Nuove modalità di dialogo banca-impresa: il ruolo degli asset familiari CARMEN GALLUCCI - GABRIELLA NAVE -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuove modalità di dialogo banca-impresa: il ruolo degli asset familiari CARMEN GALLUCCI - GABRIELLA NAVE -"

Transcript

1 Nuove modalità di dialogo banca-impresa: il ruolo degli asset familiari CARMEN GALLUCCI - GABRIELLA NAVE - ROSALIA SANTULLI LA FILANTROPIA INFLUENZA LE SCELTE DEGLI INDIVIDUI? CONSIDERAZIONI ALLA LUCE DI UN ESPERIMENTO DI ULTIMATUM GAME MARIO TESTA - ANTONIO D AMATO UN MODELLO DI SIMULAZIONE PER LA QUANTIFICAZIONE DEI BENEFICI DELLA FIDUCIA NELLE SUPPLY CHAIN DISTRETTUALI ANTONIO CAPALDO - ILARIA GIANNOCCARO La genesi dei sistemi territoriali vitali. L Accordo di Reciprocità Piana del Sele-Paestum MARCO PELLICANO - MARIA V. CIASULLO - GIULIA MONETTA Il contributo dei certificati bianchi al miglioramento dell efficienza energetica in italia STEFANIA SUPINO - ORNELLA MALANDRINO - DANIELA SICA Capacità di innovazione, clima organizzativo e distanza culturale: un analisi esplorativa nel contesto dell industria farmaceutica bice della piana - enrica vivacqua

2 1 2012

3 RIVISTA SEMESTRALE Anno XX, Numero 1 Giugno 2012 Reg. Trib. Salerno n. 875 del 3/11/1993 Sped. abb. post., art. 2, Comma 20D, Legge 662/96 Distribuzione La rivista è distribuita attraverso il circuito Guida Librerie: Guida Port Alba Via Port Alba, 20/23 Napoli Guida Merliani Via Merliani, 118/120 Napoli Guida Avellino C.so V. Emanuele, 101 Avellino Guida Benevento Via Francesco Flora, 13/15 - Benevento Guida Caserta Via dei Caduti sul lavoro, 29/33 Caserta Guida Ariano Irpino C.so Europa, 28 Avellino Guida Capua C.so Gran Priorato di Malta, 25 - Caserta Guida Francavilla sul Sinni Via Giovanni XXIII, 2/4 Potenza Guida Ischia Via Antonio Sogliuzzo Porto D Ischia (Na) Guida Nola Vico Duomo, 19 Nola (Na) Guida San Domenico P.zza S. Domenico Maggiore, 14/15 Napoli Guida Bibliotè Via Lucio Gallo, 13 Frosinone Abbonamenti Il prezzo di abbonamento alla rivista è di 10,00 se individuale, di 40,00 se ordinario (Enti e Istituzioni). Il pagamento dell abbonamento deve essere effettuato con bollettino di c.c.p. n intestato a Arti Grafiche Boccia Spa - Via Tiberio Claudio Felice, Salerno. Direttore responsabile Vincenzo Carrella Direttore Scientifico Gerardo Metallo Università degli Studi di Salerno Comitato scientifico Aguiari Roberto Università di Roma Tre Sergio Barile Roma La Sapienza Maria del Pilar Muñoz Dueñas Universidad de Vigo Irene Pison Fernandez Universidad de Vigo William Forte Università degli Studi di Salerno Gaetano Maria Golinelli Roma La Sapienza Emanuele Invernizzi Università IULM - Milano Piero Mastroberardino Foggia Philip J. Kitchen The Business School - Hull University - U.K. Alberto Pastore Università degli Studi La Sapienza Maria Proto Università degli Studi di Salerno Marco Pellicano Università degli Studi di Salerno Paolo Ricci Università degli Studi del Sannio - Benevento Sergio Sciarellli Napoli Federico II Pierpaolo Singer Salerno Paolo Polcini Tartaglia Università degli Studi di Salerno Aurelio Tommasetti Salerno Daniela Venanzi Università degli Studi Roma Tre Comitato editoriale Francesco Calza Napoli Parthenope Maria Teresa Cuomo Università degli Studi Salerno Angelo Di Gregorio Milano - Bicocca Carmen Gallucci Salerno Vittoria Marino Università degli Studi di Salerno Gerardo Metallo Salerno Tonino Pencarelli Urbino Alfonso Siano Salerno Responsabile di Redazione Carmen Gallucci Salerno

4 ESPERIENZE D IMPRESA 1/ NUOVE MODALITÀ DI DIALOGO BANCA-IMPRESA: IL RUOLO DEGLI ASSET FAMILIARI * CARMEN GALLUCCI PROFESSORE ASSOCIATO DI FINANZA AZIENDALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO GABRIELLA NAVE PHD STUDENT IN MARKETING E COMUNICAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO ROSALIA SANTULLI PHD STUDENT IN MARKETING E COMUNICAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Sommario: 1. Premessa; 2. Le scelte finanziarie delle imprese familiari; 3. L evoluzione della relazione impresa familiare-sistema creditizio; 4. Il valore delle imprese familiari nella prospettiva degli intermediari finanziari; 5. La comunicazione economicofinanziaria per la valorizzazione dei family asset; 6. Conclusioni. ABSTRACT In light of the numerous legislative measures that, over time, have affected the banking sector with obvious implications on the relationship with the firms, this paper intends to propose some reflections on the connection between banks and family businesses. This type of firms, preferring the bank borrowing, cannot ignore new ways of dialogue to establish with banking system, which give an increasingly weight to intangible asset. Therefore this paper aims to highlight what are the family asset and how these have to be communicated to strengthen the relationship with the bank. KEY WORDS Family business leverage relationship lending family asset family risk. 1. Premessa Negli ultimi anni si sta assistendo alla transizione da un modello economico-finanziario basato sull attività bancaria ad un processo che pone al centro dei meccanismi di finanziamento-investimento il mercato. È, infatti, sempre maggiore l interesse mostrato dalle imprese nei confronti * Il lavoro, benché frutto di riflessioni comuni agli Aut ori, può essere così attribuito: il paragrafo 2 a Gabriella Nave, i paragrafi 3 e 4 a Carmen Gallucci, il paragrafo 5 a Rosalia Santulli. La premessa e le conclusioni sono comuni agli Autori.

5 6 CARMEN ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 GALLUCCI -GABRIELLA NAVE -ROSALIA SANTULLI del mercato dei capitali e degli strumenti in esso negoziati, frutto della consapevolezza acquisita dalle stesse riguardo alla necessità di ricorrere ad un canale diretto nel reperimento di risorse, della diffusione di strumenti e meccanismi innovativi, e soprattutto dei numerosi interventi legislativi finalizzati ad una regolamentazione omogenea dell intero sistema. All interno di questi sistemi economico-finanziari open market, fondati cioè prevalentemente sui circuiti diretti, le imprese possono reperire capitali sia a titolo di rischio sia col vincolo del debito, senza l intermediazione di operatori finanziari (Oriani, 1999). Tale pratica risulta ampiamente diffusa nei Paesi anglosassoni, dove i mercati finanziari sono in grado di sostenere i meccanismi di domanda e di offerta di capitali e di garantire il finanziamento del settore produttivo minimizzando i costi dell intermediazione (Kregel, 1996), diversamente da altri contesti socio-economici, tra cui l Italia. Nel nostro Paese, infatti, prevale ancora un sistema negoziated loan market (Valentinuz, 2000), all interno del quale l acquisizione e l erogazione di capitali sono svolte principalmente da intermediari di estrazione bancaria, che talvolta rappresentano gli unici interlocutori. Tale scelta, se è vero che preclude alle imprese la possibilità di accedere al mercato finanziario, permette loro, grazie alla presenza di un intermediario, di costruire un rapporto personale all interno del quale le condizioni contrattuali possono essere di volta in volta modificate a seconda delle circostanze e delle esigenze degli operatori (Demattè et al., 1993), a differenza delle transazioni impersonali che avvengono nei circuiti finanziari diretti. In Italia, la diffusione di un circuito finanziario bancocentrico è riconducibile agli interventi in materia di legislazione tributaria, che hanno contribuito ad incrementare il ricorso delle imprese al credito bancario, ma soprattutto alla struttura e alla cultura tipicamente familiare che contraddistingue il nostro tessuto imprenditoriale. Alla luce di quanto sin qui esposto e in considerazione anche dei numerosi interventi legislativi che hanno trasformato il settore bancario, sia sul piano del riassetto proprietario e operativo, sia sul piano della gestione del rischio che, con l avvicendarsi degli Accordi di Basilea, spinge sempre più verso una maggiore attenzione e ponderazione degli asset intangibili, il presente lavoro intende proporre alcune riflessioni sul rapporto banca-imprese familiari. Quest ultime, contraddistinte da risorse firm e family specific, non possono trascurare di instaurare con il sistema bancario nuove modalità di dialogo meglio in grado di enfatizzarle, al fine di rafforzare la relazione con tale sistema e ridurre quell asimmetria informativa, generatrice di maggiori costi e, quindi, causa di distruzione di valore.

6 ESPERIENZE D IMPRESA 1/ NUOVE MODALITÀ DI DIALOGO BANCA-IMPRESA: IL RUOLO DEGLI ASSET FAMILIARI 2. Le scelte finanziarie delle imprese familiari Le imprese familiari rivestono, tanto nelle economie avanzate, quanto nei Paesi in via di sviluppo, una posizione di primario rilievo 1. Esse rappresentano, infatti, circa il 70% delle imprese mondiali (Family Firm Institute) e il 60% di quelle europee. In Italia, in particolare, il capitalismo familiare 2 si attesta intorno all 82% (Family Business International Monitor, 2008), contribuendo in maniera rilevante alla crescita del PIL e alla creazione di nuovi posti di lavoro (AUB, 2011) 3. La letteratura manageriale italiana (Gnan e Montemerlo, 2008; Corbetta e Montemerlo, 2009; Montemerlo, 2009; Tardivo e Cugno, 2011), riconoscendo nel family business l essenza del tessuto imprenditoriale del nostro Paese, nel tempo, ha delineato alcuni suoi tratti distintivi. L elemento che più di ogni altro è risultato contraddistinguerle e differenziarle dalle non-family è rappresentato dall interazione tra il sistema famiglia e il sistema impresa, sintetizzato nel concetto di family involvement (Montemerlo, 2009; Corbetta, 2010), che si sostanzia nella presenza dei membri della famiglia nella proprietà e nel governo dell impresa (Structure-based Approach), nonché nella capacità degli stessi di influenzare obiettivi e decisioni di lungo periodo (Intention-based Approach) (Litz, 1995; Weasthead, 1997). Tale caratteristica è foriera di una serie di vantaggi riconducibili ad una maggiore flessibilità aziendale, derivante dalle elevate capacità di adattamento che contraddistinguono la gestione; alla predisposizione a creare un humus fertile per la nascita e lo sviluppo di rapporti interpersonali; ad uno spiccato orientamento ad attirare risorse fondamentali sia umane che materiali (Del Giudice, 2011); e ad un elevata autonomia decisionale, legata alla scarsa apertura del capitale a terzi soggetti esterni alla famiglia e alla tendenza all autofinanziamento (Bracci, 2007). Relativamente a quest ultimo punto è, infatti, noto che le imprese familiari manifestino una spiccata avversione alla perdita del controllo aziendale (Berger e Udell 1998; Miglietta, 2009) e per questo privilegino, nella composizione della struttura finanziaria, elemento tanto propulsivo quanto depressivo delle potenzialità di sviluppo del business (D Amato, 2009), il ricorso al reinvestimento degli utili non distribuiti. Tale scelta, resa possibile dalle ridotte dimensioni che generalmente contraddistinguono le imprese familiari 4, consente loro di godere di una certa indipendenza economica e di una maggiore libertà di azione, in quanto esenti da pressioni esterne derivanti dal mercato azionario (Bracci, 2007). Tale autonomia può talvolta rivelarsi uno svantaggio, allorquando il patrimonio familiare risulti insufficiente a supportare la crescita e lo sviluppo del-

7 8 CARMEN ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 GALLUCCI -GABRIELLA NAVE -ROSALIA SANTULLI l impresa di famiglia ed emerga, quindi, la necessità di reperire ulteriori fonti di finanziamento. In tale circostanza, l utilizzo del capitale di rischio è limitato 5 (Gualandri e Schwizer, 2008) a causa, da un lato, della miopia che caratterizza i possibili investitori, portati a misurare il grado di affidabilità di un azienda quasi esclusivamente in funzione delle sue disponibilità patrimoniali e reddituali, tralasciando le reali opportunità imprenditoriali; dall altro, di una reticenza mostrata dal capitalismo familiare all apertura verso l esterno. Pertanto, le imprese familiari scelgono prevalentemente di fronteggiare le problematiche e le necessità di carattere finanziario aumentando l esposizione debitoria. La voce debiti rappresenta, infatti, circa il 50% del passivo ed è prevalentemente indirizzato verso il sistema bancario (Preda, 2011). Risulta, inoltre, sbilanciato verso il breve termine e frazionato in una pluralità di rapporti bancari; la quota a medio termine privilegia invece la forma del mutuo, rendendo marginale il ruolo dei prestiti obbligazionari (Miglietta, 2009). Si assiste così al prevalere di un modello di proprietà chiusa in cui il patrimonio dell imprenditore si fonde con quello dell impresa e la struttura finanziaria diventa uno strumento utilizzato dalla famiglia per garantirsi il controllo su un insieme esteso di attività (Marseguerra, 2004). Di fronte ai propri bisogni finanziari, sembrerebbe quindi che le imprese familiari seguano un ordine gerarchico (Pecking Order Theory) riconducibile all esistenza di asimmetrie informative (Ang, 1991; Watson e Wilson, 2002; Hall et al., 2004; Miglietta, 2009). Esse, infatti, nel perseguire la struttura finanziaria ottimale, si affidano ad uno schema gerarchico ben preciso, privilegiando il finanziamento interno e optando per il finanziamento esterno solo laddove necessario, ricorrendo dapprima al debito e solo in ultima istanza all emissione di azioni (Domenichelli, 2008). È chiaro che l adozione della teoria dell ordine di scelta nell individuazione delle fonti di finanziamento, da parte delle imprese familiari, non comporta l esistenza di una combinazione ottimale tra debito e capitale netto, ma è meglio spiegata dalla volontà della famiglia di mantenere il controllo e la flessibilità dell azienda. Le imprese familiari, infatti, sperimentando più elevati costi transazionali e comportamentali nell aumentare l equity esterna, mostrano un avversione all apporto di capitali provenienti dall esterno, derivante anche dal timore di cadere in un acquisizione ostile. In conclusione, l evidenza suggerisce che le imprese familiari italiane risultano sottocapitalizzate e indebitate prevalentemente verso il sistema creditizio 6 e privilegiano fonti di finanziamento tradizionali che coinvolgono il patrimonio familiare in termini di garanzie reali.

8 ESPERIENZE D IMPRESA 1/ NUOVE MODALITÀ DI DIALOGO BANCA-IMPRESA: IL RUOLO DEGLI ASSET FAMILIARI 3. L evoluzione della relazione impresa familiare-sistema creditizio Le imprese familiari, tendenzialmente chiuse al capitale di rischio, trovano, quindi, da sempre nel sistema bancario la principale fonte di finanziamento. Il loro rapporto con il mercato creditizio è stato tradizionalmente caratterizzato da relazioni di credito frammentate, secondo un modello in cui era assente la banca di riferimento. La relazione esclusiva con una o due banche rappresentava, infatti, negli anni passati un fenomeno alquanto raro 7 : più spesso l impresa preferiva ricorrere al multiaffidamento (Ruozi, 1997), fenomeno caratterizzato dall instaurarsi di un legame con più banche. Tale pratica era motivata, da un lato, dalla necessità espressa dalle imprese di ottenere maggior credito, dall altro, dalla decisione delle banche di costruire un attivo diversificato al fine di limitare il rischio specifico di controparte: il multiaffidamento poteva, cioè, risultare la soluzione migliore per finanziare un maggior numero di progetti e raggiungere un maggior grado di diversificazione. Naturale conseguenza di tale prassi è stata la diffusione di modelli transazionali, concentrati sulla economicità della singola relazione, secondo una logica di mercato, piuttosto che sulla creazione di una relazione intensa con l impresa (Boot e Thakor, 2000); nonché l instaurarsi di legami deboli e frammentati tra banche e imprese, che si traducevano in una parcellizzazione della relazione (De Cecco e Ferri, 1994) e nella difficoltà evidente per gli istituti di credito di beneficiare di vantaggi informativi nei rapporti con i clienti. La diffusione del modello del transactional-banking (Detragiache et al., 2000; Belcredi, 2001) è stato, inoltre, agevolato dalla particolare configurazione che ha caratterizzato il mercato del credito italiano fino agli anni 90: altamente frammentato e dominato dalla proprietà pubblica, nella concezione dell attività creditizia come pubblico servizio (Pace, 2009). Il processo di privatizzazione ha investito, infatti, il settore bancario solo a partire dagli inizi degli anni Novanta, attraverso l emanazione della nuova legge bancaria che ha sancito la natura d impresa dell attività bancaria e il principio della despecializzazione (Castaldi, 1997), consentendo alle banche di addentrarsi in nuovi orizzonti operativi e di effettuare operazioni considerate in passato proibite a causa, per l appunto, della specializzazione, rendendole competitive rispetto agli intermediari stranieri (Mottura, 1986). In quegli anni si avvertiva, infatti, la necessità di una riforma dell intero quadro normativo in materia creditizia, fermo alla legge bancaria del 1936, che avrebbe dovuto facilitare un cambiamento del modello di relazione tra banche e imprese (Campanella, 2011). Le riforme legislative, introdotte alla fine degli anni Novanta, sono sembrate andare in quella direzione,

9 10 CARMEN ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 GALLUCCI -GABRIELLA NAVE -ROSALIA SANTULLI comportando una profonda trasformazione della struttura creditizia e finanziaria (Rossi e Tarantola Ronchi, 1998): diffusione delle piccole banche sui mercati locali del credito, come conseguenza della rimozione di vincoli alla costituzione di nuove banche; concentrazione delle grandi banche in gruppi di rilevanti dimensioni. Il processo di diffusione e concentrazione del sistema creditizio è stato, inoltre, accompagnato dall evolversi della regolamentazione inerente la stabilità del sistema bancario, nell ambito della quale un ruolo di rilievo hanno assunto gli Accordi di Basilea, finalizzati ad offrire una disciplina unitaria al sistema creditizio a livello internazionale. A partire da Basilea I, che già nel 1988 aveva sancito l introduzione di un meccanismo di collegamento tra patrimonio della banca e rischio presente nella sua attività, per la tutela dell istituto, dei risparmiatori e del sistema finanziario nel suo complesso, il Comitato ha poi cercato, nel tempo, di regolamentare l attività delle banche con conseguenti riflessi nei rapporti delle stesse con le imprese. In particolare, con l Accordo di Basilea II, che superava un evidente limite del precedente accordo, sintetizzabile nella presenza di un sistema di ponderazioni equivalenti per tutte le esposizioni della banca, si è palesata un opportunità di rinnovo e miglioramento del sistema bancario fondata sull ampliamento delle relazioni tra banche e imprese. Basilea II ha spinto, infatti, le banche a dedicare più attenzione ai meccanismi di valutazione e gestione dei rischi e ad adottare sofisticati sistemi per la selezione dei crediti e la determinazione dei tassi di interesse coerenti con il profilo di rischio dei prestatori di fondi. Ha introdotto, inoltre, due approcci differenti per la determinazione del rischio di credito: il New Standardized Approach, basato su rating esterni e su tecniche di mitigazione dei rischi attraverso una più articolata struttura di ponderazioni; e gli Internal Ratings-Based Approaches (IRBA), basati sulle valutazioni quantitative e qualitative del rischio, sviluppate internamente dalle singole banche. L istituzionalizzazione di quest ultimo è stata ribadita anche in Basilea III, nel legiferare ulteriormente il rapporto tra banche e imprese. Gli accordi, pur rivolgendosi alle banche, in qualità di soggetti passivi, indirettamente hanno investito e investono tuttora le imprese, in quanto sempre più orientati a premiare quelle più meritevoli. Ciò pone le imprese dinanzi alla consapevolezza di essere sottoposte ad un giudizio di merito creditizio che non dipende più solo dall intimità della singola relazione di mercato, bensì dal rigore di un processo valutativo alla base del calcolo del capitale di vigilanza (Caselli, 2005). In tale prospettiva, le imprese familiari hanno dinanzi a sé l onere di costruire e sviluppare competenze finanziarie sia in termini di pianificazione

10 ESPERIENZE D IMPRESA 1/ NUOVE MODALITÀ DI DIALOGO BANCA-IMPRESA: IL RUOLO DEGLI ASSET FAMILIARI e controllo, che di comunicazione. Mentre le prime determinano le condizioni oggettive (patrimoniali, monetarie e reddituali), sulla cui base viene assegnato il rating da parte degli intermediari finanziari, le seconde influenzano il processo di conoscenza del valutatore, contribuendo a ridurre la probabilità che le percezioni di quest ultimo siano significativamente diverse dalla realtà (D Amato, 2009). La corretta rappresentazione dell attivo e del passivo nei bilanci e la netta separazione tra il patrimonio familiare e quello aziendale costituirebbero, ad esempio, strumenti utili alle imprese per un efficace comunicazione economico-finanziaria, oltreché due aspetti rilevanti che le norme dell Accordo richiedono necessariamente (Di Mascio, 2007). Disporre, inoltre, di sistemi di rating volontari, rappresenterebbe un vantaggio ulteriore nel dialogo con le banche, a patto, però, che le imprese si assicurino che le analisi degli istituti di credito non si arrestino esclusivamente ai flussi informativi desumibili dai dati quantitativi, ma indaghino anche gli aspetti qualitativi, meglio esprimibili attraverso la costruzione di una relazione diretta. Ciò sembra risultare più semplice nel rapporto con gli istituti di minori dimensioni che hanno preferito non adottare modelli di rating basati sull analisi di hard information, optando per modelli standard, meno evoluti e costosi, che lasciano un maggiore spazio alla valutazione degli aspetti qualitativi del merito creditizio, ossia di quei fattori che rendono i family business più competitivi (Campanella, 2011). Le banche locali, infatti, nate dal processo di diffusione del sistema creditizio, avendo un centro decisionale più prossimo alle piccole imprese locali, utilizzano informazioni qualitative raccolte mediante contatti diretti (soft information), a differenza delle banche di rilevanti dimensioni 8. Esse, difatti, adottano un approccio relazionale (relationship lending) fondato su frequenti e intensi rapporti con le imprese, consolidando una conoscenza personale e di lungo periodo (Bhattacharya e Thakor, 1993; Berger e Udell, 1994; Boot, 2000; Boot e Thakor, 2000; Yafeh e Yosha, 2001; Ongena e Smith, 2001; Elsas, 2005). Gli Accordi hanno, inoltre, trasformato il rapporto delle imprese familiari con gli istituti di credito, spingendole a ridurre la multibancarizzazione e ad accrescere la propensione all investimento, e spronandole a chiedere alle banche servizi sempre più mirati alle loro specifiche esigenze (Di Mascio, 2007); le banche, di risposta, si sono attivate per soddisfare tali richieste attraverso l offerta di servizi innovativi di corporate/private e investment banking. Inoltre, nella volontà di costruire un percorso di fidelizzazione di medio/lungo termine, propongono alle famiglie imprenditoriali offerte composite, anche attraverso la realizzazione di strutture dedicate, quali i family office, in grado di rispondere a tutte le esigenze

11 12 CARMEN ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 GALLUCCI -GABRIELLA NAVE -ROSALIA SANTULLI derivanti dalla trinomia impresa-famiglia-patrimonio (Tardivo e Cugno, 2011). Al fine di distinguersi in un mercato in cui l offerta di prodotti e servizi bancari viene percepita come indifferenziata e sposando una prospettiva relationship lending, alcune banche 9, nel concreto, si sono attivate nella formazione di professionisti e nell implementazione di progetti interamente dedicati ai family business, sottolineando la rilevanza che questa particolare tipologia d impresa ha per gli istituti creditizi. 4. Il valore delle imprese familiari nella prospettiva degli intermediari finanziari La valutazione da parte degli intermediari finanziari sull abilità delle imprese familiari a creare valore per le differenti entità sistemiche rilevanti, nonché sulla loro capacità di sopravvivere nel tempo, non può prescindere da un indagine approfondita delle condizioni di validità della coordinazione economica in atto, nel dinamico comporsi di aspetti strutturali e sistemico-relazionali. Orbene, è chiaro che tali riflessioni dovranno interessare, da un lato, la struttura operativa dell impresa quale insieme di capacità di base (materiali, immateriali, tecniche, umane e finanziarie) e, dall altro, l abilità dell organo di governo a guidare il sistema verso posizioni di vantaggio competitivo, definendo, in tal senso, regioni più o meno ampie di creazione di valore. In vista di tale obiettivo di conoscenza, risultano indispensabili attente e precise analisi e misurazioni di tali potenzialità. Di conseguenza, ragionevole punto di partenza è certamente la definizione del concetto di validità, prima ancora che di affidabilità, del sistema, essendo la prima condizione necessaria alla sussistenza della seconda 10. Quando si parla di validità di un sistema, sembra evidente il riferimento implicito ad un obiettivo, verso cui il sistema stesso è diretto; è proprio in relazione alla capacità e al grado di raggiungimento di tale obiettivo, che diventa possibile esprimere un giudizio sulla validità dell impresa e, coerentemente, sulla bontà del progetto imprenditoriale. In tal senso, nell ottica dell impresa, è facile ed inevitabile rilevare come, da un lato, l obiettivo cui essa tende è l adeguata soddisfazione delle attese provenienti dai diversi sovrasistemi di riferimento, affinché risultino elevate le sue possibilità di sopravvivenza; e, dall altro, che la validità della formula imprenditoriale sia esplicitata nel grado di raggiungimento di tale obiettivo, il tutto in condizioni di durevole equilibrio economico, finanziario ed organizzativo. Si intuisce, dunque, che le dimensioni fondamentali della validità, per la valutazione dei percorsi di sopravvivenza dell impresa, sono l efficacia e

12 ESPERIENZE D IMPRESA 1/ NUOVE MODALITÀ DI DIALOGO BANCA-IMPRESA: IL RUOLO DEGLI ASSET FAMILIARI l efficienza, sintesi evidente delle condizioni esterne e interne di operatività. La valutazione della validità dell iniziativa varia a seconda dei singoli interlocutori ed è conseguentemente apprezzata rispetto alle diverse aspettative di ciascuno. Nell ottica dei finanziatori a titolo di credito, in particolare, è chiaro che debba essere condotta rispetto all analisi della capacità del sistema di generare flussi di reddito, ossia di conseguire una massa di ricavi sostanzialmente superiore ai costi, poiché è unicamente tale dimensione, in condizioni di autonomia dell intrapresa (Airoldi et al., 1994), a garantire la remunerazione dei capitali mutuati (Amodeo, 1992). A ciò è necessario, poi, affiancare un giudizio di affidabilità, legato invece alla capacità dell iniziativa imprenditoriale di produrre flussi di cassa positivi, in grado di remunerare, nei modi e nei tempi negoziati, i diversi finanziatori. L affidabilità del sistema è, quindi, misurata in relazione alle possibilità che l impresa ha di garantire l adempimento degli impegni assunti verso i differenti interlocutori, in modo conforme alle attese manifestate. Nello specifico, in ottica finanziaria, essa fa riferimento precisamente alla capacità dell impresa di disporre di risorse monetarie (o assimilabili), in grado di garantire che le obbligazioni sociali siano onorate nelle modalità fissate. Per la stima delle condizioni di validità e di affidabilità, le banche si concentrano sull analisi di informazioni quantitative e, quindi, di dati storici 11 e previsionali 12. Nella pronuncia del giudizio di affidabilità, l analisi non può, tuttavia, essere limitata esclusivamente ad esse, essendo tale costrutto il portato di molteplici aspetti non solo economici, ma anche relazionali che impongono alle banche di valutare anche aspetti qualitativi. Fra le informazioni qualitative, assumono maggiore importanza quelle relative al modello di governance, all organizzazione interna, alla gestione del personale e alle eventuali certificazioni conseguite (Gatti, 2009). Il focus delle analisi da parte degli intermediari finanziari si sposta, dunque, su elementi intangibili che, molto spesso, meglio spiegano il valore delle imprese familiari. È opinione consolidata, infatti, che il valore non risieda nei beni materiali, ma nella loro combinazione e interazione, determinata dalle risorse immateriali firm specific, in grado di generare il vantaggio competitivo durevole dell impresa (Barontini e Caprio, 2006). Tale assunto è tanto più rilevante nelle imprese familiari, dove le risorse firm specific si combinano a risorse family specific: il nome della famiglia, la sua storia, raccontata dai protagonisti del progetto imprenditoriale, il complesso di valori e tradizioni condivise, il forte radicamento sul territorio, nonché la capacità di intessere relazioni forti nel contesto in cui vive e, infine, la capacità di

13 14 CARMEN ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 GALLUCCI -GABRIELLA NAVE -ROSALIA SANTULLI generare e attirare risorse umane con skills riconosciute come uniche e di facilitare l accesso alle risorse finanziarie 13. Tale complesso di risorse è alla base della family reputation, in grado di determinare il ruolo di asset o liability del sistema famiglia rispetto al sistema impresa 14 e, in tal senso, capace di influenzare l affidabilità di quest ultimo agli occhi di finanziatori e investitori. Il giudizio di affidabilità di un impresa familiare è, quindi, strettamente interrelato alla capacità della famiglia di suscitare fiducia negli stakeholder dell impresa e, quindi, di intessere relazioni forti nel contesto in cui è radicata. Le famiglie, in generale, hanno un legame particolare con la comunità locale del territorio in cui sono nate e si sono sviluppate. Quando poi la famiglia è artefice di un progetto imprenditoriale che ha condotto al successo dell azienda e alla notorietà di quel territorio, il legame con le radici territoriali diventa parte integrante della sua identità (Corbetta, 2010) e contribuisce a dare forza e valore all azienda. Nella valutazione dell affidabilità dell impresa familiare, agli asset immateriali si aggiunge un altra peculiarità che caratterizza esclusivamente questa forma di business e che rappresenta una garanzia reale, nonché un potenziale interesse, in una prospettiva relationship lending, per l ampliamento del portafoglio attività degli intermediari creditizi: il patrimonio extra-aziendale. Ampiamente vario e complesso, esso si compone delle partecipazioni rientranti nell attivo delle aziende di famiglia, così come delle quote e delle azioni detenute dai familiari in altre società che esulano dal core business 15 dell impresa di famiglia e dei diritti da queste derivanti (Zocchi, 2004). Un peso rilevante nel patrimonio è poi da attribuire agli immobili 16, il classico bene rifugio dei family businesses, cui si aggiungono la liquidità, costituita da conti correnti ufficiali e non ufficiali, sia in Italia che all estero, e le gestioni patrimoniali intestate direttamente o effettuate da società fiduciarie. Vi sono, inoltre, le rendite da polizze assicurative sulla vita e sugli infortuni, non tanto in termini di premio corrisposto, quanto di ricavi, indennizzi e sopravvenienze attive, ricevute al verificarsi dell evento; i piani pensionistici integrativi, l eredità ricevute, i vitalizi e le luxury. A fronte di tali aspetti positivi, tangibili e intangibili, che possono rendere le imprese familiari più appetibili di altre agli occhi del mercato creditizio, non è da sottovalutare la circostanza che esse scontano rischi specifici (family risk), che si sovrappongono a quelli comuni a tutte le imprese (rischio sistemico, rischio paese, rischio operativo, rischio tecnologico e rischio specifico). Il rischio finanziario, ad esempio, derivante dalla volontà di massimizzare il benessere e la sicurezza finanziaria della famiglia piuttosto che i redditi aziendali, subordinando gli interessi dell impresa a quelli del nucleo

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

Corso di Politica economica L-Z (prof. G. Ferri): Lezione 23 TRASMISSIONE POLITICA MONETARIA IN DIVERSI SISTEMI FINANZIARI

Corso di Politica economica L-Z (prof. G. Ferri): Lezione 23 TRASMISSIONE POLITICA MONETARIA IN DIVERSI SISTEMI FINANZIARI Corso di Politica economica L-Z (prof. G. Ferri): Lezione 23 TRASMISSIONE POLITICA MONETARIA IN DIVERSI SISTEMI FINANZIARI Riprendendo il discorso del credit channel, un discorso a parte viene fatto con

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Il ruolo del credito per favorire l integrazione

Il ruolo del credito per favorire l integrazione Il ruolo del credito per favorire l integrazione Corrado Piazzalunga Direttore Regione Commerciale Ovest Forte di Bard, 26 settembre 2008 AGENDA Le caratteristiche delle imprese italiane: struttura finanziaria

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES Giovanni Dell Ariccia, Enrica Detragiache, Raghuram Rajan ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE Anno Accademico 2009/2010 Alessandro Paci Valentina Peruzzi Mariangela Scorrano

Dettagli

asset management wealth management family office

asset management wealth management family office asset management wealth management family office asset management wealth management family office 03 05 06 09 14 15 16 Chi siamo Punti distintivi Team Wealth Management Family Office Asset Management Finlabo

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A.

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Disclaimer Il presente documento è stato elaborato unicamente al fine di fornire generiche

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez 3 Aspetti organizzativi dell impresa Natura e forme istituzionali Quali sono le caratteristiche dell impresa come istituzione gerarchica

Dettagli

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio 1 L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio L esperienza del Gruppo Cariparma FriulAdria Roma, 5 Maggio 2010 Carlo PIANA Responsabile Direzione Centrale

Dettagli

Assistiamo imprese e famiglie imprenditoriali nelle scelte di investimento, protezione del patrimonio e continuità d azienda.

Assistiamo imprese e famiglie imprenditoriali nelle scelte di investimento, protezione del patrimonio e continuità d azienda. Assistiamo imprese e famiglie imprenditoriali nelle scelte di investimento, protezione del patrimonio e continuità d azienda. Chi siamo Il progetto Amaranto Investment nasce nel 2003 con l obiettivo di

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. FBA Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/2014 Piani aziendali, settoriali e territoriali FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. 1 MOTIVAZIONI AZIENDALI In un momento

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

Fondi Gestiti e Progetti Futuri

Fondi Gestiti e Progetti Futuri S.I.C.I. SGR S.p.A. Fondi Gestiti e Progetti Futuri Prato, 9 Maggio 2013 S.I.C.I. SGR S.p.A. La Società Sviluppo Imprese Centro Italia è la società di gestione del risparmio indipendente del sistema finanziario

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 30/2008

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 30/2008 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 30/2008 SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE POLIZZE CON PRESTAZIONI DIRETTAMENTE COLLEGATE AD UN INDICE AZIONARIO O AD UN ALTRO VALORE DI RIFERIMENTO DI CUI

Dettagli

Le decisioni di struttura finanziaria delle imprese italiane

Le decisioni di struttura finanziaria delle imprese italiane Le decisioni di struttura finanziaria delle imprese italiane Un quadro dell evidenza empirica Cosenza 20 ottobre 2003 1 rilevanza e attualità del tema tra le 10 questioni irrisolte della finanza moderna

Dettagli

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE 20123 MILANO LARGO A. GEMELLI, 1 Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking a cura di: Renato Fiocca Glauco T. Savorgnani Daniela Corsaro

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

Il Fondo Italiano d Investimento

Il Fondo Italiano d Investimento Il Fondo Italiano d Investimento di Antonio Ricciardi (*) Nei prossimi mesi sarà operativo il Fondo Italiano di investimento, un fondo chiuso di private equity a sponsorship pubblica che ha l obiettivo

Dettagli

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti La prospettiva dell offerta delle assicurazioni di Sergio Paci Università Bocconi 1 Il tema del pricing è molto complesso e articolato anche

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari

Lezioni di economia degli intermediari finanziari Lezioni di economia degli intermediari finanziari Prof.Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo a.berti@econ.uniurb.it Urbino, a.a. 2003-2004 La gestione

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

AL SERVIZIO DEGLI IMPRENDITORI, PER LA LORO AZIENDA E LA LORO FAMIGLIA

AL SERVIZIO DEGLI IMPRENDITORI, PER LA LORO AZIENDA E LA LORO FAMIGLIA AL SERVIZIO DEGLI IMPRENDITORI, PER LA LORO AZIENDA E LA LORO FAMIGLIA AL SERVIZIO DEGLI IMPRENDITORI, PER LA LORO AZIENDA E LA LORO FAMIGLIA Come sarà il business della mia azienda fra 5 anni? Quali sono

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte sesta Governo delle imprese e assetti proprietari 1 Argomenti 1. Gli assetti proprietari 2. Proprietà e organo di governo 3. La struttura dell

Dettagli

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE Scegliere l abito Distinguere le forme giuridiche per svolgere l attività imprenditoriale e individuare la forma più idonea in funzione dell idea d impresa Spesso le persone che intendono orientarsi all

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo. Professor Federica Bandini. Copyright SDA Bocconi, protocollo xxxx

La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo. Professor Federica Bandini. Copyright SDA Bocconi, protocollo xxxx La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo Professor Federica Bandini TRACCIA RILEVANZA DELLE RISORSE UMANE NELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELLE IMPRESE COOPERATIVE E

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

MISSION... 3 AREE DI INTERVENTO... 4

MISSION... 3 AREE DI INTERVENTO... 4 Set Consulting srl 00152 Roma - Via di Monteverde, 74 Ph. +39 06 58 23 14 37 - Fax +39 06 53 80 89 - consulenti@setconsulting.it Cap. Soc. 52.000 Cod. Fisc. e P. IVA 06095671001 C.C.I.A.A. 951256 Trib.

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Catalogo Corsi 2015. Progetti formativi. Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228)

Catalogo Corsi 2015. Progetti formativi. Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228) Catalogo Corsi 2015 Progetti formativi Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228) AREA REGOLAMENTAZIONE (Rischi, Bilancio, Controlli e Legale) a) Normativa antiriciclaggio e terrorismo

Dettagli

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione A: Dipartimento del Tesoro dt.direzione4.ufficio2@tesoro.it Da: PROMETEIA Data: 31 gennaio 2008 Oggetto: Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE Società Cooperativa per Azioni

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE Società Cooperativa per Azioni Il nuovo Consiglio di amministrazione della Banca Popolare delle Province Calabre, eletto nell assemblea degli azionisti del 14 ottobre p.v., sarà impegnato nell immediato futuro a redigere il nuovo piano

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE, LA COMPETITIVITA E LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DIV. VII PMI, Startup innovative e reti di impresa Indagine sulle PMI eccellenti

Dettagli

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985 CORPORATE FINANCE Consulenza di Investimento dal 1985 ADB Analisi Dati Borsa SpA ADB - Analisi Dati Borsa SpA è una società di Consulenza in materia di Investimenti, fondata nel 1985 a Torino. Offre servizi

Dettagli

PROMOTORI FINANZIARI PROMOTORI FINANZIARI CREDEM. PROTAGONISTI ASSOLUTI.

PROMOTORI FINANZIARI PROMOTORI FINANZIARI CREDEM. PROTAGONISTI ASSOLUTI. PROMOTORI FINANZIARI PROMOTORI FINANZIARI CREDEM. PROTAGONISTI ASSOLUTI. Cosa cercano i migliori promotori? Ampia gamma di prodotti Massima autonomia Accogliere i clienti in una banca Guadagno su tutti

Dettagli

DOMENICO SARNO CURRICULUM VITAE. Professore Ordinario di Economia Politica alla Seconda Università di Napoli, Dipartimento di Economia.

DOMENICO SARNO CURRICULUM VITAE. Professore Ordinario di Economia Politica alla Seconda Università di Napoli, Dipartimento di Economia. DOMENICO SARNO CURRICULUM VITAE Luogo e anno di nascita: Avellino, 1956 Residenza: Avellino, via Macchia, 25/A; Stato civile: coniugato con un figlio. Posizione attuale Professore Ordinario di Economia

Dettagli

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Art. 67 comma 3, lettera d) Legge Fallimentare Il contenuto La riforma del diritto fallimentare ha introdotto

Dettagli

Marchi, brevetti e proprietà intellettuale

Marchi, brevetti e proprietà intellettuale LA PICCOLA SI FA GRANDE 4 percorsi per la crescita formativa delle PMI RELAZIONE BANCA/IMPRESA Lean thinking Marchi, brevetti e proprietà intellettuale internazionalizzazione Con il patrocinio di Piccolindustria

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

Obiettivi strategici 2013-2016

Obiettivi strategici 2013-2016 Obiettivi strategici 2013-2016 Colophon Editore: Grafica: Stampa: Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari FINMA Einsteinstrasse 2 CH-3003 Berna Tel. +41 (0)31 327 91 00 Fax +41 (0)31 327

Dettagli

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità C he cosa si intende per Basilea 2006? Basilea 2006 o più precisamente Basilea 2 è un accordo internazionale volto a determinare i requisiti patrimoniali

Dettagli

COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO

COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO COSTRUISCI CON BLACKROCK In un universo degli investimenti sempre più complesso, il nostro obiettivo rimane invariato:

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

Executive Summary V Edizione

Executive Summary V Edizione Osservatorio AUB su tutte le aziende familiari italiane con ricavi superiori a 50 milioni di Euro Executive Summary V Edizione a cura di Guido Corbetta, Alessandro Minichilli e Fabio Quarato Cattedra AIdAF

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI Position Paper ASVI IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI a cura di R. Randazzo e M. Crescenzi, 11 luglio 2012. Indice 1. Alcune domande d impatto sociale, M. Crescenzi, R. Randazzo p. 2 2. Abstract

Dettagli

Tuttavia è da osservare che il 40% dei casi non dispone della holding e quindi la quota di imprese esposte a questi rischi è comunque rilevante.

Tuttavia è da osservare che il 40% dei casi non dispone della holding e quindi la quota di imprese esposte a questi rischi è comunque rilevante. 7.2. I rischi più complessi Unitamente a tutto ciò, volatilità economica, complessità degli aspetti regolamentari e crescita del business rendono necessaria una miglior coscienza della necessità di gestire

Dettagli

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI MASTER AMLP 1 AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 2 QUADRO NORMATIVO 3 QUADRO NORMATIVO 4 QUADRO

Dettagli

Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa

Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Business Plan nei rapporti con il mondo finanziario Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa Massimo Talone Milano, 26 maggio

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia Maurizio Canavari e Nicola Cantore Unità di Ricerca: Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Università degli Studi di Bologna

Dettagli

IL SUPPORTO DEL PROFESSIONISTA AGLI IMPRENDITORI NELLA FINANZA DI IMPRESA. Prof. Carlo Arlotta

IL SUPPORTO DEL PROFESSIONISTA AGLI IMPRENDITORI NELLA FINANZA DI IMPRESA. Prof. Carlo Arlotta IL SUPPORTO DEL PROFESSIONISTA AGLI IMPRENDITORI NELLA FINANZA DI IMPRESA Prof. Carlo Arlotta Agenda Introduzione al tema Il supporto del professionista La consulenza nella finanza d impresa Conclusioni

Dettagli

PINGONO SPINGONO ALLA CREAZIONE

PINGONO SPINGONO ALLA CREAZIONE LE MOTIVAZIONI CHE SPINGONO ALLA CREAZIONE DEI GRUPPI AZIENDALI INDICE Premessa Le categorie di motivazioni Le motivazioni economiche Le motivazioni extraeconomiche Gli svantaggi connessi alla struttura

Dettagli

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Capitolo 14 Indice degli argomenti 1. Obbligazioni 2. Valutazione delle obbligazioni

Dettagli

Vincere insieme la sfida di Basilea 2

Vincere insieme la sfida di Basilea 2 Vincere insieme la sfida di Basilea 2 Condizioni e nuove opportunità per le imprese e per le banche Convention Basilea 2 alla prova dei fatti Roma, 22-23 aprile 2008 Sessione La relazione commerciale banca

Dettagli

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*)

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*) Strumenti di P&C Pianificazione Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE di Pietro Dalena (*) L attività di comunicazione dello stato di salute gestionale si deve strutturare

Dettagli

I top manager non familiari nelle aziende familiari. Guido Corbetta e Daniela Montemerlo,

I top manager non familiari nelle aziende familiari. Guido Corbetta e Daniela Montemerlo, I top manager non familiari nelle aziende familiari Guido Corbetta e Daniela Montemerlo, Indice Parte I. Introduzione pag. 3 1. Una collaborazione necessaria e delicata 2. I timori e le opportunità da

Dettagli

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

Corporate Governance - Oltre la compliance

Corporate Governance - Oltre la compliance Corporate Governance - Oltre la compliance Prof. Angelo Riccaboni Corso di Economia e Governo Aziendale Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici riccaboni@unisi.it www.disag.unisi.it Agenda L interesse

Dettagli

CREDITI CORPORATE LENDING

CREDITI CORPORATE LENDING CREDITI partner affidabili CORPORATE LENDING PERCHÉ UN FINANZIAMENTO IN POOL? Come noto, i motivi per cui una banca può essere indotta a sindacare un operazione di finanziamento possono essere molteplici:

Dettagli

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche ROBERTO RIZZO 21 NOVEMBRE 2014 MILANO Agenda Premessa

Dettagli

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Le competenze di fundraising nel Non Profit Il Fundraising da tecnica di raccolta fondi ad attività di progettazione strategica: i cinque ambiti di applicazione

Dettagli

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Per un allocazione efficiente del risparmio in Italia Progetto Federazione ABI-ANIA e Assogestioni Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Giuseppe Lusignani Università di Bologna

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

IL CREDITO COOPERATIVO DI FRONTE ALLE SFIDE DELLA CRISI SILVIO GOGLIO 1

IL CREDITO COOPERATIVO DI FRONTE ALLE SFIDE DELLA CRISI SILVIO GOGLIO 1 IL CREDITO COOPERATIVO DI FRONTE ALLE SFIDE DELLA CRISI TRENTO 17 GIUGNO 2009 SILVIO GOGLIO 1 1. Il nuovo contesto bancario. Il sistema finanziario europeo ed italiano ha subito profondi cambiamenti negli

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria. A.a. 2008/2009. Assetti proprietari e costo del capitale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria. A.a. 2008/2009. Assetti proprietari e costo del capitale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Analisi Finanziaria A.a. 2008/2009 Assetti proprietari e costo del capitale Gian Marco Chiesi Marco Tronchetti Provera GPI 60% (60%) [60%] Catena di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Analisi Finanziaria A.a. 2008/2009 Assetti proprietari e costo del capitale Gian Marco Chiesi Marco Tronchetti Provera GPI 60% (60%) [60%] Catena di

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Corso di Economia finanziaria LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Dott.ssa Arianna Moschetti Sommario Cosa si intende per sistema finanziario Sistemi Bank o Market oriented Sistema

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

M U L T I F A M I L Y O F F I C E

M U L T I F A M I L Y O F F I C E MULTI FAMILY OFFICE Un obiettivo senza pianificazione è solamente un desiderio (Antoine de Saint-Exupéry) CHI SIAMO MVC & Partners è una società che offre servizi di Multi Family Office a Clienti dalle

Dettagli

IL RAPPORTO BANCA IMPRESA STA CAMBIANDO?

IL RAPPORTO BANCA IMPRESA STA CAMBIANDO? http://www.sinedi.com ARTICOLO 15 SETTEMBRE 2007 IL RAPPORTO BANCA IMPRESA STA CAMBIANDO? Fin dal passato il rapporto tra banca e soggetti economici non è mai stato stabile e lineare e questo dipende in

Dettagli

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI Progetto di Ricerca-intervento 1. Presentazione Della Proposta 1.1 La ricerca-intervento:

Dettagli

Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance

Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance www.adapt.it, 10 marzo 2011 Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance di Dimitri Giardino In uno scenario economico sempre più globalizzato e concorrenziale, in cui

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

CURRICULUM VITAE DI IGNAZIO BASILE

CURRICULUM VITAE DI IGNAZIO BASILE CURRICULUM VITAE DI IGNAZIO BASILE Laureato in Economia Aziendale all Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano il 2 giugno 1981 con una tesi su Le prospettive del mercato monetario italiano. Problemi

Dettagli

Fattori di rischio e incertezza

Fattori di rischio e incertezza Fattori di rischio e incertezza 39 PREMESSA Nel 2014 la controllante Snam S.p.A. ha istituito, alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato, l unità Enterprise Risk Management (ERM), al fine di

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA ED INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI E SULL ATTESTAZIONE DEGLI OBBLIGHI RELATIVI ALLA TRASPARENZA

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Comunicazione per Agenda 21L Agenda 21L per la comunicazione

Comunicazione per Agenda 21L Agenda 21L per la comunicazione COM-PA Bologna, 21 settembre 2000 Salone della Comunicazione Pubblica e dei servizi al cittadino Comunicazione per Agenda 21L Agenda 21L per la comunicazione Appunti per una Carta di riferimento su Comunicazione

Dettagli

Nato a Milano il 16 novembre 1957 e ivi residente in Piazza del Carmine, 4.

Nato a Milano il 16 novembre 1957 e ivi residente in Piazza del Carmine, 4. CURRICULUM VITAE DI IGNAZIO BASILE Nato a Milano il 16 novembre 1957 e ivi residente in Piazza del Carmine, 4. Laureato in Economia Aziendale all Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano il 23 giugno

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 1 MODELLI ISTITUZIONALI-ORGANIZZATIVI: SI FA RIFERIMENTO A MODELLI DI INTERMEDIAZIONE BANCA UNIVERSALE GRUPPO POLIFUNZIONALE BANCA SPECIALIZZATA

Dettagli

Global Wealth Advisory SIM SpA

Global Wealth Advisory SIM SpA Global Wealth Advisory SIM SpA Multi Family Office Indice Introduzione 3 Team 4 Offerta 5 Benchmark 6 Asset Allocation 7 Reporting 8 Performance Attribution 9 Risk Management 10 Conclusioni 11 Contatti

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private

Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private L incrocio tra clusterizzazione e approccio di finanza comportamentale Il delegatore impegnato Informato di finanza

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Roma, 1 febbraio 2008 COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Con riferimento al Documento in oggetto, posto in

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli