Newsletter per gli investitori. Bilancio di Sostenibilità 2014 Le delibere dell Assemblea. Annuale degli Azionisti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Newsletter per gli investitori. Bilancio di Sostenibilità 2014 Le delibere dell Assemblea. Annuale degli Azionisti"

Transcript

1 NEWS Newsletter per gli investitori Anno 10, Numero 2 La Newsletter è stata chiusa con le informazioni al 13 maggio INDICE Focus sui risultati del 02 primo trimestre Bilancio di Sostenibilità Le delibere dell Assemblea 03 Annuale degli Azionisti M&A Awards I Premi per l Innovazione 04 e l Eccellenza Hera in Borsa 05 Azionariato Copertura analisti 01 Messaggio del Presidente La crescita dell utile netto è frutto di una maggiore efficacia in tutte le aree gestionali Gentili azionisti, i risultati trimestrali che il CdA ha approvato oggi offrono un eloquente testimonianza di come Hera sia focalizzata sul generare progressi a livello di ultima linea del conto economico. A fronte di un MOL in crescita dell 1,1%, l utile netto migliora del 3,8%, con tutte le aree gestionali operativa, finanziaria e fiscale che hanno contribuito in modo determinante alla generazione del risultato finale. Nei primi mesi del abbiamo potuto sperimentare temperature più rigide di quelle, del tutto anomale, registrate nel primo trimestre dello scorso anno; questo ha permesso all area Gas di giocare un ruolo trainante sull andamento del MOL consolidato. La seconda area la cui performance operativa ha avuto un impatto trainante sui conti del Gruppo è quella dell Acqua, a conferma di come l equilibrata presenza in portafoglio di business regolamentati possa essere premiante, a patto di avere un buon controllo sui costi operativi e di investire all insegna della lungimiranza e della qualità. I risultati del primo trimestre offrono inoltre l ennesima prova di come il modello Hera di integrazione delle società acquisite produca risultati che vanno oltre l allargamento del perimetro consolidato, grazie alle sinergie che riusciamo a esprimere. Nei prossimi mesi starà a noi essere capaci di capitalizzare le nuove dimensioni conquistate e il livello di efficienza raggiunto, anche in vista del processo di concentrazione del settore I risultati del primo trimestre combinano i benefici delle recenti acquisizioni con una sana crescita organica. delle utility che ci vede ben strutturati per potere giocare un ruolo di primo piano. Nel frattempo, con le modifiche statutarie varate dall ultima Assemblea, la nostra governance si è evoluta. Grazie al voto maggiorato anche gli azionisti di minoranza che abbiano dato prova di fedeltà avranno un peso rilevante in specifiche decisioni di medio-lungo periodo. Hera è un operatore di servizi di pubblica utilità; opera perciò in business caratterizzati da concessioni pluriennali e da cicli di investimento di ampio respiro: per realizzare l obiettivo strategico della creazione di valore, la nostra Società necessita di una base azionaria con un profilo stabile, che possa condividere e sostenere i suoi obiettivi di medio-lungo periodo. La governance di Hera esce rafforzata dall ultima Assemblea anche per l incremento, da 3 a 4, del numero di consiglieri che, a partire dal 2017, saranno nominati dalle minoranze, a fronte di un Ricavi mn , ,9 ampliamento del CdA da 14 a 15 membri. Il quadro attuale fotografa perciò una Hera efficacemente strutturata, in termini di portafoglio di business, di organizzazione funzionale e di regole di governo societario, per affrontare la prossima fase di crescita. Una buona premessa per potere cogliere al meglio le opportunità che la ripresa della domanda e la spinta a una più efficiente concentrazione di settore potranno offrire. Tomaso Tommasi di Vignano L INCREMENTO DEI RICAVI DI GRUPPO DEL 7,1% È STATO TRAINATO DALL AMPLIAMENTO DEL PERIMETRO E DA UNA RIPRESA DEI VOLUMI GAS. MOL mn ,3 277,2

2 02 Primo trimestre PRIMO TRIMESTRE (dati in milioni di euro) RICAVI 1.311,9 (+7,1%) MOL 277,2 (+1,1%) RIS. OPERATIVO 170,1 (-1,6%) INVESTIMENTI OPERATIVI NETTI 62,2 (+16,3%) INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO 2.556,7 A fuoco i risultati del primo trimestre /// I risultati del primo trimestre confermano come la crescita del Gruppo sia trainata tanto dal contributo delle ultime acquisizioni (in questo caso con l inclusione nel perimetro di consolidamento di Amga Udine) quanto dalla crescita organica. /// In un contesto di temperature invernali più rigide rispetto al primo trimestre, il MOL generato nell area Gas ha offerto un contributo sostanziale a livello di performance operativa di Gruppo. Anche il buon risultato del business regolamentato dell Acqua ha giocato un ruolo determinante. /// Nei risultati del Conto Economico di questo primo trimestre emerge in modo chiaro come anche la gestione finanziaria e quella fiscale siano aree essenziali nella creazione di valore. Nel primo trimestre i Ricavi del Gruppo Hera si sono espansi in misura significativa (+7,1%); la crescita, che riflette l ampliamento del perimetro di consolidamento - soprattutto grazie all integrazione di Amga Udine, MOL 1 Trim. 1 Trim. mn Variaz. Ambiente 69,8 64,9-7,0% Acqua 47,3 50,5 +6,9% Gas 116,6 128,4 +10,2% Energia elettrica 36,2 29,3-19,1% Altro 4,5 4,1-10,0% TOTALE 274,3 277,2 +1,1% operativa dal 1 luglio - è stata alimentata anche dalle positive performance nell area Gas. Il MOL raggiunge i 277,2 milioni di euro, con un incremento dell 1,1%, sostenuto dai buoni risultati delle aree Gas e Acqua. Gli Ammortamenti e Accantonamenti presentano una crescita del 5,6%, soprattutto per effetto del nuovo perimetro; l Utile Operativo mostra perciò una lieve flessione (-1,6%). I sensibili progressi maturati nell area gestione finanziaria (+9,2%, con un saldo negativo di 29,4 milioni di euro) beneficiano di una riduzione del costo medio del debito e di maggiori utili da partecipazioni. Le imposte, pari a 48,2 milioni di euro, si contraggono del 6,0% rispetto al primo trimestre grazie alla eliminazione della Robin Hood Tax, che gravava sulle società energetiche del Gruppo. L Utile netto si attesta pertanto a 92,5 milioni d euro, mettendo a segno un progresso del 3,8% rispetto al medesimo periodo del. Il miglioramento dell 1,1% del MOL consolidato esprime il contributo positivo offerto dalle performance operative dell area Gas (+10,2%) e Acqua (+6,9%). Il MOL del Gas è stato sostenuto dai maggiori volumi venduti (+23,7%), grazie alle temperature più rigide rispetto al primo trimestre e all integrazione di Amga Udine; ha avuto un ruolo non trascurabile anche il servizio di default gas, che Hera Comm si è aggiudicata per due anni in 5 regioni italiane. La positiva dinamica del MOL dell Acqua rispecchia l applicazione delle nuove tariffe deliberate dall Autorità per il periodo -, oltre a beneficiare di maggiori ricavi da lavori, per commesse e opere realizzate in conto terzi. L area Ambiente presenta una flessione del MOL del 7,0% principalmente attribuibile al ridotto contributo della produzione di energia e alle anticipate manutenzioni annuali, che hanno interessato 4 termovalorizzatori sui 10 complessivamente in portafoglio. Nel primo trimestre le attività di recupero e smaltimento sono state focalizzate su rifiuti a maggior valore aggiunto, con prezzi medi di mercato in lieve miglioramento rispetto al primo trimestre. La percentuale di raccolta differenziata sul territorio servito da Hera migliora sensibilmente, passando dal 52% del primo trimestre al 55,2%. Il business dell Energia Elettrica presenta una flessione del MOL del 19,1%, sostanzialmente riferibile a fattori straordinari, quali i minori ricavi regolati della distribuzione, per recuperi di competenze pregresse del primo trimestre nell area di Gorizia. Prosegue invece in modo incoraggiante l espansione (+9,3%) del numero di clienti (808. al 31 marzo ), anche per effetto del consolidamento di Amga Energia & Servizi. Ripartizione del MOL 1 Trimestre 10,6% n Ambiente n Acqua n Energia elettrica 18,2% 46,3% 23,4% 1,5% n Gas n Altro

3 03 News Il bilancio di sostenibilità : uno strumento sempre più trasparente /// Hera distribuisce ai propri azionisti 145,4 milioni di euro, pari al 10,5% del Valore Aggiunto complessivamente generato nel. Bilancio di sostenibilità Il Bilancio di Sostenibilità di Hera è stato redatto in conformità con le linee-guida GBS e GRI-G4. Gli standard della Global Reporting Initiative sono soddisfatti secondo l opzione Comprehensive (applicazione completa delle richieste), come ha potuto verificare DNV Italia, società di assurance esterna. Fatti, impegni assunti e mantenuti, progetti futuri: tutti questi aspetti sono stati rendicontati nell edizione del in un forma completamente rinnovata, con l obiettivo di rendere il Bilancio uno strumento di comunicazione sempre più trasparente nei confronti degli stakeholder. Per il dodicesimo anno consecutivo, il Bilancio di Sostenibilità di Hera mostra un incremento del Valore Aggiunto Globale Lordo. Dopo il notevole incremento dello scorso anno, che rifletteva l ingresso di AcegasAps nel perimetro di Gruppo, anche nel è stato realizzato un ulteriore progresso, pari a 32,4 milioni di euro (+2,4%). Hera S.p.A. Sede: Viale C. Berti Pichat 2/ Bologna tel: fax: Capitale Sociale int. vers i.v. C.F./P. IVA Reg. Imp BO Valore Aggiunto Globale Lordo milioni di euro Ripartizione Valore Aggiunto per stakeholder 0,2% 15,8% 11,1% 26,6% 10,5% 35,8% La ripartizione del valore aggiunto tra i diversi stakeholder indica che agli azionisti sono stati distribuiti 145,4 milioni di euro, pari al 10,5% del Valore Aggiunto complessivo per il. n Pubbl. Ammin. n Comunità locale n Lavoratori n Azionisti n Azienda n Finanziatori Nel capitolo del Bilancio di Sostenibilità relativo agli Azionisti e Finanziatori sono evidenziati i progressi compiuti che riguardano direttamente questa tipologia di stakeholder. Tra i più significativi risultati presentati, il Total Shareholder Return, che dal momento della quotazione nel 3 ha raggiunto il 125%, l inclusione del titolo azionario Hera in 3 indici etici e il collocamento del green bond per 500 milioni di euro, a un tasso del 2,375%: un innovativo strumento di finanziamento che Hera è stata la prima società italiana a proporre con successo al mercato. LE DELIBERE DELL ASSEMBLEA ANNUALE DEI SOCI L Assemblea Ordinaria ha approvato il Bilancio e la distribuzione dell utile Il 28 aprile l Assemblea degli Azionisti ha approvato la Relazione Finanziaria Annuale, il Bilancio di Sostenibilità e la distribuzione di un dividendo di 9 centesimi per azione, invariato rispetto a quello dell esercizio precedente e in linea con la proposta del CdA. Il dividendo sarà messo in pagamento dal prossimo 24 giugno. L Assemblea Annuale ha visto un incremento di presenze dei Soci rispetto a quella del. Hanno infatti partecipato, in proprio o per delega, 345 azionisti (rispetto ai 275 azionisti dell Assemblea ) per un totale di azioni, corrispondenti al 74,8% del capitale sociale (rispetto al 73,6% del ). L Assemblea Straordinaria ha inoltre deliberato su alcune modifiche dello Statuto. 1. Introdotta la prevalenza dei diritti di voto dei Soci Pubblici La modifica dell articolo 7 ha introdotto la prevalenza dei diritti di voto dei Soci Pubblici: nonostante l eliminazione della percentuale minima del 51% del capitale che lo Statuto prevedeva essere di proprietà dei Soci Pubblici, la governance della Società non subirà pertanto mutamenti relativamente a questo aspetto. 2. Istituito il voto maggiorato La modifica dell articolo 6 ha introdotto la cosiddetta maggiorazione di voto, che consente di attribuire a ciascuna azione fino a un massimo di due voti. Il voto maggiorato spetta alle azioni detenute da un medesimo azionista (pubblico o privato) per almeno 24 mesi. In Hera il voto maggiorato sarà applicato esclusivamente alla nomina e/o revoca del CdA e del Collegio Sindacale, per la modifica del limite al possesso azionario, nonché per la modifica dello stesso articolo che istituisce il voto maggiorato. 3. Un ulteriore consigliere alla minoranza azionaria A partire dal 2017 il numero dei componenti del Consiglio di Amministrazione aumenterà da 14 a 15. Tra questi, 4 (anziché 3 come in passato) saranno tratti dalle liste presentate dai soci di minoranza. La modifica è volta a garantire un migliore equilibrio di governance fra i diritti di voto dei Soci Pubblici e quelli degli altri azionisti.

4 04 News L M&A Award per l acquisizione di Amga Udine indica l efficacia del modello di crescita di Hera Nell aprile Hera ha ricevuto l M&A Award, nato da un idea di KPMG e Fineurop Soditic e giunto all XI edizione. Il premio si propone di promuovere la cultura della crescita e il coraggio imprenditoriale, valorizzando gli investimenti industriali realizzati attraverso operazioni di M&A. Hera è stata premiata per l acquisizione di Amga Udine. La giuria ha riconosciuto come Hera continui nel suo percorso di consolidamento e di creazione di valore proponendosi sempre più come «polo multiutility» del Nord, in grado di offrire soluzioni integrate multiservizi sul territorio. In questo senso l esperienza di M&A di Hera rappresenta un modello interessante per l intero settore a livello nazionale. Il Presidente Esecutivo Tomaso Tommasi di Vignano e l AD Stefano Venier ricevono l M&A Award Sin dalla sua nascita, nel 2, Hera ha creato un unica multiutility attraverso l aggregazione di 11 municipalizzate dell Emilia Romagna. Nel corso dei successivi 12 anni ha incorporato un ulteriore decina di società, attraverso l espansione in territori limitrofi: con attività prevalentemente basate su reti (di gas, acqua ed elettricità), le opportunità di sinergie infatti crescono quanto maggiore è l interconnessione. Amga Udine è un esempio che ben rappresenta le 22 operazioni di integrazione realizzate nel tempo. Hera ha previsto nel suo Piano Strategico che dalla controllata AcegasApsAmga, realtà di primo piano nel Triveneto, possano emergere sinergie per circa 35 milioni di euro: una cifra di oltre il 20% superiore al MOL cumulato delle tre aziende pre-fusione. Le notevoli sinergie che nel tempo sono emerse dalle diverse operazioni di M&A realizzate derivano da un consolidato modello di aggregazione, basato in primo luogo su un attento studio in fase di individuazione delle realtà più opportune da aggregare sotto il profilo del potenziale sinergico e, successivamente, sulla rigorosa attuazione del processo di integrazione. MOL per anno 192 mln 386 mln +2 operazioni 607 mln +4 operazioni 868 mln +7 operazioni +11 operazioni IL PREMIO INNOVAZIONE E IL PREMIO ECCELLENZA DI ACEGASAPSAMGA L integrazione si realizza anche attraverso una profonda condivisione delle priorità strategiche Nel Piano Strategico Hera ha presentato le 4 priorità funzionali alla creazione di valore: l eccellenza, la crescita, l innovazione e l efficienza. Il presupposto perché tali linee-guida possano generale valore per l azionista è che si traducano in progetti operativi nell ambito del Gruppo. Un efficace testimonianza di come le integrazioni prendano corpo attraverso la condivisione della strategia è costituito dai due premi creati all interno di AcegasApsAmga. Il Premio Innovazione, rivolto a tutto il personale della Società, riguarda: innovazioni di processo e servizio, innovazioni organizzative, gestionali e informatiche, innovazioni delle attività di supporto, nella gestione e sviluppo delle risorse umane, innovazioni nei flussi interni ed esterni. Il Premio Eccellenza è rivolto a tutte le unità di business della Società e riguarda: l implementazione di procedure per raggiungere l eccellenza strutturale nel servizio; la realizzazione di azioni eccellenti rivolte a clienti interni ed esterni; l individuazione di comportamenti «non eccellenti» e le proposte per migliorarli; l identificazione di strumenti di eccellenza nell ambito della dotazione software. Le singole iniziative saranno valutate da una giuria composta da manager di diverse funzioni. I premiati, individui o gruppi, vedranno il proprio progetto realizzato e potranno ricevere attività formative di elevato profilo.

5 05 Hera in borsa Il titolo Hera Prezzo al : 2,37 Max-Min a 365 gg: 2,37-1,85 N. azioni emesse: Capitalizzazione: 3,53 mld di Prezzo-target di consensus 2,63 (fonte: ricerca broker) 34,4% 8,3% 2,0% 3,2% 4,8% 4,8% Indici borsistici nei quali il titolo Hera è incluso FTSE Italia All-Share Capped + All-Share+ Mid Cap + Servizi Pubblici STOXX Total Market Index+Europe+Europe ex-uk+italy STOXX TMI+Europe nei segmenti: Utilities, Gas-Water & Multiutilities, Value Axia Ethical / Kempen SNS Smaller Europe SRI Index FTSE ECPI Italia SRI Benchmark + Italia SRI Leaders + Ethical Index EMU 13,2% 9,4% 19,8% Azionariato n Comuni provincia di Bologna n Comuni provincia di Modena n Comuni provincia di Trieste n Comuni provincia di Padova n Comuni provincia di Ferrara n Comuni provincia di Udine n Altri Comuni province della Romagna n Patto soci privati n Flottante Calendario finanziario /// 13 maggio primi tre mesi /// 26 agosto primi sei mesi /// 11 novembre primi nove mesi Performance prezzo titolo Hera da inizio 2,4 2,3 2,2 2,1 2 1,9 1,8 gen feb mar apr mag Performance Hera vs. FTSE Italia All-share Index da inizio 130,00 n FTSE Italia All-share Index n Hera 120,00 110,00 100,00 90,00 gen feb mar apr mag Da inizio anno il prezzo del titolo Hera mostra una performance molto positiva. Mentre nelle prime settimane del il rialzo è stato guidato soprattutto dalle attese e poi dall effettivo annuncio del programma di Quantitative Easing da parte della BCE, la seconda fase del movimento, da aprile in poi, è stata alimentata dalla favorevole accoglienza che gli investitori hanno riservato ai risultati annuali, pubblicati il 24 marzo, cui ha fatto seguito un miglioramento delle valutazioni. La prossima distribuzione del dividendo di 9 centesimi di euro per azione (in pagamento il 24 giugno), in seguito all approvazione da parte dell Assemblea degli Azionisti, è un ulteriore elemento che continua a sostenere la buona dinamica delle quotazioni. Hera è inoltre considerata da diversi analisti una delle realtà meglio posizionate per beneficiare di un accelerazione del processo di concentrazione del settore utility in Italia. COPERTURA ANALISTI Broker Prezzo target Rating Banca Akros 2,60 Buy Banca IMI 2,70 Buy Equita 2,40 Buy Fidentiis Equities 2,65 Buy Goldman Sachs 3,00 Buy Intermonte 2,40 Neutral Kepler Cheuvreux 2,55 Buy Mediobanca 2,70 Outperform Media 8 analisti 2,63 12 maggio In seguito alla presentazione dei risultati annuali, il prezzo target di consensus degli otto analisti che coprono il titolo Hera è migliorato da 2,54 a 2,63 euro. L evidente impatto positivo che il consolidamento di Amga Udine, efficace dal 1 luglio, ha avuto sui conti annuali e la provata capacità di estrarre sinergie dalle acquisizioni hanno indotto i broker a rivedere le proprie stime di utili per gli anni successivi, e, di conseguenza, a migliorare le proprie valutazioni. Il consensus in termini di raccomandazioni rimane orientato in modo molto positivo, con sette suggerimenti di acquisto (6 Buy e 1 Outperform) e un rating neutrale, mentre continuano a essere totalmente assenti le raccomandazioni di vendita. Il titolo Hera figura nella Convinction Buy List e nella Director of Research Focus List di Goldman Sachs ed è tra le mid cap preferite da Mediobanca. /// CONTATTI Ufficio Investor Relations Responsabile: Jens K. Hansen T /// Il prossimo numero della newsletter verrà pubblicato il 26 agosto. /// HeraNews Responsabile Jens K. Hansen Concept e contenuti editoriali Blue Arrow, Milano Progetto grafico e impaginazione moma Studio, Milano

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana ***

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana *** LA BORSA ITALIANA DAL 1928 Indice annuale dei corsi della Borsa italiana La serie storica dell indice di borsa dal 2 gennaio 1928 al 3 giugno 213 è stata elaborata a puro titolo indicativo. Essa è stata

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia 30 settembre 203 4 ottobre 203 Telecom Italia e il mercato italiano Prezzo Chiusura Volumi medi giornalieri Capitalizzazione** da

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTREE 212: Ricavi consolidati a 22, mln (+ 5% vs v Q1 211 1 ) MOL 2 a 3,11 mln

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

Il riparto dell utile nelle società per Azioni

Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle spa è soggetto alle limitazioni imposte dal codice civile e dallo statuto. Solo dopo aver soddisfatto i predetti vincoli l utile

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it Quotarsi in Borsa La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana www.borsaitalia.it Indice 1. Introduzione 3 2. La decisione di quotarsi 5 3. La scelta del mercato di quotazione 9 4. I requisiti

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Società e Servizi di IR Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Noi Siamo una società indipendente di consulenza specializzata in Investor Relations e Comunicazione d Impresa. Siamo una giovane realtà,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

LA QUOTAZIONE IN BORSA

LA QUOTAZIONE IN BORSA LA QUOTAZIONE IN BORSA Facoltà di Economia dell'università di Parma 20 febbraio 2012 Martino De Ambroggi L attività del broker Equity Sales & Trading Equity Research Francesco Perilli (CEO) Investment

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli