Le emissioni inquinanti delle automobili. Questa pomeriggio parliamo di:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le emissioni inquinanti delle automobili. Questa pomeriggio parliamo di:"

Transcript

1 Questa pomeriggio parliamo di: Filippo Lenzerini LA MOBILITA SOSTENIBILE Ferrara 10 dicembre 2003 Azioni concrete per lo sviluppo sostenibile: il GGP- Green Public Procurement Le emissioni inquinanti delle automobili La mancanza di informazioni, un caso? Costi sociali della mobilità Possibili soluzioni Il caso della mobilità scolastica di Argenta Introduzione In seguito alla diffusione del metano per il riscaldamento domestico, l'inquinamento atmosferico risulta oggi determinato principalmente dal traffico automobilistico. In Italia vengono prodotte ogni anno 23 tonnellate di emissioni inquinanti per chilometro quadrato. Le emissioni inquinanti delle automobili Di queste, circa il 60% e` ascrivibile all'autotrazione, con picchi di oltre il 90% per il monossido di carbonio e dell'80% per il benzene. Naturalmente la situazione e` piu` critica nelle grandi aree urbane a intenso traffico automobilistico.

2 Che cos è il particolato Il particolato è il fattore inquinante più rilevante nelle emissioni dei motori diesel. E' costituito da particelle solide generate nel processo di combustione. Il particolato si forma a causa della parziale combustione delle gocce di gasolio iniettate nella camera di combustione specialmente quando il rapporto aria/combustibile è basso. Ciò avviene principalmente in fase di accelerazione. Che cos è il particolato Il particolato, in funzione delle sue dimensioni, viene inalato e va a depositarsi sugli alveoli polmonari. Questa deposizione costituisce uno strato che ostacola gli scambi gassosi tra aria e sangue e rappresenta un potenziale danno per tutti, ma in particolare per i soggetti già affetti da malattie polmonari, come i portatori di bronchiti croniche, asma, enfisema. Le particelle di particolato possono ridurre la visibilità e influenzare l'equilibrio termico tra l'atmosfera e la superficie terrestre, provocando perturbazioni meteorologiche. Che cos è l NOx NOx (Ossidi di azoto): una buona parte degli ossidi di azoto è emesso nell'atmosfera da fonti inquinanti derivanti da processi di combustione interna dei motori e degli impianti di riscaldamento. Gli ossidi di azoto, a contatto con l'umidità atmosferica, formano acido nitrico, una delle principali cause delle piogge acide. Gli ossidi di azoto, insieme agli idrocarburi presenti in atmosfera, in presenza di luce ultravioletta, danno origine ad un fenomeno detto smog fotochimico. Il prodotto principale di queste reazioni fotochimiche è l'ozono (O3), causa di irritazioni agli occhi, disturbi dell'apparato Dott. respiratorio Filippo Lenzerini e di danni agli alberi e alle coltivazioni. In altre parole, quella stessa molecola, formata da tre atomi Che cos è l NOx Gli ossidi di azoto, insieme agli idrocarburi presenti in atmosfera, in presenza di luce ultravioletta, danno origine ad un fenomeno detto smog fotochimico. Il prodotto principale di queste reazioni fotochimiche è l'ozono (O3), causa di irritazioni agli occhi, disturbi dell'apparato respiratorio e di danni agli alberi e alle coltivazioni. In altre parole, quella stessa molecola, formata da tre atomi di ossigeno, che è così importante per neutralizzare la radiazione ultravioletta nella stratosfera, costituisce un problema quando si accumula in eccesso nei bassi strati dell'atmosfera.

3 Che cos è il Monossido di carbonio CO La formazione del monossido di carbonio (CO) nei motori è conseguenza di una combustione incompleta dovuta alla carenza locale di ossigeno. Le principali fonti sono i vecchi motori a benzina, i ciclomotori a due tempi. I motori diesel permettono normalmente di contenere a livelli molto bassi le emissioni di CO, lo stesso dicasi per le caldaie. Trattandosi di un gas, il monossido di carbonio raggiunge rapidamente gli alveoli polmonari, a livello dei quali passa nel sangue e si combina con l'emoglobina impedendo l'ossigenazione e provocando cefalea, debolezza, nausea e, ad alte concentrazioni, la morte per asfissia. CO2 Che cos è l anidride carbonica CO2 Il biossido di carbonio (o anidride carbonica CO2) deriva dalla reazione di ossidazione del carbonio presente nell'idrocarburo ad opera dell'ossigeno contenuto nell'aria comburente. Il biossido di carbonio è il principale gas responsabile dell'effetto serra, che contribuisce al riscaldamento del pianeta.1. Confronto tra diesel e benzina: I motori diesel emettono circa il 12% di CO2 in meno rispetto ai motori dello stesso tipo alimentati a benzina. Le loro emissioni di ossidi di azoto (NOx) risultano tuttavia circa 3 volte superiori La quantità di particolato fine respirabile liberata è fino a 1'000 volte maggiore. Confronto tra diesel e benzina: Tra tutti i gas di scarico liberati dai veicoli a motore, la CO2 è il maggior responsabile del riscaldamento del clima. Dal punto di vista del riscaldamento climatico, quindi, le automobili diesel, data la minore emissione di CO2, risultano migliori rispetto a quelle a benzina.

4 Confronto tra diesel e benzina: Il CO2 non è tuttavia l'unico inquinante che contribuisce al riscaldamento globale. Responsabili sono infatti anche, le polveri. L'aspetto positivo dei motori diesel, legato alla ridotta emissione di CO2,è annullato dalle conseguenze negative generate dalla maggiore quantità di polveri. Pertanto, se prive di filtri, le automobili diesel non contribuiscono a ridurre il fenomeno del riscaldamento climatico. Confronto tra diesel e benzina: Gli inquinanti provenienti dal traffico e da altre fonti di emissione hanno ripercussioni sulla salute dell'uomo. Ha inoltre conseguenze negative sull'agricoltura, riducendo il raccolto del 5-15%. Particolarmente problematico in tale contesto risulta l'inquinamento da ossidi di azoto (NOx) e da polveri fini respirabili. Le odierne automobili diesel si rivelano di gran lunga più inquinanti rispetto a quelle a benzina rispetto a NOx e polveri sottili. Confronto tra diesel e benzina: Sebbene, per quanto riguarda il consumo energetico e le emissioni di CO2, le automobili diesel risultino in genere più vantaggiose rispetto ai veicoli a benzina, quelle attualmente in circolazione si rivelano più dannose, considerando il loro influsso sull'inquinamento atmosferico e le loro ripercussioni sulla salute. Si tratta tuttavia di svantaggi che potrebbero essere evitati mediante misure tecniche e prescrizioni adeguate. Confronto tra diesel e benzina: Ecco le tre principali misure da adottare: impiego di carburanti privi di zolfo installazione di filtri antiparticolato, già in commercio (Peugiot), riducono di 1'000 volte le emissioni di polveri. La normativa europea sui gas di scarico non ne contempla ancora l obbligatorietà. installazione di catalizzatori DeNOx, grazie ai quali i motori diesel arriveranno allo stesso livello di quelli a benzina. Tali catalizzatori sono in via di sperimentazione.

5 GeCam, il gasolio bianco Gecam, il gasolio bianco è un'emulsione composta da gasolio, da acqua per il 10% e da uno specifico mix di additivi che ne garantisce la stabilità nel tempo. Destinata alle flotte di veicoli (autobus, igiene urbana, trasporto pesante) ed al riscaldamento, consente una riduzione del PM10 del 40%, del particolato nocivo fino al 70% e degli ossidi di azoto del 10%. Il Gecam si acquista, si riceve, si stocca e si utilizza come il normale gasolio, ma non è disponibile nelle normali stazioni di rifornimento. E' possibile utilizzare il Gecam senza apportare alcuna modifica né ai veicoli né alle centrali termiche. GeCam, il gasolio bianco L'aggiunta di acqua nel gasolio ne migliora la combustione. Il miglioramento della combustione del gasolio grazie all'aggiunta di acqua è una teoria nota da decine di anni, ma l'applicazione sul mercato delle emulsioni ha sempre trovato un limite nella stabilità: gasolio ed acqua da soli non si miscelano. Nel processo produttivo le gocce d'acqua si spezzano in piccolissime goccioline. A questo punto l'additivo va a rivestire le goccioline interponendosi fra l'acqua ed il gasolio, mantenendo separate le goccioline e garantendo quindi la stabilità dell'emulsione. GeCam, il gasolio bianco I vantaggi ecologici legati all'utilizzo del Gecam sono interamente frutto della presenza dell'acqua. E' l'acqua che permette di migliorare la combustione, riducendo la produzione di particolato, maggiore fattore inquinante derivante dalla combustione del gasolio. E' sempre l'acqua che permette di migliorare i rendimenti, con conseguente riduzione della produzione di anidride carbonica (CO2). Ed è ancora l'acqua che permette di abbassare le temperature di combustione riducendo la produzione di ossidi di azoto. Il GPL GPL significa Gas di Petrolio Liquefatti. E' un idrocarburo composto principalmente da una miscela di propano e butano. Si ottiene dal processo di raffinazione del petrolio oppure direttamente per estrazione dopo semplici processi di separazione dal gas naturale o dal petrolio, con i quali si trova associato nei giacimenti. Il GPL è una fonte di elevata qualità che trova impiego in molti settori (civile, industriale, artigianale.)

6 I vantaggi del GPL I motori alimentati a GPL sono molto piu puliti in quanto non emettono residui né di piombo, né di benzene, né di zolfo, elementi del tutto assenti nella sua composizione. Rispetto alla benzina, le misurazioni dei gas di scarico risultano inferiori del: 10-15% come anidride carbonica CO2 20% come monossido di carbonio CO 55-60% come idrocarburi incombusti Grazie a queste caratteristiche il GPL assicura lunga vita al motore e riduce il consumo di olio. Il metano Il metano e` il combustibile alternativo piu` pulito attualmente facilmente disponibile e il suo impiego sui veicoli puo` offrire un contributo alla soluzione dei problemi ambientali delle citta`. Per la semplicita` della sua composizione rispetto agli altri carburanti (contiene piu` idrogeno e meno carbonio CH4), il metano e` intrinsecamente ecologico e garantisce una notevole pulizia della combustione. Il metano Rispetto ai motori alimentati a benzina, il metano riduce: gli idrocarburi volatili piu`dannosi (benzene) del 94-96% l'inquinamento fotochimico (provocato dall'ozono troposferico, anch'esso nocivo alla salute) dell'80% la formazione di anidride carbonica del 25-30%. Il metano Rispetto ai veicoli che utilizzano motori diesel, come ad esempio gli autobus urbani, il metano riduce: dell'85-90% le emissioni di ossidi di azoto (NOx) dell'85-95% quelle di monossido di carbonio (CO) Le emissioni di particolato sono quasi totalmente assenti. Inoltre l'impiego del metano consente di eliminare pressoche` totalmente le emissioni di zolfo e piombo.

7 7 buoni motivi per andare a metano Le emissioni dei carburanti 1. e`economico: costa poco e ha un maggiore rendimento energetico (320 km con 9 euro 1400 cc) 2. e`ecologico: le emissioni inquinanti sono inferiori di circa l'85-90% rispetto ai combustibili tradizionali 3. e`efficiente: in virtu` dell'alto numero di ottani, superiore a 120, non ha bisogno di additivi antidetonanti 4. e` sicuro: la temperatura di autoaccensione e` molto elevata ed essendo un gas piu` leggero dell'aria si disperde rapidamente 5. e`affidabile: può essere utilizzato tutti i giorni, anche con le targhe alterne. Inquinamento delle auto: poca chiarezza La mancanza di informazioni, un caso? La Direttiva 1999/94/CE recita: "tutti i Governi UE si attrezzino affinché ai compratori di auto nuove siano fornite tutte le informazioni che riguardano i danni ambientali delle auto, le emissioni di CO2 e le norme comportamentali per ridurre il consumo di carburante". L Italia è stata condannata dalla Corte di Giustizia europea per non aver fornito ai potenziali acquirenti le informazioni utili sul risparmio di carburante e sulle emissioni di CO2 di autovetture nuove.

8 Inquinamento delle auto: poca chiarezza In pratica la Direttiva prevede: diffusione pubblicitaria (pubblicità sui giornali, manifesti, opuscoli) da utilizzarsi per la commercializzazione di autovetture nuove apposizione sul parabrezza di tutte le autovetture private nuove di un'etichetta relativa al consumo di carburante una guida del consumo di carburante e delle emissioni di CO2 apposizione di manifesti nelle sale di esposizione di autovetture. Le auto più inquinanti e quelle meno? Gasolio Toyota Rav 7,1 litri x 100 Km Fiat Doblò 6,4 litri x 100 Km Le auto più inquinanti e quelle meno? Gasolio Toyota Rav 7,1 litri x 100 Km Fiat Doblò 6,4 litri x 100 Km Costi sociali della mobilità

9 Costi sociali della mobilità: un indagine toscana Gli incidenti sono per i giovani tra i 15 e i 29 anni la prima causa di morte. Gli incidenti provocano all anno oltre 480 morti (più di uno al giorno) e 30 mila feriti per incidenti In un anno le Pm10 in Toscana provocano la morte anticipata di cinque anni di persone In Toscana, ogni anno, vengono spesi 3,5 miliardi di euro per far fronte ai problemi connessi dalla mobilità privata, pari al 4% del totale del Pil e il 26% della spesa della pubblica amministrazione. Una somma pari all intera spesa pubblica sanitaria della regione Toscana. Costi sociali della mobilità: un indagine toscana Questi 3,5 miliardi di Euro sono ripartiti tra: sanità (ricoveri, cure farmaceutiche) intangibili (i decessi), ritardi sul lavoro causati dalla congestione (il 40% del tempo dedicato agli spostamenti è perso in coda, a Firenze il 50%: 50 ore l anno) giorni non lavorati per le malattie da smog, pulizia degli edifici storici. Se i privati spendono ognuno mille euro l anno per muoversi sul proprio mezzo, altri mille, ne spende la comunità toscana per ogni automobile (2.500 Firenze). Inquinamento acustico Il 20% della popolazione europea è esposta a livelli di inquinamento acustico diurno superiori ai 65 db e il 40% a livelli compresi fra 55 e 65 db; La tendenza è verso un aumento della popolazione esposta soprattutto a livelli compresi tra 55 e 65 db. La principale sorgente di rumore risulta essere il traffico stradale che interessa i 9/10 della popolazione esposta a livelli superiori ai 65 db; Un indagine socioacustica condotta a Modena ha evidenziato che a livelli di inquinamento acustico pari a 65 db circa il 10% manifesta disturbi del sonno. A livelli pari a 75 db tale percentuale diventa del 40%. Inquinamento acustico Una media europea fissa I costi dell inquinamento acustico allo 0,2% del PIL I costi dell inquinamento atmosferico allo 0,4% del PIL I costi degli incidenti stradali allo 2% del PIL. Preponderante risulta quindi l impatto economico degli incidenti stradali. Un recente studio ha stimato in circa miliardi il costo degli incidenti stradali in Italia nel solo 1997, in netto aumento rispetto ai circa miliardi del 1993.

10 La proposta della Regione Toscana Possibili soluzioni Aumentare le tasse sulla benzina (le leggi regionali lo permettono). In questa maniera verrebbe percepito un costo maggiore per gli spostamenti su mezzi privati e forse qualcuno rinuncerebbe. Si potrebbe usare il denaro ricavato per compensare la spesa da traffico e investire in interventi per una mobilità sostenibile». Tanto più che entro i 10 chilometri spostarsi in auto costa di più del mezzo pubblico e in Italia le tasse connesse alla mobuilità privata sono le più basse d Europa Un progetto: i camion sui treni Il nuovo servizio di treni-navetta per camion tra Francia ed Italia entro il 2007 dovrebbe essere in grado di assorbire il 40% circa dell attuale traffico autostradale di mezzi pesanti lungo la direttrice del valico italo-francese del Frejus (175 KM) con grandi vantaggi per la viabilità, la sicurezza e l ambiente. Si stima che oggi circolino un milione di camion all anno per il trasporto di merci. Il nuovo sistema potrà trasportarne oltre 300 mila su rotaie, con convogli al giorno in andata e ritorno. Un progetto: i camion sui treni Attualmente il pedaggio è di 290 euro per ogni camion (equivalente all incirca al costo che un Tir dovrebbe sostenere se viaggiasse su strada). «I risparmi di tempo e quindi la convenienza per gli autotrasportatori saranno possibili grazie ai ridotti tempi di carico (circa 30 minuti) e di scarico (5 minuti) dei camion dai treni. In totale possono essere caricati su ogni treno 28 semirimorchi, oppure 18 camion completi. Per i camionisti è previsto un vagone passeggeri, dotato di minibar, self service per consumare pasti, schermi al plasma e poltrone relax.

11 Il mobility manager La figura professionale è stata introdotta dal Decreto Interministeriale del 27 marzo 1998 Mobilità sostenibile nelle aree urbane ; Il mobility manager aziendale è previsto per tutte le aziende con più di 300 addetti o più di 800 distribuiti su più sedi. Il mobility manager aziendale, nell organizzazione interna, si posiziona nelle: Area risorse umane; Area logistica aziendale; Area gestione flotte. CHI È IL MOBILITY MANAGER DI AREA Il Decreto Interministeriale del 27 marzo 1998 Mobilità sostenibile nelle aree urbane ; introduce presso la Pubblica Amministrazione una struttura di supporto e coordinamento dei mobility manager aziendali. La struttura fa capo al mobility manager di area che ha il compito di: Coinvolgere tutti gli operatori (Enti locali, organizzazioni private e pubbliche) in progetti di mobilità sostenibile; Coordinare le politiche di mobilità all interno dell area territoriale di competenza; Promuovere una cultura di mobilità sostenibile presso i cittadini. MOBILITY MANAGEMENT: UN MODELLO DI RIFERIMENTO MOBILITY MANAGEMENT: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Operatore servizi di trasporto m.m. aziendale I mobility manager aziendali raccolgono tutti i dati relativi agli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della propria azienda e li trasmettono al mobility manager d area. Operatore servizi di trasporto Operatore servizi di trasporto Mobility manager di area m.m. aziendale m.m. aziendale m.m. Dipendenti dell azienda Il mobility manager d area, li analizza e identifica soluzioni alternative all auto privata individuando servizi di mobilità innovativi e promuovendo l utilizzo delle due ruote o di mezzi a basso impatto ambientale. Operatore servizi di trasporto aziendale m.m. aziendale I mobility manager aziendali redigono piani per la loro azienda e mettono in atto le misure e gli strumenti per renderle operative.

12 IL PIANO DI SPOSTAMENTI CASA LAVORO: CARATTERISTICHE Analisi della mobilità interna e del profilo di accessibilità dell azienda Definizione obiettivi perseguibili in termini di impatto ambientale Definizione delle iniziative specifiche Programma di: attuazione, comunicazione, valutazione IL PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA-LAVORO Analisi Interna con i dipendenti Analisi tecnico urbanistica dell accessibilità aziendale Definizione degli obiettivi di miglioramento Progettazione e realizzazione di iniziative specifiche sia aziendali che da segnalare al mobility manager di area Piano di comunicazione Controllo di valutazione dei risultati I VANTAGGI E LE OPPORTUNITÀ CHE NE DERIVANO ECONOMICI PER I DIPENDENTI Minori costi del trasporto Possibilità di premi economici MOBILITÀ Riduzione dei tempi di spostamento Diminuzione del rischio di incidenti Maggiore regolarità nei tempi di trasporto PERSONALI Minore stress psicofisico da traffico Socializzazione tra colleghi I VANTAGGI E LE OPPORTUNITÀ CHE NE DERIVANO ECONOMICI Accesso ai fondi ministeriali Introiti dalla tassazione delle aree di parcheggio. MOBILITÀ Regolarità nell arrivo dei propri dipendenti. Riduzione dei piazzali di sosta dedicati a parcheggio per i PER L AZIENDA dipendenti, e possibilità di riutilizzo per altre funzioni aziendali. Aumento dell'accessibilità aziendale. CLIMA Possibilità di creare una condizione socializzazione tra dipendenti. Possibilità di offrire un servizio utile ai propri dipendenti, con eventuali vantaggi, seppure indiretti, in termini di dedizione al lavoro.

13 I VANTAGGI E LE OPPORTUNITÀ CHE NE DERIVANO L INDAGINE DI MOBILITÀ INTERNA ANALISI INTERNA PER LA COLLETTIVITÀ Riduzione dell inquinamento atmosferico. Benefici in termini di sicurezza. Riduzione della congestione stradale. Riduzione dei tempi di trasporto. Conoscenza della realtà aziendale (sede, n e caratteristiche dei dipendenti, orari di lavoro, flotta di automezzi). Realizzazione di questionari per definire i bisogni di mobilità dei dipendenti e loro disponibilità (percorso casa-lavoro, durata e caratteristiche dello spostamento, flessibilità accettabile, scelta modale, percezione della qualità del servizio o del modo di trasporto). Analisi e valutazione dei questionari (organizzazione banca dati, ordinamento sistemico dei dati). L INDAGINE DI MOBILITÀ INTERNA ANALISI DEL CONTESTO ESTERNO DELL AZIENDA Ubicazione dell azienda (valutazione territoriale ed ambientale dell area dove sorge e/o delle altre diverse Sedi loc ali). Accessibilità dell azienda (viabilità, distanze da fermate di trasporto pubblico, disponibilità di piste ciclabili). Analisi delle aree parcheggio disponibili (libera o a pagamento, ad uso esclusivo o priva di restrizioni). Analisi del trasporto pubblico disponibile. Analisi dei Km percorsi dai dipendenti con i diversi mezzi di trasporto e conseguente determinazione dei consumi energetici e delle emissioni inquinanti. INDICATORI DI EFFICACIA DEL PIANO DEGLI SPOSTAMENTI Km totali percorsi dai dipendenti con l auto propria e con gli altri mezzi di trasporto Rapporto tra n dipendenti/n di auto che arrivano in azienda Rapporto tra n persone private/n di auto private che viaggiano in auto Tempo di percorrenza del tragitto porta a porta Diminuzione del n di auto nelle ore di punta Grado di coinvolgimento e soddisfazione dei dipendenti

14 LE STRATEGIE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE: GLI STRUMENTI DEL MOBILITY MANAGER STRATEGIE DI DISSUASIONE Disincentivi all utilizzo dell auto privata -dove possibile- Politiche di tassazione sulla circolazione, restrizione aree sosta STRATEGIE DI INCENTIVAZIONE Incremento dell offerta di modi di trasporto sostenibili ed ecologici, inclusi agevolazioni e promozioni dei sistemi attualmente disponibili. Realizzazione di nuovi servizi di mobilità, promozione dell intermodalità, benefits collaterali. NUOVI SERVIZI DI MOBILITÀ NUOVE TECNOLOGIE GESTIONE INTERNA car sharing car pooling trasporto collettivo flessibile utilizzo delle 2 ruote utilizzo delle nuove tecnologie (internet, telelavoro) politiche sulle aree di sosta aziendali gestione orari e turni di lavoro La mobilità scolastica nel Comune di Argenta: un indicatore di sostenibilità

15 Indicatori di sostenibilità Gli indicatori I 20 indicatori sono stati scelti in modo tale che rappresentassero sia aspetti ambientali (13), sia di sviluppo economico territoriale (7), sia sociali (7) Alcuni indicatori coincidono con i 10 indicatori di sviluppo sostenibile indicati dalla Comunità Europea per le realtà urbane Altri sono stati scelti con riferimento specifico al territorio di Argenta L indicatore Mobilità scolastica L indicatore Mobilità scolastica È stato inserito realizzato un sondaggio che ha coinvolto 1123 alunni delle scuole elementari e medie inferiori (94,4% degli iscritti) per verificare la modalità con la quale gli scolari del Comune di Argenta vanno a scuola. La scelta dell indicatore: mobilita scolastica causa di criticità valore educativo nei confronti dei bambini Anno 2003 Alunni che utilizzano prevalentemente lo scuola bus Alunni che vanno a scuola prevalentemente in macchina Alunni che vanno a scuola prevalentemente a piedi Alunni che vanno a scuola prevalentemente in bicicletta Altri mezzi (motorino, corriera di linea, ) N % 18,2% 46,6% 13,2% 16,7 % 0,8 % Non intervistati 67 4,5 %

16 L indicatore Mobilità scolastica L indicatore Mobilità scolastica Dati relativi ai 450 studenti delle medie inferiori Anno 2003 N % Dati relativi ai 740 studenti delle medie inferiori Anno 2003 N % Alunni che utilizzano prevalentemente lo scuolabus 89 19,8%? Alunni che utilizzano prevalentemente lo scuolabus ,8%? Alunni che vanno a scuola prevalentemente in macchina %? Alunni che vanno a scuola prevalentemente in macchina %? Alunni che vanno a scuola prevalentemente a piedi 57 12,7%? Alunni che vanno a scuola prevalentemente a piedi ,9%? Alunni che vanno a scuola prevalentemente in bicicletta ,3%? Alunni che vanno a scuola prevalentemente in bicicletta 65 8,8%? Altri mezzi (motorino, corriera di linea, ) 9 2 %? Altri mezzi (motorino, corriera di linea, ) 0 0 % Non intervistati 19 4,2% Non intervistati 48 10,5% L indicatore Mobilità scolastica L indicatore Mobilità scolastica Dati relativi alle scuole di Argenta 570 studenti tra elementari e medie inferiori Media superiore Scuolabus 43% Auto 24% Piedi 17% Bici 15% Anno 2003 Alunni che utilizzano prevalentemente lo scuolabus N 89 % 15,2%? Alunni che vanno a scuola prevalentemente in macchina ,6%? Alunni che vanno a scuola prevalentemente a piedi 56 9,6%? Alunni che vanno a scuola prevalentemente in bicicletta ,3%? Elementare Scuolabus 2% Auto 65% Piedi 25% Bici 7,5% Elementare Scuolabus 11% Auto 62% Piedi 9% Bici 18% Media superiore Scuolabus 19% Auto 17% Piedi 21% Bici 43% Altri mezzi (motorino, corriera di linea, ) Non intervistati ,5 % 4,8 %

17 Le piste ciclabili Copyright Piste ciclabili in sede promiscua Piste ciclabili in sede propria Le presenti diapositive sono di proprietà della società Punto 3 Progetti per lo sviluppo sostenibile E vietato l utilizzo e la riproduzione delle stesse senza esplicita autorizzazione scritta. Per ogni informazione : Sul territorio del Comunale di Argenta ci sono metri di piste ciclabili (80% in sede propria)

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

PRINCIPI DI BASE. GPL e METANO: l alternativa in movimento. stop allo smog, dai gas al risparmio

PRINCIPI DI BASE. GPL e METANO: l alternativa in movimento. stop allo smog, dai gas al risparmio PRINCIPI DI BASE GPL e METANO: l alternativa in movimento stop allo smog, dai gas al risparmio Con un impianto GPL o Metano la tua auto inquinerà meno, scoprirai un modo di viaggiare più rispettoso dell

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente 2 ELEMENTI DI SINTESI SULL INQUINAMENTO ATMOSFERICO Nel presente capitolo viene inquadrata la situazione del sistema aria sul territorio regionale. Viene valutata l entità della pressione esercitata sul

Dettagli

Nuovi limiti di qualità dell aria

Nuovi limiti di qualità dell aria Nuovi limiti di qualità dell aria DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Le emissioni inquinanti si traducono in concentrazioni

Dettagli

Valutazione dell'impatto sulla qualità dell'aria nella città di Bolzano

Valutazione dell'impatto sulla qualità dell'aria nella città di Bolzano CISMA Srl via Siemens 19, I-39100 Bolzano c/o TIS innovation park via Malpaga 8, I-38100 Trento Tel: 0471-068295/068281; 0461-222014 Fax: 0471-068197; 0461-522545 Web: http://www.cisma.bz.it Mail: info@cisma.bz.it

Dettagli

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO 1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO Il progresso ha portato l uomo a condurre regimi di vita per i quali il superfluo è diventato necessario, soprattutto nell ultimo dopoguerra e nei Paesi più evoluti.

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria

Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria Qualità dell aria QUALITA' DELL ARIA Carlo Baroglio, Silvia Anselmi, Eugenio Donato,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Ci piace. Istruzioni per un futuro sostenibile. Ci piace vivere così BimbiAmbiente

Ci piace. Istruzioni per un futuro sostenibile. Ci piace vivere così BimbiAmbiente Con il Patrocinio di: Un piccolo libro per parlare di tutela ambientale e di cosa possiamo fare insieme per salvaguardare la Terra. Perché per rendere il nostro stile di vita più sostenibile, bastano alcuni

Dettagli

L aria che respiro. L inquinamento atmosferico locale e globale. Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria

L aria che respiro. L inquinamento atmosferico locale e globale. Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria L inquinamento atmosferico locale e globale L aria che respiro Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria www.regione.lombardia.it L aria che respiro L inquinamento atmosferico

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

: il metano ha messo il turbo

: il metano ha messo il turbo Torino, 14 Giugno 2010 Nuovo DOBLO : il metano ha messo il turbo A pochi mesi dal lancio commerciale, Nuovo DOBLO ha già raggiunto la leadership nel segmento delle vetture multi spazio, riscuotendo un

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Tutto sulle sonde lambda

Tutto sulle sonde lambda www.beru.com Tutto sulle sonde lambda Informazione tecnica N 03 Pe r f e z i o n e i n t e g r a t a Indice Introduzione Il principio della misurazione d'ossigeno di confronto Struttura e funzionamento

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia (affiliata all International Society of Doctors for the Environment, in rapporto consultivo con l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di Rubano, 24 febbraio 2010 Prot. 455 Sez. 0801 C. 13 Alle sigg.re Sindache ed ai sigg.ri Sindaci dei Comuni del Veneto Loro indirizzi Cari colleghi, in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

LUBRIFICANTI TOTAL L'INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLE PRESTAZIONI. Prodotto e distribuito in Italia da

LUBRIFICANTI TOTAL L'INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLE PRESTAZIONI. Prodotto e distribuito in Italia da LUBRIFICANTI TOTAL L'INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLE Prodotto e distribuito in Italia da EMISSIONI INQUINANTI: EVOLUZIONE EUROPEA DEI LIMITI REGOLAMENTARI LIMITI ALLE EMISSIONI INQUINANTI HC g/km Euro 2

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI

L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI A cura di: G. Messina, M.P. Valentini, G. Pede INDICE 1. QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO E NAZIONALE 5 Normativa e indirizzi politici 5 Analisi energetica del settore 5

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

ROTTAMAZIONE E RINNOVO DEL PARCO UNA STRADA PER LO SVILUPPO, LA SICUREZZA E L AMBIENTE

ROTTAMAZIONE E RINNOVO DEL PARCO UNA STRADA PER LO SVILUPPO, LA SICUREZZA E L AMBIENTE ROTTAMAZIONE E RINNOVO DEL PARCO UNA STRADA PER LO SVILUPPO, LA SICUREZZA E L AMBIENTE Ringraziamenti Lo studio è stato realizzato dalla Fondazione Filippo Caracciolo e dell Automobile Club di Italia.

Dettagli

STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING

STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING L'Unione Nazionale Consumatori ha condotto uno studio sul car sharing (dall'inglese car, automobile e il verbo to share, condividere ), ossia sull'uso

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS Istituto d Istruzione Superiore Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it www.itismattei.it ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE D.A. 175/GAB ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE L ASSESSORE Visto lo Statuto della Regione Siciliana; Vista la legge 4 gennaio 1968, n. 15 ( Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Ha fatto notizia in queste

Ha fatto notizia in queste di Antonio Boschetti APPROFONDIMENTI Biodiesel e olio di colza, dov è la convenienza Ha fatto notizia in queste ultime settimane scoprire che alcuni automobilisti, a quanto pare soprattutto al Nord, stavano

Dettagli