L offerta di lavoro 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L offerta di lavoro 1"

Transcript

1 L offerta di lavoro 1

2 Introduzione Per Offerta di lavoro si intende l ammontare di lavoro offerto sul mercato dalla popolazione in cambio di una retribuzione La quantità offerta dipende da: Numero di persone che offrono lavoro che a loro volta dipendono da andamenti demografici (numero di persone in età da lavoro in ogni periodo) decisioni di partecipazione al mercato del lavoro (che dipendono da preferenze, reddito non da lavoro, salario di mercato che a loro volta sono il risultato di caratteristiche personali e da valori culturali e sociali ) 2

3 Introduzione (segue) Numero di ore di lavoro offerte che dipendono da: Preferenze offerta di lavoro (sesso, età, istruzione) Sistema istituzionale di regolazione orario di lavoro Preferenza domanda di lavoro L intensità di lavoro per ogni ora/giornata di lavoro La qualità del lavoro offerto che dipende dalle competenze e dalla capacità lavorativa di chi offre lavoro che a sua volta è funzione dell investimento in formazione e istruzione (investimento in capitale umano) che viene fatto. 3

4 L offerta di lavoro nel modello neoclassico: ipotesi di comportamento La scelta di offrire lavoro dipende dalle preferenze e dalla retribuzione di mercato ed è condizionata dalla disponibilità patrimoniale e di tempo del singolo individuo nell unità di tempo. L individuo massimizza la propria utilità (in termini di tempo libero e consumo di beni e servizi) sotto il vincolo di tempo totale disponibile e di bilancio (reddito totale); 4

5 L offerta di lavoro nel modello neoclassico: ipotesi di comportamento(2) il potenziale lavoratore non ha alcun controllo né sul salario che riceve in cambio del proprio tempo, né sui prezzi dei beni/servizi che acquista possiede un informazione completa sui tassi di salario e sui prezzi dei beni/servizi e può liberamente scegliere il numero di ore (e frazioni di ora) da offrire nel mercato del lavoro 5

6 L offerta di lavoro individuale (1) Il modello base è quello della domanda di beni e tempo libero Le preferenze dell individuo si rappresentano con una tradizionale funzione di utilità: U=U (C,T) [U >0 e U <0], dove C= beni di consumo T= tempo libero 6

7 La funzione di utilità 7

8 L offerta di lavoro individuale (2) La scelta del numero di ore da offrire sul mercato del lavoro viene fatta dall individuo con l obiettivo di massimizzare il suo benessere. Pertanto egli risolve il seguente problema: max s. t. C, T C T = max U W P = ( C, T ) Dove P =prezzo dei beni, W=salario orario, X=reddito non da lavoro, T max =24 ore, T= tempo libero in ore, L=ore di lavoro T L + + L X P 8

9 I vincoli I vincoli a cui è soggetta la scelta dell individuo sono due: Il vincolo temporale suddivide la giornata in ore di tempo libero e di lavoro Il vincolo di bilancio prescrive che dati i prezzi, il consumo sia pari al reddito da lavoro + il reddito non da lavoro. Esso si può anche scrivere: W X C = ( T max T ) + P P = W P T max + X P W P T 9

10 Grafico Vincoli La rappresentazione grafica del vincolo è la seguente C (W/P)T max +X/P Tg α= W/P α X/P L T max =24 T C 10

11 Decisione di partecipazione La decisione di partecipazione al lavoro dipende dal confronto tra il salario offerto dal mercato ed il proprio salario di riserva (che a sua volta dipende dalle preferenze e dalle condizioni famigliari ed è evidenziato dalla pendenza delle curve di indifferenza). Affinché l individuo partecipi al mercato del lavoro è necessario che il mercato valuti un ora del suo lavoro non meno di quanto egli stesso la valuta, ossia che Dove Pertanto se: W > W * W W* W = salario orario di mercato W* = salario di riserva l individuo lavora W= W* l individuo è indifferente W <W* l individuo non lavora 11

12 Il salario di riserva Idea di base di questo modello: lavoro per avere più reddito da spendere in beni di consumo e tempo libero ma se lavoro diminuisce il mio tempo libero e devo spendere più soldi per acquistare quelle cose che se stessi a casa potrei fare io (lavanderia, cura dei figli) (es: casalinga che si prende cura dei figli o di un genitore). Una volta stabilito il valore intrinseco del mio tempo a casa, lo confronto con quello che vale sul mercato del lavoro (dipende dal mio livello di istruzione, dalla mia abilità etc..) e se è inferiore, partecipo al mercato del lavoro. Più un lavoratore valuta la sua produzione domestica, maggiore deve essere il salario di mercato che gli viene offerto per indurlo a partecipare (es: casalinghe, persone istruite) 12

13 La scelta di partecipazione: Per decidere se offrire lavoro un individuo confronta il valore del suo tempo (salario di riserva) con il valore di mercato del suo tempo (salario di mercato). W* è l inclinazione della curva di indifferenza nel punto A (punto in cui l individuo non lavora) 13

14 Individuo che partecipa 14

15 Individuo che non partecipa 15

16 Offerta di lavoro Per l individuo che partecipa (W >W*) il numero ottimo di ore da prestare sul mercato del lavoro è pari a : L* =T max T*, dove T* è l ascissa del punto di tangenza fra la retta di bilancio e la curva d indifferenza più elevata (punto P) La funzione di offerta di lavoro è: W L * = L, P Dato P, l offerta di lavoro varia se varia W o X X P 16

17 Offerta di lavoro ottimale 17

18 Caratteristiche dell equilibrio Le decisioni su quanto lavoro offrire nel mercato del lavoro dipendono, oltre che dalle preferenze degli individui da: salario di mercato ammontare del reddito non da lavoro disponibile Quindi variazioni del salario di mercato, del reddito non da lavoro e dei prezzi dei beni/servizi, oltre che variazioni nel sistema di preferenze dell individuo, influenzano sia la decisione di partecipazione che il numero di ore di lavoro offerte dagli individui 18

19 Variazione del salario e offerta di lavoro Una variazione di W ha un effetto ambiguo su L. Pertanto la teoria economica non è in grado di anticipare con certezza l effetto di un aumento di W su L Un aumento di W aumenta il reddito disponibile dell individuo e quindi la domanda di tutti i beni normali, incluso T: per effetto reddito L. L effetto reddito ha segno negativo: l aumento del salario riduce l offerta di lavoro W è tuttavia anche il prezzo di T: per effetto sostituzione T e L. L effetto di sostituzione ha segno positivo: all aumentare del salario di mercato, il costo-opportunità del tempo libero aumenta, l individuo desidera consumare meno tempo libero e offre più ore di lavoro. 19

20 Variazione salariale: prevale l effetto reddito 20

21 Variazione salariale: prevale l effetto sostituzione 21

22 Curva di offerta di lavoro Normalmente si osserva che l effetto sostituzione prevale nel caso di individui con orari di lavoro ridotti Prevale invece l effetto reddito con orari più lunghi Inoltre, osserva che a bassi livelli di salario è probabile che un aumento del salario aumenti le ore di lavoro offerte, se invece i salari di partenza sono già elevati, un ulteriore aumento può portare a ridurre le ore di lavoro offerte 22

23 Curva di offerta di lavoro inclinata all indietro ES < ER ES > ER 23

24 Reddito non da lavoro e offerta di lavoro Si ipotizza che all aumentare del reddito non da lavoro aumenti la quantità di tempo libero che l individuo vuole consumare (il tempo libero è un bene normale) ed aumenti il suo salario di riserva così che, parità di salario di mercato, si riduce la probabilità di partecipazione al lavoro o si riducono le ore di lavoro offerte In questo caso opera solo l effetto reddito, siamo quindi in presenza di un risultato certo: X T, L X T, L 24

25 Aumento del reddito non da lavoro 25

26 L effetto delle tasse sull offerta di lavoro L imposizione di una tassa influenza la pendenza e a volte la posizione del vincolo di bilancio influenza l offerta di lavoro Poiché influenzano il salario (che entra nelle decisioni al netto dell imposta), l effetto delle imposte sull offerta di lavoro non può essere definito a priori: dipende dall entità dell effetto reddito rispetto all effetto sostituzione Nella maggior parte dei paesi avanzati il sistema di tassazione è progressivo. In assenza di deduzioni e/o trasferimenti, il set di bilancio è convesso verso l origine degli assi vi è un unico equilibrio 26

27 Trasferimenti ed incentivi L analisi degli effetti delle politiche di sostegno alle famiglie con bassi redditi è stata motivata dalla preoccupazione del potenziale disincentivo al lavoro e della conseguente dipendenza dall assistenza pubblica. Un aumento dei sussidi o dei trasferimenti di reddito (come i sussidi di disoccupazione) riduce l offerta di lavoro attraverso un effetto di reddito. La riduzione dell offerta di lavoro sarà tanto maggiore quanto più l erogazione del sussidio è vincolata all uscita dal mercato del lavoro, come nel caso delle pensioni di inabilità o dei prepensionamenti, o alla condizione di disoccupazione, come nel caso dei sussidi di disoccupazione. 27

28 Effetto disincentivante del sussidio 28

29 Trasferimenti ed incentivi (2) Una riduzione (aumento) delle imposte sul reddito, che modificano il salario netto di mercato hanno un effetto complessivo sull offerta di lavoro che dipende da quale degli effetti di reddito e di sostituzione prevale. Si pensi per esempio agli sgravi fiscali orari previsti per le madri che utilizzano i servizi per l infanzia. In questo caso, è come se il salario orario netto pagato alle madri aumentasse. 29

30 Fig: 3.11:Sussidi ai servizi per l infanzia e offerta di lavoro 30

31 Vincoli orari e straordinario L effetto di vincoli alla scelta dell orario di lavoro (ad esempio per legislazione) che riduce il benessere dell individuo costringendolo a scelte di second best. Immaginate il caso di un individuo vincolato a lavorare 40 ore settimanali. Ipotizzate ora che egli sia lasciato libero di fare straordinari. 31

32 Prescrizioni del modello Cosa spiega questo semplice modello di offerta di lavoro? 1. Le decisioni di partecipazione degli individui senza vincoli famigliari 2. L effetto dei sistemi di tassazione del reddito e dei sussidi sull offerta di lavoro 3. L effetto di variazioni nei salari di mercato e nel reddito non da lavoro, oltre che delle preferenze individuali sulle decisioni di partecipazione 4. L effetto di vincoli alla scelta dell orario di lavoro (ad esempio per legislazione) che riduce il benessere dell individuo costringendolo a scelte di second best 32

33 Estensioni del modello base Limiti principali del modello di base sono: Non tiene conto delle interazioni tra componenti famigliari nelle decisioni di offerta di lavoro Non tiene conto dei possibili cambiamenti delle preferenze e dei salari di mercato nel ciclo di vita Non tiene conto delle possibili interazioni tra scelte di consumo, di investimento in capitale umano e di offerta di lavoro nel tempo 33

34 Offerta di lavoro della famiglia Questi modelli evidenziano l interdipendenza esistente tra le decisioni di due coniugi e consentono di analizzare non solo le differenze di genere nelle scelte di partecipazione e di offerta di lavoro, ma anche altre decisioni famigliari come il tasso di fertilità ed il differente effetto di politiche fiscali e dei sussidi pubblici sull offerta di lavoro dei diversi componenti della famiglia 34

35 Il lavoratore principale Il meccanismo decisionale nel modello più semplice prevede che la scelta in termini di offerta di lavoro venga effettuata in primo luogo dal capofamiglia, che ha un salario di mercato più elevato degli altri membri della famiglia e un minore salario di riserva (perché ha minori alternative nell utilizzo del suo tempo). La decisione di partecipazione degli altri componenti del nucleo famigliare viene presa successivamente e dipende dal reddito che viene dal capofamiglia e dalle condizioni famigliari, oltre che dalle politiche di sostegno alle famiglie: Un aumento del reddito da lavoro del capofamiglia può ridurre l offerta di lavoro dei membri secondari 35

36 Il lavoratore principale (2) La presenza di figli piccoli può aumentare il salario di riserva della madre e ridurre la sua probabilità di partecipazione al lavoro, dato il salario di mercato Un aumento (riduzione) dei costi da sostenere per lavorare (soprattutto in termini di assistenza all infanzia) influenza molto l offerta di lavoro femminile, così come la possibilità di orari di lavoro flessibili. La disponibilità di prodotti che consentono di ridurre il tempo necessario per le attività domestiche aumenta l offerta di lavoro femminile 36

37 L offerta di lavoro nell ambito della famiglia- modello unitario (1) Ipotesi: unica funzione di utilità che aggrega le preferenze della famiglia I coniugi mettono in comune i redditi unico vincolo di bilancio Il problema della famiglia è: max st C, L 1, L 2 PC T T 1 max 2 max U ( C, T = W L = = 1 T 1 1 T W L, T 1 L L ) 2 + X 37

38 L offerta di lavoro nell ambito della famiglia- modello unitario (2) La massimizzazione produce le seguenti funzioni di offerta di lavoro (con P=1) L* 1 =L 1 (W 1, W 2,X) L* 2 =L 2 (W 1, W 2,X) Vi sono oltre agli effetti reddito e sostituzione propri anche quelli incrociati 38

39 L offerta di lavoro nell ambito della famiglia- modello alternativo (1) Ipotesi: Le funzioni di utilità sono separate L allocazione del tempo del coniuge è data Le funzioni di offerta sono L* 1 =L 1 (W 1, W 2,X 1 ) L* 2 =L 2 (W 1, W 2,X 2 ) Ci sono effetti incrociati anche di quantità In questo caso le politiche pubbliche (tasse e trasferimenti) non hanno effetti neutrali sulla distribuzione del tempo nei diversi membri della famiglia diventa rilevante il beneficiario 39

40 Il modello di offerta di lavoro nel ciclo di vita Finora modelli statici: si assume che l individuo si trovi di fronte allo stesso salario e alle stesse preferenze nell arco di tutta la vita In realtà sia le preferenze sia le opportunità salariali e di reddito degli individui cambiano nel corso della vita, perché si modificano le condizioni esterne (cambiano ad esempio i carichi famigliari) e la capacità di lavoro (per effetto ad esempio dell esperienza di lavoro), ciò influenza sia le decisioni di partecipazione che quelle relative alla quantità di tempo da offrire nel mercato del lavoro. 40

41 Il modello di offerta di lavoro nel ciclo di vita (2) In questi modelli si assume che le decisioni di offerta di lavoro vengono prese considerando il reddito dell intera vita lavorativa ed il profilo temporale delle preferenze, sulla base di un sistema di preferenze intertemporali che può essere diverso tra individui e/o famiglie In generale si ipotizza che l individuo aumenta l offerta di lavoro quando la differenza tra salario di mercato e salario di riserva è più elevata (nelle classi centrali di età per gli uomini e tra le donne più giovani), per ridurla quando tale differenza si riduce (nelle età più giovani e più anziane). 41

42 Estensioni del modello: Un estensione di questi modelli consente di tenere conto delle interazioni tra investimento in istruzione e formazione professionale e scelte di partecipazione e di offerta di lavoro: Da un lato l investimento in istruzione ritarda le decisioni di partecipazione e aumenta le ore di lavoro offerte nel ciclo di vita, spostando verso l alto e verso l esterno la curva di offerta di lavoro nel ciclo di vita. Dall altro lato, la non partecipazione al lavoro per lunghi periodi di tempo, legata ad esempio a scelte di divisione del lavoro all interno della famiglia, riduce le possibilità di investimento in formazione professionale sul lavoro e, quindi, il salario di mercato potenzialmente ottenibile, con un effetto di retroazione sulle decisioni di partecipazione e di offerta di lavoro. 42

43 Cosa predicono questi modelli? Dal punto di vista teorico, i modelli di offerta di lavoro predicono che: le decisioni di offerta di lavoro dipendono dalle condizioni e dalle preferenze individuali e famigliari, dal salario di mercato e dal salario di riserva. Negli sviluppi più recenti dei modelli di offerta di lavoro famigliare vengono studiate anche le interazioni tra scelta di partecipazione al lavoro, scelte di fertilità e di investimento in istruzione e formazione; 43

44 Cosa predicono questi modelli? (2) la probabilità di partecipare al mercato del lavoro aumenta all aumentare del salario di mercato; maggiore è il salario, maggiori sono le ore di lavoro offerte, ma oltre un certo livello del salario, ulteriori aumenti possono ridurre l offerta di ore di lavoro; una riduzione dei costi fissi e variabili per lavorare (costi di cura dei famigliari a carico, costi di trasporto,..) aumenta la probabilità di partecipazione e le ore di lavoro offerte dai componenti secondari del nucleo famigliare; 44

45 Cosa predicono questi modelli? (3) vincoli nell orario di lavoro riducono le possibilità di scelta e comportano soluzioni di second best (tra cui una minore probabilità di partecipazione dei componenti secondari del nucleo famigliare); le politiche fiscali e di welfare influenzano le scelte di offerta di lavoro dei componenti dei nuclei famigliari in modo diverso. 45

46 Fatti stilizzati(1) Crescita della partecipazione femminile negli ultimi 30 anni (fig 3.1), legata alla crescita dei salari femminili La crescita dei salari femminili è ritenuta anche responsabile del ritardo con cui vengono contratti matrimoni e della nascita dei figli. Le donne infatti cercano sempre di più un rapporto continuativo con il mercato del lavoro, infatti le curve di partecipazione per classi di età diventano sempre più simili a quelle maschili (fig. 3.3 e 3.4) 46

47 Figura 3.1: Tassi di partecipazione delle donne nei paesi europei 47

48 Figura 3.2: Tassi di partecipazione degli uomini nei paesi europei 48

49 Figura 3.3: Tassi di partecipazione delle donne per classi di età,

50 Figura 3.4: Tassi di partecipazione degli uomini per classi di età,

51 Tab

52 Tab

53 Fatti stilizzati (2) Relativamente ai maschi si registra una flessione del tasso di partecipazione dei giovani e degli anziani, per effetto dell allungamento del periodo di studio e dell anticipazione del prepensionamento (fig.3.2 e 3.4) 53

54 Tab

55 Le stime dell offerta di lavoro Le stime che utilizzano modelli lineari fanno ricorso alla seguente regressione: L=α 0 + α 1 W+ α 2 X Gli studi empirici mostrano che: l offerta di lavoro maschile è ANELASTICA al salario ( prevale sempre l effetto reddito) l offerta di lavoro femminile è ELASTICA al salario e al reddito ( prevale l effetto di sostituzione) 55

56 Tab

57 Problemi di stima Il salario di chi non lavora non è osservato. Questo infatti è inferiore al salario di riserva. Due possibilità, usare i salari di chi lavora per predire quelli di chi non lavora, escludere dall analisi i non lavoratori. Problemi di distorsione da selezione. La scelta individuale dipende infatti dal confronto tra salario di mercato e salario di riserva. 57

58 Soluzioni e sviluppi Aggiungere una variabile nell equazione che tenga conto della probabilità che una persona lavori (Heckman, 1979). Inoltre, ulteriori sviluppi tengono conto del troncamento della distribuzione delle ore lavorate. Problemi di misurazione delle variabili. Vincoli di bilancio non lineari e convessità. 58

59 Alcune spiegazioni di fatti stilizzati: la scarsa partecipazione femminile in Italia Sulla base dei modelli teorici analizzati e dell evidenza empirica, possiamo quindi affermare che la bassa partecipazione femminile in Italia può essere spiegata: dalle rigidità nei sistemi di regolazione degli orari di lavoro dalla carenza di servizi di sostegno al lavoro di cura dal sistema di divisione del lavoro all interno della famiglia 59

60 La partecipazione femminile in Italia Nel caso italiano questi aspetti sono particolarmente rilevanti per spiegare la bassa partecipazione al lavoro delle donne sposate con figli piccoli ed anche il basso tasso di fertilità Il fatto che la diffusione del lavoro part- time e la disponibilità di servizi di assistenza all infanzia siano ancora molto limitati, impone alle donne con figli piccoli di scegliere tra lavoro a tempo pieno o non lavoro, in assenza di servizi che riducono i costi legati alla scelta di lavorare full-time. Il risultato è una bassa natalità e una bassa partecipazione femminile al lavoro. 60

61 Partecipazione giovanile e degli ultracinquantenni La bassa partecipazione dei giovani e degli ultra-cinquantenni è invece legata, rispettivamente all'aumento del tempo dedicato all istruzione, nonché alla presenza di vincoli all entrata nel mercato del lavoro alla diffusione dei prepensionamenti e delle pensioni di invalidità che richiedono l uscita dal mercato del lavoro. 61

Offerta di lavoro (Lez. 3) Tasso di disoccupazione = Disoccupati/ Forza lavoro. Tasso di partecipazione = Forza lavoro/ Popolazione attiva

Offerta di lavoro (Lez. 3) Tasso di disoccupazione = Disoccupati/ Forza lavoro. Tasso di partecipazione = Forza lavoro/ Popolazione attiva Offerta di lavoro (ez. 3) Richiamo Tasso di disoccupazione Disoccupati/ Forza lavoro Tasso di partecipazione Forza lavoro/ Popolazione attiva Tasso di occupazione Occupati/ Popolazione attiva dove Forza

Dettagli

OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7]

OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7] OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7] hi lavora nel mercato? dipende, offerta di lavoro varia tra tipi di persona (uomini/donne, giovani/adulti) tra Paesi (configurazioni diverse) nel tempo (al variare delle

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 2-1 Applicazioni dell offerta di lavoro - Introduzione - 1 Introduzione I modelli statici d offerta di lavoro spiegano: 1.come gli individui distribuiscano il tempo tra

Dettagli

Equilibrio macroeconomico neoclassico

Equilibrio macroeconomico neoclassico Equilibrio macroeconomico neoclassico La teoria neoclassica (TN) Rappresentò il paradigma teorico di riferimento fino alla crisi del 1929 e prima di Keynes Ancora oggi alcune scuole di pensiero più recenti

Dettagli

ECONOMIA DEL LAVORO. Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro

ECONOMIA DEL LAVORO. Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro ECONOMIA DEL LAVORO Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro Offerta di lavoro - Le preferenze del lavoratore Il luogo delle combinazioni di C e L che generano lo stesso livello di U (e.g.

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

Applicazioni delle teorie della scelta razionale e della domanda (Frank, Capitolo 5)

Applicazioni delle teorie della scelta razionale e della domanda (Frank, Capitolo 5) Applicazioni delle teorie della scelta razionale e della domanda (Frank, Capitolo 5) DUE ESEMPI SULL UTILIZZO DEL MODELLO DI SCELTA RAZIONALE AI FINI DELLA POLITICA ECONOMICA La politica economica influenza

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Fino a questo punto abbiamo considerato solo modelli statici, cioè modelli che non hanno una dimensione temporale. In realtà i consumatori devono scegliere

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 6-1 Struttura della presentazione Domanda e

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2015/16 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania, Margherita Scoppola e Francesco Aiello) 6-1

Dettagli

Le preferenze e la scelta

Le preferenze e la scelta Capitolo 3: Teoria del consumo Le preferenze e la scelta 1 Argomenti trattati in questo capitolo Usiamo le preferenze dei consumatori per costruire la funzione di domanda individuale e di mercato Studiamo

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 La prova d esame completa comprende 6 domande a risposta multipla più 4 esercizi articolati

Dettagli

CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO

CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO 1-1. Quante ore allocherà un individuo alle attività di tempo libero se le sue curve di indifferenza tra consumo e beni sono concave verso l origine? Il lavoratore o lavorerà

Dettagli

Modulo 2. Domanda aggregata e livello di produzione

Modulo 2. Domanda aggregata e livello di produzione Modulo 2 Domanda aggregata e livello di produzione Esercizio. In un sistema economico privo di settore pubblico, la funzione di consumo è: C = 200 + 0.8Y; gli investimenti sono I= 50. a) Qual è il livello

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale adattamento italiano di Novella Bottini 1 Struttura della presentazione Domanda e offerta relative Benessere e ragioni di scambio Effetti della

Dettagli

Il mercato del lavoro

Il mercato del lavoro Il mercato del lavoro Dati mercato del lavoro: Un confronto (2012) Italia Francia Germania OECD Tasso disoccupazione 10.7 10.3 5.5 8.0 Tasso occupazione (*) 57.6 63.9 72.8 65.1 Femminile 47.8 60 68 57.2

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010 Esercizi su domanda e offerta 24 novembre 2010 Domande Domanda 1* Cosa si intende per spesa totale di un consumatore per un dato bene? Descrivete come essa varia quando il prezzo del bene considerato aumenta

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

BG Previdenza Attiva ed. 07/2015: per costruire il tuo futuro in tutta tranquillità Product pack Rendimento certificato 2014 Rialto Previdenza 4,89%

BG Previdenza Attiva ed. 07/2015: per costruire il tuo futuro in tutta tranquillità Product pack Rendimento certificato 2014 Rialto Previdenza 4,89% BG Previdenza Attiva ed. 07/2015: per costruire il tuo futuro in tutta tranquillità Product pack Rendimento certificato 2014 Rialto Previdenza 4,89% Rapporto tra pensione e ultima retribuzione lorda Le

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Le componenti della domanda aggregata

Le componenti della domanda aggregata Le componenti della domanda aggregata Lezione 3 Lezione 3 Economia Politica - Macroeconomia 1 Le componenti della domanda aggregata Ricordiamole: Consumo (C) Investimento (I) Spesa Pubblica (G) Ricordiamo

Dettagli

Scelta intertemporale. Lezione 9. Valori presenti e futuri. Valore futuro

Scelta intertemporale. Lezione 9. Valori presenti e futuri. Valore futuro Scelta Lezione 9 Scelta Di solito il reddito arriva ad intervalli, per esempio lo stipendio mensile. Quindi si pone il problema di decidere se (e quanto) risparmiare in un periodo per consumare più tardi.

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

L azzardo morale e il modello principale-agente

L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il problema principale agente Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Ipotesi sulle preferenze

Ipotesi sulle preferenze La teoria delle scelte del consumatore La teoria delle scelte del consumatore Descrive come i consumatori distribuiscono i propri redditi tra differenti beni e servizi per massimizzare il proprio benessere.

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Scelte finanziarie delle famiglie: a determinano i flussi di risparmio che alimentano lo stock di ricchezza; selezionano le attività patrimoniali

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Daria Vigani Maggio 204. In ciascuna delle seguenti situazioni calcolate risparmio nazionale,

Dettagli

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE.

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. 0 COSA IMPAREREMO: Cosa determina la produzione totale di un economia. (Ripasso sulla remunerazione dei fattori di produzione e la distribuzione

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 4 L equilibrio del mercato del lavoro Applicazioni di politica economica: trattenute in busta paga e sussidi 1 Effetti di una politica governativa che sposti la curva

Dettagli

La domanda di moneta

La domanda di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria La domanda di moneta (terza parte) Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it La teoria keynesiana (preferenza

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

Le nozioni di base della domanda e dell offerta

Le nozioni di base della domanda e dell offerta Capitolo 2 Le nozioni di base della domanda e dell offerta A.A. 2005-2006 Microeconomia - Cap. 2 1 Questo file (con nome cap_02.pdf) può essere scaricato da www.klips.it siti e file Provvisoriamente anche

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 5 I differenziali salariali compensativi - Applicazione di politica economica: l assicurazione sulla salute e il mercato del lavoro 1 Negli Stati Uniti i datori di lavoro

Dettagli

Lezione 1 Introduzione

Lezione 1 Introduzione Lezione 1 Introduzione Argomenti Cosa è l Economia politica I principi fondamentali dell Economia politica Cosa studia l Economia politica Perché studiare l Economia politica 1.1 COSA È L ECONOMIA POLITICA

Dettagli

Il sistema fiscale. Teoria

Il sistema fiscale. Teoria Il sistema fiscale Teoria Il sistema fiscale: aspetti generali I fallimenti del mercato ci dicono che una serie di beni devono essere prodotti dallo Stato per ragioni di efficienza: difesa (beni pubblici);

Dettagli

La scelta in condizioni di incertezza

La scelta in condizioni di incertezza La scelta in condizioni di incertezza 1 Stati di natura e utilità attesa. L approccio delle preferenza per gli stati Il problema posto dall incertezza riformulato (state-preference approach). L individuo

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO DELLE DONNE IN PROVINCIA DI CREMONA. A cura di Ganugi Piero, Lucifora Claudio e Orlando Nicola

L OFFERTA DI LAVORO DELLE DONNE IN PROVINCIA DI CREMONA. A cura di Ganugi Piero, Lucifora Claudio e Orlando Nicola L OFFERTA DI LAVORO DELLE DONNE IN PROVINCIA DI CREMONA A cura di Ganugi Piero, Lucifora Claudio e Orlando Nicola Presentazione Con questo studio, il quarto dalla nascita del Servizio Informativo Economico

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-7 Il capitale umano - La teoria dei segnali 1 Hip. base del modello di istruzione (teoria del capitale umano): istruzione => ( produttività del lavoratore) => w. Ragionamento

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 2-3 Applicazioni dell offerta di lavoro - La produzione della famiglia 1 Applicazioni dell offerta di lavoro - la famiglia Nel modello neoclassico lavoro-tempo libero

Dettagli

Capitolo 5 Applicazioni delle teorie della scelta razionale e della domanda

Capitolo 5 Applicazioni delle teorie della scelta razionale e della domanda Capitolo 5 Applicazioni delle teorie della scelta razionale e della domanda DUE ESEMPI SULL UTILIZZO DEL MODELLO DI SCELTA RAZIONALE AI FINI DELLA POLITICA ECONOMICA La politica economica influenza il

Dettagli

Politiche per la famiglia e Fattore famiglia

Politiche per la famiglia e Fattore famiglia Politiche per la famiglia e Fattore famiglia Maria Cecilia Guerra Modena, 3 novembre 21 OBIETTIVI DELLE POLTICHE PER LE FAMIGLIE Sostegno alle responsabilità familiari natalità partecipazione femminile

Dettagli

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Lezione 1 Lezione 1 Economia Politica - Macroeconomia 1 Semplificazioni della macro Il livello di aggregazione è molto più spinto

Dettagli

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long)

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Curva di Phillips e aspettative R. Capolupo- Macro 2 1 Legame tra modello a prezzi vischiosi e quello a prezzi flessibili Il passaggio dal modello a prezzi vischiosi al

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 19 e 20. Dott.ssa Rossella Greco

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 19 e 20. Dott.ssa Rossella Greco Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Macroeconomia sui capitoli 19 e 20 Dott.ssa Rossella Greco Domanda 1 (Problema 1. dal Cap. 19 del Libro di Testo) Nei paesi di Richland

Dettagli

La teoria dell offerta

La teoria dell offerta La teoria dell offerta Tecnologia e costi di produzione In questa lezione approfondiamo l analisi del comportamento delle imprese e quindi delle determinanti dell offerta. In particolare: è possibile individuare

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in Servizio Sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Elisabetta Donati Lezione 2 La famiglia: aspetti concettuali e metodologici Diversità storiche, culturali

Dettagli

Risparmio, accumulazione di capitale e produzione

Risparmio, accumulazione di capitale e produzione Lezione 13 (BAG cap. 12) Risparmio, accumulazione di capitale e produzione Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Il tasso di risparmio Tasso di risparmio di una economia: rapporto

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo CAPITOLO XXI Crescita e sviluppo L obiettivo è di integrare alcuni aspetti della nuova teoria della crescita con quelli del paradigma dello sviluppo umano Considereremo le relazioni tra il capitale umano,

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Imposte ed efficienza economica

Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Nell immediato, ogni aumento delle imposte fa diminuire il benessere dei contribuenti. Nel lungo periodo, tale diminuzione è compensata dai

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-3 Il capitale umano -Il modello dell istruzione 1 Il capitale umano Il modello dell istruzione L istruzione, come abbiamo visto, è associata a tassi di disoccupazione

Dettagli

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Domanda e Offerta Domanda e Offerta Il meccanismo di mercato Variazioni dell equilibrio di mercato Elasticità della domanda e dell offerta Elasticità di breve e di lungo periodo Gli effetti dell intervento

Dettagli

Lezione 23 Legge di Walras

Lezione 23 Legge di Walras Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 23 Legge di Walras Funzione del Consumo Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Perché la macroeconomia I problem illustrati nelle lezione precedente

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

Lezione 3 Esercitazioni

Lezione 3 Esercitazioni Lezione 3 Esercitazioni Forlì, 26 Marzo 2013 Teoria della produzione Esercizio 1 Impiegando un fattore produttivo (input) sono stati ottenuti i livelli di produzione (output) riportati in tabella. Fattore

Dettagli

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale Discuteremo di. La determinazione dell insieme delle alternative all interno del quale sceglie il consumatore La descrizione e la rappresentazione delle sue preferenze Come si determina la scelta ottima

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

A cura di Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@studio.unibo.it)

A cura di Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@studio.unibo.it) Macroeconomia, Esercitazione 9 A cura di Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@studio.unibo.it) 1 Esercizi 1.1 ) Al primo gennaio 2070 l Italia ha un debito di 900 miliardi di euro in titoli pubblici

Dettagli

COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE. Informazioni di approfondimento

COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE. Informazioni di approfondimento COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE Informazioni di approfondimento Come vengono gestiti i versamenti ai fondi pensione complementare? Prima dell adesione

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 24 Il mercato dei beni Prof. Gianmaria Martini Domanda ed offerta Uno degli schemi logici fondamentali dell analisi economica

Dettagli

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale.

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale. DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA PARTE I: I FONDAMENTI DELLA MACRO 1) Dopo aver spiegato la distinzione tra micro e macro economia, lo studente definisca e spieghi il concetto di Prodotto Interno

Dettagli

2 a Esercitazione: soluzioni

2 a Esercitazione: soluzioni 2 a Esercitazione: soluzioni A cura di Monica Bonacina Corso di Microeconomia A-K, a.a. 202-203 La maggior parte dei quesiti riportati di seguito è tratta da temi d esame. De nizioni. Si de niscano sinteticamente

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore Lezione 5 Argomenti Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore 5.1 PREESSA Nonostante le preferenze portino a desiderare quantità crescenti di beni, nella realtà gli individui non sono

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli