La sfida dell Economia Civile nella crisi attuale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La sfida dell Economia Civile nella crisi attuale"

Transcript

1 Forum del Terzo Settore - Provincia di Macerata Facoltà di Economia Università di Macerata Macerata, 2 marzo 2011 La sfida dell Economia Civile nella crisi attuale PROF.. STEFANOS ZAMAGNI Docente di Economia, Direttore del Dipartimento di Scienze Economiche dell Università di Bologna Il paradigma dell Economia Civile è più antico di quello dell Economia Politica. L Economia Politica è associata al nome del filosofo ed economista scozzese ADAM SMITH ( ), il quale nel 1776 pubblicò la sua opera fondamentale: La ricchezza delle nazioni.. L Economia Civile, invece, esistente già prima dell Eco- nomia Politica, rappresenta una tradizione di pensiero tipicamente italiana. Forse per questo è stata abban- donata, perché noi italiani non siamo bravi nel mantenere le nostre radici culturali. Non le sappiamo valo- rizzare, mentre gli stranieri le studiano, le fanno proprie e poi sono molto più bravi di noi, specie gli ameri- cani, nel propagandarle. Però, per amore della verità storica, è bene che si sappia che l Economia Civile an- ticipa l Economia Politica e ha la sua culla in due centri: Milano e Napoli. In questi due centri dell Illumini- smo italiano veniva attentamente studiato il problema economico. L Economia Civile è una forma particolare di azione nella sfera economica. La caratteristica, la cifra dell agire in ambito economico tipica dell Economia Civile è quella di mettere in gioco il principio di recipro- cità. Tale principio si caratterizza e si differenzia dal principio dello scambio di equivalenti. Noi oggi sappia- mo che ci sono problemi per risolvere i quali il principio dello scambio e il principio di redistribuzione (che è l altro grosso pilastro dell Economia Politica) non sono sufficienti. Per risolvere i nuovi problemi secondo la mia tesi condivisa da tanti altri che anche all estero ormai si occupano di queste cose c è bisogno di ri- mettere in gioco il principio di reciprocità, traducendolo però in pratica poiché non basta solo affermarlo. Il principio dello scambio contraddistingue da sempre il mercato di tipo capitalistico e ha delle parti- colarità a tutti note, mentre il principio di redistribuzione connota di sé l intervento dello Stato in econo- mia, appunto con scopi redistributivi. Per esempio, nel caso del welfare state,, consideriamo l intervento dello Stato che, usando gli strumenti a sua disposizione, il primo dei quali la tassazione di tipo progressivo, prende le risorse dai più abbienti per finanziare attività o servizi a vantaggio dei meno abbienti. Il welfare state è stata una grande invenzione del Novecento, di cui dobbiamo essere grati a KEYNES,, ma anche, ancor prima, alla Germania di BISMARCK che aveva iniziato a produrre servizi di questo tipo. In Italia il welfare state arriverà più tardi. La mia tesi è che un ordine sociale, in cui c è scambio di equivalenti, in cui c è un mercato che ben funziona e uno Stato che agisce per distribuire la ricchezza o il reddito prodotti per raggiungere fini di equità in qualche modo definita oggi non è in grado di sciogliere i nuovi nodi, i nuovi problemi che carat- terizzano la nostra società. Allora mi corre l obbligo di argomentare che, quando si parla di problemi legati alla crisi e a quant altro, da una parte alcuni economisti di scuola neoliberista dicono: «Dobbiamo rafforza- re la logica dello scambio di mercato, dobbiamo insistere per liberalizzare tutto e così eliminiamo i mono- poli» (è giusto eliminare i monopoli). Altri, invece, di un altra sponda politica (di sinistra o riformisti) dicono: «Bisogna che lo Stato intervenga di più, con un azione mirata, ad esempio, con la lotta all evasione,» (è giusta la lotta all evasione fiscale). Ora tutto questo non è che non sia valido ma la mia convinzione è che non basta, perché i problemi di oggi sono talmente nuovi che per affrontarli non sono sufficienti queste due modalità di intervento: del mercato capitalistico da un lato e dello Stato dall altro.

2 Allora prendo le mosse da questa costatazione. Gli ultimi trenta/trentacinque anni sono caratterizzati da due fenomeni d importanza epocale: da un lato la globalizzazione, dall altro la terza rivoluzione indu- striale. Per puro caso questi due fenomeni sono accaduti contemporaneamente. Quando nel 700 in Inghil- terra scoppiò la prima rivoluzione industriale non c era la globalizzazione né i fenomeni legati ad essa. La stessa cosa accadde con la seconda rivoluzione industriale. In questo nostro periodo storico, nel quale ci è dato di vivere, si sta verificando una congiunzione tra la globalizzazione e la terza rivoluzione industriale, cioè quella delle nuove tecnologie info-telematiche. Ebbene, il combinato disposto di questi due nuovi fe- nomeni degli ultimi decenni ha determinato un emergenza di problemi nuovi. Non che i vecchi problemi siano scomparsi, ma a questi se ne sono aggiunti di nuovi. Ciò ha preso tutti di sorpresa ed è emersa una certa incapacità di affrontarli. Di questi nuovi problemi ne indico tre, quelli che richiedono più attenzione. Il primo problema è legato al fatto che mentre la ricchezza aumenta a loro volta le disuguaglianze au- mentano più che in proporzione. Si era certi che oltre un certo livello di reddito pro-capite, l indice di disu- guaglianza prima o poi sarebbe diminuito, fino, a lungo andare, arrivare quasi a zero. Da qui nasceva un im- plicazione politica detta così in parole povere: «Non preoccupatevi di redistribuire, perché è il meccanismo del mercato stesso che nella misura in cui fa aumentare il reddito pro-capite porta con sé la diminuzione delle disuguaglianze». Quindi tutti felici e contenti. Ed infatti questo fu l imperativo categorico: «Producete, producete, producete,». L analisi del fenomeno di questi ultimi decenni ci dice invece che è vero il contrario: mentre aumenta il reddito pro-capite, la disuguaglianza aumenta più che in proporzione. Disuguaglianza vuol dire la distanza che separa un gruppo sociale da un altro. Ovviamente è cosa buona aumentare il reddito; se però all au- mento del reddito le differenze sociali anziché ridursi aumentano, ciò pone una seria ipoteca sulla stabilità socio-politica di un Paese. Ci sono pure le premesse per una guerra civile. Forse è esagerato, se però notia- mo ciò che succede nel Nord Africa si può capire che purtroppo non si è lontani dalla realtà. Ecco allora un primo problema a cui non eravamo abituati. I poveri e i ricchi ci sono sempre stati e sempre ci saranno, ma oggi i ricchi sono troppo ricchi, scandalosamente ricchi. C è un indicatore banale, giornalistico ma rivelatore. Se consideriamo il differenziale stipendiale tra il più pagato e il meno pagato ne- gli USA, nel 1970 il rapporto era di 1 a 100. Cioè il più pagato prendeva 100 volte il meno pagato. Cinque anni fa lo stesso rapporto aumentava: era di 1 a 700. Cioè il più pagato prendeva 700 volte il meno pagato. Ciò significa che in oltre trent anni l indice di disuguaglianza è aumentato di 7 volte circa. Allora questo pone più di un problema e non può essere tollerato. Mentre tutti siamo disposti ad ammettere che alcuni sono più ricchi di altri perché i meriti di ognuno sono diversi (c è chi è più capace chi meno, chi è più pro- duttivo chi è meno, ecc.), nessuno mi può convincere che, ad esempio, MARCHIONNE debba prendere uno sti- pendio circa 600 volte più alto di quello di un quadro intermedio di un azienda. E chiaro che MARCHIONNE sarà più efficiente, più produttivo, ma secondo voi è 600 volte più efficiente di un ingegnere, di un fisico o di un chimico che occupa una certa posizione? E possibile? Nessuno può credere a queste cose. Di fatto quello che sta avvenendo non è altro che la messa in crisi della teoria del reddito, basata sulla produttività del lavoro. Si tratta di una delle gloriose teorie della scuola di pensiero neoclassica. Questa scuola diceva (dopo tutto con buon senso) che il salario deve essere proporzionato alla produttività del sog- getto. Cioè se produci di più prendi più salario; in via generale forse non è pienamente giusto ma forse è ac- cettabile. Oggi, però, quando osserviamo che un soggetto percepisce 10 milioni di Euro l anno tra stipendio base, bonus e altre aggiunzioni, è difficile dimostrare che quel soggetto abbia una produttività pari o pro- porzionale a 10 milioni di Euro. Questo perciò è il primo problema che oggi angustia tutti noi a livello sia di piccole comunità che di sistemi: l aumento endemico (cioè che nasce dal di dentro) delle disuguaglianze. Il secondo problema riguarda un altro aspetto e più direttamente il mondo del lavoro. Questo aspetto è veramente inquietante. Per spiegarlo mi avvalgo di una metafora. La struttura dell organizzazione del la- voro, quindi del mercato del lavoro risalente a circa trent anni fa, può essere rappresentata mediante una piramide. In basso c erano i lavori umili (di coloro che svolgono lavori di routine con bassa professionalità, 2

3 come ad esempio le pulizie, ecc.); la zona intermedia della piramide era occupata dal ceto medio (profes- sionisti, avvocati, insegnanti, commercialisti, cioè i colletti bianchi); in cima alla piramide c erano i vertici aziendali, le figure apicali dell organizzazione, gli alti dirigenti. A capo della struttura aziendale c erano uno, due dirigenti (pochi) o super ingegneri che preparavano i piani di produzione e trasmettevano gli ordini alle strutture inferiori. Il modello perciò era prettamente gerarchico. In questa struttura piramidale si veniva a realizzare un parallelo tra la struttura di classe e il livello occupazionale. Perciò la classe operaia stava nel punto più basso della piramide, in mezzo alla piramide la classe media, nel vertice la classe superiore. Oggi l'organizzazione del lavoro ha preso la forma simile ad una clessidra. Si tratta di un'immagine che rende l'idea più di tante spiegazioni. La differenza tra ieri ed oggi non sta nella base inferiore, dove tro- viamo le basse professionalità, perché ieri come oggi c è sempre bisogno di chi fa lavori umili. La differenza è che non c è più un vertice ma (come nella clessidra) una base superiore. Il che vuol dire che il mondo del lavoro, dell impresa ha continuamente bisogno di tanti super tecnici ben specializzati, tanto è vero che le imprese lottano tra loro per accaparrarsi i soggetti migliori. La seconda differenza è che il livello intermedio non è più tanto affollato (come nel caso della struttura piramidale) ma è molto ristretto: ci sono pochi po- sti. Ciò significa che oggi il mondo del lavoro tende a preferire, da un lato, i soggetti con professionalità molto bassa, dall altro quelli con professionalità molto alta. Quello che viene ad essere escluso è il livello professionale intermedio, cioè i laureati. Infatti, se osserviamo le statistiche notiamo che i disoccupati o i precari sono quasi tutti laureati. Oggi il semplice laureato che non ha frequentato corsi ulteriori, master, dottorato di ricerca, ecc., è un soggetto che tende ad essere scartato, perché le imprese assumono o il sem- plice diplomato, che costa di meno ed è più flessibile, oppure assumono un super specializzato. Ciò mette in risalto un fatto: con la globalizzazione la competizione avviene sull innovazione. Occorre rinnovare, essere creativi, trovare nuovi modelli e processi. C è bisogno di professioni molto avanzate, non semplicemente capaci di ripetere una conoscenza acquisita, ad esempio, in una fase precedente. Questo è il dramma: il tasso medio di disoccupazione giovanile (18-29 anni) in Italia è pari al 29% e al Sud è ancora più alto, intorno al 36%. Due giovani su tre non trovano lavoro. Sono quasi tutti laureati specie al Sud. Que- sta è una novità assoluta: scompare il ceto medio. E poi per effetto della crisi è questo il ceto che sta peg- gio. I soggetti con bassa professionalità non hanno peggiorato: anche in epoca di globalizzazione c è biso- gno di loro. I soggetti con professionalità molto alta, i supertecnici, i manager stanno meglio e la crisi ha in- fluito positivamente su di loro. Il principio dello scambio produce questi risultati. La distribuzione non basta più. Lo Stato può mante- nere tutti i soggetti del ceto medio? Ovviamente no. E già tanto che lo Stato aiuti (pur con tante difficoltà e problemi) i disabili, gli ammalati, coloro che sono colpiti da una qualche emergenza. Non può farsi carico di tutto perché le risorse disponibili sono limitate. Quindi ecco perché occorre pensare a forme nuove. Il terzo problema di quest epoca storica è quello che va sotto il nome di paradosso della felicità.. Pa- radosso è parola greca che vuol dire meraviglia, sorpresa, qualcosa che tu non ti aspetti. Nel 1974, l e- conomista americano RICHARD EASTERLIN pubblicava un articolo nel quale enunciava per la prima volta il para- dosso della felicità.. Cioè veniva riscontrato che con l aumentare del reddito aumentava la felicità solo però fino alla soglia di dollari pro-capite all anno. Dopo questa soglia egli riscontrava che ulteriori aumen- ti di reddito fanno diminuire la felicità, anziché incrementarla. All inizio questa costatazione non fu capita, oggi invece tutti parlano del paradosso della felicità. Qual è il senso di questo paradosso? Noi eravamo abituati a pensare che aumentando il reddito tutti sarebbero stati più soddisfatti. Per cui il messaggio in parole povere era: «Produciamo di più, ci arricchia- mo, perché così saremo più contenti, la qualità della vita migliorerà». Invece abbiamo scoperto che non è vero. Ma, per meglio dire, fino ad una certa soglia è vero, oltre no. Riscontriamo che i Paesi poveri sono al di sotto della soglia dei dollari (ed è già tanto), mentre i Paesi ricchi hanno aumentato enormemen- te questo livello. La ragione esplicativa del paradosso ci dice che per guadagnare di più (cioè oltre la soglia dei dollari) la gente deve non solo lavorare intensamente, ma esercitare due, tre, quattro lavori. 3

4 Succede allora che per incrementare ancor più il reddito occorre impiegare più tempo nell attività lavorati- va. Ma più tempo dedichiamo al lavoro più tempo siamo costretti a togliere alla vita di relazione, ai rapporti familiari, sociali, civili, Poiché la felicità dipende dalle relazioni molto di più che non dai beni materiali, ac- cade che se io per guadagnare di più compro più beni (più case, più automobili, più Tv, più cellulari, ecc.) questi non mi danno la felicità, perché la felicità stessa è legata alle relazioni interpersonali. Il primo a scoprire ciò fu ARISTOTELE 1300 anni fa. Egli affermava che non si può essere felici da soli, oc- corre essere almeno in due. Se si è soli non c è relazionalità, cioè non si possono consumare beni relaziona- li. Oggi emerge questa nuova categoria: i beni relazionali. Il concetto di bene relazionale è stato introdotto per la prima volta in economia nel Prima non esisteva mentre oggi viene considerato da tutti gli eco- nomisti: non si può insegnare economia senza tener presente i beni relazionali. Si ha un bene relazionale quando il vantaggio che si ottiene dipende dalla relazione, come ad esempio nel caso dell amicizia, del ma- trimonio, Se marito e moglie non possono stare insieme perché magari ognuno svolge cinque o sei lavori, è vero che guadagnano di più e aumentano le entrate ma non possono beneficiare dei beni relazionali. Se ho dei figli e dico loro: «Io non ho tempo di giocare con voi perché devo fare il terzo lavoro, poi con i soldini che guadagno in più vi compro la play-station o l ultimo modello di un altro gioco elettronico,» li privo di un bene relazionale. Il fatto è che i bambini sono costretti a consumare quei giochi, perché i genitori non hanno tempo di stare con loro, non danno loro la relazionalità. Ma i fatti ci dicono che preferiscono giocare con i propri genitori piuttosto che estraniarsi in solitudine con qualche gioco o davanti alla Tv. Ecco come si spiega il paradosso della felicità ed è chiaro che noi economisti abbiamo una grave re- sponsabilità, perché abbiamo fatto credere e continuiamo a far credere ai nostri studenti, e alle persone in generale, che la felicità sia la stessa cosa dell utilità. Cioè se lavori di più guadagni di più ed è vero che hai più utilità: massimizzi l utilità ma l utilità è una cosa e la felicità e un altra. L utilità è la proprietà della rela- zione tra l essere umano e la cosa. Ad esempio, quest acqua (sul tavolo a portata di mano) mi dà un utilità, io la bevo e mi soddisfa. Ma se per questo io dicessi: «Sono felice», tutti mi prenderebbero per scemo, per- ché quest acqua mi dà sì utilità ma non certo felicità. Il punto è che, per aver confuso utilità con felicità è accaduto ciò che prima ho spiegato. Cioè l impulso a lavorare di più mi fa essere più ricco e mi dà più utilità, ma non mi dà la felicità che è legata invece alla relazione. Quanta gente mi dice: «Io preferisco lavorare con un salario minore, magari prendere 1000 anziché 1500 Euro, purché nell ambiente di lavoro non ci sia con- flittualità ma una certa vivibilità e un buon rapporto tra le persone». Vi ho indicato questi tre blocchi di problemi: l aumento sistemico delle disuguaglianze; il mutamento della struttura del mercato del lavoro con la conseguente disoccupazione che aumenta; il paradosso della felicità.. Con ciò ho voluto dimostrare che abbiamo bisogno di Economia Civile. E necessario lanciare o ri- lanciare (a seconda dei casi) forme d impresa, e più in generale di attività economica, che abbiano come cri- terio guida il principio di reciprocità e non il principio della massimizzazione del profitto, Nell affermare ciò non sto condannando l economia tradizionale (sono per la libertà di scelta), ma è necessario inserire dentro il nostro circuito economico, accanto alle imprese di tipo capitalistico, che operano in base al principio dello scambio di equivalenti e della massimizzazione del profitto, altre imprese che hanno una logica diversa. Queste sono le imprese sociali, le cooperative, in generale il cosiddetto terzo settore. Occorre dare spazio a questo mondo. E vero, ci sono le associazioni di promozione sociale, il volontariato, Il nostro Paese ab- bonda di esperienze simili fuori dal mercato. Per fortuna che ci sono. Se non vi fossero, specie in questo pe- riodo di crisi, le condizioni di vita sarebbero peggiori. Questi soggetti hanno dedicato per lo più l attenzione alla sfera sociale. La mia tesi ripeto è quella che devono entrare nella sfera dell economico. Cioè devono diventare imprenditori come gli altri. Solo che sono imprenditori civili e non imprenditori capitalistici. L imprenditore capitalista lavora per massimizzare il profitto e non c è niente di male, però esigo che venga creato spazio anche per altri imprenditori che per ragioni loro, o perché hanno la vocazione o altro, vogliono realizzare l attività economica seguendo una lo- 4

5 gica diversa da quella del profitto, cioè la logica della reciprocità o della mutualità, nel caso della coopera- zione, che è una logica non capitalistica. Nelle cooperative vale il principio di una testa un voto. Se io metto 100 e tu metti 1, il mio voto vale quanto il tuo. Nell impresa capitalistica invece non è così: se ho 10 azioni conto per 100, se ho un azione conto per uno. La mutualità è una forma di reciprocità. Pensiamo anche ad altre note iniziative come, ad esempio, il microcredito, il commercio equo e soli- dale, la banca etica, ecc. Tutte queste cose, nate da un po di anni, stentano a decollare perché la nostra le- gislazione lo impedisce. Il sistema legislativo italiano è tale per cui questi soggetti del terzo settore sono pure incentivati, hanno anche sgravi fiscali, ma purché non disturbino, non diano fastidio all impresa capita- listica. Questo è il punto che cerco di far capire a quelli del forum del terzo settore. Molti mi dicono che è già in vigore la legge sul volontariato, sulla cooperazione sociale, sulle Onlus lo so, la legge sulle Onlus l ho fatta io però si tratta di provvedimenti legislativi che garantiscono certi vantaggi soprattutto fiscali, a condizione che le istituzioni del terzo settore restino nel sociale (cioè, banalizzando per farmi capire, che diano da mangiare agli affamati, che sostengano i disabili, gli anziani non autosufficienti, ecc.), cioè purché il terzo settore faccia cose che servano al settore capitalistico a fare meglio i profitti, perché se la gente sta bene c è coesione sociale con opportunità di fare più profitti. Finora non siamo riusciti a convincere politici ed amministratori che è giunto il momento di aprire a questi soggetti, che continuiamo a chiamare del terzo settore, la sfera dell economico perché chiaramente danno fastidio. Danno fastidio perché il settore capitalistico teme la competizione, poiché i soggetti del ter- zo settore svolgono un servizio migliore. Ad esempio, le cooperative sociali si occupano di avviare al lavoro i soggetti disabili, di attuare opere di questo tipo o di organizzare il lavoro di cura, attività queste che non in- teressano alle imprese capitalistiche. Soprattutto quello che fa problema, specie oggi, è l impossibili-tà per questi soggetti di accedere alla causa dei capitali, cioè alla finanza. Un impresa capitalistica, se vuol finan- ziare le proprie attività, va in borsa oppure investe in titoli, entra nel sistema bancario. Provate voi a verifi- care se una cooperativa può andare in borsa Le è precluso. Si dice che c è razionamento nel credito. Allo- ra è chiaro che, fin tanto io ottengo il razionamento del credito non potrò mai entrare nella sfera economi- ca. E possibile continuare ad operare nella sfera del sociale perché c è il comune, la provincia, la regione che ti paga perché tu renda quei determinati servizi. Questo è il meccanismo. Non sto dicendo che non vada bene, io sto considerando che occorre guardare avanti, avanti D altra parte voi mi avete chiamato qui per riflettere sulla sfida dell Economia Civile. Dobbiamo guardare avanti senza accontentarci di ciò che è stato realizzato fino adesso. Ebbene la sfi- da del prossimo futuro sarà esattamente questa. Se attueremo l Economia Civile irrobustiremo, tanto per restare nella metafora, i profili intermedi della clessidra, cioè creeremo occasioni lavorative per i laureati, per i precari (non avremo più, nel mezzo, il restringimento della clessidra). Quindi, se vogliamo creare nuo- vo lavoro, abbiamo bisogno di far nascere imprese che producano, non che redistribuiscano, seguendo una logica diversa da quella capitalistica che consenta a tutti di inserirsi in maniera non assistenzialistica, produ- cendo nuovi beni, ad esempio producendo beni relazionali. Oggi tanti bisogni non vengono soddisfatti pro- prio per le ragioni già espresse. Pensate, ad esempio, alle cosiddette mamme di giorno.. Gli asili non basta- no più o costano troppo e così è importante far partire un sistema che va sotto il nome di mamme di gior- no.. Si tratta di un sistema civile ed avanzato: la famiglia che ha un bambino, la mattina lo porta nella casa di una signora che deve dare certe garanzie e deve essere mamma già lei, deve avere una stanza adibita a gio- chi sotto il controllo dell autorità sanitaria, ecc. Poi al pomeriggio si va a prendere il bambino. Capite la fles- sibilità Posso portare il figlio ad una certa ora o ad un altra e così via. Questo sistema ha dei costi molto più ridotti dell asilo nido, garantisce la vicinanza, A Bologna la settimana scorsa è nata un associazione che gestisce strutture di questo tipo. Ma queste cose non sono molto diffuse perché ovviamente danno fa- stidio a qualcuno. Potrei portarvi altri esempi che vi risparmio per ragioni di tempo. Capite qual è oggi l idea dell Economia Civile? Dobbiamo portare le organizzazioni della società civile al di là della sfera sociale. C è anche il microcredito, si tratta di un attività economica e non assistenziale: io 5

6 ti faccio un prestito in denaro che poi mi restituisci secondo certe modalità. Adesso il microcredito è accet- tato, ma fino a non molti anni fa le difficoltà erano enormi perché le banche non erano favorevoli. Pensate a certe forme di cooperazione, soprattutto pensate alla necessità e all urgenza di dar vita ad una borsa so- ciale. Noi dobbiamo creare una borsa sociale, cioè dobbiamo creare un mercato dei capitali dedicato ai sog- getti del terzo settore che producono senza avere il fine del profitto. Quello che non riesco a capire è il per- ché si vuole impedire a della gente, che non chiede niente, di organizzare il bene che intende fare. Una bor- sa sociale è come quella che esiste a Milano, solo che a Milano si opera con una logica diversa e a beneficio di altri soggetti. Ma perché le cooperative non possono accede al mercato dei capitali mentre le imprese capitalistiche sì? La borsa sociale funziona come tutte le borse. Ci saranno dei soggetti che emettono dei ti- toli Un associazione, come ad esempio, la Don Gnocchi che gestisce in Italia trenta ospedali, ha bisogno di denaro per predisporre le attrezzature, ecc. La banca farebbe pagare degli enormi interessi, invece con la borsa sociale si avrebbero dei finanziamenti molto più favorevoli. Se cominciamo ad applicare un altra logica allora cambia la visuale: andremmo certo incontro a dei problemi ma per affrontarli e risolverli saremmo disposti a cambiare approccio. Se noi rimaniamo dentro l idea che per risolvere alcuni problemi dobbiamo dare più poteri allo Stato o più poteri al mercato capitali- stico, non risolviamo i problemi stessi che invece sono nati come conseguenza di essi. E il mercato capitali- stico che li ha generati. Se vogliamo davvero risolverli dobbiamo mettere in campo le nuove forze che chia- miamo appunto dell Economia Civile, che hanno come ispirazione iniziale una serie di motivazioni diverse. C è chi opera perché spinto da motivazioni religiose, c è chi è spinto da motivazioni laiche di tipo ideale ed umanitario (i vecchi socialisti). Noi non dobbiamo interferire, dobbiamo essere davvero laici: rispettare le motivazioni di ciascuno, però dobbiamo dare la possibilità concreta di realizzare nuove forme, perché altri- menti i problemi si aggraverebbero. Concludo dicendo che tutto questo è possibile perché si risparmierebbero soldi, ad esempio i costi di gestione di un asilo, di un ente, ecc. Ci sono i commons,, cioè beni e risorse di uso comune come l acqua, l e- nergia elettrica, il controllo del territorio. La gestione dei commons non può essere privatistica. Qualcuno intende privatizzare ad esempio l acqua. Ma l acqua di un fiume, ecc. è un bene comune e occorre perciò una gestione comune, cioè della comunità, perché il territorio è di tutti. Una soluzione privatistica non avrebbe senso. Allora se pensiamo al problema della gestione dell acqua, dell energia elettrica, dei parchi fluviali, del territorio, ci rendiamo conto perché la prospettiva dell Economia Civile nel prossimo futuro andrà ad aumentare. Io prevedo che, nonostante le resistenze e le diffidenze, nel prossimo futuro quello che ho cercato brevemente di dirvi potrà decollare. Ed è allora questo il motivo per cui è importante questa iniziativa organizzata dal terzo settore. Tale settore è nato storicamente per occuparsi del sociale, ma oggi deve attrezzarsi magari con la gradualità necessaria per fare un passo più avanti. Quindi io prevedo che il terzo settore potrà essere an- che un po più su di terzo, nella misura in cui andrà ad occupare spazi che gli altri due settori: lo Stato e il mercato capitalistico non sono in grado di soddisfare. E inutile fare battaglie ideologiche. Occorre solo dare possibilità ai soggetti del terzo settore di andare avanti. Chiudo dicendo che tutto questo ha un sapore anti- co. Le cose che ho detto qui sono state inventate e realizzate Settecento anni fa in questa terra d Italia cen- trale (Umbria, Toscana, Marche) quando appunto è nata l Economia di mercato civile. Voi sapete che gli ospedali, gli orfanotrofi, i monti di pietà (prima esperienza di microcredito) li abbiamo inventati noi tanti anni fa all epoca dei saggi Francescani. Essi avevano davvero a cuore il bene comune delle persone, della comunità. Poi siamo diventati tutti egoisti ed ora vediamo i risultati. Io sono moderatamente ottimista sul futuro, perché le cose che ho detto non le ho inventate io, semmai le ho riscoperte ma già erano nel nostro DNA culturale di noi italiani da secoli (non dimentichiamo che il 1400 è il secolo dell Umanesimo, il 1500 è il secolo del Rinascimento). Perciò dobbiamo coltivare questa nuova esperienza. 6

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

IL DADO AZIENDALE. La Nuova Rivoluzione per la Piccola Azienda. L importanza della Piccola Azienda. Il Dado dell Azienda, Una Nuova Strategia

IL DADO AZIENDALE. La Nuova Rivoluzione per la Piccola Azienda. L importanza della Piccola Azienda. Il Dado dell Azienda, Una Nuova Strategia IL DADO AZIENDALE La Nuova Rivoluzione per la Piccola Azienda Il lavoro è necessario ed importante. Può essere la via per esprimere la creatività, l intelligenza e la dignità di ogni persona, ma quando

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

BAOBAB ACADEMY An Amicus Onlus Project

BAOBAB ACADEMY An Amicus Onlus Project TWUM-ANTWI KWUKU Età: 29 anni Ho finito la scuola superiore 5 anni fa nella regione Ashanti con un buon punteggio ma, per mancanza di denaro, non ho potuto continuare a studiare. Ho deciso quindi di lavorare

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto.

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto. L AZIENDUCCIA Analisi: Sketch con molte battute dove per una buona riuscita devono essere ben caratterizzati i personaggi. Il Cavalier Persichetti e il cavalier Berluscotti devono essere 2 industriali

Dettagli

Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario

Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario 1. SMALL TALK 2. FRASE D AGGANCIO 3. ANALISI GRAFICA 4. STRUMENTI INEFFICACI 5. NON È PER TUTTI COSÌ 6. LE CONDIZIONI OTTIMALI 7. 1 CONFERMA: 8. PRESENTAZIONE

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI Grazie mille Gianni e grazie mille alla fondazione Italcementi Pesenti per questo invito. Credo che oggi il punto fondamentale sia cercare di ragionare su quella

Dettagli

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA DEBITI P.A. decreto del fare Di Emanuele Bellano PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA L impegno che il Ministero dell Economia in particolare sta attuando con grande determinazione

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012

IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012 IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012 Ho seguito, insieme ai miei alunni, due percorsi differenti che poi si

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

Nella legge di stabilità 2016 le misure a favore della famiglia e u... Carta dedicata. Sarà la svolta?

Nella legge di stabilità 2016 le misure a favore della famiglia e u... Carta dedicata. Sarà la svolta? Direttore Domenico Delle Foglie Servizio Informazione Religiosa MANOVRA ECONOMICA Nella legge di stabilità 2016 le misure a favore della famiglia e una Carta dedicata. Sarà la svolta? 23 dicembre 2015

Dettagli

MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it

MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1) Qual è la prima cosa che un imprenditore o responsabile dovrebbe fare per far sì che i propri uomini

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 Μάθημα: Ιταλικά Ημερομηνία και ώρα εξέτασης: Σάββατο, 14 Ιουνίου 2008 11:00 13:30

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

ECONOMIA DI COMUNIONE: UNA NUOVA FORMA DI IMPRESA Ivan Vitali

ECONOMIA DI COMUNIONE: UNA NUOVA FORMA DI IMPRESA Ivan Vitali ECONOMIA DI COMUNIONE: UNA NUOVA FORMA DI IMPRESA Ivan Vitali Cremona, 23 febbraio 2013 Agenda-1 Introduzione e presentazione Impresa e imprenditore Imprenditore e innovazione Competizione vs cooperazione?

Dettagli

Viaggiare, fotografare, guadagnare

Viaggiare, fotografare, guadagnare Paolo Gallo Viaggiare, fotografare, guadagnare Crea il tuo secondo stipendio con il Microstock Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con alcun

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi.

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. "Successo senza paura nel lavoro e nella vita" di Geshe Michael Roach Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. Note

Dettagli

Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia

Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia Vedano Olona 20 3 2012 "Quando una persona viene al mondo è un albero di possibilità, di tante possibili vite; tanti rami, tanti bivi: di questo

Dettagli

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI Scopri i Segreti della Professione più richiesta in Italia nei prossimi anni. www.tagliabollette.com Complimenti! Se stai leggendo questo

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese E 1. IL RUOLO DELLE PMI E DELLE MICROIMPRESE MARIO BACCINI PRESIDENTE DELL ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO E NOTO COME IL SISTEMA PRODUTTIVO

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

- 1 reference coded [1,15% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,15% Coverage] - 1 reference coded [1,15% Coverage] Reference 1-1,15% Coverage ok, quindi tu non l hai mai assaggiato? poi magari i giovani sono più attratti sono più attratti perché

Dettagli

Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato!

Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato! Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato! Realizzato da Luca Giovannetti, responsabile marketing di Europromo La società Europromo

Dettagli

Impresa e non profit: necessaria collaborazione

Impresa e non profit: necessaria collaborazione Impresa e non profit: necessaria collaborazione Tre interrogativi Vorrei sviluppare il tema del rapporto tra impresa ed enti non profit a partire da tre interrogativi, cui tentare di dare risposta per

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42%

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Iperattivita' 42% 31% Problemi con i propri POVERI pari 24% CHE LAVORANO 17% Difficolta' diffuse

Dettagli

VENDERE BENE LA TUA CASA,

VENDERE BENE LA TUA CASA, 1 SCOPRI I SEGRETI PER VENDERE BENE LA TUA CASA, E LE AZIONI COMMERCIALI SBAGLIATE DA NON COMMETTERE. 2 Oggi il nostro compito è quello di proteggerti da tutto ciò che potrebbe trasformare Vendita di casa

Dettagli

Due idee di base per cominciare

Due idee di base per cominciare FAMIGLIE INDEBITATE: VIENE DAL SOCIALE UNA PROPOSTA DI AIUTO Hanno superato il milione i nuclei che non riescono a far fronte ai debiti. Dall associazione Pro.seguo viene la proposta di una gestione concordata.

Dettagli

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Leonardo Becchetti, Angela Schito - 15/04/2009 (BENE COMUNE:NET) Una delle conseguenze della crisi che stiamo vivendo riguarderà senza dubbio le

Dettagli

Cos è Etico nella Finanza Etica?

Cos è Etico nella Finanza Etica? Università degli Studi di Trento Educazione alla Finanza Etica, Responsabile e Felice Trento 28 novembre 2009 Struttura dell Intervento Cosa vuol dire finanza etica? Il ruolo del sistema finanziario Finanza

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Perché affrontare il tema dell inquinamento?

Perché affrontare il tema dell inquinamento? Perché affrontare il tema dell inquinamento? Il problema dell'inquinamento dell'aria a Piacenza è serio e grave. Naturalmente sappiamo che non è grave solo nella nostra città, ma in tutta l Emilia Romagna

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

Vuoi Essere Padrone della tua vita?

Vuoi Essere Padrone della tua vita? Vuoi Essere Padrone della tua vita? Ti servono 3 cose! Caro Amico/a, con queste pagine vorrei condividere con te un sistema semplice per tutti, per poter diventare padrone della propria vita! Vuoi diventare

Dettagli

Il ruolo degli Ordini professionali nella promozione e nella divulgazione dei temi tecnici

Il ruolo degli Ordini professionali nella promozione e nella divulgazione dei temi tecnici Il ruolo degli Ordini professionali nella promozione e nella divulgazione dei temi tecnici Cari colleghi, è con grande piacere che prendo la parola in una giornata di lavori che si sta proponendo come

Dettagli

TRUFFE LEGALI. Illustrazione di Matteo Pericoli 2002

TRUFFE LEGALI. Illustrazione di Matteo Pericoli 2002 TRUFFE LEGALI Illustrazione di Matteo Pericoli 2002 Da: Giovanni A: Giuseppe Ciao, mi chiamo Giovanni. Leggi attentamente questo messaggio perché quello che sto per raccontarti è veramente inaudito: esiste

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA

FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA Marco Betti @marcobetti_ Alberto Gherardini @albgherardini IL RAPPORTO 2013 Obiettivo: Raccogliere e sistematizzare

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni culturali e delle attività culturali. Noi Dottori Commercialisti

Dettagli

Beauty Business Coaching

Beauty Business Coaching Beauty Business Coaching Il trainer del corso Sono Marco Postiglione, mi occupo di formazione alla vendita da più di 15 anni e sono il primo formatore e consulente aziendale (oggi è più di moda dire business

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE?

CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE? CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE? Se metti in soldi in banca che tasso di interesse ti danno? Il 2% forse. Se compri obbligazioni quale rendimento ti puoi aspettare? Quelle buone e non troppo rischiose

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Esame lingua d interpretariato

Esame lingua d interpretariato Certificato INTERPRET d interprete interculturale: Test modello Gennaio 2014 Esame lingua d interpretariato Contenuto Introduzione pagina 2 Composizione dell esame pagina 3 Parte 1 dell esame: colloquio

Dettagli