CORSO DI FORMAZIONE PER MOBILITY MANAGER D AZIENDA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO DI FORMAZIONE PER MOBILITY MANAGER D AZIENDA"

Transcript

1 BRESCIA 21 e 28 febbraio 7 marzo 2005 CORSO DI FORMAZIONE PER MOBILITY MANAGER D AZIENDA IL CONTRIBUTO DELLA BICICLETTA AL PIANO PER LA MOBILITA AZIENDALE Ing. Enrico Chiarini Ing. Enrico Chiarini - Corso MM 1

2 IL PIANO PER LA MOBILITA AZIENDALE Nell'attuazione di un piano per la mobilità aziendale, un'azienda si impegna a ridurre il numero di auto private nello spostamento casa-lavoro dei suoi dipendenti, promovendo il trasporto pubblico, il car-pooling (uso collettivo dell'auto), l'uso della bicicletta, lo spostamento a piedi. Ing. Enrico Chiarini - Corso MM 2

3 Vantaggi della bicicletta - Il 40% degli spostamenti in ambito urbano sono al di sotto dei 4-5 chilometri, percorribili in minuti alla velocità media di 15 km/h. - Mediante l uso combinato di altri mezzi di trasporto si possono raggiungere tutte le destinazioni. - La bicicletta ha costi di acquisto e gestione relativamente bassi. - La bicicletta non inquina. Ing. Enrico Chiarini - Corso MM 3

4 La bicicletta in ambito urbano è più competitiva dell auto Ing. Enrico Chiarini - Corso MM 4

5 Vantaggi dell azienda - maggiore produttività individuale - ritorno di immagine - risparmio di spazio per infrastrutture dedicate all auto Vantaggi dell utilizzatore - risparmio di tempo - risparmio economico - mantenimento psicofisico Ing. Enrico Chiarini - Corso MM 5

6 IL CICLO PRODUTTIVO DELLA BICICLETTA Ing. Enrico Chiarini - Corso MM 6

7 STRATEGIE PER LA PROMOZIONE DELLA BICICLETTA La condizione essenziale per far sì che i dipendenti si rechino al lavoro in bicicletta è rappresentata dalla qualità delle infrastrutture: strade sicure, servizi all'arrivo e, ovviamente, anche la disponibilità di una buona bicicletta. Ulteriori facilitazioni non infrastrutturali per i ciclisti possono avere un importante effetto sull'immagine, il comfort e sull'effettivo uso di questo mezzo. Ing. Enrico Chiarini - Corso MM 7

8 Tipi di interventi 1. Infrastrutture stradali per i ciclisti all esterno dell azienda 2. Infrastrutture stradali per ciclisti all interno dell azienda 3. Servizi all arrivo per ciclisti 4. Bike and ride 5. Finanziamento per coloro che scelgono l uso della bicicletta 6. Biciclette aziendali per gli spostamenti di lavoro 7. Manutenzione gratuita delle biciclette 8. Informazione sull uso della bicicletta 9. Azione di marketing e promozione per i ciclisti 10. Il ritorno a casa garantito Ing. Enrico Chiarini - Corso MM 8

9 1 INFRASTRUTTURE PER I CICLISTI ALL ESTERNO DELL AZIENDA Uno dei principali motivi per cui i dipendenti non fanno ricorso alla bicicletta è il presunto alto rischio di incidenti. Tuttavia esistono molte opportunità di rendere il percorso casa-lavoro in bicicletta più sicuro. Molte delle misure che possono essere intraprese spettano alle autorità comunali o ad altri enti preposti alla viabilità. Per questi interventi l'azienda può sensibilizzare le autorità pubbliche. - Accrescere la sicurezza stradale per ciclisti e pedoni - Accrescere la sicurezza collettiva e il comfort per ciclisti e pedoni - Diminuire la distanza o il tempo di percorrenza per ciclisti e pedoni Ing. Enrico Chiarini - Corso MM 9

10 INFRASTRUTTURE STRADALI PER CICLISTI ALL INTERNO DELL AZIENDA 2 In grandi aziende con più di un edificio, la circolazione interna di auto e autocarri può causare parecchi problemi di sicurezza e presentare dei rischi specialmente per il traffico non motorizzato. L'azienda stessa può prendere parecchi provvedimenti per rimuovere gli ostacoli pei i ciclisti e per i pedoni nel sito aziendale. Possibili provvedimenti da intraprendere per migliorare la sicurezza all'interno dell'azienda: - revisione del sistema di traffico stradale interno - direzioni di guida per i fornitori e il trasporto di merci tramite segnalazioni sulla carreggiata - indicazione del limite di velocità a 20 / 30 km/h - marciapiedi / corsie per pedoni e ciclisti soprattutto lungo gli edifici Ing. Enrico Chiarini - Corso MM 10

11 3 SERVIZI ALL ARRIVO PER CICLISTI Dopo l'esercizio fisico necessario per recarsi al lavoro, i ciclisti gradirebbero parcheggiare le loro biciclette in un posto sicuro e spesso cambiarsi gli abiti e fare una doccia prima di iniziare l'attività lavorativa. L'azienda può fornire I servizi necessari per rendere ciò possibile. - Gli utenti di biciclette sono molto suscettibili alle deviazioni obbligate. Se il sito aziendale è molto ampio e esiste un solo accesso per i ciclisti questi sono costretti a lunghi giri con la conseguente riduzione del fascino della bicicletta. La soluzione è rappresentata da un numero maggiore di entrate per ciclisti. - I ciclisti necessitano di servizi di parcheggi sicuri e al riparo dalla pioggia posti il più vicino possibile al posto di lavoro. - A volte i ciclisti vogliono avere la possibilità di cambiarsi o di fare una doccia. L'azienda deve quindi fornire docce e spogliatoi con armadietti chiusi. Ing. Enrico Chiarini - Corso MM 11

12 BIKE AND RIDE Bike & Ride (bicicletta + trasporto collettivo) è una tipica forma di trasporto intermodale. I dipendenti, residenti in aree che non possono soddisfacentemente essere servite dal trasporto pubblico o dalle linee d'autobus usano le loro biciclette per recarsi ad una fermata di trasporto collettivo (se possibile con collegamento diretto alla sede dell'azienda). Un'altra forma di Bike & Ride è anche quando i dipendenti effettuano la prima parte dello spostamento casa-lavoro con i sistemi di trasporto pubblico e in seguito utilizzano la bicicletta per raggiungere il posto di lavoro. In questo modo l'azienda diventa accessibile anche da stazioni o fermate dell'autobus non troppo vicine. L'azienda può incoraggiare questo tipo di trasporto in svariati modi: 4 - intervenire presso i soggetti gestori del servizio per ottenere nuovi parcheggi di biciclette alle fermate dei trasporti pubblici o delle stazioni - riservare spazi per le biciclette dei dipendenti dell'azienda alla stazione o fermata dei trasporti pubblici - fornire (affittate o acquistate) biciclette alla stazione o fermata dei trasporti pubblici Ing. Enrico Chiarini - Corso MM 12

13 FINANZIAMENTO PER COLORO CHE SCELGONO L USO DELLA BICICLETTA Differenti tipi di incentivi, finanziari o in natura, possono essere adottati per promuovere l'uso della bicicletta negli spostamenti casa-lavoro. L'azienda può offrire una gratifica chilometrica ai ciclisti, contributi finanziari per l'acquisto di componenti e accessori, vestiti da pioggia e persino per l'acquisto della bicicletta stessa. Gli incentivi finanziari per i ciclisti possono consistere in: - assegni da conteggiarsi sul chilometraggio esistente tra la residenza e il posto di lavoro (per categorie o conteggiate separatamente su ogni singolo dipendente) - assegno fisso sul chilometraggio: ogni dipendente che fa uso della bicicletta per recarsi al lavoro riceve tot Euro mensili - leasing/noleggio di biciclette: l'azienda (co)finanzia le biciclette per i dipendenti - assicurazioni sulla bicicletta: l'azienda stipula una polizza per i dipendenti (a volte già inclusa nella formula di noleggio/leasing) - fornitura di attrezzatura come: vestiario per la pioggia, lucchetti, borse, ecc. 5 Altri incentivi possono riguardare coloro che utilizzano il trasporto intermodale (es. facilitazioni/sconti per abbonamenti). Ing. Enrico Chiarini - Corso MM 13

14 6 BICICLETTE AZIENDALI PER GLI SPOSTAMENTI DI LAVORO In città la bicicletta può rappresentare un ottimo mezzo di trasporto alternativo per gli spostamenti di lavoro, rimpiazzando l'auto o addirittura il trasporto pubblico. Soprattutto su brevi distanze la bicicletta è imbattibile sia per la sua flessibilità che per la velocità. Un problema può tuttavia presentarsi per il trasporto di articoli pesanti o ingombranti. Il beneficio per l'azienda è rappresentato dal costo ridotto (un ridotto accesso al chilometraggio auto, un ridotto numero di auto aziendali in uso collettivo, una ridotta richiesta di parcheggi). L'azienda acquista uno stock di biciclette. I dipendenti prendono in prestito le biciclette per gli spostamenti all'interno della sede aziendale, per gli spostamenti di servizio, e per uso personale, se consentito. Secondo la disponibilità, i dipendenti possono trattenere la bicicletta nelle ore serali. Per incentivarne l'uso per spostamenti di lavoro o di servizio l'amministrazione aziendale dovrebbe stabilire delle linee guida per l'utilizzo dello stock di biciclette (quali tipi di spostamenti, per quali distanze, ecc.) e elaborare un piano di prenotazione. Ing. Enrico Chiarini - Corso MM 14

15 7 MANUTENZIONE GRATUITA DELLE BICICLETTE Una misura per incoraggiare l'uso della bicicletta nello spostamento casa-lavoro consiste nell'offrire ai ciclisti la riparazione e la manutenzione dei mezzi. Questa opportunità di controllo dell'efficienza e della sicurezza del veicolo dovrebbe essere gratuita per l'utente. Si raccomanda che la manutenzione gratuita delle biciclette usate per gli spostamenti casa-lavoro sia effettuata presso il posto di lavoro. Le riparazioni e la manutenzione potrebbero essere portate a termine immediatamente. Queste attività potrebbero andare dall'adattamento della giusta sella e dell'altezza del manubrio, alla riparazione o sostituzione di gomme forate o dei freni. I tipi possibili di organizzazione possono essere i seguenti: - cooperazione con un venditore di biciclette nelle vicinanze - un dipendente dell'azienda compie i lavori per i propri colleghi - i dipendenti svolgono il lavoro per se stessi. Di conseguenza l'azienda fornisce solo un garage o un punto per le riparazioni Ing. Enrico Chiarini - Corso MM 15

16 8 INFORMAZIONE SULL USO DELLA BICICLETTA Spesso l'uso della bicicletta negli spostamenti casa-lavoro è ridotto a causa dell'alto rischio di venire coinvolti in incidenti stradali. L'informazione circa i percorsi ciclabili e le raccomandazioni sulla sicurezza possono aiutare a spingere i dipendenti, conducenti di auto, a provare ad utilizzare la bicicletta come un mezzo alternativo di trasporto. Le strategie possibili per accrescere le conoscenze circa l'uso della bicicletta possono tradursi in: - fornire informazioni sui percorsi ciclabili: presentare percorsi ciclabili personalizzati. Se questo non fosse possibile si può ricorrere ad una pubblicazione di tutti i possibili itinerari che da tutte le direzioni giungano alla sede di lavoro (con indicazione dei possibili rischi e i punti più pericolosi) - distribuire consigli sulla sicurezza in merito alla regolamentazione del traffico, la guida sicura, l'attrezzamento della bicicletta in condizioni di sicurezza, oltre al modo di farsi notare nel traffico e su come prendere le proprie precauzioni Ing. Enrico Chiarini - Corso MM 16

17 AZIONE DI MARKETING E PROMOZIONE PER I CICLISTI Azioni promozionali a sostegno della bicicletta aiutano l'introduzione di misure infrastrutturali e di incentivi (finanziari). "Testing new behaviour" "Prova nuovi comportamenti" è un motto che serve a motivare i dipendenti a scoprire nuove forme di mobilità. E' molto utile quando le attività promozionali possono spingere a simpatizzare il più possibile con un certo mezzo di trasporto, in questo caso la bicicletta. La promozione deve essere ovviamente gratuita per il dipendente e le informazioni contenute devono essere di semplice comprensione. Le attività possono essere le più differenti: - una lotteria di biciclette - una prova dei percorsi ciclabili sicuri - attività di fitness (controlli sullo stato di efficienza del corpo, campagne a favore della salute) - controllo sicurezza sulla bicicletta - feste per ciclisti - viaggi aziendali di piacere una volta l'anno - gare e competizioni 9 Ing. Enrico Chiarini - Corso MM 17

18 10 IL RITORNO GARANTITO Il ritorno a casa garantito solleva gli utenti del trasporto sostenibile dalle possibili preoccupazioni. Si tratta di assicurare ai ciclisti il ritorno a casa, con un differente mezzo di trasporto, qualora la bicicletta dovesse all'improvviso rivelarsi impraticabile o non disponibile. L'organizzazione del sistema di ritorno a casa garantito non è mai una misura isolata, ma serve indubbiamente ad accrescere il consenso nei confronti del trasporto sostenibile. Nella maggioranza dei casi questo sistema viene attuato per aiutare i dipendenti che, all'improvviso, non sono più in grado di far uso della bicicletta per far ugualmente ritorno a casa. Le circostanze più comuni sono le seguenti: - Non si è in grado di far uso dell'abituale della bicicletta per sopraggiunti impegni di lavoro, o, al contrario, poiché deve recarsi a casa, o in altro luogo, anticipatamente sempre per cause impreviste (malattia, problemi familiari, ecc) - Si è chiamati a compiere uno straordinario, ma a causa del buio, il percorso che deve normalmente affrontare diventa sconsigliabile se non addirittura pericoloso Ing. Enrico Chiarini - Corso MM 18

QUANTI MOTIVI PER USARE LA BICI!

QUANTI MOTIVI PER USARE LA BICI! QUANTI MOTIVI PER USARE LA BICI! QUANTI MOTIVI PER USARE LA BICI! LA BICICLETTA non consuma non inquina non fa rumore non ingombra riduce il traffico rispetta l'ambiente è economica è veloce migliora la

Dettagli

Joint Research Centre (JRC)

Joint Research Centre (JRC) La mobilità al Centro Comune di Ricerca di Ispra La mobilità al Centro Comune di Ricerca di Ispra, 28.10.2011 1 Joint Research Centre (JRC) ISM Gestione del Sito di Ispra A. Koletsos, Mobility Manager

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Revisori Massimo Infunti Domenico De Leonardis

Revisori Massimo Infunti Domenico De Leonardis Autori Liyana Adjarova, Energy Agency of Plovdiv (BGR) Ina Karova, Energy Agency of Plovdiv (IT) Ioanna Lepinioti, impronta di Massimo Infunti (IT) Billy Carslaw, Camera di Commercio di Birmingham (UK)

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

4 Forum Car-Sharing. Martedì 7 aprile 2009 Auditorium Ara Pacis Roma. Ing. Antonio Venditti

4 Forum Car-Sharing. Martedì 7 aprile 2009 Auditorium Ara Pacis Roma. Ing. Antonio Venditti 4 Forum Car-Sharing Il ruolo del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare nello sviluppo dei servizi di Car Sharing sul territorio nazionale Martedì 7 aprile 2009 Auditorium Ara

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

Giuseppe Piras Architetto 10/04/2015 TROPPE AUTOMOBILI IN CIRCOLAZIONE

Giuseppe Piras Architetto 10/04/2015 TROPPE AUTOMOBILI IN CIRCOLAZIONE Verso la «Mobilità Nuova» TROPPE AUTOMOBILI IN CIRCOLAZIONE 1 Verso la «Mobilità Nuova» Verso la «Mobilità Nuova» Un recentissimo studio danese ha provato a verificare gli effetti positivi dell andare

Dettagli

5.1 Mobilità intra aziendale

5.1 Mobilità intra aziendale 5. Le misure individuate Le misure da implementare nel breve e medio termine sono distinte in: mobilità intra aziendale azioni di comunicazione promozione della bicicletta promozione del carpooling promozione

Dettagli

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 «Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 Our streets, our choice Ovvero «Le nostre strade, la nostra scelta»: lo slogan scelto quest'anno per la Settimana della Mobilità

Dettagli

LA VISIONE DELLA MOBILITÀ NUOVA

LA VISIONE DELLA MOBILITÀ NUOVA Verso la «Mobilità Nuova» TROPPE AUTOMOBILI IN CIRCOLAZIONE 1 Verso la «Mobilità Nuova» Verso la «Mobilità Nuova» TROPPE AUTOMOBILI IN CIRCOLAZIONE 2 Verso la «Mobilità Nuova» Secondo una ricerca condotta

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti LA RETE PROVINCIALE DEI MOBILITY MANAGER E LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO Bergamo, 9 febbraio

Dettagli

Il Mobility Management. Maria Lelli

Il Mobility Management. Maria Lelli Il Mobility Management Maria Lelli IL MOBILITY MANAGEMENT Il MOBILITY MANAGEMENT è un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda per la promozione della MOBILITA SOSTENIBILE

Dettagli

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone Ufficio, esecutore Ufficio Educazione Ai genitori degli Alunni Ns. riferimento e data della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE P.C. Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone PROGETTI: Andiamo a scuola

Dettagli

Risultati dell Analisi degli Spostamenti Casa-Lavoro

Risultati dell Analisi degli Spostamenti Casa-Lavoro ENGIM Ente Nazionale Giuseppini del Murialdo Piano per la mobilità sostenibile Novembre 2009 1 Introduzione L'ENGIM, Ente Nazionale Giuseppini del Murialdo, è un'associazione senza fine di lucro finalizzata

Dettagli

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Comunità Montana della Valle Trompia Comuni di: Gardone V.T., Sarezzo, Marcheno, Vila Carcina, Concesio AUTOVEICOLI CIRCOLANTI OGNI 1.000 ABITANTI Numero di automobili

Dettagli

Piano Spostamenti Casa Lavoro Sede Cgil Rimini Dicembre 2012.

Piano Spostamenti Casa Lavoro Sede Cgil Rimini Dicembre 2012. Piano Spostamenti Casa Lavoro Sede Cgil Rimini Dicembre 2012. Indice: 1. Premessa 1.1 Contesto normativo 2. Il questionario di indagine 3. I risultati dell indagine 4. Analisi e proposte relative all accessibilità

Dettagli

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Scheda informativa 2 MISURE PER IL MOBILITY MANAGEMENT NELLE SCUOLE Annibale, il serpente sostenibile

Dettagli

Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti. 24 Settembre 2015

Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti. 24 Settembre 2015 Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti 24 Settembre 2015 Steer Davies Gleave Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti 24 Settembre 2015 2 Aree di attività

Dettagli

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DECRETO 27 MARZO 1998 A seguito dell emanazione del Decreto 27 marzo 1998 del Ministero dell Ambiente, l Università

Dettagli

Politiche per la mobilità ed i trasporti 9.1 Inquadramento strategico

Politiche per la mobilità ed i trasporti 9.1 Inquadramento strategico Politiche per la mobilità ed i trasporti 9.1 Inquadramento strategico Le trasformazioni che hanno investito la forma urbana negli ultimi anni hanno reso necessario riconsiderare le dinamiche territoriali;

Dettagli

A Brescia su due ruote

A Brescia su due ruote Comune di Brescia - Assessorato alla Mobilità e Parchi A cura di E. Brunelli, V. Ventura Obiettivi per una politica a favore della mobilità ciclistica: CREAZIONE ED ESTENSIONE DELLA RETE CICLABILE SICUREZZA

Dettagli

Questionario sugli Spostamenti Casa Lavoro

Questionario sugli Spostamenti Casa Lavoro Questionario sugli Spostamenti Casa Lavoro Perché occuparsi di Mobilità Sostenibile? L'azienda, nell'ambito iniziative di miglioramento della qualità ambientale, sta valutando di migliorare l'utilizzo

Dettagli

Interventi per favorire lo sviluppo della mobilità ciclistica in Puglia: la L.R. n. 1/2013

Interventi per favorire lo sviluppo della mobilità ciclistica in Puglia: la L.R. n. 1/2013 Interventi per favorire lo sviluppo della mobilità ciclistica in Puglia: la L.R. n. 1/2013 Napoli 17 settembre 2013 Raffaele Sforza Mobility Manager Regione Puglia GLI ITINERARI DI CYRONMED ITINERARIO

Dettagli

Matteo Dondé Architetto 06/02/2014

Matteo Dondé Architetto 06/02/2014 «La bicicletta è il veicolo più rapido nella via della delinquenza perchè la passione del pedale trascina al furto, alla truffa, alla grassazione!» Cesare Lombroso Nuova città mobile senz auto? Per raggiungere

Dettagli

REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE

REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE 29 APRILE 1996, n.16 (G.U. n. 036 SERIE SPECIALE N. 3 del 14/09/1996 - BU n. 032 del 09/05/1996) INTERVENTI PER INCENTIVARE L'USO DELLA BICICLETTA E PER LA CREAZIONE DI

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive MOBILITY MANAGEMENT Piacenza, 7 luglio 2008 Decreto Ronchi Decreto Ronchi del 27 marzo 1998 sulla "Mobilità sostenibile nelle aree urbane" Tutte le Aziende e gli Enti Pubblici con più di 300 dipendenti

Dettagli

Seminario: Mobilità sostenibile - buone pratiche a cura della Pubblica Amministrazione

Seminario: Mobilità sostenibile - buone pratiche a cura della Pubblica Amministrazione Seminario: Mobilità sostenibile - buone pratiche a cura della Pubblica Amministrazione Piano Spostamenti Casa Lavoro ed altre buone pratiche di mobilità sostenibile Massimo Boasso responsabile mobilità

Dettagli

Il Coordinamento d Area dei Mobility Manager Aziendali e le attività del Comune di Catania

Il Coordinamento d Area dei Mobility Manager Aziendali e le attività del Comune di Catania Il Coordinamento d Area dei Mobility Manager Aziendali e le attività del Comune di Catania Il Mobility Management è un approccio ai problemi della mobilità; non si occupa della modifica della rete stradale

Dettagli

Esperienze di riferimento

Esperienze di riferimento Esperienze di riferimento Perché? Cosa? Come? "Se vuoi costruire una nave, non spronare la gente a raccogliere legna, preparare gli strumenti, assegnare loro compiti e il lavoro, ma insegna alla gente

Dettagli

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT 1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT Mobility Managment La Commissione mondiale sull ambiente e lo sviluppo (Rapporto Brundtland, 1987), ha definito lo sviluppo

Dettagli

ACCESS Questionario titolari d azienda

ACCESS Questionario titolari d azienda ACCESS Questionario titolari d azienda ACCESS è un progetto finanziato dalla Comunità Europea nell ambito del Programma Spazio Alpino e ha come obiettivo primario il miglioramento della competitività e

Dettagli

Progettazione della circolazione urbana

Progettazione della circolazione urbana Norme per i Piani Urbani del Traffico (PUT): Art. 36 del C.d.S. Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (D.M. LL.PP. G.U. del 24.06.1995, n 146) [redatte su indicazioni del CIPET] 1

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015 Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015 RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio Gestione retribuzioni e rapporto di lavoro VENTURA Lorella

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

Piano Spostamenti Casa Lavoro 2012 Dipendenti Societa Reale Mutua di Assicurazioni

Piano Spostamenti Casa Lavoro 2012 Dipendenti Societa Reale Mutua di Assicurazioni Piano Spostamenti Casa Lavoro 2012 Dipendenti Societa Reale Mutua di Assicurazioni RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager CAGGIANIELLO Giorgio Direzione Risorse Umane\Amministrazione VAUDAGNA Marco

Dettagli

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo European Mobility Week Palermo 16/22 settembre Mobilità sostenibile a Palermo A A sampler (of benzene level) in a central street: Via Roma Zone a traffico limitato ZTL A = auto Euro 3 and Euro 4 e mezzi

Dettagli

Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera

Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera Fabio Formentin Mobility Manager Regione Emilia-Romagna Settimana

Dettagli

Schede di misure. MMV Gestione della mobilità durante le manifestazioni. Foto: sbb.ch

Schede di misure. MMV Gestione della mobilità durante le manifestazioni. Foto: sbb.ch Schede di misure MMV Gestione della mobilità durante le manifestazioni Foto: sbb.ch Schede di misure per settori d attività rilevanti Schede di misure per settori d attività rilevanti... 1 Offerte supplementari

Dettagli

Proposte sostenibili per il Piano Generale del Traffico Urbano PGTU - di Melegnano

Proposte sostenibili per il Piano Generale del Traffico Urbano PGTU - di Melegnano Proposte sostenibili per il Piano Generale del Traffico Urbano PGTU - di Melegnano A cura delle associazioni L ABICI-FIAB, Circolo Legambiente Arcobaleno, OMSM, Banca del Tempo, Comitato Vivere Meglio

Dettagli

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE Dare continuità al processo di Agenda 21 locale CRITICITA' C1: attraversamento del centro storico incoraggiato per mancanza della chiusura dell anello di tangenziale - C2: mancanza di spazi - C3: impedimenti

Dettagli

Mobility Management d'area Zona di Via Pavia (Rivoli TO)

Mobility Management d'area Zona di Via Pavia (Rivoli TO) Mobility Management d'area Zona di Via Pavia (Rivoli TO) Introdurre la figura del Mobility Manager d'area nella zona di Via Pavia (Rivoli - TO) PROGETTO So.S.-M.Bi.O Finanziato dalla Provincia di Torino

Dettagli

Preambolo. a) SVILUPPARE L'USO DELLA BICICLETTA QUALE MEZZO DI TRASPORTO ALTERNATIVO AI MEZZI MOTORIZZATI; b) AGEVOLARE IL TRAFFICO CICLISTICO.

Preambolo. a) SVILUPPARE L'USO DELLA BICICLETTA QUALE MEZZO DI TRASPORTO ALTERNATIVO AI MEZZI MOTORIZZATI; b) AGEVOLARE IL TRAFFICO CICLISTICO. REGIONE: PIEMONTE LEGGE REGIONALE 17 APRILE 1990, n. 33 (G.U. n. 040 SERIE SPECIALE N. 3 del 13/10/1990 - BU n. 017 del 24/04/1990) INTERVENTI PER LA PROMOZIONE DELLA BICICLETTA COME MEZZO DI TRASPORTO,

Dettagli

La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia

La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia PREMESSA Il tema della mobilità sostenibile è divenuto ormai oggetto quotidiano di confronto e di impegno istituzionale. Il Nuovo Codice della

Dettagli

LE POLITICHE PER LA MOBILITÀ CICLABILE DEL COMUNE DI TORINO

LE POLITICHE PER LA MOBILITÀ CICLABILE DEL COMUNE DI TORINO LE POLITICHE PER LA MOBILITÀ CICLABILE DEL COMUNE DI TORINO Torino, settembre 2006 Torino 25 26 Febbraio 2009 Gabriella BIANCIARDI Percorsi europei per la mobilità sostenibile 1 TORINO ALCUNI DATI N ABITANTI:

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO PUBBLICO

PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO PUBBLICO BICIPLAN Individuazione della rete ciclabile strategica le ciclovie Quali tipologie per la rete portante PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO PUBBLICO Interventi di moderazione del traffico Il concetto di «living

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI

COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI MARZO 2012 La situazione attuale del traffico cittadino, risultato del predominio dei mezzi

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

3^D. Indirizzo Edile Territoriale MOBILITA IN CLASSE. approfondimento mobilità sostenibile. Grazie A. Ringraziamenti. Anno scolastico 2007-2008

3^D. Indirizzo Edile Territoriale MOBILITA IN CLASSE. approfondimento mobilità sostenibile. Grazie A. Ringraziamenti. Anno scolastico 2007-2008 ?????????????????? 1 3^D iet Se la vedi t innamori MOBILITA IN CLASSE 3^D Ringraziamenti Indirizzo Edile Territoriale geopedologia Anno scolastico 2007-2008 approfondimento mobilità sostenibile Grazie

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

Comune di Padova. Linee guida per la redazione del Piano degli Spostamenti Casa Lavoro. Mobility Manager Aziendale MOBILITY MANAGEMENT

Comune di Padova. Linee guida per la redazione del Piano degli Spostamenti Casa Lavoro. Mobility Manager Aziendale MOBILITY MANAGEMENT Dicembre 2001 Rev. 0 Settore Mobilità e Traffico Dirigente Capo Settore dr. Daniele Agostini Ufficio Mobility Manager d Area ing. Giancarlo Smaniotto ing. Ernesto Marzano arch. Alberto Marescotti Mobility

Dettagli

Ciclabilità teoria e tecnica

Ciclabilità teoria e tecnica City Ferrara 22 ottobre 2010 Ciclabilità teoria e tecnica Ing. Marco Passigato Mobility Manager dell Università degli studi di Verona Consigliere nazionale Federazione Italiana Amici della Bicicletta www://marco.passigato.free.fr

Dettagli

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012 effettuata nel periodo maggio giugno 2012 Una prima valutazione su quanto emerso dalle risposte al questionario. L iniziativa,vuole mettere la CGIL di Rimini nella condizione di dare l esempio (pensata,

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

VII FORUM DEI MOBILITY MANAGER DELLA PROVINCIA DI BERGAMO LE BUONE PRATICHE: ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS

VII FORUM DEI MOBILITY MANAGER DELLA PROVINCIA DI BERGAMO LE BUONE PRATICHE: ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS VII FORUM DEI MOBILITY MANAGER DELLA PROVINCIA DI BERGAMO LE BUONE PRATICHE: ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS DECALOGO AMBIENTALE: MOBILITA 2 Agrate Brianza site 3 Agrate

Dettagli

Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale

Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale Ing. Enrico Chiarini Premessa Questo documento, redatto in forma personale, raccoglie alcune richieste di parere e alcune richieste di chiarimento

Dettagli

QUESTIONARIO - PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA - LAVORO Cod. az.

QUESTIONARIO - PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA - LAVORO Cod. az. COMUNE DELLA SPEZIA PROVINCIA DELLA SPEZIA ATC spa ATC MP spa QUESTIONARIO - PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA - LAVORO Cod. az. SEZIONE 1 : INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE n. scheda 1. SESSO M F 2. ETA

Dettagli

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO Popolazione/Inhabitants 1,800,000 1,700,000 1,600,000 1,500,000 1,400,000 1,300,000 1,200,000 1,100,000 1,000,000 Residenti a Milano

Dettagli

DOMENICA 27 GENNAIO Ore 11.15 (al termine della S. Messa delle 10.00)

DOMENICA 27 GENNAIO Ore 11.15 (al termine della S. Messa delle 10.00) Cammini di sobrietà. Trasporti e sobrietà: binomio possibile? DOMENICA 27 GENNAIO Ore 11.15 (al termine della S. Messa delle 10.00) TEATRO QOELET Trasporti e Sobrietà: binomio possibile? Mobilità e Ambiente

Dettagli

I Piani spostamento casa lavoro/scuola

I Piani spostamento casa lavoro/scuola La mobilità sostenibile ha fatto strada I Piani spostamento casa lavoro/scuola - Percorsi europei per la mobilità sostenibile Lucia Torino 25 Gola 26 febbraio Mobility 2009 Manager d Area del Comune di

Dettagli

Così fan tutte. Eugenio Galli Presidente Fiab CICLOBBY. Biciclettiamo Milano. Milano, Palazzo Reale, 3 ottobre 11

Così fan tutte. Eugenio Galli Presidente Fiab CICLOBBY. Biciclettiamo Milano. Milano, Palazzo Reale, 3 ottobre 11 Così fan tutte (le virtuose) Eugenio Galli Presidente Fiab CICLOBBY Eugenio Galli Così fan tutte (le virtuose) 1 Trends La mobilità ciclistica sta conoscendo una nuova giovinezza. Nei Paesi europei, con

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VAUDAGNA Marco Amministrazione

Dettagli

LEGAMBIENTE Comitato Regionale Pugliese

LEGAMBIENTE Comitato Regionale Pugliese Bari, 17 dicembre 2014 Comunicato stampa Comuni Bicicloni 2014 il dossier che fotografa lo stato della mobilità nei Comuni pugliesi In Puglia c è ancora molto da pedalare per ridisegnare la mobilità urbana

Dettagli

Manifesto per la Mobilità Nuova a Perugia

Manifesto per la Mobilità Nuova a Perugia 1/6 Forum Nuova Mobilità Umbria, Salviamo il Paesaggio Perugia, Legambiente Umbria, ACU Umbria, Unione Nazionale Consumatori, Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada, Monimbò Bottega del

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

I candidati a confronto V domanda Un nuovo sistema di mobilità personale e pubblica La mobilità sostenibile

I candidati a confronto V domanda Un nuovo sistema di mobilità personale e pubblica La mobilità sostenibile I candidati a confronto V domanda Un nuovo sistema di mobilità personale e pubblica La mobilità sostenibile quali proposte per modificare la mobilità, attuando finalmente una rete di trasporto pubblico

Dettagli

ACCESSO ALLA STRUTTURA...

ACCESSO ALLA STRUTTURA... REGOLAMENTO INTERNO ACCESSO ALLA STRUTTURA... 1 Iscrizione... 1 Quota d iscrizione... 2 Tessera di iscrizione... 2 Ospiti... 2 Calendario delle attivita... 2 UTILIZZO DELLA STRUTTURA... 3 Norme generali...

Dettagli

ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY

ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY Sedi di C.so Marche, Caselle Nord, Caselle Sud Torino, Dicembre 2008 MVRS_ALENIA_174_08 AGENDA OBIETTIVI AZIONI QUESTIONARIO PSCL ANALISI DEGLI SPOSTAMENTI: QUADRO GENERALE

Dettagli

Teoria Tecnica Didattica dell Attività Motoria nelle Età della vita AA 2010/11

Teoria Tecnica Didattica dell Attività Motoria nelle Età della vita AA 2010/11 Teoria Tecnica Didattica dell Attività Motoria nelle Età della vita AA 2010/11 Attività fisica, stili di vita attivi e mobilità dolce: da città pigre a città attive. Aspetti comunicativi, educativi, motori,

Dettagli

PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO ENEL Sedi di C.so Regina Margherita, Via Botticelli e Via Rondò Bernardo

PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO ENEL Sedi di C.so Regina Margherita, Via Botticelli e Via Rondò Bernardo PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO ENEL Sedi di C.so Regina Margherita, Via Botticelli e Via Rondò Bernardo Torino, Febbraio 2009 MVRS_ENEL_214_08 AGENDA INTRODUZIONE RISULTATI DELL INDAGINE DI MOBILITÀ QUADRO

Dettagli

REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE

REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE La circolazione dei velocipedi è regolata dall art. 182 del D.Lgs. n. 285/1992 e successive modificazioni ed integrazioni (Codice della

Dettagli

Un piano per il BIKE SHARING regionale

Un piano per il BIKE SHARING regionale Un piano per il BIKE SHARING regionale Paolo Ferrecchi Direttore generale Reti infrastutturali, logistica e sistemi di mobilità. Regione Emilia-Romagna Settimana di educazione allo sviluppo sostenibile

Dettagli

Miglioramento e promozione della mobilità ciclabile: una strategia di marketing

Miglioramento e promozione della mobilità ciclabile: una strategia di marketing Insieme di risorse Miglioramento e promozione della mobilità ciclabile: una strategia di marketing L esempio del Comune di Bolzano supportato da www.trendy-travel.eu Miglioramento e promozione della mobilità

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT

IL MOBILITY MANAGEMENT IL MOBILITY MANAGEMENT L. BERTUCCIO, E. CAFARELLI Euromobility Associazione Mobility Manager Dei 24 capoluoghi di provincia con un numero di abitanti superiore a 150.000 unità non tutti hanno fornito l

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

Il Metabolismo della Città

Il Metabolismo della Città Il Metabolismo della Città Mobilità e trasporti Punti di Attenzione/Approfondimento Scelte di fondo: auto e parcheggi per tutti o trasporto pubblico? Compatibilità tra qualità urbana e flussi di traffico.

Dettagli

Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici

Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici Maria Berrini, Presidente AMBIENTE ITALIA Consigliere dell Ordine degli Architetti di Milano e Provincia Membro del Consiglio di Indirizzo

Dettagli

Revisori Massimo Infunti Domenico De Leonardis

Revisori Massimo Infunti Domenico De Leonardis Autori Liyana Adjarova, Energy Agency of Plovdiv (BGR) Ina Karova, Energy Agency of Plovdiv (IT) Ioanna Lepinioti, impronta di Massimo Infunti (IT) Billy Carslaw, Camera di Commercio di Birmingham (UK)

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1 Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI. DELIBERAZIONE del SINDACO METROPOLITANO. PARERI ex art. 49 D. Lgs. 267/2000 e ss. mm. ii.

CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI. DELIBERAZIONE del SINDACO METROPOLITANO. PARERI ex art. 49 D. Lgs. 267/2000 e ss. mm. ii. CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI DELIBERAZIONE del SINDACO METROPOLITANO OGGETTO: Consulta della Mobilità Ciclabile Istituzione. n. 52 Data 22.03.2016 PARERI ex art. 49 D. Lgs. 267/2000 e ss. mm. ii. Il Dirigente

Dettagli

MOBILITA E TURISMO SOSTENIBILE: SINERGIE IN ADRIATICO

MOBILITA E TURISMO SOSTENIBILE: SINERGIE IN ADRIATICO MOBILITA E TURISMO SOSTENIBILE: SINERGIE IN ADRIATICO Giulia Pedrocchi www.eenergiagroup.it Perché la mobilità sostenibile? Measuring the Street: New Metrics for 21st Century Streets Secondo uno studio

Dettagli

Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano

Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano Comune di Lanciano Assessorato urbanistica settore IV programmazione urbanistica Progetto messa in sicurezza SP82 VIA per Treglio, incrocio Quartiere S.Rita

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Quale valore per le imprese e le banche italiane ABI FORUM CSR 2008 Roma, 29 Gennaio Aldo Pozzoli, Partner MUOVERSI 1. Introduzione Le Linee

Dettagli

una bicicletta è una bicicletta

una bicicletta è una bicicletta I mezzi di trasporto servono per spostarsi più rapidamente ma a causa del traffico la velocità di spostamento medio a Roma è solo di 23 Km/h. È necessario valorizzare gli spostamenti condivisi, il trasporto

Dettagli

LA MOBILITA' A SAN GIOVANNI VALDARNO

LA MOBILITA' A SAN GIOVANNI VALDARNO LA MOBILITA' A SAN GIOVANNI VALDARNO Il presente questionario ha lo scopo di stimare parametri di mobilità caratteristici delle famiglie residenti nelle aree del Comune di San Giovanni Valdarno nell'ambito

Dettagli

Metano e trasporti per il governo della mobilità

Metano e trasporti per il governo della mobilità Parma, 16 marzo 2010 Metano e trasporti per il governo della mobilità Lo stato dell arte delle più recenti azioni di mobilità sostenibile promosse dal Ministero dell ambiente Arch. Giovanna Rossi Ministero

Dettagli

GIULIO VALESINI FUORI CAMPO

GIULIO VALESINI FUORI CAMPO BIKE TO WORK Di Giulio Valesini FUORI CAMPO Se andate a lavoro in bicicletta il comune vi paga. L ha proposto ai suoi cittadini il sindaco di Massarosa. Un paese in provincia di Lucca, che indossa di diritto

Dettagli

sostenibile Mobilità 4 MOBILITÀ SOSTENIBILE Italy only - Not yet available to foreign clients

sostenibile Mobilità 4 MOBILITÀ SOSTENIBILE Italy only - Not yet available to foreign clients Italy only - Not yet available to foreign clients Mobilità sostenibile Pedibus a Firenze Ciclo parcheggio a Venezia Palazzo Te - Mantova L accordo fra gli stati dell Unione Europea sul tema clima-energia,

Dettagli

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna Rapporto di sintesi L indagine e l analisi dei risultati, di cui questo report rappresenta una sintesi,

Dettagli

In e Young. Active city. a.borgogni@unicas.it.

In e Young. Active city. a.borgogni@unicas.it. In e Young Active city a.borgogni@unicas.it. Introduzione Le seguenti pagine, parti integranti della Dispensa del corso, vengono inserite come presentazione Power Point per consentire la visione di alcune

Dettagli

L ESPERIENZA DI MOBILITY MANAGEMENT NEL COMUNE DI VENEZIA 1

L ESPERIENZA DI MOBILITY MANAGEMENT NEL COMUNE DI VENEZIA 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali L ESPERIENZA DI MOBILITY MANAGEMENT NEL COMUNE DI VENEZIA 1 Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di

Dettagli

Contenuti: COMPENDIO NAZIONALE SU TURISMO E MOBILITA' SOSTENIBILE ITALIA

Contenuti: COMPENDIO NAZIONALE SU TURISMO E MOBILITA' SOSTENIBILE ITALIA COMPENDIO NAZIONALE SU TURISMO E MOBILITA' SOSTENIBILE ITALIA Contenuti: 1. Presentazione del progetto SEEMORE 2. Sviluppi nazionali su turismo e mobilità sostenibile 3. Azioni SEEMORE nella Provincia

Dettagli

Il car sharing come alternativa sostenibile alle flotte aziendali Relatore: Stefano Casati

Il car sharing come alternativa sostenibile alle flotte aziendali Relatore: Stefano Casati Il car sharing come alternativa sostenibile alle flotte aziendali Relatore: Stefano Casati MISSION PER DEL CAR SHARING PER LE FLOTTE AUTO AZIENDALI IL CAR SHARING CREA VALORE IN AZIENDA PERCHÉ PERMETTE

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT: ESEMPI VIRTUOSI ITALIANI 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

MOBILITY MANAGEMENT: ESEMPI VIRTUOSI ITALIANI 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali MOBILITY MANAGEMENT: ESEMPI VIRTUOSI ITALIANI 1 Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche

Dettagli

La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso. Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano

La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso. Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano Il perché di un corso sull uso della bicicletta Il motore della bicicletta e la

Dettagli

BUONO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Quale strumento di incentivazione economica dei dipendenti verso forme di mobilità a ridotte emissioni

BUONO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Quale strumento di incentivazione economica dei dipendenti verso forme di mobilità a ridotte emissioni COMUNE DI VENEZIA Mobility Management di Area Comunale BUONO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Quale strumento di incentivazione economica dei dipendenti verso forme di mobilità a ridotte emissioni Sala conferenze

Dettagli