Cominciamo allora il nostro ragionamento con una osservazione del papa Benedetto XVI che ci permette di illuminare meglio il campo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cominciamo allora il nostro ragionamento con una osservazione del papa Benedetto XVI che ci permette di illuminare meglio il campo."

Transcript

1 Perugia, 12 maggio 2012 Eccellenze, Autorità, cari amici ed amiche Mi è stato chiesto di intervenire nel corso di questo incontro a metà strada tra la 46^ settimana sociale di Reggio Calabria e la prossima che si terrà a Torino nel In particolare il tema che ne occupa è vivere la comunità, costruire un nuovo welfare e con particolare riferimento al mio impegno (sono presidente regionale e dirigente nazionale del Forum delle Associazioni familiari) - cercherò di entusiasmarvi con riguardo alle immense energie umane e sociali che la famiglia, e in particolare la famiglia cristiana è in grado di liberare se adeguatamente custodita dal tessuto ecclesiale, morale e culturale del Paese. Il periodo ipotetico è d obbligo visto che tale custodia sembra sempre più essere un ricordo del passato. Non più tardi di ieri, sull onda delle analoghe dichiarazioni del Presidente degli Stati Uniti Obama, è stato pubblicato dall ANSA un sondaggio secondo cui anche il 53,4% dei cittadini della cattolicissima Italia è favorevole alle nozze gay. Prima di entrare in medias res è allora quanto mai opportuno interrogarci sulle ragioni profonde che hanno portato numerose realtà del nostro Paese ed anche alcune parti del mondo cattolico a lasciar incustodita la famiglia davanti agli attacchi cui quotidianamente viene sottoposta, favorendo lo sviluppo di un clima sociale sempre meno family friendly prima dal punto di vista antropologico e poi sul piano pratico. Cominciamo allora il nostro ragionamento con una osservazione del papa Benedetto XVI che ci permette di illuminare meglio il campo. Dice il papa che una mentalità che è andata diffondendosi nel nostro tempo, rinunciando ad ogni riferimento al trascendente, si è dimostrata incapace di comprendere e preservare l umano. La diffusione di questa mentalità ha generato la crisi che viviamo oggi, che è crisi di significato e di valori, prima che crisi economica e sociale 1 In molti ormai, in ogni luogo e ad ogni livello, si adoperano per cancellare dalle nostre leggi, dalle nostre istituzioni, dalle nostre consuetudini e anche dalla nostra cultura non solo la famiglia fondata sul matrimonio ma anche ogni altro possibile retaggio del cristianesimo. Gli stessi tuttavia paiono non rendersi conto che l arretramento del cristianesimo porta inevitabilmente con sé il ritorno di quelle strutture di peccato che due millenni di fede avevano via via allontanato dal sentire e dal vivere comune della nostra realtà sociale. 1 Benedetto XVI DISCORSO ALLA PLENARIA DEL PONTIFICIO CONSIGLIO PER I LAICI - Sala Clementina - Venerdì, 25 novembre 2011

2 In altre parole si vorrebbero mantenere in vita nelle strutture sociali dei paesi occidentali gli effetti del cristianesimo (libertà, fratellanza, rispetto dell uomo, pace, equità, coesione sociale, tolleranza, amore al prossimo) tentando implacabilmente di eliminarne la causa, e cioè LA FEDE, l incontro dell uomo con Dio. Questo tentativo è in sé stesso fallace e destinato al fallimento. Eliminando il cristianesimo infatti si eliminano per forza anche le sue conseguenze, primariamente nel cuore di ogni uomo e poi, a catena, nella famiglia, nella società, nel mondo. La scaturigine di ogni finalità dell agire umano, anche in campo economico o sociale, risiede nel cuore di ogni uomo, e non è lo stesso per l uomo agire con Dio o senza Dio. Per questa ragione il Compendio della Dottrina Dociale della Chiesa sente l esigenza di riaffermare tra i suoi principi informativi che Tutta la vita dell uomo è una domanda e una ricerca di Dio. Questa relazione con Dio può essere ignorata oppure dimenticata o rimossa ma non può mai essere eliminata. ( ). La persona umana è un essere personale creato da Dio per la relazione con Lui, che soltanto nella relazione può vivere ed esprimersi e che tende naturalmente a Lui 2. Non è dunque in nessun modo possibile costruire una Città degli uomini serena e ordinata se noi cristiani rinunciamo ad annunciare con la voce e con la vita ad ogni uomo che la morte è vinta in Cristo, che Dio non si è dimenticato dell uomo, di ogni uomo, ma che oggi, anche in questo preciso momento, sta con noi, ogni cosa è alla sua presenza e sottoposta al suo potere, e che Lui è Signore della storia e ci ama, ci perdona, ci vuole bene, ci attende, ci circonda di attenzioni, ci dona vita e vita eterna! Questo è stato il semplice ma totalizzante messaggio che dodici poveracci della Galilea hanno portato nella Grande Metropoli due millenni or sono, e che in soli tre secoli ha fatto cadere il più grande impero del tempo, ha radicalmente mutato le relazioni personali e sociali e ha fondato una nuova antropologia, riconoscendo finalmente la dignità di ogni essere umano, cosa mai vista fino ad allora in tutta la storia dell umanità. Qualora per primi noi credenti perdiamo di vista tutto ciò, parole come solidarietà, rispetto dell altro, accoglienza, giustizia, carità rischiano di assumere significati ben diversi o financo di perdere ogni significato. Qualche altro esempio, tratto dall esperienza familiare, potrà aiutarci. Non capita ormai sempre più spesso di sentire anche tra credenti che è giusto il divorzio se una coppia di sposi litiga? Oppure che è caritatevole aiutare a morire presto il malato terminale o il paziente in stato vegetativo? Non è forse vero che l aborto è stato legalizzato dal nostro ordinamento giuridico giustificato dal rispetto per la salute psicofisica della madre? Forse anche in questa sala qualcuno è convinto che la contraccezione sia un modo per esercitare la libertà personale, oppure che l uso degli anticoncezionali sia una forma di responsabilità e di solidarietà in un mondo già troppo popolato o magari sia un buon sistema per combattere la povertà del Terzo mondo? 2 Compendio dottrina sociale della Chiesa n. 109

3 Oppure che il rispetto e l accoglienza ci impongano di riconoscere i diritti delle coppie di fatto, magari anche omosessuali, giungendo per conseguenza come dice il sondaggio a riconoscere il matrimonio gay oppure come fanno nelle scuole medie di questa città - ad insegnare nelle scuole ai ragazzini di tredici anni che ognuno può e deve in ogni momento scegliere l identità sessuale che più gli aggrada? Molti credenti e alcune associazioni di credenti purtroppo hanno appoggiato e appoggiano direttamente o indirettamente, col loro impegno o col loro voto, col loro attivismo o col loro silenzio devastanti fenomeni come l aborto, il divorzio, la fecondazione assistita, la contraccezione, l eutanasia, il riconoscimento civile delle coppie di fatto o delle nozze gay. Non si sente forse dire sempre più spesso, anche nei nostri ambienti fin dagli anni settanta del secolo scorso noi non praticheremo mai il divorzio, l aborto, la convivenza, etc., ma non è giusto vietarlo a chi lo desidera? Ovviamente si tratta di distinguere tra ciò che deve essere vietato e ciò che semplicemente non deve essere pubblicamente riconosciuto, ma il principio di fondo è che qualche volta noi laici (e anche qualche presbitero o vescovo) non ce la sentiamo più di difendere la posizione del magistero della Chiesa su alcune questioni, perché riteniamo che alcuni principi non siano condivisibili, oppure che riguardino solo i credenti, oppure ancora che in fondo non spetti a noi farlo. Queste persone e queste realtà sono sostanzialmente vittime di un grande inganno, che si sta diffondendo e che ha ormai raggiunto la maturazione. Il card. Caffarra, in un suo intervento di quest anno, riassume in modo magistrale il punto: riferendosi al matrimonio ma quale esempio di un generale fraintendimento della dottrina cristiana dice che La proposta cristiana circa il matrimonio e la famiglia, l Occidente ha sempre avuto difficoltà ad accettarla sul piano pratico. E stato un atteggiamento che potrei riassumere nel seguente modo: questo modo di concepire il matrimonio (ma si potrebbe dire lo stesso in ordine all intera dottrina sociale della Chiesa n.d.a.) è vero, è bello ma non è praticabile nella sua interezza ( ). In questi ultimi decenni tuttavia è avvenuta ed è ancora in atto una vera svolta epocale. Non è la non praticabilità della proposta cristiana che è messa in questione; è la sua verità. ( ) Non viene detto: la proposta cristiana è impraticabile; viene detto: è falsa.. 3 Vorrei richiamare l attenzione di tutti su questo aspetto, perché è dirimente. La radice di questa caduta, di questo cataclisma culturale e sociale sta essenzialmente nella perdita della fede da parte di chi dovrebbe, o avrebbe dovuto custodire con la parola e con la testimonianza la verità di quanto annunciato dal Vangelo. E non si pensi che il problema sia limitato alla famiglia. La famiglia infatti è il paradigma che informa di sé l intero vivere sociale, e per questa ragione è la prima ad essere sotto attacco. Ma già si vedono gli effetti anche su altri piani; si pensi al fenomeno dell immigrazione, sempre meno tollerata e sempre più 3 Carlo Card. Caffarra L amore della famiglia naturale sfida il nichilismo Bologna 5 febbraio 2012

4 mal gestita, oppure al mondo del lavoro in cui sotto la spinta della crisi - le dinamiche solidaristiche innescate dalla antropologia cristiana e dalla dottrina della prossimità evangelica stanno sempre più spesso lasciando il posto a scontri tra opposti egoismi che nel migliore dei casi si tenta di regolamentare. Si pensi alle nuove schiavitù, dalla prostituzione alla pedopornografia al lavoro clandestino, si pensi alla strage degli innocenti silenziosamente celebrata nelle ostetricie degli ospedali di tutto il mondo. Nel nostro Paese assistiamo a comportamenti di massa sempre più spesso precristiani e le culture che avanzano nel mondo sono sostanzialmente pagane o comunque refrattarie a quei valori cristiani che hanno permeato per millenni il nostro humus sociale: si pensi alla idea di uomo e alla condizione dei lavoratori nella Cina post-comunista oppure a quella delle donne nell Islam solo per citare alcuni limitati esempi. Rileggendo la lettera a Diogneto possiamo quasi fare un viaggio al contrario: in quel periodo stavano sbocciando i meravigliosi effetti sociali del cristianesimo a contrasto con la screpolata e marcescente realtà morale del tardo impero, oggi - con l arretramento della fede sembrerebbe assistersi al fenomeno contrario: Diceva Diogneto dei cristiani: Partecipano a tutte le attività di buoni cittadini e accettano tutti gli oneri come ospiti di passaggio 4. Pensiamo alle nostre forme di partecipazione alla politica e alla amministrazione della cosa pubblica, l attaccamento al posto di potere che anche alcuni credenti manifestano senza vergogna Si sposano e hanno figli, ma non espongono i loro bambini 5 Pensiamo all attacco alla famiglia, alla contraccezione, all aborto legalizzato, alle politiche di sostegno alla natalità che mancano da decenni... Hanno in comune la mensa, ma non il talamo 6. Pensiamo agli adultéri, agli spettacoli televisivi, alle chat per scambi di coppie, alla pornografia, alla sodomia, al divorzio. Obbediscono alle leggi stabilite, ma, con il loro modo di vivere, sono superiori alle leggi 7. Pensiamo all evasione fiscale, alle truffe, ai latrocini di denaro pubblico Che fare dunque? In tempi come i nostri son persuaso che sia nostro primo compito sociale portare ad ogni uomo il nucleo irriducibile del messaggio cristiano, messaggio che nessuna religione, nessuna ideologia umana, nessuna filosofia può cogliere appieno e che tuttavia è l unica scintilla in grado di accendere il fuoco, è il lievito che fa fermentare la farina, è il sale che dà gusto a tutto il cibo, è in definitiva l autentica energia che muove l universo e cioè l amore in una prospettiva trascendente che viene prima ricevuto da Dio e poi, donato al prossimo, diventa agapè, dono di sé, amore senza condizioni, amore all altro anche se ci è nemico. 4 Lettera a Diogento, V. 5 Ib. 6 Ib. 7 Ib.

5 Il card. Bagnasco nel suo discorso a Reggio Calabria in occasione dell apertura delle Settimane sociali ci diceva che L immagine evangelica del sale della terra e della luce del mondo (Mt 5, 13-14) è un riferimento significativo che guida la presenza dei cattolici nella società 8. E il sale si scioglie, perde la vita per amare. Questa tuttavia è una missione che lo stesso card. Bagnasco definisce come umanamente impossibile. 9 Infatti perché mai dovrei accogliere lo straniero che viene in Italia o perché dovrei aiutare una donna prostituta, perché dovrei accettare che nasca il mio terzo o il quarto figlio anziché ricorrere alla contraccezione o all aborto? Perché dovrei rispettare i diritti dei lavoratori anziché tenere per me ogni profitto oppure perché dovrei continuare ad essere fedele a mia moglie che magari mi ha tradito? Perché sostenere il peso di un figlio disabile o di un anziano che posso collocare altrove? Perché vivere castamente l omosessualità e non usare le persone per il mio soddisfacimento carnale? Perché spendere la mia vita per educare le giovani generazioni alla conoscenza di Dio? La risposta è tuttavia tale da non lasciare alternative: infatti o saremo in grado di testimoniare che c è un Padre comune, e quindi siamo tutti fratelli, che c è la vita eterna e quindi possiamo perdere la vita terrena per amare chi ci sta accanto, oppure varrà sempre e solo la legge del più forte; se la vita è una sola, cari amici, mangiamo e beviamo perché domani moriremo 10. Non si può imitare, scimmiottare questa forma di amore, ma solo riceverla in dono da Dio; questo è essere sale, ma se i cristiani perdono sapore, perdono la loro tensione verso il Cielo, verso la Vita e la Vita eterna, il cristianesimo si riduce ad una vuota filantropia, ad un solidarismo paternalista di bassa lega che non serve a nessuno se non ad essere gettato via. Non è importante che tutto il mondo diventi cristiano, che tutta la società diventi cristiana, ma è tuttavia fondamentale che ci siano cristiani nel mondo e nella società, che custodiscano, mostrino al mondo e testimonino che amare è vero, amare è possibile. Tale forma di amore come dicevo - è possibile solo ai cristiani che vivano nella fede, immersi nel mistero di Cristo, imbevuti dalla sua concreta presenza che si realizza nell essere innestati in una comunità e nell essere nutriti abbondantemente con la Parola di Dio e con i sacramenti. Tutto ciò non è un surplus da affiancare alle opere sociali ma è un ineludibile antefatto se si vuole che la presenza cristiana nel mondo sia autentica, vera, fertile e feconda. Il mondo ne ha diritto. l card. Bagnasco sempre a Reggio Calabria non esita a dire proprio a noi che Senza questo primato della vita spirituale che è la vita con Cristo nella Chiesa non esiste possibilità di presenza dei cattolici ovunque siano nella società Angelo Card. Bagnasco Logos e agape. Intelligenza della fede e trasformazione della società. Reggio Calabria 14 ottobre Cfr. Ib. N Cor 15, Cfr. Ib. N. 2

6 Benedetto XVI va oltre, affermando che Spesso ci preoccupiamo affannosamente delle conseguenze sociali, culturali e politiche della fede, dando per scontato che questa fede ci sia, ciò che purtroppo è sempre meno realista. Si è messa una fiducia forse eccessiva nelle strutture e nei programmi ecclesiali, nella distribuzione di poteri e funzioni; ma cosa accadrà se il sale diventa insipido? 12 Forse stiamo progressivamente perdendo di sapore. Realtà esplicitamente o implicitamente cattoliche, magari cariche di storia e di gloriose tradizioni o fondate da persone piene di fede, realtà che negli anni passati hanno animato e fecondato la scena sociale, proponendo per prime la dottrina sociale della Chiesa in tempi senz altro difficili, sembrano oggi aver perso la loro radice in Cristo e rischiano di trasformarsi ove in agenzie di collocamento, ove in sterili pensatoi, ove in lobbies, ove in cripto-partiti, ove in istituti bancari o assicurativi votati al profitto, ove ancora in semplici movimenti di opinione, spesso recependo ideologie mondane assai lontane dalla verità e comunque sempre appiattendosi su una dimensione orizzontale ed immanente del vivere umano. Lo dico da dirigente nazionale di una associazione di associazioni cattoliche: dobbiamo vigilare, dobbiamo stare attenti alla tentazione del fare, che rischiamo di far prevalere sull essere. Inoltre non possiamo più dare per scontata la nostra fede e quella dei nostri associati. L aveva intuito Giovanni Paolo II che ricordava: Il nostro è tempo di continuo movimento che giunge spesso fino all agitazione, col facile rischio del fare per fare. Dobbiamo resistere a questa tentazione, cercando di essere prima che di fare 13. Benedetto XVI lo ha riaffermato rivolgendosi ai vescovi della Svizzera: Si può fare molto, tanto nel campo ecclesiastico, tutto per Dio, e in ciò rimanere totalmente presso sé stessi, senza incontrare Dio. ( ) L impegno sostituisce la fede, ma poi si vuota dall interno 14. Non possiamo permettercelo. E indispensabile che le nostre realtà cattoliche impegnate in ogni campo del sociale tornino a nutrire e curare in primo luogo la conversione personale di ciascuno. Come scrisse Paolo VI: Ciascuno esamini se stesso per vedere quello che finora ha fatto e quello che deve fare. Non basta ricordare i principi, affermare le intenzioni, sottolineare le stridenti ingiustizie e proferire denunce profetiche: queste parole non avranno peso reale se non sono accompagnate in ciascuno da una presa di coscienza più viva della propria responsabilità e da un azione effettiva. È troppo facile scaricare sugli altri la responsabilità delle 12 Benedetto XVI Omelia pronunciata a Terreiro do Paço di Lisbona, 11 maggio Giovanni Paolo II Novo Millennio Ineunte n Benedetto XVI, Omelia all episcopato della Svizzera, 7 dicembre 2006

7 ingiustizie, se non si è convinti allo stesso tempo che ciascuno vi partecipa e che è necessaria innanzitutto la conversione personale 15 Ecco, credo sia importante aver chiaro questo: ognuno di noi può dare solo quello che ha; se non riceve l amore di Dio come può portarlo agli altri? Dovrà necessariamente avere un luogo ove RICEVERE e cioè la famiglia cristiana, la comunità cristiana, la Parola e i sacramenti, e un luogo dove DARE e cioè il lavoro, il volontariato, l impegno sociale e politico. Senza questo si rischia di non aver nulla da dare, o peggio di portare solo SE STESSI. Un aiuto in questo senso può venire dall esperienza dei movimenti e delle nuove realtà scaturite dalla inesauribile fecondità dello Spirito Santo dopo il Concilio Vaticano II. Ponendo nuovamente al centro della vita delle persone l incontro col Cristo risorto, questi movimenti hanno permesso alle persone, per così dire, di sentirsi di nuovo riempite. Il loro traboccare sta provocando un silenzioso miracolo sociale che sta innervando di sé il tessuto della famiglia, della Chiesa e della società. Non di rado le persone che hanno incontrato Cristo grazie ai nuovi movimenti e continuano a riceverlo nelle loro comunità possono riversare ad extra il loro impegno offrendo le loro energie - santificate dalla presenza di Cristo - anche al volontariato e all associazionismo. E quando rinasce la persona rinasce la famiglia, rinasce la comunità, rinasce la società: siamo testimoni di coppie che pur immerse nella società edonista che tutti ben conosciamo - vivono la vita matrimoniale nella reciproca fedeltà e nel mutuo amore, appoggiati quotidianamente in Cristo e nella Chiesa. Contempliamo la meravigliosa esperienza di coppie separate, magari segnate da gravi peccati, che dopo aver incontrato il Signore tornano a vivere insieme perdonandosi di cuore e ricostruendo il loro matrimonio. Conosciamo coppie in crisi che liberamente e per amore a Gesù scelgono di non divorziare ma di portare faticosamente ma con gioia il peso delle loro difficoltà matrimoniali. Assistiamo anche nella crisi economica al miracolo di coppie che pur nella precarietà economica decidono liberamente di aderire alla parola di Dio e della Chiesa e di aprirsi con generosità alla vita accogliendo il quinto, il sesto, il decimo figlio. Conosciamo coppie sterili che obbedendo al magistero della Chiesa hanno rinunciato alla chimera della fecondazione assistita e si sono aperte all adozione e all affido. Sappiamo di famiglie che hanno accolto persone disabili e di madri che pur se sollecitate non hanno abortito i piccoli disabili che portavano in grembo. Abbiamo visto famiglie pur gravate dai quotidiani impegni - prendersi cura e tenere in casa i loro anziani, accudendoli amorevolmente di persona anziché relegarli nelle gabbie dorate dei gerontotrofi. Incontriamo sempre più spesso giovani che nonostante il bombardamento porno-erotico cui siamo sottoposti - vivono castamente il loro fidanzamento, non per inibizione ma per amore a Cristo, famiglie che portano il peso di altre 15 Paolo VI, Octogesima adveniens, 48.

8 famiglie offrendo solidarietà anche economica, genitori che educano con pazienza i loro figli nella fede, donando loro ciò che di più inestimabile possiamo lasciare ad un uomo, e cioè la via per incontrare Dio. Conosciamo giovani che si donano generosamente al servizio dell umanità, spendendo la loro vita nell evangelizzazione, nelle missioni, oppure rispondendo con generosità alla vocazione presbiterale o monacale, anziani e vedove che si dedicano al servizio della preghiera e dell accoglienza. E tutto questo viene fatto non come impegno, non come qualcosa che bisogna fare, ma come una conseguenza spontanea e necessaria dell incontro personale con Cristo Risorto. Questo è il nuovo, autentico welfare in grado di cambiare radicalmente la società e di costruire la civiltà dell amore. La famiglia stabile, fondata sul matrimonio e aperta alla vita è la prima, primordiale scuola di amore gratuito, di donazione di sé. Ogni uomo e ogni donna di buona volontà, per mezzo della famiglia, impara naturalmente ad amare il coniuge, ad accettarlo anche quando brontola o la pensa diversamente, impara ad accogliere altri esseri umani i figli - e a donare loro gratuitamente tutto ciò che ha di più prezioso senza pretendere nulla in cambio, impara a riaccogliere i genitori anziani. Impara ad amare, ed amando si innamora dell amore. E innamorandosi dell amore prima o poi si arriva per forza a Dio. Se poi la famiglia è cristiana, come dicevamo prima, che meraviglia, che miracoli! Abbiamo letto tutti la storia del beato Giuseppe Tovini, con dieci figli, che muore a quarantre anni dopo aver fondato tre banche, un collegio, una università, un quotidiano e aver costruito una ferrovia, o del neo-beato Giuseppe Toniolo, che aveva sette figli e ha trovato il tempo di fondare le Settimane Sociali, o di Luigi e Maria Bertrame Quattrocchi con la loro straordinaria esperienza di spiritualità familiare! Si isti et istae, cur non ego? diceva S. Agostino 16. Se questi hanno potuto, grazie al Signore Dio, perché non noi? Loro hanno combattuto e vinto la pacifica battaglia dei loro tempi, a noi spetta quella dei nostri tempi. Il nostro compito di associazionismo cattolico è dunque di tornare a custodire e sostenere la conversione della persona, e la conversione delle persone nella famiglia; questo è l unico modo efficace per sostituire progressivamente le strutture sociali di peccato con strutture sociali di amore, formando persone nuove, persone risorte che camminano nel mondo informate dall amore di Dio. Le giovani generazioni hanno il diritto che si trasmetta loro la fede, questa misura di amore. Se il nostro Paese non riuscirà a custodire la famiglia fondata sul matrimonio, cedendo ai numerosi attacchi che le vengono mossi sul piano legislativo, culturale, ideologico e pratico perderemo tutte quelle immense energie di cui parlavamo poc anzi e in breve tempo ci troveremo davanti ad un autentica 16 S. Agostino, Confessioni 8, 27 Tu non poteris, quod isti, quod istae? An vero isti et istae in se ipsis possunt ac non in Domino Deo suo?

9 implosione della nostra società, con le gravissime sofferenze individuali e collettive che inevitabilmente ne deriveranno. Gli strumenti da impiegare per custodire la famiglia sono molteplici, tanti quanti la nostra cultura, la nostra fantasia, la nostra conoscenza e il nostro know-how potranno escogitare. Abbiamo la conciliazione per le coppie in crisi, il sostegno alla genitorialità, la battaglia fiscale sul fattore famiglia, l esperienza dei comuni a misura di famiglia di cui parleremo dopo, l impegno a difesa della vita nascente, la promozione della libertà di educazione e della scuola cattolica, la armonizzazione dei tempi famiglia-lavoro, l equità di trattamento per le famiglie numerose, l aiuto alla disabilità, il sostegno alle adozioni e agli affidi e così via,, tutte cose utilissime e fondamentali per una società rivolta al bene comune. Ma il primo e principale degli impegni è quello di mostrare con le nostre famiglie che - con Cristo - amare l altro anche quando ti diventa nemico, donare sé stessi per amore, completamente e senza riserve E POSSIBILE, E VERO, E BELLO. Questa è la vera rivoluzione sociale. Queste sono le vere buone pratiche. Questo è costruire un nuovo welfare.

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa?

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Il matrimonio cristiano chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Antonio Tavilla IL MATRIMONIO CRISTIANO chi si sposa in chiesa sa quello che fa? religione e spiritualità www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

Sacramento del. I segni importanti del Battesimo sono:

Sacramento del. I segni importanti del Battesimo sono: Sacramento del Il Battesimo è la purificazione dal peccato originale e il dono della Nuova Vita, come amati e prediletti Figli di Dio, appartenenti alla famiglia della Chiesa per mezzo dello Spirito Santo.

Dettagli

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 GENNAIO 2014 Perché venga promosso un autentico sviluppo economico, rispettoso della dignità di tutti gli uomini e di tutti i popoli. Perché i cristiani

Dettagli

Dilecti amici Carissimi giovani

Dilecti amici Carissimi giovani 5 INDICE Dilecti amici 1. Auguri per l anno della gioventù 9 2. Cristo parla con i giovani 12 3. La giovinezza è una ricchezza singolare 15 4. Dio è amore 19 5. La domanda sulla vita eterna... 22 6....

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Crescere nella Fede alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Due mentalità, due logiche Un cammino di fede Un corso di dottrina Due approcci educativi Strada La Rivelazione cristiana incontrare la

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

" UN AMORE Celeste Programmazione di Educazione Religiosa Scuola dell Infanzia Paritaria C. Arienta Prato Sesia a.s. 2015-2016

 UN AMORE Celeste Programmazione di Educazione Religiosa Scuola dell Infanzia Paritaria C. Arienta Prato Sesia a.s. 2015-2016 " UN AMORE Celeste Programmazione di Educazione Religiosa Scuola dell Infanzia Paritaria C. Arienta Prato Sesia a.s. 2015-2016 Alle Scuole Paritarie è assicurata piena libertà per quanto concerne l orientamento

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Misericordiosi))come) il))padre) Esperienza)della)grazia)nell'unità)

Misericordiosi))come) il))padre) Esperienza)della)grazia)nell'unità) LetteradiNatale2015dell'AbateGeneraleOCist Misericordiosi))come))il))Padre) Roma,8dicembre2015 Solennitàdell'Immacolata Carissimi Vi scrivo questa lettera di Natale proprio mentre inizia il Giubileo della

Dettagli

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 1. VANGELO SECONDO GIOVANNI LEZIONE DEL 21-09-2012 ARGOMENTI: a. Introduzione al corso; i. Il Vangelo di Giovanni parla di che cos

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro

Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro Signore Gesù, tu ci inviti ad essere germe fecondo di nuovi figli per la tua Chiesa. Fa che possiamo diventare ascoltatori attenti della tua Parola

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

SCUOLA DI PREGHIERA 7 SEMINARIO Scifì Parrocchia Sant Alfio 16/12//08

SCUOLA DI PREGHIERA 7 SEMINARIO Scifì Parrocchia Sant Alfio 16/12//08 SCUOLA DI PREGHIERA 7 SEMINARIO Scifì Parrocchia Sant Alfio 16/12//08 DISCERNIMENTO PERSONALE : In quale membro della chiesa di Cristo ti riconosci? Catechesi tenuta da Padre Francesco Broccio Lode! Lode!

Dettagli

SEMINARIO. Giovedì, 9 ottobre 2014. Sede ACI Roma, Via della Conciliazione 1 (II piano)

SEMINARIO. Giovedì, 9 ottobre 2014. Sede ACI Roma, Via della Conciliazione 1 (II piano) SEMINARIO Giovedì, 9 ottobre 2014 Sede ACI Roma, Via della Conciliazione 1 (II piano) La proposta di nuovi modelli di santità coniugale potrebbe favorire la crescita delle persone all interno di un tessuto

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 Le insegnanti Ferraris Paola Lupo Rosalia Merino Alessia RELIGIONE CLASSE PRIMA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA

L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA UNITÀ 1 Capitolo 1 L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA In questo capitolo vedremo: - la motivazione dell'irc nella scuola in genere - la motivazione dell'irc nella scuola cattolica

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

uno sguardo che sapeva elevarsi e arrivare lontano

uno sguardo che sapeva elevarsi e arrivare lontano uno sguardo che sapeva elevarsi e arrivare lontano La Casa della Carità, nasce nel 1941 dall intuizione di Don Mario Prandi, Parroco di Fontanaluccia, per rispondere al bisogno di assistenza di alcune

Dettagli

Vediamone una alla volta.

Vediamone una alla volta. SESSUALITÀ: SI APRE UN MONDO! Non lasciarti ingannare anche tu. SESSUALITÀ È TUTTA LA PERSONA UMANA. Secondo il modello proposto da Fabio Veglia 1, l esperienza della sessualità umana si organizza intorno

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù.

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù. RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I U A OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI CONTENUTI/ ATTIVIT À COMPETENZE PERIODO UA n 1 Unici e speciali Cogliere la diversità tra compagni ed amici come valore e ricchezza.

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli