REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITÀ E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITÀ E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI"

Transcript

1 REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITÀ E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Modificato con Delibera di Consiglio Comunale n. 38 del

2 INDICE CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1: Oggetto del regolamento Articolo 2: Classificazione del Comune Articolo 3: Divisione del territorio in categorie e maggiorazione Articolo 4: Maggiorazione stagionale Articolo 5: Gestione dell'imposta e del servizio affissioni Articolo 6: Tariffe e maggiorazioni Articolo 7: Funzionario responsabile CAPO II: IMPIANTI PER LA PUBBLICITÀ E PER LE AFFISSIONI Articolo 8: Tipologia e quantità degli impianti pubblicitari Articolo 9: Piano generale degli impianti Articolo 10: Impianti privati per affissioni dirette Articolo 11: Anticipata rimozione Articolo 12: Divieti e limitazioni Articolo 13: Pubblicità in violazione di leggi e regolamenti Articolo 14: Materiale pubblicitario abusivo Articolo 15: Pubblicità effettuata su spazi comunali Articolo 16: Spazi privati per le affissioni CAPO III: IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ Articolo 17: Norma di rinvio Articolo 18: Presupposti per l applicazione dell imposta Articolo 19: Dichiarazione ai fini dell imposta Articolo 20: Pubblicità effettuata con veicoli in genere Articolo 21: Mezzi pubblicitari gonfiabili Articolo 22: Pubblicità sonora CAPO IV: DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Articolo 23: Servizio delle pubbliche affissioni Articolo 24: Norma di rinvio Articolo 25: Richiesta del servizio Articolo 26: Modalità per le affissioni Articolo 27: Rimborsi dei diritti pagati Comune di Prato - Regolamento imposta pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Pagina 2 d 17

3 CAPO V: DISPOSIZIONI COMUNI Articolo 28: Sanzioni Articolo 29: Riscossione Articolo 30: Riduzione del diritto e dell imposta Articolo 31: Esenzioni del diritto e dell imposta CAPO VI: DISPOSIZIONI FINALI E TRANSITORIE Articolo 32: Norma finale di rinvio Articolo 33: Entrata in vigore Articolo 34: Scadenza pagamento anno 2009 Comune di Prato - Regolamento imposta pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Pagina 3 d 17

4 CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1: Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento integra la disciplina dell applicazione dell imposta sulla pubblicità e della gestione del servizio delle pubbliche affissioni, contenuta nel Decreto Legislativo 15 novembre 1993 n. 507 e successive modificazioni ed integrazioni. 2. Agli effetti del presente regolamento, per imposta e per diritto, si intendono rispettivamente l imposta comunale sulla pubblicità e il diritto sulle pubbliche affissioni di cui al Decreto citato al comma precedente. Articolo 2: Classificazione del Comune 1. In base alla popolazione residente al 31 Dicembre 2006 pari a abitanti, quale dai dati ufficiali del Comune di Prato, appartiene alla seconda classe ai fini dell applicazione dell imposta e del diritto di cui al presente Regolamento. Articolo 3: Divisione del territorio in categorie e maggiorazione 1. Ai fini dell applicazione dell imposta in base agli articoli 12, 14, 15 commi 1, 3 e 5 del Decreto Legislativo 15 novembre 1993 e successive modificazioni ed integrazioni, n. 507, nonché del diritto, il territorio del Comune di Prato è suddiviso nella seguenti categorie: a) Categoria speciale: appartengono ad essa le località comprese nella delimitazione territoriale riportata nella deliberazione del Consiglio Comunale n. 858 del , divenuta esecutiva a norma di legge e qui integralmente recepita. b) Categoria normale: appartengono ad essa tutte le località comprese nel restante territorio comunale. 2. Le esposizioni pubblicitarie e le affissioni di carattere commerciale effettuate nelle porzioni del territorio comprese nella categoria speciale sono soggette alla maggiorazione del centocinquanta per cento della tariffa normale. Articolo 4: Maggiorazione stagionale 1. In relazione ai rilevanti flussi turistici riscontrabili a Prato per circostanze di particolare significato, è applicata la maggiorazione del 50% delle tariffe per la pubblicità, di cui agli artt. 12 comma 2 14 commi 2,3,4,5 e all art. 15, nonché delle tariffe per il diritto sulle pubbliche affissioni di cui all art. 19, limitatamente a quelle di carattere commerciale, del D.Lgs. 15/11/93 e successive modificazioni ed integrazioni, n Tale maggiorazione è applicata alle operazioni effettuate nei mesi di Aprile, Maggio, Settembre e Ottobre di ciascun anno. Comune di Prato - Regolamento imposta pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Pagina 4 d 17

5 Articolo 5: Gestione dell imposta e del servizio affissioni 1. La gestione del Servizio di accertamento e riscossione dell imposta sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni è di esclusiva competenza del Comune ed è gestito dalla Società Risorse S.p.A. in base a quanto stabilito dall art. 52 del D.Lgs. 446/97 e successive modificazioni ed integrazioni il cui rapporto tra il comune e la Società è disciplinato da apposito contratto di servizio. Articolo 6: Tariffe e maggiorazioni 1. Le tariffe dell imposta e del diritto e le previste maggiorazioni sono applicate nelle misure stabilite dalla legge. Articolo 7: Funzionario responsabile 1. La Società Risorse S.p.A. svolge le funzioni ed i poteri di cui all art. 11 del D.Lgs. 15 Novembre 1993 n 507 e successive modificazioni ed integrazioni nell ambito della disciplina contenuta nel contratto di servizio. CAPO II: IMPIANTI PER LA PUBBLICITÀ E PER LE AFFISSIONI Articolo 8: Tipologia e quantità degli impianti pubblicitari 1. Agli effetti del presente Capo, s intendono impianti pubblicitari non solo quelli come tali definiti nell art. 47, comma 8, del D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495 e successive modificazioni ed integrazioni, ( Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada ) ma anche tutti i restanti mezzi comunque utilizzati per l effettuazione della pubblicità, ad eccezione delle insegne; 2. La superficie complessiva degli impianti e mezzi pubblicitari a carattere permanente indicati al primo comma del presente articolo non potrà essere superiore a 4500 metri quadrati. 3. La superficie complessiva degli impianti destinati alle pubbliche affissioni, rapportata alla popolazione residente di circa abitanti, non deve essere inferiore a metri quadrati distribuiti opportunamente fra i viari mezzi pubblicitari (stendardi bifacciali, tabelle monofacciali, poster ecc.), né superiore ai metri quadrati previsti nel regolamento sugli impianti, rispettando comunque la più soddisfacente offerta del servizio. La superficie degli impianti installati è destinata per circa il 30 % alle affissioni di natura istituzionale, sociale o comunque priva di rilevanza economica, per l ulteriore 70% alle affissioni di natura commerciale 4. La superficie complessiva degli impianti destinati alle affissioni dirette di cui all art. 12, terzo comma, del decreto legislativo 15 novembre 1993, n. 507 e successive modificazioni ed integrazioni, non potrà eccedere i 3000 metri quadri. Comune di Prato - Regolamento imposta pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Pagina 5 d 17

6 5. Si intendono impianti pubblicitari altresì quelli denominati T-Comunico, installati, di norma presso esercizi commerciali. Tali impianti non sono considerati come destinati alle affissioni di cui all art. 12., comma 3, D.Lgs. 15 Novembre 1993 e successive modificazioni ed integrazioni. Articolo 9: Piano generale degli impianti 1. Il piano generale degli impianti pubblicitari è approvato dal Consiglio Comunale, sentito il parere delle Commissioni consiliari competenti. 2. L attuale collocazione e distribuzione del territorio comunale degli impianti pubblicitari, potrà essere adeguata a seguito di nuove sopravvenute esigenze di pubblico interesse, dopo opportuna valutazione degli uffici comunali competenti nei limiti previsti dalle norme di legge vigenti e del presente regolamento. 3. Il piano deve prevedere la tipologia, la quantità e la distribuzione degli impianti su tutto il territorio comunale con riguardo alle esigenze di carattere sociale, alla concentrazione demografica ed economica, nonché alla tutela ambientale, paesaggistica della circolazione e del traffico ed ogni altro elemento utile a tal fine. 4. Oggetto del piano di cui al presente articolo sono tutti i manufatti finalizzati alla pubblicità ed alla propaganda di prodotti, attività ed opinioni, ad eccezione delle insegne, come definite dall art. 47, comma 1, del D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495 e successive modificazioni ed integrazioni. Articolo 10: Impianti privati per affissioni dirette 1. Nel rispetto della tipologia e della quantità degli impianti pubblicitari di cui al precedente articolo 8, nonché della distribuzione risultante dal piano di cui all art. 9, comma 2, il Consiglio Comunale formula indirizzi e la Giunta Comunale esplicita direttive operative relativamente alle funzioni operative alla Società Risorse S.p.A. per concedere a soggetti privati, mediante svolgimento di specifica gara, la possibilità di collocare sul territorio comunale impianti pubblicitari per l affissione diretta di manifesti e simili. 2. La concessione è disciplinata da una convenzione, nella quale dovranno essere precisati il numero e la ubicazione degli impianti da installare, la durata della concessione ed il relativo canone annuo dovuto al Comune, nonché tutte le altre condizioni necessarie per un corretto rapporto, come ad esempio: spese, modalità e tempi di installazione; manutenzione; responsabilità per eventuali danni; rinnovo e revoca della concessione e simili. 3. Con apposita Deliberazione della Giunta Comunale saranno stabiliti i canoni annui dovuti al Comune che terranno conto, in quanto previsto, in particolare, dell art. 3 del presente Regolamento. Comune di Prato - Regolamento imposta pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Pagina 6 d 17

7 Articolo 11: Anticipata rimozione 1. Nel caso di rimozione del mezzo pubblicitario, rimozione stabilita con ordinanza del Sindaco per sopravvenuti motivi di pubblico interesse prima della scadenza del termine stabilito nell'atto di autorizzazione, il titolare di esso avrà diritto unicamente al rimborso della quota d'imposta corrispondente al periodo di mancato godimento, escluso ogni altro rimborso, compenso o indennità. 2. Spetta all'interessato provvedere a rimuovere la pubblicità entro la data che sarà precisata nell'ordine di rimozione. 3. La rimozione dovrà riguardare anche gli eventuali sostegni o supporti e comprendere il ripristino alla forma preesistente della sede del manufatto. 4. Ove l'interessato non ottemperi all'ordine di rimozione degli impianti nei termini stabiliti, lo stesso verrà considerato abusivo ad ogni effetto e saranno adottati i provvedimenti di cui all'art. 15 del presente Regolamento. Articolo 12: Divieti e limitazioni 1. La pubblicità sonora è limitata a casi eccezionali, da autorizzarsi di volta in volta e per tempi e orari limitati. Essa è comunque vietata nelle parti di piazze, strade e vie adiacenti agli ospedali, alle case di cura e simili. 2. La distribuzione ed il lancio di materiale pubblicitario nei luoghi pubblici sono vietati a norma del vigente Regolamento di Polizia Urbana. 3. La pubblicità a mezzo di aeromobili è consentita in occasione di manifestazioni sportive e solo nei luoghi e loro adiacenze, ove si svolgono le stesse. In altre occasioni, oltre che autorizzata, dovrà anche essere specificamente disciplinata dall Amministrazione Comunale. Articolo 13: Pubblicità in violazione di leggi e regolamenti 1. Il pagamento dell imposta comunale sulla pubblicità si legittima per il solo fatto che la pubblicità stessa venga comunque effettuata, anche in difformità a leggi o regolamenti. 2. L avvenuto pagamento dell imposta non esime il soggetto interessato dall obbligo di premunirsi di tutti i permessi, autorizzazioni, o concessioni, relativi all effettuazione della pubblicità, qualunque sia la manifestazione pubblicitaria. 3. L Amministrazione comunale e la Società Risorse S.p.A. nell ambito delle rispettive competenze, con ordinanza del Sindaco, possono provvedere in qualsiasi momento a far rimuovere il materiale abusivo con le modalità indicate nell art. 14 del presente Regolamento. Articolo 14: Materiale pubblicitario abusivo 1. Sono considerate abusive le varie forme di pubblicità esposte senza la prescritta autorizzazione preventiva, ovvero risultanti non conformi alle condizioni stabilite dalla Comune di Prato - Regolamento imposta pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Pagina 7 d 17

8 autorizzazione sia per dimensioni, sistemazione ed ubicazione nonché le affissioni eseguite fuori dei luoghi a ciò destinati ed approvati dal Comune, fatta salva l ipotesi prevista al successivo art. 16 comma 2. Sono altresì considerate abusive le pubblicità e le affissioni per le quali siano state omesse le prescritte dichiarazioni ed i dovuti pagamenti. 2. Nel caso di esposizione di materiale pubblicitario abusivo di cui al presente articolo, si applicano, oltre alle sanzioni amministrative, anche quelle tributarie. Ciò vale anche nel caso in cui alla regolare denuncia di cessazione non consegua l effettiva rimozione del mezzo pubblicitario entro il termine prescritto. Articolo 15: Pubblicità effettuata su spazi comunali 1. Qualora la pubblicità sia effettuata su impianti installati su beni di proprietà comunale o dati in godimento al Comune, ovvero su beni appartenenti al demanio comunale o al patrimonio indisponibile del comune, i relativi canoni di affitto o di concessione sono determinati con deliberazione della Giunta Comunale e la relativa richiesta comporta per l utente l accettazione della misura del corrispettivo da versare. Quando la pubblicità sia esistente e la misura del corrispettivo venga variata, l utente deve comunicare entro 30 giorni l accettazione del nuovo corrispettivo o rinunziare all uso del bene comunale. Articolo 16: Spazi privati per le affissioni 1. Gli spazi da destinare alle pubbliche affissioni sono individuati nel piano generale degli impianti anche su beni di privati, previo consenso, da parte dei rispettivi proprietari. 2. Gli spazi sugli assiti, steccati, impalcature e simili, di cui al comma precedente e che il Comune si riserva di utilizzare per le affissioni, non sono computabili nel novero della superficie affissiva obbligatoria determinata nell art. 8, comma 3, del presente Regolamento. 3. L uso esclusivo degli spazi di cui ai commi precedenti non comporta alcun compenso, indennità o riduzione degli oneri inerenti alle occupazioni accordate a favore dei proprietari. CAPO III: IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ Articolo 17: Norma di rinvio 1. La Legge (Decreto Legislativo 15 novembre 1993, n. 507) disciplina il presupposto dell imposta (articolo 5), il soggetto passivo (articolo 6), le modalità di applicazione dell imposta (articolo 7) ed il termine di prescrizione dell eventuale diritto al rimborso di somme versate e non dovute (art. 1, comma 164, L. 296/06), la rettifica e l accertamento d ufficio (art. 1, comma 161, L. 296/06), la pubblicità ordinaria (articolo 12), la pubblicità effettuata con veicoli (articolo 13), la pubblicità effettuata con pannelli luminosi e proiezioni (articolo 14), la pubblicità varia (articolo 15) e le riduzioni ed esenzioni (articolo 16 e 17), le cui disposizioni s intendono qui riportate come da testo vigente. La suddetta legislazione è Comune di Prato - Regolamento imposta pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Pagina 8 d 17

9 integrata dalla normativa regolamentare contenuta nei commi seguenti e negli articoli del presente Capo. Articolo 18: Presupposti per l applicazione dell imposta 1. Costituisce forma pubblicitaria, come tale da assoggettare alla imposta, l affissione diretta, anche per conto altrui, di manifesti e simili su apposite strutture adibite alla esposizione di tali mezzi. 2. Per esercizio di attività economica di cui all articolo 5, comma 3, del Decreto Legislativo 15 novembre 1993, n. 507 e successive modificazioni ed integrazioni, s intende lo scambio di beni o la produzione di servizi, effettuati nell esercizio di imprese o di arti e professioni, nonché qualunque altra attività suscettibile di valutazione economica, anche se esercitata occasionalmente da soggetto che per natura o statuto non si prefigge scopo di lucro fatta salva la cessione, con offerta libera, di beni per esclusive e comprovate finalità sociali e assistenziali. 3. Costituiscono separati ed autonomi mezzi pubblicitari le insegne, le frecce segnaletiche e gli altri mezzi similari riguardanti diversi soggetti, collocati su un unico mezzo di supporto, fatta salva l ipotesi in cui l autorizzazione rilasciata si riferisca alla superficie di un unico mezzo pubblicitario componibile con moduli interscambiabili di identica fattura. 4. Ai fini della commisurazione della superficie complessiva dei mezzi polifacciali adibita alla pubblicità, rilevano tutte le facce che compongono tali mezzi anche se esse riproducono lo stesso messaggio pubblicitario. 5. Non sono considerati mezzi polifacciali le tabelle, gli stendardi e i posters adibiti all affissione, abbinati e sorretti da un unico supporto, fatta salva l ipotesi in cui l autorizzazione rilasciata si riferisca alla superficie di un unico mezzo pubblicitario componibile con moduli interscambiabili di identica fattura. 6. È considerato unico mezzo pubblicitario di cui all articolo 7 comma 5, del Decreto Legislativo 15 novembre 1993, n. 507 e successive modificazioni ed integrazioni e, come tale, da assoggettare all imposta in base alla superficie della minima figura piana geometrica che la comprende, anche l iscrizione pubblicitaria costituita da separate lettere applicate a notevole distanza le une dalle altre, oppure costituita da più moduli componibili. 7. È attribuita durata permanente alle insegne di esercizio e agli altri mezzi che, per loro natura o per condizioni imposte dall autorizzazione comunale all esposizione, non possiedono il requisito della temporaneità ai sensi del comma 2, dell articolo 8, del Decreto Legislativo 15 novembre 1993, n. 507, con diritto al conguaglio fra l importo dovuto e quello già pagato per l esposizione delle insegne stesse nel periodo di riferimento. È attribuito carattere temporaneo alle insegne di esercizio e agli altri mezzi pubblicitari i quali, anche se per loro natura non ne possiedono i requisiti, in relazione all anno di inizio della loro esposizione, regolarmente autorizzata, interessino gli ultimi tre mesi dell esercizio. In questo caso Comune di Prato - Regolamento imposta pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Pagina 9 d 17

10 l imposta sarà applicata nei termini previsti dall art. 12, comma 2, del D.Lgs. 507/93. Per gli anni successivi non sarà necessario riproporre nuova denuncia fiscale. 8. Il mantenimento, da parte del nuovo titolare della attività pubblicizzata, di una o più insegne preesistenti, comporta in ogni caso l obbligo di dichiarazione ai sensi dell art.8, comma 2, del D. Lgs , n. 507 e successive modificazioni ed integrazioni, con diritto al conguaglio tra l importo dovuto e quello già pagato per l esposizione delle insegne stesse nel periodo di riferimento. Articolo 19: Dichiarazione ai fini dell imposta 1. Il soggetto passivo dell imposta sulla pubblicità deve dichiarare alla Società Risorse S.p.A. gli elementi rilevanti ai fini dell applicazione dell imposta. 2. La dichiarazione di cui al comma precedente deve indicare le caratteristiche, la durata dell attività pubblicitaria e la ubicazione dei mezzi pubblicitari. 3. L atto di autorizzazione vale, salvo che per la pubblicità temporanea effettuata all interno di locali pubblici ed aperti al pubblico, di esercizi pubblici, delle stazioni ferroviarie, degli stadi e degli impianti sportivi, delle stazioni di distribuzione carburanti, nonché per la pubblicità permanente e temporanea effettuata con autoveicoli di qualsiasi specie, ad eccezione dei casi previsti ai commi 3 e 4 del successivo art. 20, come dichiarazione di iscrizione al tributo e deve contenere tutti gli elementi indicati ai commi precedenti. L autorizzazione produrrà quindi anche gli effetti previsti dall art 8 comma 1 del D.Lgs. 507/93, con immediata insorgenza dell onere tributario a decorrere dalla data del suo rilascio, ad esclusione della pubblicità esposta su spazi per norma non utilizzabili. 4. La dichiarazione di cui ai commi precedenti, purché non si verifichino variazioni, produce effetti anche per gli anni successivi a quello di presentazione in ogni caso non oltre i termini di scadenza dell autorizzazione. 5. Per quanto non espressamente previsto si fa rinvio al regolamento del Piano degli Impianti. Articolo 20: Pubblicità effettuata con veicoli in genere 1. La pubblicità effettuata con veicoli in genere è consentita alle condizioni e nei limiti di cui all art. 23 del D. Lgs n. 285 e successive modifiche ed integrazioni e del relativo Regolamento di Esecuzione e di Attuazione. 2. La pubblicità effettuata a mezzo di veicoli ad uso speciale destinati e attrezzati a mostra pubblicitaria (cd. Vele Pubblicitarie), immatricolati per uso di terzi mediante locazione senza conducente, può essere svolta sulla sede stradale e sulle rispettive pertinenze esclusivamente dal locatario per pubblicizzare la propria attività ed i propri prodotti. Tale forma di pubblicità può avvenire esclusivamente con veicolo in movimento. 3. La pubblicità di cui al comma precedente effettuata con stazionamento del veicolo per un tempo superiore ad un ora, nella sede stradale e sue pertinenze, ovvero nelle proprietà Comune di Prato - Regolamento imposta pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Pagina 10 d 17

11 laterali diverse dalla sede dell impresa pubblicizzata ed in modo visibile dall esterno, è considerata impianto pubblicitario fisso e come tale sottoposta al regime e sanzionatorio previsto dal presente regolamento. 4. In occasione di particolari manifestazioni, di carattere culturale, sportivo, in deroga a quanto previsto nei commi precedenti può essere concessa autorizzazione allo stazionamento del veicolo nelle collocazioni non vietate. 5. In ogni caso i veicoli utilizzati per le finalità di cui al presente articolo ne conservano le caratteristiche ai fini dell applicazione delle norme del Codice della Strada. 6. E altresì vietata la sosta di automezzi pubblicizzati, per conto proprio, di proprietà aziendale, di cui all art. 54 lett. G) del D.Lgs 285/92 e art. 203 comma II lett. Q) del D.P.R. 495/92, al di fuori di spazi predisposti appositamente al parcheggio, salvo che per ipotesi temporanee legate all attività svolta. L eventuale infrazione sarà soggetta al regime sanzionatorio previsto dal presente Regolamento previa comunicazione al soggetto interessato per l immediata rimozione del mezzo. Articolo 21: Mezzi pubblicitari gonfiabili 1. Sono assimilabili ai palloni frenati di cui al comma 3 dell art. 15 del Decreto Legislativo 15 novembre 1993, n. 507 e successive modificazioni ed integrazioni, con conseguente applicazione delle modalità di tassazione ivi previste, i mezzi pubblicitari gonfiabili, nel caso in cui questi, riempiti con gas leggero simile, siano sospesi in aria. In tutti gli altri casi di utilizzazione di mezzi pubblicitari gonfiabili questi sono assoggettati al tributo come stabilito per la pubblicità ordinaria di cui all art. 12 del Decreto sopra citato. Articolo 22: Pubblicità sonora 1. Con riferimento alla disposizione contenuta nell art. 15, comma 5, del Decreto Legislativo 15 novembre 1993, n. 507 e successive modificazioni ed integrazioni, per ciascun punto di pubblicità s intende ogni fonte di diffusione della pubblicità sonora. CAPO IV: DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Articolo 23: Servizio delle pubbliche affissioni 1. Le pubbliche affissioni nell ambito del territorio del Comune di Prato costituiscono servizio obbligatorio di esclusiva competenza del Comune medesimo. 2. Il servizio delle pubbliche affissioni è inteso a garantire specificatamente l affissione a cura della Società Risorse S.p.A. in appositi impianti a ciò destinati, di manifesti di qualunque materiale costituiti, contenenti comunicazioni aventi finalità istituzionali, sociali o comunque prive di rilevanza economica, ovvero, di messaggi diffusi nell esercizio di attività economiche. Comune di Prato - Regolamento imposta pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Pagina 11 d 17

12 3. Fermo restando, in fase esecutiva il diretto controllo del Comune sull osservanza delle modalità prescritte dall Art 22 del D.Lgs. 15 Novembre 1993 n 507 e successive modificazioni ed integrazioni e dal presente Regolamento, le operazioni materiali di affissione e di rimozione dei manifesti, degli avvisi e simili, nonché, di installazione, manutenzione e rimozione degli impianti affissivi, sono affidate alla Società Risorse S.p.A. mediante apposito contratto di servizio, che è tenuto ad osservare le disposizioni sia generali che particolari all uopo impartite dal Comune. Articolo 24: Norma di rinvio 1. L oggetto del servizio, il diritto dovuto, la modalità di pagamento, le riduzioni, le esenzioni e le modalità per le pubbliche affissioni sono disciplinati rispettivamente dagli articoli da 18 a 22 del Decreto Legislativo 15 novembre 1993, n. 507 e successive modificazioni ed integrazioni. Tali disposizioni s intendono qui richiamate nel testo vigente e sono integrate dalle norme regolamentari di cui ai commi seguenti e agli articoli del presente Capo. 2. In caso di pagamento del diritto mediante versamento in conto corrente postale la contestualità di cui all articolo 19, comma 7, del decreto Legislativo 15 novembre 1993, n. 507, deve essere comprovata mediante esibizione dell attestazione del versamento postale. Articolo 25: Richiesta del servizio 1. Per ottenere il servizio gli interessati debbono presentare alla Società Risorse S.p.A., in tempo utile, apposita richiesta scritta con l indicazione del numero di manifesti che si vogliono affissi, precisandone il formato e la percentuale da attribuire alla categoria speciale e contestualmente effettuare o comprovare di avere effettuato il pagamento dei relativi diritti. 2. Qualora la richiesta non venga effettuata di persona l accettazione è soggetta alla riserva di accertamento della disponibilità degli spazi e, comunque, l affissione potrà essere eseguita soltanto dopo l avvenuto pagamento dei relativi diritti. Articolo 26: Modalità per le affissioni 1. Le affissioni sono effettuate secondo l ordine di precedenza risultante dal ricevimento delle commissioni accompagnate dal versamento dei relativi diritti. 2. Presso gli uffici della Società Risorse S.p.A., titolare della gestione, è tenuto anche con sistema meccanografico, un apposito registro, nel quale dovranno essere annotate in ordine cronologico, le commissioni pervenute. 3. Le eventuali variazioni od aggiunte sovrapposte ai manifesti già affissi sono considerate nuove e distinte affissioni. 4. Il servizio di urgenza potrà essere reso, compatibilmente con la disponibilità di spazi e di personale, per i manifesti non aventi contenuto commerciale, qualora la richiesta ed il materiale pervengano all ufficio comunale entro le ore 9. Comune di Prato - Regolamento imposta pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Pagina 12 d 17

13 La maggiorazione prevista per il servizio di urgenza, sia inerente affissioni commerciali che istituzionali, viene riconosciuta per intero al concessionario del servizio pubbliche affissioni, come previsto dall art. 22, comma 9, del D.Lgs. 507/93 e successive modifiche ed integrazioni. 5. Eventuali reclami concernenti l attuazione pratica delle affissioni possono essere presentati alla Società Risorse S.p.A. non oltre la scadenza del termine di validità dell affissione. La mancata presentazione del reclamo al servizio anzidetto comporta accettazione delle modalità di esecuzione del servizio, nonché la decadenza da ogni pretesa circa la modalità stessa. Articolo 27: Rimborso dei diritti pagati 1. Il committente ha diritto al rimborso integrale dei diritti versati nei casi di cui al comma 6 dell articolo 22 del D.Lgs , n. 507 e successive modificazioni ed integrazioni e al rimborso parziale nell ipotesi di cui al comma 7 del medesimo articolo. 2. In ogni altro caso la liquidazione dei diritti ed il relativo pagamento si intendono effettuati a Titolo definitivo, esaurendo completamente il rapporto impositivo, e rimanendo al committente il diritto di mantenere esposto il materiale pubblicitario per tutto il periodo indicato. CAPO V: DISPOSIZIONI COMUNI Articolo 28: Sanzioni 1. Le sanzioni tributarie sono applicate nelle misure, nei termini e con le modalità stabilite dalla legge con riferimento agli articoli 23/24 D.Lgs. 15 novembre 1993 n. 507, all art. 1 commi da 161 a 163 della Legge 296/2006 nonché in base alle norme contenute nel regolamento generale per la disciplina delle entrate. 2. Per le violazioni delle disposizioni del presente Regolamento, di quello di collocazione delle insegne di esercizio, delle insegne pubblicitarie e della cartellonistica, nonché delle disposizioni contenute nei provvedimenti relativi all installazione degli impianti, si applica a carico del soggetto che dispone del mezzo pubblicitario, in concorso con i soggetti indicati nell art. 6, comma 2 del Decreto Legislativo 15 novembre 1993, n. 507 e successive modificazioni ed integrazioni nonché con chi ha installato il mezzo o ha consentito l installazione dello stesso, la sanzione amministrativa da Euro 206,58 a Euro 1.549, La Società Risorse S.p.A., responsabile dell applicazione dell imposta sulla pubblicità e del servizio delle pubbliche affissioni, che nell esercizio delle sue funzioni, accerti violazioni comportanti l applicazione di sanzioni amministrative, provvede anche a compiere tutti gli adempimenti procedurali di legge, necessari per l applicazione e riscossione delle sanzioni medesime. Comune di Prato - Regolamento imposta pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Pagina 13 d 17

14 4. Le disposizioni di cui ai precedenti commi si applicano, per quanto compatibili, anche ai diritti sulle pubbliche affissioni. Articolo 29: Riscossione 1. Il pagamento deve essere effettuato mediante l utilizzo degli strumenti di pagamento disposti da Società Risorse S.p.A. 2. Il pagamento ha efficacia liberatoria dalla obbligazione tributaria dal momento in cui la somma dovuta è versata alla Società Risorse S.p.A. delegata a riscuotere. 3. È fatto obbligo di conservare le attestazioni di pagamento, che dovranno essere esibite ad ogni richiesta degli agenti e del personale autorizzato. 4. La scadenza per il pagamento annuale dell imposta di pubblicità è fissata al 31 Gennaio di ogni anno. Nel caso in cui l amministrazione Comunale in base alle norme di legge proceda ad approvare il bilancio in un periodo successivo al 31 dicembre, i termini per il pagamento dell imposta sono rinviati all ultimo giorno del mese successivo all adozione dello stesso. Articolo 30: Riduzioni del diritto e dell imposta 1. La tariffa per il servizio pubbliche affissioni è ridotta alla metà: - per i manifesti riguardanti in via esclusiva lo Stato e gli enti pubblici territoriali e che non rientrano nei casi per i quali è prevista l esenzione; - per i manifesti di comitati, associazioni, fondazioni ed ogni altro ente che non abbiano scopo di lucro; - per i manifesti relativi ad attività politiche, sindacali e di categoria, culturali, sportive, filantropiche e religiose, da chiunque realizzate, con il patrocinio o la partecipazione degli enti pubblici territoriali; - per i manifesti relativi a festeggiamenti patriottici, religiosi, a spettacoli viaggianti e di beneficenza; - per gli annunci mortuari. 2. La tariffa dell'imposta è ridotta alla metà: a) per la pubblicità effettuata da comitati, associazioni, fondazioni ed ogni altro ente che non abbiano scopo di lucro; b) per la pubblicità relativa a manifestazioni politiche, sindacali e di categoria, culturali, sportive, filantropiche e religiose, da chiunque realizzate, con il patrocinio o la partecipazione degli enti pubblici territoriali; c) per la pubblicità relativa a festeggiamenti patriottici, religiosi, a spettacoli viaggianti e di beneficenza. 3. I comitati, le associazioni, le fondazioni ed ogni altro ente senza scopo di lucro, al fine di ottenere la riduzione alla metà della tariffa dell imposta o del diritto, devono presentare copia Comune di Prato - Regolamento imposta pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Pagina 14 d 17

15 dell atto costitutivo e dello statuto, ovvero altra idonea documentazione, da cui risulti la propria natura giuridica. 4. La presenza, all interno di manifesti relativi a soggetti previsti dall Art. 20 del D.Lgs. 507/93 e successive modificazioni ed integrazioni, di eventuali sponsor commerciali, mantiene comunque la riduzione prevista a condizione che la superficie utilizzata a tale scopo sia globalmente inferiore a 300 centimetri quadrati. 5. La pubblicità effettuata in via esclusiva dai soggetti previsti all art. 16 del D.Lgs. 507/93 e successive modificazioni ed integrazioni, mantiene comunque la riduzione anche in presenza, all interno del mezzo, di eventuali sponsor commerciali a condizione che la superficie globalmente utilizzata a tale scopo sia inferiore al 10% del totale con un limite massimo di 1 mq. Articolo 31: Esenzione dal diritto e dall imposta 1. Sono esenti dal diritto sulle pubbliche affissioni: a) i manifesti riguardanti le attività istituzionali del Comune da esso svolte in via esclusiva, esposti nell ambito del proprio territorio; b) i manifesti delle autorità militari relativi alle iscrizioni nelle liste di leva, alla chiamata ed ai richiami alle armi; c) i manifesti dello Stato, delle Regioni e delle Province in materia di tributi; d) i manifesti delle autorità di polizia in materia di pubblica sicurezza; e) i manifesti relativi ad adempimenti di legge in materia di referendum, elezioni politiche, per il Parlamento Europeo, regionali, amministrative; f) ogni altro manifesto la cui affissione sia obbligatoria per legge; g) i manifesti concernenti corsi scolastici e professionali gratuiti regolarmente autorizzati. 2. Si considerano comunque esenti, per effetto dell art. 21, lett. A) del D.Lgs. 507/93 e successive modificazioni ed integrazioni, i manifesti che contengono eventuali sponsor commerciali, a condizione che la superficie utilizzata a tale scopo sia globalmente inferiore a 300 centimetri quadrati. 3. La pubblicità effettuata in via esclusiva dai soggetti previsti all art. 17, lettera g) del D.Lgs. 507/93 e successive modificazioni ed integrazioni, mantiene comunque la esenzione anche in presenza, all interno del mezzo, di eventuali sponsor commerciali a condizione che la superficie globalmente utilizzata a tale scopo sia inferiore al 10% del totale con un limite massimo di 1 mq. 4. Sono esenti dall'imposta: a) la pubblicità realizzata all'interno dei locali adibiti alla vendita di beni o alla prestazione di servizi quando si riferisca all'attività negli stessi esercitata, nonché i mezzi pubblicitari, ad eccezione delle insegne, esposti nelle vetrine e sulle porte di ingresso dei locali medesimi purché siano attinenti all'attività in essi esercitata e non superino, nel loro Comune di Prato - Regolamento imposta pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Pagina 15 d 17

16 insieme, la superficie complessiva di mezzo metro quadrato per ciascuna vetrina o ingresso; b) gli avvisi al pubblico esposti nelle vetrine o sulle porte di ingresso dei locali, o in mancanza nelle immediate adiacenze del punto di vendita, relativi all'attività svolta, nonché quelli riguardanti la localizzazione e l'utilizzazione dei servizi di pubblica utilità, che non superino la superficie di mezzo metro quadrato e quelli riguardanti la locazione o la compravendita degli immobili sui quali sono affissi, di superficie non superiore ad un quarto di metro quadrato; c) la pubblicità comunque effettuata all'interno, sulle facciate esterne o sulle recinzioni dei locali di pubblico spettacolo qualora si riferisca alle rappresentazioni in programmazione; d) la pubblicità, escluse le insegne, relativa ai giornali ed alle pubblicazioni periodiche, se esposta sulle sole facciate esterne delle edicole o nelle vetrine o sulle porte di ingresso dei negozi ove si effettua la vendita; e) la pubblicità esposta all'interno delle stazioni dei servizi di trasporto pubblico di ogni genere inerente l'attività esercitata dall'impresa di trasporto, nonché le tabelle esposte all'esterno delle stazioni stesse o lungo l'itinerario di viaggio, per la parte in cui contengano informazioni relative alle modalità di effettuazione del servizio; f) la pubblicità esposta all'interno delle vetture ferroviarie, degli aerei e delle navi, ad eccezione dei battelli di cui all'art. 13; g) la pubblicità comunque effettuata in via esclusiva dallo Stato e dagli enti pubblici territoriali; h) le insegne, le targhe e simili apposte per l'individuazione delle sedi di comitati, associazioni, fondazioni ed ogni altro ente che non persegua scopo di lucro; i) le insegne, le targhe e simili la cui esposizione sia obbligatoria per disposizione di legge o di regolamento sempre che le dimensioni del mezzo usato, qualora non espressamente stabilite, non superino il mezzo metro quadrato di superficie. 5. L'imposta non è dovuta per le insegne di esercizio di attività commerciali e di produzione di beni o servizi che contraddistinguono la sede ove si svolge l'attività cui si riferiscono, di superficie complessiva fino a 5 metri quadrati. I comuni, con regolamento adottato ai sensi dell'articolo 52 del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, possono prevedere l'esenzione dal pagamento dell'imposta per le insegne di esercizio anche di superficie complessiva superiore al limite di cui al primo periodo del presente comma (20). 6. Idonea documentazione deve essere presentata ai fini dell esenzione dall imposta per l apposizione di insegne, targhe e simili per l individuazione delle rispettive sedi. Comune di Prato - Regolamento imposta pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Pagina 16 d 17

17 CAPO VI: DISPOSIZIONI FINALI E TRANSITORIE Articolo 32: Norma finale di rinvio Per tutto quanto non espressamente contemplato nel presente Regolamento, si applicano le disposizioni del Decreto Legislativo 15 novembre 1993, n. 507 e successive modificazioni ed integrazioni, nonché le altre norme di legge e di regolamento applicabili alla materia. Articolo 33: Entrata in vigore Il presente regolamento una volta esecutivo è pubblicato all Albo Pretorio per quindici giorni consecutivi, ai sensi dell art. 124 del Testo Unico Enti Locali approvato con legge n. 267/2000 ed entra in vigore dal 1 gennaio Articolo 34: Scadenza pagamento anno 2010 Per l anno 2010 il termine della scadenza fissata al 31 gennaio viene spostato all ultimo giorno del mese successivo all adozione del Bilancio di Previsione. Comune di Prato - Regolamento imposta pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Pagina 17 d 17

COMUNE DI MONTEMURLO Provincia di Prato

COMUNE DI MONTEMURLO Provincia di Prato COMUNE DI MONTEMURLO Provincia di Prato IMPOSTA DI PUBBLICITÀ E DIRITTO DI PUBBLICHE AFFISSIONI IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs n.507/93 art. 12 - Categoria normale - Pubblicità ordinaria (insegne,

Dettagli

COMUNE DI TIGLIETO PROVINCIA DI GENOVA

COMUNE DI TIGLIETO PROVINCIA DI GENOVA IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 1993, n. 507 Tariffe vigenti a decorrere dal 1 gennaio 2002 A) IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ art.12 Pubblicità ordinaria

Dettagli

Comune di Pesaro Gestione I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

Comune di Pesaro Gestione I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Comune di Pesaro Gestione I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Contribuenti interessati L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari,

Dettagli

IMPOSTA SULLA PUBBLICITA'

IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' (+ %) PUBBLICITA' ORDINARIA ( Art 12; per 1 mq.) - Annuale: da mq 5,5 a mq 8,5 13,634 20,451 27,268 - Non superiore a 3 mesi, per ogni mese o frazione: da mq 5,5 a mq 8,5 1,363

Dettagli

Ufficio Ragioneria e Tributi Via Roma, 69-36030 tel. 0445/333329 - fax n. 0445/330029 e-mail : tributi@comune.zugliano.vi.it www.comune.zugliano.vi.

Ufficio Ragioneria e Tributi Via Roma, 69-36030 tel. 0445/333329 - fax n. 0445/330029 e-mail : tributi@comune.zugliano.vi.it www.comune.zugliano.vi. Ufficio Ragioneria e Tributi Via Roma, 69-36030 tel. 0445/333329 - fax n. 0445/330029 e-mail : tributi@comune.zugliano.vi.it www.comune.zugliano.vi.it IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ Prima di iniziare

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE D.L. 507/93 DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

NUOVO REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE D.L. 507/93 DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI NONANTOLA Ufficio Tributi NUOVO REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE D.L. 507/93 DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 38 del 11.09.2014 COMUNE DI SISSA TRECASALI Provincia di Parma REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE

Dettagli

D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ

D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ C O M U N E D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione. 1. La pubblicità esterna effettuata nell ambito del Comune

Dettagli

4. ESPOSIZIONE DELLE LOCANDINE

4. ESPOSIZIONE DELLE LOCANDINE Imposta Comunale Pubblicità e Diritto Pubbliche Affissioni Comune di Cesano Maderno (MB) Gestore: ASSP S.p.A. Via Garibaldi n. 20 Cesano Maderno (MB) Telefono 0362/6445205 Fax 0362/553963 e-mail: affissioni@assp.it

Dettagli

COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA Con sede in S. Piero in Bagno (Provincia di Forlì Cesena) ---------------------------------- - Servizio Tributi

COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA Con sede in S. Piero in Bagno (Provincia di Forlì Cesena) ---------------------------------- - Servizio Tributi COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA Con sede in S. Piero in Bagno (Provincia di Forlì Cesena) ---------------------------------- - Servizio Tributi Allegato A alla deliberazione C.C. n. 88 dell 08/09/1994 Il Segretario

Dettagli

COMUNE DI LOREGGIA PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI LOREGGIA PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI LOREGGIA PROVINCIA DI PADOVA SOMMARIO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito e scopo del Regolamento Art. 2 Classificazione del Comune Art. 3 Gestione del servizio Art. 4 Tariffe e maggiorazioni

Dettagli

Comune di MODENA Servizio Tributi Gestione I.C.A. Srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

Comune di MODENA Servizio Tributi Gestione I.C.A. Srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Comune di MODENA Servizio Tributi Gestione I.C.A. Srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Contribuenti interessati L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Comune di Ponte San Nicolò Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI approvato con atto di C.C. n. 87 del 22.12.1995

Dettagli

Comune di Pisa. Regolamento per la disciplina delle pubbliche affissioni e per l applicazione del Diritto sulle pubbliche affissioni

Comune di Pisa. Regolamento per la disciplina delle pubbliche affissioni e per l applicazione del Diritto sulle pubbliche affissioni Comune di Pisa Regolamento per la disciplina delle pubbliche affissioni e per l applicazione del Diritto sulle pubbliche affissioni Approvato con Deliberazione del C.C. n. 19 del 29.04.2010 1 Indice Capo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI - Approvato con deliberazione

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. In concessione a I.C.A. srl

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. In concessione a I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA In concessione a I.C.A. srl Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione

Dettagli

Comune di Rio Saliceto Provincia di Reggio Emilia

Comune di Rio Saliceto Provincia di Reggio Emilia Comune di Rio Saliceto Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI

Dettagli

COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO I NORME GENERALI ART. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO 1. E istituito, in tutto il

Dettagli

Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e dei diritti sulle pubbliche affissioni

Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e dei diritti sulle pubbliche affissioni REGOLAMENTO PER L APPLIICAZIIONE DELL IIMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLIICIITA E DEII DIIRIITTII SULLE PUBBLIICHE AFFIISSIIONII ((Delliiberra dii C..C.. n..20//103471//06 dell 12//03//2007)) 1 Numero articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI.

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI. COMUNE DI GALLIERA 1 Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI. (testo in vigore dal 1 luglio

Dettagli

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione

Dettagli

REGOLAMENTO AFFISSIONI

REGOLAMENTO AFFISSIONI Pagina 1 di 6 Documento PER L APPLICAZIONE DEL DIRITTO SULLE AFFISSIONI PUBBLICHE Rev. Data Oggetto della revisione 1 2 3 25.08.1994 13.02.2006 22.09.2012 1a emissione - Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

Imposta comunale sulla pubblicità

Imposta comunale sulla pubblicità Città di Trevi Provincia di Perugia Imposta comunale sulla pubblicità PG TRIB 006 Rev 00 11-04-13 UFFICIO TRIBUTI Dove rivolgersi Ufficio Tributi- Piazza Mazzini 21 Tel. 0742/332233 Fax 0742332237 Orario

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con delibera di C.C. n. 105

Dettagli

Comune di Riolo Terme Provincia di Ravenna IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ' E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Comune di Riolo Terme Provincia di Ravenna IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ' E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI ITIRID arebiled led led Comune di Riolo Terme Provincia di Ravenna IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ' E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI - Approvato con CC. N 57 del 30/06/94 (CRC 03/10/94 prot. N 26138) - Modificato

Dettagli

Servizio Pubbliche Affissioni (Affissione, a cura del Comune, di manifesti su appositi impianti a ciò destinati)

Servizio Pubbliche Affissioni (Affissione, a cura del Comune, di manifesti su appositi impianti a ciò destinati) Comune di Triggiano SCHEDA INFORMATIVA Servizio Pubbliche Affissioni (Affissione, a cura del Comune, di manifesti su appositi impianti a ciò destinati) Riferimenti normativi e regolamentari D.Lgs. 507/93:

Dettagli

COMUNE DI VILLAFALLETTO

COMUNE DI VILLAFALLETTO COMUNE DI VILLAFALLETTO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO I D.Lgs. 15 novembre 1993, n. 507 Testo coordinato del regolamento approvato

Dettagli

f) la pubblicità esposta all'interno delle vetture ferroviarie, degli aerei e delle navi, ad eccezione dei battelli di cui all'art.

f) la pubblicità esposta all'interno delle vetture ferroviarie, degli aerei e delle navi, ad eccezione dei battelli di cui all'art. Contribuenti interessati L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione visive e/o acustiche diverse da quelle

Dettagli

CAPO I - Disposizioni generali

CAPO I - Disposizioni generali CAPO I - Disposizioni generali ART. 1 - Ambito e scopo del regolamento ART. 2 - Classificazione del Comune ART. 3 - Gestione del servizio affissioni e dell'accertamento e riscossione dell'imposta e del

Dettagli

Circolare N. 153 del 20 Novembre 2014

Circolare N. 153 del 20 Novembre 2014 Circolare N. 153 del 20 Novembre 2014 Gli annunci immobiliari, anche se esposti sulla vetrina dell agenzia, scontano l imposta sulla pubblicita Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che,

Dettagli

COMUNE DI CENTO (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI CENTO (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CENTO (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI (Testo coordinato) Approvato con DC n. 94 del 31.7.1995

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di

Dettagli

Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e sulle pubbliche affissioni

Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e sulle pubbliche affissioni COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI (Provincia di Livorno) Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e sulle pubbliche affissioni APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.

Dettagli

Comune di Giulianova VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

Comune di Giulianova VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Contribuenti interessati Comune di Giulianova VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. Comune di FERRARA. In concessione ad I.C.A. srl

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. Comune di FERRARA. In concessione ad I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Comune di FERRARA In concessione ad I.C.A. srl Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari,

Dettagli

PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI - APPROVATO DELIBERAZ. C.C. N. 62 DEL 28.09.1995 - MODIFICATO DELIBERAZ. C.C. N.

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE DI PUBBLICITA. D. Lgs. 507/1993 Capo I artt. 1-17

IMPOSTA COMUNALE DI PUBBLICITA. D. Lgs. 507/1993 Capo I artt. 1-17 IMPOSTA COMUNALE DI PUBBLICITA D. Lgs. 507/1993 Capo I artt. 1-17 OGGETTO DELL IMPOSTA È oggetto dell imposta la diffusione di messaggi pubblicitari effettuata con forme di comunicazione visive e acustiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA DI PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA DI PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA DI PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Il presente Regolamento (composto da n. 33 articoli) è stato approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Dettagli

Regolamento per l applicazione dell imposta sulla pubblicità e per l effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni

Regolamento per l applicazione dell imposta sulla pubblicità e per l effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni COMUNE DI MORTEGLIANO PROVINCIA DI UDINE C.A.P.: 33050 PIAZZA G. VERDI, 10 FAX 0432/761778 TEL. 0432/826842 C.F. 80006650305 P.IVA 00677260309 Email: tributi@com-mortegliano.regione.fvg.it Internet: http://www.comune.mortegliano.ud.it/

Dettagli

COMUNE DI CASTELLUCCIO DEI SAURI (Provincia di Foggia)

COMUNE DI CASTELLUCCIO DEI SAURI (Provincia di Foggia) COMUNE DI CASTELLUCCIO DEI SAURI (Provincia di Foggia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI (delibera C.C. n. 17 del 5 maggio 2008)

Dettagli

I conti correnti postali dedicati alla riscossione delle entrate in concessione sono i seguenti:

I conti correnti postali dedicati alla riscossione delle entrate in concessione sono i seguenti: Imposta Comunale sulla Pubblicità Comune di Bologna L imposta è disciplinata dal D.Lgs. n. 507/93 e dal Regolamento Comunale vigente. PRESUPPOSTO DELL IMPOSTA: sono tutti i messaggi pubblicitari diffusi

Dettagli

TARIFFE PER IL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ANNO 2007

TARIFFE PER IL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ANNO 2007 Milano Comune di Milano Settore Pubblicità TARIFFE PER IL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ANNO 2007 Trattazione di Massima della Giunta Comunale n. 13623.055/2002 del 17 settembre 2002 SERVIZIO DELLE

Dettagli

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione visive e/o acustiche diverse da quelle

Dettagli

COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO -Provincia di Bologna- AREA RISORSE SERVIZIO ENTRATE ** * * * REGOLAMENTO

COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO -Provincia di Bologna- AREA RISORSE SERVIZIO ENTRATE ** * * * REGOLAMENTO COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO -Provincia di Bologna- AREA RISORSE SERVIZIO ENTRATE ** * * * REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTACOMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

CAPO 1 : Disposizioni Generali

CAPO 1 : Disposizioni Generali COMUNE DI SCANDIANO PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Il presente regolamento: 1) E stato approvato

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO SERVIZIO PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO SERVIZIO TRIBUTI REGOLAMENTO SERVIZIO PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 25 del 30 marzo 1999 Modificato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine

COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine approvato con deliberazione CC. n. 36 dd.09.11.2002 (aggiornato con emendamenti) S O M M A R I O CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 33 DEL 13.05.1994

Dettagli

Servizio Tributi REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Servizio Tributi REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Servizio Tributi REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI (Art. 3 del D.Lgs. 15/11/93 n. 507) Delibera Consiglio Comunale n. 246 del

Dettagli

PUBBLICITA ANNUALE CLASSE 3 (30.001-100.000 ab.)

PUBBLICITA ANNUALE CLASSE 3 (30.001-100.000 ab.) PUBBLICITA ANNUALE CLASSE 3 (30.001-100.000 ab.) In questa categoria sono comprese tutte le esposizioni di durata superiore a tre mesi, ad eccezione degli automezzi di proprietà dell impresa per i quali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI approvato con delibera di consiglio comunale n. 31 del 29.12.1995 SOMMARIO

Dettagli

1) TARIFFA PER LA PUBBLICITA ORDINARIA (art.12).

1) TARIFFA PER LA PUBBLICITA ORDINARIA (art.12). TARIFFE VIGENTI PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ Avvertenze: l importo finale da corrispondere al comune deve essere arrotondato all euro, per difetto, se la è inferiore o uguale

Dettagli

C I T T A D I M O R T A R A (Provincia di Pavia)

C I T T A D I M O R T A R A (Provincia di Pavia) C I T T A D I M O R T A R A (Provincia di Pavia) AREA TRIBUTI PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Imposta Comunale sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni. Tariffe per

Dettagli

Imposta comunale sulla pubblicità

Imposta comunale sulla pubblicità Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con delibera di C.C. n. 34 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Allegato A) COMUNE DI LIZZANO IN BELVEDERE ( Provincia di Bologna ) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 25 dell 8 marzo

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Oggetto dell imposta L imposta sulla pubblicità si applica alla diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione visive e/o acustiche diverse da

Dettagli

Regolamento per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e l'effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni

Regolamento per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e l'effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni Regolamento per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e l'effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni Allegato alla Delibera C.C. n. 125 del 15.12.1994 NOTE: Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA, INSEGNE D ESERCIZIO E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA, INSEGNE D ESERCIZIO E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO Provincia di Firenze REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA, INSEGNE D ESERCIZIO E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione del 1 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI MONTELABBATE Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI MONTELABBATE Provincia di Pesaro e Urbino / COMUNE DI MONTELABBATE Provincia di Pesaro e Urbino CLASSE V REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI. ( Decreto

Dettagli

COMUNE DI VALGUARNERA CAROPEPE PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

COMUNE DI VALGUARNERA CAROPEPE PROVINCIA REGIONALE DI ENNA COMUNE DI VALGUARNERA CAROPEPE PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Regolamento APPLICAZIONE dell'imposta COMUNALE sulla PUBBLICITÀ e per l'effettuazione del SERVIZIO delle PUBBLICHE AFFISSIONI S O M M A R I O

Dettagli

INFORMATIVA IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

INFORMATIVA IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA CITTA DI SAMARATE Provincia di Varese INFORMATIVA IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Contribuenti interessati L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.23 DEL 28/6/94 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA CAPO I -DISPOSIZIONI GENERALI ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1.

Dettagli

SERVIZIO PUBBLICHE AFFISSIONI COMMISSIONE PER AFFISSIONE MANIFESTI

SERVIZIO PUBBLICHE AFFISSIONI COMMISSIONE PER AFFISSIONE MANIFESTI Commissione: N del SERVIZIO PUBBLICHE AFFISSIONI COMMISSIONE PER AFFISSIONE MANIFESTI Il/la sottoscritto/a nato a il Codice fiscale residente a Prov. Via/Piazza n telefono cellulare indirizzo di posta

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI FORMIGNANA Provincia di Ferrara REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

Imposta comunale sulla pubblicità

Imposta comunale sulla pubblicità Imposta comunale sulla pubblicità Oggetto dell'imposta e soggetti passivi Presupposto per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità è la diffusione di messaggi pubblicitari effettuata attraverso

Dettagli

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI (Approvato con Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITA E DIRITTO PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITA E DIRITTO PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITA E DIRITTO PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 47 del 28/07/1995 Modificato con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI (Approvato con deliberazione di C.C. n.17 del 30.03.2005) 1 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI PONTE SAN PIETRO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione consiliare n. 53 del 18.12.2003.

Dettagli

DI M A N F R E D O N I A (Provincia di Foggia)

DI M A N F R E D O N I A (Provincia di Foggia) C I T T A DI M A N F R E D O N I A (Provincia di Foggia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con Deliberazione

Dettagli

CONCESSIONARIO IMPOSTA COMUNALE PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI PONZANO VENETO

CONCESSIONARIO IMPOSTA COMUNALE PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI PONZANO VENETO CONCESSIONARIO IMPOSTA COMUNALE PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI PONZANO VENETO L Imposta Comunale sulla Pubblicità e i Diritti sulle Pubbliche Affissioni Di seguito riportiamo un sintetico

Dettagli

CONCESSIONARIO IMPOSTA COMUNALE PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE

CONCESSIONARIO IMPOSTA COMUNALE PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE CONCESSIONARIO IMPOSTA COMUNALE PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE L Imposta Comunale sulla Pubblicità e i Diritti sulle Pubbliche Affissioni Di seguito riportiamo un sintetico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CAPURSO Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI (Approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Chiarimenti riguardo ai dubbi più frequenti

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Chiarimenti riguardo ai dubbi più frequenti IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Chiarimenti riguardo ai dubbi più frequenti Che cos è l imposta sulla pubblicità? Come l occupazione di suolo pubblico, l ICI o la tassa sui

Dettagli

CITTÀ DI CERIGNOLA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Atto N.295 In data 15-11-2013

CITTÀ DI CERIGNOLA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Atto N.295 In data 15-11-2013 CITTÀ DI CERIGNOLA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Atto N.295 In data 15-11-2013 OGGETTO: Approvazione tariffe Imposta sulla Pubblicita' e Diritti sulle Pubbliche Affissioni. - Anno 2013.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI SOM M A R I O CAPO I: DISPO S I Z I O N I GENE RALI Art. 1 - Ambito di applicazione Art. 2

Dettagli

Comune di Castelvenere. Regolamento imposta pubblicitàe diritto affissioni

Comune di Castelvenere. Regolamento imposta pubblicitàe diritto affissioni Comune di Castelvenere Regolamento imposta pubblicitàe diritto affissioni 0 CAPITOLO DISPOSIZIONI GENERALI PRIMO Art. 1 Oggetto del regolamento p.2 Art. 2 Classificazione del comune p.2 Art. 3 Categoria

Dettagli

**************************

************************** COMUNE DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI. ************************** S

Dettagli

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Testo integrato e coordinato con le modifiche apportate

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE PROVINCIA DI MILANO. Allegato alla delibera di C.C. n 48 del 16.11.2011

COMUNE DI PREGNANA MILANESE PROVINCIA DI MILANO. Allegato alla delibera di C.C. n 48 del 16.11.2011 COMUNE DI PREGNANA MILANESE PROVINCIA DI MILANO Allegato alla delibera di C.C. n 48 del 16.11.2011 Articolo 1 Affissione diretta 1. Ai sensi dell articolo 20 del Decreto Legislativo n. 507/1993, Comune

Dettagli

REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO SERVIZIO TRIBUTI REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 24 del 30 marzo 1999 Modificato con

Dettagli

COMUNE DI MONTIGNOSO (Provincia di Massa-Carrara) REGOLAMENTO PER L IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI MONTIGNOSO (Provincia di Massa-Carrara) REGOLAMENTO PER L IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI MONTIGNOSO (Provincia di Massa-Carrara) REGOLAMENTO PER L IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI ADOZIONE: Deliberazione consiliare N. 22 del 26.03.2007 1 INDICE GENERALE

Dettagli

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...3 Articolo 1 Oggetto del Regolamento...3 Articolo 3 Disciplina generale...3 Articolo 4 Divieti di installazione ed

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...3 Articolo 1 Oggetto del Regolamento...3 Articolo 3 Disciplina generale...3 Articolo 4 Divieti di installazione ed TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...3 Articolo 1 Oggetto del Regolamento...3 Articolo 3 Disciplina generale...3 Articolo 4 Divieti di installazione ed effettuazione di pubblicità...3 Articolo 5 Autorizzazioni...4

Dettagli

COMUNE DI GAMBETTOLA Provincia di Forlì Cesena

COMUNE DI GAMBETTOLA Provincia di Forlì Cesena COMUNE DI GAMBETTOLA Provincia di Forlì Cesena REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI 1 I N D I C E TITOLO I

Dettagli

INDICE TITOLO I DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA E DELLE AFFISSIONI

INDICE TITOLO I DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA E DELLE AFFISSIONI Comune di Pisa Regolamento comunale per la disciplina della pubblicità e delle affissioni e per l applicazione dell Imposta sulla pubblicità e del Diritto sulle pubbliche affissioni Approvato con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMUNE DI FINALE LIGURE

REGOLAMENTO DEL COMUNE DI FINALE LIGURE ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. N.55 DEL 29/09/1995 REGOLAMENTO DEL COMUNE DI FINALE LIGURE Per l applicazione della IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI TESTO

Dettagli

Comune di Castenaso dell URP. Informazioni utili sull imposta di pubblicità

Comune di Castenaso dell URP. Informazioni utili sull imposta di pubblicità Comune di Castenaso Le guide dell URP Informazioni utili sull imposta di pubblicità 1 COS È È una imposta che si applica sulle esposizioni pubblicitarie, visive o acustiche, nell ambito del territorio

Dettagli

REGOLAMENTO IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTO DI PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTO DI PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTO DI PUBBLICHE AFFISSIONI Adottato con delibera C.C. n. 208 del 13.10.1994 Modificato con delibera C.C. n. 172 del 27.11.2008 Pagina 1 di 18 REGOLAMENTO IMPOSTA

Dettagli

COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Ultima modifica atto di consiglio nr.35 del 26.5.2011 TITOLO I -

Dettagli

CITTÀ DI TORREMAGGIORE (Provincia di Foggia)

CITTÀ DI TORREMAGGIORE (Provincia di Foggia) CITTÀ DI TORREMAGGIORE (Provincia di Foggia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI ALLEGATO alla delibera

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento Comunale per la promozione e la valorizzazione delle Libere Forme Associative Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n 24 del 27.06.2007 1/5

Dettagli

VIA GARIBALDI, 1 08048 TORTOLI INFORMATIVA TOSAP

VIA GARIBALDI, 1 08048 TORTOLI INFORMATIVA TOSAP COMUNE DI TORTOLI PROVINCIA OGLIASTRA VIA GARIBALDI, 1 08048 TORTOLI INFORMATIVA TOSAP La tassa per l'occupazione di suolo pubblico è dovuta per l'occupazione, temporanea o permanente, di tutti gli spazi

Dettagli

C O M U N E D I F A E N Z A

C O M U N E D I F A E N Z A C O M U N E D I F A E N Z A Provincia di Ravenna REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con atto C. C. n 6521/183 del 28.07.1994

Dettagli

CITTA DI GIULIANOVA PROVINCIA DI TERAMO

CITTA DI GIULIANOVA PROVINCIA DI TERAMO CITTA DI GIULIANOVA PROVINCIA DI TERAMO REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ' PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con delibera del Consiglio n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI (Decreto Legislativo 15 novembre 1993, n. 507) Approvato con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia Servizio Segreteria REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO

Dettagli

COMUNE DI MERCATO SARACENO

COMUNE DI MERCATO SARACENO COMUNE DI MERCATO SARACENO PROVINCIA DI FORLI CESENA SERVIZIO TRIBUTI REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI DI PUBBLICA AFFISSIONE ( Approvato con

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA

COMUNE DI GENZANO DI ROMA COMUNE DI GENZANO DI ROMA Prov. di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE DI CONCESSIONE RICOGNITORIO SUGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Deliberazione consiliare n. 19 del 27 / 04 / 2010 1 INDICE

Dettagli

PROVINCIA DI TARANTO

PROVINCIA DI TARANTO PROVINCIA DI TARANTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED ATTREZZATURE SCOLASTICHE DI COMPETENZA DELLA PROVINCIA DI TARANTO Art. 1 I Consigli d istituto sono tenuti, per legge, alla programmazione

Dettagli