UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea magistrale in Scienze del governo e dell'amministrazione TESI DI LAUREA Il microcredito in Italia: l esperienza della Provincia di Torino Relatore: Prof. Filippo Barbera Candidato: Alessia Pindo Macario Matricola: Anno Accademico

2

3

4

5 INDICE Introduzione... pag. 5 PRIMA PARTE Capitolo 1. Origini del microcredito e centralità nelle politiche di sviluppo locale 1. Le radici del microcredito: dai Monti di pietà alla Grameen Bank I Monti di pietà e l evoluzione nelle casse di risparmio Casse rurali, credito cooperativo, banche popolari La rivoluzione della Grameen Bank Microcredito come strumento per lo sviluppo e contro l esclusione sociale Cosa si intende per sviluppo? Le ragioni della presenza della microfinanza e del microcredito nei paesi industrializzati Esclusione sociale ed esclusione finanziaria Oltre le garanzie patrimoniali: centralità della fiducia e importanza delle relazioni nella microfinanza Oltre il limite della finanza tradizionale: reciprocità e fiducia nelle relazioni Problematiche nelle relazioni creditizie Soluzioni innovative del microcredito ai problemi dell informazione asimmetrica Capitolo 2. Attori, meccanismi e situazione del microcredito nel mondo 1. Soggetti promotori e meccanismi di microcredito Soggetti promotori di microcredito: dal modello Grameen alle banche commerciali Meccanismi: l evoluzione dal group lending all individual lending Non solo microcredito: altri servizi offerti dalle istituzioni di microfinanza Politiche di pricing, sostenibilità finanziaria e profitto L obiettivo della sostenibilità finanziaria: priorità nella microfinanza Tassi d interesse elevati ma necessari... 49

6 2.3 Fonti di finanziamento dell attività microcreditizia Panorama attuale del microcredito a livello mondiale, europeo ed italiano Microcredito nei paesi in via di sviluppo e microcredito nei paesi industrializzati a confronto Limiti del microcredito nei paesi industrializzati Il microcredito nel mondo Situazione europea: l approccio dell Unione Europea al microcredito ed esperienze in alcuni paesi europei Il microcredito nell Unione Europea: legislazione ed iniziative Esperienze di microcredito in alcuni paesi europei Panorama del microcredito in Italia SECONDA PARTE Capitolo 3. L esperienza di microcredito della Provincia di Torino attraverso il programma Fragili Orizzonti 1. Il Programma Triennale di Politiche Pubbliche di contrasto alla vulnerabilità sociale e alla povertà Da dove nasce Fragili Orizzonti : l attività di ricerca e progettazione Architettura del programma: la scelta dei territori Struttura del programma: iniziative e contenuti Il microcredito di Fragili Orizzonti frutto del partenariato tra Provincia di Torino e Banca Etica Banca Polare Etica: una realtà importante nel panorama della finanza etica in Italia Collaborazione tra Banca Etica e Provincia di Torino Aspetti tecnici del microcredito di Fragili Orizzonti La struttura dell azione di microcredito Finanziamenti della Provincia e istituzione del Fondo di Garanzia Ambito territoriale e iter creditizio Bilancio della prima fase di sperimentazione

7 2.4.1 Criticità: comunicazione, scelta del target e gestione dell iter creditizio Punti di forza emersi durante la sperimentazione: il successo della concertazione Oltre la sperimentazione: seconda fase di implementazione e prosecuzione del progetto di microcredito Il Programma dal punto di vista del cittadino beneficiario Uno sguardo ai dati complessivi Alcune riflessioni Metodologia Conclusioni Appendice

8 4

9 Introduzione La classica definizione di microcredito consiste nel definirlo come prestito di piccola entità erogato a soggetti esclusi dal sistema bancario tradizionale. Questa definizione è sicuramente chiara ed appropriata ma forse non esaustiva rispetto a ciò che il microcredito rappresenta socialmente e rispetto agli obiettivi che attraverso questo strumento si cerca di raggiungere. Il microcredito è indissolubilmente legato ad altri concetti tra i quali fiducia, capitale sociale e sviluppo locale; esso si basa infatti sulla concessione di prestiti a fronte di garanzie non convenzionali, sulla centralità della rete sociale che sostiene il beneficiario e si inserisce nel più ampio campo delle politiche di sviluppo di un territorio. Il microcredito è innanzitutto uno strumento di microfinanza e può essere inoltre inserito nel movimento della finanza etica che propone un nuovo modo di utilizzare le risorse finanziarie distribuendole più equamente tra le persone, in modo più consapevole rispetto alle problematiche attuali; fondamento di tutto ciò è una visione che pone al centro l uomo con le sue capacità ed aspirazioni. La popolarità di questo strumento nasce negli anni Settanta grazie all iniziativa dell economista Yunus Muhammad di fondare una banca dei poveri in Bangladesh, da allora sono stati numerosissimi i tentavi di riprodurre quegli straordinari risultati in altre zone del pianeta (paesi industrializzati compresi) con risultati non sempre brillanti. Le ragioni della sua fama e popolarità sono sicuramente da ricondurre alla consapevolezza acquisita rispetto all insostenibilità dei consumi e al fatto che questo strumento si propone di porre rimedio alla situazione inaccettabile che la povertà produce. Malgrado ciò esso non rappresenta la panacea di tutti i mali poiché, nonostante la semplicità del meccanismo, risulta invece complesso da utilizzare ed applicare in quanto va progettato tenendo sempre come punto di riferimento il contesto nel quale lo si vuole inserire ed inoltre costituisce solo una parte in un disegno più ampio di politiche di sviluppo che nella sua completezza mira a produrre uno sviluppo economico e sociale di un determinato territorio. Tuttavia sono ancora molti i detrattori che, scettici rispetto alla finanza eticamente orientata, indicano quali punti 5

10 di debolezza soprattutto aspetti tecnici legati alla natura dell attività che, seppur presentata come alternativa al sistema bancario tradizionale, spesso adotta regole e principi che si rifanno inevitabilmente al sistema tradizionale. Ciononostante la grandezza e le potenzialità dello strumento microcredito sono oggi globalmente riconosciute tanto da aver portato all assegnazione nel 2006 del Nobel per la pace al padre del microcredito il professor Yunus e alla proclamazione da parte delle Nazioni Unite dell Anno Internazionale del Microcredito nel La centralità nel dibattito e una popolarità che non accenna a diminuire fanno del microcredito uno degli attori indiscussi delle politiche di sviluppo locale degli ultimi anni, politiche che mirano ad eliminare la povertà endemica nel Terzo Mondo mentre nei paesi industrializzati cercano di far fronte ad una nuova povertà frutto delle crisi economiche e dei mutamenti sociali. In Italia un contribuito fondamentale alla diffusione del microcredito è sicuramente da attribuire alla Banca Popolare Etica nata negli anni Novanta che agisce su tutto il territorio nazionale perseguendo, attraverso attività economiche, finalità sociali. Proprio un progetto in partenariato con Banca Popolare Etica promosso e finanziato dalla Provincia di Torino sarà oggetto della seconda parte di questa tesi. Nel lavoro che segue la tematica viene inizialmente inquadrata storicamente cercando di indagare quelle che sono le più remote radici del microcredito, vengono inoltre affrontati alcuni aspetti fondamentali del microcredito quali i legami fiduciari e la sua centralità nelle politiche di sviluppo. Seguono l analisi degli aspetti tecnici, dalle diverse tipologie di microcredito agli attori coinvolti fino ad arrivare agli aspetti puramente finanziari quali le politiche di pricing e la sostenibilità delle istituzioni di microcredito. Il percorso prosegue con una parte dedicata al programma della Provincia di Torino denominato Fragili Orizzonti che annovera tra le sue iniziative una relativa al microcredito; l analisi del programma prevede una parte quantitativa elaborata sulla base dei dati raccolti e dei risultati osservati in termini di ricaduta del programma e una parte qualitativa orientata ad indagare più nello 6

11 specifico gli obiettivi, l andamento e gli esiti del programma attraverso una serie di interviste rivolte a soggetti promotori e beneficiari. 7

12 Capitolo 1 Origini del microcredito e centralità nelle politiche di sviluppo locale 1. Le radici del microcredito: dai Monti di pietà alla Grameen Bank La rivoluzione della microfinanza è da ricondurre negli anni Settanta del Novecento, anni nei quali iniziarono a diffondersi nuovi strumenti per fronteggiare il problema della povertà delle zone rurali più povere del pianeta. Spesso la nascita del microcredito viene collegata alla nascita in Bangladesh della Grameen Bank, la quale ebbe sicuramente il merito di portare alla ribalta soluzioni innovative al problema della povertà, ma che rappresenta una variante moderna adattata a quella specifica realtà di principi diffusi e radicati nella cultura dei paesi occidentali già da tempo. Le origini del microcredito vanno infatti ricondotte ai rapporti creditizi che da secoli legano gli individui. «La prima tappa fondamentale nel processo storico di elaborazione della relazione di creditodebito è individuabile nella nascita del mercato e di figure specializzate nel commercio, i mercanti» 1. Con la creazione di relazioni commerciali crebbe l attenzione sull aspetto reputazionale e sulla credibilità che divennero fondamentali per valutare la bontà del contraente e che costituivano la garanzia per il creditore. Tuttavia le relazioni creditizie al di fuori della comunità dei mercanti si presentavano più rischiose in quanto creditore e debitore non risultavano legati da relazioni dirette, venivano quindi a mancare la fiducia fondata sulla credibilità e sulla reputazione; ciò portò al ricorso ad altri strumenti quali pegno e ipoteca. Entrambe gli strumenti implicano garanzie di tipo materiale e quindi pongono per la prima volta il problema dell accesso a credito. L esclusione dai rapporti creditizi spesso trascinava i soggetti nelle mani degli usurai. Contestualmente, nelle economie agricole eravamo di fronte alla figura del local moneylender, ovvero un prestatore di denaro di villaggio. Tale figura risultava piuttosto controversa in quanto dotata di un doppio potere contrattuale: spesso in 1 ANDREONI e PELLIGRA, Microfinanza, dare credito alle relazioni, Il Mulino, Bologna, 2009, pag

13 situazione di monopolio e prossimo al cliente di cui conosceva l affidabilità. La posizione privilegiata di questo soggetto faceva si che, seppur in grado di concedere crediti in assenza di garanzie patrimoniali personali, egli poteva facilmente trascinare il cliente in una sorta di schiavitù in caso di mancata restituzione. Questo meccanismo di microcredito informale diffuso nel passato non faceva altro che accentuare le disuguaglianze creando inoltre dei rapporti di dipendenza dal prestatore. Nel processo di evoluzione dei rapporti creditizi che conduce alla nascita delle banche, fondamentale è la comparsa di nuove figure specializzate, gli intermediari finanziari, i quali ricevevano denaro in prestito e lo prestavano a soggetti nei quali avevano fiducia. 1.1 I Monti di pietà e l evoluzione nelle casse di risparmio Nel nostro paese una forma di microcredito molto prossima a quella moderna si può ritrovare nei Monti di pietà. I Monti di pietà o Monti dei pegni hanno una lunghissima tradizione in Italia nella quale compaiono a partire dal 1462; il primo Monte di pietà viene fondato a Perugia su iniziativa dell ordine dei Francescani ispirati dal modello operativo del banco ebraico ma con la volontà di sostituire ad esso un istituto che operasse con fini solidaristici e senza scopo di lucro. L idea di fondo di queste «prime grandi istituzioni di economia civile» 2 era quella di erogare prestiti di piccola dimensione orientati prevalentemente al consumo, necessari a fronteggiare crisi di liquidità; l innovazione fondamentale era costituita dalla presa di coscienza che l elemosina cristiana non poteva costituire uno strumento per aiutare i meno agiati e includerli nel circuito economico. A garanzia del prestito i debitori mettevano a pegno un bene di valore che veniva loro restituito nel momento in cui ripianavano il debito. La caratteristica del bene in pegno era quella di possedere un «valore nozionale superiore a quello effettivo, ovvero un valore affettivo per il debitore assai superiore a quello di mercato» 3, tale meccanismo, sicuramente svantaggioso per il debitore, aveva il pregio di creare un incentivo per la restituzione del prestito malgrado non cautelasse la banca in caso di fallimento del debitore. La clientela dei Monti di pietà era per lo 2 BRUNI e ZAMAGNI, Economia civile. Efficienza, equità, felicità pubblica, Il Mulino, Bologna, BECCHETTI, Il microcredito, Il mulino, Bologna, 2008, pag

14 più costituita dai residenti del territorio nel quale era dislocato il Monte di pietà o dagli abitanti delle zone limitrofe; l utenza non annoverava tra le sue fila solo i più bisognosi bensì anche piccoli artigiani e contadini che, grazie al piccolo prestito, potevano superare il momento di difficoltà e portare avanti la loro attività. La meritorietà del credito veniva valutata in base alla reale necessità e soltanto per usi considerati moralmente ineccepibili; il tasso d interesse, seguendo le linee di uno dei fondatori Bernardino da Feltre, si aggirava intorno al 5%, somma utile a coprire i costi amministrativi sostenuti per l operazione. 4 A partire dalla fine del Quattrocento i Monti di pietà furono fondati in numerose città di piccole e medie dimensioni; nel XVII secolo iniziarono tuttavia a insorgere problematiche relative al rapporto tra gli obsoleti Statuti e le nuove esigenze di credito. I Monti vissero quindi una scissione in due soggetti istituzionali diversi: uno che perseguiva le finalità originarie di prestito su pegno e l altro che introduceva la pratica del prestito a interesse e di altri servizi finanziari. Questo secondo filone rappresenta le origini delle casse di risparmio. Le casse di risparmio nascono quindi come istituzioni senza fini di lucro, aspetto che le differenziava dalle altre banche; le prime casse di risparmio furono fondate all inizio dell Ottocento e già dopo pochi decenni dalla loro istituzione raccoglievano la maggior parte del risparmio disponibile. Nel 1880 in Italia operavano 183 casse di risparmio, distribuite in tutto il paese. La diffusione e la crescita delle casse di risparmio spinsero il governo a regolamentarne in modo più chiaro l istituzione ed il funzionamento; nel 1888 una legge distingueva e chiariva la definizione giuridica di Cassa di risparmio e sottoponeva le casse alla vigilanza da parte del Ministero dell'agricoltura, Industria e Commercio. Tale legge considerava quindi le casse di risparmio come istituzioni ben definite e distinte, anche per la loro funzione sociale, dalle altre aziende di credito, ad esse è infatti da attribuire lo sviluppo del settore manifatturiero e 4 Le norme che regolarono definitivamente i Monti di Pietà furono dettate da papa Leone X il 4 maggio 1515 con la bolla Inter Multiplices prodotta nel Concilio Lateranense V. Il testo affermava la legittimità dei Monti di pietà. In questo modo il papa regolarizza quest istituzione e ne loda gli scopi buoni e necessari alla società, egli inoltre si raccomanda perché i prestiti siano completamente gratuiti, anche se sancisce la liceità del modesto onere richiesto per le spese di gestione (l interesse). Il Concilio di Trento pose i Monti di Pietà tra gli Istituti Pii. 10

15 dell industria del tempo Le banche di credito cooperativo, banche popolari e casse rurali Credito cooperativo, banche popolari e casse rurali sono istituzioni creditizie che appartengono alla medesima categoria e sono contraddistinte da una forte vocazione locale e dunque generalmente orientate a soddisfare le esigenze di credito della piccola e media impresa; sono quindi istituzioni che, oltre a prestare particolare attenzione alla clientela medio piccola, perseguono anche una ricaduta locale della loro attività in termini economici e sociali. Inoltre questa categoria di istituzioni si caratterizza per la peculiare struttura proprietaria, nella fattispecie la gestione degli utili d impresa non prevede la redistribuzione ai soci sotto forma di dividendi bensì l accumulo sotto forma di riserva; tutto ciò ha «riflessi fondamentali sulla sua governance» 6 nella misura in cui il socio è interessato ai mutui benefici, ai vantaggi reciproci che può ottenere dall appartenenza alla banca e non alla remunerazione del capitale investito sotto forma di dividendi; inoltre l assenza di una finalità speculativa influenza i modelli organizzativi e l operatività di questa tipologia di istituti creditizi 7. Questi istituti di credito a favore dell economia più debole affondano le loro radici nella Germania di fine Ottocento che vede la nascita di piccole banche di villaggio basate su responsabilità solidale create da Friedrich Raiffeisen nel 1862 e di cooperative di risparmio e credito in ambiente urbano ideate da Hermann Schulze Delitzsch nel Queste cooperative di credito, le prime attive in ambiti rurali a servizio di piccoli imprenditori 5 La legge bancaria del 1936 classifica le Casse di risparmio assieme agli altri Istituti di Credito Ordinario. Di peculiare le casse di risparmio mantengono la loro personalità giuridica di enti morali di diritto pubblico e la loro operatività in ambito prevalentemente locale. Nel 1990 la Legge Amato modifica gli assetti giuridici delle casse di risparmio, imponendo lo scorporo delle casse tra azienda bancaria in forma di Società per Azioni ( Cassa di Risparmio SpA", con funzione creditizia) e Fondazione cassa di risparmio con finalità morali e benefiche; si vennero così a separare le due originarie finalità (creditizia e benefica) delle casse di risparmio. 6 BECCHETTI, Il microcredito, cit., pag Cfr. 11

16 agricoli mentre le seconde più legate a un contesto urbano e quindi a servizio di artigiani e piccoli commercianti, si diffusero rapidamente e capillarmente in tutta Europa. Le cooperative di credito sul modello di Friedrich Raiffesein erano istituzioni private locali possedute e controllate dai propri membri che accedevano principalmente a servizi finanziari di deposito e credito; tutte le decisioni relative ai rapporti creditizi e ad altri aspetti quali i tassi d interesse venivano prese in modo democratico secondo il principio una testa, un voto. La caratteristica della responsabilità illimitata di tutti i membri presente nelle cooperative del modello Raiffesein (ma non in quelle urbane di Schulze Delitzsch) si ripercuoteva significativamente sulla gestione dell istituto in termini decisionali e di partecipazione tanto da far percepire la cooperativa come un estensione della propria attività economica. Altro aspetto fondamentale era l obbligo di appartenenza alla stessa parrocchia da parte dei partecipanti, ciò risultava cruciale in quanto le relazioni interpersonali nel villaggio portavano alla creazione di legami fiduciari tra i membri i quali assumevano un grande peso in termini di controllo, monitoraggio e sanzionamento dei comportamenti tra i membri 8. In quegli anni in Italia si assiste alla nascita delle casse rurali ispirate al modello Raiffeisen sorte a partire dagli anni Ottanta dell Ottocento su iniziativa dell economista Leone Wollemborg e delle associazioni popolari di credito (banche popolari) ispirate al modello Schulze Delitzsch. Emergono dunque quali caratteristiche fondamentali di queste istituzioni innanzitutto la cooperazione tra soggetti appartenenti allo stesso contesto, secondariamente la mutualità che è da riscontrare nei legami di reciprocità e fiducia instaurati tra i membri dell istituto cooperativo ed infine il localismo inteso come sostegno e sviluppo del settore economico e sociale di un determinato territorio. 1.3 La rivoluzione della Grameen Bank 8 Il peer monitoring (monitoraggio tra pari) è una leva fondamentale contro il rischio morale che può presentarsi durante il prestito. Esso è presente nel caso di prestiti di gruppo anche se va ricordato che più aumentano le dimensioni del gruppo minore sarà il controllo reciproco tra i suoi membri. L argomento verrà trattato più ampiamente nell ultima parte di questo capitolo. 12

17 L esperienza della Grameen Bank rappresenta l esempio più conosciuto e di successo dell utilizzo del microcredito. La storia della banca dei poveri e del suo fondatore è ormai nota ma vale la pena ripercorrerne alcune tappe per comprendere come una idea di fondo semplice ed originale sia riuscita a rivelarsi vincente in un contesto di povertà come quello del Bangladesh. L obiettivo strategico della Grameen Bank è, a detta del suo stesso fondatore, l inclusione sociale del maggior numero di persone povere sacrificando per tale obiettivo i profitti me rispettando al contempo il vincolo della sostenibilità economica. La novità sta nel tentativo di perseguire l obiettivo dell inclusione sociale sostituendo ai meccanismi tradizionali, quali per esempio gli aiuti internazionali da parte di istituzioni o Stati nazionali, un azione dal basso generata ed alimentata attraverso la mobilitazione delle risorse umane e finanziarie già presenti in un determinato contesto. E stata proprio questa la motivazione che ha portato all attribuzione del premio Nobel per la pace a Yunus Muhammad e alla Grameen Bank nel 2006: «to Muhammad Yunus and Grameen Bank for their efforts to create economic and social development from below. Lasting peace can not be achieved unless large population groups find ways in which to break out of poverty. Micro-credit is one such means. Development from below also serves to advance democracy and human rights» 9. La storia della Grameen Bank inizia quando Yunus Muhammad, una volta conclusi i suoi studi in economia negli Stati Uniti, torna nel suo paese natale, il Bangladesh, e diventa direttore del dipartimento di economia dell Università di Chittagong. Da subito inizia a frequentare i poverissimi villaggi ai margini del campus universitario per farsi un idea delle condizioni di vita. Nel villaggio di Jobra Yunus conosce Sufia, una giovane madre che di lavoro produce sgabelli intrecciando il bambù. Parlando con la ragazza, Yunus viene a sapere che a causa della mancanza di contanti Sufia non può comprare la materia prima poiché solo 9 There is not just one way out of poverty. There are many. This year, however, the Norwegian Nobel Committee wants to draw attention especially to micro-credit. This instrument has produced good results in Bangladesh. Over the past few decades the country has recorded considerable economic growth. Some of that growth is certainly due to the operations of Grameen Bank and other institutions in the microcredit field. It will be important to increase the use of this instrument. Con queste parole il comitato per il premio Nobel per la pace evidenzia le potenzialità e i risultati raggiunti attraverso il microcredito e ne auspica la diffusione. 13

18 una piccolissima percentuale dei suoi guadagni rimane a lei mentre la maggior parte la deve al rivenditore che gli fornisce la materia prima. Questa storia accomunava moltissimi abitanti di questi villaggi allora Yunus decide di prestare di tasca sua alla giovane e ad altri una cifra irrisoria ma sufficiente a consentire di uscire dalla trappola della povertà e di poter svolgere la propria attività su un libero mercato. Il principio in base al quale Yunus compie questa azione è che i poveri non devono ricevere l elemosina, bensì facendo leva sulla loro dignità e senso di responsabilità, essi possono tener fede alle loro promesse ed essere finanziariamente solvibili. L incontro con queste persone ha rappresentato l inizio dell avventura della Grameen Bank, ufficialmente fondata nel 1976, che oggi annovera circa otto milioni di membri (40 milioni se si contano anche i membri delle loro famiglie) con più di mille filiali in Bangladesh che servono più di villaggi 10 e numerose filiali anche in altre parti del mondo (soprattutto Asia e America Latina). Malgrado i detrattori obiettino soprattutto riguardo all insostenibilità finanziaria dell intera operazione, la Grameen Bank non risulta in perdita poiché vi è un tasso di restituzione pari al 98% ed inoltre negli anni ha offerto ai suoi clienti anche altri servizi finanziari oltre a gestire varie attività economiche finalizzate allo sviluppo, tra cui società commerciali, telefoniche e nel settore dell'energia. L intero progetto è basato su alcune idee di forza prima fra tutti il diritto al credito poiché la sua assenza è una delle cause principali di sottosviluppo di una popolazione che, privata di questo tipo di risorsa «non può incrementare la produzione, il reddito e la capacità di risparmio» 11. Inoltre, secondo Yunus, quello dell accesso al credito è un diritto fondamentale che appartiene ad ogni uomo e gli consente di uscire dall isolamento restituendogli la libertà e la dignità di decidere della sua vita, potendo così liberare e sviluppare le sue potenzialità. Il secondo assunto riguarda la solvibilità dei poveri; ciò permette che si possa prestare loro denaro anche in un ottica commerciale. I poveri sono ovviamente sprovvisti di garanzie patrimoniali infatti la leva utilizzata è quella dei beni relazionali, primo fra tutti la fiducia. E gli altissimi tassi di restituzione confermano sicuramente questa tesi. 10 Dati Fonte: 11 DI CIACCIO, Ruolo del capitale sociale nel microcredito ai più poveri tra i poveri, per garantire un diritto fondamentale, Città Nuova, Roma, 2002, pag

19 La metodologia sviluppata dalla Grameen Bank è caratterizzata da un articolazione di tipo territoriale a rete nella quale le varie filiali operative della banca controllano aree composte da un certo numero di villaggi. La banca utilizza il prestito di gruppo con responsabilità congiunta, chiede cioè ai suoi clienti di formare un gruppo prima di presentarsi e poi presta individualmente a ciascuno ma, in caso di insolvenza di uno dei membri, gli altri saranno responsabili finanziariamente per la restituzione del suo prestito. Questo meccanismo sfrutta la conoscenza pregressa che esiste tra gli abitanti del villaggio che saranno quindi in grado di scegliere i compagni più affidabili ed inoltre accresce l autonomia e garantisce il «coinvolgimento morale di tutte le persone coinvolte» 12. Fondamentale è il ruolo delle donne le quali sono destinatarie del 98% dei prestiti. Esistono varie interpretazioni riguardo questi fatto, tuttavia risulta centrale il maggiore grado di responsabilità della donna all interno di diversi contesti culturali da attribuire al ruolo che tradizionalmente e storicamente svolge nella gestione dell economia domestica 13. Ciò che risulta centrale nel modello Grameen è il ruolo del capitale sociale. Malgrado per il concetto di capitale sociale non esista ad oggi una definizione condivisa ed univoca, possiamo comunque affermare che con questa espressione si intende far riferimento alle reti relazionali, sia formali che informali, che esistono tra gli individui; non si parla dunque di qualcosa di concreto e materiale bensì di relazioni e delle potenzialità delle relazioni in termini di sviluppo di un dato territorio. La Grameen Bank ha come interlocutori i singoli individui ma l importanza che attribuisce al capitale sociale può essere riscontrata nella volontà di analizzare i problemi locali (del villeggio) e nell utilizzare come metodo il prestito di gruppo. Lo Stesso Yunus annovera la costruzione del capitale sociale tra le caratteristiche generali della banca: «Grameencredit gives high priority on building social capital. It is promoted through formation of groups and centres» 14. Lo sviluppo e la crescita del capitale sociale 12 CIRAVEGNA e LIMONE, Otto modi di dire microcredito, Il Mulino, Bologna, 2006, pag Il ruolo delle donne verrà trattato più ampiamente nell ultima parte di questo capitolo. 14 YUNUS, What is microcredit?, 15 BECCHETTI, Il microcredito, cit., pag

20 vengono perseguiti attraverso l attenzione per alcuni aspetti quali l educazione scolastica anche ad alti livelli, norme sanitarie, stimolo alle virtù sociali; un esempio sono le 16 raccomandazioni rivolte ai clienti che danno uno spaccato fedele del «programma pedagogico di Yunus» 15 e che fanno leva appunto sull importanza dell istruzione dei figli, sulla laboriosità, sulla partecipazione alle attività sociali, ecc. Il successo di questa esperienza è senza dubbio da attribuire a numerosi fattori. Tuttavia è fondamentale che questa esperienza non venga presa come modello unico ed incontestabile poiché, malgrado il grande successo, va tenuto in considerazione che la formula adottata dalla Grameen Bank si è perfettamente adattata al peculiare contesto socio economico del Bangladesh e che, in quanto tale, non può essere semplicemente riprodotta in un altro contesto senza prima averla adattato alla nuova realtà. 2. Microcredito come strumento per lo sviluppo e contro l esclusione sociale Il microcredito è innanzitutto uno strumento che consente di far godere del diritto di accesso al credito inteso come diritto fondamentale in quanto direttamente associabile ai diritti umani fondamentali sanciti dalla Dichiarazione Universale come il diritto a fondare una famiglia, il diritto ad una proprietà privata, il diritto alla sicurezza sociale, alla salute, al benessere, il diritto all'istruzione e così via che richiedono un livello minimo di disponibilità economica. Ne consegue che anche l'accesso al credito è un Diritto Umano primario, e solo il suo effettivo esercizio consente in concreto la tutela e l'affermazione di ogni altro diritto fondamentale 16. Tuttavia è imprescindibile un risvolto sociale di questo strumento in termini di sviluppo; questo perché, garantendo l accesso al credito a milioni di persone che ne erano precedentemente sprovviste, s innesca un circolo virtuoso che consente di sviluppare le potenzialità degli individui portando benefici al territorio nel quale vivono. 16 L'art. 5 dello Statuto di Banca Etica afferma espressamente che «il credito, in tutte le sue forme, è un diritto umano». 17 SEN, Lo sviluppo e la libertà. Perché non c è crescita senza democrazia, Mondadori, Milano, 2000, pag

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro Uno sguardo sull ILO Organizzazione Internazionale del Lavoro La pace universale e duratura può essere fondata soltanto sulla giustizia sociale Costituzione dell OIL, 1919 Uno sguardo su ll I LO L Organizzazione

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ACQUISIZIONE/POSSESSO GIURIDICO DELLA CITTADINANZA benessere cittadinanza prestazionale civiltà con valenza inclusiva

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli