Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1

2

3

4 1.1

5 1.2

6 1.2.1

7

8 1.2.2

9

10

11 2.3

12 2.3.1

13 2.3.2 o o o

14

15 3.1

16 2 In sede giurisprudenziale (ordinanza del Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli, 26 giugno 2007) è stato chiaramente affermato che un Modello è carente se [..] non vi è alcuna indicazione sulla professionalità richiesta ai membri del OdV. In particolare non è richiesto che i medesimi abbiano precipue competenze di attività ispettiva, consulenziale ovvero la conoscenza di tecniche specifiche, idonee a garantire l'efficacia dei poteri di controllo e del potere propositivo adesso demandati [..].

17 3 Cfr. ordinanza del Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli, 26 giugno 2007.

18 3.2

19

20 3.3

21

22

23 3.4

24

25 3.6.2

26

27

28 4.2

29 5.1

30 5.2

31

32 o o o o o o o o

33

34 5.3

35

36 5.4

37 5.5

38

39

40

41 buso di informazioni privilegiate ccesso abusivo ad un sistema informatico o telematico Detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici o telematici ggiotaggio Concussione Contraffazione, alterazione o uso di marchi o segni distintivi ovvero di brevetti, modelli e disegni Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi Corruzione in atti giudiziari Corruzione propria o impropria/istigazione alla corruzione Danneggiamento di informazioni, dati, programmi informatici e sistemi informatici o telematici Delitti con finalità di terrorismo o di eversione dell'ordine democratico Delitti in materia di violazione del diritto d'autore Diffusione di apparecchiature, dispositivi o programmi informatici diretti a danneggiare o interrompere un sistema informatico o telematico Fabbricazione e commercio di beni realizzati usurpando titoli di proprietà industriale False comunicazioni sociali, anche in danno di soci e/o creditori Falsità in documento informatico Falsità in monete, in carte di pubblico credito ed in valori bollati Falso in prospetto Formazione fittizia del capitale Frode informatica Frode informatica del soggetto che presta servizi di certificazione elettronica Frode nell'esercizio del commercio Frodi contro le industrie nazionali Illecita concorrenza con minaccia o violenza Illecita influenza sull assemblea Illecite operazioni sulle azioni o quote sociali o della società controllante Illegale ripartizione degli utili e delle riserve Impedito controllo Funzione/rea Referente Revisione Interna Deloitte ERS P P P Risk Management Compliance GDP Sara Pasero P P P P P P P P P P Direttore Generale Silvia Maria Rovere P P P P P P P P P P P P P P Direzione Operativa Oronzo Perrini P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P Legale Societario Chiara Budetta P P P P P P P P P P P Organizzazione e ffari Generali & IT nna rtigiani P P P P P P P P P P P P P P P mministrazione e Finanza Oronzo Perrini (Responsabile) nna Muragas (ddetto) P P P P P P P P P P P P P P P P P P P Pianificazione Controllo di Gestione Oronzo Perrini P P P P P P P P P P P P P P Fabrizio Ravicino Direzione Fondi Immobiliari P P P P P P P P P P P P P Fund Manager Stefano di Noia P P P P P P P P P P P P P Unità Tecnica Real Estate Michela Vycpalek sset Manager Luca Consiglio P P P P P P P P P P Real Estate sset Management SGR S.p.. Pag. 1/2 Vista per reato

42 Indebita percezione di erogazioni ai danni dello Stato Indebita restituzione dei conferimenti Induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all'autorità giudiziaria Intercettazione, impedimento o interruzione illecita di comunicazioni informatiche o telematiche Installazione di apparecchiature atte ad intercettare, impedire od interrompere comunicazioni informatiche o telematiche Malversazione ai danni dello Stato Manipolazione del Mercato Omicidio colposo o lesioni gravi o gravissime commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro Omessa comunicazione del conflitto di interessi Operazioni in pregiudizio dei creditori Ostacolo all esercizio delle funzioni delle utorità pubbliche di vigilanza Ricettazione Riciclaggio Impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Turbata libertà dell'industria e del commercio Truffa aggravata ai danni dello Stato Truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche Vendita di prodotti industriali con segni mendaci Funzione/rea Referente Revisione Interna Deloitte ERS P P Risk Management Compliance Direttore Generale Direzione Operativa Legale Societario Organizzazione e ffari Generali & IT mministrazione e Finanza Pianificazione Controllo di Gestione GDP Sara Pasero Silvia Maria Rovere Oronzo Perrini Chiara Budetta nna rtigiani Oronzo Perrini (Responsabile) nna Muragas (ddetto) Oronzo Perrini P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P Direzione Fondi Immobiliari Fund Manager Unità Tecnica Real Estate Fabrizio Ravicino Stefano di Noia Michela Vycpalek P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P P sset Manager Luca Consiglio P P P P P P P P P P Real Estate sset Management SGR S.p.. Pag. 2/2 Vista per reato

43 004Nota su llegato 2 nalisi SCI v7 SGR: REM SGR Valutazione del Sistema dei Controlli Interni Cod ttività Sensibile Strutture coinvolte Descrizione presidio Esistente Tipologia presidio Valutazione presidio Suggerimento Il Codice Etico indica le regole di comportamento generali cui il personale della SGR deve attenersi nell esercizio delle rispettive cariche e funzioni e nell esclusivo interesse degli investitori. Regole comportamentali Sistema delle deleghe: l attribuzione delle deleghe all interno della SGR è formalizzata e indica con chiarezza i soggetti delegati e i poteri assegnati. Il DG è delegato a rappresentare la SGR, anche in nome e per conto dei fondi gestiti, dinanzi agli Organi di Vigilanza nonché a rendere ai medesimi tutte le dichiarazioni e comunicazioni necessarie. Tutte le altre strutture coinvolte si attengono al rispetto delle deleghe presentando al DG qualsiasi documento prima che lo stesso venga inoltrato alle utorità di Vigilanza, salvo i casi in cui, in virtù di apposite mansioni conferite, provvedano direttamente all'invio agli Organi di Vigilanza. Sistema delle deleghe 1. Gestione di comunicazioni e/o adempimenti nei confronti di utorità pubbliche di Vigilanza. Direttore Generale Direzione Operativa mministrazione e Finanza Compliance Revisione Interna Risk Management Procedure formalizzate I Il presidio rilevato nella definizione del Sistema delle deleghe è adeguato ma non sufficiente a coprire i rischi / reato associati all'attività sensibile. L'esercizio dei poteri di delega, infatti, deve essere accompagnato da regole interne formalizzate che definiscano i rapporti con gli altri soggetti coinvolti nella attività oggetto di analisi. In particolare si rileva che la gestione degli adempimenti nei confronti delle utorità Pubbliche di Vigilanza non è formalizzata in alcun protocollo interno. Si suggerisce a tal proposito di adottare opportuni protocolli nell'ambito dei quali prevedere: ruoli e responsabilità per la comunicazione degli adempimenti verso l'utorità di Vigilanza, qualora non gestiti direttamente dal DG; l'archiviazione della documentazione trasmessa alle utorità; le modalità di gestione di eventuali rilievi. Sarebbe opportuno inoltre che la SGR si dotasse di uno scadenziario riepilogativo degli adempimenti informativi previsti nei confronti degli Organismi di Vigilanza, delle tempistiche di effettuazione e dell'ufficio responsabile della Comunicazione. Il Codice Etico indica le regole di comportamento generali cui il personale della SGR deve attenersi in relazione ai rapporti da intrattenere in caso di ispezioni da parte di utorità Pubbliche di Vigilanza. Regole comportamentali 1.B Ispezioni, verifiche o accertamenti da parte di utorità pubbliche di Vigilanza Direttore Generale Direzione Operativa Direzione Fondi Immobiliari mministrazione e Finanza Legale Societario Compliance Pianificazione e Controllo di gestione Organizzazione e ffari Generali e IT Revisione Interna Risk Management Sistema delle deleghe: Secondo quanto previsto dalle Deleghe interne, Il DG è reponsabile di rappresentare la SGR, anche in nome e per conto dei fondi gestiti, dinanzi a qualsiasi Ente Pubblico o privato, ufficio o utorità mministrativa Statale, provinciale o comunale, dinanzi agli Organi di Vigilanza o qualsiasi altra utorità, commissione o Istituto, sia in Italia che all'estero, rendendo le comunicazioni e le dichiarazioni necessarie e compiendo tutti gli atti e operazioni occorrenti per ottenere il rilascio di concessioni, licenze e permessi ed atti autorizzativi in genere, registrazioni o certificati nonchè per concludere convenzioni o accordi di ogni tipo. Sistema delle deleghe Procedure formalizzate I Il presidio rilevato nella definizione del Sistema delle deleghe è adeguato ma non sufficiente a coprire i rischi / reato associati all'attività sensibile. L'esercizio dei poteri di delega, infatti, deve essere accompagnato da regole interne formalizzate che definiscano i rapporti con gli altri soggetti coinvolti nella attività oggetto di analisi. Si suggerisce a tal proposito di adottare opportuni protocolli nell'ambito dei quali prevedere: ruoli e responsabilità dei soggetti coinvolti in eventuali verifiche, ispezioni e/o accertamenti nonchè i controlli sulla correttezza, completezza e integrità sulle informazioni da fornire alle utorità Pubbliche di Vigilanza; la tracciabilità degli incontri/richieste tenendo un agenda riportante la data, l'oggetto trattato nel contatto con l'utorità che ha effettuato le verifiche/ispezioni, la documentazione/informazioni richieste/rilasciate e l'evidenza di eventuali punti di criticità riscontrati nell'ambito del confronto con i funzionari pubblici; un adeguato reporting verso il Consiglio di mministrazione in merito agli incontri avvenuti ed ai relativi esiti. nalisi dello SCI 1 03/02/2011

44 004Nota su llegato 2 nalisi SCI v7 SGR: REM SGR Valutazione del Sistema dei Controlli Interni Cod ttività Sensibile Strutture coinvolte Descrizione presidio Esistente Tipologia presidio Valutazione presidio Suggerimento Il Codice Etico definisce i criteri generali di condotta cui deve attenersi il personale della SGR nei rapporti con le utorità di Vigilanza. Regole comportamentali 2 1. Conclusione, Direttore Generale stipulazione o Direzione Operativa esecuzione di contratti Direzione Fondi e/o convenzioni con Enti Direttore Generale Gestione di Immobiliari Pubblici, anche Direzione Operativa comunicazioni e/o mministrazione e attraverso la mministrazione adempimenti nei Finanza partecipazione a Finanza confronti di utorità Legale Societario procedure di evidenza Compliance pubbliche di Vigilanza. sset Management pubblica. Revisione Interna Fund Management Risk Management Sistema delle deleghe : Il DG provvede in ogni caso a operare nel rispetto delle deleghe e dei poteri di firma conferiti dal Consiglio di mministrazione di cui alla precedente attività sensibile 1. B Resta inteso che in virtù di particolari rapporti anche il Direttore Operativo detiene appositi poteri di firma e di stipulazione di contratti con controparti eventualemnte pubbliche. tal proposito tutte le altre strutture coinvolte si attengono al rispetto delle deleghe presentando al DG, ovvero al Direttore Operativo, qualsiasi documento per le opportune verifiche. E' previsto inoltre da Statuto che tutti i soggetti delegati assicurino al Cd una rendicontazione periodica circa l'utilizzo delle deleghe ricevute. Procedure: I Rapporti con clienti e fornitori (tra cui potrebbero configurarsi anche Enti Pubblici) sono disciplinati dalle seguenti procedure cui si devono attenere tutti i soggetti della SGR e nelle quali vengono specificate responsabilità, controlli e metodologie operative: procedura PR 04 "la commercilaizzazione e sottoscrizione di quote di fondi immobiliari" con la quale vengono definiti ruoli, responsabilità e controlli propedeutici alla sottoscrizione / commercializzazione delle quote del fondo; Procedura PR09 "utorizzazione di spesa e ciclo passivo della SGR e dei fondi gestiti" che disciplina le modalità di valutazione della reale motivazione della spesa nonché dell idoneità tecnica del bene/servizio acquistato. Sistema delle deleghe Procedure formalizzate P l fine di garantire la massima trasparenza della gestione di operazioni che abbiano come controparte Enti pubblici si suggerisce di adottare appositi protocolli nell'ambito dei quali prevedere: un adeguato reporting al Consiglio di mministrazione in merito agli incontri avvenuti con gli Enti pubblici ed ai relativi esiti; la tracciabilità degli incontri/richieste riscontrati nell'ambito del confronto con i funzionari pubblici per la stipula di convenzioni, anche mediante procedura ad evidenza pubblica; la formalizzazione dei controlli da parte del DG ovvero del Direttore Operativo nei limiti ad esso conferiti dalle deleghe sulla documentazione da presentare agli Enti pubblici e predisposta con il supporto delle altre Funzioni coinvolte. Il Codice Etico prevede le linee di condotta generali cui il personale della SGR deve attenersi nell esercizio delle rispettive cariche e funzioni e nell esclusivo interesse degli investitori. Regole comportamentali 3. Gestione di comunicazioni e/o adempimenti nei confronti di Enti Pubblici diversi dalle utorità di Vigilanza. Direttore Generale Direzione Operativa Direzione Fondi Immobiliari mministrazione e Finanza Legale Societario sset Management Fund Management Sistema delle deleghe: Secondo quanto previsto dalle Deleghe interne, Il DG e il Direttore Operativo nei limiti previsti dalle deleghe sono reponsabili di rappresentare la SGR, anche in nome e per conto dei fondi gestiti, dinanzi a qualsiasi Ente Pubblico o privato, ufficio o utorità mministrativa Statale, Provinciale o Comunale, dinanzi agli Organi di Vigilanza o qualsiasi altra utorità, Commissione o Istituto, sia in Italia che all'estero, rendendo le comunicazioni e le dichiarazioni necessarie e compiendo tutti gli atti e operazioni occorrenti per ottenere il rilascio di concessioni, licenze e permessi ed atti autorizzativi in genere, registrazioni o certificati nonchè per concludere convenzioni o accordi di ogni tipo. Tutte le altre strutture coinvolte si attengono al rispetto delle deleghe presentando al DG /Direttore Operativo qualsiasi documento prima che lo stesso venga inoltrato alle utorità, salvo l'esistenza di specifiche subdeleghe, in virtù delle quali dette strutture provvedano direttamente all'invio all'utorità. E' previsto inoltre da Statuto che tutti i soggetti delegati assicurino al Cd una rendicontazione periodica circa l'utilizzo delle deleghe ricevute. Sistema delle deleghe Procedure formalizzate I Il presidio rilevato nella definizione del Sistema delle deleghe è adeguato ma non sufficiente a coprire i rischi / reato associati all'attività sensibile. L'esercizio dei poteri di delega, infatti, deve essere accompagnato da regole interne formalizzate che definiscano i rapporti con gli altri soggetti coinvolti nella attività oggetto di analisi. Si suggerisce di adottare appositi protocolli nell'ambito dei quali prevedere: i soggetti interni ed esterni alla SGR che in relazione alla propria attività possano entrare in contatto con la Pubblica mministrazione, i Pubblici Ufficiali, ovvero gli incaricati di pubblico servizio in modo che possa essere in qualsiasi momento identificato il referente; l'archiviazione sistematica e tempestiva della documentazione relativa a rapporti con la Pubblica mministrazione, i Pubblici Ufficiali e gli Incaricati di pubblico servizio (corrispondenza, osservazioni, verbali di ispezione etc); specifici controlli gerarchici sulla documentazione da presentare ai fini della conclusione di contratti con Enti Pubblici (e/o ai fini della partecipazione ad una procedura ad evidenza pubblica e/o ai fini del rilascio di autorizzazioni, concessioni, licenze); la verifica del rispetto delle deleghe rilasciate dal Consiglio di mministrazione; la verifica sulla coerenza delle procure verso l'esterno con il sistema delle deleghe. nalisi dello SCI 2 03/02/2011

45 004Nota su llegato 2 nalisi SCI v7 SGR: REM SGR Valutazione del Sistema dei Controlli Interni Cod ttività Sensibile Strutture coinvolte Descrizione presidio Esistente Tipologia presidio Valutazione presidio Suggerimento Il Codice Etico prevede le linee di condotta generali cui il personale della SGR deve attenersi nell esercizio delle rispettive cariche e funzioni e nell esclusivo interesse degli investitori. Regole comportamentali 3.B 1. Direttore Generale Direzione Operativa Direzione Fondi Immobiliari Ispezioni, verifiche o Direttore mministrazione Generale e Gestione accertamenti di da parte di Direzione Finanza Operativa comunicazioni mministrazioni e/o mministrazione Legale Societario e adempimenti Pubbliche. nei Finanza Compliance confronti di utorità Compliance sset Management pubbliche di Vigilanza. Revisione Fund Management Interna Risk Revisione Management Interna Sistema delle deleghe: Secondo quanto previsto dal sistema delle deleghe spetta al Direttore Operativo firmare per conto della società e/o dei fondi fissati bollati e qualsiasi altro documento richiesto dalla normativa fiscale vigente inerente ad operazioni aventi per oggetto titoli, valori e valute. Tutta la documentazione predisposta a cura degli addetti preposti ovvero dei consulenti esterni viene appositamente vistata dal Direttore Operativo. Sistema delle deleghe Procedure formalizzate I Il presidio rilevato nella definizione del Sistema delle deleghe è adeguato ma non sufficiente a coprire i rischi / reato associati all'attività sensibile. L'esercizio dei poteri di delega, infatti, deve essere accompagnato da regole interne formalizzate che definiscano i rapporti con gli altri soggetti coinvolti nella attività oggetto di analisi. tal proposito si suggerisce di adottare appositi protocolli nei quali prevedere: ruoli e responsabilità dei soggetti coinvolti in eventuali verifiche, ispezioni e/o accertamenti nonchè i controlli sulla correttezza, completezza e integrità sulle informazioni da fornire alle mministrazioni Pubbliche; la tracciabilità degli incontri/richieste tenendo un agenda riportante la data, l'oggetto trattato nel contatto con l'mministrazione Pubblica che ha effettuato le verifiche/ispezioni, la documentazione/informazioni richieste/rilasciate e l'evidenza di eventuali punti di criticità riscontrati nell'ambito del confronto con i funzionari pubblici; un adeguato reporting verso il Consiglio di mministrazione in merito agli incontri avvenuti ed ai relativi esiti. Il Codice Etico prevede regole di comportamento generali cui il personale della SGR deve attenersi nell esercizio delle rispettive cariche e funzioni e nell esclusivo interesse degli investitori. Regole comportamentali 4. mministrazione e Gestione di adempimenti Finanza fiscali Sistema delle Deleghe: secondo quando disposto dall'attuale articolazione delle Deleghe è compito del Direttore Generale, sottoscrivere, presentare, dichiarazioni fiscali, ricorsi, opposizioni, istanze, memorie, documenti di ogni tipo in materia di imposte, tasse, tributi, contributi. Seppur nella prassi si sia osservato che gli adempimenti in materia fiscale sono seguiti principalmente dal Direttore Operativo (che si avvale di consulenti esterni) quest'ultimo si attiene al rispetto delle deleghe presentando al DG la documentazione fiscale per opportuna verifica. Sistema delle deleghe Procedure formalizzate I Il presidio rilevato nella definizione del Sistema delle deleghe è adeguato ma non sufficiente a coprire i rischi / reato associati all'attività sensibile. L'esercizio dei poteri di delega, infatti, deve essere accompagnato da regole interne formalizzate che definiscano i rapporti con gli altri soggetti coinvolti nella attività oggetto di analisi. Si suggerisce a tal proposito di adottare opportuni protocolli nell'ambito dei quali prevedere: la tracciabilità dei dati e delle informazioni utilizzati per le dichiarazioni fiscali; i soggetti coinvolti (compresi consulenti esterni) nella predisposizione di adempimenti fiscali nonchè i controlli sulle bozze delle modulistiche prodotte. nalisi dello SCI 3 03/02/2011

46 004Nota su llegato 2 nalisi SCI v7 SGR: REM SGR Valutazione del Sistema dei Controlli Interni Cod ttività Sensibile Strutture coinvolte Descrizione presidio Esistente Tipologia presidio Valutazione presidio Suggerimento Il Codice Etico prevede le linee di condotta generali cui il personale della SGR deve attenersi nell esercizio delle rispettive cariche e funzioni e nell esclusivo interesse degli investitori. Regole comportamentali 4.B 1. Ispezioni, verifiche o accertamenti da parte dell'mministrazione Tributaria e/o della Polizia Tributaria Gestione di comunicazioni e/o adempimenti nei confronti di utorità pubbliche di Vigilanza. Direttore Generale Direzione Operativa mministrazione e Finanza Revisione Interna Direttore Generale Direzione Operativa mministrazione e Finanza Compliance Revisione Interna Risk Management Sistema delle deleghe: In base alla attuale articolazione delle Deleghe il DG rappresenta la SGR, anche in nome e per conto dei fondi gestiti, in tutti i rapporti con l'amministrazione tributaria e finanziaria, centrale e periferica, sottoscrivendo e presentando dichiarazioni fiscali, ricorsi, opposizioni, istanze, documenti di ogni tipo in materia di imposte tasse e tributi. Tutte le strutture coinvolte si attengono al rispetto delle deleghe presentando al DG qualsiasi documento prima che lo stesso venga inoltrato alle utorità Competenti. E' previsto inoltre da Statuto che tutti i soggetti delegati assicurino al Cd una rendicontazione periodica circa l'utilizzo delle deleghe ricevute. Il Codice Etico prevede le linee di condotta generali cui il personale della SGR deve attenersi nell esercizio delle rispettive cariche e funzioni e nell esclusivo interesse degli investitori. Sistema delle deleghe Procedure formalizzate Regole comportamentali I Riferimento al suggerimento di cui alle attività sensibili cod. 1.B e 3.B 5 Gestione dei rapporti con Enti Pubblici in occasione di rilascio di autorizzazioni, concessioni, licenze. Direttore Generale Direzione Fondi Immobiliari Fund Management sset Management Sistema delle deleghe: Secondo quanto previsto dalle Deleghe interne, Il DG è responsabile di rappresentare la SGR, anche in nome e per conto dei fondi gestiti, dinanzia a qualsiasi Ente Pubblico o privato, ufficio o utorità mministrativa Statale, provinciale o comunale, dinanzi agli Organi di Vigilanza o qualsiasi altra utorità, commissione o Istituto, sia in Italia che all'estero, rendendo le comunicazioni e le dichiarazioni necessarie e compiendo tutti gli atti e operazioni occorrenti per ottenere il rilascio di concessioni, licenze e permessi ed atti autorizzativi in genere, registrazioni o certificati nonchè per concludere convenzioni o accordi di ogni tipo. Tutte le altre strutture coinvolte si attengono al rispetto delle deleghe presentando al DG qualsiasi documento prima che lo stesso venga inoltrato alle utorità, salvo i casi in cui, in virtù di apposite autorizzazioni conferite, provvedano direttamente all'invio all'utorità. Il Responsabile OGI è il soggetto delegato per richiedere il certificato antimafia presso la CC.I E' previsto inoltre da Statuto che tutti i soggetti delegati assicurino al Cd una rendicontazione periodica circa l'utilizzo delle deleghe ricevute. Sistema delle deleghe Procedure formalizzate I Riferimento al suggerimento di cui all'attività sensibile cod. 3. nalisi dello SCI 4 03/02/2011

47 004Nota su llegato 2 nalisi SCI v7 SGR: REM SGR Valutazione del Sistema dei Controlli Interni Cod ttività Sensibile Strutture coinvolte Descrizione presidio Esistente Tipologia presidio Valutazione presidio Suggerimento Il Codice Etico indica le linee di condotta basate su principi di indipendenza e oggettività quali elementi fondamentali cui i selezionatori devono attenersi in fase di selezione e gestione del personale. Regole comportamentali Gestione di comunicazioni e/o adempimenti nei confronti di utorità Gestione di adempimenti pubbliche in materia di di Vigilanza. assunzione o cessazione del rapporto di lavoro, retribuzioni, ritenute e contributi previdenziali ed assistenziali dei dipendenti e dei collaboratori della SGR. Direttore Generale Direzione Operativa mministrazione Direttore Generale e Finanza Direzione Operativa Compliance Direzione Fondi Revisione Immobiliari Interna Risk mministrazione Management e Finanza Compliance Pianificazione e Controllo di gestione sset Management Fund Management Organizzazione e ffari Generali e IT Sistema delle Deleghe: rientra tra le mansioni affidate al DG quella di proporre al Cd l assunzione di personale direttivo e non direttivo e procedere ad assunzioni con contratti a termine ovvero di somministrazione di lavoro nel rispetto dei budget approvati ed in conformità con i poteri delegati mentre il direttore Operativo da esecuzione alle procedure stabilite dagli organi competenti per l'assunzione del personale dipendente. Con riferimento agli adempimenti nei confronti della Pubblica mministrazione, il DG firma l'apertura della posizione di ciascun dipendente presso l'inps. L'attività di gestione quotidiana del personale è demandata ad un consulente del lavoro esterno. Tutte le altre strutture coinvolte sia nella fase di selezione del personale, che eventualemente nella gestione di adempimenti (compresi consulenti esterni) si attengono al rispetto delle deleghe presentando al DG qualsiasi documento necessario per la predisposizione degli adempimenti. l DG spetta rappresentare la Società in ogni rapporto con gli enti previdenziali, assistenziali, infortunistici ed assicurativi e gli uffici e le agenzie del lavoro e di collocamento, sottoscrivendo istanze, denuncie, ricorsi, dichiarazioni, richieste, con espressa facoltà di transigere e conciliare. Spetta al Direttore Operativo compiere presso gli enti assicurativi, previdenziali ed assistenziali tutte le pratiche inerenti i rapporti di lavoro. E' previsto inoltre da Statuto che tutti i soggetti delegati assicurino al Cd una rendicontazione periodica circa l'utilizzo delle deleghe ricevute. Sistema delle deleghe Procedure formalizzate I Il presidio rilevato nella definizione del Sistema delle deleghe è adeguato ma non sufficiente a coprire i rischi / reato associati all'attività sensibile. L'esercizio dei poteri di delega, infatti, deve essere accompagnato da regole interne formalizzate che definiscano i rapporti con gli altri soggetti coinvolti nella attività oggetto di analisi. Si suggerisce di adottare oppportuni protocolli nell'ambito dei quali prevedere: l'iter autorizzativo che conduce dalla rilevazione della necessità di assunzione sino all'approvazione da parte del Cd su proposta del DG; le modalità di selezione dei candidati; le pratiche connesse all'avvio del rapporto di lavoro (adempimenti Inail, Inps, etc), nonchè i requisiti per la regolarizzazione amministrativa dei neo assunti con il caricamento dei dati nei sistemi informativi; le modalità di rilevazione delle presenze, della gestione delle paghe e della gestione del personale dimissionario. 6.B Ispezioni, verifiche o accertamenti da parte delle utorità competenti in materia di assunzione o cessazione del rapporto di lavoro, retribuzioni, ritenute e contributi previdenziali ed assistenziali dei dipendenti e dei collaboratori della SGR. Direttore Generale Revisione Interna Organizzazione e ffari Generali e IT Riferimento alla descrizione di cui all'attività sensibile 3.B Riferimento alla descrizione di cui all'attività sensibile 3.B Riferimento alla descrizione di cui all'attività sensibile 3.B Regole comportamentali Sistema delle deleghe Procedure formalizzate I Riferimento al suggerimento di cui all'attività sensibile 3.B 8 Richiesta/erogazione di contributi, sovvenzioni o finanziamenti pubblici in favore di terzi della SGR e/o svolgimento di compiti di gestione amministrativo/ contabile dei medesimi contributi e/o di rendicontazione nei confronti degli Enti concedenti. Direttore Generale Direzione Operativa Direzione Fondi Immobiliari mministrazione e Finanza Legale Societario Pianificazione e Controllo di gestione sset Management Fund Management Riferimento alla descrizione di cui all'attività sensibile 2 Riferimento alla descrizione di cui all'attività sensibile 2 Riferimento alla descrizione di cui all'attività sensibile 2 Regole comportamentali Sistema delle deleghe Procedure formalizzate I Riferimento al suggerimento di cui all'attività sensibile 2 nalisi dello SCI 5 03/02/2011

48 004Nota su llegato 2 nalisi SCI v7 SGR: REM SGR Valutazione del Sistema dei Controlli Interni Cod ttività Sensibile Strutture coinvolte Descrizione presidio Esistente Tipologia presidio Valutazione presidio Suggerimento Il Codice Etico prevede indicazioni esplicite in merito alla condotta che deve tenere il personale coinvolto nella redazione di bilanci, prospetti e documenti analoghi. Nei loro comportamenti i dipendenti e i collaboratori sono obbligati ad astenersi da qualsiasi atto, attivo od omissivo, che violi direttamente o indirettamente i principi di cui al comma precedente oppure le procedure interne che attengono alla formazione dei documenti contabili e alla loro rappresentazione all esterno". Regole comportamentali Gestione di comunicazioni e/o adempimenti Predisposizione nei del confronti progetto di di bilancio utorità di pubbliche esercizio/consolidato di Vigilanza. e della Relazione semestrale/trimestrale. Direttore Generale Direzione Operativa mministrazione Direzione Fondi e Finanza Immobiliari Compliance mministrazione e Revisione Finanza Interna Risk Pianificazione Management e Controllo di gestione sset Management Fund Management Sistema delle deleghe: Il Direttore Operativo è responsabile per la predisposizione di tutte le situazioni contabili ed i rendiconti relativi alla SGR ed ai fondi gestiti. Inoltre sovraintende agli adempimenti amministrativi / contabili previsti da leggi e regolamenti provvedendo ad una puntuale reportistica al DG e CD Dalla intervista si è appreso che pur non esistendo una procedura di contabilità formalizzata il Direttore Operativo in qualità di responsabile dell' rea mministrazione e Finanza provvede a: verificare che i criteri di valutazione utilizzati per la predisposizione del bilancio siano allineati alla normativa; assicurare la corretta compilazione degli schemi di bilancio; assicurare la correttezza e completezza: degli importi rappresentati nei prospetti di sintesi, del Rendiconto Finanziario, della Relazione sulla Gestione; della Nota Integrativa; verificare il tempestivo invio del bilancio all'organo di vigilanza. Sistema delle deleghe Procedure formalizzate I Si suggerisce di completare l'insieme dei presidi rilevati con appositi protocolli che prevedano: la diffusione al personale coinvolto delle norme che definiscono con chiarezza i principi contabili da adottare per la definizione delle informazioni e dei dati sulla situazione economica patrimoniale e finanziaria; le tempistiche e le modalità attraverso cui procedere alle chiusure annuali ed infrannuali (per i relativi documenti contabili societari) e la documentazione da fornire alla Funzione preposta alla predisposizione dei documenti di cui sopra; l'adeguamento del sistema informatico utilizzato per la trasmissione di dati e informazioni in modo da garantire la registrazione dei singoli passaggi relativi all elaborazione di tutti i dati e le informazioni finanziarie e l'identificazione dei soggetti che inseriscono i dati nel sistema; il monitoraggio sulle modifiche apportate ai dati contabili; ogni modifica può essere effettuata solo dalla Struttura/Unità organizzativa che li ha generati; la tracciabilità delle modifiche con precisa indicazione dell'ambito decisionale e della competenza operativa in cui tali modifiche sono poste in essere; la conservazione del fascicolo di bilancio e degli altri documenti contabili societari: la SGR adotta regole formalizzate che identificano ruoli e responsabilità, relativamente alla tenuta, conservazione e aggiornamento del fascicolo di bilancio. Riferimento alla descrizione di cui all'attività sensibile 9. Riferimento alla descrizione di cui all'attività sensibile 9. Regole comportamentali Sistema delle deleghe 9.B Gestione della contabilità generale: produzione di dati di contabilità analitica o imputazione di scritture massive. Organizzazione e ffari Generali e IT Direzione Operativa mministrazione e Finanza Pianificazione e Controllo di gestione Riferimento alla descrizione di cui all'attività sensibile 9. Procedure formalizzate I Rispetto a quanto già delineato con riferimento al suggerimento 9. si suggerisce di prevedere all'interno dei protocolli: quali dati e notizie devono essere forniti alla mministrazione; nonché quali controlli devono essere svolti su elementi forniti dall mministrazione e da validare. l obbligo per il Responsabile di funzione che fornisce dati ed informazioni relative al bilancio o ad altre comunicazioni sociali di sottoscrivere una dichiarazione di veridicità e completezza delle informazioni trasmesse; che spetti al Consiglio di mministrazione giustificare con adeguata motivazione la proposta di distribuzione di utili e riserve nel rispetto di quanto previsto dalla legge; che spetti al Consiglio di mministrazione predisporre tutta la documentazione informativa necessaria relativa al processo di elaborazione e approvazione della bozza di bilancio/situazioni infrannuali (con particolare riferimento alla formazione di utili e riserve); che gli acquisiti e le vendite di azioni proprie e/o delle società controllanti siano sottoposti a procedure autorizzative; che le operazioni di riduzione del capitale sociale, fusione e scissione societaria siano disciplinate mediante apposite procedure interne. 9.C Gestione della contabilità generale: lavorazioni finalizzate alla verifica di informazioni o dati o all'azzeramento di conti d'appoggio o transitori. Organizzazione e ffari Generali e IT Direzione Operativa Direzione Fondi Immobiliari mministrazione e Finanza Pianificazione e Controllo di gestione sset Management Fund Management Riferimento alla descrizione di cui all'attività sensibile 9. Riferimento alla descrizione di cui all'attività sensibile 9. Riferimento alla descrizione di cui all'attività sensibile 9. Regole comportamentali Sistema delle deleghe Procedure formalizzate I Riferimento al suggerimento di cui alle attività sensibili cod. 9. e 9. B nalisi dello SCI 6 03/02/2011

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI Realizzazione di programmi di formazione e di servizi a favore del personale finanziati con contributi pubblici Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Corruzione pubblica 1 Truffa in danno

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001:

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001: MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 ADECCO ITALIA S.P.A. - ELENCO DEI REATI 231 - Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione

Dettagli

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di Pag. di NUMERO EDIZIONE DATA MOTIVAZIONE 6/09/204 Adozione ALLEGATO Mappa dei rischi ALLEGATO Mappa dei rischi elaborata sulla

Dettagli

MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01

MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01 LAURO CANTIERI VALSESIA S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01 Premessa Ai fini dell efficace predisposizione di un Modello Organizzativo,

Dettagli

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto);

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); APPENDICE 1 REATI ED ILLECITI (Generale)* I II Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); Reati informatici e trattamento illecito di dati (art. 24 bis del

Dettagli

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 Studio Porcaro Commercialisti Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa dipendente da reato delle persone giuridiche Studio Porcaro Commercialisti

Dettagli

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38)

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38) FAQ sul MOG 1. Che cos è il D. Lgs. 231/2001? Il D. Lgs. 231/2001 entrato in vigore il 4 luglio 2001, individua le disposizioni normative concernenti la disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015

Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015 Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015 PREMESSA: per compilare le tabelle che seguono sono stati inizialmente presi in considerazione tutti i reati previsti dal D.lgs.

Dettagli

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI 1 GESTIONE DEI FINANZIAMENTI Documento redatto da: Reparto Funzione Nome Firma Data Organismo di Vigilanza Organismo di Vigilanza Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 13 maggio 2010 2 INDICE

Dettagli

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari PARTE SPECIALE 2 Reati Societari INDICE PARTE SPECIALE 2 Teksid S.p.A. 1. Le fattispecie dei reati societari (art. 23 ter del D.Lgs. 231/2001)...3 2. Funzione della Parte Speciale - 2 -...6 3. Processi

Dettagli

RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI ex D.lgs. 231/01

RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI ex D.lgs. 231/01 RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI ex D.lgs. 231/01 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO Allegato II MANUALE DEI RISCHI E DEI CONTROLLI INDICE PREMESSA... 3 1. UNITÀ ORGANIZZATIVE AZIENDALI...

Dettagli

Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2. Relazione di sintesi

Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2. Relazione di sintesi Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2 Relazione di sintesi Marzo 2013 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 3 1.2. METODOLOGIA...

Dettagli

G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto

G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto G T O N I O L O I m p i a n t i e L a v o r i E d i l i S o c. C o o p C o d i c e E t i c o P a g i n a 1 G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto 00 02/04/2010 Prima

Dettagli

BDO S.p.A. REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA. ai sensi del Decreto Legislativo 231/01

BDO S.p.A. REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA. ai sensi del Decreto Legislativo 231/01 REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA ai sensi del Decreto Legislativo 231/01 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 27 settembre 2013 Art 1. Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE

RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE D&D srl offre servizi di consulenza per la responsabilità d impresa (D. Lgs. n. 231/01) e la privacy agli Enti, alle PMI e alle

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012

AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012 ucci UTILIZZO DI FINANZIAMENTI INAIL SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA, MODELLI 231 SEMPLIFICATI PER LA PREVENZIONE DEI REATI SULLA SICUREZZA AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012 AGENDA Il Bando

Dettagli

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili Meda Pharma SpA - Allegato A al Modello Organizzativo Reato non rilevante Reato rilevante Articolo D.Lgs Fattispecie iilecito amministrativo Anno introduzione Reato Articolo 23 D. Lgs. Inosservanza delle

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

Piano Anticorruzione It.City S.p.A.

Piano Anticorruzione It.City S.p.A. Piano Anticorruzione It.City S.p.A. 2014 2016 Indice Premessa... 2 Organizzazione... 4 Referenti... 5 Compiti operativi dei Referenti... 7 Aree di rischio... 8 I Controlli... 9 La Trasparenza... 10 Codice

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI

INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI RHRG00 INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI Rev. 01 2014.10.20 Pagine 10 Pagina 1 RHRG00 REVISIONE 01 INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI RAVENNA HOLDING S.P.A. Via Trieste, 90/A - 48122 Ravenna

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO INCARICHI DI CONSULENZE ESTERNE SI RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO INCARICHI DI CONSULENZE ESTERNE SI RENDE NOTO AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO INCARICHI DI CONSULENZE ESTERNE SI RENDE NOTO che è indetta una procedura di valutazione comparativa per il conferimento di consulenze esterne mediante

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 SAEET S.p.A. CODICE ETICO SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 Introduzione SAEET S.p.A. è consapevole che comportamenti non etici nella condotta degli

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 4 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Indice Pag. 2 di 4 I) PARTE GENERALE INTRODUZIONE 1 PRESENTAZIONE

Dettagli

PARTE SPECIALE - 1 - Reati Societari. Reati Fiscali. Reati di Ricettazione e Riciclaggio

PARTE SPECIALE - 1 - Reati Societari. Reati Fiscali. Reati di Ricettazione e Riciclaggio PARTE SPECIALE - 1 - Reati Societari Reati Fiscali Reati di Ricettazione e Riciclaggio 1. Funzione della Parte Speciale - 1 - La presente Parte Speciale si riferisce a comportamenti posti in essere dai

Dettagli

L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione

L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione I modelli organizzativi di prevenzione nelle cooperative e i nuovi reati del D.Lgs. 231/01 L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione Paolo Maestri Unilab Consulenze Aziendali 9 aprile

Dettagli

Comunicazioni sociali

Comunicazioni sociali Protocollo 231/ 07/10/08 1 di 9 Protocollo per la prevenzione dei reati di cui agli artt. 2621 e 2622 c.c False comunicazioni sociali False comunicazioni sociali in danno della società, dei soci o dei

Dettagli

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Corporate Governance La Corporate Governance è l insieme dei processi per indirizzare

Dettagli

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO relativo alla Procedura selettiva n. 238/2014 ai sensi dell art. 125 comma 11 del D.Lgs. n.163/2006 per l affidamento del servizio di consulenza ed assistenza di carattere

Dettagli

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 Cesve Servizi Informatici Bancari S.p.A. Consortile

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 Cesve Servizi Informatici Bancari S.p.A. Consortile Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 Cesve Servizi Informatici Bancari S.p.A. Consortile Doc_Dlgs 231 Modello Organizzativo pag. 1 di 14 v1.0 del 24.04.2012 Sommario 1. Scopo del documento... 3 2. Ambito

Dettagli

Edilstrade Building S.p.A.

Edilstrade Building S.p.A. Codice Etico Edilstrade Building S.p.A. Redatto ai sensi del DLgs 231/2001 1. Codice etico 1.1 Principi generali La Società ha come principio imprescindibile il rispetto delle leggi e regolamenti vigenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL' ORGANISMO VIGILANZA IL PONTE SOC. COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL' ORGANISMO VIGILANZA IL PONTE SOC. COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL' ORGANISMO VIGILANZA IL PONTE SOC. COOPERATIVA SOCIALE ONLUS Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 30 ottobre 2014 Articolo 1: Oggetto 1.1 Il presente regolamento

Dettagli

Manuale di Organizzazione, Gestione e Controllo. ex Decreto Legislativo n. 231/2001

Manuale di Organizzazione, Gestione e Controllo. ex Decreto Legislativo n. 231/2001 Manuale di Organizzazione, Gestione e Controllo ex Decreto Legislativo n. 231/2001 Rev. 0 del 01/02/2011 Indice 1 INTRODUZIONE... 12 2 FINALITÀ... 16 3 MAPPATURA DEI REATI E IDENTIFICAZIONE DEI RISCHI...

Dettagli

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte Stefano Bonetto e Francesco

Dettagli

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project IL MANUALE È AD USO ESCLUSIVO DEI CORSISTI: NE È VIETATA LA RIPRODUZIONE 1 Il D.Lgs. 231/01 Il D.Lgs.

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

LINEE GUIDA PER GLI ORGANISMI DI VIGILANZA

LINEE GUIDA PER GLI ORGANISMI DI VIGILANZA LINEE GUIDA PER GLI ORGANISMI DI VIGILANZA Sommario PREMESSA... 2 1. COMPITI DELL ORGANISMO DI VIGILANZA... 2 1.1 PIANO DI ATTIVITA... 3 1.2 RELAZIONE FINALE... 4 2. PRINCIPALI CARATTERISTICHE DELL ORGANISMO

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ORGANISMO DI VIGILANZA PER L ATTUAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE GALILEO GALILEI CREMA (CR) Nomina componenti OdV edizione dicembre

Dettagli

TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.

TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE B: REATI SOCIETARI Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Allegato al Codice di Condotta del Gruppo Ricoh valevole per Ricoh Italia Srl ai fini del D. Lgs 231/2001

Allegato al Codice di Condotta del Gruppo Ricoh valevole per Ricoh Italia Srl ai fini del D. Lgs 231/2001 Allegato al Codice di Condotta del Gruppo Ricoh valevole per Ricoh Italia Srl ai fini del D. Lgs 231/2001 Allegato al Codice Comportamento Aziendale.docV. 1.1 del 01/07/2013 1 Introduzione Il Codice di

Dettagli

I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.

I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 ( RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA D IMPRESA) La norma

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Delitti informatici e trattamento illecito di dati ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

PROTOCOLLO REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

PROTOCOLLO REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO PROTOCOLLO REATI CONTRO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231 del 2001 GOODYEAR DUNLOP TIRES ITALIA S.P.A. 4 febbraio 2013 2 Documento Protocollo Reati contro la Pubblica

Dettagli

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS 13 febbraio 2013 Ing. Giancarlo Napoli e Dott. Sandro Celli Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Responsabilità amministrativa delle persone

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo

Modello di organizzazione, gestione e controllo Modello di organizzazione, gestione e controllo Decreto legislativo 8 giugno 2001 n. 231 SINTESI principi e regole del sistema del Modello di organizzazione e gestione Le ragioni di adozione del modello

Dettagli

Protocollo di Gestione del Personale

Protocollo di Gestione del Personale Protocollo di Gestione del Personale La funzione Risorse Umane di BancApulia è in parte esternalizzata presso la Capogruppo. BancApulia assicura il controllo e la responsabilità delle attività esternalizzate

Dettagli

Sviluppo Azienda S.r.l.

Sviluppo Azienda S.r.l. La società SVILUPPO AZIENDA S.r.l. Organizzazione, Direzione e Gestione delle Aziende basa la propria competenza e professionalità sull'esperienza ormai consolidata dei propri Soci, Collaboratori e Partner,

Dettagli

Studio in via Romanino 16 25122 Brescia Tel.030.375828 Fax 030.3758279

Studio in via Romanino 16 25122 Brescia Tel.030.375828 Fax 030.3758279 PRESENTAZIONE DELLO STUDIO VOLLONO & ASSOCIATI Lo Studio Vollono & Associati, dottori commercialisti e revisori contabili, è stato fondato nel 1980 dal titolare Dottore Francesco Vollono affiancato poi

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina composizione, funzionamento e procedure dell

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo)

CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo) CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo) 1. REATI SOCIETARI 2. REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 3. REATI SOCIETARI E FALSE COMUNICAZIONI SOCIALI 4. REATI AMBIENTALI

Dettagli

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE... MODELLO ORGANIZZATIVO D. Lgs. 231/2001 Data emissione: Luglio 2006 Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3 I Soggetti...4 I Reati...5 Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...8

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO Articolo 1 Premessa Il presente Regolamento disciplina la costituzione, il funzionamento ed i compiti del comitato per il Controllo Interno (il Comitato

Dettagli

D.Lgs. 231/2001 Novità normative e orientamenti giurisprudenziali. "D.Lgs. n. 231/2001 e la sua applicazione in azienda"

D.Lgs. 231/2001 Novità normative e orientamenti giurisprudenziali. D.Lgs. n. 231/2001 e la sua applicazione in azienda D.Lgs. 231/2001 Novità normative e orientamenti giurisprudenziali "D.Lgs. n. 231/2001 e la sua applicazione in azienda" Il quadro di riferimento L evoluzione normativa e l introduzione di nuove fattispecie

Dettagli

REDIGERE IL MODELLO PER UNA PMI (REALE) UN CASO CONCRETO

REDIGERE IL MODELLO PER UNA PMI (REALE) UN CASO CONCRETO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 REDIGERE IL MODELLO PER UNA PMI (REALE) UN CASO CONCRETO LIONELLO STECCANELLA 1 13 dicembre 2013

Dettagli

2,5 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 4,3 2,5 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 3,58 2,5 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 4,3

2,5 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 4,3 2,5 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 3,58 2,5 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 0,36 4,3 SO.RI. SPA Calcolo probabilità fattori di rischio 1 2 3 4 5 6 7 Calcolo Impatto Elementi di impatto Calcolo Rischio ex ante n. Tipologia di rischio reato reato Attività/processo sensibile correlato Media

Dettagli

ORGANISMO FORENSE DI MEDIAZIONE E ARBITRATO DI URBINO ORDINE DEGLI AVVOCATI DI URBINO STATUTO

ORGANISMO FORENSE DI MEDIAZIONE E ARBITRATO DI URBINO ORDINE DEGLI AVVOCATI DI URBINO STATUTO ORGANISMO FORENSE DI MEDIAZIONE E ARBITRATO DI URBINO ORDINE DEGLI AVVOCATI DI URBINO STATUTO ****** ****** TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Costituzione) Ai sensi dell art.18 del Decreto Legislativo

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Unità direttiva Segreteria di Direzione ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE a) assistenza agli organi dell Agenzia b) istruttoria preliminare

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231 del 2001 CODICE ETICO

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231 del 2001 CODICE ETICO CIRES BOLOGNA FERRARA Soc. Coop. Via Scipione Dal Ferro 19/a 40138 BOLOGNA Tel. 051/30.88.79 Fax 051/34.22.42 E-mail: ufficiotecnico@cires-bo.it Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

Organismo di Vigilanza COMMERCIO E FINANZA LEASING E FACTORING MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 231/2001

Organismo di Vigilanza COMMERCIO E FINANZA LEASING E FACTORING MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 231/2001 Organismo di Vigilanza COMMERCIO E FINANZA LEASING E FACTORING MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 231/2001 INDICE Presupposti di esclusione della responsabilità dell ente... 3 1. MODELLO

Dettagli

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE Approvata dal Consiglio di Amministrazione nella riunione del 27 marzo 2006 e successivamente modificata nella

Dettagli

Associazione Comunità IL GABBIANO ONLUS

Associazione Comunità IL GABBIANO ONLUS Associazione Comunità IL GABBIANO ONLUS Sede Legale: Loc.Cascina Castagna, 4-26854 Pieve Fissiraga (LO) Cod.Fisc. 07124640157 Uff. Amministrativi: Via Bonfadini, 11-23100 Sondrio - 0342-200844 Fax 0342-216702

Dettagli

STATUTO "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S." ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n.

STATUTO ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S. ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n. STATUTO "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S." ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n. 460, una Associazione denominata: "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S. o in forma abbreviata

Dettagli

DE LONGHI CLIMA S.P.A.

DE LONGHI CLIMA S.P.A. DE LONGHI CLIMA S.P.A. (che a seguito della quotazione delle proprie azione sul MTA organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. assumerà la denominazione di DeLclima S.p.A.) PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE

Dettagli

Protocollo D.Lgs. 231/2001 n. 11. Gestione ed elaborazione della contabilità e del bilancio di esercizio

Protocollo D.Lgs. 231/2001 n. 11. Gestione ed elaborazione della contabilità e del bilancio di esercizio Pag. 1 di 5 Sommario 2 Scopo e applicabilità... 1 3 Riferimenti... 1 4 Aree interessate... 2 5 Reati potenziali e rischi da presidiare... 2 6 Modalità operative... 2 6.1 Principi di prevenzione... 2 6.2

Dettagli

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA Il CODICE ETICO costituisce parte integrante del MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO adottato ed implementato da I valori e i principi ivi dichiarati rispecchiano

Dettagli

TAVOLI DI LAVORO 231 PROGRAMMA DEI LAVORI. PLENUM Consulting Group S.r.l.

TAVOLI DI LAVORO 231 PROGRAMMA DEI LAVORI. PLENUM Consulting Group S.r.l. TAVOLI DI LAVORO 231 PROGRAMMA DEI LAVORI N. 1559 UNI EN ISO 9001:2008 PLENUM Consulting Group S.r.l. Via San Quintino, 26/A 10121 TORINO -ITALY Tel +39 011 812 47 05 Fax +39 011 812 70 70 E-mail: plenum@plenum.it

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita ELENCO DELLE

Dettagli

Corso di formazione Il ruolo e l adeguatezza dei modelli organizzativi previsti D. Lgs 231/2001. Presentazione

Corso di formazione Il ruolo e l adeguatezza dei modelli organizzativi previsti D. Lgs 231/2001. Presentazione Corso di formazione Il ruolo e l adeguatezza dei modelli organizzativi previsti D. Lgs 231/2001 Presentazione Il decreto legislativo 8 giugno 2001 n. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO LEGALE DI ATENEO (D.R. N. 293 DEL 8 MAGGIO 2013 COME MODIFICATO DAL D.R. N. 43 DEL 26 GENNAIO 2015) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina il

Dettagli

L ORGANISMO DI VIGILANZA

L ORGANISMO DI VIGILANZA PARTE GENERALE MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA DEI RISCHI AZIENDALI. SEZIONE TERZA L ORGANISMO DI VIGILANZA PREMESSA. DP&V affida il compito di vigilare sul Modello di Risk Management ad un Organismo di

Dettagli

Genova, 20 gennaio 2015

Genova, 20 gennaio 2015 Genova, 20 gennaio 2015 Approfondimenti sulle società di capitali: modelli di governance, sistemi di controllo, quote e azioni, diritti particolari, operazioni su azioni proprie Sede di svolgimento Ordine

Dettagli

CODICEETICO EDICONDOTTA

CODICEETICO EDICONDOTTA CODICEETICO EDICONDOTTA Dicembre2013 CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO ALMAVIVA ARTICOLO 1 - PREMESSA Il presente Codice Etico e di Condotta (Codice) definisce i principi etici di riferimento e le

Dettagli

PARTE SPECIALE B DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI

PARTE SPECIALE B DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI PARTE SPECIALE B DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI INDICE B.1 DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENARALI DI COMPORTAMENTO... 3 B.2 AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI

Dettagli

TABELLA B AFFIDABILITÀ ECONOMICA E FINANZIARIA

TABELLA B AFFIDABILITÀ ECONOMICA E FINANZIARIA TABELLA B AFFIDABILITÀ ECONOMICA E FINANZIARIA B1) Esistenza di bilancio di esercizio certificato B1.1) Riclassificazione dei bilanci degli ultimi 3 anni, secondo il prospetto predisposto dalla Regione

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI Testo approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 26 ottobre 2011 Art. 1 Disposizioni preliminari 1.1 Il presente regolamento interno

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELLA FEDERAZIONE ACI

REGOLAMENTO INTERNO DELLA FEDERAZIONE ACI REGOLAMENTO INTERNO DELLA FEDERAZIONE ACI TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Ferme restando le vigenti norme statutarie, regolamentari ed organizzative, il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001

CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 Approvato dal CdA 15 dicembre 2010 INDICE 1. I PRINCIPI DI TORRICELLI S.R.L.... 5 1.1 Principi generali... 5 1.2 Selezione, gestione e formazione delle risorse

Dettagli

Regolamento provvisorio e sperimentale avente ad oggetto l istituzione, presso Sviluppo Campania spa, di un Albo Fornitori.

Regolamento provvisorio e sperimentale avente ad oggetto l istituzione, presso Sviluppo Campania spa, di un Albo Fornitori. Provvedimento dell Amministratore Delegato Prot.n. 590 del 10 aprile 2015 Regolamento provvisorio e sperimentale avente ad oggetto l istituzione, presso Sviluppo Campania spa, di un Albo Fornitori. Art.1

Dettagli

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013 INTERNAL AUDIT Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013 Roma, Novembre 2013 2 Premesse Il presente documento risponde all esigenza di dare adeguata informazione al vertice aziendale sulle attività svolte

Dettagli

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5 Sommario PREMESSA... 2 CAPO I... 3 DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Ambito di applicazione e Destinatari 3 Art. 2 - Principi generali... 3 Art. 3 - Comunicazione... 3 Art. 4 - Responsabilità... 3 Art.

Dettagli

Manuale di Gestione. Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil.

Manuale di Gestione. Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil. Manuale di Gestione Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil. Provincia di Milano Area Sistema produttivo, Lavoro e Welfare Settore Sviluppo Economico Via Soderini, 24 20146 Milano Sommario

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE SETA SPA PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Aggiornamento n. 1 del 5 febbraio 2016. 1 PREMESSA Il presente documento costituisce l aggiornamento n. 1 del Piano di Prevenzione della Corruzione (d ora

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO

Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO INDICE INTRODUZIONE... 1 I. PRINCIPI GENERALI... 2 II. COMPORTAMENTO nella GESTIONE degli AFFARI... 3 A) Rapporti con i clienti.... 3 B) Rapporti con i fornitori....

Dettagli

i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni

i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni A. SVILUPPO STORICO: NORMA COMUNITARIA LA IV a DIRETTIVA 25/7/1978 N. 78/660 Art. 1 Art. 11 Art. 51 comma 1: Art. 51 comma 2: i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni in cosa consiste

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. 231/01

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. 231/01 MODELLO ORGANIZZATIVO 231 Pagina 1 di 16 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. 231/01 Documento: MOG Modello organizzativo di gestione e controllo Approvato da: AU Rosa Fidanzia

Dettagli

Codice Etico Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 15 marzo 2011

Codice Etico Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 15 marzo 2011 Codice Etico Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 15 marzo 2011 INDICE 1 Premessa...3 1.1 Destinatari... 3 1.2 Missione aziendale e principi etici generali... 3 1.3 Contenuti

Dettagli

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo Dlgs D.lgs. 231/01 Responsabilità amministrativa delle società e Modelli di organizzazione, gestione e controllo 1 D.lgs. 231/2001: introduce 2 grandi novità per l ordinamento italiano (Necessità di allinearsi

Dettagli

- I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it

- I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it La Corporate Governance nelle recenti best practices - I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it 27 Febbraio 2012 1 INTRODUZIONE Con il D. Lgs. 231/2001, il legislatore

Dettagli