Consigli pratici al paziente: L utilizzo di fibre, integratori pre e probiotici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consigli pratici al paziente: L utilizzo di fibre, integratori pre e probiotici"

Transcript

1 Consigli pratici al paziente: L utilizzo di fibre, integratori pre e probiotici Proctologia in Day Surgery Portofino Vetta, 17 Aprile 2009 S.G. SUKKAR U.O.D. Dietetica e Nutrizione Clinica Azienda Ospedaliera - Universitaria San Martino di Genova Certificazione UNI EN ISO N 9122.OSSM relativa a: Erogazione di Servizi di Dietetica e Nutrizione Artificiale Enterale e Parenterale

2 SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

3 Fibra: definizione National Academy of Science (2001) Fibra dietetica: i CHO non digeribili e la lignina che sono intrinseci ed intatti nelle piante Fibra funzionale : CHO isolati, non digeribili che hanno effetti fisiologici benefici negli esseri umani Fibra totale: fibra dietetica + fibra funzionale National Academy Press 2001:1-64

4 FIBRA ALIMENTARE Classificazione delle fibre secondo il loro GRADO DI POLIMERIZZAZIONE secondo il Paris Carbohydrate Group POLISACCARIDI CON DP SUPERIORE A 10 UNITÀ MONOSACCARIDICHE OLIGOSACCARIDI CON DP COMPRESO TRA 3 E 10 ZUCCHERI CON DP PARI A 1 O 2 UNITÀ MONOSACCARIDICHE

5 CLASSIFICAZIONE SECONDO LA SOLUBILIZZAZIONE DELLA FIBRA IN ACQUA FIBRE INSOLUBILI: lignina cellulose FIBRE MISTE: (grado di solubilità intermedio) FIBRE SOLUBILI: gomme - PHGG pectine mucillagini crusca inulina frutto-oligosaccaridi

6 FIBRA ALIMENTARE INSOLUBILE DOVE LA TROVIAMO? CRUSCA CEREALI INTEGRALI VERDURA LEGUMI FRUTTA CRUSCA CEREALI INTEGRALI LEGUMI FRUTTA FRUMENTO VERDURA FRUTTA (fragole, pere, pesche, prugne) CELLULOSA EMICELLULOSA LIGNINA

7 FIBRA ALIMENTARE SOLUBILE DOVE LA TROVIAMO? FRUTTA PATATE DOLCI CAROTE FRAGOLE LEGUMI AVENA FAGIOLI ED ALTRI LEGUMI AVENA LEGUMI ALGHE PECTINE GALATTOMANNANI GOMME MUCILLAGINI ALGINATI

8 AZIONE DELLA FIBRA

9 FIBRA ALIMENTARE INSOLUBILE COME AGISCE? Riduce il tempo di transito intestinale Lega i sali minerali Diminuisce la pressione intracolica Lega i sali biliari e gli ioni Trattiene l acqua Antiossidante Aumenta la massa fecale

10 Effetto dell Assunzione di Fibre sull Escrezione Fecale di Ac. Biliari Escrezione fecale* Ac. Biliare Controlli Suppl. Fibre Colico 0.24± ±0.05 Chenodesossicolico 0.30± ±0.04 Desossicolico 3.62± ±0.41 Litocolico 3.24± ±0.42 * mg/gr feci secche P<0.05 Reddy et al. 1987

11 Incremento peso fecale/gr di fibra Denominazione fibra Crusca Frutta e verdura Psyllium Legumi Pectina Incremento peso fecale (gr feci/ gr fibra) 7,2 gr/gr 6,0 gr/gr 4 gr/gr 1,5 gr/gr 1,3 gr/gr

12 FIBRA ALIMENTARE SOLUBILE COME AGISCE? Riduce l assorbimento dei nutrienti e del colesterolo Lega i sali minerali e gli ioni riduce il ph inibisce l attività di microrganismi patogeni diminuisce la concentrazione di composti azotati citotossici Forma sostanze viscose Rallentando l assorbimento dei carboidrati Modifica la produzione di gas e acidi grassi a catena corta volatili Aumenta il tempo di svuot. gastrico Aumenta il tempo di transito intestinale

13 FIBRE SOLUBILI Uno degli effetti più importanti delle fibre solubili è la: FERMENTAZIONE COLICA, con produzione di acidi grassi a catena corta (SCFA)

14 Fibra: fermentazione Caratteristica Componente della fibra Principale fonte alimentare Parziale o bassa fermentazione Cellulosa Emicellulosa Lignina Cutina, suberina, altra cere vegetali Amidi resistenti Piante Cereali Piante con fusto Fibra vegetale Funghi, lieviti, invertebrati Piante (grano, patate, cereali, legumi, banane) Buona fermentazione - glucani Pectine Gomme Inulina Oligosaccaridianaloghi Origine animale Cereali (avena, segale, etc) Frutta, verdura, legumi, patate, etc legumi (guar), estratti (carragenati, alginati), estratti vegetali (gomma di acacia, di karaya, di tragacanth) e gomme microbiche ( xantani, gellani) Cicoria, cipolle, grano piante e di derivazione sintetica (polidestrosio, maltodestrina resistente, FOS, lactulosio) Condroitina Chitosani

15 ACIDI GRASSI A CATENA CORTA SCFA PRODUZIONE DI ACIDI GRASSI A CATENA CORTA NEL COLON, LA FERMENTAZIONE DELLE FIBRE SOLUBILI PRODUCE GLI ACIDI GRASSI A CATENA CORTA (SCFA), L ACETATO, IL PROPIONATO E IL BUTIRRATO RAPPRESENTANO PIÙ DELL'85% DEGLI SCFA. ACETATO 60% PROPIONATO 25% BUTIRRATO 15%

16 ACIDI GRASSI A CATENA CORTA SCFA ACETATO VIENE CONVERTITO IN ACIDI GRASSI A CATENA LUNGA E IN CORPI CHETONICI A LIVELLO EPATICO

17 ACIDI GRASSI A CATENA CORTA SCFA PROPIONATO È UTILIZZATO SIA DAL COLONOCITA CHE DALL EPATOCITA, CONTRIBUENDO ALLA NEOGLUCOGENESI E ALLA SINTESI DI COLESTEROLO

18 ACIDI GRASSI A CATENA CORTA SCFA BUTIRRATO È PREVALENTEMENTE UTILIZZATO DAL COLONOCITA, STIMOLANDO LA PRODUZIONE DELLA MUCOSA UNA PICCOLA QUOTA SI TRASFORMA IN CORPI CHETONICI E CONTRIBUISCE ALLA SINTESI DEL GLUTAMMATO E DELLA GLUTAMMINA 1 2 3

19 Effetti degli SCFA Aumentano l assorbimento del Na (processo non saturabile trans-cellulare) Aumentata proliferazione dei colonociti (processi riparativi) Produzione di energia metabolica (circa 70% dell energia metabolica dei colonociti) Diminuzione del ph intraluminale Aumentato flusso ematico del colon (aumento flusso ematico mesenterico) Stimolazione del sistema nervoso autonomico (gioca un ruolo nell effetto trofico della fibra) Aumentata produzione di ormoni da parte del tubo GI (sptt gastrina, glucagone, PYY)

20 FIBRA GELIFICANTE E NON GELIFICANTE PHGG NON GELIFICANTE GELIFICANTE

21 FIBRA NON GELIFICANTE GALATTOMANNANI FRUTTOOLIGOSACCARIDI PHGG FOS XILANI INULINA

22 FIBRA GELIFICANTE GOMMA-GUAR PSYLLIUM AGAR-CARRAGENINA ALGINATI PECTINA

23 EFFETTI BENEFICI DELLA SUPPLEMENTAZIONE CON FIBRE NON GELIFICANTI

24 EFFETTI BENEFICI EFFETTO TROFICO SULLA MUCOSA DEL COLON STIMOLAZIONE DELLA DIFFERENZIAZIONE E PROLIFERAZIONE CELLULARE INCREMENTO DEL PESO DELLA MUCOSA COLICA

25 EFFETTI BENEFICI PROMOZIONE DEL RIASSORBIMENTO DI ACQUA E SODIO POTENZIALE UTILIZZO BENEFICO NEL TRATTAMENTO E NELLA PREVENZIONE DELLA DIARREA RIDUZIONE DEL PH INTRALUMINALE EFFETTO SULLA MICROFLORA BATTERICA, CON INCREMENTO DEL NUMERO DI COLONIE DI BIFIDOBATTERI E LATTOBACILLI

26 STIPSI cede alle feci l acqua che ha legato nel tratto prossimale dell intestino le feci si ammorbidiscono, aumentano la loro massa si normalizza la loro consistenza X

27 DIARREA lega l acqua non soltanto nel piccolo intestino ma anche nel colon sottrae acqua alle feci e le consolida

28 PROBIOTICI & PREBIOTICI

29 CORPO: cellule INTESTINO: batteri PELLE: batteri

30 Stomach fino a 10 3 con prevalenza gram+ e aerobi, (streptocochi, stafilococchi, lattobacilli, Hp) Microflora Fattori Ospite ph, secrezioni endogene motilità intestinale, desquamazione cellulare Attività immunologica Tenue Progressivo aumento concentrazione fino a con prevalenza di batteri gram-, coliformi e anaerobi ( bacteroidi, bifidobacteri, clostridi, e fusobatteri) Colon fino a anaerobi /aerobi 1000 prevalenza di bacteroidi, bifidobatteri, eubacteri lactobacilli, enterococchi enterobatteria, metanogeni, riduttori solfati, etc Numero di batteri 10 volte maggiore del numero delle cellule dell organismo differenti ceppi batterici

31 Il COLON è un ecosistema complesso che contiene più di 400 differenti generi microbici ADULTO LATTANTE BATTERIOIDI BIFIDOBATTERI (95%) BIFIDOBATTERI EUBATTERI LATTOBACILLI COCCHI CLOSTRIDI, ECC.

32 NON TUTTI I BATTERI SONO NOCIVI POCHI BATTERI SONO SEMPRE PATOGENI ALCUNI BATTERI SONO POTENZIALMENTE PATOGENI MOLTI BATTERI NON SONO PATOGENI

33 BATTERI FAVOREVOLI (bifidobatteri, lattobacilli, etc) PRODUZIONE SCFA SINTESI VITAMINE STIMOLAZIONE IMMUNITARIA AZIONE TROFICA RESISTENZA ALLA COLONIZZAZIONE BATTERI DANNOSI (clostridi, bacteroides, etc) PRODUZIONE TOSSINE CARCINOGENI / MUTAGENI

34 COME MANIPOLARE FAVOREVOLMENTE LA FLORA BATTERICA INTESTINALE? MEDIANTE SOSTANZE PROBIOTICHE PREBIOTICHE

35 PROBIOTICI Supplemento alimentare composto da microorganismi vivi in sufficiente quantità, che raggiungono l intestino e che influiscono in modo benefico sull ospite, migliorando il trofismo e l attività intestinale. Fuller, J. Appl Bacteriol 66:365, 1989

36 ORGANISMI CON ATTIVITA PROBIOTICA BATTERI LATTICI Lattobacilli Streptoccoccus Thermophilus BIFIDOBATTERI (Actino Mycetaceae) (varie specie) Longum Infantis Brevis ALTRI LIEVITI Enterococci Saccharomyces Boulardii Propionibacteria Saccaromyces Spore

37 CARATTERISTICHE OTTIMALI DEI PROBIOTICI di origine umana non patogeni resistenti al ph acido in grado di rimanere vivi e vitali dopo i processi di produzione e confezionamento in grado di aderire all epitelio intestinale persistere per un tempo accettabile nel lume interagire, modulandoli, con i diversi componenti del sistema immune associato alle mucose sintetizzare sostanze antibatteriche

38 MONOCEPPO E POLICEPPO policeppo rispetto ad un monoceppo: 1. Aumenta il campo d azione 2. Potenzia alcune azioni dei ceppi 3. Non porta lo squilibrio tra i salutari che può dare un monoceppo 4. Induce una migliore risposta immunitaria 5. Può dare più difficilmente resistenza antibiotica 6. Una maggiore ed ampia azione antimicrobica e sugli enzimi, sia utili (glicosidasi, deidrogenasi, lisozima, ) che nocivi (ß glucuronidasi, azotoriduttasi, nitroriduttasi)

39 AZIONI SALUTARI PROBIOTICI Riequilibrio e stabilizzazione della microflora intestinale Protezione dell ospite dalla colonizzazione di patogeni Diminuzione del numero di batteri putrefattivi (coliformi, bacteroides, salmonelle) Diminuzione della produzione di NH3, ammine, indoli, fenoli Inattivazione delle endotossine Modifica del metabolismo intestinale abbassamento del ph, Modficazioni atti enzimatiche procancerogene

40 PROBIOTICI E CROHN

41

42 DURATA DELLA DIARREA E PROBIOTICI Huang, et al., Digestive Diseases and Sciences, Vol.47, No. 11 (Nov 2002)

43 Surawicz et al., Gastroenterol. 1989;96:981

44 COME MANIPOLARE FAVOREVOLMENTE LA FLORA BATTERICA INTESTINALE? MEDIANTE SOSTANZE PROBIOTICHE PREBIOTICHE

45 PREBIOTICI Supplementi alimentari non digeribili che portano beneficio all ospite grazie alla stimolazione selettiva della crescita e/o dell attivita di uno o un limitato numero di ceppi batterici gia presenti nel colon, migliorando così la composizione ed il trofismo della flora batterica intestinale Gibson and Roberfroid, 1995

46 FIBRE CON EFFETTO PREBIOTICO BACTEROIDES, BIFIDOBACTERIUM E LATTOBACILLI SONO PARTICOLARMENTE STIMOLATI DALL'ASSUNZIONE DI FIBRE ALIMENTARI SOLUBILI. QUESTO EFFETTO È DENOMINATO PREBIOTICO, CIOÈ STIMOLAZIONE SELETTIVA DELLA CRESCITA DI SPECIE BATTERICHE BENEFICHE.

47 IDENTIFICAZIONE PREBIOTICI Ad oggi tre sono i prodotti riconosciuti come veri prebiotici: FRUTTOOLIGOSACCARIDI (polisaccaridi a base di fruttosio) GALATTOOLIGOSACCARIDI (polisaccaridi a base di galattosio) LATTULOSIO (disaccaride composto da galattosio e fruttosio)

48 IDENTIFICAZIONE PREBIOTICI Fra questi i piu studiati e più documentatati sono i FRUTTOOLIGOSACCARIDI, costituiti da 2 tipi diversi per la loro complessità molecolare FOS INULINA

49 FOS Sono costituiti da 2 a 9 monomeri di fruttosio (unità glicosidiche) Sono fermentati quasi completamente nel COLON ASCENDENTE Sono attaccati dai bifidobatteri che sono in grado di secernere beta-fruttosidasi, che fermenta i FOS trasformandoli in : Massa batterica 40% SCFA 40% Acido Lattico 15% Gas 5%

50 INULINA E costituita dall unione di 10 a 60 monomeri Subisce la stessa fermentazione da parte dei bifidobatteri, ma questa avviene essenzialmente nel COLON TRASVERSO E DISCENDENTE Anche l inulina produce per fermentazione gli stessi componenti dei FOS

51 PROPRIETA PREBIOTICI 2 Sviluppo di tutti i ceppi di probiotici (e non uno solo come per il singolo probiotico): si ha così la possibilità della produzione di varie sostanze antimicrobiche da almeno 8 specie di bifidobatteri che agiscono contro Salmonellae, Listeria, Campylobacter e Shigellae Produzione di vitamine del gruppo B oltre ad enzimi Azione immunomodulante

52 PROPRIETA PREBIOTICI 3 Produzione di SCFA con conseguenti: azione contro i potenziali patogeni data dall abbassamento di ph e dalla produzione di sostanze dotate di attivita antimicrobica (batteriocine, acqua ossigenata..) su un vasto spettro d azione riassorbimento di SCFA a livello dell epitelio del cieco e del colon come nutrienti con effetti sistemici. Rinforzo della barriera mucosale

53 ATTIVITA DEI PREBIOTICI Migliorata funzione GI Massa Fecale gr massa fecale per gr consumato (Gibson et al 1995) Transito Modulazione verso la normalizzazione Frequenza evacuazioni Modulazione verso la normalizzazione (Den Hond et al 1997) Ridotta suscettibilità alle infezioni GI Incremento well balanced flora (bif, lab, Eubacterium?) Diminuizione patogeni (in vitro; uomo : studi nella diarrea viaggiatore, (Cummings et al. 2002) Modulazione GALT (Watzl et al, in stampa).

54 Un prebiotico è tanto più efficace quanto aumenta la sua dose? prebiotic index l aumento di bifidobatteri espressi come il numero assoluto dei nuovi germi presenti nelle feci cfu/g diviso per la dose giornaliera espressa in grammi del prebiotico ingerito. Non è pertanto importante il valore assoluto dei germi presenti dopo la assunzione di un prebiotico, ma quanto è l incremento relativamente alla concentrazione precedentemente presente Roberfroid M

55 SIMBIOTICI Miscela di PROBIOTICI e PREBIOTICI, che agisce favorevolmente sull ospite, migliorando la sopravvivenza e l adesività di supplementi microbici nel tratto gastrointestinale, tramite la stimolazione selettiva della crescita e dell attività metabolica di uno o di un limitato numero di batteri salutari

56 SIMBIOTICI Si è già accertato per i prebiotici che esistono delle relazioni di attivazione e sinergia tra essi e con i probiotici, quali: Miglior protezione dei probiotici sia nell introduzione che per la permanenza (rallentandone il declino e l eliminazione) Aumento dell azione antinfiammatoria (bifidobatteri + inulina) Aumento sinergico dei batteri Attivazione fra prebiotici (FOS verso inulina) Aumentata e protratta produzione di butirrato (FOS + RS) ed azione su acetato e lattato formati dalla fermentazione dei prebiotici Aumentato riassorbimento minerali (FOS+ RS) Riduzione della formazione di gas (FOS + RS)

57 CONCLUSIONI Quindi grandi sono i vantaggi per la salute, ma attraverso l uso di miscele adatte di probiotici e prebiotici si potrebbero ottenere anche vantaggi terapeutici in diverse patologie Necessità di magiornumero di studi clinici controllati su specifici probiotici e prebiotici

58 SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO?

59 ASPETTATIVE FUTURE Questo però potrà essere ottenuto e validato con opportuni trials clinici che presentino prove scientificamente valide.

Alterazioni della flora intestinale?

Alterazioni della flora intestinale? Alterazioni della flora intestinale? Una gamma di prodotti per una microflora intestinale bilanciata ed efficiente. Qualità, Efficacia, Garanzia. Think Green. Live Green. PER IL MANTENIMENTO DI UN INTESTINO

Dettagli

Alimenti funzionali II

Alimenti funzionali II Alimenti funzionali II Probiotici Etimologia della parola Dal greco Pro Bios cioè A favore della vita Il termine è stato usato per la prima volta a metà del secolo scorso Definizione Probiotico è un supplemento

Dettagli

CARBOIDRATI: monosaccaridi

CARBOIDRATI: monosaccaridi CARBO- IDRATI CARBOIDRATI: monosaccaridi Struttura chimica dei due triosi: gliceraldeide (a) e idrossiacetone (b) Esempi di 2 enantiomeri fra gli aldo-esosi e i cheto-esosi Enantiomeri: due stereoisomeri

Dettagli

ALIMENTI FUNZIONALI STORIA

ALIMENTI FUNZIONALI STORIA ALIMENTI FUNZIONALI STORIA Il concetto di Alimenti Funzionali nasce negli anni 80 in Giappone, dove viene messa a punto una legislazione apposita. Nel 1991 viene coniato il termine FOSHU (Foods for Specified

Dettagli

Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura.

Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura. Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura. Prof. Giovanni Valentino Coppa Introduzione A) L ecosistema intestinale ed i vantaggi

Dettagli

Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida

Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida Baia di Conte Alghero - 9 16 Settembre 2006 C è un razionale nella scelta di una formula funzionale nell alimentazione del lattante? V. Tripodi Dipartimento

Dettagli

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Milano, 16 ottobre 2015 Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Annamaria Castellazzi Dipartimento di Scienze Clinco-chirurgiche, Diagnostiche e pediatriche Università degli Studi di Pavia Vice-Presidente

Dettagli

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1%

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1% CARBOIDRATI 1 GLUCIDI Il termine deriva dal greco, dolce, dato che i più semplici hanno sapore dolce; vengono anche chiamati carboidrati Sono i costituenti più importanti dei vegetali che li sintetizzano

Dettagli

DYSBIO CHECK (Valutazione della disbiosi intestinale)

DYSBIO CHECK (Valutazione della disbiosi intestinale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 123456 CCV: 000 Data: 01/01/2014

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

Integratori alimentari a base di probiotici: Linee Guida Italiane

Integratori alimentari a base di probiotici: Linee Guida Italiane Integratori alimentari a base di probiotici: Linee Guida Italiane Alfonsina Fiore DSPVSA Reparto Pericoli Microbiologici Connessi agli Alimenti Istituto Superiore di Sanità Convegno INTEGRATORI ALIMENTARI:

Dettagli

Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra

Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra A. Formigoni e A. Palmonari andrea.formigoni@unibo.it Impianti di Biogas 8 InfoBiogas- Montichiari (Bs) 19-1- 2012 Obiettivi dei gestori

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Le linee guida ministeriali sui probiotici BRUNO SCARPA Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ufficio IV ex DGSAN Roma, 25 novembre 2013 Probiotici

Dettagli

Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori

Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori Andrea Formigoni andrea.formigoni@unibo.it 7 INFOBIOGAS Montichiari - 28 gennaio 2011 Cos è la fibra? Costituenti

Dettagli

I Fermenti Lattici Non sono tutti Uguali

I Fermenti Lattici Non sono tutti Uguali Guida di informazione e approfondimento scientifico Sostenitori del Naturale Curativo I Fermenti Lattici Non sono tutti Uguali Scegliere la QUALITÀ che CONTA è IMPORTANTE! Superceppi selezionati, estratti

Dettagli

FIBRA ALIMENTARE. 2) miglioramento della funzionalità intestinale e dei disturbi ad essa associati (stipsi, diverticolosi);

FIBRA ALIMENTARE. 2) miglioramento della funzionalità intestinale e dei disturbi ad essa associati (stipsi, diverticolosi); FIBRA ALIMENTARE Pur non potendosi considerare un nutriente, la fibra alimentare esercita effetti di tipo funzionale e metabolico che la fanno ritenere una importante componente della dieta umana. 1) aumento

Dettagli

Lo svezzamento è l evento più significativo

Lo svezzamento è l evento più significativo STRATEGIE PER MIGLIORARE LA FUNZIONALITÀ INTESTINALE Da vari studi emergono indicazioni per ridurre il più possibile lo stress di tipo nutrizionale, immunologico e psicologico a cui sono soggetti i suinetti

Dettagli

I prodotti caseari funzionali

I prodotti caseari funzionali I prodotti caseari funzionali Antonio Pirisi Dipartimento per la ricerca nelle produzioni animali Metti il "Formaggio Sardo" nella tua dieta Cagliari, 30 novembre 2011 "Un alimento può essere considerato

Dettagli

L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica

L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica IL MICROBIOTA INTESTINALE E I PROBIOTICI Asti 20 marzo 2013 Dott. Ugo Giacobbe SOC Gastroenterologia Direttore Dott. Mario Grassini Ospedale

Dettagli

Medical & Scientific Affairs Manager

Medical & Scientific Affairs Manager Battaini Fabio Medical & Scientific Affairs Manager L importanza dell allattamento al seno Il latte materno rappresenta l alimento migliore per il lattante e va favorito fino a quando è possibile: contiene

Dettagli

ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI

ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI Micropopolazione Ruminale Nel rumine si trovano microrganismi: 1.BATTERI (10 9-10 10 /ml), 2.MICETI (LIEVITI) (10 7 /- 10 8 /ml), 3.PROTOZOI

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Alimenti funzionali parte prima. Giuseppe Nicodemo Bombardiere

Alimenti funzionali parte prima. Giuseppe Nicodemo Bombardiere Alimenti funzionali parte prima Giuseppe Nicodemo Bombardiere Introduzione Antica Cina, India, Grecia: concetto di alimenti utilizzabili come farmaci Ippocrate: «Lasciate che il cibo sia la vostra medicina

Dettagli

L unico ceppo probiotico autorizzato sia per il cane sia per il gatto.

L unico ceppo probiotico autorizzato sia per il cane sia per il gatto. Probiotico che ha nuovamente ottenuto l autorizzazione a livello Europeo per l uso nel cane e nel gatto in base alla Direttiva 1831/2003 Vi presentiamo la strada scientificamente provata per integrare

Dettagli

Microvilli (circa 600 per cellula) Orletto a spazzola

Microvilli (circa 600 per cellula) Orletto a spazzola Microvilli (circa 600 per cellula) Orletto a spazzola Questa enorme superficie permette che, a livello del digiuno e dell ileo, abbia luogo l assorbimento dei monosaccaridi, degli amminoacidi, degli acidi

Dettagli

Più. Più cereali, legumi, ortaggi e frutta

Più. Più cereali, legumi, ortaggi e frutta 2. Più Più cereali, legumi, ortaggi e frutta 2. Più cereali, legumi, ortaggi e frutta Questi alimenti sono importanti perché apportano carboidrati (soprattutto amido e fibra), ma anche vitamine, minerali

Dettagli

LA BIOLOGIA INCONTRA L ECONOMIA

LA BIOLOGIA INCONTRA L ECONOMIA LA BIOLOGIA INCONTRA L ECONOMIA Camera di Commercio di Cremona 1-2 Dicembre 2006 Dr. Francesco Puerari Specialista in Scienze dell Alimentazione Gli alimenti funzionali a base di latte: il punto di vista

Dettagli

PROGETTO INTEGRATORI DI FIBRA

PROGETTO INTEGRATORI DI FIBRA PROGETTO INTEGRATORI DI FIBRA SOMMARIO La Fibra alimentare 2 Percentuali di fibra nei principali alimenti 3-4 Fibra Insolubile e solubile 5-6 Attività della fibra alimentare 7-8 Il consumo di fibra nella

Dettagli

EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE

EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE NELL ALIMENTO ph NEL RUMINE Massima quantità di mangimi altamente fermentescibili (come melasso di c.z. e cereali trattati termicamente) determina massimizzazione

Dettagli

Sindrome dell intestino permeabile: approccio integrato

Sindrome dell intestino permeabile: approccio integrato Sindrome dell intestino permeabile: approccio integrato Specialista in Medicina Interna Sindrome multifattoriale primitivamente localizzata a livello della barriera intestinale LA BARRIERA INTESTINALE

Dettagli

Prodotti Dietetici LA FIBRA ALIMENTARE. Dott. Carlo I.G. Tuberoso Appunti didattici Prodotti Dietetici ver. 00-14

Prodotti Dietetici LA FIBRA ALIMENTARE. Dott. Carlo I.G. Tuberoso Appunti didattici Prodotti Dietetici ver. 00-14 Prodotti Dietetici LA FIBRA ALIMENTARE Non esiste una definizione universalmente accettata di fibra alimentare. Quella più diffusa si basa sul comportamento della fibra nel tratto gastrointestinale definendola

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes

dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes La rimonta è il futuro di un azienda, rappresenta un investimento per la redditività a lungo termine. Particolare attenzione

Dettagli

Prodotti delle Fermentazioni Ruminali

Prodotti delle Fermentazioni Ruminali Prodotti delle Fermentazioni Ruminali GAS Acidi Grassi Volatili CORPI MICROBICI 1) GAS prodotti dalle Fermentazioni Ruminali CO 2 ANIDRIDE CH 4 METANO ANIDRIDE CARBONICA ALTRI (NH 3, H 2 S ) (AMMONIACA,

Dettagli

PRIMA PARTE LA FLORA BATTERICA INTESTINALE LA FLORA BATTERICA INTESTINALE E IL SUO RUOLO NELLE DIVERSE CONDIZIONI CLINICHE

PRIMA PARTE LA FLORA BATTERICA INTESTINALE LA FLORA BATTERICA INTESTINALE E IL SUO RUOLO NELLE DIVERSE CONDIZIONI CLINICHE LA FLORA BATTERICA INTESTINALE E IL SUO RUOLO NELLE DIVERSE CONDIZIONI CLINICHE PRIMA PARTE LA FLORA BATTERICA INTESTINALE 1 1 LA FLORA BATTERICA INTESTINALE 2 1 LA FLORA BATTERICA INTESTINALE La microflora

Dettagli

Le fibre alimentari sono: - l insieme eterogeneo e complesso di omo- ed eteropolisaccaridi - resistenti agli enzimi digestivi

Le fibre alimentari sono: - l insieme eterogeneo e complesso di omo- ed eteropolisaccaridi - resistenti agli enzimi digestivi Le fibre alimentari sono: - l insieme eterogeneo e complesso di omo- ed eteropolisaccaridi - resistenti agli enzimi digestivi Anche se non digerite, le fibre esercitano effetti importanti nel controllo

Dettagli

I G L U C I D I ASPETTI GENERALI

I G L U C I D I ASPETTI GENERALI I G L U C I D I ASPETTI GENERALI I glucidi sono i costituenti più importanti dei vegetali e le sostanze organiche più diffuse nella biosfera. Rappresentano solo l 1% del corpo umano ma hanno una notevole

Dettagli

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo?

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo? Convegno: Le nuove frontiere della trasformazione del siero del latte: da costo a valore aggiunto Milano, 2 dicembre 2012 Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è

Dettagli

adeguata, conferisce un effetto benefico all organismo ospite, migliorando l equilibrio microbico intestinale. Sono probiotici, quindi, quei

adeguata, conferisce un effetto benefico all organismo ospite, migliorando l equilibrio microbico intestinale. Sono probiotici, quindi, quei I probiotici a base di Bifidobacterium e Lactobacillus prevengono l enterocolite necrotizzante e riducono la mortalità di neonati prematuri molto sottopeso L enterocolite necrotizzante (NEC) è una delle

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH ...Sentiamo parlare sempre piú spesso di FIBRE: - Quale é il loro ruolo nell organismo? - Quale é la quantitá consigliata? - Quante bisogna mangiarne giornalmente? Vuoi aumentare energia e benessere? Prova

Dettagli

Fondamenti di nutrizione umana

Fondamenti di nutrizione umana Corso Integrato Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Scienze Tecniche Dietetiche Anno Accademico 2011-12 12 Fondamenti di nutrizione umana Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi L alimentazione dell

Dettagli

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di materiali per fare funzionare il nostro corpo È il carboidrato

Dettagli

PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO. Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione

PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO. Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione Gli alimenti sono indispensabili alla vita. Consentono all organismo di

Dettagli

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte alimentare Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte crudo per essere ammesso all'alimentazione umana non condizionata deve provenire: da allevamenti ufficialmente indenni

Dettagli

Trasporto di glucosio, fruttosio e galattosio attraverso l epitelio intestinale

Trasporto di glucosio, fruttosio e galattosio attraverso l epitelio intestinale Trasporto di glucosio, fruttosio e galattosio attraverso l epitelio intestinale Membrana apicale SGLT1: permette il trasporto attivo di glucosio e galattosio contro gradiente di concentrazione (co-trasporto

Dettagli

Zero Salmonella: il nuovo mantra Europeo

Zero Salmonella: il nuovo mantra Europeo Zero Salmonella: il nuovo mantra Europeo Prof. Alessandro Fioretti Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Napoli Federico II Nel 2006 l UE ha riportato 165,023 casi di salmonellosi Riduzione dell

Dettagli

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS Avv. Neva Monari Studio Avv.Corte e Andreis Cremona, 1 dicembre 2006 1 DEFINIZIONE (Linee guida Min. Salute

Dettagli

LA FIBRA ALIMENTARE. Cerati Carlo GVS. Moretta 14 dicembre 2007

LA FIBRA ALIMENTARE. Cerati Carlo GVS. Moretta 14 dicembre 2007 LA FIBRA ALIMENTARE Cerati Carlo GVS Moretta 14 dicembre 2007 OBIETTIVO DESCRIVERE E CAPIRE MEGLIO LA FIBRA STUDIARE IL SIGNIFICATO DELLA FIBRA NELL ALIMENTAZIONE DEL SUINO INFLUENZA SULLA DIGESTIONE E

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI)

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) Sono i composti chimici dei viventi. Sono formate da Carbonio (C), Idrogeno (H), Ossigeno (O), Azoto (N), Fosforo (P) e Zolfo (S).

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI.

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI. CARBOIDRATI. I carboidrati rappresentano la principale fonte di energia delle cellule. Essi fungono da combustibile di pronto e facile impiego e di maggior rendimento. I CARBOIDRATI possono essere divisi

Dettagli

Latte e tubo digerente Lucio Capurso

Latte e tubo digerente Lucio Capurso Latte e tubo digerente Lucio Capurso 57 Latte e tubo digerente Lucio Capurso, Primario Emerito di Gastroenterologia nell Azienda Ospedaliera San Filippo Neri di Roma, è uno dei grandi luminari dell apparato

Dettagli

La composizione del microbiota intestinale: un nuovo tipo di biomarcatore?

La composizione del microbiota intestinale: un nuovo tipo di biomarcatore? La composizione del microbiota intestinale: un nuovo tipo di biomarcatore? Senza i biomarcatori, le sanità moderna non esisterebbe nemmeno. Questi indicatori biologici misurabili consentono ai medici di

Dettagli

BENESSERE INTESTINALE

BENESSERE INTESTINALE Ambulatorio del BENESSERE INTESTINALE Salute della Persona L intestino nella Storia della Medicina L intestino ha sempre avuto, nella storia della medicina, un ruolo predominante sia come fonte di salute

Dettagli

La fermentazione lattica. nella conservazione. degli alimenti

La fermentazione lattica. nella conservazione. degli alimenti La fermentazione lattica nella conservazione degli alimenti LA FERMENTAZIONE LATTICA E LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI. La fermentazione lattica è uno dei metodi più antichi e naturali per la conservazione

Dettagli

Mais, riso, patate, granozucchero di canna o barbabietola Latte da zucchero Polisaccaride Amido - - Disaccaride Maltosio Saccarosio Lattosio

Mais, riso, patate, granozucchero di canna o barbabietola Latte da zucchero Polisaccaride Amido - - Disaccaride Maltosio Saccarosio Lattosio Abbiamo visto che i carboidrati sono la principale fonte di energia nell'alimentazione umana. Nella nostra dieta, sono sopratutto presenti nella forma di amido, ma anche il saccarosio è presente in una

Dettagli

Vag. SymbioVag ovuli vaginali ad azione riequilibrante della microflora batterica vaginale

Vag. SymbioVag ovuli vaginali ad azione riequilibrante della microflora batterica vaginale Vag SymbioVag ovuli vaginali ad azione riequilibrante della microflora batterica vaginale Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l uso Benessere intimo Vag ovuli vaginali BENESSERE INTIMO

Dettagli

PRINCIPI NUTRITIVI Proteine Carboidrati Principi nutritivi Lipidi calorici Fibra alimentare Vitamine Principi nutritivi Minerali Acqua non calorici

PRINCIPI NUTRITIVI Proteine Carboidrati Principi nutritivi Lipidi calorici Fibra alimentare Vitamine Principi nutritivi Minerali Acqua non calorici PRINCIPI NUTRITIVI Proteine Carboidrati Lipidi Principi nutritivi calorici Fibra alimentare Vitamine Minerali Acqua Principi nutritivi non calorici 1 Principi nutritivi acalorici funzione energetica costruttiva

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

"Utilizzazione di flore microbiche selezionate per la produzione di latti fermentati con effetto probiotico"

Utilizzazione di flore microbiche selezionate per la produzione di latti fermentati con effetto probiotico Dagli atti del convegno AITA Probiotici: scienza ed applicazioni industriali Milano, 6 giugno 1996 "Utilizzazione di flore microbiche selezionate per la produzione di latti fermentati con effetto probiotico"

Dettagli

A livello della loro struttura chimica, come i grassi, anche i carboidrati sono composti ternari, formati cioè da tre molecole:

A livello della loro struttura chimica, come i grassi, anche i carboidrati sono composti ternari, formati cioè da tre molecole: I carboidrati costituiscono la fonte di energia principale per lo svolgimento di tutte le funzioni organiche (mantenimento della temperatura corporea, battito cardiaco, funzioni cerebrali, digestione,

Dettagli

STIPSI. meno di due evacuazioni a settimana. oppure almeno due dei seguenti disturbi:

STIPSI. meno di due evacuazioni a settimana. oppure almeno due dei seguenti disturbi: STIPSI E un disturbo caratterizzato da difficoltà e/o insoddisfazione e/o ridotta frequenza dell evacuazione. Si definisce affetta da stipsi una persona che riferisca nell ultimo anno, per almeno 12 settimane,

Dettagli

Il ciclo nutrizione / digiuno

Il ciclo nutrizione / digiuno Il ciclo nutrizione / digiuno Aspetti generali La fase di assorbimento è il periodo che va dalle 2 alle 4 ore successive all assunzione di un pasto. Durante questo intervallo si verifica un transitorio

Dettagli

Una delle meraviglie del corpo umano

Una delle meraviglie del corpo umano 6 Novembre 2012, Torino ALIMENTAZIONE, FUNZIONE INTESTINALE E BENESSERE LUCA DUGHERA CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO Una delle meraviglie del corpo umano APPARATO DIGERENTE Digestione degli

Dettagli

Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente

Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente Cavallucci Clarita Medico Veterinario Ph.D. claritacavallucci@alice.it

Dettagli

NUTRIZIONE CORRELATA ALLA FASE DELLA PATOLOGIA E AL TRATTAMENTO CHIRURGICO Valutazione dello stato nutrizionale MNA-SGA Misure antropometriche Anamnesi alimentare 1. abitudini 2. preferenze 3. cambiamenti

Dettagli

PASTA TOSCANA INTEGRALE con Omega 3

PASTA TOSCANA INTEGRALE con Omega 3 PASTA TOSCANA INTEGRALE con Omega 3 Trafilata al bronzo Negli ultimi anni il mercato della pasta e cambiato, il consumatore sempre piu attento, vuole un prodotto migliore e piu salubre. Pasta Toscana Integrale

Dettagli

Applied Nutritional Medicine

Applied Nutritional Medicine Glossario del corso di Medicina Nutrizionale Acidi Grassi: sono delle molecole a catena lunga che formano la quasi totalità dei lipidi complessi e dei grassi sia animali e vegetali. Se non attaccati ad

Dettagli

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE Nicola Damiano Responsabile Ricerca & Sviluppo Gruppo Novelli Convegno Associazione Giuseppe Dossetti La salute vien mangiando dalla nascita

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

LE BIOMOLECOLE. Lezione 11

LE BIOMOLECOLE. Lezione 11 LE BIOMOLECOLE Lezione 11 La nutrizione è l insieme dei processi biochimici attraverso i quali l organismo utilizza i principi nutritivi per soddisfare tre fondamentali funzioni : - costruttiva o plastica;

Dettagli

COSA SONO I NUTRIENTI?

COSA SONO I NUTRIENTI? 1. DAGLI ALIMENTI AI NUTRIENTI Gli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in elementi più semplici, i nutrienti, che vengono riversati nel flusso sanguigno per essere distribuiti a tutte le

Dettagli

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA www.fisiokinesiterapia.biz sangue feci espirato mucosa succo duodenale DIAGNOSTICA H. PYLORI Dosaggio Abs di classe IgG 13 C-Urea Breath Test Dosaggio Ag fecali Gastropanel

Dettagli

Quando manca il latte materno: - quale latte scegliere - quale acqua scegliere. Anna Maria Ferrara

Quando manca il latte materno: - quale latte scegliere - quale acqua scegliere. Anna Maria Ferrara Quando manca il latte materno: - quale latte scegliere - quale acqua scegliere Anna Maria Ferrara I LATTI Il latte materno Il latte materno è il migliore prodotto nel più gentile contenitore Rappresenta

Dettagli

nature s most complete plant protein

nature s most complete plant protein THE ORIGINAL nature s most complete plant protein senza soia idoneo per vegetariani e vegani senza colesterolo senza glutine senza derivati del latte senza edulcoranti di sintesi THE ORIGINAL nature s

Dettagli

Materia pre pr sente ent negli aliment ent lenta lent ment ent digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tra t o t gastr t o r intes int tina

Materia pre pr sente ent negli aliment ent lenta lent ment ent digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tra t o t gastr t o r intes int tina Definizione dal punto di vista alimentare: Materiale presente negli alimenti lentamente digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tratto gastrointestinale. (D.R. Mertens) 17/10/2012 1 Definizione

Dettagli

La digestione degli alimenti

La digestione degli alimenti La digestione degli alimenti Le sostanze alimentari complesse (lipidi, glucidi, protidi) che vengono introdotte nell organismo, devono subire delle profonde modificazioni che le trasformano in sostanze

Dettagli

Alimentazione Equina: il valore aggiunto dell'olio e semi di canapa

Alimentazione Equina: il valore aggiunto dell'olio e semi di canapa Alimentazione Equina: il valore aggiunto dell'olio e semi di canapa L uomo ha sempre cercato di addomesticare i cavalli a seconda delle esigenze che più gli convenivano, sia per il lavoro che per il divertimento,

Dettagli

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA INTRODUZIONE Un corretto regime alimentare è in grado di soddisfare il fabbisogno nutrizionale di un individuo sano. Esistono casi in cui è necessario

Dettagli

Malattie dell adulto: fibre e fitocomposti. Nicoletta Pellegrini & Furio Brighenti Dip. Sanità Pubblica Università degli Studi di Parma

Malattie dell adulto: fibre e fitocomposti. Nicoletta Pellegrini & Furio Brighenti Dip. Sanità Pubblica Università degli Studi di Parma Malattie dell adulto: fibre e fitocomposti Nicoletta Pellegrini & Furio Brighenti Dip. Sanità Pubblica Università degli Studi di Parma Definizione - 1953 / 72 Dietary fibre are the remnant of plant components

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA Tutti i gruppi alimentari (carboidrati, grassi, proteine) sono importanti per lo svolgimento dell attività sportiva, ma è utile fare alcuni distinguo sul tipo di alimenti

Dettagli

Nutrizione. Protidi. Lipidi. Glucidi. Vitamine. Minerali. Acqua Alcool

Nutrizione. Protidi. Lipidi. Glucidi. Vitamine. Minerali. Acqua Alcool Nutrizione E il processo attraverso il quale l organismo utilizza i nutrienti ingeriti con il cibo. La nutrizione valuta: - le interazioni tra organismi viventi e cibo - le azioni ed interazioni dei nutrienti,

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

La diverticolosi del colon

La diverticolosi del colon La diverticolosi del colon Considerazioni sulla epidemiologia, sulla clinica e sulla prevenzione Definizione Protrusioni sacciformi della parete del colon di dimensioni variabili. Anatomicamente sono pseudodiverticoli

Dettagli

http://www.agriok.it/magazine

http://www.agriok.it/magazine Hai scaricato questo articolo dal portale di Filiera AQ LEGGI GRATUITAMENTE ALTRE NOTIZIE SU: http://www.agriok.it/magazine www.agriok.it/notizie ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER www.agriok.it/newsletter

Dettagli

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN)

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L intestino?il cervello della pancia. Come mantenere naturalmente

Dettagli

FOCUS ON: Alimenti Carboidrati & Indice glicemico

FOCUS ON: Alimenti Carboidrati & Indice glicemico FOCUS ON: Alimenti Carboidrati & Indice glicemico Dott.ssa Vincenza Galante SIAN (Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ) Dipartimento di Prevenzione ASL Latina Classificazione fisiologica Carboidrati

Dettagli

C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile. Nuova!

C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile. Nuova! C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile Nuova! Il Problema La microflora batterica vaginale rappresenta una fondamentale e primaria barriera naturale in grado di proteggere la salute genito-urinaria

Dettagli

PRINCIPI NUTRITIVI Proteine Carboidrati Principi nutritivi Lipidi calorici Fibra alimentare Vitamine Principi nutritivi Minerali Acqua non calorici

PRINCIPI NUTRITIVI Proteine Carboidrati Principi nutritivi Lipidi calorici Fibra alimentare Vitamine Principi nutritivi Minerali Acqua non calorici PRINCIPI NUTRITIVI Proteine Carboidrati Lipidi Principi nutritivi calorici Fibra alimentare Vitamine Minerali Acqua Principi nutritivi non calorici 1 Principi nutritivi acalorici funzione energetica costruttiva

Dettagli

La Nutrizione. I principi nutritivi, gli alimenti

La Nutrizione. I principi nutritivi, gli alimenti La Nutrizione I principi nutritivi, gli alimenti PERCHÈ MANGIAMO? Prima di rispondere alla domanda proviamo a pensare al corpo umano come ad una meravigliosa macchina. Il nostro organismo, proprio come

Dettagli

Integratori Probiotici, Prebiotici e Simbiotici: il Consiglio del Farmacista

Integratori Probiotici, Prebiotici e Simbiotici: il Consiglio del Farmacista Integratori Probiotici, Prebiotici e Simbiotici: il Consiglio del Farmacista Luciana Marinelli Università di Napoli Federico II, Facoltà di Farmacia www.farmacia.unina.it lmarinel@unina.it Il Tratto Gastrointestinale

Dettagli

STOMACO. A livello dello stomaco si verifica un limitato assorbimento di alimenti, soprattutto di acqua, di alcuni sali, di alcool e di alcuni farmaci

STOMACO. A livello dello stomaco si verifica un limitato assorbimento di alimenti, soprattutto di acqua, di alcuni sali, di alcool e di alcuni farmaci STOMACO Nel loro insieme i secreti delle ghiandole formano il succo gastrico, fortemente acido (ph circa 1). Nella mucosa gastrica sono disposte tra le ghiandole cellule mucose, che producono un muco che

Dettagli

Clinical Cornelia Day

Clinical Cornelia Day Clinical Cornelia Day Serena Tursi Dietista DH pediatria Malattie Metaboliche, Dipartimento di Pediatria A.O. San Gerardo di Monza Problematiche fisiologiche : Come, quanto e in che modo? RISCHIO MALNUTRI

Dettagli

1. Omogenizzazione meccanica del cibo 2. Secrezione di elettroliti 3. Secrezione di enzimi digestivi

1. Omogenizzazione meccanica del cibo 2. Secrezione di elettroliti 3. Secrezione di enzimi digestivi La dieta deve contenere, oltre all acqua, combustibile metabolico, proteine per la crescita e il ricambio delle proteine tissutali, fibre per far massa nel lume intestinale, minerali essenziali per specifiche

Dettagli

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Docente: Dr. Luca La Fauci Biologo Nutrizionista & Tecnologo Alimentare Lezione 2 Principi nutritivi, tabelle nutrizionali e corretto regime

Dettagli