LA DIVISIONE RETAIL. Milano, 6 ottobre 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DIVISIONE RETAIL. Milano, 6 ottobre 2008"

Transcript

1 LA DIVISIONE RETAIL Milano, 6 ottobre 2008 Divisione Retail Italy - HR

2 LE 4 BANCHE AL SOCIETA' Forecast Uscite BANC O DI SIC ILIA T otale HQ DC 905 Business BIPOP CARIRE S.P.A Totale HQ 599 DC 38 Business UNIC.BANCA DI ROM A Totale HQ DC 685 Business UNIC R EDIT BANC A T otale HQ DC Business SUBT OT Divisione R etail Italy H eadquarter 249 T otale

3 CARVE OUT SOCIETA' CARVE OUT Corporate Estero Private UCI/SSC UBCasa UCFin UGC UPA UCI/FP Totale Carve Out BANCO DI SICILIA Totale HQ DC Business BIPOP CARIRE S.P.A Totale HQ DC Business UNIC.BANCA DI ROMA Totale HQ DC Business UNICREDIT BANCA Totale HQ DC Business SUBTOT Divisione Retail Italy Headquarter Totale

4 LE 3 NUOVE BANCHE AL 1.11 CARVE OUT IPOTESI PERIMETRO SOCIETA' Forecast Uscite Totale Carve Out Retail Division Italy NEW UniCredit Banca NEW UniCredit Banca di Roma NEW Banco di Sicilia BANCO DI SICILIA Totale HQ DC Business BIPOP CARIRE S.P.A Totale HQ DC Business UNIC.BANCA DI ROMA Totale HQ DC Business UNICREDIT BANCA Totale HQ DC Business SUBTOT Divisione Retail Italy Headquarter Totale

5 LA DIVISIONE RETAIL RETAIL DIVISION RETAIL HR RETAIL PLANNING & CONTROLLING RETAIL IDENTITY COORDINATION Integration and Strategic Plan Unit RETAIL DIVISION ITALY Retail Italy Communication Unit Retail Customer Satisfaction Italy Unit UCB BDR BDS Risorse (*) Target sizing: FTE RETAIL CORPORATE AFFAIRS RETAIL LEGAL RETAIL ACCOUNTING COORDINATION RETAIL ITALY COMPLIANCE COORDINATION RETAIL FINANCIAL SUPPORT COORDINATION RETAIL COMMERCIAL COORDINATION & CONTROL RETAIL INTERNAL CONTROLS SUPPORT & MONIT. SECURITY ITALY SMALL BUSINESS & OVERDRAFT CREDIT MULTICHANNEL DIRECT BANK RETAIL MARKETING & SEGMENTS RETAIL ORGANIZATION 5 (*) inoltre sono presenti circa 165 risorse temporanee interinali (su GEMO e Call Center)

6 RETAIL DIVISION: IPOTESI SUDDIVISIONE PER PIAZZE (*) 6 (*) Ipotesi elaborata allo stato attuale, suscettibile di ulteriori variazioni.

7 LE ATTIVITA NELLA DIVISIONE RETAIL 1/3 Divisione Retail sono accentrate le seguenti funzioni: Retail Planning & Controlling cui assegnare la responsabilità di supportare il Responsabile della Divisione Retail nelle attività di pianificazione e controllo; Retail HR cui affidare il coordinamento dello sviluppo e della gestione delle Risorse Umane, della definizione e pianificazione delle attività formative, nonché il coordinamento/monitoraggio delle relazioni sindacali/legislazione del lavoro di pertinenza; Retail Identity Coordination con l obiettivo di supportare il Responsabile della Divisione nella costruzione e mantenimento, in coordinamento con le altre strutture di Capogruppo competenti, della identità Retail e nell assicurare forti/coordinati flussi di comunicazione esterna e interna. Retail Italy Department, a cui faranno riferimento le nuove Banche Retail Italiane, si articolerà come di seguito descritto: Retail Marketing & Segments con la responsabilità dell analisi della concorrenza, della gestione/coordinamento del CRM (Customer Relationship Management), dello sviluppo dei modelli distributivi, dei prodotti e dei modelli di servizio Retail; Small Business and Overdraft Credit con la responsabilità per il reporting operativo dei crediti retail Italia, per lo sviluppo progetti, l elaborazione di proposte per lo sviluppo dei modelli di scoring e monitoraggio e relative regole, il supporto alle strutture creditizie delle Banche, nonché la soft collection (attività di sollecito a Clienti in stato di morosità) unica al servizio delle Reti; Retail Organization con la responsabilità dello sviluppo organizzativo, dell ottimizzazione dei processi, dei servizi di front office, dei costi e servizi di pertinenza (dimensionamento delle reti, servizi generali, cost management, monitoraggio SLA, real estate, etc); Multichannel Direct Bank per l indirizzo ed il coordinamento delle attività di sviluppo commerciale dei canali self service (online banking, ATM, call center, remote banking), nonché del Call Center Unico al servizio delle nuove Banche Retail Italiane, cui la Banca affiderà in outsourcing i propri servizi legati al canale telefonico. 7

8 LE ATTIVITA NELLA DIVISIONE RETAIL 2/3 Retail Accounting Coordination cui affidare il coordinamento delle attività contabili delle Banche Retail Italiane, la trasmissione delle linee guida di Capogruppo di competenza e il monitoraggio della loro corretta applicazione; Retail Commercial Coordination & Control che supporta la definizione dei piani commerciali annuali territoriali, delle strategie di pricing retail (e relativa applicazione) e del piano complessivo sportelli delle Banche Retail Italiane; Retail Financial Support Coordination cui affidare il supporto per le operazioni di finanza strutturata, il coordinamento delle attività delle strutture di finanza delle Banche, la trasmissione delle linee guida della Capogruppo e il monitoraggio della loro corretta applicazione; Security Italy cui affidare la definizione e l applicazione, sulla base delle politiche/modelli definiti in coordinamento con le altre strutture di Capogruppo competenti, delle linee operative riguardanti la sicurezza fisica, la sicurezza delle informazioni nonché la definizione e gestione dei piani di business continuity e di crisis management. Security Italy si avvarrà inoltre di alcune strutture decentrate sul territorio, per una maggiore efficacia del presidio a livello locale; Retail Internal Controls Support & Monitoring cui affidare il coordinamento delle attività operative riguardanti l applicazione della normativa antiriciclaggio d intesa con i Referenti Antiriciclaggio delle singole Banche Retail Italiane, il coordinamento dei controlli a distanza e il monitoraggio dei rischi operativi; Retail Corporate Affairs cui affidare il coordinamento/supporto in merito agli adempimenti di carattere societario e amministrativo connessi al funzionamento degli Organi Statutari ed agli Affari Societari di competenza delle Banche (inclusi gli adempimenti connessi ad eventuali Partecipate delle stesse); Retail Legal cui affidare un supporto centralizzato riguardante la consulenza giuridica e la gestione diretta del contenzioso legale (sulla base delle deleghe attribuite) nonché la predisposizione delle contrattualistiche standard a uso delle Banche Retail Italiane e dei contratti infradivisionali; Retail Compliance Coordination cui affidare le funzioni di interfaccia con i referenti di compliance presso le Banche Retail Italiane, assicurando il regolare svolgimento delle verifiche di compliance operativa, con particolare attenzione alle attività di gestione dei servizi di investimento nei confronti della Clientela. 8

9 LE ATTIVITA NELLA DIVISIONE RETAIL 3/3 Integration & Strategic Plan cui affidare il coordinamento dei progetti d integrazione e strategici del Department, focalizzati sulla condivisione delle best practice e sulle sinergie rivenienti dall innovazione e dallo sviluppo di prodotti e modelli di servizio; Retail Italy Communication cui affidare la gestione dei processi di comunicazione (inclusa la Crisis Communications) e del Master Plan di comunicazione, le iniziative editoriali, il supporto alla gestione dei rapporti istituzionali di competenza delle Banche Retail Italiane, l ideazione e l organizzazione degli eventi esterni nazionali e locali, in coordinamento con le altre strutture di Capogruppo competenti; Retail Customer Satisfaction Italy cui affidare lo sviluppo, il coordinamento e il monitoraggio delle iniziative di customer satisfaction nonché la supervisione sulle attività di gestione dei reclami della Clientela. 9

10 DIREZIONE GENERALE Segr. e Affari Generali AMMINISTRATORE DELEGATO Compliance Referente 746 al Customer Sat. & Gest. Reclami Target sizing: 506 FTE DIRETTORE GENERALE Pianif. Comm. e Monit. Supporto Controlli BUSINESS SERVICES RISORSE UMANE GESTIONE COMMERCIALE CREDITI LEGALE AMMINISTRAZ. FINANZA Amministr. Enti EROGAZ. E GEST. CRED. MONITOR. CREDITI Organizzazione Crediti DC Department Unit Team Target della DG con divisione per piazza Piazze Risorse Bologna 246 Milano Torino Altre sedi DC (*) (*) Altre sedi di DG presso le Direzioni Commerciali: Modena, Brescia, Genova, Vicenza, Verona, Treviso (poli Crediti e poli Legali)

11 DIREZIONE GENERALE Segr. e Affari Generali AMMINISTRATORE DELEGATO Compliance Referente 940 al Customer Sat. & Gest. Reclami Target sizing: 353 FTE DIRETTORE GENERALE Pianif. Comm. e Monit. Supporto Controlli BUSINESS SERVICES RISORSE UMANE GESTIONE COMMERCIALE CREDITI LEGALE AMMINISTRAZ. FINANZA Amministr. Enti EROGAZ. E GEST. CRED. MONITOR. CREDITI Organizzazione Crediti DC Department Unit Team Target della DG con divisione per piazza Piazze Risorse Roma Altre sedi DC (*) 139 (*) Altre sedi di DG presso le Direzioni Commerciali: Firenze, Perugia, Frosinone, Napoli, Bari (poli Crediti e Poli Legali)

12 DIREZIONE GENERALE Segr. e Affari Generali AMMINISTRATORE DELEGATO Compliance Referente 765 al Customer Sat. & Gest. Reclami Target sizing: 190 FTE DIRETTORE GENERALE Pianif. Comm. e Monit. Supporto Controlli LEGALE AMMINISTRAZ. FINANZA Amministr. Enti Organizzazione RISORSE UMANE GESTIONE COMMERCIALE CREDITI EROGAZ. E GEST. CRED. MONITOR. CREDITI Department Unit Team Crediti DC Target della DG con divisione per piazza Piazze Risorse Palermo Altre sedi DC (*) 42 (*) Altre sedi di DG presso le Direzioni Commerciali: Catania, Ragusa (poli Crediti)

13 Le Filiali Storiche del BDS BDS Fil. St Milano Torino Roma Tot

14 LE ATTIVITA NELLE DG DELLE BANCHE: 1/2 Customer Satisfaction: e Gestione Reclami ha l obiettivo di garantire un elevato standard di relazione con il Cliente attraverso la cura della customer satisfaction; formulare proposte e iniziative di customer satisfaction articolate per segmento e territorio; gestire i reclami della clientela. Supporto Controlli: Supporto Controlli assiste il Direttore Generale per tutte le attività di controllo interno nei confronti della Rete. Tale struttura effettua attività di coordinamento funzionale dei Team Controlli sul territorio e svolge direttamente alcuni controlli in tema, ad esempio, di Antiriciclaggio, Privacy ecc.. Il Supporto Controlli è il referente per la diffusione e l'applicazione, presso la Banca, delle metodologie avanzate di controllo del rischio operativo e funge da interfaccia operativa con UniCredit Audit per le tematiche di revisione interna. Pianificazione Commerciale e Monitoraggio: Ha l obiettivo di curare l attività di pianificazione commerciale a supporto della gestione della Rete di vendita, attraverso l elaborazione del piano commerciale, partendo dagli obiettivi di budget e ripartendoli su ogni centro di responsabilità della Rete. Monitora inoltre l attività di vendita attraverso l analisi del venduto e la redazione di reportistica ad hoc per l Alta Direzione e la struttura di Gestione Commerciale. Supporta Retail Commercial Coordination and Control per la cura delle logiche e la realizzazione della portafogliazione della clientela. Gestione Commerciale: Gestione Commerciale ha l obiettivo, con il supporto di Retail Commercial Coordination and Control e di Retail Marketing and Segments di Retail Italy Department, di massimizzare nel tempo la contribuzione economica della Banca, garantendone la redditività e la crescita delle quote di mercato, attraverso la gestione congiunta e coerente di qualità del servizio, professionalità e motivazione delle risorse, efficacia e produttività commerciale ed efficienza operativa. Crediti: Crediti ha l obiettivo di garantire la gestione ottimale del portafoglio crediti e del rischio di credito della Banca nel tempo, nell ambito di quanto stabilito dal Consiglio di Amministrazione, in coerenza con le linee guida di Capogruppo, in relazione a indirizzi gestionali, sistemi di rating e facoltà attribuite, avvalendosi anche dei propri presidi sul territorio. 14

15 LE ATTIVITA NELLE DG DELLE BANCHE: 2/2 Amministrazione: Amministrazione ha la responsabilità di assicurare, secondo i principi contabili internazionali ed i criteri indicati dalla Capogruppo, la tempestiva e veritiera rappresentazione della situazione contabile della Banca, nel rispetto della normativa interna ed esterna, garantendo il corretto adempimento degli obblighi fiscali. Legale: Legale ha la responsabilità di assicurare l accuratezza degli adempimenti di carattere legale di competenza della Banca, minimizzando i rischi ed i costi di eventuali contenziosi, nel rispetto delle linee guida e istruzioni delle competenti funzioni di Capogruppo. Finanza: Finanza, nel rispetto delle linee guida e istruzioni delle competenti funzioni di Capogruppo, ha la responsabilità di presidiare le attività inerenti i servizi di investimento e di ottimizzare la gestione delle attività di tesoreria della Banca massimizzandone nel tempo la contribuzione economica e monitorando i rischi di tasso, cambio e liquidità. Organizzazione: Ha la responsabilità di svolgere la funzione di supporto della Banca per l applicazione alla specifica realtà aziendale degli aspetti organizzativi gestiti a livello accentrato: monitorando l andamento nel tempo dei livelli di efficienza ed efficacia della macchina operativa; presidiando i costi e gestendo il processo di spesa; monitorando il rispetto dei livelli di servizio dei contratti infragruppo stipulati con la Divisione Retail ed il Retail Italy Department di Capogruppo. In tale ambito si colloca anche il Referente Business Continuity che svolge la funzione di interfaccia per Security Italy del Retail Italy Department per la gestione dei piani di business continuity e di crisis management. Risorse Umane: Risorse Umane nel rispetto delle linee guida e istruzioni delle competenti funzioni di Capogruppo, garantisce la gestione e lo sviluppo del Personale della Banca. Ha inoltre la responsabilità della gestione amministrativa delle Risorse di competenza, delle relazioni sindacali e delle vertenze del personale/provvedimenti disciplinari. 15

16 FOCUS SU: - CENTRI MUTUI AL 1.11 Distribuzione delle risorse dei CMP ex_ucb sulle 3 nuove Banche 16

17 FOCUS SU: - CENTRI ESTERO Le risorse al dei P.E.M. ex_capitalia che facevano parte della Direzione Corporate, saranno tutte cedute a UCCB ad esclusione di quelle che andranno sui nuovi Centri Estero Retail Risorse 1.11 Distribuzione delle risorse target dei Centri Estero sulle 3 nuove Banche 17

18 18 FOCUS SU: - PEGNO

19 FOCUS SU: - PEGNO (AGENZIA DEDICATA) Direttore di Agenzia Pegno Add. Analisi gemmologiche Responsabile Operativo Agenzia Pegno Responsabile Vendita Responsabile Pegno Coordinatore Operativo Banditore Addetto Stima Addetto Operativo Addetto Custodie Addetto Esposizione / Vendita Addetto stima Sala Aste Laboratorio Analisi Gemmologiche 19

20 FOCUS SU: - PEGNO (AGENZIA MISTA) Direttore Agenzia Addetto Stima Banditore / Addetto Vendite / Esposizione (1) Addetto Custodia (2) (1) Solo presso le Filiali abilitate alla vendita (Bologna - UCB) (2) Può coincidere con Addetto Stima / Operativo (da verificare con Audit/Personale) 20

21 21 GLI INTERVENTI SULLA RETE (2008/2010)

22 RAZIONALIZZAZIONE RETE SPORTELLI Chiusure RRUU Nuova Banca UniCredit Banca UniCredit Banca di Roma Banco di Sicilia TOTALE Riconfigurazioni** RRUU Nuova Banca UniCredit Banca UniCredit Banca di Roma Banco di Sicilia TOTALE **Specializzazioni mass market Specialist Declassamenti RRUU Nuova Banca UniCredit Banca UniCredit Banca di Roma Banco di Sicilia TOTALE

23 23 LA RETE PRE E POST 1.11

24 LA RETE PRE E POST /3 NUMERO SPORTELLI 24 REGIONE EX_BANCA old New Banco di Sicilia New UniCredit Banca New UniCredit Banca di Roma PIEMONTE BANCA DI ROMA PIEMONTE BANCO DI SICILIA PIEMONTE BIPOP CARIRE PIEMONTE UCB VALLE AOSTA BANCA DI ROMA 1 1 VALLE AOSTA UCB LOMBARDIA BANCA DI ROMA LOMBARDIA BANCO DI SICILIA LOMBARDIA BIPOP CARIRE LOMBARDIA UCB TRENTINO ALTO BANCA DI ROMA TRENTINO ALTO BIPOP CARIRE 3 3 TRENTINO ALTO UCB VENETO BANCA DI ROMA VENETO BANCO DI SICILIA VENETO BIPOP CARIRE VENETO UCB FRIULI V.G. BANCA DI ROMA FRIULI V.G. BIPOP CARIRE 4 4 FRIULI V.G. UCB LIGURIA BANCA DI ROMA LIGURIA BANCO DI SICILIA 7 7 LIGURIA BIPOP CARIRE LIGURIA UCB TOT

25 LA RETE PRE E POST /3 NUMERO SPORTELLI 25 REGIONE EX_BANCA old New Banco di Sicilia New UniCredit Banca New UniCredit Banca di Roma EMILIA ROMAGNA BANCA DI ROMA EMILIA ROMAGNA BANCO DI SICILIA EMILIA ROMAGNA BIPOP CARIRE EMILIA ROMAGNA UCB TOSCANA BANCA DI ROMA TOSCANA BANCO DI SICILIA 6 6 TOSCANA BIPOP CARIRE 8 8 TOSCANA UCB UMBRIA BANCA DI ROMA UMBRIA UCB MARCHE BANCA DI ROMA MARCHE BIPOP CARIRE 1 1 MARCHE UCB LAZIO BANCA DI ROMA LAZIO BANCO DI SICILIA LAZIO BIPOP CARIRE 8 8 LAZIO UCB ABRUZZO BANCA DI ROMA ABRUZZO UCB MOLISE BANCA DI ROMA MOLISE UCB CAMPANIA BANCA DI ROMA CAMPANIA UCB TOT

26 LA RETE PRE E POST /3 NUMERO SPORTELLI REGIONE EX_BANCA old New Banco di Sicilia New UniCredit Banca New UniCredit Banca di Roma PUGLIA BANCA DI ROMA PUGLIA UCB BASILICATA BANCA DI ROMA 5 5 BASILICATA UCB CALABRIA BANCA DI ROMA 6 6 CALABRIA UCB SICILIA BANCA DI ROMA SICILIA BANCO DI SICILIA SICILIA UCB SARDEGNA BANCA DI ROMA SARDEGNA UCB totale TOT 26

27 27 ORGANICO DIVISO PER BANCA E PER REGIONE E 1.11

28 Formati esistenti - distributivi - transazionali 28

29 I FORMATI DISTRIBUTIVI Tipologia organizzativa Formato Segmento presidiato AGENZIE SPORTELLI LEGGERI Golden Multispecialist Specialist Affluent Small Business Mass Market Affluent e/o Small Business Mass Market SPORTELLI STACCATI Agenzia TU Non-conforming 1 Tradizionale Indistintamente tutti i segmenti 29 1 individui che, per qualunque ragione (score, credit policy, etc) non rientrano nei criteri di affidamento standard del mercato creditizio

30 FORMATO GOLDEN Mission e Value Proposition risposte alle esigenze di Mission cura del patrimonio personale del privato e dell imprenditore Tot. 5* AGENZIA DEDICATA ALLA CLIENTELA GOLDEN risposte alle esigenze di supporto all attività d impresa Value Proposition Competenze specialistiche e distintive, coerenti con la domanda di investimenti e servizi espressa dai privati nel mercato di riferimento e con le peculiarità del contesto economico di riferimento Soluzioni personalizzate alle esigenze del cliente sia in quanto privato che azienda Transazionalità e trading evoluti FORMAZIONE TIPO Direttore CENTRO D ECCELLENZA nei territori ad alta densità di privati ad alto reddito e di piccole-medie imprese Consulente Piccole Imprese Addetto Servizi alla Clientela** 30 Consulente Personal Banking * 4 nel caso di operatore unico ASC/AFP Addetto Famiglie e Privati** **ruoli unificabili in base alla transazionalità

31 FORMATO MULTISPECIALIST: Mission e Value Proposition risposte alle esigenze di supporto all attività aziendale Mission AGENZIA SPECIALIZZATA VERSO L IMPRESA, L IMPRENDITORE E IL PRIVATO risposte alle esigenze di finanziamento delle famiglie risposte alle esigenze di cura del patrimonio personale Value Proposition Competenze specialistiche e distintive, coerenti con le peculiarità economiche del territorio e con la domanda di servizi espressa dal mercato di riferimento. Soluzioni personalizzate alle necessità espresse dalla clientela-target Execution efficace ed efficiente delle transazioni. CENTRO D ECCELLENZA nei territori ad alto potenziale acquisitivo Tot. min. 4 FORMAZIONE TIPO Direttore 31 CPB* CPB CPB *eventualmente alternativi CPI* CPB AFP CPB CPB ASC CPB CPB

32 FORMATO SPECIALIST Mission e Value Proposition Mission Value Proposition AGENZIA DEDICATA ALLA CLIENTELA MASS MARKET Punto di riferimento specializzato nel servire la clientela Famiglie e Privati Focus su finanziamenti alle famiglie Approccio specialistico su mutui e prestiti Soluzioni personalizzate alle esigenze del cliente Area self parte integrante dell agenzia Transazionalità e trading evoluti PUNTO DI RIFERIMENTO per il segmento Famiglie e Privati Tot. 3 Cash light FORMAZIONE TIPO Tot. 2 Cash less FORMAZIONE TIPO Responsabile ( preposto ) Responsabile ( preposto ) 32 AFP ASC AFP AFP

33 FORMATO AGENZIA TU: Mission e value proposition Mission Value Proposition AGENZIA DEDICATA AL SEGMENTO NON CONFORMING risposte alle esigenze di primo inserimento presso il mondo bancario risposte alle esigenze di finanziamento per l acquisto della prima casa o di credito al consumo Tot. min. 3 Competenze specialistiche e distintive sui prodotti di finanziamento destinati alla clientela non conforming (regole creditizie ad hoc) Soluzioni personalizzate alle esigenze/rischiosità del cliente Personale multilingue orientato all ascolto e all empatia Transazionalità e trading evoluti Servizio di education e tutoring all utilizzo dei canali virtuali FORMAZIONE TIPO Direttore CENTRO DI COMPETENZA DISTINTIVA GESTIONE CLIENTELA NON CONFORMING nei territori ad alta intensità di questa tipologia di clientela 33 Addetto Addetto Relazione Relazione e e Finanziamenti Addetto Relazione e Finanzia-menti Finanzia-menti

34 I FORMATI TRANSAZIONALI FORMATI TRANSAZIONALI Tradizionale Cash Light Cash Less 34 In questi sportelli il servizio di cassa è disponibile ai nostri clienti nei consueti orari di apertura dello sportello. Le agenzie che adottano questo formato offrono un ventaglio completo di servizi transazionali e continuano a rivestire un ruolo chiave nell architettura della nostra Rete. In questi sportelli il servizio di cassa è disponibile soltanto in alcune fasce orarie (es.: dalle 8.30 alle 13.00) e per alcune tipologie di operazioni. A disposizione dei clienti restano in ogni caso, per tutto l orario di apertura dell agenzia: - l ATM evoluto - il chiosco multifunzione (consente l accesso alla BDM ma anche di effettuare alcune operazioni attraverso il Bancomat) In questi sportelli il servizio di cassa è disponibile esclusivamente attraverso la transazionalità evoluta ossia attraverso gli Atm evoluti, i chioschi multifunzione e l esecuzione delle operazioni attraverso la gestione dei Servizi in Busta. Grazie a questi servizi viene quindi raggiunta una drastica riduzione delle attività operative.

35 E Semplice Risparmiare Tempo - cos è - i risultati in UCB - gli investimenti previsti nel triennio 2008/

36 Cos è il progetto E Semplice Risparmiare Tempo SRT è un programma di interventi per: 1 Migliorare la qualità del servizio al cliente in agenzia attraverso l uso di canali alternativi (es.: ATM Tradizionale, ATM Evoluto, Internet banking, ) 2 Liberare allo stesso tempo le figure di front-line permettendo una maggiore focalizzazione su attività commerciali Vantaggi per il cliente Direttore di Agenzia Vantaggi per noi Clienti Utilizzo Canali Alternativi Risparmi tempo Quando vuoi a casa tua Semplice da usare Spendi meno Operi in totale sicurezza Più tempo per ascoltare il cliente Più tempo per svolgere attività a maggior valore commerciale Più tempo per crescere le proprie competenze Aumento della Customer Satisfaction Minor perdita clienti Più redditività sui clienti Small che utilizzano canali diretti 36 Consulenti

37 I RISULTATI IN UCB - della migrazione e della decanalizzazione in UniCredit Banca Milioni di transazioni/anno su clienti UniCredit Banca (proiezione risultato su base dati 1 qtr 2008) 88, ,4 72,1 23, , ,9 79,5 72,5 102,3 86,2 66 ATM Prelievi- Versamenti -Mav Ricariche Internet Cassa -27 % 5,8 0 Totale transazioni 160,1 183,7 198,3 253, mio ( + 60% )

38 I RISULTATI IN UCB In particolare: i risultati della migrazione versamenti in UCB % Migrazione versamenti 1,3 1,3 mln mln di di versamenti versamenti su su ATM ATM evo evo a a Luglio Luglio 60% 50% 40% 30% 33,3% 43,3% 37,6% 48,3% 43,5% 20% 10% 0% 0 17,8% 3,4% 20,0% Agenzie con evoluto Totale banca

39 I RISULTATI IN UCB In particolare: la crescita dei clienti On-line in UCB 2 mln mln di di aderenti 39 Migliaia dic-05 feb Aderenti Aderenti Dispositivi apr-06 giu-06 ago-06 ott-06 dic feb-07 apr-07 giu-07 ago-07 ott dic-07 feb-08 apr-08 giu

40 GLI INVESTIMENTI PREVISTI NEL TRIENNIO 2008/2010 Già nel 2008 è stato forte l investimento sul perimetro ex Capitalia UCB fine ATM 2018 ATM 727 Di cui 345 ATM Ex Capitalia UBdR 1022 ATM evoluti 996 ATM Di cui Areee Self Bipop 200 ATM BdS Di cui 250 Chioschi Ex Capitalia Multimediali Multimediali UBdR Chioschi Multimediali Chioschi PC Chioschi PC Chioschi PC Bipop 110

41 GLI INVESTIMENTI PREVISTI NEL TRIENNIO 2008/2010 Installazioni 2009/2010 a Nuovo Perimetro BANCA 2008 % COPERTURA AL INSTALLAZIONI 2009/2010 N. ATM EVO % COPERTURA AL 2010 UniCredit Banca 69, ,1 UniCredit Banca di Roma 60, ,8 Banco di Sicilia 13, ,9 Totale 60, ,3 41

42 42 Descrizione ruoli (UCB)

43 DIRETTORE CENTRO PICCOLE IMPRESE Collocazione Organigrafica Dipende gerarchicamente dal Direttore di Mercato. Mission del ruolo Assicurare il conseguimento degli obiettivi economici, commerciali, reddituali e di Customer Satisfaction attraverso lo sviluppo della clientela Piccole Imprese e dei privati ad essa connessi, nonché il coordinamento, il supporto e la crescita professionale delle risorse del Centro PI. Compiti 43 Valutare il potenziale commerciale locale, raccogliendo e fornendo al Mercato informazioni riguardanti l andamento complessivo e gli eventi più rilevanti del mercato di riferimento. Garantire il costante monitoraggio dell andamento commerciale e la gestione degli eventuali interventi necessari. Garantire il conseguimento degli obiettivi economici, commerciali e reddituali assegnati all unità attraverso l individuazione ed il soddisfacimento delle diversi e molteplici esigenze della clientela, anche utilizzando la leva del pricing. Assicurare l attuazione delle politiche commerciali nel territorio di competenza, in un ottica di mantenimento e fidelizzazione della clientela esistente e di attrazione di nuovi clienti, nell ambito degli obiettivi assegnati. Curare la definizione e l assegnazione degli obiettivi economici, commerciali e reddituali alle risorse dell unità. Assicurare la corretta erogazione e gestione del credito, deliberando nei limiti delle autonomie assegnate. Garantire, nei limiti delle deleghe attribuite, una corretta gestione dei crediti problematici della clientela Piccole Imprese di riferimento. Assicurare l affermazione del marchio aziendale, uniformando il comportamento delle risorse alle norme Istituzionali in relazione ai valori etici ed alle indicazioni per fornire la massima qualità di servizio. Garantire, in ottica di customer satisfaction, la sollecita definizione dei reclami provenienti dalla clientela. Assicurare il coordinamento e la crescita professionale delle risorse del Centro Piccole Imprese, individuandone e valorizzandone capacità e competenze, e garantendo il rispetto e l intercambiabilità dei ruoli secondo quanto previsto dal Modello Organizzativo. Supportare, anche con azioni di coaching commerciale (visite congiunte, supporto nella gestione dei clienti problematici, ecc.), l'attività e la crescita dei consulenti del Centro. Curare, a livello locale, il mantenimento dei rapporti con le varie associazioni di categoria.

44 DIRETTORE CENTRO SVILUPPO NUOVA CLIENTELA Collocazione Organigrafica Dipende gerarchicamente dal Direttore di Mercato. Mission del ruolo Assicurare il conseguimento degli obiettivi di acquisizione di nuova clientela, economici, commerciali e reddituali, attraverso una gestione manageriale del Centro, nonché il coordinamento, il supporto e la crescita professionale delle risorse. Compiti Garantire il conseguimento degli obiettivi di acquisizione di nuova clientela, economici, commerciali e reddituali assegnati al Centro, attraverso l individuazione di efficaci azioni commerciali di sviluppo e il collocamento di prodotti adeguati alle strategie aziendali. Assicurare il conseguimento dei propri obiettivi di acquisizione di nuova clientela, economici, commerciali e reddituali. Assicurare l attuazione delle politiche commerciali di sviluppo nel territorio di competenza, finalizzate all attrazione di nuovi clienti, mediante una gestione differenziata in funzione del segmento di appartenenza. Garantire la corretta gestione della nuova clientela, nelle diverse fasi dell acquisizione e dell indirizzo verso le strutture preposte a gestire la relazione commerciale (Agenzia o Centro Piccole Imprese). Curare la definizione e l assegnazione degli obiettivi economici, commerciali e reddituali alle risorse del Centro. Assicurare, a livello di Centro, l affermazione del marchio aziendale, uniformando il comportamento delle risorse alle norme Istituzionali in relazione ai valori etici ed alle indicazioni per fornire la massima qualità di servizio. Assicurare il coordinamento e la crescita professionale delle risorse del Centro, individuandone e valorizzandone capacità e competenze. Ottemperare agli adempimenti amministrativi connessi allo svolgimento dell attività del Centro. 44

INCONTRO CON LE OO.SS.

INCONTRO CON LE OO.SS. INCONTRO CON LE OO.SS. Roma, 4 settembre 2008 L attività commerciale delle banche retail Roma, 4 settembre 2008 Le Strutture di governo della nuova Rete Italia 20 Direzioni Commerciali 275 Direzioni di

Dettagli

Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori

Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 Indice Divisione Banca dei Territori 3 Direzione Marketing Privati 6 Direzione Marketing Small Business 15 Direzione Marketing Imprese 23

Dettagli

Funzionigramma delle Direzioni di Area della Divisione Banca dei Territori

Funzionigramma delle Direzioni di Area della Divisione Banca dei Territori gramma delle Direzioni di Area della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 Indice ORGANIGRAMMA...3 FUNZIONIGRAMMA...5 DIRETTORE DI AREA...6 CREDITI...6 CONTROLLI...7 PERSONALE...8 COORDINATORE DI MERCATO

Dettagli

Controllo Interno. Aree Territoriali. RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione

Controllo Interno. Aree Territoriali. RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Controllo Interno Aree Territoriali RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Agenda 2 Il modello organizzativo : logiche e obiettivi Il perimetro organizzativo/geografico Controllo Interno: Aree Territoriali

Dettagli

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 654/AD del 24 lug 2007. Trenitalia

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 654/AD del 24 lug 2007. Trenitalia DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 654/AD del 24 lug 2007 Trenitalia Principali logiche organizzative: Al fine di migliorare l efficacia del processo di monitoraggio del servizio di trasporto passeggeri e merci

Dettagli

Internal Auditing. Aree Territoriali Audit Area Manager. 09 ottobre 2007. HRO Sviluppo Organizzativo

Internal Auditing. Aree Territoriali Audit Area Manager. 09 ottobre 2007. HRO Sviluppo Organizzativo Internal Auditing Aree Territoriali Audit Area Manager 09 ottobre 2007 HRO Sviluppo Organizzativo Agenda 2 Assetto preesistente Assetto preesistente: dettaglio territoriale Il modello organizzativo di

Dettagli

Funzionigrammi delle Strutture

Funzionigrammi delle Strutture Funzionigrammi delle Strutture Indice del documento Divisione Banca dei Territori 3 Divisione Corporate e Investment Banking 25 Divisione Banche Estere 52 Finanza di Gruppo 58 Direzione Affari Societari

Dettagli

3.927 1.905 2.526 2.468

3.927 1.905 2.526 2.468 N accessi alla Procedura Risorse senza requisiti Domande inserite Art. 43 Domande presenti in graduatoria Residenti a L Aquila 3.927 1.905 2.526 58 2.468 17 CAUSALI ASSENZA DEI REQUISITI >20 gg. di malattia

Dettagli

Direzione Marketing Small Business Missione

Direzione Marketing Small Business Missione Direzione Marketing Small Business Missione Soddisfare i bisogni della clientela Small Business 1, compresi gli Enti, attraverso un presidio integrato di segmento, prodotto e canale Definire un modello

Dettagli

Perché diventare Collaboratore di Kiron Partner S.p.A 3 buoni motivi per scegliere il proprio futuro. v. 07.15

Perché diventare Collaboratore di Kiron Partner S.p.A 3 buoni motivi per scegliere il proprio futuro. v. 07.15 Perché diventare Collaboratore di Kiron Partner S.p.A 3 buoni motivi per scegliere il proprio futuro v. 07.15 1 Diventare Collaboratore di Kiron Partner S.p.A significa entrare a far parte di un grande

Dettagli

MP - Servizi al Cliente. Evoluzione Back Office

MP - Servizi al Cliente. Evoluzione Back Office Allegato 1 MP - Servizi al Cliente Evoluzione Back Office 22 febbraio 2011 Evoluzione del Back Office Integrato Il percorso evolutivo del modello di assistenza al Cliente e agli UP intrapreso all interno

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

AGENTI: 1.375 (2005: 1.408) AGENTI: 469 (2005: 489) SUBAGENTI: 5.422 (2005: 6.799) SUBAGENTI: 1.178 (2005: 1.385) GERENZE ALLIANZ SUBALPINA

AGENTI: 1.375 (2005: 1.408) AGENTI: 469 (2005: 489) SUBAGENTI: 5.422 (2005: 6.799) SUBAGENTI: 1.178 (2005: 1.385) GERENZE ALLIANZ SUBALPINA RAS-Riunione Adriatica di Sicurtà - Bilancio Sociale 26 Canali distributivi Chi sono Agenti assicurativi La missione degli agenti (1.844 a fine 26) è aiutare i clienti a individuare le soluzioni assicurative

Dettagli

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI Case Study: Banca Lombarda e Piemontese Milano, 18 luglio 2003 Agenda Agenda (31/12/1999) Il Modello Organizzativo Il Modello Distributivo

Dettagli

MP - Servizi al Cliente. Evoluzione Back Office

MP - Servizi al Cliente. Evoluzione Back Office MP - Servizi al Cliente Evoluzione Back Office 15 Dicembre 2010 Evoluzione del Back Office Integrato Il percorso evolutivo del modello di assistenza al Cliente e agli UP intrapreso all interno di MP, finalizzato

Dettagli

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE INDICE Direttore di Filiale... 3 Modulo Famiglie... 4 Coordinatore Famiglie... 4 Assistente alla Clientela... 5 Gestore Famiglie... 6 Ausiliario... 7 Modulo Personal

Dettagli

IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE

IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE Andrea Innocenti PMP CGEIT Banca CR Firenze - Specialista Controllo Service andrea.innocenti@carifirenze.it Monitoraggio e controllo:

Dettagli

Progetto VolontarioCard Partnership UBI / Ciessevi Milano e CSV Napoli Incontro di presentazione

Progetto VolontarioCard Partnership UBI / Ciessevi Milano e CSV Napoli Incontro di presentazione Progetto VolontarioCard Partnership UBI / Ciessevi Milano e CSV Napoli Incontro di presentazione Milano, 25 novembre 2015 Posizionamento di UBI Banca Forte posizionamento competitivo Copertura regionale

Dettagli

Disposizione Organizzativa. Equitalia Servizi di riscossione SpA n. 01 del 04.05.2016

Disposizione Organizzativa. Equitalia Servizi di riscossione SpA n. 01 del 04.05.2016 Disposizione Organizzativa Equitalia Servizi di riscossione SpA n. 01 del 04.05.2016 DO_EQSR STRUTTURA ORGANIZZATIVA_01 DO_EQSR_STRUTTURA ORGANIZZATIVA_01 Roma, 04 maggio 2016 Oggetto: Equitalia Servizi

Dettagli

vision CHI SIAMO MISSION Pagina 1

vision CHI SIAMO MISSION Pagina 1 company profile vision chi siamo mission back office rete distributiva struttura e modello organizzativo processi di certificazione collaboratori e accreditamento presso partner prestitosi governance e

Dettagli

Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità

Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità Corrado Avesani - CRM 2001 Strumenti evoluti per il rapporto con la clientela Convegno ABI Roma, 14 dicembre 2001 Agenda Multicanalità e CRM Il concetto di multicanalità

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 23.12.2104 ORDINE DI SERVIZIO n. 33/14 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione AMMINISTRAZIONE,

Dettagli

NUOVI MODELLI DI SERVIZIO: evoluzione dei progetti

NUOVI MODELLI DI SERVIZIO: evoluzione dei progetti NUOVI MODELLI DI SERVIZIO: evoluzione dei progetti Nella giornata di ieri l Azienda ha fornito ulteriori aggiornamenti sulle sperimentazioni in corso del Nuovo Modello di Servizio delle Imprese e del Retail.

Dettagli

Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria

Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria Milano, 22 Settembre 2011 Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria Milano, 22 Settembre 2011 Paolo Manuelli Gruppo Banca Etruria Michele Tanzi Gruppo ObjectWay 1

Dettagli

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE INDICE Direttore di Filiale Imprese... 3 Coordinatore... 4 Gestore Imprese... 5 Addetto Imprese... 6 Specialista Estero Merci... 7 Specialista Credito

Dettagli

RIORGANIZZAZIONE DELLA BANCA

RIORGANIZZAZIONE DELLA BANCA UNICREDIT SPA SAS DI COMPLESSO NAZIONALE INFORMATIVA RISERVATA AGLI ISCRITTI INFORMATIVA RISERVATA AGLI ISCRITTI RIORGANIZZAZIONE DELLA BANCA Milano, 2 ottobre 2014 Nei giorni 17 e 18 settembre si sono

Dettagli

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 18/07/2013 Circolare

Dettagli

Conferimento Ramo d azienda. Siena, 6 maggio 2014

Conferimento Ramo d azienda. Siena, 6 maggio 2014 Conferimento Ramo d azienda Siena, 6 maggio 2014 2014 Widiba. All rights reserved. Gruppo MPS 1 Il mercato italiano è fortemente influenzato dalla digital evolution e dai nuovi modelli relazionali Da banca

Dettagli

CARIGE: L EVOLUZIONE NEL RETAIL BANKING MANTENENDO LA TRADIZIONE DI SERVIZIO. CARLO ARZANI (Vice Direttore Generale Vicario - Banca Carige S.p.A.

CARIGE: L EVOLUZIONE NEL RETAIL BANKING MANTENENDO LA TRADIZIONE DI SERVIZIO. CARLO ARZANI (Vice Direttore Generale Vicario - Banca Carige S.p.A. BANCA CARIGE CARIGE: L EVOLUZIONE NEL RETAIL BANKING MANTENENDO LA TRADIZIONE DI SERVIZIO Molti canali ma un solo sportello CARLO ARZANI (Vice Direttore Generale Vicario - Banca Carige S.p.A.) Milano,

Dettagli

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 941/AD del 14 gen 2010

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 941/AD del 14 gen 2010 DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 941/AD del 14 gen 2010 "Divisione Passeggeri Nazionale/Internazionale" Al fine di massimizzare il risultato di business relativo ai servizi a mercato, la Divisione Passeggeri

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 434/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A.

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 434/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 434/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. La struttura organizzativa DIREZIONE è confermata al dr. Paolo GAGLIARDO, con le specificazioni di seguito riportate. Alle dirette

Dettagli

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013 D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI ESTIMATIVI AREA OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE UFFICIO GESTIONE BANCA DATI QUOTAZIONI OMI 80,00% 20,00% D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori gramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 INDICE ORGANIGRAMMA...3 FUNZIONIGRAMMA...5 DIRETTORE REGIONALE...6 COORDINAMENTO MARKETING E STRATEGIE TERRITORIALI...6

Dettagli

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012 Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata Anno 2012 Premessa Nel settore della vigilanza privata il 2012 è stato un anno di record per gli ammortizzatori sociali, in particolare per

Dettagli

Relazione sugli indicatori di qualità dei servizi di telefonia vocale forniti da Telecom Italia su rete fissa

Relazione sugli indicatori di qualità dei servizi di telefonia vocale forniti da Telecom Italia su rete fissa Relazione sugli indicatori di qualità dei servizi di telefonia vocale forniti da Telecom Italia su rete fissa ANNO Il presente documento riporta gli indicatori di qualità dei servizi di telefonia vocale

Dettagli

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Progettando2006 Approcci e metodologie di Project Management Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Agenda Il Gruppo BPVN SGS - BPVN Un esempio: Il progetto di integrazione tra BPV e BPN Conclusioni

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Riorganizzazione Trenitalia. 14 luglio 2005

Riorganizzazione Trenitalia. 14 luglio 2005 Riorganizzazione Trenitalia 14 luglio 2005 2 Riorganizzazione processi di manutenzione Strutture centrali Pianificazione industriale (Nuova) Ingegneria degli impianti e della manutenzione (riorganizz.

Dettagli

Servizi al Cliente. Linee evolutive. Roma, Giugno 2015 19/06/2015

Servizi al Cliente. Linee evolutive. Roma, Giugno 2015 19/06/2015 1 Servizi al Cliente Linee evolutive Roma, Giugno 2015 Agenda 2 Scenario di riferimento Linee Evolutive dell assistenza clienti in Poste Italiane Le azioni da intraprendere verso l evoluzione TSC e Post

Dettagli

UMCI srl. una nuova generazione di Professionisti del Credito

UMCI srl. una nuova generazione di Professionisti del Credito UMCI srl una nuova generazione di Professionisti del Credito Chi siamo L UNIONE MEDIATORI CREDITIZI ITALIANI nasce come Network di Mediazione Creditizia nel 2004. Dal 1 Aprile 2011 opera come soggetto

Dettagli

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. FBA Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/2014 Piani aziendali, settoriali e territoriali FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. 1 MOTIVAZIONI AZIENDALI In un momento

Dettagli

Relazione sugli indicatori di qualità dei servizi di telefonia vocale forniti da Telecom Italia su rete fissa

Relazione sugli indicatori di qualità dei servizi di telefonia vocale forniti da Telecom Italia su rete fissa Relazione sugli indicatori di qualità dei servizi di telefonia vocale forniti da Telecom Italia su rete fissa ANNO Il presente documento riporta gli indicatori di qualità dei servizi di telefonia vocale

Dettagli

MERCATO PRIVATI. Filiale Operazioni. 10 marzo 2010

MERCATO PRIVATI. Filiale Operazioni. 10 marzo 2010 MERCATO PRIVATI Filiale Operazioni 10 marzo 2010 Evoluzioni Organizzative Superamento delle 95 Casse Provinciali e confluenza attività vs il Servizio Sportelli Movimento Fondi (settembre 2003) Riorganizzazione

Dettagli

Il Gruppo Poste Italiane e la Piattaforma PosteGov. Una Rete delle Reti per un reale contributo all efficientamento della Pubblica Amministrazione

Il Gruppo Poste Italiane e la Piattaforma PosteGov. Una Rete delle Reti per un reale contributo all efficientamento della Pubblica Amministrazione Il Gruppo Poste Italiane e la Piattaforma PosteGov Una Rete delle Reti per un reale contributo all efficientamento della Pubblica Amministrazione L azienda Poste Italiane Il Gruppo Posteitaliane si rivolge

Dettagli

ORGANO DI COORDINAMENTO R.S.A. BANCA NAZIONALE DEL LAVORO

ORGANO DI COORDINAMENTO R.S.A. BANCA NAZIONALE DEL LAVORO ORGANO DI COORDINAMENTO R.S.A. BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Alle R.S.A. FABI BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Loro Indirizzi Oggetto: Riorganizzazione della Banca Nazionale del Lavoro SpA Informativa ai sensi

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

Banca Popolare Etica. Roberto Guerra direttore filiale di Bari Banca popolare Etica. L interesse più alto è quello di tutti. Venerdì 1 giugno 2012

Banca Popolare Etica. Roberto Guerra direttore filiale di Bari Banca popolare Etica. L interesse più alto è quello di tutti. Venerdì 1 giugno 2012 Banca Popolare Etica L interesse più alto è quello di tutti Roberto Guerra direttore filiale di Bari Banca popolare Etica Venerdì 1 giugno 2012 Banca popolare Etica È punto di incontro tra: risparmiatori

Dettagli

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Bologna 8 marzo 2014 Luca De Vita - RetImpresa

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Bologna 8 marzo 2014 Luca De Vita - RetImpresa Il Progetto di Confindustria per competere in rete Bologna 8 marzo 2014 Luca De Vita - RetImpresa La rete d impresa: Non ha: sovrastrutture (burocratiche e parapubbliche) Limiti territoriali Limiti settoriali

Dettagli

Regolamento delle Strutture

Regolamento delle Strutture Regolamento delle Strutture Aggiornamento: Dicembre 2010 1 INDICE BANCA PROSSIMA... 3 ORGANIGRAMMA... 5 AMMINISTRATORE DELEGATO... 7 DIRETTORE GENERALE... 8 COMITATI... 9 ATTIVITA COMUNI A TUTTE LE STRUTTURE

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Roma, 28/06/2013 Circolare n. 103 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle

Dettagli

Direzione regionale Piemonte

Direzione regionale Piemonte Direzione regionale Piemonte MEDICO LEGALE LEGALE PENSIONI PRESTAZIONI A SOSTEGNO DEL REDDITO RISORSE E ATTIVITA DI STAFF processo pensioni e conto assicurativo a sostegno del reddito Governo attività

Dettagli

Il caso Banco Popolare

Il caso Banco Popolare 1 Evoluzione dei modelli organizzativi in un contesto di cambiamento Il caso Banco Popolare CeTIF, Milano, 15 Ottobre 2008 Banco Popolare Mauro Guerra Piercarlo Pavesi Agenda 2 Il Gruppo Banco Popolare

Dettagli

MERCATO BUSINESS E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

MERCATO BUSINESS E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MERCATO BUSINESS E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE L attuale contesto economico e di mercato richiede l implementazione di un nuovo modello di presidio della clientela business e pubblica amministrazione finalizzato

Dettagli

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca ABI HR 2008: Banche e Risorse Umane Competenze e merito per crescere nella banca che cambia Andrea Ghidoni Roma, 8 Maggio 2008 Gruppo

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

Sistemi per il mondo che lavora

Sistemi per il mondo che lavora Sistemi per il mondo che lavora LA REALTÀ SISTEMI Sistemi, la dimensione economica. Fatturato in crescita costante: +6,1% nel 2012. Il fatturato relativo ai servizi rappresenta il 95% del fatturato totale,

Dettagli

Perché diventare Collaboratore di Kiron Partner S.p.A 3 buoni motivi per scegliere il proprio futuro. v. 11.15

Perché diventare Collaboratore di Kiron Partner S.p.A 3 buoni motivi per scegliere il proprio futuro. v. 11.15 Perché diventare Collaboratore di Kiron Partner S.p.A 3 buoni motivi per scegliere il proprio futuro v. 11.15 1 Diventare Collaboratore di Kiron Partner S.p.A significa entrare a far parte di un grande

Dettagli

Riorganizzazione UCCB Art. 15 Ccnl

Riorganizzazione UCCB Art. 15 Ccnl Relazioni Sindacali e Legale Lavoro Riorganizzazione UCCB Art. 15 Ccnl Comunicazione alle Organizzazioni Sindacali Verona, 02 Novembre 2009 AGENDA Il nuovo Modello di Servizio Principali innovazioni EFO

Dettagli

IMMOBILIARE. Aree Immobiliari

IMMOBILIARE. Aree Immobiliari IMMOBILIARE Aree Immobiliari RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Agenda 2 Il nuovo modello organizzativo della funzione : le logiche Il processo Le Aree Immobiliari Il nuovo assetto: confluenze

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

SERVIZI PER I CONSULENTI FINANZIARI INDIPENDENTI

SERVIZI PER I CONSULENTI FINANZIARI INDIPENDENTI CHI SIAMO Consultique SIM è una società di analisi e consulenza finanziaria indipendente sotto il controllo di Consob e Banca d Italia, che eroga servizi a investitori privati (family office), aziende,

Dettagli

I sistemi di pagamento nella realtà italiana

I sistemi di pagamento nella realtà italiana I sistemi di pagamento nella realtà italiana 17 marzo 2009 (dati al 2008) La disponibilità delle informazioni sui sistemi di pagamento a fine 2008, permette di aggiornare le analisi sull evoluzione in

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione SDA Bocconi School of Management seconda edizione l obiettivo del progetto formativo Creare condivisione, costruire e rafforzare l alleanza tra management della banca e direttori di filiale, fondata sulla

Dettagli

SCISSIONE PARZIALE DEL RAMO CREDITO AL CONSUMO DA NEOS FINANCE S.P.A. A INTESA SANPAOLO PERSONAL FINANCE S.P.A. Milano, 21 febbraio 2013

SCISSIONE PARZIALE DEL RAMO CREDITO AL CONSUMO DA NEOS FINANCE S.P.A. A INTESA SANPAOLO PERSONAL FINANCE S.P.A. Milano, 21 febbraio 2013 SCISSIONE PARZIALE DEL RAMO CREDITO AL CONSUMO DA NEOS FINANCE S.P.A. A INTESA SANPAOLO PERSONAL FINANCE S.P.A. Milano, 21 febbraio 2013 1 CONTESTO DI MERCATO E POSIZIONAMENTO DI NEOS FINANCE E ISPF Il

Dettagli

Teleperformance Italia

Teleperformance Italia Teleperformance Italia Customer acquisition e gestione della relazione con il Cliente Gabriele Albani 0 Roma, 13 febbraio 2007 1978-2006 Teleperformance All rights reserved Indice Il Gruppo Teleperformance

Dettagli

L integrazione dei dati da fonti interne ed esterne nel processo Order to Cash 27 Maggio, Bardolino

L integrazione dei dati da fonti interne ed esterne nel processo Order to Cash 27 Maggio, Bardolino L integrazione dei dati da fonti interne ed esterne nel processo Order to Cash 27 Maggio, Bardolino AICS MEETING DAY 2009 Agenda La partnership La survey L integrazione Le soluzioni 2 Agenda La partnership

Dettagli

La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento. - Roma, 12 novembre 2010 -

La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento. - Roma, 12 novembre 2010 - La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento - Roma, 12 novembre 2010 - 2 Agenda Attività di Bancoposta Compliance in Bancoposta L applicazione ai servizi di investimento

Dettagli

CORSI PER INSERIMENTO NEL MERCATO LAVORO DURATA 350 600 ORE

CORSI PER INSERIMENTO NEL MERCATO LAVORO DURATA 350 600 ORE 1 La Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni, ente di formazione collegato all Unione CTSP di Milano e provincia, propone la seguente offerta formativa: CORSI PER INSERIMENTO

Dettagli

Insider. Osservatorio trimestrale sul mondo dei promotori finanziari

Insider. Osservatorio trimestrale sul mondo dei promotori finanziari Insider Osservatorio trimestrale sul mondo dei promotori finanziari Secondo trimestre 2014 Promotori stregati dagli emergenti Torna la voglia di emergenti tra i promotori finanziari in un contesto di magri

Dettagli

DOCUMENTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN EDILIZIA 2008-2010 29 novembre 2007

DOCUMENTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN EDILIZIA 2008-2010 29 novembre 2007 DOCUMENTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN EDILIZIA 2008-2010 29 novembre 2007 1. Premessa: a) la Commissione Salute delle Regioni e Province Autonome ha approvato il

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Identità del Gruppo. Profilo del Gruppo Banca Carige. Le tappe del Gruppo Banca Carige

Identità del Gruppo. Profilo del Gruppo Banca Carige. Le tappe del Gruppo Banca Carige Identità del Gruppo Profilo del Gruppo Banca Carige Con oltre 500 anni di tradizione, il Gruppo Banca Carige è fra i primi 10 gruppi bancari italiani e uno dei 14 gruppi italiani sottoposti alla vigilanza

Dettagli

Identità. Siamo un PLAYER STORICO E FINANZIARIAMENTE SOLIDO, presente nel settore dal 1994, con sede unica nel centro di Bergamo.

Identità. Siamo un PLAYER STORICO E FINANZIARIAMENTE SOLIDO, presente nel settore dal 1994, con sede unica nel centro di Bergamo. CHI SIAMO Identità Siamo un PLAYER STORICO E FINANZIARIAMENTE SOLIDO, presente nel settore dal 1994, con sede unica nel centro di Bergamo. Mission We increase your customers value è la filosofia che ci

Dettagli

DECLARATORIA DELLE COMPETENZE DELLE STRUTTURE CENTRALI E PERIFERICHE

DECLARATORIA DELLE COMPETENZE DELLE STRUTTURE CENTRALI E PERIFERICHE DECLARATORIA DELLE COMPETENZE DELLE STRUTTURE CENTRALI E PERIFERICHE DIREZIONE SEGRETERIA ORGANI COLLEGIALI, PIANIFICAZIONE E COORDINAMENTO Esercita le seguenti funzioni e competenze, riportando funzionalmente

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 479/AD del 29 lug 2005 Direzione Risorse Umane e Organizzazione

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 479/AD del 29 lug 2005 Direzione Risorse Umane e Organizzazione ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 479/AD del 29 lug 2005 Direzione Risorse Umane e Organizzazione Principali logiche organizzative: La Direzione Risorse Umane e Organizzazione ridefinisce il proprio

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome(i) / Nome(i) Indirizzo(i) Via F.Guardione,3, 90139 PALERMO (Italia) Telefono(i) 091307918 Cellulare 3348289809 E-mail Cittadinanza frsurdi@libero.it

Dettagli

Dalla Banca Retail alla Banca Digitale

Dalla Banca Retail alla Banca Digitale Dalla Banca Retail alla Banca Digitale Carlo Panella ABI - Dimensione Cliente, 9 Aprile 2014 Il Gruppo CSE: copertura dei servizi bancari Fleet Management: POS, ATM, Cash/Desktop Management, Teller Cash

Dettagli

Dall agosto 2002 al luglio 2014 POSTE ITALIANE S.p.A.

Dall agosto 2002 al luglio 2014 POSTE ITALIANE S.p.A. C L A U D I O P I C U C C I DATI ANAGRAFICI Claudio Picucci nato a Roma il 10/7/54 INCARICO ATTUALE Da Aprile 2015 MILANO SERRAVALLE MILANO TANGENZIALI Assago (MI) Direttore Risorse Umane e Servizi L assetto

Dettagli

IL GRUPPO BANCO POPOLARE

IL GRUPPO BANCO POPOLARE IL GRUPPO BANCO POPOLARE Foto di Lucio Cerofolini Verona - Ponte di Castelvecchio IL GRUPPO BANCO POPOLARE PROFILO DEL GRUPPO BANCO POPOLARE Il Gruppo Banco Popolare è nato il 1 luglio 2007 dalla fusione

Dettagli

Progetto Immobiliare: costituzione di una società di intermediazione immobiliare

Progetto Immobiliare: costituzione di una società di intermediazione immobiliare Progetto Immobiliare: costituzione di una società di intermediazione immobiliare Presentazione alle Organizzazioni Sindacali Milano, 4 maggio 2015 Agenda Inquadramento Progetto (contesto di riferimento

Dettagli

PRASSI DI RIFERIMENTO UNI/PdR 10.1:2014

PRASSI DI RIFERIMENTO UNI/PdR 10.1:2014 PRASSI DI RIFERIMENTO UNI/PdR 10.1:2014 Profili professionali presenti nelle banche commerciali - Requisiti di conoscenza, capacità e competenza - Area Filiale Banking sector job profiles - Knowledge,

Dettagli

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE Carte Diem Roma, Relatore: Alessandro Messina LO SCENARIO DEL CREDITO IN ITALIA A giugno 2008 lo stock di impieghi era pari a 1.543 MLD Di questi, rivolti

Dettagli

Fusione per incorporazione di Centro Factoring in Mediofactoring

Fusione per incorporazione di Centro Factoring in Mediofactoring Fusione per incorporazione di Centro Factoring in Mediofactoring Situazione ante fusione Mediofactoring S.p.A. e Centro Factoring S.p.A. sono Società del gruppo Agenda Contesto di riferimento Organici

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Social Bond UBI Comunità: Valore condiviso

Social Bond UBI Comunità: Valore condiviso Social Bond UBI Comunità: Valore condiviso Damiano Carrara 1 dicembre 2015 1 Posizionamento di UBI Banca Forte posizionamento competitivo 3 Gruppo bancario commerciale italiano per capitalizzazione Circa

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Clément PERRIN / Daniela TAVERNA - Senior Project Manager Milano, 20 Aprile 2012 Con l acquisizione da parte di BNPP 6 anni

Dettagli

L esperienza di Banca Popolare di Milano. Massimo Debidda

L esperienza di Banca Popolare di Milano. Massimo Debidda L esperienza di Banca Popolare di Milano Massimo Debidda Il contesto di riferimento Il Gruppo Bipiemme Linee guida del business Le attese nei confronti dell IT Bipiemme La nostra sfida La chiave per il

Dettagli

GRUPPO POSTE ITALIANE- STRUTTURA ORGANIZZATIVA

GRUPPO POSTE ITALIANE- STRUTTURA ORGANIZZATIVA GRUPPO POSTE ITALIANE- STRUTTURA ORGANIZZATIVA Nel contesto di un mercato in rapida trasformazione, Poste Italiane è determinata a continuare a giocare un ruolo centrale per lo sviluppo e la crescita del

Dettagli

LA CO A C MP O A MP G A INE SOCIA C L IA E L

LA CO A C MP O A MP G A INE SOCIA C L IA E L LA COMPAGINE SOCIALE LA COMPAGINE SOCIALE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza si ispira ai principi di onestà, correttezza, trasparenza e riservatezza nello svolgimento

Dettagli

PROFILI PROFESSIONALI BANCA INTESA

PROFILI PROFESSIONALI BANCA INTESA PROFILI PROFESSIONALI BANCA INTESA Accordo Inquadramenti e ruoli chiave 31 Ottobre 2003 Pubblicato dal Coordinamento Nazionale ad uso degli iscritti PRESENTAZIONE Questa pubblicazione raccoglie e sintetizza

Dettagli

IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari

IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari Allegato al documento tecnico IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari ELENCO delle FIGURE PROFESSIONALI di RIFERIMENTO N 1 - Tecnico superiore per le operazioni di sportello nel settore dei servizi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform

Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform 1. LIVELLO STRATEGICO Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform 1.1 POLITICA DELLA QUALITÀ La dirigenza di Unindustria Perform Srl intende perseguire, quale mission dell Organizzazione, il miglioramento

Dettagli

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI Con riferimento all Ordine di Servizio n 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI e ad attribuire

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 1 Ultimo aggiornamento in data 3 marzo 2016. 2 Sommario

Dettagli

Banking & Financial Diploma Percorso base

Banking & Financial Diploma Percorso base Banking & Financial Diploma Sono oggi più di 3.000 i partecipanti che hanno conseguito l Attestato ABI di professionalità bancaria e finanziaria, con risultati eccellenti in termini di crescita personale

Dettagli