Università degli Studi di Genova Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Genova Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale"

Transcript

1 Pianificazione di una rete logistica per lo smaltimento e il riutilizzo dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche: applicazione del progetto WEEENMODELS nel Comune di Genova Candidata: Ishara Thirimadura Mendis Relatore: Prof. Silvia Siri Correlatore: Ing. Cino Repetto Università degli Studi di Genova Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale

2 Introduzione Contesto di riferimento Obiettivo Stato dell arte Rete di riferimento Rete attuale Rete futura Dati Variabili decisionali e funzione obiettivo Vincoli Strumenti utilizzati Raccolta dei dati Analisi e confronto degli scenari Scenario ottimo Ulteriori analisi

3 Contesto di riferimento Obiettivo Stato dell arte Questa tesi è realizzata nell ambito del progetto europeo WEEENMOD- ELS (Waste Electric and Electronic Equipment - New MODEl for Logistic Solutions). Il progetto consiste nella introduzione di un nuovo modello di soluzione logistica per la raccolta dei RAEE che sia ottimale sia dal punto di vista economico che ecologico. I partner italiani del progetto sono:

4 Contesto di riferimento Obiettivo Stato dell arte I RAEE sono i Rifiuti delle Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche e in Italia sono classificati in cinque raggruppamenti: R1 - Freddo e Clima (frigoriferi, condizionatori, congelatori, ecc.); R2 - Grandi Bianchi (lavatrici, lavastoviglie, forni, ecc.); R3 - TV e Monitor (televisori e schermi a tubo catodico, LCD o al plasma, ecc.); R4 - Piccoli elettrodomestici (telefonini, stampanti, giochi elettronici, apparecchi, asciugacapelli, ecc.); R5 - Sorgenti luminose (lampadine a basso consumo, lampade al neon, lampade fluorescenti, ecc.).

5 Contesto di riferimento Obiettivo Stato dell arte La nuova Direttiva europea 2012/19/UE ha introdotto alcuni elementi di innovazione per arrivare a obiettivi di raccolta dei RAEE più elevati e i due elementi pricipali sono: il concetto del riutilizzo; nuovi obblighi di raccolta per i distributori (concetto dell 1 contro 0). In Italia, il progetto WEEENMODELS viene sviluppato inizialmente a Genova e i risultati dell esperimento possono fornire informazioni utili per effettuare ulteriori repliche in altre realtà italiane ed europee.

6 Contesto di riferimento Obiettivo Stato dell arte L obiettivo della tesi è stato quello di realizzare, nell ambito di WEENMODELS, un modello di programmazione matematica per la pianificazione ottimale della rete logistica di smaltimento e riutilizzo degli R4 nel Comune di Genova, in modo da valutare i benefici provenienti dall introduzione nella rete dei cambiamenti previsti dal progetto.

7 Contesto di riferimento Obiettivo Stato dell arte È stata effettuata una ricerca all interno della letteratura scientifica internazionale relativamente alla gestione dei RAEE. I temi affrontati dagli articoli trovati (29 articoli, ) possono essere classificati in due macrogruppi: progettazione e ottimizzazione della rete logistica; analisi di strategie per le attività di lavorazione dei RAEE e studio dei materiali. Una maggiore attenzione è stata posta sui primi i quali possono essere ulteriormente suddivisi a seconda dell orizzonte temporale in cui sono collocati: orizzonte temporale di lungo periodo; orizzonte temporale di medio periodo; orizzonte temporale di breve periodo. La maggior parte degli articoli adotta metodi di programmazione matematica per la risoluzione dei problemi di ottimizzazione affrontati.

8 Rete di riferimento Rete attuale Rete futura La filiera di raccolta dei RAEE prevista da WEEENMODELS è articolata in tre componenti fondamentali.

9 Rete di riferimento Rete attuale Rete futura Il primo componente è rappresentato dai servizi di raccolta svolti da AMIU, dove: f1 - servizi di raccolta mobile; f2 - isola ecologica standard; f3 - isola ecologica dedicata al riutilizzo; f4 - allestimento di punti di conferimento in aree pubbliche.

10 Rete di riferimento Rete attuale Rete futura Il secondo componente è rappresentato dai flussi di raccolta dei distributori, dove: f5 - raccolta 1 contro 1; f6 - raccolta 1 contro 0 obbligatorio; f7 - raccolta 1 contro 0 facoltativo.

11 Rete di riferimento Rete attuale Rete futura Il terzo componente è rappresentato dalle attività delle isole ecologiche/centri di raccolta.

12 Rete di riferimento Rete attuale Rete futura Il problema affrontato consiste nel modellare una rete logistica per lo smaltimento e il riutilizzo dei RAEE in modo da determinare la localizzazione ottimale dei nodi e la pianificazione ottimale dei flussi lungo gli archi all interno della rete, dove: i nodi rappresentano gli attori che sono coinvolti nella rete logistica nei suoi diversi stadi (iniziali, intermedi e finali); gli archi rappresentano i collegamenti che si verificano tra gli attori coinvolti nella rete nei diversi stadi (iniziali-intermedi e intermedi-finali). L ottimizzazione del problema preso in esame deve considerare anche: i prodotti trasportati lungo la rete logistica; le modalità di ritiro dei RAEE generati dai cittadini.

13 Rete di riferimento Rete attuale Rete futura

14 Rete di riferimento Rete attuale Rete futura

15 Dati Variabili decisionali e funzione obiettivo Vincoli È stato formulato un modello di programmazione matematica con l obiettivo di risolvere il problema di localizzazione di nuovi servizi di raccolta e di pianificazione dei flussi di prodotti all interno di una rete logistica per lo smaltimento e il riutilizzo dei rifiuti. Si tratta di un modello di location multi-stadio multi-prodotto che può essere applicato per modellare una generica rete logistica in cui i rifiuti vengono raccolti in uno stadio iniziale e vengono poi portati, attraverso una serie di stadi intermedi, fino a uno o più stadi finali. Per la formulazione del modello matematico è stata adottata la metodologia MILP, ovvero la programmazione lineare a variabili misto-intere. Tale modello è stato poi applicato al caso genovese.

16 Dati Variabili decisionali e funzione obiettivo Vincoli Dati generici sulla rete: G = (V, E), grafo rappresentante la rete considerata; N = {1,...,9}, insieme delle famiglie di nodi; V n V, n N, insieme di nodi della generica famiglia n; C = {1,...,14}, insieme di tutte le connessioni tra le famiglie di nodi; O c V, c C, insieme di nodi di origine della generica connessione c; D c V, c C, insieme di nodi di destinazione della generica connessione c. Le famiglie di nodi: Produttori di RAEE: V 1 = {1,...,9}; Servizi Territoriali: V 2 = {1,...,9}; Distributori Territoriali: V 3 = {1,...,9}; ecc. Le connessioni tra le famiglie di nodi: la connessione c = 1 connette la famiglia di nodi V 1 e la famiglia di nodi V 2, quindi si ha O 1 = V 1 e D 1 = V 2 ; la connessione c = 2 connette la famiglia di nodi V 1 e la famiglia di nodi V 3, quindi si ha O 2 = V 1 e D 2 = V 3 ; ecc.

17 Dati Variabili decisionali e funzione obiettivo Vincoli Le tipologie di prodotto: P = {1,2}, p P, dove: p = 1 sono i prodotti riutilizzabili (non presente nello stato attuale); p = 2 sono i prodotti non riutilizzabili. Le modalità di ritiro: R = {1,...,5}, r R, dove: r = 1 è il ritiro ST (presso i Servizi Territoriali); r = 2 è il ritiro IES (presso le Isole Ecologiche Standard); r = 3 è il ritiro 1 a 1; r = 4 è il ritiro 1 a 0 obbligatorio (non presente nello stato attuale); r = 5 è il ritiro 1 a 0 facoltativo (non presente nello stato attuale). Dati sui nodi: s i,p,r, i V 1, p = 1,2, r = 1,...,5, quantità di prodotto p relativo al ritiro r uscente dal nodo i; qi n, i Vn, n N/{1}, capacità massima del nodo i della famiglia di nodi n.

18 Dati Variabili decisionali e funzione obiettivo Vincoli Costi: ζi,j,p,r c, c C, i Oc, j Dc, p = 1,2, r = 1,...,5, costo di trasporto unitario relativo al prodotto p e al ritiro r sull arco (i,j) relativo alla connessione c; ϕ n i, i Vn, n N, costo annuale di attivazione del nodo i della famiglia n (non presente nello stato attuale). Ricavi: α p, p P, dove: α 1 è il ricavo che si ottiene per la raccolta di un kg di prodotto di tipo p = 1 e che viene conferito al sistema dal Centro per il Riutilizzo (non presente nello stato attuale). α 2 è il ricavo che si ottiene per la raccolta di un kg di prodotto di tipo p = 2 e che viene conferito al sistema dal Centro di Trattamento. β è il ricavo che si ottiene per ogni kg di prodotto (sia riutilizzabile che non riutilizzabile) che viene raccolto in più rispetto alla situazione attuale (non presente nello stato attuale).

19 Dati Variabili decisionali e funzione obiettivo Vincoli Le variabili decisionali: xi,j,p,r c, c C, i Oc, j Dc, p = 1,2, r = 1,...,5, quantità di prodotto p relativo al ritito r sull arco (i, j) relativo alla connessione c; y n i, i V n, n N, variabile binaria che vale 1 se il nodo della famiglia n viene attivato, 0 altrimenti (per i nodi già attivati è uguale a 1) (non presente nello stato attuale).

20 Dati Variabili decisionali e funzione obiettivo Vincoli La funzione obiettivo: La funzione obiettivo consiste nella massimizzazione della differenza tra il ricavo totale del sistema e il costo totale del sistema. max 5 c {12,13,14} i O c j D c r=1 + α 1 x c i,j,1,r + c {7,8,9,12,13,14} i O c j D c p=1 r=1 c C 2 i O c j D c p=1 r=1 5 c {7,8,9} i O c j D c r= β x c i,j,p,r α 2 x c i,j,2,r ζi,j,p,r c xi,j,p,r c ϕ n i yi n n N i V n

21 Dati Variabili decisionali e funzione obiettivo Vincoli La prima tipologia serve per assicurare che i prodotti uscenti dalla famiglia di nodi dei Produttori vengano tutti consegnati ai vari punti di raccolta: xi,j,p,r c = s i,p,r i V 1 p = 1,2 r = 1,...,5 c {1,...,3} j D c La seconda tipologia serve per imporre che venga rispettata la soglia di capacità massima di ciascun nodo, ad eccezione dei nodi appartenenti alla famiglia dei produttori: 5 2 xj,i,p,r c qn i yi n r=1 p=1 c C:D c=v n j O c n N/{1} i V n La terza tipologia serve per che sia verificata, per ciascun nodo, la condizione di bilanciamento tra i flussi di prodotto entranti e i flussi di prodotti uscenti: xj,i,p,r c = xi,j,p,r c c C:D c=v n j O c c C:O c=v n j D c n N/{1,7,9} i V n p = 1,2 r = 1,...,5

22 Strumenti utilizzati

23 Raccolta dei dati Analisi e confronto degli scenari Scenario ottimo Ulteriori analisi L analisi della rete genovese (sia attuale che futura) tramite l applicazione del modello matematico, è stata preceduta da una fase di raccolta dei dati necessari per effettuare tale analisi.

24 Raccolta dei dati Analisi e confronto degli scenari Scenario ottimo Ulteriori analisi Gli scenari analizzati ➀ Situazione attuale: obiettivo pianificazione ottimale dei flussi. ➁ Situazione futura con WEEENMODELS: obiettivo pianificazione ottimale dei flussi, localizzazione ottimale delle nuove isole ecologiche standard e localizzazione ottimale della isola ecologica per il riutilizzo. ➂ Situazione futura con WEEENMODELS e piano industriale Amiu: obiettivo pianificazione ottimale dei flussi e localizzazione ottimale della isola ecologica per il riutilizzo. ➃ Situazione futura senza WEEENMODELS: obiettivo pianificazione ottimale dei flussi.

25 Raccolta dei dati Analisi e confronto degli scenari Scenario ottimo Ulteriori analisi Risultati scenario 1 Connessione Flussi ottimali (kg) P-ST 93150,05 P-DT 2661,43 P-IES ,52 ST-IES 93150,05 DT-CDRP 818,19 DT-CDRC 1843,24 IES-CDT ,57 CDRP-CDT 818,19 CDRC-CDT 1843,24 Totale (e) Unitario (e/kg) Funzione obiettivo ,20-0,11 Costo ottimo 51489,64 0,19 Ricavo ottimo 21291,44 0,08

26 Raccolta dei dati Analisi e confronto degli scenari Scenario ottimo Ulteriori analisi Risultati scenario 2 Caso Municipio IER Municipio nuovi IES Totale (e) Unitario (e/kg) ,2,8, ,50 0, ,2,8, ,72 0, ,2,3,8, ,43 0, ,2,8, ,89 0, ,2,8, ,16 0, ,2,8, ,12 0, ,2,8, ,65 0, ,2,8, ,70 0, ,2,8, ,64 0,0576 Totale (e) Unitario (e/kg) Funzione obiettivo 60220,50 0,06 Costo ottimo ,54 0,21 Ricavo ottimo ,04 0,27

27 Raccolta dei dati Analisi e confronto degli scenari Scenario ottimo Ulteriori analisi Risultati scenario 2 Connessione Flussi ottimali (kg) P-ST ,67 P-DT ,86 P-IES ,47 ST-IES ,67 DT-IES 4976,35 DT-CDRP 80000,00 DT-CDRC ,51 IES-IER 31331,09 IER-CDR 31331,09 IES-CDT ,39 CDRP-CDR 3556,29 CDRP-CDT 76443,70 CDRC-CDR 4923,40 CDRC-CDT ,11

28 Raccolta dei dati Analisi e confronto degli scenari Scenario ottimo Ulteriori analisi Risultati scenario 3 Caso Municipio IER Totale (e) Unitario (e/kg) ,33-0, ,70-0, ,87-0, ,46-0, ,44-0, ,71-0, ,06-0, ,96-0, ,93-0,0317 Totale (e) Unitario (e/kg) Funzione obiettivo -8167,44-0,008 Costo ottimo ,48 0,275 Ricavo ottimo ,04 0,267

29 Raccolta dei dati Analisi e confronto degli scenari Scenario ottimo Ulteriori analisi Risultati scenario 3 Connessione Flussi ottimali (kg) P-ST ,67 P-DT ,86 P-IES ,47 ST-IES ,67 DT-IES 4976,35 DT-CDRP 61992,51 DT-CDRC ,00 IES-IER 31331,10 IER-CDR 31331,10 IES-CDT ,39 CDRP-CDR 2686,75 CDRP-CDT 59305,75 CDRC-CDR 5792,95 CDRC-CDT ,05

30 Raccolta dei dati Analisi e confronto degli scenari Scenario ottimo Ulteriori analisi Confronto tra scenari

31 Raccolta dei dati Analisi e confronto degli scenari Scenario ottimo Ulteriori analisi È stata effettuata una analisi, in termini di flussi, dello scenario 2, Situazione futura con WEEENMODELS, che è risultato essere il migliore tra i 3 scenari che sono stati confrontati precedentemente. Analizzando tutti i flussi ottimali che si verificano lungo tutti i possibili collegamenti tra i vari attori, è stato possibile determinare il livello di attività dei punti di raccolta coinvolti nella rete logistica. Municipio kg % sul totale % sulla capacità max , , , , , ,7 13,92 80,88

32 Raccolta dei dati Analisi e confronto degli scenari Scenario ottimo Ulteriori analisi Municipio kg % sul totale % sulla capacità max ,3 17,72 85, ,7 13,39 64, ,9 5,45 23, ,4 12,89 46, , ,6 0,09 0, ,9 20,30 98, ,7 11,77 56,91

33 Raccolta dei dati Analisi e confronto degli scenari Scenario ottimo Ulteriori analisi Municipio kg % sul totale % sulla capacità max , , ,15 0,31 1, ,22 0,21 1, , , , ,15 7,05 38, ,34 0,25 1,33

34 Raccolta dei dati Analisi e confronto degli scenari Scenario ottimo Ulteriori analisi Municipio kg % sul totale % sulla capacità max CDRP/ ,87 18,87 CDRP/ ,87 18,87 CDRC/ ,5 62,26 62,26

35 Raccolta dei dati Analisi e confronto degli scenari Scenario ottimo Ulteriori analisi Infine, elaborando i dati relativi ai flussi ottimali lungo i vari collegamenti, è stato possibile mettere in evidenza, per ciascun municipio, il livello di utilizzo di ciascun punto di raccolta che è stato determinato tramite l assegnazione delle modalità di ritiro. Municipio Flussi verso ST (kg) Flussi verso DT (kg) Flussi verso IES (kg) , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,948

36 Raccolta dei dati Analisi e confronto degli scenari Scenario ottimo Ulteriori analisi Nella mappa in alto a sinistra sono riportati i collegamenti P-ST, nella mappa in alto a destra sono riportati i collegamenti P-DT e nella mappa in basso sono riportati i collegamenti P-IES.

37 Raccolta dei dati Analisi e confronto degli scenari Scenario ottimo Ulteriori analisi Nella mappa in alto sono riportati i collegamenti ST-IES, nella mappa in basso a sinistra sono riportati i collegamenti DT-IES e nella mappa in basso a destra sono riportati i collegamenti DT-CDR.

38 Raccolta dei dati Analisi e confronto degli scenari Scenario ottimo Ulteriori analisi È stata effettuata una analisi di sensitività dello scenario 3, Situazione futura con WEEENMODELS e piano industriale Amiu, variando alcuni parametri di progetto. Variazioni percentuali delle tipologie di prodotto: Gruppo % riutilizzabili % non riutilizzabili Funzione obiettivo (e/kg) a 0,040 0,960-0,008 b 0,045 0,955 0,001 c 0,050 0,950 0,010 d 0,055 0,945 0,020 e 0,060 0,940 0,029 f 0,065 0,935 0,038 g 0,070 0,930 0,047 h 0,075 0,925 0,057 i 0,080 0,920 0,066

39 Raccolta dei dati Analisi e confronto degli scenari Scenario ottimo Ulteriori analisi Variazioni percentuali delle modalità di ritiro: Gruppo % ST % IES % DT Funzione obiettivo (e/kg) a 32,1 46,1 16,1-0,008 b 30,1 49,1 15,1 0,006 c 28,1 52,1 14,1 0,020 d 26,1 55,1 13,1 0,031 e 24,1 58,1 12,1 0,042 f 22,1 61,1 11,1 0,053 g 20,1 64,1 10,1 0,063

40 L obiettivo principale di questa tesi è stato quello di realizzare un modello matematico per effettuare una pianificazione ottimale della rete logistica per lo smaltimento e il riutilizzo dei RAEE nel Comune di Genova. È stato formulato un modello di programmazione matematica di tipo MILP che è in grado di effettuare una pianificazione ottimale dei flussi e una localizzazione ottimale di nuovi servizi all interno della rete logistica. Dal confronto tra gli scenari è stato possibile dimostrare l utilità e il beneficio che si otterrebbe dall introduzione dei cambiamenti previsti dal progetto WEEEN- MODELS. Il modello, formulato in maniera generale, può essere applicato a diverse reti logistiche per lo smaltimento e il riutilizzo dei RAEE presente sia in Italia che negli altri paesi europei. Un possibile sviluppo futuro di questa tesi può essere rappresentato dalla sua estensione alla valutazione della performance ambientale della rete logistica dei RAEE, realizzabile tramite l integrazione del costo logistico con il costo ambientale derivante dai processi di raccolta e trattamento.

41

Via Pirandello, 17-25020 FLERO (BS) tel. 030 3582490 - fax 030 3580842 - e-mail: ecologia@cerrotorre.it

Via Pirandello, 17-25020 FLERO (BS) tel. 030 3582490 - fax 030 3580842 - e-mail: ecologia@cerrotorre.it 1 Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche R.A.E.E. Gruppo R1 (frigoriferi) ------------- C.E.R. 20 01 23 Gruppo R2 (lavatrici, lavastoviglie, ecc..) C.E.R. 20 01 35 Gruppo R3 (televisioni

Dettagli

Il Progetto WEEENMODELS possibile Caso Pilota nazionale

Il Progetto WEEENMODELS possibile Caso Pilota nazionale l Progetto WEEENMODELS possibile Caso Pilota nazionale Genova, 2 aprile 2014 ng. Paolo Cinquetti AMU ng. Cino Repetto T Bridge ? Fonte Dati: l progetto WEEENMODELS - Waste Electric and Electronic Equipment

Dettagli

RAEE professionali. 4_Servizi RAEE professionali.

RAEE professionali. 4_Servizi RAEE professionali. RAEE professionali 4_Servizi RAEE professionali. Servizi RAEE professionali. Indice 1. cosa sono i RAEE 2. i raggruppamenti RAEE 3. RAEE professionali: definizione e casi pratici 4. gli obblighi del produttore

Dettagli

Strumenti di pianificazione e. teleriscaldamento urbano

Strumenti di pianificazione e. teleriscaldamento urbano Strumenti di pianificazione e gestione ottima delle reti di teleriscaldamento urbano Daniele Vigo Università di Bologna Dip. di Elettronica, Informatica e Sistemistica daniele.vigo@unibo.it Sommario Introduzione

Dettagli

Come faccio a riconoscere se un prodotto elettrico ed elettronico deve essere raccolto in maniera differenziata?

Come faccio a riconoscere se un prodotto elettrico ed elettronico deve essere raccolto in maniera differenziata? FAQ Che cosa sono i RAEE? RAEE è l acronimo di Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche. I RAEE sono i rifiuti che derivano da tutte le apparecchiature che dipendono, per un corretto funzionamento,

Dettagli

Noi ci crediamo. Scopri con noi come riciclare i tuoi rifiuti elettronici. Campagna di informazione ReMedia e Legambiente. Con la partecipazione di:

Noi ci crediamo. Scopri con noi come riciclare i tuoi rifiuti elettronici. Campagna di informazione ReMedia e Legambiente. Con la partecipazione di: Campagna di informazione ReMedia e Legambiente Noi ci crediamo. Con la partecipazione di: Scopri con noi come riciclare i tuoi rifiuti elettronici. In collaborazione con: DIAMO VALORE AI RIFIUTI TECNOLOGICI

Dettagli

Area Comunicazione R.A.E.E. cosa SONO. come SI RAccOLgONO. cosa diventano

Area Comunicazione R.A.E.E. cosa SONO. come SI RAccOLgONO. cosa diventano Area Comunicazione R.A.E.E cosa SONO come SI RAccOLgONO cosa diventano I R.A.E.E. QUALI SONO? I R.A.E.E. sono apparecchiature non funzionanti o di cui ci si vuole disfare, alimentate elettricamente o con

Dettagli

I RAEE: RIFIUTI DA ELETTRICHE ED

I RAEE: RIFIUTI DA ELETTRICHE ED I RAEE: RIFIUTI DA ELETTRICHE ED 10 IDEE APPARECCHIATURE ELETTRONICHE di Gaia Gusso Intervista al dottor Paolo Pipere, Responsabile Servizio Territorio, Ambiente e Cultura della Camera di Commercio Industria

Dettagli

1. Considerazioni preliminari

1. Considerazioni preliminari 1. Considerazioni preliminari Uno dei principali aspetti decisionali della gestione logistica è decidere dove localizzare nuove facility, come impianti, magazzini, rivenditori. Ad esempio, consideriamo

Dettagli

WORKSHOP Centri di Raccolta e Sistema RAEE. Pineto, 14 giugno 2013

WORKSHOP Centri di Raccolta e Sistema RAEE. Pineto, 14 giugno 2013 WORKSHOP Centri di Raccolta e Sistema RAEE Pineto, 14 giugno 2013 La gestione dei RAEE IL NUOVO e l Accordo ACCORDO di Programma DI PROGRAMMA ANCI Centro ANCI CdC di Coordinamento RAEE RAEE 111 INTRODUZIONE

Dettagli

CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN EMILIA-ROMAGNA ANNO 2010

CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN EMILIA-ROMAGNA ANNO 2010 CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN EMILIA-ROMAGNA ANNO 2010 2 DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE

Dettagli

Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di flusso

Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di flusso Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di flusso Flusso di costo minimo È dato un grafo direzionato G = (N, A). Ad ogni arco (i, j) A è associato il costo c ij

Dettagli

Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di Network design

Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di Network design Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di Network design Network Design È data una rete rappresentata su da un grafo G = (V, A) e un insieme di domande K, ciascuna

Dettagli

Un applicazione della programmazione lineare ai problemi di trasporto

Un applicazione della programmazione lineare ai problemi di trasporto Un applicazione della programmazione lineare ai problemi di trasporto Corso di Ricerca Operativa per il Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria della Sicurezza: Trasporti e Sistemi Territoriali AA 2012-2013

Dettagli

Modelli di Programmazione Lineare. PRTLC - Modelli

Modelli di Programmazione Lineare. PRTLC - Modelli Modelli di Programmazione Lineare PRTLC - Modelli Schema delle esercitazioni Come ricavare la soluzione ottima Modelli Solver commerciali Come ricavare una stima dell ottimo Rilassamento continuo - generazione

Dettagli

Collegare in rete i soggetti pubblici e privati della Regione Sicilia attraverso la quale offrire servizi pianificati e integrati di raccolta e

Collegare in rete i soggetti pubblici e privati della Regione Sicilia attraverso la quale offrire servizi pianificati e integrati di raccolta e Una Piattaforma Tecnologica di gestione della Reverse Logistics per i RAEE della Sicilia Il punto di partenza Collegare in rete i soggetti pubblici e privati della Regione Sicilia attraverso la quale offrire

Dettagli

FUTURAEE. Risorse per il futuro.

FUTURAEE. Risorse per il futuro. FUTURAEE FUTURAEE è il progetto nato dalla collaborazione tra Cobat e un network selezionato di impianti di trattamento all avanguardia nella gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Dettagli

RAEE Mobile _ pag. 1 di 2

RAEE Mobile _ pag. 1 di 2 RAEE Mobile _ pag. 1 di 2 Refrigeratori e condizionatori 01 _ Apparecchiature per la refrigerazione e il condizionamento Frigoriferi; congelatori; apparecchi per il condizionamento Lavatrici e lavastoviglie

Dettagli

RAEE PROFESSIONALI TORINO

RAEE PROFESSIONALI TORINO Provincia di Torino Area Ambiente RAEE PROFESSIONALI!&%!# ' TORINO D.Lgs. 151 del 25 luglio 2005 Attuazione delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell'uso di sostanze

Dettagli

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO 2012

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO 2012 centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE

Dettagli

RAEE Mobile _ pag. 1 di 2

RAEE Mobile _ pag. 1 di 2 RAEE Mobile _ pag. 1 di 2 Refrigeratori e condizionatori 01 _ Apparecchiature per la refrigerazione e il condizionamento Frigoriferi; congelatori; apparecchi per il condizionamento Lavatrici e lavastoviglie

Dettagli

Relazione sull attività didattica e scientifica del Ricercatore. (D.P.R. n. 382/1980)

Relazione sull attività didattica e scientifica del Ricercatore. (D.P.R. n. 382/1980) Relazione sull attività didattica e scientifica del Ricercatore (D.P.R. n. 382/1980) La sottoscritta Maria Giovanna Tongiani, nata a Massa (MS) il 07/05/1955, Ricercatore confermato (S.S.D. SECS-P/08 -

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

Management Sanitario. Modulo di Ricerca Operativa

Management Sanitario. Modulo di Ricerca Operativa Management Sanitario per il corso di Laurea Magistrale SCIENZE RIABILITATIVE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Modulo di Ricerca Operativa Prof. Laura Palagi http://www.dis.uniroma1.it/ palagi Dipartimento di

Dettagli

SETTEMBRE 2010. 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione, Centri di Assistenza Tecnica e Installatori. Quaderni ReMedia 4

SETTEMBRE 2010. 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione, Centri di Assistenza Tecnica e Installatori. Quaderni ReMedia 4 SETTEMBRE 2010 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione, Centri di Assistenza Tecnica e Installatori 4 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione,

Dettagli

Life + Environment, WEEENmodels: un modello intelligente per la raccolta dei RAEE, un caso pilota nazionale possibile. www.weeenmodels.

Life + Environment, WEEENmodels: un modello intelligente per la raccolta dei RAEE, un caso pilota nazionale possibile. www.weeenmodels. Life + Environment, WEEENmodels: un modello intelligente per la raccolta dei RAEE, un caso pilota nazionale possibile Roma, 11 luglio 2014 Dott.ssa Alessandra Risso Comune di Genova Dott. Michele Solari

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II. Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed Ambientale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II. Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed Ambientale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed Ambientale Tesi di laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio: Ottimizzazione progettuale del sistema

Dettagli

Introduzione al sistema italiano di gestione dei RAEE

Introduzione al sistema italiano di gestione dei RAEE Introduzione al sistema italiano di gestione dei RAEE 1/24 I - PREMESSA: I RAEE (1/3) I RAEE (rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), secondo la normativa italiana in vigore, derivano da

Dettagli

DIRETTIVA N 02 ATO 7 - RAVENNA

DIRETTIVA N 02 ATO 7 - RAVENNA AUTORITA D AMBITO DI Piazza dei Caduti per la libertà, 2/4 48121 Ravenna Tel. 0544/215026 Fax 0544/211728 Rev. 5 aato@mail.provincia.ra.it - www.racine.ra.it/aato Foglio 1/5 DIRETTIVA N 02 Ai sensi dell

Dettagli

Problemi di localizzazione impianti

Problemi di localizzazione impianti Problemi di localizzazione impianti Laura Galli Dipartimento di Informatica Largo B. Pontecorvo 3, 56127 Pisa laura.galli@unipi.it http://www.di.unipi.it/~galli 2 Dicembre 2014 Ricerca Operativa 2 Laurea

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI - Lezione 1 - Prof. Domenico Gattuso domenico.gattuso@unirc.it 0965/875218 Domenico Gattuso 1 CONTENUTI Nomenclatura di base Processo di Pianificazione

Dettagli

Gruppo di ricerca RAEE. Sintesi secondo workshop

Gruppo di ricerca RAEE. Sintesi secondo workshop Gruppo di ricerca RAEE Sintesi secondo workshop Il secondo Workshop I lavori del secondo incontro del Gruppo di Ricerca RAEE hanno avuto come argomento di analisi la filiera logistica del sistema RAEE

Dettagli

b i 1,1,1 1,1,1 0,1,2 0,3,4

b i 1,1,1 1,1,1 0,1,2 0,3,4 V o Appello // RICERCA OPERATIVA - Corso A (a.a. 9/) Nome Cognome: Corso di Laurea: L C6 LS LM Matricola: ) Si consideri il problema di flusso di costo minimo in figura. Si verifichi se il flusso ammissibile

Dettagli

METODI MATEMATICI PER LE DECISIONI ECONOMICHE E AZIENDALI 12 CANDIDATO.. VOTO

METODI MATEMATICI PER LE DECISIONI ECONOMICHE E AZIENDALI 12 CANDIDATO.. VOTO METODI MATEMATICI PER LE DECISIONI ECONOMICHE E AZIENDALI 12 1) In un problema multiattributo i pesi assegnati ai vari obiettivi ed i risultati che essi assumono in corrispondenza alle varie alternative

Dettagli

Modellistica e simulazione ad agente dei mercati liberi dell'energia elettrica

Modellistica e simulazione ad agente dei mercati liberi dell'energia elettrica Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Modellistica e simulazione ad agente dei mercati liberi dell'energia elettrica Candidato: Luigi Mauro Benvenuto

Dettagli

Capitolo 5: Ottimizzazione Discreta. E. Amaldi DEI, Politecnico di Milano

Capitolo 5: Ottimizzazione Discreta. E. Amaldi DEI, Politecnico di Milano Capitolo 5: Ottimizzazione Discreta E. Amaldi DEI, Politecnico di Milano 5.1 Modelli di PLI, formulazioni equivalenti ed ideali Il modello matematico di un problema di Ottimizzazione Discreta è molto spesso

Dettagli

Esercizio 1: Automobili

Esercizio 1: Automobili Esercizio 1: Automobili Le variabili decisionali sono i quattro pesi da attribuire alle quattro caratteristiche. Si tratta di variabili intere maggiori o uguali a 1, minori o uguali a 5, che sommate devono

Dettagli

L esperienza di UNIMORE nella gestione sostenibile dei RAEE

L esperienza di UNIMORE nella gestione sostenibile dei RAEE L esperienza di UNIMORE nella gestione sostenibile dei RAEE Leonarda Troiano Settore Consulenza Gestione Rifiuti Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia RAEE Le Università producono rifiuti da

Dettagli

Intervento realizzato con il contributo della Regione Piemonte e della Provincia di Torino Polo Ecologico, 9 maggio 2011

Intervento realizzato con il contributo della Regione Piemonte e della Provincia di Torino Polo Ecologico, 9 maggio 2011 SISTEMA SPERIMENTALE DI CONTROLLO ACCESSI ECOISOLE Intervento realizzato con il contributo della Regione Piemonte e della Provincia di Torino Polo Ecologico, 9 maggio 2011 Le Ecoisole in numeri I centri

Dettagli

Come preparare i RAEE B2B per il ritiro con ecor it. Prodotto da Consorzio ecor'it Tutti i diritti riservati

Come preparare i RAEE B2B per il ritiro con ecor it. Prodotto da Consorzio ecor'it Tutti i diritti riservati Come preparare i RAEE B2B per il ritiro con ecor it Vengono prodotti dei Rifiuti in ambito Abbiamo in azienda un certo numero di apparecchiature elettriche ed elettroniche, obsolete, rovinate, invendibili,

Dettagli

Workshop S: Il Riutilizzo, le sue filiere e la gestione dei rifiuti ESEMPI CONCRETI E STRUTTURATI DI CENTRI DEL RIUSO

Workshop S: Il Riutilizzo, le sue filiere e la gestione dei rifiuti ESEMPI CONCRETI E STRUTTURATI DI CENTRI DEL RIUSO Workshop S: Il Riutilizzo, le sue filiere e la gestione dei rifiuti ESEMPI CONCRETI E STRUTTURATI DI CENTRI DEL RIUSO 26 settembre 2013 Mario Sunseri Labelab www.rifiutilab.it Progetto sviluppato a partire

Dettagli

dei sistemi collettivi nazionali costituito in ottemperanza al

dei sistemi collettivi nazionali costituito in ottemperanza al Il Centro di Coordinamento dei sistemi collettivi nazionali costituito in ottemperanza al Decreto Legislativo 25 Luglio 2005 n. 151 Normativa di riferimento Il tema dei RAEE (Rifiuti di Apparecchiature

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Docente: Pasquale L. De Angelis deangelis@uniparthenope.it tel. 081 5474557 http://www.economia.uniparthenope.it/siti_docenti P.L.DeAngelis Modelli

Dettagli

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN MOLISE ANNO 2012

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN MOLISE ANNO 2012 centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN MOLISE ANNO centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE

Dettagli

Etichette Energetiche e utili consigli per la scelta e l uso degli elettrodomestici

Etichette Energetiche e utili consigli per la scelta e l uso degli elettrodomestici Etichette Energetiche e utili consigli per la scelta e l uso degli elettrodomestici Finalità etichettatura energetica La finalità dell etichettatura energetica degli elettrodomestici è quella di informare

Dettagli

RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI

RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI ci prendiamo cura dell ambiente in cui viviamo e abbiamo i numeri per farlo GLI OBIETTIVI DI ECODOM Eccellenza ambientale, efficienza operativa ed economica sono i

Dettagli

Un esempio di applicazione della programmazione lineare intera all ingegneria del software: stima del worst-case execution time di un programma

Un esempio di applicazione della programmazione lineare intera all ingegneria del software: stima del worst-case execution time di un programma Un esempio di applicazione della programmazione lineare intera all ingegneria del software: stima del worst-case execution time di un programma Corso di Ricerca Operativa per il Corso di Laurea Magistrale

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Prisca Promotore/i: Comune di San Benedetto del Tronto Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE

COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE Rimini, 27/10/05 Agli organi di informazione COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE Dopo la prima presentazione in aprile, sono proseguiti in questi mesi

Dettagli

UNA GESTIONE DEI RAEE ECCELLENTE DAL PUNTO DI VISTA AMBIENTALE ED EFFICIENTE DAL PUNTO DI VISTA ECONOMICO

UNA GESTIONE DEI RAEE ECCELLENTE DAL PUNTO DI VISTA AMBIENTALE ED EFFICIENTE DAL PUNTO DI VISTA ECONOMICO ECODOM UNA GESTIONE DEI RAEE ECCELLENTE DAL PUNTO DI VISTA AMBIENTALE ED EFFICIENTE DAL PUNTO DI VISTA ECONOMICO A. NORMATIVA DI RIFERIMENTO IL TEMA DEI RAEE (RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE)

Dettagli

mese 1 2 3 4 5 richiesta 6000 7000 8000 9500 11000

mese 1 2 3 4 5 richiesta 6000 7000 8000 9500 11000 1.7 Servizi informatici. Un negozio di servizi informatici stima la richiesta di ore di manutenzione/consulenza per i prossimi cinque mesi: mese 1 2 3 4 5 richiesta 6000 7000 8000 9500 11000 All inizio

Dettagli

PROGETTO LIFE N. 538 PIRR PIATTAFORMA INTEGRATA PER IL RECUPERO DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

PROGETTO LIFE N. 538 PIRR PIATTAFORMA INTEGRATA PER IL RECUPERO DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE PROGETTO LIFE N. 538 PIRR PIATTAFORMA INTEGRATA PER IL RECUPERO DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE CRITERI INFORMATORI E OBIETTIVI DEL PROGETTO GABRIELE CANE AMMINISTRATORE DELEGATO

Dettagli

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE ACCORDO DI PROGRAMMA TRA ANCI, LE ORGANIZZAZIONI NAZIONALI DI CATEGORIA DELLA DISTRIBUZIONE E IL CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

IL CICLO INTEGRATO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI (raccolta, riciclo, recupero e smaltimento): SITUAZIONE E PROSPETTIVE

IL CICLO INTEGRATO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI (raccolta, riciclo, recupero e smaltimento): SITUAZIONE E PROSPETTIVE IL CICLO INTEGRATO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI (raccolta, riciclo, recupero e smaltimento): SITUAZIONE E PROSPETTIVE Sassari, 1 luglio 2010 MODULO 2.3 LA GESTIONE DEI RAEE 1/31 I - PREMESSA: I RAEE (1/3)

Dettagli

Gli italiani e il riciclo dei piccoli apparecchi elettronici domestici

Gli italiani e il riciclo dei piccoli apparecchi elettronici domestici Page 1 of 6 n. 174 - Mercoledì 14 Settembre 2011 Gli italiani e il riciclo dei piccoli apparecchi elettronici domestici Remedia e GFK Eurisko hanno realizzato dal febbraio all aprile 2011 una ricerca finalizzata

Dettagli

COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 7 del 27/04/2012. INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi di applicazione

Dettagli

IDENTIS WEEE Identification DEterminatioN Traceability Integrated System for WEEE LIFE10 ENV/IT/393

IDENTIS WEEE Identification DEterminatioN Traceability Integrated System for WEEE LIFE10 ENV/IT/393 IDENTIS WEEE Identification DEterminatioN Traceability Integrated System for WEEE LIFE10 ENV/IT/393 IDENTIS WEEE Identification DEterminatioN Traceability Integrated System for WEEE LIFE10 ENV/IT/393 D-1

Dettagli

Seconda Prova di Ricerca Operativa. Cognome Nome Numero Matricola A 1/12 A 2/12

Seconda Prova di Ricerca Operativa. Cognome Nome Numero Matricola A 1/12 A 2/12 A / A / Seconda Prova di Ricerca Operativa Cognome Nome Numero Matricola Nota: LA RISOLUZIONE CORRETTA DEGLI ESERCIZI CONTRADDISTINTI DA UN ASTERISCO È CONDIZIONE NECESSARIA PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLA

Dettagli

Esame di Ricerca Operativa del 20/12/13. Esercizio 1. Completare la seguente tabella considerando il problema di programmazione lineare:

Esame di Ricerca Operativa del 20/12/13. Esercizio 1. Completare la seguente tabella considerando il problema di programmazione lineare: Esame di Ricerca Operativa del 0// (Cognome) (Nome) (Corso di laurea) Esercizio. Completare la seguente tabella considerando il problema di programmazione lineare: max x x x + x x +x x x x x x x 0 x x

Dettagli

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1 Analisi della catena logistica Analisi della catena logistica 1 La visione tradizionale della logistica nel settore manifatturiero Utile 4% Costi della Logistica 21% Utile Costi logistici Costi del Marketing

Dettagli

Via E. Segrè n.14 36034 Malo (VI) Tel./Fax 0445-581381 E-mail : info@seaecocentro.com Web : www.seaecocentro.com

Via E. Segrè n.14 36034 Malo (VI) Tel./Fax 0445-581381 E-mail : info@seaecocentro.com Web : www.seaecocentro.com S.E.A. srl Servizi Ecologici Ambientali investe costantemente in ricerca ed innovazione, ponendosi obiettivi sempre maggiori nelle percentuali di materie prime secondarie recuperate dal trattamento di

Dettagli

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE ACCORDO DI PROGRAMMA TRA ANCI, LE ORGANIZZAZIONI NAZIONALI DI CATEGORIA DELLA DISTRIBUZIONE E IL CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

SISTEMI DI CONDOTTE: Il dimensionamento idraulico

SISTEMI DI CONDOTTE: Il dimensionamento idraulico SISTEMI DI CONDOTTE: Il dimensionamento idraulico Carlo Ciaponi Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Ingegneria Idraulica e Ambientale Posizione del del problema Rete da progettare di cui è

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 3. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 3. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 3 Angelo Bonomi COSA E LA TECNOLOGIA Con il nome di tecnologia si indicano cose con vari significati come una tecnologia

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Finalità Formare laureati specialistici in grado di effettuare la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione dei lavori, la stima, il collaudo

Dettagli

Una nuova filosofia di raccolta

Una nuova filosofia di raccolta Una nuova filosofia di raccolta Network Raee CONFCOMMERCIO-ANCRA PREMESSA In occasione dell acquisto di una nuova apparecchiatura elettronica, il distributore deve ritirare gratuitamente dal cittadino

Dettagli

Dimensionamento dei lotti di produzione: il caso con variabilità nota

Dimensionamento dei lotti di produzione: il caso con variabilità nota Dimensionamento dei lotti di produzione: il caso con variabilità nota A. Agnetis In questi appunti studieremo alcuni modelli per il problema del lot sizing, vale a dire il problema di programmare la dimensione

Dettagli

GESTIONE DEL SISTEMA MULTICONSORTILE. Centro di Coordinamento Ing. Giuliano Maddalena

GESTIONE DEL SISTEMA MULTICONSORTILE. Centro di Coordinamento Ing. Giuliano Maddalena GESTIONE DEL SISTEMA MULTICONSORTILE Centro di Coordinamento Ing. Giuliano Maddalena CICLO DI VITA DELL AEE DOMESTICO PRODUTTORE CONSORZIO DISTRIBUTORE IMPIANTO TRATTAMENTO UTILIZZATORE FINALE CENTRO DI

Dettagli

Modelli di Programmazione Lineare e Programmazione Lineare Intera

Modelli di Programmazione Lineare e Programmazione Lineare Intera Modelli di Programmazione Lineare e Programmazione Lineare Intera 1 Azienda Dolciaria Un azienda di cioccolatini deve pianificare la produzione per i prossimi m mesi. In ogni mese l azienda ha a disposizione

Dettagli

Esame di Ricerca Operativa del 19/01/2016

Esame di Ricerca Operativa del 19/01/2016 Esame di Ricerca Operativa del 19/01/201 (Cognome) (Nome) (Matricola) Esercizio 1. Una banca offre ai suoi clienti diversi tipi di prestito: mutuo casa, credito auto, credito famiglia, che rendono un interesse

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre

Università degli Studi Roma Tre Università degli Studi Roma Tre FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA LABORATORIO DI TERMODINAMICA APPLICATA AI SISTEMI ENERGETICI

Dettagli

COMUNE DI CASSACCO. Comun di Cjassà. Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere della Giunta COPIA N. 3

COMUNE DI CASSACCO. Comun di Cjassà. Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere della Giunta COPIA N. 3 COMUNE DI CASSACCO Comun di Cjassà Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere della Giunta COPIA N. 3 OGGETTO: Approvazione realizzazione Centro di Raccolta RAEE presso immobile

Dettagli

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA»

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» «VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» SISTEMI DI INFORMAZIONE I sistemi di informazione sono apparati costituiti da strumentazione connessa

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA NEL. Ing. Davide Vitali

EFFICIENZA ENERGETICA NEL. Ing. Davide Vitali Introduzione EFFICIENZA ENERGETICA NEL SETTORE TERZIARIO 1 Definizioni DIRETTIVA 2012/27/UE: Efficienza energetica - Rapporto tra risultato in termini di rendimento, energia, servizi o merci e l immissione

Dettagli

Gli obblighi del punto vendita

Gli obblighi del punto vendita Il Decreto Legislativo 14 Marzo 2014 n. 49, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 28 Marzo 2014 introduce alcune modifiche alla normativa vigente in materia di RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA RAEE

LA NUOVA DIRETTIVA RAEE LA NUOVA DIRETTIVA RAEE E stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale dell'unione europea, la nuova Direttiva 2012/19/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4 luglio 2012, sui rifiuti di apparecchiature

Dettagli

Servizi Ambientali per Banche ed Imprese. Forum Green Economy 2014. Raccolta, Riutilizzo e Recupero dei rifiuti.

Servizi Ambientali per Banche ed Imprese. Forum Green Economy 2014. Raccolta, Riutilizzo e Recupero dei rifiuti. Servizi Ambientali per Banche ed Imprese Raccolta, Riutilizzo e Recupero dei rifiuti. Forum Green Economy 2014 Roma 4/5 giugno 2014 relatore: Moreno Lolli coordinamento: Elena Mazzoni Un po di storia 1997

Dettagli

RASSEGNA STAMPA 02.07.2014. a cura di

RASSEGNA STAMPA 02.07.2014. a cura di RASSEGNA STAMPA 02.07.2014 a cura di INDICE RASSEGNA STAMPA QUOTIDIANI CARTACEI Avvenire - Aumenta la raccolta dei rifiuti elettrici Corriere della Sera-Milano - Amsa, record di rifiuti tecnologici. Ma

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Uno contro Uno. Approfondimento sul DM 8/03/2010 n 65. Milano Fiera Milano City SMAU 2010. www.unocontrouno.it

Uno contro Uno. Approfondimento sul DM 8/03/2010 n 65. Milano Fiera Milano City SMAU 2010. www.unocontrouno.it Uno contro Uno www.unocontrouno.it Approfondimento sul DM 8/03/2010 n 65 Milano Fiera Milano City SMAU 2010 IL NUOVO DECRETO DM 65 dell' 8 marzo 2010 Gazzetta Ufficiale n. 102 del 4 maggio 2010 Sancisce

Dettagli

Modelli LP (complementi)

Modelli LP (complementi) Modelli LP (complementi) Daniele Vigo D.E.I.S. - Università di Bologna dvigo@deis.unibo.it rev. 1.0 - ottobre 2003 1. Comprare o fabbricare? Electro-Poly è un produttore leader di lavatrici Ha ricevuto

Dettagli

2) Codici univocamente decifrabili e codici a prefisso.

2) Codici univocamente decifrabili e codici a prefisso. Argomenti della Lezione ) Codici di sorgente 2) Codici univocamente decifrabili e codici a prefisso. 3) Disuguaglianza di Kraft 4) Primo Teorema di Shannon 5) Codifica di Huffman Codifica di sorgente Il

Dettagli

delle Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche in Italia

delle Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche in Italia delle Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche in Italia I PARTNER DELLA RICERCA Netcomm, il Consorzio del Commercio Elettronico Italiano, annovera tra i suoi consorziati le più importanti aziende di

Dettagli

Data Mining a.a. 2010-2011

Data Mining a.a. 2010-2011 Data Mining a.a. 2010-2011 Docente: mario.guarracino@cnr.it tel. 081 6139519 http://www.na.icar.cnr.it/~mariog Informazioni logistiche Orario delle lezioni A partire dall 19.10.2010, Martedì h: 09.50 16.00

Dettagli

Porta i tuoi rifiuti all Isola Ecologica e avrai uno sconto sulla TIA! PREMI

Porta i tuoi rifiuti all Isola Ecologica e avrai uno sconto sulla TIA! PREMI PUNTI EURO Dif ferenzi Risparmi! Porta i tuoi rifiuti all Isola Ecologica e avrai uno sconto sulla TIA! Puoi vincere 100 Puoi vincere PREMI La promozione Con la raccolta differenziata diminuiscono i rifiuti

Dettagli

Progetto e Ottimizzazione di Reti 1. Presentazione del Corso

Progetto e Ottimizzazione di Reti 1. Presentazione del Corso Progetto e Ottimizzazione di Reti 1. Presentazione del Corso PAOLO NOBILI (M-Z) ANTONIO SASSANO (A-L) Università di Roma La Sapienza Dipartimento di Informatica e Sistemistica Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Sostituzione dei corpi illuminanti esistenti con corpi illuminanti Led

Sostituzione dei corpi illuminanti esistenti con corpi illuminanti Led EX FACOLTA DI INGEGNERIA Sostituzione dei corpi illuminanti esistenti con corpi illuminanti Led L impianto di illuminazione interna del complesso della ex Facoltà di Ingegneria è oggi tecnicamente obsoleto,

Dettagli

Esame di Ricerca Operativa del 19/01/2016

Esame di Ricerca Operativa del 19/01/2016 Esame di Ricerca Operativa del 9/0/06 (Cognome) (Nome) (Matricola) Esercizio. Una banca offre ai suoi clienti diversi tipi di prestito: mutuo casa, credito auto, credito famiglia, che rendono un interesse

Dettagli

Dove si consuma energia in casa vostra?

Dove si consuma energia in casa vostra? Dove si consuma energia in casa vostra? Articoli elettronici 4% Modalità standby 6% Riscaldamento & raffreddamento 22% Refrigerazione 7% Elettrodomestici da cucina 9% Illuminazione 9% Altro 3% Lavaggio

Dettagli

Analisi LCA del Sistema di Gestione dei RAEE: effetto dei confini del sistema

Analisi LCA del Sistema di Gestione dei RAEE: effetto dei confini del sistema Analisi LCA del Sistema di Gestione dei RAEE: effetto dei confini del sistema Anna Maria Ferrari Rifiuti e Life Cycle Thinking, Milano, 24 Giugno 2015 Diversi livelli di raccolta differenziata dei RAEE

Dettagli

Ricerca operativa. prof. Mario Sandri mario.sandri@gmail.it

Ricerca operativa. prof. Mario Sandri mario.sandri@gmail.it Ricerca operativa prof. Mario Sandri mario.sandri@gmail.it Ricerca operativa La ricerca operativa (nota anche come teoria delle decisioni, scienza della gestione o, in inglese, operations research ("Operational

Dettagli

leaflet risparmio in casa OK.ind1 1 21/02/2011 15.11.06

leaflet risparmio in casa OK.ind1 1 21/02/2011 15.11.06 leaflet risparmio in casa OK.ind1 1 21/02/2011 15.11.06 leaflet risparmio in casa OK.ind2 2 21/02/2011 15.11.06 IL RISPARMIO ENERGETICO IN CASA piccoli gesti, grandi vantaggi Il risparmio energetico è

Dettagli

ESEMPIO P.L. : PIANIFICAZIONE DI INVESTIMENTI

ESEMPIO P.L. : PIANIFICAZIONE DI INVESTIMENTI ESEMPIO P.L. : PIANIFICAZIONE DI INVESTIMENTI PROBLEMA: un azienda deve scegliere fra due possibili investimenti al fine di massimizzare il profitto netto nel rispetto delle condizioni interne e di mercato

Dettagli

RISULTATI RAGGIUNTI E LAVORI IN CORSO. AWARD ECOHITECH Milano - 29 ottobre 2007

RISULTATI RAGGIUNTI E LAVORI IN CORSO. AWARD ECOHITECH Milano - 29 ottobre 2007 RISULTATI RAGGIUNTI E LAVORI IN CORSO AWARD ECOHITECH Milano - 29 ottobre 2007 1 Sistema multi-consortile (1) La gestione dei RAEE storici provenienti dai nuclei domestici deve obbligatoriamente essere

Dettagli

HACKATHON del 21 23 Nov. 2014

HACKATHON del 21 23 Nov. 2014 Tema della Hackathon Smart Home vista come un eco sistema di dispositivi connessi e di servizi integrati per il cliente finale. Ecosistema che integra dai sistemi di gestione della sicurezza e del comfort

Dettagli

rassegna 16 n.20 novembre 2015 Optit Srl, Cesena (FC), www.optit.net

rassegna 16 n.20 novembre 2015 Optit Srl, Cesena (FC), www.optit.net Ottimizzazione primaria e secon Claudio Caremi 1, Fabio Lombardi 1, Mattia Manfroni 1, Tiziano Parriani 1, Lorenzo Ravaglia 1, Gessica Zarri 1, Daniele Vigo 1,2, Giorgia Volta 3, Fabrizio Salieri 3, Adriano

Dettagli

Esame di Ricerca Operativa del 18/12/12. Esercizio 1. Completare la seguente tabella considerando il problema di programmazione lineare:

Esame di Ricerca Operativa del 18/12/12. Esercizio 1. Completare la seguente tabella considerando il problema di programmazione lineare: Esame di Ricerca Operativa del 8// (Cognome) (Nome) (Corso di laurea) Esercizio. Completare la seguente tabella considerando il problema di programmazione lineare: max x x x x x x x + x x x + x 8 x Base

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 GENERALITÀ Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura Denominazione della buona pratica: Free Pack Net. Realizzazione e commercializzazione di un imballo ritornabile e riutilizzabile

Dettagli

REGOLAMENTO INCENTIVI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA A FAVORE DEI CITTADINI VIRTUOSI

REGOLAMENTO INCENTIVI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA A FAVORE DEI CITTADINI VIRTUOSI COMUNE DI MELITO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO INCENTIVI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA A FAVORE DEI CITTADINI VIRTUOSI INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art.

Dettagli