Crisi economica ed etica della responsabilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Crisi economica ed etica della responsabilità"

Transcript

1 laboratorio Crisi economica ed etica della responsabilità di Maurizio Mussoni* L attuale crisi economica, verificatasi nel contesto della globalizzazione dei mercati, è certamente la più grave crisi economica del dopoguerra. Come successe nel caso della grave crisi del 1929 si sta infatti verificando un impoverimento globale e un forte aumento della rischiosità dell intera economia mondiale, una grave crisi di fiducia nei mercati tra gli agenti economici, oltre che un sentimento di paura sul possibile andamento futuro dell economia. A ciò si aggiunga che coloro che maggiormente stanno pagando il prezzo di questa crisi sono, come spesso capita, proprio i soggetti più deboli e meno protetti, i quali oltre a rischiare di perdere il posto di lavoro nel caso non l abbiano già perso fanno parte anche di quella massa di investitori e risparmiatori ignari sui quali la recente innovazione finanziaria ha distribuito gran parte dell aumentato rischio degli investimenti. I fronti di impegno che si pongono per uscire dalla situazione descritta sono pertanto almeno due: da un lato quello di rilanciare l economia, correggere le storture verificatisi e rilanciare lo sviluppo; dall altro quello di correggere gli squilibri sociali che ne sono derivati e tutelare quei cittadini che più sono stati colpiti dalla crisi, in modo da proteggerli dalle mancanze e dagli errori del mercato. La protezione dei soggetti più deboli in un momento di difficoltà non deve essere tanto il portato di buoni sentimenti o di carità, quanto quello di una precisa scelta di riconoscimento dei diritti delle persone. Per poter individuare quali possibili soluzioni si possono trovare a questa situazione è però indispensabile partire dall analisi delle cause e delle dimensioni specifiche di questa crisi; cause che sono in parte più prossime e legate a motivazioni di ordine tecnico, economico e politico, in parte invece cause remote, di natura prettamente culturale. Ci soffermeremo su quest ultime. Le cause culturali della crisi economica (cause remote) Oltre alle cause prossime, sono però altrettanto importanti anche le cause remote sottostanti alla crisi economica, ossia quegli aspetti culturali che ne hanno rappresentato il substrato e l ossatura portante, in maniera diffusa e pervasiva in tutte le fasce della popolazione e in tutti gli strati sociali. Negli ultimi anni si è infatti andato diffondendo sempre più un atteggiamento culturale tradottosi poi anche sul piano politico-sociale che ha messo al centro dell agire economico la ricerca della rendita e della speculazione a tutti i livelli: rendita di posizione (corporativa), immobiliare (speculazione immobiliare), finanziaria (speculazione finanziaria) e fiscale (evasione, elusione e lavoro nero). L ampia diffusione di questa cultura ha caratterizzato in modo pervasivo il comportamento sia delle persone che delle imprese, ostacolando il processo di innovazione e crescita dell economia reale e produttiva (basata sulle dinamiche della produzione, del reddito e dell occupazione), per puntare invece sulla logica della speculazione tipica dell economia finanziaria (basata invece sulle dinamiche dell investimento di breve periodo, dell indebitamento e della leva finanziaria). Tale politica della rendita e della speculazione ha inoltre portato, da parte sia 14>> ricerca laboratorio

2 dei cittadini-consumatori che delle imprese, ad una progressiva perdita della capacità di mettersi in gioco, di accettare la sfida della concorrenza, verso l adozione di un atteggiamento di sola difesa delle proprie prerogative e di godimento della rendita esistente fin che dura, in un clima di sfiducia e di apatia. Da un punto di vista culturale, questo atteggiamento si accompagna alla tendenza a voler ricercare modalità diverse di arricchimento, sostituendo quelli che sono stati i classici strumenti di produzione della ricchezza fino a 30 anni fa il lavoro, manuale o intellettuale con l attività speculativa. La mentalità è quella per cui per arricchirsi non serve lavorare, basta un po di capacità di rischio, giocare in borsa, acquistare e rivendere poco dopo titoli e così via. Da questa logica non sono esenti nemmeno altri protagonisti della vita economica e sociale, come ad esempio i sindacati, dato che molti fondi pensione sono gestiti dai sindacati stessi. Il rischio è che questa impostazione mentale, che non è solo della grande finanza ma ha sempre più intaccato anche il comportamento delle famiglie normali, possa perdurare anche una volta superata la crisi. Anche la precarietà del lavoro è figlia di questo meccanismo e di questa logica, perché essa mira a tenere bassi gli stipendi per garantire invece una redditività elevata all investimento in capitale di rischio degli azionisti o in capitale di debito dei prestatori di capitale. Questo per gli investitori, mentre per il lavoratore questa cultura porta a non considerare più un valore il lavoro stabile, il lavoro fisso, quanto invece il procurarsi delle entrate, comunque arrivino. Ciò però non permette di progettare un futuro, dei progetti a lungo termine, una famiglia, con la conseguente disgregazione anche del tessuto sociale. Tale atteggiamento culturale è il riflesso di una situazione di conflitto che è già dentro la persona, dato che ognuno di noi è contemporaneamente lavoratore e consumatore: come lavoratori desideriamo avere stipendi alti e di conseguenza prezzi alti dei prodotti venduti, in modo da garantire all impresa il ricavo necessario per pagarci mentre come consumatori cerchiamo invece di spuntare prezzi bassi dei prodotti che acquistiamo. Si tratta di una vera e propria contraddizione intrapersonale. Questa impostazione culturale incide poi anche sulla valorizzazione dei talenti nelle imprese, che non vengono impegnati nella produttività, quanto invece nella gestione della finanza. In Inghilterra solo il 12% del PIL deriva dal lavoro, tutto il resto deriva dalla finanza, dato che circa 6 milioni di persone, quelle più dotate intellettualmente, sono impiegate nella finanza. Da questo punto di vista si può affermare che paradossalmente questa crisi ha avuto anche un risvolto positivo, avendo mostrato la necessità di un aggiustamento e cambiamento del sistema. Da questo punto di vista la crisi, nel suo significato etimologico di passaggio, può quindi rappresentare un occasione di svolta e di cambiamento in positivo per il futuro, anche se ci vorrà del tempo per reimpostare un diverso modo di ragionare e di vivere, con la possibilità che si verifichino situazioni di desolazione e di depressione, sopratlaboratorio ricerca <<15

3 L attenzione al piano culturale rappresenta forse la sfida e la missione più importante per i cristiani di oggi, al punto che si può parlare di carità culturale e di evangelizzazione delle cultura come delle priorità per poter incidere sulla società attuale, al fine di produrre cultura e combattere la povertà culturale, oltre che la povertà materiale e spirituale. Da questo punto di vista, i cristiani dispongono di un vero e proprio tesoro che molto spesso non è sufficientemente conosciuto, apprezzato ed utilizzato dai cristiani stessi, ossia i testi della Dottrina Sociale della Chiesa. tutto nei giovani impegnati nel settore della finanza, non soltanto a causa della conseguente crisi di disponibilità finanziaria, ma prima ancora per una vera e propria crisi di identità che ne potrà derivare. Dal punto di vista dell imprenditore, inoltre, tale impostazione culturale ha portato ad un atteggiamento di sostituzione della natura stessa dell impresa. Se in passato, infatti, dal XIII secolo in poi, l impresa era intesa come associazione o comunità, in questi ultimi decenni invece l impresa è sempre più considerata come una merce, che può essere comprata o venduta. L impresa è di proprietà di qualcuno (per le società per azioni gli azionisti) e obiettivo del proprietario è quello di massimizzare gli utili (i dividendi o anche il prezzo di vendita), e ciò sempre più nel breve termine, nemmeno più annuale, ma trimestrale al fine di mandare segnali positivi ai mercati (la borsa valori) sull andamento dell impresa. Da tale impostazione deriva la tendenza agli elevatissimi stipendi per i manager, affinché cerchino di massimizzare il profitto in tempi brevissimi, ponendo in secondo piano di conseguenza l attenzione ai dipendenti, alla salute o all ambiente e a tutte quelle dimensioni che necessitano di tempi più lunghi per realizzarsi e svilupparsi e che potenzialmente non sono convenienti nel breve periodo. Se l impresa è una merce, inoltre, può essere venduta o fatta fallire in qualunque momento. Un ultimo riflesso culturale di questa crisi economica può essere individuato nella sostituzione della categoria di bene comune con quella di bene totale. Il concetto di bene comune è un concetto centrale della Dottrina Sociale della Chiesa, è una categoria di pensiero tipico della tradizione cristiana (dall XI secolo in poi), e risponde alla logica della moltiplicazione dei beni individuali. In base a tale logica, se il bene di un individuo è pari a zero, essendo esso un fattore della moltiplicazione il risultato della moltiplicazione è zero, anche se l altro fattore, cioè il bene degli altri individui, fosse pari ad un milione. Il concetto di bene totale, invece, è figlio della corrente filosofica dell utilitarismo e risponde alla logica per cui il bene della società è la somma, e non la moltiplicazione, dei beni individuali. La conseguenza è che anche annullando qualche addendo, la somma totale è sempre positiva o addirittura vi può essere chi ci guadagna per cui in tale logica l azzeramento della ricchezza di qualche individuo nella società è un dato contemplato e previsto. Anzi, chi è meno efficiente consuma come gli altri, ma produce di meno, per cui diventa giustificato annullare quelli che non producono. Si può eliminare fisicamente chi è meno efficiente oppure lo si può affidare alla pietas, cioè eliminarlo dal processo produttivo e inventare strumenti assistenziali (pubblici o privati) per garantirgli comunque la sopravvivenza. Così è nato il welfare state, non a caso nel mondo anglosassone e poi diffusosi anche altrove, in un contesto culturale in cui la parola chiave del funzionamento della società e dell economia è l efficienza, e quindi la competizione posizionale di chi mira solo ai primi posti, l enfasi sull interesse individuale e sulla meritocrazia, sulla produttività, sul rendimento e sul denaro come unica 16>> ricerca laboratorio

4 forma di ricompensa del merito, sul mito della tecnica e delle scienze e appunto sul bene totale della società. In base alla logica del bene comune, invece, bisogna fare in modo che chi è meno produttivo non sia affidato alla pietas, ma sia inserito nel ciclo produttivo, modificando se necessario l impostazione del lavoro, le sue regole, le macchine e adattandole alle sue esigenze. E questo di fatto può avvenire e già avviene oggi, ad esempio attraverso le cooperative sociali che garantiscono l inserimento nel mondo produttivo di persone svantaggiate o portatrici di handicap; queste ultime infatti anche se producono di meno, producono sempre più di zero come farebbero se fossero affidate solamente all assistenza. Giovanni Paolo II, il 29 novembre 2004, nel suo ultimo intervento pubblico diceva: La discriminazione in base all efficienza non è meno disumana della discriminazione in base al sesso, alla razza, alla nazionalità. Il rischio che corre la nostra società è invece quello di privilegiare i più efficienti, di dare enfasi al solo termine meritocrazia con tutte le ambiguità che si porta dietro e i pericoli di creazione di un sistema oligarchico nella gestione della società e dell economia. Concetto ben diverso infatti è quello del merito individuale (è il discorso evangelico dei talenti), mentre meritocrazia significa ergere a sistema il principio del merito, escludendo totalmente i meno efficienti dal mercato e dalla società. Per concludere questa breve disamina sulle cause prossime e remote della crisi economica, si può quindi dire che essa sia il frutto di almeno tre diverse tipologie di deficit, ossia carenze o mancanze: deficit del mercato stesso, che ha dato diversi segnali di malfunzionamento; deficit della politica, quindi del regolatore del mercato; ma anche deficit etico nel comportamento della società civile e di tutte le realtà che la compongono, dalle singole persone a tutti i corpi sociali intermedi da essi composti. Come intervenire: l etica della responsabilità Dato che sono diverse le cause dell attuale crisi economica, anche le possibili soluzioni devono necessariamente essere diverse e molteplici, non limitandosi alle sole cause prossime (ad esempio la mancanza di regole certe per la finanza), ma cercando di incidere anche sulle cause remote, ossia sul piano culturale e sulla visione antropologica sottostante. L attenzione al piano culturale rappresenta forse la sfida e la missione più importante per i cristiani di oggi, al punto che si può parlare di carità culturale e di evangelizzazione delle cultura come delle priorità per poter incidere sulla società attuale, al fine di produrre cultura e combattere la povertà culturale, oltre che la povertà materiale e spirituale. Da questo punto di vista, i cristiani dispongono di un vero e proprio tesoro che molto spesso non è sufficientemente conosciuto, apprezzato ed utilizzato dai cristiani stessi, ossia i testi della Dottrina Sociale della Chiesa. In base a tali testi il criterio guida, il valore fondamentale e il punto di riferimento ultimo per lo sviluppo di una economia e di una società veramente umana è la centralità della persona, il rispetto e la tutela della sua dignità, nonché la promozione di laboratorio ricerca <<17

5 relazioni interpersonali fondate sulla nonviolenza. Ciò implica mettere al centro dello sviluppo culturale, sociale, politico ed economico la persona e al tempo stesso tutte quelle manifestazioni della sua autonomia quali sono tutti i corpi sociali intermedi (famiglia, comunità, associazione, movimento, comitato, fondazione, organizzazione non governativa, cooperativa, impresa, ecc.) che dal basso essa promuove e che costituiscono il tessuto connettivo della società civile. Ciò implica inoltre finalizzare lo sviluppo della società al perseguimento: del bene comune, inteso come il bene di tutti e di ciascuno, di tutto l uomo (nelle sue dimensioni materiale, culturale e spirituale) e di tutti gli uomini, ma anche come un bene più grande e più completo della somma dei beni individuali delle singole persone; - della partecipazione della società civile, intesa come riconoscimento del diritto della società civile di prendere parte alle decisioni politiche e di svolgere un ruolo attivo nella gestione della società e dell economia; - della solidarietà, intesa innanzitutto come la capacità di cogliere le istanze di coloro che si trovano in situazioni di effettivo svantaggio e di trovare soluzioni di comune interesse, ma anche come la capacità di perseguire l equità, cioè la ricerca di una giusta distribuzione della ricchezza e delle risorse, orientata al superamento delle disuguaglianze sociali lesive della dignità umana, nonché al soddisfacimento dei bisogni primari e all ottenimento dei mezzi per il perseguimento del proprio progetto di Sul piano delle soluzioni alle cause prossime della crisi, il punto probabilmente più importante è quello relativo alla necessità di riportare equilibrio tra economia e politica, o meglio giungere ad una ripresa del ruolo della politica rispetto all economia, dopo che per decenni la politica ha svolto un ruolo di ancella all economia. Ciò significa innanzitutto ridare un ruolo e un importanza a regole che possano governare l economia in modo efficace, al fine di garantire la stessa sopravvivenza dei mercati, dato che la crisi dimostra come i mercati funzionano bene solo quando sono oggetto di regole e di controlli efficaci. vita, nel rispetto dei bisogni di ciascuno e riconoscendo il contributo dato ciascuno alla creazione del valore sociale, relazionale ed economico. Partendo da questi principi fondamentali, si ricava la necessità di una vera e propria rivoluzione culturale, che punti sulla rifinalizzazione dell economia, cioè sul ri-orientamento del sistema economico verso fini che non siano solo la crescita costante, il profitto, i consumi, la produzione, la rendita, la speculazione, la tecnica e il potere. Si tratta invece di mettere al centro la dignità della persona, e considerare come fine ultimo dell agire economico il bene comune, la sussidiarietà e la solidarietà, di tornare al primato della politica come regolatrice dell economia in vista del bene comune, di favorire la partecipazione dei cittadini e dei lavoratori alla gestione dell economia, della politica e della società per perseguire una democrazia allargata. Tutto ciò tenendo presente che favorire una partecipazione dei cittadini non soltanto di tipo formale ma anche sostanziale significa innanzitutto promuoverne la crescita culturale, in modo da dotarli di quegli strumenti culturali che gli consentano una reale 18>> ricerca laboratorio

6 capacità di partecipazione alla vita sociale. Si tratta inoltre di passare dall attuale modello quantitativodi società, in cui tutto è finalizzato al quanto (produrre, consumare, avere, ecc.) e la persona stessa è concepita in termini quantitativi come un mero soggetto economico e produttivo, ad un modello qualitativo in cui invece al centro vi è la qualità della propria realizzazione come persona (centralità della persona, di tutta la persona e di tutte le persone). Questa radicale revisione di fini e di valori, questa finalizzazione dell economia e della politica verso un diverso modello di persona e di società, rappresenta (usando un espressione di Luigi Lorenzetti) la grande questione etica del nostro tempo. Incidere sul livello specificamente culturale significa dunque innanzitutto porre una forte attenzione all etica ed alla sostenibilità, all etica della responsabilità, dell interdipendenza e della solidarietà. In campo economico, in particolare, ciò significa porre attenzione all interrelazione tra economia ed etica, ossia alle conseguenze non-economiche delle proprie scelte economiche, e dunque all impatto sociale, ambientale e sui diritti umani delle proprie scelte economiche quotidiane. Come consumatori, lavoratori e imprenditori ciò significa innanzitutto combattere la cultura della rendita e della speculazione come obiettivo ultimo di ogni scelta economica. Un importante elemento di novità sul piano culturale che questa crisi evidenzia, è che il rispetto delle regole e l attenzione alle ricadute etiche del proprio agire in ambito economico non è più la scelta esclusiva di qualche realtà di nicchia (l economia civile, l impresa sociale e la borsa sociale, la finanza etica e il microcredito, il commercio equo e solidale, ecc.), ma è un elemento essenziale per l esistenza stessa e la sostenibilità di tutti i mercati, in tutti i settori economici. Il mercato funziona bene solo quando è oggetto di regole e di controlli severi e precisi. Solo a queste condizioni si può pensare di ripristinare quell elemento fondamentale per il funzionamento stesso di un qualunque sistema economico che è la fiducia. Un ulteriore aspetto culturale molto importante su cui agire, è proporre quella che Stefano Zamagni definisce la pluralizzazione del mercato. Il mercato infatti non è nato storicamente come mercato capitalistico ma come mercato civile, ossia finalizzato alla costruzione del bene comune e dunque come uno strumento, non come un fine da perseguire in sé, mentre è con la rivoluzione industriale che il mercato diventa di tipo capitalistico. Il mercato quindi non è di per sé capitalistico perché l economia di mercato può essere civile o capitalistica e si può dunque perseguire la pluralità dell economia di mercato garantendo a tutti i tipi di mercato gli stessi diritti e doveri. Esistono anche altre forme e modalità di stare sul mercato e tenere la competizione, oltre al modello classico delle imprese for profit: si tratta delle imprese cosiddette non profit o imprese sociali. Pluralità dei mercati significa pertanto pluralità delle imprese e nel concreto ciò significa chiedere al legislatore non tanto di favorire, quanto di riconoscere l esistenza di questa pluralità di impre- laboratorio ricerca <<19

7 se, ad esempio modificando il Titolo II del Codice Civile che attualmente relega tutte quelle realtà del mondo non profit (fondazioni, cooperative, associazioni di volontariato, ecc.) al sociale, cioè all assistenzialismo nei confronti dei soggetti più bisognosi, senza invece riconoscergli una dignità a pieno titolo nell ambito dell economia di mercato. Significa proporre un nuovo modello di impresa sociale e dotarla di opportuni strumenti di finanziamento, come ad esempio una borsa sociale, che si contrapponga alla borsa valori avente natura speculativa, offrendo alle persone e alle famiglie degli strumenti alternativi che gli consentano di investire e depositare i loro risparmi in forme non speculative, per raggiungere fini non speculativi. Sul piano delle soluzioni alle cause prossime della crisi, il punto probabilmente più importante è quello relativo alla necessità di riportare equilibrio tra economia e politica, o meglio giungere ad una ripresa del ruolo della politica rispetto all economia, dopo che per decenni la politica ha svolto un ruolo di ancella all economia. Ciò significa innanzitutto ridare un ruolo e un importanza a regole che possano governare l economia in modo efficace, al fine di garantire la stessa sopravvivenza dei mercati, dato che la crisi dimostra come i mercati funzionano bene solo quando sono oggetto di regole e di controlli efficaci. Dopo che negli ultimi dieci anni (soprattutto a partire dagli Stati Uniti) sono state allentate le regole e i controlli, occorre quindi invertire la tendenza ed operare per regole e sorveglianze più severe, soprattutto a livello internazionale, dato il contesto attuale di un economia sempre più globalizzata. Se infatti in questi anni i controlli hanno mantenuto un carattere soprattutto nazionale, i mercati finanziari sono invece diventati mondiali, per cui occorre creare regole valide a livello globale, con istituzioni internazionali globali in grado di farle rispettare, per far si che nel nuovo contesto della globalizzazione dei mercati vi siano delle regole che possano incidere ed essere efficaci anche a livello internazionale, e non più invece soltanto nel contesto nazionale. In altri termini, mercati globali hanno bisogno di regole globali, un mondo globalizzato ha bisogno di istituzioni internazionali forti, sia per gli aspetti più legati alla politica, sia per gli aspetti più legati all economia. Ridare un ruolo alla politica, ed in particolare alle regole e alla trasparenza dei mercati, può quindi significare ad esempio: - aumentare il potere delle autorità di regolamentazione a livello internazionale; - impostare un azione comune di controllo e regolamentazione dei mercati; - impedire comportamenti speculativi alle banche di deposito ordinario; - limitare o comunque regolamentare fortemente (ad esempio tramite la disciplina fiscale e sulla trasparenza) l investimento nei titoli derivati, se non addirittura vietare alcune forme di investimento particolarmente rischiose e le relative scatole finanziarie utilizzate per commercializzarli sui cosiddetti mercati non regolamentati (un vero e proprio ossimoro, alla luce di quanto detto a proposito della necessità di regolamentare i mercati); i titoli derivati, infatti, non solo hanno prodotto l alterazione dei 20>> ricerca laboratorio

8 mercati che ha poi portato alla crisi, ma hanno anche esaltato le dimensioni della speculazione sul petrolio e sulle materie prime, giungendo a dei valori di mercato in alcuni casi di cento volte superiori rispetto al valore reale del bene trattato; - imporre rigorosi criteri di comportamento alle agenzie di rating; - regolamentare in modo molto stringente i paradisi fiscali; - promuovere un riequilibrio tra risparmi e consumi, dopo che negli ultimi anni si è avuto un grande squilibrio tra queste due componenti fonte a sua volta di altri forti squilibri sui mercati soprattutto negli Stati Uniti, ma anche in molti paesi europei. A questi interventi di ri-regolamentazione dei mercati, aventi una visione di lungo periodo necessari per modificare a livello strutturale il funzionamento dei mercati e per modificare il comportamento stesso degli agenti economici si devono necessariamente accompagnare tutta una serie di interventi invece più di breve periodo che in molti casi sono già stati attuati nell ultimo periodo. Si fa riferimento a tutti quegli interventi che sono già stati adottati per salvare le banche ed incentivarle a ridare importanza all attività di concessione del credito alle imprese dell economia reale piuttosto che all utilizzo della loro raccolta per fare investimenti in finanza speculativa. Si fa inoltre riferimento a tutte quelle politiche monetarie e fiscali espansive, finalizzate a rilanciare la domanda e gli investimenti, che sono state adottate da vari paesi allo scopo di rilanciare e far ripartire l economia, anche se a spese di un aumento del deficit e del debito pubblico (aspetto quest ultimo che limita la possibile portata di un intervento pubblico di questo tipo in Italia, dato l elevatissimo debito pubblico che la caratterizza). Si tratta in gran parte delle classiche ricette keynesiane già adottate a seguito della crisi del 1929 che dopo essere state ampiamente criticate da molti economisti negli ultimi trenta anni, stanno oggi tornando in auge un po ovunque. Altre importanti politiche di lungo periodo che possono consentire di uscire da questa crisi sono quelle politiche mirate ad incentivare il ritorno allo sviluppo dell economia reale, ovvero mirate a promuovere un vero e proprio ritorno alla produzione. Con ciò si intende il ritorno di importanza sia della produzione agricola che di quella industriale, dopo decenni in cui si è verificata la finanziarizzazione dell economia. Alcune strategie potenzialmente vincenti possono essere quelle di puntare fortemente sulla ricerca e sviluppo, in particolare nei settori legati all energia e all ambiente, come elementi fondamentali per garantire il processo di riconversione e di ripresa dell economia, indirizzando la produzione verso prodotti maggiormente eco compatibili e facendone un importante occasione di affari. *Università di Bologna laboratorio ricerca <<21

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute Adelaide (Australia), 5-9 aprile 1988 Conferenza Internazionale Le Raccomandazioni di Adelaide The Adelaide Recommendations 2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute L adozione della Dichiarazione

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà LINEE GUIDA PER UN PATTO PER IL RICONOSCIMENTO E LA VALORIZZAZIONE DELL APPORTO DEL TERZO SETTORE ALLA RETE DI SOSTEGNO AL WELFARE DI BOLOGNA E PROVINCIA Le parole chiave: 1. SUSSIDIARIETA 2. STABILE REGIA

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Il Bilancio Sociale: funzioni e valenza per le piccole e medie imprese

Il Bilancio Sociale: funzioni e valenza per le piccole e medie imprese Ordine Dottori Commercialisti di Milano Scuola di Alta Formazione Il bilancio sociale nelle piccole e medie imprese Milano, 25 ottobre 2007 Il Bilancio Sociale: funzioni e valenza per le piccole e medie

Dettagli

PINGONO SPINGONO ALLA CREAZIONE

PINGONO SPINGONO ALLA CREAZIONE LE MOTIVAZIONI CHE SPINGONO ALLA CREAZIONE DEI GRUPPI AZIENDALI INDICE Premessa Le categorie di motivazioni Le motivazioni economiche Le motivazioni extraeconomiche Gli svantaggi connessi alla struttura

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Corporate Social Responsability

Corporate Social Responsability Corporate Social Responsability elemento strategico per il successo dell impresa Il significato La Corporate Social Responsability, in italiano Responsabilità Sociale delle Imprese, può essere definita

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 Cara Lettrice, caro Lettore, Festeggiamo un evento storico: grazie a più di 110 000 cittadini, la Svizzera potrà decidere in votazione chi ha il diritto

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LE COOPERATRICI E I COOPERATORI PROTAGONISTI DEL FUTURO DELL ITALIA UN NUOVO IMPEGNO PER LO SVILUPPO

Dettagli

Michelangelo Nigro. Premessa

Michelangelo Nigro. Premessa Le prospettive extrafiscali della finanza territoriale, con particolare riferimento alle forme associative fra comuni, in tema di reperimento di risorse finanziarie. Michelangelo Nigro Premessa Riforma

Dettagli

Seminario in Economia dei Gruppi e delle Aggregazioni Industriali. La socialità: un valore nel contesto aziendale

Seminario in Economia dei Gruppi e delle Aggregazioni Industriali. La socialità: un valore nel contesto aziendale Seminario in Economia dei Gruppi e delle Aggregazioni Industriali La socialità: un valore nel contesto aziendale Roma, 28 maggio 2013 Dott.ssa Sabrina Ricco 1 Obiettivo Una nuova logica dell operare: il

Dettagli

Mercati, finanza e regole: guidare l economia. Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta

Mercati, finanza e regole: guidare l economia. Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta Mercati, finanza e regole: guidare l economia per il bene comune Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta Obiettivi di lavoro Collocare le informazioni economico - finanziarie quotidiane in un orizzonte

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

COLLEGIO SINDACALE E ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDALE NUOVI SPUNTI DI LAVORO DAL CNDCEC

COLLEGIO SINDACALE E ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDALE NUOVI SPUNTI DI LAVORO DAL CNDCEC COLLEGIO SINDACALE E ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDALE NUOVI SPUNTI DI LAVORO DAL CNDCEC 1. Linee guida operative Il documento promulgato nel maggio del 2015 a cura della commissione Collegio Sindacale dell

Dettagli

ALCUNE LIBERE RIFLESSIONI SULL ATTUALE CRISI FINANZIARIA ED ECONOMICA

ALCUNE LIBERE RIFLESSIONI SULL ATTUALE CRISI FINANZIARIA ED ECONOMICA ALCUNE LIBERE RIFLESSIONI SULL ATTUALE CRISI FINANZIARIA ED ECONOMICA GLOBALE DI GIORGIO BRUNETTI 1. La crisi profonda che investe tutti noi costituisce anche un momento di riflessione sui comportamenti

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

CODICE ETICO Società Svizzera d Assicurazione contro la Grandine, Sede Secondaria Italiana

CODICE ETICO Società Svizzera d Assicurazione contro la Grandine, Sede Secondaria Italiana Società Svizzera d Assicurazione contro la Grandine, Sede Secondaria Italiana Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 21 febbraio 2007 PREMESSA Ai tempi della fondazione della Schweizerische

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

REG.N.4142 - A 9001:2001. Cooperativa sociale Actl onlus. Carta etica. Codice deontologico e responsabilità sociale

REG.N.4142 - A 9001:2001. Cooperativa sociale Actl onlus. Carta etica. Codice deontologico e responsabilità sociale REG.N.4142 - A 9001:2001 Cooperativa sociale Actl onlus Carta etica Codice deontologico e responsabilità sociale Principi, valori, diritti e doveri in coop sociale Actl PREMESSA Sin dalla sua costituzione,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Il Terzo Settore X l Economia Sociale. Paolo Venturi

Il Terzo Settore X l Economia Sociale. Paolo Venturi Il Terzo Settore X l Economia Sociale Paolo Venturi Bologna, 24 gennaio 2014 Punto di partenza (discriminante) «l incapacità ad innovare deriva dall incapacità ad adottare una diversa prospettiva dei problemi»

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Leonardo Becchetti, Angela Schito - 15/04/2009 (BENE COMUNE:NET) Una delle conseguenze della crisi che stiamo vivendo riguarderà senza dubbio le

Dettagli

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO Dottorato di ricerca in Pedagogia (Education) Ciclo XXIV S.S.D. M-PED/01 CRESCITA UMANA E BENESSERE ORGANIZZATIVO NUOVE PROSPETTIVE DI PEDAGOGIA DEL LAVORO Coordinatore:

Dettagli

FDP. Italiano. Andate a votare il 22 settembre.

FDP. Italiano. Andate a votare il 22 settembre. FDP Italiano Andate a votare il 22 settembre. Quattro anni buoni per la Germania Insieme possiamo realizzare grandi cose La libertà di ognuno di noi è il fondamento e il confi - ne della politica liberale.

Dettagli

Banche e crisi Microcredito

Banche e crisi Microcredito Banche e crisi Microcredito Oggetto conversazione Attuale situazione di grave recessione Domande che tutti si fanno Le banche hanno doveri e quindi responsabilità sociale? Come devono comportarsi in caso

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2474 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PREZIOSI, VILLECCO CALIPARI, ALBANELLA, ARLOTTI, BASSO, BRAGA, CAPOZZOLO, CARRESCIA, CASATI,

Dettagli

Che cos è l impresa sociale?

Che cos è l impresa sociale? Che cos è l impresa sociale? Laboratorio ARCO Università di Firenze Pistoia, 22 febbraio 2011 1 Social business o Impresa sociale? Vi è un impostazione anglosassone ed una europeo-italiana. La prima muove

Dettagli

IL PROTOCOLLO OPERATIVO TRA DIPARTIMENTO 13 NOVEMBRE 2014

IL PROTOCOLLO OPERATIVO TRA DIPARTIMENTO 13 NOVEMBRE 2014 DoCumentazione IL PROTOCOLLO OPERATIVO TRA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA E CONFERENZA NAZIONALE VOLONTARIATO GIUSTIZIA SULLO STATUTO E LE MODALITÀ D AZIONE DEL VOLONTARIATO IN AMBITO

Dettagli

Commercio equo e solidale

Commercio equo e solidale Commercio equo e solidale 30 gennaio 2007 Intervento in aula di Oliviero Dottorini Capogruppo Verdi e civici Presidente commissione Bilancio e Affari istituzionali Commercio equo e solidale. è per noi

Dettagli

Carta dei Valori. delle Cooperative di Consumatori

Carta dei Valori. delle Cooperative di Consumatori Carta dei Valori delle Cooperative di Consumatori LA CARTA DEI VALORI I padri fondatori della Cooperazione di Consumatori hanno tramandato fino ad oggi gli ideali, i valori e i principi su cui si fondano

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA Signore Consigliere e Signori Consiglieri, Mai, dal dopoguerra ad oggi, ci siamo trovati ad affrontare una crisi economica e sociale delle dimensioni e della durata pari a quella che stiamo vivendo. Negli

Dettagli

ANTONIO MARZANO. Mercato e regole

ANTONIO MARZANO. Mercato e regole ANTONIO MARZANO Mercato e regole 1. E opinione diffusa che gli esperimenti scientifici si facciano solo in laboratorio e che siano quelli propri delle scienze naturali, della fisica e della chimica. Credo

Dettagli

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA Il Manifesto dell acqua IL DIRITTO ALLA VITA Veniamo dall Africa, dall America Latina, dal Nord America, dall Asia e dall Europa. Ci siamo riuniti nel 1998 con nessun altra legittimità o rappresentatività

Dettagli

Le Organizzazioni Non Profit

Le Organizzazioni Non Profit Organizzazione dei Servizi Sociali Le Organizzazioni Non Profit Scienze filosofiche e dell educazione Prof. Mauro Serio 2 Il programma Scopo del corso Le finalità del Welfare State e la sua evoluzione.

Dettagli

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale?

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale? DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE Intervista a Luca Omodei Direttore Generale di Codess Sociale Intervista e testi a cura di Michela Foschini Giugno 2005 D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale

Dettagli

IL CREDITO COOPERATIVO DI FRONTE ALLE SFIDE DELLA CRISI SILVIO GOGLIO 1

IL CREDITO COOPERATIVO DI FRONTE ALLE SFIDE DELLA CRISI SILVIO GOGLIO 1 IL CREDITO COOPERATIVO DI FRONTE ALLE SFIDE DELLA CRISI TRENTO 17 GIUGNO 2009 SILVIO GOGLIO 1 1. Il nuovo contesto bancario. Il sistema finanziario europeo ed italiano ha subito profondi cambiamenti negli

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez 3 Aspetti organizzativi dell impresa Natura e forme istituzionali Quali sono le caratteristiche dell impresa come istituzione gerarchica

Dettagli

LA FINANZA SOSTENIBILE

LA FINANZA SOSTENIBILE www.abi.it News LA FINANZA SOSTENIBILE Nell'ambito del Forum per la finanza sostenibile - associazione multistakeholder la cui mission è quella di promuovere la cultura della responsabilità sociale nella

Dettagli

Pensionamento flessibile e (Ri)equilibrio tra generazioni

Pensionamento flessibile e (Ri)equilibrio tra generazioni Pensionamento flessibile e (Ri)equilibrio tra generazioni Brevi considerazioni con qualche numero di Maggio 2013 Si riaperto il cantiere delle pensioni. L obiettivo è irrobustire i risultati raggiunti

Dettagli

Indicazione per la scuola dell infanzia in lingua italiana di Bolzano

Indicazione per la scuola dell infanzia in lingua italiana di Bolzano I PRIMI PASSI DELLA RIFORMA SCOLASTICA IN PROVINCIA DI BOLZANO Per la scuola in lingua italiana della provincia autonoma di Bolzano, da un lato, abbiamo voluto evitare un atteggiamento attendista, che

Dettagli

Il contesto economico attuale; l individuazione di nuovi ambiti di attività che rispondano sia alle esigenze delle comunità di dotarsi di una rete di

Il contesto economico attuale; l individuazione di nuovi ambiti di attività che rispondano sia alle esigenze delle comunità di dotarsi di una rete di Il contesto economico attuale; l individuazione di nuovi ambiti di attività che rispondano sia alle esigenze delle comunità di dotarsi di una rete di servizi in una logica di sussidiarietà pubblico - privato

Dettagli

Considerazioni e orientamenti di azione politica

Considerazioni e orientamenti di azione politica MANIFESTO della RETE DEL CIVISMO LOMBARDO Considerazioni e orientamenti di azione politica I più recenti risultati elettorali hanno confermato la crisi della cosiddetta Seconda Repubblica e dei partiti

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania Manifesto Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012 Bucarest, Romania Manifesto del PPE (Adottato durante il Congresso del PPE, Bucarest, 17 e 18 Ottobre 2012) 1. Chi siamo? Il Partito Popolare Europeo

Dettagli

TRADUZIONE NON UFFICIALE ITALIA - ARTICOLO IV 2014 DICHIARAZIONE FINALE DELLA MISSIONE DEL FMI 1 SBLOCCARE IL POTENZIALE DI CRESCITA DELL ITALIA

TRADUZIONE NON UFFICIALE ITALIA - ARTICOLO IV 2014 DICHIARAZIONE FINALE DELLA MISSIONE DEL FMI 1 SBLOCCARE IL POTENZIALE DI CRESCITA DELL ITALIA TRADUZIONE NON UFFICIALE ITALIA - ARTICOLO IV 2014 DICHIARAZIONE FINALE DELLA MISSIONE DEL FMI 1 17 GIUGNO 2014 SBLOCCARE IL POTENZIALE DI CRESCITA DELL ITALIA Il nostro è un paese arrugginito, un paese

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2013

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2013 DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2013 II Documento programmatico previsionale annuale determina le finalità, le priorità, le risorse disponibili e le modalità operative della Fondazione nello svolgimento

Dettagli

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Intervento del Direttore Generale Francesco Rivolta Roma, 20 ottobre 2011 Condividere per crescere.

Dettagli

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale.

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale. LINEE DIRETTRICI La nostra missione Noi della Banca Alternativa Svizzera ci impegniamo al massimo per il bene comune, per l uomo e la natura e per una qualità di vita sostenibile per le generazioni presenti

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

Il Partito Democratico del Trentino.

Il Partito Democratico del Trentino. Il Partito Democratico del Trentino. Le idee del candidato alla segreteria Roberto Pinter Più che da dove vieni conta chi sei e dove vai. La nascita del PD è anche questo, è un progetto che guarda avanti,

Dettagli

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI NOTA ISRIL ON LINE N 40-2012 LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA CGIL CGIL ISRF FISAC Lab Presentazione alla stampa del: MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA Le banche al servizio del paese Conferenza Stampa 03 / 07 / 2013 - ore 12:30 Cgil Nazionale - Sala Santi, Corso d

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore UN VERO E PROPRIO CIVIL ACT: GLI OBIETTIVI Per realizzare il cambiamento economico, sociale, culturale, istituzionale di cui il Paese ha bisogno, è necessario

Dettagli

I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini

I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini FORUM PA - 18 maggio 2010 Carlo Crea - Segretariato generale Autorità per l'energia elettrica e il

Dettagli

Un passo in avanti d Autorità. Convegno Nazionale Città Vicine gg. 29 e 30 marzo 2014 a cura di Loredana Aldegheri di Mag Verona

Un passo in avanti d Autorità. Convegno Nazionale Città Vicine gg. 29 e 30 marzo 2014 a cura di Loredana Aldegheri di Mag Verona Un passo in avanti d Autorità Convegno Nazionale Città Vicine gg. 29 e 30 marzo 2014 a cura di Loredana Aldegheri di Mag Verona Con piacere prendo parola a questo nuovo appuntamento nazionale di Città

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

L alternativa del Commercio Equo e Solidale

L alternativa del Commercio Equo e Solidale L alternativa del Commercio Equo e Solidale Non si vede bene che col cuore. l essenziale è invisibile agli occhi. (Antoine de Saint-Exupery) Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al

Dettagli

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco Dirittosuweb.it La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, proclamata dall Assemblea Generale

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI 1 MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI Quest iniziativa è lanciata, in occasione di Expo 2015, dalle reti internazionali degli attori pubblici, associativi e

Dettagli

Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Consiglio di Amministrazione del 18 marzo 2013 PREMESSA Mediolanum Vita S.p.A. (di seguito anche "l impresa o la compagnia

Dettagli

DICHIARAZIONE MONDIALE SULLA COOPERAZIONE DI LAVORO ASSOCIATO

DICHIARAZIONE MONDIALE SULLA COOPERAZIONE DI LAVORO ASSOCIATO Organizzazione Internazionale delle Cooperative di Produzione Industriale, dell Artigianato e dei Servizi Organizzazione settoriale dell Alleanza Cooperativa Internazionale (ICA) DICHIARAZIONE MONDIALE

Dettagli

Dalla responsabilità sociale di impresa all impresa sociale. Federica Bandini

Dalla responsabilità sociale di impresa all impresa sociale. Federica Bandini Dalla responsabilità sociale di impresa all impresa sociale Federica Bandini LE FINALITA AZIENDALI L ISTITUTO L AZIENDA GLI INTERESSI CONVERGENTI SULL AZIENDA Le finalità Perché le persone si aggregano?

Dettagli

FONDAZIONE TEATRO VALLE BENE COMUNE. Codice Politico

FONDAZIONE TEATRO VALLE BENE COMUNE. Codice Politico FONDAZIONE TEATRO VALLE BENE COMUNE Codice Politico 1. ISTITUZIONE DEL COMUNE E CITTADINANZA 2. AUTOGOVERNO E CONSENSO 3. REDDITO E LAVORO 4. MODELLO ECONOMICO E FORME DI FINANZIAMENTO 5. PROPRIETA INTELLETTUALE

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

LA PROPRIETA INTELLETTUALE QUALE STRUMENTO CHIAVE NELLE STRATEGIE COMMERCIALI DEL MERCATO GLOBALE

LA PROPRIETA INTELLETTUALE QUALE STRUMENTO CHIAVE NELLE STRATEGIE COMMERCIALI DEL MERCATO GLOBALE LA PROPRIETA INTELLETTUALE QUALE STRUMENTO CHIAVE NELLE STRATEGIE COMMERCIALI DEL MERCATO GLOBALE di Avv. Elena Marangoni e-mail info@elenamarangoni.com Le aziende devono guardare alla Proprietà Intellettuale

Dettagli

POLITICHE PER LA FAMIGLIA

POLITICHE PER LA FAMIGLIA Segreteria Confederale Servizio Politiche di Cittadinanza e della Salute POLITICHE PER LA FAMIGLIA Documento in preparazione alla Conferenza sulla Famiglia 1 Premessa I provvedimenti del Governo sono serviti

Dettagli

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 CODICE ETICO Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008 Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 (revisione approvata con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

CONCLUSIONI SU SOLIDARIETÀ INTERGENERAZIONALE, WELFARE ED ECOLOGIA UMANA *

CONCLUSIONI SU SOLIDARIETÀ INTERGENERAZIONALE, WELFARE ED ECOLOGIA UMANA * Intergenerational Solidarity, Welfare and Human Ecology Pontifical Academy of Social Sciences, Acta 10, Vatican City 2004 www.pass.va/content/dam/scienzesociali/pdf/acta10/acta10-conclusioni.pdf CONCLUSIONI

Dettagli

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta Indice SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport Prefazione all edizione italiana di Giancarlo Forestieri pag. 9 Prefazione di John C. Bogle Ringraziamenti Introduzione» 19» 25» 27 Parte prima Le cause

Dettagli

Ruolo del commercio equo e solidale nel sistema economico e nel rapporto tra etica ed economia

Ruolo del commercio equo e solidale nel sistema economico e nel rapporto tra etica ed economia COMMERCIO EQUO E SOLIDALE Definizione Con il termine Commercio Equo e Solidale (CEES) si definisce una modalità di relazione commerciale tra i produttori del Sud del mondo e i consumatori finali del Nord

Dettagli

TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE

TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE 84 a GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE TREMONTI: Per quanto è possibile in

Dettagli

(15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti

(15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti (15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti 61 I. L Europa che vogliamo II. III. IV. I valori del Partito popolare europeo L Europa delle libertà L Europa

Dettagli

Imprese di servizi e Pubblica Amministrazione: un incontro proficuo

Imprese di servizi e Pubblica Amministrazione: un incontro proficuo Imprese di servizi e Pubblica Amministrazione: un incontro proficuo di Battista Q. Borghi (pedagogista, Cooperativa Orsa) 1. Economia e pedagogia possono stare insieme? Inizio questo intervento con una

Dettagli

Economia solidale e sistema di welfare (Ugo Ascoli)

Economia solidale e sistema di welfare (Ugo Ascoli) Economia solidale e sistema di welfare (Ugo Ascoli) 1. Fenomeni demografici, economici e sociali che influenzano ed influenzeranno sempre più la DOMANDA SOCIALE: a) invecchiamento e crescita del numero

Dettagli

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità

Dettagli

REGOLAMENTO ETICO ASSOCIAZIONE MEDICI DI STRADA. Deliberato dal Consiglio Direttivo in data 24 febbraio 2015

REGOLAMENTO ETICO ASSOCIAZIONE MEDICI DI STRADA. Deliberato dal Consiglio Direttivo in data 24 febbraio 2015 REGOLAMENTO ETICO ASSOCIAZIONE MEDICI DI STRADA Deliberato dal Consiglio Direttivo in data 24 febbraio 2015 Sommario INTRODUZIONE... 3 Art.1- Che cos'è il Codice Etico... 3 Art.2- Motivazione dei Volontari

Dettagli

Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO

Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO Art. 1 Dalla dichiarazione universale dei diritti dell uomo Tutti gli esseri umani nascono

Dettagli

Gruppo provinciale di formazione permanente degli assistenti sociali della provincia di Mantova

Gruppo provinciale di formazione permanente degli assistenti sociali della provincia di Mantova Gruppo provinciale di formazione permanente degli assistenti sociali della provincia di Mantova 1 Percorso di aggiornamento e formazione per assistenti sociali Mantova 3 aprile 2013 Secondo modulo- secondo

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli