GIURISPRUDENZA CIVILE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GIURISPRUDENZA CIVILE"

Transcript

1 N. 9 SETTEMBRE 2009 Anno XXV RIVISTA MENSILE de Le Nuove Leggi Civili Commentate ISSN LA NUOVA GIURISPRUDENZA CIVILE COMMENTATA Estratto: barbara bottalico Familiarità dei caratteri ereditari e diritti individuali: un caso davanti al Tribunale di Milano

2 FAMILIARITÀ DEI CARATTERI EREDITARI E DIRITTI INDIVIDUALI: UN CASO DAVANTI AL TRIBUNALE DI MILANO (*) di Barbara Bottalico Sommario: 1. Il nuovo rilievo giuridico del «gruppo biologico». 2. Il Caso P. 3. I precedenti giurisprudenziali. 4. Confini del gruppo biologico e legittimazione giuridica. 5. Ereditarietà dei caratteri: dissolvenza biologica e rilevanza giuridica. 6. Quale regola per i conflitti interni al gruppo biologico? 7. Quale dimensione per l individuo? 1. Il nuovo rilievo giuridico del «gruppo biologico». I recenti sviluppi della genetica hanno fatto emergere a livello giuridico il tema della familiarità dei caratteri ereditari. I concetti di sfera individuale e di privacy di ciascun individuo entrano così in conflitto con i diritti individuali degli altri membri del gruppo biologico di appartenenza. Della questione, a livello giuridico, ha iniziato ad occuparsi la Direttiva n. 95/46/CE sulla protezione dei dati personali: pur non contenendo alcun riferimento diretto ai dati genetici, essa si riferisce alla più ampia categoria dei dati personali, definiti come «qualsiasi informazione concernente una persona fisica identificata o identificabile» (art. 1) ( 1 ). Viene infatti sottolineata la necessità del rispetto, nel trattamento dei dati personali, delle libertà e dei diritti fondamentali delle persone fisiche, ed in particolare della vita privata, specificando inoltre che il trattamento dei dati personali debba (*) Il lavoro è stato presentato al Forum di Biodiritto svoltosi a Trento il e verrà successivamente pubblicato in Forum di Biodiritto Il trattamento dei dati genetici, a cura di Piciocchi- Veronesi-Casonato, Cedam. ( 1 ) Direttiva n. 95/46/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio relativa alla tutela delle persone fisiche con riguardo alla tutela del trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati, adottata il , in: (visitato il: ). comunque essere considerato lecito quando effettuato per tutelare un interesse essenziale alla vita della persona interessata. Alcuni anni dopo, il Documento di Lavoro europeo sui dati genetici del 17 marzo 2004, nella premessa così afferma: «I progressi tecnici compiuti recentemente dalla scienza nel settore della ricerca genetica hanno fatto sorgere nuove domande sulla protezione dei dati e preoccupazioni per quanto riguarda l importanza e l impatto dei test genetici e il trattamento dei dati genetici. Un efficace protezione dei dati genetici può essere considerata oggi un presupposto per garantire il rispetto del principio di eguaglianza e per fare del diritto alla salute una realtà» ( 2 ). All interno di questo campo, obiettivamente travagliato, un caso di recente deciso dal Tribunale di Milano ( , supra, Parte prima, 924) coglie un aspetto di particolare interesse. Il Giudice accoglie la richiesta di effettuare un prelievo di campione biologico da un defunto (il dott. P.), con finalità di ricerca genetica, sulla base di una richiesta avanzata dalla moglie e dai suoi due figli. In questo lavoro, il caso verrà analizzato sotto un duplice profilo: da un lato, gli elementi di fatto e di diritto che caratterizzano la richiesta dei ricorrenti e che sono stati valutati dal Giudice nella decisione di autorizzare il prelievo dal corpo del defunto; dall altro lato, si indagherà sulla reale estensione dei diritti in gioco, e sui principi che ne costituiscono il fondamento, riflettendo sul bilanciamento che si rende necessario nel momento in cui essi risultino configgenti. Nella seconda parte, si vedrà poi come nei ( 2 ) Documento di Lavoro sui Dati Genetici, adottato a Bruxelles il dal Gruppo di Lavoro per la tutela dei dati personali, in: (visitato il: ). NGCC Parte seconda 399

3 Aggiornamenti precedenti casi in materia, decisi da corti italiane ed europee, il diritto alla privacy del defunto sia risultato in conflitto con i diritti vantati dalle persone in vita che richiedevano l effettuazione di tali prelievi, in primo luogo al fine di tutelare la propria salute. Nel caso del dott. P., non vengono riscontrati elementi che lascino presumere la contrarietà dello stesso allo svolgimento di indagini genetiche sulla sua persona, e il Giudice, considerata la non invasività dell attività richiesta sulla base di tale considerazione, autorizza il prelievo. Si analizzerà inoltre la rilevanza assunta dalla questione della legittimazione giuridica dei ricorrenti, sulla base dell ipotesi che altri appartenenti al «gruppo biologico» del dott. P potrebbero vantare un diritto ad agire o a prendere parte al giudizio in forza dei dati biologici condivisi. Verranno infine prese in considerazione le attuali indicazioni legislative e regolamentari, sia italiane che europee, in materia di dati genetici ed estensione del gruppo biologico, nonché di regolamentazione dei conflitti interni a tale gruppo (cfr. par. 5), cercando anche di evidenziare se sia possibile tracciare una linea di confine rispetto all estensione della sfera personale di ogni individuo, e secondo quali criteri. Tutto ciò dovrà necessariamente tenere conto della correlazione genetica di tutti gli esseri umani ma, allo stesso tempo, della necessità di proteggere la sfera individuale e i diritti fondamentali di ogni soggetto. 2. Il Caso P. Nel mese di novembre 2008, la famiglia del defunto dott. F.P., composta dalla moglie G.P., dal figlio R.P. e dalla figlia M.P., richiede al Comune di Milano la sospensione della cremazione della salma, rivolgendosi poi alla magistratura ordinaria per ottenere l autorizzazione ad effettuare un prelievo di campione biologico con finalità di accertamento genetico. Nel ricorso presentato al Tribunale di Milano si chiede infatti l emissione di un decreto di autorizzazione affinché il corpo del defunto sia trasportato all Obitorio Comunale e collocato in una cella frigorifera per il successivo prelievo di tessuto muscolare, da cui si sarebbe ottenuto il campione di DNA. Le motivazioni di tale domanda sono principalmente due. In primo luogo, la richiesta trae origine dal fatto che un raro deficit del metabolismo energetico dei muscoli scheletrici (deficit di mioadenilato deaminasi) era stato diagnosticato a R.P., figlio del defunto: deficit molto probabilmente di carattere ereditario, per il quale allo stato mancano farmaci efficaci. Al fine di consentire una utile evoluzione della ricerca medica nel campo, viene prospettata la necessità di un analisi approfondita delle risultanze di un confronto genetico. La seconda motivazione attiene al fatto che il dott. P. fosse affetto da adenocarcinoma con profilo immunoistochimico compatibile con primitività polmonare e che, in passato, fosse stato colpito da una neoplasia alla prostata; anche la madre e la sorella del defunto avevano curato diverse tipologie di tumori e neoplasie. Tali circostanze inducono a considerare la possibile ereditarietà di simili malattie di cui, pertanto, potrebbero essere affetti anche i figli del dott. P. Lo scopo dell indagine genetica è quindi l individuazione di un difetto genetico ereditario, la sua possibile trasmissione ai discendenti, nonché la suscettività familiare allo sviluppo di tumori. Nel ricorso viene indicato il nominativo di un medico specialista di fiducia che effettuerebbe, con l eventuale partecipazione di un rappresentante della ASL competente, il prelievo richiesto, seguendo due diverse tipologie di indagine: l analisi di associazione genica, svolta attraverso l identificazione del tratto genomico trasmesso nella famiglia con il fenotipo, e l analisi mutazionale, ovvero la ricerca di eventuali mutazioni del marcatore genico del fenotipo. Il Comune di Milano, costituitosi in causa, ha chiesto il rigetto del ricorso per insussistenza di una situazione giuridica qualificabile come diritto soggettivo; il Tribunale ha invece autorizzato il prelievo, accogliendo nel merito il ricorso. Quali sono stati gli elementi di diritto considerati dal Giudice e quali le valutazioni su un caso di prelievo di DNA da defunto con finalità predittive e diagnostiche? Le motivazioni addotte dal Giudice attengono in primo luogo alla qualificazione giuridica del bene tutelando. Tale bene è la salute, intesa nel più ampio senso del diritto all indagine genetica e alla cura, eventuale e futura, della patologia di R.P., 400 NGCC Parte seconda

4 Familiarità di caratteri ereditari e diritti individuali nonché alla conoscenza della incidenza e trasmissibilità della malattia. Avendo la tutela della salute rango costituzionale (art. 32 Cost.), l interpretazione di tale diritto si estende sia alle finalità diagnostiche sia a quelle potenzialmente predittive dei test che saranno effettuati. Per tale ragione, si sostiene l esistenza di un vero e proprio diritto soggettivo della famiglia ad effettuare il prelievo di campioni biologici dal corpo del defunto. Un secondo profilo di analisi della Corte riguarda la possibile invasività del prelievo: trattasi nel caso di specie di attività qualificata come non invasiva e rispettosa della salma del defunto, nonché coerente con le scelte operate e le idee espresse dal dott. P. in vita, dalle quali si può presumere la non contrarietà dello stesso al prelievo autorizzato. ( 3 ) Corte Eur. Dir. Uomo, , Jaggi c. Svizzera (ric. n /00). ( 4 ) CEDU, Art. 8 Diritto al rispetto della vita privata e familiare: 1. Ogni persona ha diritto al rispetto della sua vita privata e familiare, del suo domicilio e della sua corrispondenza. 2. Non può esservi ingerenza della pubblica autorità nell esercizio di tale diritto se non in quanto tale ingerenza sia prevista dalla legge e in quanto costituisca una misura che, in una società democratica, è necessaria per la sicurezza nazionale, l ordine pubblico, il benessere economico del paese, la prevenzione dei reati, la protezione della salute o della morale, o la protezione dei diritti e delle libertà altrui. 3. I precedenti giurisprudenziali. La Corte, nel qualificare il prelievo di tessuto da defunto come non invasivo, si richiama espressamente a due precedenti, il primo riguardante un caso discusso davanti alla Corte Europea dei Diritti dell Uomo e l altro, recentissimo, della Corte di Cassazione italiana. Nel caso Jaggi v. Svizzera (2006) ( 3 ), la Corte Europea analizza la portata e gli obiettivi dell art. 8 della Carta Europea dei Diritti dell Uomo ( 4 ), con riferimento specifico all ipotesi di prelievo di campioni di DNA da persona defunta, finalizzato all accertamento di paternità. Viene stabilito che la norma in questione ha essenzialmente l obiettivo di proteggere l individuo contro le arbitrarie ingerenze dei poteri pubblici, anche se a questo potrebbero aggiungersi obblighi positivi inerenti all effettivo rispetto della vita privata; tali obblighi possono comportare l applicazione di misure che mirino al rispetto della vita privata, fino a ricomprendere le relazioni tra i singoli. Il prelievo di DNA da persona deceduta non viola il suo diritto al rispetto della vita privata e costituisce misura poco invasiva. Anche la sentenza della Corte di Cassazione ( 5 ) qualifica il prelievo di campione biologico alla stregua di attività poco invasiva, riferendosi a un caso simile, in fatto, al precedente e specificando come il diritto a conoscere la propria discendenza sia ricompreso nel più ampio diritto all identità personale. I precedenti ora citati sono interessanti sia da un punto di vista sostanziale, per quanto riguarda la tutela assicurata a coloro che hanno richiesto l effettuazione di indagini genetiche su persone defunte, sia da un punto di vista metodologico-concettuale. Le corti vengono infatti chiamate a decidere su leading cases, casi strettamente connessi all avanzamento della ricerca scientifica che non hanno precedenti specifici e richiedono quindi l elaborazione di nuove regole ricavabili da superiori principi di rango sovranazionale, costituzionale o, dove possibile, legislativo e applicabili alle singole questioni. Nei casi visti finora, i giudici italiani ed europei hanno dato fondamentale rilievo ad un concetto, come quello dell invasività del prelievo di campioni biologici, ampiamente analizzato e dibattuto con riferimento ai prelievi coattivi su persone imputate nel corso di processi penali, interpretandolo secondo una chiave di lettura sensibilmente differente. Se la dottrina ritiene più o meno concordemente che il «prelievo invasivo» consista nell acquisizione di un campione biologico da persona vivente o defunta con il contestuale superamento del limite fisico dell individuo ( 6 ), nei casi citati il limite dell invasività si assesta su un gradino diverso. È infatti un dato certo che il ( 5 ) Cass., , n , in Guida al dir., 2008, fasc. 26, 79. ( 6 ) Felicioni, Accertamenti sulla persona e processo penale. Il prelievo di materiale biologico, Ipsoa Wolters Kluver Italia, 2008, 144; Aa.Vv., La prova del DNA per la ricerca della verità. Aspetti giuridici, biologici, statistici, Giuffrè, 2006, 120. NGCC Parte seconda 401

5 Aggiornamenti prelievo del campione biologico da defunto comporti il superamento del «limite fisico» dello stesso, operandosi, nel caso in analisi, attraverso un prelievo di tessuto muscolare della gamba. Ciò che viene in rilievo, e che porta i giudici a qualificare comunque come non invasiva l attività, è il non superamento del limite del rispetto del defunto e della salma. Questo anche grazie alla valutazione del rispetto delle precedenti credenze e volontà del defunto, effettuata dal Tribunale di Milano nel caso P. attraverso le testimonianze dei familiari e la mancanza di espresse dichiarazioni contrarie ad indagini di tipo genetico. Quello che conta in definitiva, pertanto, non è il confine biologico della persona ma il limite che, in relazione alle convinzioni ed alle idee espresse (e non espresse), quella persona ha mostrato di avere; il rispetto del defunto e della sua salma diventa un concetto fluido e non rigidamente predefinito, che richiede quindi una procedura di indagine e accertamento, per ogni caso specifico, circa le inclinazioni in vita del defunto grazie anche alle testimonianze dei familiari. Una conferma di tale ordine di idee si ritrova nell Autorizzazione al trattamento dei dati genetici del , in cui il Garante per la protezione dei dati personali afferma: «I risultati delle ricerche, qualora comportino un beneficio concreto e diretto in termini di terapia, prevenzione o consapevolezza delle scelte riproduttive, anche per gli appartenenti alla stessa linea genetica dell interessato, possono essere comunicati a questi ultimi, qualora ne facciano richiesta e l interessato vi abbia espressamente acconsentito, o sia deceduto e, in vita, non abbia espressamente fornito indicazioni contrarie». Il Garante dà rilievo e definisce l impatto della riservatezza non tanto in relazione al dato biologico, ma alla sfera individuale come definita dalle volontà espresse o non espresse. Questo riporta, segnandone un passo in avanti fondamentale, alla recente questione su chi detenga la legittimazione a tracciare la «linea di confine» dell individuo umano: fino a che punto un soggetto può decidere dell estensione della propria sfera personale? Si può tracciare una «linea» oltre la quale è definibile la sfera individuale di tutti gli individui, o tale determinazione è rimessa di volta in volta alle conoscenze scientifiche, al diritto o, ancora, alla religione ( 7 )? Queste nuove problematiche sono sorte proprio in seguito al recente sviluppo della genetica umana e all estensiva applicazione delle nuove biotecnologie: se da un lato si può pensare ad una gestione autoritaria («dall alto») di quelle che sono le possibili applicazioni medico-scientifiche e la conseguente delineazione dei relativi confini della libertà individuale, da un altro lato si può valorizzare maggiormente la sfera di volontà del singolo, basandosi sul diritto di autodeterminazione e del rispetto della dignità umana. Quest ultima ipotesi è certamente più rispettosa della libertà individuale in quanto, alla luce della nostra Costituzione, il semplice dato biologico non è sufficiente per stabilire una categoria precisa di azioni (e relativi limiti) eseguibili sul corpo umano, senza che sia contestualmente valutato l elemento volontaristico dal soggetto interessato ( 8 ). Questo discorso, relativo a diverse tipologie di interventi/trattamenti sul corpo che non si limitano ai prelievi di campioni biologici ma riguardano ad esempio anche le decisioni di fine vita, la fecondazione assistita, la libertà di ricerca sulle cellule staminali, deve necessariamente fare i conti con i diversi framework giuridici nazionali. Nel caso in analisi, la volontà del defunto (anche se non espressa) assume primaria importanza nella decisione del Giudice, che la valuta in relazione allo specifico intervento da effettuare sulla salma, nonché ai futuri effetti del prelievo sulla salute dei suoi familiari. Facendo un passo in avanti, e muovendoci dal piano della libertà individuale a quello del diritto alla privacy, notiamo che sicuramente la situazione del defunto e della presenza di una sua sfera di riservatezza è particolare. Il T.U. Privacy del 2003, all art. 9, comma 3 o, ( 7 ) Santosuosso-Sellaroli-Pavone, Drawing the boundary lines of humans: in whose bailiwick?, in Derecho y Religiòn, II, 2007, 11 ss. ( 8 ) Cfr. artt. 13 e 32 Cost., nonché la sentenza Corte Cost., , n. 438, in Giur. cost., 2008, 4945, in cui si afferma che, sulla base dell art. 32 Cost., «il consenso informato deve essere considerato un principio fondamentale in materia di tutela della salute». 402 NGCC Parte seconda

6 Familiarità di caratteri ereditari e diritti individuali ( 9 ) T.A.R. Veneto, , n. 1674, in www. giustizia-amministrativa.it (visitato il ). afferma che «i diritti di cui all art. 7 riferiti a dati personali concernenti persone decedute possono essere esercitati da chi ha un interesse proprio, o agisce a tutela dell interessato o per ragioni familiari meritevoli di protezione», rendendo quindi attivamente tutelabile il diritto alla privacy del defunto solo nel caso in cui ci sia una persona, in vita, che abbia in ciò un interesse. A tal proposito, un importante caso di bilanciamento tra il diritto alla riservatezza del defunto e il diritto alla salute dei parenti in vita è quello effettuato dal Tribunale Amministrativo Regionale del Veneto con sentenza n. 1674/2003: la sig.ra G.S. chiedeva l esame diretto della cartella clinica (in possesso della ASL locale) della sorella, deceduta per tumore al seno, al fine di verificare l ereditarietà della patologia, invocando la tutela del diritto alla salute, situazione oggettiva di rilievo costituzionale non sacrificabile rispetto al segreto professionale e/o al diritto alla riservatezza. La Corte operava in quel caso un raffronto tra il diritto di accesso (ai dati medici) e il diritto alla privacy, richiamandosi alla precedente sentenza del T.A.R. Veneto n. 1294/2000 e all art. 16, d. legis , n. 135 (Trattamento di dati sensibili da parte dei soggetti pubblici) il quale enuncia che «quando il trattamento concerne dati idonei a rivelare lo stato di salute o la vita sessuale, il trattamento è consentito se il diritto da far valere o difendere, di cui alla lett. b) del comma 1 o, è di rango almeno pari a quello dell interessato»: stabilito che tale rango si valuti attraverso la conoscenza degli atti cui si chiede l accesso, la Corte evidenziava come l interesse ad approntare terapie preventive a protezione del proprio stato di salute fosse alla base di un diritto da considerarsi primario e, nel confronto con quello alla riservatezza di dati sanitari afferenti a un defunto parente stretto, di rango superiore a quest ultimo (a maggior ragione, se in mancanza di altro modo di acquisire simili dati e informazioni) ( 9 ). In conclusione, dalla casistica oggi presente emerge come l indagine genetica su un familiare deceduto venga ricompresa nel diritto alla salute, e pertanto tutelata a livello costituzionale (art. 32 Cost.). Nel momento in cui tale diritto entra in conflitto con il diritto alla riservatezza di una persona deceduta, il giudice effettua infatti un bilanciamento tra essi, considerando la salute, in quanto bene fondamentale, di rango superiore al diritto alla privacy. Il concetto di rispetto del defunto, inoltre, viene delineato secondo criteri particolari, che non tengono conto solamente del confine biologico della persona interessata, bensì prevedono che venga effettuata una specifica indagine sulla passata volontà della persona da cui si intenda effettuare prelievi di campioni biologici e che tale ricostruzione avvenga sulla base di dichiarazioni espresse o presunte della persona, grazie anche all ammissione della prova testimoniale. Se nel nostro ordinamento la privacy di un defunto diventa un diritto soggettivo (quindi tutelabile attivamente) solo nel momento in cui vi sono persone viventi con un interesse in merito, il diritto alla salute dei familiari si assesta invece su un piano superiore, godendo quindi di rafforzata tutela. 4. Confini del gruppo biologico e legittimazione giuridica. Il caso del dott. P., e in particolare l effettuazione da parte dei parenti di un prelievo di campione biologico da defunto con finalità di ricerca genetica, fa emergere alcune problematiche attinenti alla creazione di quella che potrebbe essere definita una «biobanca familiare», e alla sua regolazione (interna ed esterna). Nel caso di specie, infatti, i ricorrenti sono la moglie e i due figli del dott. P.: il Giudice non sembra aver preso in considerazione l ipotesi di notificare il ricorso ad altri familiari del defunto e rileva nella decisione come l unica opposizione alla domanda provenga dal Comune di Milano. Come viene indicato nel ricorso, tuttavia, il defunto aveva due sorelle, di cui una deceduta a causa di neoplasia al pancreas, l altra invece ancora in vita e madre di una ragazza (nipote del dott. P) a sua volta affetta da carcinoma al seno. Tale specifica circostanza viene riportata dai ricorrenti per sottolineare la necessità di procedere alla ricerca dell alterazione genetica eventualmente responsabile della comparsa della suscettibilità ereditaria ai tumori, sul presup- NGCC Parte seconda 403

7 Aggiornamenti posto che la definizione di cancro come malattia genetica si possa applicare a tutte le forme tumorali e che, per alcuni tumori, il concetto di «genetico» assuma anche il significato di «ereditario». I ricorrenti, nell elaborazione concettuale della questione, si riferiscono alle sorelle e alla nipote del defunto quali portatrici della mutazione genetica di cui indagare la responsabilità nello sviluppo delle sopracitate malattie: ciò è una chiara indicazione del fatto che le stesse vengano considerate parti non solo della «famiglia» del dott. P, come intesa nel senso più tradizionale, ma anche del gruppo biologico dello stesso. Se tale premessa è vera, tuttavia, ci si domanda per quale ragione il ricorso non sia stato notificato anche alla sorella e alla nipote del defunto, per quale ragione il Comune nulla abbia rilevato in proposito e perché la Corte non abbia valutato tale circostanza. I ricorrenti, infatti, affermano: «Non è previsto il caso di estumulazione ai fini che qui interessano, ma è costante il rinvio all ordine dell Autorità Giudiziaria per operazioni simili, nelle quali urge la tutela di diritti soggettivi in assenza di esplicita previsione normativa». Il decreto del Tribunale di Milano sostiene inoltre che: «considerato che avuto riguardo a tale posizione i ricorrenti si trovano in una situazione di diritto soggettivo ad espletare in primo luogo il prelievo del tessuto muscolare e, successivamente tutti gli accertamenti sul DNA che possano, eventualmente in considerazione della evoluzione delle conoscenze scientifiche, consentire una maggiore conoscenza della malattia [...]». Il riconoscimento alla madre e ai figli del dott. P. della titolarità del diritto soggettivo al prelievo di campione biologico dal defunto, finalizzato alla tutela del bene della salute, a sua volta comporta che il Giudice adito abbia valutato quale circostanza fondamentale la connessione «familiare» esistente tra il defunto e i ricorrenti, delimitando implicitamente il gruppo familiare agli stessi tre ricorrenti. Su quale base scientifica, tuttavia, si fonda il diritto soggettivo riconosciuto alla moglie del dott. P.? Quale beneficio alla salute potrà ella trarre dalle indagini genetiche che verranno effettuate? E, soprattutto, quale fondamento ha la mancata chiamata in giudizio della sorella e della nipote del defunto, le quali hanno invece una diretta connessione biologica con lo stesso? Il nostro Codice di procedura civile, nel regolare la disciplina del litisconsorzio necessario (art. 102 cod. proc. civ.), ovvero della necessità della presenza di più parti nel processo, applica e sviluppa la regola generale della legittimazione ad agire, determinata dalla contitolarità di rapporti sostanziali. Nel caso siano fatti valere nel processo diritti inerenti a tali situazioni, dovranno necessariamente parteciparvi tutti coloro che vi siano interessati, e tale partecipazione diventa condizione del legittimo esercizio del potere-dovere del giudice di pronunciarsi sul merito della causa. La prevalente giurisprudenza e la dottrina affermano che la sentenza nei confronti dei litisconsorti pretermessi sia inutiler data ( 10 ), affetta da nullità, e che nei casi non previsti dalla legge il litisconsorzio possa essere considerato necessario non solo quando il provvedimento del giudice abbia effetti costitutivi, ma anche di mero accertamento o di condanna. Nella disciplina del litisconsorzio facoltativo, invece, la partecipazione congiunta di più soggetti al medesimo processo è dettata da semplici ragioni di opportunità: l art. 103 cod. proc. civ. ammette infatti che più persone possano agire o essere convenute nello stesso processo quando vi sia connessione tra le controversie instaurate, per il provvedimento richiesto o per il titolo e il legame tra più cause renda consigliabile la loro trattazione congiunta. Secondo l art. 107 cod. proc. civ., inoltre, il giudice può reputare opportuno che il processo si svolga anche nei confronti di un terzo al quale la causa è comune, ordinandone l intervento. Ebbene, a seconda di come venga qualificata la posizione soggettiva della sorella e della nipote del defunto, si possono astrattamente considerare applicabili l una o l altra ipotesi di integrazione del contraddittorio contemplate dalla legge. Abbiamo visto che il giudice delimita automaticamente la rilevanza degli effetti della futura indagine genetica al gruppo dei ricorrenti, «familiari» in senso tradizionale del ( 10 ) Comoglio-Ferri-Taruffo, Lezioni sul processo civile, Il Mulino, NGCC Parte seconda

8 Familiarità di caratteri ereditari e diritti individuali dott. P (moglie e figli), escludendo coloro che, invece, possono vantare una familiarità di tipo biologico con il defunto e che quindi potrebbero rimanere esclusi dagli effetti (positivi) delle risultanze dello studio genetico e che, inoltre, non hanno potuto manifestare la loro eventuale contrarietà all effettuazione del prelievo. Come si vedrà di seguito (cfr. par. 5), le risultanze dei test fornirebbero infatti informazioni genetiche in qualche modo attinenti all intero gruppo biologico del defunto, con particolare rilevanza e certezza per i familiari biologicamente più «vicini», quindi i figli, ma anche la sorella e la nipote di primo grado del dott. P. Quali e quante sono, pertanto, le persone che si devono includere nel gruppo biologico del defunto? La scienza ci indica i criteri generali per delineare e per determinare l estensione di un gruppo biologico? Nel paragrafo successivo si cercherà di capire se sia possibile dare una risposta a tali domande, analizzando il dato scientifico attualmente disponibile. ( 11 ) Il cromosoma è il corpuscolo che appare nel nucleo di una cellula eucariota durante la mitosi o la meiosi e porta su di sé l informazione genica, cioè i caratteri ereditari. 5. Ereditarietà dei caratteri: dissolvenza biologica e rilevanza giuridica. Gli esseri umani rappresentano una specie relativamente omogenea che ha subìto una incredibile espansione durante la sua evoluzione storica più recente. A differenza di altre specie, gli umani hanno un basso livello di variazione genetica e due individui, scelti casualmente, sono caratterizzati da un DNA identico per il 99,9%: come risultato del processo mutazionale, infatti, nel genoma umano ci sono sequenze che differiscono da individuo a individuo e rappresentano circa lo 0,1% dell intero DNA. Ogni individuo eredita in modo casuale dai suoi genitori una serie di 23 cromosomi ( 11 ) presenti nei gameti, cellule specializzate situate negli organi sessuali riproduttivi; questi 23 cromosomi, costituiti da un filamento a doppia elica di DNA e da proteine (attorno alle quali lo stesso filamento si avvolge), sono spesso presenti in coppie e contengono la metà del programma genetico dell individuo (e le relative variazioni genetiche). Nell uomo si hanno 23 coppie di cromosomi, di cui 22 sono cromosomi omologhi non sessuali (autosomi) e una coppia composta da cromosomi diversi, i cromosomi sessuali (eterosomi). Le cellule che hanno coppie di cromosomi omologhi sono dette diploidi, mentre sono definite aploidi quelle che possiedono solo un cromosoma per tipo. Avendo l individuo due genitori, ogni coppia è composta da un cromosoma ereditato dalla madre e da uno ereditato dal padre, le due porzioni della coppia di cromosomi contengono le informazioni genetiche relative agli stessi caratteri fenotipici e per tale ragione vengono definiti cromosomi omologhi. Il numero di 46 cromosomi tipico della nostra specie viene poi ristabilito con la formazione dello zigote dopo la fecondazione di un gamete maturo materno (o uovo) da un gamete maturo paterno (o spermatozoo) e la derivata fusione dei due corredi di 23 cromosomi causalmente assembrati presenti in questi gameti. Visto che i due omologhi derivano da diversi individui (i genitori), il loro contenuto genetico non è identico; le istruzioni genetiche contenute nelle due copie dello stesso gene sono in alcuni punti differenti dai due cromosomi omologhi. Ci sono milioni di combinazioni teoricamente possibili nel risultato del processo di generazione del corredo di 23 cromosomi da ogni gamete genitoriale, che per questa ragione è unico; nei 23 cromosomi casualmente «selezionati», inoltre, c è anche una sorta di rimpasto tra i cromosomi ereditati dalla precedente generazione grazie a un processo conosciuto come «ricombinazione», che determina un ulteriore incremento di variabilità e contribuisce a rendere ogni gamete unico. Questi processi spiegano il perché due individui, anche se fratelli (con l eccezione dei gemelli monozigoti, che sono il risultato della fecondazione di un uovo da parte di due spermatozoi) non possono essere geneticamente identici. È pertanto evidente che la variazione tra individui è il risultato cumulativo dei processi passati avvenuti prima e dopo l apparizione della nostra specie: noi abbiamo un sorprendente numero di progenitori che hanno trasmesso ad ogni generazione metà del loro patrimonio di DNA e riferito cambiamenti distintivi ai loro discendenti. NGCC Parte seconda 405

Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa a Strasburgo il 27 novembre 2008

Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa a Strasburgo il 27 novembre 2008 PROTOCOLLO ADDIZIONALE ALLA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SUI DIRITTI UMANI E LA BIOMEDICINA RELATIVO AI TEST GENETICI A FINI SANITARI (2008) Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa

Dettagli

UNA RISORSA PER LA RICERCA SCIENTIFICA E PER LA SALUTE DELLA COMUNITA

UNA RISORSA PER LA RICERCA SCIENTIFICA E PER LA SALUTE DELLA COMUNITA UNA RISORSA PER LA RICERCA SCIENTIFICA E PER LA SALUTE DELLA COMUNITA Progetto realizzato con il contributo di Cos è Trentino Biobank? Trentino Biobank è una struttura della Azienda Provinciale per i Servizi

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Signori Giudici del Tribunale, Nelle conclusioni di questa mattina,

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Il sottoscritto: Sig.ra. nato a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE

CONSENSO INFORMATO. Il sottoscritto: Sig.ra. nato a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE Pag. 1/7 DICHIARAZIONE DI RELATIVO ALLA DONAZIONE VOLONTARIA DI SEME FINALIZZATO A TRATTAMENTO DI Il sottoscritto: Sig.ra. nato a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE Nel rispetto dei principi e delle

Dettagli

A cura di Laura Galli

A cura di Laura Galli LA TUTELA RISARCITORIA NELLE RELAZIONI FAMILIARI A cura di Laura Galli Da anni dottrina e giurisprudenza affrontano il problema della tutela risarcitoria dell illecito qualora la vittima sia uno dei congiunti.

Dettagli

I.7.1 Malattie genetiche legate al sesso

I.7.1 Malattie genetiche legate al sesso verificare tutti i possibili risultati della fecondazione tra cellula uovo e spermatozoi e constatare come le probabilità che nasca una femmina o un maschio sono entrambe pari al 50%. Figura 7 - Ad ogni

Dettagli

TRIBUNALE DI BOLOGNA SEZIONE I

TRIBUNALE DI BOLOGNA SEZIONE I TRIBUNALE DI BOLOGNA SEZIONE I Il Giudice, nel procedimento a seguito di ricorso ex art. 700 c.p.c. depositato l 1 luglio 2008 e di cui al n. 11489/2008, rileva: B.G. e B.B. hanno esposto: di essere coniugati

Dettagli

Permessi per l assistenza alle persone con disabilità

Permessi per l assistenza alle persone con disabilità Permessi per l assistenza alle persone con disabilità Con l emanazione della Circolare n. 13 del 6 dicembre 2010, il Dipartimento della Funzione Pubblica detta le disposizioni applicative dell art. 24

Dettagli

Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap

Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap Aggiornato alla Circ. INPS n^ 159 del 15/11/2013 La Corte Costituzionale con la recente sentenza n. 203 del 3 luglio 2013 ha dichiarato l

Dettagli

In ordine alla durata, si prendono in considerazione le due ipotesi previste dall art. 62, lett. a) del d. lgs. n. 276/2003.

In ordine alla durata, si prendono in considerazione le due ipotesi previste dall art. 62, lett. a) del d. lgs. n. 276/2003. Nota esplicativa dello schema di contratto a progetto Lo schema di contratto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto prevede, nell ambito delle singole clausole, alcune soluzioni alternative

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03

SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03 SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03 «Politica di immigrazione Diritto al ricongiungimento familiare dei figli minori di cittadini di paesi terzi Tutela dei diritti

Dettagli

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA TAVOLO NAZIONALE AFFIDO UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA Prime riflessioni sulle modifiche introdotte dalla Legge n. 173/2015 Modifica alla

Dettagli

La fissazione dei criteri soggettivi d accesso alla P.M.A. tra Stato e Regioni

La fissazione dei criteri soggettivi d accesso alla P.M.A. tra Stato e Regioni O S S E R V A T O R I O D I D I R I T T O S A N I T A R I O 5 A G O S T O 2015 La fissazione dei criteri soggettivi d accesso alla P.M.A. tra Stato e Regioni La fissazione dei criteri soggettivi d accesso

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

OMOZIGOTE Dominante. OMOZIGOTE Recessivo ETEROZIGOTE

OMOZIGOTE Dominante. OMOZIGOTE Recessivo ETEROZIGOTE GENI E CARATTERI EREDITARI I caratteri ereditari corrispondono a precisi tratti di DNA, i geni, che contengono le informazioni per la sintesi delle proteine. Ciascun gene occupa nel cromosoma una determinata

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 14.07.2005 COM(2005) 312 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Sviluppi e implicazioni del diritto dei brevetti nel settore

Dettagli

Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni

Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni Introduzione Questo esercizio è idoneo al lavoro di gruppo. Ogni gruppo sceglie un testo di lavoro, e presenta

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE OGGETTO: Legge 5 febbraio 1992, n. 104 (legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Trasferimenti in sede di separazione e divorzio Domande Frequenti Sommario 1. Prima dell introduzione dell

Dettagli

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Aspetti specifici della deontologia Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Programma Il segreto professionale, la testimonianza, l obbligo di denuncia/referto

Dettagli

Alla ricerca di una disciplina per il suicidio medicalmente assistito in Canada: dal divieto penale a un articolato regime di controlli e cautele

Alla ricerca di una disciplina per il suicidio medicalmente assistito in Canada: dal divieto penale a un articolato regime di controlli e cautele ISSN 2037-6677 DPCE online 2015-2 Alla ricerca di una disciplina per il suicidio medicalmente assistito in Canada: dal divieto penale a un articolato regime di controlli e cautele di Marta Tomasi 1. Tre

Dettagli

La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti

La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti Corte Cost., sentenza 9 ottobre 2015, n. 195 (Pres. Criscuolo, est. Cartabia) Sanità pubblica Legge della Regione Calabria Norme

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 234/E

RISOLUZIONE N. 234/E RISOLUZIONE N. 234/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 agosto 2009 provinciali OGGETTO:Istanza di interpello - trasmissione delazione ereditaria obbligo di presentazione della dichiarazione

Dettagli

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE RELAZIONE DI ADRIANA BOVE INTRODUZIONE Il sistema brevettuale europeo appare fondato su vari principi. Alla previsione, contenuta nell art. 52, I comma CBE, secondo cui un invenzione per essere brevettabile

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Ai sensi della Legge 19 febbraio 2004 n.40 e successive modificazioni. il a ( ) residente a in via tel CF

CONSENSO INFORMATO. Ai sensi della Legge 19 febbraio 2004 n.40 e successive modificazioni. il a ( ) residente a in via tel CF Pag. 1/6 Noi sottoscritti: DICHIARAZIONE DI PER LA TECNICA FIVET-ICSI (FECONDAZIONE IN VITRO E TRASFERIMENTO DELL'EMBRIONE) TECNICA DI PROCREAZIONE ASSISTITA DI II LIVELLO Ai sensi della Legge 19 febbraio

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. avv. Diego Corapi Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. avv. Diego Corapi Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Prof. avv. Vincenzo Meli Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011 Area Socio Culturale istituzionale e legislativa 1 Cosa si intende per PRIVACY? Diritto a essere lasciato solo ovvero a non subire interferenze sulla propria persona e nella propria vita (anglosassoni)

Dettagli

Il testamento olografo alla luce della l. 218/1995.

Il testamento olografo alla luce della l. 218/1995. Il testamento olografo alla luce della l. 218/1995. Avv. Monica La Rocca monica.larocca@ssalex.com In data 19 luglio 2010, alle ore 14.40 decedeva presso l ospedale di Weill Cornell Medical Center di Manhattan,

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres. Luccioli; Rel. Mercolino) Famiglia Fecondazione artificiale eterologa Morte del coniuge prima della nascita Disconoscimento

Dettagli

--www.minoriefamiglia.it -

--www.minoriefamiglia.it - &RUWHGLFDVVD]LRQHSULPDVH]LRQHFLYLOHVHQWHQ]DQGHOO 6YROJLPHQWRGHOSURFHVVR P.G. in data 27 settembre 2000, con il consenso della moglie, chiese al Tribunale per i minorenni di Roma l autorizzazione ad inserire

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

A. Cosa è la privacy B. Cosa sono i dati personali C. I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali

A. Cosa è la privacy B. Cosa sono i dati personali C. I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali ACE PROTEGGE LA RISERVATEZZA DEI TUOI DATI Ace European Group Ltd. fin dalla sua nascita ha deciso di ispirare la propria azione ai valori della sicurezza, della trasparenza e della qualità. Il risultato

Dettagli

LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO

LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO la rilevazione l intervento dei servizi la segnalazione al tribunale per i minorenni l intervento del tribunale per i minorenni Presentazione Il presente

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

L accertamento tributario e procedimento penale

L accertamento tributario e procedimento penale L accertamento tributario e procedimento penale a cura di: Rosario Fortino Avvocato Tributarista in Cosenza fortinoepartners@libero.it Riflessione critica sulla utilizzabilità degli atti di polizia tributaria,

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità Autore: Titolo: Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Riferimenti: Servizio Studi - Dipartimento lavoro Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici

Dettagli

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione.

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Prot. n. 23/11 Roma, Parere n. 196/04 Al Ministero dell interno Dipartimento per gli affari interni e territoriali

Dettagli

Roma, 15 gennaio 2015

Roma, 15 gennaio 2015 Roma, 15 gennaio 2015 Forum delle associazioni familiari Audizione presso la Commissione Giustizia del Senato nel dibattito sulla regolamentazione delle unioni civili Il Forum ringrazia il Presidente e

Dettagli

Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere?

Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere? Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere? Uni-A.T.E.Ne.O. "Ivana Torretta" Sergio Fava Oncologia Medica Legnano 22.10.2013 I nuovi casi di tumore Quali tumori più frequenti? Primi

Dettagli

CAPITOLO I GLI STATUS PERSONAE E FAMILIAE NELLA GIURISPRUDENZA DELLE CORTI SOVRANAZIONALI

CAPITOLO I GLI STATUS PERSONAE E FAMILIAE NELLA GIURISPRUDENZA DELLE CORTI SOVRANAZIONALI INDICE - SOMMARIO Presentazione di PIETRO PERLINGIERI 3 CAPITOLO I GLI STATUS PERSONAE E FAMILIAE NELLA GIURISPRUDENZA DELLE CORTI SOVRANAZIONALI Gli status personae e familiae nella giurisprudenza delle

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

RISOLUZIONE N. 225/E

RISOLUZIONE N. 225/E RISOLUZIONE N. 225/E Roma, 5 giugno 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 cessione di quote sociali - art. 11 Tariffa

Dettagli

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY E legittimo negare la comunicazione delle informazioni personali raccolte in fase di indagine prima dell avvio del processo a

Dettagli

Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it

Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it Nel corso dell ultimo anno, le agevolazioni lavorative e gli incentivi per favorire l assistenza alle persone disabili sono stati

Dettagli

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE APPALTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE PROF. SERGIO PERONGINI Indice 1 APPALTI, SERVIZI E FORNITURE -------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 di 9 1 Appalti,

Dettagli

Cassazione: rifiuto di sottoporsi a test del DNA può avvalorare prova della paternità sentenza n. 20235/2012 commento e testo

Cassazione: rifiuto di sottoporsi a test del DNA può avvalorare prova della paternità sentenza n. 20235/2012 commento e testo Cassazione: rifiuto di sottoporsi a test del DNA può avvalorare prova della paternità sentenza n. 20235/2012 commento e testo Cataldi.it L'uomo che si rifiuta di sottoporsi al test del DNA potrebbe ritrovarsi

Dettagli

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS Il ritiro della notifica è atto processuale? E se coincide con il sabato è prorogato al primo giorno seguente non festivo? notifica e compiuta giacenza di Elena Loghà Diritto e processo.com Cassazione,

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

FONDAZIONE RESIDENZA AMICA ONLUS

FONDAZIONE RESIDENZA AMICA ONLUS Sommario Capo I Ambito di applicazione e definizioni... 2 Art. 1: Finalità e oggetto... 2 Art. 2: Definizioni... 2 Art. 3: Soggetti legittimati... 2 Art. 4: Documenti accessibili... 2 Art. 5: Categorie

Dettagli

RACCOLTA FIRMA PER L INTRODUZIONE DEL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI DEL COMUNE DI VERONA

RACCOLTA FIRMA PER L INTRODUZIONE DEL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI DEL COMUNE DI VERONA RACCOLTA FIRMA PER L INTRODUZIONE DEL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI DEL COMUNE DI VERONA Premesso che: - l articolo 32 della Costituzione Italiana afferma che "La Repubblica tutela la salute come fondamentale

Dettagli

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI SOMMARIO: 1. I soggetti religiosi. Premessa 2. Le persone fisiche 3. Gli enti religiosi (rinvio) 4. Le confessioni religiose *** 1. I SOGGETTI RELIGIOSI. PREMESSA I soggetti

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. il a ( ) residente a in via tel CF. nato il a ( ) residente a in via tel CF

CONSENSO INFORMATO. il a ( ) residente a in via tel CF. nato il a ( ) residente a in via tel CF Pag. 1/6 DICHIARAZIONE DI PER LA TECNICA DI PROCREAZIONE ASSISTITA DI I ETEROLOGA CON DONAZIONE DI SEME Ai sensi della Legge 19 febbraio 2004 n.40 e successive modificazioni Noi sottoscritti: Sig.ra nata

Dettagli

LA MEDICINA DEI TRAPIANTI: 25 ANNI DI STORIA

LA MEDICINA DEI TRAPIANTI: 25 ANNI DI STORIA LA MEDICINA DEI TRAPIANTI: 25 ANNI DI STORIA Brescia, 1 dicembre 2012 Il valore etico della medicina dei trapianti Adelaide Conti - Cattedra di Medicina Legale Università degli Studi di Brescia ETICA DEI

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Le specificità dei singoli servizi. Offerta fuori sede e tecniche di comunicazione a distanza 161 3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Per la prestazione del servizio di ricezione e trasmissione

Dettagli

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 di Marco Giardetti* La tematica del silenzio della PA è di certo una delle più dibattute e problematiche del diritto amministrativo e questo non solo perché

Dettagli

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA A cura del Nucleo di coordinamento per la rete regionale dei servizi di genetica medica dell Emilia-Romagna Con il contributo di Laura Biagetti (Azienda Ospedaliera-Universitaria

Dettagli

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014 Annunziata & Conso La recente sentenza del Tribunale di Roma del 20 maggio 2014, n. 11384, offre l occasione per fare il punto

Dettagli

Roma, 11 settembre 2009

Roma, 11 settembre 2009 PCIciicER CIRCOLARE POSTA ELETTRONICA N. 41/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 11 settembre 2009 OGGETTO: Decreto-legge 28 aprile 2009, n. 39 - Eventi sismici che hanno colpito l Abruzzo

Dettagli

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si ricava, in primis, dal disposto di cui all art. 652 c.p.p. il quale prevede che la sentenza irrevocabile

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Obiezione di coscienza

Obiezione di coscienza Associazione Scienza & Vita Obiezione di coscienza Gruppo di sostegno Associazione Scienza & Vita di MACERATA Roma, 10/11/2007 Circolare Ordine dei Medici di Macerata del 23-2-2007 2007 "PILLOLA DEL GIORNO

Dettagli

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo? PROFESSIONE FORENSE 04 SETTEMBRE 2015 Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?». Il Ministro della Giustizia ha firmato, il 14 agosto 2015, il regolamento che disciplina le modalità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 149 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ASCIERTO Disposizioni in materia di prelievo coattivo di materiale biologico finalizzato all

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO www.collegioperitiagrarisa.it - e-mail: collegio.salerno@pec.peritiagrari.it - collegio.salerno@peritiagrari.it Prot.

Dettagli

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO PROF. ANGELO SCALA Indice 1 LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO ---------------------------------------------- 3 Per il proficuo studio

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LABRIOLA, RAMPI, ROSTAN. Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante norme

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LABRIOLA, RAMPI, ROSTAN. Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante norme Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2337 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LABRIOLA, RAMPI, ROSTAN Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante norme in materia

Dettagli

La successione ereditaria

La successione ereditaria La successione ereditaria La successione ereditaria è legata ad un evento triste e spesso rimosso dai propri pensieri: la morte; essa è, però, ineludibile, per questo a tutti sarebbe utile conoscere i

Dettagli

GENETICA ed EREDITARIETÀ

GENETICA ed EREDITARIETÀ GENETICA ed EREDITARIETÀ 1. Introduzione L Epidermolisi Bollosa (EB) è una malattia di carattere genetico, la cui causa è pertanto da ricercare nei caratteri ereditari di un individuo. I processi che avvengono

Dettagli

PRINCIPIO DI RESIDENZA E DIMORA NELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Sentenza della Corte di Giustizia UE.

PRINCIPIO DI RESIDENZA E DIMORA NELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Sentenza della Corte di Giustizia UE. Modena, 15 settembre 2014 PRINCIPIO DI RESIDENZA E DIMORA NELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Sentenza della Corte di Giustizia UE. La Corte di Giustizia UE, con Sentenza relativa alla causa C- 255/13 del

Dettagli

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo affettivo ma anche davanti alla legge. La riforma sulla filiazione 1 ha definitivamente abolito

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. IL MINISTRO

Dettagli

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI 1. Premessa La disciplina antiriciclaggio contenuta, in particolare, nel Decreto Legge 3 maggio 1991,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco NOME Angelo Mattia COGNOME Greco Corso Avvocato 2013 Il METODO Neldiritto Applicazione del metodo Parere motivato in materia regolata dal diritto penale Traccia da consegnare entro il 13/09/2013 Tizio

Dettagli

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA VIALE MICHELANGELO GRIGOLETTI, 5 PORDENONE Tel. 0434/362431 - Fax 0434/1702623 - Cell. 340-5900148 e-mail: chiesabattistapn@libero.it chiesabattistapn@gmail.com sito:

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione

Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione Corte di cassazione Sezioni unite civili Sentenza 25 ottobre 2004, n. 20644 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con atto notificato il

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1352

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1352 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1352 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore DE LILLO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 3 FEBBRAIO 2009 Disposizioni in materia di regolamentazione del diritto

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Cooperazione giudiziaria in materia civile Regolamento (CE) n. 864/2007 Articolo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli