Le emissioni inquinanti delle automobili. Questa pomeriggio parliamo di:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le emissioni inquinanti delle automobili. Questa pomeriggio parliamo di:"

Transcript

1 Questa pomeriggio parliamo di: Filippo Lenzerini LA MOBILITA SOSTENIBILE Ferrara 10 dicembre 2003 Azioni concrete per lo sviluppo sostenibile: il GGP- Green Public Procurement Le emissioni inquinanti delle automobili La mancanza di informazioni, un caso? Costi sociali della mobilità Possibili soluzioni Il caso della mobilità scolastica di Argenta Introduzione In seguito alla diffusione del metano per il riscaldamento domestico, l'inquinamento atmosferico risulta oggi determinato principalmente dal traffico automobilistico. In Italia vengono prodotte ogni anno 23 tonnellate di emissioni inquinanti per chilometro quadrato. Le emissioni inquinanti delle automobili Di queste, circa il 60% e` ascrivibile all'autotrazione, con picchi di oltre il 90% per il monossido di carbonio e dell'80% per il benzene. Naturalmente la situazione e` piu` critica nelle grandi aree urbane a intenso traffico automobilistico.

2 Che cos è il particolato Il particolato è il fattore inquinante più rilevante nelle emissioni dei motori diesel. E' costituito da particelle solide generate nel processo di combustione. Il particolato si forma a causa della parziale combustione delle gocce di gasolio iniettate nella camera di combustione specialmente quando il rapporto aria/combustibile è basso. Ciò avviene principalmente in fase di accelerazione. Che cos è il particolato Il particolato, in funzione delle sue dimensioni, viene inalato e va a depositarsi sugli alveoli polmonari. Questa deposizione costituisce uno strato che ostacola gli scambi gassosi tra aria e sangue e rappresenta un potenziale danno per tutti, ma in particolare per i soggetti già affetti da malattie polmonari, come i portatori di bronchiti croniche, asma, enfisema. Le particelle di particolato possono ridurre la visibilità e influenzare l'equilibrio termico tra l'atmosfera e la superficie terrestre, provocando perturbazioni meteorologiche. Che cos è l NOx NOx (Ossidi di azoto): una buona parte degli ossidi di azoto è emesso nell'atmosfera da fonti inquinanti derivanti da processi di combustione interna dei motori e degli impianti di riscaldamento. Gli ossidi di azoto, a contatto con l'umidità atmosferica, formano acido nitrico, una delle principali cause delle piogge acide. Gli ossidi di azoto, insieme agli idrocarburi presenti in atmosfera, in presenza di luce ultravioletta, danno origine ad un fenomeno detto smog fotochimico. Il prodotto principale di queste reazioni fotochimiche è l'ozono (O3), causa di irritazioni agli occhi, disturbi dell'apparato Dott. respiratorio Filippo Lenzerini e di danni agli alberi e alle coltivazioni. In altre parole, quella stessa molecola, formata da tre atomi Che cos è l NOx Gli ossidi di azoto, insieme agli idrocarburi presenti in atmosfera, in presenza di luce ultravioletta, danno origine ad un fenomeno detto smog fotochimico. Il prodotto principale di queste reazioni fotochimiche è l'ozono (O3), causa di irritazioni agli occhi, disturbi dell'apparato respiratorio e di danni agli alberi e alle coltivazioni. In altre parole, quella stessa molecola, formata da tre atomi di ossigeno, che è così importante per neutralizzare la radiazione ultravioletta nella stratosfera, costituisce un problema quando si accumula in eccesso nei bassi strati dell'atmosfera.

3 Che cos è il Monossido di carbonio CO La formazione del monossido di carbonio (CO) nei motori è conseguenza di una combustione incompleta dovuta alla carenza locale di ossigeno. Le principali fonti sono i vecchi motori a benzina, i ciclomotori a due tempi. I motori diesel permettono normalmente di contenere a livelli molto bassi le emissioni di CO, lo stesso dicasi per le caldaie. Trattandosi di un gas, il monossido di carbonio raggiunge rapidamente gli alveoli polmonari, a livello dei quali passa nel sangue e si combina con l'emoglobina impedendo l'ossigenazione e provocando cefalea, debolezza, nausea e, ad alte concentrazioni, la morte per asfissia. CO2 Che cos è l anidride carbonica CO2 Il biossido di carbonio (o anidride carbonica CO2) deriva dalla reazione di ossidazione del carbonio presente nell'idrocarburo ad opera dell'ossigeno contenuto nell'aria comburente. Il biossido di carbonio è il principale gas responsabile dell'effetto serra, che contribuisce al riscaldamento del pianeta.1. Confronto tra diesel e benzina: I motori diesel emettono circa il 12% di CO2 in meno rispetto ai motori dello stesso tipo alimentati a benzina. Le loro emissioni di ossidi di azoto (NOx) risultano tuttavia circa 3 volte superiori La quantità di particolato fine respirabile liberata è fino a 1'000 volte maggiore. Confronto tra diesel e benzina: Tra tutti i gas di scarico liberati dai veicoli a motore, la CO2 è il maggior responsabile del riscaldamento del clima. Dal punto di vista del riscaldamento climatico, quindi, le automobili diesel, data la minore emissione di CO2, risultano migliori rispetto a quelle a benzina.

4 Confronto tra diesel e benzina: Il CO2 non è tuttavia l'unico inquinante che contribuisce al riscaldamento globale. Responsabili sono infatti anche, le polveri. L'aspetto positivo dei motori diesel, legato alla ridotta emissione di CO2,è annullato dalle conseguenze negative generate dalla maggiore quantità di polveri. Pertanto, se prive di filtri, le automobili diesel non contribuiscono a ridurre il fenomeno del riscaldamento climatico. Confronto tra diesel e benzina: Gli inquinanti provenienti dal traffico e da altre fonti di emissione hanno ripercussioni sulla salute dell'uomo. Ha inoltre conseguenze negative sull'agricoltura, riducendo il raccolto del 5-15%. Particolarmente problematico in tale contesto risulta l'inquinamento da ossidi di azoto (NOx) e da polveri fini respirabili. Le odierne automobili diesel si rivelano di gran lunga più inquinanti rispetto a quelle a benzina rispetto a NOx e polveri sottili. Confronto tra diesel e benzina: Sebbene, per quanto riguarda il consumo energetico e le emissioni di CO2, le automobili diesel risultino in genere più vantaggiose rispetto ai veicoli a benzina, quelle attualmente in circolazione si rivelano più dannose, considerando il loro influsso sull'inquinamento atmosferico e le loro ripercussioni sulla salute. Si tratta tuttavia di svantaggi che potrebbero essere evitati mediante misure tecniche e prescrizioni adeguate. Confronto tra diesel e benzina: Ecco le tre principali misure da adottare: impiego di carburanti privi di zolfo installazione di filtri antiparticolato, già in commercio (Peugiot), riducono di 1'000 volte le emissioni di polveri. La normativa europea sui gas di scarico non ne contempla ancora l obbligatorietà. installazione di catalizzatori DeNOx, grazie ai quali i motori diesel arriveranno allo stesso livello di quelli a benzina. Tali catalizzatori sono in via di sperimentazione.

5 GeCam, il gasolio bianco Gecam, il gasolio bianco è un'emulsione composta da gasolio, da acqua per il 10% e da uno specifico mix di additivi che ne garantisce la stabilità nel tempo. Destinata alle flotte di veicoli (autobus, igiene urbana, trasporto pesante) ed al riscaldamento, consente una riduzione del PM10 del 40%, del particolato nocivo fino al 70% e degli ossidi di azoto del 10%. Il Gecam si acquista, si riceve, si stocca e si utilizza come il normale gasolio, ma non è disponibile nelle normali stazioni di rifornimento. E' possibile utilizzare il Gecam senza apportare alcuna modifica né ai veicoli né alle centrali termiche. GeCam, il gasolio bianco L'aggiunta di acqua nel gasolio ne migliora la combustione. Il miglioramento della combustione del gasolio grazie all'aggiunta di acqua è una teoria nota da decine di anni, ma l'applicazione sul mercato delle emulsioni ha sempre trovato un limite nella stabilità: gasolio ed acqua da soli non si miscelano. Nel processo produttivo le gocce d'acqua si spezzano in piccolissime goccioline. A questo punto l'additivo va a rivestire le goccioline interponendosi fra l'acqua ed il gasolio, mantenendo separate le goccioline e garantendo quindi la stabilità dell'emulsione. GeCam, il gasolio bianco I vantaggi ecologici legati all'utilizzo del Gecam sono interamente frutto della presenza dell'acqua. E' l'acqua che permette di migliorare la combustione, riducendo la produzione di particolato, maggiore fattore inquinante derivante dalla combustione del gasolio. E' sempre l'acqua che permette di migliorare i rendimenti, con conseguente riduzione della produzione di anidride carbonica (CO2). Ed è ancora l'acqua che permette di abbassare le temperature di combustione riducendo la produzione di ossidi di azoto. Il GPL GPL significa Gas di Petrolio Liquefatti. E' un idrocarburo composto principalmente da una miscela di propano e butano. Si ottiene dal processo di raffinazione del petrolio oppure direttamente per estrazione dopo semplici processi di separazione dal gas naturale o dal petrolio, con i quali si trova associato nei giacimenti. Il GPL è una fonte di elevata qualità che trova impiego in molti settori (civile, industriale, artigianale.)

6 I vantaggi del GPL I motori alimentati a GPL sono molto piu puliti in quanto non emettono residui né di piombo, né di benzene, né di zolfo, elementi del tutto assenti nella sua composizione. Rispetto alla benzina, le misurazioni dei gas di scarico risultano inferiori del: 10-15% come anidride carbonica CO2 20% come monossido di carbonio CO 55-60% come idrocarburi incombusti Grazie a queste caratteristiche il GPL assicura lunga vita al motore e riduce il consumo di olio. Il metano Il metano e` il combustibile alternativo piu` pulito attualmente facilmente disponibile e il suo impiego sui veicoli puo` offrire un contributo alla soluzione dei problemi ambientali delle citta`. Per la semplicita` della sua composizione rispetto agli altri carburanti (contiene piu` idrogeno e meno carbonio CH4), il metano e` intrinsecamente ecologico e garantisce una notevole pulizia della combustione. Il metano Rispetto ai motori alimentati a benzina, il metano riduce: gli idrocarburi volatili piu`dannosi (benzene) del 94-96% l'inquinamento fotochimico (provocato dall'ozono troposferico, anch'esso nocivo alla salute) dell'80% la formazione di anidride carbonica del 25-30%. Il metano Rispetto ai veicoli che utilizzano motori diesel, come ad esempio gli autobus urbani, il metano riduce: dell'85-90% le emissioni di ossidi di azoto (NOx) dell'85-95% quelle di monossido di carbonio (CO) Le emissioni di particolato sono quasi totalmente assenti. Inoltre l'impiego del metano consente di eliminare pressoche` totalmente le emissioni di zolfo e piombo.

7 7 buoni motivi per andare a metano Le emissioni dei carburanti 1. e`economico: costa poco e ha un maggiore rendimento energetico (320 km con 9 euro 1400 cc) 2. e`ecologico: le emissioni inquinanti sono inferiori di circa l'85-90% rispetto ai combustibili tradizionali 3. e`efficiente: in virtu` dell'alto numero di ottani, superiore a 120, non ha bisogno di additivi antidetonanti 4. e` sicuro: la temperatura di autoaccensione e` molto elevata ed essendo un gas piu` leggero dell'aria si disperde rapidamente 5. e`affidabile: può essere utilizzato tutti i giorni, anche con le targhe alterne. Inquinamento delle auto: poca chiarezza La mancanza di informazioni, un caso? La Direttiva 1999/94/CE recita: "tutti i Governi UE si attrezzino affinché ai compratori di auto nuove siano fornite tutte le informazioni che riguardano i danni ambientali delle auto, le emissioni di CO2 e le norme comportamentali per ridurre il consumo di carburante". L Italia è stata condannata dalla Corte di Giustizia europea per non aver fornito ai potenziali acquirenti le informazioni utili sul risparmio di carburante e sulle emissioni di CO2 di autovetture nuove.

8 Inquinamento delle auto: poca chiarezza In pratica la Direttiva prevede: diffusione pubblicitaria (pubblicità sui giornali, manifesti, opuscoli) da utilizzarsi per la commercializzazione di autovetture nuove apposizione sul parabrezza di tutte le autovetture private nuove di un'etichetta relativa al consumo di carburante una guida del consumo di carburante e delle emissioni di CO2 apposizione di manifesti nelle sale di esposizione di autovetture. Le auto più inquinanti e quelle meno? Gasolio Toyota Rav 7,1 litri x 100 Km Fiat Doblò 6,4 litri x 100 Km Le auto più inquinanti e quelle meno? Gasolio Toyota Rav 7,1 litri x 100 Km Fiat Doblò 6,4 litri x 100 Km Costi sociali della mobilità

9 Costi sociali della mobilità: un indagine toscana Gli incidenti sono per i giovani tra i 15 e i 29 anni la prima causa di morte. Gli incidenti provocano all anno oltre 480 morti (più di uno al giorno) e 30 mila feriti per incidenti In un anno le Pm10 in Toscana provocano la morte anticipata di cinque anni di persone In Toscana, ogni anno, vengono spesi 3,5 miliardi di euro per far fronte ai problemi connessi dalla mobilità privata, pari al 4% del totale del Pil e il 26% della spesa della pubblica amministrazione. Una somma pari all intera spesa pubblica sanitaria della regione Toscana. Costi sociali della mobilità: un indagine toscana Questi 3,5 miliardi di Euro sono ripartiti tra: sanità (ricoveri, cure farmaceutiche) intangibili (i decessi), ritardi sul lavoro causati dalla congestione (il 40% del tempo dedicato agli spostamenti è perso in coda, a Firenze il 50%: 50 ore l anno) giorni non lavorati per le malattie da smog, pulizia degli edifici storici. Se i privati spendono ognuno mille euro l anno per muoversi sul proprio mezzo, altri mille, ne spende la comunità toscana per ogni automobile (2.500 Firenze). Inquinamento acustico Il 20% della popolazione europea è esposta a livelli di inquinamento acustico diurno superiori ai 65 db e il 40% a livelli compresi fra 55 e 65 db; La tendenza è verso un aumento della popolazione esposta soprattutto a livelli compresi tra 55 e 65 db. La principale sorgente di rumore risulta essere il traffico stradale che interessa i 9/10 della popolazione esposta a livelli superiori ai 65 db; Un indagine socioacustica condotta a Modena ha evidenziato che a livelli di inquinamento acustico pari a 65 db circa il 10% manifesta disturbi del sonno. A livelli pari a 75 db tale percentuale diventa del 40%. Inquinamento acustico Una media europea fissa I costi dell inquinamento acustico allo 0,2% del PIL I costi dell inquinamento atmosferico allo 0,4% del PIL I costi degli incidenti stradali allo 2% del PIL. Preponderante risulta quindi l impatto economico degli incidenti stradali. Un recente studio ha stimato in circa miliardi il costo degli incidenti stradali in Italia nel solo 1997, in netto aumento rispetto ai circa miliardi del 1993.

10 La proposta della Regione Toscana Possibili soluzioni Aumentare le tasse sulla benzina (le leggi regionali lo permettono). In questa maniera verrebbe percepito un costo maggiore per gli spostamenti su mezzi privati e forse qualcuno rinuncerebbe. Si potrebbe usare il denaro ricavato per compensare la spesa da traffico e investire in interventi per una mobilità sostenibile». Tanto più che entro i 10 chilometri spostarsi in auto costa di più del mezzo pubblico e in Italia le tasse connesse alla mobuilità privata sono le più basse d Europa Un progetto: i camion sui treni Il nuovo servizio di treni-navetta per camion tra Francia ed Italia entro il 2007 dovrebbe essere in grado di assorbire il 40% circa dell attuale traffico autostradale di mezzi pesanti lungo la direttrice del valico italo-francese del Frejus (175 KM) con grandi vantaggi per la viabilità, la sicurezza e l ambiente. Si stima che oggi circolino un milione di camion all anno per il trasporto di merci. Il nuovo sistema potrà trasportarne oltre 300 mila su rotaie, con convogli al giorno in andata e ritorno. Un progetto: i camion sui treni Attualmente il pedaggio è di 290 euro per ogni camion (equivalente all incirca al costo che un Tir dovrebbe sostenere se viaggiasse su strada). «I risparmi di tempo e quindi la convenienza per gli autotrasportatori saranno possibili grazie ai ridotti tempi di carico (circa 30 minuti) e di scarico (5 minuti) dei camion dai treni. In totale possono essere caricati su ogni treno 28 semirimorchi, oppure 18 camion completi. Per i camionisti è previsto un vagone passeggeri, dotato di minibar, self service per consumare pasti, schermi al plasma e poltrone relax.

11 Il mobility manager La figura professionale è stata introdotta dal Decreto Interministeriale del 27 marzo 1998 Mobilità sostenibile nelle aree urbane ; Il mobility manager aziendale è previsto per tutte le aziende con più di 300 addetti o più di 800 distribuiti su più sedi. Il mobility manager aziendale, nell organizzazione interna, si posiziona nelle: Area risorse umane; Area logistica aziendale; Area gestione flotte. CHI È IL MOBILITY MANAGER DI AREA Il Decreto Interministeriale del 27 marzo 1998 Mobilità sostenibile nelle aree urbane ; introduce presso la Pubblica Amministrazione una struttura di supporto e coordinamento dei mobility manager aziendali. La struttura fa capo al mobility manager di area che ha il compito di: Coinvolgere tutti gli operatori (Enti locali, organizzazioni private e pubbliche) in progetti di mobilità sostenibile; Coordinare le politiche di mobilità all interno dell area territoriale di competenza; Promuovere una cultura di mobilità sostenibile presso i cittadini. MOBILITY MANAGEMENT: UN MODELLO DI RIFERIMENTO MOBILITY MANAGEMENT: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Operatore servizi di trasporto m.m. aziendale I mobility manager aziendali raccolgono tutti i dati relativi agli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della propria azienda e li trasmettono al mobility manager d area. Operatore servizi di trasporto Operatore servizi di trasporto Mobility manager di area m.m. aziendale m.m. aziendale m.m. Dipendenti dell azienda Il mobility manager d area, li analizza e identifica soluzioni alternative all auto privata individuando servizi di mobilità innovativi e promuovendo l utilizzo delle due ruote o di mezzi a basso impatto ambientale. Operatore servizi di trasporto aziendale m.m. aziendale I mobility manager aziendali redigono piani per la loro azienda e mettono in atto le misure e gli strumenti per renderle operative.

12 IL PIANO DI SPOSTAMENTI CASA LAVORO: CARATTERISTICHE Analisi della mobilità interna e del profilo di accessibilità dell azienda Definizione obiettivi perseguibili in termini di impatto ambientale Definizione delle iniziative specifiche Programma di: attuazione, comunicazione, valutazione IL PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA-LAVORO Analisi Interna con i dipendenti Analisi tecnico urbanistica dell accessibilità aziendale Definizione degli obiettivi di miglioramento Progettazione e realizzazione di iniziative specifiche sia aziendali che da segnalare al mobility manager di area Piano di comunicazione Controllo di valutazione dei risultati I VANTAGGI E LE OPPORTUNITÀ CHE NE DERIVANO ECONOMICI PER I DIPENDENTI Minori costi del trasporto Possibilità di premi economici MOBILITÀ Riduzione dei tempi di spostamento Diminuzione del rischio di incidenti Maggiore regolarità nei tempi di trasporto PERSONALI Minore stress psicofisico da traffico Socializzazione tra colleghi I VANTAGGI E LE OPPORTUNITÀ CHE NE DERIVANO ECONOMICI Accesso ai fondi ministeriali Introiti dalla tassazione delle aree di parcheggio. MOBILITÀ Regolarità nell arrivo dei propri dipendenti. Riduzione dei piazzali di sosta dedicati a parcheggio per i PER L AZIENDA dipendenti, e possibilità di riutilizzo per altre funzioni aziendali. Aumento dell'accessibilità aziendale. CLIMA Possibilità di creare una condizione socializzazione tra dipendenti. Possibilità di offrire un servizio utile ai propri dipendenti, con eventuali vantaggi, seppure indiretti, in termini di dedizione al lavoro.

13 I VANTAGGI E LE OPPORTUNITÀ CHE NE DERIVANO L INDAGINE DI MOBILITÀ INTERNA ANALISI INTERNA PER LA COLLETTIVITÀ Riduzione dell inquinamento atmosferico. Benefici in termini di sicurezza. Riduzione della congestione stradale. Riduzione dei tempi di trasporto. Conoscenza della realtà aziendale (sede, n e caratteristiche dei dipendenti, orari di lavoro, flotta di automezzi). Realizzazione di questionari per definire i bisogni di mobilità dei dipendenti e loro disponibilità (percorso casa-lavoro, durata e caratteristiche dello spostamento, flessibilità accettabile, scelta modale, percezione della qualità del servizio o del modo di trasporto). Analisi e valutazione dei questionari (organizzazione banca dati, ordinamento sistemico dei dati). L INDAGINE DI MOBILITÀ INTERNA ANALISI DEL CONTESTO ESTERNO DELL AZIENDA Ubicazione dell azienda (valutazione territoriale ed ambientale dell area dove sorge e/o delle altre diverse Sedi loc ali). Accessibilità dell azienda (viabilità, distanze da fermate di trasporto pubblico, disponibilità di piste ciclabili). Analisi delle aree parcheggio disponibili (libera o a pagamento, ad uso esclusivo o priva di restrizioni). Analisi del trasporto pubblico disponibile. Analisi dei Km percorsi dai dipendenti con i diversi mezzi di trasporto e conseguente determinazione dei consumi energetici e delle emissioni inquinanti. INDICATORI DI EFFICACIA DEL PIANO DEGLI SPOSTAMENTI Km totali percorsi dai dipendenti con l auto propria e con gli altri mezzi di trasporto Rapporto tra n dipendenti/n di auto che arrivano in azienda Rapporto tra n persone private/n di auto private che viaggiano in auto Tempo di percorrenza del tragitto porta a porta Diminuzione del n di auto nelle ore di punta Grado di coinvolgimento e soddisfazione dei dipendenti

14 LE STRATEGIE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE: GLI STRUMENTI DEL MOBILITY MANAGER STRATEGIE DI DISSUASIONE Disincentivi all utilizzo dell auto privata -dove possibile- Politiche di tassazione sulla circolazione, restrizione aree sosta STRATEGIE DI INCENTIVAZIONE Incremento dell offerta di modi di trasporto sostenibili ed ecologici, inclusi agevolazioni e promozioni dei sistemi attualmente disponibili. Realizzazione di nuovi servizi di mobilità, promozione dell intermodalità, benefits collaterali. NUOVI SERVIZI DI MOBILITÀ NUOVE TECNOLOGIE GESTIONE INTERNA car sharing car pooling trasporto collettivo flessibile utilizzo delle 2 ruote utilizzo delle nuove tecnologie (internet, telelavoro) politiche sulle aree di sosta aziendali gestione orari e turni di lavoro La mobilità scolastica nel Comune di Argenta: un indicatore di sostenibilità

15 Indicatori di sostenibilità Gli indicatori I 20 indicatori sono stati scelti in modo tale che rappresentassero sia aspetti ambientali (13), sia di sviluppo economico territoriale (7), sia sociali (7) Alcuni indicatori coincidono con i 10 indicatori di sviluppo sostenibile indicati dalla Comunità Europea per le realtà urbane Altri sono stati scelti con riferimento specifico al territorio di Argenta L indicatore Mobilità scolastica L indicatore Mobilità scolastica È stato inserito realizzato un sondaggio che ha coinvolto 1123 alunni delle scuole elementari e medie inferiori (94,4% degli iscritti) per verificare la modalità con la quale gli scolari del Comune di Argenta vanno a scuola. La scelta dell indicatore: mobilita scolastica causa di criticità valore educativo nei confronti dei bambini Anno 2003 Alunni che utilizzano prevalentemente lo scuola bus Alunni che vanno a scuola prevalentemente in macchina Alunni che vanno a scuola prevalentemente a piedi Alunni che vanno a scuola prevalentemente in bicicletta Altri mezzi (motorino, corriera di linea, ) N % 18,2% 46,6% 13,2% 16,7 % 0,8 % Non intervistati 67 4,5 %

16 L indicatore Mobilità scolastica L indicatore Mobilità scolastica Dati relativi ai 450 studenti delle medie inferiori Anno 2003 N % Dati relativi ai 740 studenti delle medie inferiori Anno 2003 N % Alunni che utilizzano prevalentemente lo scuolabus 89 19,8%? Alunni che utilizzano prevalentemente lo scuolabus ,8%? Alunni che vanno a scuola prevalentemente in macchina %? Alunni che vanno a scuola prevalentemente in macchina %? Alunni che vanno a scuola prevalentemente a piedi 57 12,7%? Alunni che vanno a scuola prevalentemente a piedi ,9%? Alunni che vanno a scuola prevalentemente in bicicletta ,3%? Alunni che vanno a scuola prevalentemente in bicicletta 65 8,8%? Altri mezzi (motorino, corriera di linea, ) 9 2 %? Altri mezzi (motorino, corriera di linea, ) 0 0 % Non intervistati 19 4,2% Non intervistati 48 10,5% L indicatore Mobilità scolastica L indicatore Mobilità scolastica Dati relativi alle scuole di Argenta 570 studenti tra elementari e medie inferiori Media superiore Scuolabus 43% Auto 24% Piedi 17% Bici 15% Anno 2003 Alunni che utilizzano prevalentemente lo scuolabus N 89 % 15,2%? Alunni che vanno a scuola prevalentemente in macchina ,6%? Alunni che vanno a scuola prevalentemente a piedi 56 9,6%? Alunni che vanno a scuola prevalentemente in bicicletta ,3%? Elementare Scuolabus 2% Auto 65% Piedi 25% Bici 7,5% Elementare Scuolabus 11% Auto 62% Piedi 9% Bici 18% Media superiore Scuolabus 19% Auto 17% Piedi 21% Bici 43% Altri mezzi (motorino, corriera di linea, ) Non intervistati ,5 % 4,8 %

17 Le piste ciclabili Copyright Piste ciclabili in sede promiscua Piste ciclabili in sede propria Le presenti diapositive sono di proprietà della società Punto 3 Progetti per lo sviluppo sostenibile E vietato l utilizzo e la riproduzione delle stesse senza esplicita autorizzazione scritta. Per ogni informazione : Sul territorio del Comunale di Argenta ci sono metri di piste ciclabili (80% in sede propria)

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Centro specializzato per l installazione di impianti GPL e METANO per auto INFORMAZIONI GENERALI

Centro specializzato per l installazione di impianti GPL e METANO per auto INFORMAZIONI GENERALI Centro specializzato per l installazione di impianti GPL e METANO per auto EBOOK - 1 di 4 IMPIANTI GPL E METANO INFORMAZIONI GENERALI Tel. (+39)051 531791 - Fax (+39)051 6010103 Email: info@baldiegovoni.it

Dettagli

Il Mobility Management. Maria Lelli

Il Mobility Management. Maria Lelli Il Mobility Management Maria Lelli IL MOBILITY MANAGEMENT Il MOBILITY MANAGEMENT è un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda per la promozione della MOBILITA SOSTENIBILE

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 2 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 2 3 3 4 4 GESTIONE AZIENDALE ORIENTATA ALL AMBIENTE...

AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 2 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 2 3 3 4 4 GESTIONE AZIENDALE ORIENTATA ALL AMBIENTE... CAP e L AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 Evoluzione della mobilità passeggeri... 2 La mobilità e gli effetti sull ambiente: i costi... 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 Le polveri atmosferiche...

Dettagli

Qualità dell aria a Palermo

Qualità dell aria a Palermo Comitato di redazione del Bollettino dell Ordine degli Ingegneri della provincia di Palermo Qualità dell aria a Palermo A cura di: ing.a.bertuglia, ing.m. Sciortino,dott.ssa R.Barbiera Ambiente ed inquinamento

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Quale valore per le imprese e le banche italiane ABI FORUM CSR 2008 Roma, 29 Gennaio Aldo Pozzoli, Partner MUOVERSI 1. Introduzione Le Linee

Dettagli

DI COSA ABBIAMO PARLATO:

DI COSA ABBIAMO PARLATO: Giovedì 27 novembre 2014 (1 C) siamo andati alla centralina dell A.R.P.A. in via Giovanni XXIII, Borgo S.Dalmazzo, (che verrà chiusa a fine dicembre) accompagnati dalle prof Bagnus (matematica e scienze)

Dettagli

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA,

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Roma) Sommario 1.Milano e il suo intorno: l evoluzione

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO IL PARTICOLATO ATMOSFERICO Il particolato atmosferico Definito anche aerosol o genericamente polveri Costituito da particelle solide o liquide in sospensione che provengono: da processi naturali e da processi

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

GARANTIRE LA SOSTENIBILITÀ NEGLI AGGREGATI URBANI PROBLEMI LOCALI E GLOBALI DEGLI IMPATTI AMBIENTALI URBANI

GARANTIRE LA SOSTENIBILITÀ NEGLI AGGREGATI URBANI PROBLEMI LOCALI E GLOBALI DEGLI IMPATTI AMBIENTALI URBANI L ambiente urbano gestione di acque rifiuti ambiente costruito verde pubblico inquinamento atmosferico mobilità sostenibile impatti ambientali di tipo fisico rumore radiazioni IR e NIR AMBIENTE URBANO

Dettagli

>>> buone abitudini per uno sviluppo sostenibile. inquinamento atmosferico e danni correlati. Legnago. cambia aria

>>> buone abitudini per uno sviluppo sostenibile. inquinamento atmosferico e danni correlati. Legnago. cambia aria inquinamento atmosferico e danni correlati >>> buone abitudini per uno sviluppo sostenibile Legnago cambia aria L inquinamento: scelte, necessità, priorità. In generale, per inquinamento si intende l alterazione

Dettagli

Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria

Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria Dott. Stefano Marzani Dott. Francesco Lisena Dott.ssa Michela Barni Aula Angelo Celli

Dettagli

P A R T E S E C O N D A. Capitolo 5. Aria

P A R T E S E C O N D A. Capitolo 5. Aria P A R T E S E C O N D A Capitolo 5 Aria 5. ARIA 5.1 Caratteri generali In questa sezione saranno analizzati in dettaglio tutti gli aspetti relativi allo stato qualitativo della componente ambientale aria.

Dettagli

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT 1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT Mobility Managment La Commissione mondiale sull ambiente e lo sviluppo (Rapporto Brundtland, 1987), ha definito lo sviluppo

Dettagli

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal)

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal) Metano Caratteristiche chimico fisiche e origini Il metano è un idrocarburo semplice (alcano) formato da un atomo di carbonio e 4 di idrogeno, la sua formula chimica è CH 4, si trova in natura sotto forma

Dettagli

Scheda 2 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 2 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 2 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DELLA MOBILITÀ GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il tema della mobilità sostenibile può essere visto da un particolare punto di vista cioè

Dettagli

In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO

In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO Verso un Piano Nazionale di Sviluppo delle Infrastrutture per il Rifornimento di Idrogeno nei Trasporti Marzo 2015 2 SELEZIONE DI DATI PRELIMINARI Valore

Dettagli

La necessità di ridurre l impatto ambientale ecologico di combustibili e carburanti ha

La necessità di ridurre l impatto ambientale ecologico di combustibili e carburanti ha Aria. Gli sgravi sono legati, essenzialmente, al minor costo di acquisto Emulsioni di acqua in gasolio: quali gli effettivi vantaggi per ambiente e finanze? La necessità di ridurre l impatto ambientale

Dettagli

INQUINAMENTO URBANO E SOLUZIONI DAL TRASPORTO AUTO

INQUINAMENTO URBANO E SOLUZIONI DAL TRASPORTO AUTO INQUINAMENTO URBANO E SOLUZIONI DAL TRASPORTO AUTO Ing. Francesco Andreotti - ISPRA Convegno AIEE - Megalia Gli sviluppi sostenibili del settore trasporto auto Roma, 29 novembre 2011 1. NORMATIVA SULLA

Dettagli

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Bozza di indice 1. Il ruolo e i potenziali della mobilità sostenibile Definizione di Green Transport (dal Rapporto Towards a Green economy dell UNEP)

Dettagli

Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x

Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x Il gas fuoriuscente da un motore Diesel viene convogliato nel primo stadio del convertitore catalitico, dove si ha l ossidazione del monossido

Dettagli

TRASPORTI OBIETTIVI INDICATORI. Stimare le conseguenze ambientali delle emissioni in atmosfera generate dal settore trasporti

TRASPORTI OBIETTIVI INDICATORI. Stimare le conseguenze ambientali delle emissioni in atmosfera generate dal settore trasporti OBIETTIVI Stimare le conseguenze ambientali delle emissioni in atmosfera generate dal settore trasporti Quantificare l evoluzione di domanda ed intensità del trasporto Caratterizzare le tecnologie utilizzate

Dettagli

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico Ing. Luigi Di Matteo - AUTOMOBILE CLUB D'ITALIA Il PM10, materiale particolato di diametro aerodinamico 1 inferiore

Dettagli

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc)

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) Inquinanti atmosferici Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) ZOLFO I composti dello zolfo di interesse ai fini dell inquinamento atmosferico

Dettagli

volume 1 - GPL autotrazione gassosi a cura del Consorzio Ecogas

volume 1 - GPL autotrazione gassosi a cura del Consorzio Ecogas volume 1 - GPL autotrazione W i carburanti gassosi a cura del Consorzio Ecogas Progetto editoriale Testi Illustrazioni Quiz e giochi Redazione Responsabile di redazione Segreteria di redazione Consulenza

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 Mobilità e competitività ità le azioni della Camera di Commercio di Varese MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 I FLUSSI DI LAVORATORI

Dettagli

Importanza fisiologica dell aria

Importanza fisiologica dell aria Importanza fisiologica dell aria L aria rappresenta una materia prima indispensabile per la vita degli organismi: è infatti la fonte dell ossigeno necessario ai processi di produzione dell energia che

Dettagli

! " # $% $ & % & " #" # & "!"! ' $ (" ( # " )# ) $) $ " ) "!"! ( " * % &" & +

!  # $% $ & % &  # # & !! ' $ ( ( #  )# ) $) $  ) !! (  * % & & + ! " #$%& "#"&!"'$("# )#$)"!" ("*%&"+ + ,-. 2003 2004 2010 Valori limite OSSIDI DI AZOTO 36 ug/mc 39 ug/mc 40 ug/mc POLVERI PM10 34 ug/mc 36 ug/mc 20 ug/mc OZONO 54 ug/mc 50 ug/mc 40 ug/mc Sorgenti fisse:

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria

II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria Scopo del report Il monitoraggio del piano presentato in questo rapporto ha lo scopo di fornire alla Conferenza dei Sindaci un

Dettagli

Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano

Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano Genova, 2 dicembre 2013 Utilizzo del gas naturale liquido nei sistemi propulsivi: potenzialità e problematiche A. Massardo, G. Zamboni Scuola Politecnica

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 PRINCIPALI FONTI DI INQUINAMENTO traffico veicolare sistemi di produzione di

Dettagli

Un'auto a metano fa tutto quello che fanno le altre auto. che fanno le altre auto fa tutto quello Un'auto a gpl. e forse qualcosa in più

Un'auto a metano fa tutto quello che fanno le altre auto. che fanno le altre auto fa tutto quello Un'auto a gpl. e forse qualcosa in più DirezioneTutela e Risanamento Ambientale Via Principe Amedeo, 17 - Tel. 0114321420 - Fax 0114323961 www.regione.piemonte.it/ambiente/aria/home.htm risanamento.atmosferico@regione.piemonte.it Campagna di

Dettagli

Principali inquinanti presenti nell aria

Principali inquinanti presenti nell aria Principali inquinanti presenti nell aria Polveri: sostanze cancerogene, irritanti, tossiche e allergizzanti Ossidi di azoto (NOx) sono gas irritanti Ossido di carbonio (CO) impedisce il trasporto dell

Dettagli

AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori. relazione dell ingegnere Mauro Forghieri

AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori. relazione dell ingegnere Mauro Forghieri AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori relazione dell ingegnere Mauro Forghieri Le più stringenti limitazioni alle emissioni nocive

Dettagli

MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini

MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini Alberto Rossini ANCI ER Novafeltria 3 dicembre EMERGENZA INQUINAMENTO ATMOSFERICO UN PROBLEMA PER AREE URBANE ED INDUSTRIALI Il riscaldamento globale. +0,8 gradi

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

PROGETTARE UN SISTEMA MULTICANALE DI COMUNICAZIONE INTERATTIVA TRA LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E I CITTADINI/IMPRESE. Qualità dell aria urbana

PROGETTARE UN SISTEMA MULTICANALE DI COMUNICAZIONE INTERATTIVA TRA LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E I CITTADINI/IMPRESE. Qualità dell aria urbana Centro Studi EUROPA INFORM innovazione&formazione Via F.lli Cairoli, n 73, 47900 - RIMINI Tel. 0541 786652 Fax 0541 780253 www.europainform.com info@europainform.com PROGETTARE UN SISTEMA MULTICANALE DI

Dettagli

La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti

La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti 1 Tommaso Panero Amministratore Delegato GTT spa Convegno: OBIETTIVO SOSTENIBILITA : Design e Logistica a confronto

Dettagli

Il progetto ENERPARK. Soluzioni tecnologiche e sistemiche per la mobilità sostenibile. Castelmezzano, 16 dicembre 2011 Ing. Giovanni Pede ENEA

Il progetto ENERPARK. Soluzioni tecnologiche e sistemiche per la mobilità sostenibile. Castelmezzano, 16 dicembre 2011 Ing. Giovanni Pede ENEA Il progetto ENERPARK Soluzioni tecnologiche e sistemiche per la mobilità sostenibile Castelmezzano, 16 dicembre 2011 Ing. Giovanni Pede ENEA Schema della presentazione Le problematiche emergenti nel settore

Dettagli

Che aria respiriamo? Livorno, li 17.02.2006. Lettera al Sindaco di Livorno, Dott. A. Cosimi.

Che aria respiriamo? Livorno, li 17.02.2006. Lettera al Sindaco di Livorno, Dott. A. Cosimi. WWF Italia Sezione locale Livorno Tel: 0586/802373 e-mail: livorno@wwf.it sito: www.wwflivorno.it c/o Circoscrizione 3 Via Corsica, 27 57100 Livorno Livorno, li 17.02.2006 Che aria respiriamo? Lettera

Dettagli

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA 17 luglio 2014 Piano Regionale degli Interventi sulla qualità dell Aria (PRIA) Misure sulla mobilità Settori e misure del piano AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TRASPORTI

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG )

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG ) Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Lucera ( FG ) Periodo di osservazione: 5/2/21-11/3/21

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA

SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA Redatto in collaborazione con la Società Techne Consulting S.r.l. di Roma 2007 1. PREMESSA Il Piano è stato redatto in

Dettagli

con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus!

con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus! con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus! Lo sapete? Fatti e cifre sul trasporto con autobus in Italia e in Europa gli autobus sono essenziali alla mobilità delle persone? il trasporto

Dettagli

Benzina: è costituita essenzialmente da idrocarburi (HC), cioè sostanze organiche composte da idrogeno (H) e carbonio (C).

Benzina: è costituita essenzialmente da idrocarburi (HC), cioè sostanze organiche composte da idrogeno (H) e carbonio (C). InfoTech n 2/2013 STRUMENTO Analizzatori di gas Oggetto L analisi dei gas nei motori a benzina DISPENSA Introduzione Il motore trasforma l energia chimica contenuta nel combustibile (benzina) e nel comburente

Dettagli

IDROMETANO per autobus

IDROMETANO per autobus EU LIFE+ Mhybus IDROMETANO per autobus del trasporto pubblico urbano Layman s Report Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile Progetto finanziato nell ambito

Dettagli

Scheda 1 «Mobilità sostenibile» PERCHÉ LA MOBILITÀ DEVE ESSERE SOSTENIBILE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 1 «Mobilità sostenibile» PERCHÉ LA MOBILITÀ DEVE ESSERE SOSTENIBILE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 1 «Mobilità sostenibile» PERCHÉ LA MOBILITÀ DEVE ESSERE SOSTENIBILE GREEN JOBS Formazione e Orientamento Perché la mobilità deve essere sostenibile La mobilità è uno dei problemi più complessi che

Dettagli

Il treno, amico del clima

Il treno, amico del clima Il treno, amico del clima Il treno, amico del clima IL TRENO PROTEGGE IL CLIMA Il treno è il mezzo di trasporto che più di tutti rispetta l ambiente e il clima. Produce basse quantità di gas serra, consente

Dettagli

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIRO L Landesagentur für Umwelt PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Agenzia provinciale per l ambiente Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici Nel

Dettagli

Il car pooling. Il car pooling consiste nell'utilizzare una sola autovettura, con più persone a bordo, per compiere un medesimo tragitto.

Il car pooling. Il car pooling consiste nell'utilizzare una sola autovettura, con più persone a bordo, per compiere un medesimo tragitto. Studio di fattibilità di un sistema di car-pooling per le aziende della Valsassina Federico Lia Consorzio Poliedra Politecnico di Milano Barzio 25 Maggio 2011 Il car pooling Il car pooling consiste nell'utilizzare

Dettagli

SMOG IN Val Padana. 25 febbraio 2010

SMOG IN Val Padana. 25 febbraio 2010 SMOG IN Val Padana 25 febbraio 2010 Risultati dell'indagine realizzata da Cittalia e SWG su un campione di 1000 cittadini, rappresentativo della popolazione maggiorenne residente nelle regioni del Nord

Dettagli

Inquinamento acustico: Decibel fuori controllo Decibel fuori legge e manca un piano di intervento

Inquinamento acustico: Decibel fuori controllo Decibel fuori legge e manca un piano di intervento Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di Legambiente e Ferrovie dello Stato Allarme Frosinone, Tira una brutta aria Allarmanti i valori del PM10 che superano di circa il 50%

Dettagli

Lo scooter è comodo e bello. Ing. Dario Vinciguerra Ufficio Mobilità Provincia di FERRARA mobilita@provincia.fe.it. Chi è?

Lo scooter è comodo e bello. Ing. Dario Vinciguerra Ufficio Mobilità Provincia di FERRARA mobilita@provincia.fe.it. Chi è? Lo scooter è comodo e bello ma Ing. Dario Vinciguerra Ufficio Mobilità Provincia di FERRARA mobilita@provincia.fe.it Chi è? Ciclomotore (compresi gli scooter): Ruote: 2, 3 o 4 (quadricicli leggeri) Cilindrata:

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITA O REGRESSO? SAN GIORGIO DI MANTOVA 16 FEBBRAIO 2011 CIRCOLO DELLA DECRESCITA FELICE DI MANTOVA

NUOVE OPPORTUNITA O REGRESSO? SAN GIORGIO DI MANTOVA 16 FEBBRAIO 2011 CIRCOLO DELLA DECRESCITA FELICE DI MANTOVA MOBILITA SOSTENIBILE NUOVE OPPORTUNITA O REGRESSO? SAN GIORGIO DI MANTOVA 16 FEBBRAIO 2011 CIRCOLO DELLA DECRESCITA FELICE DI MANTOVA MOBILITA SOSTENIBILE: LA VOGLIAMO COSI? COSI? COSI? COSI? . O COSI

Dettagli

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria: cosa respiriamo? 4 giugno 2015 Marina Camatini Inquadriamo il problema COS È L INQUINAMENTO DELL ARIA? E una modifica alla normale composizione,

Dettagli

cosa sifa... a livello comunitario PARTE III È ora di cambiare aria 13

cosa sifa... a livello comunitario PARTE III È ora di cambiare aria 13 PARTE III È ora di cambiare aria 13 cosa sifa... a livello comunitario L Unione Europea combatte l inquinamento atmosferico in aumento fissando obiettivi per ridurre le emissioni di agenti inquinanti,

Dettagli

QUARRATA SARÀ VERSO IL REGOLAMENTO URBANISTICO

QUARRATA SARÀ VERSO IL REGOLAMENTO URBANISTICO QUARRATA SARÀ VERSO IL REGOLAMENTO URBANISTICO 2 incontro: 19 gennaio 2006 MOBILITÀ Viviamo l epoca dell accelerazione. Tutto intorno a noi è un richiamo alla celerità. Le cose vanno sempre più veloci.

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Giornate di Orientamento Unica Open Day 009 Test di accesso/verifica della preparazione iniziale Facoltà di ECONOMIA L Era Moderna che viviamo attualmente da un centinaio

Dettagli

PRESENTAZIONE DIDATTICA

PRESENTAZIONE DIDATTICA EDUCATIONAL BOX TEMA ENERGIA PRESENTAZIONE DIDATTICA Scuola primaria 2 ciclo Che cos è l'energia? Quali sono i diversi tipi di energia? Luce & Calore Cinetica & Elettrica Potenziale Rumore Chimica Che

Dettagli

L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L INQUINAMENTO ATMOSFERICO Sommario L Atmosfera Inquinamento Atmosferico Principali Cause dell Inquinamento Atmosferico Principali Conseguenze dell Inquinamento Atmosferico Buco

Dettagli

Arpae Emilia Romagna. Il monitoraggio della qualità dell aria a Ferrara

Arpae Emilia Romagna. Il monitoraggio della qualità dell aria a Ferrara Arpae Emilia Romagna Il monitoraggio della qualità dell aria a Ferrara Dott.ssa Bellodi Sabina Dott.ssa Leuci Paola Servizio Sistemi Ambientali ARPAE, sez. Ferrara Che cos'è l'aria? Che forma ha? TROPOSFERA:

Dettagli

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile 10.07.2015-10.11.2015 ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari Corso Trieste 27 Bari 1. Contenuto del

Dettagli

Piano Energetico Comunale della Spezia

Piano Energetico Comunale della Spezia Piano Energetico Comunale della Spezia IL BILANCIO DELLE EMISSIONI DI CO 2 E DEI PRINCIPALI AGENTI INQUINANTI Codice AI-C5-08E084-09-02 Versione 02 Committente Comune della Spezia Stato del documento Bozza

Dettagli

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE UN RAPPORTO PER ROMA CAPITALE EXECUTIVE SUMMARY La mobilità costituisce un problema strategico prioritario per le aree urbane perché impatta direttamente

Dettagli

Meno smog con le auto elettriche

Meno smog con le auto elettriche Meno smog con le auto elettriche come notiamo negli ultimi anni la città di Pesaro è soggetta al aumento del tasso di smog dovuto al aumento della popolazione e quindi al aumento di veicoli non ecologici

Dettagli

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Stili di vita, consumi e mobilità urbana 1 sessione del Tavolo di lavoro COS È IL PAES Impegno volontario e unilaterale per contribuire al superamento degli

Dettagli

NAOHG LIVING WATER www.naohg.com

NAOHG LIVING WATER www.naohg.com NAOHG LIVING WATER www.naohg.com LE GRANDI TRASFORMAZIONI ECONOMICHE DELLA STORIA AVVENGONO QUANDO UNA NUOVA TECNOLOGIA DI COMUNICAZIONE CONVERGE CON UN NUOVO SISTEMA ENERGETICO www.naohg.com COMPANY Registrata

Dettagli

L energia che consumo. Fabio Peron. Combustione. Aria di combustione. Combustione

L energia che consumo. Fabio Peron. Combustione. Aria di combustione. Combustione Corso di Progettazione Ambientale prof. Fabio Peron Combustione L energia che consumo Fabio Peron Università IUAV - Venezia Combustione Aria di combustione Si dice combustione qualunque reazione chimica

Dettagli

CITROEN ED I MODELLI ECOLOGICI

CITROEN ED I MODELLI ECOLOGICI A cura di Michele PORRETTA A.A: 2009-2010 CITROEN ED I MODELLI ECOLOGICI La CITROEN rappresenta oggi la principale industria automobilistica francese facente parte del gruppo PSA PEUGEOT-CITROEN. Quest

Dettagli

ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY

ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY Sedi di C.so Marche, Caselle Nord, Caselle Sud Torino, Dicembre 2008 MVRS_ALENIA_174_08 AGENDA OBIETTIVI AZIONI QUESTIONARIO PSCL ANALISI DEGLI SPOSTAMENTI: QUADRO GENERALE

Dettagli

Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto

Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto ciò che riguarda la circolazione tramite diverse sistemi

Dettagli

L INQUINAMENTO DA POLVERI SOTTILI

L INQUINAMENTO DA POLVERI SOTTILI L INQUINAMENTO DA POLVERI SOTTILI Cresce l allarme per l inquinamento da polveri sottili Il problema dell inquinamento atmosferico può essere risolto solo con interventi strutturali, come quelli avviati

Dettagli

Linee guida. per la stesura dei Piani di. Azione e dei Piani di. Risanamento

Linee guida. per la stesura dei Piani di. Azione e dei Piani di. Risanamento Linee guida per la stesura dei Piani di Azione e dei Piani di Risanamento 1 Il Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'atmosfera, approvato dal Consiglio Regionale con deliberazione n. 57 dell'11

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0170

PROGETTO DI LEGGE N. 0170 REGIONE LOMBARDIA VIII LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4727 PROGETTO DI LEGGE N. 0170 di iniziativa della Giunta regionale DGR N. 2700 DEL 15/06/2006 Norme per la prevenzione e la riduzione delle

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE INVERNO

Dettagli

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico R. Gubiani, G.Pergher, D. Dell Antonia, D. Maroncelli Convegno Nazionale

Dettagli

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità Elettrica l energia che sposta le persone Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità ecologica? L automazione elettrica delocalizza l inquinamento? polveri

Dettagli

Allegato A.7 Glossario/definizioni

Allegato A.7 Glossario/definizioni Allegato A.7 Glossario/definizioni 198 A.7 Glossario/definizioni Ab. Analisi SWOT AP APQ Bus*km (vetture*km) CDU City Logistics CO CO 2 Costi di investimento Costi esterni COV COVNM Customer satisfaction

Dettagli

Il riscaldamento globale può frenarvi (ma così potete viaggiare alla grande).

Il riscaldamento globale può frenarvi (ma così potete viaggiare alla grande). Il riscaldamento globale può frenarvi (ma così potete viaggiare alla grande). Godersi i piaceri della guida e contribuire alla lotta contro il dannoso riscaldamento atmosferico ora può essere divertente.

Dettagli

Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia aiuta il cielo di Torino

Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia aiuta il cielo di Torino Torino, 29 marzo 2008 comunicato stampa Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di e Ferrovie dello Stato Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia

Dettagli

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013 Gentile famiglia Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Il Comune di Brivio ha sottoscritto il Patto dei Sindaci, iniziativa Europea nata

Dettagli

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO 65 66 Ecologia e ambiente Linee programmatiche o Promuovere e potenziare azioni ed interventi volti a migliorare la qualità dell aria, dell acqua e del suolo o Incentivare

Dettagli

IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE

IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE ing. Carlo Costa Bolzano, 22 settembre 2011 LA SITUAZIONE ENERGETICA MONDIALE Consumo mondiale

Dettagli

Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA

Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA NORMATIVA DI RIFERIMENTO La funzione di Mobility Manager istituita dal Decreto del Ministero dell Ambiente del 27 marzo 1998 sulla mobilità sostenibile

Dettagli

Interventi per la riduzione del traffico in città - Zona Anti Congestione del Traffico

Interventi per la riduzione del traffico in città - Zona Anti Congestione del Traffico Interventi per la riduzione del traffico in città - Zona Anti Congestione del Traffico 16 settembre 2011 1 STRUTTURA DEL TRAFFICO IN ACCESSO ALL AREA ECOPASS Ingressi nella ZTL Cerchia dei Bastioni Dati

Dettagli

LO SAPEVI? Tipologia carburante

LO SAPEVI? Tipologia carburante LO SAPEVI? Se stai pensando di CAMBIARE LA TUA AUTO, ti sarei reso conto di quanto sia diventata ampia la gamma di modelli automobilistici tra cui scegliere (benzina, diesel, Gpl, metano, ibride, elettriche).

Dettagli

selgas tutti I vantaggi del gas naturale

selgas tutti I vantaggi del gas naturale selgas tutti I vantaggi del gas naturale selgas Gas naturale, I vantaggi a ColPo d occhio 1. il gas naturale conviene: oltre ad un prezzo estremamente competitivo, il gas naturale comporta ridotti costi

Dettagli

Piano Spostamenti Casa Lavoro 2012 Dipendenti Societa Reale Mutua di Assicurazioni

Piano Spostamenti Casa Lavoro 2012 Dipendenti Societa Reale Mutua di Assicurazioni Piano Spostamenti Casa Lavoro 2012 Dipendenti Societa Reale Mutua di Assicurazioni RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager CAGGIANIELLO Giorgio Direzione Risorse Umane\Amministrazione VAUDAGNA Marco

Dettagli

Scheda 3 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ SOCIALE DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 3 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ SOCIALE DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 3 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ SOCIALE DELLA MOBILITÀ GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il tema della mobilità sostenibile può essere visto da un particolare punto di vista cioè concentrando

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VAUDAGNA Marco Amministrazione

Dettagli

Approfondimento Tecnico su FAP DPF

Approfondimento Tecnico su FAP DPF Approfondimento Tecnico su FAP DPF Il filtro antiparticolato è un componente dell impianto di scarico integrato con il catalizzatore e consiste in un supporto monolitico a base di carburo di silicio poroso.

Dettagli

Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony

Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony attività - studi & ricerche ssc Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony Stazione Sperimentale per i Combustibili Viale A. De Gasperi 3, 20097 S. Donato Milanese (MI) tel +39 02 516041; fax

Dettagli

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI SANDRO MARINELLI A B C dell ANTINCENDIO Informazione dei lavoratori ai sensi degli artt. 36 e 37 Titolo I, Sez. IV, del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m., e del D.M. 10 marzo 1998 1 A B C dell INFORMAZIONE

Dettagli