Misura 4.1 Programma di attività di assistenza tecnica, monitoraggio e valutazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misura 4.1 Programma di attività di assistenza tecnica, monitoraggio e valutazione"

Transcript

1 REGIONE DELL UMBRIA GIUNTA REGIONALE Area Programmazione strategica e socio-economica Servizio Programmazione strategica e comunitaria Regolamento (CEE) n. 1260/99 Docup Ob Misura 4.1 Programma di attività di assistenza tecnica, monitoraggio e valutazione Febbraio

2 Misura 4.1. Assistenza Tecnica all attuazione, monitoraggio e valutazione Programma operativo Attraverso gli interventi previsti nella misura Assistenza tecnica all attuazione, monitoraggio e valutazione si intendono perseguire i seguenti obiettivi: - garantire all amministrazione regionale ed ai soggetti attuatori un qualificato supporto in ordine all attuazione ed implementazione delle attività di gestione del Docup; - assicurare attraverso un adeguato sistema di monitoraggio dell avanzamento fisico, finanziario, e procedurale del Docup una efficiente gestione degli interventi; - garantire un efficace attuazione dell intero Docup attraverso una attività di valutazione continua in grado di far emergere i punti di forza e di debolezza e se necessario riprogrammare gli interventi previsti; - assicurare le attività di informazione e comunicazione secondo quanto indicato dall articolo 46 del Regolamento CE n.1260/99; - supportare l attività di preparazione dei progetti integrati di area, di settore e filiera; - migliorare il livello di conoscenze del contesto socio-economico, territoriale ed ambientale dei territori regionali interessati dagli interventi del Docup. Gli interventi di assistenza tecnica previsti dal Docup sono articolati nelle seguenti azioni: attività di consulenza e assistenza tecnica; attività di preparazione di progetti integrati; attività di valutazione e controllo; attività di comunicazione ed informazione del Docup; adeguamento del quadro conoscitivo delle aree ob. 2 e phasing out ai fini della programmazione. 2

3 1. Azione Attività di consulenza ed assistenza tecnica 1.1 Descrizione dell azione Sono previsti affidamenti di incarichi di assistenza tecnica a società specializzate, istituzioni scientifiche pubbliche, esperti per l assistenza all autorità di gestione ed al Comitato di Sorveglianza del Docup; assistenza per la definizione ed implementazione del sistema di monitoraggio finanziario, fisico e procedurale; assistenza per la redazione del Complemento di programmazione e degli atti necessari all avvio delle azioni (bandi, formulari etc.). Potranno essere inoltre finanziate attività connesse alla gestione ed esecuzione del Docup incluse quelle connesse all espletamento dei compiti dell Autorità ambientale nei limiti di quanto previsto dalla norma n. 11 del Regolamento (CE) 1685/2000. È altresì prevista l acquisizione di hardware e software necessari alle attività di assistenza tecnica. L importo previsto per le attività di consulenza e assistenza tecnica per tutto il periodo di validità del Docup ammonta a circa euro. 1.2 Iniziative da realizzare Assistenza tecnica e monitoraggio In questa prima iniziativa sono ricomprese le seguenti due attività: A) analisi, progettazione e implementazione del sistema informativo di monitoraggio; B) azioni di assistenza tecnica alla gestione e alla sorveglianza del Docup Ob.2. La prima linea di attività, punto A), consiste nella progettazione del sistema informativo di monitoraggio e nello sviluppo del relativo software applicativo, in particolare verranno richiesti : - analisi di dettaglio delle attività correlate con l attuazione delle misure/azioni del Docup e del relativo Complemento di programmazione; - definizione delle procedure amministrative da attivare per l esecuzione delle attività del precedente punto; - messa a punto degli strumenti e delle modalità di rilevazione degli indicatori di contesto e degli indicatori di avanzamento; - definizione di un modello di sistema di monitoraggio che soddisfi i fabbisogni informativi degli organismi cofinanziatori del programma; - predisposizione di un progetto esecutivo del sistema applicativo per l acquisizione e gestione del sistema informativo di supporto; - sviluppo del software applicativo per la gestione del sistema informativo di supporto; - addestramento e assistenza agli utenti del sistema; - descrizione particolareggiata dell impianto tecnologico (hardware e software) rapportato alle attuali dotazioni in uso presso la regione; - assistenza, fino alla fase di rilascio del sistema informativo di cui sopra, per sistematizzare ed agevolare le attività di alimentazione diretta del sistema di monitoraggio predisposto dal Ministero dell Economia e delle Finanze (Monit 2000). 3

4 Le azioni di assistenza tecnica di cui al punto B) consistono in: - assistenza alla messa in opera delle procedure di attuazione e alla stesura delle linee guida di attuazione del Docup; - assistenza alla Regione nei rapporti con le Amministrazioni nazionali e con la Commissione Europea nonché alle attività di partenariato regionale; - supporto alle attività della segreteria tecnica del Comitato di Sorveglianza in particolare per quanto riguarda la predisposizione dei documenti da sottoporre al Comitato e dei verbali delle riunioni; - supporto alla realizzazione di attività di reporting; - supporto tecnico alle attività di verifica del rispetto delle politiche comunitarie (concorrenza, pari opportunità, ambiente, etc.); - verifica della rispondenza e delle procedure e modalità di attuazione alla normativa comunitaria, nazionale e alle disposizioni del Docup e del Complemento; - assistenza per la raccolta e l analisi della normativa comunitaria, nazionale e regionale nelle materie collegate agli interventi del Docup; - supporto per la predisposizione e verifica delle certificazioni di spesa alla Commissione Europea, anche attraverso un supporto operativo alle strutture regionali; - assistenza all impostazione per ciascuna misura di piste di controllo rispondenti alle disposizioni del Docup e del Complemento; - assistenza, attraverso esperti, per la diagnosi e la risoluzione di problemi specifici legati all attuazione e alle procedure programmate e per la formulazione di proposte di adeguamento del sistema organizzativo, normativo e regolamentare; - assistenza per la verifica di criteri, metodologie, procedure per la rilevazione degli indicatori di attuazione del programma; - supporto per la predisposizione della base informativa per le attività del valutatore indipendente; - assistenza alle attività di riprogrammazione e rimodulazione degli interventi e definizione di nuovi piani finanziari; - assistenza e supporto tecnico per l ottimizzazione delle azioni volte a massimizzare l efficacia del programma. Con procedura di gara viene individuata l impresa o l associazione di impresa alla quale affidare le attività di monitoraggio e di assistenza tecnica. Il Servizio Programmazione strategica e comunitaria è responsabile dell attuazione di tale iniziativa Interventi specifici di assistenza tecnica Nel corso dell attuazione del Docup, qualora si riterranno necessari interventi di assistenza specifici per alcune tematiche o per alcune Misure, l autorità di gestione o i Responsabili di Misura potranno attivare consulenze specifiche con soggetti competenti in materia, tramite affidamento diretto per il relativo incarico. 4

5 1.2.3 Acquisto hardware e software Per favorire lo scambio informatizzato dei dati inteso come metodo di lavoro e funzione di supporto all attività di monitoraggio, controllo e valutazione si rende necessario potenziare ed aggiornare l attuale dotazione hardware e software in uso presso le strutture di gestione dei fondi comunitari. La strumentazione di cui la Regione si deve dotare è necessario che sia in grado di gestire data-base di tipo relazionale. Sarà inoltre necessario provvedere al completamento delle interconnessioni in rete delle stazioni destinate al monitoraggio. Il Servizio provveditorato demanio e patrimonio curerà le procedure da attivare per la fornitura dei materiali Piano operativo dell Autorità ambientale L autorità ambientale del Docup Ob.2 designata dalla Regione è l Agenzia regionale protezione ambientale (ARPA). Il suo compito consiste nell assicurare la conformità delle azioni con la politica e la legislazione comunitaria in materia di ambiente attraverso la definizione di un Piano di cooperazione sistematica tra Autorità ambientale ed Autorità di gestione. Il Piano indica le modalità, i tempi, i soggetti coinvolti e le misure necessarie per garantire nell attuazione del Docup la sostenibilità ambientale di tutti gli interventi. Gli elementi caratterizzanti del Piano saranno i seguenti: - i riferimenti agli ambiti di cooperazione nelle varie fasi attuative del Docup; - le strutture istituzionali di riferimento, le risorse umane, strumentali e finanziarie necessarie; - le modalità di cooperazione articolate nei due momenti di concertazione e consultazione; - i tempi per l espletamento dell attività di cooperazione. L Autorità ambientale oltre a monitorare l attuazione delle singole misure partecipa all attività di valutazione e collabora con l Autorità di gestione anche per la redazione del rapporto annuale di esecuzione. Il Piano operativo è sottoposto all approvazione del Comitato di sorveglianza, il Servizio prevenzione e protezione dall inquinamento, smaltimento rifiuti, informazione ed educazione ambientale provvederà agli adempimenti necessari per la sua attivazione Attività di assistenza per l istruttoria dei progetti L intervento consiste nell acquisire professionalità esterne alla Regione per il supporto all espletamento di alcune fasi del procedimento amministrativo e tecnico di alcune Misure/Azioni riguardanti regimi di aiuto. L attività che verrà svolta riguarderà: l esame formale e tecnico delle domande, la determinazione dei costi ammissibili, la predisposizione di schede di sintesi per l archiviazione dei progetti e supporto per l attività di monitoraggio finanziario e fisico degli interventi. La procedure di individuazione, che verrà effettuata tramite trattativa privata su invito di un numero ristretto di soggetti, prevede che per ogni bando rivolto alle imprese venga selezionato un soggetto che ne curerà l istruttoria. L iniziativa verrà attuata dai Servizi responsabili delle Misure/Azioni riguardanti regimi di aiuto. 5

6 1.2.6 Iniziative connesse alla gestione ed esecuzione del Docup Ob.2 e alle attività di relazioni esterne dell Autorità di gestione Al fine di agevolare l attività di gestione ed esecuzione del Docup Ob.2, nonché le relazioni esterne dell Autorità di gestione connesse a tali attività, si prevede il finanziamento delle seguenti iniziative: - organizzazione del Comitato di Sorveglianza e predisposizione e riproduzione delle relative documentazioni; - partecipazione a riunioni di comitati e subcomitati, legati alle attività suddette, a livello nazionale e comunitario; - organizzazione di riunioni con le strutture coinvolte, direttamente e indirettamente, nella gestione del Docup Ob. 2. L iniziativa verrà attuata dal Servizio Programmazione strategica e comunitaria. 6

7 2. Azione Attività di preparazione dei progetti integrati 2.1 Descrizione dell azione È previsto il sostegno alle attività di preparazione dei progetti integrati di area, settore e filiera e in primo luogo del PIAT (Progetto Integrato Aree Terremotate), con particolare riguardo a studi ed indagini di specifico interesse per l area oggetto dell intervento del Docup ed alla messa a punto dei programmi integrati operativi di intervento. L azione si attuerà anche mediante affidamento di incarichi a esperti, istituzioni di ricerca e società specializzate. L importo previsto per la preparazione dei progetti integrati per tutto il periodo di validità del Docup è di circa euro. 2.2 Iniziative da realizzare Progettazione esecutiva del PIAT Le attività previste si concentreranno nel supporto all elaborazione dei cinque progetti chiave già indicati all interno del PIAT e che riguardano: - il sistema integrato turismo-cultura-ambiente; - la qualità della vita ed i servizi di interesse collettivo; - mobilità e reti di trasporto; - consolidamento del sistema industriale; - sviluppo integrato dell ambiente rurale. Nella prima fase vengono predisposti due bandi di gara per l affidamento a società specializzate nella progettazione esecutiva degli interventi relativi alla costruzione del sistema integrato turismo-cultura-ambiente ed al consolidamento del sistema industriale, con particolare riguardo alla realizzazione di filiere produttive. Nell ambito del primo progetto chiave l aggiudicatario dovrà assistere l Amministrazione regionale nelle seguenti attività: - individuazione dei criteri e delle modalità d integrazione tra le tre componenti principali (turismo, ambiente, cultura) sia sul piano dell impostazione progettuale che delle norme comportamentali e organizzative dei soggetti implicati; - definizione di prodotti commercializzabili fino alla configurazione di veri e propri prodotti d area dotati della necessaria specificità competitiva; - definizione sia degli interventi necessari alla realizzazione dei prodotti d area che delle componenti organizzative, gestionali e di contesto necessarie alla funzionalità effettiva di tali prodotti ed alle loro possibilità di ulteriore sviluppo ed arricchimento; - individuazione, nelle diverse fasi di elaborazione e tramite adozione di procedure trasparenti, dei soggetti imprenditoriali e degli altri operatori interessati alla costruzione degli specifici progetti; - definizione di un piano attuativo contenente sia il cronogramma che l individuazione per i vari interventi delle procedure amministrative e relativi strumenti finanziari. 7

8 In riferimento al progetto chiave relativo alla definizione operativa delle azioni ed interventi necessari alla costituzione ed avvio di sistemi integrati e filiere produttive industriali, il soggetto affidatario dovrà assistere l Amministrazione regionale nelle seguenti attività: - individuazione degli ambiti tecnico produttivi presenti nell area che sono suscettibili di interventi volti alla loro organizzazione integrata, anche in forma di filiera; - definizione in tutti i loro aspetti delle aggregazioni e filiere possibili; - definizione degli interventi, sia pubblici che privati, e delle modalità tecniche, organizzative, gestionali, di contesto e comportamentali necessari alla funzionalità delle filiere e alla loro possibilità di ulteriore sviluppo ed arricchimento; - individuazione, nelle diverse fasi di elaborazione e tramite adozione di procedure trasparenti, dei soggetti imprenditoriali interessati alla costruzione delle filiere; - definizione di un piano attuativo contenente sia il cronogramma che l individuazione per i vari interventi delle procedure amministrative e relativi strumenti finanziari. Nel prosieguo si prevede di procedere alla definizione di altri progetti chiave. Il Servizio Programmazione strategica e negoziata provvederà all attuazione della presente iniziativa Progettazione dei PIT I progetti integrati territoriali (P.I.T.) sono individuati sulla base di un idea forza di sviluppo che deve essere condivisa attraverso un processo negoziale a livello locale. I P.I.T. previsti dal Docup sono di tipo territoriale o tematici, i primi sono attuati su un territorio limitato nell ambito delle aree Ob.2, quelli tematici travalicano l ambito locale e sono progettati su un settore o una filiera produttiva. Sulla base dell esperienza del P.I.A.T., attraverso il coinvolgimento degli Enti locali, delle parti sociali ed economiche, la Giunta regionale andrà all individuazione di altri ambiti territoriali o aree tematiche su cui proporre ulteriori progetti integrati. La Giunta Regionale, una volta terminato il processo negoziale, andrà alla definizione dei P.I.T. avvalendosi, eventualmente, di esperti esterni individuati secondo la normativa vigente. I Piani dovranno essere redatti secondo le seguenti specifiche: - definizione dei contenuti operativi dei progetti chiave; - individuazione delle specifiche tecniche dei singoli interventi; - individuazione dei riferimenti amministrativi e finanziari per la realizzazione degli interventi; - redazione dei cronogrammi di attuazione dei progetti operativi e delle azioni individuate; - individuazione delle procedure e modalità di accompagnamento alla realizzazione del progetto. Il Servizio programmazione strategica e negoziata, in collaborazione con eventuali altri Servizi coinvolti, provvederà all attuazione dell iniziativa. 8

9 2.2.3 Progettazione integrata di settore/filiera Nella prima fase verrà attivata la progettazione relativa alla misura 3.2 Valorizzazione delle risorse naturali e culturali che verrà attuata attraverso un Programma regionale nell ambito del quale verranno definiti i componenti principali della filiera regionale, i criteri e le modalità della loro integrazione e l articolazione della filiera stessa in progetti integrati territoriali e tematici. Su questa base, attraverso un processo di concertazione con gli Enti e gli operatori locali, saranno individuate, nell ambito del programma, le aree territoriali di riferimento, nelle quali costruire i progetti integrati. Nella individuazione delle aree su cui indirizzare prioritariamente gli interventi, si terrà preventivamente conto di: a) organizzazione sistemica, su ampia scala territoriale, di beni, istituti e servizi culturali e ambientali, così da consentire la più agevole promozione di un approccio di sviluppo integrato, finalizzato alla induzione di nuove opportunità turistiche e imprenditoriali; b) integrazione con logiche di filiera fra progetti territoriali di tipo culturale e ambientali e progetti di tipo turistico; c) coinvolgimento di capitali privati; d) presenza di aree naturali protette, della rete Natura 2000 e degli obiettivi ad esse relativi, al fine di creare strumenti integrati di sostegno volti ad utilizzare i parchi stessi come risorse per sviluppare la crescita endogena. Sulla base delle scelte definite nel Programma regionale e dei criteri di valutazione e priorità in esso contenuti, la Regione dovrà promuovere una procedura di evidenza pubblica attraverso la quale attivare la progettazione dal basso, ovvero le manifestazioni di interesse da parte delle strutture locali, individuando gli interventi puntuali da realizzare. Di questo programma saranno parte integrante le componenti ambiente-cultura del PIAT, gli interventi previsti negli Accordi di Programma per i Beni Culturali e per i Parchi, nonché i Progetti pilota del Programma APE (Appennino Parco d Europa). Per l elaborazione del Programma la Regione si avvarrà di esperti esterni scelti secondo la normativa vigente. Le procedure di attivazione del programma saranno curate dal Responsabile della Misura. 9

10 3. Azione Attività di valutazione e controllo 3.1 Descrizione dell azione Attraverso affidamento di incarichi a società specializzate si intendono sostenere le attività di valutazione intermedia ed ex-post del Docup, nonché le attività di controllo e certificazione delle misure e delle azioni del Docup. La spesa prevista per tali attività è di circa euro per tutto il periodo. 3.2 Iniziative da realizzare Attività di valutazione L attività di valutazione si articolerà in quattro fasi distinte: 1. messa a punto e preparazione della valutazione, con l obiettivo di precisare il grado di valutabilità del programma ed il contenuto operativo della valutazione medesima; 2. valutazione in itinere, che ha come riferimento le diverse annualità di attuazione del Docup (escludendo gli anni nei quali si procederà alla valutazione intermedia) ed ha lo scopo di evidenziare lo stato di attuazione del Docup e gli scostamenti rispetto alle previsioni, al fine di formulare ipotesi di riorientamento delle risorse finanziarie, degli obiettivi generali, specifici ed operativi, delle modalità di gestione e sorveglianza; 3. valutazione intermedia, che, coerentemente con quanto disposto dall articolo 42 del Reg. (CE) 1260/99, prende in considerazione, tenendo conto della valutazione ex ante, i primi risultati degli interventi, la loro pertinenza ed il grado di conseguimento degli obiettivi, valutando altresì l impiego delle risorse, nonché lo svolgimento della sorveglianza e della realizzazione; 4. valutazione finale, che rappresenta un aggiornamento della valutazione intermedia ed ha lo scopo, anticipando la valutazione ex-post di responsabilità della Commissione, di aggiornare il quadro informativo e valutativo circa l attuazione del Docup descritto nella valutazione intermedia. Nella prima fase si procederà alle seguenti operazioni: - ricostruzione della struttura della programmazione in termini di obiettivi, analisi delle procedure, funzionamento del Comitato di sorveglianza, circuiti finanziari e gestione complessiva del programma; - valutazione della rispondenza del sistema di monitoraggio previsto per la sorveglianza del Docup; - verifica della valutazione ex-ante alla luce delle variazioni del contesto di riferimento; - valutazione della congruenza e completezza del set di indicatori proposti nel programma; - analisi dell insieme delle norme comunitarie, nazionali e regionali rilevanti per l attuazione del programma. 10

11 Nella seconda fase si procederà ad effettuare le seguenti operazioni: - aggiornamento periodico del quadro della valutazione ex-ante; - valutazione dell avanzamento procedurale, fisico e finanziario del Docup; - valutazione dell efficienza e dell efficacia dell impiego delle risorse; - valutazione dell efficacia e dell impatto del programma rispetto agli obiettivi globali e specifici; - analisi del funzionamento e dell efficienza del sistema di gestione e sorveglianza del Docup e del funzionamento del circuito finanziario; - valutazione della validità della strategia e degli obiettivi sulla base dei mutamenti dei contesti di riferimento; - formulazione di proposte normative, procedurali ed organizzative al fine di garantire il raggiungimento degli obiettivi fissati. La valutazione intermedia consisterà nelle seguenti operazioni: - aggiornamento del quadro della valutazione ex-ante; - aggiornamento delle ricostruzioni e delle valutazioni realizzate nell attività di valutazione annuale in corso d opera; - valutazione degli indicatori di sorveglianza per l assegnazione della riserva di performance; - formulazione di proposte di modifica procedurali e organizzative nonché delle linee operative di attuazione del Docup e del sistema di monitoraggio al fine del raggiungimento degli obiettivi. La valutazione finale consiste nelle seguenti operazioni: - aggiornare l insieme delle analisi previste nelle valutazioni in itinere; - analizzare eventuali elementi di criticità nell attuazione che richiedono modifiche e aggiustamenti di natura programmatica, finanziaria e attuativa; - fornire indicazioni sulle linee prioritarie di intervento per la successiva fase di programmazione. Inoltre verrà richiesto, su indicazione dell Amministrazione regionale e del Comitato di sorveglianza, al valutatore indipendente, l elaborazione di tre rapporti di valutazione tematica o di processo, riguardanti specifiche aree di intervento e/o procedure. Per l attività di valutazione intermedia, così come prevista dall articolo 42 del Reg. (CE) n.1260/99, si procede con apposito bando di gara per l affidamento del servizio. Il Servizio Programmazione strategica e comunitaria è responsabile dell attivazione dell iniziativa Attività di controllo L autorità di controllo del Docup Ob fa capo all Ufficio controlli comunitari che svolge le funzioni di controllo finanziario ai sensi del Reg. CE n.438 del Nello svolgimento di tale attività è necessario assicurare un assistenza esterna all Ufficio come supporto ai controlli materiali e all attività di certificazione finale. L assistenza esterna verrà fornita da esperti in organizzazione e gestione di impresa. Tali soggetti verranno individuati nel rispetto della vigente normativa. L eventuale supporto esterno alla Regione per le attività di controllo verterà su tre linee di attività specifiche: 11

12 - costruzione delle piste di controllo e adattamento al sistema di gestione e controllo del Docup Ob.2. Preliminarmente all esecuzione dei controlli di secondo livello, dovrà essere definito il quadro analitico delle procedure, compiti e responsabilità attinenti alle varie azioni in riferimento alle attività di programmazione, controllo di primo livello e rendicontazione. Una volta definite le piste, sarà valutata la compatibilità con i sistemi di gestione e controllo e saranno sottoposte all esame dell Autorità di controllo ai sensi del Reg.(CE) 438/2001; - realizzazione dei controlli di secondo livello. Tali controlli, eseguiti secondo i dettami del Reg.(CE) 438/2001, dovranno evidenziare le eventuali irregolarità, l identificazione delle cause di tali irregolarità, la necessità di ulteriori controlli di approfondimento e l identificazione di misure correttive e preventive; - dichiarazione a conclusione dell intervento. Come stabilito all art.15 del Reg.(CE) 438/2001, a conclusione della forma d intervento deve essere redatto un attestato che riassume le risultanze dei controlli effettuati e valuta la fondatezza della domanda di pagamento del saldo. L Ufficio controlli comunitari provvederà direttamente ad attivare tale iniziativa. 12

13 4. Azione Attività di comunicazione 4.1 Descrizione dell azione È previsto il sostegno a: - iniziative di informazione di carattere generale sul Docup, sul suo avanzamento, sulle attività del Comitato di sorveglianza: pubblicazione del Docup, adeguamento del sito web della Regione, da utilizzarsi anche da parte del Comitato di Sorveglianza; redazione di opuscoli, pubblicazione di articoli informativi sui giornali, filmati, seminari e conferenze, etc; - attività di informazione da sviluppare specificamente nella fase di avvio del programma in occasione dell apertura dei bandi (stampa dei bandi, pagine informative sui giornali, predisposizione di materiale informativo anche multimediale, seminari e conferenze, etc.). - organizzazione di incontri, seminari e iniziative per lo scambio di esperienze a livello regionale, nazionale e comunitario. 4.2 Iniziative da realizzare Piano di comunicazione All interno di quest azione è previsto il finanziamento delle attività di comunicazione ed informazione, per le quali è stato predisposto un apposito Piano di comunicazione allegato al Complemento di Programmazione, secondo quanto previsto dal Regolamento CE n.1159/200. Per il complesso di queste attività si prevede di impegnare indicativamente la cifra di euro. Per la realizzazione degli interventi previsti da detto Piano la Regione può avvalersi anche dell apporto di soggetti esterni specializzati nel campo della comunicazione. Ai fini della realizzazione del Piano si terrà conto delle seguenti linee di attività: - la produzione di un piano di comunicazione strategica di maggiore dettaglio; - la progettazione di un marchio, del sistema normativo di applicazione e relativo manuale di coordinamento; - una campagna di lancio per la divulgazione e affermazione dell identità del progetto, articolato nei livelli di comunicazione descritti dal piano strategico; - la progettazione, realizzazione e sviluppo di un front-office telematico allineato agli standard normativi previsti dal manuale di coordinamento dell immagine, destinato all informazione dettagliata e aggiornata circa i contenuti delle singole azioni previste dal Docup Obiettivo 2 e dal Por Obiettivo 3. - la produzione di supporti audiovisivi da destinare al mercato radiotelevisivo regionale e relativo piano di acquisto degli spazi nella programmazione delle emittenti. - la progettazione e la promozione di convegni e seminari; 13

14 - la formazione e coordinamento di un ufficio relazione esterne e informazione costituito all interno dell apparato regionale; - il monitoraggio attraverso appositi strumenti di rilevazione, qualitativi e quantitativi, della efficacia del Programma di comunicazione proposto. Il Servizio comunicazione istituzionale e stampa curerà le procedure attuative del piano. 14

15 5. Azione Adeguamento del quadro conoscitivo delle aree Ob. 2 e phasing-out ai fini della programmazione 5.1 Descrizione dell azione È prevista la realizzazione, di studi e indagini su tematiche di specifico interesse per l area oggetto dell intervento del Docup, con prioritario riguardo alle questioni della ricerca e sviluppo, della società dell informazione, dell ambiente, dei sistemi produttivi locali, delle pari opportunità. In questo quadro le attività saranno prioritariamente rivolte alla definizione delle strategie regionali per la società dell informazione (cfr. misura 1.4) e per lo sviluppo e la diffusione dell innovazione (cfr. misura 2.2). L azione si attuerà mediante l affidamento di incarichi a esperti, istituzioni scientifiche e centri di ricerca, società specializzate. È prevista anche la diffusione dei risultati delle ricerche attraverso la pubblicazione degli studi e la presentazione in seminari e convegni. 5.2 Iniziative da realizzare Studi ed indagini tematiche In relazione alle attività previste all interno degli interventi finalizzati all adeguamento del quadro conoscitivo delle aree Ob.2 e phasing out, si prevede, attraverso l affidamento con procedure di gara, ad esperti e centri di ricerca, di procedere, in una prima fase, alla predisposizione: - del Piano regionale per la società dell informazione, propedeutico all attivazione della Misura 1.4, a cura di un gruppo di lavoro interno alla Regione coadiuvato da esperti esterni; - del Piano regionale per l innovazione (Azione 2.2.2); - di un Piano di fattibilità per la realizzazione di programmi di iniziativa pubblica indirizzati all organizzazione e promozione di servizi di sistema e prioritariamente indirizzati alla valorizzazione della subfornitura, delle filiere produttive e della promozione dell internazionalizzazione (Azione 2.2.3). In seguito, sulla base di eventuali esigenze conoscitive, che verranno manifestate nel corso dell attuazione del Docup, è prevista la predisposizione di ulteriori studi e ricerche che interesseranno l approfondimento di particolari tematiche socio-economiche riguardanti l area oggetto di intervento. Complessivamente per questi interventi è prevista una spesa pari a euro. I responsabili di misura/azione che riterranno necessario attivare degli studi specifici individueranno con procedure di evidenza pubblica i soggetti per svolgere tale attività. 15

16 Regione dell Umbria Docup Ob Misura 4.1 Programma di Assistenza tecnica Riparto previsionale di risorse tra le iniziative Importi in euro AZIONI/INIZIATIVE Responsabili di iniziative Risorse Docup Attività di consulenza e assistenza tecnica Assistenza tecnica e monitoraggio Servizio Programmazione strategica e comunitaria 2 Interventi specifici di assistenza tecnica Responsabili di Misura/Azione Servizio provveditorato, 3 Acquisto hardware e software demanio e patrimonio Servizio protez. Inqui., rifiuti, 4 Piano operativo dell Autorità ambientale informaz. ed educ. ambientale Attività di assistenza per l istruttoria dei Responsabili di Misura/Azioni 5 progetti regimi di aiuto Iniziative connesse alla gestione ed esecuzione Servizio Programmazione 6 del Docup Ob.2 e alle attività di relazioni strategica e comunitaria esterne dell Autorità di gestione Attività di preparazione di progetti integrati Progettazione esecutiva del PIAT 2 Progettazione dei PIT Servizio Programmazione strategica e negoziata Servizio Programmazione strategica e negoziata 3 Progettazione integrata di settore/filiera Responsabili di misura/azione Attività di valutazione e controllo Attività di valutazione Servizio Programmazione strategica e comunitaria 2 Attività di controllo Ufficio Controlli comunitari Attività di comunicazione ed informazione del Docup Piano di comunicazione Servizio Comunicazione istituzionale e stampa Adeguamento del quadro conoscitivo Studi e indagini tematiche Responsabili di Misura/Azione TOTALE

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.7. Sezione I Identificazione della misura

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.7. Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 - Sviluppo Locale 4. Descrizione della

Dettagli

Sezione I Identificazione della misura

Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 Sistemi locali di sviluppo 4. Codice

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

DISPOSITIVO AZIONI DI SISTEMA - RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E DELL'ISTRUZIONE FSE Mis. C1

DISPOSITIVO AZIONI DI SISTEMA - RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E DELL'ISTRUZIONE FSE Mis. C1 INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI COFINANZIABILI CON IL FONDO SOCIALE EUROPEO OBIETTIVO 3 ANNO 2002 DISPOSITIVO AZIONI DI SISTEMA - RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E

Dettagli

N. 512 FISCAL NEWS. Regione Campania: contributi per dottorati 21.11.2011. La circolare di aggiornamento professionale. A cura di Carlo De Luca

N. 512 FISCAL NEWS. Regione Campania: contributi per dottorati 21.11.2011. La circolare di aggiornamento professionale. A cura di Carlo De Luca a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 512 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 21.11.2011 Categoria Previdenza e lavoro Sottocategoria Agevolazioni

Dettagli

FEP 2007/2013 SPESE AMMISSIBILI MISURA ASSISTENZA TECNICA

FEP 2007/2013 SPESE AMMISSIBILI MISURA ASSISTENZA TECNICA FEP 2007/2013 SPESE AMMISSIBILI MISURA ASSISTENZA TECNICA Settembre 2009 Indice Introduzione...3 1. Azioni e relative spese ammissibili...3 1.1 Acquisizione di personale di supporto...3 1.2 Valutazione...4

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE Le linee guida di seguito illustrate rappresentano un primo risultato dell

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

MISURA 511 ASSISTENZA TECNICA

MISURA 511 ASSISTENZA TECNICA REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 2007/2013 ATTUATIVO REG. (CE) N. 1698/05 MISURA 511 ASSISTENZA TECNICA PIANO DEGLI INTERVENTI

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 ADVISORING PER LO SVILUPPO DEGLI STUDI DI FATTIBILITA E SUPPORTO ALLA COMMITTENZA PUBBLICA PIANO DEGLI INTERVENTI ALLEGATO 1

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Regolamento del Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Articolo 1. Costituzione e scopi 1. Il Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013

Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013 (Fondo FESR) MISURE PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE DEL POR (ai sensi degli

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO 1 1. Premessa Il presente capitolato ha lo scopo di supportare gli operatori incaricati dagli enti pubblici territoriali nella elaborazione e stesura di uno studio di fattibilità

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE 1. PREMESSA Manital, con la collaborazione della Compagnia di San Paolo ha istituito il Fondo Risorsa Canavese, con

Dettagli

Ministero della salute

Ministero della salute Ministero della salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Guida alla Redazione dei Progetti CCM 2014 Al fine della stesura dei progetti CCM 2014, si illustra di seguito

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

LINEE GUIDA AL MONITORAGGIO

LINEE GUIDA AL MONITORAGGIO Direzione Innovazione Ricerca e Università e Sviluppo Energetico Sostenibile Settore Sistemi informativi e Tecnologie della comunicazione POR-FESR - Programma Operativo Regionale Asse I Innovazione e transizione

Dettagli

ALLEGATO 5 SCHEDA DI VALUTAZIONE STEERING RICERCA E INNOVAZIONE CIG: 0828392AB1. Allegato 5: Scheda di valutazione Pag. 1

ALLEGATO 5 SCHEDA DI VALUTAZIONE STEERING RICERCA E INNOVAZIONE CIG: 0828392AB1. Allegato 5: Scheda di valutazione Pag. 1 ALLEGATO 5 SCHEDA DI VALUTAZIONE STEERING RICERCA E INNOVAZIONE CIG: 0828392AB1 Allegato 5: Scheda di valutazione Pag. 1 PIANO UNITARIO DI VALUTAZIONE DELLA REGIONE PUGLIA 2007-2013 AGGIORNAMENTO DELLE

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Stato di avanzamento dei Progetti integrati e di filiera

Stato di avanzamento dei Progetti integrati e di filiera REGIONE DELL UMBRIA GIUNTA REGIONALE Area programmazione strategica e socio-economica Servizio 2 - Programmazione strategica e comunitaria DOCUP Ob. 2 (2000-2006) Comitato di Sorveglianza del 12-13 dicembre

Dettagli

Descrizione del fabbisogno e definizione dell oggetto dell incarico

Descrizione del fabbisogno e definizione dell oggetto dell incarico Allegato n. 2 Fabbisogno Assistenza Tecnica AdG e AdC Fabbisogno di n. 26 esperti per l espletamento di attività di Assistenza tecnica indirizzata alla gestione, sorveglianza, valutazione, informazione

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI Premessa Il sistema di valutazione della prestazione individuale del personale della Comunità montana del Torre Natisone e Collio si pone la finalità

Dettagli

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 Le Reti d Impresa POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 1 Introduzione L esigenza di fare rete riguarda tutte le imprese ma è ancora più importante

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

DISCIPLINARE POLI DI INNOVAZIONE

DISCIPLINARE POLI DI INNOVAZIONE Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Misura I.1.3 Innovazione e PMI F.E.S.R. 2007/2013 DISCIPLINARE per l accesso ai finanziamenti

Dettagli

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO Premessa Il Sistema Bibliosan promosso dal Ministero della Salute si avvale della rete delle biblioteche degli Enti di ricerca biomedici italiani. A Bibliosan

Dettagli

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21)

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) COMPETENZE DEI SERVIZI 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) a) la partecipazione, su delega dell Autorità di Gestione, ai Comitati di Sorveglianza nazionali e regionali, ai gruppi

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CENTRALE ACQUISTI DELLA GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA. Art 1. Oggetto

DISCIPLINARE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CENTRALE ACQUISTI DELLA GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA. Art 1. Oggetto DISCIPLINARE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CENTRALE ACQUISTI DELLA GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA. Art 1 Oggetto Il presente disciplinare regolamenta le modalità di funzionamento della Centrale Acquisti

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011 Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Linea di Intervento B Azione B2 Studi di Fattibilità Area Pianvallico Data: Giugno 2011 File rif.:.doc Tecnico: David Giraldi INDICE PREMESSA... 1 1. GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI (Approvato dal Consiglio di indirizzo in data 16/2/2009) ART. 1 (oggetto) 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi dell art.2, comma 4, e dell art.17,

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE DEI POLI FORMATIVI Annualità 2006/2007

MODALITA DI ATTUAZIONE DEI POLI FORMATIVI Annualità 2006/2007 ALLEGATO A MODALITA DI ATTUAZIONE DEI POLI FORMATIVI Annualità 2006/2007 a-premessa Le presenti modalità di attuazione riprendono le linee fondamentali espresse nell Avviso pubblico, omogenee per ogni

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA. fra

SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA. fra Regione Campania SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA fra L Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano La Provincia di Salerno Le Comunità Montane..., La Comunità Montana..., La Comunità Montana..., Ecc

Dettagli

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Art.1 Oggetto del bando 1. Il Bando APQ 2010 è promosso dalla Provincia di Novara, Assessorato alle Politiche Giovanili (di seguito Provincia) su finanziamento

Dettagli

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Allegato SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO a) Ciclo della performance Il sistema di misurazione e

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 Pagina 1 di 7 DATA I EMISSIONE: 12/01/2008 Resp. Redazione RGSQ Resp. Verifica RGSQ Resp. Approvazione DIR REVISIONI DATA MODIFICHE RESP. VERIFICA GESTIONE SISTEMA

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente BANDO PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE 1. Oggetto e finalità L Assessorato all Ambiente

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 23 LUGLIO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 23 LUGLIO 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 15 giugno 2007 - Deliberazione N. 1006 - Area Generale di Coordinamento N. 11 - Sviluppo Attività Settore Primario - "Istituzione dell'albo delle strutture

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 Azioni da adottare per il coinvolgimento del partenariato

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 Azioni da adottare per il coinvolgimento del partenariato D I R E Z I O N E R E G I O N A L E A G R I C O L T U R A E S V I L U P P O R U R A L E, C A C C I A E P E S C A Area Programmazione Comunitaria, Monitoraggio e Sviluppo Rurale Programma di Sviluppo Rurale

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 4.1.1- IL POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SPECIALIZZAT O NEI SETTORI DELLE PRODUZIONI VITICOLE, ENOLOGICHE, DELLE GRAPPE E DELLE ACQUAVITI DI CONEGLIANO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 Anno legislazione: 2002 Oggetto legislazione: promozione del progresso e delle

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 50601 Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 FSC APQ Sviluppo Locale 207 2013 Titolo II Capo III Aiuti agli investimenti delle

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU12 26/03/2015

REGIONE PIEMONTE BU12 26/03/2015 REGIONE PIEMONTE BU12 26/03/2015 Codice DB1815 D.D. 5 dicembre 2014, n. 607 Realizzazione di azioni di promozione, comunicazione e web-marketing. Affidamento alla societa' in house Sviluppo Piemonte Turismo

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento delle attività di consulenza e di ricerca

Regolamento per lo svolgimento delle attività di consulenza e di ricerca Regolamento per lo svolgimento delle attività di consulenza e di ricerca Indice Art. 1 Norme generali... 2 Art. 2 Strutture e personale coinvolti... 2 Art. 3 Sottomissione delle proposte di progetto e

Dettagli

La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020

La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020 La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020 Dotazione finanziaria SPESA PUBBLICA: 1.092 Meuro FEASR: 471,3 Meuro STATO: 434,5 Meuro REGIONE: 186,2 Meuro (ca. 26 Meuro/anno) 2014 2015 2016 2017

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA

COMUNE DI CIVITAVECCHIA COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma REGOLAMENTO SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA Parte I (ATTIVITÀ FORMATIVA) Art. 1 (Campo

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n.

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n. ACCORDO TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E LA REGIONE LAZIO PER L ATTUAZIONE COORDINATA DELLE AZIONI RIFERIBILI AL PROGRAMMA DI INTERVENTI A COFINANZIAMENTO FEG EGF/2012/007 IT/VDC

Dettagli

Gestione diretta: I programmi comunitari

Gestione diretta: I programmi comunitari Gestione diretta: I programmi comunitari Modalità Strumenti Gestione diretta Programmi UE a finanziamento diretto IPA ENI 4 Strumenti geografici PI DCI Assistenza esterna EIDHR 3 Strumenti tematici IfS

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO (emanato con D.R. n. 280 2013, prot. n. 6837 I/3 del 12.03.2013) Articolo 1 (Scopo e ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento ha

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 54/2008 (Atti del Consiglio) Norme in materia di sostegno alla innovazione delle attività professionali intellettuali. *************** Approvata dal

Dettagli

Governance di sistema e di progetto e possibili canali di finanziamento

Governance di sistema e di progetto e possibili canali di finanziamento Governance di sistema e di progetto e possibili canali di finanziamento di Giorgio Casoni Il concetto di capacità competitiva territoriale è entrato a far parte del linguaggio comune degli amministratori.

Dettagli

Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei

Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei sistemi informativi di monitoraggio della Regione Azioni di miglioramento:

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Versione 02 del 14 gennaio 2009 INDICE

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 4.3.2 Titolo Azione

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 1 Il Comitato di Sorveglianza dei Programmi Operativi Regionali (POR)

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

GESTIONE RISORSE UMANE

GESTIONE RISORSE UMANE rev. 01 Data: 26-07-2007 pag. 1 7 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 90 del

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 ******************** Il Comitato di Sorveglianza del Programma Operativo Regionale FESR Sicilia

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE COMUNE DI CORMANO PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (approvato con deliberazione C.C. n. 58 del 01/12/2003) 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 AMBITO DI

Dettagli

MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE (STRALCIO PIANO DELLA PERFORMANCE AGID 2014-2016) 1.1 ALBERO DELLA PERFORMANCE

MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE (STRALCIO PIANO DELLA PERFORMANCE AGID 2014-2016) 1.1 ALBERO DELLA PERFORMANCE MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE (STRALCIO PIANO DELLA PERFORMANCE AGID 2014-2016) 1.1 ALBERO DELLA PERFORMANCE Pur perdurando il momento di profondo riordino dell assetto organizzativo e delle attività dell

Dettagli

L articolazione degli uffici di tipo B supporta l articolazione operativa per competenza ed in particolare:

L articolazione degli uffici di tipo B supporta l articolazione operativa per competenza ed in particolare: Riorganizzazione della struttura di supporto alle attività del CIV della V consiliatura e conseguenti modifiche al Regolamento di funzionamento del CIV Il regolamento di funzionamento del CIV prevede che

Dettagli

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA INDICE Art. 1 Oggetto e finalità Pag. 2 Art. 2 La disciplina contabile 2 Art. 3 Contabilità analitica 2 Art. 4 La programmazione

Dettagli