Come garantire la continuità operativa delle infrastrutture medico-ospedaliere

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come garantire la continuità operativa delle infrastrutture medico-ospedaliere"

Transcript

1 Come garantire la continuità operativa delle infrastrutture medico-ospedaliere Tecno Community Day Bolzano, 26 Febbraio 2009

2 UPS & OSPEDALI Analisi: Apparecchiature mediche (raggi-x, Scanner, CT, MRI, PET, Ultrasuoni, camere Gamma, Mammografie) Sale operatorie / terapia intensiva: Apparecchiature applicate direttamente al paziente (pompe drenanti, applicazioni elettrocardiache, ECG, monitor ) Data Centres: Servers (standard e Blade) Equipaggiamenti x laboratori e facility management (allarme incendi, luci di emergenza, sale d attesa, impianti di sicurezza) 2

3 Le normative di riferimento: D.M Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione, e l esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private Normativa CEI 64-8 VI Edizione Impianti Elettrici utilizzatori Parte 710: Locali ad uso medico 3

4 Definizione dell impianto di sicurezza: Sistema elettrico inteso a garantire l alimentazione di apparecchi utilizzatori o di parti dell impianto necessari per la sicurezza delle persone. (prelevata dalla norma CEI 64-8) 4

5 Classificazione dell alimentazione di sicurezza nei locali ad uso medico I dispositivi per l alimentazione di sicurezza nei locali ad uso medico vengono suddivisi in 5 classi: Classe 0 (di continuità) Alimentazione automatica disponibile senza interruzioni T=0 Classe 0,15 (ad interruzione brevissima) Alimentazione automatica disponibile in un tempo inferiore o uguale a 0,15 sec. Classe 0,5 (ad interruzione breve) Alimentazione automatica disponibile in un tempo compreso tra 0,15 e 0,5 sec. Classe 15 (ad interruzione media) Alimentazione automatica disponibile in un tempo compreso tra 0,5 e 15 sec. Classe >15 (ad interruzione lunga) Alimentazione automatica disponibile in più di 15 sec. 5

6 Sistemi utenza che devono essere dotati di alimentazione di sicurezza ad interruzione media (0,5sec t 15sec): Elevatori antincendio Impianti idrici antincendio Impianti di diffusione sonora Sistemi di ventilazione per estrazione fumi Elettromedicali non vitali Apparati per i sistemi di gas medicali 6

7 Sistemi utenza essenziali che è opportuno che vengano dotati di alimentazione di sicurezza ad interruzione media ( 0,5sec t 15sec): Apparecchi di sterilizzazione Sistemi di ventilazione Sistemi di smaltimento rifiuti Apparecchi frigoriferi Apparecchi di cottura Carica batterie Ced e locali tecnici di servizio 7

8 Alcuni esempi di classificazione dell alimentazione di sicurezza nei locali ad uso medico Gruppi

9 Contrasti normativi: Regola di prevenzione incendi Sistemi di rilevazione incendi (tempo breve) Illuminazione delle vie di esodo (tempo breve) Sistema di allarme (tempo breve) Norma CEI 64-8 Parte 710 Sistemi di rilevazione incendi (tempo medio) Illuminazione delle vie di esodo (tempo medio) Sistemi di allarme (tempo medio) 9

10 IN PRATICA : In una struttura Ospedaliera è indispensabile garantire la continuità elettrica a: Impianti Speciali (sala server trasmissione dati Ris-Pacs, centralino telefonico, impianto antincendio); Apparecchiature Elettromedicali di notevole potenza (RMN, TAC,Telecomandati, tutta la radiologia problema arresto improvviso tempi di riavvio); Anestesia per il paziente in RADIOLOGIA solo pediatria; Apparecchiature applicate direttamente al paziente (pompe monitor, ecc.); 10

11 In una struttura Ospedaliera è indispensabile garantire la continuità elettrica a (segue): Impianto di condizionamento (solo la parte che riguarda reparto TMO, Camere bianche RMN, TAC sala per riscaldamento, ecc.); Impianto trattamento acqua (solo reparto TMO) centrale idrica sistema di pompaggio; Impianto elettrico (comparto operatorio, TIN, sub intensiva parte del Pronto soccorso); Impianto Gas medicali e Pompe aspirazione. 11

12 L importanza dei circuiti di Sicurezza Un circuito di sicurezza è destinato ad alimentare i servizi che devono continuare a funzionare anche in mancanza dell alimentazione ordinaria Norma CEI 64/8 art un circuito di sicurezza deve essere indipendente dai circuiti ordinari: Protezione con adeguata selettività verticale Posa separata dagli altri circuiti Cavi resistenti al fuoco FTG10(O)M1 0,6/1 KV per posa nello stesso tubo Vincoli architettonici 12

13 Esempio : l Ospedale Pediatrico Meyer 13

14 UPS per esigenze sanitarie Efficienza Autonomie lunghe Ambiente Sicurezza ed affidabilità Prestazioni 14

15 Stato del Neutro

16 Modifica dello stato del neutro L UPS MODIFICA LO STATO DEL NEUTRO? NO, IN NESSUN CASO UPS N N 16

17 Modifica dello stato del neutro Apertura di una protezione onnipolare a monte dell UPS: funzionamento in isola (IT temporaneo) APERTO UPS Id Neutro come da impianto Neutro isolato 17

18 Modifica dello stato del neutro Funzionamento in isola: non sono necessarie le protezioni previste per il sistema IT (CEI 64.8, commento al ) APERTO UPS Id Neutro come da impianto Neutro isolato 18

19 ODIFICA PERMANENTE ELLO STATO DEL NEUTRO Trasformatore isolamento in uscita BYPASS C.S DYN AL CARICO UPS AC/DC AC/DC Disponibile per qualsiasi tipo di UPS 19

20 MODIFICA PERMANENTE DELLO STATO DEL NEUTRO Trasformatore isolamento ingresso ups DYN BYPASS C.S AL CARICO UPS AC/DC AC/DC Disponibile per qualsiasi tipo di UPS Ma in particolare per taglie < 250 kva 20

21 MODIFICA PERMANENTE DELLO STATO DEL NEUTRO Trasformatore isolamento ingresso riserva DYN BYPASS C.S AL CARICO UPS AC/DC AC/DC Disponibile solo per taglie > 250 kva 21

22 Affidabilità: configurazioni di parallelo

23 Parallelo Distribuito INGRESSO RISERVA UPS A BYPASS S.S OUTPUT UPS A MAIN INPUT UPS A UPS A AC/DC DC/AC Carico 100 kva INGRESSO RISERVA UPS B BYPASS S.S MAIN INPUT UPS B OUTPUT UPS B UPS B AC/DC DC/AC Funzionamento normale Funzionamento in emergenza 23

24 Parallelo Distribuito INGRESSO RISERVA UPS A BYPASS S.S OUTPUT UPS A MAIN INPUT UPS A UPS A AC/DC DC/AC Carico 100 kva INGRESSO RISERVA UPS B BYPASS S.S MAIN INPUT UPS B OUTPUT UPS B UPS B AC/DC DC/AC Funzionamento normale Funzionamento in emergenza 24

25 Avanzata tecnologia di parallelo NESSUN singolo punto di guasto NESSUNA architettura master/slave Controllo del parallelo su ogni modulo, assicurando una ridondanza totale Il sistema in parallelo non è influenzato da guasti singoli su un UPS oppure sul bus di comunicazione. UPS 2 UPS 8 UPS 1 Scheda controllo parallelo 25

26 Avanzata tecnologia di parallelo NESSUN singolo punto di guasto Controllo del parallelo su ogni modulo, assicurando una ridondanza totale Il bus di controllo ad anello è a prova di singolo guasto 26

27 New technologies : Lunghe autonomie : Batterie + GE 27

28 CEI EN Prescrizioni di sicurezza per batterie di accumulatori e loro installazioni Parte 2: Batterie stazionarie 28

29 Disposizioni contro i pericoli di esplosione A causa dell elettrolisi dell acqua (vedi Legge di Faraday), durante le fasi di carica, carica in tampone e sovraccarica, tutti gli elementi (esclusi quelli stagni) producono gas: idrogeno e ossigeno. La concentrazione di idrogeno nei luoghi di installazione delle batterie deve essere inferiore al Limite Inferiore di Esplosione (LEL): Concentrazione IDROGENO < 4% 29

30 Disposizioni contro i pericoli di esplosione La portata d aria MINIMA per la ventilazione del luogo di installazione delle batterie deve essere calcolata in questo modo: Q = v q s n I gas C rt 10-3 [m 3 /h] 30

31 Disposizioni contro i pericoli di esplosione Q = v q s n I gas C rt 10-3 [m 3 /h] Dove: Q : flusso d aria di ventilazione minimo [m 3 /h] v : diluizione di idrogeno necessaria (24) q : 0, m 3 /Ah di idrogeno generato s : fattore di sicurezza (5) n : numero di elementi I gas : corrente che produce gas, espressa in ma per Ah di capacità assegnata C rt : capacità C 10 per elementi al piombo o capacità C 5 per elementi al nichel cadmio v q s = 0,05 31

32 Disposizioni contro i pericoli di esplosione La corrente I gas è determinata dalla seguente formula: I gas = I float/boost f g f s [ma / Ah] Dove: I float : corrente di carica in tampone in condizione di carica totale ( a una tensione di carica in tampone definita a 20 C) I boost : corrente di carica rapida in condizione di carica totale (a una tensione di carica rapida definita a 20 C) f g : fattore di emissione del gas f s : fattore di sicurezza 32

33 Disposizioni contro i pericoli di esplosione Elementi aperti di batterie al piombo Elementi VRLA di batterie al piombo Elementi aperti di batterie al nichelcadmio Fattore di emissione di gas (f g ) 1 0,2 1 Fattore di sicurezza (f s ) Corrente di carica in tampone (I float ) [ma/ah] Corrente di carica rapida (I boost ) [ma/ah] I gas (in tampone) [ma/ah] I gas (rapida) [ma/ah]

34 Disposizioni contro i pericoli di esplosione La quantità minima d aria, per evitare pericoli di esplosione deve essere SEMPRE garantita. Ventilazione NATURALE Ventilazione FORZATA 34

35 Disposizioni contro i pericoli di esplosione Ventilazione NATURALE Sia i locali batterie che gli involucri necessitano di un ingresso e di un uscita per il ricambio d aria. La superficie libera minima per tali aperture è data da: A = 28 Q [cm 2 ] (aperture possibilmente su pareti opposte, oppure se sulle stesse pareti ad una distanza minima di 2 m l una dall altra) 35

36 Disposizioni contro i pericoli di esplosione Ventilazione FORZATA Qualora si ricorra alla ventilazione forzata, bisogna soddisfare una delle seguenti condizioni: 1. Caricabatterie interbloccato con il sistema di ventilazione 2. Attivazione di un allarme per assicurare il flusso d aria richiesto in relazione al modo di carica 36

37 Guide Guida preparata, a nome dei Membri EUROBAT, per aumentare la conoscenza, la comprensione e l uso delle batterie al piombo regolate con valvola nell industria. 37

38 Decadimento della vita attesa di una batteria ermetica all aumentare della temperatura secondo la guida EUROBAT 38

39 Gruppi Statici e Gruppi Elettrogeni THD V % 8% 39

40 Distorsione armonica in tensione DISTORSIONE ARMONICA TENSIONE THD V % 8% IMPEDENZA EQUIVALENTE SORGENTE SORGENTE CARICO NON LINEARE 40

41 UPS & POWER QUALITY Un UPS deve garantire continuità nel caso di mancanza rete e fornire un energia pulita e sicura durante le transizioni tra rete e gruppo elettrogeno. Deve cioè funzionare anche come stabilizzatore. 41

42 Prestazioni di input La realizzazione dello stadio di ingresso (convertitore AC/DC) determina: Distorsione armonica totale in corrente in ingresso Ottimizzazione delle prestazioni di ingresso (THDI % e PF in ingresso) Fattore di potenza in ingresso Aumento del rendimento AC/AC (rendimento complessivo in funzionamento a doppia conversione) 42

43 Prestazioni di output Tanto più è lontano dall origine degli assi il diagramma dell UPS, tanto più l UPS non è in grado di alimentare carichi con cosφ di tipo capacitivo P Q Lato capacitivo Lato induttivo 43

44 Carichi induttivi o capacitivi? È lo stesso! P Il diagramma circolare è centrato nell origine degli assi Diagramma circolare Q La prestazione dell UPS è SIMMETRICA (nessun declassamento!) 44

45 Grazie! Ing. Marco Ravaioli Chloride Support & Consulting E

ebook Linee guida sul locale batterie Seguici su:

ebook Linee guida sul locale batterie Seguici su: ebook Linee guida sul Seguici su: Introduzione Le batterie di accumulatori stazionari sono la sorgente di energia di riserva più adeguata per l applicazione nei sistemi statici di continuità e possono

Dettagli

Impianto elettrico in locale ad uso medico

Impianto elettrico in locale ad uso medico Impianto elettrico in locale ad uso medico Studio di Ingegneria Magrini Polloni Marco Tel. 0382-21902 Fax 0382-21902 Via San Carlo 5 27100 Pavia www.mpm1962.altervista.org Alessia94@libero.it Sommario

Dettagli

Impianti elettrici in edifici adibiti ad uso medico

Impianti elettrici in edifici adibiti ad uso medico V.I.T.E.S.A. Impianti elettrici in edifici adibiti ad uso medico Dott. Ing. Pietro Antonio SCARPINO Professore a contratto Università di Firenze e Libero Professionista Un po di storia Decreto del Duce

Dettagli

Le novità della Norma CEI 64-8

Le novità della Norma CEI 64-8 Le novità della Norma CEI 64-8 Giuseppe Bosisio Comitato Elettrotecnico Italiano 1 Le novità della Norma CEI 64-8 -COME CAMBIA - Parte 1- Oggetto, scopo e principi - fondamentali - Parte 2 Definizioni

Dettagli

Sìstema UPS trifase indipendente. PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili

Sìstema UPS trifase indipendente. PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili Sìstema UPS trifase indipendente PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili PowerWave 33: un concentrato di potenza Da sempre ABB rappresenta lo standard globale per le soluzioni di continuità di alimentazione.

Dettagli

UPS. online. 10-100 kva Trifase / Monofase 10-800 kva Trifase / Trifase INTERNET CENTER (ISP/ASP/POP) DISPOSITIVI ELETTROMEDICALI SERVER

UPS. online. 10-100 kva Trifase / Monofase 10-800 kva Trifase / Trifase INTERNET CENTER (ISP/ASP/POP) DISPOSITIVI ELETTROMEDICALI SERVER LIBRA pro UPS online 10-100 kva Trifase / Monofase 10-800 kva Trifase / Trifase LOCAL AREA NETWORKS (LAN) INTERNET CENTER (ISP/ASP/POP) DISPOSITIVI ELETTROMEDICALI SERVER PLC INDUSTRIALI DISPOSITIVI PER

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

INDICE Manuale Volume 2

INDICE Manuale Volume 2 INDICE Manuale Volume 2 Pag. NOTA DEGLI EDITORI PREFAZIONE 1. INTRODUZIONE 1 2. DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2.1 Principali disposizioni legislative 3 2.2 Principali norme tecniche

Dettagli

Trasporti: sicurezza nelle gallerie stradali

Trasporti: sicurezza nelle gallerie stradali Trasporti: sicurezza nelle gallerie stradali Tecno Community Day Bolzano, 26 Febbraio 2009 Soluzioni per la continuità: l UPS Sistemi di sicurezza, antincendio, illuminazione, emergenza Retail Industria

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

da 3 a 200 kva un'alimentazione centralizzata per i vostri sistemi di emergenza CPSS: principali vantaggi

da 3 a 200 kva un'alimentazione centralizzata per i vostri sistemi di emergenza CPSS: principali vantaggi * un'alimentazione centralizzata per i vostri sistemi di emergenza La soluzione per Sistemi di alimentazione centralizzata > Terziario > Industria > Piccole imprese > Musei, ospedali GREEN 025 A GREEN

Dettagli

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Pubblicato il: 26/07/2004 Aggiornato al: 26/07/2004 di Gianluigi Saveri Protezione dalle sovracorrenti, sezionamento per esecuzione

Dettagli

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 Riferimenti normativi: Norma CEI 64-8 Guida CEI 64-50 Prima di effettuare il progetto dell impianto elettrico è necessario acquisire tutte le informazioni relative alla

Dettagli

COMUNICAZIONE DEL 25.05.2015 Sulla base dei quesiti ricorrenti in fase di sopralluogo è stato ritenuto opportuno fornire le informazioni contenute

COMUNICAZIONE DEL 25.05.2015 Sulla base dei quesiti ricorrenti in fase di sopralluogo è stato ritenuto opportuno fornire le informazioni contenute COMUNICAZIONE DEL 25.05.2015 Sulla base dei quesiti ricorrenti in fase di sopralluogo è stato ritenuto opportuno fornire le informazioni contenute nella documentazione allegata, ad integrazione degli elaborati

Dettagli

INSTALLAZIONE DI UPS DI MEDIO-GRANDE POTENZA

INSTALLAZIONE DI UPS DI MEDIO-GRANDE POTENZA Il presente capitolo contiene informazioni generali per il personale addetto all installazione del tipo a connessione permanente. In caso di difformità con le seguenti informazioni, avranno priorità le

Dettagli

In una piccola industria di floricoltura, l impianto elettrico per l alimentazione degli uffici

In una piccola industria di floricoltura, l impianto elettrico per l alimentazione degli uffici Esame di Stato di Istituto Professionale Indirizzo: Tecnico delle industrie elettriche Tema di: Elettrotecnica, Elettronica e Applicazioni Luigi Manzo - Giuseppe Gallo In una piccola industria di floricoltura,

Dettagli

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE La norma CEI 64 8 per impianti elettrici utilizzatori prevede che prima di

Dettagli

Continuità elettrica in un Data Center: Connubio tra sicurezza e contenimento dei costi di esercizio

Continuità elettrica in un Data Center: Connubio tra sicurezza e contenimento dei costi di esercizio Continuità elettrica in un Data Center: Connubio tra sicurezza e contenimento dei costi di esercizio Bolzano - Tecno Community Day - 26 Febbraio 2009 Alessandro Nalbone Continuità elettrica in un Data

Dettagli

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Pubblicato il: 11/07/2004 Aggiornato al: 11/07/2004 di Gianluigi Saveri La qualità dell alimentazione elettrica può essere fonte

Dettagli

Impianti elettrici negli ambienti medici

Impianti elettrici negli ambienti medici Impianti elettrici negli ambienti medici Un po di storia Panorama Legislativo per la realizzazione degli impianti Decreto del Duce e del Fascismo 29/07/1939 Approvazione per le costruzioni ospedaliere

Dettagli

UPS TLE Series 160 800 kva/kw trifase 400Vca

UPS TLE Series 160 800 kva/kw trifase 400Vca GE Critical Power UPS TLE Series 160 800 kva/kw trifase 400Vca L E cie a ass ta ei i i ri e ercat UPS imagination at work Gruppo di continuità GE TLE Series 160-800 kva/kw Il sistema UPS TLE Series è uno

Dettagli

PROCEDURA N 11 UTILIZZO DELLE PRESE ELETTRICHE IN SALA OPERATORIA - Ospedale di Vaio -

PROCEDURA N 11 UTILIZZO DELLE PRESE ELETTRICHE IN SALA OPERATORIA - Ospedale di Vaio - Dipartimento Tecnico e delle Tecnologie Procedura n. 11 per l utilizzo delle prese elettriche in sala operatoria ospedale Vaio Versione:01 PROCEDURA N 11 UTILIZZO DELLE PRESE ELETTRICHE IN SALA OPERATORIA

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

Gruppi di continuità assoluta. Gruppi di soccorso. Luoghi di utilizzo - continuità del servizio -

Gruppi di continuità assoluta. Gruppi di soccorso. Luoghi di utilizzo - continuità del servizio - DIPLOMA A DISTANZA IN INGEGNERIA ELETTRICA CORSO DI ELETTRONICA INDUSTRIALE DI POTENZA II Lezione 30 Gruppi di continuità assoluta (UPS) Docente: Leopoldo Rossetto Dipartimento di Ingegneria Elettrica

Dettagli

Sistemi per la continuità elettrica

Sistemi per la continuità elettrica Sistemi per la continuità elettrica INTRODUZIONE POLARIS Gruppi di continuità On-line Doppia Conversione Trifase 10K-180K La serie UPS POLARIS è del tipo online doppia conversione ad alta frequenza, con

Dettagli

Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione

Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione anno 2016 Programma del Corso Parte 1 - Criteri metodologici (16 ore) Argomenti rif. didattici Sistema elettrico Scheda

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica Sicurezza elettrica: Effetti fisiopatologici della corrente elettrica Effetti della corrente sul corpo umano folgorazione ed arco elettrico - Protezione dai contatti elettrici - Aspetti costruttivi degli

Dettagli

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz Premessa L impianto in questione è relativo ad un progetto per la realizzazione di un campo polivalente coperto e di un immobile adibito a spogliatoio presso la zona PIP. La documentazione di progetto

Dettagli

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1.1 ELENCO DEGLI IMPIANTI Saranno realizzati i seguenti impianti elettrici e speciali: - modifica al quadro generale di distribuzione esistente (QOO1) esistente - alimentazione

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

Strutture alberghiere (Prescrizioni Particolari e Verifiche)

Strutture alberghiere (Prescrizioni Particolari e Verifiche) Prescrizioni particolari Segnaletica di sicurezza o La segnaletica di sicurezza deve rispondere a quanto previsto dalla Norma UNI EN 1838 (cioè dal Dlgs 493/96) sia per quanto concerne le dimensioni sia

Dettagli

ALIMENTATORE serie ALS/1 DCS per LAMPADA SCIALITICA

ALIMENTATORE serie ALS/1 DCS per LAMPADA SCIALITICA Lampade scialitiche Impianti luce di sicurezza Apparecchiature elettromedicali Impianti elettrici riparazione manutenzione installazione ALIMENTATORE serie ALS/1 DCS per LAMPADA SCIALITICA ALS/1 D DESCRIZIONE

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO

IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Individuazione del rischio L individuazione del rischio per il

Dettagli

COMUNE DI GAVARDO (BS)

COMUNE DI GAVARDO (BS) COMUNE DI GAVARDO (BS) Progetto Definitivo IMPIANTO DI COGENERAZIONE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA DA BIOMASSE LEGNOSE doc. N 006_2014 H02 00 DESCRIZIONE FUNZIONALE SETTEMBRE 2014 IL

Dettagli

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura Classe Nome I.T.I.S. Magistri Cumacini Cognome Data ESERCIZIO 1 Un conduttore di un circuito trifase di sezione 4 mm 2 è interessato da una corrente di corto circuito di valore efficace 10 ka per un tempo

Dettagli

Gruppi di continuità. Linea di by-pass. Rete di soccorso. 6/a 12. 6/b

Gruppi di continuità. Linea di by-pass. Rete di soccorso. 6/a 12. 6/b DESCRIZIONE GENERALE UPS SELTEC ST3 Il gruppo di continuità è un sistema di continuità a doppia conversione (con o senza trasformatore d uscita) che lavora eseguendo in modo continuativo la doppia conversione

Dettagli

NOME ENTE 1 : PRESIDIO (SOLO PER LE STRUTTURE PUBBLICHE): INDIRIZZO DEL PRESIDIO: UNITÀ OPERATIVA 2 : DIRETTORE/RESPONSABILE DELL UO:

NOME ENTE 1 : PRESIDIO (SOLO PER LE STRUTTURE PUBBLICHE): INDIRIZZO DEL PRESIDIO: UNITÀ OPERATIVA 2 : DIRETTORE/RESPONSABILE DELL UO: SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE DELLE STRUTTURE CHE EROGANO PRESTAZIONI CONNESSE CON L ATTIVITÀ OPERATORIA -RIANIMAZIONE TERAPIA INTENSIVA- REQUISITI STRUTTURALI, IMPIANTISTICI, TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI NOME

Dettagli

INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE.

INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE. INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE. Inverter DC-AC ad onda sinusoidale pura Da una sorgente in tensione continua (batteria) 12Vdc, 24Vdc o

Dettagli

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria 2 Ottobre 2008, Catania, Marco Ravaioli Norma CEI 11-20 La norma CEI ha per oggetto

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO WHAD. UPS monofase, on line a doppia conversione 1.000 VA, 700 W. 1 di 12

CAPITOLATO TECNICO WHAD. UPS monofase, on line a doppia conversione 1.000 VA, 700 W. 1 di 12 WHAD UPS monofase, on line a doppia conversione 1.000 VA, 700 W 1 di 12 Sommario 1 PRESCRIZIONI GENERALI... 4 1.1 OGGETTO E TIPO DI CONTRATTO.... 4 1.2 CONDIZIONI... 4 2 CARATTERISTICHE GENERALI.... 4

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE IMPIANTI ELETTRICI PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA

REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE IMPIANTI ELETTRICI PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA BB3 / D E REL / 0 1 7 Committente REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO Commessa OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE Progetto IMPIANTI ELETTRICI Fase PROGETTO DEFINITIVO Documento Originale:

Dettagli

UPS MONOFASE DOPPIA CONVERSIONE RACK 19 Rev. 7 SR 5kVA 10kVA

UPS MONOFASE DOPPIA CONVERSIONE RACK 19 Rev. 7 SR 5kVA 10kVA il carico viene trasferito automaticamente, senza soluzione di continuità, sulla rete di soccorso. Quando vengono ripristinate le normali condizioni di funzionamento, il carico è ritrasferito automaticamente

Dettagli

Alimentazione di sicurezza. La disalimentazione elettrica

Alimentazione di sicurezza. La disalimentazione elettrica Pag.1 Alimentazioni di sicurezza Definizioni e classificazione Per alimentazione dei servizi di sicurezza, più brevemente alimentazione di sicurezza, si intende l'alimentazione che ha lo scopo di garantire

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Novità legislative (nuovo conto energia), problematiche tecniche, problematiche di installazione, rapporti con gli Enti ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

Dettagli

ACCESSORI INDICE SHEET TECNICI - ACCESSORI ACCESSORI. UPS ALIMENTATORE STABILIZZATO - Mod. PWS 200/5 PWS200/10 AC030 5

ACCESSORI INDICE SHEET TECNICI - ACCESSORI ACCESSORI. UPS ALIMENTATORE STABILIZZATO - Mod. PWS 200/5 PWS200/10 AC030 5 ACCESSORI INDICE SHEET TECNICI - ACCESSORI ACCESSORI NR. SHEET PAG. PANNELLI RIPETITORI ALLARMI mod. AP/1, AP/2, AP/3 e AP4 AC010 2 LAMPEGGIANTE, SIRENE, BUZZER AC020 4 UPS ALIMENTATORE STABILIZZATO -

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011. Ing. Massimo Rho - Dirigente Responsabile Ss Sicurezza Elettrica Dott. Mauro Baldissin - Tecnico della Prevenzione

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011. Ing. Massimo Rho - Dirigente Responsabile Ss Sicurezza Elettrica Dott. Mauro Baldissin - Tecnico della Prevenzione 1/11 QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 Autori: Ing. Massimo Rho - Dirigente Responsabile Ss Sicurezza Elettrica Dott. Mauro Baldissin - Tecnico della Prevenzione LOCALI AD USO MEDICO GRUPPI STATICI DI CONTINUITÀ

Dettagli

Sistema UPS trifase modulare. Conceptpower DPA 500 100 kw 3 MW UPS modulare, ora fino a 3 MW

Sistema UPS trifase modulare. Conceptpower DPA 500 100 kw 3 MW UPS modulare, ora fino a 3 MW Sistema UPS trifase modulare Conceptpower DPA 500 100 kw 3 MW UPS modulare, ora fino a 3 MW L UPS per chi ha bisogno di operatività senza interruzioni ABB Conceptpower DPA 500 è un sistema UPS ad alta

Dettagli

IA 090 - Sistema di Accumulo Elettrochimico dell Energia Elettrica Ottobre 2015

IA 090 - Sistema di Accumulo Elettrochimico dell Energia Elettrica Ottobre 2015 IA 090 - Sistema di Accumulo Elettrochimico dell Energia Elettrica Ottobre 2015 Riferimenti normativi Riferimenti che riguardano il prelievo e la fornitura di energia elettrica dalle reti MT e BT: CEI

Dettagli

Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia

Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia AZIENDA USL 3 PISTOIA ZONA DISTRETTO VALDINIEVOLE Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE PER LIVELLI DI ASSISTENZA DEL PRESIDIO LAVORI DI SPOSTAMENTO DEL PRONTO

Dettagli

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione)

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive; o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IP2X o IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori

Dettagli

COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO

COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO Direzione Pregettazioni, Manutenzioni, Viabilità, Frana, Protezione Civile e Sicurezza. (Edilizia Scolastica ed Asili Nido) Progetto per l'ampliamento

Dettagli

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Seminario di Ingegneria Clinica 2013 La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Con il Patrocinio di Cagliari, Facoltà di Ingegneria Aula V 14 Giugno 2013 ore

Dettagli

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 Art. 4 VERIFICHE PERIODICHE 4.1 Generalità Per l esecuzione delle verifiche periodiche deve essere resa disponibile la documentazione tecnica relativa all impianto, compresa

Dettagli

9. Introduzione al PQ

9. Introduzione al PQ Corso di Elementi di ingegneria elettrica di potenza Angelo Baggini angelo.baggini@unibg.it 9. Introduzione al PQ Corso di Elettrotecnica NO Introduzione> Power quality? Introduzione> Prodotto - Energia

Dettagli

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Finalità del corso Il corretto allestimento delle cabine di trasformazione MT/BT di utente, anche per

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO

RELAZIONE DI CALCOLO Cabina MT/BT Ex Regina Elena viale Regina Elena n 291 Roma Pag. 1 RELAZIONE DI CALCOLO INTRODUZIONE Oggetto della Relazione di calcolo è la descrizione dei metodi e dei criteri adottati per la progettazione,

Dettagli

Parametri di dimensionamento SENFC

Parametri di dimensionamento SENFC Parametri di dimensionamento SENFC Determinato il gruppo di dimensionamento, è possibile calcolare la Superficie Utile Efficace (SUT), cioè la somma delle superfici utili di apertura degli evacuatori naturali

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO (Decreto n. 37 del 22 Gennaio 2008) Pagina 1 di 9 INDICE 1. OGGETTO...3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 3. DESCRIZIONE LAVORO....4 3.1.ALIMENTAZIONE IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE

Dettagli

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA' PER L'AUTORIZZAZIONE 1 BLOCCO OPERATORIO - REQUITI STRUTTURALI RPER01.AU.1.1 Le sale operatorie sono di dimensione adeguata alla tipologia e al

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

Sistema UPS trifase indipendente dal rack. DPA UPScale RI 10 80 kw L UPS modulare per soluzioni personalizzate

Sistema UPS trifase indipendente dal rack. DPA UPScale RI 10 80 kw L UPS modulare per soluzioni personalizzate Sistema UPS trifase indipendente dal rack DPA UPScale RI 10 80 kw L UPS modulare per soluzioni personalizzate DPA UPScale RI l UPS individuale DPA UPScale RI (rack-independent) indipendente dal rack, è

Dettagli

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia 1. PREMESSA Nella presente relazione sono illustrati i criteri di scelta delle soluzioni progettuali adottate, in relazione alla classificazione dei luoghi ed in ottemperanza alle norme tecniche di riferimento.

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI STAND-ALONE DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI STAND-ALONE DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw ALLEGATO A2 SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI STAND-ALONE DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di fornire

Dettagli

Manuale Utente Leonardo Inverter 1500. Western Co. Leonardo Inverter

Manuale Utente Leonardo Inverter 1500. Western Co. Leonardo Inverter Western Co. Leonardo Inverter 1 Leonardo Inverter 1500 Inverter ad onda sinusoidale pura Potenza continua 1500W Potenza di picco 2250W per 10sec. Tensione di Output: 230V 50Hz Distorsione Armonica

Dettagli

SPECIFICA N : 01_21042011 TITOLO: SPECIFICA TECNICA GRUPPO STATICO DI CONTINUITA 100-120kVA (3/3) 00 Emessa per richiesta di offerta G.C.

SPECIFICA N : 01_21042011 TITOLO: SPECIFICA TECNICA GRUPPO STATICO DI CONTINUITA 100-120kVA (3/3) 00 Emessa per richiesta di offerta G.C. Dipartimento Patrimonio e Innovazione Tecnologica Milano, 21-04-2011 Struttura Complessa: Edile ed Impianti Piazza Ospedale Maggiore, 3, 20162 Direttore: Dr. Giuseppe Lorenzon Segreteria tel: 02 6444.

Dettagli

Impianti sportivi (Norme di Installazione)

Impianti sportivi (Norme di Installazione) Norme di installazione (le disposizioni indicate si riferiscono ad un impianto sportivo classificato come locale di pubblico spettacolo; se così non fosse, seguire le indicazioni per un impianto ordinario)

Dettagli

Rete esterna dell ente distributore

Rete esterna dell ente distributore Rete esterna dell ente distributore Power Quality La crescente diffusione dell elettronica ha determinato la necessità della continuità di funzionamento di molti processi e della qualità della tensione

Dettagli

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate Stabilizzazione della frequenza e della tensione nelle reti elettriche isolate SOMMARIO 1 Introduzione... 3 2 I requisiti fondamentali di una rete stabile isolata... 3 3 I requisiti dei sistemi di stabilizzazione

Dettagli

Ogni batteria genera, come descritto dalla normativa vigente CEI EN 50272-3 class. 21-42, un flusso di

Ogni batteria genera, come descritto dalla normativa vigente CEI EN 50272-3 class. 21-42, un flusso di SALA RICARICA Ogni batteria genera, come descritto dalla normativa vigente CEI EN 50272-3 class. 21-42, un flusso di idrogeno pari a : H Prodotto=0,42*n*Igas*Cn/100000 [m3/h] (1) Ove: H prodotto= Volume

Dettagli

REGISTRATORI DI CASSA

REGISTRATORI DI CASSA Local Area Networks (LAN) ServerS Data Centers REGISTRATORI DI CASSA DISPOSITIVI PER TELECO- MUNICAZIONI e-business (Servers Farms, ISP/ASP/POP) PLC IndustriaLI DISPOSITIVI ELETTRO- MEDICALI DISPOSITIVI

Dettagli

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni UNI 5104 Impianti di condizionamento dell'aria - norme per l'ordinazione, l'offerta e il collaudo. UNI

Dettagli

LP 33 Series UPS. Digital Energy. GE Digital Energy. imagination at work

LP 33 Series UPS. Digital Energy. GE Digital Energy. imagination at work GE Digital Energy Digital Energy LP 33 Series UPS 40/60/80/100/120 kva 400 V trifase Raddrizzatore Active IGBT & Raddrizzatore Active IGBT e Clean Input Module Gruppi di Continuità Statici (UPS) imagination

Dettagli

Caratteristiche Infrastrutturali del sito di DR

Caratteristiche Infrastrutturali del sito di DR Allegato 1 alle Modalità presentazione domanda partecipazione Gara procedura ristretta n. 1/2010 (servizio disaster recovery) Caratteristiche Infrastrutturali del sito di DR Il presente allegato elenca

Dettagli

QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI

QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI GENERALITA': Il quadro elettrico oggetto della presente specifica è destinato al comando e al controllo di gruppo elettrogeni automatici

Dettagli

Impianti di rilevamento fumi (Norme di installazione)

Impianti di rilevamento fumi (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti e indiretti: La protezione contro i contatti diretti ed indiretti degli apparecchi elettrici ed elettronici presenti nell impianto e dei rispettivi

Dettagli

i NOSTRI NUMERI VERDE Indirizzi e-mail: accademia@beghelli.it progetti@beghelli.it renato.frongillo@beghelli.it cell. 348 7130449

i NOSTRI NUMERI VERDE Indirizzi e-mail: accademia@beghelli.it progetti@beghelli.it renato.frongillo@beghelli.it cell. 348 7130449 i NOSTRI NUMERI VERDE Indirizzi e-mail: accademia@beghelli.it progetti@beghelli.it renato.frongillo@beghelli.it cell. 348 7130449 Catalogo STELLA POLARE LED Illuminazione/Emergenza ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA

Dettagli

Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI

Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI Ing. Claudio Noro libero professionista - Vicenza 1

Dettagli

SISTEMI DI ALIMENTAZIONE DI EMERGENZA

SISTEMI DI ALIMENTAZIONE DI EMERGENZA SSM D LMNZON D MGNZ Un sistema di alimentazione di emergenza è un sistema elettrico in grado di alimentare, per un periodo di tempo più o meno lungo, un certo numero di utenze in caso venga a mancare l

Dettagli

Investire. in professionalità

Investire. in professionalità Investire in professionalità 2016 Presentazione I corsi TuttoNormel costituiscono una pausa di riflessione e di studio sulla normativa elettrica, rivolti a quanti hanno I obbligo giuridico di valutare

Dettagli

La sicurezza elettrica nelle location di eventi. La sicurezza elettrica I requisiti delle location, la fase di cantiere e la fase di evento.

La sicurezza elettrica nelle location di eventi. La sicurezza elettrica I requisiti delle location, la fase di cantiere e la fase di evento. La sicurezza elettrica I requisiti delle location, la fase di cantiere e la fase di evento. Requisiti location Decreto Interministeriale del 22 luglio 2014 Sicurezza nel Montaggio/Smontaggio Palchi Requisiti

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO File: Relazione tecnica Data 11-11-2009 1 INDICE RELAZIONE DI CALCOLO E CRITERI DI DIMENSIONAMENTO... 3 CRITERI DI PROGETTO... 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

PROTECNO ENGINEERING SRL

PROTECNO ENGINEERING SRL Periodo della prestazione 1999 Committente ULSS n 4 Alto Vicentino Thiene (Vi) Titolo dell opera Costruzione di 2 RSA ad indirizzo riabilitativo mentale perl ULSS n 4 Alto vicentino Categoria di lavori

Dettagli

IE 080 Uffici Novembre 2015

IE 080 Uffici Novembre 2015 IE 080 Uffici Novembre 2015 L impianto elettrico negli uffici deve essere molto flessibile al fine di consentire l allacciamento di nuovi utilizzatori o servire nuovi impianti. La flessibilità dipende

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

Impianti elettrici ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA

Impianti elettrici ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA Impianti elettrici All. E ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA CABINE DI TRASFORMAZIONE Verifiche e controlli almeno semestrale con annotazione sull apposito registro specifico

Dettagli

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa DESCRIZIONE DELL OPERA La presente relazione si riferisce alla realizzazione di

Dettagli

Progettazione Tecnologica e Impianti IMPIANTI TECNICI. corso di laurea specialistica in Scienze dell Architettura

Progettazione Tecnologica e Impianti IMPIANTI TECNICI. corso di laurea specialistica in Scienze dell Architettura Progettazione Tecnologica e Impianti IMPIANTI TECNICI corso di laurea specialistica in Scienze dell Architettura Firenze, A.A. 2005/2006 Ing.Gabriele Raffellini Pagina web http://web.taed.unifi.it/fisica_tecnica/gabriele/gabriele.htm

Dettagli

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti 2/31 3/31 4/31 In questa fase vengono effettuate le

Dettagli

Ventilazione del locale di carica carrelli elevatori

Ventilazione del locale di carica carrelli elevatori Ventilazione del locale di carica carrelli elevatori In ambito industriale è ormai consolidato l uso di carrelli elevatori elettrici. Queste macchine sono corredate di un gruppo batterie ricaricabili che

Dettagli

Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici

Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici Prescrizioni di prevenzione incendi per attività ove sono installati pannelli fotovoltaici 1 CONTENUTI DELLA GUIDA PREMESSA CAMPO DI APPLICAZIONE REQUISITI TECNICI CARATTERISTICHE DOCUMENTAZIONE VERIFICHE

Dettagli

(Uninterruptible Power Supply, UPS hanno bisogno di una continuità di alimentazione con un certo ritardo

(Uninterruptible Power Supply, UPS hanno bisogno di una continuità di alimentazione con un certo ritardo I gruppi di continuità (Uninterruptible Power Supply, UPS) vengono utilizzati per alimentare utenze che hanno bisogno di una continuità di alimentazione, cioè quelle utenze che devono essere alimentate

Dettagli

distribuzione e vendita E - POWER SISTEMI PER L EFFICIENZA E IL RISPARMIO ENERGETICO

distribuzione e vendita E - POWER SISTEMI PER L EFFICIENZA E IL RISPARMIO ENERGETICO distribuzione e vendita E - POWER SISTEMI PER L EFFICIENZA E IL RISPARMIO ENERGETICO E - POWER APPARECCHIATURA A TRASFORMAZIONE ELETTROMAGNETICA CON CONTROLLO DI ARMONICA CONSENTE RISPARMI ENERGETICI SUL

Dettagli

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica G. Simioli Torna al programma Indice degli argomenti Considerazioni introduttive Quadro normativo - Norma CEI 11-20 Isola indesiderata - Prove

Dettagli

Prysmian Cavi e Sistemi Energia Italia Prysmian Cavi e Sistemi nel mondo Fatturato 3.750.000.000. 5 continenti 21 paesi 52 industrie 12.000 dipendenti Pag.1 Prysmian Cavi e Sistemi Energia Italia Prysmian

Dettagli

25 26 giugno 2014. Dott Ing Anna Bruno. Dott. Ing. Anna Bruno Amministratore Delegato ATME spa

25 26 giugno 2014. Dott Ing Anna Bruno. Dott. Ing. Anna Bruno Amministratore Delegato ATME spa SISTEMI UPS DINAMICI E LORO INTEGRAZIONE NELLA CONTINUITÀ Dott Ing Anna Bruno Amministratore Delegato ATME spa CAMPI DI APPLICAZIONE dove serve continuità e qualità dell alimentazione elettrica Finanza

Dettagli

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista In genere si ricorre a forniture monofase nei cantieri di limitata potenza e gli scaglioni sono 1,5; 3; 4,5; 6 KW, mentre per cantieri più grandi si usano delle forniture trifase con potenze pari a 6;

Dettagli

Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT

Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica Regola tecnica di connessione BT Norma CEI 0-21:

Dettagli

UPS: GRUPPO DI CONTINUITÀ STATICO

UPS: GRUPPO DI CONTINUITÀ STATICO UN COMPONENTE ESSENZIALE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI UPS: GRUPPO DI CONTINUITÀ STATICO DEVE ESSERE CORRETTAMENTE SCELTO E INSERITO NELL IMPIANTO Gruppo statico. Questo articolo è tratto dalla relazione che

Dettagli