MOBILITY MANAGEMENT IVREA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MOBILITY MANAGEMENT IVREA"

Transcript

1 MOBILITY MANAGEMENT IVREA Analisi della mobilità sistematica Pianificazione attività Ivrea, novembre 2010

2 INDICE SEZIONE DESCRIZIONE PAG. - INTRODUZIONE MOBILITY MANAGEMENT IVREA: AMBITO E OBIETTIVI ANALISI DELL OFFERTA DI MOBILITÀ ANALISI DELLA DOMANDA DI MOBILITÀ INDAGINE SUI COMUNI DELLA CONURBAZIONE STUDIO DI FATTIBILITÀ SERVIZIO CAR SHARING STUDIO DI FATTIBILITÀ SERVIZIO BIKE SHARING APPROFONDIMENTO SULLE OPPORTUNITÀ DEL TERRITORIO PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ALLEGATI 93 2

3 INTRODUZIONE: LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Con l'espressione Mobilità sostenibile si intende indicare l'esigenza di avere un sistema di mobilità urbana che, pur consentendo per ciascuno l'esercizio del proprio diritto alla mobilità, sia tale da non gravare eccessivamente sul sistema sociale in termini delle seguenti esternalità: inquinamento atmosferico ed emissioni di gas serra inquinamento acustico congestione dovuta al traffico veicolare incidentalità 3

4 DECRETO RONCHI D.M. 27/03/1998: MOBILITY MANAGER Le imprese e gli enti pubblici ( ) con più di 300 dipendenti ( ) adottano il piano degli spostamenti casa-lavoro (PSCL) del proprio personale dipendente, individuando a tal fine un responsabile della mobilità aziendale ( ) finalizzato alla riduzione dell'uso del mezzo di trasporto privato individuale e ad una migliore organizzazione degli orari per limitare la congestione del traffico L OBIETTIVO PRIORITARIO è assegnare grande centralità alle politiche di governo della domanda di trasporto. Il Mobility Manager assume valenza di sensore sul territorio e di strumento di promozione della mobilità sostenibile. In generale: opera sul governo della domanda di trasporto; lavora sugli spostamenti sistematici; Recepisce le esigenze specifiche indagando comportamenti modali delle persone. 4

5 MOBILITY MANAGER D AREA E AZIENDALE: DEFINIZIONE Le successive integrazioni al Decreto Ronchi (D.M ) individuano due figure con ruoli complementari: il Mobility Manager d Area e il Mobility Manager Aziendale. Mobility Manager d Area Viene nominato dalle amministrazioni locali e il suo ruolo è principalmente quello di promuovere il Mobility Management e coordinare i diversi attori del processo. E inoltre il principale interlocutore tra le aziende, le istituzioni locali e il trasporto pubblico locale. Mobility Manager Aziendale Viene nominato dall azienda e ha il compito di coinvolgere l azienda e i suoi lavoratori nell individuazione di soluzioni alternative all uso dell auto privata. Lo strumento di supporto è il Piano Spostamenti Casa-Lavoro che rappresenta la formalizzazione dell insieme delle strategie che verranno applicate. Il Mobility Manager d Area svolge la funzione di tramite tra le diverse figure individuando i migliori interventi sull'offerta che favoriscano le azioni sulla domanda seguite dai Mobility Manager Aziendali. 5

6 IL MOBILITY MANAGER D AREA: RUOLI E COMPETENZE Il Mobility Manager d Area è la struttura di supporto e di coordinamento dei Mobility Manager Aziendali, di Enti pubblici e aziende private Promuove il mobility management per migliorare la mobilità sistematica nella propria area di riferimento con particolare riguardo ai modi di spostamento sostenibili ; Procede alla ricognizione territoriale delle aziende e degli enti locali che per legge sono tenute a presentare il Piano degli Spostamenti Casa-Lavoro dei dipendenti; Approva i PSCL delle aziende e degli enti pubblici e stipula l accordo di programma per l applicazione del piano; Rappresenta l interlocutore primo per aziende, amministrazione pubblica e gestori del trasporto, diventando il punto di contatto tra il livello politico e quello gestionale. 6

7 MOB. MANAGER AZIENDALE: OBIETTIVI E STRUMENTI Gli obiettivi che il Mobility Manager deve raggiungere sono: Far rientrare l'azienda nel quadro normativo vigente; Ridurre i costi aziendali per la mobilità casa-lavoro e business dei dipendenti; Migliorare il rapporto azienda/dipendenti, aumentandone di conseguenza l'efficienza; Migliorare l'impatto complessivo dell'azienda sul territorio e la sua immagine. Lo strumento a sostegno di tutta l attività del Mobility Manager è il PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO (o CASA-SCUOLA) Strumento di sviluppo, implementazione e controllo di un insieme ottimale di misure utili per la razionalizzazione degli spostamenti casa-lavoro del personale dipendente, che include servizi e attività di Mobility Management. L approvazione del PSCL di un azienda è compito delle istituzioni locali e del Mobility Manager di Area, la cui conoscenza diffusa delle problematiche di mobilità locali garantisce maggior completezza nella valutazione. 7

8 SEZIONE 1. IVREA: AMBITO E OBIETTIVI PAR. DESCRIZIONE PAG. 1 OBIETTIVI 9 2 GLI ATTORI COINVOLTI 10 3 IL PERCORSO DI PROGETTO 11 8

9 1.1 MOBILITY MANAGEMENT: OBIETTIVI Il mobility manager territoriale ha il compito di analizzare le opportunità presenti sul territorio di competenza al fine di individuare i servizi che possono soddisfare le esigenze di mobilità dell area QUATTRO OBIETTIVI OPERATIVI INTRODURRE SERVIZI DI MOBILITÀ SULLA CITTÀ DI IVREA INDIVIDUARE SINERGIE DI MOBILITÀ PER LA CONURBAZIONE INDIVIDUARE SOLUZIONI DI GESTIONE DELLA MOBILITÀ SISTEMATICA ANALIZZARE I DATI DI MOBILITÀ DEL TERRITORIO 9

10 1.2 MOBILITY MANAGEMENT: GLI ATTORI COINVOLTI MOBILITY MANAGER DELL AREA EPOREDIESE Stefano Casati - MUOVERSI AREA EPOREDIESE ABITANTI SUPERFICIE 174 KM2 COMUNI COINVOLTI POLI ATTRATTORI DI MOBILITÀ QUASSOLO BORGOFRANCO DI IVREA LESSOLO MOLTALTO DORA CHIAVERANO CASCINETTE BUROLO BOLLENGO ALBIANO STRAMBINO ROMANO CANAVESE PAVONE SAMONE BANCHETTE DI IVREA SALERANO LORANZÈ COLLERETTO GIACOSA FIORANO CANAVESE AZIENDE PRIVATE Aziende con più di 300 dipendenti Poli industriali e di servizi SERVIZI PUBBLICI Tribunale Ospedali Ambulatori ASL ISTITUTI SCOLASTICI Scuole primarie Istituti superiori Facoltà di scienze infermieristiche AREE COMMERCIALI Centri Commerciali Aree mercatali 10

11 1.3 MOBILITY MANAGEMENT: PERCORSO DI PROGETTO STAKEHOLDER ENGAGEMENT ANALISI MOBILITÀ PIANIFICAZIONE SOLUZIONI Comuni Conurbazione Scuole Aziende Confindustria Organizzazioni Sindacali Questionario Comuni Questionario Scuole Questionario Imprese Finanziamenti Pubblici Incontri gestori servizi 1.MOBILITÀ CASA- LAVORO 2.MOBILITÀ CASA- SCUOLA 3.SICUREZZA STRADALE 4.MOBILITÀ CICLABILE 11

12 SEZIONE 2. ANALISI DELL OFFERTA DI MOBILITÀ PAR. DESCRIZIONE PAG. 1 LE PRINCIPALI ARTERIE DI COMUNICAZIONE 13 2 IL TRASPORTO PUBBLICO URBANO 15 3 IL TRASPORTO PUBBLICO EXTRAURBANO 17 4 IL TRASPORTO SU FERRO E IL MOVICENTRO 19 5 LE PISTE CICLABILI NELLA CONURBAZIONE 20 12

13 2.1 LE PRINCIPALI ARTERIE DI COMUNICAZIONE (1/2) L accessibilità autostradale verso il Comune di Ivrea è garantito attraverso i seguenti assi A5: Collega Torino al Traforo del Monte Bianco passando per Ivrea A4: autostrada Torino -Trieste D36 Diramazione Stroppiana-Santhia' R04 Raccordo A4/A5 IVREA Milano Il Progetto del Traforo di Montenavale, prevede la costruzione di una galleria lunga metri, che consentirà la connessione est ovest della strada Pedemontana SS n. 228 e SS n. 565 con il collegamento con l A5 per Milano. Torino Traffico 13

14 2.1 LE PRINCIPALI ARTERIE DI COMUNICAZIONE (2/2) La città di Ivrea è accessibile attraverso le seguenti strade statali e tangenziali: NORD SUD: SS n. 26 OVEST: tramite via Jervis che attualmente rappresenta l unico ingresso alla città provenendo dall attuale casello autostradale di Ivrea e la SS n. 565 Pedemontana nella direzione Rivarolo Torino Est: SS n. 228 per Vercelli Santhià e tramite la SS n. 338 per Biella Direttrice Aosta Collegamento con l A5 Collegamento San Bernardo Direzione Lago di Viverone Direttrice Chivasso Collegamento con l A4 14

15 2.2 IL TRASPORTO PUBBLICO NELLA CITTÀ DI IVREA (1/2) Il trasporto pubblico locale nel Comune di Ivrea viene gestito dal vettore GTT. Mappa Linee urbane TPL conurbazione di Ivrea Attualmente ci sono 8 linee che servono il Comune nell area urbana e quella della conurbazione. 15

16 2.2 IL TRASPORTO PUBBLICO NELLA CITTÀ DI IVREA (2/2) Le linee di trasporto pubblico del Comune di Ivrea servono sia la parte della circolare urbana della città sia i Comuni della Conurbazione di Ivrea. Linea 1 LINEA Linea 1 barrato PERCORSO Frazione S.Anna - Bullengo - Burolo - Ivrea (corso Vercelli - corso M.D Azeglio - P.zza Freguglia - via Circonvallazione - Porta Aosta - corso Garibaldi - corso Nigra - Stazione FS - Stradale Torino - viale della Liberazione) Quartiere Bellavista S. Bernardo - Quartiere Bellavista - Ivrea - Torre Belfredo - Albiano Linea 2 Burolo -Cascinette -Ivrea -Banchette -Samone Linea 3 S. Germano - Borgofranco - Montalto Dora - Ivrea - Banchette - Salerano Linea 4 Pavone - Banchette - Q. S. Giovanni Linea 5 Quassolo - Baio Dora - Calea - Lessolo - Fiorano - Salerano - Banchette - Ivrea - Chiaverano - Bienca Linea 6 Ivrea - Banchette - Samone - Colleretto Giacosa - Loranzè Campana - Loranzè Alto Circolare A Bellavista - Ivrea - Bellavista 16

17 2.3 IL TRASPORTO PUBBLICO EXTRAURBANO Il trasporto pubblico extraurbano della città di Ivrea viene principalmente gestito dalle linee di GTT di Torino, ATAP di Vercelli e la SADEM. Le linee collegano Ivrea con le principali città di Aosta, Torino, Vercelli e Milano. Il capolinea di alcune linee extraurbano è il nodo di interscambio Movicentro. LINEA PERCORSO VETTORE 3133 TORINO - IVREA GTT 4108 Ivrea - Vische - Chivasso GTT 4151 Cossano - Ivrea GTT 4152 Silva - Vialfrè - Ivrea GTT 4156 Andrate - Ivrea GTT 4512 Ivrea - Castellamonte - Valchiusella GTT 5143 Pont - Ivrea GTT 5145 Rivarolo - Ivrea GTT Linea 24 Biella -Mongrando-Sala-Torrazzo-Magnano-Ivrea ATAP Linea 56 Vercelli -Santhià-Cavaglià-Ivrea ATAP Linea 78 Cavaglià - Cigliano - Borgomasino - Vestignè - Ivrea - Scarmagno ATAP Linea 96 Cossato - Biella - Cerrione - Zimone - Piverone - Ivrea - Scarmagno ATAP Linea 022 Torino - Chivasso - Ivrea - Carema SADEM Linea Grugliasco - Torino - Ivrea - Borgofranco SADEM Linea Borgofranco - Ivrea - Verrone SADEM Linea Torino - Caluso - Ivrea SADEM Linea Ivrea - Settimo T.SE SADEM Linea Torino - Ivrea SADEM Linea 025 Ivrea - Milano SADEM Linea 0150 Chatillon - Ivrea (autolinea scolastica) SADEM Linea 0160 Aosta - Ivrea SADEM Linea 0180 Torino - Cervinia SADEM 17

18 2.3 IL TRASPORTO PUBBLICO - CARICO L analisi degli utilizzatori del trasporto pubblico di Ivrea è stato effettuato considerando i dati di carico di alcune linee della fine del Le linee sono state monitorate per due settimane dal 12 al 25 novembre, per le sole fermate di Ivrea. Gli orari utili monitorati per il conteggio del numero degli utenti saliti e di quelli scesi dai mezzi variano in base alla linea e vanno dalle 4.05 alle Linea Linea Linea Linea 108 Linea Linea 348 Linea Linea Linea 256 LEGENDA: Utenti Saliti Utenti Scesi FERMATA UTENTI FERMATA UTENTI IVREA - STAZIONE FERROVIARIA 9189 IVREA - VIA JERVIS 98 IVREA - SAN LORENZO 1565 IVREA - CORSO MASSIMO D'AZEGLIO,4 93 IVREA - VIA CIRCONVALLAZIONE, IVREA - NUOVI UFFICI OLIVETTI 90 IVREA - STANDA - CORSO D'AZEGLIO 686 IVREA - BELLAVISTA 48 IVREA - PORTA AOSTA 621 SAN BERNARDO - VIA TORINO IVREA - SAN BERNARDO 521 TORRE BALFREDO 38 IVREA - CORSO GARIBALDI, IVREA - I.T.I.S. BELLAVISTA 8 SAN BERNARDO - STABILIMENTO OLIVETTI 205 IVREA - ICO - VIA JERVIS 8 IVREA - VIA DI VITTORIO 105 IVREA - CORSO RE UMBERTO I,

19 2.4 IL TRASPORTO SU FERRO E IL MOVICENTRO L accessibilità alla città di Ivrea attraverso le linee ferroviarie è garantita da Trenitalia. Le tre linee che servono la città sono: Aosta Torino Porta Nuova Chivasso DIREZIONE TORINO P.N. ORARIO PARTENZE IVREA La stazione ferroviaria di Ivrea è ben collegata con i servizi di trasporto pubblico urbano ed extraurbano attraverso Movicentro, il nodo di interscambio intermodale, dove si incrociano i servizi di trasporto urbano, extraurbano e ferroviario e dove è presente un parcheggio per le auto. IVREA CHIVASSO AOSTA

20 2.5 LE PISTE CICLABILI NELLA CONURBAZIONE Le piste ciclabili si estendono nella città di Ivrea per 7 km, su Via dei Mulini, Corso D Azeglio, Corso Botta, Corso Re Umberto I e Corso Cavour. Inoltre, è presente la ciclostrada che parte da Chivasso ed arriva a Ivrea, per un totale di 55 km COMUNE Comune di Ivrea Altri Comuni della Conurbazione ESTENSIONE PISTA CICLABILE 7 km 1,5 km PERCORSO ESTENSIONE CICLOSTRADA CHIVASSO - IVREA 55 km 20

21 SEZIONE 3. ANALISI DELLA DOMANDA DI MOBILITÀ PAR. DESCRIZIONE PAG. 1 ANALISI DELLA MOBILITÀ CASA-LAVORO 22 2 ANALISI DELLA MOBILITÀ CASA-SCUOLA 35 21

22 3.1 ANALISI SPOSTAMENTI CASA-LAVORO: INTRODUZIONE Le aziende presenti sul territorio della Conurbazione di Ivrea sono per la maggior parte di dimensioni medio - piccole. Il 95% delle aziende conta meno di 10 dipendenti e 219 aziende hanno meno di 40 dipendenti. Attualmente sono presenti sul territorio 14 aziende con più di 100 dipendenti. COMUNE NUMERO ADETTI <10 tra 10 e 50 tra 50 e 100 tra 100 e 250 oltre 250 Totale Albiano d'ivrea Banchette Bollengo Borgofranco d'ivrea Burolo Cascinette d'ivrea Chiaverano Colleretto Giacosa Fiorano Canavese Ivrea Lessolo Loranze' Montalto Dora Pavone Canavese Quassolo Romano Canavese Salerano Canavese Samone Strambino Totale complessivo

23 3.1 LE AREE A CONCENTRAZIONE DI LAVORATORI Nella città di Ivrea, la presenza di aziende grandi come la Olivetti ha permesso per anni l occupazione dei cittadini. Dopo la crisi, si notano flussi di lavoratori diretti verso i grandi poli di Torino e Milano. Cso Vercelli, Burolo, Bollengo si sviluppa attorno all asse viario, circa lavoratori Attualmente ad Ivrea ci sono 4 grandi poli, che occupano circa persone. BioIndustry Park Polo tecnologico in espansione, con alcune grandi aziende (Bracco). Ca. 600 persone Area PIP San Bernardo gestita dal Consorzio Insediamenti produttivi, persone Via Jervis (ex Olivetti) Grandi aziende (Wind Vodafone) lavoratori 23

24 3.1 ANALISI SPOSTAMENTI CASA-LAVORO: INTRODUZIONE Per l analisi sono state coinvolte 51 aziende presenti nei Comuni della Conurbazione di Ivrea. Il 41% delle aziende coinvolte ha sede nel Comune di Ivrea. Dayco Europe Wirelab AZIENDE Gestore Bioindustry Park Olivetti ASL TO4 G.S. Service S.P.A. Advalso Consorzio Informatico Canavese Eporlux Spa Siglabile Epx Spa Olivetti I-jet Engineering.It Manitalidea Spa Vodafone Omnitel N.V. Wind Telecomunicazioni Comdata Ivrea Pininfarina Ex Bull (Compuprint) Sferal W.W.T Punto Lavoro Soc. Coop.A.R.L. Manitalidea Tribunale Oliit Spa Sferal World Wide Technology Srl Finmek Automation S.R.L. Azienda Servizi Ambiente Selca Gatta Osai S.p.A. Bracco Imaging Istituto Di Ricerche Biomediche Antoine Marxer Rbm Spa Poste Italiane I.C.A.S. Cogeis Spa SSC (Palazzo Uffici) GM Sinter Group - Stab. Tecsinter di Ivrea Cappio Baccanetto Claudio & C. Snc RGI Videodelta - S.R.L. Arpa CTS Electronics Sma Spa Wirelab Fasti Industriale Emmevi Mv S.P.A. Cell Tell Zanzi Officine Meccaniche SCS Società Canavesana Servizi Urmet Engineering (Palazzo Uffici) Gruppo NVD - N.V.D. Trading S.R.L. Ribes Informatica Innovis Abc Farmaceutici 24

25 3.1 ANALISI CASA-LAVORO: IL QUESTIONARIO L indagine di spostamenti casalavoro è stata attivata nel corso del 2010 e ha visto il coinvolgimento di 51 aziende, di cui 12 hanno fornito una risposta completa Le aziende che hanno risposto contano un totale di dipendenti. È stato richiesto alle aziende di fornire le anagrafiche anonime dei dipendenti in modo da mappare i flussi di mobilità casa-lavoro. AZIENDA DIPENDNETI INDIRIZZO COMUNE ANAGRAFICHE Dayco Europe 537 Stradale Torino, 603, IVREA Olivetti, Olivetti I-jet 227 Via Jervis, 77, IVREA Vodafone Omnitel N.V. 692 Via Jervis, 13, IVREA Poste Italiane 80 Corso Torino, 499, IVREA - Bracco Imaging 110 Via Ribes, 5, COLLERETTO GIACOSA - I.C.A.S. 84 Via Torino, 288, IVREA - RGI 150 Via C. Pavese, 6, IVREA - CTS Electronics 125 Corso Vercelli, 332, IVREA - Fasti Industriale 70 Via Polisen, 24, QUASSOLO Gatta 56 via Ribes, 15, COLLERETTO GIACOSA Consorzio Informatico Canavese Istituto Di Ricerche Biomediche Antoine Marxer Rbm Spa 155 Via Frai, IVREA Via Ribes, 1, COLLERETTO GIACOSA - 25

26 3.1 ANALISI CASA-LAVORO: GEOCODIFICA AZIENDE L obiettivo dell indagine è quello di introdurre delle iniziative di mobilità sostenibile e ottimizzare gli spostamenti casalavoro delle sedi aziendali del territorio eporediese. 26

27 3.1 ANALISI CASA-LAVORO: INTERVENTI ATTUATI Le aziende che hanno già introdotto la gestione organizzata o il sistema informativo per i servizi di Car Pooling, Car Sharing, Infomobilità o la promozione di acquisto dell abbonamento al trasporto pubblico verso i propri dipendenti mostrano l interesse di continuare ad usare gli strumenti indicati per le proprie sedi e per i spostamenti operativi dei dipendenti. SERVIZI GESTIONE ORGANIZZATA INTERESSE AD INTRODURRE I SERVIZI TOTALE CAR POOLING CAR SHARING INFOMOBILITÀ ABBONAMENTO TRASPORTO PUBBLICO

28 3.1 GEOLOCALIZZAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Sono stati mappati dipendenti di 5 aziende presenti sul territorio della conurbazione. Sono 341 i lavoratori che provengono dal Comune di Ivrea. I Comuni con più di 50 dipendenti nelle aziende dell area sono: Banchette (66) Castelmonte (62) Cuorgnè (51) Montalto Dora (56) Pavone Canavese (54) Strambino (80) Torino (88) 28

29 3.1 GEOLOCALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI: DAYCO L azienda Dayco, ubicata in Via Torino 603, a Ivrea, conta 528 dipendenti, provenienti da 115 comuni. Sono 77 i dipendenti provenienti dal Comune di Ivrea, ovvero il 15% dei lavoratori DAYCO PROVENIENZA # % IVREA 77 15% STRAMBINO 43 8% CUORGNE' 31 6% Gli operai sono 408 e lavorano su 3 turni, , e Sono 120 i dipendenti che lavorano dalle alle CASTELLAMONTE 29 5% PAVONE CANAVESE 21 4% TORINO 17 3% RIVAROLO CANAVESE 16 3% ALTRO % TOTALE % 29

30 3.1 GEOLOCALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI: FASTI L azienda Fasti, ubicata in Via Polisen 24, a Montalto Dora, conta 70 dipendenti, provenienti da 17 comuni. La maggior parte dei dipendenti proviene da Montalto Dora (23%)e altri comuni vicini all azienda. La maggior parte dei dipendenti lavora dalle 8.00 alle 17.00, ma gli orari sono flessibili. FASTI PROVENIENZA # % MONTALTO DORA 16 23% BORGOFRANCO D IVREA 14 20% IVREA 9 13% CHIAVERANO 4 6% BUROLO 3 4% STRAMBINO 3 4% ALTRO 21 30% TOTALE % 30

31 3.1 GEOLOCALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI: GATTA L azienda Gatta, ubicata in Via Ribes, 15, a Colleretto Giacosa, conta 60 dipendenti, provenienti da 25 comuni. GATTA PROVENIENZA # % IVREA 7 12% BANCHETTE 4 7% 20 dipendenti lavorano su due turni dalle 6.00 alle e dalle alle LESSOLO 4 7% TORINO 4 7% Il 12% dei dipendenti proviene da Ivrea. VISTRORIO 4 7% CASTELLAMONTE 3 5% PAVONE CAN. SE 3 5% SAMONE 3 5% ALTRO 28 47% TOTALE % 31

32 3.1 GEOLOCALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI: OLIVETTI L azienda Olivetti, ubicata in Via Jervis 77, a Ivrea, conta 422 dipendenti, provenienti da 114 comuni. Sono 79 i dipendenti provenienti dal Comune di Ivrea. La maggior parte dei dipendenti (278) lavora dalle alle16.36 e 98 dipendenti lavorano dalle 8.15 alle dipendenti lavorano su tre orari , e L azienda offre un servizio gratuito di navetta per i propri dipendenti. OLIVETTI PROVENIENZA # % IVREA 79 19% TORINO 24 6% CASTELLAMONTE 15 4% PAVONE CANAVESE MONTALTO DORA 15 4% 13 3% AGLIE' 12 2% CALUSO 12 2% ALTRO % TOTALE % 32

33 3.1 GEOLOCALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI: VODAFONE L azienda Vodafone, ubicata in Via Jervis 13, a Ivrea, conta 668 dipendenti, provenienti da 156 comuni. Sono 169 i dipendenti provenienti da Ivrea e 43 provenienti da Torino. L azienda lamenta carenza di collegamenti TPL per chi proviene da Torino Nel corso del 2006, l azienda ha redato il Piano di Spostamenti Casa-Lavoro dei dipendenti, dal quale viene evidenziato che: 51% utilizza l auto 10% utilizza la moto Il 2% utilizza la bici 22% utilizza la navetta aziendale 2% utilizza il car pooling 7% arriva a piedi VODAFONE PROVENIENZA # % IVREA % TORINO 43 6% BANCHETTE 35 5% STRAMBINO 21 4% CASTELLAMONTE 15 3% BORGOFRANCO D'IVREA MONTALTO DORA 14 2% 14 2% SAMONE 14 2% ALTRO % TOTALE % 33

34 3.1 MAPPATURA DEI SERVIZI NAVETTA Su 12 aziende intervistate solo 2 offrono per i propri dipendenti il servizio di navetta per gli spostamenti casalavoro-casa (Olivetti e Vodafone) con un totale di 5 mezzi. SERVIZIO NAVETTA OLIVETTI Servizio con partenza da Torino e arrivo ad Ivrea, e viceversa, con le fermate intermediarie a Mappano, Leinì, Volpiano e Scarmagno. Il servizio proposto è completamente gratuito per i dipendenti. SERVIZIO NAVETTA VODAFONE Dalle risposte del questionario è stato possibile mappare i percorsi delle navette aziendali con i collegamenti Torino - Ivrea, Milano Ivrea. Collegamenti: Torino-Ivrea Fasti Industriale SpA RGI SpA Poste Italiane Dayco Europe Srl ICAS SpA Bracco Imaging Servizio che collega Ivrea con Torino e Milano. Il servizio viene utilizzato dal 22% dei dipendenti. Milano-Ivrea OLIVETTI CTS Electronics SpA Vodafone Omnitel N.V. RBM SpA Gatta Srl 34

35 3.2 ANALISI SPOSTAMENTI CASA-SCUOLA: INTRODUZIONE L indagine di Mobility Management è stata attivata alla fine di febbraio 2010 con l obiettivo di introdurre delle iniziative di mobilità sostenibile e ottimizzare gli spostamenti casa-scuola delle sedi scolastiche del territorio eporediese. Il questionario ha trattato i seguenti temi: Mappatura dello stato attuale dei plessi scolastici; Mappatura delle esigenze di mobilità con i differenti mezzi di trasporto; Obiettivi, proposte di interventi e tematiche. 35

36 3.2 ANALISI CASA-SCUOLA: IL QUESTIONARIO L indagine di Mobility Management sulle scuole ha visto il coinvolgimento di 13 scuole per un totale di 55 plessi scolastici coinvolti. Oltre il I ed il III Circolo Didattico di Ivrea hanno risposto la Direzione Didattica di Azeglio, Strambino e Cagliero, le scuole Leonardo Da Vinci e D Andrade, il liceo A. Gramsci e Carlo Botta, l IIS Olivetti di Ivrea, l istituto CSEA e l istituto Giovanni Cena, la scuola secondaria di I grado E. Fermi. 36

37 3.2 MAPPATURA DEI PLESSI SCOLASTICI Dalle risposte del questionario è stato possibile mappare 31 plessi scolastici del territorio eporediese. In queste sedi giungono ogni giorno oltre persone tra studenti, insegnanti e personale ATA STUDENTI 902 INSEGNANTI 259 PERSONALE ATA Scuola D Azeglio I Circolo di Ivrea III Circolo di Ivrea.. IIS Olivetti Istituto G. Cena Liceo C. Botta Scuola di Strambino Scuola D Andrade Istituto Cagliero 37

38 3.2 MAPPATURA PLESSI SCOLASTICI ORARI ATA Ad eccezione del I Circolo Didattico di Ivrea e l Istituto Cagliero l orario di ingresso del personale ATA varia dalle ore 7.00 alle Per tutte le scuole analizzate l uscita del personale avviene entro le ore

39 3.2 MAPPATURA PLESSI SCOLASTICI: ORARI INSEGNANTI Prevalentemente l orario di ingresso degli insegnati varia dalle ore 7.50 alle Per tutte le scuole analizzate l uscita degli insegnati avviene entro le ore

40 3.2 MAPPATURA PLESSI SCOLASTICI: ORARI STUDENTI I Circoli Didattici di Ivrea, l istituto Cagliero e l IIS Olivetti hanno più orari di ingresso e uscita distribuiti nelle fasce e Dal questionario è emerso che nella sola fascia oraria oltre studenti si recano a scuola. 40

41 3.2 LE MODIFICHE DI ORARIO DEL 2010 A seguito della riforma scolastica del prossimo anno le scuole Leonardo Da Vinci ed E. Fermi subiranno una modifica degli orari di ingresso e di uscita; Le modifiche di tali orari coinvolgeranno oltre 530 studenti. Scuola Tipologia Vecchio Orario Nuovo Orario L. Da Vinci Personale ATA Insegnanti Studenti Personale ATA A seguito della riforma scolastica del prossimo anno le scuole IIS Olivetti Ivrea e Giovanni Cena subiranno una modifica degli orari di uscita; Le modifiche di tali orari coinvolgeranno oltre studenti. E. Fermi IIS Olivetti C.Cena Insegnanti / /14.00/16.00 Studenti Personale ATA Insegnanti Studenti Personale ATA Insegnanti Studenti

42 3.2 LE ABITUDINI DI SPOSTAMENTO CASA-SCUOLA Alcuni Circoli Didattici di Ivrea, come l istituto C. Cagliero e la scuola statale di Strambino, hanno redatto il Piano Spostamenti Casa- Scuola. L istituto IIS Olivetti di Ivrea ha condotto un questionario sia perle modalità di spostamento degli insegnanti, sia degli alunni. Dall analisi si evince che la maggior parte degli insegnanti si sposta con l auto, mentre gli studenti raggiungono la scuola principalmente con il TPL. Scuola Scuola di Strambino Istituto C. Cagliero Scuola primaria Olivetti Scuola primaria San Bernardo Liceo A. Gramsci Scuola primaria D Azeglio IIS Olivetti Ivrea Scuola dell infanzia di viale Biella Istituto "Giovanni Cena" * % degli insegnanti ** % degli studenti Metodo PSCS Split Modale Auto Moto Bici TPL Scuola Bus A Piedi Questionario 50% % 15% Indagine a campione N.D. N.D. N.D. N.D. N.D. N.D. Questionario 60% % Questionario 70% % Questionario 33% 3% 1% 58% - 5% Questionario N.D. N.D. N.D. N.D. N.D. N.D. Questionario 80%* 5%** N.D. 90%** N.D. 5% Questionario 80% N.D. 1% N.D. 4% 15% Altro N.D. N.D. N.D. N.D. N.D. N.D. 42

43 3.2 ANALISI SCUOLE: LE CRITICITÀ EMERSE (2/2) Dall analisi, 4 scuole hanno evidenziato che la velocità delle auto in prossimità degli ingressi risulta essere elevata. Giudizio sulla velocità delle auto in prossimità degli ingressi: Pericolosa; 20% Inoltre, 6 scuole giudicano la situazione della zona d ingresso fuori controllo e pericolosa. Elevata; 13% Media; 17% Moderata; 50% Giudizio sulla zona d ingresso durante l entrata e l uscita degli studenti: Senza problemi ma migliorabile; 23% Ben attrezzata; 27% Fuori controllo; 30% Disorganizzata; 23% 43

44 3.2 ANALISI SCUOLE: LE CRITICITÀ EMERSE (1/2) La maggior parte delle scuole che hanno partecipato al questionario evidenziano l assenza di piste ciclabili. Inoltre, 17 plessi analizzati presentano barriere architettoniche in prossimità degli ingressi. Giudizio sulla situazione delle seguenti aree intorno al plesso scolastico: Attraversamenti pedonali Segnaletica verticale Segnaletica orizzontale Barriere Architettoniche Percorsi ciclabili Percorsi pedonali % 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% LEGENDA: Non presente Precario Stato Discreto Stato Buono Stato 44

45 3.2 ANALISI SCUOLE: ELEMENTI DI ACCESSIBILITÀ (1/2) Sono 5 le scuole che hanno evidenziato rallentamenti e code nel traffico durante l entrata e l uscita degli studenti. 17 scuole invece non presentano ingressi per i disabili. Giudizio sulla situazione del traffico in prossimità degli ingressi: Rallentato; 17% Code; 3% Regolare; 43% Intenso; 37% Presenza di ingressi per disabili: NO; 57% SI; 47% 45

46 3.2 ANALISI SCUOLE: ELEMENTI DI ACCESSIBILITÀ (2/2) L indagine di mobility management ha permesso di evidenziare i principali ambiti di intervento per migliorare l accessibilità dei plessi. L elenco delle istanze di accessibilità inserite dalle scuole all interno del questionario è visionabile nell allegato 4. ACCESSIBILITÀ DELLE SCUOLE Alcune scuole della conurbazione sono sprovviste di marciapiedi e attraversamenti pedonali sicuri in prossimità degli ingressi. 8 plessi scolastici richiedono degli interventi per mettere in sicurezza le aree limitrofe alla sede. ESEMPI DI INGRESSI SCOLASTICI NON IN SICUREZZA Ingresso Scuola d infanzia Dora Baltea sprovvisto di segnaletica orizzontale e dossi artificiali di rallentamento Ingresso Scuola Media Statale Da Vinci sprovvisto di segnaletica verticale e dossi artificiali di rallentamento 46

47 3.2 I PERCORSI EDUCATIVI DELLE SCUOLE 23 scuole di quelle analizzate hanno offerto ai propri studenti percorsi di sicurezza stradale o di mobilità sostenibile; Gli studenti delle scuole D Andrade, D Azeglio, IIS Olivetti e scuola dell infanzia di viale Biella hanno partecipato a percorsi per la riduzione della CO2. Scuole che hanno offerto agli studenti percorsi di educazione alla sicurezza stradale o di mobilità sostenibile: Altro Educazione stradale Raccolta differenziata Mobilità sostenibile Educazione ambientale Scuole che hanno offerto agli studenti percorsi di riduzione delle emissioni di CO2 Piedi Bus 4 Car pooling scolastico - Bici Bus - 47

48 3.2 MAPPATURA PLESSI SCOLASTICI: PSCS Dal questionario è emerso che quattro scuole coinvolte hanno presentato istanze per aderire a bandi ministeriali inerenti la mobilità sostenibile. In particolare, la scuola primaria Alfredo D Andrade, scuola primaria Rodari, scuola dell'infanzia di viale Biella e la direzione didattica statale di Azeglio. SCUOLA SCUOLA PRIMARIA ALFREDO D ANDRADE SCUOLA PRIMARIA RODARI PROGETTO Progetto "Pedibus" Progetto "Pedibus" SCUOLA DELL'INFANZIA DI VIALE BIELLA "Ti Muovi" della provincia di Torino DIREZIONE DIDATICA STATALE DI AZEGLIO Educazione stradale Progetto "Ti muovi" 48

49 3.2 FOCUS IVREA: LA NUMEROSITÀ DEGLI STUDENTI La mappa a destra rappresenta la numerosità degli studenti sulle scuole mappate statali e non statali: - primarie - secondarie di I grado - secondarie di II grado e enti di formazione- Ogni giorno il territorio di Ivrea è interessato da: - oltre studenti di scuole primarie statali - ca. 700 studenti di scuole secondarie di primo grado - ca studenti di scuole secondarie di secondo grado - ca. 600 studenti di enti di formazione e C.T.P. per un totale di oltre studenti 49

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico O9 P o l i c y A d v i C E n ot e s innovativi per il trasporto L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali Convegno PREVENZIONE E SALUTE UN BINOMIO INSCINDIBILE SANIT Roma, 25 giugno 2009 Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali I Ciaramella SISP - ASL RM B In collaborazione con D D

Dettagli

magazine mobility press Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani

magazine mobility press Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani mobility press magazine Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani Art, le misure regolatorie per bandi di gara e convenzioni TPL Toscana: si pronuncia

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E

I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E U N O S T R U M E N T O F A C I L E, P R E C I S O E D E F F I C I E N T E ChronoMap è lo strumento ideale per le

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali

Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali Castel San Pietro Terme, 9 maggio 2014 Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali Ruggeri Denis Docente sezione ospedaliera IIS Castelli Brescia, collaboratore MIUR per il portale nazionale della

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Aggiornamento del Piano Urbano del Traffico del Comune di Bergamo

Aggiornamento del Piano Urbano del Traffico del Comune di Bergamo Aggiornamento del Piano Urbano del Traffico del Comune di Bergamo Presentazione dei contenuti del Documento di Piano 5 Dicembre 2012 Bergamo LE INDAGINI Le indagini di campo sono state effettuate in un

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Roma, aprile 2015 c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Bolzano, Pesaro, Ferrara e Treviso capitali della bici, almeno un quarto degli abitanti in bici tutti

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 History Integrated Mobility Trentino Transport system TRANSPORTATION AREAS Extraurban Services Urban Services Trento P.A. Rovereto Alto Garda Evoluzione

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

ESTRATTO ORARIO. Validità sino al 15.06.2011. Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus

ESTRATTO ORARIO. Validità sino al 15.06.2011. Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus ESTRATTO ORARIO Validità sino al 15.06.2011 Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus E tu cosa stai aspettando? Con il nuovo tram avrai corse più frequenti e veloci e un maggior

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

COMUNE DI MENCONICO PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI MENCONICO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI MENCONICO PROVINCIA DI PAVIA Via Capoluogo, 21-27050 Menconico (PV) Tel. 0383574001 - Fax 0383574156 P. IVA/C.F. 01240140184 Prot. n. 797 Menconico, 15 luglio 2010 Spett.le - COMUNE DI VARZI

Dettagli

Andare a scuola da soli

Andare a scuola da soli Bollettino a cura del Progetto di Ricerca "La città dei bambini", Reparto di Psicopedagogia, Istituto Psicologia del CNR di Roma via U. Aldrovandi, 18-00197 Roma, Tel. 06 3221198, Fax 06 3217090, cittbamb@kant.irmkant.rm.cnr.it

Dettagli

RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto. ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica

RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto. ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica AUTOGRILL: un esempio di successo! Installata la prima colonnina di

Dettagli

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015 DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO Valido dal 1 Gennaio 2015 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Descrizione della Nuova Struttura Tariffaria...4 2.1 Classe Tariffaria URBANO NAPOLI... 6 2.2 Classe Tariffaria URBANO

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO

CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO Fino al 6 maggio 2011 è possibile presentare la domanda per accedere ai contributi a sostegno delle famiglie per le spese di istruzione

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli