IDEE IN MOVIMENTO. Trasporti pubblici: lo sviluppo della mobilità SCUOLE ELEMENTARI, MEDIE E SUPERIORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IDEE IN MOVIMENTO. Trasporti pubblici: lo sviluppo della mobilità SCUOLE ELEMENTARI, MEDIE E SUPERIORI"

Transcript

1 IDEE IN MOVIMENTO Trasporti pubblici: lo sviluppo della mobilità SCUOLE ELEMENTARI, MEDIE E SUPERIORI

2 Nel trasporto urbano i mezzi più efficienti sono la metropolitana, l autobus diesel e il filobus. Nel trasporto extraurbano autobus e treno intercity risultano i mezzi più efficienti. L auto con 4 passeggeri risulta più efficiente di un treno ad alta velocità. Anche in questo caso però, considerando le emissioni atmosferiche, i mezzi su rotaia risultano quelli a minor impatto ambientale complessivo. Il tasso di occupazione incide molto sulle prestazioni: in ogni caso i mezzi collettivi consentono di minimizzare gli impatti ambientali anche con una ridottissima occupazione del mezzo, e nel trasporto regionale i treni locali sono il mezzo più ecologico. Ipotizzando un trasporto a carico pieno nell ambito del trasporto extraurbano, le migliori prestazioni ambientali sono garantite dal treno, mentre in ambito urbano dai mezzi di trasporto collettivi a trazione elettrica. Un attenzione particolare andrebbe dedicata anche all impatto ambientale provocato dai trasporti aerei: nelle tratte più brevi gli aeroplani risultano particolarmente inefficienti rispetto ai consumi di carburante. Sono i principali responsabili di gas di serra di origine antropogenica e li depositano direttamente nello strato superiore dell atmosfera: gli scienziati hanno rilevato che queste emissioni sortiscono un effetto riscaldamento più accentuato di quelle rilasciate a livello del suolo. Il rumore viene percepito da molti abitanti delle città come uno dei problemi principali associati al traffico. Contribuisce ai disturbi da stress, alle malattie cardiovascolari, alla diminuzione delle capacità uditive. Vi sono attualmente normative che indicano misure di limitazione delle attività rumorose e interventi nell ambito della pianificazione urbanistica (criteri di zooning). Quest ultima, pur non incidendo direttamente sulle sorgenti di inquinamento atmosferico ed acustico, può determinare il verificarsi o meno di situazioni in cui usi del suolo impattanti convivono con usi del suolo rispettosi della vita dei cittadini. Concretamente queste misure si possono tradurre in zonizzazioni acustiche, piani di risanamento acustico e Piani Urbani del Traffico. Le piste ciclabili rappresentano una valida alternativa per contrastare l'egemonia dell'automobile. La Regione Piemonte sostiene questa politica, finanziando la realizzazione di piste ciclabili. Nei parchi piemontesi ne sono state tracciate 22. Nella classifica dei capoluoghi di provincia, è Sondrio la città con più cm di piste ciclabili per abitante (68 cm per abitante), seguita da Cuneo (48 cm a testa). LA SICUREZZA Nelle città italiane si riscontra un tasso di incidentalità tra i più alti d Europa e, su 100 incidenti stradali, 75 si verificano in area urbana. Il treno, a questo riguardo, è molto più sicuro dell auto (a pari trasporto e rapportando i dati ai km di ferrovia e strade, si riscontra 1 incidente mortale in ferrovia e 20 su strade statali e autostrade). Il treno è più sicuro perché viaggia su una rotaia dedicata, a velocità consone al tracciato ed è meno soggetto dell auto a imprudenze del conducente, una delle cause maggiori di incidenti in auto. In città, l insufficiente sicurezza delle strade, la carenza di corsie dedicate e piste ciclabili, unita a traffico intenso e smog concorrono inoltre a scoraggiare l uso della bicicletta, mezzo che, riducendo il parco vetture circolante, limiterebbe il rischio stradale. Incidenti stradali ogni auto circolanti Anno 1998 (Sole 24Ore, Indagine sulle province italiane, 1999) Alessandria Asti Biella Cuneo Novara Torino V-C-O Vercelli Italia 5,42 7,62 6,14 6,26 9,59 3,78 5,17 5,22 7,38 Tra le altre iniziative, la Regione Piemonte ha promosso il "Progetto Sicurezza", finalizzato allo studio ed all'approfondimento di alcuni tratti della rete stradale regionale al fine di individuare le soluzioni funzionali ed infrastrutturali che, risolvendo i problemi di traffico e di sicurezza, siano allo stesso tempo compatibili con il contesto urbano attraversato e di riflesso determinino una maggiore qualità urbana ed ambientale.

3 I trasporti rappresentano uno dei settori più delicati e complessi in termini di impatto sull ambiente e sulla società. Il suo incessante sviluppo, particolarmente intenso in quest ultimo secolo, ha fatto emergere numerose criticità a livello locale e planetario. Nel 1950 i veicoli a motore sulle strade del mondo erano 50 milioni, adesso sono circa 700 milioni (500 milioni di auto, 100 milioni di camion e bus, 100 milioni di motociclette). L Italia è il paese europeo con la massima congestione stradale (numero autoveicoli per km di strada), nonostante la lunghezza della rete italiana sia superiore alla media comunitaria. Il trasporto automobilistico privato è aumentato del 25,5% dal 1990 al 2000 e di più del 300% dal 1970 al 2000, arrivando ad oggi a coprire l 82% della domanda di mobilità personale. Alle auto si affianca l incremento del trasporto merci (+36% rispetto al 1990), che viaggia quasi per intero su gomma, esasperando lo stato di ormai costante congestione delle strade italiane. E necessario dunque ripensare il sistema della mobilità: dare una risposta alternativa e a minor impatto alla domanda di trasporto che è tuttora in forte crescita, per tutelare i cittadini e la qualità della vita e dell ambiente. STRATEGIE PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE Che il sistema di mobilità attuale non sia più adeguato ai tempi, è un dato di fatto. Per ripensare le linee strategiche per un nuovo modello di mobilità, vi sono due aspetti fondamentali su cui intervenire: la riduzione dei consumi energetici per la produzione e l utilizzo dei veicoli e la riduzione dei flussi di traffico per contenere l inquinamento. Ridurre il traffico significa sostanzialmente limitare l uso del trasporto privato e potenziare quello pubblico, sviluppando procedure che aumentino l efficienza e la sicurezza dei trasporti pubblici, senza penalizzare la mobilità sul territorio, poiché essa è un elemento fondamentale di sviluppo economico e culturale. Il pacchetto di misure anti-traffico avviato dal Governo italiano e dagli Enti Locali e le principali linee d azione oggi in discussione individuano i seguenti interventi: sviluppo del car sharing (utilizzo dell auto in forme multiproprietarie), e del car pooling (condivisione di auto private); sviluppo di reti e piste ciclabili; riequilibrio della distribuzione delle merci per ferrovia ed incentivazione al risparmio energetico ed all'utilizzo di mezzi a basso impatto ambientale; promozione dello sviluppo a livello locale di Agenda 21 (documento programmatico, frutto della Conferenza Internazionale per lo sviluppo sostenibile svoltasi a Rio de Janeiro nel 1992); sviluppo e efficienza delle reti di monitoraggio; sviluppo di modelli previsionali per lo studio del traffico e dell'inquinamento atmosferico; provvedimenti contingenti per la limitazione del traffico a livello comunale (targhe alterne, blocco della circolazione). realizzazione di linee di trasporto tranviarie e metropolitane, utilizzo di mezzi pubblici a basso impatto ambientale (elettrici, a metano o altre tecnologie pulite ), utilizzo del taxi collettivo e del taxi bus (servizi collettivi a chiamata); diffusione di mezzi a basso impatto ambientale nei parchi veicolari degli Enti Pubblici (5% degli acquisti); stipula di accordi volontari con case produttrici di autoveicoli e di motocicli per ridurre le emissioni; istituzione del Mobility Manager, (responsabile della mobilità aziendale); La figura del Mobility Manager (MM) viene introdotta dal Decreto sulla Mobilità Sostenibile nelle Aree Urbane del Ogni azienda con oltre 300 dipendenti dovrebbe prevedere un MM, che studi i bisogni di mobilità degli impiegati o dei cittadini per favorire l uso di mezzi alternativi all'auto privata con soluzioni più razionali e meno inquinanti. I MM di Area (Comune, Provincia) collaborano con questi nell individuazione delle soluzioni più adeguate alle specifiche esigenze e coordinano gli interventi a livello territoriale. Per il momento però, a tre anni dall'entrata in vigore della legge, sono solo 367 (di cui 41 a Torino) i Mobility Manager al lavoro, su aziende.

4 STRADE SU STRADE Con il termine mobilità si intende un flusso di spostamenti di persone e merci che si svolgono in un ambito territoriale, attraverso diverse vie di percorrenza. Per gestire la mobilità è necessario conoscerne le caratteristiche e le variabili attraverso cui viene descritta: il flusso (numero di spostamenti); la distribuzione spaziale (flusso di spostamenti con una origine e una destinazione); la distribuzione temporale (intervallo di tempo in cui viene definito lo spostamento); il modo (modalità di trasporto, si può distinguere tra: modo meccanizzato, non meccanizzato, pubblico, privato, collettivo e individuale); il motivo (motivazione alla base dello spostamento); il percorso; il costo (ammontare di tutte le risorse che l utente sacrifica per effettuare quello spostamento - costo monetario + tempo + sicurezza + confort nello spostamento. Può essere oggettivo o percepito). CI SONO ALMENO 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE I MEZZI PUBBLICI puoi utilizzare i tempi degli spostamenti per leggere o ascoltare musica; puoi fare il viaggio in compagnia, scambiando due chiacchiere; sei più al sicuro da possibili incidenti stradali; contribuisci al risparmio di energia e materie prime; impatti meno sul consumo dei suoli; riduci il contributo all aumento dell effetto serra; contribuisci a non allargare il buco nell ozono; favorisci la riduzione dell inquinamento atmosferico locale soprattutto nelle grandi aree urbane; limiti l occupazione dei marciapiedi; contribuisci ad alleggerire il traffico, creando condizioni favorevoli all uso della bicicletta e ai pedoni. Ricorda anche che col tuo comportamento potresti convincere altri a scegliere i mezzi pubblici. IL PIEMONTE CHE SI MUOVE Consistenza del parco veicolare in Piemonte (ACI, Annuario Statistico 2000) (autovetture, autobus, autocarri, motrici, motocicli, motocarri, altri veicoli) PIEMONTE ITALIA Numero autoveicoli/popolazione (x 1000) (ISTAT, 1999) Numero abitanti/autovettura (ISTAT, 1999) ITALIA 688 ITALIA 1,8 PIEMONTE 763,8 PIEMONTE 1,64

5 Spostamenti casa-scuola (dall asilo all università) e spostamenti casa-lavoro (occupati sopra i 15 anni) per mezzo di spostamento utilizzato. Confronto fra valori piemontesi e medie italiane (ISTAT, 1999) Piemonte studenti Italia studenti Piemonte occupati A piedi Treno Tram e bus Metro Pullman Auto (conducente) Auto (passeggero) Moto Bici Italia occupati RETE AUTOSTRADALE PIEMONTESE Grazie alla sua collocazione strategica per il trasporto nazionale ed internazionale, il Piemonte ha sviluppato negli anni una notevole rete viaria con un chilometraggio considerevole, superiore anche alla media nazionale. La sua capillarità consente agli abitanti di raggiungere agevolmente quasi ogni angolo del territorio. Rete stradale (ISTAT, 2000) Rete stradale Autostrade Statali Provinciali Comunali urbane extraurbane vicinali TOTALE Km PIEMONTE % PIEMONTE/ITALIA 12,1% 6,4% 9,5% 8,8% 7,8% 7,5% 8,1% Km di strade per abitanti (ISTAT, 1996) ITALIA 77,3 PIEMONTE 87,1 TORINO Obiettivo del capoluogo piemontese è incentivare l uso del mezzo pubblico. La strategia scelta per affrontare le oltre 300 mila auto che ogni giorno entrano in città corre sui binari: valorizzazione di una delle poche ma ricche reti tranviarie d Italia, quadruplicamento dei binari ferroviari esistenti, costruzione e potenziamento di metropolitana, passante ferroviario, corsie protette per i tram. Una linea veloce di superficie attraversa la città dall autostrada per Milano fino a Mirafiori. E anche prevista la costruzione di parcheggi di interscambio, la velocizzazione del traffico di periferia con sottopassi, la pedonalizzazione di zone architettonicamente significative. In cantiere l allargamento della sosta a pagamento in zone residenziali e commerciali, la creazione di parcheggi pluripiano anche a ridosso del centro storico e di percorsi ciclo-pedonali che colleghino fra loro i grandi parchi e il centro cittadino.

6 VIAGGIARE E SPOSTARSI: A QUALI COSTI? Conosciamo bene il costo del biglietto del tram o della prenotazione del treno, di un paio di scarpe, della benzina per il motorino e dell autostrada. Ma oltre a questi costi economici più evidenti, ogni nostro spostamento ha dei costi diretti o indiretti a livello ambientale e sociale. Già dai tempi dell Impero Romano si lamentava il fetore percepibile nell Urbe e l incessante rumore delle ruote dei carri che correvano sull acciottolato delle strade: già nell antichità dunque, la diffusione dei primi mezzi di trasporto porta con sé una serie di problematiche legate ai loro impatti sull ambiente. Inizia una lenta e profonda modifica del rapporto uomo/ambiente, con la diffusione di inquinamento dell aria e acustico, perdita di habitat naturali, consumo e trasformazione del territorio, cambiamenti climatici, consumi energetici, rifiuti che derivano dalla rottamazione dei mezzi, smaltimento degli olii esausti e dei pneumatici, incidenti. L inquinamento atmosferico: un multi fenomeno L inquinamento atmosferico è un fenomeno complesso da osservare a diverse scale spaziali e temporali. Episodi acuti di inquinamento dell aria si rilevano in scala locale, osservando ad esempio cause ed effetti a un incrocio stradale; comprendere l origine delle piogge acide e collegare le sorgenti inquinanti al luogo dell impatto richiede invece una scala di analisi sovranazionale o continentale; infine fenomeni come l effetto serra e la riduzione dell ozono stratosferico sono comprensibili soltanto con un approccio su scala planetaria. Riferendosi poi alla scala temporale, alcuni processi si possono percepire nell arco di poche ore o giorni, altri invece, ad esempio i cambiamenti climatici, coinvolgono addirittura anche le generazioni future. Ogni singolo inquinante, inoltre, interagisce con altre sostanze e concorre a molteplici fenomeni di inquinamento secondo uno schema definito multi-inquinante, multi-effetti. Se dunque un settore come quello del traffico determina impatti su molteplici comparti ambientali, allo stesso modo intervenire in alcuni settori, ad esempio trasporti e energia, consente di ottenere risultati positivi su più problematiche ambientali. SCHEMA MULTI-INQUINANTE, MULTI-EFFETTI CO2 CH4 N2O SO2 NOX Cambiamenti climatici CO COV Qualità dell aria Diminuzione dei danni alla salute CO PM 10 Eutrofizzazione Minor rischio di perdita di biodiversità NH3 NOX Diminuzione degli eventi metereologici estremi e del rischio di desertificazione Minori emissioni Biossido di carbonio Metano Monossido di carbonio Biossido di zolfo Ossido di azoto Composti organici volatili Ammoniaca Molteplici benefici Ozono stratosferico Diminuzione dei danni alla salute Ozono troposferico Diminuzione dei danni alla salute e alle colture NO2 NH3 Acidificazione Diminuzione dei danni alle foreste, ai suoli e ai materiali SO2 NOX N2O CFC FONTE: Elaborazione Ministero dell Ambiente - ENEA da Agenzia Europea dell Ambiente, 2000

7 LE EMISSIONI Nelle aree urbane le principali sorgenti di inquinamento atmosferico sono il traffico veicolare e gli impianti di riscaldamento. Le principali componenti tossiche dei fumi di scarico sono il monossido di carbonio, il biossido di zolfo, gli ossidi di azoto, il particolato, il piombo. SO2 Anidride solforosa Gas incolore. Si origina dalla combustione di materie prime fossili. Il traffico veicolare è responsabile del 6% della sua produzione antropogenica. Combinandosi col vapor acqueo dà origine all acido solforico, coinvolto nel fenomeno delle piogge acide. Irrita le mucose dell apparato respiratorio, provoca lacrimazione e tosse. COVNM Composti Organici Volatili non Metanici Derivano dall evaporazione delle benzine e dall emissione di carburante incombusto. Fra questi composti vi è anche il BENZENE presente ad alte concentrazioni in prossimità di arterie a traffico intenso e nei parcheggi. Circa l 80% del contributo proviene dal traffico veicolare. Benzene : e una sostanza di accertata cancerogenicità. E tossico per il sistema nervoso. PM10 LE POLVERI Ampia classe di sostanze diverse dal punto di vista chimicofisico in forma di particelle, liquide o solide, di diverse dimensioni. il PM10 è il particolato con diametro inferiore a 10 micron. Originano dalla natura (suolo, aerosol marino, incendi, pollini, eruzioni vulcaniche) e dalle attività dell uomo (abrasione dei pneumatici su manto stradale, continua risospensione, abrasioni impianti frenanti). Maggiori produttori sono i motori diesel. Possono anche veicolare inquinanti, funzionando come centri di assorbimento. Irritanti per l apparato respiratorio: le particelle con diametro 0,1-0,5 µm possono di arrivare fino a bronchioli e alveoli polmonari. NO e NO2 Ossidi di azoto In natura sono prodotti da fulmini, incendi, decomposizione batterica. Il 60% delle emissioni antropogeniche deriva dal traffico motorizzato. Molti degli effetti da inquinamento da NOx non dipendono dai due ossidi stessi ma dal fatto che contribuiscono a far formare ossidanti fotochimici, che portano alla produzione di O3: OZONO. L ozono è un composto naturale presente sia nella nostra atmosfera a bassissime concentrazioni sia nella stratosfera. Qui costituisce uno strato che ci protegge dalle radiazioni ultraviolette. Ozono : il contatto diretto provoca l irritazione delle vie respiratorie quasi 10 volte di più del biossido di azoto (si trasforma facilmente in ossigeno molecolare, ossidando le strutture biologiche). CO Monossido di carbonio Composto inodore, incolore, insapore. Nell atmosfera urbana è generato prevalentemente dalle emissioni dei veicoli a motore (il 71% delle emissioni di CO nel 97 proveniva dal settore del trasporto stradale). Nell uomo può essere mortale perché, una volta inspirato, si lega all emoglobina del sangue, riducendo la capacità del sangue di trasportare ossigeno. Pb PIOMBO Viene usato nelle benzine per il suo potere antidetonante. Dal 90 se ne è ridotto molto l uso. Tende a concentrarsi nel sangue provocando problemi ai reni, al fegato, e disturbi comportamentali. Consumi energetici La domanda di benzine e diesel destinate ai mezzi di trasporto è stato l elemento che ha determinato in Europa la crescente richiesta e consumo di energia tra il 1995 e il Il mezzo di trasporto, le condizioni di guida, il numero di persone che trasporta (tasso di occupazione), il tipo di percorso influenzano l efficienza energetica dei diversi mezzi. Un treno o un auto non hanno consumi significativamente diversi se viaggiano a pieno carico, ma il consumo di energia per unità trasportata si dimezza.

8 OMNIBUS OVVERO... PER TUTTI Mobilità significa anche poter esprimere appieno le proprie potenzialità nel lavoro, nello studio, negli affetti, nello svago, anche per una persona disabile, anziana o per un bambino. Gli interventi, finalizzati a garantire il diritto alla mobilità per tutti, sono orientati a: eliminare le barriere architettoniche, ossia tutti i limiti all accessibilità sulle strade e sui mezzi di trasporto collettivo, offrendo migliori condizioni di confort e sicurezza: autobus con pianali ribassati, che si inclinano verso la banchina di accesso, scivoli, piattaforme mobili per agevolare la salita, rotaie a filo strada; rendere possibile al disabile la guida dell auto privata, spesso unico mezzo che realmente lo rende autonomo. In questo caso si concorrerebbe anche alla razionalizzazione della spesa pubblica, alleggerendo istituzioni ed enti locali dagli oneri dei servizi speciali di trasporto; rendere accessibili strade e marciapiedi, liberandoli dal parcheggio selvaggio. Ancora molto lavoro va fatto però per assicurare reale autonomia di movimento a tutti. KYOTO: PROTOCOLLO O COMPROMESSO? Il Protocollo di Kyoto impegna i Paesi industrializzati e quelli ad economia in transizione (i Paesi dell est europeo) a ridurre complessivamente del 5% (rispetto al 1990) nel periodo le principali emissioni antropogeniche di gas capaci di alterare l effetto serra naturale del nostro pianeta. I sei gas-serra sono: l anidride carbonica (CO2), il metano (CH4); il protossido di azoto (N2O); gli idrofluorocarburi (HFC); i perfluorocarburi (PFC); l esafluoruro di zolfo (SF6). L Italia si è impegnata a ridurre le proprie emissioni del 6,5%, pari a 100 milioni di tonnellate equivalenti di anidride carbonica. L adozione di misure volte a limitare e/o ridurre le emissioni di gas ad effetto serra prevede tra le altre di agire proprio nel settore dei trasporti. Tra il 1990 e il 1998 le emissioni di anidride carbonica nel settore dei trasporti sono aumentate del 15%. Questo aumento è legato in particolare all incremento dei consumi di gasolio (+12%) e di benzina (+30%). Nel periodo , in valori assoluti, i milioni di passeggeri-km trasportati su ferrovia hanno avuto un modesto incremento del 4%, contro un aumento del 24% su strada e del 40% su aereo. È interessante rilevare che i milioni di passeggeri-km trasportati dai servizi pubblici urbani (autobus, tramvie, metropolitane) hanno avuto una riduzione del 5%, contro un aumento di quasi il 25% di quelli trasportati con autoveicoli privati nelle aree urbane e metropolitane. Se si considera che, in relazione alle diverse modalità di trasporto, i fattori di emissione di anidride carbonica del trasporto stradale sono mediamente superiori di circa tre volte rispetto a quelli del trasporto su ferrovia, tramvia e metropolitana, e di almeno quattro volte rispetto al trasporto marittimo, è evidente che nel periodo l evoluzione dei trasporti in Italia ha seguito una direzione divergente con gli impegni assunti nell ambito del Protocollo di Kyoto e delle Linee Guida per la riduzione delle emissioni di gas serra. Il recente vertice di Marrakesh (2001) sul riscaldamento del clima ha ridimensionato gli obiettivi di riduzione, incentivando invece il ruolo della riforestazione quale serbatoio di assorbimento della CO2. Trattandosi di un problema a scala globale, la riforestazione non deve avvenire necessariamente nel paese inquinatore, e i paesi con grandi estensioni forestali possono vendere quote di foreste ai paesi produttori di CO2. Questo consente a un paese di ridurre le proprie emissioni, acquistando quote piuttosto che adottando adeguate politiche energetiche. I DATI UTILIZZATI NEL TESTO SONO STATI TRATTI DA PUBBLICAZIONI E SITI WEB DI: ANPA - Agenzia Nazionale per la Protezione dell Ambiente ARPA Piemonte - Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Regione Piemonte - Assessorato ai Trasporti ISTAT Servizio Piemonteincifre Worldwatch Institute State of the World 2001, Edizioni Ambiente, 2001 Legambiente, Istituto di Ricerche, Ambiente Italia Rapporto sull ambiente urbano 2001 Pronto TPL Piemonte: un nuovo punto di riferimento per tutte le informazioni sui trasporti pubblici della Regione numero verde gratuito per chi chiama dal Piemonte : il numero per chi usa il telefono cellulare l indirizzo web per chi sceglie Internet Idee in movimento - Newsletter Direzione Trasporti Regione Piemonte, Piazza Nizza, Torino PER COMUNICARE CON NOI Per informazioni rivolgersi a: REGIONE PIEMONTE Parliamo con i giovani - Corso Francia, 99/ TORINO Tel. 011/ Fax. 011/

TRASPORTI OBIETTIVI INDICATORI. Stimare le conseguenze ambientali delle emissioni in atmosfera generate dal settore trasporti

TRASPORTI OBIETTIVI INDICATORI. Stimare le conseguenze ambientali delle emissioni in atmosfera generate dal settore trasporti OBIETTIVI Stimare le conseguenze ambientali delle emissioni in atmosfera generate dal settore trasporti Quantificare l evoluzione di domanda ed intensità del trasporto Caratterizzare le tecnologie utilizzate

Dettagli

Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria

Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria Dott. Stefano Marzani Dott. Francesco Lisena Dott.ssa Michela Barni Aula Angelo Celli

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Quale valore per le imprese e le banche italiane ABI FORUM CSR 2008 Roma, 29 Gennaio Aldo Pozzoli, Partner MUOVERSI 1. Introduzione Le Linee

Dettagli

INQUINAMENTO URBANO E SOLUZIONI DAL TRASPORTO AUTO

INQUINAMENTO URBANO E SOLUZIONI DAL TRASPORTO AUTO INQUINAMENTO URBANO E SOLUZIONI DAL TRASPORTO AUTO Ing. Francesco Andreotti - ISPRA Convegno AIEE - Megalia Gli sviluppi sostenibili del settore trasporto auto Roma, 29 novembre 2011 1. NORMATIVA SULLA

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 Mobilità e competitività ità le azioni della Camera di Commercio di Varese MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 I FLUSSI DI LAVORATORI

Dettagli

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO IL PARTICOLATO ATMOSFERICO Il particolato atmosferico Definito anche aerosol o genericamente polveri Costituito da particelle solide o liquide in sospensione che provengono: da processi naturali e da processi

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

Il Mobility Management. Maria Lelli

Il Mobility Management. Maria Lelli Il Mobility Management Maria Lelli IL MOBILITY MANAGEMENT Il MOBILITY MANAGEMENT è un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda per la promozione della MOBILITA SOSTENIBILE

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA

SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA Redatto in collaborazione con la Società Techne Consulting S.r.l. di Roma 2007 1. PREMESSA Il Piano è stato redatto in

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

Nel contesto dei trasporti

Nel contesto dei trasporti Consumi: La mobilità 4.3 La mobilità Nel contesto dei trasporti la mobilità può essere definita come la capacità dell uomo di muovere e mettere in contatto merci e persone nello spazio e nel tempo: tale

Dettagli

Scheda 2 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 2 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 2 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DELLA MOBILITÀ GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il tema della mobilità sostenibile può essere visto da un particolare punto di vista cioè

Dettagli

Qualità dell aria a Palermo

Qualità dell aria a Palermo Comitato di redazione del Bollettino dell Ordine degli Ingegneri della provincia di Palermo Qualità dell aria a Palermo A cura di: ing.a.bertuglia, ing.m. Sciortino,dott.ssa R.Barbiera Ambiente ed inquinamento

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA,

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Roma) Sommario 1.Milano e il suo intorno: l evoluzione

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

Perché finanziare una mobilità urbana alternativa. Eleonora Pieralice

Perché finanziare una mobilità urbana alternativa. Eleonora Pieralice Perché finanziare una mobilità urbana alternativa Eleonora Pieralice Mobilità urbana sostenibile: lo squilibrio modale Il sistema dei trasporti italiano è dominato dalla crescita della domanda di mobilità

Dettagli

DI COSA ABBIAMO PARLATO:

DI COSA ABBIAMO PARLATO: Giovedì 27 novembre 2014 (1 C) siamo andati alla centralina dell A.R.P.A. in via Giovanni XXIII, Borgo S.Dalmazzo, (che verrà chiusa a fine dicembre) accompagnati dalle prof Bagnus (matematica e scienze)

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Importanza fisiologica dell aria

Importanza fisiologica dell aria Importanza fisiologica dell aria L aria rappresenta una materia prima indispensabile per la vita degli organismi: è infatti la fonte dell ossigeno necessario ai processi di produzione dell energia che

Dettagli

P A R T E S E C O N D A. Capitolo 5. Aria

P A R T E S E C O N D A. Capitolo 5. Aria P A R T E S E C O N D A Capitolo 5 Aria 5. ARIA 5.1 Caratteri generali In questa sezione saranno analizzati in dettaglio tutti gli aspetti relativi allo stato qualitativo della componente ambientale aria.

Dettagli

Principali inquinanti presenti nell aria

Principali inquinanti presenti nell aria Principali inquinanti presenti nell aria Polveri: sostanze cancerogene, irritanti, tossiche e allergizzanti Ossidi di azoto (NOx) sono gas irritanti Ossido di carbonio (CO) impedisce il trasporto dell

Dettagli

I COSTI ESTERNI DELLA MOBILITÀ IN ITALIA

I COSTI ESTERNI DELLA MOBILITÀ IN ITALIA I COSTI ESTERNI DELLA MOBILITÀ IN ITALIA di Andrea Molocchi Mentre si registrano alcuni miglioramenti nelle emissioni degli inquinanti normati, le emissioni di anidride carbonica dei trasporti su strada

Dettagli

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità Elettrica l energia che sposta le persone Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità ecologica? L automazione elettrica delocalizza l inquinamento? polveri

Dettagli

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE Tabella A. area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistente pendolarismo caratterizzato da uno scarso uso del mezzo pubblico (gli

Dettagli

AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 2 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 2 3 3 4 4 GESTIONE AZIENDALE ORIENTATA ALL AMBIENTE...

AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 2 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 2 3 3 4 4 GESTIONE AZIENDALE ORIENTATA ALL AMBIENTE... CAP e L AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 Evoluzione della mobilità passeggeri... 2 La mobilità e gli effetti sull ambiente: i costi... 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 Le polveri atmosferiche...

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE UN RAPPORTO PER ROMA CAPITALE EXECUTIVE SUMMARY La mobilità costituisce un problema strategico prioritario per le aree urbane perché impatta direttamente

Dettagli

Inquinamento acustico: Decibel fuori controllo Decibel fuori legge e manca un piano di intervento

Inquinamento acustico: Decibel fuori controllo Decibel fuori legge e manca un piano di intervento Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di Legambiente e Ferrovie dello Stato Allarme Frosinone, Tira una brutta aria Allarmanti i valori del PM10 che superano di circa il 50%

Dettagli

Scheda 1 «Mobilità sostenibile» PERCHÉ LA MOBILITÀ DEVE ESSERE SOSTENIBILE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 1 «Mobilità sostenibile» PERCHÉ LA MOBILITÀ DEVE ESSERE SOSTENIBILE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 1 «Mobilità sostenibile» PERCHÉ LA MOBILITÀ DEVE ESSERE SOSTENIBILE GREEN JOBS Formazione e Orientamento Perché la mobilità deve essere sostenibile La mobilità è uno dei problemi più complessi che

Dettagli

>>> buone abitudini per uno sviluppo sostenibile. inquinamento atmosferico e danni correlati. Legnago. cambia aria

>>> buone abitudini per uno sviluppo sostenibile. inquinamento atmosferico e danni correlati. Legnago. cambia aria inquinamento atmosferico e danni correlati >>> buone abitudini per uno sviluppo sostenibile Legnago cambia aria L inquinamento: scelte, necessità, priorità. In generale, per inquinamento si intende l alterazione

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria della Provincia di Forlì-Cesena: lo scenario attuale, al 2010 e al 2010 con azioni.

Piano di Gestione della Qualità dell Aria della Provincia di Forlì-Cesena: lo scenario attuale, al 2010 e al 2010 con azioni. Piano di Gestione della Qualità dell Aria della Provincia di Forlì-Cesena: lo scenario attuale, al 2010 e al 2010 con azioni. L aria delle nostre città: quali strategie per la pianificazione 22-12-2005

Dettagli

Numero di spostamenti: oltre 400.000 al giorno, tendenza di crescita di circa 2,5 % all anno

Numero di spostamenti: oltre 400.000 al giorno, tendenza di crescita di circa 2,5 % all anno Mobilità sostenibile Mariano Pedrelli La dinamica degli spostamenti A Parma la mobilità complessiva, intesa come numero di spostamenti, è in continua crescita. Questo è soprattutto il segno di una società

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITA O REGRESSO? SAN GIORGIO DI MANTOVA 16 FEBBRAIO 2011 CIRCOLO DELLA DECRESCITA FELICE DI MANTOVA

NUOVE OPPORTUNITA O REGRESSO? SAN GIORGIO DI MANTOVA 16 FEBBRAIO 2011 CIRCOLO DELLA DECRESCITA FELICE DI MANTOVA MOBILITA SOSTENIBILE NUOVE OPPORTUNITA O REGRESSO? SAN GIORGIO DI MANTOVA 16 FEBBRAIO 2011 CIRCOLO DELLA DECRESCITA FELICE DI MANTOVA MOBILITA SOSTENIBILE: LA VOGLIAMO COSI? COSI? COSI? COSI? . O COSI

Dettagli

Musica e CO2 STUDIO PRELIMINARE

Musica e CO2 STUDIO PRELIMINARE Musica e CO2 STUDIO PRELIMINARE a. Finalità e ambito dell intervento Questo primo studio è volto alla ricerca e all analisi di dati sulle emissioni di CO2 relative agli eventi musicali nel loro complesso

Dettagli

3.2 I TRASPORTI. 3.2.1 Il settore trasporti

3.2 I TRASPORTI. 3.2.1 Il settore trasporti 3.2 I TRASPORTI 3.2.1 Il settore trasporti Caratteristiche, aspetti e considerazioni generali E ormai noto che il settore dei trasporti rappresenta un elemento di criticità per la collettività e costituisce,

Dettagli

ZEC ZERO EMISSION CITY

ZEC ZERO EMISSION CITY ZEC ZERO EMISSION CITY PIANO DI MOBILITÀ ELETTRICA PER LA CITTÀ DI PARMA Carlo Iacovini, Responsabile Progetto Comune di Parma Caratteristiche del progetto ZEC 2 Il progetto ZEC intende implementare un

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0170

PROGETTO DI LEGGE N. 0170 REGIONE LOMBARDIA VIII LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4727 PROGETTO DI LEGGE N. 0170 di iniziativa della Giunta regionale DGR N. 2700 DEL 15/06/2006 Norme per la prevenzione e la riduzione delle

Dettagli

GARANTIRE LA SOSTENIBILITÀ NEGLI AGGREGATI URBANI PROBLEMI LOCALI E GLOBALI DEGLI IMPATTI AMBIENTALI URBANI

GARANTIRE LA SOSTENIBILITÀ NEGLI AGGREGATI URBANI PROBLEMI LOCALI E GLOBALI DEGLI IMPATTI AMBIENTALI URBANI L ambiente urbano gestione di acque rifiuti ambiente costruito verde pubblico inquinamento atmosferico mobilità sostenibile impatti ambientali di tipo fisico rumore radiazioni IR e NIR AMBIENTE URBANO

Dettagli

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

Dettagli

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali EMERGENZA SMOG: QUADRO NORMATIVO, RESPONSABILITÀ, COMPETENZE E STRATEGIE DEGLI ENTI LOCALI Brindisi,18 marzo 2010 Paolo Lecca lecca@ea.ancitel.it

Dettagli

Presentazione ideata dal DLF di Pordenone per il progetto Scuola Ferrovia attuato nell a. s. 2013/2014 presso la Scuola Media Statale LEONARDO DA

Presentazione ideata dal DLF di Pordenone per il progetto Scuola Ferrovia attuato nell a. s. 2013/2014 presso la Scuola Media Statale LEONARDO DA Presentazione ideata dal DLF di Pordenone per il progetto Scuola Ferrovia attuato nell a. s. 2013/2014 presso la Scuola Media Statale LEONARDO DA VINCI di Cordenons L impatto ambientale della Ferrovia

Dettagli

Allegato A.7 Glossario/definizioni

Allegato A.7 Glossario/definizioni Allegato A.7 Glossario/definizioni 198 A.7 Glossario/definizioni Ab. Analisi SWOT AP APQ Bus*km (vetture*km) CDU City Logistics CO CO 2 Costi di investimento Costi esterni COV COVNM Customer satisfaction

Dettagli

Inquinamento Atmosferico e Salute Umana. Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute

Inquinamento Atmosferico e Salute Umana. Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute Inquinamento Atmosferico e Salute Umana Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute Cosa intendiamo per ambiente? Definizione restrittiva: AMBIENTE = ARIA + ACQUA

Dettagli

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria: cosa respiriamo? 4 giugno 2015 Marina Camatini Inquadriamo il problema COS È L INQUINAMENTO DELL ARIA? E una modifica alla normale composizione,

Dettagli

Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è

Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è inserita l area di trasformazione. L accesso all area avviene

Dettagli

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc)

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) Inquinanti atmosferici Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) ZOLFO I composti dello zolfo di interesse ai fini dell inquinamento atmosferico

Dettagli

Il Sole Variazioni dell energia solare entrante: Obliquità orbitale Attualmente l asse di rotazione terrestre è inclinato di 23.4 rispetto alla perpendicolare sul piano orbitale terrestre. Ogni 41 000

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE

ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE Nella colonna viene indicato con una sigla il sistema ed il settore a cui fa riferimento l'indicatore (es. SE.POP.1= (SE) Sistema socioeconomico, (POP) settore popolazione,

Dettagli

Mobilità sostenibile. principi ed inquadramento generale. www.marcodemitri.it

Mobilità sostenibile. principi ed inquadramento generale. www.marcodemitri.it Mobilità sostenibile principi ed inquadramento generale Marco De Mitrii www.marcodemitri.it Mobilità sostenibile definizioni - 1 Secondo l Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, la

Dettagli

La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti

La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti 1 Tommaso Panero Amministratore Delegato GTT spa Convegno: OBIETTIVO SOSTENIBILITA : Design e Logistica a confronto

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio DIREZIONE GENERALE PER LA SALVAGUARDIA AMBIENTALE LA STRADA PER KYOTO

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio DIREZIONE GENERALE PER LA SALVAGUARDIA AMBIENTALE LA STRADA PER KYOTO Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio DIREZIONE GENERALE PER LA SALVAGUARDIA AMBIENTALE Roma, 16-17 febbraio 2006 XVII CONVEGNO TECNICO ACI LA STRADA PER KYOTO Ing. Bruno Agricola Direttore

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

Allegato A.4 Metodologia per la stima dei costi della mobilità

Allegato A.4 Metodologia per la stima dei costi della mobilità Allegato A.4 Metodologia per la stima dei costi della mobilità 150 A.4 Metodologia per la stima dei costi della mobilità L allegato illustra la metodologia e descrive le variabili impiegate per la stima

Dettagli

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO 65 66 Ecologia e ambiente Linee programmatiche o Promuovere e potenziare azioni ed interventi volti a migliorare la qualità dell aria, dell acqua e del suolo o Incentivare

Dettagli

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA 17 luglio 2014 Piano Regionale degli Interventi sulla qualità dell Aria (PRIA) Misure sulla mobilità Settori e misure del piano AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TRASPORTI

Dettagli

Analisi delle serie storiche. Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene

Analisi delle serie storiche. Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene Analisi delle serie storiche Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene Al fine di rendersi conto dell evoluzione delle concentrazioni di alcuni

Dettagli

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Perché riforestazione? Il Protocollo di kyoto Accordo internazionale firmato a Rio de Janeiro nel 1992 durante lo storico Summit sulla Terra. Entato

Dettagli

MANIFESTO DELL ISSI SULLA MOBILITA URBANA SOSTENIBILE IN CITTA LIBERI DALL AUTO

MANIFESTO DELL ISSI SULLA MOBILITA URBANA SOSTENIBILE IN CITTA LIBERI DALL AUTO MANIFESTO DELL ISSI SULLA MOBILITA URBANA SOSTENIBILE IN CITTA LIBERI DALL AUTO 1. Il sistema dei trasporti italiano, dominato dalla crescita della domanda di mobilità e dall aumento dello squilibrio modale,

Dettagli

AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori. relazione dell ingegnere Mauro Forghieri

AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori. relazione dell ingegnere Mauro Forghieri AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori relazione dell ingegnere Mauro Forghieri Le più stringenti limitazioni alle emissioni nocive

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 PRINCIPALI FONTI DI INQUINAMENTO traffico veicolare sistemi di produzione di

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente

Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente Regione Lombardia Milano LOMBARDIA: UNA REGIONE IN EUROPA Ridurre

Dettagli

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile 10.07.2015-10.11.2015 ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari Corso Trieste 27 Bari 1. Contenuto del

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE INVERNO

Dettagli

Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia aiuta il cielo di Torino

Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia aiuta il cielo di Torino Torino, 29 marzo 2008 comunicato stampa Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di e Ferrovie dello Stato Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia

Dettagli

Il progetto ENERPARK. Soluzioni tecnologiche e sistemiche per la mobilità sostenibile. Castelmezzano, 16 dicembre 2011 Ing. Giovanni Pede ENEA

Il progetto ENERPARK. Soluzioni tecnologiche e sistemiche per la mobilità sostenibile. Castelmezzano, 16 dicembre 2011 Ing. Giovanni Pede ENEA Il progetto ENERPARK Soluzioni tecnologiche e sistemiche per la mobilità sostenibile Castelmezzano, 16 dicembre 2011 Ing. Giovanni Pede ENEA Schema della presentazione Le problematiche emergenti nel settore

Dettagli

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Stili di vita, consumi e mobilità urbana 1 sessione del Tavolo di lavoro COS È IL PAES Impegno volontario e unilaterale per contribuire al superamento degli

Dettagli

L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L INQUINAMENTO ATMOSFERICO Sommario L Atmosfera Inquinamento Atmosferico Principali Cause dell Inquinamento Atmosferico Principali Conseguenze dell Inquinamento Atmosferico Buco

Dettagli

con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus!

con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus! con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus! Lo sapete? Fatti e cifre sul trasporto con autobus in Italia e in Europa gli autobus sono essenziali alla mobilità delle persone? il trasporto

Dettagli

RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998

RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998 RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998 1. Premessa La presente relazione è stata redatta in ottemperanza alle disposizioni contenute

Dettagli

Piano Energetico Comunale della Spezia

Piano Energetico Comunale della Spezia Piano Energetico Comunale della Spezia IL BILANCIO DELLE EMISSIONI DI CO 2 E DEI PRINCIPALI AGENTI INQUINANTI Codice AI-C5-08E084-09-02 Versione 02 Committente Comune della Spezia Stato del documento Bozza

Dettagli

PRESENTAZIONE DIDATTICA

PRESENTAZIONE DIDATTICA EDUCATIONAL BOX TEMA ENERGIA PRESENTAZIONE DIDATTICA Scuola primaria 2 ciclo Che cos è l'energia? Quali sono i diversi tipi di energia? Luce & Calore Cinetica & Elettrica Potenziale Rumore Chimica Che

Dettagli

Mal Aria contro lo smog in città

Mal Aria contro lo smog in città Cambiate abitudini Mal Aria contro lo smog in città Mal aria è la storica campagna di Legambiente contro l inquinamento atmosferico, per difendere il diritto alla salute dei cittadini e proporre soluzioni

Dettagli

COMUNE DI PISA ASSESSORATO TRASPORTI

COMUNE DI PISA ASSESSORATO TRASPORTI COMUNE DI PISA ASSESSORATO TRASPORTI Direzione Mobilità Viabilità a Nord-Est Analisi del contributo dei flussi veicolari alle emissioni in atmosfera Ottobre 2006 TAGES S.c.r.l. INDICE Premessa... Pag.

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

Informazioni Statistiche N 2/2013

Informazioni Statistiche N 2/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Osservatorio Ambientale Istat sulle città: i risultati di Palermo e delle grandi città Anno 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 2/2013 SETTEMBRE 2013 Sindaco:

Dettagli

Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo

Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo Sebastiano Serra Ministero dell Ambiente della tutela del

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Verona Via Massalongo Periodo di attuazione: 06/09/2010 20/09/2010 RELAZIONE TECNICA 1 Realizzato a cura di: A.R.P.A.V. Dipartimento Provinciale

Dettagli

Il treno, amico del clima

Il treno, amico del clima Il treno, amico del clima Il treno, amico del clima IL TRENO PROTEGGE IL CLIMA Il treno è il mezzo di trasporto che più di tutti rispetta l ambiente e il clima. Produce basse quantità di gas serra, consente

Dettagli

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA Piano Progressivo di Rientro del Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell Atmosfera (P.R.T.R.A.) relativo alle polveri PM 10 (DGR n. 1408 del 16/05/2006) A.R.P.A.V. OSSERVATORIO REGIONALE ARIA e Regione

Dettagli

Comunicato Stampa NAPOLI: IL TRENO VERDE DI LEGAMBIENTE E FS ITALIANE PRESENTA I RISULTATI DI 72 ORE DI MONITORAGGIO IN CITTÀ

Comunicato Stampa NAPOLI: IL TRENO VERDE DI LEGAMBIENTE E FS ITALIANE PRESENTA I RISULTATI DI 72 ORE DI MONITORAGGIO IN CITTÀ Comunicato Stampa NAPOLI: IL TRENO VERDE DI LEGAMBIENTE E FS ITALIANE PRESENTA I RISULTATI DI 72 ORE DI MONITORAGGIO IN CITTÀ il vento spazza via le polveri sottili, ma l attenzione resta alta per la città

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Giornate di Orientamento Unica Open Day 009 Test di accesso/verifica della preparazione iniziale Facoltà di ECONOMIA L Era Moderna che viviamo attualmente da un centinaio

Dettagli

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI 3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI Per descrivere lo stato attuale del sistema della mobilità è stata predisposta una banca dati che ha sistematizzato su supporti informatici condivisi tutte le informazioni

Dettagli

Aria e clima. RSA Provincia di Milano. Aria e clima

Aria e clima. RSA Provincia di Milano. Aria e clima RSA Provincia di Milano Aria e clima Fig. 1: fonti di emissione di PM10 Molte attività antropiche generano l emissione di sostanze inquinanti in atmosfera, che causano diversi fenomeni sia a livello locale,

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1 Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze

Dettagli

Padova, fumata nera PM10 oltre la norma 3 giorni su 3 e dal 1 gennaio già 54 superamenti giornalieri

Padova, fumata nera PM10 oltre la norma 3 giorni su 3 e dal 1 gennaio già 54 superamenti giornalieri , 3 aprile 2008 comunicato stampa Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di e Ferrovie dello Stato, fumata nera PM10 oltre la norma 3 giorni su 3 e dal 1 gennaio già 54 superamenti

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

IDROMETANO per autobus

IDROMETANO per autobus EU LIFE+ Mhybus IDROMETANO per autobus del trasporto pubblico urbano Layman s Report Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile Progetto finanziato nell ambito

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale * Il cambiamento climatico: il problema a scala globale *Antonio Ballarin Denti è Ordinario di Fisica ambientale all Università Cattolica di

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG )

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG ) Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Lucera ( FG ) Periodo di osservazione: 5/2/21-11/3/21

Dettagli

Box Informazioni riportate Documento di riferimento. Cosa prevede l Agenda 21?

Box Informazioni riportate Documento di riferimento. Cosa prevede l Agenda 21? 1 Ridurre la mobilità, accrescere l accessibilità Gruppo di lavoro per l approfondimento delle tematiche emerse nel corso del 7 o Forum Plenario di Agenda 21 Open Space Technology Il documento che vi proponiamo

Dettagli

Dagli anni 50 parte il boom dell automobile in Italia (e non solo) Ma negli anni 60 partono i primi provvedimenti di limitazione delle auto nei

Dagli anni 50 parte il boom dell automobile in Italia (e non solo) Ma negli anni 60 partono i primi provvedimenti di limitazione delle auto nei Muoversi in città. Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia. Anna Donati, Gruppo mobilità sostenibile Kyoto Club. A SCUOLA E A LAVORO IN TPL. Messina, 23 marzo 2016 ATM - Comune di Messina Dipartimento

Dettagli