Università Cattolica del S. Cuore LABORATORIO DI ANALISI MONETARIA OSSERVATORIO MONETARIO. n. 3/2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università Cattolica del S. Cuore LABORATORIO DI ANALISI MONETARIA OSSERVATORIO MONETARIO. n. 3/2010"

Transcript

1 Università Cattolica del S. Cuore LABORATORIO DI ANALISI MONETARIA OSSERVATORIO MONETARIO n. 3/2010 Autori del presente rapporto sono: Fabio Malanchini, Giampietro Pizzo, Filippo Vettorato, Massimo Vita. Direzione e coordinamento: Marco Lossani. Segreteria: Nicoletta Vaccaro. Il rapporto è stato redatto sulla base delle informazioni disponibili al 9 novembre Laboratorio di Analisi Monetaria: Via Necchi, Milano - tel ; ; Associazione per lo Sviluppo degli Studi di Banca e Borsa: Sede: presso Università Cattolica del Sacro Cuore Milano, Largo A. Gemelli n. 1 Segreteria: presso Banca Popolare Commercio e Industria Milano, Via Moscova, 33 tel

2 Comitato Scientifico del Laboratorio di Analisi Monetaria: Proff. M. LOSSANI (responsabile), A. BAGLIONI, A. BANFI, D. DELLI GATTI P. GIARDA, P. RANCI, G. VACIAGO, G. VERGA

3 INDICE SINTESI pag. I INTRODUZIONE pag. 1 1 MICROFINANZA E INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA pag Introduzione Intermediazione finanziaria, microfinanza e problemi di asimmetria informativa Il sistema finanziario nei PVS: finanza informale e mercati formali L esclusione finanziaria Storia della microfinanza La microfinanza oggi 10 2 STRUMENTI E MODELLI D INTERVENTO Il target Gli attori della microfinanza Le metodologie di credito 25 3 LA SITUAZIONE ATTUALE Commercializzazione e crescita Da microcredito a microfinanza: il risparmio e i nuovi prodotti Performance sociale e impatto La rivoluzione tecnologica 42 4 LA MICROFINANZA IN EUROPA La situazione attuale Buone pratiche. ADIE: l importanza della rete territoriale Buone pratiche. Il social lending 50 5 IL CASO ITALIANO Il contesto e le caratteristiche della domanda Stima della domanda nel settore della microfinanza Il ruolo del sistema finanziario formale Il settore della microfinanza: evoluzione e caratteristiche Il quadro legale Una valutazione del settore e ruolo potenziale delle banche Buone pratiche. PerMicro SpA: il microcredito commerciale alla prova Buone pratiche. Fondo per il Microcredito della Regione Lazio: l importanza della rete territoriale 89

4

5 I SINTESI Questo numero di Osservatorio monetario viene interamente dedicato all analisi delle implicazioni derivanti dallo sviluppo della microfinanza. Il primo capitolo descrive le ragioni del successo e della progressiva diffusione della microfinanza nel mondo. La microfinanza nasce nei paesi in via di sviluppo come strumento di valorizzazione delle capacità economiche e finanziarie di vaste fasce di popolazione, tradizionalmente considerate incapaci di generare autonomamente un sostanziale miglioramento del loro tenore di vita. La microfinanza ha dimostrato come attraverso l utilizzo di nuove metodologie di valutazione del merito creditizio, la gestione mirata del ciclo di credito e l offerta di prodotti finanziari specifici sia possibile contenere le conseguenze negative generate dalle asimmetrie informative, causa prima dell esclusione finanziaria. La micro finanza può essere oggi considerata un settore maturo, caratterizzato da una progressiva integrazione nei sistemi finanziari locali ed internazionali che ha saputo sviluppare un offerta estremamente composita di servizi che vanno dal credito ai prodotti di risparmio e assicurativi, ai servizi di money transfer e di branchless banking. Il secondo capitolo è dedicato all analisi degli strumenti e dei modelli d intervento adottati dal settore della micro finanza per raggiungere i propri obiettivi. La diversificazione dei servizi offerti ha portato ad un progressivo ampliamento del target, non più coincidente con i soli poveri. La microfinanza oggi assume un ruolo essenziale in quanto strumento utile per realizzare l inclusione finanziaria di soggetti considerati in passato non bancabili quali: le micro e piccole imprese, i migranti e le loro famiglie d origine, i cittadini che per ragioni geografiche non hanno punti di accesso ai servizi bancari. Ognuna di queste categorie è oggi servita da una complessa varietà di attori, appartenenti sia alla cosiddetta finanza informale che alla più tradizionale finanza formale, già integrata nel sistema sia dal punto di vista giuridico che da quello regolatorio. Le metodologie di azione - nell ambito dei servizi di credito - adottate dai diversi attori per raggiungere in maniera efficace il target group possono essere ricomprese in due grandi categorie a loro volta declinate in una serie di varianti dipendenti dal contesto d intervento e dalla specificità di carattere socio economico della clientela servita. Si parla di credito individuale in riferimento a quelle metodologie che prevedono l erogazione del credito a singoli soggetti. I crediti sono in questo caso garantiti attraverso garanzie reali o personali. Per contro i crediti di gruppo prevedono l erogazione dei prestiti attraverso un gruppo (Peer Lending), in cui sono i membri del gruppo stesso a garantire la restituzione del prestito. In questa seconda categoria giocano un ruolo di rilievo la metodologia del solidarity group - sviluppata con diverse caratteristiche da Grameen Bank e da ACCION International - e le organizzazioni basate sulle comunità, quali ad esempio le banche villaggio e le CVECA. Il terzo capitolo analizza le principali linee di sviluppo del settore e i risultati raggiunti a livello mondiale. A fronte di una domanda di servizi di credito di almeno 250 miliardi di dollari, il settore ha oggi raggiunto un tasso di penetrazione pari a circa il 20% grazie alle istituzioni di microfinanza (IMF) presenti nei diversi continenti. Queste

6 II presentano diversi gradi di sviluppo e di integrazione con il mercato finanziario convenzionale. Oggi solo il 2-3% delle IMF sono mature ed economicamente sostenibili e circa il 7-8% stanno raggiungendo tale obiettivo. L entrata di investitori privati e la progressiva commercializzazione delle attività del settore sono tra i cambiamenti più importanti nel panorama della microfinanza mondiale. La necessità di attrarre investitori privati e la conseguente ricerca della sostenibilità finanziaria ha contribuito a far sì che, in alcuni casi, la missione sociale venisse messa in secondo piano innescando in alcuni casi fenomeni molto marcati di mission drift. Il quarto capitolo esamina la situazione del settore in ambito europeo. In modo per certi versi paradossale la micro finanza in Europa presenta un grado di sviluppo inferiore rispetto a quanto riscontrato nei paesi in via di sviluppo. Le IMF che operano in Europa sono infatti relativamente giovani e gestiscono un portafoglio di crediti esiguo se paragonato alle omologhe asiatiche o latinoamericane. Questo elemento, unito ai tassi di interesse applicati sui crediti particolarmente contenuti e all elevato costo di gestione del ciclo di credito - dovuto agli elevati costi di istruttoria, di accompagnamento e monitoraggio dei clienti - impatta significativamente sul livello medio di sostenibilità economica del settore. Per tale ragione, le IMF europee sono spesso sostenute dalla erogazione di fondi pubblici per la copertura di parte dei costi operativi - come avviene ad esempio nel caso della francese ADIE, uno dei rari esempi europei di programma di microfinanza a dimensione nazionale. Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di servizi di microfinanza è espressa prevalentemente da individui o famiglie a basso reddito e micro e piccole imprese, categorie spesso colpite da una diffusa esclusione finanziaria. In talune circostanze sono presenti anche consistenti sacche di esclusione bancaria, come nel caso degli immigrati. Tra gli attori coinvolti nella fornitura di servizi a fasce di popolazione escluse finanziariamente troviamo le banche e le reti di confidi. Il ruolo di tali soggetti raramente si traduce in un offerta mirata ed autonoma a favore del target dei non bancabili, nonostante gli spazi per un intervento più massiccio - soprattutto nell ambito del migrant banking - siano amplissimi. Più spesso le banche partecipano in veste di partner finanziari in programmi di microfinanza che coinvolgono anche enti pubblici e soggetti privati non-profit che mettono a disposizione fondi di garanzia (che spesso annullano il rischio di credito per gli istituti bancari) e la rete territoriale per lo svolgimento delle attività di pre-istruttoria delle pratiche di credito e accompagnamento e tutoraggio dei clienti. Le Istituzioni di Microfinanza (IMF) oggi esistenti in Italia comprendono diverse tipologie di enti (cooperative, fondazioni, associazioni, istituzioni finanziarie non bancarie, ecc.), che svolgono come prima e principale attività il microcredito. Possono essere identificate tre sottocategorie. La prima è costituita da IMF completamente sviluppate, registrate sotto la legge bancaria come intermediari finanziari (ex TUB art. 106). Le IMF all interno di questa categoria sono le sole istituzioni comparabili alle IMF attive nei Paesi in via di sviluppo. A Febbraio 2009, esistevano nel nostro paese solo due IMF di questo tipo: Microcredito di Solidarietà e PerMicro. Queste IMF, che puntano molto sull innovazione e l efficienza,

7 hanno un obiettivo di sostenibilità di mediolungo termine. La seconda categoria è composta dalle MAG (Mutua AutoGestione). Queste assumono diversa forma legale, ma condividono una storia comune e valori etici alla base della loro missione e visione. La terza categoria comprende la più ampia porzione di IMF italiane. Queste istituzioni assumono la forma di associazioni non profit o fondazioni, classificate come ONLUS (Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale). Le loro attività riguardano l analisi preliminare del prestito e la sua gestione. I prestiti vengono quindi erogati dalle banche, con cui hanno un accordo. In generale il settore in Italia è molto giovane ed ha iniziato a svilupparsi solo dopo gli anni Come nel caso europeo, anche le IMF italiane sono caratterizzate da una dimensione del portafoglio crediti e tassi di interesse insufficienti ad assicurare la sostenibilità economica. Anche dal punto di vista organizzativo-gestionale e dei principali indicatori di performance si tratta di soggetti nella maggior parte dei casi ancora lontani dagli standard internazionali. III

8

9 1 INTRODUZIONE Secondo le ultime previsioni del Fondo Monetario Internazionale la ripresa è destinata temporaneamente a indebolirsi, in conseguenza delle difficoltà in cui ancora oggi si dibattono molte delle economie avanzate. Solo un processo di duplice ribilanciamento volto a ridare vigore alla domanda interna privata e a rilanciare la domanda estera (almeno all interno delle economie gravate da deficit nelle partite correnti) può consentire di rendere più robusta una fase congiunturale che nelle economie più ricche rimane fragile e rischia di condizionare negativamente anche la dinamica delle economie emergenti, ancora fortemente dipendenti dalla performance delle esportazioni realizzate verso le aree a più alto reddito. Il combinato disposto di incertezza e fragilità ha fatto si che per la prima volta dopo molti anni il processo di riduzione della povertà abbia conosciuto una battuta d arresto. Secondo le più recenti stime della Banca Mondiale i poveri intesi come persone che dispongono di meno di 1,25 Dollari al giorno per sopravvivere sarebbero cresciuti di più di 60 milioni di unità nel corso del La comparsa di nuove sacche di povertà all interno dell economia mondiale non ha tuttavia arrestato la tendenza a contrastare il fenomeno dell esclusione finanziaria, che caratterizza ancora oggi l esistenza di oltre 2,7 miliardi di persone in conseguenza dello scarso livello di reddito di cui dispongono, del basso grado di sviluppo economico dei sistemi in cui operano e della scarsa accessibilità a una ampia gamma di servizi finanziari. Le ultime statistiche (relative all anno 2009) mostrano infatti come nonostante la profonda recessione allora in atto, su scala pressoché mondiale l accesso a una lunga serie di servizi finanziari (non solo di natura informale) sia aumentato per un numero consistente di soggetti. Dietro questo risultato vi sono gli sforzi - intrapresi sin dagli anni 70 in svariate realtà in via di sviluppo ed emergenti (come Bangladesh e Indonesia) - miranti a realizzare su più ampia scala una condizione di inclusione finanziaria che potesse favorire la crescita dei redditi individuali, attenuando al tempo stesso fenomeni di esclusione sociale. All attività originariamente svolta nel settore del microcredito sviluppata mediante la concessione di prestiti di entità minima, erogati utilizzando delle tecniche per quei tempi rivoluzionarie (come l ormai famoso group lending di Grammen Bank) si è andata nel tempo affiancando una serie di iniziative aventi la finalità di ampliare la gamma di servizi finanziari erogati a vantaggio di soggetti che ne sarebbero rimasti altrimenti esclusi. Si è così realizzato in tempi relativamente brevi un risultato per certi versi straordinario, soprattutto considerando le condizioni iniziali in cui in alcuni contesti si è avviato lo sviluppo delle attività di micro finanza. Delle 560 milioni di famiglie che attualmente nel mondo vivono ancora al di sotto della soglia di povertà, quasi il 20% si è ormai affrancato dalla condizione di esclusione finanziaria. Una situazione sensibilmente migliore rispetto a quella esistente ancora dieci anni orsono favorita anche dalla diffusione di nuove tecnologie che hanno consentito di incrementare fortemente il numero di persone raggiungibili dall offerta di servizi finanziari e che segnala come la stretta coincidenza tra povertà ed esclusione finanziaria non sia più necessariamente vera.

10 I 2 Se nel mondo emergente e in via di sviluppo la microfinanza ha ormai acquisito le caratteristiche tipiche di un settore maturo, altrettanto non si può dire con riferimento alla condizione raggiunta dalle Istituzioni di Micro Finanza (IMF) all interno delle economie più avanzate. L azione di contrasto condotta nei confronti dell esclusione finanziaria costituisce un fatto relativamente recente all interno dell Europa Continentale, e in modo particolare in Italia ove attualmente operano con uno status giuridico comparabile a quello delle IMF attive da tempo nei Paesi in via di sviluppo solo due istituzioni. Un segnale evidente di quanto spazio vi sia ancora nel nostro paese per sviluppare le attività di microfinanza e contrastare l esclusione finanziaria.

11 3 1. MICROFINANZA E INTERME- DIAZIONE FINANZIARIA 1.1 Introduzione Le esperienze di microcredito e microfinanza avviate ormai da qualche decennio in molti paesi del Sud del mondo ma anche in contesti poveri di paesi del Nord stanno contribuendo in modo spesso decisivo alla realizzazione di un processo di sviluppo sostenibile. La microfinanza, nella sua varietà di esperienze, consente, tra gli altri, di evidenziare due aspetti: la valorizzazione delle risorse e capacità nascoste, disperse o male utilizzate (in particolare imprenditoriali) nelle realtà povere e il passaggio dalla centralità del progetto alla centralità della costruzione di istituzioni locali sostenibili e durature (dal project focus all institution building ) 1. La microfinanza si è sviluppata da ormai una trentina d anni a partire da esperienze pionieristiche in alcuni paesi del Sud del mondo (Bangladesh, Bolivia, Indonesia in primo luogo). Il microcredito, cioè il credito ai poveri, e la microfinanza, cioè un più ampio complesso di servizi finanziari a vantaggio della popolazione povera, sono stati praticati seguendo percorsi e modalità diverse, ma con una visione di fondo comune: favorire l accesso al credito e ai servizi finanziari da parte di coloro che oggi ne sono esclusi, far emergere le attività economiche dei più poveri; formare i microimprenditori alla gestione del capitale di debito e battere strade nuove nella gestione del rischio di credito. 2 Tra le maggiori scoperte che sono state raggiunte mediante lo svolgimento di attività di microcredito e di microfinanza, occorre sottolineare la presenza e la diffusione tra i poveri di veri e propri giacimenti di 1 Hirschman, A.O., Come complicare l economia, Il Mulino, Hulme, D. e Mosley, P., Finance Against Poverty, Routledge, London and New York 1996 imprenditorialità e di impreviste capacità di risparmiare e investire, sia pur con modalità a volte inconsuete. Nelle microimprese dei poveri, e nelle piccole e medie imprese che in alcuni contesti ne costituiscono l evoluzione, non mancano rilevanti capacità tecnologiche, acquisite essenzialmente con modalità di tipo learning by doing 3. Tutti questi elementi diventano decisivi per promuovere processi di sviluppo dove il protagonismo dei soggetti locali e la sostenibilità nel tempo siano caratteristiche centrali e non accessorie. 1.2 Intermediazione finanziaria, microfinanza e problemi di asimmetria informativa Per certi versi, la necessità di microfinanza è in qualche modo sorprendente. Una delle prime lezioni impartite nell ambito di un corso di introduzione all economia, riguarda il principio di rendimenti marginali decrescenti, secondo cui quanto più un impresa investe, tanto più output si aspetta di produrre, benché ogni unità addizionale di capitale porti guadagni incrementali marginali sempre minori. Le dimensioni del rendimento marginale del capitale determinano la capacità del prestatario di pagare. Pertanto, l imprenditore più povero, vale a dire dotato di un minor stock di capitale, dovrebbe godere di rendimenti marginali del capitale maggiori e quindi disporre di una maggiore abilità di ripagare il prestatore. Su vasta scala, se questo fondamento di economia fosse corretto e sufficiente a interpretare la realtà, gli investitori a livello globale starebbero oggigiorno assumendo un comportamento errato. Anziché investire maggiormente sui mercati di Londra, New York 3 Arrow, K., The Economic Implications of Learning by Doing. Review of Economic Studies, 29, , 1962.

12 4 e Tokyo, gli investitori più esperti dovrebbero indirizzare i loro fondi in India, Kenya, Bolivia e altri paesi caratterizzati da scarsità di capitale e basso reddito. Il capitale dovrebbe quindi andare dal Nord al Sud del mondo, non in un ottica assistenzialista o di cooperazione allo sviluppo, ma in un ottica di mera ricerca del profitto. Robert Lucas ha stimato l'entità della differenza nei rendimenti attesi in vari paesi, rilevando che in India i prestatari dovrebbero essere disposti a pagare il capitale cinquantotto volte di più rispetto ai prestatari negli Stati Uniti. Proseguendo con questa logica, si potrebbe affermare che, non solo i fondi dovrebbero muoversi da paesi ricchi a paesi più poveri, ma anche che all interno di uno stesso paese gli investimenti dovrebbero spostarsi da ricchi a poveri prestatari (ad esempio, da New Delhi ai villaggi rurali). Il principio dei rendimenti decrescenti del capitale implica che, un semplice calzolaio di strada o una venditrice di fiori con una piccola bancarella, dovrebbero offrire agli investitori maggiori rendimenti che la General Motors o l IBM e che le banche e gli investitori dovrebbero comportarsi di conseguenza. Alla luce di ciò, com è possibile che in pratica le banche e gli investitori finanzino più facilmente grandi imprese piuttosto che semplici venditori ambulanti e che i flussi di capitale si muovano da Sud a Nord? Il punto principale da prendere in considerazione riguarda il rischio. Investire in Kenya o in Bolivia implica un livello di rischio ben maggiore che investire ad esempio in Europa. Lo stesso vale per il calzolaio di strada paragonato alla grande società regolata. La domanda che viene spontanea è: perché il calzolaio di strada e la fioraia non possono offrire agli investitori dei rendimenti così elevati tali da compensare il loro rischio? Secondo alcuni, i poveri possono pagare elevati tassi di interesse per ottenere fondi a prestito, ma le restrizioni sui tassi di interesse imposte dai governi impediscono alle banche di applicare i tassi di interesse necessari per far confluire i capitali da Nord a Sud e dalle città ai villaggi. Se così fosse, la sfida della microfinanza avrebbe a che fare esclusivamente con il quadro regolatorio. Sarebbe necessario convincere i governi a rimuovere le leggi anti-usura e altre restrizioni sulle banche e lasciare che i capitali si dirigano verso regioni/soggetti poveri. Ovviamente tale spiegazione è molto semplicistica. La realtà è molto più interessante e complessa. La rimozione di leggi anti-usura e la libertà concessa alle banche di servire i poveri e coprire i costi, non è l unica risposta. Tassi di interesse elevati possono infatti indebolire le istituzioni riducendo gli incentivi per i prestatari. La considerazione delle asimmetrie informative insieme alla mancanza di garanzie consente di completare il quadro dei motivi per cui i prestatori hanno difficoltà a prestare ai poveri, anche se con rendimenti presumibilmente elevati. Gli elementi fondamentali sono dunque: l asimmetria informativa sofferta dalle banche nei confronti di poveri e la mancanza di questi ultimi nel disporre di garanzie adeguate da offrire alle banche. La microfinanza nasce dalla necessità di trovare alternative al credito tradizionale, proprio perché molti prestatari sono troppo poveri per possedere gli asset necessari per fornire adeguate garanzie e perché le banche difficilmente riescono a raccogliere (in modo efficiente) e a valutare le informazioni relative alla loro clientela. In questo senso, per generazioni, la povertà ha prodotto povertà. La microfinanza può rompere questo circolo vizioso, riducendo i costi di transazione e superando i problemi legati

13 5 all informazione asimmetrica e alla mancanza di adeguate garanzie Il sistema finanziario nei PVS: finanza informale e mercati formali In uno studio del 1990, Hoff e Stiglitz 5 individuano le caratteristiche distintive dei sistemi finanziari dei Paesi in Via di Sviluppo. Il sistema finanziario dei PVS si caratterizza per un forte dualismo: accanto al settore formale, sottoposto al controllo dell autorità statale, prospera un variegato settore informale costituito da moneylenders tradizionali, associazioni autonome di risparmio e credito (come le ROSCA 6 ) e le associazioni di mutuo soccorso. I due sistemi coesistono nonostante i tassi di interesse del mercato informale siano molto più alti di quelli praticati sul mercato formale. Questa situazione si verifica poiché nel mercato formale si manifestano fenomeni di razionamento del credito attraverso l imposizione di massimali ai tassi di interesse. In questo modo, il tasso di interesse non equilibra necessariamente la domanda e l offerta di risorse finanziarie. Il mercato informale, non dovendo sottostare a tali restrizioni, tende invece ad aggiustare il gap esistente tra domanda e offerta. I mercati informali del credito sono altresì caratterizzati da un elevata segmentazione. Ciò comporta che shock sistemici impattino pesantemente sulla disponibilità di credito. Inoltre, il settore informale è caratterizzato da rapporti multi-dimensionali tra gli operatori che 4 Beatriz Armendariz, Jonathan Morduch, The Economics of Microfinance, The MIT Press, Hoff, Karla, Stiglitz, Joseph E, Imperfect Information and Rural Credit Markets-Puzzles and Policy Perspectives, World Bank Economic Review, Oxford University Press, 1990, vol. 4(3), pagg Rotating Savings and Credit Associations vi operano; avviene cioè che la negoziazione di un credito si realizzi tra individui con relazioni sociali e/o economiche pregresse (come rapporti lavorativi o parentali). In questo modo, il nuovo rapporto di credito viene a sovrapporsi ai legami preesistenti, che costituiscono quindi una sorta di garanzia di pagamento, sopperendo in tal modo all asimmetria informativa che caratterizza questo genere di transazioni. Per interpretare le dimensioni e il ruolo assunto dal settore informale nei PVS, sono state inizialmente proposte teorie diverse. Tuttavia, né la teoria del monopolio (che vorrebbe il mercato del credito in mano ai moneylenders tradizionali) né quella della concorrenza perfetta (secondo cui i tassi di interesse del mercato informale servirebbero per coprire i rischi di insolvenza) sono sembrate in grado di spiegare la complessità del fenomeno. Le spiegazioni fornite per illustrare la struttura dei mercati finanziari dei PVS, come ad esempio gli elevati tassi di interesse applicati dai moneylenders, fanno riferimento alle varie fonti di incertezza proprie del mercato del credito in generale, riconducibili alle problematiche dell informazione asimmetrica e dell enforcement dei contratti. L asimmetria informativa si manifesta in generale nella relazione inversa esistente tra il grado di conoscenza del rischio assunto e l esposizione al rischio stesso. Il soggetto richiedente credito è consapevole della propria situazione futura rispetto al soggetto concedente il prestito. Questa asimmetria dà origine a due classi di problemi; ex ante si può verificare un fenomeno di selezione avversa. Le istituzioni non sono in grado di determinare con precisione la diversa rischiosità di clienti che non conoscono, che non tengono contabilità scritta e che spesso non hanno un business plan in grado di descrivere i contenuti e la fattibilità

14 6 dell iniziativa economica da intraprendere. Così, i servizi di credito tenderanno anche ad attrarre potenziali cattivi clienti. Questo comporta un esternalità negativa per i buoni clienti, vale a dire un aumento indiscriminato dei tassi di interesse che dovrebbe servire per coprire il rischio di inadempienza. Proprio in base alla selezione avversa, si potrebbero in parte spiegare gli alti tassi di interesse osservati sui mercati finanziari, specie informali, dei PVS. A questo problema si può ovviare attraverso un attento e difficile screening della clientela potenziale, che permetta di effettuare una selezione positiva. L informazione asimmetrica ex post, invece, può originare fenomeni di moral hazard da parte di clienti già acquisiti. Questi possono, una volta ottenuto il credito, essere indotti a ridurre gli sforzi necessari alla buona riuscita del progetto, ad intraprendere investimenti più rischiosi di quanto convenuto, con effetti potenzialmente negativi sulla capacità di rimborso, arrivando persino a contemplare la possibilità di non restituire di proposito il denaro ricevuto in prestito (default strategico). La presenza di moral hazard richiede un monitoraggio costante e la messa in opera di un sistema di incentivi, al fine di assicurarsi che i clienti mettano in atto quanto è in loro potere per la riuscita dei progetti finanziati. In realtà, il sistema di controllo e valutazione dei progetti è di difficile implementazione a causa degli elevati costi operativi; ciò comporta la gestione di una moltitudine di crediti di piccole dimensioni e dispersi sul territorio. C è inoltre da considerare l impossibilità di affidarsi ai tradizionali strumenti informativi, quali i credit bureau, che consentono di valutare la rischiosità dei potenziali clienti. La maggior parte di questi ultimi, infatti, non compare nelle banche dati, per il fatto di non avere mai avuto relazioni con istituzioni di finanza formale. Inoltre i clienti raramente tengono una contabilità scritta e/o un business plan e il monitoraggio o auditing risulta particolarmente costoso, date le piccole dimensioni dei prestiti (e, proporzionalmente, la maggior incidenza dei costi fissi). In tali contesti, risulteranno pertanto più efficaci sistemi di screening e monitoraggio basati sulla reputazione, la pressione sociale, le relazioni di scambio multiplo, rispetto a sistemi tradizionali documentali e fondati su garanzie fisiche. Accanto ai problemi di selezione avversa, di azzardo morale e di auditing, vi è quello di enforcement, che riguarda i mezzi a disposizione del creditore che si trovi a pretendere il rimborso da un debitore inadempiente. Anche in questo caso, le deficienze dei sistemi giuridici e l incapacità dei clienti di fornire garanzie reali ordinarie, pongono gli operatori formali in difficoltà nel trattare una grossa fetta del mercato finanziario potenziale. Garanzie alternative, terzi garanti, social enforcement possono dimostrarsi efficaci surrogati. Tali elementi spiegano pertanto i motivi per cui i moneylenders tradizionali, in virtù della loro vicinanza fisica e sociale con i clienti a basso reddito, godano di un vantaggio comparato netto nell offrire servizi finanziari rivolti a queste fasce di popolazione. Questo vantaggio comparato spiega in buona parte il dualismo e il funzionamento dei mercati finanziari dei PVS L esclusione finanziaria La severità delle conseguenze dell esclusione finanziaria dipende dal livello di finanziarizzazione della società in cui le persone vivono. È spesso più difficile essere incluso in un paese in cui i servizi bancari sono molto diffusi. Le conseguenze possono essere 7 Gamini Herath, M., Rural Credit Markets and Institutional Reform in Developing Countries: potential and problems, in Saving and Development, pag , 1994.

15 7 paradossali: l esclusione diventa più problematica nei paesi dove più dell 80% delle famiglie possiede un conto corrente. In effetti, nelle società bancarizzate, non aver un conto bancario può significare non poter ricevere i pagamenti regolari come lo stipendio, la pensione e i sussidi pubblici. L esclusione finanziaria, come non avere un conto o un libretto d assegni, potrebbe anche condurre alla stigmatizzazione e all esclusione sociale 8. In sostanza, essere escluso vuol dire avere meno strumenti affidabili a disposizione per poter gestire la vita quotidiana, affrontare i rischi e raccogliere somme più grandi. Per esempio: Il credito, come il risparmio, è uno strumento importante per realizzare la stabilizzazione dei consumi (consumption smoothing), cioè per soddisfare i bisogni di ogni giorno anche quando le entrate non corrispondono alle uscite. Il credito, come il risparmio e l assicurazione, permette di proteggersi contro un evento imprevedibile. Ad esempio, il reddito di un tassista dipende dal funzionamento della propria vettura. In caso di guasto e in assenza di un reddito sufficiente per ripararla il tassista rischia se non ottiene credito di perdere la propria occupazione e quindi il proprio reddito. Il credito, come il risparmio, permette di poter coprire delle spese più consistenti e prevedibili, come l acquisto di una casa o il matrimonio di una figlia. Il credito potrebbe quindi trasformare un circolo vizioso in un circolo potenzialmente virtuoso: reddito basso, credito basso, investimento 8 Gloukoviezoff, G.,De la bancarisation de masse à l exclusion bancaire puis sociale, 03-art02.pdf, basso; più reddito, più credito, più investimento, più reddito. L esclusione dai servizi finanziari formali (assicurativi, di credito o di risparmio) obbliga le persone a ricorrere al settore informale, che può offrire degli strumenti flessibili e accessibili, ma non sempre efficienti né molto affidabili Storia della microfinanza Nel corso dell ultimo decennio, la microfinanza si è rapidamente evoluta ed estesa dal campo relativamente ristretto del credito alla microimprenditoria a un più allargato ambito, che include un ampia gamma di servizi finanziari per i poveri, tra cui depositi, trasferimento di denaro e assicurazione, con l obiettivo ultimo di favorire la costituzione di sistemi finanziari inclusivi. Il fenomeno della microfinanza non costituisce una novità. Piccoli gruppi informali di credito e risparmio esistono da secoli in tutto il mondo. In Italia nel quindicesimo secolo vennero istituiti dalla Chiesa Cattolica - come alternativa agli usurai - i Monti di Pietà, che si diffusero rapidamente in diverse zone urbane europee. I Monti di Pietà non solo sono gli ispiratori della nascita del credito cooperativo e delle banche popolari, ma presentano diverse affinità con il microcredito moderno, tra cui quella di rivolgersi a un target di bisognosi e microattori, ai quali vengono concessi prestiti di piccola entità a fronte di un pegno che veniva venduto all asta in caso di mancato rimborso del credito. Istituzioni formali di credito e risparmio rivolte ai poveri sono state presenti per molte generazioni, offrendo servizi finanziari a chi era tradizionalmente escluso dalle banche commerciali. L Irish Loan Fund, fondato agli 9 Grandinson, M., Paulus, N. e Terreri, F., Le risorse dei poveri. Risparmio, microimprese, microcredito: istruzioni per l uso, Associazione Microfinanza e Sviluppo, 2009.

16 8 inizi del diciottesimo secolo, ne è un esempio importante. L Ottocento si caratterizzò in Europa per la nascita e il moltiplicarsi di istituzioni di credito e di risparmio, sempre più formali, che indirizzarono le loro attività verso i ceti poveri, sia delle zone urbane sia di quelle rurali. Il modello della cooperativa di credito si sviluppò nella seconda metà dell Ottocento in Germania con lo scopo di infrangere la dipendenza nei confronti dei prestatori locali da parte della popolazione rurale migliorando così la loro condizione di vita. Organizzazioni similari si diffusero in Francia, in Quebec e, nel secolo successivo, anche in Irlanda, Italia, Giappone, Stati Uniti, India e Bangladesh. Molte delle cooperative oggi presenti in Africa, America Latina e Asia hanno le proprie radici in queste esperienze europee. Un altro precoce esempio riguarda l indonesiano People s Credit Bank (BPRs) che iniziò a operare a fine Ottocento e che divenne il più grande sistema di microfinanza in Indonesia, con quasi filiali. All inizio del Novecento, numerose varianti di organizzazioni creditizie e di risparmio si andarono sviluppando in America Latina. Tali istituzioni di finanza rurale, avevano come scopo quello di modernizzare il settore agricolo grazie alla raccolta di risparmio, l aumento dell investimento attraverso il credito e la riduzione delle oppressive relazioni feudali imposte dall indebitamento. Nella maggior parte dei casi, queste nuove banche per i poveri non erano controllate dai beneficiari stessi, come in Europa, bensì da agenzie governative o banche private. Con il passare degli anni questo genere di istituzioni divenne man mano sempre più inefficiente e, alle volte, addirittura corrotto 10. Il successo della microfinanza moderna si deve in gran parte allo sforzo di non ripetere, ma di 10 Andreoni, A. e Pelligra, V., Microfinanza: Dare credito alle relazioni, il Mulino, far tesoro degli errori commessi nel recente passato. Durante il ventennio governi e donatori focalizzarono le energie per diffondere il credito agricolo a favore dei piccoli agricoltori indigenti, nella speranza di migliorare la loro attività di produzione e quindi, il loro reddito. Per espandere l accesso al credito furono utilizzate istituzioni finanziarie di sviluppo governative o in alcuni casi cooperative di agricoltori, che venivano fortemente sussidiate, in modo da operare con tassi di interesse inferiori a quelli di mercato e compensarle, allo stesso tempo, per l entrata in mercati considerati rischiosi ed onerosi. Questi schemi di sussidio, raramente ebbero esito positivo. Le banche di sviluppo rurale, applicando tassi di interesse sussidiati, non erano infatti in grado di coprire i costi. Nelle Filippine, ad esempio, si applicava un massimale di interesse pari al 16%, mentre l inflazione si attestava intorno al 20% annuale. I tassi di rimborso dei crediti da parte dei clienti erano inoltre ridotti, dato che i crediti venivano considerati alla stregua di donazioni da parte del governo piuttosto che di prestiti da rimborsare. In conseguenza di ciò, il capitale di queste istituzioni andò via via erodendosi, e in alcuni casi arrivò a completo esaurimento. Cosa ancor più grave, questi finanziamenti non sempre servivano i poveri, ma finivano nelle tasche delle persone più influenti e degli agricoltori più abbienti. Nelle Filippine, a questo stato di cose si aggiunse il fatto che ai risparmiatori veniva riconosciuto il 6% all anno sui depositi, con una perdita secca in termini di potere di acquisto del 14%. In questo esempio specifico, lo schema di credito adottato non solo non fu sostenibile, ma peggiorò le stesse condizioni di redistribuzione del reddito poiché solo una piccola porzione di coltivatori già benestanti, ricevevano un credito a condizioni vantaggiose. Negli anni, molte critiche furono rivolte a questi programmi; essi

17 9 usavano il credito come un input addizionale della produzione agricola, anziché come strumento fungibile di intermediazione finanziaria. Il principale argomento di critica alle banche statali sussidiate risiedeva nel fatto che i sussidi non avevano migliorato in alcun modo le condizioni di vita delle fasce di popolazione più povere. Al contrario, queste banche avevano contribuito a eliminare i prestatori informali, cioè coloro ai quali i ceti più poveri si rivolgevano solitamente per chiedere prestiti. A questo si aggiunga il fatto che il tasso di interesse di mercato operava come meccanismo di razionamento: i soggetti disposti a pagare per il credito erano prevalentemente coloro che avevano progetti di valore. Ma applicando tassi di interesse sussidiati il meccanismo di razionamento veniva meno e il credito non veniva più allocato sulla base della produttività dei progetti, bensì sulla base di meri interessi politici e di condizionamenti sociali. Fu dunque in questo contesto che negli anni 70 si registrò la nascita, o meglio, la rivoluzione del microcredito. In questo periodo alcune istituzioni iniziarono a sperimentare nuove metodologie di prestito per i più poveri. Alcuni programmi in Bangladesh, Brasile e Bolivia iniziarono a prestare a donne povere, principalmente nel settore rurale ed informale. Le radici del microcredito sono dunque più diffuse di quanto normalmente si creda, ma l esempio più noto è indubbiamente quello di Muhammad Yunus e della Grameen Bank. La metodologia di credito adottata fu quella di credito di gruppo, nel quale ogni membro garantisce per il rimborso del credito di tutti gli altri. Oltre a Grameen Bank, altre iniziative pionieristiche furono ACCION International in America Latina, diffusasi poi anche negli Stati Uniti e in Africa; il Self-Employed Women s Association Bank in India, concepita come una banca appartenente a una cooperativa di donne. Si tratta di istituzioni che hanno ispirato in seguito moltissime altre esperienze nel mondo. Durante il decennio successivo, il microcredito migliorò sempre più le proprie metodologie organizzative e creditizie incrinando efficacemente quelli che erano stati sino ad allora i postulati e i pregiudizi negativi nei confronti delle tecniche finanziarie rivolte ai poveri. Innanzitutto la buona gestione di questi programmi dimostrò come i poveri, in particolar modo le donne, fossero in grado di rimborsare i prestiti anche con risultati migliori rispetto a persone più abbienti, con prestiti erogati da banche commerciali. Dimostrarono inoltre che i poveri erano disposti e in grado di pagare tassi di interesse che consentivano alle istituzioni di microfinanza (IMF) di coprire i propri costi. Le IMF che hanno raggiunto la piena sostenibilità economica sono considerate oggi un business redditizio attraendo depositi, prestiti commerciali e investimenti di capitale. Sono in grado di servire un elevato numero di clienti poveri, senza essere limitate dalla scarsità o dall incertezza delle fonti finanziarie basate sui sussidi di governi o donatori. La Bank Rakayat Indonesia (BRI) rappresenta un importante esempio di istituzione di microfinanza che tende a massimizzare l efficienza economica e la performance finanziaria. La BRI, oggi, serve più di 30 milioni di prestatari e risparmiatori a basso reddito. Gli anni 90 furono caratterizzati da un inedita attenzione nei confronti del microcredito, soprattutto tra le agenzie e i network di sviluppo internazionale, che iniziarono a considerare la microfinanza come uno strumento efficace nella lotta alla povertà. La microfinanza iniziò così ad espandersi in molti paesi. Tuttavia, i servizi offerti tendono ancor oggi a concentrarsi in zone urbane o rurali densamente popolate.

18 10 Agli inizi dello stesso decennio il termine microcredito lasciò posto al termine microfinanza, per meglio indicare l inclusione di altri servizi finanziari offerti oltre ai prestiti, come depositi, assicurazioni e trasferimento di denaro. Al fine di aumentare il numero di clienti, le IMF e i loro network hanno iniziato a mettere in atto strategie di commercializzazione, arrivando di fatto a trasformarsi in enti profit in grado di attrarre maggiori capitali e diventare così attori permanenti e forti nello scenario finanziario La microfinanza oggi La microfinanza ha raggiunto traguardi impressionanti negli ultimi trent anni. Ha dimostrato che i poveri sono non solo potenziali clienti ma anche clienti reali. Il settore è stato in grado di sviluppare un elevato numero di istituzioni forti che offrono servizi finanziari a persone indigenti e ha iniziato ad attrarre l interesse degli investitori privati. Nonostante ciò, la strada per estendere l accesso a tutti coloro che necessitano di servizi finanziari è ancora lunga. In particolare sono tre i principali ostacoli che definiscono la frontiera dei servizi finanziari per i poveri: 1. aumentare l offerta di servizi finanziari di qualità per servire un gran numero di persone (scala); 2. raggiungere persone sempre più indigenti e in zone remote (profondità); 3. diminuire i costi sia per i clienti che per i fornitori di servizi finanziari (costi). La soluzione per superare queste sfide non è semplice ma va in ogni modo ricercata attraverso l inclusione dei servizi finanziari per i poveri nel sistema finanziario tradizionale di ogni paese. Il processo di integrazione della microfinanza nel sistema finanziario sta tuttavia già avvenendo. I confini tra finanza tradizionale e sistema finanziario più ampio vanno scomparendo. Le IMF raggiungono con i loro servizi finanziari sempre più poveri, aumentando in tal modo l outreach. Le banche commerciali stanno iniziando a orientare la propria offerta verso fasce di clienti sempre più povere e in passato non contemplate dal loro target. Nonostante l estrema difficoltà nel raccogliere cifre che descrivano l ampiezza del mercato della microfinanza, è stato stimato che circa metà delle famiglie nel mondo non abbiano un conto corrente 12. Trattandosi di una media su scala mondiale, la variazione tra aree geografiche e paesi è notevole: si va da un livello inferiore all 1% di famiglie con conti correnti in Repubblica Democratica del Congo e in Afghanistan a quasi il 100% in Giappone. Se si prendono in considerazione solo i clienti che rientrano nel target della microfinanza - quindi i poveri e le persone a basso reddito - invece, si stimano circa 500 milioni di clienti attivi, rispetto a un mercato potenziale di circa 3 miliardi di persone a basso reddito. A questi dati numerici, occorre aggiungere l analisi della qualità dei servizi offerti, che non può certo definirsi elevata. Si assiste inoltre a un alta concentrazione di clienti sia sul piano geografico che istituzionale. Le banche statali, incluse le Postal Bank, gestiscono circa i ¾ di tutti i conti correnti. L 84% di tutti i conti si trovano in Asia; più della metà nelle sole India e Cina. In termini di istituzioni che offrono servizi di micro finanza, l 83% si trova in Asia, l 8% nei paesi dell area medio-orientale e nord-africana (MENA), il 4% in Africa Sub-Sahariana, il 3% in Europa e Asia Centrale, e il 2% in America Latina. 11 Helms, B., Access for All, CGAP, Financial Access 2010, CGAP.

19 Singoli paesi all interno delle varie regioni mostrano divergenti modelli di crescita. Paesi con economie emergenti come India, Brasile e Sudafrica, costituiranno, con ogni probabilità, un terreno fertile per testare nuove metodologie per raggiungere un elevato numero di poveri. Si tratta di economie caratterizzate da vaste infrastrutture (finanziarie e non) e con maggiori opportunità in termini tecnologici. Gli investitori privati premono per entrare nel mercato. Ad esempio, ICICI Bank sta aprendo in aree rurali più di 2,000 punti dotati di accesso ad internet che forniranno alcuni servizi finanziari via web sul territorio indiano; o Caixa Bank, che sta estendendo i servizi offerti attraverso 14,000 piccoli centri, supermercati, e fornitori locali in Brasile. Alcuni esperti pensano che questi paesi implementeranno direttamente un approccio commerciale su vasta scala raggiungendo milioni di poveri. Paesi come Bolivia, Uganda e Bangladesh, per contro, probabilmente saranno caratterizzati da un altro tipo di crescita del settore. La microfinanza in questi paesi si è già molto sviluppata e presenta persino elevati livelli di saturazione per alcuni tipi di istituzioni e per certi segmenti del mercato. Nonostante ciò, parti rilevanti della popolazione non hanno ancora accesso ai servizi finanziari, soprattutto nelle aree rurali. E probabile che i mercati della microfinanza di questi paesi non crescano al livello delle economie più grandi, ma la loro storia di innovazione potrebbe portare allo sviluppo di nuove tecniche in grado di raggiungere i più poveri e le aree più remote. Altri paesi invece si trovano all inizio della curva di crescita e di conoscenza del settore. Questi paesi, in particolare quelli che si trovano in situazioni di post-conflitto - soprattutto in Africa e in Medio Oriente - potranno beneficiare degli sviluppi raggiunti in altri paesi ed evitare la ripetizione di errori già commessi. 11

20 12 2. STRUMENTI E MODELLI D INTERVENTO 2.1 Il target La diffusione a livello planetario della microfinanza, la conseguente varietà di contesti in cui essa opera e la progressiva sofisticazione dell offerta tendente ad una segmentazione sempre più raffinata del mercato di riferimento, costituiscono degli elementi che riducono la possibilità di fornire una definizione omnicomprensiva del cliente tipo dell industria della microfinanza. In prima approssimazione si può affermare che oggi la microfinanza si rivolge a quelle fasce di popolazione che - seppur economicamente attive - non dispongono di un adeguato accesso a servizi finanziari in grado di migliorarne le condizioni di vita 13. In base a tale definizione il mandato fondamentale affidato alla microfinanza è duplice. In primo luogo, essa non elegge più come target privilegiato la microimpresa. A differenza di quanto avveniva nei decenni precedenti, oggi si è compreso che non tutti i poveri hanno una vocazione imprenditoriale; cionondimeno esprimono bisogni complessi in ambito finanziario che non si esauriscono nel credito per l avvio o lo sviluppo di un attività economica. In secondo luogo, la microfinanza ha assunto un importante ruolo di sviluppo anche verso soggetti che non appartengono a fasce di popolazione particolarmente povere 14 e che tuttavia sono esposte a esclusione da parte del mercato finanziario e per tale ragione non possono partecipare appieno alla vita economica e sociale all interno della comunità di riferimento. Nell ambito della finanza per lo sviluppo si è 13 Brigit Helms, Acccess for All. Building inclusive financial systems, CGAP, 2006, pg Hege Gulli, Microfinance and poverty, Microfinance Unit IADB, 1998, pg. 5 quindi elaborato un progressivo superamento della nozione di microcredito, che coincideva con il prestito ai poveri come strumento privilegiato di emancipazione economica e sociale, per passare al più complesso concetto di microfinanza, categoria all interno della quale rientrano oltre che il prestito per l impresa anche i crediti per finalità sociali, per la casa, il risparmio, i servizi assicurativi, i servizi di gestione delle transazioni finanziarie (money transfer internazionale e locale e branchless banking), il migrant banking e i programmi di inclusione bancaria. A ognuna delle citate categorie corrisponde un cliente tipo differente, con profilo socio-economico e bisogni diversi (TAB. 1). Sembra in ogni caso dimostrato dalla prassi che generalmente la microfinanza non si rivolga ai cosiddetti più poveri tra i poveri o a soggetti che versano in condizioni di povertà estrema quanto piuttosto a fasce di popolazione che economicamente possono essere collocate a cavallo della soglia di povertà, fissata dalla Banca Mondiale a 1,25 dollari statunitensi al giorno 15. TAB. 1: Livello di povertà dei clienti di alcune IMF CARD (Filippine) UWFT (uganda) 4 programmi (Bolivia) BRAC (Bangladesh) Indigenti Trascurabili Trascurabili Trascurabili Trascurabili Estremamente Alcuni Pochi Quasi 40% Poveri nessuno Moderatamente Molti Molti Molti 35% Poveri Vulnerabili non poveri Alcuni Molti molti 25% Fonte: Microfinance and risk management: A client perspective In altre parole la microfinanza oggi assume un ruolo essenziale all interno del mercato 15 Focus CGAP, n : Microfinance and risk management: a client perspective, pg. 2

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di I SINTESI Questo numero di Osservatorio monetario viene interamente dedicato all analisi delle implicazioni derivanti dallo sviluppo della microfinanza. Il primo capitolo descrive le ragioni del successo

Dettagli

1. MICROFINANZA E INTERME- DIAZIONE FINANZIARIA

1. MICROFINANZA E INTERME- DIAZIONE FINANZIARIA 3 1. MICROFINANZA E INTERME- DIAZIONE FINANZIARIA 1.1 Introduzione Le esperienze di microcredito e microfinanza avviate ormai da qualche decennio in molti paesi del Sud del mondo ma anche in contesti poveri

Dettagli

Paola Ciardi Fondazione Un Raggio di Luce Livorno 24 giugno 2010

Paola Ciardi Fondazione Un Raggio di Luce Livorno 24 giugno 2010 Introduzione alla micro finanza: l evoluzione, la potenzialità, i limiti, e l attuale complessità della strumentazione micro finanziaria Paola Ciardi Fondazione Un Raggio di Luce Livorno 24 giugno 2010

Dettagli

Le economie evolute, la micro-finanza e l accesso al credito Spunti di riflessione fra modelli metodologici e opportunità di applicazione

Le economie evolute, la micro-finanza e l accesso al credito Spunti di riflessione fra modelli metodologici e opportunità di applicazione Le economie evolute, la micro-finanza e l accesso al credito Spunti di riflessione fra modelli metodologici e opportunità di applicazione Massimo Carrozzo Roma, 4 maggio 2010 1 Agenda Contesto economico

Dettagli

PROGETTO A.MI.CI. ACCESSO AL MICROCREDITO DEGLI IMMIGRATI

PROGETTO A.MI.CI. ACCESSO AL MICROCREDITO DEGLI IMMIGRATI PROGETTO A.MI.CI. ACCESSO AL MICROCREDITO DEGLI IMMIGRATI Il microcredito: tendenze e prospettive applicative Prof. Leonardo Becchetti Grameen bank: : il caso più noto 1974 Yunus insegna a Chittagong;

Dettagli

Microcredito e Microfinanza: dai paesi in via di sviluppo ai paesi industrializzati. Giuseppe Garofalo

Microcredito e Microfinanza: dai paesi in via di sviluppo ai paesi industrializzati. Giuseppe Garofalo Microcredito e Microfinanza: dai paesi in via di sviluppo ai paesi industrializzati Giuseppe Garofalo Nord e Sud del mondo Secondo i dati dell UNDP (United Nations Development Program), il 20% più ricco

Dettagli

Il Microcredito. Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche

Il Microcredito. Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche Il Microcredito Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche Elisa Di Gloria Corso di Laurea Magistrale in Matematica Facoltà di SMFN Introduzione

Dettagli

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Giulio Tagliavini - Massimo Regalli Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Il microcredito Ma i poveri risparmiano? Si osservi la seguente tabella (ripresa dal sito www.manitese.it) Popolazione

Dettagli

Finanza Etica e microcredito

Finanza Etica e microcredito Finanza Etica e microcredito! Il movimento della finanza etica in Italia nasce alla fine degli anni settanta con la costituzione delle MAG (mutue di autogestione) e si sviluppa fino ai giorni nostri con

Dettagli

4. LA MICROFINANZA IN EUROPA

4. LA MICROFINANZA IN EUROPA 45 4. LA MICROFINANZA IN EUROPA 4.1 La situazione attuale La microfinanza in Europa si sta progressivamente dimostrando uno strumento essenziale delle politiche sociali; un importante mezzo di promozione

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA MICROFINANZA. Lucia Dalla Pellegrina. Università Milano-Bicocca. Corso di Economia Finanziaria M

INTRODUZIONE ALLA MICROFINANZA. Lucia Dalla Pellegrina. Università Milano-Bicocca. Corso di Economia Finanziaria M INTRODUZIONE ALLA MICROFINANZA Lucia Dalla Pellegrina Università Milano-Bicocca Corso di Economia Finanziaria M Ottobre 2014 IL CREDITO NEI PAESI IN VIA DI SVILUPPO (PVS) TRE CANALI: CREDITO BANCARIO CREDITO

Dettagli

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore Un indagine esplorativa condotta dalla Fondazione Giordano Dell Amore e dalla Rete Italia America Latina sulle sfide attuali

Dettagli

Lo studio di fattibilità di un programma di MF

Lo studio di fattibilità di un programma di MF Lo studio di fattibilità di un programma di MF Georgia Bertagna 18 e 19 novembre 2009 L identificazione Fase di IDENTIFICAZIONE le idee per la creazione o variazione del progetto e le azioni necessarie

Dettagli

Microfinanza e microcredito

Microfinanza e microcredito Microfinanza e microcredito Georgia Bertagna 18 e 19 novembre 2009 Dalla finanza informale al microcredito Poiché i mercati finanziari tradizionali non considerano i bisogni delle fasce povere della popolazione,

Dettagli

Microcredito e microfinanza, tra teoria e pratica. Dall estero all Italia, differenze, opportunità e criticità per sfidare la crisi locale e globale.

Microcredito e microfinanza, tra teoria e pratica. Dall estero all Italia, differenze, opportunità e criticità per sfidare la crisi locale e globale. Microcredito e microfinanza, tra teoria e pratica. Dall estero all Italia, differenze, opportunità e criticità per sfidare la crisi locale e globale. Relazione della dottoressa Simona Lanzoni Chi è Fondazione

Dettagli

Opportunità d impresa ed esclusione dal credito: il caso italiano

Opportunità d impresa ed esclusione dal credito: il caso italiano Opportunità d impresa ed esclusione dal credito: il caso italiano Rapporto RITMI (Rete Italiana della Microfinanza) Francesco Terreri, Microfinanza srl Luigi Galimberti Faussone, Microfinanza srl Con il

Dettagli

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO il LAVORO: la più grande emergenza del nostro tempo!!! Parte 2, Allegati PROGETTO DISTRETTUALE 2060 A.R. 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017 Allegati 1. Il microcredito nel

Dettagli

GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO. Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione

GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO. Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione 28 febbraio 2013 Salone d Onore del Comune di Cuneo 1.CHE COS È IL

Dettagli

Sommario: Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe 2010-2011 ; Versione 06.03.2012 pag 1

Sommario: Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe 2010-2011 ; Versione 06.03.2012 pag 1 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010-2011 Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 2

Economia monetaria e creditizia. Slide 2 Economia monetaria e creditizia Slide 2 Le attività e i mercati finanziari Oltre alla moneta, un altra istituzione consente di ridurre i costi di transazione negli scambi: i mercati Si tratta dei contesti

Dettagli

Banche e nuovi italiani: domanda e offerta di servizi finanziari e assicurativi Presentazione della ricerca ABI-CeSPI

Banche e nuovi italiani: domanda e offerta di servizi finanziari e assicurativi Presentazione della ricerca ABI-CeSPI Banche e nuovi italiani: domanda e offerta di servizi finanziari e assicurativi Presentazione della ricerca ABI-CeSPI José Luis Rhi-Sausi 1 Le due indagini ABI CeSPI Rilevazione sull offerta presso le

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

La finanza sostenibile. Cos è e come funziona?

La finanza sostenibile. Cos è e come funziona? La finanza sostenibile Cos è e come funziona? Alberto Stival,, 13.01.2016 in breve (SSF) rafforza la posizione della Svizzera sul mercato globale per la finanza sostenibile, fornendo informazioni e formazione

Dettagli

Cos è Etico nella Finanza Etica?

Cos è Etico nella Finanza Etica? Università degli Studi di Trento Educazione alla Finanza Etica, Responsabile e Felice Trento 28 novembre 2009 Struttura dell Intervento Cosa vuol dire finanza etica? Il ruolo del sistema finanziario Finanza

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLA CRESCITA E DELLO SVILUPPO REGIONALE

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo Microcredito: una strategia per ridurre la povertà? Veronica Polin Università degli Studi di Verona 1 Esclusione finanziaria: dimensione 3

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2474 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PREZIOSI, VILLECCO CALIPARI, ALBANELLA, ARLOTTI, BASSO, BRAGA, CAPOZZOLO, CARRESCIA, CASATI,

Dettagli

Laura Viganò. Università degli Studi di Bergamo Centro di Ricerca sulla Cooperazione Internazionale Gruppo FinDev Finanza e Sviluppo

Laura Viganò. Università degli Studi di Bergamo Centro di Ricerca sulla Cooperazione Internazionale Gruppo FinDev Finanza e Sviluppo Laura Viganò Università degli Studi di Bergamo Centro di Ricerca sulla Cooperazione Internazionale Gruppo FinDev Finanza e Sviluppo 24 Settembre 2015 - Swiss Sustainable Finance 1 CHE COS E LA MICROFINANZA?

Dettagli

Associazione micro.bo Il microcredito a Bologna

Associazione micro.bo Il microcredito a Bologna Forlì, 2 dicembre 2005 Associazione micro.bo Il microcredito a Bologna Chiara Valentini operatore micro.bo Cos è il MICROCREDITO Il microcredito è un sistema di credito basato su programmi che concedono

Dettagli

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Il successo delle aziende, oggi, dipende dalla collaborazione e dalle partnership con altre organizzazioni. Emergono sempre di più le reti di organizzazioni. Oggi

Dettagli

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi Gentili ospiti e convenuti, dopo un incontro così denso di interventi e ricco di stimoli cercare di tirare

Dettagli

La spesa per investimenti

La spesa per investimenti 14 La spesa per investimenti Problemi teorici 1. Sebbene l economia abbia raggiunto lo stock desiderato di capitale, è comunque necessario effettuare investimenti (lordi) per mantenere lo stock di capitale

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

Il rinnovato impegno della comunità internazionale

Il rinnovato impegno della comunità internazionale Il rinnovato impegno della comunità internazionale La situazione dei Paesi poveri Sei anni fa le Nazioni Unite hanno lanciato il programma Millennium Development Goals (MDGs, ossia «Obiettivi per lo sviluppo

Dettagli

La programmazione: le metodologie di microcredito

La programmazione: le metodologie di microcredito La programmazione: le metodologie di microcredito Georgia Bertagna 18 e 19 novembre 2009 Le metodologie del microcredito La metodologia è l insieme di sistemi e procedure che un programma sviluppa per

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto Andria, 26 e 27 Aprile, 3 Maggio 2012 Clara Marrone clara.marrone@gmail.com

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

Banche e crisi Microcredito

Banche e crisi Microcredito Banche e crisi Microcredito Oggetto conversazione Attuale situazione di grave recessione Domande che tutti si fanno Le banche hanno doveri e quindi responsabilità sociale? Come devono comportarsi in caso

Dettagli

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO per l innovazione della città CHANGE MILANO è un iniziativa del Partito Democratico: un piano di progetti d innovazione per il governo della Città AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO Per aprire la

Dettagli

Africa subsahariana: verso un futuro di sviluppo?

Africa subsahariana: verso un futuro di sviluppo? Africa subsahariana: verso un futuro di sviluppo? intende realizzare una serie di analisi per il provvedono alla strutturazione all andamento e alle prospettive Nel decennio tra il 1995 e il 2004, la produzione

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

Microfinanza e sviluppo Presentazione nell ambito del seminario FAO del 10-10-2012

Microfinanza e sviluppo Presentazione nell ambito del seminario FAO del 10-10-2012 Microfinanza e sviluppo Presentazione nell ambito del seminario FAO del 10-10-2012 Laura Viganò University of Bergamo Italy Research Center on International Cooperation Lo sviluppo economico Livello macro:

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

Microfinanza. Impegno, strategia e modalità operative

Microfinanza. Impegno, strategia e modalità operative Microfinanza Impegno, strategia e modalità operative Microfinanza - Impegno, strategia e modalità operative Aprile 2014 Coordinamento del Progetto e contenuti: Cristian Bevacqua Progettazione grafica:

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES Giovanni Dell Ariccia, Enrica Detragiache, Raghuram Rajan ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE Anno Accademico 2009/2010 Alessandro Paci Valentina Peruzzi Mariangela Scorrano

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

QEF_ Internazionalizzazione delle imprese italiane. Executive summary

QEF_ Internazionalizzazione delle imprese italiane. Executive summary QEF_ Internazionalizzazione delle imprese italiane Executive summary Il lavoro analizza alcuni temi legati all internazionalizzazione del sistema produttivo italiano facendo leva sulle ricerche condotte

Dettagli

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 19 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa, la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

Ente Nazionale per il Microcredito. Presentazione Istituzionale

Ente Nazionale per il Microcredito. Presentazione Istituzionale Ente Nazionale per il Microcredito Presentazione Istituzionale L ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO è un soggetto di diritto pubblico che persegue l obiettivo dello sradicamento della povertà e della lotta

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

Microcredito e agricoltura

Microcredito e agricoltura Microcredito e agricoltura Luca Falasconi L agricoltura nell economia Il ruolo che il settore primario occupa nei paesi in via di sviluppo, nonostante il suo contributo all economia nazionale stia diminuendo,

Dettagli

L Ente Nazionale per il Microcredito. 1.1 Le attività e la mission etica dell Ente. 1.1.1 Le attività creditizie

L Ente Nazionale per il Microcredito. 1.1 Le attività e la mission etica dell Ente. 1.1.1 Le attività creditizie L Ente Nazionale per il Microcredito L Ente nazionale per il Microcredito è un soggetto di diritto pubblico che persegue l obiettivo dello sradicamento della povertà e della lotta all esclusione sociale

Dettagli

GVV Lombardia e piccolo credito. Investimento Sociale, come strumento di lotta alla povertà

GVV Lombardia e piccolo credito. Investimento Sociale, come strumento di lotta alla povertà Il Girasole: GVV Lombardia e piccolo credito Investimento Sociale, come strumento di lotta alla povertà 1 Premessa Il micro-credito è uno strumento di sviluppo economico che permette l'accesso ai servizi

Dettagli

,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD

,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD ,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD La capacità di crescere e creare valore per le banche nell ambito della new economy passa attraverso una serie di scelte strategiche

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

Il modello lombardo visto dal Regno Unito

Il modello lombardo visto dal Regno Unito Il modello lombardo Direttore di ResPublica, Londra di Phillip Blond Le ragioni di un interesse 81 Vi sono diverse ragioni alla base del nostro interesse per la Lombardia e il suo modello di sviluppo che,

Dettagli

7 - Lezione. Urbanizzazione e sovraurbanizzazione

7 - Lezione. Urbanizzazione e sovraurbanizzazione 7 - Lezione Urbanizzazione e sovraurbanizzazione Contenuti 1. L evidenza del fenomeno dell inurbamento nei PVS 2. Le interpretazioni del fenomeno: urbanizzazione e sovraurbanizzazione 1. Il fenomeno dell

Dettagli

Il microcredito e le iniziative di inclusione finanziaria per le famiglie La valutazione del rischio in un contesto avanzato

Il microcredito e le iniziative di inclusione finanziaria per le famiglie La valutazione del rischio in un contesto avanzato Il microcredito e le iniziative di inclusione finanziaria per le famiglie La valutazione del rischio in un contesto avanzato Roma, 23 giugno 2009 Andrea Veltri Responsabile Finanziamenti Cosa fanno BNP

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 28 dicembre 2011 Anno 2010 L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE La quota di piccole e medie imprese (attive nei settori dell industria e dei servizi di mercato) che hanno cercato finanziamenti

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

Agricoltura e finanza rurale

Agricoltura e finanza rurale Agricoltura e finanza rurale Approfondimento della lezione del dott. Gaetano Ladisa Progetti e politiche a sostegno dell agricoltura, dell alimentazione e dell ambiente nei PVS Roberto d Amato r.damato@email.it

Dettagli

X Convention ABI. Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese

X Convention ABI. Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese X Convention ABI Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 6 novembre 2006 Sommario Pag. Premessa...5

Dettagli

Corso di Politica economica L-Z (prof. G. Ferri): Lezione 23 TRASMISSIONE POLITICA MONETARIA IN DIVERSI SISTEMI FINANZIARI

Corso di Politica economica L-Z (prof. G. Ferri): Lezione 23 TRASMISSIONE POLITICA MONETARIA IN DIVERSI SISTEMI FINANZIARI Corso di Politica economica L-Z (prof. G. Ferri): Lezione 23 TRASMISSIONE POLITICA MONETARIA IN DIVERSI SISTEMI FINANZIARI Riprendendo il discorso del credit channel, un discorso a parte viene fatto con

Dettagli

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 Nei mesi successivi al terremoto il Dipartimento di Protezione Civile, per gestire al meglio le offerte ricevute vis sms per il terremoto

Dettagli

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Agevolazioni Finanziarie 7 di Tommaso Zarbo (1) Esperto in materia di finanziamenti agevolati Finanziamenti comunitari L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Con le recenti turbolenze finanziarie

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

1,25 dollari al giorno. Il mondo sotto la soglia

1,25 dollari al giorno. Il mondo sotto la soglia 1,25 dollari al giorno. Il mondo sotto la soglia 1,25 dollari al giorno. Il mondo sotto la soglia Vincenzo Comito L'andamento della povertà nel mondo: le nuove misure della Banca Mondiale e di altre istituzioni

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale permettono di investire,

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Robert Cull e María Soledad Martínez Pería

Robert Cull e María Soledad Martínez Pería UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI ECONOMIA GIORGIO FUÀ Corso di Laurea Magistrale in Scienze Economiche e Finanziarie FOREIGN BANK PARTICIPATION AND CRISIS IN DEVELOPING COUNTRIES Robert Cull

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 Cara Lettrice, caro Lettore, Festeggiamo un evento storico: grazie a più di 110 000 cittadini, la Svizzera potrà decidere in votazione chi ha il diritto

Dettagli

ALETTI VIEW CERTIFICATE

ALETTI VIEW CERTIFICATE ALETTI VIEW CERTIFICATE PUNTIAMO SUL TEMA VINCENTE 0 Uno strumento finanziario per investire sui temi con le migliori prospettive di crescita. Questo è Aletti View Certificate. Ritieni che le aziende appartenenti

Dettagli

VERSIONE NON UFFICIALE

VERSIONE NON UFFICIALE VERSIONE NON UFFICIALE DICHIARAZIONE CONGIUNTA DEI MINISTRI DELL ENERGIA, DEL COMMISSARIO EUROPEO E DEI MINISTRI DELL ENERGIA DI ALGERIA, AUSTRALIA, BRASILE, CINA, EGITTO, INDIA, INDONESIA, COREA, LIBIA,

Dettagli

Master universitario di I livello in Management della cooperazione internazionale allo sviluppo

Master universitario di I livello in Management della cooperazione internazionale allo sviluppo Master universitario di I livello in Management della cooperazione internazionale allo sviluppo Contratti internazionali, modelli di agreement internazionale e ONG Attilio Ascani L evoluzione della Società

Dettagli