CORSO DI ECONOMIA ESEMPI NUMERICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO DI ECONOMIA ESEMPI NUMERICI"

Transcript

1 CORSO D ECONOMA ESEMP NUMERC Margherita Balconi e Roberto Fontana 1

2 TEORA DEL CONSUMATORE ESEMPO # 1 (con funzione di utilita Cobb-Douglas) Alessia ha 16 anni, e consuma esclusivamente libri (X) e concerti musicali (Y). l prezzo unitario dei libri è pari a 4 euro e quello dei concerti 7. noltre le preferenze di Alessia per questi due beni possono essere rappresentate dalla seguente funzione di utilità: U(X,Y)=X 0,3 Y 0,7 a) Scrivete e rappresentate graficamente il vincolo di bilancio sapendo che il reddito di cui dispone Alessia è di 280 euro settimanali, indicando chiaramente le intercette e l inclinazione. Y F A 28 U 21 E X Sostituendo nell equazione generale del vincolo di bilancio P x X+P Y Y= i dati del problema, si ottiene 4X+7Y=280. La pendenza del vincolo di bilancio di Alessia è data da -4/7, mentre le intercette orizzontale e verticale sono rispettivamente data da E=280/4=70 e F=280/7=40. b) Quale sarà il paniere ottimo scelto da Alessia? Derivate analiticamente la quantità ottima consumata dei due beni e fornitene una rappresentazione nel grafico precedente. c) n questo caso, il saggio marginale di sostituzione è dato da: SMS Y,X = MU X /MU Y = 3/7 (Y/X) Eguagliando l SMS con il rapporto fra i prezzi e mettendo a sistema con il vincolo di bilancio si ottiene 2

3 3/7 * Y/X = 4/7 X = 21 4X + 7Y = 280 Y = 28 Nel grafico, l equilibrio è indicato con la lettera A. c) Alessia riceve dai genitori un aumento della paghetta settimanale ed il suo nuovo reddito sarà pari a 320 euro. Come varierà la quantità di libri e concerti che Alessia vorrà acquistare? Calcolate il nuovo equilibrio e rappresentatelo graficamente. Y 32 B 24 X l nuovo sistema che ci consente di determinare l equilibrio di Alessia ( punto B nel grafico) diventa: 3/7 * Y/X = 4/7 X = 24 4X + 7Y = 320 Y = 32 3

4 ESEMPO # 2 (con funzione di utilita lineare (beni perfetti sostituti)) Lorenzo è uno studente di dottorato. Egli spende tutto il suo reddito in due soli beni: manuali di econometria (X) e tavolette di cioccolato (Y). La funzione di utilità di Lorenzo è data da U(x,y) = 10x + y. l prezzo dei manuali di econometria è di 20 Euro, mentre il prezzo delle tavolette di cioccolato è di 1 Euro. a) Che relazione sussiste fra i due beni nelle preferenze di Lorenzo? due beni sono perfetti sostituti b) Scrivete e rappresentate nel grafico sottostante il vincolo di bilancio di Lorenzo sapendo che il reddito di cui dispone è di 800 Euro al mese, corrispondente alla sua borsa di studio. ndicate chiaramente le intercette e l inclinazione. y 800 E pendenza = x Analiticamente, il vincolo di bilancio è dato da 20x+y=800, quindi y = x. La pendenza è pari 20 in valore assoluto, e le intercette verticali ed orizzontali sono rispettivamente 800 e 40. l vincolo è rappresentato dalla linea in grassetto. 4

5 c) Quale sarà il paniere ottimo scelto da Lorenzo? Derivate analiticamente la quantità ottima consumata dei due beni e fornitene una rappresentazione nel grafico precedente. La soluzione sarà una soluzione d angolo. Occorre confrontare l SMS con il rapporto fra i prezzi. n questo caso: MRS = 10 < 20 = yx p p x y Di conseguenza, Lorenzo deciderà di consumare solo tavolette di cioccolato. n equilibrio, x * = 0 * 800 e y = = L equilibrio è rappresentato dal punto E. d) nsoddisfatto della performance degli studenti di dottorato italiano, il Ministero dell struzione decide di introdurre un sussidio per l acquisto di libri scientifici. Allo stesso tempo, però, per finanziare la riforma, decide di ridurre la borsa di studio per gli studenti di dottorato. Dopo la riforma, il prezzo dei manuali di econometria diventa 12 Euro, mentre l ammontare della borsa di studio (che costituisce l unica fonte di reddito per Lorenzo) è pari a 750 Euro. Ritenete che Lorenzo sarà favorevole o contrario alla riforma? Nel nuovo equilibrio, p MRS yx = 10 < 12 = p x y Di conseguenza, Lorenzo continuerà di consumare solo tavolette di cioccolato. n equilibrio, * * 750 x = 0 e y = = Poiché il consumo di x è rimasto inalterato, ed il consumo di y si è ridotto, Lorenzo vede la sua utilità ridotta in equilibrio, e quindi sarà contrario alla riforma. 5

6 ESEMPO #3 (con funzione di utilita a gomito (beni perfetti complementi)) Un consumatore deve scegliere tra due beni X e Y. Le sue preferenze sono tali da indurlo a consumare sempre una unità di X per ogni tre unità di Y. B1) Come definireste la relazione tra questi due beni? Rappresentate graficamente ed analiticamente le preferenze del consumatore. Y Y = 3 X U 2 10 E (3; 9) U 1 3 U 0 α = -1/ X Sono beni perfetti complementi, devono essere consumati in proporzioni fisse. U(X,Y) = min{ax; by}= min{3x; Y} B2) Se il consumatore avesse a disposizione 10 unità del bene X e 5 del bene Y, quale sarebbe l utilità che trarrebbe dal consumo di questo paniere? U(X,Y) = min{x;(1/3) Y}= min{10; 5/3}=5/3 B3) l consumatore dispone di un reddito pari a 150. Dati i prezzi di mercato di X e Y, rispettivamente Px=5 e Py=15, determinate e rappresentate nel grafico precedente il vincolo di bilancio (indicate intercette e inclinazione). Vincolo di bilancio: P x + P y= ; 5X + 15Y = 150 ntercette e pendenza: X = 50; Y = 10; α = -P x/p y= -1/3 6

7 B4) Quale sarà il suo consumo ottimo? (si fornisca una soluzione analitica e si indichi nel grafico precedente il punto di equilibrio) Y = 3X Y = 3X Y*=9 5X + 15Y = 150 5X + 45X= 150 X*=3 E (3;9) 7

8 CALCOLO DELL ELASTCTA Esempio #1 Un bene X ha la funzione di domanda descritta dalla seguente equazione: X = 40/P x. Sapendo che in equilibrio il consumatore consuma 10 unità del bene X, calcolate il valore dell elasticità della domanda di X rispetto al suo prezzo nel punto di equilibrio. n equilibrio si ha: 10 = 40/P x P x = 4 L elasticità al prezzo si deriva dalla funzione di domanda: ε x = -[(dx/dp x ) (p x /X)] dx/dp x = 40/(p x ) 2 ε x = -[-40/( p x ) 2 p x /(40/ p x )] Sostituendo P x = 4 si ottiene ε x = 1, elasticità unitaria Esempio #2 2) Supponete che la curva di domanda di mercato del bene X sia X = 10 P x. a) Disegnate la curva di domanda specificandone le intercette. b) potizzate che il prezzo di mercato del bene sia P x = 4. Calcolate l elasticità al prezzo in corrispondenza del punto iniziale. c) Mostrate nel grafico il punto in cui l elasticità è massima e indicatene il valore. b) P x = 4 X = 10 4 = 6 ε x = -[(dx/dp x) (p x/x)] = -[-1 (4/6)]= 2/3 L elasticità è massima nel punto di intercetta orizzontale in cui ε x = nfatti stiamo esaminando una funzione X = f (p), ossia una vera curva di domanda. Quando invece si rappresenta graficamente una curva di domanda inversa dove P = f (X), l elasticità è massima nel punto di intercetta verticale in cui = ε x Esempio #3 3) Sia data la seguente curva di domanda X = 20-3P x. Calcolate il valore puntuale dell elasticità ε x nel punto in cui P = 2 e X = 14. dx/dp x = 3 ε x = -[(dx/dp x) (p x/x)] = -[-3 (2/14)]= 3/7 Essendo minore di 1 nel punto considerato, la curva di domanda è anelastica (rigida) 8

9 OFFERTA D LAVORO ESEMPO # 1 L utilità di un consumatore può essere espressa dalla seguente funzione di utilità U = C 0,5 N 0,5 Considerando che ha un monte ore giornaliero di T = 8 ore, il consumatore deciderà quanto tempo lavorare (L) e quanto tempo dedicare a se stesso ed ai suoi amici (il tempo libero N). l salario (W) è di 4 euro all ora e i beni di consumo (C) hanno un prezzo (P) di 1 euro. B1) Si rappresenti graficamente ed analiticamente il vincolo di bilancio del consumatore, specificando le intercette e l inclinazione. Vincolo di bilancio: wn + pc = wt; pc = wt- wn 4N + C = 32 C = 32-4N se N = 0 C = 32 se C = 0 N = 8 Pendenza = - w = - 4 C E 4 T= 8 N B2) Calcolate la quantità ottima di consumo e l ammontare di lavoro (è richiesta una soluzione analitica). Rappresentate il paniere ottimo nel grafico precedente. MRS = (du/dn)/ (du/dc) du/dn = C 0,5 * 0,5 N- 0,5 du/dc = N 0,5 * 0,5 C- 0,5 (du/dn)/ (du/dc) = C 0,5 / N 0,5 / N 0,5 / C 0,5 = C/N 9

10 w C MRS = = 4 C = 4N p N 4N + C = 32 4N + C = 32 4N + C = 32 N *=32/8=4 C*=4N =16 L*=T-N*=8-4=4 ESEMPO # 2 Mario è uno studente che deve scegliere quante ore lavorare durante l estate. Egli sa che avrà a disposizione 60 ore al salario orario di 5 euro, mentre il prezzo dei beni di consumo, indicati con C, è pari a 3 euro. La sua funzione di utilità è U = 3C + 2N, dove N indica le ore di tempo libero. B1) Si scriva l equazione del vincolo di bilancio di Mario e lo si rappresenti graficamente insieme a tre curve di indifferenza. L espressione del vincolo di bilancio è pc = w(t-n), ovvero: 3C = 5(60-N) C = 100 5/3N graficamente: C E 1 E 1 Curve di indifferenza -2/3-5/3 60 N 10

11 B2) Quante ore lavorerà Mario? La funzione di utilità di Mario è lineare, e caratterizza i beni perfettamente sostituti. Ciò significa che per Mario il consumo e il tempo libero sono perfettamente sostituibili e quindi consumerà esclusivamente quello che ha il migliore costo opportunità, a meno che non sia uguale. Per identificare il costo opportunità migliore, confronto SMS C,N con il rapporto tra i salario e prezzo w 2 5 w del consumo : MRS C, N = f =, quindi Mario utilizzerà tutta le sua dotazione di P C 3 3 PC tempo T = 60 per lavorare, ottenendo un consumo pari a C=100. B3) Quale sarà l utilità di Mario nel punto di equilibrio? U = 3C + 2N, sostituendo i valori del punto di equilibrio si ha: U = 3* = 300 B4) Si ipotizzi che il prezzo dei beni di consumo scenda a 2 euro: come si modificherebbe il suo punto di equilibrio? E la sua Utilità? n questo caso il vincolo di bilancio diventerà pari a: 2C = 5(60-N) C = 150 5/2N La variazione del prezzo è insufficiente a modificare il segno della precedente disequazione, quindi la pendenza del vincolo di bilancio continua a permanere inferiore a quella delle curve di indifferenza. Ne consegue che Maria continuerà ad utilizzare tutta la sua dotazione di tempo libero per lavorare. Tuttavia, essendo sceso il prezzo del suo consumo, ora potrà consumare 150 unità del suo bene invece che 100. L utilità in questo caso sarà uguale a. U = 3* = 450 B5) l valore dell elasticità incrociata tra consumo e tempo libero C,N è positivo, negativo o nullo? Perché? (suggerimento: non serve fare calcoli, si guardi alla relazione tra i due beni in questione). Poiché tra i due beni sussiste una relazione di perfetta sostituibilità, si può affermare che l elasticità è sicuramente positiva (e tendente a infinito). 11

12 ESEMPO # 3 Alfredo, studente di Economia, deve scegliere tra consumo (c) e tempo libero (n). Egli percepisce una borsa di studio mensile fissa e pari a 1500 Euro e lavora come ragioniere presso uno studio commercialista, ricevendo un salario orario w = 15 Euro. a) Sapendo che la dotazione di tempo di Alfredo è di 50 ore al mese e che il prezzo del consumo è unitario, si scriva il vincolo di bilancio di Alfredo e lo si rappresenti graficamente nel grafico sottostante, indicando chiaramente i valori della pendenza e delle intercette. ( n) c= ntercetta asse n = 150 ntercetta asse c = 2250 nclinazione = -15 c n 3 b) Supponendo che la funzione di utilità di Alfredo sia U ( c, n) = c n, si trovi il punto di equilibrio (n*, c*) tra consumo e tempo libero, e lo si rappresenti nel grafico precedente. c = 15 c = n n = 37,5 c= 15n c) Quante ore al mese deciderà di lavorare Alfredo? L = 50 37,5 = 12,5 Alfredo riceve una brutta notizia dallo studio dove lavora, il suo salario orario viene ridotto da 15 a 6 Euro. 12

13 d) Al nuovo salario, quante ore lavorerà Alfredo? Motivate analiticamente la vostra risposta. ESEMPO # 4 Gianni è uno studente universitario. Per mantenersi gli studi, Gianni riceve dai genitori una rendita mensile pari a M = 30; tuttavia, egli ha anche la possibilità di lavorare. La dotazione di tempo rispetto al quale può scegliere se lavorare o dedicarsi alle proprie attività del tempo libero è T = 120, mentre il salario orario è pari a W = 3/2. a) Si scriva l espressione analitica del vincolo di bilancio, e lo si rappresenti graficamente indicando le intercette e la pendenza del vincolo di bilancio. l vincolo di bilancio è dato da C=W*(T-N)+M. Sostituendo: C = (120-N)3/2 +30 C = 210 3/2N Graficamente: C E 30 Pend=-3/ T b) Si determinino i valori del consumo e delle ore dedicate al lavoro sapendo che la funzione di utilità di Gianni ha la seguente espressione analitica: U(C, N) = C 1/2 N 1/2. (dove C è il consumo ed N il tempo libero). Si rappresenti l equilibrio nel grafico precedente. Data la funzione di utilità, l SMS è uguale a seguente: MU N C =. l sistema che occorre risolvere è il MU N C 13

14 3 = C = ( T N) * W + M C = 210 N C N = 70 MRS = W C 3 = l = 50 N 2 l punto di equilibrio corrisponde al punto E nel grafico al punto a). c) Supponete ora che i genitori di Gianni vogliano evitare che il proprio figlio lavori, e per questo motivo aumentino la rendita M, portandola a 60. Riusciranno i genitori nel loro scopo?) n questo caso, il sistema da risolvere risulta essere il seguente C = 240 C 3 = N N C = 120 N = 80 l = 40 genitori, non quindi, non raggiungeranno il loro scopo perché Gianni continuerà a lavorare (anche se meno ore che nel caso precedente). d) Qual è il livello minimo della rendita M per cui Gianni sarebbe spinto a non lavorare? Occorre trovare quel valore di M per cui N=120 risulta la soluzione ottima. Quindi il sistema da risolvere diventa: C = M C = C = 180 M = 180 genitori quindi dovranno incrementare la rendita fino a 180 per indurre Gianni a non lavorare. 14

15 COME RCAVARE LA CURVA D OFFERTA D BREVE PERODO DALLA FUNZONE D COSTO Costo tot = 2x 2 + 4x MC = 4x + 4 AC = 2x + 4 1) Si trova il valore di x per cui MC=AC 4x + 4 = 2x + 4 x = 0 2) Si trova il prezzo corrispondente al valore di x tale per cui MC=AC MC(x = 0) = 4(0) + 4 = 4 sappiamo che in equilibrio di concorrenza perfetta: MC = MR = p per cui so trova che p = MC = 4 3) se p < 4 x = 0 se p maggiore o uguale a 4 allora la curva di offerta coincide con il tratto crescente della curva dei mc quindi: MC = 4x + 4 x = MC/ 4-1 ma MC = p in equilibrio e dunque x = p/ 4 1 l espressione della curva di offerta sara data da: x = 0 se p < 4 x = p/4 1 se p > oppure uguale a 0 15

16 CONCORRENZA MONOPOLSTCA (la prima parte si può usare anche per monopolio) Sia data un impresa che produce in un mercato di concorrenza monopolistica. costi totali dell impresa sono pari a: CT = 1/2y La curva di domanda che l impresa deve servire è descritta da: P = 140 3y 1) Si trovi quanto produce l impresa nell equilibrio di breve periodo. Nel BP l impresa si comporta da monopolista per cui in equilibrio dovrà valere: MC = MR RT = (140 3y)y = 140y 3y 2 MR = 140 6y MC = y MR = MC 140 6y = y 140 = 7y y* = 20 2) Si trovi il profitto che l impresa fa nel BP Per prima cosa si trova il prezzo di equilibrio: P* = 140 3y* P* = 140 3(20) P* = 80 Poi si trova il profitto della singola impresa: Π = RT(y*) CT(y*) Π = 80(20) (1/2 (20) ) Π = 1600 ( ) = 1350 Dato che il profitto è positivo esistono incentivi all entrata di nuove imprese. L entrata di nuove imprese cambia la curva di domanda che diventa: P = 20 3/2y 3) Trovare la soluzione di equilibrio di lungo periodo. E sostenibile tale equilibrio con tale domanda? Per rispondere bisogna mostrare che nel lungo periodo i profitti si annullano ovvero che: P = ΑC Nel lungo periodo si produce la quantità tale per cui MR = MC 16

17 RT = 20y 3/2y 2 MR = 20 3y MC = y MR = MC 20 3y = y y* = 5 Nel lungo periodo il prezzo di equilibrio è dato da: P* = 20 3/2y* P* = 20 3/(2(5) P* = 12.5 AC* = 1/2y +50/y AC(y*) = ½(5) + 50/5 = 5/ = 12.5 Nell equilibrio di LP si ha effettivamente P* = AC*. Dunque il profitto si annulla e l entrata di nuove imprese si arresta. L equilibrio trovato è stabile. 17

18 ESEMPO # 1 Considerate il seguente gioco. TEORA DE GOCH Una generica industria è popolata da due sole imprese. L impresa 1 deve decidere se investire in pubblicità (), che farebbe aumentare la propria quantità venduta ma anche la domanda totale di mercato e quindi anche la quantità venduta dall impresa 2, oppure se non investire in pubblicità (N). L impresa 2 invece è di piccole dimensioni e il management sta per decidere strategicamente se ampliare il proprio impianto (A) oppure no (NA). Nel caso in cui l impresa 1 investisse in pubblicità e l impresa 2 non ampliasse l impianto, l impresa 1 avrebbe profitti pari a 5000 mentre la 2 farebbe profitti nulli. Se invece la 2 ampliasse allora potrebbe catturare maggiore domanda e i profitti sarebbero pari a 6000 per entrambe le imprese. Se l impresa 1 non investisse in pubblicità e l impresa 2 non ampliasse, l attuale domanda di mercato sarebbe divisa tra le due imprese in modo tale che i profitti siano pari a 7000 per l impresa 1 e a 3000 per la 2. Se a fronte del non investimento in pubblicità da parte di 1 l impresa 2 ampliasse il proprio impianto, si instaurerebbe una feroce guerra tra le due imprese che porterebbe a profitti pari a 1000 per l impresa 1 e 2000 per l impresa 2.. Costruite il gioco simultaneo in forma normale e determinate l equilibrio (o gli equilibri) di Nash.. Esiste una strategia dominante? Motivate la vostra risposta.. Supponete ora che l impresa 1 decida prima dell impresa 2. Rappresentate il gioco in forma estesa. ESEMPO # 2 Si consideri il seguente gioco simultaneo rappresentato in forma normale. Mr. Colonna SNSTRA CENTRO DESTRA Mr. Riga ALTO (8, 15) (9, 13) (13, 5) BASSO (12, 7) (10, 11) (2, 7). Si individuino gli equilibri di Nash (o l equilibrio di Nash, nel caso fosse unico).. Giocare Basso rappresenta una strategia dominante per Mr. Riga? Fornite una spiegazione della risposta 18

19 Supponete ora che Mr. Colonna conosca la decisione di Mr. Riga prima di fare la propria scelta. Rappresentate il nuovo gioco in forma estesa. 19

20 OLGOPOLO ESEMPO # 1 Un turista che desideri raggiungere le Canarie da Milano può scegliere tra due compagnie aeree: AriaEuropa () e berica (). Esse offrono un servizio assolutamente identico e competono sulla quantità. costi totali per le due imprese sono: TC = 2q TC = 4q Dove q e q indicano, rispettivamente, il numero di passeggeri trasportati da AriaEuropa e berica. a) Sapendo che la domanda di mercato (D) è P = 12 Q, dove Q = q + q, si determinino le funzioni di reazione delle due imprese p = 12 ( q + q ) Dal momento che le imprese competono nella quantità il modello di riferimento è Cournot (asimmetrico): ogni duopolista uguaglia il proprio ricavo marginale (calcolato sulla domanda residuale) al costo marginale (questa è la solita condizione di massimizzazione del profitto). MR MR MR MR Quindi : 12 q 12 q = MC = MC = 12 q = 12 q 2q 2q 2q 2q = 2 = 4 MC MC = 4 = 2 Dunque le funzioni di reazione sono: q = 5 (1/ 2) q q = 4 (1/ 2) q b) Si calcoli l equilibrio di mercato (quantità prodotta dalle singole imprese, quantità complessivamente prodotta sul mercato e prezzo di equilibrio). Le funzioni di reazione costituiscono un sistema di due equazioni in due incognite: sostituendo una funzione di reazione nell altra possiamo risolvere il sistema e trovare le 20

21 quantità di equilibrio. Quindi sostituendo la quantità offerta nella funzione di domanda si ricava il prezzo di equilibrio q = 5 (1/ 2)[4 (1/ 2) q ] 3q = 12 q q Q p * * * * = 4 = 2 = 6 = 12 6 = 6 c) A quanto ammontano i profitti delle due imprese in equilibrio? Π Π = = ESEMPO # 2 p p * * q q * * TC TC ( q ( q ) = 6* 4 8 = 16 ) = 6* 2 8 = 4 L impresa Hein&Ken s.p.a. (H) e l impresa Biperoni (B) s.p.a. sono oligopolisti nel mercato della birra. Le loro funzioni di costo totale sono: CT H(q H)=40q H CT B(q B)=40q B La domanda di mercato e data da P=100-2Q, dove Q= q H + q B, e le due imprese competono scegliendo la quantita da produrre. a) Trovate le funzioni di risposta ottima delle due imprese. mpresa H: 100-2q B - 4q H = 40 q H =15-1/2q B Per simmetria: q B =15-1/2q H 21

22 b) Disegnate nel grafico sottostante le funzioni di risposta ottima, avendo cura di specificare le intercette e le pendenze.(punti 6) q B Ec 10 Ec q H c) Quali saranno la quantita prodotte da ciascuna impresa, la quantità totale e il prezzo di equilibrio nel mercato? Risolvo il sistema tra le due funzioni di reazione. q H =15-1/2(15-1/2q H ) da cui: q* H = q* B =10 Quindi: Q*=20 P*=60 d) n seguito ad un innovazione di processo l impresa Hein&Ken s.p.a. (H) riesce a ridurre i propri costi. Ora la sua funzione di costo totale e pari a: CT H (q H )=20q H (mentre per l impresa B la funzione di costo totale resta invariata).rappresentate qualitativamente questo nuovo equilibrio nel grafico precedente (non è necessario fare calcoli). L impresa H che ora ha costi marginali minori produrra di piu rispetto a prima a scapito dell impresa B che ora produrra di meno. Graficamente si ha uno spostamento della funzione di reazione di H verso l esterno. 22

23 ESEMPO # 3 L impresa Rosso e l impresa Blu operano in un mercato duopolistico, concorrendo sulla 1 quantità venduta. La funzione di domanda è P = 100 Y, mentre le funzioni di costo sono rispettivamente CTα = yα e CT β = y β. 2 B1) Si definisca il concetto di funzione di reazione. (4 punti) La funzione di reazione di un impresa indica la decisione di produzione OTTMA di tale impresa DATA la decisione di produzione dell altra impresa. B2) Si calcolino le funzioni di reazione delle due imprese e si rappresentino graficamente. (7 punti) MR ( yα ) = MC( yα ) y α yβ = 5 2 da cui: 1 y α = 95 y β funzione di reazione dell impresa Rosso 2 Similmente: MR y ) = MC( y ) da cui: ( β β y y = y α β β 1 y β = 50 y α funzione di reazione dell impresa Blu 4 23

24 y β 190 mpresa Rosso 50 mpresa Blu y α B3) Si calcolino prezzo, quantità di equilibrio e profitto delle due imprese. (7 punti) Sistema tra le due funzioni di reazione: 1 1 y α = 95 (50 y α ) 2 4 da cui: y * α = 80 e: y * = β 30 Quindi: Y * = 110 P* = 45 Π α * = ( ) ( ) = = Π * β = ( ) 30 = =

25 Oligopolio con leadership 1) Supponete che i produttori italiani di sale grezzo siano solo due: Solvay (S) ed talkali (). Essi offrono un prodotto assolutamente identico e decidono che quantità produrre per massimizzare i propri profitti. Anziché decidere simultaneamente quanto produrre, talkali si comporta da Leader e Solvay da Follower. costi totali per le due imprese sono: TC S = 8q S TC = 8q Dove q S e q indicano, rispettivamente, le quantità prodotte da Solvay e talkali e TC sono i costi totali. La domanda mondiale di sale (D) è P = 48 2Q, dove Q = q S + q.. Si determini la quantità prodotta da ciascuna impresa in equilibrio. Calcoliamo la funzione di reazione del Follower: P = 48-2 (q S + q ) RT s = 48 q S -2 q q S 2q S 2 n equilibrio RM S = C S 48-2 q - 4 q S = 8 4 q S = 40-2 q q S = 10 - ½ q l leader terrà conto della seguente curva di domanda: P = 48 2 (10 - ½ q ) 2 q = q 2 q P = 28 - q n equilibrio il leader produrrà la quantità per cui RM = CM RT = 28 q - q 2 Quindi 28-2 q = 8 q = 10 l follower produrrà invece: q S = 10 5 = 5. Si trovi il prezzo di equilibrio P = 48 2 (10 + 5) = 18. Si trovino i profitti delle due imprese in equilibrio Π = (18-8)(10) = 100 Π S = (18-8)(5) = 50 25

26 2) Supponiamo ora invece che per qualche ragione talkali non sia in grado di mantenere la leadership, e che le imprese colludano, producendo una quantità di monopolio e poi spartendosi i profitti in parti uguali. Calcolare la quantità e il prezzo di monopolio P = 48 2Q RT = 48Q -2 Q 2 RM = CM quindi 48 4Q = 8 Q = 10 P = = 28 Quali sono i profitti di collusione? Ciascuno produce la metà della produzione di monopolio, ovvero 5. profitti di ciascuno saranno: Π C = (28-8) * 5 = 100 Quale sarebbe stato il profitto di ciascuno nel caso in cui i duopolisti avessero deciso indipendentemente i livelli produttivi, come nel modello di Cournot? Ricordiamo che il profitto di ogni impresa (se la domanda è lineare e i costi marginali sono costanti e pari a c) in un equilibrio Cornot-Nash è pari a: π NC 1 = ( a c) 9b 2 Ossia: 40 2 /18 = 1600/18 = 88,88. Colludere quindi, almeno apparentemente, conviene. Ma per sapere se l equilibrio di collusione è stabile bisogna calcolare il profitto di defezione. Supponendo che sia talkali a defezionare, quale sarebbe il suo profitto? P = 48-2 (Q + 5) RT = 48 Q 2 Q 2-10 Q = 38 Q - 2 Q 2 RM = CM 38 4 Q = 8 Q = 30/4 = 7,5 26

27 Q D 3( a c) = = (3*40)/16 = 7,5 8b l prezzo diventerebbe P = 48-2 (7,5 + 5) = = 23 Π D = (23-8) *7,5 = 15 * 7,5 = 112,5 > 100 ossia Π D > Π C E chiaro quindi che poiché tradire conviene, l equilibrio di collusione non è stabile. Quali sarebbero i profitti dell impresa tradita? Π T = (23-8) *5 = 75 = ( a C) 10,7b 2 = 1600/(10,7 * 2) = 75 Cooperare è quindi troppo rischioso, oltre a non convenire. E meglio un comportamento indipendente, alla Cournot, che darà profitti pari a 88,88, come si è visto sopra. risultati trovati possono essere presentati in una matrice, che rappresenta i pay-off nei vari casi. talkali Solvay Coopera Non coopera Coopera 100; ; 112,5 Non coopera 112,5; 75 88,88; 88,88 E chiaro quindi che siamo di fronte ad un classico gioco del tipo dilemma del prigioniero, con equilibrio di Nash nella strategia dominante non cooperare. 27

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente.

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente. ESERCIZI SVOLTI SU COMPORTAMENTO DELL IMPRESA di G.Garofalo 1. Nota la funzione di costo totale CT = 1 + 3 + 70 Determinare le funzioni di costo: - fisso e medio fisso - variabile e medio variabile - medio

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

TEORIA DEL CONSUMATORE

TEORIA DEL CONSUMATORE TEORIA DEL CONSUMATORE Premessa: La moderna teoria economica del comportamento del consumatore è intimamente legata alla teoria marginalista neo-classica, essendo fra l'altro da essa storicamente derivata.

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1 Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13 ESERCIZIO n. 1 [Krugman, Obstfeld e Melitz, Capitolo 3: Problemi n. 1, 2, 3, 4, 5 e 9 (pp. 66 67)] SOLUZIONE 1. Il paese H ha a disposizione

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf)

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf) Capitolo 6 La produzione A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1 Questo file (con nome cap_06.pdf) può essere scaricato da siti e file elearning.moodle2.unito.it/esomas/course/ view.php?id=215 abbreviato

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

I costi nel breve periodo

I costi nel breve periodo I costi di produzione e la funzione di offerta Breve e lungo periodo Il breve periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare solo parzialmente l impiego degli input esempio: l impresa

Dettagli

Il significato della MEDIA e della MEDIANA in una raccolta di dati numerici

Il significato della MEDIA e della MEDIANA in una raccolta di dati numerici Il significato della MEDIA e della MEDIANA in una raccolta di dati numerici Ogni qual volta si effettua una raccolta di dati di tipo numerico è inevitabile fornirne il valore medio. Ma che cos è il valore

Dettagli

Capitolo 12 La regressione lineare semplice

Capitolo 12 La regressione lineare semplice Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 12 La regressione lineare semplice Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

B9. Equazioni di grado superiore al secondo

B9. Equazioni di grado superiore al secondo B9. Equazioni di grado superiore al secondo Le equazioni di terzo grado hanno una, due o tre soluzioni, risolvibili algebricamente con formule molto più complesse di quelle dell equazione di secondo grado.

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta L. P. 22 Aprile 2015 Sommario L espressione della quantità di moto e dell energia in relatività ristretta

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 La ricerca operativa 2 1.1 Introduzione......................................... 2 1.2 Le fasi della ricerca operativa...............................

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

( ) ( ) 0. Entrata e uscita dal mercato. Entrata e uscita dal mercato. Libertà d entrata ed efficienza. Libertà d entrata e benessere sociale

( ) ( ) 0. Entrata e uscita dal mercato. Entrata e uscita dal mercato. Libertà d entrata ed efficienza. Libertà d entrata e benessere sociale Entrata e uscita dal mercato In assenza di comportamento strategico, le imprese decidono di entrare/uscire dal mercato confrontando i guadagni attesi con i costi di entrata. In assenza di barriere strategiche

Dettagli