a) prevalenti motivi di pubblico interesse; b) causa di forza maggiore; c) limitazioni e vincoli imposti da motivi igienico sanitari.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "a) prevalenti motivi di pubblico interesse; b) causa di forza maggiore; c) limitazioni e vincoli imposti da motivi igienico sanitari."

Transcript

1 Allegato parte integrante Allegato n. 1 - Delibera dei criteri posteggi aree pubbliche Indirizzi generali per lo svolgimento dell attività di commercio su aree pubbliche mediante posteggio ai sensi dell articolo 16 della legge provinciale 30 luglio 2010, n Nel seguito del presente atto, la legge provinciale 30 luglio 2010, n. 17 Legge provinciale sul commercio 2010 sarà sinteticamente indicata legge provinciale. 2. Criteri, limiti e modalità per l istituzione, lo spostamento e l ampliamento dei mercati di cui all art. 16, comma 1, lettera a) della legge provinciale. 2.1 L istituzione di nuovi mercati nei mercati periodici o saltuari come definiti con l articolo 13 del Regolamento di esecuzione della legge provinciale e l ampliamento di quelli esistenti è effettuata dal Comune nel rispetto delle indicazioni di cui al paragrafo 3; 2.2 L istituzione di nuovi posteggi isolati, come definiti con l articolo 13 del regolamento di esecuzione della legge provinciale è effettuata dal Comune in relazione all esigenza di rendere un servizio al consumatore residente o al movimento turistico di passaggio in località o zone prive o carenti di analogo servizio. 2.3 Lo spostamento di sede dei mercati o di parte di essi oppure la variazione della data di svolgimento può essere disposto dai Comuni nei seguenti casi: a) prevalenti motivi di pubblico interesse; b) causa di forza maggiore; c) limitazioni e vincoli imposti da motivi igienico sanitari. Nei casi di cui alle lettere a) e b) il Comune deve adeguatamente documentare e motivare nel provvedimento di spostamento le sopravvenute esigenze di pubblico interesse o causa di forza maggiore in relazione alle quali non risultano individuabili soluzioni alternative atte a evitare o mitigare le necessità di spostamento. Pag. 1 di 5 All. 001 RIFERIMENTO: 2013-S

2 Nei casi di lavori che interessano le aree mercatali, l amministrazione pubblica nel compiere le proprie scelte dovrà effettuare un giusto contemperamento di tutti gli interessi coinvolti tenendo conto anche del minor impatto che tali scelte producono sullo svolgimento dell attività di commercio su aree pubbliche. La riassegnazione dei posteggi in altra sede agli operatori già titolari di concessioni avviene con i seguenti titoli di priorità: a) anzianità di presenza sul posteggio, sommata a quella dell eventuale dante causa e, nel caso di parità, anzianità di iscrizione al registro delle imprese dell attuale soggetto in possesso del titolo abilitativo commerciale. E fatta salva la facoltà da parte dei comuni di mantenere le graduatorie formate ai sensi delle previgenti disposizioni. b) dimensioni e caratteristiche dei posteggi disponibili in relazione al tipo di attrezzatura di vendita utilizzata; c) esigenze di allaccio alla rete elettrica, idrica e fognaria; d) necessità di assicurare posizioni di sicurezza, con agevole accesso dei mezzi di soccorso, per i posteggi occupati da operatori che utilizzano attrezzature potenzialmente pericolose (bombole gas ecc.) 3. Criteri e modalità per la determinazione delle aree, del numero e della tipologia dei posteggi di cui all articolo 16, comma 1, lettera b) della legge provinciale. 3.1 I Comuni individuano le aree da destinare al commercio su aree pubbliche tenendo conto delle seguenti indicazioni: a) favorire e consolidare una rete distributiva che assicuri il servizio più idoneo a soddisfare gli interessi dei consumatori valorizzando la funzione del commercio su aree pubbliche; b) salvaguardare e riqualificare i centri storici, le zone di pregio artistico, storico, architettonico e ambientale mediante la valorizzazione del commercio su aree pubbliche; c) rispettare i vincoli e le limitazioni imposti per motivi di polizia stradale, igienico sanitari o i divieti previsti nei regolamenti comunali di polizia urbana; d) consentire un facile accesso ai consumatori; e) creare il minor disagio possibile alla popolazione residente; Pag. 2 di 5 All. 001 RIFERIMENTO: 2013-S

3 f) assicurare un agevole accesso ai mezzi di soccorso e di servizio. 3.2 Il numero dei posteggi da destinare all esercizio su aree pubbliche deve essere proporzionato all esigenza di assicurare sufficienti spazi di parcheggio per i mezzi degli operatori nell ambito delle aree individuate conformemente alla indicazioni stabilite con il punto 3.1. I posteggi sono dislocati secondo una razionale disposizione commerciale, tenendo conto anche di esigenze igienico-sanitarie o di superficie richieste dalle diverse tipologie merceologiche. 3.3 I settori merceologici dei posteggi si distinguono in settore alimentare e settore non alimentare. Nell ambito dei detti settori merceologici, i comuni possono determinare le tipologie merceologiche dei posteggi al fine di garantire il miglior servizio da rendere ai consumatori con un offerta completa, equilibrata e diversificata e assicurare, in particolare, la continuità del servizio di somministrazione (bevande, panini, cibi cotti e simili). 3.4 In relazione ad esigenze di riduzione del numero dei posteggi nei mercati esistenti, legate a necessità di riorganizzazione funzionale dei mercati stessi o a problematiche di sicurezza, i Comuni possono prevedere che i posteggi divenuti liberi per effetto di cessazioni o revoche non vengano riassegnati. 4. Criteri per la determinazione della percentuale di posteggi da riservare ai produttori agricoli che esercitano la vendita di prodotti agricoli con le modalità previste dall articolo 4 del decreto legislativo n. 228 del Nell ambito dei mercati periodici e saltuari i comuni individuano posteggi riservati ai produttori agricoli fino ad un massimo del 5 per cento dei posteggi mercatali, assicurando in ogni caso, per frazioni inferiori, la presenza di almeno un posteggio riservato. Tali posteggi sono concessi, in via prioritaria, ai produttori agricoli che pongono in vendita prodotti a km zero e/o prodotti tipici espressione dei luoghi di produzione locale rispetto al bacino di utenza dove si svolge il mercato e/o prodotti biologici. Pag. 3 di 5 All. 001 RIFERIMENTO: 2013-S

4 5. Orari di effettuazione dell attività di vendita di cui all art. 16, comma 1, lettera d) della legge provinciale. L orario di effettuazione dell attività di vendita è determinato dai comuni ed è consentito nelle stesse giornate e negli stessi orari di vendita stabiliti dalla legge provinciale per gli esercizi di vendita al dettaglio. 6. Canoni per la concessione dei posteggi di cui all articolo 16, comma 1, lettera f) della legge provinciale. La determinazione del canone per la concessione dei posteggi è commisurata alle spese sostenute dal Comune per la predisposizione delle aree mercatali e per le operazioni finalizzate ad assicurare un corretto svolgimento dei mercati. Rientrano quindi nel canone le spese sostenute per l apprestamento della segnaletica, il posizionamento di transenne e dispositivi di protezione, la rimozione e il riposizionamento di parti di arredo urbano movimentate appositamente per il mercato, il servizio di sgombero neve che garantisca, salvo nevicate particolarmente abbondanti, la celere accessibilità delle aree di mercato, i servizi a rete eventualmente messi a disposizione (energia elettrica ed acqua, con esclusione in ogni caso della rimozione e smaltimento dei rifiuti) e il servizio connesso alla gestione amministrativa del mercato ( rilevazione presenze, gestione operazioni di spunta, riscossione dei corrispettivi del posteggio, recapito di eventuale documentazione connessa al mercato ecc.). La determinazione del canone va effettuata da parte del Comune in modo graduato (anche per classi o scaglioni di tariffa) in funzione della differenziazione (facoltativa) per zone territoriali e dei diversi servizi messi a disposizione dei concessionari dei posteggi nelle varie zone. Allo scopo di ridurre gli adempimenti a carico delle imprese per il versamento dei canoni di competenza di ciascun comune, i Comuni possono sostituire il Cosap eventualmente istituito (ai sensi dell articolo 63 del D, Lgs. N. 446/1997 e s.m.) in sostituzione della Tosap (disciplinata dagli artt. 38 e seguenti del D. Lgs. N. 507/1993 e s.m.) e dovuto per il mero distoglimento del suolo pubblico dalla fruizione della generalità dei censiti con il canone per la concessione dei posteggi comprendendo in quest ultimo, in un unica tariffa, anche quanto dovuto per il Cosap. Pag. 4 di 5 All. 001 RIFERIMENTO: 2013-S

5 Tale semplificazione non può tuttavia trovare applicazione nei comuni laddove sia ancora in vigore la Tosap, stante la natura tributaria della Tosap stessa (mentre il Cosap ha natura patrimoniale). 7. Consultazioni Per l approvazione dei provvedimenti attuativi dei presenti indirizzi, per l istituzione di nuovi mercati e per lo spostamento e l ampliamento di quelli esistenti, i Comuni acquisiscono preventivamente il parere delle associazioni maggiormente rappresentative a livello provinciale degli operatori di commercio su aree pubbliche. Pag. 5 di 5 All. 001 RIFERIMENTO: 2013-S

PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER LA CONCESSIONE DEI POSTEGGI PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER LA CONCESSIONE DEI POSTEGGI PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MEZZANA (Provincia di Trento) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER LA CONCESSIONE DEI POSTEGGI PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Approvato ed allegato alla deliberazione

Dettagli

Regolamento comunale per l istituzione e la disciplina del canone di posteggio

Regolamento comunale per l istituzione e la disciplina del canone di posteggio Comune di Castello-Molina di Fiemme (Provincia di Trento) Regolamento comunale per l istituzione e la disciplina del canone di posteggio Approvato con deliberazione n. 07 del Consiglio Comunale di data

Dettagli

Allegato alla deliberazione della Giunta regionale n.

Allegato alla deliberazione della Giunta regionale n. Allegato alla deliberazione della Giunta regionale n., in data CRITERI DA APPLICARE NELLE PROCEDURE DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI POSTEGGI PER L'ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE, IN ATTUAZIONE

Dettagli

Comune di Cingoli. Balcone delle Marche. tel fax

Comune di Cingoli. Balcone delle Marche. tel fax REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PUBBLICHE ART. 1 DENOMINAZIONE DEI MERCATI E DELLE FIERE Nell'ambito delle classificazioni del commercio su aree pubbliche operate dall'articolo 20 della

Dettagli

Regolamento d uso e mantenimento degli spazi privati di uso pubblico e dei portici e porticati

Regolamento d uso e mantenimento degli spazi privati di uso pubblico e dei portici e porticati COMUNE DI NONE Provincia di Torino Regolamento d uso e mantenimento degli spazi privati di uso pubblico e dei portici e porticati Luglio 2013 Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 del

Dettagli

POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE E L ASSEGNAZIONE DI POSTI AL MERCATO SPERIMENTALE E PROVVISORIO IN LOCALITA BONELLI

POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE E L ASSEGNAZIONE DI POSTI AL MERCATO SPERIMENTALE E PROVVISORIO IN LOCALITA BONELLI REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE E L ASSEGNAZIONE DI POSTI AL MERCATO SPERIMENTALE E PROVVISORIO IN LOCALITA BONELLI Il presente regolamento disciplina lo svolgimento di un mercato in via sperimentale e provvisoria

Dettagli

COMUNE DI GANDINO REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO SETTIMANALE PROVINCIA DI BERGAMO Approvato con delibera C.C. n. 43 del

COMUNE DI GANDINO REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO SETTIMANALE PROVINCIA DI BERGAMO Approvato con delibera C.C. n. 43 del COMUNE DI GANDINO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO SETTIMANALE DEL SABATO Approvato con delibera C.C. n. 43 del 24.10.2016-1 - INDICE Art. 1 Giorno di mercato Pag. 3 Art. 2 Superficie

Dettagli

ALLEGATO A. 1. Contenuto della dichiarazione di inizio di attività relativa agli esercizi di vicinato

ALLEGATO A. 1. Contenuto della dichiarazione di inizio di attività relativa agli esercizi di vicinato ALLEGATO A CONTENUTI DELLE DOMANDE DI AUTORIZZAZIONE, DELLE DICHIARAZIONI DI INIZIO DI ATTIVITA E DELLE COMUNICAZIONI PREVISTE NELLA LEGGE L.R. 28/2005 Tutte le domande, dichiarazioni o comunicazioni di

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO MERCATO SETTIMANALE

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO MERCATO SETTIMANALE Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO MERCATO SETTIMANALE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 41 del 30.09.2008 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - atti formali di conferma

Dettagli

DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, INNOVAZIONE, ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO SEZIONE ATTIVITÀ ECONOMICHE CONSUMATORI

DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, INNOVAZIONE, ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO SEZIONE ATTIVITÀ ECONOMICHE CONSUMATORI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE la direttiva Bolkestein PREPARIAMOCI AL 2017 Normativa D. Lgs. 59/2010: articoli 14, 16 e 70 L.r. 24/2015: «Codice del Commercio» Altri riferimenti 1.Presidenza Consiglio dei

Dettagli

Art. 3 Dimensionamento

Art. 3 Dimensionamento REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA DI COMMERCIO SU AREA PUBBLICA NEL MERCATO SETTIMANALE DEL COMUNE DI CHIARI (Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 37 del 26/06/2003 modificato

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE TEMPORANEA DEI POSTEGGI NEL MERCATO SPERIMENTALE DEL MERCOLEDI IN VIA MILANO, ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO HABITARIA.

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE TEMPORANEA DEI POSTEGGI NEL MERCATO SPERIMENTALE DEL MERCOLEDI IN VIA MILANO, ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO HABITARIA. BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE TEMPORANEA DEI POSTEGGI NEL MERCATO SPERIMENTALE DEL MERCOLEDI IN VIA MILANO, ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO HABITARIA. IL RESPONSABILE DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento dei mercati di vendita diretta di prodotti agricoli

Regolamento per lo svolgimento dei mercati di vendita diretta di prodotti agricoli ODG/PRG: PG: Data Seduta: Data inizio vigore: Regolamento per lo svolgimento dei mercati di vendita diretta di prodotti agricoli TITOLO 1...3 DISPOSIZIONI GENERALI...3 Art. 1... 3 Oggetto e ambito del

Dettagli

COMUNE DI RONZO-CHIENIS. (Provincia di Trento)

COMUNE DI RONZO-CHIENIS. (Provincia di Trento) COMUNE DI RONZO-CHIENIS (Provincia di Trento) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL COMMERCIO SU AREA PUBBLICA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n.7 di data 22.02.2007 IL SINDACO - Alberto Cappelletti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE FESTA DI SAN MARTINO

REGOLAMENTO COMUNALE FESTA DI SAN MARTINO COMUNE di VERGIATE (Provincia di Varese) - Servizio attività economico-produttive e comunicazione esterna - REGOLAMENTO COMUNALE FESTA DI SAN MARTINO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

TITOLO I Criteri e procedimento per il rilascio delle autorizzazioni amministrative di cui all articolo 2, comma 3, della legge 28 marzo 1991, n.

TITOLO I Criteri e procedimento per il rilascio delle autorizzazioni amministrative di cui all articolo 2, comma 3, della legge 28 marzo 1991, n. RR(11) 48_97 Pag: 1 Regolamento regionale Marche n. 48 del 22 dicembre 1997. Criteri programmatori e indirizzi regionali in materia di commercio su aree pubbliche - Articolo 2, comma 3 e articolo 3, comma

Dettagli

Comune di Barberino di Mugello

Comune di Barberino di Mugello PIANO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREA PUBBLICA redatto ai sensi dell art. 40 del Codice del Commercio ( L.R. 7 Febbraio 2005, n. 28) Comune di Barberino di Mugello Approvato con Delibera

Dettagli

Comune di Barberino di Mugello

Comune di Barberino di Mugello PIANO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREA PUBBLICA redatto ai sensi dell art. 40 del Codice del Commercio ( L.R. 7 Febbraio 2005, n. 28) Comune di Barberino di Mugello Approvato con Delibera

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento del Mercato contadino. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del

Regolamento per lo svolgimento del Mercato contadino. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 2016 Regolamento per lo svolgimento del Mercato contadino Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 27.04.2016 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Ammissibilità dei soggetti Art.

Dettagli

C O M U N E D I C A R D I T O

C O M U N E D I C A R D I T O C O M U N E D I C A R D I T O P R O V I N C I A D I N A P O L I Servizio Tributi Piazza G. Garibaldi n. 1-80024 Cardito (NA) Fax 081-835.40.69 tributi.cardito@asmepec.it http://cardito.asmenet.it Piano

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE C I T T A' di C O D R O I P O PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE (L.R. 04.06.1999, N. 14) Capo I Commercio sulle aree pubbliche svolto su posteggi dati in concessione

Dettagli

COMUNE DI TRECCHINA Provincia di Potenza. Attività Produttive e.mail:

COMUNE DI TRECCHINA Provincia di Potenza. Attività Produttive e.mail: === ALLEGATO A) === Bando pubblico per l assegnazione dei posti fissi del mercato quindicinale del 1 e 3 lunedì di ogni mese per l esercizio del commercio su aree pubbliche di cui all art. 28 comma 1 lettera

Dettagli

Comune di VOLTERRA Provincia di Pisa

Comune di VOLTERRA Provincia di Pisa Comune di VOLTERRA Provincia di Pisa Piano comunale per l'esercizio del commercio su aree pubbliche (Art. 40 L.R. 28/2005) Titolo I Norme generali 1- Oggetto 1. Il presente Piano, secondo quanto disposto

Dettagli

in B.U.R.L. n. 51 del sommario DELIBERA DGR(3) 8570_08 Pag: 1

in B.U.R.L. n. 51 del sommario DELIBERA DGR(3) 8570_08 Pag: 1 DGR(3) 8570_08 Pag: 1 Delibera Giunta Regionale Lombardia 3 dicembre 2008 n VIII 8570. Oggetto: DETERMINAZIONI IN MERITO ALL INDIVIDUAZIONE DELLE AREE MERCATALI E FIERISTICHE (ART. 4, C. 2, L.R. N. 15/2000)

Dettagli

del Comune di Valguarnera Caropepe.

del Comune di Valguarnera Caropepe. COMUNE DI VALGUARNERA CAROPEPE PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO DEL MERCATO SETTIMANALE del Comune di Valguarnera Caropepe. Approvato con Delibera Consiliare N 46 del 06-05-2011. - ART. 1 - Il presente

Dettagli

Comune di Campegine Provincia di Reggio nell Emilia

Comune di Campegine Provincia di Reggio nell Emilia UFFICIO ATTIVITA PRODUTTIVE CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI AL COMMERCIO PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA (Art. 8 comma 3 del D. Lgs.vo 114/98 e art. 3 comma 6 della LR. 14/99 Approvati con

Dettagli

COMUNE DI VOLPIANO Città Metropolitana di Torino

COMUNE DI VOLPIANO Città Metropolitana di Torino COMUNE DI VOLPIANO Città Metropolitana di Torino Determinazione del Responsabile Servizio SUAP Commercio Protezione Civile Viabilità Trasporti N. 435 del 05/06/2017 OGGETTO : Ricollocazione dei mercati

Dettagli

COMUNE DI ALBAREDO PER SAN MARCO (Provincia di Sondrio) REGOLAMENTO DEL MERCATO SETTIMANALE

COMUNE DI ALBAREDO PER SAN MARCO (Provincia di Sondrio) REGOLAMENTO DEL MERCATO SETTIMANALE COMUNE DI ALBAREDO PER SAN MARCO (Provincia di Sondrio) REGOLAMENTO DEL MERCATO SETTIMANALE (approvato dal Consiglio Comunalecon deliberazione N 02 del 28 gennaio 2006) modificato con integrazioni con

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DELLE FIERE LOCALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DELLE FIERE LOCALI COMUNE DI TORINO DI SANGRO PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DELLE FIERE LOCALI (approvato con delibera di consiglio comunale n 11 del 30 marzo 2009 e modificato con delibera

Dettagli

COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 99 Data 14/07/2014 OGGETTO: Manifestazione denominata mercato contadino La Terra e la Piazza. L anno duemilaquattordici il giorno

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ALLEGATO Oggetto: Direttive di carattere generale per la fissazione, da parte dei Comuni, dei criteri di programmazione per il rilascio delle autorizzazioni degli esercizi di somministrazione di alimenti

Dettagli

PIANO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

PIANO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE PIANO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE (APPROVATO CON DELIBERA DI N. 22/CC DEL 11.05.2017) 1 INDICE LA SITUAZIONE ATTUALE DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE NEL COMUNE DI MARRADI. Pag. 03 LE PREVISIONI DI

Dettagli

COMUNE DI GANDINO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO SETTIMANALE

COMUNE DI GANDINO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO SETTIMANALE COMUNE DI GANDINO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO SETTIMANALE Approvato con delibera C.C. n. 61 del 30.09.2002 Modificato con delibera C.C. n. 11 del 27.03.2009 Modificato con delibera

Dettagli

Comune di BORGO D ALE

Comune di BORGO D ALE Regione Comune di BORGO D ALE PIEMONTE DGR n 32-2642 2 APRILE 2001 Delibera C.C n 03 del 18 Gennaio 2007 divenuta esecutiva il Titolo dell elaborato: Regolamentazione delle vendite su area pubblica dei

Dettagli

CITTA DI VIGEVANO. Servizio Sportello Unico Attività Produttive ORDINANZA N. 59/ 2016

CITTA DI VIGEVANO. Servizio Sportello Unico Attività Produttive ORDINANZA N. 59/ 2016 COPIA DELL ORIGINALE Firma autografa sostituita a mezzo stampa ai sensi dell art. 3, comma 2, del D.Lgs. n.39/1993. L originale è agli atti dell Ente. Scade il 11/10/2016 CITTA DI VIGEVANO Servizio Sportello

Dettagli

PIANO di LOCALIZZAZIONE dei PUNTI di VENDITA ESCLUSIVI di STAMPA QUOTIDIANA e PERIODICA (D. Lgs. 24 aprile 2001, n. 170)

PIANO di LOCALIZZAZIONE dei PUNTI di VENDITA ESCLUSIVI di STAMPA QUOTIDIANA e PERIODICA (D. Lgs. 24 aprile 2001, n. 170) COMUNE DI CANARO Provincia di Rovigo PIANO di LOCALIZZAZIONE dei PUNTI di VENDITA ESCLUSIVI di STAMPA QUOTIDIANA e PERIODICA (D. Lgs. 24 aprile 2001, n. 170) NORMATIVA CAPO I PRICIPI GENERALI Art. 1 Generalità

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO Provincia di Vicenza COMUNE DI ROSSANO VENETO Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche (ai sensi Leg.Reg. n. 10/2001) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 29.10.2015 Allegati:

Dettagli

COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN OCCASIONE DI SAGRE E MANIFESTAZIONI

COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN OCCASIONE DI SAGRE E MANIFESTAZIONI COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN OCCASIONE DI SAGRE E MANIFESTAZIONI Approvato con atto del Consiglio Comunale n. 74 del 27/12/2002 Art. 1 Oggetto Il

Dettagli

REGOLAMENTO per l utilizzo delle aree private, soggette a servitù di uso pubblico ed adibite a parcheggio. Art. 1 Individuazione

REGOLAMENTO per l utilizzo delle aree private, soggette a servitù di uso pubblico ed adibite a parcheggio. Art. 1 Individuazione REGOLAMENTO per l utilizzo delle aree private, soggette a servitù di uso pubblico ed adibite a parcheggio Art. 1 Individuazione 1. Il presente regolamento disciplina l utilizzo di aree private con servitù

Dettagli

COMUNE DI BOSCOREALE. Terra della Pietra Lavica Provincia di Napoli. Regolamento per il Mercatino dell usato, dell antiquariato e delle piccole cose

COMUNE DI BOSCOREALE. Terra della Pietra Lavica Provincia di Napoli. Regolamento per il Mercatino dell usato, dell antiquariato e delle piccole cose Terra della Pietra Lavica Regolamento per il Mercatino dell usato, dell antiquariato e delle piccole cose La Memoria del Vesuvio Approvato con deliberazione del C.S. n.16 del 19/02/2013 adottata con i

Dettagli

San Francesco, Viale Marconi Periodo di svolgimento Nei giorni 5, 12, 19 Febbraio 2012 Numero dei posteggi 9

San Francesco, Viale Marconi Periodo di svolgimento Nei giorni 5, 12, 19 Febbraio 2012 Numero dei posteggi 9 DIREZIONE: Servizi del Territorio SERVIZIO: Sviluppo Economico S.U.I. Dirigente: Arch. Manuela Riccomini Responsabile: Geom. Giuliano Guicciardi Bando di assegnazione, a concessione temporanea, di posteggio

Dettagli

Regolamenti Numero Piana 13. Disciplina della occupazione di spazi ed aree pubbliche da parte degli esercizi abilitati del settore alimentare

Regolamenti Numero Piana 13. Disciplina della occupazione di spazi ed aree pubbliche da parte degli esercizi abilitati del settore alimentare Pag. 1/6 ORDINANZA DISCIPLINA DELLA OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE DA PARTE DEGLI ESERCIZI ABILITATI DEL SETTORE ALIMENTARE Pag. 2/6 Ordinanza n. 105 del 14 giugno 2005 IL SINDACO RILEVATO che

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA ISCRIZIONE NEL CALENDARIO COMUNALE DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE LOCALI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA ISCRIZIONE NEL CALENDARIO COMUNALE DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE LOCALI. Organizzazione delle Nazioni Unite per l Educazione, la Scienza e la Cultura Assisi, Basilica di San Francesco e altri luoghi francescani iscritti nella lista del patrimonio mondiale nel 2000 REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI BLEVIO (Prov. Como)

COMUNE DI BLEVIO (Prov. Como) COMUNE DI BLEVIO (Prov. Como) REGOLAMENTO DEL MERCATO COMUNALE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.14 del 23/07/2015 INDICE art.1 Tipologia del mercato art.2 Sede art.3 Giorno e orari di mercato

Dettagli

C O M U N E D I S I N O P O L I

C O M U N E D I S I N O P O L I C O M U N E D I S I N O P O L I Prov. di Reggio Calabria 89020 Piazza V. Capua Tel. 0966 961140/961489 Fax 0966-965665 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE CON POSTEGGIO 1 Indice

Dettagli

Comune di Imola. Provincia di Bologna Via Mazzini n Imola Tel Fax REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI ATTIVITA' COMMERCIALI

Comune di Imola. Provincia di Bologna Via Mazzini n Imola Tel Fax REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI ATTIVITA' COMMERCIALI Comune di Imola Provincia di Bologna Via Mazzini n. 4 40026 Imola Tel. 0542-602111-Fax 602289. REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI ATTIVITA' COMMERCIALI NELLE AREE PUBBLICHE SITE IN LOCALITA' PONTICELLI DI

Dettagli

- del Documento Unitario Conferenza delle regioni e delle province autonome 13/009/CR11/C11 del 24/01/2013 per l attuazione dell Intesa;

- del Documento Unitario Conferenza delle regioni e delle province autonome 13/009/CR11/C11 del 24/01/2013 per l attuazione dell Intesa; REGOLAMENTO REGIONALE L.r. 16 aprile 2015 n.24 Codice del commercio : articolo 3, comma 1, lettere h) e J): Criteri e procedure per la concessione dei posteggi su aree pubbliche. Regolamento attuativo.

Dettagli

Comune di Celle Ligure

Comune di Celle Ligure Comune di Celle Ligure REGOLAMENTO COMUNALE PER LE FIERE PROMOZIONALI E PER LE MANIFESTAZIONI STRAORDINARIE DEL COMMERCIO, ARTIGIANATO, ANTIQUARIATO, HOBBYSTI, OPERE D ARTE E DELL INGEGNO. Approvato con

Dettagli

COMUNE DI CAPPADOCIA PROVINCIA DI L AQUILA

COMUNE DI CAPPADOCIA PROVINCIA DI L AQUILA COMUNE DI CAPPADOCIA PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO COMUNALE DI ESERCIZIO DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PUBBLICHE. LEGGE REGIONALE 23.12.1999 N. 135. MERCATO ANNUALE E STAGIONALE. * * * * * * *

Dettagli

Allegato 2 D.C.C. n. 33 del esecutiva il REGOLAMENTO DEL MERCATINO DELL USATO E DELL ANTIQUARIATO MINORE

Allegato 2 D.C.C. n. 33 del esecutiva il REGOLAMENTO DEL MERCATINO DELL USATO E DELL ANTIQUARIATO MINORE Allegato 2 D.C.C. n. 33 del 28.04.2003 - esecutiva il 15.05.2003 REGOLAMENTO DEL MERCATINO DELL USATO E DELL ANTIQUARIATO MINORE 1 Articolo 1 Ente organizzatore Il Comune di Novara organizza il mercatino

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SAGRA NDUJA DI SPILINGA

REGOLAMENTO COMUNALE SAGRA NDUJA DI SPILINGA REGOLAMENTO COMUNALE SAGRA NDUJA DI SPILINGA Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento ha come finalità la determinazione di linee guida a cui dovrà far riferimento il Comitato Promotore della Sagra della

Dettagli

COMUNE DI MARACALAGONIS

COMUNE DI MARACALAGONIS COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI R E G O L A M E N T O C O M U N A L E D E L M E R C A T O D E L C O N T A D I N O Approvato con deliberazione del C.C. n. 19 del 30/05/2016 Capo I disposizioni

Dettagli

TITOLO SETTIMO URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE. Art. 86 DISCIPLINA DEL SETTORE COMMERCIALE

TITOLO SETTIMO URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE. Art. 86 DISCIPLINA DEL SETTORE COMMERCIALE TITOLO SETTIMO URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE Art. 86 DISCIPLINA DEL SETTORE COMMERCIALE 1.Le presenti disposizioni costituiscono adeguamento della disciplina urbanistica del piano regolatore generale

Dettagli

Bando per la partecipazione al Mercato agricolo di vendita diretta dei prodotti locali

Bando per la partecipazione al Mercato agricolo di vendita diretta dei prodotti locali PROVINCIA DI FIRENZE Tel. (055) 8199459 Bando per la partecipazione al Mercato agricolo di vendita diretta dei prodotti locali Oggetto Il Comune di Firenzuola ha istituito in via sperimentale per il triennio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 4 di data 6 marzo 2014 Entrato in vigore il 6 marzo 2014

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MERCATO L ANTICO BAULE DI ANTIQUARIATO, COLLEZIONISMO

REGOLAMENTO DEL MERCATO L ANTICO BAULE DI ANTIQUARIATO, COLLEZIONISMO COMUNE DI LODI VECCHIO REGOLAMENTO DEL MERCATO L ANTICO BAULE DI ANTIQUARIATO, COLLEZIONISMO Regolamento per la disciplina dello svolgimento del mercato dell'antiquariato e del collezionismo denominato

Dettagli

ALLEGATO 1 CRITERI PROVVISORI DI PROGRAMMAZIONE URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE

ALLEGATO 1 CRITERI PROVVISORI DI PROGRAMMAZIONE URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE ALLEGATO 1 CRITERI PROVVISORI DI PROGRAMMAZIONE URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE Legge provinciale 30 luglio 2010, n. 17 (Disciplina dell attività commerciale) Disposizioni transitorie in materia di

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA PROVINCIA DI LATINA Medaglia D argento al Valor Civile

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA PROVINCIA DI LATINA Medaglia D argento al Valor Civile COMUNE DI CISTERNA DI LATINA PROVINCIA DI LATINA Medaglia D argento al Valor Civile REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DEL MERCATO CONTADINO FARMER MARKET REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DEL

Dettagli

COMUNE DI NEMBRO BANDO PUBBLICO PER LE ASSEGNAZIONI DI CONCESSIONI DI POSTEGGIO NEL MERCATO

COMUNE DI NEMBRO BANDO PUBBLICO PER LE ASSEGNAZIONI DI CONCESSIONI DI POSTEGGIO NEL MERCATO COMUNE DI NEMBRO BANDO PUBBLICO PER LE ASSEGNAZIONI DI CONCESSIONI DI POSTEGGIO NEL MERCATO 1. Durata della concessione 1. L assegnazione del posteggio avrà la durata di anni 9 (nove) a decorrere dalla

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI MANCANTI AL MERCATO SETTIMANALE DI LEGNANO. Il Dirigente del Settore 5 - Servizi per la sicurezza e la mobilità

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI MANCANTI AL MERCATO SETTIMANALE DI LEGNANO. Il Dirigente del Settore 5 - Servizi per la sicurezza e la mobilità BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI MANCANTI AL MERCATO SETTIMANALE DI LEGNANO Il Dirigente del Settore 5 - Servizi per la sicurezza e la mobilità Considerato che in Via del Castello nelle giornate di

Dettagli

Provincia di Bologna Via Mazzini n Imola Tel Fax

Provincia di Bologna Via Mazzini n Imola Tel Fax Comune di Imola Provincia di Bologna Via Mazzini n. 4 40026 Imola Tel. 0542-602111-Fax 602289. REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DI ATTIVITA COMMERCIALI NELL AMBITO DEL MERCATINO ANNUALE DEL QUARTIERE PEDAGNA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER MIGLIORIA DEI POSTEGGI NEL MERCATO SETTIMANALE DEL MERCOLEDI' AREA MERCATALE VIA ALFIERI

AVVISO PUBBLICO PER MIGLIORIA DEI POSTEGGI NEL MERCATO SETTIMANALE DEL MERCOLEDI' AREA MERCATALE VIA ALFIERI AVVISO PUBBLICO PER MIGLIORIA DEI POSTEGGI NEL MERCATO SETTIMANALE DEL MERCOLEDI' AREA MERCATALE VIA ALFIERI IL DIRIGENTE DELL AREA N. 4 COMMERCIO E MERCATI Visto il D. Lgs. 31.03.1998, n. 114 recante

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine REGOLAMENTO MERCATO SETTIMANALE E DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine REGOLAMENTO MERCATO SETTIMANALE E DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine REGOLAMENTO MERCATO SETTIMANALE E DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Deliberaz. n. 32 del 26.5.2000 e modifiche con delib. 17/2011 CAPO I PRINCIPI Art 1

Dettagli

COMUNE DI TIZZANO VAL PARMA PROVINCIA DI PARMA

COMUNE DI TIZZANO VAL PARMA PROVINCIA DI PARMA COMUNE DI TIZZANO VAL PARMA PROVINCIA DI PARMA P.zza ROMA n.1 43028 Tizzano Val Parma - tel. 0521 868936 - fax 0521 868937 http: www.comune.tizzano-val-parma.pr.it BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI

Dettagli

COMUNE DI PIEVE DI CENTO

COMUNE DI PIEVE DI CENTO Regolamento dell Esposizione delle cose usate denominata Cose d altri tempi INDICE ART. 1- DEFINIZIONE ART. 2 - SEDE ART. 3 - MODALITA DI CONCESSIONE DELLE AREE ART. 4 - MODALITÀ DI PAGAMENTO DELLA QUOTA

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COPIA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA DELIBERAZIONE N. 48 in data: 10.10.2016 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ATTIVITA' DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE

Dettagli

COMUNE DI TREVISO - REGOLAMENTI -

COMUNE DI TREVISO - REGOLAMENTI - COMUNE DI TREVISO - REGOLAMENTI - RIVENDITE QUOTIDIANI E PERIODICI Regolamento per la disciplina delle rivendite di quotidiani e periodici Art. 1 - Zonizzazione... 1 Art 2 - Prescrizioni generali - Durata...

Dettagli

La potestà regolamentare comunale e il regolamento TARI

La potestà regolamentare comunale e il regolamento TARI La potestà regolamentare comunale e il regolamento TARI Profili giuridici e problematiche applicative 3 marzo2016 Ennio Dina Indice La potestà regolamentare comunale in generale La potestà regolamentare

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE FESTA DI SAN MARTINO

REGOLAMENTO COMUNALE FESTA DI SAN MARTINO COMUNE di VERGIATE (Provincia di Varese) - Servizio attività economico-produttive e comunicazione esterna - REGOLAMENTO COMUNALE FESTA DI SAN MARTINO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Attività di vendita Commercio in forma itinerante

Attività di vendita Commercio in forma itinerante Attività di vendita Commercio in forma itinerante Descrizione In questa tipologia sono comprese tutte le attività di vendita al dettaglio e di somministrazione di alimenti e bevande effettuate in forma

Dettagli

Regolamento per la disciplina del Mercato settimanale

Regolamento per la disciplina del Mercato settimanale Regolamento per la disciplina del Mercato settimanale art.1 Oggetto del regolamento art.2 PeriodicitÄ e orari del Mercato settimanale art.3 Dimensioni dei posteggi e caratteristiche dei banchi di vendita

Dettagli

Comune di Orbassano Provincia di Torino

Comune di Orbassano Provincia di Torino Comune di Orbassano Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LE AREE ALTERNATIVE DI COMMERCIO SU AREA PUBBLICA Approvato con D.C.C. n. del I N D I C E Art.1 Definizioni Pag.3 Art.2 Oggetto Pag.3 Art.3 Estremi

Dettagli

COMUNE DI MONTEODORISIO Provincia di Chieti. Regolamento svolgimento fiera in occasione Festa Madonna delle Grazie

COMUNE DI MONTEODORISIO Provincia di Chieti. Regolamento svolgimento fiera in occasione Festa Madonna delle Grazie COMUNE DI MONTEODORISIO Provincia di Chieti Regolamento svolgimento fiera in occasione Festa Madonna delle Grazie Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 20 del 1.7.2002 IL SINDACO IL SEGRETARIO

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI AL MERCATO SPERIMENTALE E PROVVISORIO della FRAZIONE DI SALIONZE La Giunta Comunale con delibera n. 38 del 23/03/2017, i.e., ha autorizzato lo svolgimento di un mercato

Dettagli

Norme per la partecipazione alla "Festa del Marrone di Caprese Michelangelo" Fiera Espositiva Edizione 2018

Norme per la partecipazione alla Festa del Marrone di Caprese Michelangelo Fiera Espositiva Edizione 2018 Norme per la partecipazione alla "Festa del Marrone di Caprese Michelangelo" Fiera Espositiva Edizione 2018 Premessa La festa del Marrone di Caprese Michelangelo si svolge nel Comune di Caprese Michelangelo

Dettagli

TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (TOSAP)

TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (TOSAP) ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 104 DEL 11.12.2009 TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (TOSAP) APPROVAZIONE TARIFFE IN VIGORE DAL 01.01.2010 PARTE I OCCUPAZIONI PERMANENTI

Dettagli

COMUNE DI SARNICO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMUNE DI SARNICO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI SARNICO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 31.03.2011 - atti n. 7 TITOLO I - NORME GENERALI Art.

Dettagli

WEBINAR FIERE E MERCATI: COME GESTIRLI EFFICACEMENTE CON IL TABLET! 22 MAGGIO 2019 RELATORE: ANDREA FABBRI

WEBINAR FIERE E MERCATI: COME GESTIRLI EFFICACEMENTE CON IL TABLET! 22 MAGGIO 2019 RELATORE: ANDREA FABBRI WEBINAR FIERE E MERCATI: COME GESTIRLI EFFICACEMENTE CON IL TABLET! 22 MAGGIO 2019 RELATORE: ANDREA FABBRI TEMI TRATTATI Inquadramento normativo Introduzione modulo Fiere e Mercati Creazione evento: disegno

Dettagli

LO STATO DELLA PIANIFICAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA

LO STATO DELLA PIANIFICAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA Convegno nazionale LO STATO DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA IN ITALIA LO STATO DELLA PIANIFICAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA Prof. Ing. Simona Tondelli Bologna, 18 marzo 2015 - Auditorium Enzo Biagi, Salaborsa,

Dettagli

Comune di Pula Provincia di Cagliari

Comune di Pula Provincia di Cagliari Comune di Pula Provincia di Cagliari SETTORE SERVIZI ALLE IMPRESE TURISMO CULTURA - SPORT Corso Vittorio Emanuele II, n. 28 09010 Pula (CA) Tel. 070/92440215/216 Fax. 070/9253346 e-mail: pmelis@comune.pula.ca.it

Dettagli

Norme per la partecipazione alla "Festa del Marrone di Caprese Michelangelo" Fiera Espositiva Edizione 2017

Norme per la partecipazione alla Festa del Marrone di Caprese Michelangelo Fiera Espositiva Edizione 2017 Norme per la partecipazione alla "Festa del Marrone di Caprese Michelangelo" Fiera Espositiva Edizione 2017 Premessa La festa del Marrone di Caprese Michelangelo si svolge nel Comune di Caprese Michelangelo

Dettagli

COMUNE DI JESI. P.zza Indipendenza, Jesi (AN) - Tel Fax C.F. e P.I

COMUNE DI JESI. P.zza Indipendenza, Jesi (AN) -  Tel Fax C.F. e P.I COMUNE DI JESI P.zza Indipendenza, 1 60035 Jesi (AN) - www.comune.jesi.an.it Tel. 07315381 Fax 0731538328 C.F. e P.I. 00135880425 OGGETTO: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI N.5 POSTEGGI PRESSO IL MERCATO COPERTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI MERCATI SU AREA PUBBLICA A POSTO FISSO E COMMERCIO SU AREA PUBBLICA ITINERANTE ART. 1 OGGETTO

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI MERCATI SU AREA PUBBLICA A POSTO FISSO E COMMERCIO SU AREA PUBBLICA ITINERANTE ART. 1 OGGETTO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI MERCATI SU AREA PUBBLICA A POSTO FISSO E COMMERCIO SU AREA PUBBLICA ITINERANTE ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato ai sensi della L.P. n. 17, del 30

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n. REGIONE PIEMONTE BU45 12/11/2015 Decreto del Presidente della Giunta regionale 9 novembre 2015, n. 6/R. Regolamento regionale recante: Disciplina dei criteri e delle modalità relativi alle procedure di

Dettagli

VERSO IL D.G.R.

VERSO IL D.G.R. VERSO IL 2017 Le concessioni di posteggio secondo la Direttiva Servizi e l Intesa in Conferenza Unificata 5 luglio 2012 D.G.R. di attuazione 986/2013 La nuova disciplina, le scadenze per le riassegnazioni,

Dettagli

CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI AL COMMERCIO PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA

CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI AL COMMERCIO PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI AL COMMERCIO PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA (art. 8 co. 3 del D.lgs. 31/3/1998 n. 114 e dall art. 3 co. 6 della legge della Regione Emilia Romagna 5/7/1999

Dettagli

COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Codice Fiscale e Partita IVA 00242970366 Tel.(059) 75.99.11 - Fax (059) 73.01.60 E-mail: info@comune.savignano-sul-panaro.mo.it Regolamento comunale per

Dettagli

Comune di Forte dei Marmi

Comune di Forte dei Marmi Comune di Forte dei Marmi Avviso Pubblico Oggetto: calendario annuale delle Mostre Mercato e Attività Fieristiche su suolo pubblico L Amministrazione Comunale, - Vista la L.R. 31.01.2005 n. 18 Disciplina

Dettagli

48 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n Mercoledì 29 giugno 2016

48 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n Mercoledì 29 giugno 2016 48 Bollettino Ufficiale D.g.r. 27 giugno 2016 - n. X/5345 Disposizioni attuative della disciplina del commercio su aree pubbliche ai sensi dell articolo 17, comma 2 della l.r. 2 febbraio 2010, n. 6 (testo

Dettagli

COMUNE DI SONDRIO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE DISCIPLINARE DEL MERCATO DELLE ERBE DI SONDRIO

COMUNE DI SONDRIO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE DISCIPLINARE DEL MERCATO DELLE ERBE DI SONDRIO COMUNE DI SONDRIO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE DISCIPLINARE DEL MERCATO DELLE ERBE DI SONDRIO SOMMARIO Articolo 1 - Articolo 2 - Articolo 3 - Articolo 4 - Articoli 5 - Articolo 6 - Articolo 7 -

Dettagli

Assegnazione posti per la fiera promozionale di Corso Gramsci

Assegnazione posti per la fiera promozionale di Corso Gramsci Piazza del Duomo 1-51100 Pistoia Numero verde 800-012146 Tel. 05733711 - Fax 0573371289 C.F. e P.Iva 00108690470 Assegnazione posti per la fiera promozionale di Corso Gramsci Pistoia Comune di Servizio

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI

BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI Allegato B alla determinazione n. 62 del 24.02.2016 BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI LA RESPONSABILE DEL SETTORE AFFARI GENERALI Dott.ssa Giulia

Dettagli

IL DIRIGENTE. P.IVA con sede legale in NAPOLI, VANNELLA GAETANI 25 Sede operativa in Napoli RAFFAELE DE CESARE 33/35/37

IL DIRIGENTE. P.IVA con sede legale in NAPOLI, VANNELLA GAETANI 25 Sede operativa in Napoli RAFFAELE DE CESARE 33/35/37 DIREZIONE CENTRALE SVILUPPO ECONOMICO, RICERCA E MERCATO DEL LAVORO SERVIZIO POLIZIA AMMINISTRATIVA CONCESSIONE PER L'OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO ANNESSO A PUBBLICI ESERCIZI AI SENSI DELLA DELIBERA DI

Dettagli

Allegato 1. Adeguamento delle pianificazioni comunali ai principi di liberalizzazione delle attività produttive e semplificazione amministrativa

Allegato 1. Adeguamento delle pianificazioni comunali ai principi di liberalizzazione delle attività produttive e semplificazione amministrativa Allegato 1 Adeguamento delle pianificazioni comunali ai principi di liberalizzazione delle attività produttive e semplificazione amministrativa SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE La precedente programmazione

Dettagli

CITTÀ DI SUSA. Convenzione tra il Comune di Susa e l Associazione ALBEDO. ONLUS per la realizzazione della manifestazione non professionale

CITTÀ DI SUSA. Convenzione tra il Comune di Susa e l Associazione ALBEDO. ONLUS per la realizzazione della manifestazione non professionale CITTÀ DI SUSA Convenzione tra il Comune di Susa e l Associazione ALBEDO ONLUS per la realizzazione della manifestazione non professionale denominata: Mercatino di ASPETTANDO LA REDBULL K3 I^ edizione.

Dettagli

Art. 1 Svolgimento. Art. 3 Circolazione pedonale e veicolare

Art. 1 Svolgimento. Art. 3 Circolazione pedonale e veicolare REGOLAMENTO FIERA DI SFORZACOSTA Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 9 febbraio 2010 Esecutiva il 26 febbraio 2010 Art. 1 Svolgimento 1. La Fiera di Sforzacosta è una fiera di merci varie

Dettagli

COMUNE DI FINALE LIGURE REGOLAMENTO

COMUNE DI FINALE LIGURE REGOLAMENTO COMUNE DI FINALE LIGURE REGOLAMENTO PER LA VENDITA AL PUBBLICO, IN SEDE STABILE, DEI PRODOTTI DI PROPRIA PRODUZIONE DA PARTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli