Presentato, discusso e approvato in Consiglio del Corso di Studio in data: 21 gennaio 2014 ( delibera n 5)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentato, discusso e approvato in Consiglio del Corso di Studio in data: 21 gennaio 2014 ( delibera n 5)"

Transcript

1 Denominazione del Corso di Studio: BANCA, FINANZA AZIENDALE E MERCATI FINANZIARI Classe: LM-77 Sede: Dipartimento di Economia e management Università di Pisa Primo anno accademico di attivazione: Gruppo di Riesame Prof.ssa Maria Laura Ruiz (Responsabile del CdS) Responsabile del Riesame Prof.ssa Franca Orsi (Docente del CdS) Prof. Fabrizio Bientinesi (Docente del Cds) Dott.ssa Michela Vivaldi (Responsabile dell Unità didattica) Dott.ssa Agnese Bonadio (Rappresentante degli studenti) Sono stati consultati inoltre: Dott. Lucio Masserini (Ufficio programmazione, Valutazione e statistica di Ateneo) Sig.ra Antonella Magliocchi (Ufficio Job Placement di Ateneo) Sig.ra Francesca Pinzauti (IRO International Relations Office, Dipartimento Economia e Management) Sig.ra Federica Rognini (Sportello stage, Dipartimento di Economia e Management) Il Gruppo di Riesame si è riunito, per la discussione degli argomenti riportati nei quadri delle sezioni di questo Rapporto di Riesame, operando come segue: 3 dicembre 2013 discussione del nuovo Rapporto di riesame, prima analisi dei dati, divisione dei compiti di analisi 17 dicembre 2013 discussione prima bozza di Rapporto di Riesame; discussione di alcuni problemi con i dati su cui sono stati richiesti chiarimenti agli uffici amministrativi 14 gennaio 2014 analisi della relazione della Commissione didattica paritetica del Dipartimento di Economia e Management, approvazione della versione di RR da portare in approvazione al consiglio di corso di laurea. Presentato, discusso e approvato in Consiglio del Corso di Studio in data: 21 gennaio 2014 ( delibera n 5) Sintesi dell esito della discussione del Consiglio del Corso di Studio: Ordine del giorno: 4. Discussione e approvazione Rapporto di Riesame La Presidente introduce il Rapporto di Riesame che è stato compilato ed approvato dal Gruppo di Riesame; la Presidente ed altri docenti fanno notare come per alcuni punti i dati siano incompleti o insufficienti, in particolare per l analisi dei tempi di laurea e dei motivi per cui non tutti gli studenti arrivano alla laurea. Riguardo ai risultati scaturiti dalle riunioni di coordinamento: 1) il consiglio dà incarico alla Presidente di contattare il docente interessato affinché adotti un programma più adatto alle esigenze del corso di laurea; 2) in successivo punto all o.d.g. si delibera sull aggiunta del corso di Diritto delle obbligazioni e dei contratti nella rosa da 18 cfu del II anno del percorso Corporate Banking and Finance e sul cambiamento del nome dell esame di Tecnica di Borsa in Strategie e tecniche operative di borsa (ambedue sono modifiche di regolamento). Riguardo ai risultati della valutazione degli studenti, la Presidente ritiene che dovrebbero essere presentati e discussi in una prossima riunione; vengono sollevate perplessità, ci si chiede se rendere pubblici i risultati possa comportare problemi legali. Si decide di chiedere un parere all ufficio legale dell Ateneo e di sollecitare il Direttore del Dipartimento di Economia e Management affinché si adotti una linea comune per i corsi di laurea del Dipartimento. Riguardo alle tesi svolte su un azienda, la Presidente invita i docenti a far rientrare lo svolgimento di tali tesi all interno di uno stage; Mariani fa notare che lo svolgimento di una tesi di laurea su un azienda non corrisponde ad uno stage in quanto non è un lavoro all interno di un azienda e non comporta una presenza in azienda per un numero definito di ore; per questo motivo, le aziende non richiedono uno stage a questo scopo; si sottolinea però che è comunque molto utile per gli studenti entrare in un azienda ed analizzarla, sia perché acquisiscono una conoscenza diretta del mondo del lavoro, sia perché stabiliscono un contatto con l azienda che può successivamente portare anche ad uno stage o un rapporto di lavoro. Il Rapporto di Riesame viene approvato all unanimità. 1

2 1 - L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS 1-a AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI Obiettivo n. 1 a.1: predisposizione e distribuzione di un questionario da sottoporre, tramite la segreteria studenti, agli studenti che sono iscritti fuori corso o che risultano inattivi dei due corsi di laurea precedenti allo scopo di indagare i motivi del ritardo nella progressione di carriera ed eventualmente prevedere azioni correttive sul nuovo Corso di studi volte alla riduzione dei tempi di laurea. Azioni intraprese Il questionario è stato predisposto e distribuito il 29 novembre 2013 (con sollecito inviato il 13 dicembre 2013). Stato di avanzamento dell azione correttiva Il questionario (all. 1) è stato somministrato e le risposte sono state analizzate (all.2). SINTESI: Si premette che le risposte provengono prevalentemente da studenti vicini al completamento del corso di studi, quindi non si è colto l obiettivo di contattare gli studenti che hanno abbandonato o rallentato in precedenza e che probabilmente non completeranno il Corso di studi o lo completeranno in tempi molto più lunghi di quelli previsti. Dalle risposte ottenute si deduce che non ci sono grosse criticità; le difficoltà segnalate non si concentrano su alcun punto in particolare. Dai consigli emerge la necessità di un raccordo migliore con il mondo del lavoro, sia nei contenuti dei corsi che nella possibilità di stage durante o dopo la laurea; questo punto peraltro è già sotto attenzione nella parte specifica del RR. Per il momento non si prevede di ripetere l invio del questionario Obiettivo n. 1 a.2: rendere più stringenti i requisiti curriculari per l accesso al Corso di studi in modo che gli studenti abbiano una migliore preparazione al momento dell iscrizione Azioni intraprese E stato modificato il Regolamento didattico per l a.a inserendo 6 cfu di SECS-P/09 e 6 cfu di SECS-P/11 come requisiti di settore da assolvere con debito; inoltre per l a.a i requisiti di settore sono stati portati a 9 cfu di SECS-P/09, 9 cfu di SECS-P/11 e 15 cfu di SECS-S/06; questi ultimi da coniugare con la preparazione personale su argomenti di base di Matematica finanziaria. Stato di avanzamento dell azione correttiva L azione correttiva è stata completata. 1-b ANALISI DELLA SITUAZIONE SULLA BASE DEI DATI Si premette che Banca, finanza aziendale e mercati finanziari è un corso di laurea al secondo anno di attivazione, per cui molte delle analisi richieste, quali ad esempio quelle sul numero di laureati e sulla votazione media di laurea, sul numero di fuori corso e sul tempo medio di permanenza nel Corso di laurea magistrale, non sono ancora disponibili. Anche i dati relativi alle iscrizioni ed alla evoluzione nel tempo delle coorti di studenti iscritti non sono rappresentativi poiché riguardano un solo anno di osservazione e non si prestano ad essere confrontati con dati pregressi. Nel seguito verranno pertanto riportati i dati relativi alle iscrizioni ed alla progressione di carriera dell unica coorte disponibile che è quella iscritta nel Il numero degli iscritti nel 2012/2013 è stato di 121 studenti di cui 95 della coorte La discrepanza tra iscritti totali ed iscritti alla coorte 2012 è dovuta al fatto che l università di Pisa prevede la possibilità, per gli studenti che conseguono la laurea triennale nella stessa Università, di preiscriversi alle lauree magistrali anche nel periodo che va da gennaio a luglio; questi studenti non rientrano nella coorte 2012, in quanto si erano prescritti ai due Corsi di studi poi confluiti nel nuovo, che fino a luglio 2013 non era ancora attivato. Nella coorte 2012 si sono rilevati un trasferimento in uscita dal CdS, un passaggio ad altri CdS e 3 rinunce. Il tasso di inattività al primo anno di corso è stato dell 11,57% (in riduzione rispetto ai dati della SUA di settembre che era di 11,6 e minore rispetto ai Corsi di laurea magistrale del dipartimento che è 12%). Il numero medio di cfu acquisiti dagli studenti attivi è di 37,3 al primo anno (in aumento rispetto ai dati della SUA che era 36,8 cfu e 2

3 maggiore della media per i Corsi di laurea magistrale del dipartimento, che è 35,7) con una deviazione standard di 22,6; la media dei voti è di 26,6 con d.s. di 2,9 (in diminuzione rispetto ai dati della SUA che era 27,2 con una d.s. di 2,8 e leggermente minore del valore per i Corsi di laurea magistrale del dipartimento che è 26,8). Nell a.a c è stato un ritardo nell evasione delle pratiche di ammissione dovuto al fatto che il Corso di studi era di nuova istituzione e alla transizione da facoltà a dipartimenti. Si è rilevato anche nel corrente anno accademico un ritardo nell evasione delle pratiche; ciò comporta per gli studenti difficoltà nella organizzazione della propria attività, in particolare per chi ha dei debiti da assolvere; in relazione a ciò si propone come intervento correttivo una procedura più rapida, da rendere nota agli studenti, per lo smaltimento delle pratiche di ammissione (vedi Obiettivo n.1-c.2). Nell'anno 2012/13 non ci sono stati studenti laureati della coorte 2012 appartenenti al Corso di laurea poiché è un corso attivato nel L analisi dei tempi medi di laurea (dati per anno solare) è stata effettuata calcolando un dato medio tra Banca, borsa e assicurazioni e Finanza aziendale e mercati finanziari (sia LS che LM) con i seguenti risultati: 2,85 anni per il 2011, 2,75 per il 2012 e 3,05 per il Poiché uno studente è in corso se si laurea entro 2,7 anni (corrisponde ad un periodo che va fino alla sessione di aprile del secondo anno), si ritiene che il risultato sia buono, in quanto c è solo un piccolo ritardo rispetto ai tempi previsti. Tuttavia il suddetto risultato si riferisce solo agli studenti laureati; manca quindi un dato su quanti sono gli studenti che non hanno completato il corso di studi. I dati disponibili non hanno permesso di effettuare stime accurate; si ritiene che meno del 50% degli iscritti al primo anno si laurei in corso, quindi questa è una criticità riguardo alla quale è necessario approfondire l analisi, quando saranno disponibili dati più precisi (vedi obiettivo 1-c.1). Il voto medio di laurea, disponibile per Banca, borsa e assicurazioni e Finanza aziendale e mercati finanziari negli ultimi tre anni è stato molto alto (sempre maggiore di 107), ma è andato diminuendo anche in seguito ad una modifica del sistema di calcolo del voto di laurea (non si tiene più conto delle lodi); si ritiene necessario rimandare ad un momento futuro, in cui la situazione sarà a regime, l analisi di questo punto. Durante l a.a diversi studenti di Banca, borsa e assicurazioni e Finanza aziendale e mercati finanziari si sono recati all estero: 4 con Erasmus Studio, 1 con Erasmus Placement, 2 con Accordi internazionali (paesi ospiti: Gran Bretagna, Turchia, Cina, Giappone). Soprattutto FAMF è stato un corso di laurea che ha favorito molto gli studenti in uscita ritenendo che un esperienza di studio all estero sia importante nella formazione, sia per lo studio e l approfondimento di una lingua estera, sia per la possibilità di confronto con altre modalità di studio. Nei corsi di laurea di Banca, borsa e assicurazioni, Finanza aziendale e mercati finanziari e Banca, finanza aziendale e mercati finanziari ci sono numerosi studenti stranieri sia iscritti ai corsi di studio che come studenti Erasmus incoming, a dimostrare l attrattività anche verso l estero del percorso di studi. L ufficio statistico dell ateneo al momento non fornisce dati in proposito. PUNTI DI ATTENZIONE RACCOMANDATI non trattati sopra 1. i dati che sono messi a disposizione dall Ateneo non sono completamente adeguati alle analisi richieste, probabilmente perché la procedura di valutazione è relativamente nuova, quindi la raccolta dei dati si sta adeguando e questo processo richiede tempo. Per far comprendere le proprie necessità agli uffici che raccolgono i dati si prevede come intervento correttivo l invio all amministrazione una serie di suggerimenti e richieste che sono stati messi in evidenza dalla discussione all interno del gruppo di riesame (vedi obiettivo n. 1-c.1). 2. Dall esame delle valutazioni degli studenti (vedi punto 2 del RR) non emerge inadeguatezza dei requisiti di ammissione. Per quanto riguarda le conoscenze iniziali (punto suggerito anche dalla Commissione Didattica), essendo stati modificati dal corrente a.a. i requisiti di settore (vedi azioni correttive già intraprese), questi devono ancora funzionare a regime, quindi è troppo presto per procedere ad una verifica su un eventuale effetto dell intervento. Per lo stesso motivo si rimanda al prossimo anno una verifica sulle propedeuticità tra i diversi corsi. 3. Sul carico didattico non si rilevano criticità dalle valutazioni degli studenti (vedi punto 2 del RR). Nell a.a è stato spostato un corso dal II semestre al I semestre per venire incontro alle richieste degli studenti di non avere un corso impegnativo nell ultimo periodo prima della laurea. Sono state effettuate riunioni di coordinamento per ciascun percorso (vedi punto 2 di questo RR) per coordinare i contenuti dei corsi ed il carico didattico. 3

4 1-c INTERVENTI CORRETTIVI Obiettivo n. 1c.1: invio all amministrazione di richieste e suggerimenti Invio all amministrazione di: segnalazioni riguardanti i dati mancanti e/o poco chiari, richieste di maggiore specificazione, suggerimenti per migliorare la comunicazione tra i corsi di laurea e gli uffici statistici/presidio per la qualità. Azioni da intraprendere Preparare una richiesta dettagliata da inviare agli uffici statistici dell amministrazione centrale sui dati mancanti o carenti necessari per la compilazione del Rapporto di riesame e su eventuali altre domande da includere nel questionario di valutazione che gli studenti compilano o in altro questionario; invio al presidio per la qualità di suggerimenti per migliorare la comunicazione in modo da rendere più agevole ai gruppi di riesame i vari adempimenti. Modalità, risorse, scadenze previste, responsabilità La richiesta verrà compilata dalla Presidente del gruppo di riesame; non sono necessarie risorse perché i dati sono già stati discussi nel gruppo di riesame; scadenza: due mesi; responsabilità: Presidente gruppo riesame Obiettivo n. 1 c.2: Rendere più veloci e trasparenti le procedure di valutazione per l ammissione Garantire per il 90% delle pratiche di ammissione una risposta entro giorni dalla data della domanda, in modo che gli studenti possano programmare per tempo la propria attività e possano seguire meglio il corso di studi. Comunicare agli studenti la procedura. Azioni da intraprendere Creare e comunicare una procedura che la commissione pratiche studenti deve seguire per far conoscere agli studenti in modo celere eventuali debiti e carenze di preparazione personale. Modalità, risorse, scadenze previste, responsabilità Risorse: personale della segreteria didattica o componenti commissione pratiche studenti. SCADENZE PREVISTE: a partire dal 15 settembre le domande avranno una valutazione entro giorni dalla presentazione a date prefissate (15 settembre, 30 settembre, 15 ottobre, ecc.). RESPONSABILITA: Presidente commissione pratiche studenti o suo delegato/a. 4

5 2 L ESPERIENZA DELLO STUDENTE 2-a AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI Obiettivo n. 2 a.1: coordinamento periodico tra docenti Riunioni, dedicate a problemi di propedeuticità, garanzia di conoscenze adeguate per la frequenza di ciascun corso, sovrapposizione di argomenti o argomenti insufficientemente trattati Azioni intraprese Sono state effettuate tre riunioni, una per ciascun percorso, in cui sono stati esposti i programmi dei diversi corsi e sono stati affrontati i vari problemi (vedi ALL. 3 verbali riunioni percorsi) Stato di avanzamento dell azione correttiva Idocenti hanno riconosciuto alcuni elementi da eliminare/correggere. La denominazione del percorso di INTERMEDIARI FINANZIARI E MERCATI è stata modificata in INTERMEDIARI MOBILIARI E ASSICURATIVI per sottolineare la possibilità di acquisire competenze nel campo assicurativo. Un'unica criticità viene individuata per un corso, per cui si provvederà ad intervenire, eventualmente procedendo a modifiche di regolamento. Le riunioni verranno riprogrammate anche per il prossimo a.a. per avere un monitoraggio e aggiornamento costante. Obiettivo n. 2 a.2: arricchimento del sito del CdS lo scopo è di aiutare gli studenti ad orientarsi meglio nel corso di studi e di diffondere rapidamente le informazioni Azioni intraprese Il vecchio sito è stato trasferito sull interfaccia unica predisposta dall ateneo; nel trasferimento il sito è stato aggiornato e arricchito. Stato di avanzamento dell azione correttiva L azione è completata: il sito viene aggiornato continuamente, anche fornendo in tempo reale notizie relativamente alle lezioni, seminari, delibere, e tutto quanto può essere utile che gli studenti vengano a conoscere. È stata nominata una docente responsabile del sito che si occuperà di mantenere lo stesso continuamente aggiornato. 2-b ANALISI DELLA SITUAZIONE SULLA BASE DI DATI, SEGNALAZIONI E OSSERVAZIONI ANALISI DEI QUESTIONARI DI VALUTAZIONE Premessa I dati forniti dai questionari di valutazione degli studenti rappresentano una realtà ormai consolidata, che permette, al contrario di altri elementi di valutazione, un confronto intertemporale affidabile. Il gruppo di riesame aveva stabilito di focalizzare l attenzione sui risultati peggiori e in modo particolare sulla congruità della preparazione degli studenti con il programma d esame e la corrispondenza tra la descrizione dei singoli insegnamenti e programmi effettivamente svolti. Risultati dei questionari di valutazione Primo semestre Le valutazioni complessive del Corso di laurea magistrale non evidenziano aree di particolare criticità. La domanda con la media peggiore è la B4 (adeguatezza del materiale didattico) con una media di 2,8 e una percentuale di insoddisfatti (parzialmente e totalmente) del 36,2. Tutti gli altri quesiti fanno registrare medie 3,0. Due corsi ottengono una valutazione complessiva (quesito B502) < 3 (2,5 e 2,7). I suggerimenti più frequenti dati dagli studenti riguardano l inserimento di prove intermedie (30 voti su 58) e la distribuzione anticipata del materiale didattico (31 voti su 58). Secondo semestre Non esistono domande che, nella valutazione complessiva del Corso di laurea magistrale, abbiano medie < 3. Le valutazioni più basse (3) riguardano le conoscenze preliminari (B2) e il carico di studio in rapporto i crediti (B3). 5

6 Due corsi ottengono una valutazione complessiva (quesito B502) < 3 (2,3 e 2,2). I suggerimenti più frequenti dati dagli studenti riguardano di gran lunga l inserimento di prove intermedie (56 voti su 70) e, a grande distanza, il miglioramento del coordinamento fra docenti (28 voti su 70). Valutazione complessiva Le valutazioni complessive del Corso di laurea magistrale non fanno emergere elementi particolarmente critici. In modo particolare, non appaiono evidenti difficoltà per quanto riguarda l adeguatezza delle conoscenze preliminari (B2), per il quale solo due corsi hanno una valutazione < 3, e la coerenza fra programma annunciato ed effettivamente svolto (B10), con nessuna valutazione < 3. Quattro corsi singoli mostrano criticità evidenti, per risolvere i quali la Presidente del Corso di laurea magistrale si attiverà in maniera opportuna. Riguardo alla richiesta di prove intermedie, che nello scorso anno accademico erano state eliminate, nel corrente a.a. sono state reintrodotte, quindi si procederà ad un ulteriore valutazione nel prossimo RR; in ogni caso la possibilità di prove intermedie dipende da decisioni del dipartimento, in quanto il calendario delle lezioni è unico per tutti i corsi di laurea. Le valutazioni non sono state rese pubbliche perché non si sapeva se, per problemi di privacy, era possibile discuterle pubblicamente. Per mantenere l efficacia dei contenuti della formazione, per tenere conto delle caratteristiche degli studenti e dei singoli insegnamenti, si ritiene utile ripetere periodicamente le riunioni di coordinamento tra corsi (vedi obiettivo 2- c.1) ALTRI PUNTI DI ATTENZIONE La Presidente del corso di laurea magistrale riceve segnalazioni dagli studenti e dai docenti sui problemi che si manifestano ed è intervenuta quando necessario (spostato l orario di un corso che coincideva con un altro, cambiata un aula di un corso perché sovraffollata, parlato con docente su segnalazione studenti, provveduto a tempestiva sostituzione di docente in malattia, ecc.). Si ritiene che sarebbe utile porre sotto attenzione la reperibilità dei docenti per il ricevimento studenti sia relativamente ai corsi che allo svolgimento delle tesi; sul primo punto c è un apposita domanda nei questionari di valutazione che per il momento non presenta particolari criticità; sul secondo punto non esiste una rilevazione specifica (ma c è una segnalazione da parte di due studenti che hanno risposto al questionario fuoricorso), che forse potrebbe essere utile effettuare. Manca inoltre una rilevazione sulle modalità di svolgimento degli esami, in quanto i questionari di valutazione sono compilati prima che venga sostenuto l esame. Sarebbe necessaria anche una valutazione del docente nel seguire le tesi di laurea. Si suggerisce all ateneo di ampliare agli argomenti di cui sopra le procedure di valutazione da parte degli studenti (vedi obiettivo 1-c.1). Sono state effettuate le riunioni di coordinamento tra i corsi per individuare eventuali problemi (vedi risultati obiettivo 2-a.1). Si ritiene, confermato anche dalla studentessa facente parte del gruppo di riesame, che i servizi complessivi forniti dal dipartimento e dall ateneo funzionino bene. Alcuni docenti lamentano nelle aule la mancanza di possibilità di utilizzare contemporaneamente sia lo schermo che la lavagna tradizionale, essendo questi due strumenti sovrapposti. Per quanto riguarda le barriere architettoniche molte aule, specialmente le grandi, hanno scale interne, quindi chi ha difficoltà deambulatorie deve stare o in cima o in fondo; la gestione delle aule compete all amministrazione centrale. Non sono stati segnalati studenti con necessità di ausili o disturbi specifici; in questo campo l amministrazione ha un suo proprio servizio di appoggio. Per quanto riguarda ingresso, orientamento e tutorato in itinere: l orientamento in ingresso viene svolto dalla presidente della commissione pratiche studenti e dalla Presidente del CDS; orientamento in itinere viene svolto dalla presidente del Cds; tutorato in itinere non è previsto; è stata organizzata un assemblea di presentazione all inizio del primo anno. Per quello che riguarda l estero c è un apposito ufficio internazionalizzazione del dipartimento che segue tutto l iter e c è un docente del Cds che si occupa degli aspetti internazionali. Per i tirocini c è un apposito ufficio del dipartimento; durante il tirocinio l accompagnamento del tirocinante viene svolto dal tutor accademico di riferimento; altre iniziative (seminari, incontri con aziende, giornate di presentazione) vengono organizzate dai singoli docenti. 6

7 2-c INTERVENTI CORRETTIVI Obiettivo n. 2 c.1: Riunioni coordinamento percorsi Si ritiene che le riunioni di coordinamento siano necessarie ogni anno, in modo da monitorare continuamente eventuali problemi (sovrapposizioni e/o assenza di argomenti, adeguatezza alle caratteristiche degli studenti e dei singoli corsi, corrispondenza con richieste da parte del mondo del lavoro, ecc.). Inoltre dovranno essere utilizzate anche per coordinare tra i docenti l organizzazione degli stage e collegare la preparazione degli studenti con i fabbisogni del mercato del lavoro Azioni da intraprendere Convocare riunioni di coordinamento per ciascun percorso di studio periodicamente, almeno una volta all anno prima dell inizio dell a.a. Nominare uno o più responsabili per ciascun percorso. Modalità, risorse, scadenze previste, responsabilità MODALITA : tutti i docenti devono partecipare; SCADENZA PREVISTA: entro luglio 2014; RESPONSABILE: responsabile di percorso. 3 L ACCOMPAGNAMENTO AL MONDO DEL LAVORO 3-a AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI Obiettivo n. 3 a.1: Aumentare i contatti con aziende Invitare persone che lavorano in aziende per spiegare agli studenti le professioni a cui potrebbero accedere e le competenze necessarie per accedervi. Azioni intraprese Durante le lezioni e al di fuori sono state invitate numerose persone che lavorano in aziende (vedi più avanti nel punto Rapporti con il mondo del lavoro ) Stato di avanzamento dell azione correttiva Non si ritiene che il raggiungimento dell obiettivo sia quantificabile numericamente; si ritiene che gli interventi siano stati utili per gli studenti. Obiettivo n. 3 a.2: Aumentare i contatti con aziende, banche, società varie per inserire gli studenti in attività di stage che possono aggiungere alle competenze acquisite negli studi universitari anche esperienze pratiche. Azioni intraprese Sono stati stabiliti o confermati contatti con numerose aziende (vedi più avanti nel punto Rapporti con il mondo del lavoro ), alcune delle quali hanno ospitato studenti per stage o per la stesura della tesi. Stato di avanzamento dell azione correttiva Non si ritiene che il raggiungimento dell obiettivo sia quantificabile numericamente; i contatti andranno mantenuti nel tempo per favorire l inserimento degli studenti nel mondo del lavoro. Al fine di migliorare il rapporto tra gli studi universitari ed il mondo del lavoro si prevede per il futuro un obiettivo più mirato alla procedura per l attivazione di tirocini e al monitoraggio dell efficacia di tirocini e tesi in azienda. 7

8 3-b ANALISI DELLA SITUAZIONE, COMMENTO AI DATI SITUAZIONE DEI LAUREATI Ad oggi non esistono ancora laureati in Banca, Finanza aziendale e mercati finanziari, in quanto il corso è stato attivato nell a.a Si analizzano qui i risultati sulle statistiche di ingresso nel mondo del lavoro riferite ai laureati dei due corsi di laurea, Banca, Borsa e Assicurazioni e Finanza aziendale e mercati finanziari, che si sono fusi per dar luogo al nuovo corso di laurea; poiché il nuovo corso di laurea è articolato in tre percorsi di studio, che ricalcano abbastanza da vicino i percorsi dei due cds aboliti, si ritiene che le opinioni dei laureati dei due corsi aboliti si possano applicare anche al nuovo. Per questi due corsi di laurea abbiamo a disposizione una ricognizione riferita ai laureati negli anni solari 2010 e 2011 (interviste ad un anno dalla laurea). Laureati anno solare 2010 (risposte da 53 studenti su 62, 85%) Occupati: la grande maggioranza dei laureati lavora (81,2 % in media per i due cds; per Banca, Borsa e assicurazioni si rileva una significativa differenza tra maschi (88,2%) e femmine 60%)), ha un lavoro stabile, continuativo e a tempo pieno, anche se con tipologie di forma giuridica molto diversificate. Non sembra che gli studenti in ritardo nel conseguimento del titolo di studio abbiano una percentuale di occupazione minore di coloro che hanno avuto tempi di laurea più brevi. Per quanto riguarda il rapporto tra titolo conseguito e lavoro, la maggior parte degli intervistati riferisce una buona coerenza tra le competenze apprese durante il corso di laurea ed il lavoro (81,65%), una formazione acquisita all università adeguata per il lavoro attuale (79,1%) e che il possesso della laurea è un requisito necessario per l attuale lavoro (78,4%). La maggioranza dei laureati dei due cds lavora in ramo di attività economica coerente con gli studi svolti e tutti nel settore privato Oltre il 90% degli occupati è molto o abbastanza soddisfatto dell attuale lavoro. Per circa il 70% degli occupati la retribuzione si colloca tra 1000 e 1750 euro. In cerca di lavoro: le persone che sono in cerca di lavoro si sono laureate oltre i 25 anni; non si riscontra una significativa differenza di voto di laurea tra chi lavora e chi non lavora, né una significativa composizione di genere tra chi non lavora. Laureati anno solare 2011 (risposte da 36 studenti su 56, 64%9) Occupati: la maggioranza dei laureati lavora (61% in media per i due cds; per Banca, Borsa e assicurazioni si rileva una forte differenza tra gli occupati maschi (87,5%) e femmine (50%); per Finanza aziendale e mercati finanziari c è una percentuale maggiore di occupazione tra le femmine (62,5%) che tra i maschi (50%)). È ancora in cerca di lavoro circa il 25% dei laureati. Di coloro che lavorano, la grande maggioranza ha un lavoro stabile, continuativo e a tempo pieno, con tipologie di forma giuridica diversificate. Per quanto riguarda il rapporto tra titolo conseguito e lavoro, la maggior parte degli intervistati riferisce una buona coerenza tra le competenze apprese durante il corso di laurea ed il lavoro (100% per laureati FAMF e 38,5 per BBA), una formazione acquisita all università adeguata per il lavoro attuale (89% per FAMF e 46,2% per BBA) e che il possesso della laurea è un requisito necessario per l attuale lavoro (88,9% per FAMF e 61,5% per BBA). Circa il 60% dei laureati dei due cds lavorano in ramo di attività economica coerente con gli studi svolti ed in grande maggioranza nel settore privato. Le significative differenze nelle risposte tra i due corsi di studio evidenziano alcune criticità che dovrebbero avviarsi ad un miglioramento con l unificazione dei due corsi in uno unico, che ha competenze maggiormente bilanciate. Il 77% degli occupati è molto o abbastanza soddisfatto dell attuale lavoro. Per oltre il 65% degli occupati la retribuzione si colloca tra 1000 e 1750 euro. In cerca di lavoro: le persone laureate nei due cds che cercano lavoro hanno tutte più di 25 anni; tutti coloro che+ hanno avuto un voto di laurea più basso sono in cerca di lavoro (tra coloro che hanno avuto un voto più alto di laurea prevalgono coloro che hanno trovato un lavoro); riguardo alla composizione di genere si riscontra una significativa differenza tra i due corsi di laurea: i laureati in BBA che non lavorano sono tutti di sesso femminile, mentre tra i laureati di FAMF che non lavorano prevalgono quelli di sesso maschile. RAPPORTI CON IL MONDO DEL LAVORO L occupabilità viene favorita con interventi in aula per integrare conoscenze teoriche con abilità professionali, con stage, con tesi in azienda, con scambi internazionali. Nell a.a sono stati organizzati diversi seminari o altri eventi per favorire l incontro con esperti di aziende allo scopo di illustrare le competenze necessarie e le possibilità di lavoro (vedi ALL. 4 Elenco contatti esterni). Nell anno non ci sono studenti di BFAMF che hanno svolto un tirocinio in quanto il corso di studio era al primo anno di attivazione; il tirocinio di solito viene effettuato al secondo anno in quanto al primo anno gli studenti svolgono le attività di base, mentre quelle più formative ai fini del lavoro sono al secondo anno. 8

9 Diversi studenti dei due cds (Banca, Borsa e Assicurazioni e Finanza Aziendale e Mercati Finanziari) che si sono fusi per formare il corso di laurea di Banca, Finanza aziendale e Mercati Finanziari, hanno svolto un tirocinio in un azienda, sia per acquisire crediti formativi al fine di completare il proprio percorso di studi, sia per acquisire esperienza lavorativa (tirocini curriculari o extra-curriculari). Nell a.a studenti di BBA e 6 di FAMF hanno svolto un tirocinio in azienda. Nell a.a studenti di BBA e 7 di FAMF hanno svolto un tirocinio in azienda. Inoltre numerose aziende hanno ospitato, negli ultimi tre anni accademici, studenti per la stesura della tesi di laurea o per tirocini post-laurea (vedi ALL.4 per elenco aziende ospitanti tirocini e tesisti). Inoltre ci sono diversi studenti che hanno svolto tirocini all estero nell ambito del programma Erasmus Placement e con Accordi internazionali (vedi dati sull internazionalizzazione al punto 1). Non è stata fatta finora una ricognizione sistematica delle opinioni di enti e aziende, in quanto i rapporti sono stati tenuti a livello personale dai singoli docenti. Si ritiene che la molteplicità di rapporti sia con l estero che con il mondo del lavoro sia un punto di forza del corso di laurea. Tuttavia, anche secondo l opinione della studentessa facente parte del gruppo di riesame e degli studenti fuoricorso che hanno compilato il questionario, la componente tirocinio deve essere rafforzata, perché essenziale per l inserimento successivo; in particolare 1) è necessario valutare l efficacia del tirocinio tramite un questionario da distribuire agli studenti che vanno in stage e ai loro tutor aziendali (vedi obiettivo 3-c.1), 2) devono essere rese più celeri e semplici le procedure di avvio di stage ed è necessario specificare i passaggi dei vari processi che coinvolgono le singole criticità (vedi obiettivo 3-c.2). Ambedue questi punti sono sottolineati nella relazione della Commissione Didattica, 3) la ricerca ed il mantenimento di contatti con il mondo del lavoro deve avvenire in maniera più sistematica e, anziché essere lasciata al singolo docente, deve essere organizzata all interno delle riunioni di coordinamento di cui all obiettivo 2-c.1. Tuttavia l attività di contatto con il mondo esterno richiederebbe un lavoro più sistematico e continuativo da parte di persone con adeguate capacità e formazione, lavoro che con le attuali risorse del cds non è possibile svolgere. Sarebbe quindi necessario coordinare le attività dei cds, del dipartimento e dell ateneo (l ateneo ha un portale (servizio Diogene) in cui gli studenti possono pubblicare il proprio Curriculum Vitae e a cui possono accedere le aziende che offrono stage/lavoro) al fine di rendere migliore la comunicazione, più semplici le procedure e raccogliere dati per comprendere meglio le richieste da parte delle aziende e le esigenze dei laureati. 3-c INTERVENTI CORRETTIVI Obiettivo n. 3 c.1: predisposizione e distribuzione di un questionario per valutare l efficacia degli stage Azioni da intraprendere Verrà elaborato un questionario che dovrà essere compilato sia dallo studente che dal tutor aziendale per ottenere un riscontro da parte del mondo del lavoro sulle competenze che laureandi e laureati possiedono effettivamente. Il questionario deve essere utilizzato sia per studenti che svolgono stage, sia per laureati che svolgono stage in azienda. Modalità, risorse, scadenze previste, responsabilità Stesura del questionario e specificazione delle modalità di distribuzione da parte dei componenti del gruppo di riesame; il questionario deve essere pronto tra tre mesi e verrà distribuito agli studenti che terminano il tirocinio in data successiva; responsabilità: Presidente gruppo riesame. Il questionario dovrebbe essere condiviso con gli altri corsi di laurea magistrale del dipartimento. 9

10 Obiettivo n. 3 c.2: proposta di coordinare meglio le attività di cds, Dipartimento e Ateneo volte a facilitare l inserimento nel mondo del lavoro Individuazione di procedure più semplici e rapide per l attivazione di convenzioni e l inizio di attività di stage (per esempio estendere ai dipartimenti le convenzioni di ateneo, realizzare un sistema informatico per l archiviazione delle convenzioni); miglioramento della comunicazione sulle possibilità di stage e offerte di lavoro (coordinamento tra dipartimenti ed ateneo, aggiornamento siti web), raccolta di dati più dettagliati su studenti e aziende che usufruiscono del servizio Diogene. Azioni da intraprendere Sollecitazione nei confronti del dipartimento e dell amministrazione a cui spetta la gestione delle procedure. Modalità, risorse, scadenze previste, responsabilità RESPONSABILITA : dovrebbe essere condivisa con altri corsi di laurea, direttore del dipartimento, uffici di ateneo 10

11 ALLEGATI Allegato 1 - QUESTIONARIO STUDENTI FUORI CORSO Caro studente, cara studentessa, le inviamo un questionario che le chiediamo di riempire. La compilazione del questionario non è obbligatoria. L obiettivo del questionario è di conoscere le motivazioni che possono aver determinato un rallentamento negli studi, affinché il corso di studio possa valutare l introduzione di correttivi nell erogazione della didattica. L adesione al questionario sottintende la prestazione del consenso al trattamento dei dati personali eventualmente forniti, che verranno trattati, in forma aggregata, soltanto per perseguire l obiettivo descritto. La ringraziamo per la sua collaborazione Presidente di BFAMF Prof.ssa Maria Laura Ruiz Questionario studenti fuori corso BBA e FAMF a.a ) Da quale corso di laurea triennale Banca, Finanza e mercati finanziari Economia aziendale Economia e commercio Altro: 2) Da quale università proviene? Un. Pisa Altra università: 3) A che anno fuori corso è iscritto? 4) Quanto tempo fa ha sostenuto l ultimo esame? 5) Quanti cfu ha sostenuto finora? 6) Qual è il suo ultimo esame sostenuto? 7) Qual è l ultimo esame sostenuto con esito negativo? 8) Quali difficoltà ha incontrato nel suo corso di studi? 9) Se ha un ritardo nella progressione di carriera o se ha deciso di interrompere i suoi studi, ci sono motivi legati al corso di studi che l hanno indotta a questa decisione? 10) Sta attualmente cercando lavoro? Si (se risponde si va alla domanda 11) No, ho già un lavoro (se risponde no va alla domanda 12) no 11) Se sta cercando lavoro, trova difficoltà nella ricerca di un lavoro inerente i suoi studi? 12) Se ha interrotto/sospeso per motivi di lavoro, attualmente lei ha: a. un impiego a tempo indeterminato nell ambito degli studi svolti? b. un impiego a tempo indeterminato al di fuori dell ambito degli studi svolti? c. un impiego a tempo determinato nell ambito degli studi svolti? 11

12 d. un impiego a tempo determinato al di fuori dell ambito degli studi svolti? e. altro 13) se ha un impiego al di fuori dell ambito del suo titolo di studio, sta cercando attivamente un altro lavoro nell ambito del suo titolo di studio? 14) Quali suggerimenti si sente di indicare per migliorare il funzionamento del corso di laurea ed aiutarla a completare il suo corso di studi? 12

13 Allegato 2 - ANALISI QUESTIONARIO STUDENTI FUORI CORSO Le risposte sono state 25 di cui 24 valide. Università di provenienza: Bocconi 1 Foggia 1 Pisa 22 Corso di laurea di provenienza: 13 Banca, finanza e mercati finanziari 1 Economia e commercio 7 economia aziendale 1 Scienze economiche 1 Banca, borsa e assicurazioni (laurea magistrale) 1 Economia delle Istituzioni e dei Mercati finanziari (laurea specialistica) Anni fuori corso: 0 anni (laureando) 1 anno 16 2 anni 4 3 anni 0 Media anni fuori corso: 1,375 Epoca sostenimento ultimo esame: appello novembre 2013: 8 appello settembre 2013: 7 appello giugno-luglio 2013: 6 appello gennaio-febbraio 2013: 2 5 anni fa : 1 Crediti sostenuti: 201 cfu 1 fra 100 e 110 cfu 14 fra 90 e 100 cfu 4 fra 80 e 90 cfu 2 fra 40 e 60 cfu 2 23 cfu 1 Ultimo esame sostenuto: esami area quantitativa 5 esami area giuridica 4 esami area economica 8 esami area aziendale 7 Ultimo esame sostenuto con esito negativo: nessuno 8 esami area quantitativa 5 area giuridica 5 esami area economica 2 esami area aziendale 4 Difficoltà incontrate: nessuna difficoltà 10 numero esami in un semestre 1 carenza basi matematiche 1 difficile reperibilità docente 2 problemi personali 3 cambio ordinamento 3 13

14 lavoro 1 tesi 1 non frequentante 1 sovrapposizioni orario 1 Domanda A10: sta attualmente cercando lavoro 13 si 11 no Domanda A11: se sta cercando un lavoro, trova difficoltà nella ricerca di un lavoro inerente i suoi studi? 12 si 1 no 11 non risposte Domanda A12: se ha un impiego al di fuori dell ambito del suo titolo di studio, sta cercando attivamente un altro lavoro nell ambito del suo titolo di studio? 1 3 Altro 1 lavoro a tempo indeterminato nell'ambito degli studi Domanda A13 : Consigli piena soddisfazione 4 più collegamento col mondo lavoro 3 più stage 2 corsi meno teorici e più pratici 5 più stage 2 più stabilità di ordinamento 2 difficoltà studenti non frequentanti 2 ripetizione nei contenuti dei corsi 1 poche materie quantitative 1 tesi più brevi 1 pochi appelli esame 1 ripartizione materie nei semestri 1 mancanza attivazione materie nelle rose 1 Sintesi dei risultati Si premette che le risposte provengono prevalentemente da studenti vicini al completamento del corso di studi, quindi non si è colto l obiettivo di contattare gli studenti che hanno abbandonato o rallentato in precedenza e che probabilmente non completeranno il cds o lo completeranno in tempi molto più lunghi di quelli previsti. Dalle risposte ottenute si deduce che non ci sono grosse criticità; le difficoltà incontrate non si concentrano su alcun punto in particolare. Dai consigli emerge la necessità di un raccordo migliore con il mondo del lavoro, sia nei contenuti dei corsi che nella possibilità di stage durante o dopo la laurea; questo punto peraltro è già sotto attenzione nella parte specifica del RR. Per il momento non si prevede di ripetere l invio del questionario Commenti su questionario: Se si dovesse pensare di distribuire nuovamente il questionario di nuovo andrebbe rivisto nei seguenti punti: - la domanda sulla provenienza non è stata compresa - le domande sull ultimo esame sostenuto e ultimo esame sostenuto con esito negativo, non aiutano a comprendere le difficoltà; si dovrebbero sostituire con domande più specifiche, per esempio esami in cui si sono avute difficoltà e relativi motivi 1 a) un impiego a tempo indeterminato nell ambito degli studi svolti? b) un impiego a tempo indeterminato al di fuori dell ambito degli studi svolti? c) un impiego a tempo determinato nell ambito degli studi svolti? d) un impiego a tempo determinato al di fuori dell ambito degli studi svolti? e) altro 14

15 Allegato 3 - VERBALI RIUNIONI PERCORSI RIUNIONE PERCORSO FINANZA AZIENDALE E MERCATI FINANZIARI (29 maggio 2013) PRESENTI: Cambini, Ruiz, Orsi, Barontini, Mariani, Carlesi, Bruno, Vannucci Si rilevano i seguenti problemi/suggerimenti: METODI COMPUTAZIONALI PER LA FINANZA (II semestre): viene insegnato un software (MATHLAB) per fare calcoli ed elaborazioni semplici; il docente invita i colleghi ad inviare possibili esempi ed applicazioni di tipo finanziario e si dichiara disponibile a riprendere alcuni esempi proposti nei corsi del I semestre e svolgerli sotto forma di esercizi; il prof Barontini, suggerisce che si utilizzino i dati di Datastream su borsa, bilanci, ecc.; il docente è disponibile a fare un paio d ore di esercitazione sull utilizzo di Datastream, con esercizi applicati, eventualmente con la collaborazione della dott.ssa Guazzerotti o del dott. Pulcini. FINANZA AZIENDALE (corso progredito): Carlesi fa notare che prima si faceva il Business Plan, ora ci sarebbe spazio per reinserirlo, al posto dei 3 cfu che per un anno ha fatto Ferretti; Mariani concorda con la possibilità di fare esempi diversi di BP (start up, M&A, Turnaround), eventualmente in collaborazione con il corso di Cambini. Mariani chiede se si dovrebbe fare qualcosa sulla politica dei dividendi, ma si conviene, sentito anche il parere di Barontini che è un tema residuale e non c è spazio per farlo. FINANZA PER L INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALE: il docente rileva che tratta la gestione del rischio da un punto di vista gestionale ma gli studenti non sono molto preparati. Orsi spiega che dall anno in corso il corso di Finanza per l innovazione e il corso di gestione del rischio sono nello stesso semestre, quindi gli studenti dovrebbero imparare nel secondo (gestione del rischio da un punto di vista metodologico, applicabile a tutti i campi) quello di cui hanno bisogno nel primo; tuttavia al momento gli studenti non hanno la preparazione di base sufficiente (cosa sottolineata anche nelle valutazioni degli studenti), in quanto non hanno Matematica finanziaria come requisito curriculare e chi non l ha già fatta al primo livello spesso la fa come ultimo esame; questo problema in futuro non si presenterà più, perché dal MF diventa requisito curriculare. Barontini chiede se in qualche corso si tratta la metodologia degli event studies, che è molto utile per esempio per spiegare l efficienza, e può essere usata per le tesi; Ruiz, che tratta il tema dell efficienza da un punto di vista teorico, ritiene di poter accennare alla metodologia, ma probabilmente non c è spazio per una trattazione approfondita. Si conviene di chiedere a Bianchi che fa il corso di Econometria per i mercati finanziari. VALUTAZIONE D AZIENDA: Barontini ritiene che dovrebbe essere obbligatorio in questo percorso e si dovrebbe fare prima di Finanza aziendale (corso progredito); Carlesi ritiene che non sia necessario in quanto i concetti fondamentali vengono introdotti nel corso di FA (C.p.) e poi approfonditi da chi vuole al secondo anno, inoltre non è possibile lo spostamento sia a causa del numero di crediti, sia per la struttura complessiva del corso di laurea. MATHEMATICAL METHODS FOR FINANCIAL MARKETS: Vannucci fa notare che si sovrappone al 50% con Matematica finanziaria (strumenti derivati), perché inizialmente erano pensati per due corsi di laurea diversi; si chiederà a Biagini di dare un taglio più teorico alla sua parte, in modo da ridurre la sovrapposizione, altrimenti l anno prossimo il corso verrà disattivato INTERNATIONAL MONETARY ECONOMICS: anche per questo corso c è un problema di sovrapposizione con il modulo Della Posta di Economia monetaria e finanziaria internazionale; Ruiz lamenta il fatto che sia per questo corso che per il precedente, sono passate avanti le esigenze del corso di Economics piuttosto che quelle di BFAMF, cosa che ha fatto notare anche in sede di Dipartimento al momento della programmazione. METODI QUANTITATIVI PER LE ASSICURAZIONI: Vannucci chiede che venga data agli studenti la possibilità di sceglierlo anche in questo percorso; si decide che si vedrà se eventualmente includerlo (se vengono disattivati altri corsi), ma tutto il problema delle assicurazioni viene trattato nel percorso di Intermediari. RIUNIONE PERCORSO INTERMEDIARI FINANZIARI E MERCATI (19 giugno 2013) PRESENTI: Cambini, Orsi, Ruiz, Quirici, Vannucci, Spataro, Gagliardi, Cappiello, Mariani Si rilevano i seguenti problemi/suggerimenti METODI COMPUTAZIONALI PER LA FINANZA: anche in questo percorso il docente invita i colleghi a presentare possibili applicazioni, da utilizzare eventualmente anche come argomento per tesi di laurea. ECONOMIA DEL MERCATO MOBILIARE: si pone se il problema se ci siano sovrapposizioni con Economia del risparmio e della previdenza; non vengono rilevate sovrapposizioni di rilievo, anche perché nei casi in cui vengono trattati gli stessi argomenti i due corsi hanno approcci diversi, uno più tecnico l altro più economico. Si rileva che potrebbe essere proficuo fare delle attività insieme (seminari di esterni, stage). Vannucci fa notare che poiché il percorso prevede una specializzazione riguardante le assicurazioni (sia dal punto di vista giuridico, che matematico e tecnico/economico) il corso di laurea dovrebbe contenere nel titolo un riferimento agli intermediari assicurativi; poiché ciò non è possibile (sia perché sarebbe necessario modificare l ordinamento, sia perché il titolo del CdLM è più generale e non contiene i singoli intermediari), si conviene che sarebbe utile inserire un riferimento alle assicurazioni nel titolo del percorso proponendo al consiglio di modificarlo in INTERMEDIARI MOBILIARI E ASSICURATIVI. 15

16 Quirici e Cappiello pongono il problema che alcuni studenti hanno già fatto un corso di primo livello (per EMM e EAA) e altri non l hanno fatto; questo problema si pone anche per altri corsi; poiché per la LM non si possono richiedere troppi cfu di requisiti, è necessario riprendere i concetti di base, naturalmente a livello più avanzato, in modo che tutti possano seguire il corso avanzato. I corsi di Economia delle aziende di assicurazione e Diritto delle assicurazione possono fare dei seminari insieme sugli argomenti comuni (Gagliardi propone di invitare qualcuno dell Authority; Cappiello di approfondire in seminario la struttura dell impresa assicurativa). Si propone anche che EAA e MQA si integrino con il corso su gestione del rischio di ORSI, ma Orsi ritiene che ciò sia difficile, perché il corso di gestione del rischio riguarda l utilizzo degli strumenti derivati. Si esamina il programma di Diritto delle obbligazioni e dei contratti tenuto da Cherubini e si conviene che sarebbe più adatto per il percorso di Corporate banking and finance; quindi si propone di spostare in quel percorso o aggiungerlo. Non si rilevano sovrapposizioni tra Finanza aziendale (cp) e EMM. TECNICA DI BORSA: il programma comprende le negoziazioni, OPA e tutti gli argomenti prettamente borsistici; si ritiene utile che vengano trattati i principali tipi di strumenti finanziari. RIUNIONE PERCORSO CORPORATE FINANCE AND BANKING 15 ottobre 2013 Presenti: Carlesi, Mariani, Ruiz, Ferretti L analisi generale del percorso non rileva particolari problemi, anche perché alcuni sono stati già analizzati nelle precedenti riunioni. Viene sollevato un problema riguardante il corso di Strategie finanziarie per le imprese, il cui programma si sovrappone in larga parte con il corso di Finanza aziendale. Si ritiene necessario contattare il docente per modificare il programma o eliminare l esame dalla rosa. 16

17 Allegato 4 - ELENCO CONTATTI ESTERNI SEMINARI ed EVENTI Durante l a.a sono stati organizzati diversi seminari e altri eventi per favorire l incontro con esperti di aziende ed illustrare le competenze necessarie e le possibilità di lavoro. Di seguito un elenco di alcuni dei relatori dei seminari ed eventi: dott.ssa Eleonora Fusco - Expert investigator in human behaviour, Dott.ssa Alessandra Nenci - Advisor, Ing. Michele Pallottini - CFO Malpensa, dott. Stefano Luisotti - AD Welcome Italia, Dott. Maurizio Cei Advisor, Sig. Giacomo Barsotti Finanza e futuro - Gruppo Deutsche Bank, Incontro Self Promotion e Self-Marketing: Basi teoriche, strategie ed esempi Tekta Consulting S.r.l. TIROCINI IN AZIENDA I docenti del corso di laurea sono in contatto con numerose aziende in cui negli ultimi due anni accademici gli studenti hanno svolto tirocini; tra queste le seguenti aziende: Centro promozione Finanziaria Allianz Bank - Santa Croce sull Arno, Trade Point SIM - Viareggio, Tecno Soft srl, Finagros srl, Banca Popolare Lajatico, Concredito, Ina-Assitalia Carpanesi-Masoni & C. Assicurazioni - Pisa, Studio associato Saccardi - Lucca, Banca Generali Trieste, Linea Finanza Bari, Banca Ifigest Firenze. TESI DI LAUREA IN AZIENDA E TIROCINI POST-LAUREA Le seguenti aziende hanno ospitato, negli ultimi tre anni accademici, studenti per la stesura della tesi di laurea o per tirocini post-laurea: Tekta Consulting S.r.l. di S.Romano (PI), Welcome Italia, Piaggio, KPMG, Abiogen, Gambini Spa Lucca, Lucacart, Agos Ducato, CARIGE, Unicredit, Credem, BCC Buonabitacolo; Bcc Versilia, Lunigiana e Garfagnana, Enel Green Power, Salvatore Ferragamo, Euler Hermes Italia, Alleanza Toro spa, Italiana Assicurazioni, S.ENE.CA srl, Gran Milano spa, Innovazione srl Borghi e masserie spa, Gruppo Alfea, Allianz Bank F.A., Amgas spa, Baglio Oro, Alfa spa, Unicoop Firenze, Biospire srl, Biobeats, Arcelor Mittal, Iveco spa, Bcc di Fornacette, Cassa di Risparmio San Miniato, Cassa di Risparmio Lucca Pisa Livorno, Studio commerciale Dreucci Pisa, Welcome Italia. 17

Rapporto di Riesame 2016

Rapporto di Riesame 2016 Rapporto di Riesame 2016 Denominazione del Corso di Studio : Laurea in Ingegneria Civile Classe : L-7 Ingegneria civile ed ambientale Sede: Università degli Studi del Sannio (Benevento) - Dipartimento

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale Anno 2015

Rapporto di Riesame Iniziale Anno 2015 Rapporto di Riesame Iniziale Anno 2015 SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED AMBIENTALI (SAFE) Denominazione del Corso di Studio : Scienze e Tecnologie Agrarie Classe : LM69 Sede : Potenza

Dettagli

Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15

Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15 Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15 Denominazione del Corso di Studio: Scienze Chimiche Classe : LM-54 Scienze e Tecnologie Chimiche Dipartimento: Scienze Sede : Potenza

Dettagli

Presentato, discusso e approvato in Consiglio del Corso di Studio in data: 27 Gennaio 2014 delib. n.6

Presentato, discusso e approvato in Consiglio del Corso di Studio in data: 27 Gennaio 2014 delib. n.6 Rapporto annuale di Riesame a.a. 2013/2014 Denominazione del Corso di Studio: CONSULENZA PROFESSIONALE ALLE AZIENDE Classe: LM-77 Sede: Dipartimento di Economia e Management via Ridolfi,10 Pisa Primo anno

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale 2013

Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Classe LM33 Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Cagliari Denominazione del Corso di Studio: Ingegneria Meccanica

Dettagli

Gruppo di Riesame (per i contenuti tra parentesi si utilizzino i nomi adottati dell Ateneo)

Gruppo di Riesame (per i contenuti tra parentesi si utilizzino i nomi adottati dell Ateneo) Denominazione del Corso di Studio : Ingegneria Informatica e delle Tecnologie dell Informazione Classe : LM-32 Ingegneria Informatica Sede : Scuola di Ingegneria dell Università degli Studi della Basilicata

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

RAPPORTO DI RIESAME 2015

RAPPORTO DI RIESAME 2015 RAPPORTO DI RIESAME 2015 Denominazione del Corso di Laurea Magistrale: Lingue e Letterature Moderne Classe: (LM-37) Lingue e Letterature Moderne Europee e Americane Sede: Università della Calabria Dipartimento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS Pagina 1 di 6 A1 L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS a AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI In questa sezione vanno illustrati i risultati raggiunti a seguito delle azioni correttive proposte

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze Forestali e Ambientali Classe: LM73 Sede: Potenza Gruppo di Riesame:

Dettagli

RAPPORTO DI RIESAME 2015

RAPPORTO DI RIESAME 2015 RAPPORTO DI RIESAME 2015 LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E DIRITTO DI IMPRESA Coordinatore del corso Prof. Carmelo Intrisano Denominazione del Corso di Studio : ECONOMIA E DIRITTO DI IMPRESA Classe : LM-77

Dettagli

11/11/2014: discussione sulla organizzazione del rapporto e sua compilazione

11/11/2014: discussione sulla organizzazione del rapporto e sua compilazione Schede tipo per la Redazione dei Rapporti di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : Storia e Civiltà Europee Classe : LM 84 Sede: Potenza, Dipartimento di Scienze Umane Primo anno accademico

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale 2013. Corso di laurea in Ingegneria Civile Classe L7 Ingegneria Civile e Ambientale Università degli Studi di Cagliari

Rapporto di Riesame Iniziale 2013. Corso di laurea in Ingegneria Civile Classe L7 Ingegneria Civile e Ambientale Università degli Studi di Cagliari Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Corso di laurea in Ingegneria Civile Classe L7 Ingegneria Civile e Ambientale Università degli Studi di Cagliari Denominazione del Corso di Studio: Ingegneria Civile Classe:

Dettagli

Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame

Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame Si mette a disposizione degli atenei lo schema del primo Rapporto di Riesame contenente le indicazioni operative e le informazioni che dovrebbero

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze e Tecnologie Alimentari Classe: LM70 Sede: Potenza Indicare chi

Dettagli

SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl)

SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) RIESAME DEL CORSO DI LAUREA SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) Classe L-26 Scienze e tecnologie alimentari Denominazione del Corso di Studio: SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) Classe:

Dettagli

Facoltà di SCIENZE MOTORIE Corso di Laurea Scienze e Tecniche delle Attività Sportive. Rapporto di Riesame Anno 2014

Facoltà di SCIENZE MOTORIE Corso di Laurea Scienze e Tecniche delle Attività Sportive. Rapporto di Riesame Anno 2014 Denominazione del Corso di Studio: Science e Tecniche delle Attività Sportive Classe: LM-68 Sede: Palermo Dipartimento di riferimento: Scienze Giuridiche, della Società e dello Sport Scuola: Scuola delle

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

Rapporto di Riesame - novembre 2014

Rapporto di Riesame - novembre 2014 Rapporto di Riesame - novembre 2014 Corso di laurea in FISIOTERAPIA L/SNT2 PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE Università degli Studi di Cagliari 1 Denominazione del Corso di Studio : Fisioterapia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Rapporto del Riesame iniziale 2013 Corso di Laurea Magistrale in Laurea Magistrale in Chimica Industriale Dipartimento di riferimento: Dipartimento di Chimica Classe: LM-71 Scienze e Tecnologie della Chimica

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015

DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015 DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015 relativa ai seguenti corsi di studio n. classe denominazione Struttura didattica di riferimento 1 L-25

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile-Architettura, Ambientale

Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile-Architettura, Ambientale Denominazione del Corso di Studio: Ingegneria Civile e Ambientale Classe: L-7 Ingegneria Civile e Ambientale Sede: Via Campo di Pile, 67100 L AQUILA Sito web: www.univaq.it Consiglio di Area Didattica

Dettagli

1 Elenco a titolo di esempio, dimensione e composizione non obbligatorie, adattare alla realtà dell Ateneo

1 Elenco a titolo di esempio, dimensione e composizione non obbligatorie, adattare alla realtà dell Ateneo Denominazione del Corso di Studio : Comunicazione linguistica e interculturale - 1323714 Classe: L-12 Sede: Bari, Via Garruba 6/B (Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e culture comparate)

Dettagli

Istruzione operativa per la redazione dei Rapporti di Riesame (annuale e ciclico)

Istruzione operativa per la redazione dei Rapporti di Riesame (annuale e ciclico) 2014 Istruzione operativa per la redazione dei Rapporti di Riesame (annuale e ciclico) Presidio di Qualità di Ateneo Università degli Studi della Tuscia Rev. 2 approvata (15 Dicembre 2014) 0 INDICE 1.

Dettagli

Sintesi dell esito della discussione del Consiglio del Corso di Studio

Sintesi dell esito della discussione del Consiglio del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio : Economia Aziendale Classe : L-18 Sede : Università degli Studi della Basilicata, Dipartimento di Matematica Informatica ed Economia- DiMIE, sede di Potenza Primo anno

Dettagli

1 Elenco a titolo di esempio, dimensione e composizione non obbligatorie, adattare alla realtà dell Ateneo

1 Elenco a titolo di esempio, dimensione e composizione non obbligatorie, adattare alla realtà dell Ateneo Denominazione del Corso di Studio : Tecniche della Riabilitazione psichiatrica Classe : SNT2 Sede Policlinico Bari, Dipartimento di Scienze Mediche di Base, Neuroscienze ed Organi di Senso Primo anno accademico

Dettagli

Università degli Studi di SIENA

Università degli Studi di SIENA Page 1 of 6 Università degli Studi di SIENA Relazione del NdV Indicazioni e raccomandazioni home Appendice degli Allegati 4. Descrizione e valutazione delle modalità e dei risultati della rilevazione dell'opinione

Dettagli

Dr.ssa Maria LATERZA (Rappresentante del mondo del lavoro, Casa Editrice Laterza - Bari)

Dr.ssa Maria LATERZA (Rappresentante del mondo del lavoro, Casa Editrice Laterza - Bari) Denominazione del Corso di Studio: FILOLOGIA MODERNA Classe: LM 14 Sede: Università degli Studi di Bari Aldo Moro Palazzo Ateneo, P.zza Umberto I n., 70121 Bari Primo anno accademico di attivazione: 2014/2015

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI (Classe LM-52 Relazioni Internazionali) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY

Dettagli

questionari-sulla-soddisfazione-degli-studenti/sintesi-dei-risultati-dei-questionari-sulla- soddisfazione-degli-studenti-frequentanti

questionari-sulla-soddisfazione-degli-studenti/sintesi-dei-risultati-dei-questionari-sulla- soddisfazione-degli-studenti-frequentanti Denominazione del Corso di Studio : Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica e dei Materiali Classe : L 9 INGEGNERIA INDUSTRIALE Sede : Via Branze 38, 25123 Brescia, Dipartimento di Ingegneria Meccanica

Dettagli

Sistema di gestione dell Assicurazione Qualità del Corso di laurea in Scienze della Comunicazione

Sistema di gestione dell Assicurazione Qualità del Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Sistema di gestione dell Assicurazione Qualità del Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Dipartimento di Comunicazione ed Economia Il presente documento descrive il sistema di gestione del Corso

Dettagli

L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS

L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS Denominazione del Corso di Studio: ECONOMIA AZIENDALE Classe: L 18 Sede: Dipartimento di Economia e management Università di Pisa Primo anno accademico di attivazione: 2009/2010 Gruppo di Riesame Prof.

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA SEZIONE I NORME GENERALI E COMUNI CAPO I CORSI DI STUDIO Art. 1 Corsi di Studio (CdS) attivati nel Dipartimento

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE. ai fini del sistema AVA sezione 1 parte 4 anno 2014 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA NUCLEO DI VALUTAZIONE

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE. ai fini del sistema AVA sezione 1 parte 4 anno 2014 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE DEL ai fini del sistema AVA sezione 1 parte 4 anno 2014 (ai sensi del D.Lgs. 19/2012 art.12 e 14 e della L.370/99 art.1 c.2) Riunione Nucleo di Valutazione 14/04/2014 Il Nucleo di Valutazione

Dettagli

Processi di gestione, assicurazione della qualità e responsabilità interne al Corso di Studi

Processi di gestione, assicurazione della qualità e responsabilità interne al Corso di Studi Processi di gestione, assicurazione della qualità e responsabilità interne al Corso di Studi Questo documento è diviso in due parti: nella prima parte si descrivono le linee generali per l Assicurazione

Dettagli

BANCA, FINANZA AZIENDALE E MERCATI FINANZIARI Classe LM-77 - Scienze economico-aziendali

BANCA, FINANZA AZIENDALE E MERCATI FINANZIARI Classe LM-77 - Scienze economico-aziendali BN, FINNZ ZIENDLE E MERTI FINNZIRI lasse LM-77 - Scienze economico-aziendali OBIETTIVI FORMTIVI Obiettivo è formare un laureato specialista dei problemi finanziari che da un lato abbia competenze sulla

Dettagli

LM73 Scienze Forestali e Ambientali Rapporto di Riesame Anno 2015

LM73 Scienze Forestali e Ambientali Rapporto di Riesame Anno 2015 LM73 Scienze Forestali e Ambientali Rapporto di Riesame Anno 2015 SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED AMBIENTALI (SAFE) Denominazione del Corso di Studio: Scienze Forestali e Ambientali

Dettagli

Nucleo di Valutazione di Ateneo. La valutazione sulle opinioni degli studenti frequentanti in merito alle attività didattiche

Nucleo di Valutazione di Ateneo. La valutazione sulle opinioni degli studenti frequentanti in merito alle attività didattiche DOC NdV 03/11 Nucleo di Valutazione di Ateneo La valutazione sulle opinioni degli studenti frequentanti in merito alle attività didattiche Anno accademico 2009/2010 Aprile 2011 A cura dell Ufficio Pianificazione

Dettagli

Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia. Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza*

Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia. Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza* Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza* I Manager didattici hanno il principale obiettivo di facilitare

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN FINANZA E METODI QUANTITATIVI PER L ECONOMIA CLASSI DELLE LAUREE MAGISTRALI LM-1 e LM-83 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 (FIN) (Sede

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA SEZIONE I NORME GENERALI E COMUNI CAPO I CORSI DI STUDIO Art. 1 Corsi di Studio (CdS) attivati nel Dipartimento

Dettagli

MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI. Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA

MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI. Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA Anno Accademico 2014/2015 1 ANNO 2 ANNO Economia e Finanza (Classe LM16 D.M. 270/2004) Attivato Attivato Il corso di laurea

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Rapporto del Riesame iniziale 2013 Corso di Laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia Dipartimento di riferimento: Scienze Mediche Classe: LM-41 Sede: Torino Scuola: Medicina Il gruppo del

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

Sono stati consultati inoltre gli studenti Nicola Amoriello e Ida Izzo

Sono stati consultati inoltre gli studenti Nicola Amoriello e Ida Izzo Denominazione del Corso di Studio: Scienze Statistiche e Attuariali Classe: LM83 Sede: Università del Sannio, Facoltà di Scienze Economiche e Aziendali Gruppo di Riesame: (nominato con decreto del Preside

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA EDILE

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA EDILE Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA EDILE D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del corso

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione Classe LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni

Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione Classe LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione Classe LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni Per tutte le analisi che seguono le fonti sono state: 1) Scheda SUA 2014 2) RAR 2014 3) Valutazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56 REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Economia

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche

Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi di Siena Facoltà di Scienze Politiche Regolamento didattico di Facoltà (Emanato con Decreto Rettorale n. 1412/2000-01 del 18.09.2001, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 35 del

Dettagli

APPROVA. - nel tenore di seguito riportato la Carta dei diritti delle Studentesse e degli Studenti dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata

APPROVA. - nel tenore di seguito riportato la Carta dei diritti delle Studentesse e degli Studenti dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata I DIVISIONE 6.2) CARTA DEI DIRITTI DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA OMISSIS APPROVA - nel tenore di seguito riportato la Carta dei diritti delle Studentesse

Dettagli

Denominazione del Corso di Studio: Scienze della Educazione e della Formazione

Denominazione del Corso di Studio: Scienze della Educazione e della Formazione Denominazione del Corso di Studio: Scienze della Educazione e della Formazione Classe:L19 Sede: Bari Codice OFF: 1327504 Indicare chi ha svolto le operazioni di Riesame (gruppo di riesame, componenti e

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN ADMINISTRATION STUDIES UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL AMMINISTRAZIONE (Classe L-16 Scienze dell amministrazione e dell organizzazione) UNIVERSITY

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI ECONOMIA, MANAGEMENT E DIRITTO DELL IMPRESA MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2016-2017 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI FISIOTERAPISTA) REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA A.A. 2015-2016

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA A.A. 2015-2016 Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA A.A. 2015-2016 SEZIONE I NORME GENERALI E COMUNI CAPO I CORSI DI STUDIO Art. 1 Corsi di Studio (CdS) attivati

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME

RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME Denominazione del Corso di Studio: Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Classe: LM54 Sede : MODENA Primo anno accademico di attivazione: 2008-2009 Gruppo di Riesame: - Responsabile

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Relazione Annuale 2015 della Commissione Paritetica Docenti Studenti Dipartimento/Facoltà di : Fisica Dipartimento di afferenza a partire dal 1 novembre 2015 (se modificato): Denominazione del Corso di

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale 12 ottobre 2015 1 QUALITA 2 IL PROCESSO AVA DELLA DIDATTICA.. Un circolo virtuoso Programmazione 2 Valutazione Monitoraggio Corso di

Dettagli

MERCATI FINANZIARI, INTEGRAZIONE ECONOMICA INTERNAZIONALE Durata del corso di studi:

MERCATI FINANZIARI, INTEGRAZIONE ECONOMICA INTERNAZIONALE Durata del corso di studi: UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE (EFI) - Classe LM- 77 Immatricolati dall'a.a. 2011/2012 GENERALITA' Classe di

Dettagli

Denominazione del Corso di Studio Classe Sede Primo anno accademico di attivazione: Gruppo di Riesame 18 dicembre 2014, 8 gennaio 2015,

Denominazione del Corso di Studio Classe Sede Primo anno accademico di attivazione: Gruppo di Riesame 18 dicembre 2014, 8 gennaio 2015, Denominazione del Corso di Studio: LINGUE E LETTERATURE MODERNE EUROPEE E AMERICANE Classe: LM-37 Sede: Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Dipartimento di Scienze Umane, Sociali

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE E DEI SERVIZI TURISTICI REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015

Dettagli

CCS: Consiglio di Corso di Studi del CCS di Informatica (congiunto Triennale e Magistrale)

CCS: Consiglio di Corso di Studi del CCS di Informatica (congiunto Triennale e Magistrale) Denominazione del Corso di Studio : Laurea in Informatica Classe : L31 Sede : Torino, Dipartimento di Informatica, Scuola di Scienze della Natura Primo anno accademico di attivazione: 2009-2010 Gruppo

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale - L37 (ai sensi del D.M.270/04)

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale - L37 (ai sensi del D.M.270/04) SCUOLA DELLE SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICO-SOCIALI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE, AZIENDALI E STATISTICHE Regolamento didattico del Corso di Laurea in Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Hypatìa

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Hypatìa UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Hypatìa Adunanza del 10.02.2012 Il giorno 10 Febbraio 2012 alle ore 11.30 a Palermo presso l aula

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA (CLASSE L-31 - Scienze e tecnologie informatiche)

Dettagli

LM-82 STATISTICA, SCIENZE ATTUARIALI E FINANZIARIE REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2015-16

LM-82 STATISTICA, SCIENZE ATTUARIALI E FINANZIARIE REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2015-16 LM-82 STATISTICA, SCIENZE ATTUARIALI E FINANZIARIE REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2015-16 Art.1 - Denominazione del corso di studio e classe di appartenenza È istituito presso l Università di Firenze

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM)

RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM) RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM) (Approvata nella seduta del 20 DICEMBRE 2013) RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19) Art. 1 Premessa ed ambito di competenza. Il presente Regolamento, in conformità allo Statuto

Dettagli

Rapporto o Annuale di Riesame

Rapporto o Annuale di Riesame Rapporto o Annuale di Riesame Denominazione del Corso di Studio : Infermieristica Classe : L/SNT1 Sedi : Ancona, Pesaro, Macerata, Fermo, Ascoli Piceno Primo anno accademico di attivazione: 2011-2012 (nuovo

Dettagli

Presentato e discusso in Consiglio di Corso di Studio il: 04 marzo 2013

Presentato e discusso in Consiglio di Corso di Studio il: 04 marzo 2013 Denominazione del Corso di Studio: Economia Aziendale Classe: L 18 Scienze dell economia e della gestione aziendale Sede: Università del Sannio; Facoltà di Scienze economiche ed aziendali, via delle Puglie,

Dettagli

Il Sistema di Assicurazione della Qualità. Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica

Il Sistema di Assicurazione della Qualità. Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Il Sistema di Assicurazione della Qualità del corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Premessa Il Corso di Laurea in Ingegneria Elettrica persegue una politica di programmazione e gestione delle

Dettagli

Nucleo di Valutazione di Ateneo. La valutazione sulle opinioni degli studenti frequentanti in merito alle attività didattiche

Nucleo di Valutazione di Ateneo. La valutazione sulle opinioni degli studenti frequentanti in merito alle attività didattiche DOC NdV 03/12 Nucleo di Valutazione di Ateneo La valutazione sulle opinioni degli studenti frequentanti in merito alle attività didattiche Anno accademico 2010/2011 Aprile 2012 A cura dell Ufficio Valutazione

Dettagli

20 febbraio 2013: - Revisione della schedaa1-b e A1-c e impostazione della scheda A2

20 febbraio 2013: - Revisione della schedaa1-b e A1-c e impostazione della scheda A2 Denominazione del Corso di Studio: SCIENZE BIOLOGICHE Classe: L-13 Sede: UNIVERSITA DI PISA Gruppo di Riesame: Prof.ssa Isabella Sbrana (Responsabile QA per il CdS e Responsabile del Riesame per il Dipartimento

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO Università degli studi di Padova Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I Finalità e Ordinamento didattico Art. 1 Premesse e Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento, in conformità con i principi e le disposizioni

Dettagli

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag.

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag. SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE Titolo I Organi rappresentativi... pag. 2 art. 1 Organi della Facoltà di Architettura... pag. 2 art.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 DIPARTIMENTO DI MATEMATICA, INFORMATICA ED ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 TITOLO I Disposizioni Generali Art.1 Finalità del Regolamento e ambito

Dettagli

PARTE I Principi generali

PARTE I Principi generali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Banca e Finanza Laurea: Classe: Struttura di riferimento: Altre strutture di riferimento: Banca e Finanza Banking

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNOLOGIE ERBORISTICHE (CLASSE L-29) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente

Dettagli

Dott. Carmine Calce, Presidente CUS Cassino (Rappresentante del mondo del lavoro)

Dott. Carmine Calce, Presidente CUS Cassino (Rappresentante del mondo del lavoro) Denominazione del Corso di Studio : SCIENZE MOTORIE Classe :L-22 Sede : Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, Cassino (Dipartimento di Scienze Umane Sociali e della Salute-SUSS) Primo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività

Dettagli

Laurea in Ingegneria Civile RELAZIONE ANNUALE. della Commissione Paritetica Docenti Studenti del CdS ANNO 2012

Laurea in Ingegneria Civile RELAZIONE ANNUALE. della Commissione Paritetica Docenti Studenti del CdS ANNO 2012 Università degli Studi di Cagliari Corso di Studi in Ingegneria Civile Laurea in Ingegneria Civile RELAZIONE ANNUALE della Commissione Paritetica Docenti Studenti del CdS ANNO 2012 QUADRO A - Analisi e

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea in Ingegneria Gestionale (Classe: Ingegneria dell Informazione) Università di Perugia

Regolamento didattico del corso di laurea in Ingegneria Gestionale (Classe: Ingegneria dell Informazione) Università di Perugia Regolamento didattico del corso di laurea in Ingegneria Gestionale (Classe: Ingegneria dell Informazione) Università di Perugia PARTE I TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Ambito di applicazione Il

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) CORSO DI LAUREA INTERCLASSE SCIENZE POLITICHE E RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

RELAZIONE SUI RAPPORTI DI RIESAME DEI CORSI DI STUDIO DELLE SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICO SOCIALI

RELAZIONE SUI RAPPORTI DI RIESAME DEI CORSI DI STUDIO DELLE SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICO SOCIALI RELAZIONE SUI RAPPORTI DI RIESAME DEI CORSI DI STUDIO DELLE SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICO SOCIALI DELLA SCUOLA L analisi da me condotta sui rapporti di riesame 2014 dei nove corsi di laurea si è concentrata

Dettagli

Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014

Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014 Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014 Direttore del corso: prof.ssa Laura Badalucco Servizio Quality Assurance e gestione banche dati ministeriali

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in Scienze Storiche afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-84 in Scienze

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I Finalità e Ordinamento didattico Art. 1 Premesse e Finalità

Dettagli