Prefazione. Bellinzona, aprile 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prefazione. Bellinzona, aprile 2014"

Transcript

1

2 Prefazione Bellinzona, aprile 2014 La borsa di studio ed in misura minore il prestito di studio sono strumenti di equità. Per secoli la giustizia sociale è stata negletta nell organizzazione degli stati nazionali delegandola a forme private di benevolenza o caritative. In quelle società chi nasceva ricco aveva molte possibilità di perpetuare il successo familiare, mentre chi nasceva povero con ogni probabilità lo sarebbe restato per tutta la vita e così la sua prole. Con l avvento dello Stato sociale tra la seconda metà dell Ottocento e l inizio del secolo scorso la sete di giustizia sociale è cresciuta nella popolazione e con essa il concetto delle pari opportunità. Come in tutte le società occidentali anche nella nostra si sono messi in piedi strumenti di equità sociale: pensioni, assicurazioni malattia, assegni familiari, indennità di disoccupazione e via dicendo. Borse e prestiti di studio sono quindi anch essi strumenti di equità sociale: un piccolo ma significativo tassello. Concludendo la prefazione a questo opuscolo l anno scorso scrivevo: Per noi il principale obiettivo nell erogazione di questi aiuti finanziari resta il medesimo: fare in modo che ostacoli e problemi di natura finanziaria cui si trovano confrontati giovani e famiglie non impediscano la formazione scolastica e professionale. Far sì che tutti abbiano le medesime possibilità di partenza (ma non certo di arrivo!) affinché il traguardo sia raggiunto dai più capaci e non necessariamente dai più ricchi. Ecco, quello che si può aggiungere davanti a quest anno scolastico è che il nuovo sistema di valutazione delle domande, fondato sul nuovo criterio sociale di reddito disponibile semplificato (e non più su quello fiscale di imponibile) funziona bene. Ma soprattutto è pronto ed è stato consegnato al Consiglio di Stato già sul finire dello scorso anno il progetto di nuova Legge sugli aiuti allo studio che al momento della presente pubblicazione dovrebbe già essere stato inviato per esame al parlamento. Quest anno sono presenti alcune modifiche imposteci dalle misure di risparmio che purtroppo hanno dovuto toccare anche questo ambito, in una misura che tuttavia ritengo ancora accettabile. Vi invito quindi a consultare con attenzione l opuscolo che avete fra le mani senza esitare, in caso di perplessità o di dubbi, a rivolgervi al nostro ufficio (tel ). Ai giovani ed alle loro famiglie infine l esortazione ad impegnarsi seriamente negli studi e nella formazione: per il successo personale e per quello di un intera società è questa la principale carta da giocare. Manuele Bertoli, Consigliere di Stato Direttore del Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport Repubblica e Cantone Ticino 3

3 1. Introduzione 2. Criteri di accesso alla borsa di studio 2.1. Età Domicilio determinante Idoneità Formazioni riconosciute 9 3. Definizione dei singoli interventi 3.1. L assegno di studio L assegno di tirocinio L assegno per sportivi d élite e talenti artistici Il sussidio per il perfezionamento professionale Il prestito per soggiorni linguistici all estero L assegno per la riqualificazione professionale Il prestito di studio L aiuto allo studio Massimi sussidiabili per i singoli interventi 4.1. Assegno di studio Assegno di tirocinio Assegno per sportivi d élite Sussidio per il perfezionamento professionale Prestito per i corsi linguistici Assegno per la riqualificazione professionale Prestito di studio Aiuto allo studio Criteri generali di calcolo 5.1. Reddito disponibile semplificato Calcolo Studenti economicamente indipendenti Come richiedere una borsa di studio 6.1. Scadenze Decisioni Contestazioni Pagamento della borsa di studio Fondazioni private 20 7

4 1 Introduzione L Ufficio delle borse di studio e dei sussidi (in seguito UBSS) è attribuito alla Sezione amministrativa del Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport (DECS). Si avvale per casi speciali di una Commissione consultiva, nominata dal DECS. L UBSS è competente per tutte le decisioni di concessione, trasformazione e restituzione di assegni e prestiti di studio. Le borse di studio hanno come obiettivo quello di coprire le spese di mantenimento e di formazione necessarie nella misura in cui superano le prestazioni ragionevolmente esigibili dal richiedente (persona in formazione), dai suoi genitori, da altre persone legalmente obbligate e da terzi. Nel corso del 2013 l UBSS ha ricevuto richieste e ha emesso decisioni. Sono stati pagati 21.2 milioni di franchi: 19.7 sotto forma di assegni, 1.3 sotto forma di prestiti e 0.2 quali prestiti speciali di transizione, che ben evidenziano l importanza e la necessità di questo sostegno finanziario. Dall anno scolastico si è passati dal sistema basato sul parametro del reddito imponibile a quello basato sul parametro del reddito disponibile semplificato. Anche con il nuovo sistema è stato mantenuto il principio secondo cui l aiuto allo studio è concesso, anno per anno, quale aiuto complementare alla famiglia per la formazione dei figli; esso è commisurato alle spese derivanti dagli studi e alle possibilità finanziarie del richiedente e della sua famiglia. Per calcolare il RDS (impostazione analogica a quella per le riduzioni dei premi dell assicurazione malattia) si procede nel seguente modo: 6

5 Definito il RDS, si procede nel seguente modo: 1 1. Disponibile della famiglia per la formazione dei figli RDS fabbisogno famiglia (importi forfettari in base alle Direttive riguardanti gli importi delle prestazioni assistenziali e agli affitti medi definiti dall'ufficio federale di statistica) = disponibile della famiglia per la formazione dei figli 2. Saldo a disposizione della famiglia per il finanziamento degli studi dei figli Disponibile della famiglia x tot% (percentuale stabilita annualmente dal Consiglio di Stato) = saldo a disposizione della famiglia per il finanziamento degli studi dei figli 3. Ripartizione tra più figli agli studi Il saldo è ripartito proporzionalmente tra i figli in formazione 4. Scoperto da finanziare con un assegno di studio Spese di formazione dello studente entrate dello studente durante la formazione parte della sostanza dello studente = scoperto da finanziare con un assegno di studio 5. Assegno di studio Scoperto da finanziare con un assegno di studio (punto 4) saldo della famiglia a disposizione del figlio agli studi (punto 3) = assegno di studio (da un minimo di fr. 1'000 per formazioni di grado secondario II/di fr. 1'500 per formazioni di grado terziario sino a un massimo di fr. 16'000) Le basi legali applicabili sono gli artt della Legge della scuola (in seguito LSc). Essa prevede inoltre lo strumento del cosiddetto aiuto allo studio dell art. 84 LSc. L applicazione delle norme legali è poi rinviata al Regolamento delle borse di studio (in seguito Reg.). Legge e regolamento si possono trovare sul sito o 7

6 2 Criteri di accesso alla borsa di studio 2.1. Età Gli assegni possono essere concessi ai richiedenti che, nel corso dell anno civile di inizio della formazione per la quale è richiesta la borsa di studio, non hanno ancora compiuto o non compiano il quarantesimo anno d età. Fanno eccezione i richiedenti che intendono frequentare una formazione professionale di base o una riqualificazione professionale se non hanno ancora compiuto cinquant anni e se possono dimostrare di non aver potuto iniziare prima la formazione per ragioni familiari o motivi giustificati. Il prestito per un corso linguistico può essere concesso al richiedente che non ha ancora compiuto cinquant anni, mentre per il perfezionamento professionale non ci sono vincoli di età Domicilio determinante Il domicilio determinante è dato dal Cantone Ticino. Fa stato come domicilio determinante per la concessione di una borsa di studio: a) il domicilio civile dei genitori o la residenza dell ultima autorità tutoria competente, con riserva della lettera d); b) il cantone d origine, con riserva della lettera d), per i cittadini svizzeri i cui genitori non sono domiciliati in Svizzera o per i cittadini svizzeri che vivono all estero senza i loro genitori solo per studi in Svizzera; c) il domicilio civile per i rifugiati e gli apolidi maggiorenni riconosciuti dalla Svizzera i cui genitori risiedono all estero oppure per gli orfani; d) il cantone nel quale i richiedenti maggiorenni, prima d iniziare la formazione per la quale richiedono una borsa di studio, hanno avuto il domicilio per almeno due anni avendo svolto, dopo aver conseguito una prima qualifica professionale, un attività lucrativa tale da garantirsi l indipendenza finanziaria dai genitori. Ai richiedenti stranieri, provenienti da uno dei Paesi dell'ue, devono essere applicate le disposizioni previste per i richiedenti svizzeri senz'alcuna disparità di trattamento (Accordi bilaterali sulla libera circolazione delle persone) Idoneità E necessario possedere un titolo di studio idoneo per essere ammesso alla formazione (o ad una formazione analoga) in Svizzera. 8

7 2.4. Formazioni riconosciute Di principio qualsiasi formazione in seguito all obbligatorietà scolastica può essere sussidiata se è riconosciuta. Occorre però documentare di essere in possesso del certificato di studio idoneo per essere ammesso. Per le formazioni dopo la scuola media è necessario che esse si svolgano in Ticino. Le formazioni superiori vengono invece sussidiate anche all estero. Sono sussidiabili esclusivamente le formazioni che portano a conseguire un titolo professionale o di studio rilasciato dalla scuola frequentata e riconosciuto dalle competenti autorità. Se richiesta quale condizione indispensabile per essere ammessi ad iniziare una formazione, l assegno viene esteso allo stage preformativo e al corso passerella, secondo le direttive della scuola interessata. La frequenza di scuole private nel Cantone di principio non viene sussidiata; rimane riservata la possibilità offerta dall'aiuto allo studio per le scuole elementari e medie private parificate, a seguito di comprovate necessità di ordine sociale riconosciute dalla Divisione della scuola. Definizione dei singoli interventi 3.1. L assegno di studio (art. 2 cpv. 1 e cap. terzo Reg.) Tutte le formazioni seguenti alla scuola media o dopo il proscioglimento dall obbligo scolastico (15 anni) e sino al compimento del quarantesimo anno d età (tranne i casi previsti dall art. 3 cpvv. 2, 3 e 4 Reg. per i quali il limite d età è di cinquant anni) potrebbero essere di principio sussidiate con la forma dell assegno a fondo perso. Sono escluse le scuole private e le scuole fuori Cantone che portano al conseguimento di una maturità o un diploma professionale (prima formazione). Generalmente sono prese in considerazione solo le formazioni a tempo pieno che portano al conseguimento di un titolo riconosciuto. L assegno può essere rinnovato per la durata minima del ciclo di studio secondo il regolamento della scuola o della facoltà, se lo studente è in regola con il suo curricolo formativo e se sono presenti le condizioni (in particolare finanziarie) per confermare l aiuto L assegno di tirocinio (art. 2 cpv. 2 e cap. quarto Reg.) L assegno di tirocinio può essere concesso per l assolvimento di un tirocinio nell ambito della formazione professionale di base nel Cantone (in casi eccezionali e giustificati anche fuori Cantone) sino al conseguimento di un attestato federale di capacità o di un certificato federale di formazione pratica oppure per la frequenza di una formazione parificata al tirocinio. Anche per gli apprendisti vale il principio che gli assegni sono rinnovabili per la durata minima del programma di formazione. 9

8 L assegno per sportivi d élite e talenti artistici (art. 2 cpv. 3 e cap. quinto Reg.) L assegno per sportivi d élite e talenti artistici può essere concesso, in presenza di comprovate necessità sportive o artistiche, per la frequenza fuori Cantone di scuole pubbliche o private con statuto particolare. La Divisione della scuola, per il tramite dell Ufficio dell educazione fisica scolastica e della Divisione della formazione professionale è competente per definire la qualifica di sportivo d élite e per accertare la necessità di uno studio fuori Cantone. La Divisione della scuola e la Divisione della formazione professionale sono competenti per definire la qualifica di talento artistico e per accertare la necessità di uno studio fuori Cantone. Gli studenti della scuola professionale per sportivi d élite di Tenero sono considerati al pari dei richiedenti di un assegno di studio (vedi punto 3.1.) Il sussidio per il perfezionamento professionale (art. 2 cpv. 4 e cap. sesto Reg.) Il sussidio per il perfezionamento è il contributo che può essere concesso, di regola, per la frequenza di un corso di perfezionamento professionale previsto dalla Legge sull'orientamento scolastico e professionale e sulla formazione professionale continua, se il richiedente già possiede una prima qualifica professionale. Sono pertanto considerati corsi di perfezionamento professionale quelli destinati a rinnovare, approfondire e ampliare le qualifiche professionali, e di regola si concludono con l ottenimento di un certificato d esame Il prestito per soggiorni linguistici all estero (art. 2 cpv. 5 e cap. settimo Reg.) Il prestito per soggiorni linguistici all estero può essere concesso per l apprendimento di una lingua straniera (di regola francese, tedesco o inglese) a persone che hanno già conseguito un diploma riconosciuto dalla Confederazione o dai Cantoni che abilita all esercizio di una professione. Il candidato determina il suo livello di competenza effettuando la propria autovalutazione con la Griglia di autovalutazione del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue, scaricabile dal sito (informazioni e link utili, formulario di autovalutazione portfolio delle lingue). 10

9 Livello di competenza del candidato A = uso elementare della lingua A1 = livello di contatto A2 = livello di sopravvivenza B = uso intermedio della lingua B1 = livello soglia B2 = livello progresso C = uso avanzato della lingua C1 = livello dell efficacia C2 = livello di padronanza 3 La scelta del certificato da conseguire avviene in accordo con l Ufficio delle borse di studio e viene menzionato nella proposta o decisione di sussidio, quale condizione vincolante. Links Internet per il francese: Alliance Française CIEP Sèvres TELC - WBT Links Internet per il tedesco: Goethe-Institut ÖSD TELC-WBT TestDaF-Institut Links Internet per l inglese: University of Cambridge ESOL Examinations ETS TOEFL TELC-WBT IELTS Il soggiorno linguistico può essere finanziato se il corso adempie a determinate condizioni: 1) è svolto all estero; 2) durata minima di almeno 12 settimane; 3) durata massima di 36 settimane; 4) il corso dev essere di tipo intensivo con un programma di almeno 25 lezioni settimanali di 45/50 minuti oppure 20 lezioni settimanali di 60 minuti; 5) a fine corso il richiedente deve presentare l attestato di partecipazione e il certificato d esame conseguito; 6) il corso non dev essere finanziato da altri enti (datore di lavoro, associazioni professionali, enti pubblici o privati, ecc.). 11

10 3 In casi particolari è possibile concedere un prestito anche per la frequenza di: corsi linguistici durante le vacanze estive della formazione, della durata di almeno 4 settimane (3 per chi segue una scuola professionale a tempo parziale) oppure nella pausa infrasemestrale di studi universitari o universitari professionali (a fine corso il richiedente deve presentare solo l attestato di partecipazione al corso); corsi linguistici di almeno 12 settimane e massimo di 36, in caso di interruzione momentanea degli studi, dopo il conseguimento della licenza di scuola media, a seguito dell ottenimento della maturità liceale o commerciale, in attesa di iniziare un altro percorso formativo. Prestiti per corsi linguistici in Svizzera (per la lingua tedesca e francese) sono possibili unicamente per richiedenti che hanno concluso la scuola media in attesa di iniziare gli studi postobbligatori. E inoltre possibile richiedere un prestito per l assolvimento di uno stage professionale all estero se è concomitante o segue la frequenza di un corso linguistico; anche in questo caso entra in considerazione unicamente l eventuale tassa scolastica. La durata del corso dev essere di almeno 12 settimane e al massimo di 36. La durata totale (stage + corso) non deve superare 48 settimane. A fine periodo il richiedente dovrà produrre l attestato di partecipazione al corso, allo stage e il certificato d esame conseguito. Come per i prestiti ordinari, il versamento dell importo stabilito sarà subordinato alla sottoscrizione di un formale riconoscimento di debito. La mancata trasmissione della documentazione richiesta comporta la restituzione immediata del prestito (in precedenza era chiesta la restituzione del sussidio). Nel caso in cui il richiedente fosse ancora in formazione, la restituzione sarà comunque posticipata al momento in cui la formazione sarà terminata o interrotta. Il prestito è concesso da un importo minimo di fr. 1'000 fino ad un massimo di fr. 15'000 per l assolvimento di uno o più corsi linguistici. 12

11 3.6. L assegno per la riqualificazione professionale (art. 2 cpv. 6 e cap. ottavo Reg.) E assegno per la riqualificazione professionale l intervento che può essere concesso ai richiedenti che hanno già conseguito un attestato federale di capacità, un certificato federale di formazione pratica oppure a persone non qualificate con esperienza lavorativa adeguata e che intendono assolvere un nuovo tirocinio professionale (formazione duale in azienda). 3 La riqualifica non porta pertanto a raggiungere un certificato di formazione superiore bensì un diploma dello stesso livello di quello che già si possiede. Il richiedente deve aver maturato almeno due anni di esperienza lavorativa prima dell inizio della nuova formazione Il prestito di studio (art. 24 e 25 Reg.) Il prestito di studio, di regola, può essere concesso solo per studi di grado terziario: per il prolungamento del ciclo minimo di studio, a seguito del cambiamento di curricolo o di sede di studio, con perdita di semestri di studio; per un secondo ciclo di studio; per integrare o supplire l assegno; per un lavoro di dottorato o per studi postuniversitari; per richiedenti che iniziano gli studi dopo il quarantesimo anno d età. Contrariamente agli interventi citati in precedenza, che sono a fondo perso, il prestito dev essere invece rimborsato entro un lasso di tempo ragionevole di massimo sette anni a seguito della conclusione degli studi o dalla loro interruzione (prorogabili sino a dieci anni in casi giustificati). Le modalità di rimborso sono concordate con l interessato, di regola entro un anno dalla fine o dall interruzione degli studi. Il prestito di studio è esente da interessi fino a due anni dopo la fine/interruzione degli studi; dal terzo anno dopo la fine/interruzione degli studi sull importo scoperto viene richiesto un interesse con un tasso equivalente a quello delle vecchie ipoteche di primo rango della Banca dello Stato. Il pagamento degli interessi viene richiesto ogni anno, con fattura individuale. Anche se il prestito deve essere restituito, per la concessione valgono gli stessi principi previsti per gli assegni, ossia devono essere rispettate le condizioni minime circa l idoneità, il tipo di studio e di istituto di formazione. 13

12 3.8. L aiuto allo studio (art. 2 cpv. 8 e cap. decimo Reg.) L aiuto allo studio può essere concesso per la frequenza di una scuola elementare o media privata parificata, se la famiglia ha oggettive difficoltà di ordine sociale. La Divisione della scuola, sentito l avviso di una speciale commissione, valuta le motivazioni e prende una decisione. 4 Massimi sussidiabili per i singoli interventi 4.1. Assegno di studio Massimo fr. 16'000. Se lo studente è coniugato o ha oneri di famiglia è possibile conteggiare un supplemento di fr. 4'000 per coppia (coniugati, conviventi o vincolati da un unione domestica registrata) e di fr. 4'000 per ogni figlio a carico. I costi di formazione vengono determinati sommando i seguenti fattori: minimo vitale (secondo le raccomandazioni della Conferenza svizzera delle istituzioni dell azione sociale - COSAS), per il richiedente che durante la formazione vive fuori dall abitazione familiare; supplemento d integrazione (COSAS) se il richiedente è coniugato, convivente o vincolato da un unione domestica registrata, per il richiedente che durante la formazione vive fuori dall abitazione familiare; spesa per l alloggio (affitto medio in Svizzera) in base ai dati dell Ufficio federale di statistica; pranzo fuori casa, sino ad un massimo di fr. 2'000; spese di viaggio con modalità più conveniente, con i mezzi pubblici; tassa scolastica, con un massimo di fr. 1'000 per studi all estero; libri e materiale scolastico, sino ad un massimo di fr. 500 per scuole di grado secondario II e formazione preparatoria e di fr. 1'000 per studi di grado terziario. Il contributo concesso corrisponde alla differenza tra i costi di formazione e il contributo personale, dei genitori, dell eventuale coniuge, partner registrato o partner convivente. Il salario netto del richiedente che eccede fr. 6'000 annui viene computato quale contributo ai costi dello studio. 14

13 4.2. Assegno di tirocinio Per il massimo sussidiabile valgono le informazioni citate al punto Si tiene inoltre conto del salario netto percepito dall apprendista nel calcolo dell assegno: l importo che eccede i primi fr. 6'000 viene computato quale contributo ai costi dello studio Assegno per sportivi d élite L assegno è calcolato secondo i parametri e i criteri previsti per gli assegni di studio (vedi punto 4.1). Il salario netto del richiedente che eccede fr. 6'000 annui viene computato quale contributo ai costi dello studio Sussidio per il perfezionamento professionale Il massimo sussidiabile corrisponde alla sola tassa del corso. Nel calcolo si considera il fabbisogno effettivo durante la formazione secondo il minimo vitale (COSAS), tenendo conto delle entrate dell economia domestica Prestito per i corsi linguistici Nel caso dei soggiorni linguistici l unico costo riconosciuto è la tassa del corso, considerando tuttavia il limite della spesa media per un corso equivalente Assegno per la riqualificazione professionale L assegno per la riqualificazione professionale può essere concesso sino alla copertura dei costi generali e dei costi della formazione, calcolati secondo i seguenti criteri: fabbisogno effettivo durante la formazione secondo il minimo vitale (COSAS); spesa per l alloggio (affitto medio in Svizzera) in base ai dati dell Ufficio federale. di statistica; assicurazione malattia (obbligatoria di base) al netto dei sussidi; spese per l esercizio professionale dell eventuale coniuge, partner registrato o partner convivente; contributi di mantenimento e spese per l istruzione dei figli; spese di formazione del richiedente (punto 4.1); salario netto del richiedente di borsa di studio; salario netto dell eventuale coniuge, partner registrato o partner convivente; eventuali alimenti percepiti; altre entrate percepite. 15

14 Prestito di studio Può essere concesso un importo massimo di fr. 50'000 per l intera formazione. Nello stanziamento del prestito sono presi in considerazione molteplici fattori quali la situazione economica personale e della famiglia, le spese da sostenere, il credito annuo disponibile e la possibilità pratica di rimborso Aiuto allo studio E possibile accordare un sussidio per la spesa della retta scolastica, la spesa di viaggio, quella d internato, o per i pranzi fuori casa, a dipendenza della situazione economica dei genitori, applicando i criteri previsti per gli assegni di studio. 5 Criteri generali di calcolo 5.1. Reddito disponibile semplificato Il reddito disponibile semplificato è utilizzato quale parametro per la concessione di borse di studio ed è calcolato sull unità di riferimento, composta dal richiedente, dai suoi genitori e dai suoi fratelli o sorelle che non hanno ancora concluso una prima formazione. Il reddito disponibile semplificato è composto dal reddito lordo (tutti i redditi secondo la legge tributaria del 21 giugno 1994, di seguito LT) e da 1/15 della sostanza netta secondo la LT, meno le seguenti voci: premio medio di riferimento dell assicurazione malattia, calcolato annualmente dal Consiglio di Stato; contributi sociali obbligatori secondo la LT; pensioni alimentari pagate secondo la LT; spese professionali per salariati secondo la LT, per un massimo di fr. 4'000 annuali per unità di riferimento; spese per interessi passivi privati ed aziendali secondo la LT, per un massimo di fr. 3'000 annuali per unità di riferimento. Determinante è l ultima tassazione annuale emanata, risalente al massimo ai tre anni precedenti l anno scolastico inerente la domanda di borsa di studio oppure i redditi tassati alla fonte Calcolo Dal reddito disponibile semplificato viene dedotto il fabbisogno di ogni membro dell unità di riferimento che vive nell abitazione familiare, ovvero: 16

15 il minimo vitale (secondo le raccomandazioni della Conferenza svizzera delle istituzioni dell azione sociale - COSAS); un supplemento d integrazione (COSAS); i costi per l alloggio (affitto medio in Svizzera) in base ai dati dell Ufficio federale di statistica. 5 Dell ammontare risultante, il Consiglio di Stato decide annualmente con decreto esecutivo la percentuale considerata quale importo a disposizione della famiglia per il finanziamento dell istruzione dei figli. Nel caso di genitori divorziati, separati o mai stati sposati appartenenti a due economie domestiche, l importo a disposizione per la copertura dei costi dell istruzione dei figli che il genitore che non vive con il richiedente può destinare a quest ultimo corrisponde: al 70% per il genitore che vive in modo indipendente senza il legame di una nuova unione matrimoniale; al 50% per il genitore risposato; al 20% per il genitore che ha figli dal secondo matrimonio; il restante 80% è destinato ai figli nati dalla nuova unione. Per i richiedenti coniugati, vincolati da un unione domestica registrata o conviventi, oppure richiedenti che seguono una formazione a tempo parziale, il calcolo dell assegno può essere effettuato secondo i criteri previsti per gli assegni di riqualificazione professionale. In questi casi, se può essere ragionevolmente pretesa un attività lavorativa, è computato un reddito netto annuo di fr. 30'000 per un occupazione a tempo pieno oppure di fr. 15'000 se a metà tempo. Mentre nel caso di richiedenti che frequentano una scuola superiore a tempo parziale e che svolgono contemporaneamente un attività lavorativa a tempo pieno o parziale, il calcolo dell assegno può essere effettuato secondo i criteri della riqualificazione professionale Studenti economicamente indipendenti L indipendenza economica è riconosciuta al richiedente che cumulativamente: ha concluso una prima formazione postobbligatoria conseguendo un diploma riconosciuto dalla Confederazione o dai Cantoni che abilita all esercizio di una professione; ha lavorato in Ticino per almeno due anni, prima dell inizio della nuova forma zione, conseguendo un salario netto mensile di almeno fr. 2'500; 17

16 ha compiuto o compia nell anno scolastico inerente la richiesta di borsa di studio 25 anni d età. Nel caso del richiedente considerato finanziariamente indipendente, la parte del reddito lordo dei genitori non inclusa nel calcolo è di fr Quattro anni di attività professionale stabile e duratura, o di cura della famiglia con dei minorenni o persone che necessitano di cure, possono essere considerati al pari di una prima formazione. 6 Come richiedere una borsa di studio Ogni anno occorre presentare una domanda all UBSS tramite il modulo ufficiale. Si può richiedere il modulo per telefono, per mail, allo sportello dell'ubss, oppure presso una delle scuole cantonali. Lo stesso modulo può essere scaricato dal nostro sito L'UBSS invia ad inizio giugno a coloro che hanno richiesto una borsa di studio per l'anno il formulario e l opuscolo informativo per l'eventuale rinnovo per l'anno successivo Scadenze La domanda di borsa di studio deve essere presentata prima dell inizio della formazione per la quale è richiesto il contributo. Se la domanda è presentata a formazione iniziata, il contributo sarà calcolato pro rata temporis dal primo giorno del mese in cui è presentata. Le domande presentate dopo la conclusione della formazione non vengono prese in considerazione. Per le richieste di aiuto allo studio (pt. 3.8), affinché sia possibile comunicare una risposta prima dell inizio dell anno scolastico, l Ufficio dell insegnamento medio della Divisione della scuola raccomanda di presentare una domanda preventiva entro la fine di maggio, per permettere alla speciale Commissione di pronunciarsi sull ammissibilità della richiesta Decisioni Ad ogni richiesta di sussidio l UBSS comunica una decisione. Essa può essere definitiva o provvisoria. Una decisione è definitiva quando è stata calcolata sulla base dei criteri previsti per l anno in corso, ossia sull ultima tassazione annuale emanata (2013, oppure 2012 o 2011). Se non viene contestata entro 15 giorni, la decisione cresce in giudicato, ossia diventa un atto amministrativo che riconosce un diritto (o lo nega). Quando non è ancora disponibile una tassazione determinante ai sensi dell art. 6 cpv. 3 Reg., o una tassazione che tenga conto della nuova situazione familiare conseguen- 18

17 te a divorzio, separazione o matrimonio, il calcolo può essere effettuato provvisoriamente sulla base dell ultima tassazione disponibile o dei redditi accertati. La nuova decisione, definitiva, potrà se del caso comportare anche la trasformazione di un assegno in un prestito o viceversa. Il Regolamento delle borse di studio prevede anche la possibilità che decisioni già comunicate e cresciute in giudicato possano essere riconsiderate, in particolare quando la situazione economica effettiva dei genitori si discosta notevolmente da quella contenuta nella tassazione fiscale di riferimento Contestazioni La decisione dell Ufficio delle borse di studio e dei sussidi può essere contestata totalmente o anche solo parzialmente. In queste situazioni l interessato può: chiedere il riesame della decisione quando intervengono elementi nuovi o cambiamenti importanti non noti al momento della presentazione della richiesta. In questi casi è sufficiente l invio di una semplice lettera con la quale si espongono i nuovi fatti. Contestazioni generiche, senza motivazioni giustificate, non portano ad ottenere una diversa decisione; contestare la decisione attraverso un reclamo formale, sempre all Ufficio delle borse di studio, entro 15 giorni dal ricevimento della decisione. Anche in questo caso è sufficiente l invio di una lettera in cui sono esposte le motivazioni e le argomentazioni. La decisione dell Ufficio potrà in seguito essere contestata al Consiglio di Stato e poi al Tribunale cantonale amministrativo Pagamento della borsa di studio L Ufficio delle borse di studio e dei sussidi autorizza il versamento della borsa di studio non appena la decisione è cresciuta in giudicato ed è in possesso di tutti i documenti richiesti nella decisione. Il versamento può essere effettuato in più rate. Una volta autorizzato il versamento la Sezione delle finanze del Dipartimento delle finanze e dell economia procederà con il pagamento effettivo. Questa procedura dura circa una decina di giorni. Nel caso di beneficiari maggiorenni il pagamento può essere effettuato anche ai genitori o a terze persone su esplicita dichiarazione dell interessato. 19

18 27 7. Fondazioni private Altre fonti di intervento a favore di studenti e apprendisti Il Cantone promuove e incoraggia con mezzi importanti la formazione scolastica e professionale, il perfezionamento e la riqualificazione. Tuttavia la borsa di studio non copre tutte le spese, né lo può e né lo deve fare. Per la famiglia e soprattutto per lo studente la formazione rappresenta un investimento importante; è quindi legittimo e corretto che parte delle spese siano garantite dai principali beneficiari. A lato delle borse di studio del Cantone vi sono numerosi enti o fondazioni private che possono accordare sussidi, a determinate condizioni, quale complemento della borsa cantonale, oppure a titolo di incoraggiamento. In genere queste possibilità servono a premiare il merito scolastico dello studente. Vedi anche: "Alcune fondazioni" "Informazioni" Con l accordo delle fondazioni e degli enti interessati, indichiamo alcune possibilità. Segnaliamo inoltre che alcuni Comuni offrono degli aiuti ai loro domiciliati. 20

19 Ente o fondazione Genere di studi e particolari Fondazione Achille Isella Studi nelle Università Svizzere e nei Politecnici federali Ufficio federale dell educazione e della scienza Informazioni e materiale sono da richiedere al recapito Hallwyestrasse 4 della fondazione, da ottobre a gennaio; la domanda è 3003 Berna possibile anche scaricarla da internet. Fondazione Arturo e Marguerite Lang Tutte le formazioni: in via prioritaria studi universitari c/o UBS SA, RYI5-FRE e di grado superiore. Via Pretorio 14 Pubblica il concorso in autunno Lugano Fondazione Stefano Franscini Solo per studi al Politecnico federale di Zurigo. Stipendiendienst ETH Richiesta personale ETH Zentrum da presentare allo Stipendiendienst 8092 Zurigo dell ETH a Zurigo. Fondazione per la Cultura Italiana Studi universitari in Italia Segreteria c/o Laura Donati per le facoltà di lettere, magistero, Via ai Saleggi 33 giurisprudenza o agraria Locarno Pubblica il concorso. Fondazione Agostino Nizzola Solo per studi al Politecnico federale di Zurigo c/o Roberto Pestoni e Losanna. Stradun 60 Pubblica il concorso in autunno Monte Carasso Fondazione Pestalozzi Studenti provenienti dalle regioni di montagna Persona di contatto per il Ticino: o periferiche. Cinzia Sargenti, Ufficio delle borse di studio La richiesta dev essere presentata per il tramite 6501 Bellinzona della persona di contatto. Amministrazione Fondazione Giuseppe Soldati Riservata a studenti domiciliati nel Malcantone 6991 Neggio o originari malcantonesi. Pubblica il concorso. Fondazione Felix Leemann Studi accademici, soggiorni di studio all estero, c/o Studio legale avv. Andrea Pozzi dottorati o anche lavori di ricerca Via G. B. Pioda 12 riservata a studenti residenti e domiciliati 6900 Lugano nel Cantone Ticino da almeno 5 anni. Pubblica il concorso in autunno. Fondazione dr. Vittorio e dr. Teresa Cornaro Studi accademici di economia per giovani Borse per studi accademici ticinesi o italiani, domiciliati nel Cantone c/o Cornèr Banca SA (preferenza per attinenti o domiciliati Via Canova 16 a Lugano e studenti all Università Luigi 6901 Lugano Bocconi di Milano). Pubblica il concorso. 21

20 Ente o fondazione Genere di studi e particolari Fondazione prof. Carlo e Enrichetta Salvioni Studi in università italiane c/o Istituto lombardo di scienze e lettere studenti ticinesi, originari del Cantone Ticino. Via Borgonuovo 25 Pubblica il concorso Milano Fondazione Pia Janka - Chicherio 3. e 4. anno di studio presso la Scuola Cantonale Via Cancelliere Molo 11 di Commercio o il Liceo di Bellinzona 6500 Bellinzona studenti provenienti da famiglie meno abbienti. Fondazione Leonardo Studi universitari, in prevalenza all USI Segreteria - c/o Banca Julius Baer & Co. SA di Mendrisio e Lugano Piazzetta San Carlo 1 studenti svizzeri e stranieri che frequentano 6901 Lugano l USI e studenti ticinesi in altre sedi svizzere. Pubblica il concorso. Fondazione Carlo e Albina Cavargna Giovani domiciliati o attinenti di Comuni della Regione c/o Ufficio delle borse di studio Tre Valli (distretti di Blenio, Riviera e Leventina) 6501 Bellinzona Formazione di tipo universitario e post-universitario, nonché lavori o progetti di ricerca scientifica ad opera di ricercatori che non possono rivolgersi ad una commissione di ricerca universitaria 22

Repubblica e Cantone del Ticino Dipartimento dell educazione della cultura e dello sport Sezione amministrativa

Repubblica e Cantone del Ticino Dipartimento dell educazione della cultura e dello sport Sezione amministrativa Repubblica e Cantone del Ticino Dipartimento dell educazione della cultura e dello sport Sezione amministrativa Ufficio delle borse di studio e dei sussidi Residenza governativa 6501 Bellinzona telefono

Dettagli

Regolamento delle borse di studio

Regolamento delle borse di studio 5.1.3.1 Campo d applicazione Definizioni Regolamento delle borse di studio (del 17 aprile 2012) IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO richiamati gli art. 22 e 84 della legge della scuola

Dettagli

studio.grafico.capponi Bellinzona Repubblica e Cantone del Ticino Dipartimento dell educazione della cultura e dello sport

studio.grafico.capponi Bellinzona Repubblica e Cantone del Ticino Dipartimento dell educazione della cultura e dello sport studio.grafico.capponi Bellinzona Repubblica e Cantone del Ticino Dipartimento dell educazione della cultura e dello sport studio.grafico.capponi Bellinzona Prefazione Bellinzona, aprile 2015 2015 2016

Dettagli

Legge sugli aiuti allo studio (LASt) (del 23 febbraio 2015)

Legge sugli aiuti allo studio (LASt) (del 23 febbraio 2015) Legge sugli aiuti allo studio (LASt) (del 23 febbraio 2015) 5.1.3.1 IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 25 giugno 2014 n. 6955 e il messaggio aggiuntivo 23 dicembre 2014

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

Bellinzona, 30 giugno 2014

Bellinzona, 30 giugno 2014 Bellinzona, 30 giugno 2014 Nuova Legge sugli aiuti allo studio (LASt) Il Consiglio di Stato ha approvato il messaggio che propone la nuova Legge sugli aiuti allo studio (LASt). 1. Alcuni dati in breve

Dettagli

Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport 6501 Bellinzona

Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport 6501 Bellinzona Segretariato Cantonale Via Balestra 19 CH - 6901 Lugano tel.: 091-91 15 51 fax: 091-93 53 65 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport 6501 Bellinzona N. rif. V. rif. Lugano, 14 marzo 008

Dettagli

Riduzione individuale di premio (sussidio) nell'assicurazione sociale malattie per l anno 2014

Riduzione individuale di premio (sussidio) nell'assicurazione sociale malattie per l anno 2014 Riduzione individuale di premio (sussidio) nell'assicurazione sociale malattie per l anno 2014 1. Informazioni di carattere generale Si rammenta che, a partire dall anno 2012, è entrato in vigore un nuovo

Dettagli

Riduzione individuale di premio (sussidio) nell'assicurazione sociale malattie per l anno 2013

Riduzione individuale di premio (sussidio) nell'assicurazione sociale malattie per l anno 2013 Riduzione individuale di premio (sussidio) nell'assicurazione sociale malattie per l anno 2013 1. Informazioni di carattere generale Si rammenta che, a partire dall anno 2012, è entrato in vigore un nuovo

Dettagli

Riduzione individuale di premio (sussidio) nell'assicurazione sociale malattie per l anno 2012

Riduzione individuale di premio (sussidio) nell'assicurazione sociale malattie per l anno 2012 Riduzione individuale di premio (sussidio) nell'assicurazione sociale malattie per l anno 2012 1. Informazioni di carattere generale A partire dall anno 2012 nel nostro Cantone entrerà in vigore un nuovo

Dettagli

Riduzione individuale di premio (sussidio) nell'assicurazione sociale malattie per l anno 2015

Riduzione individuale di premio (sussidio) nell'assicurazione sociale malattie per l anno 2015 Riduzione individuale di premio (sussidio) nell'assicurazione sociale malattie per l anno 2015 1. Informazioni di carattere generale Si rammenta che, a partire dall anno 2012, è entrato in vigore un nuovo

Dettagli

Armonizzazione e coordinamento delle prestazioni sociali (Laps) 1. Scopo

Armonizzazione e coordinamento delle prestazioni sociali (Laps) 1. Scopo Armonizzazione e coordinamento delle prestazioni sociali (Laps) 1. Scopo La legge ha lo scopo di armonizzare e coordinare i principi e le disposizioni che disciplinano la concessione delle prestazioni

Dettagli

Prestazioni complementari cantonali (PC) alle rendite AVS e AI. 1. Diritto alle prestazioni

Prestazioni complementari cantonali (PC) alle rendite AVS e AI. 1. Diritto alle prestazioni Prestazioni complementari cantonali (PC) alle rendite AVS e AI 1. Diritto alle prestazioni Le prestazioni complementari sono delle prestazioni subordinate alla situazione economica del richiedente o dei

Dettagli

Regolamento per le ammissioni e le immatricolazioni all'università della Svizzera italiana

Regolamento per le ammissioni e le immatricolazioni all'università della Svizzera italiana Regolamento per le ammissioni e le immatricolazioni all'università della Svizzera italiana (del aprile 000) IL CONSIGLIO DELL'UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA visti la Legge sull Università della Svizzera

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI COMUNALI IN AMBITO SOCIALE

REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI COMUNALI IN AMBITO SOCIALE REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI COMUNALI IN AMBITO SOCIALE Il Consiglio Comunale di Locarno Vista la Legge organica comunale (LOC) e le relative norme di applicazione, d e c r e t a CAPITOLO 1 Generalità

Dettagli

Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi

Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi Repubblica e Cantone 340 Ticino Estratto Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi Volume 134 Bellinzona, 27 giugno 34/2008 Regolamento degli studi liceali (del 25 giugno 2008) IL CONSIGLIO

Dettagli

10.2.1.1.1. Regolamento della legge tributaria. (del 18 ottobre 1994)

10.2.1.1.1. Regolamento della legge tributaria. (del 18 ottobre 1994) 10.2.1.1.1 Regolamento della legge tributaria (del 18 ottobre 1994) Commisurazione del dispendio per l imposizione globale (art. 13 LT) Spese deducibili degli immobili appartenenti alla sostanza privata

Dettagli

Ordinanza sulle indennità di perdita di guadagno

Ordinanza sulle indennità di perdita di guadagno Ordinanza sulle indennità di perdita di guadagno (OIPG) 834.11 del 24 novembre 2004 (Stato 15 marzo 2005) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 81 della legge federale del 6 ottobre 2000 1 sulla

Dettagli

Regolamento sulla formazione continua dei docenti

Regolamento sulla formazione continua dei docenti 27/2015 Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi 12 giugno 297 Regolamento sulla formazione continua dei docenti (del 9 giugno 2015) Dipartimento competente Organizzazione e finanziamento

Dettagli

Regolamento degli studi liceali (del 25 giugno 2008)

Regolamento degli studi liceali (del 25 giugno 2008) Regolamento degli studi liceali (del 25 giugno 2008) 5.1.7.2 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO richiamati la Legge sulle scuole medie superiori del 26 maggio 1982 e il relativo Regolamento

Dettagli

del 31 ottobre 2007 (Stato 1 gennaio 2013)

del 31 ottobre 2007 (Stato 1 gennaio 2013) Ordinanza sugli assegni familiari (OAFami) 836.21 del 31 ottobre 2007 (Stato 1 gennaio 2013) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 4 capoverso 3, 13 capoverso 4, 21b capoverso 1, 21e e 27

Dettagli

Requisiti Numero di posti di formazione Tassa Domande d iscrizione Termine d iscrizione

Requisiti Numero di posti di formazione Tassa Domande d iscrizione Termine d iscrizione 1 Foglio ufficiale 6/2013 Venerdì 18 gennaio 407 basi legali. L ammissione definitiva ai curricoli HES-SO è comunque subordinata all esito dell esame di graduatoria e di altre condizioni di ammissione

Dettagli

Decisioni del Consiglio degli Stati dell 11.12.2013 Legge federale sugli stranieri

Decisioni del Consiglio degli Stati dell 11.12.2013 Legge federale sugli stranieri Decisioni del Consiglio degli Stati dell 11.12.2013 (LStr) (Integrazione) e-parl 08.01.2014 15:39 Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale

Dettagli

Regolamento della legge tributaria (del 18 ottobre 1994)

Regolamento della legge tributaria (del 18 ottobre 1994) Regolamento della legge tributaria (del 18 ottobre 1994) 10.2.1.1.1 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto l articolo 322 della Legge tributaria del 21 giugno 1994 (LT); d e c r

Dettagli

COMMENTO. sull Accordo intercantonale sui contributi per i cicli di formazione delle scuole specializzate superiori (ASSS) del 22 marzo 2012

COMMENTO. sull Accordo intercantonale sui contributi per i cicli di formazione delle scuole specializzate superiori (ASSS) del 22 marzo 2012 COMMENTO sull Accordo intercantonale sui contributi per i cicli di formazione delle scuole specializzate superiori (ASSS) del 22 marzo 2012 Versione modificata del 7 maggio 2012 Introduzione L Accordo

Dettagli

uno o due passi Per ottenere una o più prestazioni sociali per lei e la sua famiglia

uno o due passi Per ottenere una o più prestazioni sociali per lei e la sua famiglia Per ottenere una o più prestazioni sociali per lei e la sua famiglia si rechi alla cancelleria del suo comune di domicilio, che la informerà sulle prestazioni sociali cantonali. Non dovrà compilare nessun

Dettagli

ORDINANZA MUNICIPALE SULLA CONCESSIONE DI AIUTI FINANZIARI IN AMBITO EDUCATIVO SPORTIVO E MUSICALE ANNO 2013/2014 (del 3.09.2013)

ORDINANZA MUNICIPALE SULLA CONCESSIONE DI AIUTI FINANZIARI IN AMBITO EDUCATIVO SPORTIVO E MUSICALE ANNO 2013/2014 (del 3.09.2013) ORDINANZA MUNICIPALE SULLA CONCESSIONE DI AIUTI FINANZIARI IN AMBITO EDUCATIVO SPORTIVO E MUSICALE ANNO 2013/2014 (del 3.09.2013) Ordinanza municipale sulla concessione di aiuti finanziari in ambito educativo,

Dettagli

852.11 Ordinanza sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero

852.11 Ordinanza sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero Ordinanza sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero (OAPE) del 4 novembre 2009 (Stato 1 gennaio 2010) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 25 della legge federale del

Dettagli

Regolamento per la promozione della proprietà dell abitazione

Regolamento per la promozione della proprietà dell abitazione Regolamento per la promozione della proprietà dell abitazione Fondazione SEF Konsumstrasse 22A 3000 Berna 14 www.eev.ch Promozione della proprietà dell abitazione mediante i fondi della previdenza professionale

Dettagli

Cassa Disoccupazione CRISTIANO SOCIALE. Informazioni generali

Cassa Disoccupazione CRISTIANO SOCIALE. Informazioni generali Cassa Disoccupazione CRISTIANO SOCIALE Informazioni generali sull assicurazione contro la disoccupazione 1. Disdetta del rapporto di lavoro 2. Annuncio 3. Diritto alle indennità 4. Informazioni varie 1.

Dettagli

Convenzione quadro. (approvata il 21.12.2012 dalla Seco) (nome, indirizzo) e: Pietro Piccipocci

Convenzione quadro. (approvata il 21.12.2012 dalla Seco) (nome, indirizzo) e: Pietro Piccipocci (approvata il 21.12.2012 dalla Seco) tra la: Esempio SA (nome, indirizzo) e: Pietro Piccipocci (nome, indirizzo) 1. Campo d applicazione La presente è una convenzione quadro volta a regolare un numero

Dettagli

Assicurazioni sociali e lavoro a tempo parziale. assegni famiglia.

Assicurazioni sociali e lavoro a tempo parziale. assegni famiglia. Assicurazioni sociali e lavoro a tempo parziale importanti per tutti coloro che lavorano a tempo parziale e allevano figli o assistono familiari. sull AVS, l AI, la previdenza professionale, nonché sull

Dettagli

L'importo annuo della prestazione complementare corrisponde alla differenza fra le spese riconosciute (fabbisogno) ed i redditi computabili.

L'importo annuo della prestazione complementare corrisponde alla differenza fra le spese riconosciute (fabbisogno) ed i redditi computabili. Prestazioni complementari cantonali (PC) alle rendite AVS e AI 1. Diritto alle prestazioni Hanno diritto alle prestazioni complementari i cittadini svizzeri, domiciliati nel Cantone Ticino, ai quali spetta

Dettagli

Disoccupati registrati (+368, +5.2%)

Disoccupati registrati (+368, +5.2%) Disoccupati registrati (+368, +5.2%) Persone in cerca di impiego registrate (+319, +3.0%) Tasso di disoccupazione (+0.2 punti percentuali) Documentazione per la stampa della Sezione del lavoro / 9 gennaio

Dettagli

142.318.1 Ordinanza sullo svolgimento di fasi di test relative alle misure di accelerazione nel settore dell asilo

142.318.1 Ordinanza sullo svolgimento di fasi di test relative alle misure di accelerazione nel settore dell asilo Ordinanza sullo svolgimento di fasi di test relative alle misure di accelerazione nel settore dell asilo (Ordinanza sulle fasi di test, OTest) del 4 settembre 2013 (Stato 1 ottobre 2013) Il Consiglio federale

Dettagli

Rev. 0 del 14/02/2003 CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO E PER L ATTRIBUZIONE DI SUSSIDI PER SPESE DI OSPITALITÀ IN CASE DI RIPOSO

Rev. 0 del 14/02/2003 CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO E PER L ATTRIBUZIONE DI SUSSIDI PER SPESE DI OSPITALITÀ IN CASE DI RIPOSO Rev. 0 del 14/02/2003 CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO E PER L ATTRIBUZIONE DI SUSSIDI PER SPESE DI OSPITALITÀ IN CASE DI RIPOSO 1 Sommario Criteri per l attribuzione di borse di studio...

Dettagli

Legge sull orientamento scolastico e professionale e sulla formazione professionale e continua (Lorform) (del 4 febbraio 1998)

Legge sull orientamento scolastico e professionale e sulla formazione professionale e continua (Lorform) (del 4 febbraio 1998) Legge sull orientamento scolastico e professionale e sulla formazione professionale e continua (Lorform) (del febbraio 1998) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO - visto il messaggio 1 marzo

Dettagli

BREVE INFORMAZIONE Segretariato generale CDPE, 22.9.2015

BREVE INFORMAZIONE Segretariato generale CDPE, 22.9.2015 BREVE INFORMAZIONE Segretariato generale CDPE, 22.9.215 Il concordato sulle della CDPE Considerato che per la concessione delle sono competenti i Cantoni, con il Concordato sulle s'intende raggiungere

Dettagli

interessata, dei genitori, di altre persone obbligate per legge e di altri terzi sono insufficienti.

interessata, dei genitori, di altre persone obbligate per legge e di altri terzi sono insufficienti. EDK CDIP Schweizerische Konferenz der kantonalen Erziehungsdirektoren Conférence suisse des directeurs cantonaux de l'instruction publique Modello di legge cantonale sulle borse di studio del 6 giugno

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DELLE LIQUIDAZIONI IN CAPITALE MODALITA D IMPOSIZIONE. (Art. 37 e 38 LT e 38 LIFD)

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DELLE LIQUIDAZIONI IN CAPITALE MODALITA D IMPOSIZIONE. (Art. 37 e 38 LT e 38 LIFD) 5.2.3 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, luglio 2009 CIRCOLARE N. 3/2009 Modifica la circolare n. 3/2006 del gennaio 2006 MODALITA D IMPOSIZIONE DELLE LIQUIDAZIONI IN CAPITALE (Art. 37 e 38 LT e

Dettagli

2.01 Stato al 1 o gennaio 2013

2.01 Stato al 1 o gennaio 2013 2.01 Stato al 1 o gennaio 2013 Contributi paritetici all AVS, all AI e alle IPG Obbligo contributivo 1 Sono tenute a pagare i contributi sul proprio salario all AVS, all AI e alle IPG le persone che esercitano

Dettagli

6.4.5.1.2 Direttive concernenti l applicazione ed il computo delle rette differenziate nelle case per anziani sussidiate (del 26 febbraio 2007)

6.4.5.1.2 Direttive concernenti l applicazione ed il computo delle rette differenziate nelle case per anziani sussidiate (del 26 febbraio 2007) 6.4.5.1.2 Direttive concernenti l applicazione ed il computo delle rette differenziate nelle case per anziani sussidiate (del 26 febbraio 2007) Richiamati gli articoli 6d e 11 della Legge concernente il

Dettagli

Ordinanza concernente i provvedimenti atti a promuovere il mutuo riconoscimento degli studi e la mobilità in Svizzera

Ordinanza concernente i provvedimenti atti a promuovere il mutuo riconoscimento degli studi e la mobilità in Svizzera Ordinanza concernente i provvedimenti atti a promuovere il mutuo riconoscimento degli studi e la mobilità in Svizzera 414.411 del 9 luglio 1991 Il Dipartimento federale dell interno, visto l articolo 5

Dettagli

Classe liceale per sportivi Locarno Tenero

Classe liceale per sportivi Locarno Tenero Classe liceale per sportivi Locarno Tenero Modello scolastico Il Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport (DECS) prevede di dare avvio, con l anno scolastico 2014/15, a una classe per

Dettagli

6.4.2.1. Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie) (del 15 settembre 2003)

6.4.2.1. Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie) (del 15 settembre 2003) 6.4.2.1 Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie) (del 15 settembre 2003) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio

Dettagli

Regolamento della legge sull integrazione sociale e professionale degli invalidi

Regolamento della legge sull integrazione sociale e professionale degli invalidi 1 Regolamento della legge sull integrazione sociale e professionale degli invalidi (del 19 giugno 2012) IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO Dipartimento della sanità e della socialità

Dettagli

Foglio ufficiale. Atti legislativi e dell Amministrazione. sugli assegni di famiglia. Legge. 103-104/2008 Martedì 23 dicembre 9313

Foglio ufficiale. Atti legislativi e dell Amministrazione. sugli assegni di famiglia. Legge. 103-104/2008 Martedì 23 dicembre 9313 103-104/2008 Martedì 23 dicembre 9313 Foglio ufficiale Atti legislativi e dell Amministrazione Legge sugli assegni di famiglia IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO richiamate la legge federale

Dettagli

852.1 Legge federale sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero

852.1 Legge federale sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero Legge federale sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero (LAPE) 1 del 21 marzo 1973 (Stato 1 gennaio 2010) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

NOI CON. Il nostro impegno e le nostre prestazioni per voi. Gli uffici regionali di collocamento e le casse di disoccupazione.

NOI CON. Il nostro impegno e le nostre prestazioni per voi. Gli uffici regionali di collocamento e le casse di disoccupazione. NOI CON VIi VOi Il nostro impegno e le nostre prestazioni per voi. Gli uffici regionali di collocamento e le casse di disoccupazione. Una campagna dell Assicurazione contro la disoccupazione in collaborazione

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A STUDENTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 52 del 30/10/2009 CAPO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA SVIZZERA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA SVIZZERA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA SVIZZERA 1. Disposizioni generali 1.1 Principi e obiettivi della Scuola La Scuola Svizzera di Roma si prefigge l obiettivo di condurre gli allievi alla maturità personale in campo

Dettagli

Regolamento sulle prestazioni comunali in ambito sociale

Regolamento sulle prestazioni comunali in ambito sociale Regolamento sulle prestazioni comunali in ambito sociale Il Consiglio Comunale di Monteceneri, visti gli art. 53 e segg. della Legge cantonale sull'assistenza sociale, 13 cpv. 1 lett. a, 42 cpv. 2 e 186

Dettagli

Imposta utili. Dipartimento delle finanze e dell'economia Divisione delle contribuzioni

Imposta utili. Dipartimento delle finanze e dell'economia Divisione delle contribuzioni Imposta utili sugli immobiliari Istruzioni alla compilazione della dichiarazione Dipartimento delle finanze e dell'economia Divisione delle contribuzioni Edizione valida per i trasferimenti a partire dal

Dettagli

Disoccupati registrati (-444, -7.2%)

Disoccupati registrati (-444, -7.2%) Disoccupati registrati (-444, -7.2%) Persone in cerca di impiego registrate (-556, -5.7%) Tasso di disoccupazione (-0.3 punti percentuali) Disoccupati ai sensi dell Organizzazione Internazionale del Lavoro

Dettagli

Portrait. Contributi e prestazioni. Piani assicurativi e le loro possibilità di combinazione Disposizioni comuni

Portrait. Contributi e prestazioni. Piani assicurativi e le loro possibilità di combinazione Disposizioni comuni Portrait Contributi e prestazioni Piani assicurativi e le loro possibilità di combinazione Disposizioni comuni Sono determinanti le disposizioni del Regolamento Berna, febbraio 2008 I nostri Piani delle

Dettagli

Diritto alle prestazioni per gli Svizzeri e le Svizzere all estero. Informazione complementare all Info-Service «Disoccupazione»

Diritto alle prestazioni per gli Svizzeri e le Svizzere all estero. Informazione complementare all Info-Service «Disoccupazione» Dipartimento federale dell'economia DFE EDIZIONE 2011 Informazione complementare all Info-Service «Disoccupazione» Un opuscolo per i disoccupati Diritto alle prestazioni per gli Svizzeri e le Svizzere

Dettagli

Decisioni del Consiglio nazionale del 19.6.2014 Codice civile svizzero

Decisioni del Consiglio nazionale del 19.6.2014 Codice civile svizzero Decisioni del Consiglio nazionale del 19.6.2014 Codice civile svizzero (Mantenimento del figlio) e-parl 26.06.2014 11:15 Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio

Dettagli

Ordinanza sull ammissione, il soggiorno e l attività lucrativa

Ordinanza sull ammissione, il soggiorno e l attività lucrativa Ordinanza sull ammissione, il soggiorno e l attività lucrativa (OASA) 142.201 del 24 ottobre 2007 (Stato 15 ottobre 2015) Il Consiglio federale svizzero, vista la legge federale del 16 dicembre 2005 1

Dettagli

Legge sull assistenza e cura a domicilio (LACD)

Legge sull assistenza e cura a domicilio (LACD) 6.4.5.5 Legge sull assistenza e cura a domicilio (LACD) (del 30 novembre 2010) A. Scopo B. Utenti IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 24 agosto 2010 n. 6390 del Consiglio

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. AOODGAI/1574 Roma, 17 febbraio 2010 Agli Istituti di Istruzione Secondaria di primo e secondo grado LORO SEDI Agli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI e, p.c., All Ufficio del Capo di Gabinetto

Dettagli

Ingresso e soggiorno in Europa

Ingresso e soggiorno in Europa Ingresso e soggiorno in Europa CH-4501 Soletta Dornacherstrasse 28A Casella postale 246 Telefono 032 346 18 18 Telefax 032 346 18 02 info@ch-go.ch www.ch-go.ch Indice Introduzione... 3 1. Entrata in Europa...

Dettagli

Legge federale sulle prestazioni complementari all assicurazione per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità

Legge federale sulle prestazioni complementari all assicurazione per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità Legge federale sulle prestazioni complementari all assicurazione per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (LPC) 831.30 del 6 ottobre 2006 1 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione

Dettagli

6439 R 5 settembre 2011 EDUCAZIONE, CULTURA E SPORT

6439 R 5 settembre 2011 EDUCAZIONE, CULTURA E SPORT 6439 R 5 settembre 2011 EDUCAZIONE, CULTURA E SPORT della Commissione speciale scolastica sul messaggio 11 gennaio 2011 concernente l'adesione del Cantone Ticino all'accordo intercantonale sull'armonizzazione

Dettagli

Istanza di gratuito patrocinio in virtù dell articolo 119 CPC

Istanza di gratuito patrocinio in virtù dell articolo 119 CPC Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento delle istituzioni Divisione della Giustizia Istanza di gratuito patrocinio in virtù dell articolo 119 CPC Incarto (se la causa è già pendente) Numero Autorità di

Dettagli

5.2.1.1.6. Regolamento sui corsi interaziendali

5.2.1.1.6. Regolamento sui corsi interaziendali 5.2.1.1.6 Campo d applicazione Responsabilità Composizione delle Commissioni Regolamento sui corsi interaziendali (del 7 settembre 2010) IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO richiamati:

Dettagli

Stage in un azienda in Europa con il programma europeo Leonardo da Vinci

Stage in un azienda in Europa con il programma europeo Leonardo da Vinci Stage in un azienda in Europa con il programma europeo Leonardo da Vinci Dipartimento dell educazione del Canton Ticino Servizio Lingue e stage all estero (LSE) Casella postale 70 6952 Canobbio Tel: 091

Dettagli

Regolamento del Fondo Sport-toto 1 (del 18 gennaio 2011)

Regolamento del Fondo Sport-toto 1 (del 18 gennaio 2011) Regolamento del Fondo Sport-toto 1 (del 18 gennaio 2011) 11.1.3.1.3 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO Richiamati: la Legge federale concernente le lotterie e le scommesse professionalmente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ATTRIBUZIONE E L EROGAZIONE DELLE BORSE DI STUDIO IN FAVORE DI STUDENTI DEL CONSERVATORIO DI MUSICA N. PICCINNI IL PRESIDENTE

REGOLAMENTO PER L'ATTRIBUZIONE E L EROGAZIONE DELLE BORSE DI STUDIO IN FAVORE DI STUDENTI DEL CONSERVATORIO DI MUSICA N. PICCINNI IL PRESIDENTE REGOLAMENTO PER L'ATTRIBUZIONE E L EROGAZIONE DELLE BORSE DI STUDIO IN FAVORE DI STUDENTI DEL CONSERVATORIO DI MUSICA N. PICCINNI IL PRESIDENTE - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980 n. 382; - Vista la Legge

Dettagli

Maturità professionale

Maturità professionale situazione gennaio 2010 telefono fax e-mail internet Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della formazione professionale via Vergiò 18 cp 367

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

BORSE DI STUDIO 2013 per l'anno scolastico / accademico 2011-2012

BORSE DI STUDIO 2013 per l'anno scolastico / accademico 2011-2012 BORSE DI STUDIO 2013 per l'anno scolastico / accademico 2011-2012 1. Per l'anno scolastico / accademico 2011-2012, l'enpaf provvederà all'assegnazione di n. 250 borse di studio in favore dei figli di farmacisti,

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO Pagina 1 di 13 LEGGE 21 gennaio 2004 n.5 REPUBBLICA DI SAN MARINO LEGGE SUL DIRITTO ALLO STUDIO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Promulghiamo e mandiamo a pubblicare la seguente

Dettagli

EDIZIONE 2013. Un primo passo verso il reinserimento Provvedimenti inerenti al mercato del lavoro

EDIZIONE 2013. Un primo passo verso il reinserimento Provvedimenti inerenti al mercato del lavoro EDIZIONE 2013 Un primo passo verso il reinserimento Provvedimenti inerenti al mercato del lavoro 1 Cara lettrice, caro lettore, il lavoro è una parte importante della nostra vita. Chi si trova senza un

Dettagli

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO ... Legge sull Università della Svizzera italiana, sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana e sugli Istituti di ricerca (del ottobre 99) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE

Dettagli

FIAS. Federazione svizzera degli impiegati delle assicurazioni sociali. Commissione centrale d esame. Esame professionale 2014

FIAS. Federazione svizzera degli impiegati delle assicurazioni sociali. Commissione centrale d esame. Esame professionale 2014 FIAS Federazione svizzera degli impiegati delle assicurazioni sociali Commissione centrale d esame Esame professionale 04 Assicurazione contro la disoccupazione (AD) Numero della/del candidata/o: Durata

Dettagli

Codice civile svizzero

Codice civile svizzero Codice civile svizzero (Mantenimento del figlio) Disegno Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale del 29 novembre 2013 1, decreta: I Il

Dettagli

Codice civile svizzero

Codice civile svizzero Decisioni del Consiglio degli Stati del 12.6.2014 Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 14.4.2015 (maggioranza: entrare in materia; minoranza: non entrare in materia) Codice civile svizzero

Dettagli

Regolamento delle Scuole medie di commercio e delle Scuole professionali commerciali (dell 11 settembre 2001)

Regolamento delle Scuole medie di commercio e delle Scuole professionali commerciali (dell 11 settembre 2001) Regolamento delle Scuole medie di commercio e delle Scuole professionali commerciali (dell 11 settembre 001) 5...5 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visti: - la Legge della scuola

Dettagli

Ordinanza relativa alla legge sull aiuto alle università

Ordinanza relativa alla legge sull aiuto alle università Ordinanza relativa alla legge sull aiuto alle università (OAU) 414.201 del 13 marzo 2000 (Stato 1 gennaio 2008) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 16 capoverso 1, 19 capoversi 1 e 2, 21

Dettagli

BANDO PER I TRATTAMENTI DI ASSISTENZA - I SEMESTRE 2012

BANDO PER I TRATTAMENTI DI ASSISTENZA - I SEMESTRE 2012 E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 BANDO PER

Dettagli

5.2.2.5 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

5.2.2.5 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO Regolamento delle Scuole medie di commercio e delle Scuole professionali commerciali dell settembre 00 (ultima modifica: giugno 007; BU:.07.007)... IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

Dettagli

Regolamento di previdenza

Regolamento di previdenza Regolamento di previdenza Liberty 3a Fondazione di previdenza Sommario Art. 1 Scopo Art. 2 Oggetto del regolamento Art. 3 Stipulazione dell accordo di previdenza Art. 4 Contributi Art. 5 Imposte Art. 6

Dettagli

BANDO 2015 DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011-2013. Intervento

BANDO 2015 DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011-2013. Intervento Allegato parte integrante BANDO 2015 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO BANDO 2015 DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011-2013 V) SOSTEGNI AL REDDITO 24 ter - REDDITO DI QUALIFICAZIONE Intervento

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

2.06 Stato al 1 o gennaio 2014

2.06 Stato al 1 o gennaio 2014 2.06 Stato al 1 o gennaio 2014 Lavoro domestico Quali attività sono considerate lavori domestici? 1 Si intendono, ad esempio, le attività delle seguenti persone: addetta/addetto alle pulizie, bambinaia

Dettagli

Disposizioni esecutive della legge cantonale sull'assistenza

Disposizioni esecutive della legge cantonale sull'assistenza 546.70 Disposizioni esecutive della legge cantonale sull'assistenza emanate dal Governo l'8 novembre 005 visti l'art. 45 cpv. della Costituzione cantonale ) e l'art. 8 della legge cantonale sull'assistenza

Dettagli

05.3 Assicurazione Incentive/Bonus. Assicurazione Incentive/Bonus

05.3 Assicurazione Incentive/Bonus. Assicurazione Incentive/Bonus 05.3 Assicurazione Incentive/Bonus Assicurazione Incentive/Bonus Cassa pensione Novartis Regolamento dell assicurazione Incentive/Bonus Pubblicato dalla Cassa pensione Novartis Valido dal 1 o gennaio 2005

Dettagli

2.09 Stato al 1 gennaio 2013

2.09 Stato al 1 gennaio 2013 2.09 Stato al 1 gennaio 2013 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONE DELLE SPESE PER MALATTIA, INFORTUNIO O INVALIDITÀ. I. Base legale 2. II. Persone interessate alla deduzione 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONE DELLE SPESE PER MALATTIA, INFORTUNIO O INVALIDITÀ. I. Base legale 2. II. Persone interessate alla deduzione 2 5.2.9 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2003 CIRCOLARE N. 9/2003 Abroga la circolare n. 9/2001 del 1. dicembre 2000 DEDUZIONE DELLE SPESE PER MALATTIA, INFORTUNIO O INVALIDITÀ Pag. I. Base

Dettagli

Sicurezza sociale. Ecco come siete assicurati in Svizzera secondo la legge. (Stato: gennaio 2015) ASSICURAZIONI SOCIALI DELLA SVIZZERA

Sicurezza sociale. Ecco come siete assicurati in Svizzera secondo la legge. (Stato: gennaio 2015) ASSICURAZIONI SOCIALI DELLA SVIZZERA sozialversicherungen der Schweiz ASSICURAZIONI SOCIALI DELLA SVIZZERA Sicurezza sociale. Ecco come siete assicurati in Svizzera secondo la legge. (Stato: gennaio 2015) Prestazioni Assicurazione per la

Dettagli

Ordinanza concernente il promovimento dell istruzione dei giovani Svizzeri all estero

Ordinanza concernente il promovimento dell istruzione dei giovani Svizzeri all estero Ordinanza concernente il promovimento dell istruzione dei giovani Svizzeri all estero (Ordinanza sull istruzione degli Svizzeri all estero, OISE) 418.01 del 29 giugno 1988 (Stato 1 gennaio 2008) Il Consiglio

Dettagli

414.131.51 Ordinanza concernente l ammissione al Politecnico federale di Zurigo

414.131.51 Ordinanza concernente l ammissione al Politecnico federale di Zurigo Ordinanza concernente l ammissione al Politecnico federale di Zurigo (Ordinanza di ammissione al PFZ) del 24 marzo 1998 (Stato 12 settembre 2000) La Direzione del Politecnico federale di Zurigo, visti

Dettagli

21.4.2015 INFORMAZIONI IMPORTANTI PER I BENEFICIARI DI UNA RENDITA PEAN

21.4.2015 INFORMAZIONI IMPORTANTI PER I BENEFICIARI DI UNA RENDITA PEAN 21.4.2015 INFORMAZIONI IMPORTANTI PER I BENEFICIARI DI UNA RENDITA PEAN Inhalt Decisione sulle prestazioni 1 Domanda definitiva 1 Verifica della decisione sulle prestazioni 2 Contributo di risparmio LPP

Dettagli

Legge federale sulle prestazioni complementari all assicurazione per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità

Legge federale sulle prestazioni complementari all assicurazione per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità Legge federale sulle prestazioni complementari all assicurazione per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (LPC) 831.30 del 6 ottobre 20061 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione

Dettagli

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi 2.09 Stato al 1 gennaio 2010 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO FACOLTA DI GIURISPRUDENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO FACOLTA DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO FACOLTA DI GIURISPRUDENZA Anno Accademico 2011/2012 Bando di concorso per l ammissione al MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in DIRITTO E GESTIONE DELL AMBIENTE

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli