NUOVO PROGETTO INNOVATIVO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUOVO PROGETTO INNOVATIVO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI"

Transcript

1 NUOVO PROGETTO INNOVATIVO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI

2 La storia ANDAMENTO RACCOLTA DIFFERENZIATA ANNI Media di Bacino 33,0% 31,0% 31,9% 30,9% 29,0% 27,0% 25,0% 23,0% 21,0% 29,1% 28,2% 19,0% 17,0% 16,7% 17,9% 19,4% 15,0%

3 La scelta del Pinerolese Raccolta per Eco-Punti Dislocazione dell intera batteria di cassonetti, di grande volumetria, presso un unico sito Drastica diminuzione di contenitori per l indifferenziato Aumento e razionalizzazione dei contenitori per la differenziata con sistema di georeferenziazione. Assegnazione di ogni Eco-Punto ad un numero preciso e limitato di utenze

4 Il ruolo centrale del compostaggio IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO OLTRE COMPOSTIERE CONSEGNATE SUL TERRITORIO SU CIRCA UTENZE

5 Il servizio oggi Eco-Punti Servizio di raccolta stradale di prossimità per le frazioni: umido, carta, vetro, imballaggi in plastica e metalli, indifferenziato. Porta a porta utenze non domestiche Nei Comuni con centri commerciali rilevanti, è attiva la raccolta porta a porta per utenze non domestiche, relativamente alle frazioni: imballaggi in cartone, vetro e umido. Ecoisole A completamento ed integrazione del servizio stradale, ACEA dispone di 16 Centri di Raccolta, conosciuti sul territorio come Ecoisole.

6 Utenze non domestiche In presenza di centri urbani rilevanti, i flussi provenienti dalle UTENZE NON DOMESTICHE vengono intercettati tramite SISTEMI DOMICILIARI per: IMBALLAGGI CELLUSOSICI tramite punti a terra, localizzati presso la sede dell utenza VETRO tramite cassonetti carrellati da 240 litri

7 Utenze non domestiche UMIDO tramite cassonetti carrellati da 240 litri RACCOLTA CARTA UFFICI con contenitori di piccole dimensioni, dislocati presso la sede dell utenza IMBALLAGGI IN PLASTICA E METALLI tramite sacchi di grande volumetria, dislocati presso la sede dell utenza. I SERVIZI NON SONO ATTIVI IN TUTTI I COMUNI.

8 Le Ecoisole I centri di raccolta per i rifiuti urbani sono conosciuti sul territorio con il nome di Ecoisole. 16 le Ecoisole attualmente attive nel Pinerolese 47 i Comuni serviti, di cui 16 Comuni ospiti oltre gli abitanti serviti e circa imprese oltre le tonnellate di rifiuti raccolti in Ecoisola in media ogni anno oltre 25 le frazioni di rifiuto raccolte

9 I risultati del progetto Andamento raccolta differenziata anni % 55% 50% 45% 40% 35% 30% 25% 20% estate del 2006: avvio sperimentale degli Eco-Punti % RD

10 I risultati del progetto Andamento produzione rifiuti indifferenziati anni % 55% 50% 45% 40% 35% 30% 25% 20% estate del 2006: avvio sperimentale degli Eco-Punti RU

11 I risultati del progetto Rapporto andamento raccolta differenziata/rifiuti indifferenziati anni % 55% 50% 45% 40% 35% 30% 25% 20% estate del 2006: avvio sperimentale degli Eco-Punti % RD RU miglioramento prestazione ambientale

12 La situazione attuale Nell ultimo quinquennio si riscontra una staticità della percentuale di raccolta differenziata, la cui tendenza è in diminuzione.

13 Obiettivi Regione Piemonte Con Deliberazione del Consiglio regionale 19 aprile 2016, n , è stato approvato il nuovo Piano di Gestione dei Rifiuti Urbani, che stabilisce i seguenti obiettivi: Obiettivo 2020 RT pro capite 455 kg RU pro capite 159 kg RD (per ATO) 65% Tasso riciclaggio 55% Pinerolese kg 225 kg 50% =

14 Obiettivi e prospettive del nuovo progetto Raggiungere gli obiettivi individuati dalla normativa regionale. Possibilità di futura implementazione della tariffazione puntuale.

15 Progetto sperimentale di Villafranca P.te 1 Introduzione di un sistema di controllo volumetrico dei conferimenti del rifiuto indifferenziato, tramite calotta apribile con tessera elettronica. Possono utilizzare i cassonetti esclusivamente gli utenti dotati della tessera. Attivazione della raccolta porta a porta della frazione organica. Sistema di controllo tramite tag associato univocamente all utenza: ogni svuotamento viene registrato. 2 TUTTE LE UTENZE DEL TERRITORIO UTENZE DOMESTICHE PRIVE DI GIARDINO UTENZE N.D. CON BASSA PRODUZIONE

16 Progetto sperimentale di Villafranca P.te Le utenze dotate di spazio verde (circa 800) sono tenute ad effettuare il compostaggio domestico. È stato istituito un «Albo dei compostatori» 3 UTENZE DOMESTICHE CON GIARDINO Indagine volumetrica presso le utenze non domestiche per valutare il dimensionamento dell attuale servizio e variarlo in funzione dei risultati. 4 UTENZE NON DOMESTICHE

17 I risultati Confronto con obiettivi del Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti Urbani RU pro capite Obiettivo kg RD (per ATO) 65% Villafranca ante progetto 187 kg 54% Villafranca dopo progetto 74 kg 78,3% MEDIA 1 SEMESTRE 2018: 80,5% Media 3 mesi precedenti Media primo semestre attivazione I DATI NON INCLUDONO I RIFIUTI ASSIMILATI GESTITI DIRETTAMENTE DAL PRODUTTORE

18 Estensione del progetto In virtù degli ottimi risultati conseguiti dalla sperimentazione, con Deliberazione dell Assemblea Consorziale n. 4 del 20/03/18, Il Consorzio Acea Pinerolese ovvero l organo di indirizzo rappresentativo dei Comuni ha stabilito la progressiva estensione del progetto al territorio Pinerolese. Tale atto prevede: ESTENSIONE DEL SERVIZIO NEL TRIENNIO AI COMUNI DEL PINEROLESE, SECONDO CRITERI E MODALITÀ CHE POTRANNO DIFFERIRE IN FUNZIONE DELLE CARATTERISTICHE DEL TERRITORIO. AVVIO DEL SERVIZIO NELL ANNO 2018 NEI COMUNI DI: NONE E VIGONE CON INNOVAZIONE TECNOLOGICA SULLA RACCOLTA DELLA FRAZIONE ORGANICA.

19 Il nuovo servizio - indifferenziato 1 Introduzione di un sistema di controllo volumetrico dei conferimenti del rifiuto indifferenziato, tramite calotta apribile con tessera elettronica. Possono utilizzare i cassonetti esclusivamente gli utenti dotati della tessera. TUTTE LE UTENZE DEL TERRITORIO

20 Il nuovo servizio - organico 2 Introduzione di un sistema di controllo volumetrico dei conferimenti del rifiuto organico, tramite calotta apribile con tessera elettronica. Il cassonetto dell umido viene aperto con la stessa tessera utilizzata per l indifferenziato. UTENZE DOMESTICHE PRIVE DI GIARDINO UTENZE N.D. CON BASSA PRODUZIONE

21 Il nuovo servizio Le utenze dotate di spazio verde sono tenute ad effettuare il compostaggio domestico. Per tale pratica è riconosciuta una riduzione sulla TARI. È stato istituito un «Albo dei compostatori» 3 UTENZE DOMESTICHE CON GIARDINO Indagine volumetrica presso le utenze non domestiche per valutare il dimensionamento dell attuale servizio e variarlo in funzione dei risultati. 4 UTENZE NON DOMESTICHE

22 Utilizzo cassonetti organico e indifferenziato

23

SISTEMI DI RACCOLTA A CONFRONTO. La case history del Pinerolese

SISTEMI DI RACCOLTA A CONFRONTO. La case history del Pinerolese SISTEMI DI RACCOLTA A CONFRONTO La case history del Pinerolese Sala Consiliare della Provincia di Rieti, 24 ottobre 2017 Programma Parte I I Rifiuti Solidi Urbani inquadramento e organi competenti Obiettivi

Dettagli

Progetto di riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti urbani nel Comune di Castel San Pietro Terme. 13 novembre 2017

Progetto di riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti urbani nel Comune di Castel San Pietro Terme. 13 novembre 2017 Progetto di riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti urbani nel Comune di Castel San Pietro Terme 13 novembre 2017 La raccolta differenziata nel Comune di Castel San Pietro Terme Nel 2016 nel Comune

Dettagli

Walter Giacetti Responsabile R&S ETRA spa 19 maggio 2017

Walter Giacetti Responsabile R&S ETRA spa 19 maggio 2017 Walter Giacetti Responsabile R&S ETRA spa w.giacetti@etraspa.it 19 maggio 2017 Il territorio Dati sul territorio Etra popolazione residente 601.833 superficie km² 1.709 densità abitanti/km² 352 numero

Dettagli

I RIFIUTI IN VENETO: alcune cifre

I RIFIUTI IN VENETO: alcune cifre I RIFIUTI IN VENETO: alcune cifre Anno 29 Convegno Produrre meno rifiuti: esperienze a confronto 25 novembre 21 - Treviso PRODUZIONE RIFIUTI URBANI ITALIA VENETO VENETO Indice Unità di misura 28 28 29

Dettagli

I numeri delle eccellenze nella raccolta differenziata e nel ciclo integrato dei rifiuti in Provincia di Treviso

I numeri delle eccellenze nella raccolta differenziata e nel ciclo integrato dei rifiuti in Provincia di Treviso I numeri delle eccellenze nella raccolta differenziata e nel ciclo integrato dei rifiuti in Provincia di Treviso Relatori: Stefano Riedi, Elisa Bagolin Consorzio servizi di Igiene del Territorio Autorità

Dettagli

Roma, 27 maggio 2015. Comune di. Mar-gnacco. Sostenibilità ambientale ed innovazione: L esperienza del. Comune di. Martignacco (Udine)

Roma, 27 maggio 2015. Comune di. Mar-gnacco. Sostenibilità ambientale ed innovazione: L esperienza del. Comune di. Martignacco (Udine) Roma, 27 maggio 2015 Comune di Mar-gnacco Sostenibilità ambientale ed innovazione: L esperienza del Comune di Martignacco (Udine) Comune di Martignacco Ø 7.000 abitanti circa nell hinterland della Città

Dettagli

ASCIT SpA Igiene Ambientale. A MARLIA e LAMMARI passiamo al. porta-a-porta. Settembre 2005

ASCIT SpA Igiene Ambientale. A MARLIA e LAMMARI passiamo al. porta-a-porta. Settembre 2005 ASCIT SpA Igiene Ambientale A MARLIA e LAMMARI passiamo al porta-a-porta! ASCIT SpA e la gestione rifiuti ASCIT SpA è azienda responsabile del servizio di igiene urbana per il Comune di Capannori ed altri

Dettagli

Prevenzione Preparazione per il riutilizzo Riciclaggio (recupero di materia) Recupero altro tipo (recupero di energia) Smaltimento

Prevenzione Preparazione per il riutilizzo Riciclaggio (recupero di materia) Recupero altro tipo (recupero di energia) Smaltimento Prevenzione Preparazione per il riutilizzo Riciclaggio (recupero di materia) Recupero altro tipo (recupero di energia) Smaltimento PRINCIPALI ELEMENTI PER LA BUONA GESTIONE 1) Riduzione produzione rifiuto

Dettagli

Progetto di riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti urbani nel Comune di Imola

Progetto di riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti urbani nel Comune di Imola Progetto di riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti urbani nel Comune di Imola Imola, 17 maggio 2016 Città di Imola La raccolta differenziata nel Comune di Imola Nel 2015 nel Comune di Imola il

Dettagli

AI SENSI DELL ACCORDO QUADRO PRELIMINARE TRA IREN E CITTÀ DI TORINO

AI SENSI DELL ACCORDO QUADRO PRELIMINARE TRA IREN E CITTÀ DI TORINO 24 aprile 2018 1 AI SENSI DELL ACCORDO QUADRO PRELIMINARE TRA IREN E CITTÀ DI TORINO 2 MAPPA DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A TORINO Abitanti: AREE RACCOLTA DOMICILIARE 481.010 AREE IN IPOTESI PER FUTURE

Dettagli

Progetto di riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti urbani nel Comune di Castel San Pietro Terme. Assemblee Zone Industriali

Progetto di riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti urbani nel Comune di Castel San Pietro Terme. Assemblee Zone Industriali Progetto di riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti urbani nel Comune di Castel San Pietro Terme Assemblee Zone Industriali Raccolta differenziata 2016 nel Comune di Castel San Pietro Terme al

Dettagli

Bocciofila Castel San Pietro Terme, Viale Terme 740 ore 20:30. Bocciofila Osteria Grande, Viale Broccoli 60 ore 18:00 e ore 20:30

Bocciofila Castel San Pietro Terme, Viale Terme 740 ore 20:30. Bocciofila Osteria Grande, Viale Broccoli 60 ore 18:00 e ore 20:30 Assemblee Pubbliche a Castel San Pietro Terme Lunedì 4 dicembre Bocciofila Castel san Pietro Terme, Viale Terme 740 ore 18:00 e ore 20:30 Martedì 5 dicembre Bocciofila Osteria Grande, Viale Broccoli 60

Dettagli

PIANO FINANZIARIO A N N O

PIANO FINANZIARIO A N N O ALL. B TARI PIANO FINANZIARIO A N N O 2 0 1 8 Comune di Dogna Redatto ai sensi dell e art. 8 del DPR 27/04/99 n. 158 in applicazione della L. 27/12/2013 n. 147 Indice Premessa 1. Gli obiettivi di fondo

Dettagli

Simulazione degli effetti dell adozione della tariffazione puntuale dei rifiuti urbani in alcuni Comuni del Consorzio.

Simulazione degli effetti dell adozione della tariffazione puntuale dei rifiuti urbani in alcuni Comuni del Consorzio. Simulazione degli effetti dell adozione della tariffazione puntuale dei rifiuti urbani in alcuni Comuni del Consorzio Dicembre 2016 Obiettivo del lavoro valutare gli effetti ambientali ed economici dell

Dettagli

2. Opere connesse alla realizzazione o ampliamento di isole ecologiche comunali comprese in sistemi organizzati di raccolta differenzia

2. Opere connesse alla realizzazione o ampliamento di isole ecologiche comunali comprese in sistemi organizzati di raccolta differenzia DGR 1090 del 15 dicembre 2017 Programmazione risorse anno 2017 destinate al finanziamento di programmi definiti dai Comuni per lo sviluppo della raccolta differenziata dei rifiuti ed altre azioni previste

Dettagli

Sperimentazione del sistema di conferimento a controllo volumetrico a calotte. Ottobre 2010

Sperimentazione del sistema di conferimento a controllo volumetrico a calotte. Ottobre 2010 Sperimentazione del sistema di conferimento a controllo volumetrico a calotte. Ottobre 2010 Su richiesta dell Autorità d ambito Toscana Centro, è stata presentata l offerta di sperimentazione del nuovo

Dettagli

Il Piano regionale Rifiuti della Regione Emilia-Romagna

Il Piano regionale Rifiuti della Regione Emilia-Romagna Il Piano regionale Rifiuti della Regione Emilia-Romagna Sabrina Freda Assessore Ambiente, Riqualificazione urbana 1 Il Sistema Emilia-Romagna: demografia regionale 2 A partire dalla metà degli anni novanta

Dettagli

NUOVA MODALITA DI RACCOLTA RIFIUTI CALDOGNO 2019

NUOVA MODALITA DI RACCOLTA RIFIUTI CALDOGNO 2019 NUOVA MODALITA DI RACCOLTA RIFIUTI CALDOGNO 2019 1 INDICE Introduzione Soraris si presenta Il nuovo sistema di raccolta rifiuti La tariffa Domande 2 SOCIETA PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI 17

Dettagli

Burc n. 87 del 14 Settembre 2017

Burc n. 87 del 14 Settembre 2017 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014-2020 FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE FONDO SOCIALE EUROPEO PROGRAMMA DI AZIONE E COESIONE COMPLEMENTARE

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA: I MODELLI VINCENTI

RACCOLTA DIFFERENZIATA: I MODELLI VINCENTI RACCOLTA DIFFERENZIATA: I MODELLI VINCENTI come rendere più efficiente la gestione dei rifiuti Bergamo, 10 maggio 00 Modello organizzativo provinciale e proposte per le aree turistiche Relatore: dott.ssa

Dettagli

Comune di Cuneo Raccolta differenziata porta a porta. Amministratori di condominio. Febbraio 2014

Comune di Cuneo Raccolta differenziata porta a porta. Amministratori di condominio. Febbraio 2014 Comune di Cuneo Raccolta differenziata porta a porta Amministratori di condominio Febbraio 2014 PERCHÉ FARE LA RACCOLTA DEI RIFIUTI PORTA A PORTA? LEGGI DI RIFERIMENTO: EUROPA - ITALIA PIEMONTE EUROPA:

Dettagli

COMUNE DI BASTIGLIA. Il nuovo servizio di raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI BASTIGLIA. Il nuovo servizio di raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI BASTIGLIA Il nuovo servizio di raccolta differenziata dei rifiuti urbani 1 Per misurare i volumi di indifferenziato conferiti da ogni utenza le dotazioni funzionano come «contatori» TUTTE LE

Dettagli

CER IMBALLAGGI IN CARTONE R.P.P. 2013

CER IMBALLAGGI IN CARTONE R.P.P. 2013 Kg Kg RACCOLTA DIFFERENZIATA 213 percentuale frazioni percentuale raccolta CODICE TOTALE differenziate differenziata primo semestre 213 secondo semestre 213 CER 1511 IMBALLAGGI IN CARTONE R.P.P. 4.7 51.6

Dettagli

Un bilancio sulla gestione dei rifiuti in Emilia-Romagna

Un bilancio sulla gestione dei rifiuti in Emilia-Romagna Un bilancio sulla gestione dei rifiuti in Emilia-Romagna I principi della Direttiva 2008/98/CE e la sua attuazione. - La prevenzione; - L effettivo recupero; - La progressiva riduzione dello smaltimento.

Dettagli

"COSA CAMBIA CON IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA?

COSA CAMBIA CON IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA? Autorità di sub-ato D Evançon - Mont Cervin FAQ "PERCHE UN NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA? Il nuovo servizio di raccolta e progettato per permettere l associazione di ogni rifiuto all utente

Dettagli

Progetto di sviluppo delle raccolte differenziate a Genova. Genova, 15 marzo 2016

Progetto di sviluppo delle raccolte differenziate a Genova. Genova, 15 marzo 2016 Progetto di sviluppo delle raccolte differenziate a Genova Genova, 15 marzo 2016 Genova nel 2015 è al 37% di raccolta differenziata La normativa europea, la legge italiana, le linee di indirizzo della

Dettagli

La raccolta dei rifiuti nel Piano regionale di gestione dei. rifiuti urbani

La raccolta dei rifiuti nel Piano regionale di gestione dei. rifiuti urbani La raccolta dei rifiuti nel Piano regionale di gestione dei rifiuti urbani Deliberazione Giunta regionale n. 69/15 del 23.12.2016 Cagliari, 21 Settembre 2017 Salvatore Pinna Gerarchia dei rifiuti Elemento

Dettagli

risultati e prospettive

risultati e prospettive La Raccolta DA RIFIUTO Differenziata A RISORSA: a Roma: risultati e prospettive il nuovo modello di raccolta di Roma Capitale Ecomondo, Roma, 5 novembre 9 marzo 2014 2012 Ing. Giovanni Fiscon Direttore

Dettagli

Piano di Azione. Interventi per il miglioramento del servizio di Raccolta Differenziata in Calabria ALLEGATO B FORMULARIO DI PROGETTO

Piano di Azione. Interventi per il miglioramento del servizio di Raccolta Differenziata in Calabria ALLEGATO B FORMULARIO DI PROGETTO UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014-2020 FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE FONDO SOCIALE EUROPEO PROGRAMMA DI AZIONE E COESIONE COMPLEMENTARE

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA IPOTESI SVILUPPO SERVIZI DI RACCOLTA DOMICILIARE. Ottobre 2016

COMUNE DI REGGIO EMILIA IPOTESI SVILUPPO SERVIZI DI RACCOLTA DOMICILIARE. Ottobre 2016 COMUNE DI REGGIO EMILIA IPOTESI SVILUPPO SERVIZI DI RACCOLTA DOMICILIARE Ottobre 2016 1 INDICE Quadro attuale Piano di sviluppo Primo stralcio 2 QUADRO ATTUALE IL MODELLO REGGIO EMILIA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

Dettagli

COMUNE DI CERES RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TASSA RIFIUTI ANNO 2015

COMUNE DI CERES RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TASSA RIFIUTI ANNO 2015 COMUNE DI CERES RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TASSA RIFIUTI ANNO 2015 INDICE Premessa 1. Gli obiettivi di fondo dell Amministrazione Comunale 1.1 Obiettivi di gestione urbana 1.2 Obiettivi di riduzione

Dettagli

Progetto di riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti nell area entromura della città di Ferrara

Progetto di riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti nell area entromura della città di Ferrara Progetto di riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti nell area entromura della città di Ferrara Conferenza stampa di presentazione del progetto FERRARA, 26 Aprile 2012 1 Inquadramento del progetto

Dettagli

PROGETTO PIU DIFFERENZIO MENO SPENDO

PROGETTO PIU DIFFERENZIO MENO SPENDO PROGETTO PIU DIFFERENZIO MENO SPENDO PROGETTO SPERIMENTALE SISTEMA INNOVATIVO RACCOLTA DIFFERENZIATA A PESO DOVE SIAMO CARATTERISTICHE DEL TERRITORIO COMUNALE Estenzione territoriale: 269.60 Kmq Popolazione

Dettagli

PROVINCIA DI ANCONA 7 Settore Assetto del Territorio e Ambiente - Area Tutela dell Ambiente -

PROVINCIA DI ANCONA 7 Settore Assetto del Territorio e Ambiente - Area Tutela dell Ambiente - Piano Provinciale Gestione Rifiuti Pag. 191 P R O V I N C I A D I AN C O N A - A re a T u te la d e ll A mb ie n te - Piano Provinciale Gestione Rifiuti Pag. 192 9.2.2. Sistema attuale della organizzazione

Dettagli

Tariffa Puntuale in Emilia Romagna

Tariffa Puntuale in Emilia Romagna Tariffa Puntuale in Emilia Romagna L Esperienza di HERA SpA Bologna, 1 dicembre 2016 Tiziano Mazzoni (Direttore Servizi Ambientali) Presentazione Gruppo Hera Il Gruppo Hera è leader italiano nella gestione

Dettagli

Il Progetto pilota nel Comune di POGGIO RENATICO

Il Progetto pilota nel Comune di POGGIO RENATICO Il Progetto pilota nel Comune di POGGIO RENATICO Il progetto Il Comune di Poggio Renatico, d intesa con la Provincia di Ferrara, l Agenzia di Ambito per i servizi pubblici di Ferrara (ATO 6) e il gestore

Dettagli

I moderni sistemi integrati di raccolta differenziata. Il caso di Asti e la sua evoluzione

I moderni sistemi integrati di raccolta differenziata. Il caso di Asti e la sua evoluzione I moderni sistemi integrati di raccolta differenziata Il caso di Asti e la sua evoluzione PRINCIPALI DATI TERRITORIALI Comune di Asti: 73.120 abitanti di cui 60.286 nel centro urbano e 12.834 in frazione

Dettagli

Brescia, 11 novembre 2014. Relatore : Vincenzo Altieri

Brescia, 11 novembre 2014. Relatore : Vincenzo Altieri A NOVARA LA RACCOLTA DIFFERENZIATA SI E ASSESTATA SOPRA IL 70% I VANTAGGI DEL SISTEMA DI RACCOLTA PORTA A PORTA DOMICILIARE Brescia, 11 novembre 2014 Relatore : Vincenzo Altieri 1 IL PASSAGGIO DA SISTEMA

Dettagli

PREMESSA BOTTIGLIE IN VETRO

PREMESSA BOTTIGLIE IN VETRO PREMESSA Nel Comune di Bastia Umbra, nel corso degli anni 2010 2012 è stato progressivamente attivato un servizio di raccolta domiciliare, cosiddetto «porta a porta», consistente nella consegna di n 4

Dettagli

Osservatorio Provinciale Rifiuti. Paolo Falco

Osservatorio Provinciale Rifiuti. Paolo Falco Osservatorio Provinciale Rifiuti Paolo Falco COMPOSIZIONE DEI SUB AMBITI E PRODUZIONE RSU 10% Val di Vara 10% Val di Magra Riviera Golfo 44% 36% OBIETTIVI DI RACCOLTA NEI SUB-AMBITI DELLA PROVINCIA DELLA

Dettagli

Dalla spesa al rifiuto: l esperienza della raccolta domiciliare in un territorio a forte vocazione turis?ca

Dalla spesa al rifiuto: l esperienza della raccolta domiciliare in un territorio a forte vocazione turis?ca . MASSIMILANO FAINI Consigliere Biociclo e Dirigente Garda Uno SpA PREMIER Dalla spesa al rifiuto: l esperienza della raccolta domiciliare in un territorio a forte vocazione turis?ca PREMIER PREMIER Comune

Dettagli

Relatore Wladimiro Boccali

Relatore Wladimiro Boccali Comune di Perugia ISWA World Solid Waste Congress Mercoledì 19 settembre 2012 Relatore Wladimiro Boccali Presidente ATI n. 2 Umbria Sindaco di Perugia L ATI n. 2 dell Umbria ISWA World Solid Waste Congress

Dettagli

ECONOMIA CIRCOLARE e TARIFFA PUNTUALE nel Comune di FERRARA Assessore all Ambiente Caterina Ferri

ECONOMIA CIRCOLARE e TARIFFA PUNTUALE nel Comune di FERRARA Assessore all Ambiente Caterina Ferri ECONOMIA CIRCOLARE e TARIFFA PUNTUALE nel Comune di FERRARA Assessore all Ambiente Caterina Ferri Secondo incontro del percorso partecipato Chiudilcerchio Regione Emilia-Romagna Bologna, 20 ottobre 2016

Dettagli

Prot. n 579 Lavis, 1 settembre 2015

Prot. n 579 Lavis, 1 settembre 2015 Sede Legale: Via G. Di Vittorio, 84-3815 LAVIS (TN) 461 24 11 81 - Fax 461 24 2 35 Prot. n 579 Lavis, 1 settembre 215 OGGETTO: Grafici andamento triennale della raccolta rifiuti con dati aggiornati al

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. la Legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n.3;

LA GIUNTA REGIONALE. la Legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n.3; DGR del 18.04.2008, n. 296 Oggetto: Linee guida agli uffici regionali per l utilizzo delle risorse finanziarie 2008-2010 finalizzate allo sviluppo della raccolta differenziata e alla riduzione a monte

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELLA FRAZIONE ORGANICA NELLE PICCOLE ISOLE Sviluppo ed implementazioni di modelli Gestione sostenibile dei rifiuti nelle isole EGADI

VALORIZZAZIONE DELLA FRAZIONE ORGANICA NELLE PICCOLE ISOLE Sviluppo ed implementazioni di modelli Gestione sostenibile dei rifiuti nelle isole EGADI IL COMPOSTAGGIO DI COMUNITA ECOMONDO 07.11. 2013 VALORIZZAZIONE DELLA FRAZIONE ORGANICA NELLE PICCOLE ISOLE Pier Giorgio Landolfo ENEA UTTAMB.RIF Pergiorgio.landolfo@enea.it Il Progetto Eco-innovazione

Dettagli

Gestione Integrata dei Rifiuti

Gestione Integrata dei Rifiuti Gestione Integrata dei Rifiuti Definizioni e Classificazioni dei Rifiuti Interazione dei rifiuti con l ambiente Dati sulla Produzione e Destino dei Rifiuti Gerarchia delle azioni di gestione Prevenzione

Dettagli

Passaggi di attivazione dei servizi, esperienze italiani ed europei. Raphael Rossi

Passaggi di attivazione dei servizi, esperienze italiani ed europei. Raphael Rossi Tortona Venerdi 25 maggio Le raccolte domiciliari dei rifiuti urbani Passaggi di attivazione dei servizi, esperienze italiani ed europei Raphael Rossi raph.rossi@tiscali.it 1 Che cos è il porta a porta?

Dettagli

Sistema di gestione della raccolta dei rifiuti urbani, che comporta l eliminazione dei cassonetti stradali dell indifferenziato, sostituito da un

Sistema di gestione della raccolta dei rifiuti urbani, che comporta l eliminazione dei cassonetti stradali dell indifferenziato, sostituito da un San Costanzo 15 Aprile 2014 Metodo Aset Risultati, vantaggi e criticità Dott. Stefano Sartini Stato attuale: raccolta stradale pluriutenza Raccolta RSU con cassonetti Raccolta RD tramite isole ecologiche

Dettagli

COMUNE DI PETTINENGO: LA RACCOLTA RIFIUTI: RUOLI E FUNZIONI

COMUNE DI PETTINENGO: LA RACCOLTA RIFIUTI: RUOLI E FUNZIONI LA RACCOLTA RIFIUTI: RUOLI E FUNZIONI CO.S.R.A.B - CONSORZIO SMALTIMENTO RIFIUTI AREA BIELLESE: Vi partecipano tutti i comuni della Provincia; Ha ruolo di programmazione e gestione in materia di rifiuti;

Dettagli

Città di Gardone Val Trompia Una città più PULITA è una città più TUA

Città di Gardone Val Trompia Una città più PULITA è una città più TUA Città di Gardone Val Trompia Una città più PULITA è una città più TUA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI Confronto tra progetto e risultati primo anno Il percorso Criticità servizio vecchio Scarsa raccolta

Dettagli

Servizio Pianificazione, Sviluppo Sostenibile e Ciclo Integrato dei Rifiuti. Nuovo PPGR Proposta di programma/2015

Servizio Pianificazione, Sviluppo Sostenibile e Ciclo Integrato dei Rifiuti. Nuovo PPGR Proposta di programma/2015 Il trattamento del rifiuto organico: applicazione delle direttive europee nella pianificazione provinciale Roberto Ronco Assessore all Ambiente Open Workshop ISWA Il trattamento della frazione organica

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. Giovedì 1 Febbraio Sala della Vaccara, ore 11.00

CONFERENZA STAMPA. Giovedì 1 Febbraio Sala della Vaccara, ore 11.00 CONFERENZA STAMPA Giovedì 1 Febbraio Sala della Vaccara, ore 11.00 1 DESCRIZIONE ATTUALI SERVIZI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA Nell ambito del Comune di Perugia sono attivi 3 modelli di raccolta differenziata:

Dettagli

Rifiuti RIFIUTI. Unità di misura. Fonte dei dati. Anno di riferimento. Copertura geografica. Indicatore/Indice DPSIR. Osservatorio Provinciale Rifiuti

Rifiuti RIFIUTI. Unità di misura. Fonte dei dati. Anno di riferimento. Copertura geografica. Indicatore/Indice DPSIR. Osservatorio Provinciale Rifiuti Rifiuti RIFIUTI Le problematiche connesse alla produzione di rifiuti hanno assunto negli ultimi decenni proporzioni sempre maggiori in relazione al miglioramento delle condizioni economiche, al veloce

Dettagli

Approfondimenti sulla gestione dei rifiuti nel Comune di Casola Valsenio

Approfondimenti sulla gestione dei rifiuti nel Comune di Casola Valsenio Approfondimenti sulla gestione dei rifiuti nel Comune di Casola Valsenio Direzione Servizi Ambientali Area Romagna 9 Giugno 06 CAPITOLO La raccolta differenziata: obiettivi e stato di fatto Direzione Servizi

Dettagli

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio % Sede Legale: Via G. Di Vittorio, 84-3815 LAVIS (TN) 461 24 11 81 - Fax 461 24 2 35 Prot. n 184 Lavis, 1 marzo 216 OGGETTO: Grafici andamento triennale della raccolta rifiuti con dati aggiornati al 31

Dettagli

Progetto di sviluppo delle raccolte differenziate per il comune di GENOVA. 18 aprile 2016

Progetto di sviluppo delle raccolte differenziate per il comune di GENOVA. 18 aprile 2016 Progetto di sviluppo delle raccolte differenziate per il comune di GENOVA 18 aprile 2016 Analizzare il territorio per valutare: - tessuto urbanistico, densità abitativa, e caratteristiche infrastrutturali;

Dettagli

Conferenza stampa 19 Luglio Risultati del servizio porta a porta

Conferenza stampa 19 Luglio Risultati del servizio porta a porta Conferenza stampa 19 Luglio 2013 Risultati del servizio porta a porta I risultati - Anno 2012 Dati R.D. Anno 2012 - Comuni gestiti con sistema "porta a porta" Comune/Area Abitanti Totale R.D. Rifiuti smaltiti

Dettagli

Comune di Lissone PROGETTO RFID. Documento ad uso interno, strettamente riservato e confidenziale

Comune di Lissone PROGETTO RFID. Documento ad uso interno, strettamente riservato e confidenziale Comune di Lissone PROGETTO RFID Andamento % r.d. Comune di Lissone dal 99 al 0 proiezione 70,00% 0,% 0,5%,0%,% 5,0% 0,00% 50,00% Raccolte con contenitori stradali,% 5,% 5,% 5,% 5,9% 5,% 5,% 5,5% 55,9%

Dettagli

28/11/2013 ANALISI dei costi della RACCOLTA DIFFERENZIATA 1

28/11/2013 ANALISI dei costi della RACCOLTA DIFFERENZIATA 1 ANALISI DEI COSTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA UN CASO DI SPECIE 1 COMUNI GESTITI DA AMBI.EN.TE. Comuni in raccolta stradale Comuni in raccolta differenziata porta a porta COMUNI ABITANTI CASTEL GANDOLFO

Dettagli

Nuovo servizio di raccolta rifiuti nella zona Paese di Riccione

Nuovo servizio di raccolta rifiuti nella zona Paese di Riccione Nuovo servizio di raccolta rifiuti nella zona Paese di Riccione Direzione Servizi Ambientali - Area Rimini/Forlì-Cesena Riccione, Maggio 2018 CAPITOLO 1 La raccolta differenziata: obiettivi e stato di

Dettagli

Comuni Ricicloni Emilia Romagna * * * La Tariffa Corrispettiva nel bacino AIMAG. Giovedì 01 Dicembre 2016 Regione Emilia-Romagna

Comuni Ricicloni Emilia Romagna * * * La Tariffa Corrispettiva nel bacino AIMAG. Giovedì 01 Dicembre 2016 Regione Emilia-Romagna Comuni Ricicloni Emilia Romagna * * * La Tariffa Corrispettiva nel bacino AIMAG Giovedì 01 Dicembre 2016 Regione Emilia-Romagna Paolo Ganassi Dirigente Servizi Ambientali AIMAG SPA Impianti Aimag I Comuni

Dettagli

SU MISURA PER VOI A MISURA DI AMBIENTE

SU MISURA PER VOI A MISURA DI AMBIENTE SU MISURA PER VOI A MISURA DI AMBIENTE COMUNE DI LIMANA Aggiornamento a maggio 2017 AREE ECOLOGICHE AREE ECOLOGICHE AREA ECOLOGICA STANDARD DA PROGETTO +2 + +2 AGGIUNTA / SPOSTAMENTO DI DOTAZIONI E DI

Dettagli

Raccolta differenziata nel Comune di Pesaro. Pesaro, 1 settembre 2009

Raccolta differenziata nel Comune di Pesaro. Pesaro, 1 settembre 2009 Raccolta differenziata La nel Raccolta Comune Differenziata di Pesaro nel Comune di Pesaro Pesaro, 1 settembre 2009 Nuovi servizi di Raccolta Differenziata avviati dal 2005 In seguito all approvazione

Dettagli

STRATEGIE E VANTAGGI DI UNA GESTIONE CONSORTILE DEI RIFIUTI EFFICACE E PARTECIPATA

STRATEGIE E VANTAGGI DI UNA GESTIONE CONSORTILE DEI RIFIUTI EFFICACE E PARTECIPATA STRATEGIE E VANTAGGI DI UNA GESTIONE CONSORTILE DEI RIFIUTI EFFICACE E PARTECIPATA di LAURA FILONZI Direttore CIR33 Sabato 7 maggio 2011 Pesaro NORMATIVA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 28.10.1999 ABROGATA DALLA

Dettagli

MODALITÀ DEL CONFERIMENTO E DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA DELLE FRAZIONI DEI RIFIUTI URBANI NEL TERRITORIO COMUNALE

MODALITÀ DEL CONFERIMENTO E DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA DELLE FRAZIONI DEI RIFIUTI URBANI NEL TERRITORIO COMUNALE MODALITÀ DEL CONFERIMENTO E DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA DELLE FRAZIONI DEI RIFIUTI URBANI NEL TERRITORIO COMUNALE 1. FRAZIONE SECCA RESIDUA - INDIFFERENZIATA A. Alla raccolta della frazione

Dettagli

CAMBIA LA RACCOLTA DEI RIFIUTI IMPARIAMO COME SI FA

CAMBIA LA RACCOLTA DEI RIFIUTI IMPARIAMO COME SI FA CAMBIA LA RACCOLTA DEI RIFIUTI IMPARIAMO COME SI FA Che cos è la raccolta porta a porta dei rifiuti? E un particolare sistema che prevede il periodico ritiro a domicilio dei rifiuti organizzando le raccolte

Dettagli

indica che capite, che precedente Per quanto riguarda il Provincia di Varese Produzione totale rifiuti Anno rifiuti (kg/abitante.

indica che capite, che precedente Per quanto riguarda il Provincia di Varese Produzione totale rifiuti Anno rifiuti (kg/abitante. Raccolta differenziata in crescita: raggiunto il 63% La percentuale di Raccolta Differenziata nel 2013 raggiunge il 63%: siamo al 2 posto a livello regionale (ARPALOMBARDIA 2013) ed al 18 a livello nazionale

Dettagli

Il mercato per gli ammendanti compostati L esperienza di ACEA Pinerolese

Il mercato per gli ammendanti compostati L esperienza di ACEA Pinerolese Il mercato per gli ammendanti compostati L esperienza di ACEA Pinerolese 04/11/2010, Rimini, XII Conferenza nazionale CIC compostaggio e digestione anaerobica delle frazioni organiche Sommario ACEA Impianto

Dettagli

Progetto sul Comune di Poggio Berni (RN)

Progetto sul Comune di Poggio Berni (RN) Progetto sul Comune di Poggio Berni (RN) Gestione raccolta differenziata e integrata dei rifiuti urbani e assimilati con il sistema e-gate e, con obiettivo di RD > 60% Ecomondo 05-08 Novembre 2008 Divisione

Dettagli

Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale. Villafranca d Asti

Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale. Villafranca d Asti Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale Villafranca d Asti SITUAZIONE ANTECEDENTE Sistema di raccolta fino a marzo 2002 - RSU indifferenziati (cassonetti stradali) - Carta (cassonetti stradali) -

Dettagli

Tavolo di Concertazione

Tavolo di Concertazione Tavolo di Concertazione PRGR Lavori di adeguamento ai sensi dell art. 199, co.8 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. FOCUS CARTA E CARTONE 18 Ottobre 2016, Pescara Dott. Franco Gerardini Dirigente Servizio gestione

Dettagli

Simone Tosi. Assessore Ambiente Comune di Carpi. Bologna

Simone Tosi. Assessore Ambiente Comune di Carpi. Bologna Simone Tosi Assessore Ambiente Comune di Carpi Bologna 20 novembre 2017 LA PRESENTAZIONE: La storia del Porta a Porta Il nostro modello UNA PREMESSA: Il Porta a Porta è un sistema invasivo, che chiede

Dettagli

Parma verso Rifiuti Zero Il porta a porta e la tariffazione puntuale in una città di abitanti

Parma verso Rifiuti Zero Il porta a porta e la tariffazione puntuale in una città di abitanti Parma verso Rifiuti Zero Il porta a porta e la tariffazione puntuale in una città di 190.000 abitanti Gabriele Folli, Assessore Ambiente Comune di Parma Progetto Parma Raggiungere 80% entro 2016 Applicare

Dettagli

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio Sede Legale: Via G. Di Vittorio, 84-3815 LAVIS (TN) ( 461 24 11 81 - Fax 461 24 2 35 % Raccolta Differenziata - ultimo triennio,9,8,7,6,5 %,4,3,2,1, %RD (con spazzamento) %RD (senza spazzamento) FAI DELLA

Dettagli

La quantità di rifiuti urbani prodotti in Italia ha registrato un incremento continuo di circa il 2,7% annuo negli ultimi tre anni.

La quantità di rifiuti urbani prodotti in Italia ha registrato un incremento continuo di circa il 2,7% annuo negli ultimi tre anni. Produzione e trattamento rifiuti in Italia nel 2006 (Dati e tabelle dal Rapporto Rifiuti 2007 dell APAT) La quantità di rifiuti urbani prodotti in Italia ha registrato un incremento continuo di circa il

Dettagli

Prevenzione e tariffazione puntuale ad un anno dall approvazione della Legge Regionale sull economia circolare * * *

Prevenzione e tariffazione puntuale ad un anno dall approvazione della Legge Regionale sull economia circolare * * * Prevenzione e tariffazione puntuale ad un anno dall approvazione della Legge Regionale sull economia circolare * * * I Comuni e la tariffazione puntuale: L'esperienza del Comune di Soliera, Il secondo

Dettagli

Rifiuti raccolti Anno 2009

Rifiuti raccolti Anno 2009 Rifiuti raccolti Anno 2009 A & T 2000 S.p.A. via Friuli, 16/B - 33033 Codroipo (Ud) tel. 0432 906761 - fax 0432 908008 www.aet2000.it info@aet2000.it c.f./p.iva/reg.impr. 02047620303 I COMUNI PIU VIRTUOSI

Dettagli

Campus di Savona, mercoledì 07 giugno Gestione sostenibile dei rifiuti: l esperienza del Campus di Savona

Campus di Savona, mercoledì 07 giugno Gestione sostenibile dei rifiuti: l esperienza del Campus di Savona Campus di Savona, mercoledì 07 giugno 2017 Gestione sostenibile dei rifiuti: l esperienza del Campus di Savona 31 agosto 2016: sottoscrizione accordo attuativo tra (Multiservizi a capitale pubblico) e

Dettagli

SANTORSO (VI): TARIFFA PUNTUALE

SANTORSO (VI): TARIFFA PUNTUALE SANTORSO (VI): TARIFFA PUNTUALE integrata con un nuovo sistema di raccolta rifiuti (TIA + -BINGest ) p.i. Zanardello Samuele NOVE (VI) 1- La raccolta dei Rifiuti anno 2016 GRAZIE ALLA COLLABORAZIONE DEI

Dettagli

CER % 0% 3% 4% 12%

CER % 0% 3% 4% 12% SETTORE AMBIENTE ED ATTIVITA PRODUTTIVE: La raccolta differenziata raggiunge nell anno 2012 una percentuale pari a 24,3 % della produzione comunale dei rifiuti di 27.863.000 kg, superando per la prima

Dettagli

Raccolta porta a porta a tariffa puntuale: L esperienza nel Consiglio di Bacino Priula e la gestione virtuosa di Contarina Spa

Raccolta porta a porta a tariffa puntuale: L esperienza nel Consiglio di Bacino Priula e la gestione virtuosa di Contarina Spa Raccolta porta a porta a tariffa puntuale: L esperienza nel Consiglio di Bacino Priula e la gestione virtuosa di Contarina Spa Paolo Contò Direttore del Consiglio di Bacino Priula 29 Aprile 2016 Milano

Dettagli

Le vie della differenziata: il. raccolte Ing. Vito Belladonna Direttore Tecnico Arpa Emilia-Romagna

Le vie della differenziata: il. raccolte Ing. Vito Belladonna Direttore Tecnico Arpa Emilia-Romagna Le vie della differenziata: il destino delle frazioni raccolte Ing. Vito Belladonna Direttore Tecnico Arpa Emilia-Romagna La raccolta differenziata e quella dei rifiuti indifferenziati. Trend di un periodo

Dettagli

ALLEGATO 1 METODO PER IL CALCOLO DELLA PERCENTUALE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

ALLEGATO 1 METODO PER IL CALCOLO DELLA PERCENTUALE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI ALLEGATO 1 METODO PER IL CALCOLO DELLA PERCENTUALE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI Generalità Le presenti istruzioni forniscono indirizzi e criteri per il calcolo della percentuale di raccolta

Dettagli

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 2015)

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 2015) Sede Legale: Via G. Di Vittorio, 84-3815 LAVIS (TN) ( 461 24 11 81 - Fax 461 24 2 35 % Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 215) 9% 88% 86% 84% 82% 8% 78% 76% %RD (con spazzamento)

Dettagli

La tariffa puntuale sistemi e metodi di applicazione. Dr. Giorgio Ghiringhelli

La tariffa puntuale sistemi e metodi di applicazione. Dr. Giorgio Ghiringhelli La tariffa puntuale sistemi e metodi di applicazione Dr. Giorgio Ghiringhelli Breve storia della tassa/tariffa rifiuti Le aziende del settore dei rifiuti ammontano a quasi 6.500 unità, per un valore della

Dettagli

ANALISI DEGLI INDICI DI BUONA GESTIONE DEI COMUNI ABRUZZESI

ANALISI DEGLI INDICI DI BUONA GESTIONE DEI COMUNI ABRUZZESI 23 NOVEMBRE 2012 - AEROPORTO D ABRUZZO PESCARA WORKSHOP RICICLABRUZZO 2012 Dalla RD agli Indici di Buona Gestione WORKSHOP RICICLABRUZZO 2012 DALLA RD AGLI INDICI DI BUONA GESTIONE ANALISI DEGLI INDICI

Dettagli

COMUNI RICICLONI EMILIA-ROMAGNA Il destino dei rifiuti in Regione tra riciclaggio e smaltimento. Barbara Villani

COMUNI RICICLONI EMILIA-ROMAGNA Il destino dei rifiuti in Regione tra riciclaggio e smaltimento. Barbara Villani COMUNI RICICLONI EMILIA-ROMAGNA 2010 Il destino dei rifiuti in Regione tra riciclaggio e smaltimento Barbara Villani La direttiva 2008/98/CE indirizza gli Stati membri ad avvicinarsi ad una società del

Dettagli

CASE HISTORY COMUNE DI BAGHERIA. Patrizio Cinque Sindaco Comune di Bagheria

CASE HISTORY COMUNE DI BAGHERIA. Patrizio Cinque Sindaco Comune di Bagheria 0 CASE HISTORY COMUNE DI BAGHERIA 1 LA GESTIONE DEL SERVIZIO Gestione consortile Co.In.R.E.S. Gestione mista consorzio-comune (liquidazione) GESTIONE DIRETTA (Personale consortile a comando) 2 LA GESTIONE

Dettagli

La Banca Dati dei Comuni italiani III Rapporto Raccolta Differenziata e Riciclo. Roma, 30 ottobre 2013

La Banca Dati dei Comuni italiani III Rapporto Raccolta Differenziata e Riciclo. Roma, 30 ottobre 2013 La Banca Dati dei Comuni italiani III Rapporto Raccolta Differenziata e Riciclo Roma, 30 ottobre 2013 La Banca Dati ANCI-CONAI Lo scopo principale della Banca Dati è di rendere disponibili ai Comuni, tramite

Dettagli

Lo scenario della gestione dei rifiuti secondo il Piano Regionale. Alberto Grosso Sezione Regionale del Catasto Rifiuti ARPAC

Lo scenario della gestione dei rifiuti secondo il Piano Regionale. Alberto Grosso Sezione Regionale del Catasto Rifiuti ARPAC Lo scenario della gestione dei rifiuti secondo il Piano Regionale Alberto Grosso Sezione Regionale del Catasto Rifiuti ARPAC Le prospettive future nella gestione dei rifiuti urbani in Campania Breve richiamo

Dettagli

La gestione della frazione organica in piccole realtà

La gestione della frazione organica in piccole realtà La gestione della frazione organica in piccole realtà Massimo Centemero, Direttore Generale CIC centemero@compost.it 28 Maggio 2017 CIC Consorzio Italiano Compostatori Consorzio Italiano Compostatori Il

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD DATA 02/10/2013

ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD DATA 02/10/2013 151 0 0 - DIREZIONE AMBIENTE, IGIENE, ENERGIA ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2013-333 DATA 02/10/2013 OGGETTO: ISTITUZIONE DI UN SISTEMA SPERIMENTALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI E RELATIVE MODALITA OPERATIVE

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL GESTORE DEL SERVIZIO

IL PUNTO DI VISTA DEL GESTORE DEL SERVIZIO 19 MARZO 2013 DALLA RACCOLTA AL RICICLO DEI RIFIUTI DA IMBALLAGGIO: L ESPERIENZA DEI CONSORZI DI FILIERA IN ITALIA LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEGLI IMBALLAGGI: IL PUNTO DI VISTA DEL GESTORE DEL SERVIZIO

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI IN PROVINCIA DI LECCO: DATI 2016.

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI IN PROVINCIA DI LECCO: DATI 2016. Direzione Organizzativa V Ambiente Territorio Servizio Rifiuti Osservatorio Rifiuti PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI IN PROVINCIA DI LECCO: DATI 2016. Il presente documento vuole costituire una

Dettagli

La gestione integrata dei rifiuti situazione attuale e prospettive concrete

La gestione integrata dei rifiuti situazione attuale e prospettive concrete La gestione integrata dei rifiuti situazione attuale e prospettive concrete Sergio Tommasini Responsabile Settore Studi e Progetti Montebelluna (TV) 20 febbraio 2009 consorzio@priula.it COMPETENZE GESTIONE

Dettagli

La comunicazione è un processo

La comunicazione è un processo La comunicazione è un processo La comunicazione è un processo che va governato,, in cui bisogna avere sempre coscienza del proprio ruolo e dei messaggi che trasmettiamo. 2/17/17 L ambiente comunica sempre

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO ARPAV Osservatorio Regionale Rifiuti PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Invece che la terza discarica Esperienze di gestione integrata dei rifiuti e nuove prospettive di sviluppo Orvieto,

Dettagli

Parma Caratteristiche della città

Parma Caratteristiche della città Parma Caratteristiche della città 194.374 abitanti in 260,6 km 2 (745 ab/km 2 ) 24.124 nel centro storico (2,4 km 2 ; 10.093 ab/km 2 ) 129.060 in area urbana (29 km 2 ; 4.407 ab/km 2 ) 41.190 in area extraurbana

Dettagli

Fase 1: Individuazione Quartieri.

Fase 1: Individuazione Quartieri. Risultati sperimentazione Raccolta Differenziata nel Comune di Chieti Progettazione e Realizzazione della Raccolta Differenziata in tre quartieri del Comune di Chieti, dalla raccolta tramite isole ecologiche

Dettagli