Esperienze dell Ufficio Mobilità Sostenibile della Provincia di Treviso. CREA, Fiera Verona ottobre 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esperienze dell Ufficio Mobilità Sostenibile della Provincia di Treviso. CREA, Fiera Verona 23-25 ottobre 2007"

Transcript

1 Esperienze dell Ufficio Mobilità Sostenibile della Provincia di Treviso CREA, Fiera Verona ottobre 2007

2 In Italia la politica del mobility management fa riferimento al Decreto sulla mobilità sostenibile nelle aree urbane, meglio noto come decreto Ronchi (D.M. 27/03/1998) successivamente rivisto, per quanto riguarda i termini dei finanziamenti, nel decreto Silvestrini (D.M. 21/12/2000).

3 Il Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell Atmosfera (approvato dal Consiglio Regionale del Veneto con delibera n. 57 del 11/11/2004) ha individuato, tra le misure di carattere generale valevoli per tutti gli inquinanti e per tutto il territorio, anche la realizzazione di un coordinamento dei Mobility Manager al fine di: - applicare un sistema tariffario integrato connesso alla bigliettazione intelligente; - diversificare gli orari di apertura dei grandi centri di aggregazione (es. scuole, centri commerciali, ); - favorire la riduzione dei tempi di percorrenza dei mezzi pubblici e la fruibilità degli stessi da parte dei cittadini, a discapito dei mezzi privati; - favorire l applicazione del Car-Sharing e del Car-Pooling.

4 Le iniziative di avviate nell anno 2006 e attualmente di corso, in ordine di tematica: - mobility management, - ambiente, - comunicazione, - formazione.

5 1) Ente promotore: Provincia di Treviso Tema: MOBILITY MANAGEMENT Iniziativa: TAVOLO PERMANENTE PER LA MOBILITA E una struttura intersettoriale istituita all interno dell ente provinciale composta dal Dirigente del Settore Gestione del Territorio (con funzioni di coordinamento), e da quelli dei Settori Pianificazione e Programmazione Viabilità, Nuova Viabilità, Sviluppo Economico e Gestione Eventi Calamitosi e del Servizio Mobilità Territoriale. Vengono inoltre invitati, con diritto di voto, i rappresentanti dei Comuni, suddivisi per bacini omogenei di viabilità. Destinatari: amministratori della Provincia di Treviso e dei Comuni

6 2) Ente promotore: Provincia di Treviso Tema: MOBILITY MANAGEMENT Iniziativa:PIANO STRATEGICO PER LA MOBILITÀ PROVINCIALE Si tratta di uno studio sulla mobilità del territorio provinciale che mette in luce le problematiche e le opportunità che possono essere sviluppate per promuovere e diffondere comportamenti idonei a stimolare nuove forme di mobilità e trasporto sia individuale che collettivo sempre più ecosostenibili a vantaggio della qualità della vita dei cittadini e nel maggiore rispetto possibile dell'ambiente. Destinatari: amministratori della Provincia di Treviso e dei Comuni

7 Approfondimento Le analisi hanno riguardato: - la consistenza del parco veicolare della Provincia di Treviso ed i risultati delle simulazioni sull impatto emissivo prodotto dal trasporto su gomma; - l individuazione di soluzioni di regolamentazione e di incentivi che favoriscono i veicoli e i carburanti a più basso impatto ambientale; - un documento per il trasporto intermodale: individuazione delle funzionalità dei nodi di intercambio e delle tecniche per superare la barriere all intermodalità da parte dell utenza;

8 3) Ente promotore: Provincia di Treviso Tema: MOBILITY MANAGEMENT Iniziativa: PIANO SPOSTAMENTI CASA LAVORO Il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) per i dipendenti della Provincia di Treviso avviato a maggio 2006, al quale ha partecipato circa il 70% dei dipendenti (totale di 641). Ora, è necessario fare la nomina del responsabile dei piano e prevedere l attuazione di alcune misure (ticket trasporti, bike sharing, facilitazioni per usi alternativi all auto privata). Destinatari: dipendenti della Provincia di Treviso

9 3) Ente promotore: Provincia di Treviso Tema: MOBILITY MANAGEMENT Iniziativa: STUDI DI MOBILITA PER POLI INDUSTRIALI Le attività di analisi della mobilità per due poli significativi della realtà trevigiana, l area industriale a carattere sovracomunale di Menarè (Conegliano) Scomigo (Vittorio Veneto) e l area industriale commerciale nel comune di Villorba, finalizzate ad approfondire alcune realtà produttive del territorio provinciale trevigiano e definire delle linee guida utili anche alla stesura del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale. Destinatari: amministratori della Provincia di Treviso e dei Comuni

10 4) Ente promotore: Provincia di Treviso Tema: MOBILITY MANAGEMENT Iniziativa: PROTOCOLLO D INTESA TRA I COMUNI DELLA PROVINCIA DI TREVISO E LA ROVINCIA DI TREVISO PER LA PREVENZIONE E LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO Sottoscritto dalla maggior parte dei 95 Comuni in data 17 novembre 2006, individua gli interventi da adottare ad ampio raggio e le misure strutturali che riguardano i seguenti temi: mobility management mobilità sostenibile energia ambiente comunicazione formazione. Destinatari: amministratori della Provincia di Treviso e dei Comuni

11 Provincia di Treviso Mobilità sostenibile realizzazione dell Ufficio Mobility Management d Area ed istituzione della figura del Mobility Manager integrazione del Piano dei Trasporti Pubblici Provinciale allo scopo di sviluppare ed incrementare la rete di trasporto pubblico rinnovo del parco auto e dei mezzi di servizio con veicoli più ecocompatibili interventi di fluidificazione del traffico su strade provinciali con interventi di sistemazione ed adeguamento della viabilità (rotatorie, semafori intelligenti, ecc.) prosecuzione nel controllo annuale dei gas di scarico (bollino blu) di tutti i veicoli secondo quanto stabilito dal PRTRA n. 57/04 e la L.R. 12/06 continuazione attività di controllo sulle autofficine che rilasciano il bollino blu programmazione di attività di controllo su strada (dotazione di strumentazione alla Polizia provinciale e alle Forze dell Ordine con le quali verranno eseguiti controlli dei gas di scarico dei veicoli) prosecuzione nella distribuzione dei fondi regionali per l incentivazione alla conversione dei mezzi da benzina a GPL/metano, privilegiando i modelli più datati ed inquinanti Comuni Mobilità sostenibile assunzione di una volontà positiva e attiva per la soluzione di problemi derivanti dalla congestione del traffico veicolare e promozione di mezzi di trasporto alternativi e meno inquinanti individuazione di un referente per la mobilità comunale rinnovo del parco auto e dei mezzi di servizio con veicoli più ecocompatibili

12 5) Ente promotore: Provincia di Treviso Riferimento: Tema: MOBILITY MANAGEMENT Iniziativa: NUOVO SERVIZIO DI RICERCA ORARI DEL TRASPORTO PUBBLICO E stato creato un nuovo portale web della Provincia per la ricerca degli orari, delle tratte e delle fermate di tutti gli operatori del trasporto pubblico provinciale. Lo stesso sistema permette la ricerca della stazione di rifornimento carburante all interno del territorio provinciale più vicina al punto di partenza inserito. L obiettivo è rendere più accessibile e trasparente il trasporto pubblico locale (utilizzo di autobus e corriere di linea) incrementando la domanda dei cittadini a questa tipologia di trasporto. Il sito è visitato da 3500 persone al mese in media. Destinatari: cittadini

13 Le iniziative di avviate nell anno in corso da parte del Settore Gestione del Territorio sono in ordine di tematica: - mobility management, - ambiente, - comunicazione, - formazione.

14 1) Ente promotore: Provincia di Treviso Riferimento: Tema: AMBIENTE Iniziativa: BOLLINO BLU È un contrassegno di colore blu che si applica al parabrezza dei veicoli a quattro ruote a motore alimentati a Benzina, Gasolio, Metano e GPL, di proprietà di persone o Enti aventi residenza o sede nella Regione Veneto che viene rilasciato ai fini dell'attestazione del rispetto dei limiti delle emissioni dei veicoli stessi. Attesta che il veicolo ha superato con esito positivo il controllo dei gas di scarico e che, quindi, è in regola con le normative sul regolamento delle emissioni inquinanti. Destinatari: cittadini

15 2) Ente promotore: Provincia di Treviso e Regione Veneto Riferimento: / Tema: AMBIENTE Iniziativa: INCENTIVI ALLA INSTALLAZIONE DI IMPIANTI ALIMENTATI A GPL O METANO NEGLI AUTOVEICOLI La Provincia ha erogato incentivi di Euro 250,00 (anni ) a favore dei cittadini residenti nei Comuni classificati in fascia A dal Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'atmosfera - Castelfranco Veneto, Conegliano, Mogliano Veneto, Montebelluna, Treviso e Vittorio Veneto - finalizzati a: 1. trasformazione di autovetture circolanti a benzina con impianti alimentati a GPL o a metano; 2 rottamazione di ciclomotori a due tempi non catalizzati e acquisto di ciclomotori almeno Euro 2 a due tempi o a quattro tempi catalizzati Destinatari: cittadini

16 3) Ente promotore: Provincia di Treviso e ARPAV (Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto) Tema: AMBIENTE Iniziativa: BIOMONITORAGGIO DELLA QUALITA' DELL'ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO (SINISTRA PIAVE) MEDIANTE L'IMPIEGO DI LICHENI EPIFITI Nell anno 2004 è stato svolto tale studio dal Dipartimento Provinciale ARPAV di Treviso nell ambito della convenzione con l Amministrazione Provinciale di Treviso, relativa alla progettazione, realizzazione e gestione di una rete di monitoraggio biologico della qualità dell aria nella parte di territorio del fiume Piave utilizzando i licheni come bioindicatori di gas fitotossici, secondo la metodologia basata sull Indice di Biodiversità Lichenica (IBL). I risultati sono stati diffusi. Attualmente sono in corso i monitoraggi nella Destra Piave. Destinatari: comuni ed enti locali

17 4) Ente promotore: Provincia di Treviso Tema: AMBIENTE Iniziativa: OSSERVATORIO PISTE CICLABILI Partendo dai dati censiti per la redazione dell Osservatorio piste ciclabili, la Provincia di Treviso ha inteso migliorare questa raccolta dati con uno studio (in fase di realizzazione) per la promozione della mobilità ciclabile nella Provincia di Treviso al fine di individuare i punti di intervento utili sia a rafforzare e migliorare i percorsi ciclabili esistenti nonché a creare nuovi percorsi ciclabili. Analisi della Domanda di mobilità Analisi dell Offerta di mobilità ciclabile Individuazione delle linee prioritarie di intervento Destinatari: comuni ed enti pubblici.

18 5) Ente promotore: Provincia di Treviso e Regione del Veneto Tema: AMBIENTE Iniziativa: LAVAGGIO STRADE La Regione del Veneto ha individuato il lavaggio delle strade con acqua per ridurre i livelli atmosferici di particolato favorendo il dilavamento e l allontanamento delle polveri dal manto stradale. Utilizzando i fondi della Regione del Veneto, la Provincia di Treviso, il Comune di Treviso e i comuni limitrofi al capoluogo hanno dato avvio al progetto scegliendo le strade con maggior volume di traffico. Il lavaggio con acqua trascina ai bordi della strada le polveri, impedendo il risollevamento al momento del passaggio dei veicoli con il beneficio di abbassare la concentrazioni delle polveri nell aria. Destinatari: comuni

19 6) Ente promotore: Provincia di Treviso Tema: AMBIENTE Iniziativa: CONVENZIONI TASSISTI La Provincia di Treviso, nel mese di novembre 2005, ha firmato una convenzione con i tassisti che operano nel territorio provinciale, al fine di incentivare l'uso di veicoli meno inquinanti e ridurre, di conseguenza, le emissioni in atmosfera. Con questa iniziativa, portata avanti in collaborazione con la Cooperativa Taxisti Trevigiani (CO.TA.TRE.), l'amministrazione Provinciale finanzia, con fondi ricavati dal "Bollino Blu", la conversione dei taxi circolanti in Provincia.

20 Attualmente il parco circolante è di circa 56 mezzi, concentrati principalmente in Treviso città, e la maggior parte è alimentata a gasolio (diesel). Si tratta di automezzi che svolgono un servizio di pubblica utilità e che percorrono annualmente circa Km. La Provincia stanzierà 300,00 euro per ogni taxi convertito a GPL o metano e 750 per ogni rottamazione e acquisto di veicolo a doppia alimentazione. Destinatari: tassisti

21 7)Ente promotore: Provincia di Treviso Tema: AMBIENTE Iniziativa: CONVENZIONE CON I GESTORI DEI PRODOTTI PETROLIFERI Nell ambito dell applicazione del Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell Atmosfera è stata realizzata una convenzione con l associazione UNASCOM, i rivenditori sono invitati a pubblicizzare e a fornire ai propri clienti combustibili per gli impianti termici a più basso impatto ambientale rispetto a quelli convenzionali ed a pubblicizzare sistemi di trattamento delle emissioni. Tra i vantaggi dell'utilizzo di questi combustibili, oltre alla consapevolezza di aver contribuito al risanamento dell'atmosfera, c'è il fatto che gli utilizzatori di combustibili liquidi "ecologici" verranno equiparati agli utilizzatori di combustibili gassosi ai fini dell'applicazione di provvedimenti restrittivi in materia di tutela dell'atmosfera. Destinatari: comuni, enti locali, cittadini

22 8)Ente promotore: Provincia di Treviso Tema: AMBIENTE Iniziativa: CENSIMENTO AZIENDE DEL SETTORE LEGNO La Provincia di Treviso ha avviato nel 2002 il censimento delle aziende operanti nel Distretto del mobile che impiegano vernici e di quelle che riutilizzano residui di legno come combustibile per stimare le relative emissioni annue in atmosfera.

23 Attualmente i dati raccolti sono stati elaborati e a breve verranno diffusi a tutti i Comuni interessati. Sono state condotte quattro campagne di monitoraggio sulle emissioni derivanti dagli impianti di abbattimento dei Composti Organici Volatili dal 2001 al Destinatari: comuni e enti locali

24 9)Ente promotore: Provincia di Treviso, ARPAV e Agenda 21 Riferimento: Tema: EDUCAZIONE Iniziativa: RAPPORTO STATO DELL AMBIENTE 2006 È una pubblicazione che viene riproposta ogni anno, in collaborazione con ARPAV, che descrive la qualità delle risorse ambientali (acqua, aria, suolo) presenti in provincia di Treviso, i principali fattori di pressione (agricoltura, industria, terziario, trasporti) e le attività di educazione e formazione ambientale. La parte finale della pubblicazione riguarda la descrizione dei tre maggiori ambiti caratteristici della provincia: la collina del Montello, il fiume Sile e la montagna dal Grappa al Cansiglio. La raccolta dei dati si è protratta fino a fine febbraio 2006 e sono stati utilizzati 110 indicatori, scelti da set nazionali e internazionali. La pubblicazione ha come principale obiettivo informare cittadini e scuole dello stato di qualità ambientale delle diverse componenti attraverso l utilizzo di grafici e indicatori sintetici. Destinatari: comuni, enti locali, cittadini, scuole

25 10)Ente promotore: Provincia di Treviso e ARPAV (Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto) Tema: EDUCAZIONE Iniziativa: BOLLETTINO OZONO In collaborazione con l ARPAV, sono stati divulgati degli opuscoli informativi sul problema ozono in considerazione dei superamenti già registrati della soglia di informazione di 180 µg/m³ nel territorio provinciale, ai sensi del DL 21/5/04 n In caso di superamento della soglia di informazione l autorità sanitaria (sindaco) è tenuta ad informare la popolazione sui rischi legati alle alte concentrazioni di questo inquinante. Destinatari: comuni, enti locali, cittadini, scuole

26 11) Ente promotore: Provincia di Treviso e ARPAV (Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto) Riferimento: Tema: EDUCAZIONE Iniziativa: CHE ARIA tira Campagna di informazione e sensibilizzazione su temi dell inquinamento dell aria con rappresentazioni grafiche delle attività di monitoraggio in corso. L opuscolo assume un linguaggio semplice ed è arricchito con foto e disegni per una maggiore comprensione. L opuscolo è stato distribuito alla popolazione. Destinatari: cittadini e scuole

27 12) Ente promotore: Provincia di Treviso Tema: FORMAZIONE Iniziativa: SEMINARIO MOBILITA SOSTENIBILE Il seminario tenutosi presso la sede istituzionale della Provincia di Treviso nella giornata del 6 luglio 2006 organizzato in collaborazione con Euromobility, ha trattato tematiche che hanno spaziano dalle innovazioni tecnologiche a basso impatto per il trasporto pubblico locale, alle biomasse ed alla multifunzionalità dell azienda agricola nella produzione di carburanti alternativi o biodiesel. Al seminario sono stati invitati i rappresentanti delle aziende di trasporto pubblico di tutte le sette province venete, gli amministratori dei comuni trevigiani e figure di mobility manager aziendali e d area già istituiti nelle provincie di Padova e Venezia. Destinatari: funzionari dell ente provinciale e dei comuni, manager aziendali, aziende di trasporto pubblico locale.

28 13) Ente promotore: Provincia di Treviso Tema: FORMAZIONE Iniziativa: Tavola Rotonda e Corso di approfondimento giornate 11, 12 e 13 dicembre 2006 Le giornate sono rivolte agli amministratori locali, alle aziende di trasporto pubblico locale, al mondo economico e della scuola per conoscere e discutere gli aspetti generali della mobilità, gli impatti ambientali del traffico e dei trasporti, il trasporto collettivo, i sistemi alternativi alla mobilità privata con particolare riferimento alla promozione della mobilità pedonale, ciclabile e di nuovi servizi di mobilità e il mobility management per le imprese. Destinatari: funzionari dell ente provinciale e dei comuni, manager aziendali e mondo della scuola

29 La Provincia di Treviso ha fatto rete con più di 50 Comuni del territorio trevigiano

30 Grazie per l attenzione!! Riferimenti Ufficio Mobilità Sostenibile Area Tutela e Qualità dell Aria - Energia Provincia di Treviso tel: fax:

Linee guida. per la stesura dei Piani di. Azione e dei Piani di. Risanamento

Linee guida. per la stesura dei Piani di. Azione e dei Piani di. Risanamento Linee guida per la stesura dei Piani di Azione e dei Piani di Risanamento 1 Il Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'atmosfera, approvato dal Consiglio Regionale con deliberazione n. 57 dell'11

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti LA RETE PROVINCIALE DEI MOBILITY MANAGER E LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO Bergamo, 9 febbraio

Dettagli

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 Francesco Bicciato - Comune di Padova 1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 2. METROTRAM In funzione da marzo 2007 (8

Dettagli

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA Piano Progressivo di Rientro del Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell Atmosfera (P.R.T.R.A.) relativo alle polveri PM 10 (DGR n. 1408 del 16/05/2006) A.R.P.A.V. OSSERVATORIO REGIONALE ARIA e Regione

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA La Provincia di Venezia, CF 80008840276 con sede in Venezia,

Dettagli

stipulano il seguente Accordo di Programma

stipulano il seguente Accordo di Programma Allegato 1 Accordo di Programma tra Regione, Province e URPT, Comuni e ANCI per il risanamento della qualità dell aria ambiente nelle aree urbane Premesso che. - in data 15 aprile 2003 è stato firmato

Dettagli

Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'atmosfera

Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'atmosfera Prot. n. 7648/07 Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'atmosfera Bando per la concessione di contributi a fondo perduto per la lotta all inquinamento atmosferico Incentivi alla installazione di

Dettagli

II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria

II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria Scopo del report Il monitoraggio del piano presentato in questo rapporto ha lo scopo di fornire alla Conferenza dei Sindaci un

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Provincia di Modena Assessorato Ambiente e Sviluppo Sostenibile Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Verso il Piano di Risanamento della qualità dell aria Modena, 21 febbraio 2006 Sviluppo

Dettagli

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI VISTA la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell Ambiente e ne ha definito le funzioni; VISTA la legge 3 marzo 1987,

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

C I T T À D I T R E V I S O via Municipio, 16 31100 TREVISO centralino 0422 6581 telefax 0422 658201 e-mail: postacertificata@cert.comune.treviso.

C I T T À D I T R E V I S O via Municipio, 16 31100 TREVISO centralino 0422 6581 telefax 0422 658201 e-mail: postacertificata@cert.comune.treviso. PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA DI TUTELA AMBIENTALE ED EFFICIENTAMENTO ENERGETICO: A seguito dell entrata in vigore del Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell Atmosfera (P.R.T.R.A.), attualmente

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE ALLEGATO 1 PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE TOSCANA, COMUNI, FIAT AUTO, UNRAE, FEDERCHIMICA-ASSOGASLIQUIDI, CONSORZIO ECOGAS, FEDERMETANO, PIAGGIO E ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA REGIONALI PER LA PROGRESSIVA

Dettagli

Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management).

Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management). DECRETO DEL 20 dicembre 2000 (Gazzetta Ufficiale, 5 aprile, n. 80) Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management). IL DIRETTORE GENERALE del servizio inquinamento

Dettagli

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA 17 luglio 2014 Piano Regionale degli Interventi sulla qualità dell Aria (PRIA) Misure sulla mobilità Settori e misure del piano AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TRASPORTI

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT

IL MOBILITY MANAGEMENT IL MOBILITY MANAGEMENT L. BERTUCCIO, E. CAFARELLI Euromobility Associazione Mobility Manager Dei 24 capoluoghi di provincia con un numero di abitanti superiore a 150.000 unità non tutti hanno fornito l

Dettagli

Programmazione e azioni propositive della Regione Veneto in tema di qualità dell aria

Programmazione e azioni propositive della Regione Veneto in tema di qualità dell aria Programmazione e azioni propositive della Regione Veneto in tema di qualità dell aria Ing. Roberto Morandi Unità Complessa Tutela Atmosfera Regione del Veneto Programmazione della Regione Veneto PIANO

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria della Provincia di Forlì-Cesena: lo scenario attuale, al 2010 e al 2010 con azioni.

Piano di Gestione della Qualità dell Aria della Provincia di Forlì-Cesena: lo scenario attuale, al 2010 e al 2010 con azioni. Piano di Gestione della Qualità dell Aria della Provincia di Forlì-Cesena: lo scenario attuale, al 2010 e al 2010 con azioni. L aria delle nostre città: quali strategie per la pianificazione 22-12-2005

Dettagli

Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione Piemonte.

Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione Piemonte. REGIONE PIEMONTE BU51 24/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 30 novembre 2015, n. 38-2535 Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

Metano e trasporti per il governo della mobilità

Metano e trasporti per il governo della mobilità Parma, 16 marzo 2010 Metano e trasporti per il governo della mobilità Lo stato dell arte delle più recenti azioni di mobilità sostenibile promosse dal Ministero dell ambiente Arch. Giovanna Rossi Ministero

Dettagli

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE Dare continuità al processo di Agenda 21 locale CRITICITA' C1: attraversamento del centro storico incoraggiato per mancanza della chiusura dell anello di tangenziale - C2: mancanza di spazi - C3: impedimenti

Dettagli

disciplinare 2008.doc

disciplinare 2008.doc Comune di Pontedera DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE E LA TRASFORMAZIONE A GAS DI VEICOLI INQUINANTI Anno 2008 1 Settore Pianificazione

Dettagli

! " # $% $ & % & " #" # & "!"! ' $ (" ( # " )# ) $) $ " ) "!"! ( " * % &" & +

!  # $% $ & % &  # # & !! ' $ ( ( #  )# ) $) $  ) !! (  * % & & + ! " #$%& "#"&!"'$("# )#$)"!" ("*%&"+ + ,-. 2003 2004 2010 Valori limite OSSIDI DI AZOTO 36 ug/mc 39 ug/mc 40 ug/mc POLVERI PM10 34 ug/mc 36 ug/mc 20 ug/mc OZONO 54 ug/mc 50 ug/mc 40 ug/mc Sorgenti fisse:

Dettagli

Interventi di contrasto dell inquinamento atmosferico

Interventi di contrasto dell inquinamento atmosferico Provincia di Padova Assessorato Ambiente Protezione Civile Centro di Ecologia Umana Università degli Studi di Padova Interventi di contrasto dell inquinamento atmosferico Redazione Documento Preliminare

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Quale valore per le imprese e le banche italiane ABI FORUM CSR 2008 Roma, 29 Gennaio Aldo Pozzoli, Partner MUOVERSI 1. Introduzione Le Linee

Dettagli

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Comunità Montana della Valle Trompia Comuni di: Gardone V.T., Sarezzo, Marcheno, Vila Carcina, Concesio AUTOVEICOLI CIRCOLANTI OGNI 1.000 ABITANTI Numero di automobili

Dettagli

UTILIZZO DI MEZZI COMUNALI ELETTRICI

UTILIZZO DI MEZZI COMUNALI ELETTRICI Scheda tecnica UTILIZZO DI MEZZI COMUNALI ELETTRICI Redazione a cura di Contesto Un modo rappresentativo nei confronti del resto della popolazione per far fronte all inquinamento atmosferico dovuto dalle

Dettagli

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi FORUM PA 2007 Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente Arch. Giovanna Rossi Roma maggio 2007 Riduzione delle emissioni inquinanti che derivano dai trasporti

Dettagli

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive MOBILITY MANAGEMENT Piacenza, 7 luglio 2008 Decreto Ronchi Decreto Ronchi del 27 marzo 1998 sulla "Mobilità sostenibile nelle aree urbane" Tutte le Aziende e gli Enti Pubblici con più di 300 dipendenti

Dettagli

Piano regionale e comunale per la tutela della qualità dell'aria Ing. Antonio Mazzon

Piano regionale e comunale per la tutela della qualità dell'aria Ing. Antonio Mazzon Palermo, 17 settembre 2008 - EUROPEAN MOBILITY WEEK Convegno - Aria pulita per tutti: ambiente e mobilità Piano regionale e comunale per la tutela della qualità dell'aria Ing. Antonio Mazzon Normativa

Dettagli

6.6 Asse 5 - Promozione della mobilità sostenibile

6.6 Asse 5 - Promozione della mobilità sostenibile 6.6 Asse 5 - Promozione della mobilità sostenibile Il documento preliminare del Piano Regionale Integrato dei Trasporti (PRIT) 2010-2020, approvato con delibera di Giunta regionale 23 novembre 2009, n.

Dettagli

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO E RISCHI INDUSTRIALI

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO E RISCHI INDUSTRIALI SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO E RISCHI INDUSTRIALI VISTA la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell'ambiente e ne ha definito le funzioni; VISTA la legge 3 marzo 1987, n. 59,

Dettagli

6.1 RASSEGNA DELLE MISURE DI CONTENIMENTO DEGLI INQUINANTI ATMOSFERICI

6.1 RASSEGNA DELLE MISURE DI CONTENIMENTO DEGLI INQUINANTI ATMOSFERICI CAPITOLO 6 - LE AZIONI DEL PIANO Le azioni di risanamento dovranno garantire il rispetto dei limiti in tutte le zone soggette a quanto previsto dall art. 8 del d. Lgs 351/99, cioè in tutte quelle in cui

Dettagli

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT 1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT Mobility Managment La Commissione mondiale sull ambiente e lo sviluppo (Rapporto Brundtland, 1987), ha definito lo sviluppo

Dettagli

Il Piano Regionale degli Interventi per la qualità dell Aria in Regione Lombardia

Il Piano Regionale degli Interventi per la qualità dell Aria in Regione Lombardia Il Piano Regionale degli Interventi per la qualità dell Aria in Regione Lombardia Gian Luca Gurrieri Dirigente U.O. Qualità dell aria, emissioni industriali e rumore D.G. Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

La Mobilità Sostenibile in campo:

La Mobilità Sostenibile in campo: La Mobilità Sostenibile in campo: LE INIZIATIVE DEL MOBILITY MANAGER DI AREA DEL COMUNE DI CATANIA La figura professionale del Mobility Manager di area è stata introdotta dal Decreto del 27/03/1998 "Mobilità

Dettagli

6.1 RASSEGNA DELLE MISURE DI CONTENIMENTO DEGLI INQUINANTI ATMOSFERICI

6.1 RASSEGNA DELLE MISURE DI CONTENIMENTO DEGLI INQUINANTI ATMOSFERICI CAPITOLO 6 - LE AZIONI DEL PIANO Le azioni di risanamento dovranno garantire il rispetto dei limiti in tutte le zone soggette a quanto previsto dall art. 8 del d. Lgs 351/99, cioè in tutte quelle in cui

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

Piano di Azione per la qualità dell ARIA

Piano di Azione per la qualità dell ARIA Piano di Azione per la qualità dell ARIA Comune di Verona Comuni in tempi che cambiano. Qualità dell aria in Pianura Padana ed effetto serra Verona, 28 febbraio 2007 ANNI 2003-2004 CARTA DI PADOVA I Comuni

Dettagli

Il Mobility Management. Maria Lelli

Il Mobility Management. Maria Lelli Il Mobility Management Maria Lelli IL MOBILITY MANAGEMENT Il MOBILITY MANAGEMENT è un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda per la promozione della MOBILITA SOSTENIBILE

Dettagli

INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI

INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI La Regione, tramite i Comuni, mette a disposizione incentivi destinati a privati o aziende che

Dettagli

CITTA DI PIOVE DI SACCO

CITTA DI PIOVE DI SACCO CITTA DI PIOVE DI SACCO BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO AI PROPRIETARI DI AUTOVEICOLI CON ALIMENTAZIONE A BENZINA PER L INSTALLAZIONE IMPIANTO A GPL O METANO determinazione dirigenziale n. 1400

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1 Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze

Dettagli

3^D. Indirizzo Edile Territoriale MOBILITA IN CLASSE. approfondimento mobilità sostenibile. Grazie A. Ringraziamenti. Anno scolastico 2007-2008

3^D. Indirizzo Edile Territoriale MOBILITA IN CLASSE. approfondimento mobilità sostenibile. Grazie A. Ringraziamenti. Anno scolastico 2007-2008 ?????????????????? 1 3^D iet Se la vedi t innamori MOBILITA IN CLASSE 3^D Ringraziamenti Indirizzo Edile Territoriale geopedologia Anno scolastico 2007-2008 approfondimento mobilità sostenibile Grazie

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Bozza di indice 1. Il ruolo e i potenziali della mobilità sostenibile Definizione di Green Transport (dal Rapporto Towards a Green economy dell UNEP)

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio DIREZIONE GENERALE PER LA SALVAGUARDIA AMBIENTALE LA STRADA PER KYOTO

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio DIREZIONE GENERALE PER LA SALVAGUARDIA AMBIENTALE LA STRADA PER KYOTO Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio DIREZIONE GENERALE PER LA SALVAGUARDIA AMBIENTALE Roma, 16-17 febbraio 2006 XVII CONVEGNO TECNICO ACI LA STRADA PER KYOTO Ing. Bruno Agricola Direttore

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI TORINO, IL COMUNE DI TORINO, LA FIAT AUTO E LE ASSOCIAZIONI PROVINCIALI DI CATEGORIA PER LA

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI TORINO, IL COMUNE DI TORINO, LA FIAT AUTO E LE ASSOCIAZIONI PROVINCIALI DI CATEGORIA PER LA PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI TORINO, IL COMUNE DI TORINO, LA FIAT AUTO E LE ASSOCIAZIONI PROVINCIALI DI CATEGORIA PER LA PROGRESSIVA SOSTITUZIONE DEI VEICOLI COMMERCIALI PER IL TRASPORTO DELLE

Dettagli

PIANO DI AZIONE PER LA QUALITA DELL ARIA

PIANO DI AZIONE PER LA QUALITA DELL ARIA PIANO DI AZIONE PER LA QUALITA DELL ARIA SINTESI Premessa L Amministrazione comunale, in un ottica di attenzione alle problematiche ambientali, ha avviato un progetto denominato Bergamo Sostenibile, articolato

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE Assessorato all Ambiente

COMUNE DI FIRENZE Assessorato all Ambiente COMUNE DI FIRENZE Assessorato all Ambiente Protocollo d intesa tra Comune di Firenze, CNA Firenze e Confartigianato Imprese Firenze per la trasformazione a gas metano e gpl di autovetture. Premesso che

Dettagli

INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE

INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE Seminario Politiche, prospettive e strategie in tema di mobilità sostenibile e sicurezza stradale INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE 24 maggio 2010 Salone d onore del

Dettagli

MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini

MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini Alberto Rossini ANCI ER Novafeltria 3 dicembre EMERGENZA INQUINAMENTO ATMOSFERICO UN PROBLEMA PER AREE URBANE ED INDUSTRIALI Il riscaldamento globale. +0,8 gradi

Dettagli

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA Ente Locale Promotore Comune di Padova - Settore Ambiente Ufficio Agenda 21 c/o Informambiente via vlacovich 4-35126 Padova Tel. 049 8022488 Fax. 049

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella citt di Palermo Progetti di mobilit sostenibile

Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella citt di Palermo Progetti di mobilit sostenibile Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella città di Palermo Progetti di mobilità sostenibile 1 Inventario Base delle Emissioni CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti. 24 Settembre 2015

Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti. 24 Settembre 2015 Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti 24 Settembre 2015 Steer Davies Gleave Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti 24 Settembre 2015 2 Aree di attività

Dettagli

RELAZIONE. Pertanto è approvato il seguente testo di deliberazione.

RELAZIONE. Pertanto è approvato il seguente testo di deliberazione. L argomento viene illustrato per sommi capi dall Assessore Aniello Piscopo, che si riporta alla relazione agli atti della proposta di deliberazione. Dopo un breve intervento del Consigliere Moschin, riportato

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N.

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. 924 DEL 28.09.2006 IN ATTUAZIONE AL PIANO REGIONALE (D.C.R.

Dettagli

TAVOLO PERMANENTE ARIA

TAVOLO PERMANENTE ARIA TAVOLO PERMANENTE ARIA Ing. Gian Luca Gurrieri Struttura Protezione Aria e Prevenzione Inquinamenti Fisici DG Ambiente, Energia e Reti 22 settembre 2010 1 PROVVEDIMENTI VIGENTI (attuativi LR 24/06) Limitazione

Dettagli

Spett.le. OGGETTO: Richiesta contributo economico per Osservatorio sulla Mobilità Sostenibile in Italia edizione 2015

Spett.le. OGGETTO: Richiesta contributo economico per Osservatorio sulla Mobilità Sostenibile in Italia edizione 2015 Roma, 25/09/2015 Prot. n. 76/2015 Euromobility Associazione Mobility Manager Spett.le Direzione Generale per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e l Energia Ministero del Ambiente e Tutela del Territorio

Dettagli

PROGETTARE UN SISTEMA MULTICANALE DI COMUNICAZIONE INTERATTIVA TRA LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E I CITTADINI/IMPRESE. Qualità dell aria urbana

PROGETTARE UN SISTEMA MULTICANALE DI COMUNICAZIONE INTERATTIVA TRA LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E I CITTADINI/IMPRESE. Qualità dell aria urbana Centro Studi EUROPA INFORM innovazione&formazione Via F.lli Cairoli, n 73, 47900 - RIMINI Tel. 0541 786652 Fax 0541 780253 www.europainform.com info@europainform.com PROGETTARE UN SISTEMA MULTICANALE DI

Dettagli

TRASPORTO PRIVATO - DIFFUSIONE E USO VEICOLI

TRASPORTO PRIVATO - DIFFUSIONE E USO VEICOLI TRASPORTO PRIVATO - DIFFUSIONE E USO VEICOLI TASSO DI MOTORIZZAZIONE Il tasso di motorizzazione rappresenta una stima della diffusione dei mezzi a motore nel territorio e quindi della necessità di disporre

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL)

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) Gli strumenti e le tecniche per definire un piano di mobilità e realizzare un database di supporto al Mobility Mangement Torino, aprile 2010

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2006

DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2006 Comune di Livorno DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2006 1) Oggetto Rilascio di contributi per l acquisto di veicoli a

Dettagli

Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente

Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente Regione Lombardia Milano LOMBARDIA: UNA REGIONE IN EUROPA Ridurre

Dettagli

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità Elettrica l energia che sposta le persone Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità ecologica? L automazione elettrica delocalizza l inquinamento? polveri

Dettagli

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Intervento Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Sala Falck Assolombarda 29 gennaio 2007 Convegno MUOVERE PERSONE E MERCI: LE POLITICHE E I PROGETTI PER LA COSTRUZIONE DELLA CITY LOGISTICS

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

PROGETTO So.S.-M.Bi.O. SOstenibilità per gli Spostamenti: Mobility managment e BIke sharing in Ovest. A cura di Zona Ovest di Torino s.r.l.

PROGETTO So.S.-M.Bi.O. SOstenibilità per gli Spostamenti: Mobility managment e BIke sharing in Ovest. A cura di Zona Ovest di Torino s.r.l. PROGETTO So.S.-M.Bi.O SOstenibilità per gli Spostamenti: Mobility managment e BIke sharing in Ovest A cura di Zona Ovest di Torino s.r.l. 25 luglio 2006 Premesse I comuni del Patto Territoriale Zona Ovest

Dettagli

PROGRAMMA DELLA SETTIMANA Facciamo la mossa giusta

PROGRAMMA DELLA SETTIMANA Facciamo la mossa giusta PROGRAMMA DELLA SETTIMANA Facciamo la mossa giusta A) Giornate provinciali dell Ambiente previste dal 15 al 23 Settembre 2007: presentazione e condivisione delle iniziative promosse dall Assessorato alle

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME

PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME PROGETTO SPERIMENTALE CAR POOLING INAUTOINSIEME Firenze, 28 maggio 2010 Terra Futura Car pooling e Car sharing Il car pooling (o (o auto di gruppo) è una modalità di trasporto che consiste nella condivisione

Dettagli

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DECRETO 27 MARZO 1998 A seguito dell emanazione del Decreto 27 marzo 1998 del Ministero dell Ambiente, l Università

Dettagli

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione N. 141 OGGETTO: NOMINA DEL MOBILITY MANAGER D AREA DEL COMUNE DI NOVARA ATTO DI INDIRIZZO. L anno duemilaquattordici,

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

Il nuovo progetto. per la. mobilità sostenibile in Emilia-Romagna

Il nuovo progetto. per la. mobilità sostenibile in Emilia-Romagna Il nuovo progetto per la mobilità sostenibile in Emilia-Romagna UNA REGIONE ATTENTA ALL AMBIENTE E ALLA MOBILITÀ SOSTENIBILE Per collocazione naturale l Emilia-Romagna sconta un alto tasso d inquinamento

Dettagli

III report monitoraggio anno 2009 Piano di Gestione della Qualità dell'aria

III report monitoraggio anno 2009 Piano di Gestione della Qualità dell'aria III report monitoraggio anno 2009 Piano di Gestione della Qualità dell'aria Scopo del report Il monitoraggio del piano presentato in questo rapporto ha lo scopo di fornire alla Conferenza dei Sindaci un

Dettagli

Comune di Limena ORDINANZA TEMPORANEA PER LA DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE

Comune di Limena ORDINANZA TEMPORANEA PER LA DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE Comune di Limena Provincia di Padova Servizio Tecnico Lavori Pubbliciubblici Via Roma 44 35010 Limena c.f. 00327150280 0498844344 fax 0498840426 www.comune.limena.pd.it lavori.pubblici@comune.limena.pd.it

Dettagli

Informazioni Statistiche N 2/2013

Informazioni Statistiche N 2/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Osservatorio Ambientale Istat sulle città: i risultati di Palermo e delle grandi città Anno 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 2/2013 SETTEMBRE 2013 Sindaco:

Dettagli

3.2 I TRASPORTI. 3.2.1 Il settore trasporti

3.2 I TRASPORTI. 3.2.1 Il settore trasporti 3.2 I TRASPORTI 3.2.1 Il settore trasporti Caratteristiche, aspetti e considerazioni generali E ormai noto che il settore dei trasporti rappresenta un elemento di criticità per la collettività e costituisce,

Dettagli

CITTA DI PIOVE DI SACCO

CITTA DI PIOVE DI SACCO CITTA DI PIOVE DI SACCO BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO AI PROPRIETARI DI AUTOVEICOLI CON ALIMENTAZIONE A BENZINA PER L INSTALLAZIONE IMPIANTO A GPL O METANO allegato alla determinazione dirigenziale

Dettagli

I RESPONSABILI dei Settori Ecologia-Ambiente e Polizia Municipale-Traffico

I RESPONSABILI dei Settori Ecologia-Ambiente e Polizia Municipale-Traffico Comune di S. Pietro in Cariano Provincia di Verona Via Chopin, n 3-37029 S. Pietro in Cariano (VR) P.IVA: 00261520233 tel. 0039-045-6832111 - fax 0039-045-6801268 ORDINANZA N.: 65 Data: 26.04.2006 I RESPONSABILI

Dettagli

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo European Mobility Week Palermo 16/22 settembre Mobilità sostenibile a Palermo A A sampler (of benzene level) in a central street: Via Roma Zone a traffico limitato ZTL A = auto Euro 3 and Euro 4 e mezzi

Dettagli

L ESPERIENZA DI MOBILITY MANAGEMENT NEL COMUNE DI VENEZIA 1

L ESPERIENZA DI MOBILITY MANAGEMENT NEL COMUNE DI VENEZIA 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali L ESPERIENZA DI MOBILITY MANAGEMENT NEL COMUNE DI VENEZIA 1 Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di

Dettagli

Legambiente - Ecosistema Urbano

Legambiente - Ecosistema Urbano Comune di Palermo Ufficio Statistica Statistica flash (29/10/2012) Legambiente - Ecosistema Urbano Il Sole 24 Ore ha pubblicato i risultati del 19 Rapporto di Legambiente Ecosistema Urbano. La di Palermo,

Dettagli

Il nuovo progetto. per la. mobilità sostenibile in Emilia-Romagna

Il nuovo progetto. per la. mobilità sostenibile in Emilia-Romagna Il nuovo progetto per la mobilità sostenibile in Emilia-Romagna flash _ La regione Emilia-Romagna ha circa 4,5 milioni di abitanti. _ La densità di auto per abitante è superiore alla media nazionale ed

Dettagli

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE Tabella A. area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistente pendolarismo caratterizzato da uno scarso uso del mezzo pubblico (gli

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT: ESEMPI VIRTUOSI ITALIANI 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

MOBILITY MANAGEMENT: ESEMPI VIRTUOSI ITALIANI 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali MOBILITY MANAGEMENT: ESEMPI VIRTUOSI ITALIANI 1 Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli