LIFE12/ENV/IT/ MIDTERM <23/04/2015> WEEENMODELS life. Beneficiary Data

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LIFE12/ENV/IT/001058 MIDTERM <23/04/2015> WEEENMODELS life. Beneficiary Data"

Transcript

1 LIFE12/ENV/IT/ MIDTERM <23/04/2015> WEEENMODELS life Project deliverable Technical Specifications for ICT Applications Action Action B1 Implementation and management of Information Portal Expected deadline 30/09/2014 Delivered 31/03/2015 Beneficiary Data Name Beneficiary T Bridge S.p.A. Contact person Mr Bartolomeo Valcalda Postal address Via Garibaldi 10, Genoa (Italy) Telephone Fax: Project Website

2 Abstract The document describes the technical requirements of the web applications to be developped within the WEEENMODELS project. In particular, are here defined: the users requirements the technical environment of the application the architecture of the software solution the functions to be developped the size of the different systems the requirements for the hosting of the application the Data Management Methodologies The definition of the technical solution followed the design process and procedures usually adopted in T Bridge s Quality Assurance System, compliant with UNI EN ISO 9001:2008 (ISO 9001:2008) management system standard. Results achieved 2 The technical requirements of the WEEENMODELS web application define the environment and the software technologies for the application development, the system logical and physical architecture, the software functions, the data structure, the hosting requirements.

3 Azione B.1 Implementation and management of Information Portal SPECIFICHE TECNICHE PER LE APPLICAZIONI ICT TECHNICAL SPECIFICATIONS FOR ICT APPLICATIONS GENOVA, 31 MARZO 2015

4 INDICE DEL DOCUMENTO 1 INTRODUZIONE SCOPO VALIDITÀ RIFERIMENTI TERMINI E DEFINIZIONI Termini Tecnici Enti ed Organizzazioni Nazionali ed Internazionali Definizioni inerenti la gestione dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche 5 2 SPECIFICHE E REQUISITI CONTESTO DI RIFERIMENTO CARATTERISTICHE DEGLI UTENTI REQUISITI COGENTI REQUISITI TECNICI E VINCOLI FATTORI CRITICI DI SUCCESSO FATTORI DI RISCHIO 9 3 SOLUZIONE PROGETTUALE SCHEMA ESECUTIVO Interfacce con altri sistemi Interfaccia utente Sicurezza Le funzioni Aspetti non funzionali globali del progetto ARCHITETTURA DELLA SOLUZIONE Disegno logico Disegno fisico DATI SCHEMA FISICO PROCESSO DI ALIMENTAZIONE 30 5 ALLEGATI 31

5 1 INTRODUZIONE 1.1 Scopo Nel seguente documento vengono illustrati le proposte di flusso operativo che si prevede di sviluppare nell ambito del progetto Life Weeenmodels e le specifiche tecniche e architetturali del sistema da sviluppare. Lo scopo del sistema è di fornire un'unica piattaforma online, quale interfaccia dinamica per gestire, organizzare e monitorare in tempo reale il ciclo di gestione dei RAEE per i raggruppamenti R3, R4, R5 nell ambito della raccolta 1 contro 1 e R4, R5 per quanto riguarda l 1 contro 0 limitatamente ai conferimenti che avvengono presso il punto vendita. Gli obiettivi sono pertanto: creazione di una sezione CRM dedicata al riconoscimento degli operatori che aderiscono al servizio, alla registrazione dei relativi dati di tipo amministrativo logistico ed alla gestione della comunicazione con gli stessi; creazione di un portale per l informazione agli utenti e la gestione del flusso di raccolta dei RAEE, che includa l identificazione dei prodotti, delle unità di imballo secondo le diverse modalità di ritiro e la creazione assistita dei documenti durante i flussi logistici di ritiro, trasporto, conferimento al centro di raccolta; creazione di un sistema GIS con interfaccia web che consente agli utenti di visualizzare la posizione dei punti di raccolta su una cartografia digitale della città di Genova; creazione di una app per smartphone per agevolare la gestione del materiale nel centro di raccolta Validità Le indicazioni contenute nel presente documento hanno validità esclusivamente per il progetto Life Weeenmodels. 1.3 Riferimenti Il riferimento principale è il documento ANALISI FUNZIONALE PER LE APPLICAZIONI ICT Revisione 2 emesso come deliverable dell azione A.5 del progetto Life Weeenmodels Planning of the WEEE Management Model for collection services. A questo si aggiungono le specifiche tecniche già indicate nell Application Form Part C del progetto WEEENMODELS, approvato dalla Commissione Europea.

6 Infine, sono presi in considerazione i requisiti e le prescrizioni previsti nella normativa nazionale vigente in materia di gestione dei RAEE. 1.4 Termini e definizioni Termini Tecnici Termine/ Sigla Definizione Termine/ Sigla Definizione AAA Autenticazione/Autorizzazione/Accounting MRTG Multi Router Traffic Grapher ACL Access Control List MX Mail Exchanger ASP Active Server Page NIC Network Interface Card CA Certification Authority OLAC Object Level Access Control CPU Central Processing Unit OU Organizational Unit DB Database POP2/POP3 Post Office Protocol (versione 2/3) DHCP Dynamic Host Configuration Protocol POP3S Post Office Protocol Secure DNS Domain Name System PPP Point-to-Point Protocol DLT Digital Linear Tape PPTP Point-to-Point Tunnelling Protocol DoS Denial Of Service RAID Redundant Array of Independent Disks DMZ De-Militarized Zone RA Registration Authority ERA Entity-Relationship Analysis RAM Random Access Memory FTP File Transfer Protocol RFC Request For Comments FQDN Full Qualified Domain Name ROM Read Only Memory GB Gigabyte RPC Remote Procedure Call Gbps Gigabit per Second SCSI Small Computer System Interface GNU GNU s Not Unix SMTP Simple Mail Transfer Protocol HTTP Hyper Text Transfer Protocol SMTPS Simple Mail Transfer Protocol Secure HTTPS Hyper Text Transfer Protocol Secure SOA Start Of Authority KB Kilobyte SEP Security Enforcement Point Kbps Kilobit per Second SSL Secure Socket Layer ICMP Internet Control Message Protocol TCP Trasmission Control Protocol ICT Information and Communication Technology UDP User Datagram Protocol IMAP Internet Mail Access Protocol UML Universal Modelling Language IMAPS Internet Mail Access Protocol Secure UNC Universal Naming Convention IP Internet Protocol UPS Uninterruptible Power Supply IPSec Internet Protocol Secure URL Universal Resource Locator IT Information Technology VM Virtual Machine JSP Java Server Page VPN Virtual Private Network L2/L4 Switch Switch Layer 2/Layer 4 WINS Windows Internet Naming System LDAP Lightweight Directory Access Protocol WWW World Wide Web MB Megabyte XML Extensible Markup Language Mbps Megabit per Second 4

7 1.4.2 Enti ed Organizzazioni Nazionali ed Internazionali Termine/ Sigla Definizione Termine/ Sigla Definizione AIPA Autorità per l Informatizzazione della Pubblica Amministrazione IEEE International Electronic Engineering/Institute of Electrical and Electronics Engineers CERT Computer Emergency Responce Team IETF Internet Engineering Task Force CNIPA Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione ISO/OSI International Standards Organization/Organisation de Standard Internationale GARR Gestione Ampliamento Rete Ricerca NIST National Institute of Standards and Technology Definizioni inerenti la gestione dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche Termine/ Sigla Definizione Termine/ Sigla Definizione AEE Apparecchiature Elettriche e Elettroniche RAEE Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche R3 Raggruppamento Schermi TV e Monitor R4 Raggruppamento Piccoli Elettrodomestici R5 CdC RAEE Raggruppamento Sorgenti Luminose Centro Nazionale di Coordinamento RAEE Luogo di raggruppamento Luogo fisico identificato dal Distributore per lo stoccaggio temporaneo dei RAEE raccolti, in attesa del trasporto al Centro di Raccolta 5

8 2 SPECIFICHE E REQUISITI L applicazione fornisce diverse sezioni in grado di effettuare: informazioni statiche dedicate agli utenti in generale anche non registrati al portale sezioni dedicate agli utenti registrati (distributore, trasportatore, centro di raccolta) sezioni dedicate all amministratore del portale sezioni dedicate agli organi istituzionali sezione contenente collegamenti a siti di interesse generale in tutto il mondo dei RAEE o siti dedicati a settori connessi (vendite online, riutilizzo, ecc ) reporting con report predefiniti disponibili per le diverse categorie di utenti 2.1 Contesto di Riferimento Il sistema sarà utilizzato per la gestione della filiera di raccolta dei RAEE nell ambito di una sperimentazione pilota pianificata per la città di Genova. La sperimentazione ha l obiettivo di verificare la fattibilità e l efficacia di nuovi servizi di coordinamento della raccolta, in ottemperanza delle prescrizioni della nuova normativa in materia, a livello sia italiano che comunitario (Direttiva 19/2012/UE, Dlgs 49/2014). A tal fine, è stato sviluppato, nell ambito delle precedenti fasi del progetto WEEENMODELS, un articolato modello logistico di gestione dei RAEE, di cui si riporta in figura lo schema logico (il modello è dettagliatamente descritto nel documento progettuale Il modello di gestione dei RAEE Report Finale del 30 novembre 2014). 6 PRODUTTORI DI RAEE DOMESTICI/ / PROFESSIONALI EQUIPARATI Flusso 1, 2, 3, 4 ISOLE ECOLOGICHE/ CENTRI DI RACCOLTA CENTRI ACCREDITATI DI PREPARAZIONE PER IL RIUTILIZZO CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE RAEE DISTRIBUTORI INSTALLATORI CENTRI DI ASSISTENZA Flusso 5, 6, 7 CENTRI DI RACCOLTA AUTORIZZATI IMPIANTI DI TRATTAMENTO Flusso 5, 6, 7

9 Gli utenti del sistema sono rappresentati dai diversi attori della filiera dei RAEE del Comune di Genova: privati cittadini, Distributori, Trasportatori, Gestori di Centri di Raccolta. In particolare, il sistema fornirà all utenza privata una informativa generale sulle diverse componenti della filiera di raccolta, e consentirà di assicurare il coordinamento e la tracciabilità dei nuovi flussi di raccolta operati da parte dei Distributori (Flussi 5, 6 e 7 dello schema). Si tratta pertanto di una piattaforma di nuova introduzione, non risultando al momento utilizzata alcun tipo di applicazione analoga da parte dei soggetti sopra citati. Non sono previste integrazioni o altre modalità di cooperazione con altri sistemi. 2.2 Caratteristiche degli utenti Le caratteristiche generali del sistema fanno riferimento a cinque tipologie di utenti: Utente privato cittadino o professionale che e può conferire il RAEE domestico o equivalenti Distributore che è il soggetto che effettua il ritiro dei RAEE conferiti da parte dei clienti, posizionando presso il proprio punto vendita i contenitori per la raccolta. Il trasportatore è l entità che effettua il trasporto dei RAEE dal punto di raggruppamento del distributore al centro di raccolta individuato/ impianto di trattamento Il centro di raccolta rappresenta il terminale finale della filiera di raccolta dei RAEE, raccolti dai distributori, consegnati dai trasportatori e destinati alla preparazione al riutilizzo o recupero L Amministratore è l entità che controlla la conformità delle registrazioni e autorizza gli utenti (distributore, trasportatore, centro di raccolta Requisiti Cogenti La soluzione deve essere sviluppata tenendo conto delle prescrizioni vigenti in materia, rappresentata dai seguenti riferimenti: normative DLGS n 49/2014 Attuazione della Direttiva 2012/19/UE sui rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) DLGS n 151/2005 Attuazione della Direttiva 2020/96/CE e della Direttiva 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche, nonché allo smaltimento dei rifiuti DLGS n 152/2006 Norme in materia ambientale

10 D.M n 65/2010 Regolamento recante modalità semplificate di gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) da parte dei distributori e degli installatori di apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE), nonché dei gestori dei centri di assistenza tecnica di tali apparecchiature. Le previsioni ivi descritte potranno essere integrate da specifici accordi con il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, che si prevede possano essere formalizzati attraverso un protocollo d intesa. Al momento dell emissione del presente documento, sono in corso dei contatti informali a livello tecnico tra i partner di Weeenmodels ed i funzionari del Ministero, volti alla messa a punto dei contenuti del protocollo, ma non è disponibile alcun documento ufficiale. 2.4 Requisiti tecnici e vincoli L applicativo sarà utilizzato dagli utenti ai fini di ottemperare a obblighi fissati dalla legge; devono pertanto essere assicurati l identificazione dei soggetti che accedono ai servizi del portale, la riservatezza dei dati, la conservazione dei documenti che saranno generati dal sistema, l accessibilità agli stessi, la continuità del servizio. Inoltre, dovra essere privilegiato lo sviluppo delle diverse componenti basato su tecnologie e piattaforme informatiche opensource. Pertanto, dal punto di vista applicativo, si prevede di utilizzare: Sistema GIS: gmaps.js con cartografia Google Maps Data Base: MySQL Web Server: JBoss Linguaggio di programmazione: Java 8 Poiché l utenza target è molto variegata dal punto di vista dell autonomia digitale, dovrà in ogni caso essere assicurato un facile ed intuitivo accesso alle diverse funzionalità previste. Il prodotto sarà impiegato in una sperimentazione iniziale con un numero limitato di utenti, dopo di che sarà proposto per l adozione anche a livello cittadino; pertanto è da prevedere la necessità di tuning o manutenzione evolutiva già in corso di progetto. L architettura del sistema dovrà essere pertanto studiata per agevolare eventuali interventi successi di messa a punto. Non sono previste interazioni con altri sistemi per tutta la durata del progetto; al termine, i partner del progetto valuteranno le modalità di mantenimento del servizio, per cui è possibile che venga effettuata una attività di porting delle basi dati verso un eventuale nuovo ambiente di hosting.

11 2.5 Fattori critici di successo Il sistema viene proposto per andare a sostituire una modalità totalmente cartacea di gestione del rifiuto, considerata rigida ed onerosa da parte degli utenti. Pertanto occorrerà fare particolare attenzione ad assicurare: Gestione efficiente dei documenti elettronici Semplicità ed immediatezza d uso Creazione dei documenti e flussi documentali il più possibile automatizzati 2.6 Fattori di rischio Nelle scelte implementative occorre, parallelamente, mantenere un certo grado di prudenza in quanto tutte le innovazioni in termine di gestione documentale rispetto alle attuali modalità non sono esplicitamente previste all interno dei riferimenti normativi, per cui adottare soluzioni tali da proteggersi da eventuali rilievi da parte delle autorità vigilanti in materia, che potrebbero trasformarsi in sanzioni nei confronti degli utenti qualora la gestione dei documenti dovesse essere giudicata troppo difforme dalla lettera della legge. L auspicata stipula di uno specifico accordo di programma con il Ministero dell Ambiente dovrebbe contribuire a contenere questo fattore di rischio, in quanto potrebbe fornire una copertura preventiva circa le nuove modalità proposte. 9

12 3 SOLUZIONE PROGETTUALE Nei paragrafi a seguire viene riportata la descrizione delle caratteristiche dell applicazione nel rispetto delle condizioni iniziali e dei vincoli e requisiti imposti. 3.1 Schema esecutivo Interfacce con altri sistemi Per il sistema in questione non sono previste interfacce con altri sistemi Interfaccia utente L interfaccia utente verrà sviluppata attraverso un portale web attraverso il quale i vari attori che utilizzeranno l applicativo (cittadini, trasportatori, distributori, centri di raccolta/riutilizzo) potranno registrarsi e comunicare con gli altri utenti. Per ogni tipo di utente sarà presente: sezione riguardante i dati di profilo che l utente deve inserire al momento dell iscrizione per autoidentificarsi sezione specifica diversa a seconda del tipo di utenza o per il profilo di tipo distributore una sezione che consente la gestione delle unità di raccolta rifiuti da un punto di vista logico come la creazione dell unita stessa, l inserimento all interno del rifiuto, la stampa dei documenti di trasporto e la segnalazione al trasportatore della necessità di ritiro dell unità stessa o per il profilo di tipo trasportatore una sistema GIS che consenta la visualizzazione dei distributori convenzionati con l informazione se è necessario il ritiro delle unità di raccolta e la possibilità di creare un ipotesi di viaggio (gita) comprendente un numero prefissato di distributori (o anche tutti) che ne faranno parte o per il profilo di tipo centro di raccolta una sezione che consente la gestione delle unità di raccolta arrivate con la possibilità di segnalare l avvenuta presa in consegna e la registrazione del peso. 10 L accesso al portale web avverrà direttamente solo per l amministratore del sistema, mentre gli utenti potranno accedere solo attraverso una o più specifiche pagine dedicate nel sito istituzionale di AMIU Genova, in cui saranno presenti i link alle diverse funzionalità di interesse Sicurezza L accesso al portale avverrà per mezzo di una connessione protetta da certificato digitale rilasciato da autorità competente (Root Certification Authority).

13 La visualizzazione alla parte pubblica del portale (informazioni generali e cartografia GIS) è libera, mentre il rilascio agli utenti delle credenziali di accesso ai moduli per la gestione della raccolta dei RAEE avverrà a seguito della verifica, da parte dell amministratore, dell effettiva corrispondenza tra il soggetto che fa richiesta di iscrizione e il soggetto firmatario di un protocollo d intesa con il Comune di Genova, sulla base dei dati forniti all atto della sottoscrizione del protocollo stesso Le funzioni Il documento di Specifica Funzionale identifica di fatto i seguenti Use Case: Accesso (comune a Distributore, Trasportatore, Centro di Raccolta) Gestione profilo (comune a Distributore, Trasportatore, Centro di Raccolta) Visualizzazione unità di raccolta (Distributore) Creazione unità di raccolta (Distributore) Visualizzazione lista RAEE (Distributore) Creazione RAEE (Distributore) Documento RAEE (Distributore) Cancellazione RAEE (Distributore) Etichetta (Distributore) Documento di trasporto (Distributore) Segnala ritiro necessario (Distributore) Segnala consegna unità di raccolta (Distributore) Visualizzazione Distributori convenzionati (Trasportatore) Creazione Gita (Trasportatore) Visualizzazione Gita (Trasportatore) Inizio Gita (Trasportatore) Documento di trasporto (Trasportatore) Segnala ritiro unità di raccolta (Trasportatore) Visualizzazione unità di raccolta (Centro di Raccolta) Segnala ritiro unità di raccolta (Centro di Raccolta) Registra peso unità di raccolta (Centro di Raccolta) Documento di trasporto (Centro di Raccolta) Accesso (Amministratore) Visualizzazione lista utenti (Amministratore) Abilita/disabilita utente (Amministratore) Cancellazione utente (Amministratore) Gestione punti di raccolta RAEE 11 Per ciascuno di essi viene disegnato nel seguito il corrispondente sequence diagram descrittivo delle funzionalità da implementare. Le funzione vengono sviluppate secondo il paradigma MVC (Model View Controller). Il livello View (presentation layer) riceve le richieste da parte dell utente e le passa al Controller che interroga il livello Model (business layer) in base alle richieste ricevute e con i risultati aggiorna il View.

14 Accesso (comune a Distributore, Trasportatore, Centro di Raccolta) Utente View Controller Model richiesta pagina login pagina di login inserimento credenziali login() checkuser() pagina profilo dati profilo Gestione profilo (comune a Distributore, Trasportatore, Centro di Raccolta) Utente View Controller Model richiesta pagina profilo getuser() getuser() pagina profilo dati profilo inserimento/modifica dati profilo updateuser() pagina profilo updateuser() dati profilo Visualizzazione unità di raccolta (Distributore) Distributore View Controller Model richiesta pagina unità di raccolta pagina unità di raccolta lista unità

15 Creazione unità di raccolta (Distributore) Distributore View Controller Model richiesta pagina unità di raccolta pagina unità di raccolta lista unità richiesta creazione unità di raccolta gettipounita() gettipounita() pagina creazione dati tipo unità unità dateuser() selezione tipo unità createunita() createunita() pagina unità di raccolta lista unità Visualizzazione lista RAEE (Distributore) Distributore View Controller Model richiesta pagina unità di raccolta pagina unità di raccolta lista unità 13 selezione unità di raccolta e richiesta lista RAEE getlistaraee() getlistaraee() pagina lista RAEE lista RAEE

16 Creazione RAEE (Distributore) Distributore View Controller Model richiesta pagina unità di raccolta pagina unità di raccolta lista unità selezione unità di raccolta e richiesta creazione RAEE getdescrizioneraee() pagina creazione RAEE getdescrizioneraee() dati descrizione RAEE dateuser() Inserimento dati RAEE createraee() createraee() creazione e download documento RAEE dati RAEE Documento RAEE (Distributore) Distributore View Controller Model richiesta pagina unità di raccolta 14 pagina unità di raccolta lista unità selezione unità di raccolta e richiesta lista RAEE getlistaraee() getlistaraee() pagina lista RAEE lista RAEE selezione RAEE e richiesta documento RAEE getdocumentoraee() getraee() creazione e download documento RAEE dati RAEE

17 Cancellazione RAEE (Distributore) Distributore View Controller Model richiesta pagina unità di raccolta pagina unità di raccolta lista unità selezione unità di raccolta e richiesta lista RAEE getlistaraee() pagina lista RAEE getlistaraee() lista RAEE selezione RAEE e richiedi cancellazione deleteraee() deleteraee() Pagina lista RAEE lista RAEE Etichetta (Distributore) Distributore View Controller Model richiesta pagina unità di raccolta 15 pagina unità di raccolta lista unità selezione unità di raccolta e richiesta documento etichetta getetichetta() creazione e download documento etichetta getdatiunita() dati unità

18 Documento di trasporto (Distributore) Distributore View Controller Model richiesta pagina unità di raccolta pagina unità di raccolta lista unità selezione unità di raccolta e richiesta stampa documento getdocumentotrasporto() creazione e download documento di trasporto getdatiunita() dati unità Segnala ritiro necessario (Distributore) Distributore View Controller Model MailSender richiesta pagina unità di raccolta pagina unità di raccolta lista unità selezione unità di raccolta e segnala ritiro necessario segnalaritiro() segnalaritiro() inviomail() 16 pagina unità di raccolta lista unità Segnala consegna unità di raccolta (Distributore) Distributore View Controller Model richiesta pagina unità di raccolta pagina unità di raccolta lista unità selezione unità di raccolta e segnala consegna segnalaconsegna() pagina lista unità segnalaconsegna() lista unità

19 Visualizzazione Distributori convenzionati (Trasportatore) Trasportatore View Controller Model richiesta pagina distributori getdistributori() getdistributori() pagina distributori (GIS) lista distributori (punti geolocalizzazione) Creazione Gita (Trasportatore) Trasportatore View Controller Model richiesta pagina distributori getdistributori() getdistributori() selezione distributori e richiesta creazione gita pagina distributori (GIS) creategita() lista distributori (punti geolocalizzazione) creategita() pagina gita (GIS) Visualizzazione Gita (Trasportatore) dati gita (punti geolocalizzazione) 17 Trasportatore View Controller Model richiesta pagina gita getgita() getgita() pagina gita (GIS) dati gita (punti geolocalizzazione) Inizio Gita (Trasportatore) Trasportatore View Controller Model MailSender richiesta pagina gita getgita() getgita() pagina gita (GIS) dati gita (punti geolocalizzazione) richiesta inizio gita startgita() startgita() inviomail() pagina gita (GIS) dati gita (punti geolocalizzazione)

20 Documento di trasporto (Trasportatore) Trasportatore View Controller Model richiesta pagina gita getgita() getgita() pagina gita (GIS) dati gita (punti geolocalizzazione) selezione distributore e richiesta documento di trasporto getdocumentotrasporto() creazione e download documento di trasporto getdatidistributore() dati distributore Segnala ritiro unità di raccolta (Trasportatore) Trasportatore View Controller Model richiesta pagina gita getgita() getgita() pagina gita (GIS) dati gita (punti geolocalizzazione) selezione distributore e segnala ritiro unità di raccolta segnalaritiro() segnalaritiro() 18 pagina gita (GIS) dati gita (punti geolocalizzazione) Visualizzazione unità di raccolta (Centro di Raccolta) Centro di Raccolta View Controller Model richiesta pagina unità di raccolta pagina unità di raccolta lista unità

21 Segnala ritiro unità di raccolta (Centro di Raccolta) Centro di Raccolta View Controller Model richiesta pagina unità di raccolta pagina unità di raccolta lista unità selezione unità di raccolta e segnala ritiro segnalaritiro() pagina lista unità segnalaritiro() lista unità Registra peso unità di raccolta (Centro di Raccolta) Centro di Raccolta View Controller Model richiesta pagina unità di raccolta pagina unità di raccolta lista unità selezione unità di raccolta e richiesta registrazione peso getdatiunita() pagina registrazione peso getdatiunita() dati unità 19 immissione peso registrapeso() registrapeso() pagina unità di raccolta lista unità Documento di trasporto (Centro di Raccolta) Centro di Raccolta View Controller Model richiesta pagina unità di raccolta pagina unità di raccolta lista unità selezione unità di raccolta e richiesta stampa documento getdocumentotrasporto() creazione e download documento di trasporto getdatiunita() dati unità

22 Accesso (Amministratore) Amministratore View Controller Model richiesta pagina login pagina di login inserimento credenziali login() checkuser() pagina lista utenti lista utenti Visualizzazione lista utenti (Amministratore) Amministratore View Controller Model richiesta pagina lista utenti getutenti() getutenti() pagina lista utenti lista utenti Abilita/disabilita utente (Amministratore) Amministratore View Controller Model MailSender richiesta pagina lista utenti getutenti() getutenti() 20 pagina lista utenti lista utenti selezione utente e abilita/disabilita utente abilitadisabilita() abilitadisabilita() inviomail() pagina lista utenti lista unità

23 Cancellazione utente (Amministratore) Amministratore View Controller Model richiesta pagina lista utenti getutenti() getutenti() pagina lista utenti lista utenti selezione utente e richiesta cancellazione deleteutente() deleteutente() pagina lista utenti lista utenti Gestione punti di raccolta RAEE Amministratore View Controller Model richiesta pagina gestione punti pagina gestione punti upload file dati punti di raccolta loadfile() loadfile() 21 pagina gestione punti caricamento completato

24 3.1.5 Aspetti non funzionali globali del progetto Prestazioni richieste Il sistema deve essere dimensionato per un numero totale di utenti della piattaforma che potrà arrivare, a regime, a unità, ciascuno dei quali avrà la necessità di accedere ai dati del Data Base Comune, oltre a generare e conservare documenti in uno spazio virtuale dedicato. Il numero massimo di utenti concorrenti è stimato, a regime, in 200. Ciascun utente dovrà essere in grado di effettuare le operazioni necessarie (registrazione di ritiro di un RAEE, stampa di documenti, pianificazione di viaggi, ) senza tempi di attesa o interruzioni, per cui sarà necessario prevedere una adeguata banda di accesso, pari a 512 Kbps, con traffico mensile incluso senza limiti di banda fino a 332 GB Hardware A seguito dei requisiti prestazionali di cui sopra, per il portale è prevista la seguente infrastruttura hardware: Database server. Server virtuale con 2 processori, 4GB di ram, hard disk da 250 GB Web Server. Server virtuale con 2 processori, 4GB di ram, hard disk da 250 GB In allegato sono riportate le specifiche per il servizio di hosting dell applicazione, che include anche il dimensionamento dei sistemi Aderenza a standard La piattaforma dovrà essere conforme ai requisiti previsti nella Direttiva Europea 2007/2/EC del 14 marzo 2007, che istituisce un infrastruttura per l informazione territoriale nella Comunità europea (cd. INSPIRE), e al successivo Decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 32 di Attuazione della Direttiva INSPIRE in Italia.

25 3.2 Architettura della soluzione Disegno logico UTENTE SMART PHONE UTENTE PC INTERFACCIA APP INTERFACCIA INFORMATIVA WEB 23 SECURITY MODULO GESTIONE LOGISTICA MODULO CRM SISTEMA GIS BASE DATI

26 3.2.2 Disegno fisico Etichette Documenti Web Application per PC Desktop Web Application per Smartphone Stampante PC Desktop Smartphone 24 Web Server (JBoss) Basato su Linux (Cent OS) Database Server (MySQL) Basato su Linux (Cent OS)

27 4 DATI Di seguito è riportata la struttura dei dati necessari all applicazione 4.1 Schema fisico Modulo CRM 25

28 Modulo Portale App 26

29 Modulo GIS 27 Utente L entità Utente contiene i dati relativi alla registrazione degli utenti sul portale

30 Profilo L entità Profilo contiene per ogni utente (Distributore, Trasportatore, Centro di Raccolta) i dati comuni alle varie tipologie di utente. Relazione Utente Profilo (uno a uno) La relazione uno a uno Utente Profilo collega a ogni utente il suo profilo. Funzione L entità Funzione contiene per ogni utente i dati specifici relativi alla tipologia di utente Relazione Profilo Funzione (uno a molti) La relazione uno a molti Profilo Funzione collega a ogni profilo le funzioni di quell utente. Relazione Funzione Funzione (uno a molti) (Trasportatore) La relazione uno a molti Funzione Funzione collega a ogni Funzione di tipo Trasportatore i Distributori che utilizzano quel Trasportatore. Relazione Funzione Funzione (uno a molti) (Centro di Raccolta) La relazione uno a molti Funzione Funzione collega a ogni Funzione di tipo Centro di Raccolta i Distributori che utilizzano quel Centro di Raccolta. 28 Relazione Funzione Funzione (uno a molti) (Centro di Raccolta per il riutilizzo) La relazione uno a molti Funzione Funzione collega a ogni Funzione di tipo Centro di Raccolta che pratica il riutilizzo di RAEE i Distributori che praticano il riutilizzo di RAEE che utilizzano quel Centro di Raccolta. TipoRaee L entità TipoRaee contiene i dati per ogni tipo di Raee. Relazione Funzione TipoRaee (molti a molti) La relazione molti a molti Funzione TipoRaee collega a ogni Funzione di tipo Distributore i tipi di RAEE trattati. Attività L entità Attività contiene i dati per ogni tipo di attività di distribuzione.

31 Relazione Attività Funzione (uno a molti) La relazione uno a molti Attività Funzione collega a ogni Attività le funzioni di tipo Distributore che praticano quell attività. Contenitore L entità Contenitore contiene i dati specifici relativi a un unita di raccolta Relazione Funzione Contenitore (uno a molti) La relazione uno a molti Funzione Contenitore collega a ogni Funzione di tipo Distributore i contenitori di quel Distributore. Raee L entità Raee contiene i dati specifici relativi a un conferimento di un RAEE Relazione Contenitore Raee (uno a molti) La relazione uno a molti Contenitore Raee collega a ogni Contenitore i RAEE contenuti. TipoContenitore L entità TipoContenitore contiene i dati per ogni tipo di contenitore Relazione TipoRaee TipoContenitore (uno a molti) 29 La relazione uno a molti TipoRaee TipoContenitore collega a ogni TipoRaee i tipi di contenitore per quel tipo di RAEE. Relazione TipoContenitore Contenitore (uno a molti) La relazione uno a molti TipoContenitore Contenitore collega a ogni TipoContenitore i contenitori di quel tipo. DatoGeolocalizzazione L entità DatoGeolocalizzazione contiene per ogni utente i dati per la visualizzazione su GIS Relazione Profilo DatoGeolocalizzazione (uno a uno) La relazione uno a uno Profilo DatoGeolocalizzazione collega ogni profilo al dato per la visualizzazione su GIS per quel profilo. Gita L entità Gita contiene per ogni trasportatore i dati per la visualizzazione su GIS della gita che il trasportatore deve effettuare per il ritiro dei contenitori

32 Relazione DatoGeolocalizzazione Gita (uno a uno) La relazione uno a uno DatoGeolocalizzazione Gita collega il DatoGeolocalizzazione di ogni trasportatore al dato per la visualizzazione su GIS della Gita. Relazione Gita DatoGeolocalizzazione (uno a molti) (GitaDistributore) La relazione uno a molti Gita DatoGeolocalizzazione GitaDistributore collega a ogni Gita l elenco dei distributori che fanno parte della Gita. Relazione Gita DatoGeolocalizzazione (molti a molti) (Gita CentroDiRaccolta) La relazione molti a molti Gita CentroDiRaccolta collega a ogni Gita l elenco dei Centri di Raccolta che fanno parte della Gita. 4.2 Processo di alimentazione L applicazione per funzionare correttamente ha bisogno del caricamento dei seguenti dati: Inserimento del punto di geolocalizzazione sul quale centrare le mappe GIS utilizzate nella tabella DatoGeolocalizzazione. Inserimento degli utenti Amministratore nella tabella Utente. Inserimento dei tipi di attività di distribuzione (legate al tipo distributore (Piccolo o Grande) nella tabella Attivita. Inserimento dei tipi di RAEE gestiti dall applicazione (in questo momento R3, R4, R5) nella tabella TipoRaee. Inserimento delle descrizioni di RAEE specifiche (legate a ciascun tipo di RAEE) nella tabella DescrizioneRaee. Inserimento dei tipi unità di raccolta (legate a ciascun tipo di RAEE e tipo di raccolta (1 contro 1 oppure 1 contro 0) nella tabella TipoContenitore. 30

33 5 ALLEGATI Sono parte integrante del presente documento i seguenti allegati: A. Specifiche tecniche per il servizio di hosting degli applicativi WEEENMODELS B. Piano dei rilasci 31

34 Azione B.1 Implementation and management of Information Portal Specifiche tecniche per il servizio di hosting degli applicativi WEEENMODELS REDAZIONE APPROVAZIONE DATA Osti Marco Valcalda Bartolomeo 24/03/2015

35 INDICE DEL DOCUMENTO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 3 2 REQUISITI TECNICI OVERVIEW ARCHITETTURA TECNICA COMPONENTI/SERVIZI ASSURANCE 5 2

36 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO Il servizio richiesto consiste nella fornitura di un servizio di Hosting e dei servizi di assistenza correlati, per il portale che si prevede di sviluppare nell ambito del progetto Weeenmodels. Lo scopo del portale è quello di fornire un'interfaccia dinamica per gestire, organizzare e monitorare in tempo reale il ciclo di gestione dei RAEE (Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) e di correlare, attraverso un'unica piattaforma, tutte le entità coinvolte. (privato cittadino, distributore, trasportatore, centro di raccolta). Il numero totale di utenti della piattaforma potrà partire da 150 nei primi sei mesi di attività, fino ad arrivare, a regime, a (anno 2016), ma deve essere possibile incrementare tale numero in caso di necessità. Il numero massimo di utenti concorrenti è stimato, a regime, in 200 (20 nella fase di avviamento). Oltre all hosting degli applicativi, dovrà essere assicurato all utente un servizio di help desk per la soluzione di eventuali problematiche tecniche. Il servizio di hosting dovrà essere avviato a partire da maggio 2015, fino alla fine del progetto Weenmodels (31 dicembre 2016), salvo eventuali estensioni. I servizi di assurance come nel seguito descritti dovranno essere attivati a partire dal 1 settembre 2016, e dovranno essere mantenuti fino alla conclusione del progetto Weenmodels. 3

37 2 REQUISITI TECNICI La piattaforma di erogazione del servizio dovrà avere le seguenti caratteristiche principali : soluzione di Private Cloud Virtuale su infrastruttura fisica shared architettura completamente ridondata, sia in termini di infrastruttura fisica che di rete, oltre che basata su un hypervisor con servizi di alta affidabilità (HA) e dynamic load balancing (DRS); dovrà essere garantita la piena compatibilità delle applicazioni sia windows che linux evitando di dover apportare modifiche al software; 2.1 Overview architettura tecnica Il servizio dovrà essere fornito da un Data Center ubicato sul territorio italiano,in grado di offrire i più alti livelli di sicurezza fisica, sorveglianza presente 24 ore su 24, protezione perimetrale, locali e sale sistemi con alimentazione ridondata. L applicazione è da considerarsi mission critical per l utilizzatore finale, per cui deve essere garantita la completa ridondanza fisica e possibilità di failover, eliminando di fatto la possibilità di downtime per fault hardware. 4 Il bilanciamento automatico dei carichi di lavoro (indicativamente attraverso VMware DRS) garantisce le performance necessarie anche durante i picchi di utilizzo delle applicazioni del Cliente. I server utilizzati dovranno essere di classe enterprise e completamente ridondati abilitando così caratteristiche di prestazioni e affidabilità anche per le applicazioni più critiche. La connettività dall esterno avverrà attraverso accessi internet e MPLS. 2.2 Componenti/servizi L infrastruttura richiesta sarà composta da due Server virtuali (Web server + Database server). Web Server + Database server: 2 server virtuale con 2 processori, 4 GB di ram, HD da 250 GB, S.O. Linux based operating system, 1 indirizzo IP pubblico su VLAN dedicata al cliente, posto in NAT

38 (Network Address Translation) con il corrispondente IP di rete pubblica. Accesso VPN Ipsec, per visibilità secondo server che verrà attestato sulla medesima Virtual Lan. Banda Accesso supplementare [512 Kbps] x WEB: traffico mensile incluso senza limiti di banda fino a 332 GB e taglio banda in caso di superamento a 1024 Kbps. Assistenza sistemistica h 24 X 365 Backup del server virtuale Web Server + Database server 2.3 Assurance L intera infrastruttura dovrà essere gestita, monitorata e manutenuta in tutte le sue componenti da una Control Room, la quale fornirà un servizio di Customer Service. Il Cliente interfacciando un unico numero verde e/o sistema di Web Ticketing, potrà richiedere assistenza in merito all accesso ed agli eventuali malfunzionamenti della piattaforma. Pertanto la Control Room: riceve, qualifica e valida le richieste pervenute e, nel caso delle chiamate, apre il relativo ticket; effettua una prima analisi della richiesta sulla base delle indicazioni del Cliente attiva le opportune strutture di supporto tecnico per gestire la richiesta controlla lo stato di avanzamento dei ticket immessi fornisce al Cliente aggiornamenti periodici sulle richieste in corso informa il Cliente del completamento della richiesta, provvedendo alla chiusura del ticket e restando successivamente in attesa della conferma del Cliente stesso. Le fasce orarie del servizio di assurance sono 5 1) LUN-VEN SAB 8-14

39 Azione B.1 Implementation and management of Information Portal PIANO DEI RILASCI GENOVA, 20 APRILE 2015

40 A seguito della rimodulazione delle tempistiche della sperimentazione pilota, le funzionalità della piattaforma informativa potranno essere rilasciate in tempi successivi, in funzione delle necessità di supporto del pilota. Pertanto si prevede: 1) Il rilascio dell interfaccia informativa web e del modulo GIS, entro il 31/05/2015 (nella figura gli elementi logici da attivare) UTENTE SMART PHONE UTENTE PC INTERFACCIA APP INTERFACCIA INFORMATIVA WEB SECURITY 2 MODULO GESTIONE LOGISTICA MODULO CRM SISTEMA GIS BASE DATI 2) Il rilascio dell applicazione completa di tutte le sue funzionalità (quindi incluso il modulo CRM, il modulo di gestione logistica e la app) entro il 30 giugno Per tale data dovranno quindi essere completati positivamente i test di funzionamento del sistema.

ANALISI FUNZIONALE PER LE APPLICAZIONI ICT

ANALISI FUNZIONALE PER LE APPLICAZIONI ICT Azione A.5 Planning of the WEEE Management Model for collection services ANALISI FUNZIONALE PER LE APPLICAZIONI ICT FUNCTIONAL REQUIREMENTS FOR ICT APPLICATIONS RELEASE 2 GENOVA, 20 MARZO 2015 INDICE DEL

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

Dal protocollo IP ai livelli superiori

Dal protocollo IP ai livelli superiori Dal protocollo IP ai livelli superiori Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Protocollo IP Abbiamo visto che il protocollo IP opera al livello di rete definendo indirizzi a 32 bit detti indirizzi IP che permettono

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione Livello Applicazione Davide Quaglia 1 Motivazione Nell'architettura ibrida TCP/IP sopra il livello trasporto esiste un unico livello che si occupa di: Gestire il concetto di sessione di lavoro Autenticazione

Dettagli

AREA SCIENCE PARK. I servizi ICT

AREA SCIENCE PARK. I servizi ICT I servizi ICT AREA Science Park mette a disposizione dei suoi insediati una rete telematica veloce e affidabile che connette tra loro e a Internet tutti gli edifici e i campus di Padriciano, Basovizza

Dettagli

MANUALE UTENTE INTERNET - ISTRUZIONI TECNICHE PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO

MANUALE UTENTE INTERNET - ISTRUZIONI TECNICHE PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO Rev. n 02 Pag. 1 di 25 SERVIZIO DI CERTIFICAZIONE TERNA L UTILIZZO DEL SERVIZIO Storia delle revisioni Rev. n Data Descrizione 01 23/08/2010 Prima emissione del documento. 02 24/09/2010 Aggiornamento printscreen

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

Reti e Domini Windows 2000. Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003

Reti e Domini Windows 2000. Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003 Reti e Domini Windows 2000 Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003 Materiale preparato utilizzando dove possibile materiale AIPA http://www.aipa.it/attivita[2/formazione[6/corsi[2/materiali/reti%20di%20calcolatori/welcome.htm

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

Reti: cenni storici. Who s who

Reti: cenni storici. Who s who 1967: DoD ARPAnet 1970: ALOHAnet Reti: cenni storici 1975: TCP/IP model per internetwork 1976: Ethernet 198: TCP/UDP/IP standard per ARPAnet 1987: la rete cresce DNS 1989-1991: web guiding principles:

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

Remote Service Solution. Descrizione del Servizio

Remote Service Solution. Descrizione del Servizio Remote Service Solution Descrizione del Servizio Redattore: Alberto Redi Luogo e Data Lugano, 25 Novembre 2008 Status: Finale All attenzione di: Protocollo: Security Lab Sagl ViaGreina 2 - CH 6900 Lugano

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC. Giugno 2013

Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC. Giugno 2013 Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC Giugno 2013 Sommario 1 PREMESSA... 3 2 COMPONENTE TECNOLOGICA DEL SERVIZIO... 3 3 COMPONENTE APPLICATIVA DEL SERVIZIO... 5 3.1 Infrastruttura tecnologica,

Dettagli

Network and IT Infrastructure Monitoring System

Network and IT Infrastructure Monitoring System NIMS+ Network and IT Infrastructure Monitoring System Software web based per il monitoraggio avanzato delle reti di telecomunicazioni, dell infrastruttura IT e delle Applicazioni 2 Soluzione software modulare,

Dettagli

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO CHI SIAMO Workablecom è una Software House nata a Lugano con sede in Chiasso ed operante in tutto il Canton Ticino. E un System Integrator che crea e gestisce soluzioni

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE A INTERNET - 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host

Dettagli

LBINT. http://www.liveboxcloud.com

LBINT. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBINT http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

Virtualizzazione. Orazio Battaglia

Virtualizzazione. Orazio Battaglia Virtualizzazione Orazio Battaglia Definizione di virtualizzazione In informatica il termine virtualizzazione si riferisce alla possibilità di astrarre le componenti hardware, cioè fisiche, degli elaboratori

Dettagli

Applicazione: OIL Online Interactive helpdesk

Applicazione: OIL Online Interactive helpdesk Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione ICT Applicazione: OIL Online Interactive helpdesk Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei sistemi informativi

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Servizi di Dipartimento di Informtica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Sicurezza su Sicurezza della La Globale La rete è inerentemente

Dettagli

Architetture di sistema

Architetture di sistema Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi B1_1 V1.7 Architetture di sistema Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

La sicurezza delle reti

La sicurezza delle reti La sicurezza delle reti Inserimento dati falsi Cancellazione di dati Letture non autorizzate A quale livello di rete è meglio realizzare la sicurezza? Applicazione TCP IP Data Link Physical firewall? IPSEC?

Dettagli

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA La Dialuma propone a catalogo 22 corsi di Informatica che spaziano tra vari argomenti e livelli. TITOLI E ARGOMENTI I001 - Informatica generale Concetti generali

Dettagli

Il Livello delle Applicazioni

Il Livello delle Applicazioni Il Livello delle Applicazioni Il livello Applicazione Nello stack protocollare TCP/IP il livello Applicazione corrisponde agli ultimi tre livelli dello stack OSI. Il livello Applicazione supporta le applicazioni

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

Sicurezza negli ambienti di testing. Grancagnolo Simone Palumbo Claudio

Sicurezza negli ambienti di testing. Grancagnolo Simone Palumbo Claudio Sicurezza negli ambienti di testing Grancagnolo Simone Palumbo Claudio Obiettivo iniziale: analizzare e testare il Check Point VPN-1/FireWall-1 Condurre uno studio quanto più approfondito possibile sulle

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet AA 2004-2005 Reti e Sistemi Telematici 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host può essere client e/o server a livello applicazione Router:

Dettagli

Architetture di sistema

Architetture di sistema Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi B1_1 V1.6 Architetture di sistema Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Capitolo 16 I servizi Internet

Capitolo 16 I servizi Internet Capitolo 16 I servizi Internet Storia di Internet Il protocollo TCP/IP Indirizzi IP Intranet e indirizzi privati Nomi di dominio World Wide Web Ipertesti URL e HTTP Motori di ricerca Posta elettronica

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Copyright Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

la Soluzione di Cloud Computing di

la Soluzione di Cloud Computing di la Soluzione di Cloud Computing di Cos è Ospit@ Virtuale Virtuale L Offerta di Hosting di Impresa Semplice, capace di ospitare tutte le applicazioni di proprietà dei clienti in grado di adattarsi nel tempo

Dettagli

TOPOLOGIA di una rete

TOPOLOGIA di una rete TOPOLOGIA di una rete Protocolli di rete un protocollo prevede la definizione di un linguaggio per far comunicare 2 o più dispositivi. Il protocollo è quindi costituito dai un insieme di convenzioni

Dettagli

Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione

Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione SERVIZIO DI REALIZZAZIONE DELLA RETE INTERNAZIONALE DELLE P.A. Allegato H DEFINIZIONI E ACRONIMI 1 Note di carattere generale Il documento

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

MANUALE UTENTE FORMULA PEC

MANUALE UTENTE FORMULA PEC MANUALE UTENTE FORMULA PEC Stampato il 03/12/10 16.22 Pagina 1 di 22 REVISIONI Revisione n : 00 Data Revisione: 01/04/2010 Descrizione modifiche: Nessuna modifica Motivazioni: Prima stesura Stampato il

Dettagli

use ready 2 La soluzione open source enterprise preconfigurata per l'it Asset Management www.cmdbuild.org Tecnoteca Srl

use ready 2 La soluzione open source enterprise preconfigurata per l'it Asset Management www.cmdbuild.org Tecnoteca Srl 1 ready 2 use La soluzione open source enterprise preconfigurata per l'it Asset Management www.cmdbuild.org Tecnoteca Srl tecnoteca@tecnoteca.com www.tecnoteca.com CMDBuild ready2use 2 CMDBuild ready2use

Dettagli

Router VPN Cisco RV180

Router VPN Cisco RV180 Data Sheet Router VPN Cisco RV180 Connettività sicura e ad alte prestazioni a un prezzo conveniente. Figura 1. Router VPN Cisco RV180 (pannello anteriore) Caratteristiche Le convenienti porte Gigabit Ethernet

Dettagli

la Soluzione di Cloud Computing di

la Soluzione di Cloud Computing di la Soluzione di Cloud Computing di Cos è Ospit@ Virtuale Cosa è? Ospit@ Virtuale è l offerta Cloud- Computing di Impresa Semplice, che consente alle Piccole e Medie Imprese di ospitare presso i Data Center

Dettagli

SBSAfg.exe nella cartella Tools del DVD Opzioni avanzate: Migration Mode Unattend Mode Attended Mode con dati pre-caricati

SBSAfg.exe nella cartella Tools del DVD Opzioni avanzate: Migration Mode Unattend Mode Attended Mode con dati pre-caricati SBSAfg.exe nella cartella Tools del DVD Opzioni avanzate: Migration Mode Unattend Mode Attended Mode con dati pre-caricati Collegare il router e tutti i devices interni a Internet ISP connection device

Dettagli

Panoramica di Microsoft ISA Server 2004. Pubblicato: Giugno 2004 Per maggiori informazioni, visitare il sito Web: www.microsoft.com/italy/isaserver/

Panoramica di Microsoft ISA Server 2004. Pubblicato: Giugno 2004 Per maggiori informazioni, visitare il sito Web: www.microsoft.com/italy/isaserver/ Panoramica di Microsoft ISA Server 2004 Pubblicato: Giugno 2004 Per maggiori informazioni, visitare il sito Web: www.microsoft.com/italy/isaserver/ ISA Server 2004 - Introduzione ISA Server 2004 offre

Dettagli

PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE )

PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE ) ALLEGATO 4 PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE ) INTERCONNESSIONE TRA IL CED INTERFORZE E GLI OPERATORI DI TELEFONIA PER LA FORNITURA

Dettagli

REGIONE BASILICATA. Contratto di prestazione di servizi

REGIONE BASILICATA. Contratto di prestazione di servizi REGIONE BASILICATA Contratto di prestazione di servizi PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO QUINQUENNALE DEL SERVIZIO DI GESTIONE E MANUTENZIONE DEL SISTEMA INFORMATICO DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

- SIAU - Specifiche di Interfaccia Applicativi Utente

- SIAU - Specifiche di Interfaccia Applicativi Utente SISS - Sistema Informativo Socio Sanitario - SIAU - Specifiche di Interfaccia Applicativi Utente Configurazione del PdL Operatore Codice documento: CRS-ISAU-SIAU#05 Versione: 09 PVCS: 14 Data di emissione:

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows IBM SPSS Modeler Server può essere installato e configurato per l esecuzione in modalità di analisi distribuita insieme ad altre installazioni

Dettagli

18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET

18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET 18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso ai database

Dettagli

Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 UNIMATICA S.p.A.

Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 UNIMATICA S.p.A. Servizio di Conservazione a norma Service Level Agreement Sistema di Gestione per la Qualità - DQ_07.06 pag. 1 di 12 Revisione Data Motivo Revisione Redatto da Approvato da 1.0 03/10/2009 Emissione Andrea

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il corso Seguito di Reti di Telecomunicazioni LA Approfondimento sui protocolli di Internet TCP/IP, protocolli di routing,

Dettagli

ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia. Ing. ConoFranco Miragliotta

ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia. Ing. ConoFranco Miragliotta ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia Ing. ConoFranco Miragliotta L azienda Gruppo Telecom Italia I numeri del Gruppo (al 31 dicembre 2007) 8 i Paesi in cui il Gruppo Telecom Italia è presente

Dettagli

- Appendice 1 al Capitolato tecnico - SCHEDA INFRASTRUTTURA E FLUSSI

- Appendice 1 al Capitolato tecnico - SCHEDA INFRASTRUTTURA E FLUSSI - Appendice 1 al Capitolato tecnico - SCHEDA INFRASTRUTTURA E FLUSSI Appendice 1 - Pagina 1 di 11 Indice SCHEDA INFRASTRUTTURA E FLUSSI... 1 1. SCOPO... 3 2. DESCRIZIONE INFRASTRUTTURA SINTEL E NECA...

Dettagli

SOLUZIONI EVOLUTE PER L'AZIENDA CHE CAMBIA COMPANY PROFILE. GENNAIO 2013 GM Servizi S.r.l - Informatica per il business e le telecomunicazioni.

SOLUZIONI EVOLUTE PER L'AZIENDA CHE CAMBIA COMPANY PROFILE. GENNAIO 2013 GM Servizi S.r.l - Informatica per il business e le telecomunicazioni. SOLUZIONI EVOLUTE PER L'AZIENDA CHE CAMBIA COMPANY PROFILE GENNAIO 2013 GM Servizi S.r.l - Informatica per il business e le telecomunicazioni. GM - Servizi 3 COMPANY PROFILE AZIENDA E SERVIZI 01. Chi

Dettagli

MEGA Advisor Architecture Overview MEGA 2009 SP5

MEGA Advisor Architecture Overview MEGA 2009 SP5 Revisione: August 22, 2012 Creazione: March 31, 2010 Autore: Jérôme Horber Contenuto Riepilogo Il documento descrive i requisiti sistema e le architetture di implementazione possibili per MEGA Advisor.

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Come leggere ed interpretare la letteratura scientifica e fornire al pubblico informazioni appropriate sui farmaci

Come leggere ed interpretare la letteratura scientifica e fornire al pubblico informazioni appropriate sui farmaci Come leggere ed interpretare la letteratura scientifica e fornire al pubblico informazioni appropriate sui farmaci I motori di ricerca in internet: cosa sono e come funzionano Roberto Ricci, Servizio Sistema

Dettagli

Presentazione. Gennaio 2013. Corylus S.p.A. (Gruppo IVU S.p.A.)

Presentazione. Gennaio 2013. Corylus S.p.A. (Gruppo IVU S.p.A.) Presentazione Gennaio 2013 Corylus S.p.A. (Gruppo IVU S.p.A.) Sede Legale: Via La Spezia, 6 00182 Roma Sede Operativa: Via Tre Cannelle, 5 00040 Pomezia (RM) - Tel. +39.06.91997.1 - Fax +39.06.91997.241

Dettagli

PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE

PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE CAPITOLATO TECNICO DI GARA CIG 5302223CD3 SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura...

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

BANCA VIRTUALE/1 tecnologie dell informazione della comunicazione

BANCA VIRTUALE/1 tecnologie dell informazione della comunicazione BANCA VIRTUALE/1 Il termine indica un entità finanziaria che vende servizi finanziari alla clientela tramite le tecnologie dell informazione e della comunicazione, senza ricorrere al personale di filiale

Dettagli

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4)

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) Architettura del WWW World Wide Web Sintesi dei livelli di rete Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) - Connessione fisica - Trasmissione dei pacchetti ( IP ) - Affidabilità della comunicazione

Dettagli

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: Reti di computer ed Internet nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Reti di computer ed Internet

Reti di computer ed Internet Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE Lucia Picardi Responsabile Marketing Servizi Digitali Chi siamo 2 Poste Italiane: da un insieme di asset/infrastrutture

Dettagli

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di Calcolatori 1. Introduzione Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di calcolatori : Un certo numero di elaboratori

Dettagli

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA La Dialuma propone a catalogo 28 corsi di Informatica che spaziano tra vari argomenti e livelli. TITOLI E ARGOMENTI I001 - Informatica generale Concetti generali

Dettagli

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore)

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) 1. L hardware del PC (3 Lezioni - 9 ore) 2. Troubleshooting (1 Lezione - 3 ore) 3. Ambiente Operativo (5 Lezioni - 15 ore) 4.

Dettagli

Company profile 2014

Company profile 2014 Company profile 2014 Chi siamo Digimetrica è una società specializzata in: Sicurezza informatica Networking e gestione di infrastrutture informatiche Outsourcing di soluzioni internet e cloud computing

Dettagli

CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE

CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE Internet (La rete delle reti) è l insieme dei canali (linee in rame, fibre ottiche, canali radio, reti satellitari, ecc.) attraverso cui passano le informazioni quando vengono

Dettagli

Sicurezza architetturale, firewall 11/04/2006

Sicurezza architetturale, firewall 11/04/2006 Sicurezza architetturale, firewall 11/04/2006 Cos è un firewall? Un firewall è un sistema di controllo degli accessi che verifica tutto il traffico che transita attraverso di lui Consente o nega il passaggio

Dettagli

Internet: architettura e servizi

Internet: architettura e servizi Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Corso di Informatica - II anno Prof. Crescenzio Gallo Internet: architettura e servizi c.gallo@unifg.it Internet: argomenti n Modalità di collegamento

Dettagli

Internet: architettura e servizi

Internet: architettura e servizi Facoltà di Medicina Corso di Laurea in Logopedia Corso di Informatica - III anno Prof. Crescenzio Gallo Internet: architettura e servizi c.gallo@unifg.it Internet: argomenti Modalità di collegamento alla

Dettagli

Intesa Spa Ottobre 2015

Intesa Spa Ottobre 2015 Intesa Spa Ottobre 2015 INDICE DEI CONTENUTI 3 6 7 8 9 BUSINESS E TECHNICAL DRIVER ENVIRONMENT DI RIFERIMENTO 10 TECHNICAL FEATURES - intesabox 11 COMPETITION 12 BENEFICI DELLA SOLUZIONE 13 VALUE PROPOSITION

Dettagli

Il lavoro d ufficio e la rete

Il lavoro d ufficio e la rete Il lavoro d ufficio e la rete Quale parola meglio rappresenta e riassume il secolo XX appena trascorso? La velocità Perché? L evoluzione della tecnologia ha consentito prima la contrazione del tempo poi

Dettagli

Internet e le reti locali

Internet e le reti locali Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia SVILUPPO INTERCULTURALE DEI SISTEMI TURISTICI SISTEMI INFORMATIVI E TECNOLOGIE WEB PER IL TURISMO - 1 a.a. 2012/2013 Section 1 Preliminari Calcolare e comunicare

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL ORGANIZZAZIONE GIUDIZIARIA, DEL PERSONALE E DEI SERVIZI DIREZIONE GENERALE PER I SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI AREA CIVILE POLISWEB Piano delle verifiche

Dettagli

CATEGORIZZAZIONE PREVENTIVA di tutte le tipologie di richieste e dei dati necessari alla loro gestione Change Mgmt

CATEGORIZZAZIONE PREVENTIVA di tutte le tipologie di richieste e dei dati necessari alla loro gestione Change Mgmt Trouble Ticketing Contesto di riferimento I benefici del Trouble Ticketing Nell area Operations Support si collocano le varie fasi della gestione di un infrastruttura IT: a tale area è strettamente correlata

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Intranet: progettazione e capacity planning

Intranet: progettazione e capacity planning Intranet: progettazione e capacity planning 19/0 /05/0 G.Serazzi a.a. 2004/05 Impianti Informatici CSIntra - 1 indice intranet per una redazione giornalistica architettura, principali componenti e funzioni

Dettagli

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore)

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) 1. L hardware del PC (3 Lezioni - 9 ore) 2. Troubleshooting (1 Lezione - 3 ore) 3. Ambiente Operativo (5 Lezioni - 15 ore) 4.

Dettagli

Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale

Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Gestione Personale Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei

Dettagli

Petra Firewall 3.1. Guida Utente

Petra Firewall 3.1. Guida Utente Petra Firewall 3.1 Guida Utente Petra Firewall 3.1: Guida Utente Copyright 1996, 2004 Link s.r.l. (http://www.link.it) Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright.

Dettagli

Firewall e Abilitazioni porte (Port Forwarding)

Firewall e Abilitazioni porte (Port Forwarding) Firewall e Abilitazioni porte (Port Forwarding) 1 Introduzione In questa mini-guida mostreremo come creare le regole sul Firewall integrato del FRITZ!Box per consentire l accesso da Internet a dispositivi

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO Servizi specialistici Microsoft per il Progetto Controllo del territorio in Mobilità

CAPITOLATO TECNICO Servizi specialistici Microsoft per il Progetto Controllo del territorio in Mobilità CAPITOLATO TECNICO Servizi specialistici Microsoft per il Progetto Controllo del territorio in Mobilità. 1 Sommario 1 PREMESSA... 3 2 OBIETTIVO... 3 3 CONTESTO... 3 4 OGGETTO DI FORNITURA... 3 4.1 Dimensionamento...

Dettagli

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer.

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer. Classe 3^ Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI Sistemi e Reti Articolazione: Informatica Anno scolastico 2012-2013 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

ALLEGATO GMR - Gestione e Manutenzione Reti

ALLEGATO GMR - Gestione e Manutenzione Reti AZIENDA OSPEDALIERA SAN CARLO Via Potito Petrone 85100 Potenza - Tel. 0971-61 11 11 Codice Fiscale e Partita IVA 01186830764 ALLEGATO GMR - PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE E MANUTENZIONE DEL SISTEMA INFORMATICO

Dettagli

La rete internet e il WEB

La rete internet e il WEB C.so Integrato di statistica, e analisi dei dati sperimentali prof Carlo Meneghini Dip. di Fisica E. Amaldi via della Vasca Navale 84 meneghini@fis.uniroma3.it tel.: 06 57337217 http://www.fis.uniroma3.it/~meneghini

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications)

Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications) Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications) 1 ALBERTO BELUSSI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 WEB La tecnologia del World Wide Web (WWW) costituisce attualmente lo strumento di riferimento

Dettagli

ALLEGATO TECNICO SUL MODELLO DI SICUREZZA IN INTERNET IL PRODOTTO VORTAL

ALLEGATO TECNICO SUL MODELLO DI SICUREZZA IN INTERNET IL PRODOTTO VORTAL ALLEGATO TECNICO SUL MODELLO DI SICUREZZA IN INTERNET IL PRODOTTO VORTAL 1 Introduzione Il mondo del Web ha assunto negli ultimi anni una forza dirompente su tutti i fronti della comunicazione e della

Dettagli

Tiscali HDSL FULL. Offerta commerciale

Tiscali HDSL FULL. Offerta commerciale Tiscali HDSL FULL Offerta commerciale 09123 Cagliari pagina - 1 di 1- INDICE 1 LA RETE DI TISCALI S.P.A... 3 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO TISCALI HDSL... 4 2.1 I VANTAGGI... 4 2.2 CARATTERISTICHE STANDARD

Dettagli