ATTENZIONE: IL BANDO DA UTILIZZARE E QUELLO IN LINGUA INGLESE LA VERSIONE IN ITALIANO NON FA FEDE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATTENZIONE: IL BANDO DA UTILIZZARE E QUELLO IN LINGUA INGLESE LA VERSIONE IN ITALIANO NON FA FEDE"

Transcript

1 Data: 20 febbraio 2012 Manifestazione di Interesse al fine di selezionare Intermediari Finanziari che riceveranno risorse, dal Fondo Europeo degli Investimenti, attraverso il JEREMIE Holding Fund, al fine di implementare lo strumento finanziario denominato Funded Risk Sharing Financial Instrument per la Regione Calabria. Numero di riferimento: Manifestazione di Interesse No. JER-012/1 Introduzione L iniziativa JEREMIE è un programma quadro che fornisce una serie di azioni volte a promuovere ed incrementare l accesso alla finanza da parte delle micro, piccole e medie imprese. L iniziativa JEREMIE nella Regione Calabria è gestita dal Fondo Europeo per gli Investimenti (di seguito, FEI ) che agisce attraverso il JEREMIE Holding Fund (di seguito, JHF ). Per mezzo del JHF, il FEI gestisce fondi resi disponibili dal Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (di seguito FESR ) e dai relativi finanziamenti pubblici assegnati nell ambito dell iniziativa JEREMIE. Come parte integrante del Programma Operativo Regionale Calabria FESR , le competenti autorità regionali hanno concordato di destinare risorse all implementazione dell Iniziativa JEREMIE con il FEI, in accordo con l Art. 44 del Regolamento del Consiglio (CE) No. 1083/ (di seguito, Reg. 1083/2006 ) ed in accordo con le disposizioni dell Accordo (di seguito Accordo ) sottoscritto l 11 ottobre 2011 tra la Regione Calabria ed il FEI. Le regole rilevanti ai fini dell implementazione del Reg. 1083/2006 sono delineate nel Regolamento della Commissione (CE) No. 1828/ (di seguito Reg. 1828/2006 ). 1 Programma Operativo approvato con Decisione della Commissione europea C(2007) 6322 del Regolamento del Consiglio (CE) No. 1083/2006 dell 11 Luglio 2006 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo, e sul Fondo di Coesione e che abroga il Regolamento (CE) No. 1260/1999 (GU L210 del ), con le successive modifiche. 3 Regolamento della Commissione (CE) No 1828/2006 dell 8 Dicembre 2006 recante disposizioni per l implementazione del Regolamento del Consiglio (CE) No. 1083/2006 che reca disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo, e sul Fondo di Coesione del Regolamento (CE) No 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea L371 del ), come successivamente modificato, dal Regolamento della Commissione (CE) No 846/2009 dell 1 Settembre 2009 che modifica il Regolamento (CE) No 1828/2006 recante disposizioni per l implementazione del Regolamento del Consiglio (CE) No 1083/2006 che reca disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo, e sul Fondo di Coesione del 1

2 La cooperazione tra la Regione Calabria ed il FEI, che agisce attraverso il JHF, è regolamentata dall Accordo che definisce il tipo di cooperazione e le modalità operative di spesa del JHF per ogni operazione, come definite nel Reg. 1083/2006 (di seguito, Operazioni ), compresi i finanziamenti volti a supportare gli strumenti di ingegneria finanziaria. Il FEI, agendo attraverso il JHF, è consigliato dal Comitato di Investimento (di seguito Comitato di investimento ), i cui membri sono nominati dalle autorità della Regione Calabria. Il FEI nei suoi poteri, agisce attraverso il JHF e procede sulla base dei principi abituali che regolano il proprio business e sulla base della strategia di investimento e del programma di implementazione dell iniziativa JEREMIE. L iniziativa JEREMIE è finanziata dal Programma Operativo FESR per il periodo , come descritto nella seguente tabella: Programma Operativo Programma Operativo FESR Asse Prioritario Asse 7: Migliorare le condizioni di contesto e sostenere la competitività dei sistemi produttivi e delle imprese Questa Manifestazione di Interesse mira agli strumenti di ingegneria finanziaria di cui all Art. 44 del Reg. 1083/2006 ed è indirizzata a persone giuridiche, sia pubbliche che private, interessate a ricevere risorse da parte del JHF per le attività relative alle Operazioni (di seguito Intermediari Finanziari ). Tali attività saranno svolte in accordo con quanto stabilito nei contratti che saranno siglati tra il JHF e gli Intermediari Finanziari selezionati (di seguito Accordo(i) Operativo(i) ). Gli Intermediari Finanziari potranno manifestare il proprio interesse completando e inviando i documenti allegati alla presente Manifestazione di Interesse (si veda Annex 1). 1. Definizioni e Interpretazioni In questa Manifestazione di Interesse, le parole con la lettera maiuscola e le espressioni avranno il seguente significato, se non diversamente definite sopra. Candidato Significa un Intermediario Finanziario che manifesta il proprio interesse attraverso la presente Manifestazione di Interesse; Scadenza Significa 13 aprile 2012; Strumento finanziario Criteri di Eleggibilità Manifestazione Funded Risk Sharing Significa i criteri ai quali la Manifestazione d Interesse e i Candidati devono ottemperare e che sono elencati nell Annex 2 Parte II; Significa una proposta inviata da un Candidato in Regolamento (CE) No 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea L250 del ). 2

3 d Interesse Gruppo BEI JEREMIE JHF Accordo Operativo Criteri di Valutazione Qualitativa Criteri di Selezione Piccole e Medie Imprese o PMI risposta a questa Manifestazione d Interesse, entro la Scadenza, e compilato secondo l Annex 1; Il Gruppo BEI è costituito dalla Banca Europea per gli Investimenti (BEI) e dal Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI); Significa l iniziativa Joint European Resources for Micro to Medium Enterprises lanciata dalla Commissione e dal FEI, come membro del Gruppo BEI, al fine di promuovere e favorire l accesso alla finanza per lo sviluppo di PMI nell Unione Europea; Significa il FEI, nei suoi poteri e che agisce attraverso il JEREMIE Holding Fund (JHF) per il bene ultimo della Regione Calabria, cosi come stabilito nell Accordo; Significa un accordo concluso tra un Intermediario Finanziario e il FEI, per conto del JHF, e relativo ad uno strumento finanziario sulla base di questa Manifestazione di Interesse e del relativo processo di selezione dei candidati; Significa i criteri di valutazione qualitativa applicati dal FEI e ad unica discrezione del FEI, nella valutazione dei candidati e/o degli strumenti finanziari proposti in base agli standard di business del FEI che sono di seguito elencati nell Annex 2; Significa i criteri di eleggibilità ed i criteri di valutazione qualitativa; Significa micro, piccole e medie Imprese come definite nella Raccomandazione della Commissione 2003/361/CE; 2. Holding Fund Manager European Investment Fund, 96 Boulevard Konrad Adenauer L-2968 Luxembourg. Indirizzo internet dell Holding Fund Manager (URL): In base all Accordo, il Fondo Europeo per gli Investimenti potrà essere sostituito nel suo ruolo come JEREMIE Holding Fund manager. In caso di sostituzione, la Regione Calabria, o il soggetto da essa incaricato come nuovo JHF manager, assumerà l intera discrezionalità e responsabilità al fine di raggiungere gli obiettivi del JHF, implementare le Operazioni in Regione Calabria, e gestire gli Strumenti Finanziari. Gli Accordi disciplineranno la potenziale sostituzione del FEI, al fine di consentire il trasferimento degli Accordi Operativi al soggetto gestore (Holding Fund Manager) subentrante. 3. Descrizione delle attività attese dagli Intermediari Finanziari selezionati 3

4 Gli Intermediari Finanziari selezionati dovranno implementare lo strumento di ingegneria finanziaria brevemente descritto nella seguente tabella (di seguito Strumento Finanziario ). Uno Strumento Finanziario potrà essere costituito sia come un entità legale indipendente, disciplinato da accordi tra i partner cofinanziatori o azionisti oppure come un capitolo di bilancio separato all interno della contabilità di un Intermediario Finanziario. Come previsto dal Reg. 1828/2006, un capitolo di bilancio separato sarà soggetto a regole di implementazione specifiche, che stabiliscono, in particolare, che l Intermediario Finanziario manterrà una contabilità separata per distinguere le risorse del JHF investite nello Strumento Finanziario, incluse quelle corrisposte dal Programma Operativo, rispetto a quelle inizialmente a disposizione dell Intermediario Finanziario. E stato pianificato di allocare un ammontare fino a EURO 42 milioni allo Strumento Finanziario, provenienti dal JHF. Si veda di seguito un allocazione indicativa e il relativo Annex indicante i Criteri di Selezione e la descrizione dello Strumento Finanziario. Strumento Finanziario Funded Risk Sharing Financial Instrument Ammontare allocato indicativo (milioni EURO) Fino a 42 di Allegato Annex 2 (Strumento Finanziario: Descrizione e Criteri di Selezione) Gli Intermediari Finanziari potranno esprimere il loro interesse per un contributo (in termini di ammontare richiesto) da un minimo di EURO 21 milioni fino all ammontare totale allocato dal JHF per lo Strumento Finanziario. L ammontare indicativo allocato per lo Strumento Finanziario, così come l ammontare corrisposto dal JHF al singolo Intermediario Finanziario, potrà essere variato a discrezione del FEI, qualora si modificassero le risorse disponibili durante il processo di implementazione del JHF o in funzione della domanda dello Strumento Finanziario. Si fa notare che joint ventures e/o consorzi e/o Associazioni Temporanee di Imprese (ATI), possono esprimere il loro interesse: (i) se almeno uno dei componenti della joint venture e/o consorzio e/o ATI è un istituto di credito autorizzato ad operare in Calabria in base alla normativa vigente; (ii) se viene indicato/nominato un soggetto capofila (un istituto di credito) che fungerà da controparte contrattuale per il FEI per tutta la durata dell Accordo Operativo (in caso di selezione), e, (iii) tutti i membri della joint venture e/o consorzio e/o ATI sono 4

5 responsabili in solido per tutti gli obblighi previsti. Tali Candidati dovranno presentare una Manifestazione di Interesse congiunta. 4. Manifestazione di Interesse Un modello di Manifestazione di Interesse è allegato di seguito come Annex 1, e può essere reperito ai seguenti indirizzi: o: La Manifestazione di Interesse include l identificazione del Candidato, la descrizione del progetto, la documentazione a supporto della domanda, la dichiarazione di assenza di conflitto di interessi e quella riguardante l esistenza di eventuali motivi di esclusione. Non più tardi del 12 marzo 2012, i Candidati potranno richiedere chiarimenti relativi alla Manifestazione di Interesse o alla natura dello Strumento Finanziario. Tale richiesta dovrà indicare il numero di riferimento della Manifestazione di Interesse, il nominativo del candidato e dovrà essere inviata in Inglese per al seguente indirizzo: Regional Business Development Unit European Investment Fund Non sarà data una risposta individuale alle richieste di chiarimenti pervenute da parte dei Candidati. Le risposte a tutte le richieste di chiarimenti pervenute entro il termine stabilito saranno fornite congiuntamente in un documento di chiarimento, pubblicato sul sito web: In linea di principio il FEI non contatterà direttamente alcun Candidato prima della scadenza per la presentazione della domanda, a meno che non ritenga necessario chiarire alcuni aspetti di mera natura tecnica. Ad ogni modo, nel caso in cui si accorga, prima della scadenza, di eventuali errori, omissioni o qualsiasi altro tipo di incongruenze nel testo della Manifestazione di Interesse, il FEI effettuerà le dovute correzioni ed informerà di conseguenza i potenziali Candidati. 5. Lingua La Manifestazione di Interesse, inclusa la documentazione da allegare a corredo della domanda, saranno in Inglese. 6. Presentazione della Manifestazione di Interesse La Manifestazione di Interesse sarà presentata entro e non oltre la Scadenza, sia per (i) (non piu di 10 mega bytes per ) sia per (ii) posta 5

6 raccomandata o corriere. La Manifestazione di Interesse spedita per posta raccomandata o per corriere sarà costituita da un singolo plico chiuso che conterrà la Manifestazione d Interesse, comprensiva di allegati, in forma cartacea e su supporto elettronico (CD-ROM, USB memory stick). La scadenza per la presentazione della Manifestazione di Interesse è il 13 aprile Per ciò che concerne la scadenza (i) in caso di farà fede la ricezione da parte del FEI e (ii) in caso di posta raccomandata o corriere, farà fede la data di consegna, certificata dal timbro dell ufficio postale o la ricevuta di consegna del corriere. La Manifestazione di Interesse dovrà indicare il numero di riferimento della Manifestazione di Interesse (No. JER-012/1) e il nome del Candidato e dovrà essere spedita al seguente indirizzo: 6

7 Indirizzo Postale: European Investment Fund Attention: Regional Business Development Unit 96 Boulevard Konrad Adenauer L-2968 Luxembourg LUXEMBOURG Il plico esterno dovrà indicare la seguente dicitura: Expression of Interest - Reference number of the Call (No. JER-012/1) - Not to be opened by the reception To be passed without opening to Regional Business Development Unit ). Indirizzo Attention: Regional Business Development Unit Prima della scadenza e con le modalità sopra indicate, i Candidati potranno cambiare o modificare la loro Manifestazione di Interesse, indicando chiaramente le parti da cambiare o modificare. Prima o dopo la scadenza e con le stesse modalità sopra indicate, i Candidati potranno ritirare la loro Manifestazione di Interesse. Dopo la scadenza una ricevuta di avvenuta consegna sarà spedita, dal FEI per e- mail, a tutti i candidati, con le seguenti informazioni: Identificativo unico della proposta (numero della Manifestazione di Interesse); Numero di riferimento della Manifestazione di Interesse; Conferma che la Manifestazione di Interesse è stata ricevuta prima della scadenza. La comunicazione dell avvenuta ricezione non costituisce un attestazione ai fini della completezza della Manifestazione di Interesse e della documentazione allegata né tanto meno una valutazione sulla stessa. 7. Processo di Selezione Nel selezionare gli Intermediari Finanziari, il FEI rispetterà i seguenti principi fondamentali: i) parità di trattamento, ii) non-discriminazione, iii) riservatezza, iv) trasparenza. La Manifestazione di Interesse sarà valutata in maniera professionale dal FEI, su base comparativa, adottando analisi e giudizi professionali e tenendo conto dei Criteri di Selezione. 7

8 Il FEI rigetterà le Manifestazioni di Interesse che non osservano i Criteri di Eleggibilità. Gli Intermediari Finanziari le cui domande sono rigettate perché non osservanti un qualsiasi elemento contenuto nelle dichiarazioni di esclusione (Appendix 4 e 5 dell Annex 1), non potranno candidarsi in eventuali successive Manifestazioni di Interesse a meno che non venga data specifica evidenza del venir meno delle ragioni che ne hanno motivato l esclusione. Anche successivamente alla data di scadenza, il FEI, in casi limitati e se ritenuto necessario, potrà richiedere chiarimenti di mera natura tecnica o formale; beninteso tali chiarimenti non potranno fornire ai candidati l opportunità di migliorare la loro offerta, né tanto meno potranno alterare la concorrenza tra i candidati. I candidati che non sono esclusi secondo i Criteri di Eleggibilità e che avranno fornito le informazioni aggiuntive richieste ai candidati pre-selezionati in base all Appendix 2 nel rispetto della scadenza fissata dal FEI in occasione di tale richiesta, saranno oggetto di un processo di selezione da parte del FEI in base ai Criteri Qualitativi di Valutazione che avrà luogo in due fasi: la prima fase rappresentata da un analisi desk-based (Criteri Qualitativi di Valutazione da 2.1 a 2.7) e la seconda fase rappresentata da un processo di due diligence (Criteri Qualitativi di Valutazione da 2.8 a 2.10). Ai fini della pre-selezione per la due diligence, bisogna conseguire un punteggio minimo di 48 punti durante la fase di analisi desk-based. A seguito dell analisi deskbased, il/i Candidato/i non preselezionato/i per il processo di due diligence vengono opportunamente informati. La selezione basata sui Criteri Qualitativi di Valutazione, e il processo di due diligence, se del caso, segue le procedure standard e le linee guida applicate dal FEI per la propria attività. La valutazione delle proposte in questa fase sarà condotta in termini competitivi e si prevede di selezionare uno o più candidati. Se, per qualsiasi motivo, un Accordo Operativo non viene firmato con un candidato inizialmente selezionato, FEI si riserva il diritto di aumentare l ammontare negoziato con altri Candidati inizialmente selezionati (nel caso in cui più di uno fosse selezionato). I candidati con cui non si avvia una negoziazione contrattuale potranno essere inseriti in una lista di riserva, per un periodo non superiore ad un anno a partire dalla data di notifica.. Durante questo periodo e nel caso in cui in FEI non procedesse ulteriormente con uno qualsiasi dei candidati selezionati per la negoziazione o qualora si rendessero disponibili ulteriori fondi, il FEI si riserva il diritto di contattare i candidati inclusi nella lista di riserva e di avviare le negoziazioni con essi, prendendo in considerazione i risultati della valutazione e la graduatoria stilata. 8

9 In ogni fase del processo di selezione, il FEI si riserva piena discrezionalità di prendere in considerazione gli intermediari finanziari e nessun candidato potra avanzare alcuna pretesa o alcun diritto volto a pretendere di essere selezionato. La negoziazione dei termini e delle condizioni degli Accordi Operativi non comporta alcun obbligo per il FEI e/o per il JHF a concludere tali Accordi con gli Intermediari Finanziari. Gli Intermediari Finanziari che non riceveranno contributi finanziari da parte del JHF, saranno opportunamente informati. Le ragioni del rigetto della Manifestazione d Interesse potranno essere comunicate su richiesta dell interessato. I candidati, le cui proposte saranno rigettate, avranno il diritto di reclamare in forma scritta, per , lettera raccomandata o corriere, allo stesso indirizzo utilizzato per la presentazione della Manifestazione di Interesse, entro 30 (trenta) giorni dalla ricezione della lettera di rigetto della proposta. Qualsiasi reclamo verrà trattato nel quadro ed in accordo con la policy di compliance del gruppo BEI (ulteriori informazioni possono essere trovate sul sito 8. Modalità Operative Gli Intermediari Finanziari, con i quali saranno eventualmente sottoscritti Accordi Operativi, dovranno essere in regola con la normative anti-frode, disponibile sul sito web del FEI (www.eif.org), così come con tutti gli obblighi di monitoraggio, reporting, pubblicità ed auditing richieste dalla normativa comunitaria applicabile al FESR e dall Accordo Operativo. Tali obblighi sono brevemente elencati nella documentazione che descrive lo Strumento Finanziario e saranno menzionati nell Accordo Operativo. ANNEXES Annex 1. Annex 2. Manifestazione di Interesse Strumento Finanziario Funded Risk Sharing: Descrizione e criteri di selezione 9

10 ANNEX 1 to the Call for Expression of Interest No. JER-012/1 To: European Investment Fund Attention: Regional Business Development Unit 96 Boulevard Konrad Adenauer L-2968 Luxembourg EXPRESSION OF INTEREST (si veda versione in lingua inglese) Appendices Appendix 1 Applicant Identification Appendix 2 List of Documents Attached Appendix 3 Declaration of Absence of Conflict of Interest Appendix 4 Statement Regarding Situations of Exclusion - 1 Appendix 5 Statement Regarding Situations of Exclusion - 2: Declaration of Compliance with EU and National Rules and Policies Appendix 1 to Expression of Interest APPLICANT IDENTIFICATION (si veda versione in lingua inglese) 10

11 Proposta di progetto 4 : a) Descrizione del Candidato: Appendix 2 alla Manifestazione di Interesse ELENCO DEI DOCUMENTI ALLEGATI (aa) Descrizione del Candidato (data di costituzione, numero di impiegati, azionisti, etc.), natura giuridica, quadro legislativo applicabile; (bb) Area geografica operativa e rete di filiali/agenzie in Calabria. (cc) Descrizione degli organi decisionali e gestionali del Candidato e della sua struttura di corporate governance. b) Informazioni sulle attuali attività del Candidato: (aa) Impegno a finanziare le PMI nella Regione Calabria: I. Strategia del Candidato, in generale e con particolare riferimento al finanziamento delle PMI, il suo posizionamento vis-à-vis altri competitors nel finanziamento delle PMI, gamma di prodotti offerti nel segmento relativo al finanziamento delle PMI, impatto atteso dell attuale situazione di mercato sul finanziamento alle PMI (ad esempio: condizioni di mercato più restrittive); II. Volume totale e numero di prestiti alle PMI in essere in ciascun sottosegmento di PMI (elenco per settore e per piccola o media impresa) erogato dal Candidato annualmente negli ultimi cinque anni in base alla tavola seguente; SMEs (volume) SMEs (number) Sector 1 (volume of new originated loans) Sector 1 (n of new originated loans) [ ] Sector N (volume of new originates loans) 4 Dati relativi alle PMI e le informazioni da fornire in conformità con la definizione di PMI, illustrato al punto 1 "Definizioni e interpretazioni", con invito alla Manifestazione d Interesse di cui sopra. 11

12 III. Volume totale e numero di nuovi prestiti alle PMI in ciascun sottosegmento di PMI (elenco per settore e per piccola o media impresa) erogato dal Candidato annualmente negli ultimi cinque anni, in base alla tavola seguente; SMEs (volume of loans outstanding) SMEs (n of loans outstanding) Sector 1 (volume of new originated loans) Sector 1 (n of new originated loans) [ ] Sector N (volume of new originates loans) Sector N (n of loans outstanding) IV. Quota di spettanza del Candidato all interno del portafoglio di nuovi prestiti erogati alle PMI, sia in termini di volume che di numero (su base annuale, negli ultimi cinque anni) in base alla tabella seguente: SMEs (% of new originated loans volume to total originated lending book) SMEs (% of n of new originated loans to total originated lending book) V. Volume totale e numero di nuovi prestiti erogati alle PMI (su base annuale, negli ultimi cinque anni) in base alla tabella seguente; (bb) Pricing attuale e policy di garanzie a supporto per prestiti comparabili (in termini di scadenza, scopo, garanzie, etc.) a gruppi di creditori simili, incluso: I. Tasso di Interesse (suddiviso tra costo di provvista e margine sul costo di provvista); II. Up-front fees e qualsiasi altro compenso non legato all interesse. Le informazioni dovranno essere inserite nella Tabella 1a e 2, presentate di seguito nella Sezione C. 12

13 c) Informazioni sull implementazione dello Strumento Finanziario da parte del Candidato: (aa) (bb) (cc) (dd) Strategia di implementazione generale (ad esempio come lo Strumento Finanziario sarà promosso regionalmente, strategia di divulgazione, procedure per l erogazione dei prestiti, ecc); Settori indicativi e suddivisione per province nella Regione Calabria dei prestiti che formeranno un nuovo e ben diversificato portafoglio (con caratteristiche analoghe al portafoglio prestiti esistente dell Intermediario Finanziario) tenendo anche in considerazione le caratteristiche specifiche dello Strumento Finanziario così come descritte nell Annex 2; Scadenza media indicativa dei nuovi prestiti da erogarsi tramite lo Strumento Finanziario, tenendo in considerazione le condizioni dell Annex 2 e l obiettivo di fornire scadenze più lunghe alle PMI Eleggibili; Criteri di erogazione, pricing proposto e condizioni delle garanzie (inclusa una proposta di pricing minimo e massimo da applicare al nuovo portafoglio prestiti che verrà costituito grazie a questo Strumento Finanziario, indicato nelle tavole seguenti ed altri termini e condizioni richieste per questo Strumento Finanziario, tenendo in considerazione le condizioni dell Annex 2 e l obiettivo di fornire migliori condizioni finanziarie alle PMI Eleggibili; Section 1 Proposed Collateral and interest rate to be charged on loans to be included in the new SMEs loan portfolio originated under the Financial Instrument. Section 1a Loans to be awarded on the basis of standard collateral requirements (without funding provided under this Financial Instrument) Standar d Collater al Request ed level of Collater al (%) 5 Interest rate Category 1 High risk Eligible SMEs Maximu m Minimu m Averag e Category 2 Standard risk Eligible SMEs Minimum Maximu Average m 5 Garanzie in percentuale dell importo del prestito approvato. Se il livello di copertura delle garanzie varia a seconda del tipo di asset, ciascuno deve essere indicato separatamente. 13

14 (includin g applica ble base rate) - of which risk related margin I candidati dovranno presentare un offerta (sulla base della tavola sopra riportata) che specifichi il livello standard di garanzie richieste (i.e. un livello accettabile di garanzia per l attivazione del prestito) ed il corrispondente tasso di interesse che sarà applicato alle PMI Eleggibili che rispondono alle richieste standard di garanzie nell ambito di questo Strumento Finanziario. L offerta costituirà parte integrante dei Criteri di Valutazione Qualitativi 2.3 presenti nell Annex 2- Part II e diverrà vincolante per il Candidato, qualora venisse selezionato. 14

15 Section 1b Loans to be awarded on the basis of standard collateral requirements (with funding provided under this Financial Instrument) Standar d Collater al Request ed level of Collater al (%) 6 Interest rate (includin g applica ble base rate) - of which risk related margin Category 1 High risk Eligible SMEs Maximu m Minimu m Expect ed Averag e Category 2 Standard risk Eligible SMEs Minimum Maximu Expecte m d Average I candidati dovranno inoltre presentare un offerta (sulla base della tavola sopra riportata) che specifichi il livello standard di garanzie richieste (i.e. un livello accettabile di garanzia per l attivazione del prestito) ed il corrispondente tasso di interesse che sarà applicato alle PMI Eleggibili che non rispondono alle richieste standard di garanzie richieste ma che sono tuttavia eleggibili per l attivazione di un prestito, nell ambito di questo Strumento Finanziario. L offerta sarà parte dei Criteri di Valutazione Qualitativi presentati nell Annex 2-Part II e diverrà vincolante per il Candidato, qualora venisse selezionato. Tasso base: Tasso Euribor (1 mese, 3 mesi o 6 mesi, a seconda del periodo di rimborso per ciascun prestito erogato con lo Strumento Finanziario). Nota: I prestiti alle PMI dovranno essere erogati con un tasso base Euribor come riferimento. I Candidati dovranno dare un indicazione del periodo di rimborso atteso che sarà richiesto nel contesto di questo Strumento Finanziario. 6 Garanzie in percentuale dell importo del prestito approvato. Se il livello di copertura delle garanzie varia a seconda del tipo di asset, ciascuno deve essere indicato separatamente.. 15

16 Commenti: ATTENZIONE: IL BANDO DA UTILIZZARE E QUELLO IN LINGUA INGLESE Section 2 - Fees to be applied on loans to be included in the new SMEs loan portfolio originated under the Financial Instrument (as an example please indicate fees for a loan of EUR 200,000 with a maturity of 10 years): Nature of fees Value Single paymen t Monthly Annual Administration fee Fee for the loan granting, loan maturity extension, increase in the loan amount Fee for amendment of terms under the loan agreement terms Other fees, if any (please provide details) Comments, remarks Nota: L offerta sarà parte dei Criteri di Valutazione Qualitativi 2.3, presentati nell Annex 2 -Part II, e diverrà vincolante per il Candidato, qualora venisse selezionato. (ee) Stima della tempistica per l inizio delle operazioni dopo la firma dell Accordo Operativo e stima della tempistica necessaria alla completa erogazione dello Strumento Finanziario alle PMI. (ff) Budget operativo dello Strumento Finanziario: I. Ammontare della quota di co-finanziamento offerta dal Candidato in aggiunta ai fondi del JHF, in accordo con quanto specificato nell Annex 2 (cioè minimo 50%); II. Descrizione della provenienza del co-finanziamento che sarà corrisposto dal Candidato in questo Strumento Finanziario (i.e. Risorse proprie approvvigionate sul mercato dei capitali attraverso l emissione di obbligazioni); 16

17 III. Livello annuale delle Commissioni di Gestione (Management Fees) richieste le Commissioni di Gestione saranno calcolate in percentuale pro-rata sulla quota (del co-finanziamento corrisposto dal FEI che agisce attraverso il JHF) dell ammontare medio in essere (outstanding) del portafoglio prestiti alle PMI e non dovranno, in base alla regolamentazione applicabile 7, superare il 3% annuo. (gg) Informazioni sui sistemi tecnologici del Candidato (IT systems), sui meccanismi di reportistica, sulle procedure di monitoraggio e controllo, attualmente utilizzate nella normale attività (che saranno anche utilizzate per l implementazione dello Strumento Finanziario); (hh) Bilanci annuali degli ultimi 3 anni, comprensivi di dichiarazioni di audit; (ii) Copia certificata di licenza bancaria o altri requisiti o, se non disponibile, altra autorizzazione che permette al Candidato di implementare lo Strumento Finanziario nella Regione Calabria; (jj) Nel caso in cui l Intermediario Finanziario abbia un rating esterno, informazioni sull attuale rating esterno del Candidato incluse le relazioni di rating fornite da almeno una delle seguenti agenzie di rating: (i) Moody s Investor Service Limited, (ii) Standard & Poor s, un dipartimento di The McGraw-Hill Companies, Inc. o (iii) Fitch Ratings Ltd. Sul Candidato o sulla capogruppo. Inoltre, eventuali informazioni su qualsiasi modifica al rating intervenuta negli ultimi due anni; (kk) Evidenza delle autorizzazioni del rappresentante che agisce in nome (ll) e per conto del Candidato (poteri di firma); Dichiarazione di assenza di conflitto di interessi in base al modulo fornito all Appendix 3, debitamente compilato e firmato; (mm) Dichiarazione riguardante situazioni di esclusione - 1 in base al modello fornito all Appendix 4, debitamente compilato e firmato; (nn) Dichiarazione riguardante situazioni di esclusione - 2 in base al modulo fornito all Appendix 5, debitamente compilato e firmato. 7 In particolare l Articolo 43, par. 4, del Regolamento della Commissione (CE) No. 1828/2006 del 8 Dicembre /2006 recante disposizioni per l implementazione del Regolamento del Consiglio (CE) No 1083/2006 che reca disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo, e sul Fondo di Coesione del Regolamento (CE) No 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea L371 of ) come successivamente modificato ed incluso il Regolamento della Commissione (CE No 846/2009 del che modifica il Regolamento (CE) No 1828/2006 recante disposizioni per l implementazione del Regolamento del Consiglio (CE) No 1083/2006 che reca disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo, e sul Fondo di Coesione del Regolamento (CE) No 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea L250 of ). 17

18 Ai Candidati pre-selezionati sarà richiesto di presentare informazioni aggiuntive a completamento della manifestazione di interesse, prima o durante il processo di due diligence. Tali informazioni aggiuntive potrebbero indicativamente includere, tra l altro: A. Informazioni dettagliate sui principi operativi del Candidato e sulle procedure applicate ai prestiti alle PMI: I. Istruttoria e analisi; II. Procedure di valutazione del rischio (rating interno / sistema di punteggio); III. Procedure di approvazione dei prestiti; IV. Richieste di garanzie (valutazione, riduzioni); V. Monitoraggio e segnali di allerta; VI. Procedure di recupero (che passi vengono fatti e quando; che dipartimenti sono coinvolti); VII. Risk management: metodi utilizzati per la previsione delle perdite, provvedimenti e credit risk management a livello di portafoglio; VIII. Riassunto dei cambiamenti occorsi ai principi operativi e alle procedure dell Intermediario Finanziario a causa dell attuale crisi finanziaria. B. Informazioni dettagliate sul portafoglio complessivo di prestiti del Candidato negli ultimi 5 anni finanziari: I. Composizione e concentrazione del portafoglio prestiti in essere; II. Prestiti non-performing (prestiti in essere e non-performing/ammontari dei prestiti in essere) alla fine di ciascun anno finanziario (e alla data di oggi per il 2011) per gli ultimi cinque anni, sia in termini di numero che di volumi; III. Inadempienze (defaults) annuali, perdite nette e previsioni di crediti inesigibili (bad debt); IV. Recupero crediti e periodi di recupero. C. Composizione attesa del portafoglio JEREMIE I. Composizione per tipologia di PMI; II. Composizione per settore di appartenenza (NACE); III. Composizione per tipologia di finanziamento, scadenza attesa e durata media. 18

19 Appendix 3 to Expression of Interest DECLARATION OF ABSENCE OF CONFLICT OF INTERESTS (si veda versione in lingua inglese ) Appendix 4 to Expression of Interest STATEMENT REGARDING SITUATIONS OF EXCLUSION -1 (si veda versione in lingua inglese ) Appendix 5 to Expression of Interest STATEMENT REGARDING SITUATIONS OF EXCLUSION - 2 DECLARATION OF COMPLIANCE WITH EU AND NATIONAL RULES AND POLICIES (si veda versione in lingua inglese ) 19

20 ANNEX 2 to the Call for Expression of Interest No JER-012/1 Funded Risk Sharing Financial Instrument for Social Finance: Description and Selection Criteria Part I: Descrizione dello Strumento Finanziario Le espressioni in maiuscolo utilizzate nel presente documento hanno il significato attribuito loro nella Manifestazione d'interesse di cui sopra. 1 Scopo Lo Strumento Finanziario proposto ha l obiettivo di supportare le PMI (definite ai sensi della Raccomandazione 2003/361/EC della Commissione) in Regione Calabria attraverso prestiti. Lo scopo dello Strumento Finanziario è duplice: 1) Fornire risorse all Intermediario Finanziario per finanziare nuovi prestiti a favore delle PMI con sede nella Regione Calabria, e 2) Condividere il rischio di nuovi prestiti alle PMI. Il portafoglio di prestiti da costituire attraverso lo Strumento Finanziario avrà come target le PMI eleggibili sane, ben performanti e classificate all'interno dello spettro normale di rischio di credito delle PMI bancabili in Calabria. Al fine rafforzare l imprenditorialità e promuovere la crescita basata sull economia della conoscenza nella Regione Calabria, lo Strumento Finanziario sarà destinato alle PMI, con particolare enfasi sulle PMI appartenenti ad un contratto di rete di impresa, ai sensi della Legge 122/2010 di conversione del Decreto Legge del 31 maggio 2010, n Struttura Le risorse del JHF saranno erogate dal FEI (che agisce in nome proprio e per conto della Regione Calabria) a intermediari finanziari selezionati ai sensi di singoli Accordi Operativi. In base al principio di condivisione del rischio specificato di seguito, l Intermediario Finanziario s impegna a rimborsare al FEI l'ammontare erogato comprensivo degli interessi maturati (se presenti). Inoltre, l'intermediario Finanziario s impegna a creare un nuovo portafoglio di prestiti parzialmente finanziato con i fondi 8 erogati dal FEI. Il processo di istruttoria e analisi, due diligence e erogazione dei prestiti sarà effettuata dall'intermediario Finanziario secondo una modalità predeterminata e concordata con il FEI, ma 8 I Rientri dei fondi saranno restitutiti al JHF. 20

Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato di Sorveglianza

Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEGLI STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA Punto 7 all ordine del giorno dell VIII Comitato

Dettagli

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013 Lettera dei Costi relativa all Accordo di Finanziamento ( Accordo di Finanziamento ) stipulato tra la Regione Campania ( Regione ) e SVILUPPO CAMPANIA SpA 1. Premessa La presente Lettera dei Costi indica

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Oggetto: Linee guida per l attuazione da parte di Amministrazioni e altri soggetti diversi dal Ministero

Dettagli

Banca europea per gli investimenti

Banca europea per gli investimenti Banca europea per gli investimenti La banca dell UE Il sostegno della BEI e del FEI alle imprese Anna Fusari 26 settembre 2013 La Banca europea per gli investimenti La Banca per i finanziamenti a lungo

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE 1 BANDO DI CONCORSO Art. 1- Premessa la Camera di Commercio I.A.A. di Cosenza, nell ambito delle iniziative

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Finalità. Art. 3 Costituzione Fondo Regionale. Art. 4 Durata. Art. 5 Beneficiari del Fondo. Art. 6 Iniziative ammissibili

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Finalità. Art. 3 Costituzione Fondo Regionale. Art. 4 Durata. Art. 5 Beneficiari del Fondo. Art. 6 Iniziative ammissibili REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL FONDO REGIONALE DI GARANZIA Art. 1 Definizioni Art. 2 Finalità Art. 3 Costituzione Fondo Regionale Art. 4 Durata Art. 5 Beneficiari del Fondo Art. 6 Iniziative ammissibili

Dettagli

JEREMIE SICILIA PMI. Un nuovo strumento finanziario "a condizioni agevolate" per le Imprese siciliane

JEREMIE SICILIA PMI. Un nuovo strumento finanziario a condizioni agevolate per le Imprese siciliane JEREMIE SICILIA PMI Un nuovo strumento finanziario "a condizioni agevolate" per le Imprese siciliane Riccardo Benanti Specialista di Finanza d'impresa Commerciale Corporate Region Sicilia Catania, 31 Marzo

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. (CE) 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); VISTI gli Orientamenti comunitari

Dettagli

Banca europea per gli investimenti

Banca europea per gli investimenti Banca europea per gli investimenti La banca dell UE Nuove opportunita di crescita per le imprese orientate all innovazione Le linee di credito dedicate alle PMI e alle Midcap Anna Fusari 17 luglio 2013

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi Regolamento di Attuazione L.R. 7/2006 art. 25 L.R. n.

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO RURALE IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 15 dicembre 1998, n. 441, recante "Norme per la diffusione e la valorizzazione dell'imprenditoria

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

alle PMI seguito BdN) e il beneficiario. nel Calabriaa e

alle PMI seguito BdN) e il beneficiario. nel Calabriaa e REGIONE CALABRIA A - Co-finanziamenti Jeremie alle PMI Scheda illustrativa dell intervento Tipologia intervento Soggetti ammissibili Questo strumentoo finanziario è co-finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo

Dettagli

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI 1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus promuove un avviso in collaborazione con il Fondo

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015 Bando aperto dal 2/3/2015 Disponibilità di bilancio: 45.000 Art. 1 Finalità La Camera

Dettagli

JER-010 JEREMIE SICILIA FESR. Nota informativa al Comitato di Sorveglianza P.O. FESR Sicilia 2007-2013 Palermo, 8 giugno 2012

JER-010 JEREMIE SICILIA FESR. Nota informativa al Comitato di Sorveglianza P.O. FESR Sicilia 2007-2013 Palermo, 8 giugno 2012 JER-00 SICILIA FESR Nota informativa al Comitato di Sorveglianza P.O. FESR Sicilia 2007-203 Palermo, 8 giugno 202 Giugno 202 Attività svolte nel corso del 20 e primi mesi del 202 Dopo la firma dell Accordo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R.

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. 34/04 PROGRAMMA DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE 2011-2015 Misura 1.3 Innovazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 ART. 1 - FINALITA E DESTINATARI La Camera di commercio di

Dettagli

INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive di attuazione

INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive di attuazione Allegato alla Delib. G.R. n. 9/13 del 8.3.2006 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive

Dettagli

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA Bari, 27 ottobre 2014 Lorenzo Minnielli Obiettivi Il Fondo Microcredito d Impresa della Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

Banca Europea per gli Investimenti Linee di approvvigionamento. Finanza Agevolata - Novembre 2015

Banca Europea per gli Investimenti Linee di approvvigionamento. Finanza Agevolata - Novembre 2015 Banca Europea per gli Investimenti Linee di approvvigionamento Finanza Agevolata - Novembre 2015 Profilo sintetico della Banca Europea per gli Investimenti La Banca Europea per gli Investimenti è un istituzione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CONTRATTO DI CREDITO RIMBORSABILE MEDIANTE RILASCIO DI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO PRO-SOLVENDO DI QUOTE DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE

Dettagli

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato Allegato 1 Invito alle banche a presentare manifestazione di interesse per la gestione di un plafond di 130 milioni di euro di provvista BEI da destinare a finanziamenti alle PMI della Regione Emilia-Romagna

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare

La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare 1 Gli attori Le Banche olesocietà di leasing, erogano il finanziamento per acquisto o acquisizione in leasing di «beni strumentali» a condizioni di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto

Dettagli

QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DEI GESTORI FINANZIARI DEL COMPARTO GARANTITO DEL FONDO PENSIONE PEGASO

QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DEI GESTORI FINANZIARI DEL COMPARTO GARANTITO DEL FONDO PENSIONE PEGASO QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DEI GESTORI FINANZIARI DEL COMPARTO GARANTITO DEL FONDO PENSIONE PEGASO Il presente questionario costituisce parte integrante della richiesta pubblica di offerta di servizi

Dettagli

Art. 1 (Finalità e obiettivi)

Art. 1 (Finalità e obiettivi) AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI, SOGGETTI PRIVATI SINGOLI O ASSOCIATI, FONDAZIONI ED ASSOCIAZIONI PER INIZIATIVE ED INTERVENTI IN MATERIA AMBIENTALE L art. 12

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA A SOSTEGNO E PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE BENEFICIARIE DELLE AGEVOLAZIONI GESTITE DA SVILUPPO ITALIA SPA PAG. PARTE I DEFINIZIONI 2 PARTE

Dettagli

REGIONE LAZIO. Agenzia Regionale del Turismo AVVISO PUBBLICO

REGIONE LAZIO. Agenzia Regionale del Turismo AVVISO PUBBLICO ALLEGATO 1 REGIONE LAZIO Agenzia Regionale del Turismo AVVISO PUBBLICO per la presentazione di progetti di comunicazione turistica da parte dei Comuni del Lazio (DGR n.718 del 28/10/2014) A titolo esemplificativo

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione dei progetti 31 agosto 2011 contenuti: 1.

Dettagli

Gli strumenti di ingegneria finanziaria

Gli strumenti di ingegneria finanziaria Gli strumenti di ingegneria finanziaria Definizione (art. 2, lett.r, Reg. 966/2012) "controllo", qualsiasi misura adottata al fine di garantire con ragionevole sicurezza l'efficacia, l'efficienza e l'economia

Dettagli

Banca europea per gli investimenti

Banca europea per gli investimenti Banca europea per gli investimenti La banca dell UE La BEI per le Piccole e Medie Imprese Anna Fusari 25 novembre 2013 La Banca europea per gli investimenti La Banca per i finanziamenti a lungo termine

Dettagli

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 Modalita' di applicazione della comunicazione della Commissione europea «Quadro temporaneo dell'unione per le misure di aiuto di Stato

Dettagli

POR FESR 2007-2013. Obiettivo "Competitività regionale e occupazione" Asse I Ricerca, innovazione e rafforzamento della base produttiva

POR FESR 2007-2013. Obiettivo Competitività regionale e occupazione Asse I Ricerca, innovazione e rafforzamento della base produttiva REGIONE LAZIO POR FESR 2007-2013 Obiettivo "Competitività regionale e occupazione" Asse I Ricerca, innovazione e rafforzamento della base produttiva Attività 3 - Sviluppo dell impresa innovativa, patrimonializzazione

Dettagli

POR FESR 2007-2013 AZIONE 1.2.4 INGEGNERIA FINANZIARIA PRESTITI RIMBORSABILI

POR FESR 2007-2013 AZIONE 1.2.4 INGEGNERIA FINANZIARIA PRESTITI RIMBORSABILI POR FESR 2007-2013 AZIONE 1.2.4 INGEGNERIA FINANZIARIA PRESTITI RIMBORSABILI 1. FINALITA E INTERVENTI AGEVOLABILI L intervento intende favorire il progresso e lo sviluppo dei processi di innovazione e

Dettagli

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E ALLEGATO A Schema di Convenzione per la gestione del Fondo di rotazione per la realizzazione di programmi pluriennali di edilizia residenziale agevolata di cui all art. 82 della Lr n. 8/2002 e successive

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

100 milioni di euro per i nuovi bandi

100 milioni di euro per i nuovi bandi Seminario - Lamezia Terme - venerdì 28 gennaio 2011 100 milioni di euro per i nuovi bandi Misure 1.2.1 e 1.2.3 Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale BANDI 121-123 ISTRUZIONI

Dettagli

FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER IL SOCIALE

FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER IL SOCIALE FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER IL SOCIALE 1. Domanda: Con quale modalità sarà possibile ottenere chiarimenti in merito alle procedure di attuazione e rendicontazione dei progetti cofinanziati?

Dettagli

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo Allegato alla Delib.G.R. n. 46/14 del 22.9.2015 FONDO DI CAPITALE DI RISCHIO (VENTURE CAPITAL) PER INVESTIMENTI IN EQUITY PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI IMPRESE INNOVATIVE Legge regionale 29 maggio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

JEREMIE Settembre 2006

JEREMIE Settembre 2006 JEREMIE Settembre 2006 Presentazione Il Il FEI e le le politiche dell Unione Europea JEREMIE Conclusione 2 Il Fondo Europeo per gli Investimenti Creato nel 1994, il FEI fa parte del gruppo BEI ed è l istituzione

Dettagli

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 50/27 del 10.11.2009 CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI L.R.10 gennaio 2001 n.. 2 Titolo T II DIRETTIVE DI

Dettagli

Art. 2 Soggetti beneficiari

Art. 2 Soggetti beneficiari BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE ALLE IMPRESE COLPITE DALL ESONDAZIONE DEL FIUME SERCHIO NELLA PROVINCIA DI PISA Art. 1 Finalità

Dettagli

Il meccanismo degli aiuti alle imprese

Il meccanismo degli aiuti alle imprese Il meccanismo degli aiuti alle imprese Gestione gestiti delle da Finpiemonte Agevolazioni Torino, 25 gennaio 2012 Premessa Gli aiuti alle imprese gestiti da Finpiemonte sono istituiti sotto forma di regime

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

Burc n. 16 del 7 Aprile 2014

Burc n. 16 del 7 Aprile 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE DECRETO (ASSUNTO IL 24/02/2014 PROT. N. 101 ) " Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria " N. 1912 del 26 febbraio 2014

Dettagli

Plafond PMI Beni Strumentali (Sabatini bis)

Plafond PMI Beni Strumentali (Sabatini bis) SABATINI BIS 1 SABATINI - BIS Plafond PMI Beni Strumentali (Sabatini bis) Direzione Corporate e Reti Alleate Marzo 2014 2 SABATINI BIS FONTI NORMATIVE Il Plafond PMI - Beni Strumentali si fonda sui seguenti

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

FAQ. AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO ROTATIVO PER LO SVILUPPO DELLE PMI Campane Misura Reti di impresa

FAQ. AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO ROTATIVO PER LO SVILUPPO DELLE PMI Campane Misura Reti di impresa FAQ AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO ROTATIVO PER LO SVILUPPO DELLE PMI Campane Misura Reti di impresa P.O. FESR Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 2.4 Credito

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. La Commissione ha basato la propria decisione sulle seguenti considerazioni:

COMMISSIONE EUROPEA. La Commissione ha basato la propria decisione sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.12.2014 C(2014) 9746 final Oggetto: Aiuto di Stato/Italia (Sardegna) SA.37394 (2013/N) Metodo di calcolo dell equivalente sovvenzione lordo (ESL) dell elemento di aiuto

Dettagli

POR Lombardia FESR 2007-2013 DDUO n.7128 del 29/07/2011

POR Lombardia FESR 2007-2013 DDUO n.7128 del 29/07/2011 BANDO DI INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO SPERIMENTALE NEI SETTORI STRATEGICI DI REGIONE LOMBARDIA E DEL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA POR Lombardia

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO il decreto legge 22 giugno 2012 n. 83, convertito nella Legge 7 agosto 2012, n. 134 concernente Misure urgenti per la crescita del Paese ; VISTO l Allegato 1 al DL 83/2012 che abroga la Legge 1083/54

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE Termine ultimo di presentazione della domanda: 17 novembre 2014 1. Oggetto Obiettivo del bando è assicurare adeguato sostegno alle famiglie potenziando i servizi per l infanzia

Dettagli

4, 1 13 2015, 273 COMMERCIO ELETTRONICO

4, 1 13 2015, 273 COMMERCIO ELETTRONICO Circolare recante le modalità di presentazione delle domande per l attribuzione del credito d imposta per la realizzazione e l ampliamento di infrastrutture informatiche di cui all articolo 4, comma 1

Dettagli

Il sottoscritto. via legale rappresentante dell Impresa partecipante al progetto attuato da (indicare il soggetto attuante).

Il sottoscritto. via legale rappresentante dell Impresa partecipante al progetto attuato da (indicare il soggetto attuante). Allegato B Scheda 1 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI AFFIDABILITÀ GIURIDICO ECONOMICO FINANZIARIA (la presente dichiarazione deve essere resa da ciascuna impresa destinataria dell intervento) Il sottoscritto

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

Prot. 6915 Roma, 27/01/2010

Prot. 6915 Roma, 27/01/2010 Direzione V Ufficio III Prot. 6915 Roma, 27/01/2010 Oggetto: semplificazione documentale adempimenti regime di aiuti de minimis parere della Commissione antiusura start up - motivazione delibera - allocazione

Dettagli

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO Aggiornato al 01/04/2015 IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO Finanziatore Credito Emiliano SpA Iscrizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA ART. 1 - FINALITA' DELL INTERVENTO E REQUISITI DI ACCESSO DEI CONFIDI AI

Dettagli

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova Provincia di Mantova Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova ART.1 FINALITA La Provincia di Mantova e la Camera di Commercio di Mantova

Dettagli

Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA

Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA D.Bartolo Divisione Corporate Gestione Operativa Agevolati, Incentivi e Innovazione Finanziamenti Agevolati Internazionali Portobuffolè, 29/09/2014 Agenda 1. I

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c.

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c. BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c. Metodologia di pricing e Regole Interne per la negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC Adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA. L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA. L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI D.A. n. 2740 Dip.Int.Strutt. Servizio III Unità operativa n. 32 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI VISTO lo Statuto della Regione Siciliana; VISTA la

Dettagli

4, 1 13 2015, 272 RETI D IMPRESA

4, 1 13 2015, 272 RETI D IMPRESA Circolare recante le modalità di presentazione delle domande per l attribuzione del credito d imposta per incentivare la creazione di nuove reti di imprese ovvero lo svolgimento di nuove attività da parte

Dettagli

Allegato 3 - modulo richiesta garanzia FEI. Al Banco Popolare s.c./ Credito Bergamasco Spa Filiale di. nel seguito la Banca Finanziatrice

Allegato 3 - modulo richiesta garanzia FEI. Al Banco Popolare s.c./ Credito Bergamasco Spa Filiale di. nel seguito la Banca Finanziatrice Al Banco Popolare s.c./ Credito Bergamasco Spa Filiale di nel seguito la Banca Finanziatrice STRUMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEI RISCHI PER PMI E IMPRESE SMALL MID-CAP (STRUMENTO RSI) ORIENTATE ALL INNOVAZIONE

Dettagli

Registrazione partecipanti. I controlli di I livello. Domande /Confronto. Chiusura lavori

Registrazione partecipanti. I controlli di I livello. Domande /Confronto. Chiusura lavori Registrazione partecipanti Il controllo contabile della Relazione finale I controlli di I livello Domande /Confronto Chiusura lavori Costi eleggibili art. II.14.1 dell Accordo di sovvenzione I costi, per

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020

ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020 ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020 AVVISO PUBBLICO Interventi di sostegno alla qualificazione e all occupabilità delle risorse umane Approvato con D.D. n. del ATTO

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.6.2009 COM(2009) 258 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE Relazione annuale della Commissione sulla situazione e la gestione del Fondo di garanzia

Dettagli

3. SOGGETTI BENEFICIARI

3. SOGGETTI BENEFICIARI - Contributi per la creazione di start-up nel campo delle biotecnologie e delle scienze per la vita in provincia di Varese. Approvato con determinazione n.314 del 16/07/2014 1. PREMESSA Camera di Commercio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. n. 542 del 19 dicembre 2012 VISTO l art. 66, comma 1, della legge 27 dicembre 2002, n. 289 (Legge finanziaria 2003), e successive modificazioni, che istituisce i contratti di filiera e di distretto,

Dettagli

QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DEI GESTORI FINANZIARI

QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DEI GESTORI FINANZIARI ALLEGATO 2 QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DEI GESTORI FINANZIARI AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE I punti 1 e 2 riguardano i prerequisiti e sono relativi al gruppo di appartenenza del candidato. Gli altri

Dettagli

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Finanziatore Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi e/o registri Iscritta all Albo delle

Dettagli

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE 1. PREMESSA Manital, con la collaborazione della Compagnia di San Paolo ha istituito il Fondo Risorsa Canavese, con

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Microcredito d Impresa della Regione Puglia - Microimprese operative - Scheda informativa sul nuovo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene

Dettagli

LA NUOVA LEGGE SABATINI

LA NUOVA LEGGE SABATINI LA NUOVA LEGGE SABATINI (DECRETO FARE Decreto Legge 69/2013 convertito con modificazioni dalla legge 98/2013) I DESTINATARI La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare, si rivolge alle micro,

Dettagli

lo Statuto speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E Centro Regionale di Programmazione 00-03-60-00 Centro Regionale di Programmazione DETERMINAZIONE N. 1337 REP. N. 97 Oggetto: P.O.R. FESR Sardegna

Dettagli

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt.

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. 12 e 13 CIRCOLARE n. 8/2013 approvata con delibera del 2 dicembre

Dettagli

Schema di garanzia fideiussoria per la richiesta dell anticipazione

Schema di garanzia fideiussoria per la richiesta dell anticipazione Allegato 3 fidejussione bancaria o polizza assicurativa REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE Finanziamento agevolato nell ambito dell Asse VII, Linea di Intervento 7.1.1.3 del P.O.R. F.E.S.R.

Dettagli

I programmi di garanzia europei. Firenze, 27 febbraio 2014

I programmi di garanzia europei. Firenze, 27 febbraio 2014 I programmi di garanzia europei Firenze, 27 febbraio 2014 Programmi europei 2014-2010 > Programmi della Commissione europea - SME Guarantee Facility (COSME) - HORIZON 2020 (Innovation) - Microfinanza (garanzie/finanziamenti)

Dettagli

JEREMIE HOLDING FUND FESR SICILIA

JEREMIE HOLDING FUND FESR SICILIA JEREMIE HOLDING FUND FESR SICILIA Cos è JEREMIE L Iniziativa JEREMIE (Joint European Resources for Micro to Medium Enterprises - Risorse europee congiunte per le piccole e medie imprese) offre agli Stati

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE E DOCUMENTATE FINALIZZATO

Dettagli

REGIONE MOLISE DIREZIONE GENERALE DELLA GIUNTA DIREZIONE AREA TERZA

REGIONE MOLISE DIREZIONE GENERALE DELLA GIUNTA DIREZIONE AREA TERZA REGIONE MOLISE DIREZIONE GENERALE DELLA GIUNTA DIREZIONE AREA TERZA SERVIZIO (cod. 3P.00) SERVIZIO COMPETITIVITA' DEI SISTEMI PRODUTTIVI E SVILUPPO DELLE ATTIVITA' INDUSTRIALI ED ESTRATTIVE DETERMINAZIONE

Dettagli

Garanzia RSI (Risk Sharing Instrument)

Garanzia RSI (Risk Sharing Instrument) Garanzia RSI (Risk Sharing Instrument) 1 FEI - Panoramica Fondo Europeo Investimenti (FEI) parte del Gruppo BEI con ruolo di: Leader in Europa nello sviluppo del finanziamento all'imprenditorialità e l

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli