Crisi economica ed etica della responsabilità

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Crisi economica ed etica della responsabilità"

Transcript

1 laboratorio Crisi economica ed etica della responsabilità di Maurizio Mussoni* L attuale crisi economica, verificatasi nel contesto della globalizzazione dei mercati, è certamente la più grave crisi economica del dopoguerra. Come successe nel caso della grave crisi del 1929 si sta infatti verificando un impoverimento globale e un forte aumento della rischiosità dell intera economia mondiale, una grave crisi di fiducia nei mercati tra gli agenti economici, oltre che un sentimento di paura sul possibile andamento futuro dell economia. A ciò si aggiunga che coloro che maggiormente stanno pagando il prezzo di questa crisi sono, come spesso capita, proprio i soggetti più deboli e meno protetti, i quali oltre a rischiare di perdere il posto di lavoro nel caso non l abbiano già perso fanno parte anche di quella massa di investitori e risparmiatori ignari sui quali la recente innovazione finanziaria ha distribuito gran parte dell aumentato rischio degli investimenti. I fronti di impegno che si pongono per uscire dalla situazione descritta sono pertanto almeno due: da un lato quello di rilanciare l economia, correggere le storture verificatisi e rilanciare lo sviluppo; dall altro quello di correggere gli squilibri sociali che ne sono derivati e tutelare quei cittadini che più sono stati colpiti dalla crisi, in modo da proteggerli dalle mancanze e dagli errori del mercato. La protezione dei soggetti più deboli in un momento di difficoltà non deve essere tanto il portato di buoni sentimenti o di carità, quanto quello di una precisa scelta di riconoscimento dei diritti delle persone. Per poter individuare quali possibili soluzioni si possono trovare a questa situazione è però indispensabile partire dall analisi delle cause e delle dimensioni specifiche di questa crisi; cause che sono in parte più prossime e legate a motivazioni di ordine tecnico, economico e politico, in parte invece cause remote, di natura prettamente culturale. Ci soffermeremo su quest ultime. Le cause culturali della crisi economica (cause remote) Oltre alle cause prossime, sono però altrettanto importanti anche le cause remote sottostanti alla crisi economica, ossia quegli aspetti culturali che ne hanno rappresentato il substrato e l ossatura portante, in maniera diffusa e pervasiva in tutte le fasce della popolazione e in tutti gli strati sociali. Negli ultimi anni si è infatti andato diffondendo sempre più un atteggiamento culturale tradottosi poi anche sul piano politico-sociale che ha messo al centro dell agire economico la ricerca della rendita e della speculazione a tutti i livelli: rendita di posizione (corporativa), immobiliare (speculazione immobiliare), finanziaria (speculazione finanziaria) e fiscale (evasione, elusione e lavoro nero). L ampia diffusione di questa cultura ha caratterizzato in modo pervasivo il comportamento sia delle persone che delle imprese, ostacolando il processo di innovazione e crescita dell economia reale e produttiva (basata sulle dinamiche della produzione, del reddito e dell occupazione), per puntare invece sulla logica della speculazione tipica dell economia finanziaria (basata invece sulle dinamiche dell investimento di breve periodo, dell indebitamento e della leva finanziaria). Tale politica della rendita e della speculazione ha inoltre portato, da parte sia 14>> ricerca laboratorio

2 dei cittadini-consumatori che delle imprese, ad una progressiva perdita della capacità di mettersi in gioco, di accettare la sfida della concorrenza, verso l adozione di un atteggiamento di sola difesa delle proprie prerogative e di godimento della rendita esistente fin che dura, in un clima di sfiducia e di apatia. Da un punto di vista culturale, questo atteggiamento si accompagna alla tendenza a voler ricercare modalità diverse di arricchimento, sostituendo quelli che sono stati i classici strumenti di produzione della ricchezza fino a 30 anni fa il lavoro, manuale o intellettuale con l attività speculativa. La mentalità è quella per cui per arricchirsi non serve lavorare, basta un po di capacità di rischio, giocare in borsa, acquistare e rivendere poco dopo titoli e così via. Da questa logica non sono esenti nemmeno altri protagonisti della vita economica e sociale, come ad esempio i sindacati, dato che molti fondi pensione sono gestiti dai sindacati stessi. Il rischio è che questa impostazione mentale, che non è solo della grande finanza ma ha sempre più intaccato anche il comportamento delle famiglie normali, possa perdurare anche una volta superata la crisi. Anche la precarietà del lavoro è figlia di questo meccanismo e di questa logica, perché essa mira a tenere bassi gli stipendi per garantire invece una redditività elevata all investimento in capitale di rischio degli azionisti o in capitale di debito dei prestatori di capitale. Questo per gli investitori, mentre per il lavoratore questa cultura porta a non considerare più un valore il lavoro stabile, il lavoro fisso, quanto invece il procurarsi delle entrate, comunque arrivino. Ciò però non permette di progettare un futuro, dei progetti a lungo termine, una famiglia, con la conseguente disgregazione anche del tessuto sociale. Tale atteggiamento culturale è il riflesso di una situazione di conflitto che è già dentro la persona, dato che ognuno di noi è contemporaneamente lavoratore e consumatore: come lavoratori desideriamo avere stipendi alti e di conseguenza prezzi alti dei prodotti venduti, in modo da garantire all impresa il ricavo necessario per pagarci mentre come consumatori cerchiamo invece di spuntare prezzi bassi dei prodotti che acquistiamo. Si tratta di una vera e propria contraddizione intrapersonale. Questa impostazione culturale incide poi anche sulla valorizzazione dei talenti nelle imprese, che non vengono impegnati nella produttività, quanto invece nella gestione della finanza. In Inghilterra solo il 12% del PIL deriva dal lavoro, tutto il resto deriva dalla finanza, dato che circa 6 milioni di persone, quelle più dotate intellettualmente, sono impiegate nella finanza. Da questo punto di vista si può affermare che paradossalmente questa crisi ha avuto anche un risvolto positivo, avendo mostrato la necessità di un aggiustamento e cambiamento del sistema. Da questo punto di vista la crisi, nel suo significato etimologico di passaggio, può quindi rappresentare un occasione di svolta e di cambiamento in positivo per il futuro, anche se ci vorrà del tempo per reimpostare un diverso modo di ragionare e di vivere, con la possibilità che si verifichino situazioni di desolazione e di depressione, sopratlaboratorio ricerca <<15

3 L attenzione al piano culturale rappresenta forse la sfida e la missione più importante per i cristiani di oggi, al punto che si può parlare di carità culturale e di evangelizzazione delle cultura come delle priorità per poter incidere sulla società attuale, al fine di produrre cultura e combattere la povertà culturale, oltre che la povertà materiale e spirituale. Da questo punto di vista, i cristiani dispongono di un vero e proprio tesoro che molto spesso non è sufficientemente conosciuto, apprezzato ed utilizzato dai cristiani stessi, ossia i testi della Dottrina Sociale della Chiesa. tutto nei giovani impegnati nel settore della finanza, non soltanto a causa della conseguente crisi di disponibilità finanziaria, ma prima ancora per una vera e propria crisi di identità che ne potrà derivare. Dal punto di vista dell imprenditore, inoltre, tale impostazione culturale ha portato ad un atteggiamento di sostituzione della natura stessa dell impresa. Se in passato, infatti, dal XIII secolo in poi, l impresa era intesa come associazione o comunità, in questi ultimi decenni invece l impresa è sempre più considerata come una merce, che può essere comprata o venduta. L impresa è di proprietà di qualcuno (per le società per azioni gli azionisti) e obiettivo del proprietario è quello di massimizzare gli utili (i dividendi o anche il prezzo di vendita), e ciò sempre più nel breve termine, nemmeno più annuale, ma trimestrale al fine di mandare segnali positivi ai mercati (la borsa valori) sull andamento dell impresa. Da tale impostazione deriva la tendenza agli elevatissimi stipendi per i manager, affinché cerchino di massimizzare il profitto in tempi brevissimi, ponendo in secondo piano di conseguenza l attenzione ai dipendenti, alla salute o all ambiente e a tutte quelle dimensioni che necessitano di tempi più lunghi per realizzarsi e svilupparsi e che potenzialmente non sono convenienti nel breve periodo. Se l impresa è una merce, inoltre, può essere venduta o fatta fallire in qualunque momento. Un ultimo riflesso culturale di questa crisi economica può essere individuato nella sostituzione della categoria di bene comune con quella di bene totale. Il concetto di bene comune è un concetto centrale della Dottrina Sociale della Chiesa, è una categoria di pensiero tipico della tradizione cristiana (dall XI secolo in poi), e risponde alla logica della moltiplicazione dei beni individuali. In base a tale logica, se il bene di un individuo è pari a zero, essendo esso un fattore della moltiplicazione il risultato della moltiplicazione è zero, anche se l altro fattore, cioè il bene degli altri individui, fosse pari ad un milione. Il concetto di bene totale, invece, è figlio della corrente filosofica dell utilitarismo e risponde alla logica per cui il bene della società è la somma, e non la moltiplicazione, dei beni individuali. La conseguenza è che anche annullando qualche addendo, la somma totale è sempre positiva o addirittura vi può essere chi ci guadagna per cui in tale logica l azzeramento della ricchezza di qualche individuo nella società è un dato contemplato e previsto. Anzi, chi è meno efficiente consuma come gli altri, ma produce di meno, per cui diventa giustificato annullare quelli che non producono. Si può eliminare fisicamente chi è meno efficiente oppure lo si può affidare alla pietas, cioè eliminarlo dal processo produttivo e inventare strumenti assistenziali (pubblici o privati) per garantirgli comunque la sopravvivenza. Così è nato il welfare state, non a caso nel mondo anglosassone e poi diffusosi anche altrove, in un contesto culturale in cui la parola chiave del funzionamento della società e dell economia è l efficienza, e quindi la competizione posizionale di chi mira solo ai primi posti, l enfasi sull interesse individuale e sulla meritocrazia, sulla produttività, sul rendimento e sul denaro come unica 16>> ricerca laboratorio

4 forma di ricompensa del merito, sul mito della tecnica e delle scienze e appunto sul bene totale della società. In base alla logica del bene comune, invece, bisogna fare in modo che chi è meno produttivo non sia affidato alla pietas, ma sia inserito nel ciclo produttivo, modificando se necessario l impostazione del lavoro, le sue regole, le macchine e adattandole alle sue esigenze. E questo di fatto può avvenire e già avviene oggi, ad esempio attraverso le cooperative sociali che garantiscono l inserimento nel mondo produttivo di persone svantaggiate o portatrici di handicap; queste ultime infatti anche se producono di meno, producono sempre più di zero come farebbero se fossero affidate solamente all assistenza. Giovanni Paolo II, il 29 novembre 2004, nel suo ultimo intervento pubblico diceva: La discriminazione in base all efficienza non è meno disumana della discriminazione in base al sesso, alla razza, alla nazionalità. Il rischio che corre la nostra società è invece quello di privilegiare i più efficienti, di dare enfasi al solo termine meritocrazia con tutte le ambiguità che si porta dietro e i pericoli di creazione di un sistema oligarchico nella gestione della società e dell economia. Concetto ben diverso infatti è quello del merito individuale (è il discorso evangelico dei talenti), mentre meritocrazia significa ergere a sistema il principio del merito, escludendo totalmente i meno efficienti dal mercato e dalla società. Per concludere questa breve disamina sulle cause prossime e remote della crisi economica, si può quindi dire che essa sia il frutto di almeno tre diverse tipologie di deficit, ossia carenze o mancanze: deficit del mercato stesso, che ha dato diversi segnali di malfunzionamento; deficit della politica, quindi del regolatore del mercato; ma anche deficit etico nel comportamento della società civile e di tutte le realtà che la compongono, dalle singole persone a tutti i corpi sociali intermedi da essi composti. Come intervenire: l etica della responsabilità Dato che sono diverse le cause dell attuale crisi economica, anche le possibili soluzioni devono necessariamente essere diverse e molteplici, non limitandosi alle sole cause prossime (ad esempio la mancanza di regole certe per la finanza), ma cercando di incidere anche sulle cause remote, ossia sul piano culturale e sulla visione antropologica sottostante. L attenzione al piano culturale rappresenta forse la sfida e la missione più importante per i cristiani di oggi, al punto che si può parlare di carità culturale e di evangelizzazione delle cultura come delle priorità per poter incidere sulla società attuale, al fine di produrre cultura e combattere la povertà culturale, oltre che la povertà materiale e spirituale. Da questo punto di vista, i cristiani dispongono di un vero e proprio tesoro che molto spesso non è sufficientemente conosciuto, apprezzato ed utilizzato dai cristiani stessi, ossia i testi della Dottrina Sociale della Chiesa. In base a tali testi il criterio guida, il valore fondamentale e il punto di riferimento ultimo per lo sviluppo di una economia e di una società veramente umana è la centralità della persona, il rispetto e la tutela della sua dignità, nonché la promozione di laboratorio ricerca <<17

5 relazioni interpersonali fondate sulla nonviolenza. Ciò implica mettere al centro dello sviluppo culturale, sociale, politico ed economico la persona e al tempo stesso tutte quelle manifestazioni della sua autonomia quali sono tutti i corpi sociali intermedi (famiglia, comunità, associazione, movimento, comitato, fondazione, organizzazione non governativa, cooperativa, impresa, ecc.) che dal basso essa promuove e che costituiscono il tessuto connettivo della società civile. Ciò implica inoltre finalizzare lo sviluppo della società al perseguimento: del bene comune, inteso come il bene di tutti e di ciascuno, di tutto l uomo (nelle sue dimensioni materiale, culturale e spirituale) e di tutti gli uomini, ma anche come un bene più grande e più completo della somma dei beni individuali delle singole persone; - della partecipazione della società civile, intesa come riconoscimento del diritto della società civile di prendere parte alle decisioni politiche e di svolgere un ruolo attivo nella gestione della società e dell economia; - della solidarietà, intesa innanzitutto come la capacità di cogliere le istanze di coloro che si trovano in situazioni di effettivo svantaggio e di trovare soluzioni di comune interesse, ma anche come la capacità di perseguire l equità, cioè la ricerca di una giusta distribuzione della ricchezza e delle risorse, orientata al superamento delle disuguaglianze sociali lesive della dignità umana, nonché al soddisfacimento dei bisogni primari e all ottenimento dei mezzi per il perseguimento del proprio progetto di Sul piano delle soluzioni alle cause prossime della crisi, il punto probabilmente più importante è quello relativo alla necessità di riportare equilibrio tra economia e politica, o meglio giungere ad una ripresa del ruolo della politica rispetto all economia, dopo che per decenni la politica ha svolto un ruolo di ancella all economia. Ciò significa innanzitutto ridare un ruolo e un importanza a regole che possano governare l economia in modo efficace, al fine di garantire la stessa sopravvivenza dei mercati, dato che la crisi dimostra come i mercati funzionano bene solo quando sono oggetto di regole e di controlli efficaci. vita, nel rispetto dei bisogni di ciascuno e riconoscendo il contributo dato ciascuno alla creazione del valore sociale, relazionale ed economico. Partendo da questi principi fondamentali, si ricava la necessità di una vera e propria rivoluzione culturale, che punti sulla rifinalizzazione dell economia, cioè sul ri-orientamento del sistema economico verso fini che non siano solo la crescita costante, il profitto, i consumi, la produzione, la rendita, la speculazione, la tecnica e il potere. Si tratta invece di mettere al centro la dignità della persona, e considerare come fine ultimo dell agire economico il bene comune, la sussidiarietà e la solidarietà, di tornare al primato della politica come regolatrice dell economia in vista del bene comune, di favorire la partecipazione dei cittadini e dei lavoratori alla gestione dell economia, della politica e della società per perseguire una democrazia allargata. Tutto ciò tenendo presente che favorire una partecipazione dei cittadini non soltanto di tipo formale ma anche sostanziale significa innanzitutto promuoverne la crescita culturale, in modo da dotarli di quegli strumenti culturali che gli consentano una reale 18>> ricerca laboratorio

6 capacità di partecipazione alla vita sociale. Si tratta inoltre di passare dall attuale modello quantitativodi società, in cui tutto è finalizzato al quanto (produrre, consumare, avere, ecc.) e la persona stessa è concepita in termini quantitativi come un mero soggetto economico e produttivo, ad un modello qualitativo in cui invece al centro vi è la qualità della propria realizzazione come persona (centralità della persona, di tutta la persona e di tutte le persone). Questa radicale revisione di fini e di valori, questa finalizzazione dell economia e della politica verso un diverso modello di persona e di società, rappresenta (usando un espressione di Luigi Lorenzetti) la grande questione etica del nostro tempo. Incidere sul livello specificamente culturale significa dunque innanzitutto porre una forte attenzione all etica ed alla sostenibilità, all etica della responsabilità, dell interdipendenza e della solidarietà. In campo economico, in particolare, ciò significa porre attenzione all interrelazione tra economia ed etica, ossia alle conseguenze non-economiche delle proprie scelte economiche, e dunque all impatto sociale, ambientale e sui diritti umani delle proprie scelte economiche quotidiane. Come consumatori, lavoratori e imprenditori ciò significa innanzitutto combattere la cultura della rendita e della speculazione come obiettivo ultimo di ogni scelta economica. Un importante elemento di novità sul piano culturale che questa crisi evidenzia, è che il rispetto delle regole e l attenzione alle ricadute etiche del proprio agire in ambito economico non è più la scelta esclusiva di qualche realtà di nicchia (l economia civile, l impresa sociale e la borsa sociale, la finanza etica e il microcredito, il commercio equo e solidale, ecc.), ma è un elemento essenziale per l esistenza stessa e la sostenibilità di tutti i mercati, in tutti i settori economici. Il mercato funziona bene solo quando è oggetto di regole e di controlli severi e precisi. Solo a queste condizioni si può pensare di ripristinare quell elemento fondamentale per il funzionamento stesso di un qualunque sistema economico che è la fiducia. Un ulteriore aspetto culturale molto importante su cui agire, è proporre quella che Stefano Zamagni definisce la pluralizzazione del mercato. Il mercato infatti non è nato storicamente come mercato capitalistico ma come mercato civile, ossia finalizzato alla costruzione del bene comune e dunque come uno strumento, non come un fine da perseguire in sé, mentre è con la rivoluzione industriale che il mercato diventa di tipo capitalistico. Il mercato quindi non è di per sé capitalistico perché l economia di mercato può essere civile o capitalistica e si può dunque perseguire la pluralità dell economia di mercato garantendo a tutti i tipi di mercato gli stessi diritti e doveri. Esistono anche altre forme e modalità di stare sul mercato e tenere la competizione, oltre al modello classico delle imprese for profit: si tratta delle imprese cosiddette non profit o imprese sociali. Pluralità dei mercati significa pertanto pluralità delle imprese e nel concreto ciò significa chiedere al legislatore non tanto di favorire, quanto di riconoscere l esistenza di questa pluralità di impre- laboratorio ricerca <<19

7 se, ad esempio modificando il Titolo II del Codice Civile che attualmente relega tutte quelle realtà del mondo non profit (fondazioni, cooperative, associazioni di volontariato, ecc.) al sociale, cioè all assistenzialismo nei confronti dei soggetti più bisognosi, senza invece riconoscergli una dignità a pieno titolo nell ambito dell economia di mercato. Significa proporre un nuovo modello di impresa sociale e dotarla di opportuni strumenti di finanziamento, come ad esempio una borsa sociale, che si contrapponga alla borsa valori avente natura speculativa, offrendo alle persone e alle famiglie degli strumenti alternativi che gli consentano di investire e depositare i loro risparmi in forme non speculative, per raggiungere fini non speculativi. Sul piano delle soluzioni alle cause prossime della crisi, il punto probabilmente più importante è quello relativo alla necessità di riportare equilibrio tra economia e politica, o meglio giungere ad una ripresa del ruolo della politica rispetto all economia, dopo che per decenni la politica ha svolto un ruolo di ancella all economia. Ciò significa innanzitutto ridare un ruolo e un importanza a regole che possano governare l economia in modo efficace, al fine di garantire la stessa sopravvivenza dei mercati, dato che la crisi dimostra come i mercati funzionano bene solo quando sono oggetto di regole e di controlli efficaci. Dopo che negli ultimi dieci anni (soprattutto a partire dagli Stati Uniti) sono state allentate le regole e i controlli, occorre quindi invertire la tendenza ed operare per regole e sorveglianze più severe, soprattutto a livello internazionale, dato il contesto attuale di un economia sempre più globalizzata. Se infatti in questi anni i controlli hanno mantenuto un carattere soprattutto nazionale, i mercati finanziari sono invece diventati mondiali, per cui occorre creare regole valide a livello globale, con istituzioni internazionali globali in grado di farle rispettare, per far si che nel nuovo contesto della globalizzazione dei mercati vi siano delle regole che possano incidere ed essere efficaci anche a livello internazionale, e non più invece soltanto nel contesto nazionale. In altri termini, mercati globali hanno bisogno di regole globali, un mondo globalizzato ha bisogno di istituzioni internazionali forti, sia per gli aspetti più legati alla politica, sia per gli aspetti più legati all economia. Ridare un ruolo alla politica, ed in particolare alle regole e alla trasparenza dei mercati, può quindi significare ad esempio: - aumentare il potere delle autorità di regolamentazione a livello internazionale; - impostare un azione comune di controllo e regolamentazione dei mercati; - impedire comportamenti speculativi alle banche di deposito ordinario; - limitare o comunque regolamentare fortemente (ad esempio tramite la disciplina fiscale e sulla trasparenza) l investimento nei titoli derivati, se non addirittura vietare alcune forme di investimento particolarmente rischiose e le relative scatole finanziarie utilizzate per commercializzarli sui cosiddetti mercati non regolamentati (un vero e proprio ossimoro, alla luce di quanto detto a proposito della necessità di regolamentare i mercati); i titoli derivati, infatti, non solo hanno prodotto l alterazione dei 20>> ricerca laboratorio

8 mercati che ha poi portato alla crisi, ma hanno anche esaltato le dimensioni della speculazione sul petrolio e sulle materie prime, giungendo a dei valori di mercato in alcuni casi di cento volte superiori rispetto al valore reale del bene trattato; - imporre rigorosi criteri di comportamento alle agenzie di rating; - regolamentare in modo molto stringente i paradisi fiscali; - promuovere un riequilibrio tra risparmi e consumi, dopo che negli ultimi anni si è avuto un grande squilibrio tra queste due componenti fonte a sua volta di altri forti squilibri sui mercati soprattutto negli Stati Uniti, ma anche in molti paesi europei. A questi interventi di ri-regolamentazione dei mercati, aventi una visione di lungo periodo necessari per modificare a livello strutturale il funzionamento dei mercati e per modificare il comportamento stesso degli agenti economici si devono necessariamente accompagnare tutta una serie di interventi invece più di breve periodo che in molti casi sono già stati attuati nell ultimo periodo. Si fa riferimento a tutti quegli interventi che sono già stati adottati per salvare le banche ed incentivarle a ridare importanza all attività di concessione del credito alle imprese dell economia reale piuttosto che all utilizzo della loro raccolta per fare investimenti in finanza speculativa. Si fa inoltre riferimento a tutte quelle politiche monetarie e fiscali espansive, finalizzate a rilanciare la domanda e gli investimenti, che sono state adottate da vari paesi allo scopo di rilanciare e far ripartire l economia, anche se a spese di un aumento del deficit e del debito pubblico (aspetto quest ultimo che limita la possibile portata di un intervento pubblico di questo tipo in Italia, dato l elevatissimo debito pubblico che la caratterizza). Si tratta in gran parte delle classiche ricette keynesiane già adottate a seguito della crisi del 1929 che dopo essere state ampiamente criticate da molti economisti negli ultimi trenta anni, stanno oggi tornando in auge un po ovunque. Altre importanti politiche di lungo periodo che possono consentire di uscire da questa crisi sono quelle politiche mirate ad incentivare il ritorno allo sviluppo dell economia reale, ovvero mirate a promuovere un vero e proprio ritorno alla produzione. Con ciò si intende il ritorno di importanza sia della produzione agricola che di quella industriale, dopo decenni in cui si è verificata la finanziarizzazione dell economia. Alcune strategie potenzialmente vincenti possono essere quelle di puntare fortemente sulla ricerca e sviluppo, in particolare nei settori legati all energia e all ambiente, come elementi fondamentali per garantire il processo di riconversione e di ripresa dell economia, indirizzando la produzione verso prodotti maggiormente eco compatibili e facendone un importante occasione di affari. *Università di Bologna laboratorio ricerca <<21

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole - dare voce a chi non ha voce- Chi siamo? Siamo una Associazione iscritta al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato. L Associazione ha

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. La finanza etica

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. La finanza etica Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito La finanza etica Idea di sovversivi o segmento di mercato? 1. La finanza etica, per alcuni, è la strada per una obiezione finanziaria. Tutto il mondo della

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR. La dimensione operativa

Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR. La dimensione operativa Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR La dimensione operativa Una nuova visione della CSR Quello della responsabilità sociale è un valore che viene accettato

Dettagli

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale.

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale. LINEE DIRETTRICI La nostra missione Noi della Banca Alternativa Svizzera ci impegniamo al massimo per il bene comune, per l uomo e la natura e per una qualità di vita sostenibile per le generazioni presenti

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA ALLEGATO D DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA Commercio equo e solidale 1. Il commercio equo e solidale è l attività di cooperazione economica e sociale finalizzata a consentire o migliorare

Dettagli

LA FINANZA SOSTENIBILE

LA FINANZA SOSTENIBILE www.abi.it News LA FINANZA SOSTENIBILE Nell'ambito del Forum per la finanza sostenibile - associazione multistakeholder la cui mission è quella di promuovere la cultura della responsabilità sociale nella

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Il ruolo delle piattaforme nella distribuzione dei Fondi. Milano 28 gennaio 2015

Il ruolo delle piattaforme nella distribuzione dei Fondi. Milano 28 gennaio 2015 Il ruolo delle piattaforme nella distribuzione dei Fondi Milano 28 gennaio 2015 Stefano Sardelli Direttore Generale Presidente MILLENNIUM Sim La demografia incide in modo molto importante sulla crescita

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

il consorzio siamo noi.

il consorzio siamo noi. il consorzio siamo noi. Scelte consapevoli, vantaggi economici, etica del risparmio. Perchè il Consorzio Nel 2008 prendeva il via il progetto Rileggi la tua bolletta un gruppo d acquisto che veniva costituito

Dettagli

Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia

Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia Vedano Olona 20 3 2012 "Quando una persona viene al mondo è un albero di possibilità, di tante possibili vite; tanti rami, tanti bivi: di questo

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA L attuale contesto economico, sempre più caratterizzato da una concorrenza di tipo internazionale e da mercati globali, spesso

Dettagli

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico.

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Assumersi responsabilità. Con provvedimenti energeticamente efficienti. L efficienza energetica è una strategia efficace per la protezione

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di I SINTESI Questo numero di Osservatorio monetario viene interamente dedicato all analisi delle implicazioni derivanti dallo sviluppo della microfinanza. Il primo capitolo descrive le ragioni del successo

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Personal Financial Services Fondi di investimento

Personal Financial Services Fondi di investimento Personal Financial Services Fondi di investimento Una forma di investimento a rischio controllato che schiude interessanti prospettive di guadagno. Questo dépliant spiega come funziona. 2 Ottenete di più

Dettagli

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian Economic Policy Reforms Going for Growth 2009 Summary in Italian Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009 Riassunto in italiano Gestire la crisi è oggi il compito prioritario dei

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL

CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL SOMMARIO PREMESSA: PERCHÉ UN CODICE ETICO 1. I VALORI DI RIFERIMENTO A. Responsabilità di rendere conto dell impatto delle nostre attività sulla società, ambiente,

Dettagli

Mercati, finanza e regole: guidare l economia. Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta

Mercati, finanza e regole: guidare l economia. Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta Mercati, finanza e regole: guidare l economia per il bene comune Cremona, 2 febbraio 2013 Simona Beretta Obiettivi di lavoro Collocare le informazioni economico - finanziarie quotidiane in un orizzonte

Dettagli

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Leonardo Becchetti, Angela Schito - 15/04/2009 (BENE COMUNE:NET) Una delle conseguenze della crisi che stiamo vivendo riguarderà senza dubbio le

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Cos è Etico nella Finanza Etica?

Cos è Etico nella Finanza Etica? Università degli Studi di Trento Educazione alla Finanza Etica, Responsabile e Felice Trento 28 novembre 2009 Struttura dell Intervento Cosa vuol dire finanza etica? Il ruolo del sistema finanziario Finanza

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

(15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti

(15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti (15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti 61 I. L Europa che vogliamo II. III. IV. I valori del Partito popolare europeo L Europa delle libertà L Europa

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ SOCIALE DELLE IMPRESE CORPORATE SOCIAL RESPONSABILITY

LA RESPONSABILITÀ SOCIALE DELLE IMPRESE CORPORATE SOCIAL RESPONSABILITY Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 10/10/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale.

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale. DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA PARTE I: I FONDAMENTI DELLA MACRO 1) Dopo aver spiegato la distinzione tra micro e macro economia, lo studente definisca e spieghi il concetto di Prodotto Interno

Dettagli

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem Relazione del Presidente Dino Piacentini Assemblea Generale Aniem 26 giugno 2015 Cari amici e colleghi, anzitutto grazie. Per aver condiviso un percorso in un periodo non certo facile per le nostre imprese,

Dettagli

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato BUON MANAGEMENT = BUONA SANITA La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato Bassano del Grappa, 25 giugno 2012 Questo Convegno nasce dall idea che un confronto

Dettagli

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti!

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti! Accade spesso che la banca vada a visitare l azienda solo quando deve acquisirne la relazione o, successivamente, per collocare nuovi prodotti o chiedere maggiori flussi di lavoro o relazioni indotte,

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1 Oggetto: Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1, art. 3, comma 2, lett. e). Fondo di garanzia etica. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale riferisce in ordine

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1]

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.2: Il ruolo del settore pubblico in un'economia mista [1:cap.1] Docente: Antonio

Dettagli

Gestioni, consulenze e soluzioni innovative per aziende alberghiere.

Gestioni, consulenze e soluzioni innovative per aziende alberghiere. Gestioni, consulenze e soluzioni innovative per aziende alberghiere. Da oltre dieci anni il mercato turistico mondiale ha cambiato aspetto. L'avvento del web come canale di distribuzione, i portali online,

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget»

L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget» Authorized and regulated by the Financial Services Authority L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget» Il processo di investimento

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento dell Autorità

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Creazione di valore e obiettivi dell impresa

Creazione di valore e obiettivi dell impresa Gestione d impresa e creazione di valore Lezione 1-2. Creazione di valore e obiettivi dell impresa Obiettivi: Introdurre il tema della relatività del valore Presentare il legame tra impresa e creazione

Dettagli

CNEL IV Commissione Istruttoria per le Reti, le Infrastrutture, l'energia e l'ambiente SUPERAMENTO DEL CONTANTE E DIFFUSIONE DELLA MONETA ELETTRONICA

CNEL IV Commissione Istruttoria per le Reti, le Infrastrutture, l'energia e l'ambiente SUPERAMENTO DEL CONTANTE E DIFFUSIONE DELLA MONETA ELETTRONICA CNEL IV Commissione Istruttoria per le Reti, le Infrastrutture, l'energia e l'ambiente SUPERAMENTO DEL CONTANTE E DIFFUSIONE DELLA MONETA ELETTRONICA Roma, 27 maggio 2013 Premessa Operare per il graduale

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 29 30 APRILE FINANZA PUBBLICA TEORIE ECONOMICHE Sergio Zucchetti 1 Una parentesi: le teorie economiche Quando in Italia si parla di politiche

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 A SCUOLA DI MONDO Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 Il commercio non è né buono né cattivo [...] può sia contribuire al

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

PIL : produzione e reddito

PIL : produzione e reddito PIL : produzione e reddito La misura della produzione aggregata nella contabilità nazionale è il prodotto interno lordo o PIL. Dal lato della produzione : oppure 1) Il PIL è il valore dei beni e dei servizi

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del profitto Diversi tipi di impresa Obiettivo dell impresa: massimo profitto Profitto Economico e Profitto Contabile Costo Economico (Costo Opportunità) Profitto Normale e Extra-Profitto

Dettagli

Come gestire il cambiamento organizzativo?

Come gestire il cambiamento organizzativo? DAL 1946, CONSULENTI DI DIREZIONE 10133 TORINO CORSO FIUME 2 - Tel.(011) 6604346 6603826 (fax) Email: consulenti@studiobarale.it Come gestire il cambiamento organizzativo? Una breve guida all introduzione

Dettagli

no a tutti di provare nuovamente un sentimento fondamentale e ormai smarrito nelle borse e nelle banche: la ducia. A questo punto non resta che

no a tutti di provare nuovamente un sentimento fondamentale e ormai smarrito nelle borse e nelle banche: la ducia. A questo punto non resta che Premessa «Il denaro è un mezzo e non un ne» si insegnava una volta, quando la scuola primaria si chiamava ancora elementare: ma oggi ha un senso questa frase? Sembrerebbe di no, osservando il nostro maltrattato

Dettagli

NOTA SU LA BUONA SCUOLA

NOTA SU LA BUONA SCUOLA NOTA SU LA BUONA SCUOLA Roma, 23 ottobre 2014 Il documento presenta aspetti prevalentemente di tipo politico e amministrativo prefigurando una "Buona scuola" come una scuola bene amministrata, e organizzando

Dettagli

Codice Etico. Gennaio 2010

Codice Etico. Gennaio 2010 Codice Etico Gennaio 2010 ( SOMMARIO ) CAPO I IL VALORE DEL CODICE ETICO Pag. 2 CAPO II DESTINATARI E AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 2 CAPO III MISSIONE Pag. 3 CAPO IV STRUMENTI DI ATTUAZIONE DELLA MISSIONE

Dettagli