Premessa CITTÀ DI TREVIGLIO RAPPORTO SULLO STATO DELL AMBIENTE 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Premessa CITTÀ DI TREVIGLIO RAPPORTO SULLO STATO DELL AMBIENTE 2008"

Transcript

1 MOBILITÀ E TRAFFICO Premessa Il concetto di mobilità si riferisce ai movimenti con qualsiasi mezzo di trasporto di persone e merci. La mobilità è, quindi, un sistema complesso formato da infrastrutture viarie, ferroviarie, aeroportuali, da parcheggi e centri di interscambio, da trasporti pubblici e privati, da piste ciclabili e da zone pedonali. Questo sistema influenza il funzionamento delle aree urbane e le condizioni di vita dei suoi abitanti e ha una forte incidenza sulla qualità ambientale. L attuale organizzazione dei trasporti è caratterizzata dalla predominanza del traffico su strada, con l uso prevalente di automezzi privati, e ha conseguenze negative sul piano economico, sociale ed ambientale, quali ad esempio:! la congestione delle città;! l elevato inquinamento acustico ed atmosferico;! il consumo di fonti energetiche non rinnovabili;! i rischi di incidenti, a cui sono connessi costi economici e sociali;! i disagi e le difficoltà per ciclisti e pedoni;! la sottrazione di suolo. Tra i principali fattori di insostenibilità delle città, quello del traffico è uno dei più complessi da affrontare, per la varietà delle problematiche connesse e per il suo stretto legame con le scelte individuali. I mezzi con cui ci muoviamo rappresentano un fattore irrinunciabile della vita di ogni cittadino: ciascuno infatti, per lavoro, studio, svago o altro, ha bisogno di muoversi. La mobilità verso e all interno della città dipende da vari fattori, tra cui densità abitativa, qualità e quantità dei servizi, infrastrutture e loro sviluppo, nonché dalla posizione del complesso di tali elementi lungo assi di attraversamento. All aumentare di questi fattori in genere aumenta la capacità di attrazione di una città, che diventa inevitabilmente più caotica, iniziando a manifestare fenomeni di degrado della qualità dell ambiente e della vita (inquinamento, congestione, rumore, lunghe attese, problemi di parcheggio, aumento dell incidentalità, ecc). Diversi studi hanno poi messo in evidenza il nesso tra la realizzazione di espansioni a bassa densità, soprattutto se ubicate lontano o in assenza di trasporto collettivo e dotate di un adeguato numero di posti auto, con l attitudine all utilizzo dell automobile per gli spostamenti. In senso opposto, previsioni di aree ad alta densità e ad utilizzo misto possono favorire gli spostamenti brevi e meno dispersi, che possono essere soddisfatti con mezzi di mobilità sostenibile quali il trasporto pubblico, la bicicletta o a piedi. Se le dinamiche insediative possono influenzare i sistemi della mobilità è però vero anche il contrario, ovvero che anche il sistema della mobilità e dei trasporti può determinare lo sviluppo di un territorio: questo si realizza, ad esempio, quando aumentando l accessibilità di un area si favorisce la nascita di nuovi insediamenti produttivi o residenziali. Negli ultimi anni, le problematiche relative alla congestione e all inquinamento dovuto al traffico nei centri urbani hanno portato all attenzione forme di mobilità non motorizzata (dette anche di mobilità sostenibile ), quali strumenti che, nei brevi tragitti in ambito urbano, possono dimostrarsi più rapidi dell automobile, specialmente nelle ore di traffico maggiormente congestionato. Un esempio di diagramma tra il tempo medio impiegato e la distanza media percorribile in funzione del mezzo di trasporto utilizzato in ambito urbano è riportato nella figura seguente. 59 Mobilità e traffico!

2 Figura 57: Relazione minuti/km percorsi: confronto tra i vari mezzi di trasporto min km Fonte: Volume 50 città Le dinamiche dei sistemi di mobilità a livello nazionale possono essere comprese facendo riferimento all analisi del V Rapporto Isfort - Asstra sulla mobilità urbana intitolato Così è se vi pare (2008). Il documento osserva come, a livello nazionale, negli ultimi anni la domanda complessiva di mobilità sia cresciuta, con una forte accelerazione dal 2004 in poi, in particolare per il volume di passeggeri * km prodotti. Nel sottolineare come le tratte di mobilità urbana inferiori ai 10 km siano ancora nel 2007 il 73,5% del totale, lo studio evidenzia come sia però in atto un processo di espansione delle direttrici extra urbane degli spostamenti e come la migrazione di una quota significativa di popolazione dalle grandi aree urbane verso i comuni corona abbia dilatato gli spazi e i tempi del trasporto. Tale fenomeno può essere letto nell allungamento dei tempi e delle distanze dei viaggi, come riportato nei grafici seguenti. Figura 58: Lunghezza e tempi degli spostamenti Fonte: V Rapporto Isfort sulla mobilità urbana Così è se vi pare, 2008 Il documento sottolinea come la quota di mercato del trasporto collettivo (considerando solo gli spostamenti motorizzati) cresca di 1,5 punti percentuali rispetto al 2006, per effetto di un rilevante incremento nel numero assoluto di passeggeri nel corso del 2007 (quasi il 20% in più), anche se il peso del trasporto 60 Mobilità e traffico!

3 collettivo resta modesto, attestato all 11,5% contro un 81% dei mezzi privati (auto). Si nota poi come la percentuale dei mezzi privati salga al 90,7% nei comuni al di sotto dei abitanti. L automobile, d altro canto, ha registrato nel 2007 una sostanziale stabilità nel numero di spostamenti (+0,7%) che in ragione dell aumento della domanda di mobilità si è tradotta in una perdita di quota di mercato, stimabile nell 1,8%, attribuita al forte aumento del costo del carburante registrato negli ultimi mesi. Figura 59: Il mercato urbano dei mezzi di trasporto nell ultimo biennio Fonte: V Rapporto Isfort sulla mobilità urbana Così è se vi pare, 2008 Per quanto riguarda il peso della mobilità ecologica (spostamenti in bicicletta e a piedi), si segnala, sempre a livello nazionale, un rallentamento rispetto all anno precedente, con una percentuale che nelle circoscrizioni territoriali del nord - ovest arriva a coprire circa il 40,4% degli spostamenti, contro il 59,6% degli spostamenti motorizzati. Figura 60: Il peso della mobilità non motorizzata per circoscrizione territoriale (% spostamenti) Fonte: V Rapporto Isfort sulla mobilità urbana Così è se vi pare, Mobilità e traffico!

4 Promuovere politiche per una mobilità sostenibile significa proporre un sistema di mobilità urbana in grado di conciliare il diritto alla mobilità con l'esigenza di ridurre l'inquinamento e le esternalità negative, quali le emissioni di gas serra, lo smog, l'inquinamento acustico, la congestione del traffico urbano e l'incidentalità. Strumenti di tali politiche possono essere:! trasporto pubblico locale: è la prima storica forma di mobilità sostenibile. Veicoli adibiti al trasporto di massa consentono di ridurre l'utilizzo dei mezzi privati;! car pooling: prevede che gli spostamenti che avvengono mediante mezzo privato possano essere effettuati da equipaggi che condividono uno stesso veicolo;! car sharing: è la possibilità di accedere su richiesta, tramite noleggio temporaneo (anche per periodi limitati, ad es. di 1h), ad un parco comune di autoveicoli posizionati in importanti nodi della rete di trasporto pubblico;! trasporto (o traffico) lento: è l insieme della mobilità pedonale e ciclabile;! limitazione dei movimenti e della velocità dei veicoli: si tratta di interventi di moderazione del traffico attraverso: o l istituzione di Isole ambientali (Zone 30): si tratta di zone con ridotti movimenti veicolari finalizzate al recupero della vivibilità degli spazi urbani, da cui è escluso il traffico di attraversamento; o zone a traffico limitato (ZTL) che corrispondono ad aree urbane all interno delle quali si cercano di integrare le diverse componenti del traffico.! mobility manager: ha la funzione di analizzare le esigenze di mobilità dei dipendenti delle aziende pubbliche e private, agevolare il car-pooling e sincronizzare gli orari lavorativi con quelli del trasporto pubblico;! blocco del traffico: il momentaneo blocco del traffico urbano è una misura di emergenza per ridurre il traffico veicolare e le emissioni inquinanti. L'intervento mira a vietare l'uso dell'automobile per far provare forme di mobilità alternative e più sostenibili (es. trasporto pubblico). Il blocco del traffico può essere parziale o totale. In caso di blocchi ripetuti nel tempo viene applicato sotto forma di blocco per 'targhe alterne' (pari o dispari) o per tipologia di veicolo (euro0, euro1, euro2, euro3, euro4);! corsie preferenziali: queste corsie sono autorizzate soltanto ai mezzi pubblici (autobus, tax, mezzi di emergenza). Permettono di creare due forme di scorrimento, congestionata per i mezzi privati e scorrevole per quelli pubblici o di pubblico intervento;! piste ciclabili: in alcune città del Nord Europa sono la vera alternativa all'automobile. In tali contesti le piste ciclabili sono situate a lato delle strade e riservate esclusivamente alle biciclette. In molte realtà urbane italiane, invece, la mancata diffusione della bicicletta pare legata a una discontinuità della rete dei percorsi adatti alla bicicletta, a una sensazione di scarsa sicurezza del tragitto e a una mancanza di strutture di servizio per ciclisti (ciclo-parcheggi e spazi protetti per il ricovero delle bici, ciclo-officine che offrano servizi di manutenzione e spazi per l autoriparazione). Principali elementi di interesse A livello europeo la tematica della mobilità trova i suoi riferimenti fondamentali nel Libro Bianco (2001) La politica dei trasporti fino al 2010: il momento delle scelte, e nel più recente Libro Verde (2007) Verso una cultura della mobilità urbana (2007). Le linee di azione per il conseguimento di più significativi livelli di sostenibilità ambientale da parte del settore dei trasporti sono riconducibili alle seguenti opzioni generali:! pianificazione del territorio che riduca la domanda di mobilità e promuova lo sviluppo di forme alternative di trasporto;! promozione di sistemi di trasporto urbano che diano la priorità al trasporto pubblico e collettivo, pedonale e ciclistico e offerta di adeguate opportunità di interscambio tra modi diversi di trasporto nell arco dei percorsi di spostamento (intermodalità);! promozione di un modo più sostenibile di ricorso all auto privata, intervenendo sui comportamenti, le regole di guida, l offerta di infrastrutture. A questi obiettivi di ordine globale e strategico si affiancano ovviamente obiettivi specifici, soprattutto in termini di riduzione dell incidentalità e mitigazione della congestione di strade e spazi urbani, che vanno raggiunti con politiche ed azioni che tutelino al contempo il diritto dei cittadini all accessibilità dei luoghi e dei servizi necessari o desiderabili. 62 Mobilità e traffico!

5 Il Libro Bianco rappresenta un programma di azioni da adottarsi fino al 2010, con l obiettivo di porre gli utenti al centro della politica dei trasporti. Le misure indicate per raggiungere tale obiettivo sono l aumento dei livelli di sicurezza del trasporto stradale, l aumento della consapevolezza da parte degli utenti del costo dei trasporti, la diffusione di pratiche quali l intermodalità del trasporto passeggeri e la razionalizzazione del trasporto urbano. Il libro verde, partendo dalla constatazione che gli effetti negativi del traffico sono in aumento anno dopo anno, che tali criticità emergono a livello locale ma il loro impatto si ripercuote su scala continentale e che non esiste un unica soluzione al problema, sottolinea come si dovrebbero rendere più attraenti e sicure le alternative all uso dell automobile privata ottimizzando gli spostamenti grazie a combinazioni efficienti delle varie modalità di trasporto. In particolare nel libro vengono individuate cinque sfide:! per un traffico scorrevole nelle città: le opzioni proposte comprendono la promozione degli spostamenti a piedi ed in bicicletta, l ottimizzazione dell uso dell automobile privata tramite la promozione di forme di mobilità sostenibile (es. car-sharing e carpooling), la mobilità virtuale (es. telelavoro, teleacquisti), l uso dei parcheggi a pagamento con tariffe differenziate (es. gratuiti in periferia e con tariffe elevate in centro), ma anche con una attenzione al tema del trasporto merci in area urbana;! per una città più pulita: le opzioni proposte riguardano l attenzione alle nuove tecnologie (sia come filtri che come combustibili alternativi), il sostegno di appalti ecologici anche congiunti, con l insegnamento di pratiche di guida meno dispendiose (es. guida ecologica) e valutando la possibilità di ricorrere a limitazioni del traffico e pedaggi urbani;! per un trasporto urbano più intelligente: utilizzo (anche nella logistica urbana delle merci) di sistemi di trasporto intelligente (es. smart cards, carte intelligenti, ), disponibilità di informazioni adeguate agli utenti;! per un trasporto urbano accessibile: le opzioni proposte riguardano il miglioramento dell accessibilità e della qualità del trasporto urbano sottolineando la necessità di avere collegamenti ottimali - tramite la rete di trasporto urbano - con le zone commerciali, industriali, di uffici e in genere le zone di attività economica, la promozione di programmi di formazione mirati del personale, l adozione di soluzioni innovative come l autobus espresso rispetto a metropolitane e tram, la limitazione della dispersione urbana nella pianificazione;! per un trasporto urbano sicuro: le opzioni proposte riguardano la promozione di campagne educative di sicurezza stradale e d informazione, l impiego di dispositivi di controllo delle infrazioni nelle città, l obbligo di uso del casco per i ciclisti, migliorare la visibilità con una buona illuminazione stradale, la presenza visibile di agenti di pubblica sicurezza sulle strade, la costruzione di infrastrutture con marciapiedi comodi e piste ciclabili sicure. In Italia il tema della mobilità e del traffico è stato affrontato con il decreto legislativo 285/1992 (Nuovo codice della strada) che all articolo 36 ha previsto l obbligo in tutte le città con più di abitanti di dotarsi di un Piano Urbano del Traffico (PUT) con lo scopo di aumentare la sicurezza stradale, ridurre i consumi energetici, le emissioni inquinanti e l inquinamento acustico urbano. Una norma importante per la regolamentazione del trasporto pubblico è il D.Lgs 422/97, poi modificato dal D.Lgs 400/99: tali norme distinguono le funzioni di regolamentazione e finanziamento dei servizi di trasporto locale (incluse le ferrovie), affidate a Regioni con il concorso degli Enti Locali (province e comuni) ove delegati, e le funzioni di gestione affidate alle aziende dei servizi. La svolta in tema di mobilità si è avuta con l emanazione del D.M. 27/03/1998 che, oltre all obbligo del risanamento della qualità dell aria posto in capo alle Regioni e all incentivo allo sviluppo del car sharing e del car pooling, ha disposto l'obbligo per le pubbliche Amministrazioni, ma anche per i gestori di servizi pubblici o di pubblica utilità, di prevedere una quota di veicoli a basso impatto ambientale (come i veicoli elettrici e a gas) nel rinnovo del parco veicolare. Il decreto ha introdotto il concetto di mobility management in Italia prevedendo, per le imprese e gli enti pubblici con singole unità locali con più di 300 dipendenti e per le imprese con complessivamente più di 800 addetti localizzate in Comuni compresi in zone a rischio di inquinamento atmosferico o con una popolazione superiore a abitanti, l obbligo di nominare un mobility manager aziendale e l adozione di piani di spostamento casa-lavoro (PSCL) al fine di ridurre l uso del mezzo di trasporto privato individuale, e disponendo l'istituzione presso i Comuni di una struttura di supporto a tali responsabili della mobilità aziendale. 63 Mobilità e traffico!

6 Con l'art. 22 della Legge n 340/00 viene istituito un nuovo strumento per la pianificazione della mobilità urbana, il Piano Urbano di Mobilità (PUM). Sono interessati alla predisposizione del PUM, al fine di accedere ai finanziamenti statali, i singoli Comuni con più di abitanti ma anche aree territoriali più vaste (ad esempio l'aggregazione di più Comuni limitrofi con più di abitanti in totale). Nel corso degli ultimi anni il corpus normativo del TPL è stato modificato, in piccola parte, anche dai decreti legge sulle liberalizzazioni n. 223/06 (c.d. decreto Bersani ) e n. 7/07 (c.d. decreto Bersani bis ). Con il primo viene offerta la possibilità ai Comuni di prevedere nuove linee per il trasporto di passeggeri, in ambito comunale e intercomunale, affidate a soggetti in possesso dei necessari requisiti tecnico-professionali, fermo restando il divieto di disporre finanziamenti in qualsiasi forma a favore dei predetti soggetti. Per quanto riguarda invece nello specifico le piste ciclabili, secondo il D.M. 557/99 gli itinerari ciclabili comprendono, in ordine decrescente in ordine alla sicurezza per l utenza ciclistica, le seguenti tipologie:! piste ciclabili in sede propria, quando la loro sede è fisicamente separata da quella relativa ai veicoli a motore e ai pedoni attraverso idonei spartitraffico longitudinali fisicamente invalicabili;! piste ciclabili su corsia riservata, ricavate dalla carreggiata stradale o dal marciapiede e con elementi di separazione costituiti essenzialmente da striscia di delimitazione longitudinale o da delimitatori di corsia;! percorsi promiscui perdonali e ciclabili e percorsi promiscui ciclabili e veicolari. Situazione del territorio in esame La città è attraversata dalla Strada Statale S11 Padana Superiore che collega Torino con Venezia, e dalla Strada Statale 42 del Tonale e della Mendola che collega il centro con il capoluogo provinciale Bergamo arrivando fino in Trentino passando per la Val Camonica. Infine a Treviglio inizia la Strada Statale 472 Bergamina che collega il comune con Lodi. Figura 61: Inquadramento viabilità 64 Mobilità e traffico!

7 Il territorio comunale risulta interessato da un area pari a circa 1,30 km 2 destinata a strade pari al 4,12% della superficie comunale e a 0,21 km 2 destinata a ferrovia pari a 0,67% della superficie comunale, per un valore complessivo di copertura pari a circa il 4,79 %. Considerando tutte le strade urbane ed extraurbane di attraversamento del Comune, il reticolo viario si estende linearmente per circa 240 Km (Fonte: rielaborazione da aerofotogrammetria comunale), di cui :! viabilità extraurbana di livello provinciale o statale 21 km circa! viabilità extraurbana di connessione comunale 34 km circa! viabilità urbana (comprensiva di ztl) 106 km circa! viabilità vicinale 78 km circa per una dotazione di strade pari a circa 5,77 km/1000 abitanti residenti. L indice di densità infrastrutturale indica il rapporto tra la lunghezza delle infrastrutture e la superficie del territorio: all aumentare del valore di tale indice aumenta, per diretta conseguenza, l accessibilità e la inter/intra connessione dell area. A titolo indicativo si riporta una suddivisione in classi dei valori della densità infrastrutturale proposta per la Regione Veneto. Tabella 19: Valori indicativi della densità infrastrutturale Densità infrastrutturale Valore [m/km 2 ] Molto bassa <250 Bassa Media Elevata Molto elevata >2.000 Fonte: Romano B., Paolinelli G. (2007) Il valore calcolato per Treviglio indica una densità (non comprensiva della viabilità vicinale) di circa m/km 2, indice di come il comune costituisca un nodo ad accessibilità molto elevata. Da un punto di vista ambientale bisogna però far notare come la dotazione infrastrutturale possa essere considerata un indicatore della frammentazione del paesaggio e dell ambiente naturale, in quanto l infrastruttura rappresenta anche una barriera potenziale ai movimenti trasversali della fauna e una interruzione del continuum del verde. Progetti infrastrutturali La città di Treviglio, per la sua posizione strategica lungo l asse Milano Venezia, sarà interessata in futuro da una notevole intensificazione degli assi infrastrutturali. Lo scenario di sviluppo infrastrutturale delineato all interno degli strumenti programmatori sovraordinati (PTCP) prevede infatti i seguenti interventi:! Autostrada Brescia-Milano (Brebemi);! Interconnessione Brebemi-Pedemontana Lombarda (Tangenziale Ovest);! Tangenziale Est di Treviglio;! Interporto;! Tangenziale Sud. Il tracciato dell Autostrada Bre.Be.Mi., lungo circa 50 km, interessa le province di Brescia, Bergamo e Milano collegando i due capoluoghi provinciali. L autostrada attraverserà Treviglio con tre corsie per senso di marcia (più quella d emergenza) a sud del capoluogo per circa 4 km e prevederà appena all esterno del territorio comunale i caselli di Caravaggio-Treviglio Est e Treviglio Ovest. 65 Mobilità e traffico!

8 Figura 62: Inquadramento del tracciato della Bre.Be.Mi. Fonte: Infrastrutture per la mobilità - Studi e analisi per il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale In adiacenza al tracciato della nuova autostrada è previsto il corridoio della linea ferroviaria ad alta capacità che collegherà Torino a Venezia. Il tracciato della TAV, come indicato nella relazione generale del progetto definitivo, attraverserà in rilevato la ferrovia Treviglio Cremona (cavalcavia Caravaggio) per poi scendere repentinamente per essere sottopassato dalla galleria artificiale BreBeMi che si affianca a nord. Figura 63: Inquadramento del tracciato della TAV Fonte: Progetto definitivo TAV - Relazione generale Come riportato nel PTCP, le due grandi infrastrutture di comunicazione non potranno che avere una pesante incidenza sul territorio. Pertanto il piano provinciale individua le indicazioni normative per consentire un adeguato inserimento ambientale e di difesa del territorio attraversato, a protezione degli insediamenti e 66 Mobilità e traffico!

9 delle attività nei terreni di qualità agricola. Nell area di tutela ambientale, prevista accanto ai corridoi infrastrutturali, il piano indica quindi la necessità di progettazione unitaria di fasce verdi che creino mitigazioni degli inquinamenti, evitando barriere antirumore ad elementi artificiali, che dovranno costituire un paesaggio naturalistico con dolce modulazione delle sezioni trasversali in relazione alle risoluzioni tecniche esecutive nei vari tratti delle infrastrutture e che uniranno le aree a cultura agricola. Al fine di ridurre gli impatti derivanti dai flussi di traffico lungo la nuova arteria stradale, il piano provinciale indica l importanza della realizzazione delle barriere antirumore (per circa 24 km di cui circa la metà in schermature vegetali). Le opere di mitigazione ambientale dovrebbero riguardare:! limitazione area di occupazione dei cantieri;! barriere anti-rumore con elementi naturali ed artificiali estese per 24 Km;! mitigazione paesaggistica;! trattamento acque prima pioggia. Il progetto di Bre.Be.Mi. contempla anche 51 km di opere di viabilità complementare, di cui circa la metà costituite dalla realizzazione di varianti e l altra metà da adeguamenti in sede della viabilità ordinaria esistente. Tra queste opera si inserisce anche il Raccordo autostradale tra Pedemontana, A4 Milano-Venezia e Bre.Be.Mi. che collegherà l autostrada Bre.Be.Mi, l autostrada Pedemontana e l autostrada A4 Milano Venezia, con un asse a 4 corsie, due per ogni senso di marcia (più le corsie d emergenza), per un totale di 13,5 Km. Il Raccordo a sud, si innesta sull autostrada Bre.Be.Mi, mediante il casello autostradale di Treviglio Ovest. Figura 64: Inquadramento "tangenziale Ovest" Fonte: Infrastrutture per la mobilità - Studi e analisi per il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale 67 Mobilità e traffico!

10 Zone a traffico limitato Treviglio ha individuato una Zona a Traffico Limitato (ZTL) coincidente pressappoco con il perimetro del centro storico, per un estensione areale di circa 0,18 Km 2, corrispondente allo 0,56% del territorio comunale; la lunghezza delle strade soggette a limitazione è di circa 4,87 Km pari a circa il 3% della lunghezza complessiva delle strade comunali. Le aree pedonali riguardano invece Piazza Giuseppe Garibaldi e Piazza Manara, per una superficie di circa m 2. Figura 65: Zona a Traffico Limitato e aree pedonali Indice di criticità Al fine di individuare in quali zone la popolazione residente risulta maggiormente esposta all inquinamento da traffico, è stata approntata una carta dell indice di criticità delle strade. Esso è stato ricavato considerando da un lato la distribuzione di strade per cella, alla quale si è applicato un rango in funzione dell intensità di traffico potenziale (stimato sulla base del livello della viabilità in oggetto) e dall altro la distribuzione della popolazione residente per cella. Le mappe seguenti riportano le due fasi successive del calcolo dell indice di criticità:! la verifica della distribuzione della lunghezza lineare delle strade per cella;! la verifica dell indice di criticità, ovvero il risultato del prodotto della densità di strade per cella pesata e normalizzata e i valori della distribuzione per cella della popolazione anch essa normalizzata. 68 Mobilità e traffico!

11 Figura 66: Lunghezza di strade per cella La carta della densità di strade mostra una maggiore concentrazione all interno del centro storico e in alcune aree lungo la seconda circonvallazione, mentre la carta della criticità di strade evidenzia come, considerando le diverse tipologie di strade e la distribuzione della popolazione, le aree più critiche siano quelle intorno alla seconda circonvallazione, in particolare nei principali nodi di confluenza, e la parte iniziale della viabilità provinciale verso nord. 69 Mobilità e traffico!

12 Figura 67: Indice di criticità strade Parco automezzi Il parco automezzi del Comune di Treviglio al 2006 (ultimo dato disponibile) risulta composto da autoveicoli di cui la maggior parte sono autovetture (77,53%), seguite da motocicli (10,94%) e autocarri per il trasporto merci (7,40%). Tabella 20: Parco veicolare Comune di Treviglio Tipologia veicolo N % sul totale Altri veicoli - - Autobus 7 0,03% Autocarri trasporto merci ,40% Autoveicoli speciali/specifici 254 1,21% Autovetture ,53% Motocarri e quadricicli trasporto merci 26 0,12% Motocicli ,94% Motoveicoli e quadricicli speciali / specifici 13 0,06% Rimorchi e semirimorchi speciali / specifici 353 1,68% Rimorchi e semirimorchi trasporto merci 130 0,62% Trattori stradali o motrici 86 0,41% Totale complessivo Fonte: elaborazione su dati ACI Di seguito si riporta il grafico relativo alla composizione del parco veicolare. 70 Mobilità e traffico!

13 Figura 68: Grafico del parco veicolare Comune di Treviglio (2006) Parco veicolare Comune di Treviglio (2006) Autobus Autocarri trasporto merci Autoveicoli speciali/specifici Autovetture Motocarri e quadricicli trasporto merci Motocicli Motoveicoli e quadricicli speciali / specifici Rimorchi e semirimorchi speciali / specifici Rimorchi e semirimorchi trasporto merci Trattori stradali o motrici Fonte: elaborazione su dati ACI La composizione del parco veicolare in termini percentuali con le altre realtà perse a riferimento indicano per Treviglio una maggior percentuale di autovetture (78%) rispetto ai valori del Comune capoluogo (73%), della provincia (74%) e della regione (77%), mentre non si osservano particolari criticità per le restanti categorie. Figura 69: Confronto composizione parco veicolare (2006) Confronto composizione parco veicolare (2006) 100% 90% Autovetture Motoveicoli Autocarri/Mezzi pesanti Altri 80% 78% 73% 74% 77% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 15% 11% 12% 12% 10% 10% 11% 10% 2% 3% 2% 2% Treviglio Bergamo Provincia Bg Regione L Fonte: elaborazione su dati ACI Il trend del parco veicolare per il periodo di riferimento risulta poi in costante aumento, con un tasso medio annuo pari al +2,73% per i veicoli totali, del +2,13% per le autovetture e del +4,95% degli altri veicoli. Ciò significa che nel territorio comunale in soli 4 anni ( ) si è assistito ad un aumento di veicoli, di cui ben sono autovetture. 71 Mobilità e traffico!

14 Tabella 21: Trend del parco veicolare in comune ( ) Anni Altri veicoli Var % Autovetture Var % Veicoli totali Var % ,52% ,62% ,42% ,57% ,94% ,28% ,95% ,67% ,38% ,74% ,31% ,85% Tasso medio +4,95% +2,13% +2,73% Fonte: elaborazione su dati ACI Figura 70: Trend del parco veicolare del Comune di Treviglio ( ) Trend del parco veicolare del Comune Treviglio ( ) Altri veicoli Autovetture Veicoli totali N Fonte: elaborazione su dati ACI L indice di motorizzazione generale, che esprime il numero di veicoli sugli abitanti residenti, al 2006 è pari a 75,77 veicoli totali/100 abitanti residenti, mentre per le autovetture il valore è di 58,74 autovetture/100 abitanti residenti. Considerando, quindi, tutte le fasce d età si può affermare che mediamente vi è una automobile ogni due residenti. Dal confronto con le altre realtà prese ad esempio emerge come per l indice di motorizzazione generale (calcolato sui veicoli totali) il Comune di Treviglio faccia registrare un valore migliore del Comune di Bergamo, del valore provinciale e regionale, mentre il tasso di motorizzazione privata (calcolato cioè solo sulle automobili) risulta superiore al valore provinciale ed in linea con quello regionale, comunque al di sotto del valore del Comune di Bergamo (61,74). Tabella 22: confronto indice di motorizzazione generale e per autovetture (2006) Abitanti Veicoli totali Autovetture Veicoli tot/100 Ab. Auto/100 Ab. Treviglio ,77 58,74 Bergamo ,03 61,74 Provincia Bg ,20 57,08 Regione L ,74 58,89 Fonte: elaborazione su dati ACI 72 Mobilità e traffico!

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

Ministero dei lavori pubblici

Ministero dei lavori pubblici Ministero dei lavori pubblici ISPETTORATO GENERALE PER LA CIRCOLAZIONE E LA SICUREZZA STRADALE Prot. n. 3698 Alle Amministrazioni Comunali Loro Sedi Oggetto: Linee guida per la redazione dei piani urbani

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI

MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei piani urbani del traffico. (Art. 36 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285. Nuovo codice della strada). 1 2

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

INCROCI CON ROTATORIA

INCROCI CON ROTATORIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / INCROCI E ATTRAVERSAMENTI INCROCI CON ROTATORIA Visione d insieme Le rotatorie semplici a una sola corsia costituiscono il tipo di incrocio più sicuro

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI SISTEMI DI REGOLAZIONE DEL TRAFFICO LINEE GUIDA Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione,

Dettagli

Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio

Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio AIPCR - Comitato Tecnico Nazionale C. Infrastrutture Stradali più Sicure 008-0 WORKSHOP La DIRETTIVA 008/96/CE Roma, 9 luglio 009 Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio Davide

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO.

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. Provincia di BERGAMO Comune di Arzago d'adda. Provincia di CREMONA Comuni di Agn adello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco,

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7 Criteri e linee guida per la redazione dei Piani comunali di classificazione acustica del territorio, ai sensi dell articolo 18, comma 1, lettera a) della legge regionale 18 giugno 2007, n. 16. INDICE

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO Relatore Prof.ssa Maspoli Rossella Candidate Campagnolo Romina Panella Marta LA PERIFERIA E I SUOI SPAZI

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Convenzione sulla circolazione stradale

Convenzione sulla circolazione stradale Convenzione sulla circolazione stradale Conclusa a Vienna l 8 novembre 1968 Le Parti contraenti, nell intento di facilitare la circolazione stradale internazionale e di accrescere la sicurezza nelle strade

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

magazine mobility press Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani

magazine mobility press Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani mobility press magazine Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani Art, le misure regolatorie per bandi di gara e convenzioni TPL Toscana: si pronuncia

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Impatti. Volu mi. Veloci tà

Impatti. Volu mi. Veloci tà I risultati conseguiti dagli interventi di moderazione del traffico Nella determinazione dei dati sull incidenza sulla velocità vanno tenuti presenti il luogo e il tempo del rilevamento: i conducenti rallentano

Dettagli

Aggiornamento del Piano Urbano del Traffico del Comune di Bergamo

Aggiornamento del Piano Urbano del Traffico del Comune di Bergamo Aggiornamento del Piano Urbano del Traffico del Comune di Bergamo Presentazione dei contenuti del Documento di Piano 5 Dicembre 2012 Bergamo LE INDAGINI Le indagini di campo sono state effettuate in un

Dettagli

Comune di Cagnano Amiterno INDICE GENERALE

Comune di Cagnano Amiterno INDICE GENERALE INDICE GENERALE INDICE GENERALE... 1 1.0 PREMESSA... 2 1.1 Il QUADRO NORMATIVO... 4 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE... 7 1.3 QUADRO CONOSCITIVO PRELIMINARE... 13

Dettagli

Valutazione dell'impatto sulla qualità dell'aria nella città di Bolzano

Valutazione dell'impatto sulla qualità dell'aria nella città di Bolzano CISMA Srl via Siemens 19, I-39100 Bolzano c/o TIS innovation park via Malpaga 8, I-38100 Trento Tel: 0471-068295/068281; 0461-222014 Fax: 0471-068197; 0461-522545 Web: http://www.cisma.bz.it Mail: info@cisma.bz.it

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Inquinamento acustico da traffico stradale urbano. Esperienze di monitoraggio a Pescara

Inquinamento acustico da traffico stradale urbano. Esperienze di monitoraggio a Pescara Agenzia Regionale per la Tutela dell Ambiente dell Abruzzo TERZA CONFERENZA REGIONALE AMBIENTALE CHIETI, SALA CONFERENZE AEROPORTO D ABRUZZO - 17 MARZO 2005 Inquinamento acustico da traffico stradale urbano.

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli