Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici"

Transcript

1 Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici ROMA 5 dicembre Comunicazione dei dati delle sorveglianze e collaborazione con stakeholder esterni al SSR L esperienza della ASL RMC Dott.ssa Andreina Lancia UOC Servizio Igiene e Sanità Pubblica Referente aziendale ASL RMC

2 Obiettivo di salute concorrere ad aumentare l'informazione sul fenomeno incidenti stradali e suggerire possibili azioni di contrasto e prevenzione tramite la diffusione dei dati di sorveglianza sanitaria agli operatori interni ed esterni al SSR

3 cosa è stato fatto Linee d attività del Piano Operativo Regionale individuazione di un referente aziendale costituzione di un gruppo di coordinamento regionale Linee d attività del Piano Attuativo ASL RMC partecipazione alle riunioni del tavolo tecnico regionale costituzione di un gruppo di lavoro aziendale (GLA) organizzazione di workshop / riunioni del GLA

4 Gruppo di lavoro aziendale GLA ASL RMC Quali servizi / professionalità coinvolgere? Direzione strategica Direzione del Dipartimento di Prevenzione Servizio Sistemi Informatici Ufficio Relazioni con il Pubblico Servizio Igiene e Sanità Pubblica Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro Educazione alla salute Epidemiologia - PASSI Mobility Manager

5 cosa è stato fatto Linee d attività del Piano Operativo Regionale Linee d attività del Piano Attuativo ASL RMC individuazione dei portatori d interesse individuazione delle istituzioni da coinvolgere nel tavolo tecnico

6 Quali portatori d interesse individuare? Stakeholders incidenti stradali Stakeholders del tavolo tecnico

7 Casella A Sono gli stakeholder che hanno il grado maggiore di influenza sul progetto e che, allo stesso tempo, hanno la maggiore importanza per la sua riuscita. Casella C Questi sono stakeholder dall elevato livello di influenza, in grado quindi di favorire il buon esito del progetto, ma i cui interessi non coincidono Casella B Questi stakeholder assumono grande importanza per la riuscita di un progetto, ma hanno scarsa influenza reale. Casella D Gli stakeholder di questa casella sono dotati di scarsa influenza e scarsa importanza riguardo agli obiettivi del progetto: è importante monitorarli, ma a loro è associata una bassa priorità.

8 elenco dei portatori d interesse

9 elenco dei portatori d interesse

10 cosa è stato fatto Linee d attività del Piano Operativo Regionale Linee d attività del Piano Attuativo ASL RMC definire un piano di comunicazione

11 piano di comunicazione ASL RMC Obiettivo di Comunicazione * Strumento di comunicazione * Target * Quando presentare il Piano Attuativo, condividere gli obiettivi e l individuazione degli operatori Workshop/incontro operatori Distretto, ospedalieri, SISP, SpreSAL 9/6/2011 Informare sull avvio del progetto Nota di costituzione del gruppo di lavoro aziendale per il progetto sorveglianza Direttore Sanitario ed i Responsabili di Dipartimento/Servizi 28/6/2011 coinvolgere per una maggiore visibilità della campagna informativa Riunione, contatto mail o telefonico URP, UOC Informatica per il sito web Giugno 2011 presentazione del lavoro del progetto sorveglianza nella ASL RMC Workshop ASP Lazio Operatori sanitari coinvolti nel PRP delle ASL del Lazio 5/12/2011

12 piano di comunicazione ASL RMC Obiettivo di Comunicazione * Strumento di comunicazione * Target * Quando informare sull avvio dell intervento lettera informativa sull istituzione di un tavolo tecnico per le azioni di miglioramento Enti locali del tavolo tecnico entro 30/4/2012 diffondere i dati integrati sui sistemi di sorveglianza degli incidenti stradali per le azioni di miglioramento e di prevenzione Tavolo tecnico con gli Enti Locali + discussione dei dati (Foglio 4-6 facciate sui dati integrati) Enti locali del tavolo tecnico entro 30/6/2012 diffondere i dati integrati sui sistemi di sorveglianza degli incidenti stradali Foglio 4-6 facciate sui dati integrati per i siti WEB Ass. scientifiche, Ass. cittadini, Enti non sanitari (portatori d interesse individuati) entro 30/6/2012

13 piano di comunicazione ASL RMC Obiettivo di Comunicazione * Strumento di comunicazione * Target * Quando diffondere i dati integrati sui sistemi di sorveglianza degli incidenti stradali Foglio 4-6 facciate sui dati integrati + lettera Ass. scientifiche, Ass. cittadini, Enti locali (portatori d interesse individuati) entro 30/6/2012 aggiornare sull andamento dell intervento di promozione della salute Report/Riunione Seminario/Convegno Direzione strategica, DP Prevenzione Distretti/Ospedale Entro 31/12/2012 Specialisti del settore

14 cosa è stato fatto Linee d attività del Piano Operativo Regionale elaborazione e trasferimento dei dati di sorveglianza sanitaria Linee d attività del Piano Attuativo ASL RMC elaborazione dati regionali e aziendali PASSI

15 lavori in corso Linee d attività del Piano Operativo Regionale Linee d attività del Piano Attuativo ASL RMC elaborazione di un prodotto comunicativo contenente dati integrati sulla sorveglianza degli incidenti stradali, facilmente fruibile da parte di operatori esterni al SSR individuazione delle fonti informative e dei contenuti del prodotto comunicativo

16 Quali fonti informative sulla sorveglianza degli incidenti stradali? fonte dati luogo tempo ISTAT Incidenti con morti e/o feriti Italia/Provincia Comune Anno 2010 INAIL Infortuni mortali (itinere ed autotrasporto) Italia Regione Anno 2010 Anno 2009 ASP Lazio Accessi al Pronto Soccorso Regione ASL Anno 2010 Anno 2010 PASSI Stili di vita (sicurezza stradale) Regione ASL Anno 2010 Anni

17 il sistema di sorveglianza PASSI stima la prevalenza: - degli utilizzatori della cintura anteriore - degli utilizzatori della cintura posteriore - degli utilizzatori del casco - dei guidatori sotto l effetto dell alcol - dei guidatori che hanno subito un controllo da parte delle forze dell ordine (etilotest)

18 utilizzo dei dispositivi di sicurezza Regione Lazio asl RM C variabile % IC % IC cintura anteriore sempre 80,4% 78,8-81,8 85,3% 83,0-87,3 cintura posteriore sempre casco sempre 10,9% 97,8% 9,6-12,1 96,8-98,8 13,3% 98,6% 11,2-15,8 96,8-99,4

19 guidatori sotto l effetto dell alcol (guidato negli ultimi 30 giorni entro un ora dall aver bevuto 2 unità di bevanda alcolica) Un intervistato su dieci ha dichiarato di aver guidato dopo aver bevuto almeno due unità alcoliche nell ora precedente. Lazio 10,2% (IC 8,5-11,9) asl RMC 9,4% (IC 5,6 14,7) Nel Lazio non esistono differenze significative nelle diverse classi d età classi d età % ,4% ,6% ,2% ,0%

20 guidatori sotto l effetto dell alcol (guidato negli ultimi 30 giorni entro un ora dall aver bevuto 2 unità di bevanda alcolica) 30 Popolazione (%) che nel mese precedente ha guidato sotto l'effetto dell'alcol per sesso 20 L abitudine a guidare sotto l effetto dell alcol è decisamente più frequente negli uomini che nelle donne 0 3 pool PASSI 4 Lazio maschi femmine

21 guidatori che hanno subito un controllo da parte delle forze dell ordine (etilotest) Nel 2010, nel Lazio il 33% degli intervistati è stato sottoposto a un controllo da parte delle Forze dell Ordine. Tra le persone fermate, il controllo è avvenuto in media più di due volte negli ultimi 12 mesi. Il 7% dei fermati ha riferito che il guidatore è stato sottoposto anche all etilotest. La percentuale di controlli con etilotest è maggiore nelle fasce d età più giovani: si passa dal 14% dei 18-24enni al 2% dei 50-69enni.

22 Quali contenuti per la comunicazione? incidentalità prevenzione

23 il futuro prossimo Linee d attività del Piano Operativo Regionale Linee d attività del Piano Attuativo ASL RMC istituzione del tavolo tecnico aziendale diffusione dati di sorveglianza ai soggetti esterni SSR individuati (Enti del tavolo tecnico + altri portatori d interesse)

24 Indicatori Obiettivi specifici Indicatori Risultati previsti Risultati previsti Individuazione di un referente aziendale per ogni ASL che si interfacci con soggetti esterni al SSR Atto di individuazione SI SI Costituzione del gruppo di coordinamento Atto di costituzione SI SI Realizzazione e diffusione alle ASL dei dati di sorveglianza Rapporto ASP SI SI Diffusione dei dati di sorveglianza da parte delle ASL Relazione delle ASL 40% 60%

Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C

Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C ROMA AZIENDA USL Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C I fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno 2013 PUBBLICAZIONE REALIZZATA DA ASL Roma C - Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio 2010

Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio 2010 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

INCIDENTALITA STRADALE Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio - 2010

INCIDENTALITA STRADALE Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio - 2010 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Piano Regionale della Prevenzione 2010-2012 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono, in Italia, la principale causa di morte e di disabilità sotto

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: 2013 i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Pubblicazione realizzata da: A.S.L Rieti Medicina Legale - Dip. Prevenzione

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha

Dettagli

Sistema di sorveglianza PASSI

Sistema di sorveglianza PASSI Sistema di sorveglianza PASSI Sicurezza stradale 2010-2013 Azienda per l Assistenza Sanitaria n.1 - Triestina AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N 1 Riproduzione autorizzata citando la fonte Redazione

Dettagli

Sicurezza stradale SICUREZZA

Sicurezza stradale SICUREZZA PROFILO SOCIODEMOGRAFIXCO SICUREZZA Nel 211, in Italia, si sono registrati 25.638 incidenti stradali con lesioni a persone, di cui 386 mortali. Con questi dati, l Italia conferma una costante tendenza

Dettagli

PROGETTO DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI nel comparto Trasporto merci su strada : espereienza dello SPRESAL in tre ASL del Lazio

PROGETTO DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI nel comparto Trasporto merci su strada : espereienza dello SPRESAL in tre ASL del Lazio PROGETTO DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI nel comparto Trasporto merci su strada : espereienza dello SPRESAL in tre ASL del Lazio Bosco MG, Senatore S, Maurici M, Spinelli R, Eleuteri M, Ciaramella I, Battistini

Dettagli

Sistema di sorveglianza Passi

Sistema di sorveglianza Passi Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Sistema di sorveglianza Passi Uso dei dispositivi per la sicurezza stradale periodo 2010-2013 Valle d Aosta USO DEI DISPOSITIVI DI SICUREZZA STRADALE

Dettagli

Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit. obesità. Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia

Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit. obesità. Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit obesità Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia PERCORSO Linee operative del Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie del Ministero

Dettagli

Il consumo di alcol nell Azienda Ulss 19

Il consumo di alcol nell Azienda Ulss 19 Il consumo di alcol nell Azienda Ulss 19 I dati del sistema di sorveglianza PASSI anni 2011-2012 Rapporto a cura di: Annamaria Del Sole (Coordinatore Aziendale PASSI Dipartimento di Prevenzione AULSS 19),

Dettagli

INCIDENTI STRADALI E LAVORO

INCIDENTI STRADALI E LAVORO Dipartimento Sanità Pubblica INCIDENTI STRADALI E LAVORO Guido Laffi - Direttore Dipartimento Sanità Pubblica AUSL Imola 10 salone dell igiene e sicurezza in ambiente di lavoro - Bologna 13/9/2005 3500

Dettagli

È possibile usare i dati PASSI per monitorare la sicurezza dei bambini in automobile?

È possibile usare i dati PASSI per monitorare la sicurezza dei bambini in automobile? È possibile usare i dati PASSI per monitorare la sicurezza dei bambini in automobile? IV Workshop 2013 Coordinamento Nazionale PASSI Dati PASSI a supporto delle politiche per la sicurezza stradale Gianluigi

Dettagli

Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione sullo stato di avanzamento al 31 dicembre 2007

Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione sullo stato di avanzamento al 31 dicembre 2007 Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione sullo stato di avanzamento al 31 dicembre 2007 Regione: Friuli Venezia Giulia Titolo del progetto: Sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali

Dettagli

Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006)

Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006) Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006) Programma triennale di attività 2008-2010 Il quadro normativo e progettuale della prevenzione nei luoghi di lavoro

Dettagli

L Evidence Based Prevention nell ambito degli Incidenti stradali

L Evidence Based Prevention nell ambito degli Incidenti stradali Sicurezza stradale nelle Province della Costa emiliano romagnola: dalla lettura dei dati alle azioni di promozione L Evidence Based Prevention nell ambito degli Incidenti stradali Nicoletta Bertozzi Patrizia

Dettagli

Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia REPORT REGIONE LAZIO 2010-2012 SICUREZZA SUL LAVORO

Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia REPORT REGIONE LAZIO 2010-2012 SICUREZZA SUL LAVORO Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia REPORT REGIONE LAZIO 2010-2012 SICUREZZA SUL LAVORO Redazione a cura del Coordinamento Regionale PASSI Massimo O. Trinito, Andreina Lancia (Dipartimento

Dettagli

Utilizzo a livello locale delle sorveglianze sugli stili di vita Asl 3 Genovese

Utilizzo a livello locale delle sorveglianze sugli stili di vita Asl 3 Genovese Contributo PASSI per il Piano della Prevenzione Roma, ISS CNESPS 27 marzo 2014 Esperienze promettenti di uso della sorveglianza per perseguire gli obiettivi del Piano Nazionale della Prevenzione, in Regioni

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI 1 Premessa Il determinismo degli incidenti stradali risulta in una particolare

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 207 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori SALVATO e CARCARINO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 9 MAGGIO 1996 Norme

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA U.O. IGIENE E SANITÁ PUBBLICA ASP- Potenza EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA Percorsi per guadagnare salute 2015-2016 1 PREMESSA Il concetto della salute è un concetto che necessita di molteplici azioni

Dettagli

METTI IN MOTO LA PRUDENZA Anno scolastico 2012 2013.

METTI IN MOTO LA PRUDENZA Anno scolastico 2012 2013. METTI IN MOTO LA PRUDENZA Anno scolastico 202 203. Gruppo di lavoro: Mauro Brusa: Coordinatore PEAS Massimo Coppola: S.O.C. SISP Acqui Terme, Carlo Di Pietrantonj: Servizio Sovrazonale Epidemiologia ASL

Dettagli

HEALTH PROMOTING HOSPITALS & HEALTH SERVICES Ospedali e Servizi Sanitari per la Promozione della Salute. HPH Una Rete dell OMS

HEALTH PROMOTING HOSPITALS & HEALTH SERVICES Ospedali e Servizi Sanitari per la Promozione della Salute. HPH Una Rete dell OMS Le linee di intervento relative all area incidenti domestici Cristina Aguzzoli - Sara Sanson Coordinamento regionale A.S.S. n.2 Isontina A.S.S. n.1 Triestina HEALTH PROMOTING HOSPITALS & HEALTH SERVICES

Dettagli

6.2 INCIDENTI DOMESTICI (Baffoni M, Filippetti F, Morbidoni M, Tagliavento G)

6.2 INCIDENTI DOMESTICI (Baffoni M, Filippetti F, Morbidoni M, Tagliavento G) 6.2 INCIDENTI DOMESTICI (Baffoni M, Filippetti F, Morbidoni M, Tagliavento G) Fonti informative: Istat. Indagine multiscopo sulle famiglie Aspetti della vita quotidiana. Roma 1999. Regione Marche. Piano

Dettagli

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE Dott.ssa Daniela Galeone 6 Corso Girolamo Mercuriale DARE ATTUAZIONE ALLA CARTA DI

Dettagli

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute Incidenti domestici in Lombardia: quadro di contesto Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute La Prevenzione degli infortuni domestici in Regione

Dettagli

CNESPS PASSI PER L ITALIA

CNESPS PASSI PER L ITALIA CNESPS PASSI PER L ITALIA Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Compiti specifici: il livello regionale e locale Carla Bietta Istituto Superiore di Sanità, 1 Marzo 2005 Sperimentare

Dettagli

FATTI E CIFRE SULLE DIPENDENZE E SULL ALCOL IN PIEMONTE

FATTI E CIFRE SULLE DIPENDENZE E SULL ALCOL IN PIEMONTE ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA' FATTI E CIFRE SULLE DIPENDENZE E SULL ALCOL IN PIEMONTE Informazioni derivate da: schede ministeriali 1996-2011 ESPAD ISTAT PASSI SDO FATTI E CIFRE SULLE DIPENDENZE

Dettagli

Drink-driving in Italy. Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini

Drink-driving in Italy. Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini Drink-driving in Italy Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini Umberto Guidoni, Segretario Generale Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Le Compagnie di assicurazione per la sicurezza

Dettagli

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA COMUNICATO STAMPA SANITA : OGGI GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE DEDICATA ALLA SICUREZZA ALIMENTARE. LE INIZIATIVE DELLA REGIONE. OBESO IL 10% DEI VENETI TRA 18 E 69 ANNI. NELLA MEDIA NAZIONALE. MOLTO MEGLIO

Dettagli

Sistemi di assistenza primaria e innovazione in sanità Venezia, 7 giugno 2013

Sistemi di assistenza primaria e innovazione in sanità Venezia, 7 giugno 2013 Sistemi di assistenza primaria e innovazione in sanità Venezia, 7 giugno 2013 Risultati preliminari dell indagine descrittiva sui servizi che erogano la prevenzione Progetto CCM Indagine conoscitiva sulle

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Programma: Promozione di interventi mirati ad incidere sui rischi infortunistici in ambito domestico tra gli anziani e bambini di 0-4 anni Identificativo della Linea

Dettagli

Ruolo ed opportunità degli indicatori di prevenzione nei sistemi di valutazione

Ruolo ed opportunità degli indicatori di prevenzione nei sistemi di valutazione Ruolo ed opportunità degli indicatori di prevenzione nei sistemi di valutazione Stefania Salmaso Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di Sanità Roma

Dettagli

L abitudine al fumo 04 Giugno 2010 Dott.ssa Felicetta Camilli Dott. Gianluca Fovi

L abitudine al fumo 04 Giugno 2010 Dott.ssa Felicetta Camilli Dott. Gianluca Fovi 31 Maggio 2010 GIORNATA MONDIALE CONTRO IL TABACCO G.Klimt 4 Giugno 2010 16 GIORNATA DEL RESPIRO L abitudine al fumo 04 Giugno 2010 Dott.ssa Felicetta Camilli Dott. Gianluca Fovi e con la collaborazione

Dettagli

Attività fisica. Fig 10 Pratica sportiva in soggetti di età >3 anni. Confronto Marche Italia Anni 1995-1997.

Attività fisica. Fig 10 Pratica sportiva in soggetti di età >3 anni. Confronto Marche Italia Anni 1995-1997. Attività fisica Il Piano Sanitario Nazionale propone di perseguire l obiettivo di aumentare in media del 10% la prevalenza di individui (giovani ed adulti) che praticano regolarmente (almeno una volta

Dettagli

PROGETTO PREVENZIONE

PROGETTO PREVENZIONE PROGETTO PREVENZIONE VALLE BREMBANA ANNO 2010-2012 Indice Introduzione...1 Metodi di lavoro...1 Obiettivi generali...2 Obiettivi specifici...3 Azioni...4 Valutazione del raggiungimento degli obiettivi

Dettagli

IP/07/584. Bruxelles, 27 avril 2007

IP/07/584. Bruxelles, 27 avril 2007 IP/07/584 Bruxelles, 27 avril 2007 Sicurezza stradale: il programma d azione europeo continua a registrare buoni risultati l obiettivo di salvare 25 000 vite sulle strade d Europa può essere raggiunto

Dettagli

Stili di vita e salute in Italia: alcuni dati sull attività fisica

Stili di vita e salute in Italia: alcuni dati sull attività fisica Stili di vita e salute in Italia: alcuni dati sull attività fisica Gianluigi Ferrante Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute, Istituto Superiore di Sanità Razionale I

Dettagli

Regione Calabria ASP Reggio Calabria Dipartimento di Prevenzione

Regione Calabria ASP Reggio Calabria Dipartimento di Prevenzione U.O. EDUCAZIONE SANITARIA Responsabile: Dott.ssa Angela Epifanio Tel. 0964399905 Sede: via Dromo (ospedale vecchio) Siderno R.C. Segreteria: Tel/Fax 0964399908 - E mail promozionesaluterc@libero.it Mission:

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU42 20/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 ottobre 2011, n. 18-2663 Proseguimento e consolidamento a regime del percorso per la Gestione integrata del diabete di tipo 2 nell'adulto,

Dettagli

Epidemiologia Degli Infortuni Sportivi

Epidemiologia Degli Infortuni Sportivi Convegno Per uno Sport Sicuro e Salutare Dalmine, 7 Novembre 2012 Epidemiologia Degli Infortuni Sportivi Dott. Attilio Bernini Specialista in Medicina dello Sport Consulente ASL Bergamo Lo Sport in Italia

Dettagli

ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012

ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012 ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE Allegato 2 PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012 1) Regione: Regione Autonoma della Sardegna 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro

La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro Anni 2011-2012 A cura di: Antonella Sutera Sardo Maria Antonietta Soccio Marilena Adamo Elisa Defezza Pierina Mancuso, Vincenzo Nocera Vilma

Dettagli

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati TERZA CONVENTION NAZIONALE DEI DIRETTORI DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE DELLE AZIENDE ULSS Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati Dott. Rocco Sciarrone Direttore del Dipartimento

Dettagli

proposte formative del Ccm

proposte formative del Ccm attività di formazione e documentazione: strumenti al servizio della promozione della salute proposte formative del Ccm silvia colitti Roma, 23 giugno 2008 il Ccm: promuove ed organizza corsi di formazione

Dettagli

Gruppo di lavoro Promozione della salute Incidenti stradali

Gruppo di lavoro Promozione della salute Incidenti stradali Allegato C Gruppo di lavoro Promozione della salute Incidenti stradali Protocollo operativo: Piani locali di prevenzione incidenti stradali: alcol, droghe e guida SCEGLIERE LA STRADA della SICUREZZA -

Dettagli

SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008

SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008 Allegato Atto G.P. N.184 del 25/09/2008 SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008 Il Programma d azione europeo per la sicurezza stradale mette

Dettagli

I giovani, i telefoni cellulari e la guida: risultati preliminari dell'indagine AMR2003 condotta nelle scuole superiori italiane

I giovani, i telefoni cellulari e la guida: risultati preliminari dell'indagine AMR2003 condotta nelle scuole superiori italiane www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi, Marco Giustini,

Dettagli

Commissione Igiene e Sanità Senato della Repubblica. Audizione informale. Mercoledì 27 giugno

Commissione Igiene e Sanità Senato della Repubblica. Audizione informale. Mercoledì 27 giugno Commissione Igiene e Sanità Senato della Repubblica Audizione informale Mercoledì 27 giugno CHI SIAMO Diageo Plc Diageo in Italia Diageo opera nel nostro Paese attraverso due società: -Diageo Italia S.p.A.

Dettagli

Un trial di efficacia nella prevenzione degli infortuni nel settore del legno

Un trial di efficacia nella prevenzione degli infortuni nel settore del legno EBP e Lavoro La prevenzione efficace dei rischi e danni da lavoro Un trial di efficacia nella prevenzione degli infortuni nel settore del legno dr. Armando Olivieri dr.ssa Rosanna Bizzotto Dipartimento

Dettagli

PROGETTO Modulo parte I IO LAVORO SOBRIO A.S.L. n 18 (Alba-Bra) Responsabile del progetto Dott. Roberto Zanelli Dirigente Medico

PROGETTO Modulo parte I IO LAVORO SOBRIO A.S.L. n 18 (Alba-Bra) Responsabile del progetto Dott. Roberto Zanelli Dirigente Medico Programma d azione regionale 24-25 (DD 466 29.11.24) BANDO REGIONALE progetti di Promozione della Salute (DD 5 2.12.4 BURP 51-23.12.4) PROGETTO Modulo parte I Titolo IO LAVORO SOBRIO ASL A.S.L. n 18 (Alba-Bra)

Dettagli

Art. 50 Legge 326/2003: Flusso Informativo Specialistica Ambulatoriale

Art. 50 Legge 326/2003: Flusso Informativo Specialistica Ambulatoriale Art. 50 Legge 326/2003: Flusso Informativo Specialistica Ambulatoriale Presentazione del 18 aprile, 2007 presso il CTO (Modificata a seguito delle richieste di chiarimento con i rappresentanti aziendali)

Dettagli

RESPONSABILE DEL PROGETTO

RESPONSABILE DEL PROGETTO A.S.L. VITERBO Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Pubblica INAIL Civita Castellana RESPONSABILE DEL PROGETTO Istituto Comprensivo Statale S. G. Bosco Fabrica di Roma dr. Domenico SPERA Direttore

Dettagli

La prevenzione degli Incidenti Stradali:Un investimento Obbligato

La prevenzione degli Incidenti Stradali:Un investimento Obbligato La prevenzione degli Incidenti Stradali:Un investimento Obbligato Il Costo umano e finanziario degli incidenti si avvia a diventare un peso insostenibile per un SSN oberato dai costi delle patologie croniche

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI DOTT.SSA MARIA TERESA MENZANO Corso di formazione e aggiornamento per referenti ed operatori Diamoci una mossa e Pronti, partenza, via

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Il Gazebo della sicurezza. Percorsi di messa in sicurezza dei. lavoratori. domestici

Il Gazebo della sicurezza. Percorsi di messa in sicurezza dei. lavoratori. domestici Dare casa alla sicurezza Rischi e prevenzione per i lavoratori domestici i Presentazione della ricerca Censis realizzata con il contributo del Ministero del Lavoro Giuseppe Roma Roma, 13 luglio 2010 La

Dettagli

I dati allarmanti degli incidenti domestici nei bambini: un progetto di prevenzione nell ASP di Cosenza

I dati allarmanti degli incidenti domestici nei bambini: un progetto di prevenzione nell ASP di Cosenza I dati allarmanti degli incidenti domestici nei bambini: un progetto di prevenzione nell ASP di Cosenza U.O. Pediatria di Comunità ASP Cosenza 1 Gli infortuni domestici rappresentano la prima causa di

Dettagli

Primopiano Società. Ogni anno avvengono 4 milioni e mezzi di incidenti domestici, che coinvolgono nel 70 per cento dei casi donne e bambini

Primopiano Società. Ogni anno avvengono 4 milioni e mezzi di incidenti domestici, che coinvolgono nel 70 per cento dei casi donne e bambini C ERA UNA CASA MOLTO CARINA... Ogni anno avvengono 4 milioni e mezzi di incidenti domestici, che coinvolgono nel 70 per cento dei casi donne e bambini asalinghe disperate o angeli del focolare? Oppure

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute Dott.ssa M. Teresa Scotti Bologna, 15 ottobre 2009 La promozione della salute è il processo che

Dettagli

Progetto di prevenzione e gestione del Rischio Clinico ASL Roma B. Dott. Egidio Sesti

Progetto di prevenzione e gestione del Rischio Clinico ASL Roma B. Dott. Egidio Sesti Progetto di prevenzione e gestione del Rischio Clinico ASL Roma B Dott. Egidio Sesti Obiettivo generale Strutturazione di flussi informativi atti alla promozione della qualità dei processi organizzativi

Dettagli

Sicurezza stradale nelle Province della Costa emiliano-romagnola: risultati raggiunti e nuove sfide

Sicurezza stradale nelle Province della Costa emiliano-romagnola: risultati raggiunti e nuove sfide Sicurezza stradale nelle Province della Costa emiliano-romagnola: risultati raggiunti e nuove sfide A cura di: Aziende Unità Sanitarie Locali di Cesena, Ferrara, Forlì, Ravenna, Rimini Copia del volume

Dettagli

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali Convegno PREVENZIONE E SALUTE UN BINOMIO INSCINDIBILE SANIT Roma, 25 giugno 2009 Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali I Ciaramella SISP - ASL RM B In collaborazione con D D

Dettagli

Il CCM per la prevenzioneattività. documentazione: strumenti al servizio della promozione della salute. Integrazione Coerenza

Il CCM per la prevenzioneattività. documentazione: strumenti al servizio della promozione della salute. Integrazione Coerenza Il CCM per la prevenzioneattività di formazione e documentazione: strumenti al servizio della promozione della salute Integrazione Coerenza Salute Sanità I determinanti della salute Non Modificabili Socio

Dettagli

la strada è sotto i nostri occhi, la sicurezza è nelle nostre teste

la strada è sotto i nostri occhi, la sicurezza è nelle nostre teste ASL CITTA DI MILA ASL CITTA DI MILA Dipartimento di Prevenzione STRADAIMPARANDO la strada è sotto i nostri occhi, la sicurezza è nelle nostre teste Progetto di educazione alla sicurezza stradale rivolto

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO DI INTERVENTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO DI INTERVENTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO DI INTERVENTO U.O. Formazione, Qualità, Educazione alla Salute secondo le Lineee Guida Metodoligico-Organizzative C/O vecchio ospedale Aziendali via S. per Lorenzo l Educazione

Dettagli

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza.

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. Piano operativo Schede 1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. 3. Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i 2.9 Prevenzione e sorveglianza

Dettagli

Progetto nazionale di promozione dell attività fisica e gruppi di cammino

Progetto nazionale di promozione dell attività fisica e gruppi di cammino Workshop CCM 21/22 febbraio 2008 Progetto nazionale di promozione dell attività fisica e gruppi di cammino Progetto di lotta alla sedentarietà Regione Veneto http://prevenzione.ulss20.verona.it/att_motoria.html

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/07/2015

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/07/2015 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 01: aggiornamento al 31/0/01 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

European Innovation Partnership on Healthy and Active Ageing Independent living

European Innovation Partnership on Healthy and Active Ageing Independent living Direzione Generale Sanità European Innovation Partnership on Healthy and Active Ageing Independent living AZIONI DI REGIONE LOMBARDIA Marina Bonfanti Liliana Coppola - Maria Gramegna Direzione Generale

Dettagli

LAVORATORI STRANIERI E INFORTUNI SUL LAVORO

LAVORATORI STRANIERI E INFORTUNI SUL LAVORO I.N.A.I.L Direzione Regionale del Piemonte. LAVORATORI STRANIERI E INFORTUNI SUL LAVORO A cura di Mirko Maltana 1 e Maria Luigia Tomaciello 2 Nel corso del 2010 sono stati denunciati all Istituto Nazionale

Dettagli

Le donne al volante tra trasformazioni sociali e nuovi modelli

Le donne al volante tra trasformazioni sociali e nuovi modelli Le donne al volante tra trasformazioni sociali e nuovi modelli Le donne al volante Pagina 1 Una ricerca dell'università di Bradford in Inghilterra (ricercatori Amarylis Fox, Kay Marshall e Jo Neill) ha

Dettagli

Alcuni indici statistici derivabili dai dati della Patente a Punti e dalle statistiche degli incidenti stradali verbalizzati

Alcuni indici statistici derivabili dai dati della Patente a Punti e dalle statistiche degli incidenti stradali verbalizzati www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcuni indici statistici

Dettagli

gli incidenti stradali in toscana 2012

gli incidenti stradali in toscana 2012 Si rivolge un ringraziamento per la disponibilità dimostrata alla Provincia di Arezzo, capofila fino al 2010 del Sistema integrato regionale per la sicurezza stradale (SIRSS), per i dati sull infortunistica

Dettagli

Piano per la Prevenzione degli incidenti stradali

Piano per la Prevenzione degli incidenti stradali BACKGROUND Gli incidenti stradali provocano ogni anno in Italia circa 8.000 decessi (2% del totale), circa 170.000 ricoveri ospedalieri e 600.000 prestazioni di pronto soccorso non seguite da ricovero;

Dettagli

WORKSHOP Io lavoro e guido sicuro. Sandro Vedovi Esperto sicurezza stradale e risk management Fondazione ANIA

WORKSHOP Io lavoro e guido sicuro. Sandro Vedovi Esperto sicurezza stradale e risk management Fondazione ANIA WORKSHOP Io lavoro e guido sicuro Sandro Vedovi Esperto sicurezza stradale e risk management Fondazione ANIA LA FONDAZIONE ANIA PER LA SICUREZZA STRADALE La Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale è

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: Promozione della salute verso i neo genitori Identificativo della

Dettagli

Progetto di introduzione nelle scuole superiori della figura del mobility manager studentesco

Progetto di introduzione nelle scuole superiori della figura del mobility manager studentesco Progetto di introduzione nelle scuole superiori della figura del mobility manager studentesco Ipotesi di lavoro Un progetto di Legambiente, Euromobility, Fiab e movimento #salvaiciclisti Presentazione

Dettagli

Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2009 Relazione finale attività (periodo 2006-2009)

Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2009 Relazione finale attività (periodo 2006-2009) Regione Piemonte Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2009 Relazione finale attività (periodo 2006-2009) Progetto Regionale Sorveglianza e Prevenzione Incidenti Stradali 2006-09 Referente: Dott.ssa Laura

Dettagli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità delle politiche nazionali e protezione degli utenti deboli LE DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638 incidenti stradali.

Dettagli

Come documentare l entità del fenomeno

Come documentare l entità del fenomeno Si stima che in Piemonte i decessi dovuti agli incidenti domestici siano circa 740 morti all anno (Istat, 1996). La popolazione più a rischio per infortunistica domestica è costituita da bambini e anziani,

Dettagli

Programma di azioni sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro. Comitato di Programma 17 dicembre 2007

Programma di azioni sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro. Comitato di Programma 17 dicembre 2007 Programma di azioni sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro Comitato di Programma 17 dicembre 2007 OBIETTIVI DI UN PROGRAMMA DEL PIANO PER LA SALUTE - migliorare la salute del gruppo di popolazione a cui il

Dettagli

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere.

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/10/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

CENTRO NAZIONALE DI EPIDEMIOLOGIA, SORVEGLIANZA E PROMOZIONE DELLA SALUTE REGIONE LOMBARDIA ASL DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

CENTRO NAZIONALE DI EPIDEMIOLOGIA, SORVEGLIANZA E PROMOZIONE DELLA SALUTE REGIONE LOMBARDIA ASL DELLA PROVINCIA DI BERGAMO CENTRO NAZIONALE DI EPIDEMIOLOGIA, SORVEGLIANZA E PROMOZIONE DELLA SALUTE REGIONE LOMBARDIA ASL DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Risultati della sperimentazione di un sistema di sorveglianza dello stato di salute

Dettagli

Il sistema di Sorveglianza Passi: un importante fonte informativa per il monitoraggio delle disuguaglianze di salute

Il sistema di Sorveglianza Passi: un importante fonte informativa per il monitoraggio delle disuguaglianze di salute Report aziendale Ulss 7 Pieve di Soligo dicembre 2011 Il sistema di Sorveglianza Passi: un importante fonte informativa per il monitoraggio delle disuguaglianze di salute Negli ultimi cinquant anni lo

Dettagli

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori)

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del programma: Consolidamento e qualificazione dei programmi di screening organizzati Identificativo

Dettagli

Piani di Sorveglianza Nutrizionale: risultati e prospettive. I dati del sistema di sorveglianza Okkio e HBSC 2010. M. Fridel

Piani di Sorveglianza Nutrizionale: risultati e prospettive. I dati del sistema di sorveglianza Okkio e HBSC 2010. M. Fridel Piani di Sorveglianza Nutrizionale: risultati e prospettive. I dati del sistema di sorveglianza Okkio e HBSC 2010 M. Fridel Bologna, 18 novembre 2010 OKkio alla SALUTE: Obiettivi Implementare, nelle diverse

Dettagli

CURRICULUM VITAE 06/51005411

CURRICULUM VITAE 06/51005411 CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Roberto Narda Data di nascita 10/06/1954 Qualifica Dirigente Medico Amministrazione Azienda USL ROMA C Incarico attuale Dirigente Medico presso il Servizio

Dettagli

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo.

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Infortuni, incidenti e infortuni mancati

Infortuni, incidenti e infortuni mancati Infortuni, incidenti e infortuni mancati Obiettivi Incidenti ed infortuni sul lavoro tendono a ripetersi perchè, spesso, purtroppo, sia le aziende, sia gli esseri umani non hanno memoria e dimenticano

Dettagli

MAMME LIBERE DAL FUMO

MAMME LIBERE DAL FUMO MAMME LIBERE DAL FUMO Il razionale Il fumo di tabacco è un problema di sanità pubblica rilevante per la donna, per la mamma, per il bambino; esistono evidenze scientifiche di azioni preventive efficaci;

Dettagli

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 200-202 ) Regione: Regione Autonoma della Sardegna Allegato 2 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento

Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 1 Oggetto del regolamento Allegato alla Delibera n Il presente regolamento disciplina l organizzazione interna del Dipartimento della Prevenzione (di seguito chiamato Dipartimento), ai sensi di quanto

Dettagli

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Gemona del Friuli, 11 Maggio 2010 Giancarlo Miglio I DETERMINANTI DELL EVOLUZIONE EVOLUZIONE DEI SISTEMI SANITARI CAMBIAMENTI EPIDEMIOLOGICI RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

Piano regionale Sorveglianza e prevenzione dell obesità linea progettuale n. 4.2 : ambienti di lavoro

Piano regionale Sorveglianza e prevenzione dell obesità linea progettuale n. 4.2 : ambienti di lavoro Assessorato alla tutela della salute e sanità Piano regionale Sorveglianza e prevenzione dell obesità linea progettuale n. 4.2 : ambienti di lavoro Incoraggiare i datori di lavoro a: offrire nelle mense

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. BELTRAME SILVANA Data di nascita 15/05/1954. Direttore di Unità Operativa - U.O.S. ATTIVITA' MEDICINA LEGALE

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. BELTRAME SILVANA Data di nascita 15/05/1954. Direttore di Unità Operativa - U.O.S. ATTIVITA' MEDICINA LEGALE INFORMAZIONI PERSONALI Nome BELTRAME SILVANA Data di nascita 15/05/1954 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia Direttore di Unità Operativa - U.O.S. ATTIVITA'

Dettagli

Direttore UOC Anziani e Cure Domiciliari Azienda Sanitaria Provinciale di Catania ASP di Catania

Direttore UOC Anziani e Cure Domiciliari Azienda Sanitaria Provinciale di Catania ASP di Catania INFORMAZIONI PERSONALI DI FRANCO, Maria Antonina numero telefonico aziendale: 0952545746 numero telefonico aziendale: 3356005678 Viale Regina Margherita, 38-95024, Catania, Acireale Data di nascita [ 31

Dettagli

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2011-2012 Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la sicurezza stradale

Dettagli