Il sistema fiscale. Teoria

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sistema fiscale. Teoria"

Transcript

1 Il sistema fiscale Teoria

2 Il sistema fiscale: aspetti generali I fallimenti del mercato ci dicono che una serie di beni devono essere prodotti dallo Stato per ragioni di efficienza: difesa (beni pubblici); infrastrutture di trasporto (beni pubblici); istruzione (esternalità); sanità (asimmetrie informative); servizi a rete (monopoli naturali). A questi si aggiungono i casi in cui lo Stato produce beni e servizi per ragioni di equità.

3 Il sistema fiscale: aspetti generali Per ottenere le risorse necessarie alla produzione di questi beni e servizi lo Stato ricorre a: imposte: prelievi coattivi su manifestazioni della capacità contributiva dirette o indirette. Principio della capacità contributiva: contribuisce di più al finanziamento della spesa pubblica chi ha la maggior capacità di farlo (articolo 53 Costituzione italiana). La capacità contributiva viene misurata dalla base imponibile e assoggettata ad una o più aliquote. tasse: controprestazioni in cambio di servizi forniti. In questo caso si applica il principio del beneficio: paga di più chi ricava un maggior beneficio dal bene o servizio pubblico.

4 Il sistema fiscale: aspetti generali Le imposte dirette hanno come base imponibile: i redditi delle persone ottenuti: dal lavoro; dal capitale; da altre fonti; i redditi delle imprese (profitti) i patrimoni. Le imposte indirette hanno come base imponibile : i consumi; la produzione di beni e servizi.

5 Il sistema fiscale: aspetti generali Dal punto di vista economico non ci si può limitare ad analizzare chi paga l imposta secondo il diritto (contribuente di diritto) bisogna verificare anche chi paga veramente l imposta (contribuente di fatto) che può essere diverso (in tutto o in parte) dal contribuente di diritto questo implica studiare l incidenza dell imposta.

6 Il sistema fiscale Le imposte sui redditi da lavoro: efficienza e equità

7 Le imposte sui redditi da lavoro: efficienza Le imposte sui redditi da lavoro comportano un problema di efficienza: possono distorcere la scelta tra consumo e tempo libero. Ogni individuo trae reddito dal proprio lavoro. Se un individuo lavora rinuncia al tempo libero. Se il salario orario è w (=reddito da lavoro), e la quantità di tempo libero che l individuo sceglie è X, il reddito dell individuo è (H-X)w. Più l individuo lavora, più guadagna e più può consumare beni diversi dal tempo libero: il tempo libero è un bene che comporta un costo opportunità, cioè il salario perso.

8 Scelta di tempo libero e consumo senza imposte La scelta dell individuo diventa del tutto simile a quella tra due beni, con un vincolo di bilancio e una mappa di curve di indifferenza. Il vincolo di bilancio diventa w(h-x)=p A A dove p è il prezzo medio per i beni e A è la loro quantità media. Il vincolo di bilancio ha quindi intercette se X=0, p A A=wH e A=wH/p A ; se A=0, w(h-x)=0 =>X=H (niente lavoro, tutto tempo libero)

9 A Scelta di tempo libero e consumo senza imposte wh/p A A p A ( H X) w = consumo altri beni =prezzo medio altri beni = reddito X= tempo libero ( H X) w= py A : vincolo di bilancio H w p A X=Tempo libero

10 Scelta di tempo libero e consumo senza imposte L individuo cerca di massimizzare la propria utilità. Sia il consumo dei beni sia il tempo libero danno all individuo un utilità, che è decrescente all aumentare della quantità di bene disponibile. La forma delle curve di indifferenza è quella consueta: sostituire tempo libero con consumo di beni è costoso quando il tempo libero è scarso, molto meno quando il tempo libero è relativamente abbondante. Il punto di ottimo si ottiene alla tangenza tra la curva di indifferenza e il vincolo di bilancio.

11 Scelta di tempo libero e consumo senza imposte A E è scelta senza imposte: A 1 di consumo di beni X 1 di tempo libero E A 1 U2 w p A X1 X=Tempo libero

12 Scelta di tempo libero e consumo con imposta sul salario Analizziamo le imposte sui redditi da lavoro in un ipotesi semplice: un individuo guadagna un reddito lordo (=pre imposta) pari a w e il sistema fiscale applica un aliquota (=una percentuale di prelievo) t. La tassazione totale quindi è tw, il salario dopo l imposta (=salario netto) è w =w(1- t). La tassazione è proporzionale. Osserviamo come variano: le ore di tempo libero; la quantità di (altri) beni consumati

13 Scelta di tempo libero e consumo con imposta sul salario Se il salario netto dell individuo è w(1-t)=w il vincolo di bilancio diventa w (H-X)=p A A dove p è il prezzo medio per i beni e A è la loro quantità media. Il vincolo di bilancio ha quindi intercette se X=0, p A A=w H e A= w H/p A < wh/p A se A=0, w (H-X)=0 =>X=H (niente lavoro, tutto tempo libero). Rotazione intorno all asse dove è riportato X.

14 A wh/p A Scelta di tempo libero e consumo con imposta sul salario ( H X) w' = py w' = w(1 t) A : nuovo vincolo di bilancio w H/p A w ( 1 t) p A X=Tempo libero

15 Scelta di tempo libero e consumo con imposta sul salario A questo punto l individuo sceglierà una diversa combinazione di tempo libero e di consumo di altri beni. L applicazione dell imposta comporta il conseguimento di un utilità inferiore (passaggio su una curva di indifferenza più vicina all origine degli assi). Tempo libero e consumo possono combinarsi in vari modi a seconda di come si bilanciano l effetto di sostituzione e di reddito: Eff. di sostituzione spinge a lavorare di meno (il tempo libero diviene un bene meno caro dopo l imposta) Eff. reddito spinge a lavorare di più (per compensare in parte la perdita di reddito netto orario).

16 Scelta di tempo libero e consumo con imposta sul salario Consumo di altri beni E E U2 X2 X1 U1 w( 1 t) p A Tempo libero

17 Scelta di tempo libero e consumo con imposta sul salario Consumo di altri beni X1 X3 = effetto di reddito X3 X2 = effetto di sostituzione E E E U2 U1 X3 X2 X1 Tempo libero

18 Scelta di tempo libero e consumo con imposta sul salario In questo caso l imposta sul salario ha determinato: una riduzione di utilità (passaggio da U2 a U1); effetto di reddito, ovvero una riduzione del tempo libero e della quantità consumata di altri beni perché il lavoratore risponde all imposta lavorando di più ma anche consumando meno; effetto di sostituzione, ovvero una riduzione del lavoro (=aumento del tempo libero) perché il lavoro è meno pagato (ovvero il costo opportunità del tempo libero si è ridotto). In questo caso l effetto di reddito ha prevalso: le ore di tempo libero si sono ridotte (è aumentato il tempo di lavoro).

19 Scelta di tempo libero e consumo con imposta sul salario In generale l imposta sul salario determina : sempre una riduzione di utilità; quando prevale effetto di reddito, un aumento del lavoro (riduzione del tempo libero). quando prevale effetto di sostituzione, un aumento del tempo libero (riduzione di lavoro). Se prevale quest ultimo effetto si ha una distorsione: l individuo lavorerà meno che in assenza di imposte. A livelli elevati di tassazione, questa distorsione può arrivare al punto da generare una riduzione del gettito (rispetto a quello prima dell aumento dell aliquota).

20 Aliquota Curva di Laffer Al crescere delle aliquote prevale il disincentivo al lavoro. Il gettito fiscale diminuisce Gettito

21 Le imposte sui redditi da lavoro: efficienza L effetto di sostituzione genera inefficienza: ma questa inefficienza è più forte ai livelli alti di reddito o a quelli bassi? Per lungo tempo si è creduto che i redditi alti (=quelli più produttivi) mostrassero una maggiore elasticità di sostituzione rispetto a quelli alti. Per questa ragione molti Paesi hanno ridotto le aliquote sui redditi da lavoro alti negli ultimi decenni. Ma in questo modo si è creato un conflitto tra efficienza ed equità.

22 Le imposte sui redditi da lavoro: equità e progressività Equità: il principio della capacità contributiva vuole che i più ricchi contribuiscono di più al finanziamento delle spese pubbliche. Questo principio di equità viene considerato soddisfatto se la tassazione è progressiva: aliquota media aumenta all aumentare del reddito. Aliquota media: tme=t/w dove T è imposta pagata, w è reddito pre-imposta. Definiamo invece aliquota marginale quella pagata sull ultimo euro di reddito.

23 Le imposte sui redditi da lavoro: equità e progressività Tassazione proporzionale: T=tw, quindi aliquota media tme=t/w=tw/w=t 1) l aliquota media NON cambia al cambiare del reddito: T aumenta in senso assoluto ma non in senso relativo; 2) l aliquota marginale è costante ed uguale all aliquota media Tassazione progressiva: 1) tme aumenta all aumentare di w. I ricchi pagano una quota maggiore del loro reddito in imposte; 2) l aliquota marginale aumenta all aumentare del reddito ed è sempre superiore all aliquota media.

24 Le imposte sui redditi da lavoro: equità e progressività La progressività può essere realizzata in tre modi: applicando un sistema a scaglioni: su ciascun pezzo di w si applicano aliquote diverse, crescenti al crescere di w. Ad esempio T=t1w1+t2(w-w1), con t2>t1, w>w1; applicando una deduzione fissa dal reddito: T=t(w-d), d=deduzione, d<w applicando una detrazione fissa all imposta T=tw-f, f=detrazione

25 Esempio imposta proporzionale Esempio: Individuo A: w A =100 Individuo B: w B =200 T=0.3w (T=imposta; w=salario pre-imposte) T A = 30% x 100= 30 tme A =30/100 = 0.3 T B = 30% x 200=60 tme B =60/200=0.3 Imposta proporzionale: tutti pagano la stessa quota

26 Esempio progressività per scaglioni Individuo A: w A =100 Individuo B: w B =200 T=0.3 x x (w-50) (T=imposta; w=salario pre-imposte, 50=w1, t1=30%, t2=40%) T A =30% x % x (100-50)=15+20=35; tme A =35/100 = 35% T B =30% x 50+40% x 40% x (200-50)=15+60=75 tme B =75/200=37,5% Imposta progressiva: B paga una quota maggiore del reddito in imposte

27 Esempio progressività per deduzione Individuo A: w A =100 Individuo B: w B =200 T=0.3 x (w-10) (T=imposta; w=salario pre-imposte, t=30%, d=10) T A =30% x (100-10)=27; tme A =27/100 = 27% T B =30% x (200-10)=57 tme B =57/200=28,5% Imposta progressiva: B paga una quota maggiore del reddito in imposte

28 Esempio progressività per detrazione Individuo A: w A =100 Individuo B: w B =200 T=0.3 x w - 3 (T=imposta; w=salario pre-imposte, f=3, t=30%) T A = (30% x 100) -3=27; tme A =27/100 = 27% T B =(30% x 200)- 3=57 tme B =57/200=28,5% Imposta progressiva: B paga una quota maggiore del reddito in imposte

29 Le imposte sui redditi da lavoro: equità vs efficienza? La progressività implica che l aliquota debba crescere sui redditi da lavoro più alti, garantendo l equità. Se fosse vero che i redditi da lavoro più alti sono quelli che risentono maggiormente dell effetto di sostituzione si creerebbe un conflitto: efficienza versus equità tuttavia non è affatto sicuro che questo si verifichi: è possibile che equità ed efficienza si coniughino.

30 Il sistema fiscale Le imposte sui redditi da lavoro: incidenza

31 Le imposte sui redditi da lavoro: incidenza Le imposte sui redditi da lavoro si applicano al lavoratore (contribuente di diritto) ma possono incidere anche sul datore di lavoro che diventa contribuente di fatto. Per analizzare l incidenza dell imposta consideriamo la situazione del mercato del lavoro senza imposte: i lavoratori offrono lavoro in cambio di w; le imprese (i datori di lavoro) domandano lavoro;

32 Mercato del lavoro senza imposte S Salario W 1 D O Q 1 Quantità di lavoro

33 Le imposte sui redditi da lavoro: incidenza Quando vengono introdotte le imposte, i lavoratori chiedono salari (lordi) maggiori rispetto a prima per la stessa quantità di lavoro. Il nuovo equilibrio sul mercato del lavoro prevede: una quantità inferiore di lavoro scambiato; un salario lordo superiore; un gettito per lo Stato.

34 Mercato del lavoro con imposte sul salario S + tax S Salario W 1 D O Q 1 Quantità di lavoro

35 S + tax S W 2 Salario W 1 D O Q 2 Q 1 Quantità di lavoro

36 S + tax Salario W 2 W 1 W 2 - tax GETTITO S D O Q 2 Q 1 Quantità di lavoro

37 Le imposte sui redditi da lavoro: incidenza L analisi dell incidenza consente di distinguere la parte di gettito (=onere) che grava sui lavoratori da quella che grava sulle imprese. Questa suddivisione dipende dalla pendenza delle curve di domanda ed offerta. In generale, la quota di onere che grava sui lavoratori tende a crescere al crescere dell elasticità della domanda di lavoro (e viceversa).

38 S + tax Salario W 2 S W 1 W 2 - tax A A: quota del lavoratore O Q 2 Q 1 Quantità di lavoro D

39 S + tax Salario W 2 W 1 W 2 - tax A B S B: quota dell impresa A: quota del lavoratore D O Q 2 Q 1 Quantità di lavoro

40 Il sistema fiscale Le imposte sul profitto: efficienza

41 Caratteristiche dell imposta Presupposti: l impresa viene considerata un soggetto autonomo di imposizione (società di capitali e personalità giuridica), La base imponibile è costituita dai profitti Π= Ric. Tot C. Tot In realtà l imposta viene pagata dai soci, attraverso una riduzione del valore delle loro quote e/o dei dividendi. A sua volta la società può traslare l onere effettivo dell imposta sui consumatori (che diventano contribuenti di fatto).

42 Ragioni dell imposta Perché non si rinuncia a tassare le imprese e si tassano direttamente gli individui (= i soci)?: le società di capitali hanno un potere economico che va oltre quello dei singoli azionisti; la limitazione della responsabilità costituisce un vantaggio che quindi giustifica una tassazione sulla base del criterio del beneficio; ragioni politiche : la detassazione dei profitti verrebbe percepita come iniqua.

43 Analisi teorica Consideriamo innanzitutto gli impatti di un imposta sui profitti sull equilibrio di mercato: di monopolio; di oligopolio. Il caso della concorrenza non è analizzabile perché in LP i profitti sono nulli.

44 Il caso del monopolio P C. Mg C. Me Ric. Mg Q

45 Equilibrio di monopolio senza imposte P P * C. Mg C. Me Ric. Mg Q * Q

46 P Equilibrio di monopolio senza imposte Ricavo totale C. Mg C. Me P * Q * Ric. Mg Q

47 P Equilibrio di monopolio senza imposte Costo totale C. Mg C. Me P * Ric. Mg Q * Q

48 Equilibrio di monopolio senza imposte P C. Mg C. Me P * П LORDO E NETTO Q * Ric. Mg Q

49 Equilibrio di monopolio con imposta P C. Mg C. Me P * П NETTO IMPOSTA Q * Ric. Mg Q

50 Imposta sui profitti in monopolio: sintesi L imposta sul profitto riduce il profitto netto della società. Essa non altera il comportamento del monopolista e quindi ( Q*, P* ) continuerà ad essere l equilibrio del mercato : l imposta non introduce distorsioni aggiuntive e non comporta problemi di traslazione. L impresa può però sfruttare la normativa fiscale per occultare parte del profitto.

51 Il caso dell oligopolio Nel caso dell oligopolio l impresa talvolta, invece di massimizzare il profitto, tende a massimizzare il suo fatturato (=ricavo totale) con il vincolo di non generare perdite. Supponiamo che il costo totale cresca in modo costante al crescere della quantità (costo marginale costante). Il ricavo totale cresce al crescere della quantità (e al ridursi del prezzo) se la domanda è elastica, e comincia a crescere via via di meno quando la domanda diviene inelastica. La quantità scelta in oligopolio è diversa da quella che massimizza il profitto.

52 Fatturato costi e profitti con domanda lineare C. Tot CT, RT Ric. Tot Q

53 CT, RT Fatturato costi e profitti con domanda lineare A C. Tot Ric. Tot B Q

54 CT, RT Fatturato costi e profitti con domanda lineare A profitto C. Tot Ric. Tot B Q

55 CT,RT Fatturato costi e profitti con domanda lineare C. Tot Ric. Tot profitto (lordo e netto) senza imposte Q* H Q

56 P Fatturato costi e profitti con domanda lineare C. Tot Ric. Tot A Q* H Q

57 Il caso dell oligopolio La massimizzazione del profitto richiederebbe di selezionare una quantità Q=Q*, dove il profitto è massimo invece in alcuni casi l oligopolista può scegliere di massimizzare il ricavo totale (con il vincolo di non generare perdite) e quindi produrre Q=H>Q* in assenza di imposte.

58 P Equilibrio di oligopolio con imposta sui profitti C. Tot Ric. Tot A Profitto (lordo e netto) senza imposta Profitto netto imposta Q* H Q

59 Equilibrio di oligopolio con imposta sui profitti Poiché in Q=H i profitti sono zero, l imposta sui profitti non ha effetto sulle scelte dell impresa oligopolista. Il punto di equilibrio dell impresa non sarà modificato dall imposta. L impresa che massimizza il fatturato continuerà a produrre nel punto H: nessuna distorsione aggiuntiva e nessuna traslazione.

60 Oligopolio con vincolo di profitto minimo L impresa massimizza il fatturato, ma sotto al vincolo di garantire un profitto minimo agli azionisti (non un profitto nullo, come nel caso precedente). Il vincolo di profitto minimo è rilevante soprattutto per le società quotate in Borsa poiché rende meno probabili le scalate ostili. In presenza di un simile vincolo, l impresa produce una quantità inferiore ad H e l imposta può portare a ridurre ulteriormente tale quantità.

61 Oligopolio con vincolo di profitto minimo P C. Tot Ric. Tot H π π Q

62 Oligopolio con vincolo di profitto minimo P C. Tot Ric. Tot π S Z H π Q

63 Oligopolio con vincolo di profitto minimo: effetti imposta L imposta sul profitto modifica l equilibrio di oligopolio con vincolo di profitto minimo: determinando una riduzione della quantità prodotta (da H a S) e quindi un aumento del prezzo; determinando un profitto lordo maggiore, in modo che il profitto netto possa rimanere uguale al profitto minimo garantito ai soci. Quindi l onere dell imposta si trasferisce integralmente in avanti sui consumatori e si introduce un inefficienza.

64 Altri effetti dell imposta sui profitti L imposta sul profitto può avere effetti anche su decisioni diverse da quelle circa la quantità e il prezzo. Ad esempio, sulle decisioni di investimento: in assenza della tassazione il rendimento di ogni investimento è pari al profitto se il profitto viene tassato il rendimento dell investimento si riduce, e questo può portare a ridurre gli investimenti: nel medio periodo la produzione viene ridotta.

65 Il sistema fiscale Le imposte sui consumi: efficienza e equità

66 Le imposte sui consumi: efficienza Le imposte sui consumi comportano un problema di efficienza: possono distorcere la scelta tra due beni. Anche nel caso di un imposta sui consumi, tuttavia, è possibile che il contribuente di fatto sia (in parte) diverso dal contribuente di diritto. Due tipologie di imposte sul consumo: imposta ad valorem=proporzionale al prezzo del bene; imposta specifica=proporzionale alle quantità consumate del bene.

67 Scelta di consumo tra due beni senza imposte Il vincolo di bilancio è dato da p x x+p y y=r dove p x è il prezzo di x e p y è il prezzo di y (x e y indicano anche le quantità di bene), R è il reddito a disposizione. Il vincolo di bilancio ha quindi intercette se x=0, p y y=r e y=r/p y ; se y=0, p x x=r e x=r/p x

68 Scelta di consumo tra due beni senza imposte y R/p y y= R/ p ( p / p ) x y x y p p x y R/p x x

69 Scelta di consumo tra due beni senza imposte L individuo cerca di massimizzare la propria utilità. Il consumo di entrambi i beni dà all individuo un utilità, che è decrescente all aumentare della quantità di bene disponibile. La forma delle curve di indifferenza è quella consueta: sostituire un bene con un altro i beni è costoso quando il bene sostituito è scarso, molto meno quando il bene sostituito è relativamente abbondante. Il punto di ottimo si ottiene alla tangenza tra la curva di indifferenza e il vincolo di bilancio.

70 Scelta di consumo tra due beni senza imposte y E è scelta senza imposte: x 1 di consumo di x y 1 di consumo di y E y 1 U2 p p x y X1 x

71 Scelta di consumo tra due beni con imposta ad valorem Analizziamo le scelte di consumo quando: il prezzo del bene x rimane invariato il prezzo del bene y diventa p y =p y (1+t) dove: -p y =prezzo al lordo dell imposta -p y =prezzo al netto dell imposta -t= aliquota dell imposta ad valorem

72 Scelta di consumo tra due beni con imposta ad valorem Il vincolo di bilancio diventa p x x+p y y=r Il vincolo di bilancio ha quindi intercette se x=0, p y y=r e y=r/p y <R/p y se y=0, p x x=r e x=r/p x L intercetta con l asse y (il bene tassato) si riduce; quella con l asse x rimane immutata: rotazione intorno all asse dove è riportato x.

73 R/p y y Scelta di consumo tra due beni con imposta ad valorem y= R/ p' (p / p' ) x p' = p (1 + t) y y y x y : nuovo vincolo di bilancio R/p y p y p x ( 1+ t) x

74 Scelta di consumo tra due beni con imposta ad valorem A questo punto l individuo sceglierà una diversa combinazione di x e di y. L applicazione dell imposta comporta il conseguimento di un utilità inferiore (passaggio su una curva di indifferenza più vicina all origine degli assi). Il consumo dei due beni può combinarsi in vari modi a seconda di come si bilanciano l effetto di sostituzione e di reddito: Eff. di sostituzione spinge a consumare di meno il bene più tassato. Eff. reddito spinge a consumare di meno entrambi i beni.

75 Scelta di consumo tra due beni con imposta ad valorem Y R/p y p y x t= GETTITO IMPOSTA UNITARIA AD VALOREM R/[p y (1+t)] y1 y2 E E U2 U1 p p y x (1 + t) x2 x1 x

76 Scelta di consumo tra due beni con imposta ad valorem In questo caso l effetto di reddito ha prevalso: il consumo di entrambi i beni è diminuito passando da E a E. Tuttavia questo non significa che l effetto di sostituzione non ci sia stato: questo effetto c è sempre se viene cambiato il prezzo di uno solo dei due beni. Per distinguere i due effetti, ipotizziamo cosa sarebbe accaduto se, anziché tassare uno dei due beni, l individuo avesse subito un prelievo sul reddito tale da riportarlo esattamente sulla stessa curva di indifferenza su cui si trova effettivamente dopo la tassazione. Attenzione: ipotizziamo che questo prelievo avvenga in somma fissa, ovvero non basandolo sulle ore di lavoro, altrimenti dovremmo considerare anche gli effetti disincentivanti sull offerta di lavoro visti in precedenza.

77 Scelta di consumo tra due beni con imposta ad valorem y passaggio da E a E = effetto di reddito passaggio da E a E = effetto di sostituzione y 1 y 3 y 2 E E E U2 U1 x3 x2 x1 x

78 Scelta di consumo tra due beni con imposta ad valorem Il passaggio da E a E è quello che sarebbe avvenuto se l individuo avesse subito una tassazione sul reddito in somma fissa tale da portarlo sulla stessa curva di indifferenza in cui si trova dopo la tassazione effettivamente ottenuto. Esso mostra quindi l effetto di reddito, ovvero una riduzione del consumo di entrambi i beni. Ma il consumatore non sceglie E, perché questo equilibrio è solo ipotetico: l equilibrio effettivo è in E e nel passaggio da E a E si evidenzia l effetto di sostituzione, ovvero una riduzione del bene tassato (il bene y).

79 Scelta di consumo tra due beni con imposta ad valorem Si è quindiverificato un certo effetto di sostituzione di bene tassato con bene non tassato e questo ha comportato un inefficienza. L inefficienza è graficamente rappresentabile come differenza tra: il gettito ottenuto con l imposta ad valorem; il gettito ipoteticamente ottenibile con un prelievo sul reddito R (imposta lump-sum o in somma fissa) quando le due imposte provocano la stessa perdita di benessere (cioè portano l individuo sulla stessa curva di utilità, U1).

80 Scelta di consumo tra due beni con imposta ad valorem y gettito imposta unitaria ad valorem se l individuo è in E y 1 y 3 y 2 E E E gettito imposta lum sum in QUALSIASI PUNTO (i vincoli di bilancio sono paralleli) U2 U1 x3 x2 x1 x

81 Scelta di consumo tra due beni con imposta ad valorem Per determinare uno spostamento parallelo verso il basso del vincolo di bilancio, in alternativa alla tassazione di R, è possibile tassare i due beni con la stessa aliquota ad valorem: tassazione uniforme. Infatti il vincolo di bilancio dove i prezzi sono: p y =p y (1+t) e p x =p x (1+t) è parallelo al vincolo di bilancio dove i prezzi sono p y e p x.

82 Le imposte sui consumi: equità Le imposte sui consumi comportano anche un problema di equità: non rispettano il principio della capacità contributiva. Infatti se un ricco e un povero consumano la stessa quantità di un bene, subiscono la stessa tassazione. Ma questa tassazione incide relativamente di più sul più povero: le imposte sul consumo sono regressive. Un rimedio parziale a questo problema è la differenziazione delle aliquote, più alte per i beni di lusso.

83 Le imposte sui consumi: equità Ma ragioni di efficienza consigliano di usare la stessa aliquota per beni diversi (ved. prec) o addirittura di tassare di più i beni più consumati dai poveri (i beni a domanda rigida) perché generano un minor effetto di sostituzione (cd regola di Ramsey) un altra ipotesi di conflitto tra equità ed efficienza?

84 Il sistema fiscale Le imposte sui consumi: incidenza

85 Le imposte sui consumi: incidenza Le imposte sui consumi possono essere applicate: dal lato della domanda (contribuenti di diritto sono i consumatori); dal lato dell offerta (contribuenti di diritto sono i produttori). Tuttavia l onere effettivo dipende esclusivamente dall elasticità della domanda e dell offerta. In generale: l onere sopportato dai consumatori cresce al crescere della rigidità della domanda e dell elasticità dell offerta (e viceversa). Analisi con imposte specifiche.

86 Equilibrio di mercato senza imposte: D rigida P S P 1 D O Q 1 Q

87 Equilibrio di mercato con imposte: D rigida P S + imposta specifica S P 1 D O Q 1 Q

88 P Equilibrio di mercato con imposte: D rigida S + imposta specifica P 2 S P 1 O Q 2 Q 1 D Q

89 Equilibrio di mercato con imposte: D rigida P S + imposta specifica P 2 S Gettito P 1 P 2 - T O Q 2 Q 1 D fig Q

90 P Equilibrio di mercato con imposte: D rigida S + imposta specifica P 2 Quota dei consumatori S P 1 D O Q 2 Q 1 Q

91 Equilibrio di mercato con imposte: D rigida P S + imposta specifica P 2 Quota dei consumatori S P 1 P 2 - T produttori O Q 2 Q 1 D fig Q

92 P Equilibrio di mercato con imposte: D elastica S + imposta specifica P 2 S P 1 D O Q 2 Q 1 Q

93 P Equilibrio di mercato con imposte: D elastica S + imposta specifica P 2 consumatori S P 1 D O Q 2 Q 1 Q

94 P Equilibrio di mercato con imposte: D elastica S + imposta specifica P 2 consumatori S P 1 produttori D P 2 - T O Q 2 Q 1 Q

95 P Equilibrio di mercato con imposte: S rigida S + imposta specifica S P 1 D O Q 1 Q

96 P Equilibrio di mercato con imposte: S rigida S + imposta specifica S P 2 P 1 D O Q 2 Q 1 Q

97 P Equilibrio di mercato con imposte: S rigida S + imposta specifica S P 2 P 1 consumatore D O Q 2 Q 1 Q

98 P Equilibrio di mercato con imposte: S rigida S + imposta specifica S P 2 P 1 consumatore produttore D P 2 - T O Q 2 Q 1 Q

99 P Equilibrio di mercato con imposte: S elastica S + imposta specifica S P 1 D O Q 1 Q

100 P Equilibrio di mercato con imposte: S elastica S + imposta specifica P 2 S P 1 D O Q 2 Q 1 Q

101 P Equilibrio di mercato con imposte: S elastica S + imposta specifica P 2 consumatore S P 1 D O Q 2 Q 1 Q

102 P Equilibrio di mercato con imposte: S elastica S + imposta specifica P 2 consumatore S P 1 P 2 - T produttore D O Q 2 Q 1 Q

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Imposte ed efficienza economica

Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Nell immediato, ogni aumento delle imposte fa diminuire il benessere dei contribuenti. Nel lungo periodo, tale diminuzione è compensata dai

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 4 L equilibrio del mercato del lavoro Applicazioni di politica economica: trattenute in busta paga e sussidi 1 Effetti di una politica governativa che sposti la curva

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Tassazione societaria. 1. Ragioni 2. IRES 3. Analisi economica dell IRES

Tassazione societaria. 1. Ragioni 2. IRES 3. Analisi economica dell IRES Tassazione societaria 1. Ragioni 2. IRES 3. Analisi economica dell IRES Ragioni della tassazione societaria Perché tassare le società? In un sistema di tassazione dei redditi delle persone fisiche la tassazione

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Approfondimenti ed esempi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z

Approfondimenti ed esempi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z Approfondimenti ed esempi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z Esempi relativi agli effetti delle deduzioni e delle detrazioni sulla struttura di progressività dell imposta sul

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010 Esercizi su domanda e offerta 24 novembre 2010 Domande Domanda 1* Cosa si intende per spesa totale di un consumatore per un dato bene? Descrivete come essa varia quando il prezzo del bene considerato aumenta

Dettagli

30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI

30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI 30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepito, nel corso del 2008, i seguenti redditi: - Redditi da lavoro dipendente

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 6-1 Struttura della presentazione Domanda e

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2015/16 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania, Margherita Scoppola e Francesco Aiello) 6-1

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Istituzioni di Economia

Istituzioni di Economia Corso di laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia I costi di produzione (Capitolo 13) I costi di produzione La legge dell offerta P Offerta Le imprese sono disposte a produrre e vendere quantità

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

L Ires e la tassazione dei redditi d impresa

L Ires e la tassazione dei redditi d impresa Lezione dodicesima L Ires e la tassazione dei redditi d impresa 1 TASSAZIONE REDDITI D IMPRESA PROFITTI = R C AM - IP Imprese individuali e società di persone Gli utili, a prescindere dalla loro distribuzione,

Dettagli

LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009

LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009 LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009 Esercizio 1 Il sig. A, senza figli e sposato con la signora B la quale non percepisce alcun tipo

Dettagli

Economia Pubblica il Monopolio Naturale

Economia Pubblica il Monopolio Naturale Economia Pubblica il Monopolio Naturale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline il Monopolio Naturale Il problema del Monopolio Naturale

Dettagli

La politica dell entrata

La politica dell entrata La politica dell entrata Le entrate dello Stato si classificano in: 1.Entrate tributarie: rappresentano la parte più consistente delle entrate statali e sono costituite da: Imposte=sono prelievi obbligatori

Dettagli

su un imponibile di 1000, l aliquota media risulta pari a 0.3; su un imponibile di 3000, l imposta risulta pari a 0.5.

su un imponibile di 1000, l aliquota media risulta pari a 0.3; su un imponibile di 3000, l imposta risulta pari a 0.5. Corso di diploma in Commercio estero Sistemi fiscali comparati a.a. 2002/03 Esercitazione finale Prof. Ernesto Longobardi 1. Sia data un imposta sul reddito tale che: su un imponibile di 1000, l aliquota

Dettagli

I sistemi di tassazione: La tassazione dei redditi di impresa e l IRES

I sistemi di tassazione: La tassazione dei redditi di impresa e l IRES Lezione 3 14 maggio 2015 I sistemi di tassazione: La tassazione dei redditi di impresa e l IRES Corso di Economia pubblica A.a. 2014-2015 Redditi di impresa Reddito derivante dall esercizio di imprese

Dettagli

ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015

ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015 ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015 Esercizio 1 Si consideri un imposta sul reddito personale con aliquota marginale t costante del 20% e detrazione, f, pari a 1.000 dall imposta dovuta. Nel

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Lezione nona. L Ires e la tassazione dei redditi d impresa

Lezione nona. L Ires e la tassazione dei redditi d impresa Lezione nona L Ires e la tassazione dei redditi d impresa 1 TASSAZIONE REDDITI D IMPRESA PROFITTI = R C AM - IP Imprese individuali e società di persone Gli utili, a prescindere dalla loro distribuzione,

Dettagli

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 La prova d esame completa comprende 6 domande a risposta multipla più 4 esercizi articolati

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

Il monopolio (Frank, Capitolo 12)

Il monopolio (Frank, Capitolo 12) Il monopolio (Frank, Capitolo 12) IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Esercitazione. Capp. 1-5

Esercitazione. Capp. 1-5 Esercitazione Capp. 1-5 Esercizio 1 Elencate e spiegate sinteticamente: 1. I principi che regolano le scelte individuali 2. I principi che regolano l interazione tra gli individui Risposta: 1. Quattro

Dettagli

5.4 Risposte alle domande di ripasso

5.4 Risposte alle domande di ripasso 34 Capitolo 5 5.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Poiché in seguito all applicazione dell imposta la benzina diventerà comunque relativamente più costosa rispetto ad altri beni, i consumatori tenderanno

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Lezione 4. Offerta, domanda e analisi di politica economica

Lezione 4. Offerta, domanda e analisi di politica economica Lezione 4. Offerta, domanda e analisi di politica economica Lo Stato può modificare l esito di mercato in due modi fondamentali: regolamentandone l attività (prezzi o quantità massimi o minimi) imponendo

Dettagli

Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea)

Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea) Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea) Gli esercizi servono per verificare se avete capito la logica, la struttura di un imposta. Pertanto, quando fate il compito

Dettagli

Ipotesi sulle preferenze

Ipotesi sulle preferenze La teoria delle scelte del consumatore La teoria delle scelte del consumatore Descrive come i consumatori distribuiscono i propri redditi tra differenti beni e servizi per massimizzare il proprio benessere.

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale adattamento italiano di Novella Bottini 1 Struttura della presentazione Domanda e offerta relative Benessere e ragioni di scambio Effetti della

Dettagli

RENDIMENTI DI SCALA CRESCENTI

RENDIMENTI DI SCALA CRESCENTI 1 U C I I M - Torino Associazione Cattolica Insegnanti Dirigenti Formatori Sezione di Torino Ettore PEYRON Corso di ECONOMIA PUBBLICA 2007 Aggiornamento per docenti di Scienza delle Finanze della scuola

Dettagli

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI Lo screening è un approccio per studiare i mercati caratterizzati da asimmetrie informative ed affrontare il problema connesso della selezione avversa Un applicazione interessante

Dettagli

CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO

CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO 1-1. Quante ore allocherà un individuo alle attività di tempo libero se le sue curve di indifferenza tra consumo e beni sono concave verso l origine? Il lavoratore o lavorerà

Dettagli

La teoria dell offerta

La teoria dell offerta La teoria dell offerta Tecnologia e costi di produzione In questa lezione approfondiamo l analisi del comportamento delle imprese e quindi delle determinanti dell offerta. In particolare: è possibile individuare

Dettagli

I costi. Costi economici vs. costi contabili

I costi. Costi economici vs. costi contabili I costi Costi economici vs. costi contabili I costi economici connessi alla produzione di una certa quantità di output Y includono tutte le spese per i fattori produttivi. In altre parole, i costi economici

Dettagli

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 7 Efficienza e scambio Pareto-efficienza L efficienza in senso economico ha una definizione ristretta che prende il nome da un economista italiano (Vilfredo Pareto) una allocazione è efficiente

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere 1.1 Antonio (A) e Bice (B) consumano due beni, yogurt (y) e wafer (w). I due beni

Dettagli

Università degli studi di Bari A. Moro Corso di Laurea magistrale in Consulenza professionale per le aziende

Università degli studi di Bari A. Moro Corso di Laurea magistrale in Consulenza professionale per le aziende Università degli studi di Bari A. Moro Corso di Laurea magistrale in Consulenza professionale per le aziende Economia dei tributi Anno accademico 2013/2014 Prova scritta del 9 giugno 2014 Prima parte per

Dettagli

Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013. Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it

Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013. Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013 Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it Decisioni di consumo Dalla domanda al benessere Effetti di una variazione di prezzo Quando

Dettagli

Capitolo 8. Struttura della presentazione. Tipi di dazio. Gli strumenti della politica commerciale

Capitolo 8. Struttura della presentazione. Tipi di dazio. Gli strumenti della politica commerciale Capitolo 8 Gli strumenti della politica commerciale preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Analisi dei dazi in equilibrio parziale: offerta,

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

ECONOMIA DEL LAVORO. Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro

ECONOMIA DEL LAVORO. Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro ECONOMIA DEL LAVORO Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro Offerta di lavoro - Le preferenze del lavoratore Il luogo delle combinazioni di C e L che generano lo stesso livello di U (e.g.

Dettagli

Lezione 3 Esercitazioni

Lezione 3 Esercitazioni Lezione 3 Esercitazioni Forlì, 26 Marzo 2013 Teoria della produzione Esercizio 1 Impiegando un fattore produttivo (input) sono stati ottenuti i livelli di produzione (output) riportati in tabella. Fattore

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7]

OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7] OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7] hi lavora nel mercato? dipende, offerta di lavoro varia tra tipi di persona (uomini/donne, giovani/adulti) tra Paesi (configurazioni diverse) nel tempo (al variare delle

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Esercitazione 2 di Economia Pubblica CLEF Soluzioni Tutor Dottor Matteo Maria Cati A.A.: 2012-2013

Esercitazione 2 di Economia Pubblica CLEF Soluzioni Tutor Dottor Matteo Maria Cati A.A.: 2012-2013 Esercitazione 2 di Economia Pubblica CLEF Soluzioni Tutor Dottor Matteo Maria Cati A.A.: 2012-2013 Esercizio 1: Esternalità Un impresa A adotta un sistema di produzione rumoroso, che genera un inquinamento

Dettagli

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 8 La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Argomenti trattati nel capitolo I mercati in concorrenza perfetta La massimizzazione del profitto

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

Economia Industriale

Economia Industriale Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Economia A.A. 2005/2006 Economia Industriale Dott. Massimiliano Piacenza Lezione 3 Monopolio e regola dell elasticità Monopolio naturale e regolamentazione

Dettagli

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z. Esercizi sull Irpef

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z. Esercizi sull Irpef Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z Esercizi sull Irpef Esercizio 1 Nel corso del 2007, il signor Rossi ha percepito un reddito da lavoro dipendente, al lordo delle

Dettagli

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth?

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth? SCAMBIO EFFICIENTE Per determinare se l equilibrio competitivo soddisfa la condizione di scambio efficiente, dovremo sviluppare uno strumento grafico chiamato la Scatola di Edgeworth e utilizzato per descrivere

Dettagli

Il sistema fiscale. Le imposte sui redditi da lavoro: incidenza

Il sistema fiscale. Le imposte sui redditi da lavoro: incidenza Il sistema fiscale Le imposte sui redditi da lavoro: incidenza Le imposte sui redditi da lavoro: incidenza Le imposte sui redditi da lavoro si applicano al lavoratore (contribuente di diritto) ma possono

Dettagli

Introduzione all economia

Introduzione all economia Introduzione all economia 4.X.2005 Macro e microeconomia La teoria economica è divisa in due sezioni principali: la microeconomia e la macroeconomia La microeconomia studia il comportamento dei singoli

Dettagli

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA A.A. 2008-2009 ANNA TEMPIA 6 LEZIONE CENNI AL DECENTRAMENTO FISCALE (PARTE SECONDA) BIBLIOGRAFIA: P. Bosi

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali ECONOMIA MODULO TEORIA A.A. 2013/2014 IL O Fabio Clementi E-mail: fabio.clementi@unimc.it

Dettagli

L offerta di lavoro 1

L offerta di lavoro 1 L offerta di lavoro 1 Introduzione Per Offerta di lavoro si intende l ammontare di lavoro offerto sul mercato dalla popolazione in cambio di una retribuzione La quantità offerta dipende da: Numero di persone

Dettagli

12.4 Risposte alle domande di ripasso

12.4 Risposte alle domande di ripasso Il monopolio 81 12.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Controllo su input fondamentali; economie di scala; brevetti; economie di rete; licenze governative. Nel lungo periodo il controllo sugli input

Dettagli

Effetti dell imposizione societaria e personale sulle decisioni di finanziamento. Economia dei tributi_polin 1

Effetti dell imposizione societaria e personale sulle decisioni di finanziamento. Economia dei tributi_polin 1 Effetti dell imposizione societaria e personale sulle decisioni di finanziamento Economia dei tributi_polin 1 Decisioni di finanziamento L imposizione sulle società di capitali può risultare non neutrale

Dettagli

Misure globali della progressività, dell incidenza e della redistribuzione dell imposta Irpef a.i. 2001-2007

Misure globali della progressività, dell incidenza e della redistribuzione dell imposta Irpef a.i. 2001-2007 Ministero Dell Economia e delle Finanze Dipartimento delle Finanze Direzione Studi e Ricerche Economico Fiscali Statistiche Fiscali Approfondimenti febbraio 2010 Misure globali della progressività, dell

Dettagli

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore Lezione 5 Argomenti Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore 5.1 PREESSA Nonostante le preferenze portino a desiderare quantità crescenti di beni, nella realtà gli individui non sono

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Esercitazione 23 maggio 2016

Esercitazione 23 maggio 2016 Esercitazione 5 maggio 016 Esercitazione 3 maggio 016 In questa esercitazione, nei primi tre esercizi, analizzeremo il problema del moral hazard nel mercato. In questo caso prenderemo in considerazione

Dettagli

Contenuti. Capitolo 6. I prezzi controllati. Offerta, domanda e politica economica. Soffitti e pavimenti. Vicolo superiore di prezzo (VSP)

Contenuti. Capitolo 6. I prezzi controllati. Offerta, domanda e politica economica. Soffitti e pavimenti. Vicolo superiore di prezzo (VSP) Capitolo 6 Contenuti, domanda e politica economica Gli effetti dei prezzi controllati L incidenza della tassazione, domanda e politica economica In un mercato libero, non regolamentato, le forze di mercato

Dettagli

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI I COSTI ROF. MATTIA LETTIERI Indice 1. LE FUNZIONI DI COSTO --------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2. I COSTI DELL IMRESA NEL BREVE ERIODO

Dettagli

Antonella Laino Il monopolio naturale

Antonella Laino Il monopolio naturale A13 477 Antonella Laino Il monopolio naturale Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-4809-2

Dettagli

Le componenti della domanda aggregata

Le componenti della domanda aggregata Le componenti della domanda aggregata Lezione 3 Lezione 3 Economia Politica - Macroeconomia 1 Le componenti della domanda aggregata Ricordiamole: Consumo (C) Investimento (I) Spesa Pubblica (G) Ricordiamo

Dettagli

IRPEF: concetti teorici

IRPEF: concetti teorici Anno Accademico 2008-2009 Struttura della lezione La scelta dell unitá impositiva Tassazione individuale e familiare pura Quoziente familiare e Tassazione individuale con deduzioni e detrazioni per carichi

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

LA POLITICA MICROECONOMICA I

LA POLITICA MICROECONOMICA I capitolo 6-1 LA POLITICA MICROECONOMICA I LA POLITICA MICROECONOMICA MIRA A REALIZZARE OBIETTIVI DI EFFICIENZA ED EQUITA OPERANDO (A SECONDA DEI CASI) PER: ASSICURARE ESISTENZA E FUNZIONAMENTO DEI MERCATI

Dettagli

L IRPEF del 2007 Alcuni esercizi

L IRPEF del 2007 Alcuni esercizi Esercizi L IRPEF del 2007 Alcuni esercizi Capitolo III, Lezione 1 Le aliquote e le detrazioni dell Irpef Capitolo III, Lezione 1 SCALA DELLE ALIQUOTE redditi 2007 Scaglioni Al.legalelegale EURO (%) 0-15.000

Dettagli

Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare

Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare 26 gennaio 2015 Quali cambiamenti sono disciplinati dalla Legge di Stabilità 1 1. Da marzo 2015

Dettagli

Offerta di lavoro (Lez. 3) Tasso di disoccupazione = Disoccupati/ Forza lavoro. Tasso di partecipazione = Forza lavoro/ Popolazione attiva

Offerta di lavoro (Lez. 3) Tasso di disoccupazione = Disoccupati/ Forza lavoro. Tasso di partecipazione = Forza lavoro/ Popolazione attiva Offerta di lavoro (ez. 3) Richiamo Tasso di disoccupazione Disoccupati/ Forza lavoro Tasso di partecipazione Forza lavoro/ Popolazione attiva Tasso di occupazione Occupati/ Popolazione attiva dove Forza

Dettagli

Attività finanziarie

Attività finanziarie Attività finanziarie - Regime sostitutivo per i redditi da capitale e le plusvalenze - Base imponibile - Regimi di imposizione alternativi: Risparmio individuale, risparmio amministrato, risparmio individuale

Dettagli

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE II IL MERCATO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 1.1. Applicazioni della

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2009/10. Esercizi svolti (Irpef)

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2009/10. Esercizi svolti (Irpef) Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2009/10 Esercizi svolti (Irpef) Esercizio 1 Nel corso del 2009, il signor Rossi ha percepito un reddito da lavoro dipendente, al lordo delle ritenute

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5

LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5 LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5 Appunti di estimo Il fine economico dell imprenditore Le motivazioni che spingono un imprenditore ad avviare attività di impresa sono: Produrre beni e servizi,

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

La tassazione delle attività finanziarie. 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14

La tassazione delle attività finanziarie. 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 La tassazione delle attività finanziarie 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 Attività finanziarie - Regime sostitutivo per i redditi da capitale e le plusvalenze - Base imponibile -

Dettagli