità diversa, estremamente attenta al senso dello scorrere del tempo, del modificarsi della materia col passare delle stagioni e degli anni. È questa la mission principale di Franco Zagari. Un lavoro che si inscrive in una realtà come quella italiana, che vanta un patrimonio architettonico, stratificatosi in oltre due millenni, in cui anche le aree più isolate hanno subito gli influssi e le trasformazioni dell'insediamento umano e in cui la progettazione del paesaggio ha come aspetto centrale la costruibilità in funzione e al servizio dei comportamenti dell'uomo. Le opere e gli scritti di Zagari testimoniano un approccio al progetto basato sull'integrazione tra elementi fisici e percettivi, sulla narratività, sulla interpretazione e anticipazione di comportamenti, sull'interattività. «Siamo oggi di fronte ad un grande cambiamento, che ha prodotto un quadro disastroso dal punto di vista urbanistico ed ambientale - afferma Zagari - per cui viviamo una crisi di qualità anche del paesaggio. Se l opinione pubblica percepisce, però, in modo molto concreto il degrado ambientale, non altrettanto si può dire di quello del paesaggio che ci circonda. Eppure il paesaggio è pur sempre un organismo vivente, che si muove, muta e muore. A fronte di una crescita demografica che non è sostenibile da alcuna misura di salvaguardia, nel pianeta si è verificata una spinta di urbanesimo senza precedenti. Una comunità, nella misura della sua consapevolezza del paesaggio che vive o visita o che anche solo conosce, agisce con delle azioni progettuali conseguenti, di tutela, gestione o innovazione. In questo senso possiamo dire che il paesaggio è il progetto, e che, essendo un organismo vivente, o evolve o muore. Quanto al mio approccio, secondo me, in primo luogo il progetto deve dimostrare di essere capace di collaborare con altri saperi, di saper comunicare e di saper evocare, ascoltare e valorizzare il contributo di chiunque si senta legato a quel paesaggio, abitante, visitatore o cultore. In secondo luogo, come vi è uno scambio di continua interrelazione fra i momenti di analisi e di interpretazione dei contesti, lo stesso scambio di informazioni e di progressivi aggiustamenti del tiro dovrebbe esserci fra sperimentazione progettuale e pianificazione. È evidente che, per sostenere questo processo così complesso, è necessario, anche e soprattutto, un cambiamento di mentalità e di prospettiva». Fra le opere più rappresentative di Zagari ricordiamo: il Giardino Italiano all Expo di Osaka del 1990; Villa Leopardi a Roma e Piazza Matteotti a Catanzaro (1992); Piazza Amedeo di Savoia a Cisterna di Latina (1997); il Centro di accoglienza delle Grotte preistoriche di Niaux in Francia del 1994; Piazza Montecitorio a Roma (1998) e, sempre nella capitale, l'auditorium Parco della Musica (in qualità di consulente di Renzo Piano) del 2002; il sistema delle piazze centrali di Saint-Denis a Parigi ( ).

15 Arriva il cartone della pizza 100% riciclabile Un invenzione green tutta made in Italy Cristina Abbrunzo La strategia dei rifiuti zero è fondamentale per migliorare la salute dell'ambiente e della nostra vita. Purtroppo in alcuni settori sottovalutati, c è ancora tanta strada da fare. Un esempio su tutti: lo smaltimento dei cartoni di pizza d asporto. Inconsapevoli o no è molto alta la percentuale di consumatori di pizza che gettano i cartoni usati e unti o con residui di cibo nei contenitori per la carta e il cartone da riciclare. Ma delle scatole portapizza solo le parti pulite si possono riciclare e le persone che ne sono a conoscenza sono ancora poche. La cosa potrebbe sembrare una faccenda di poco conto ed invece si tratta di un problema dalle dimensioni preoccupanti: solo in Italia si consumano oltre 547 milioni di pizze all anno mentre negli Stati Uniti la cifra sale a quasi 3 miliardi. Se impilassimo tutte le scatole portapizza utilizzate nel mondo arriveremmo sulla Luna. Il corretto differenziamento delle tradizionali scatole portapizza prevede la separazione delle parti pulite da gettare nella carta, dalle parti sporche da gettare nell umido e teoricamente non avremmo alcun spreco poiché il pulito si ricicla e lo sporco crea fertilizzante: nella pratica le cose vanno molto diversamente. Non tutti i consumatori di pizza a casa sono a conoscenza di queste regole: il che vuol dire che anche pensando di fare l azione giusta gettano il cartone non pulito nella carta. Di contro c è chi sapendo che non si gettano i cartoni della Fast food sempre più verdi Dai colossi degli hamburger nuove idee contro gli sprechi Novità dal mondo degli hamburger: da McDonald s, l olio delle fritture diventa carburante. Succede negli Emirati Arabi dove il colosso del fast food ha annunciato di aver intrapreso un programma che prevede il riciclo dell olio esausto e il suo riutilizzo, dopo un adeguato trattamento, come carburante per i suoi veicoli. Il biodiesel ricavato dall olio delle patatine permetterà di ridurre dell 80 per cento le emissioni nocive dei camioncini destinati al trasporto delle merci. Il progetto era già stato sperimentato in maniera analoga da McDonald s a Londra, in occasione dei Giochi Olimpici. In quel caso, la trasformazione degli olii esausti in biocarburante aveva garantito un risparmio di 6mila tonnellate di carburante all anno evitando così l inquinamento prodotto da vetture. E non è tutto. Rimaniamo in tema hamburger ma questa volta ci spostiamo però in Brasile dove Bob s, una delle più famose catene di fast food, ha lanciato il primo hamburger che si mangia senza togliere la carta che lo avvolge. I panini, venduti per un periodo limitato, erano avvolti da pizza unti nella carta, li butta nell indifferenziato non sognandosi nemmeno che il posto giusto sarebbe l umido. Tutto questo porta ad un altissima percentuale di spreco. Ma c è di più: considerando che i cartoni della pizza unti e con residui di cibo gettati nei contenitori della carta contaminano la partita buona in essi contenuta, ecco che lo spreco di qualcosa che oltretutto si potrebbe riciclare assume proporzioni veramente notevoli. Fare in modo che il contenitore che custodisce uno dei piatti simbolo del made in Italy nel mondo diventi riciclabile al 100% da oggi è possibile: da Saronno infatti arriva il prototipo di Vinni pizza, il cartone non sprecone frutto della geniale intuizione di un imprenditore di Saronno, Armando un sottile film di carta di riso commestibile su cui accanto al logo del marchio era riportata la dicitura mi potete mangiare. Sorprendenti i risultati dell iniziativa: nel corso del periodo di prova, gli hamburger con tutto il loro involucro sono stati divorati senza lasciare nemmeno una confezione sui vassoi dei ristoranti. Il tutto con un notevole risparmio sul piano dello smaltimento dei rifiuti. Non è la prima volta che i gestori dei fast food si trovano a lavorare con il problema del packaging che, come dimostrano numerosi studi, è il responsabile dei maggiori problemi di inquinamento. Tra le varie soluzione studiate dagli esperti per porre rimedio alla situazione vi è quella proposta da Wikicell. Si tratta di uno speciale packaging alimentare commestibile che riprende il sapore e i colori dell alimento che contiene per dare continuità di gusto con il prodotto alimentare stesso. Al momento si tratta di un progetto ancora in fase sperimentale ma potrebbe aiutare a ridurre l utilizzo delle confezioni realizzate con le materie plastiche, difficili da smaltire e riciclare. C.A. Rizzo. Mentre si occupava di cartoncini promozionali che servissero da supporto per mangiare la pizza, ha realizzato che quei cartoncini potevano diventare sottopiatti per preservare il cartone dall unto ed essere la soluzione al problema degli imballaggi per le pizzerie d asporto e allo spreco di carta ad esso collegato. Il portapizza Vinni si presenta come un normale cartone per l asporto, con un accessorio segreto; un controvassoio in plastica con i lati rialzati che protegge le pareti cartacee da macchie di olio o altri alimenti, rendendo così l involucro pronto per il riciclo. In questo modo, una volta terminata la pizza, è sufficiente togliere Vinni dal cartone, sciacquarlo sotto l acqua e buttarlo nella plastica mentre la scatola, perfettamente integra e pulita, potrà essere gettata tranquillamente nella carta. Il sottopiatto è realizzato in PET, materiale atossico che con la sua particolare struttura, fa traspirare l alimento mantenendone la fragranza. Può inoltre essere utilizzarlo come piatto, dato che si può facilmente estrarre dal cartone e che è dotato di linee di taglio per porzionare la pizza. Vinni è la dimostrazione che il made in Italy ha ancora tanto da dire sotto tutti i punti di vista: per ora è solo un prototipo, ma aspettiamo di vederlo messo in produzione a breve.

16 LAVORO E PREVIDENZA La Corte di Giustizia dell Unione Europea Eleonora Ferrara Ai sensi dell art. 19 TUE, la Corte di Giustizia dell Unione Europea comprende al suo interno la Corte di Giustizia, il Tribunale e i tribunali specializzati. Compito della Corte di giustizia è quello di interpretare il diritto dell' Unione Europea affinché esso trovi identica applicazione in tutti i Paesi rientranti in tale contesto. Essa giudica, inoltre, in merito alle controversie tra i governi degli Stati membri e le istituzioni dell'ue. Tutti possono rivolgersi alla Corte di Giustizia, privati cittadini, imprese, nonché organizzazioni, nel caso in cui si ritenga che sussista una lesione di diritti da parte di un'istituzione dell'ue. Con l'entrata in vigore del Trattato di Lisbona, avvenuta in data 1 dicembre 2009, l'unione europea si è dotata di personalità giuridica e ha rilevato le competenze precedentemente conferite alla Comunità europea. Il diritto dell'unione non è altro, quindi che il diritto Comunitario. Esso ricomprende, inoltre, tutte le disposizioni adottate in passato in forza del Trattato sull'unione europea nella versione precedente al Trattato di Lisbona. Convenzionalmente, si usa il termine di diritto comunitario, allorquando si vuole fare riferimento alla giurisprudenza della Corte di giustizia, antecedente all'entrata in vigore del Trattato di Lisbona. E opportuno precisare anche la struttura di questa Corte, che è costituita da un giudice per ogni Stato membro che la compone e si avvale di nove avvocati generali che hanno il compito di presentare pareri motivati sulle cause sottoposte al suo giudizio. I giudici e gli avvocati generali rimangono in carica per un periodo rinnovabile di sei anni e sono designati, di comune accordo, dai governi degli Stati membri. Il Tribunale, che affianca la Corte di giustizia nella disamina delle molteplici cause, proposte da privati cittadini, imprese e alcune organizzazioni, nonché su casi in materia di concorrenza, è stato istituito al fine di offrire ai cittadini una maggiore tutela giuridica. In merito alle controversie tra l'ue ed i propri dipendenti, si pronuncia, invece, il Tribunale della funzione pubblica. Cinque sono le categorie più comuni di cause sulle quali si pronuncia la Corte. Più precisamente: 1. il rinvio pregiudiziale, ovvero quando i tribunali nazionali chiedono alla Corte di giustizia di interpretare un determinato punto del diritto dell'ue; 2. il ricorso per inadempimento, presentato allorchè uno Stato membro non applichi il diritto dell'ue; 3. il ricorso di annullamento, presentato qualora si ritenga che il diritto dell'ue violi i trattati o i diritti fondamentali dell'ue; 4. il ricorso per carenza, presentato se un'istituzione dell'ue si astenga dall'obbligo di prendere decisioni; 5. ricorsi diretti, presentati da privati cittadini, imprese od organizzazioni contro le decisioni o le azioni dell'ue. I giudici della Corte di giustizia designano tra loro il presidente e il vicepresidente, il cui rispettivo incarico dura tre anni ed è rinnovabile. Il presidente dirige le attività della Corte di giustizia e presiede le udienze e le deliberazioni per quanto riguarda i collegi giudicanti più ampi. Il vicepresidente assiste il presidente nell'esercizio delle sue funzioni e lo sostituisce in caso di impedimento. Il cancelliere è il segretario generale dell'istituzione, di cui dirige i servizi sotto l'autorità del presidente della Corte. Viaggio nelle leggi ambientali AMBIENTE Testo del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 144 del 24 giugno 2014), coordinato con la legge di conversione 11 agosto 2014, n. 116M recante: Disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica e universitaria, il rilancio e lo sviluppo delle imprese, il contenimento dei costi gravanti sulle tariffe elettriche, nonché per la definizione immediata di adempimenti derivanti dalla normativa europea. In particolare si segnalano: l'art. 1 recante "Disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica e universitaria, il rilancio e lo sviluppo delle imprese, il contenimento dei costi gravanti sulle tariffe elettriche, nonché per la definizione immediata di adempimenti derivanti dalla normativa europea". L'art. 1 bis che contiene "Disposizioni urgenti in materia di semplificazioni" relative al settore agricolo. L'art. 15 che prevede "Disposizioni finalizzate al corretto recepimento della direttiva 2011/92/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, in materia di valutazione di impatto ambientale. Procedure di infrazione n. 2009/2086 e n. 2013/2170". INQUINAMENTO Lo scopo delle disposizioni dell articolo 242 e segg. del D.lg. 3 aprile 2006, n. 152 non è in via prioritaria quello di individuare esattamente il grado di responsabilità di ciascun soggetto nella causazione dell inquinamento al fine di garantire che gli obblighi di ciascuno siano esattamente proporzionali al rispettivo grado di responsabilità; scopo delle norme è invece quello di garantire che la bonifica, a tutela della pubblica incolumità, sia posta in essere celermente e non vada a gravare sulla finanza pubblica ma, se possibile, sul soggetto o sui soggetti che l inquinamento hanno provocato. In questa prospettiva se risulta che la situazione di inquinamento può non essere stata determinata da un unico soggetto, il compito dell amministrazione è in via prioritaria quello di individuare con ragionevole certezza scientifica quali siano i soggetti responsabili ponendo a loro carico gli oneri di bonifica; una esatta individuazione del rispettivo grado di responsabilità, beninteso allorché sia scientificamente possibile, appare indispensabile solo quando ciò sia strumentale al fine di individuare i necessari strumenti di intervento. In altri termini l esatta individuazione dell apporto causale di ciascuno è necessario solo quando questa indagine condizioni l individuazione delle misure di ripristino ambientale. Tar Lazio, sez. I, 23 maggio 2014, n A.T.

17 VUOI TU DARE UN FUTURO AI BIMBI? SÌ, LO VOGLIO Francesco che trascina il carretto, Simona che gioca con le conchiglie... Andrea Tafuro Nella notte tra il 22 e il 23 agosto del 1791 nell isola di Haiti, gli africani deportati insorsero contro i negrieri e organizzarono la prima rivolta storica occidentale per l abolizione dello stato di schiavitù. La rivolta, guidata da Toussaint Louvertoure, primo generale maggiore di colore, venne soffocata, com è ovvio, nel sangue e nel massacro da parte dei negrieri di migliaia di persone innocenti. Il 23 agosto 2004 per ricordare questo evento venne istituita, dall Unesco, la celebrazione della Giornata internazionale della commemorazione del commercio degli schiavi e della sua abolizione, per non gettare La tolleranza è una conseguenza necessaria della nostra condizione umana. Siamo tutti figli della fragilità: fallibili e inclini all errore. Non resta dunque che perdonarci vicendevolmente le nostre follie. Èquesta la prima legge naturale: il principio a fondamento di tutti i diritti umani. Voltaire nell oblio, tipico dell Occidente, questa tragedia dell umanità, ma anche per aprire gli occhi sulle moderne forme di schiavitù ed agire insieme per debellarle. La celebrazione della Giornata rappresenta un opportunità per esaminare gli effetti della tratta di schiavi, poiché la storia del traffico di esseri umani parla anche di quasi quattro secoli di collegamenti e scambi tra popoli e culture, ognuno di noi deve conoscere ed imparare da questo passato, come un passo necessario per la costruzione di un nuovo terreno comune. Essa, oltre a distruggere la vita di milioni di esseri umani strappati dalle loro terre e costretti a vivere in condizioni disumane, ha anche generato scambi culturali che hanno profondamente e durevolmente influenzato le morali e le credenze, le relazioni sociali e la conoscenza in diversi continenti. Ci dobbiamo far carico della conoscenza per contribuire alla decostruzione dei pregiudizi razziali e alla lotta contro le ideologie di odio e fanatismo, per promuovere un dialogo basato sui valori della tolleranza, uguaglianza e condivisione. La tolleranza va infatti oltre la coesistenza pacifica fra diverse culture, è un atteggiamento concreto e positivo, ispirato dal riconoscimento e dal rispetto per i diritti e le libertà altrui, ciò significa che l interessamento per gli altri deve prevalere sull indifferenza e sul disprezzo, e che uno sforzo per conoscere l altro deve prendere il posto dell ignoranza, del cieco pregiudizio e della discriminazione. Questi, tuttavia, non sono fenomeni legati al secolo scorso, secondo i più recenti dati disponibili, sono 5,5 milioni i minori vittime di lavoro forzato o tratta con fini di sfruttamento sessuale e lavorativo nel mondo, su un totale di 20,9 milioni di persone coinvolte, guardando al solo ambito del lavoro. Secondo la ricerca Game Over pubblicata nel 2014 da Save the Children si segnalano ben minori tra i 14 e i 15 anni, sia italiani che stranieri, coinvolti in attività definibili a rischio di sfruttamento. Al di là dei numeri, le violazioni dei diritti e le violenze di ogni tipo subite da bambini e adolescenti vittime o a rischio di tratta e sfruttamento anche in Italia sono gravi e impressionanti. Come nel caso delle molte ragazze tra i 16 e i 17 anni originarie dei paesi dell'est, trasferite o attirate in Italia per essere sfruttate sessualmente o coinvolte in attività illegali, piuttosto che rese vittime di matrimoni precoci nei quali devono ripagare ai suoceri il prezzo sostenuto per il loro acquisto dalla famiglia di origine, ciò avviene molto spesso nelle comunità rom. Per le minori nigeriane, che partono dal loro paese con la promessa di un lavoro che non si avvererà mai, lo sfruttamento sessuale inizia invece già nei paesi di transito, per trasformarsi in una prigione dalla quale è difficilissimo uscire una volta giunte in Italia e inserite sotto ricatto nel circuito della prostituzione. Il rischio di sfruttamento è poi particolarmente elevato per gran parte dei minori stranieri non accompagnati arrivati nel nostro Paese via mare, già segnati da ferite profonde per le violenze subite in viaggi spesso lunghi e terribili. Anche a causa della mancanza di un sistema di protezione nazionale e conseguentemente di un'accoglienza dignitosa e rispettosa di standard minimi di qualità, alcune migliaia di minori sono fuggiti dai centri di prima accoglienza improvvisati per gestire il costante arrivo di migranti attraverso il Mediterraneo, con la conseguente esposizione a gravi rischi di sfruttamento sul nostro territorio. Alcuni, come i minori eritrei o afghani, si rendono invisibili per poter proseguire il loro viaggio verso il Nord Europa, altri, come i minori egiziani, raggiungono in maggioranza le grandi città come Roma e Milano dove accettano facilmente condizioni di lavoro estreme e sfruttamento per poter ripagare rapidamente i pesanti debiti di viaggio, e per questo fanno spesso uso di farmaci oppiacei antidolorifici per far fronte alla fatica insostenibile e al disagio, con ulteriori gravi conseguenze per la loro salute. Tutti questi dotti esempi sono lontani da noi, abbiamo goduto delle vacanze, abbiamo visto gente bellissima, perché ora ammorbarci con tutte queste storie? E allora ripenso all estate di quand ero ragazzo, erano tre abbondanti mesi di sole infuocato senza che nessuna nuvola minacciosa corresse in cielo. Poi, con la fine d agosto e un clima più fresco tornava la scuola, il tempo era ben cadenzato e tutto appariva pacifico, non avevo responsabilità se non quella di pensare al mio futuro. Ecco il punto, alla fine di questa estate 2014, voglio riflettere sullo spirito dei tempi che viviamo. Io come tutti i miei amici e le mie amiche, compagni di giochi estivi, vivevamo spensierati e felici e ogni tanto ci balenava in mente e nei nostri discorsi che fra qualche tempo toccava a noi giocare la partita della vita. I più sicuri erano i nostri genitori che erano guidati dalla speranza che noi figli saremmo stati meglio. Penso che questa sia l idea di progresso, cioè credere fermamente che i sacrifici che si fanno oggi servono a rendere migliore il futuro di chi verrà dopo di noi. Alla fine dei giochi sommate tutte le speranze individuali nasceva la speranza collettiva, nutrimento per la crescita della nostra Patria. Nei palazzi lastricati di marmo sono tutti bravi a valutare le soluzioni a posteriori. Comunque vada, il loro congruo stipendio corre. È intanto il nostro mondo deraglia. In realtà questa crisi segna la fine di un sistema basato sugli iperconsumi, tutta la società ha il fine esplicito di trasformarci in stupidi consumatori. Il pianeta non lo regge, la morale e la religione, lo condannano espressamente, poiché, sempre più gli individui si indirizzano verso scelte e comportamenti che non sono più puro consumo.

18 Domenica 28 settembre 2014 PULIAMO LA VALLE DELLE FERRIERE Nel cuore della Costiera Amalfitana esiste un posto di incredibile bellezza ed energia: la Valle delle Ferriere. Questo incantevole polmone verde, raggiungibile agevolmente a piedi da Amalfi, racchiude in sé elementi storico-naturalistici unici al mondo. L area di circa 500mq, sembra essere quasi disegnata dal corso del Canneto, un vivace torrente che si presenta sotto forma di piccoli rivoli, percorsi d acqua e cascate. L'ambiente è molto suggestivo e fresco, anche in piena estate. In questa straordinaria oasi naturale, sono sopravvissute colonie di vegetali di estremo interesse, preservate da epoche lontanissime. Tra le specie spiccano quelle termofile e soprattutto la felce gigante Woodwardia radicans individuata per la prima volta dal botanico Pier Antonio Micheli nel Presenti, inoltre, la Pteris cretica, la Pteris vittata e la pianta carnivora Pinguicola hirtiflora. Avvistata gironzolare tra la vegetazione la Salamandra pezzata, un simpatico urodelo appartenente alla famiglia Salamandridae. Come ogni luogo di rara bellezza anche la Valle delle Ferriere necessiterebbe di più tutela e valorizzazione da parte di tutti, soprattutto delle Istituzioni. Ma, come spesso accade, sono gli abitanti del posto o comunque i semplici cittadini, appassionati di ambiente e natura, a scendere in campo, sempre e comunque. Domenica 28 settembre, grazie a un iniziativa del Circolo Legambiente di Amalfi sarà realizzata, nell ambito della Campagna Nazionale Puliamo il mondo, una giornata all insegna del volontariato: Puliamo la Valle delle Ferriere. Il ritrovo dei partecipanti, che contribuiranno così alla pulizia dell area, è fissato per le 8.30 in piazza Spirito Santo (Amalfi), dove riceveranno gratuitamente i kit utili alla causa. Aver cura del proprio territorio è un atto d amore. Parola d ordine: aderire!. Per info e contatti: Dal 5 al 7 settembre nel Casale di Teverolaccio a Succivo (CE) FestAmbiente Terra Felix, il Festival ecologista del buon gusto! Dal 5 al 7 settembre 2014, nella meravigliosa cornice del Casale di Teverolaccio (Ce), si svolgerà FestAmbienteTerra Felix, uno tra i più apprezzati festival ecologisti in Italia. L evento rappresenta un momento di festa e di "buon vivere" in armonia con il territorio. Tema dell edizione di quest anno: la terra. L obiettivo, infatti, è di promuovere la peculiarità e la genuinità dei prodotti locali, frutto di una terra troppe volte apostrofata e sabotata con appellativi poco piacevoli. Il nostro territorio vale, perché ricco non di veleni ma di onesti lavoratori, associazioni e volontari che vogliono dimostrare, anche in questa occasione, quanto è possibile produrre in modo diverso e pulito, scommettendo proprio sull'ambiente, come leva di sviluppo e miglioramento della qualità di vita di ognuno e di tutti. Il Festival si svolgerà all insegna dell ecologia, del mangiar sano, della natura incontaminata, in una piacevole atmosfera caratterizzata da un elevato contenuto educativo e culturale. Ampio spazio, infatti, sarà dedicato ai bambini, con aree appositamente attrezzate, dove l educazione ambientale sarà la tematica centrale di giochi, laboratori e spettacoli divertenti. FestAmbiente offrirà l'opportunità di discutere e aggiornarsi su argomenti di grande attualità, quali i beni comuni, la green economy e l'eno-gastronomia come traino di crescita del territorio regionale, ma anche la valorizzazione del ricchissimo patrimonio storico - culturale campano. Inoltre, ambiente, legalità, impresa e innovazione terranno banco nella sala congressi, dove ci saranno momenti di incontro e dialogo tra i rappresentanti delle istituzioni, imprese ed associazioni. Durante la kermesse, grande attenzione sarà dedicata alla sicurezza alimentare. Ogni sera, concerti e spettacoli animeranno l atmosfera del Casale e presso gli stand espositivi i visitatori potranno deliziare il palato con tanti prodotti di qualità realizzati con criteri e metodi che rispettano l ambiente.

Un Treno chiamato Verde

Un Treno chiamato Verde 2 Un Treno chiamato Verde IL TRENO VERDE NON CONOSCE CAPOLINEA E QUEST ANNO ARRIVA ALLA SUA DICIANNOVESIMA EDIZIONE. Il Treno Verde è la storica campagna itinerante di Legambiente e Ferrovie dello Stato

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Laboratorio RED (Ricerca Educativa e Didattica)

Laboratorio RED (Ricerca Educativa e Didattica) Indicazioni per lo svolgimento del test Il test seguente tratta 4 argomenti e per ogni argomento ti pone una o più domande. Leggi attentamente cosa ti chiedono le domande e poi rispondi cercando di essere

Dettagli

Investimenti nel settore idrico e depurativo, tra urgenza di risanamento e opportunità per le imprese. Giorgio Zampetti

Investimenti nel settore idrico e depurativo, tra urgenza di risanamento e opportunità per le imprese. Giorgio Zampetti Investimenti nel settore idrico i e depurativo, tra urgenza di risanamento e opportunità per le imprese Giorgio Zampetti Responsabile scientifico di Legambiente L Italia è uno dei Paesi più ricchi di acqua

Dettagli

Padova, fumata nera PM10 oltre la norma 3 giorni su 3 e dal 1 gennaio già 54 superamenti giornalieri

Padova, fumata nera PM10 oltre la norma 3 giorni su 3 e dal 1 gennaio già 54 superamenti giornalieri , 3 aprile 2008 comunicato stampa Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di e Ferrovie dello Stato, fumata nera PM10 oltre la norma 3 giorni su 3 e dal 1 gennaio già 54 superamenti

Dettagli

Esistono vari tipi di inquinamento:

Esistono vari tipi di inquinamento: L inquinamento L inquinamento è un alterazione delle caratteristiche ambientali. Queste variazioni possono essere provocate da fenomeni naturali e da fenomeni dovuti all azione dell uomo, in particolar

Dettagli

Inquinamento acustico: Decibel fuori controllo Decibel fuori legge e manca un piano di intervento

Inquinamento acustico: Decibel fuori controllo Decibel fuori legge e manca un piano di intervento Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di Legambiente e Ferrovie dello Stato Allarme Frosinone, Tira una brutta aria Allarmanti i valori del PM10 che superano di circa il 50%

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

FOR A NEW LIFESTYLE. www.cleanpowerenergia.it

FOR A NEW LIFESTYLE. www.cleanpowerenergia.it FOR A NEW LIFESTYLE www.cleanpowerenergia.it LA CITTÀ STA CAMBIANDO: CAMBIA IL TUO STILE DI VITA. www.cleanpowerenergia.com LA FILOSOFIA DI CLEANPOWER PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO COSTRUISCI

Dettagli

La Geotermia in Italia

La Geotermia in Italia La geotermia: una nuova ricchezza per l Italia L Italia rappresenta una zona straordinaria dal punto geologico e vulcanologico, per la presenza della crosta terrestre più sottile e perché al di sotto di

Dettagli

PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO

PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO www.cleanpowerenergia.it FOR A NEW LIFESTYLE CONTRIBUISCI A CREARE UNA CITTÀ MIGLIORE. PASSA A CLEANPOWER. www.cleanpowerenergia.it LA FILOSOFIA DI CLEANPOWER

Dettagli

se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto

se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto siamo quello che mangiamo STAGIONALE E LOCALE: LA DIETA GIUSTA La tua salute dipende in gran parte dalla tua alimentazione. Mangia un po di tutto con moderazione,

Dettagli

In Italia il record delle Ztl

In Italia il record delle Ztl del 20 settembre 2013 In Italia il record delle Ztl 19 Settembre 2013 Un inaspettato primato per il nostro paese: quello delle zone a traffico limitato. In Italia, se ne contano più di 100. IN QUESTO,

Dettagli

Legambiente presenta Tutti in classe A, la radiografia energetica del patrimonio edilizio italiano

Legambiente presenta Tutti in classe A, la radiografia energetica del patrimonio edilizio italiano Legambiente presenta Tutti in classe A, la radiografia energetica del patrimonio edilizio italiano Tutti in Classe A: 500 edifici analizzati da Bolzano a Catania. Le termografie bocciano edifici progettati

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE COMPETENZE IN SCIENZE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: SCIENZE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012. SCIENZE TRAGUARDI ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

GRUNDFOS CASE STORY ISOLE EOLIE INDUSTRY ADDIO EVAPORAZIONE. BENVENUTA OSMOSI INVERSA. GRUNDFOS ALLE ISOLE EOLIE

GRUNDFOS CASE STORY ISOLE EOLIE INDUSTRY ADDIO EVAPORAZIONE. BENVENUTA OSMOSI INVERSA. GRUNDFOS ALLE ISOLE EOLIE GRUNDFOS CASE STORY ISOLE EOLIE INDUSTRY ADDIO EVAPORAZIONE. BENVENUTA OSMOSI INVERSA. GRUNDFOS ALLE ISOLE EOLIE LA SITUAZIONE Per più di sei secoli, le isole Eolie hanno attirato chiunque per le bellezze

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

Dagli anni 50 parte il boom dell automobile in Italia (e non solo) Ma negli anni 60 partono i primi provvedimenti di limitazione delle auto nei

Dagli anni 50 parte il boom dell automobile in Italia (e non solo) Ma negli anni 60 partono i primi provvedimenti di limitazione delle auto nei Muoversi in città. Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia. Anna Donati, Gruppo mobilità sostenibile Kyoto Club. A SCUOLA E A LAVORO IN TPL. Messina, 23 marzo 2016 ATM - Comune di Messina Dipartimento

Dettagli

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Torgnon si trova nel nord-est della Valle d Aosta a 2070 metri

Dettagli

Il piano di zonizzazione acustica salvi la reggina Decibel sempre fuori legge e manca un piano di intervento efficace

Il piano di zonizzazione acustica salvi la reggina Decibel sempre fuori legge e manca un piano di intervento efficace Reggio Calabria, 6 marzo 2008 Comunicato stampa Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di Legambiente e Ferrovie dello Stato Il piano di zonizzazione acustica salvi la reggina

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile IL SERVIZIO NAZIONALE DELLA PROTEZIONE CIVILE Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile Protezione Civile Con protezione civile si intende il complesso di attività messe

Dettagli

Comunicato Stampa NAPOLI: IL TRENO VERDE DI LEGAMBIENTE E FS ITALIANE PRESENTA I RISULTATI DI 72 ORE DI MONITORAGGIO IN CITTÀ

Comunicato Stampa NAPOLI: IL TRENO VERDE DI LEGAMBIENTE E FS ITALIANE PRESENTA I RISULTATI DI 72 ORE DI MONITORAGGIO IN CITTÀ Comunicato Stampa NAPOLI: IL TRENO VERDE DI LEGAMBIENTE E FS ITALIANE PRESENTA I RISULTATI DI 72 ORE DI MONITORAGGIO IN CITTÀ il vento spazza via le polveri sottili, ma l attenzione resta alta per la città

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese

Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese Lorenzo Frattini Presidente Legambiente Emilia Romagna Giorgio Zampetti - Responsabile scientifico nazionale Legambiente Quali urgenze?

Dettagli

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO Il referendum del 1987, che ha determinato l uscita dell Italia dal nucleare, è costato all Italia oltre 50 miliardi di euro, soprattutto per la trasformazione e lo smantellamento

Dettagli

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano - Pescara Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo III CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano-Pescara

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

Progetto NuovisPazzi. Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello. Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE

Progetto NuovisPazzi. Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello. Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE Progetto NuovisPazzi Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE Luogo: Padiglione Lavanderia, Ex O.P. Antonini di Limbiate ( Loc. Mombello) Premessa: Non

Dettagli

La scuola integra culture. Scheda3c

La scuola integra culture. Scheda3c Scheda3c Gli ELEMENTI DEL CLIMA che caratterizzano le condizioni meteorologiche di una regione sono: la temperatura, la pressione atmosferica, i venti, l umidità e le precipitazioni. La temperatura è data

Dettagli

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari Bari, an European SMART CITY Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari I cambiamenti climatici sono un fenomeno di portata globale, tuttavia le città possono contribuire in maniera

Dettagli

Con la partecipazione del

Con la partecipazione del Con la partecipazione del Siete pronti per un inedito viaggio in una vera e propria smart city su rotaie? Benvenuti a bordo del Treno Verde 2013, una speciale mostra che ci conduce, carrozza dopo carrozza,

Dettagli

Obiettivo di Kyoto 2012

Obiettivo di Kyoto 2012 Un miliardo e seicentonovantadue milioni di euro in fumo: l autogol dell Italia su Kyoto L Italia continua a non definire una strategia per il rispetto del protocollo di Kyoto e paga dazio. L anno che

Dettagli

Contatti Ipsos per gli Affari Pubblici:

Contatti Ipsos per gli Affari Pubblici: Barometro Ipsos / Europ Assistance Intenzioni e preoccupazioni degli europei per le vacanze estive Sintesi Ipsos per il Gruppo Europ Assistance Giugno 2015 Contatti Ipsos per gli Affari Pubblici: Fabienne

Dettagli

II Sessione Prodotti turistici del Piemonte e scenari di sviluppo. Piemonte e laghi: opportunità e prospettive per un prodotto maturo

II Sessione Prodotti turistici del Piemonte e scenari di sviluppo. Piemonte e laghi: opportunità e prospettive per un prodotto maturo II Sessione Prodotti turistici del Piemonte e scenari di sviluppo Piemonte e laghi: opportunità e prospettive per un prodotto maturo Martin Brackenbury Professore Piemonte e Turismo Il turismo: risorsa

Dettagli

I MARI ITALIANI. Lavoro sul testo

I MARI ITALIANI. Lavoro sul testo I MARI ITALIANI L Italia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo. Le coste della penisola italiana sono lunghe oltre 7000 chilometri e hanno caratteristiche diverse. Nei mari italiani sono presenti

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus!

con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus! con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus! Lo sapete? Fatti e cifre sul trasporto con autobus in Italia e in Europa gli autobus sono essenziali alla mobilità delle persone? il trasporto

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

Le Energie Rinnovabili

Le Energie Rinnovabili Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il progetto è uno studio personale svolto durante il corso di apprendistato, pertanto il format scelto è stato

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA

PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA -- RELAZIONE FINALE -- A cura di Leonardo Dovigo Marzo 2014 0 PERCORSO PARTECIPATIVO

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho trovato molto interessante) e per aver organizzato un confronto tra i Candidati Sindaci indispensabile

Dettagli

1/2014 L UTILIZZO DEI VEICOLI A METANO E GPL NELLE FLOTTE AZIENDALI. www.cvo-italia.it

1/2014 L UTILIZZO DEI VEICOLI A METANO E GPL NELLE FLOTTE AZIENDALI. www.cvo-italia.it 1/2014 L UTILIZZO DEI VEICOLI A METANO E GPL NELLE FLOTTE AZIENDALI www.cvo-italia.it L UTILIZZO DEI VEICOLI A METANO E GPL NELLE FLOTTE AZIENDALI 1 La presente monografia è stata realizzata dal Corporate

Dettagli

Gli impianti geotermici

Gli impianti geotermici Gli impianti geotermici Valutazioni generali Nell ambito della provincia di Verona, qualunque sia il contesto geologico in cui realizzare l impianto geotermico, il criterio generale prevede di utilizzare

Dettagli

I VULCANI. testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica. La conoscenza dei fenomeni

I VULCANI. testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica. La conoscenza dei fenomeni I VULCANI testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica La conoscenza dei fenomeni Prima di iniziare Sai cosa sono i fenomeni? Esempi di fenomeno:

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente di soddisfare le necessità della presente generazione senza compromettere la capacità delle generazioni

Dettagli

Il disegno di legge per una mobilità nuova

Il disegno di legge per una mobilità nuova Il disegno di legge per una mobilità nuova Dopo l incredibile giornata di sabato 4 Maggio, che ha visto le strade di Milano invase da decine di migliaia di persone a piedi e in bici, oggi vi presentiamo

Dettagli

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO 65 66 Ecologia e ambiente Linee programmatiche o Promuovere e potenziare azioni ed interventi volti a migliorare la qualità dell aria, dell acqua e del suolo o Incentivare

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Meglio sole Soluzioni per un fotovoltaico sostenibile

Meglio sole Soluzioni per un fotovoltaico sostenibile Meglio sole Soluzioni per un fotovoltaico sostenibile Tutto alla luce del sole Il sole è la ragione principale per cui sul nostro pianeta esiste la vita. Tutti gli organismi vegetali utilizzano direttamente

Dettagli

QUARRATA SARÀ VERSO IL REGOLAMENTO URBANISTICO

QUARRATA SARÀ VERSO IL REGOLAMENTO URBANISTICO QUARRATA SARÀ VERSO IL REGOLAMENTO URBANISTICO 2 incontro: 19 gennaio 2006 MOBILITÀ Viviamo l epoca dell accelerazione. Tutto intorno a noi è un richiamo alla celerità. Le cose vanno sempre più veloci.

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO

IL RISPARMIO ENERGETICO IL RISPARMIO ENERGETICO L aumento della popolazione e lo sviluppo del benessere pongono il problema di una crescente richiesta di energia. La società umana esige per la sua stessa esistenza un flusso affidabile

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

SCIENZE SCUOLA SECONDARIA CLASSE TERZA

SCIENZE SCUOLA SECONDARIA CLASSE TERZA SCIENZE SCUOLA SECONDARIA CLASSE TERZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI A FISICA E CHIMICA L alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all aperto, lo svolgersi dei più comuni fenomeni,

Dettagli

10 Convegno nazionale sulle Garanzie e Tutele Sociali. SPENDERE MENO, SPENDERE MEGLIO proposte per una spesa pubblica di qualità

10 Convegno nazionale sulle Garanzie e Tutele Sociali. SPENDERE MENO, SPENDERE MEGLIO proposte per una spesa pubblica di qualità 10 Convegno nazionale sulle Garanzie e Tutele Sociali SPENDERE MENO, SPENDERE MEGLIO proposte per una spesa pubblica di qualità Università Bocconi Milano, 12 novembre 2013 Sintesi dell intervento di Paolo

Dettagli

elettrodotti. grandi centrali elettriche combustibili fossili produzione elettrica

elettrodotti. grandi centrali elettriche combustibili fossili produzione elettrica 1 2 3 4 Uno dei grandi vantaggi dell energia elettrica è che essa può essere prodotta in luoghi lontani dai centri di consumo. L energia elettrica può essere trasportata facilmente attraverso condutture

Dettagli

Soluzioni green oggi per vivere meglio domani.

Soluzioni green oggi per vivere meglio domani. Soluzioni green oggi per vivere meglio domani. Enel è la più grande azienda di energia elettrica d Italia e la seconda utility quotata d Europa per capacità installata. È un operatore integrato, attivo

Dettagli

Kyoto Club e la formazione per la green economy. di Patricia Ferro

Kyoto Club e la formazione per la green economy. di Patricia Ferro Kyoto Club e la formazione per la green economy di Patricia Ferro Presentazione E un organizzazione non profit di più di 230 imprese, enti, associazioni e amministrazioni locali, impegnati nel raggiungimento

Dettagli

Con la partecipazione del

Con la partecipazione del Con la partecipazione del Treno Verde 2012 La vera generosità verso il futuro consiste nel donare tutto al presente. Albert Camus Il futuro è già qui Un viaggio attraverso la sostenibilità ambientale:

Dettagli

AMOER. Missione Mobilità approda a Milano

AMOER. Missione Mobilità approda a Milano del 23 settembre 2013 16/09/2013 AMOER Missione Mobilità approda a Milano Una giornata di dibattiti e confronti tra istituzioni e filiera dell auto per rilanciare la passione per la mobilità (responsabile

Dettagli

I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE

I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE 1. LE REGIONI ITALIANE Amministrativamente il territorio della Repubblica Italiana è deviso in 20 regioni. Ogni regione ha il

Dettagli

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Stili di vita, consumi e mobilità urbana 1 sessione del Tavolo di lavoro COS È IL PAES Impegno volontario e unilaterale per contribuire al superamento degli

Dettagli

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 EDIZIONE 2014 LIBERAMENTE ISPIRATO A DIRITTI E ROVESCI

Dettagli

DI COSA ABBIAMO PARLATO:

DI COSA ABBIAMO PARLATO: Giovedì 27 novembre 2014 (1 C) siamo andati alla centralina dell A.R.P.A. in via Giovanni XXIII, Borgo S.Dalmazzo, (che verrà chiusa a fine dicembre) accompagnati dalle prof Bagnus (matematica e scienze)

Dettagli

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack 4. LE ENERGIE PULITE La ricerca di alternative possibili al petrolio e al nucleare è la sfida che i paesi industrializzati si devono imporre per il prossimo futuro. PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution

Dettagli

Roma, 22 giugno 2015 STATI GENERALI SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI E SULLA DIFESA DEL TERRITORIO: IL CONTRIBUTO DI CONFESERCENTI. 1 Chi è Confesercenti

Roma, 22 giugno 2015 STATI GENERALI SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI E SULLA DIFESA DEL TERRITORIO: IL CONTRIBUTO DI CONFESERCENTI. 1 Chi è Confesercenti Roma, 22 giugno 2015 STATI GENERALI SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI E SULLA DIFESA DEL TERRITORIO: IL CONTRIBUTO DI CONFESERCENTI 1 Chi è Confesercenti Fondata a Roma nel 1971, la Confesercenti è una delle principali

Dettagli

Progetto bike sharing Salerno

Progetto bike sharing Salerno Progetto bike sharing IL SERVIZIO DELLE BICI ELETTRICHE A SALERNO BkS è l innovativo servizio Bike Sharing della ctà, facile, pratico, ecologico e soprattutto elettrico. BkS è un vero e proprio sistema

Dettagli

Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna

Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna Giugno 2007 Indice Indagine sul consenso sociale dell energia eolica in Italia

Dettagli

Comunicato stampa a cura di archinnova associazione culturale

Comunicato stampa a cura di archinnova associazione culturale Comunicato stampa a cura di archinnova associazione culturale Bologna ospita l innovazione sostenibile. In piazza un modello di casa che non consuma* (classe A) Farà tappa anche a Bologna la MISE, mostra

Dettagli

Presentazione del monitoraggio i del Piano Operativo

Presentazione del monitoraggio i del Piano Operativo Agenda 21 locale della Provincia di Rimini Presentazione del monitoraggio i del Piano Operativo 6 Febbraio 2009 arch. Massimo Briani Ufficio Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini L Agenda 21 Provincia

Dettagli

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino In questa ricerca puramente statistica abbiamo pensato di mettere a confronto tutti gli inverni del passato concomitanti alla presenza

Dettagli

2016 Voci di quartiere

2016 Voci di quartiere Legambiente Onlus Via Salaria, 403-00199 Roma - tel. 06 862681 - Fax 06 86218474 - legambiente@legambiente.it - www.legambiente.it Introduzione C è un Italia fatta di quartieri sostenibili, dove nuove

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2592 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MARZANO, CAPUA, FASSINA, GALGANO, GRIBAUDO, GIUSEPPE GUERINI, LA MARCA, LAFORGIA, LAVAGNO,

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1 ANNO ANNO SCOLASTICO SCOLASTICO 2012 2013 2012 2013 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Energie rinnovabili caratteristiche energia eolica energia idrica energia elettrica energia geotermica biomassa energia solare

Dettagli

MOBILITA E TURISMO SOSTENIBILE: SINERGIE IN ADRIATICO

MOBILITA E TURISMO SOSTENIBILE: SINERGIE IN ADRIATICO MOBILITA E TURISMO SOSTENIBILE: SINERGIE IN ADRIATICO Giulia Pedrocchi www.eenergiagroup.it Perché la mobilità sostenibile? Measuring the Street: New Metrics for 21st Century Streets Secondo uno studio

Dettagli

CONOSCERE IL SOLARE TERMICO

CONOSCERE IL SOLARE TERMICO CONOSCERE IL SOLARE TERMICO Parte I - Conoscere il solare termico COLLETTORE, FLUIDO, SERBATOIO CIRCOLAZIONE NATURALE E FORZATA Parte II Sistemi a circolazione naturale IL COLLETTORE I SELETTIVI RENDONO

Dettagli

risparmio, utilizzo, produzione di energia

risparmio, utilizzo, produzione di energia Produzione e utilizzo efficiente di energia, risparmio energetico e riduzione delle dispersioni. Sono temi fortemente d attualità, sia per la nuova costruzione che per la ristrutturazione che oggi possono

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni EcoCentro Lombardia Scheda Tecnica di Approfondimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI Nozioni Il Decreto legislativo n. 152/2006, Norme in materia

Dettagli

Dimezzare i consumi negli edifici condominiali

Dimezzare i consumi negli edifici condominiali Dimezzare i consumi negli edifici condominiali Un incentivo per muovere interventi di riqualificazione edilizia e energetica nei complessi edilizi attraverso lo strumento delle Esco. PREMESSA Circa 24

Dettagli

Il riscaldamento di casa durante il periodo invernale è una necessità imprescindibile

Il riscaldamento di casa durante il periodo invernale è una necessità imprescindibile Il riscaldamento di casa durante il periodo invernale è una necessità imprescindibile Possiamo ottenerlo in diversi modi: Con le ultime tecnologie l efficienza dei bruciatori è molto migliorata, e si possono

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

Blogecologia.it. 18 maggio 2014. Il primo polo logistico del freddo alimentato da rinnovabili

Blogecologia.it. 18 maggio 2014. Il primo polo logistico del freddo alimentato da rinnovabili Blogecologia.it 18 maggio 2014 Il primo polo logistico del freddo alimentato da rinnovabili A poco meno di un anno dall annuncio, la Solis Spa realizza Solis GreenLog, il primo polo logistico del freddo

Dettagli

Gestione del Mose. Un attenta sentinella proteggerà Venezia e la laguna dalle acque alte. Le acque alte del 2012. Se ci fosse stato il Mose...

Gestione del Mose. Un attenta sentinella proteggerà Venezia e la laguna dalle acque alte. Le acque alte del 2012. Se ci fosse stato il Mose... 17 Gestione del Mose. Un attenta sentinella proteggerà Venezia e la laguna dalle acque alte Le acque alte del 2012 Se ci fosse stato il Mose... Dopo un anno di pausa che aveva persino distratto dal problema,

Dettagli

Goletta Verde di Legambiente in Liguria IN LIGURIA MIGLIORAMENTI DELLA QUALITA DELLE ACQUE COSTIERE

Goletta Verde di Legambiente in Liguria IN LIGURIA MIGLIORAMENTI DELLA QUALITA DELLE ACQUE COSTIERE COMUNICATO STAMPA Genova, 14 agosto 2014 Goletta Verde di Legambiente in Liguria Presentati a Roma i dati della campagna nazionale IN LIGURIA MIGLIORAMENTI DELLA QUALITA DELLE ACQUE COSTIERE MA ANCORA

Dettagli

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag.

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag. Una visione di città, per essere completa, non può tralasciare tutto ciò che riguarda il tema dei trasporti. Gli spostamenti, infatti, sono alla base della moderna vita sociale e di relazione, ci spostiamo

Dettagli

Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia aiuta il cielo di Torino

Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia aiuta il cielo di Torino Torino, 29 marzo 2008 comunicato stampa Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di e Ferrovie dello Stato Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia

Dettagli

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario MACARIOPOLI O POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario La Terra sembra essere divisa in due parti Una di queste

Dettagli

Valutazione. Ambientale. Strategica

Valutazione. Ambientale. Strategica Valutazione Ambientale Strategica 07 ANALISI E VALUTAZIONE SULLO STATO DI FATTO SOMMARIO SOMMARIO... 2 7 ANALISI E VALUTAZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 VAS MORBEGNO SOMMARIO 07-2 7 ANALISI E VALUTAZIONE

Dettagli

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro L energia si trova dappertutto intorno a noi PRIMARIE MESSE A DISPOSIZIONE DALLA NATURA SECONDARIE

Dettagli

Consorzio Solidarietá cooperativa sociale ONLUS

Consorzio Solidarietá cooperativa sociale ONLUS Il Consorzio Solidarietà è un consorzio di cooperative sociali costituito ai sensi dell art. 8 della Legge 381/91 ed ha maturano un esperienza venticinquennale nel settore del welfare. In tutti questi

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli