COSA E IL SUAP E DI COSA SI OCCUPA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COSA E IL SUAP E DI COSA SI OCCUPA"

Transcript

1 GUIDA AL PROCEDIMENTO UNICO PER L IMPRENDITORE, TECNICI, CONSULENTI E LIBERI PROFESSIONISTI COSA E IL SUAP E DI COSA SI OCCUPA Lo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) rappresenta il punto di riferimento unico dell imprenditore, cioè di una particolare figura di cittadino interessato ad avviare un attività imprenditoriale, a trasformarla, a modificarla a dismetterla o a cessarla. Il SUAP nasce con il d lgs. 112/1998 e trova la sua compiuta regolamentazione con il D.P.R. 447/1998 oggi riformulato dal recente D.P.R. 160/2010. Finalità e campo di applicazione: 1. È unico soggetto di riferimento territoriale per tutti i procedimenti che abbiano come oggetto attività produttive. 2. Le domande dell imprenditore sono presentate esclusivamente al SUAP in modalità telematica. 3. Provvede all inoltro telematico della documentazione alle altre amministrazioni coinvolte. Funzioni - Lo Sportello Unico: 1. assicura al richiedente una risposta anche per le amministrazioni preposte alla tutela: - ambientale - paesaggistico territoriale - patrimonio storico culturale - tutela della salute - tutela della pubblica incolumità 2. le amministrazioni coinvolte nel procedimento trasmettono i loto atti/ autorizzazioni/ nulla osta solo al SUAP 3. Cura le informazioni attraverso il portale Il SUAP è uno strumento di semplificazione preposto al coordinamento di tutti i procedimenti attivati al fine del rilascio dei titoli abilitativi ed esplica un azione di raccordo fra gli Uffici e gli Enti coinvolti nel procedimento in relazione alle attività del settore agricolo, artigianale, industriale, commerciale ed di servizi). NELLA SEZIONE MODULISTA E POSSIBILE SCARICARE I MODELLI PER LA PRESENTAZINE DELLE ISTANZE A QUESTO SPORTELLO UNICO.

2 COME OPERA IL SUAP L imprenditore presenta una domanda unica al SUAP, in luogo di tutte le istanze precedentemente presentate personalmente ad altri Uffici e Enti. Sarà il SUAP a richiedere tutti i pareri nulla osta e atti o provvedimenti che assumono la veste di procedimenti interni all unico procedimento di sportello unico al termine del quale sarà rilasciato all imprenditore il PROVVEDIMENTO CONCLUSIVO DEL PROCEDIMENTO che avrà valore di titolo unico relativo alla propria attività, presidiando il rispetto dei tempi di risposta da parte di tutti i soggetti coinvolti (altri uffici comunali quali ufficio edilizia, ufficio ambiente, oppure altri Enti quali ASL, Vigili del Fuoco, Provincia ecc). IL PROCEDIMENTO AUTOMATIZZATO Qualora le attività produttive sono soggette alla disciplina della SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) la segnalazione è presentata al SUAP (se contestuale alla comunicazione unica è presentata al registro delle imprese che la trasmette immediatamente al SUAP) che la verifica in modalità informatica e rilascia ricevuta. La SCIA è corredata da: 1. dichiarazione attestante sussistenza requisiti previsti dalla legge per realizzare l intervento, 2. elaborati progettuali e relazione redatta da professionista abilitato 3. asseverazione del professionista sulla conformità dell opera alla normativa vigente. Il SUAP comunica al richiedente entro 30 giorni i motivi ostativi all esercizio dell attività. Il Richiedente può avviare immediatamente l attività. Decorsi 30 giorni di silenzio assenso la richiesta deve intendersi accolta. La ricevuta rilasciata in via telematica costituisce titolo autorizzatorio. IL PROCEDIMENTO UNICO - AVVIO E ITER Per attivare il procedimento unico occorre presentare al SUAP la Richiesta di attivazione procedimento S.U.A.P. unitamente agli allegati e alla modulistica specifica per ogni singolo procedimento di cui si chiede l attivazione (per i singoli moduli vedere le schede dei procedimenti, la modulistica e i link dei vari Enti o Uffici). Entro 30 giorni dal ricevimento il SUAP richiede eventuale documentazione integrativa altrimenti la domanda si intende correttamente presentata. Se la documentazione è completa nei successivi 30 giorni viene inviato il provvedimento finale. Per intese e nulla osta di altri Enti può indire una conferenza di servizi anche a richiesta dell interessato. Allo scadere di 90 giorni o al tempo di acquisizione dei pareri terzi viene redatto il provvedimento finale.

3 Il Provvedimento Conclusivo del Procedimento è a tutti gli effetti titolo unico per la realizzazione dell intervento e per lo svolgimento dell attività richiesta. IL PROCEDIMENTO SEMPLIFICATO E IL PROCEDIMENTO AUTOCERTIFICATO - PROCEDIMENTO Descrizione Iter ordinario dove le singole amministrazioni competenti esaminano il progetto e rilasciano un parere o nulla-osta o provvedimento di competenza. Iter rapido in cui l imprenditore e un professionista abilitato asseverano direttamente la conformità del progetto alle norme vigenti; Le amministrazioni competenti svolgono una funzione di controllo. IN QUALI CASI PUO ESSERE ATTIVATO Il procedimento semplificato è sempre attivabile, ma è obbligatorio per tutti i casi in cui è escluso il ricorso al procedimento autocertificato. Il procedimento autocertificato è attivabile in tutti i casi, tranne che: - Impianti e depositi di cui all'articolo 27 del D.Lgs. 112/98 (impianti nucleari,d'armi, d'oli minerali, di rifiuti e sostanze pericolose, depositi costieri); - Progetti che richiedono il giudizio di compatibilità ambientale (VIA); - Progetti che richiedono, la variante urbanistica, la concessione edilizia o altre autorizzazioni non autocertificabili in base alla normativa comunitaria europea; - Progetti che incorrono in pericoli di incidenti rilevanti (D.Lgs. 334/1999) o che richiedono dei mezzi di prevenzione e riduzione dall'inquinamento. CHIUSURA DEI LAVORI E COLLAUDO Il soggetto interessato comunica al SUAP l ultimazione dei lavori trasmettendo: 1. la dichiarazione del Direttore dei Lavori attestante la conformità dell opera al progetto presentato e la sua agibilità (ove l interessato non proponga domanda ex art.25 TUE) 2. certificato di collaudo effettuato da professionista abilitato;

4 La trasmissione al SUAP della predetta documentazione consente l immediato esercizio dell attività. IMPORTANTE Dal 29 marzo 2011 le richieste dovranno essere inviate ECLUSIVAMENTE IN VIA TELEMATICA alla casella di Posta certificata: da casella di posta certificata e firmate digitalmente dal richiedente. N.B. Se la domanda è trasmessa dalla casella PEC del proprio professionista o associazione di fiducia deve anche essere corredata da delega firmata digitalmente dal richiedente. NUOVO REGIME SCIA Art. 19 (Segnalazione certificata di inizio attività - SCIA) (articolo così sostituito dall'articolo 49, comma 4-bis, legge n. 122 del 2010) 1. Ogni atto di autorizzazione, licenza, concessione non costitutiva, permesso o nulla osta comunque denominato, comprese le domande per le iscrizioni in albi o ruoli richieste per l esercizio di attività imprenditoriale, commerciale o artigianale il cui rilascio dipenda esclusivamente dall accertamento di requisiti e presupposti richiesti dalla legge o da atti amministrativi a contenuto generale, e non sia previsto alcun limite o contingente complessivo o specifici strumenti di programmazione settoriale per il rilascio degli atti stessi, è sostituito da una segnalazione dell interessato, con la sola esclusione dei casi in cui sussistano vincoli ambientali, paesaggistici o culturali e degli atti rilasciati dalle amministrazioni preposte alla difesa nazionale, alla pubblica sicurezza, all immigrazione, all asilo, alla cittadinanza, all amministrazione della giustizia, all amministrazione delle finanze, ivi compresi gli atti concernenti le reti di acquisizione del gettito, anche derivante dal gioco, nonché di quelli imposti dalla normativa comunitaria. La segnalazione è corredata dalle dichiarazioni sostitutive di certificazioni e dell atto di notorietà per quanto riguarda tutti gli stati, le qualità personali e i fatti previsti negli articoli 46 e 47 del testo unico di cui al d.p.r. 28 dicembre 2000, n. 445, nonché dalle attestazioni e asseverazioni di tecnici abilitati, ovvero dalle dichiarazioni di conformità da parte dell Agenzia delle imprese di cui all articolo 38, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, relative alla sussistenza dei requisiti e dei presupposti di cui al primo periodo; tali attestazioni e asseverazioni sono corredate dagli elaborati tecnici necessari per consentire le verifiche di competenza dell amministrazione. Nei casi in cui la legge prevede l acquisizione di pareri di organi o enti appositi, ovvero l esecuzione di verifiche preventive, essi sono comunque sostituiti dalle autocertificazioni, attestazioni e asseverazioni o certificazioni di cui al presente comma, salve le verifiche successive degli organi e delle amministrazioni competenti. 2. L attività oggetto della segnalazione può essere iniziata dalla data della presentazione della segnalazione all amministrazione competente. 3. L amministrazione competente, in caso di accertata carenza dei requisiti e dei presupposti di cui al comma 1, nel termine di sessanta giorni dal ricevimento della segnalazione di cui al medesimo comma, adotta motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi di essa, salvo che, ove ciò sia possibile, l interessato provveda a conformare alla normativa vigente detta attività ed i suoi effetti entro un termine fissato

5 dall amministrazione, in ogni caso non inferiore a trenta giorni. E' fatto comunque salvo il potere dell amministrazione competente di assumere determinazioni in via di autotutela, ai sensi degli articoli 21-quinquies e 21-nonies. In caso di dichiarazioni sostitutive di certificazione e dell atto di notorietà false o mendaci, l amministrazione, ferma restando l applicazione delle sanzioni penali di cui al comma 6, nonché di quelle di cui al capo VI del testo unico di cui al d.p.r. 28 dicembre 2000, n. 445, può sempre e in ogni tempo adottare i provvedimenti di cui al primo periodo. 4. Decorso il termine per l adozione dei provvedimenti di cui al primo periodo del comma 3, all amministrazione è consentito intervenire solo in presenza del pericolo di un danno per il patrimonio artistico e culturale, per l ambiente, per la salute, per la sicurezza pubblica o la difesa nazionale e previo motivato accertamento dell impossibilità di tutelare comunque tali interessi mediante conformazione dell attività dei privati alla normativa vigente. 4-bis. Il presente articolo non si applica alle attività economiche a prevalente carattere finanziario, ivi comprese quelle regolate dal testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia di cui al decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, e dal testo unico in materia di intermediazione finanziaria di cui al decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 (comma introdotto dall'articolo 2, comma 1-quinquies, della legge n. 163 del 2010) 5. (comma abrogato dall'allegato 4, articolo 4, del decreto legislativo n. 104 del 2010) 6. Ove il fatto non costituisca più grave reato, chiunque, nelle dichiarazioni o attestazioni o asseverazioni che corredano la segnalazione di inizio attività, dichiara o attesta falsamente l esistenza dei requisiti o dei presupposti di cui al comma 1 è punito con la reclusione da uno a tre anni.

AUTORIZZAZIONE SEGNALAZIONE

AUTORIZZAZIONE SEGNALAZIONE AUTORIZZAZIONE SEGNALAZIONE La S.C.I.A. Segnalazione Certificata di Inizio Attività La legge 30 luglio 2010 n. 122 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, recante

Dettagli

S.C.I.A. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA. Art. 19 della Legge 241/ 90. Paolo Vecchiato Responsabile SUAP

S.C.I.A. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA. Art. 19 della Legge 241/ 90. Paolo Vecchiato Responsabile SUAP S.C.I.A. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Art. 19 della Legge 241/ 90 Paolo Vecchiato Responsabile SUAP NORMATIVA Art. 19 e 20 Legge n. 241/1990 e s.m.i. D.Lgs. n. 82/2005 e s.m.i. Codice dell

Dettagli

Compilato a cura del SUAP: Pratica. del. Protocollo

Compilato a cura del SUAP: Pratica. del. Protocollo Al SUAP del Comune di POZZUOLI (NA) Compilato a cura del SUAP: Pratica del Protocollo Indirizzo VIA TITO LIVIO, 4 PEC / Posta elettronica infopec2.comune.pozzuoli.na.it Segnalazione Certificata di Inizio

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI VARIAZIONE DELLA SEDE DELLA FILIALE DI AGENZIA DI VIAGGI (art. 19 legge 241/1990 e s.m.i) DD.G.R. 816/2010 e 95/2011

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI VARIAZIONE DELLA SEDE DELLA FILIALE DI AGENZIA DI VIAGGI (art. 19 legge 241/1990 e s.m.i) DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI VARIAZIONE DELLA SEDE DELLA FILIALE DI AGENZIA DI VIAGGI (art. 19 legge 241/1990 e s.m.i) DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 AL SERVIZIO ATTIVITA' PRODUTTIVE DEL COMUNE DI SANT'ANASTASIA

Dettagli

GIUSEPPE AGUGLIARO

GIUSEPPE AGUGLIARO LA SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA PER L'AVVIO E LA GESTIONE DELLE STRUTTURE TURISTICO RICETTIVE Le funzioni dello Sportello Unico per le Attività Produttive GIUSEPPE AGUGLIARO suap.unionecomuniee@gmail.com

Dettagli

VENDITA AMBULANTE di STRUMENTI da PUNTA e da TAGLIO ATTI ad OFFENDERE SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITÀ

VENDITA AMBULANTE di STRUMENTI da PUNTA e da TAGLIO ATTI ad OFFENDERE SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITÀ M7000/34 VENDITA AMBULANTE di STRUMENTI da PUNTA e da TAGLIO ATTI ad OFFENDERE SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITÀ ai sensi dell'art. 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241, modificato dalla legge

Dettagli

MANIFESTAZIONE SPORTIVA senza FINALITÀ di LUCRO SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITÀ

MANIFESTAZIONE SPORTIVA senza FINALITÀ di LUCRO SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITÀ M7000/38 MANIFESTAZIONE SPORTIVA senza FINALITÀ di LUCRO SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITÀ ai sensi dell'art. 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241, modificato dalla legge n. 122/2010, dell'art.

Dettagli

Legge 241 /90 prima dell'entrata in vigore del D.Leg.vo 126/2016. Legge 241 /90 modifiche introdotte dal D.Leg.vo

Legge 241 /90 prima dell'entrata in vigore del D.Leg.vo 126/2016. Legge 241 /90 modifiche introdotte dal D.Leg.vo Legge 241 /90 prima dell'entrata in vigore del D.Leg.vo 126/2016 Legge 241 /90 modifiche introdotte dal D.Leg.vo 126 2016 Art. 18. (Autocertificazione) 1. Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI PIERCING

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI PIERCING REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI PIERCING approvato con D.C.C. n. 16 del 10/03/2014 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2 Abilitazione professionale e requisiti Art. 3 Luogo di svolgimento dell attività Art. 4

Dettagli

Al Comune di SAN GIORGIO A CREMANO

Al Comune di SAN GIORGIO A CREMANO INIZIO ATTIVITÀ - SUBINGRESSO TRASFERIMENTO DI SEDE VARIAZIONI - CESSAZIONE ATTIVITA Al Comune di SAN GIORGIO A CREMANO _0_ _6_ _3_ _0_ _6_ _7_ Ai sensi del D. Lgs. n. 59/2010 e successive modificazioni

Dettagli

già iscritta al Registro Imprese con R.E.A. nr.

già iscritta al Registro Imprese con R.E.A. nr. AL COMUNE DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DI ATTIVITA CONNESSA ALLE ATTIVITA DI ESTETISTA E ACCONCIATORE (Legge 2 aprile 2007, n 40 art.10 c.2 L. R. 17 del 20 novembre 2007) Il/la sottoscritto/a

Dettagli

Comando Provinciale Vigili del fuoco Vicenza

Comando Provinciale Vigili del fuoco Vicenza Comando Provinciale Vigili del fuoco Vicenza LA SEMPLIFICAZIONE NELLE PROCEDURE ANTINCENDIO: D.P.R. 1 agosto 2011 n. 151 Vicenza, 9 maggio 2014 PRINCIPIO DELLA SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA ART. 49 co.

Dettagli

Attività Produttive. Attività di vendita - Medie e grandi strutture di vendita. Descrizione

Attività Produttive. Attività di vendita - Medie e grandi strutture di vendita. Descrizione Attività Produttive Attività di vendita - Medie e grandi strutture di vendita Descrizione Sono medie strutture di vendita gli esercizi commerciali per la vendita al dettaglio in area privata con superficie

Dettagli

Sassari 27 gennaio 2012

Sassari 27 gennaio 2012 Seminario di Studi I nuovi adempimenti di prevenzione incendi Dalla semplificazione amministrativa alla gestione della procedure di prevenzione I SUAP e la gestione dei nuovi procedimenti di prevenzione

Dettagli

Attività Produttive. Altre attività Internet Point / Phone Center. Descrizione

Attività Produttive. Altre attività Internet Point / Phone Center. Descrizione Attività Produttive Altre attività Internet Point / Phone Center Descrizione La Segnalazione Certificata relativa all'attività di internet point e/o phone center, redatta ai sensi dell'art. 19 della Legge

Dettagli

Al Comune di MONTENERO DI BISACCIA

Al Comune di MONTENERO DI BISACCIA Mod. SCIA adeguato alla L. n. 122/2010 ATTIVITÀ DI VENDITA DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) Al Comune di MONTENERO DI BISACCIA Ai sensi del D.Lgs. 228/2001

Dettagli

SCIA E INDIVIDUAZIONE DEI REGIMI AMMINISTRATIVI

SCIA E INDIVIDUAZIONE DEI REGIMI AMMINISTRATIVI 777777777777777D SCIA E INDIVIDUAZIONE DEI REGIMI AMMINISTRATIVI FAQ DOMANDE E RISPOSTE MODULISTICA, SPORTELLO UNICO E OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE 1. Cosa prevede la nuova disciplina in materia di modulistica?

Dettagli

Attività Produttive. Attività di vendita - Esercizi di vicinato. Descrizione

Attività Produttive. Attività di vendita - Esercizi di vicinato. Descrizione Attività Produttive Attività di vendita - Esercizi di vicinato Descrizione Sono definiti negozi o "esercizi di vicinato" le attività commerciali aventi superficie di vendita non superiore a 250 mq. SETTORI

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) ATTIVITA ARTIGIANALE NON ALIMENTARE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) INIZIO ATTIVITÀ - SUBINGRESSO TRASFERIMENTO DI SEDE VARIAZIONI - CESSAZIONE ATTIVITA _0_ _1_ _0_ _0_ _0_ _1_ Allo

Dettagli

OGGETTO : SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività di Agenzia d affari di: Il/La sottoscritto/a... SEGNALA. ... n..

OGGETTO : SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività di Agenzia d affari di: Il/La sottoscritto/a... SEGNALA. ... n.. Dipartimento Attività Economico e produttive, formazione e lavoro Direzione commercio-attività produttive Sportello unico U.O. Suap, Sportelli Tematici, Attività commerciali in sede fissa, Produttive e

Dettagli

DPR 151/11; DPR 160/10; DPR 159/10;

DPR 151/11; DPR 160/10; DPR 159/10; Il nuovo regolamento di prevenzione incendi e la disciplina SUAP. Giampietro BOSCAINO Vigili del Fuoco Taranto Il quadro normativo DPR 151/11; DPR 160/10; DPR 159/10; «La prevenzione incendi, paradigma

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) ATTIVITA ARTIGIANALE ALIMENTARE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) INIZIO ATTIVITÀ - SUBINGRESSO TRASFERIMENTO DI SEDE VARIAZIONI - CESSAZIONE ATTIVITA _0_ _1_ _0_ _0_ _0_ _1_ Allo Sportello

Dettagli

STABILIMENTO di BAGNI SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITÀ

STABILIMENTO di BAGNI SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITÀ STABILIMENTO di BAGNI SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITÀ ai sensi dell'art. 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241, modificato dalla legge n. 122/2010 e dell'art. 86 T.U.L.P.S. IL SOTTOSCRITTO Al

Dettagli

L'attività dello Sportello Unico per le Attività Produttive in materia di prevenzione incendi VICENZA 10/02/2012

L'attività dello Sportello Unico per le Attività Produttive in materia di prevenzione incendi VICENZA 10/02/2012 L'attività dello Sportello Unico per le Attività Produttive in materia di prevenzione incendi VICENZA 10/02/2012 SPORTELLO ASSOCIATO ALTO VICENTINO Costituito formalmente nel novembre 2001: attualmente

Dettagli

TITOLO III SVILUPPO ED INFRASTRUTTURE Art. 49 (Disposizioni in materia di conferenza di servizi)

TITOLO III SVILUPPO ED INFRASTRUTTURE Art. 49 (Disposizioni in materia di conferenza di servizi) Il DECRETO-LEGGE 31 maggio 2010, n. 78 (in SO n.114, relativo alla G.U. 31/05/2010, n.125), convertito, con modificazioni, dalla L. 30 luglio 2010, n. 122 (in S.O. n. 174/L, relativo alla G.U. 30/07/2010,

Dettagli

Attività Produttive. Somministrazione Somministrazione all'interno di circoli privati. Descrizione

Attività Produttive. Somministrazione Somministrazione all'interno di circoli privati. Descrizione Attività Produttive Somministrazione Somministrazione all'interno di circoli privati Descrizione S.C.I.A. PER ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE A FAVORE DEI SOLI SOCI DI ASSOCIAZIONI E CIRCOLI

Dettagli

Pubblicato il DPR 151 del 1 agosto 2011 il nuovo regolamento di prevenzione incendi entra in vigore il 7 0ttobre.

Pubblicato il DPR 151 del 1 agosto 2011 il nuovo regolamento di prevenzione incendi entra in vigore il 7 0ttobre. Pubblicato il DPR 151 del 1 agosto 2011 il nuovo regolamento di prevenzione incendi entra in vigore il 7 0ttobre. Entra in vigore il 7 ottobre 2011 il nuovo regolamento di prevenzione incendi, pubblicato

Dettagli

Attività Produttive. Attività di vendita - Medie strutture di vendita - AUTORIZZAZIONE. Descrizione

Attività Produttive. Attività di vendita - Medie strutture di vendita - AUTORIZZAZIONE. Descrizione Attività Produttive Attività di vendita - Medie strutture di vendita - AUTORIZZAZIONE Descrizione Sono medie strutture di vendita gli esercizi commerciali per la vendita al dettaglio in area privata con

Dettagli

Compiti responsabilità. del libero professionista. nuove procedure di prevenzione incendi. Giampietro BOSCAINO Vigili del Fuoco Taranto

Compiti responsabilità. del libero professionista. nuove procedure di prevenzione incendi. Giampietro BOSCAINO Vigili del Fuoco Taranto Compiti e responsabilità del libero professionista nell ambito delle nuove procedure di prevenzione incendi Giampietro BOSCAINO Vigili del Fuoco Taranto Il quadro normativo DPR 151/11; DPR 160/10; D.M.

Dettagli

Attività Produttive. Attività artigianali Acconciatori. Descrizione

Attività Produttive. Attività artigianali Acconciatori. Descrizione Attività Produttive Attività artigianali Acconciatori Descrizione L attività professionale di acconciatore comprende tutti i trattamenti ed i servizi volti a modificare, migliorare, mantenere e proteggere

Dettagli

Il sottoscritto nato a ( ) residente a Via/Piazza Codice fiscale Cittadinanza

Il sottoscritto nato a ( ) residente a Via/Piazza Codice fiscale Cittadinanza SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ ( SCIA ) (Art. 19 legge n. 241/1990 e successive modifiche) relativa a: ATTIVITÀ DI PANIFICAZIONE [] Inizio attività [] Subingresso [] Trasferimento sede []

Dettagli

Il supporto dello sportello unico per le attività produttive (SUAP) in materia di prevenzione incendi

Il supporto dello sportello unico per le attività produttive (SUAP) in materia di prevenzione incendi COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI VICENZA Il supporto dello sportello unico per le attività produttive (SUAP) in materia di prevenzione incendi Avv. Marta

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE

SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE MOD SCIA variazione superficie PE SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE Senza modifiche strutturali Con modifiche strutturali Altro Segnalazione certificata di inizio attività ( SCIA ) (Art. 19 legge n.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTI gli articoli 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 5 della legge 7 agosto 2015, n. 124, recante delega al Governo per la precisa individuazione

Dettagli

Attività Produttive. Attività di vendita Distributori automatici. Descrizione

Attività Produttive. Attività di vendita Distributori automatici. Descrizione Attività Produttive Attività di vendita Distributori automatici Descrizione Il distributore automatico è un apparecchio che eroga prodotti scelti dall'utente previo pagamento del prezzo corrispondente

Dettagli

DIVISIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA DISPOSIZIONE DI SERVIZIO N. 5/2011

DIVISIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA DISPOSIZIONE DI SERVIZIO N. 5/2011 DISPOSIZIONE DI SERVIZIO N. 5/2011 OGGETTO : Decreto Legge 13/05/2011, n. 70. "Semestre Europeo. Prime disposizioni urgenti per l economia". Principali modifiche procedurali concernenti l attività edilizia.

Dettagli

COMUNE di MAGNAGO SUAP

COMUNE di MAGNAGO SUAP COMUNE di MAGNAGO SUAP Piazza Italia n 3 - tel. 0331-306500 - fax 0331-309336 suap.magnago.mi@legalmail.it Ricevimento al pubblico: Giovedì dalle 16.00 alle 18.30 Sch. 2 P.E. Comunicazione di trasferimento

Dettagli

Attività Produttive. Attività di servizio Attività di autolavaggio. Descrizione

Attività Produttive. Attività di servizio Attività di autolavaggio. Descrizione Attività Produttive Attività di servizio Attività di autolavaggio Descrizione L''attività di autolavaggio può essere esercitata in forma automatica o manuale. L'esercizio dell'attività di autolavaggio

Dettagli

Il nuovo regolamento di prevenzione incendi. Giampietro BOSCAINO Vigili del Fuoco Taranto

Il nuovo regolamento di prevenzione incendi. Giampietro BOSCAINO Vigili del Fuoco Taranto Il nuovo regolamento di prevenzione incendi e la disciplina SUAP. Giampietro BOSCAINO Vigili del Fuoco Taranto Il quadro normativo DPR 151/11; DPR 160/10; DPR 159/10; «La prevenzione incendi, paradigma

Dettagli

Attività Produttive. Attività di vendita Commercio all'ingrosso. Descrizione

Attività Produttive. Attività di vendita Commercio all'ingrosso. Descrizione Attività Produttive Attività di vendita Commercio all'ingrosso Descrizione Un soggetto (persona fisica o società) è commerciante quando esercita un'attività economica che consiste nell'acquistare merci

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ PER ESERCITARE ATTIVITÀ DI NOLEGGIO SENZA CONDUCENTE. il sottoscritto

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ PER ESERCITARE ATTIVITÀ DI NOLEGGIO SENZA CONDUCENTE. il sottoscritto MOD. SCIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ PER ESERCITARE ATTIVITÀ DI NOLEGGIO SENZA CONDUCENTE Al Comune di * ai sensi e per gli effetti del DPR 481/2001 dell articolo 19 della Legge 241/90

Dettagli

IL NUOVO REGOLAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI DPR 1 AGOSTO 2011, N.151

IL NUOVO REGOLAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI DPR 1 AGOSTO 2011, N.151 1 IL NUOVO REGOLAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI DPR 1 AGOSTO 2011, N.151 2 IL PERCORSO LOGICO LE ORIGINI IL DPR DETTAGLI CONSIDERAZIONI 3 I PRECEDENTI LA DISCIPLINA ERA STATA GIÀ SENSIBILMENTE MODIFICATA

Dettagli

Al Comune di SANTA ELISABETTA Settore/Servizio

Al Comune di SANTA ELISABETTA Settore/Servizio SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (SCIA) per l'attività di PUNTO di VENDITA non ESCLUSIVO di STAMPA QUOTIDIANA (*) /PERIODICA, a CARATTERE (1) ai sensi dell'art. 19 della legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

Capo II SEMPLIFICAZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE

Capo II SEMPLIFICAZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE Legge 15 maggio 2005, n. 80: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 14 marzo 2005, n. 35, recante disposizioni urgenti nell'ambito del Piano di azione per lo sviluppo economico, sociale

Dettagli

La ricaduta delle nuove regole previste per i SUAP sui procedimenti di prevenzione incendi

La ricaduta delle nuove regole previste per i SUAP sui procedimenti di prevenzione incendi La ricaduta delle nuove regole previste per i SUAP sui procedimenti di prevenzione incendi Seminari tecnici per professionisti dell area tecnica Parma, 23 Dicembre 2010 Lo snellimento dell attivit attività

Dettagli

DESTINATARI Tutti coloro che intendano iniziare un attività commerciale su area pubblica su posteggio in concessione.

DESTINATARI Tutti coloro che intendano iniziare un attività commerciale su area pubblica su posteggio in concessione. AUTORIZZAZIONE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Tutti coloro che intendano iniziare un attività commerciale su area pubblica su posteggio in concessione. Per ottenere l autorizzazione il richiedente deve presentare

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER ATTIVITA PRODUTTIVE (SUAP)

LO SPORTELLO UNICO PER ATTIVITA PRODUTTIVE (SUAP) LO SPORTELLO UNICO PER ATTIVITA PRODUTTIVE (SUAP) d.l. n. 112/2008 convertito nella l. n. 133/2008 D.P.R. n. 160/2010 D.P.R. n. 159/2010 La Riforma dello Sportello Unico: art. 38, l. n. 133/2008 2 D.P.R.

Dettagli

Al Comune di PONTECAGNANO FAIANO

Al Comune di PONTECAGNANO FAIANO Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ATTIVITA DI ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) INIZIO ATTIVITÀ - SUBINGRESSO TRASFERIMENTO DI SEDE VARIAZIONI - CESSAZIONE ATTIVITA Al Comune

Dettagli

NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ

NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ ai sensi dell'art. 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241, modificato dalla legge n. 122/2010 e del D.P.R. 19.12.2001, n.

Dettagli

OGGETTO : Segnalazione Certificata di Inizio Attività di Deposito / Esposizione SEGNALA

OGGETTO : Segnalazione Certificata di Inizio Attività di Deposito / Esposizione SEGNALA SUROMA - SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO - MUNICIPIO.. Via. - 00.. R O M A OGGETTO : Segnalazione Certificata di Inizio Attività di Deposito / Esposizione (ex art. 19, L. n. 241/90 s.m.i.; Legge n. 122/2010)

Dettagli

Somministrazione Somministrazione all'interno di circoli privati

Somministrazione Somministrazione all'interno di circoli privati Somministrazione Somministrazione all'interno di circoli privati Descrizione I circoli sono luoghi nei quali un'associazione svolge la propria attività. In tali luoghi sono ammesse determinate persone,

Dettagli

Udito ii parere del Consiglio di State, espresso dalla sezione consultiva per gli atti normativi nell'adunanza del... ;

Udito ii parere del Consiglio di State, espresso dalla sezione consultiva per gli atti normativi nell'adunanza del... ; Bozza di decreto legislativo attuativo della delega di cui all'art. 5 della legge 7 agosto 2015, n. 124 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; Visto

Dettagli

OGGETTO : SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività di rimessa di veicoli

OGGETTO : SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività di rimessa di veicoli SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO - MUNICIPIO.. Via. - 00.. R O M A OGGETTO : SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività di rimessa di veicoli (ai sensi del D.P.R. 480 del 19.12.2001 e art. 19

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO 14 marzo 2019 n.5 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 42, comma 1, della Legge 7 agosto 2017 n.94; Vista la deliberazione

Dettagli

Attività Produttive. Somministrazione Somministrazione di alimenti e bevande (esercizi ordinari ) Descrizione

Attività Produttive. Somministrazione Somministrazione di alimenti e bevande (esercizi ordinari ) Descrizione Attività Produttive Somministrazione Somministrazione di alimenti e bevande (esercizi ordinari ) Descrizione PUBBLICI ESERCIZI, SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE. a) esercizi di ristorazione, per la

Dettagli

Centro Studi. Il nuovo DECRETO SCIA. di Marco Massavelli Vice Comandante Polizia Municipale Druento (TO)

Centro Studi. Il nuovo DECRETO SCIA. di Marco Massavelli Vice Comandante Polizia Municipale Druento (TO) Centro Studi Il nuovo DECRETO SCIA 14.07.2016 17:34 di Marco Massavelli Vice Comandante Polizia Municipale Druento (TO) Con il decreto legislativo 30 giugno 2016 n. 126, pubblicato sulla G. U. del 13 luglio

Dettagli

Attività Produttive. Attività di vendita - Esercizi di vicinato. Descrizione

Attività Produttive. Attività di vendita - Esercizi di vicinato. Descrizione Attività Produttive Attività di vendita - Esercizi di vicinato Descrizione Sono definiti negozi o "esercizi di vicinato" le attività commerciali aventi superficie di vendita non superiore a 150 mq. SETTORI

Dettagli

CITTA DI PIANO DI SORRENTO

CITTA DI PIANO DI SORRENTO II SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE MOD. CAV SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE (SONO CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE LE CASE E GLI APPARTAMENTI DATI IN LOCAZIONE

Dettagli

Attività Produttive. Attività di vendita Esercizi di vicinato. Descrizione

Attività Produttive. Attività di vendita Esercizi di vicinato. Descrizione Attività Produttive Attività di vendita Esercizi di vicinato Descrizione Sono definiti negozi o "esercizi di vicinato" le attività commerciali con una superficie di vendita non superiore a 150 mq. Per

Dettagli

NOLEGGIO di VEICOLI senza CONDUCENTE SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITÀ

NOLEGGIO di VEICOLI senza CONDUCENTE SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITÀ NOLEGGIO di VEICOLI senza CONDUCENTE SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITÀ ai sensi dell'art. 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241, modificato dalla legge n. 122/2010 e del D.P.R. 19.12.2001, n.

Dettagli

Prevenzione incendi: nuove regole CCTS Roma, 23 febbraio 2011

Prevenzione incendi: nuove regole CCTS Roma, 23 febbraio 2011 Prevenzione incendi: nuove regole CCTS Roma, 23 febbraio 2011 Lo snellimento dell attività amministrativa modifiche all art. 19 della Legge 241/90, introdotte con la Legge 122/2010 segnalazione certificata

Dettagli

Allegato II - Manuale delle procedure COMUNE DI FAGNANO CASTELLO

Allegato II - Manuale delle procedure COMUNE DI FAGNANO CASTELLO Allegato II - Manuale delle procedure COMUNE DI FAGNANO CASTELLO INDICE 1 IL MANUALE DELLE PROCEDURE... 4 1.1 GLOSSARIO... 4 1.2 LEGENDA PER DIAGRAMMA DI FLUSSO... 5 1.3 PROCEDIMENTO AUTOMATIZZATO CON

Dettagli

un dispositivo o smart-card di firma digitale (acquistabile sul mercato); la firma digitale.

un dispositivo o smart-card di firma digitale (acquistabile sul mercato); la firma digitale. SUAP L'Ufficio Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) è l'unico soggetto di riferimento territoriale per tutti i procedimenti relativi all'esercizio delle attività produttive e di prestazione

Dettagli

Attività Produttive. Turismo Alberghi - residenze turistico/alberghiere- alberghi diffusi. Descrizione

Attività Produttive. Turismo Alberghi - residenze turistico/alberghiere- alberghi diffusi. Descrizione Attività Produttive Turismo Alberghi - residenze turistico/alberghiere- alberghi diffusi Descrizione Ai sensi dell'art. 10 della Legge delle Marche n. 9/2006 "Testo Unico delle norme regionali in materia

Dettagli

SUAP SUAP FELTRINO INCONTRO OPERATIVO INFORMATIVO INFORMATIVO gestito in forma associata per il tramite della Comunità Montana Feltrina

SUAP SUAP FELTRINO INCONTRO OPERATIVO INFORMATIVO INFORMATIVO gestito in forma associata per il tramite della Comunità Montana Feltrina SUAP SUAP FELTRINO INCONTRO OPERATIVO INFORMATIVO INFORMATIVO 27.09.2011 gestito in forma associata per il tramite della Comunità Montana Feltrina ALANO DI PIAVE ARSIE' CESIOMAGGIORE LENTIAI PEDAVENA QUERO

Dettagli

RIMESSA DI VEICOLI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ

RIMESSA DI VEICOLI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ RIMESSA DI VEICOLI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ AL COMUNE DI MERATE P.ZZA EROI, 3 23807 MERATE IL SOTTOSCRITTO Cognome Nome Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F Luogo di nascita:

Dettagli

LA «SEMPLIFICAZIONE» NAZIONALE del D.lgs n. 222/2016 : le novità in EDILIZIA. CONVEGNO di STUDIO LECCE 12 MAGGIO 2017

LA «SEMPLIFICAZIONE» NAZIONALE del D.lgs n. 222/2016 : le novità in EDILIZIA. CONVEGNO di STUDIO LECCE 12 MAGGIO 2017 LA «SEMPLIFICAZIONE» NAZIONALE del D.lgs n. 222/2016 : le novità in EDILIZIA CONVEGNO di STUDIO LECCE 12 MAGGIO 2017 Relatore : prof. Saverio Linguanti studiolinguanti@sav.bs.it & BRESCIA S A V Consulenza

Dettagli

Provincia di Reggio Emilia P.ZZA MATTEOTTI 12 CAP TEL. 0522/ FAX. 0522/684422

Provincia di Reggio Emilia P.ZZA MATTEOTTI 12 CAP TEL. 0522/ FAX. 0522/684422 COMUNE DI BRESCELLO Provincia di Reggio Emilia P.ZZA MATTEOTTI 12 CAP 42041 TEL. 0522/482511 FAX. 0522/684422 Pratica N Prot. Gen. N. Al Responsabile del Servizio Uso ed Assetto del Territorio del COMUNE

Dettagli

I SUAP e la gestione dei nuovi procedimenti di prevenzione incendi

I SUAP e la gestione dei nuovi procedimenti di prevenzione incendi I SUAP e la gestione dei nuovi procedimenti di prevenzione incendi ing. Giampietro BOSCAINO Comando Provinciale Vigili del Fuoco TARANTO Milano 26 ottobre 2011 Il quadro normativo DPR 151/11; DPR 160/10;

Dettagli

Provincia di Cosenza Supporto Tecnico per il potenziamento dei SUAP esistenti e creazione di nuovi SUAP nell ambito del PO Regione Calabria FESR 2007

Provincia di Cosenza Supporto Tecnico per il potenziamento dei SUAP esistenti e creazione di nuovi SUAP nell ambito del PO Regione Calabria FESR 2007 Provincia di Cosenza Supporto Tecnico per il potenziamento dei esistenti e creazione di nuovi nell ambito del PO Regione Calabria FESR 2007 2013 Asse VII Sistemi Produttivi Azione 4.4 Linea di intervento

Dettagli

IL NUOVO SUAP (SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE) 9 risposte per semplificare la vita all Impresa

IL NUOVO SUAP (SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE) 9 risposte per semplificare la vita all Impresa IL NUOVO SUAP (SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE) 9 risposte per semplificare la vita all Impresa 1. COSA CAMBIA? IERI D.P.R. 20 ottobre 1998, n. 447 OGGI D.P.R. 7 settembre 2010, n. 160 Il SUAP

Dettagli

Al SUAP dei comuni di Montedoro *

Al SUAP dei comuni di Montedoro * ATTIVITA DI ESTETISTA/ACCONCIATORE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E PRODUTTIVO SUAP dell unione dei comuni di Montedoro INIZIO ATTIVITÀ - SUBINGRESSO TRASFERIMENTO

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.)

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Agenzie di viaggio e turismo: DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 - Apertura nuova Agenzia di viaggi Allo Sportello Unico Servizi Produttivi

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.)

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Agenzie di viaggio e turismo: DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 - Apertura nuova Agenzia di viaggi Allo Sportello Unico per le attività

Dettagli

Città di Accadia. Servizio Integrato Attività Economiche SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DI ATTIVITA (S.C.I.A.)

Città di Accadia. Servizio Integrato Attività Economiche SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DI ATTIVITA (S.C.I.A.) Città di Accadia Servizio Integrato Attività Economiche SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DI ATTIVITA (S.C.I.A.) ATTIVITA DI RIMESSA DI VEICOLI (D.P.R. 19 dicembre 2001, n. 480) Cognome. Nome.. Tel. n....

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività S.C.I.A. (Art.19, Legge 241/90 e ss.m.e ii. art.5 D.P.R 7 settembre 2010, n.160 ) SEZIONE 1 SCIA

Segnalazione Certificata di Inizio Attività S.C.I.A. (Art.19, Legge 241/90 e ss.m.e ii. art.5 D.P.R 7 settembre 2010, n.160 ) SEZIONE 1 SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività S.C.I.A. (Art.19, Legge 241/90 e ss.m.e ii. art.5 D.P.R 7 settembre 2010, n.160 ) Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di Arenzano SEZIONE

Dettagli

Legge 30 luglio 2010 n Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA)

Legge 30 luglio 2010 n Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) Legge 30 luglio 2010 n. 122 Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) Circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 3637/C del 10 agosto 2010 Impatto sulle procedure di avvio di alcune attività

Dettagli

ESERCIZI DI ESTETISTA

ESERCIZI DI ESTETISTA ESERCIZI DI ESTETISTA Allegato A alla determinazione del Responsabile del Servizio Demografico e Attività Economiche e Produttive n. del DOCUMENTAZIONE PER APERTURA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA'

Dettagli

RICHIESTA DI ATTIVAZIONE PROCEDURA SUAP

RICHIESTA DI ATTIVAZIONE PROCEDURA SUAP Comune di CORROPOLI (Provincia di Teramo) DOMANDA UNICA DI ATTIVAZIONE DEL PROCEDIMENTO SUAP MARCA DA BOLLO (1): (RIPORTARE IL NUMERO IDENTIFICATIVO) RICHIESTA DI ATTIVAZIONE PROCEDURA SUAP per l inoltro

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA ATTIVITA DI ACCONCIATORE - ESTETISTA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA ATTIVITA DI ACCONCIATORE - ESTETISTA ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE ROSANDRA DEI COMUNI DI MUGGIA E SAN DORLIGO DELLA VALLE OBČINA DOLINA Copia della presente segnalazione certificata di inizio attività, munita dell avvenuta presentazione,

Dettagli

Attività Produttive. Attività artigianali Discipline bio-naturali. Descrizione

Attività Produttive. Attività artigianali Discipline bio-naturali. Descrizione Attività Produttive Attività artigianali Discipline bio-naturali Descrizione Le prestazioni afferenti l attività degli operatori in discipline bio-naturali consistono in attività e pratiche che hanno per

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA ESERCIZI DI VICINATO DOCUMENTI PER CAMBIO RAGIONE SOCIALE E LEGALE RAPPRESENTANTE E ALTRE VARIAZIONI SOCIETARIE

COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA ESERCIZI DI VICINATO DOCUMENTI PER CAMBIO RAGIONE SOCIALE E LEGALE RAPPRESENTANTE E ALTRE VARIAZIONI SOCIETARIE COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA ESERCIZI DI VICINATO DOCUMENTI PER CAMBIO RAGIONE SOCIALE E LEGALE RAPPRESENTANTE E ALTRE VARIAZIONI SOCIETARIE art. 65 - Esercizi di vicinato Decreto Legislativo 26.03.2010,

Dettagli

il sottoscritto nato a ( ) il residente a Via/Piazza Codice fiscale Cittadinanza

il sottoscritto nato a ( ) il residente a Via/Piazza Codice fiscale Cittadinanza ZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ ( SCIA ) (Art. 19 legge n. 241/1990 e successive modifiche) relativa a: [] ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE [] ATTIVITÀ DI ESTETISTA [] Inizio attività [] Subingresso [] Trasferimento

Dettagli

La nuova SCIA: il D.lgs. 126/ SCIA1 e il D.lgs. 222/ SCIA2

La nuova SCIA: il D.lgs. 126/ SCIA1 e il D.lgs. 222/ SCIA2 Seminario L attuazione delle misure di semplificazione La nuova SCIA: il D.lgs. 126/2016 - SCIA1 e il D.lgs. 222/2016 - SCIA2 a cura di Riccardo Roccasalva Napoli, 3 maggio 2018 Camera di Commercio di

Dettagli

Attività artigianali, produttive, industriali e dei servizi alla persona Deposito merci

Attività artigianali, produttive, industriali e dei servizi alla persona Deposito merci Attività artigianali, produttive, industriali e dei servizi alla persona Deposito merci Descrizione Costituisce esercizio dell attività di deposito merci per conto terzi l attività di custodia e conservazione

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ ( SCIA ) (Art. 19 legge n. 241/1990 e successive modifiche)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ ( SCIA ) (Art. 19 legge n. 241/1990 e successive modifiche) ZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ ( SCIA ) (Art. 19 legge n. 241/1990 e successive modifiche) ATTIVITÀ DI PANIFICAZIONE (art.4 D.L.223/2006 come convertito dalla L.248/2006) [] Inizio attività [] Subingresso

Dettagli

Attività Produttive. Alberghi e altre attività ricettive Esercizi di affittacamere. Descrizione

Attività Produttive. Alberghi e altre attività ricettive Esercizi di affittacamere. Descrizione Attività Produttive Alberghi e altre attività ricettive Esercizi di affittacamere Descrizione Sono esercizi di affittacamerele strutture composte da non più di sei camere con una capacità ricettiva non

Dettagli

Relatore: Il Comandante Ing. Agatino Carrolo

Relatore: Il Comandante Ing. Agatino Carrolo COMANDO PROVINCIALE DEI VIGILI DEL FUOCO DI TREVISO Relatore: Il Comandante Ing. Agatino Carrolo Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma dell'articolo

Dettagli

Attività Produttive. Altre attività Trasporto cose per conto proprio o per conto terzi. Descrizione

Attività Produttive. Altre attività Trasporto cose per conto proprio o per conto terzi. Descrizione Attività Produttive Altre attività Trasporto cose per conto proprio o per conto terzi Descrizione Esercita l attività di autotrasporto merci colui che trasporta su strada o a mezzo di autoveicoli cose

Dettagli

ATTIVITA DI ESTETISTA - TATUATORE - APPLICATORE DI PIERCING SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA)

ATTIVITA DI ESTETISTA - TATUATORE - APPLICATORE DI PIERCING SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ATTIVITA DI ESTETISTA - TATUATORE - APPLICATORE DI PIERCING SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) INIZIO ATTIVITÀ - SUBINGRESSO TRASFERIMENTO DI SEDE VARIAZIONI

Dettagli

ATTIVITA DI ESTETISTA - TATUATORE - APPLICATORE DI PIERCING SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA)

ATTIVITA DI ESTETISTA - TATUATORE - APPLICATORE DI PIERCING SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ATTIVITA DI ESTETISTA - TATUATORE - APPLICATORE DI PIERCING SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) INIZIO ATTIVITÀ - SUBINGRESSO TRASFERIMENTO DI SEDE VARIAZIONI

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI Al Signor Presidente Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della provincia di Reggio Emilia Via Martiri di Cervarolo, 74, 42122 Reggio Emilia Oggetto: competenza professionale

Dettagli

Al Comune di SANTA ELISABETTA

Al Comune di SANTA ELISABETTA ATTIVITÀ DI VENDITA DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI COMUNICAZIONE Al Comune di SANTA ELISABETTA Ai sensi del D.Lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (art. 4), come modificato dall art. 27, comma 1, del D.L. 09/02/2012,

Dettagli