Informativa al Pubblico Pillar III

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informativa al Pubblico Pillar III"

Transcript

1 31 dicembre 2013

2

3 Banca Popolare dell Etruria e del Lazio Società Cooperativa Sede Legale e Direzione Generale in Arezzo via Calamandrei, 255 Codice Fiscale e numero di Iscrizione nel Registro delle Imprese di Arezzo Aderente al Fondo Interbancario per la Tutela dei Depositi Iscritta all Albo delle Banche al n Capitale Sociale al 31/12/2013 Euro ,94

4 INDICE INTRODUZIONE... 5 PREMESSA... 8 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO GENERALE TAVOLA 2 - AMBITO DI APPLICAZIONE 29 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA TAVOLA 4 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE Tavola 5 RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI GENERALI RIGUARDANTI TUTTE LE BANCHE TAVOLA 6 RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI RELATIVE AI PORTAFOGLI ASSOGGETTATI AL METODO STANDARDIZZATO E ALLE ESPOSIZIONI CREDITIZIE SPECIALIZZATE ED IN STRUMENTI DI CAPITALE NELL AMBITO DEI METODI IRB TAVOLA 8 TECNICHE DI ATTENUAZIONE DEL RISCHIO TAVOLA 9 RISCHIO DI CONTROPARTE TAVOLA 10 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE TAVOLA 12 RISCHIO OPERATIVO TAVOLA 13 ESPOSIZIONI IN STRUMENTI DI CAPITALE: INFORMAZIONI SULLE POSIZIONI INCLUSE NEL PORTAFOGLIO BANCARIO TAVOLA 14 RISCHIO DI TASSO DI INTERESSE SULLE POSIZIONI INCLUSE NEL PORTAFOGLIO BANCARIO TAVOLA 15 - SISTEMA E PRASSI DI REMUNERAZIONE E INCENTIVAZIONE Dichiarazione del Dirigente Preposto Glossario Contatti

5 INTRODUZIONE I rischi del Gruppo sono oggetto di continuo monitoraggio da parte delle strutture dedicate a tale attività, in particolare la Direzione Centrale Pianificazione, Risk e Compliance della Capogruppo attua mediante le specifiche funzioni preposte la quotidiana supervisione degli eventi che impattano o possono influire sulla Banca Capogruppo e/o sulle Società controllate, in coerenza con quanto previsto nelle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche (Circolare n. 263 del 27 dicembre 2006 emanata da Banca d Italia) e successivi aggiornamenti, che recepiscono gli ordinamenti in materia di convergenza internazionale della misurazione del capitale e dei coefficienti patrimoniali in vigore fino al , nel 15 aggiornamento della stessa Circolare n. 263/2006 in tema di assetti organizzativi interni, regole di governo e sistema dei controlli, e nella normativa contenuta nella Circolare n. 285 del 17 dicembre 2013 funzionale all'avvio dell'applicazione, dal 1 gennaio 2014, degli atti normativi comunitari con cui sono stati trasposti nell ordinamento dell Unione Europea le riforme degli accordi del Comitato di Basilea ( Basilea 3 ) 1. Nel presente documento, in coerenza con la normativa di riferimento, viene presentata la situazione del Gruppo Banca Etruria al ; il Gruppo, in ogni modo, sta procedendo nel processo di completamento dell allineamento alle nuove disposizioni sopra citate, in particolare al 15 aggiornamento della Circolare n. 263/2006, per quanto concerne gli assetti organizzativi interni, le regole di governo societario ed il sistema dei controlli. Le disposizioni normative sopra indicate, così come emendate e integrate nel corso del tempo, rappresentano la disciplina prudenziale per banche e gruppi, e si basano su tre pilastri: Primo Pilastro, che definisce la metodologia di calcolo dei requisiti per fronteggiare i rischi tipici dell attività bancaria. Sono considerati Rischi Rilevanti di Primo Pilastro il rischio di credito, il rischio di controparte, il rischio di mercato e il rischio operativo. Le definizioni di rischio di credito, di controparte, di mercato ed operativo sono quelle adottate dalla Circolare Banca d Italia n. 263/2006 e successivi aggiornamenti e confermate dalla Circolare 285 del 17 dicembre La metodologia di calcolo dei requisiti connessi a tali rischi utilizzata dal Gruppo Banca Etruria è la seguente: 1 In ambito comunitario i contenuti di Basilea 3 sono stati trasposti in due atti normativi: il Regolamento (UE) n. 575/2013 del 26 giugno 2013 (CRR), che disciplina gli istituti di vigilanza prudenziale del Primo Pilastro e le regole sull informativa al pubblico (Terzo Pilastro) e la direttiva 2013/36/UE del 26 giugno 2013 (CRD IV), che riguarda, fra l'altro, le condizioni per l'accesso all'attività bancaria, la libertà di stabilimento e la libera prestazione di servizi, il processo di controllo prudenziale, le riserve patrimoniali addizionali. 5

6 Metodologie di calcolo dei requisiti patrimoniali Rischio di Credito Rischio di Controparte Rischi di Mercato Rischio Operativo Metodo Standardizzato Metodo del Valore Corrente per Derivati OTC 2 ; Metodo Integrale per Operazioni SFT 3 Metodologia Standardizzata Metodo Standardizzato in combinazione con il Metodo Base Secondo Pilastro, che richiede alle banche di dotarsi di strategie e processi di controllo volti ad assicurare l adeguatezza patrimoniale, attuale e prospettica. Il processo interno di determinazione dell adeguatezza patrimoniale (Internal Capital Adequacy Assessment Process - ICAAP) si sostanzia nella misurazione del profilo di rischio e nella determinazione del capitale disponibile. Accanto a tale processo si pone quello della revisione e valutazione prudenziale eseguito dall Organo di Vigilanza, volto ad assicurare una corretta identificazione del rischio ed una giusta allocazione del capitale. I Rischi Rilevanti di Secondo Pilastro per il Gruppo Banca Etruria sono sia quelli individuati come altri rischi ai sensi della Circolare 263/2006 e successivi aggiornamenti ed ai sensi della Circolare Banca d Italia n. 285 del 17 dicembre 2013 Parte Prima Titolo III Capitolo 1, Allegato A, ovvero: rischio di concentrazione, rischio di tasso d interesse derivante da attività diverse dalla negoziazione, rischio di liquidità, rischio residuo, rischio derivante da cartolarizzazioni, rischio strategico, rischio reputazionale e quelli individuati dal Consiglio di Amministrazione di Banca Etruria, in qualità di Capogruppo del Gruppo Banca Etruria, in relazione alla specifica attività del Gruppo, ovvero il rischio assicurativo. Terzo Pilastro, che introduce gli obblighi di informativa al pubblico riguardanti l adeguatezza patrimoniale, l esposizione ai rischi delle banche e dei gruppi bancari e le caratteristiche generali dei relativi sistemi di gestione e controllo. Banca Etruria, in qualità di Capogruppo del Gruppo Banca Etruria, nel rispetto della normativa vigente e nell adempimento delle funzioni di coordinamento e controllo attribuitele, adempie agli obblighi di trasparenza informativa mediante il presente documento, nel quale sono illustrate le strategie connesse alla gestione dei rischi ai fini del rispetto dei requisiti di informativa di cui al Terzo Pilastro. Compito della Capogruppo è la valutazione dell adeguatezza anche in termini di modalità e frequenza della diffusione delle informazioni assicurandone la completezza, la correttezza e la veridicità. Il Consiglio di Amministrazione della Capogruppo formalizza le strategie e le procedure volte ad assicurare il rispetto dei requisiti d informativa. Banca d Italia verifica l esistenza di presidi organizzativi idonei a garantire l affidabilità dei processi di produzione, elaborazione e diffusione delle informazioni. Il presente documento è articolato per aree informative declinate in specifiche tavole così come illustrato nella citata Circolare Banca 263/2006 Titolo IV Capitolo 1 Allegato A e fornisce evidenza delle informazioni qualitative e quantitative definite dalla normativa stessa. Inoltre, in 2 Cfr. glossario. 3 Cfr. glossario. 6

7 ottemperanza a quanto previsto dalla normativa, non vengono rappresentate le tavole che non sono applicabili in considerazione dell operatività del Gruppo. In calce al documento è presente un Glossario che definisce e/o chiarisce taluni termini e abbreviazioni presenti nel corpo del testo. Il Gruppo Banca Etruria pubblica l informativa al pubblico ed i successivi aggiornamenti sul proprio sito Internet all indirizzo nella apposita sezione dedicata nella parte Gli Investitori. Note Metodologiche 1. Tutti gli importi, se non specificatamente indicato, sono da intendere in migliaia di euro. 2. Le informazioni sono riferite all area di consolidamento prudenziale. 3. Le informazioni vengono rese disponibili almeno annualmente entro i tempi previsti per la redazione del bilancio. 7

8 PREMESSA Si riporta una breve sintesi di quanto nel corso dell informativa verrà illustrato nell ambito delle singole tavole. Contenuti dell informativa 4 Tavola 1 Requisito informativo generale Fornisce obiettivi e politiche di gestione per ciascuna categoria di rischio. Tavola 2 Ambito di applicazione Descrive la composizione del gruppo bancario cui si applicano gli obblighi di informativa, esplicitando le differenze nelle aree di consolidamento rilevanti per fini prudenziali e di bilancio. Tavola 3 Composizione del patrimonio di vigilanza Informa sulle principali caratteristiche contrattuali degli elementi patrimoniali e rende noto l ammontare del patrimonio di base, del patrimonio supplementare e di terzo livello, del patrimonio di vigilanza e degli elementi negativi di quest ultimo. Tavola 4 Adeguatezza patrimoniale Illustra sinteticamente il metodo applicato dal Gruppo per la valutazione dell adeguatezza patrimoniale, fornendo inoltre misura del requisito patrimoniale a fronte del rischio di credito e di controparte, di mercato e di quello operativo e dei coefficienti patrimoniali. Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Fornisce ulteriori informazioni sul rischio di credito e di diluizione, oltre a dati quantitativi inerenti le esposizioni creditizie lorde totali distinte per tipologia di esposizione e controparte, la distribuzione delle esposizioni per aree geografiche e per settore economico o tipo di controparte, la distribuzione dell intero portafoglio per vita residua, le esposizioni deteriorate e le rettifiche di valore, la dinamica di queste ultime. Tavola 6 Rischio di credito: informazioni relative ai portafogli assoggettati al metodo standardizzato e alle esposizioni creditizie specializzate e in strumenti di capitale nell ambito dei metodi IRB ( IRB ) Elenca le agenzie esterne di valutazione del merito di credito prescelte e le classi regolamentari di attività per le quali ciascuna di esse è utilizzata; fornisce per ciascuna classe regolamentare di attività i valori delle esposizioni associati alle varie classi di merito e di quelle dedotte dal patrimonio di vigilanza. 4 In ottemperanza da quanto previsto dalla Circolare 263/2006 di Banca d Italia, che invita le banche ad evitare di pubblicare tavole prive di informazioni se non applicabili, le tavole 7 Rischio di credito: informativa sui portafogli cui si applicano gli approcci IRB e 11 Rischi di mercato: informazioni per le banche che utilizzano il metodo dei modelli interni per il rischio di posizione, per il rischio di cambio e per il rischio di posizione in merci ( IMA ) non sono rappresentate perché da ritenersi non pertinenti in considerazione dell operatività del Gruppo. 8

9 Tavola 8 Tecniche di attenuazione del rischio Descrive le principali tipologie di garanzie reali accettate, le politiche e i processi per la valutazione e la gestione delle stesse ed esplicita i tipi di garanti. Fornisce per ciascun segmento regolamentare di attività il valore delle esposizioni coperte da garanzie reali finanziarie a da altre garanzie reali e di quelle coperte da garanzie personali. Inoltre sono presenti informazioni sulle concentrazioni del rischio di mercato o di credito nell ambito degli strumenti di attenuazione del rischio di credito adottato. Tavola 9 Rischio di controparte Descrive le politiche relative alle garanzie e alle valutazioni sul rischio di controparte, nonché al rischio di correlazione sfavorevole e la metodologia utilizzata per assegnare i limiti operativi relativi alle esposizioni. Fornisce informazioni quantitative quali il fair value ( fair value ) lordo dei contratti, le garanzie reali detenute, il fair value positivo al netto degli accordi di compensazione. Tavola 10 Operazioni di Cartolarizzazione Illustra le operazioni di cartolarizzazione poste in essere, con spiegazione dei cambiamenti significativi avvenuti nel periodo di riferimento, e le politiche contabili che vengono seguite, nonché gli obiettivi per i quali tali operazioni sono state intraprese e la natura dei rischi sottesi ivi compresi i ruoli svolti nel processo. Tavola 12 Rischio operativo Illustra il metodo adottato per il calcolo dei requisiti patrimoniali a fronte del rischio operativo. Tavola 13 Esposizioni in strumenti di capitale: informazioni sulle posizioni incluse nel portafoglio bancario Descrive le metodologie di contabilizzazione e valutazione, nonché la differenziazione delle esposizioni in base agli obiettivi perseguiti. Fornisce il valore di bilancio e fair value degli strumenti in parola, gli importi delle esposizioni distinguendo tra le varie tipologie. Tavola 14 - Rischio di tasso di interesse sulle posizioni incluse nel portafoglio bancario Illustra la natura del rischio di tasso di interesse, chiarendo pure la frequenza di misurazione di questa tipologia di rischio e le ipotesi di fondo utilizzate nella misurazione e gestione dello stesso. Fornisce misura dell aumento/diminuzione degli utili o del capitale economico (o di altri indicatori rilevanti) nell ipotesi di uno shock dei tassi verso l alto o verso il basso. Tavola 15 Sistemi e prassi di remunerazione e incentivazione Illustra il processo decisionale seguito per definire le politiche di remunerazione e incentivazione ed il collegamento tra queste ultime ed i risultati tenuto conto dell adeguatezza dei rischi assunti. Fornisce altresì informazioni quantitative aggregate sulle remunerazioni del personale più rilevante 5 suddivise in componenti variabili e fisse. 5 Cfr glossario. 9

10 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO GENERALE Informazione qualitativa Allo scopo di rafforzare la disciplina di mercato, la Circolare 263/2006 di Banca d Italia ha introdotto obblighi di pubblicazione di informazioni di natura qualitativa e quantitativa riguardanti l adeguatezza patrimoniale, l esposizione ai rischi e le caratteristiche generali dei sistemi preposti all identificazione, misurazione e gestione di tali rischi. Al fine di predisporre quanto necessario per assicurare il rispetto degli obblighi di disclosure previsti dalla normativa, è stato predisposto il Regolamento sull informativa al pubblico Pillar III, con l obiettivo di disciplinare il processo di formazione e pubblicazione delle informazioni richieste dalla normativa in oggetto, attribuendo compiti e responsabilità alle funzioni di Gruppo coinvolte. Il Regolamento viene approvato e modificato dal Consiglio di Amministrazione. La gestione ed il controllo dei rischi nel Gruppo Banca Etruria: governance La gestione integrata dei rischi connessi all attività bancaria rappresenta uno degli elementi più delicati cui l Autorità di Vigilanza e le istituzioni creditizie pongono notevole attenzione. Il Gruppo Banca Etruria, per la corretta misurazione e gestione del complesso ambito dei rischi cui potenzialmente ciascuna azienda è sottoposta nell esercizio della specifica attività si è dotato di strutture organizzative, ha definito processi e costituito presidi per sviluppare ed aggiornare metodologie e strumenti connessi alla identificazione, valutazione e controllo dei rischi al fine di minimizzarne l esposizione e garantire una corretta allocazione del capitale. In coerenza con il modello di governance tradizionale, il Consiglio di Amministrazione della Capogruppo rappresenta l organo con funzione di supervisione strategica e di gestione cui è attribuito il ruolo guida nell assicurare, attraverso l attività di direzione e coordinamento, la coerenza complessiva dell assetto di governo del Gruppo. Il Consiglio di Amministrazione di Banca Etruria, in qualità di Capogruppo, delibera gli orientamenti strategici e le politiche di gestione del rischio a livello di Gruppo, tenendo conto delle specifiche operatività e dei connessi profili di rischio di ciascuna Società e provvedendo al loro riesame periodico al fine di assicurarne l efficacia nel tempo. Definisce, inoltre, le linee generali del processo di valutazione dell adeguatezza patrimoniale in relazione ai rischi assunti, ne assicura l adeguamento tempestivo in relazione a modifiche significative delle linee strategiche, dell assetto organizzativo, del contesto operativo di riferimento e promuove il pieno utilizzo delle risultanze a fini strategici e nelle decisioni d impresa. Inoltre, lo stesso, cura la diffusione della cultura del rischio sia tra le varie funzioni della Capogruppo che tra le controllate. Per lo svolgimento delle attività sopra definite, il Consiglio di Amministrazione è supportato dal Comitato Controllo e Rischi, costituito in seno allo stesso Consiglio ai sensi delle Disposizioni di Vigilanza Banca d Italia 6 e del Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana. La Capogruppo esercita le proprie prerogative di direzione e coordinamento fra le varie Società del Gruppo per assicurare unitarietà alla complessiva gestione del sistema e per garantire il rispetto dei requisiti previsti dalla normativa, realizzando, in tal modo, all interno del Gruppo una politica di gestione del rischio integrata e coerente. Le strutture che in prevalenza coadiuvano alla realizzazione delle strategie di gestione dei rischi sono: 6 Circolare 263/ aggiornamento 10

11 Comitato Rischi: organo collegiale tecnico istituito presso la Capogruppo, con lo scopo di attuare gli indirizzi strategici e di gestione dei rischi. Nell ambito del Comitato il Direttore Generale garantisce l istituzione ed il mantenimento di un efficiente sistema di gestione e controllo dei rischi. In particolare al Direttore Generale è demandato il compito di informare il Consiglio di Amministrazione sull andamento della gestione dei rischi, sia considerati individualmente che nel loro complesso. Spetta al Comitato Rischi verificare l adeguatezza delle prove di stress e delle relative modalità di conduzione, informando in merito il Consiglio di Amministrazione. Direzione Centrale Pianificazione, Risk e Compliance: è la struttura che coordina e gestisce i processi di formazione e monitoraggio del budget, di gestione dei rischi e di compliance. Il Direttore della Direzione Centrale Pianificazione, Risk e Compliance assume il ruolo di Risk Manager di Gruppo e di Compliance Officer di Gruppo. Dipartimento Risk Management: recepisce ed attua le linee guida strategiche in materia di gestione del rischio stabilite dall organo di supervisione strategica, tenendo conto degli specifici ambiti di regolamentazione e vigilanza prudenziale, delle peculiarità operative e dei connessi profili di rischio delle singole Società componenti il Gruppo Banca Etruria ad eccezione del rischio reputazionale, per il quale le attività di presidio e gestione sono svolte dal Dipartimento Compliance. Infatti determina, nell ambito del perimetro di vigilanza, il requisito patrimoniale a fronte dei rischi operativi, contribuisce al calcolo dei requisiti a fronte dei rischi di credito e di mercato e il capitale interno a fronte dei rischi di Secondo Pilastro quantificabili. Il Dipartimento Risk Management, inoltre, propone gli scenari di stress e le modalità di conduzione delle relative prove. Nel calibrare gli scenari di stress, il Dipartimento Risk Management tiene conto del principio di proporzionalità sancito dalla vigente normativa di vigilanza, predisponendo modelli che sottopongono a tensione i principali parametri su cui si articola la dinamica dei singoli rischi autonomamente identificati e considerati rilevanti ai fini degli stress test, riflettendo le dimensioni operative del Gruppo, il grado di sofisticatezza della propria operatività, la specificità dei portafogli, delle tipologie di esposizione e delle relative fonti di rischio. Le risultanze dell attività di analisi delle prove di stress sono inserite nella reportistica direzionale. Il Dipartimento Risk Management si articola in due servizi specifici, per la gestione del rischio: Capital Management e Credit Risk e Rischi Finanziari e Operativi, che, ciascuno per propria competenza, definiscono, implementano e gestiscono i modelli per l identificazione, la misurazione ed il controllo dei rischi rilevanti per il Gruppo. Il Servizio Capital Management e Credit Risk, determina il patrimonio di vigilanza individuale, consolidato e per le singole società del gruppo bancario, garantendo il rispetto delle disposizioni normative in materia di computabilità degli elementi patrimoniali nel patrimonio di vigilanza ed elaborando analisi a supporto della gestione attuale e prospettica del capitale; inoltre coordina la definizione e l implementazione dei modelli di identificazione, misurazione, controllo, gestione e reporting sui rischi di credito, di concentrazione e sul rischio residuo. Il Servizio Rischi Finanziari e Operativi coordina la definizione e l implementazione dei modelli di identificazione, misurazione, controllo, gestione e reporting sui rischi di mercato, di controparte, di liquidità, di tasso di interesse e operativo; nel complesso la funzione Risk Management conta di un numero di 12 risorse dedicate, oltre al Direttore di Direzione 11

12 Centrale che, come sopra specificato assume il ruolo di Risk Manager. Il Dipartimento Risk Management, inoltre, verifica la coerenza del profilo di rischio di Gruppo, della Capogruppo e delle controllate rispetto agli obiettivi prefissati e in conformità ai vincoli normativi, in una logica di gestione integrata del rischio, relazionando in merito il Risk Manager di Gruppo e curandone altresì l attività di reporting. Dipartimento Compliance: è responsabile della classificazione e dell individuazione dei presidi del rischio reputazionale. In materia di presidio del rischio di riciclaggio, il Direttore del Dipartimento Compliance ha il ruolo di Responsabile della Funzione Antiriciclaggio di Gruppo, mentre il Responsabile del Servizio Antiriciclaggio è Delegato alla segnalazione delle operazioni sospette di Gruppo. Il Dipartimento si articola in tre Servizi ossia, Monitoraggio e Presidio Normativo, Controlli Finanziari e Antiriciclaggio. Gli Organi Aziendali delle Società Controllate vengono periodicamente informati circa le decisioni assunte dagli Organi di vertice della Capogruppo relativamente al sistema di gestione e controllo dei rischi per l operatività di propria competenza. In particolare, il Consiglio di Amministrazione delle Società Controllate assicura l attuazione, per la parte di propria competenza, delle politiche di gestione del rischio deliberate a livello di Gruppo, ne monitora l efficacia nel tempo e prende atto dei rischi cui la Società si espone e delle modalità di rilevazione e valutazione degli stessi. In tale ambito garantisce, per il tramite di un Referente Risk Management interno alle singole Società, l efficacia ed efficienza del sistema di gestione dei rischi stessi, assicurando il supporto alle funzioni di Risk Management della Capogruppo. Il Gruppo ha inoltre adottato delle risk policies che hanno l obiettivo di esplicitare il complessivo impianto normativo aziendale relativo al sistema di gestione, controllo e governo di ciascun rischio rilevante per il Gruppo, attraverso la definizione del modello di governance, dei processi e metriche di misurazione/valutazione, gestione e controllo del rischio, di un sistema di deleghe e limiti operativi/soglie di sorveglianza volti al contenimento del rischio. Le policies di gestione dei rischi consentono di declinare le decisioni strategiche, in materia di governo dei rischi, in decisioni operative sui rischi stessi, coerentemente con il livello di propensione al rischio di Gruppo. Il Sistema dei Controlli Interni Il sistema dei controlli interni è costituito dall insieme delle regole, delle funzioni, delle strutture, delle risorse, dei processi e delle procedure che mirano ad assicurare, nel rispetto della sana e prudente gestione, il conseguimento delle seguenti finalità: verifica dell attuazione delle strategie e delle politiche aziendali; contenimento del rischio entro i limiti indicati nel quadro di riferimento per la determinazione della propensione al rischio della banca (Risk Appetite Framework - RAF ); salvaguardia del valore delle attività e protezione dalle perdite; efficacia ed efficienza dei processi aziendali; affidabilità e sicurezza delle informazioni aziendali e delle procedure informatiche; prevenzione del rischio che la banca sia coinvolta, anche involontariamente, in attività illecite (con particolare riferimento a quelle connesse con il riciclaggio, l usura ed il finanziamento al terrorismo); 12

13 conformità delle operazioni con la legge e la normativa di vigilanza, nonché con le politiche, i regolamenti e le procedure interne. Il Sistema dei Controlli Interni del Gruppo Banca Etruria risulta in fase di adeguamento così come previsto dal 15 aggiornamento della circolare di Banca d Italia n. 263/2006. Il modello organizzativo del Gruppo tende, nell ambito del sistema dei controlli interni, all accentramento presso la Capogruppo di attività rilevanti di controllo di II e III livello. Il Collegio Sindacale della Capogruppo è l organo con funzione di controllo che riveste un ruolo di vertice nell assicurare l adeguatezza, l efficienza e l efficacia del Sistema dei Controlli Interni del Gruppo. Il Collegio Sindacale, tra le altre cose, vigila sull adeguatezza e sulla rispondenza del sistema di gestione e controllo dei rischi, del processo ICAAP e del processo di formazione e pubblicazione dell informativa al pubblico ai requisiti stabiliti dalla normativa. La Direzione Centrale Internal Audit della Capogruppo svolge l attività di revisione interna sulle Società del Gruppo in qualità di funzione di audit della Capogruppo e svolge in qualità di service, come da accordi di servizio in vigore, le attività di revisione interna per le Società stesse. In particolare, la funzione di audit ha il compito di provvedere alla valutazione dell adeguatezza del sistema dei controlli interni, all individuazione dei comportamenti e andamenti anomali, nonché delle eventuali violazioni delle procedure e delle regolamentazioni, alla verifica periodica dei sistemi di gestione dei rischi rilevanti ed all effettuazione della revisione interna sul processo ICAAP. Ai sensi della normativa di vigilanza il Dipartimento Risk Management effettua un accurata identificazione dei rischi ai quali il Gruppo Bancario è esposto, avuto riguardo alla propria operatività e ai mercati di riferimento. A tal fine, vengono valutati i rischi sia di Primo che di Secondo Pilastro, come previsti della normativa di riferimento; vengono, altresì, condotte analisi per l individuazione di ulteriori rischi potenziali ai quali potrebbe essere esposto il Gruppo Bancario. In considerazione di tali analisi, il Consiglio di Amministrazione della Capogruppo approva il Catalogo dei Rischi Rilevanti con cadenza annuale. Il Dipartimento Compliance, è deputato al presidio del rischio di non conformità alle norme dei processi, dei regolamenti e della normativa interna, svolgendo la gap analysis di tale rischio e proponendo eventuali mitigazioni del rischio. Nello svolgimento dei compiti assegnati, il Dipartimento Compliance si interfaccia con gli Organi di Amministrazione e Controllo (Consiglio di Amministrazione, Collegio Sindacale, Organismo di Vigilanza ex D.lgs 231/01). Rischi Rilevanti: strategia e gestione In coerenza con il modello di governance tradizionale, il Consiglio di Amministrazione della Capogruppo rappresenta l organo con funzione di supervisione strategica e di gestione cui è attribuito il ruolo guida nell assicurare, attraverso l attività di direzione e coordinamento, la coerenza complessiva dell assetto di governo del Gruppo. Pertanto è il Consiglio di Amministrazione della Capogruppo che delinea le specifiche strategie e identifica le linee guida cui attenersi in termini di politiche gestionali (credito, commerciale, finanza, personale, investimenti, ecc.) da parte di tutte le Controllate; in particolare, delibera le politiche e strategie di governo e gestione dei rischi. Nell ambito del processo di allocazione del patrimonio, anche per il 2013, è stato deliberato dal Consiglio di Amministrazione della Capogruppo un sistema di soglie di tolleranza al rischio in grado di cogliere globalmente gli aspetti di rischio in funzione della stabilità patrimoniale del Gruppo, al fine di presidiarne il valore economico. Tale sistema è stato elaborato in conformità al 13

14 limite di Tier I ratio gestionale prestabilito, nonché in coerenza con un rapporto minimo fra capitale complessivo e capitale interno complessivo fissato dal Consiglio di Amministrazione stesso. Al fine di garantire un costante monitoraggio dei rischi e, se del caso, predisporre tempestivi interventi è prodotta periodicamente adeguata reportistica per gli Organi Aziendali relativa all andamento dei principali fenomeni di rischio esaminati, alle principali dinamiche di rischio attuali e prospettiche ed al trend degli scostamenti di periodo. Di seguito vengono esposti i Rischi Rilevanti del Primo Pilastro, del Secondo Pilastro e gli ulteriori Rischi Interni che il Consiglio di Amministrazione ha ritenuto di considerare rilevanti e che sono stati inseriti nel Catalogo Rischi Rilevanti per l esercizio 2013: Tabella 1.1 Catalogo rischi rilevanti per l esercizio 2013 RISCHI DI PRIMO PILASTRO RISCHI TITOLO II CIRCOLARE BANKIT 263 (CONFERMATI CIRCOLARE 285/2013) Tipologia di Rischio RISCHIO DI CREDITO RISCHIO DI CONTROPARTE RISCHIO DI MERCATO RISCHIO OPERATIVO Definizione Rischio che nell'ambito di un'operazione creditizia il debitore non assolva, anche solo in parte, agli obblighi di rimborso del capitale e di pagamento degli interessi. Rischio che la controparte di una transazione avente a oggetto determinati strumenti finanziari risulti inadempiente prima del regolamento della transazione stessa. Rischio di posizione di concentrazione con riferimento al portafoglio di negoziazione ai fini di vigilanza e rischio di regolamento, cambio e di posizione su merci con riferimento all'intero bilancio. Rischio di subire perdite derivanti dall inadeguatezza o dalla disfunzione di procedure, risorse umane e sistemi interni, oppure da eventi esogeni. Rientrano in tale tipologia, tra l altro, le perdite derivanti da frodi, errori umani, interruzioni dell operatività, indisponibilità dei sistemi, inadempienze contrattuali, catastrofi naturali. Nel rischio operativo è compreso il rischio legale, mentre non sono inclusi quelli strategici e di reputazione. RISCHI DI SECONDO PILASTRO RISCHI TITOLO III CIRCOLARE BANKIT 263 (CONFERMATI CIRCOLARE 285/ 2013) RISCHIO DI CONCENTRAZIONE RISCHIO DI TASSO DI INTERESSE DERIVANTE DA ATTIVITÀ DIVERSE DALLA NEGOZIAZIONE RISCHIO DI LIQUIDITÀ RISCHIO RESIDUO Rischio derivante da esposizioni verso controparti, incluse le controparti centrali, gruppi di controparti connesse e controparti operanti del medesimo settore economico, nella medesima regione geografica o che esercitano la stessa attività o trattano la stessa merce, nonché dall applicazione di tecniche di attenuazione del rischio di credito, compresi, in particolare, i rischi derivanti da esposizioni indirette, come ad esempio, nei confronti di singoli fornitori di garanzie. Rischio derivante da variazioni potenziali dei tassi di interesse. Rischio di non essere in grado di far fronte ai propri impegni di pagamento per l incapacità sia di reperire fondi sul mercato sia di smobilizzare i propri attivi. Rischio che le tecniche riconosciute per l attenuazione del rischio di credito utilizzate dal Gruppo Bancario risultino meno efficaci del previsto. 14

15 RISCHI DERIVANTI DA CARTOLARIZZAZIONI RISCHIO STRATEGICO Rischio che la sostanza economica dell operazione di cartolarizzazione non sia pienamente rispecchiata nelle decisioni di valutazione e di gestione del rischio. Rischio attuale o prospettico di flessione degli utili o del capitale derivante da cambiamenti del contesto operativo o da decisioni aziendali errate, attuazione inadeguata di decisioni, scarsa reattività a variazioni del contesto competitivo. RISCHIO REPUTAZIONALE Rischio attuale o prospettico di flessione degli utili o del capitale derivante da una percezione negativa dell immagine del Gruppo Bancario da parte di clienti, controparti, azionisti della banca, investitori o autorità di vigilanza. ULTERIORI RISCHI INTERNI DEFINITI COME RILEVANTI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO RISCHIO ASSICURATIVO Rischio riferito all'incertezza inerente l'accadimento di eventi, il loro ammontare e la tempistica degli impegni di natura assicurativa riferiti all'attività prodotta dalle società di assicurazioni. Rischio di Credito Il Servizio Capital Management e Credit Risk della Capogruppo è la funzione demandata alla misurazione del rischio di credito L approccio seguito per la misurazione del rischio di credito nell ambito delle Società del Gruppo Bancario Banca Etruria, che ricalca quanto disposto nella specifica disciplina di Primo Pilastro prevista dall Accordo di Basilea II, è quello relativo alla Metodologia Standardizzata applicato per tutti i segmenti di clientela. Nel corso dell esercizio 2013 sono proseguite le attività previste nell ambito dell approccio Standardizzato, con particolare riferimento sia all utilizzo degli strumenti gestionali utilizzati per la stima ed il monitoraggio degli assorbimenti patrimoniali che al consolidamento ed ulteriore efficientamento dei processi interni di gestione delle garanzie ai fini dell utilizzo delle tecniche di Credit Risk Mitigation. La trattazione dei processi relativi alla gestione dei singoli comparti di garanzia si trova nella Tavola 8. Per quanto concerne il sistema di rating interno, è proseguito l utilizzo in ottica gestionale dello stesso che da tempo è integrato nell ambito dei principali processi aziendali delle Banche del Gruppo; in particolare, nel corso del secondo semestre dell esercizio è entrato a regime un nuovo modello per l attribuzione del merito creditizio al comparto Imprese, che rappresenta un evoluzione verso l approccio previsto nell ambito delle metodologie avanzate IRB. In merito allo stesso è stata eseguita un attività di formazione nei confronti delle diverse strutture aziendali interessate. Nel corso dell esercizio è proseguito anche l utilizzo delle valutazioni del sistema di rating per il monitoraggio periodico delle principali variazioni del portafoglio crediti delle Banche del Gruppo. Per quanto concerne il processo di override, lo stesso è da tempo consolidato all interno delle Banche del Gruppo in termini sia di analisi individuale delle singole posizioni che di analisi a livello di gruppi economico-giuridici di clientela. 15

16 Nel corso dell esercizio 2013 è inoltre proseguito l utilizzo dello strumento gestionale di stima e monitoraggio degli assorbimenti patrimoniali e di verifica e controllo delle garanzie in essere e del relativo livello di eleggibilità. La disponibilità e l utilizzo di tali strumenti gestionali (sistema di rating interno, da un lato, e strumenti di stima e monitoraggio degli assorbimenti patrimoniali, dall altro lato) permettono una costante attività di analisi e controllo del livello di merito creditizio del portafoglio crediti, oltre che un continuo monitoraggio del livello di eleggibilità del portafoglio garanzie acquisite. A tale proposito, periodicamente viene sottoposta all attenzione del Comitato di Indirizzo, del Comitato Rischi e del Consiglio di Amministrazione della Capogruppo l analisi del rischio di credito a livello di Gruppo, sulla base delle risultanze dei suddetti strumenti gestionali. L analisi individuale delle altre Banche del Gruppo viene poi sottoposta all attenzione dei rispettivi Consigli di Amministrazione. Risulta da tempo a regime anche un modello di stima del Credit VaR di Gruppo, in termini di analisi del profilo di rischio a livello complessivo di portafoglio ed a livello di singole posizioni di clientela il cui profilo di rischio risulta essere maggiormente impattato dall effetto di contagio infra-gruppo. Per quanto concerne invece il modello interno di pricing-risk-adjusted, per lo stesso è stato messo a regime nel corso del secondo semestre dell esercizio un progetto di affinamento e consolidamento che consente di riflettere maggiormente sul prezzo praticato alla clientela gli specifici rischi assunti. Infine, nel corso dell esercizio 2013, è stato implementato a livello di Gruppo un nuovo sistema di monitoraggio del portafoglio crediti sia attraverso l implementazione di un nuovo motore di early warning che attraverso la revisione dei processi e delle modalità di gestione delle posizioni anomale e deteriorate. Con riferimento alla gestione del rischio di credito, si precisa inoltre che: le Società del Gruppo Banca Etruria, in fase di valutazione, erogazione, gestione e recupero del credito, applicano il Regolamento del Credito, il quale disciplina l intero processo nel rispetto di specifiche regole di comportamento che garantiscono la possibilità di quantificare il rischio, valutarne la qualità e seguirne l andamento nel tempo; per Banca Etruria e Banca Federico Del Vecchio è stato attuato il Piano del Credito riferito all esercizio 2013, predisposto con periodicità annuale, e deliberato dal Consiglio di Amministrazione delle due Banche. In particolare, a partire dall esercizio 2010, le politiche aziendali in materia creditizia e l indirizzo per le iniziative di sviluppo e governo del rischio di credito sono state definite nell ambito del processo di budgeting, svolto sulla base di analisi integrate da parte delle diverse funzioni aziendali interessate e volto, da un lato, a recepire gli indirizzi strategici individuati a livello di Piano Industriale e, dall altro lato, a definire le linee operative in termini sia di politiche commerciali e creditizie sia di impatti a livello economico e patrimoniale. Per quanto concerne, il Regolamento del Credito, questo riassume i principi e le norme in materia di erogazione e gestione del Credito a cui devono attenersi le Banche del Gruppo, al fine di assicurare un efficace gestione dei rischi creditizi a livello di gruppo e di indicare criteri e metodologie comuni per l erogazione e la gestione del credito. 16

17 Aspetti operativi del processo sono regolati, oltre che dalle disposizioni del presente Regolamento del Credito, da apposita normativa emanata dalla Capogruppo. Il documento, in particolare, si articola nei seguenti paragrafi: governo del rischio di credito; disposizioni di carattere generale in materia di concessione del credito; monitoraggio andamentale e gestione anomalie creditizie; gestione del portafoglio deteriorato; affidamenti a banche e controparti istituzionali. Il processo di concessione e gestione del credito si articola nelle seguenti principali fasi: - istruttoria e valutazione del merito creditizio; - delibera; - perfezionamento/erogazione; - revisione; - gestione anomalie creditizie e posizioni deteriorate. La fase di istruttoria della pratica di fido che si articola, a sua volta, nella seguenti fasi: - raccolta informazioni; - analisi del cliente; - analisi dell operazione; - analisi di contribuzione. La fase di istruttoria del credito ha subito una decisa evoluzione con l introduzione della piattaforma PEF 7 nel 2011, in ottica di maggiore semplificazione operativa e sviluppo dei processi valutativi e deliberativi. L introduzione della nuova piattaforma ha permesso di gestire, attraverso un processo standardizzato e guidato, le varie attività necessarie al completamento dell istruttoria sostituendo l operatività svolta in precedenza in modo manuale e riducendo le possibilità di errore ed il dispendio di tempo. La PEF inoltre ha permesso di differenziare l iter di selezione sulla base della controparte analizzata e del tipo di operazione. Il processo di perfezionamento/erogazione rappresenta la fase di gestione operativa del credito, in cui deve essere espletato l iter di formalizzazione degli affidamenti accordati e delle garanzie ricevute, in vista della successiva erogazione. Il processo di revisione del rapporto creditizio rappresenta l attività periodica di verifica interna della permanenza delle condizioni di merito creditizio che avevano determinato la concessione delle facilitazioni richieste. La fase di revisione del rischio di credito viene attivata direttamente dalla Banca interessata o su iniziativa del cliente e comporta la manutenzione e l aggiornamento delle informazioni acquisite, in modo tale da rinnovare la decisione di affidabilità precedentemente assunta oppure di modificare il quadro degli affidamenti concessi e/o delle garanzie ricevute. Per quanto concerne, infine, la gestione delle posizioni che presentano situazioni di anomalia o deterioramento, questa è demandata a strutture specificatamente preposte al monitoraggio delle 7 Cnf glossario. 17

18 posizioni creditizie ed alla rilevazione delle posizioni problematiche. Qualora gli eventi che hanno determinato l anomalia si aggravano è necessario che la posizione venga classificata in relazione al grado di rischiosità da parte delle strutture competenti, fatti salvi i casi in cui la classificazione avviene in automatico (es. incagli oggettivi). In linea di massima alle preposte strutture della Capogruppo compete la classificazione di posizioni di importi ritenuti rilevanti secondo il modello organizzativo interno vigente, mentre per quelle di importi inferiori la valutazione è rimessa alle singole Banche del Gruppo. Una volta definito lo status di deterioramento, mediante interventi specifici coordinati con la rete commerciale, sono svolte azioni mirate a ricondurre le posizioni nello status di performing ; laddove questo non risulti possibile, le posizioni saranno classificate come posizioni in sofferenza e, conseguentemente, saranno attivate iniziative specifiche a tutela del credito. Nell ottica di un maggiore livello di efficientamento del processo del credito, nel corso del 2013 la Direzione Centrale Crediti è stata impattata in modo significativo dalla revisione del modello organizzativo di gestione dei portafogli a sofferenza che si sono evoluti verso logiche di segmentazione delle posizioni sulla base della tipologia/entità dei crediti, con conseguente specializzazione dei processi di recupero, nonché attraverso la differenziazione tra attività ad alto/basso valore aggiunto e conseguente separazione tra le attività amministrative e/o ad elevata ripetitività. Ulteriore elemento di innovazione del modello organizzativo è rappresentato dal rafforzamento del ruolo degli outsourcer tramite l esternalizzazione della gestione di un elevato numero di pratiche, che rappresentano comunque una minima porzione del portafoglio in termini di esposizione. Inoltre, sempre in ottica di presidio creditizio, è previsto un supplemento d'istruttoria sulle pratiche di fido di rischio rilevante 8 delle Banche controllate del Gruppo. Il controllo consiste nella valutazione delle proposte tramite un analisi del merito creditizio in ottica di rischio comune. Rischio di Controparte L analisi dell andamento del rischio di controparte è demandata al Servizio Rischi Finanziari e Operativi della Capogruppo che determina, tra l altro, le modalità di calcolo della correzione dei valori di bilancio dei derivati in ragione del rischio di controparte (c.d. Credit Risk Adjustment o CRA per le esposizioni verso terzi e Debit Risk Adjustment o DRA per gli strumenti il cui mark to market è negativo alla data di rilevazione) e della stima del potenziale incremento prospettico del rischio attraverso un analisi di sensitivity. Il CRA per i derivati negoziati con clientela è stimato attraverso l utilizzo di fattori quali la Probability of Default (PD) e la Loss Given Default (LGD) che dipendono rispettivamente dal rating della controparte e dalla tipologia delle garanzie acquisite mentre, per gli strumenti con controparti istituzionali, la stima avviene sulla base del costo di protezione sull esposizione desunto dal mercato dei Credit Default Swap. Per il calcolo del DRA è utilizzato lo spread di credito applicato per la valutazione al fair value delle proprie passività con vita residua inferiore a 1 anno. Nella negoziazione di strumenti derivati negoziati over-the counter la selezione della controparte istituzionale delle operazioni è limitata a quelle per le quali sussiste idonea linea di fido e nei limiti 8 I rischi di entità rilevante a livello di Gruppo vengono individuati tenuto conto dell ammontare complessivo dell esposizione in termini di accordato in essere e/o proposto sia quando il rischio viene assunto nei confronti di un singolo prenditore, sia quando il rischio viene assunto nei confronti di molteplici prenditori connessi dal punto di vista giuridico e/o economico (rischio unico) I Regolamenti Interni e poteri Delegati prevedono criteri e soglie di rilevanza. 18

19 della relativa disponibilità. La gestione delle linee di fido è svolta all'interno del Dipartimento Finanza, con autonomie deliberative gerarchicamente assegnate in funzione dell importo. Le negoziazioni con controparti istituzionali avvengono in presenza di un contratto di Credit Support Annex (CSA) destinato alla mitigazione del rischio controparte. In merito all andamento del rischio di controparte ed alla sua composizione viene prodotta al Consiglio di Amministrazione ed al Comitato Rischi della Capogruppo apposita reportistica con cadenza trimestrale. Rischio di Mercato Il rischio di mercato è il rischio che il valore economico o i flussi di uno strumento finanziario cambino per effetto di variazioni di fattori di mercato. Il rischio di mercato riguarda il rischio di tasso di interesse, il rischio di cambio e altri rischi di prezzo. L attuale impostazione di controllo e misurazione è basata sia sugli assorbimenti patrimoniali che sul rispetto di limiti di Value at Risk (VaR) modulati secondo i poteri delegati dal Consiglio di Amministrazione della Capogruppo. Ai fini della normativa di vigilanza, il calcolo dei requisiti patrimoniali a fronte dei rischi di mercato è effettuato utilizzando la metodologia standardizzata e il metodo delta-plus per il trattamento delle opzioni. Il rischio di mercato sul portafoglio di negoziazione interessa esclusivamente la Capogruppo in quanto le altre Società del Gruppo non detengono portafoglio di trading. Il controllo del rischio di mercato viene effettuato attraverso il VaR (Value at Risk) 9 che rappresenta una stima della massima perdita potenziale del portafoglio di riferimento in un determinato arco temporale e con un prefissato livello di probabilità. Il VaR è calcolato attraverso la piattaforma informatica denominata ObjFin e si riferisce alla massima perdita che il portafoglio di riferimento può subire in 10 giorni con una probabilità del 99%. Per uno specifico comparto di portafoglio rappresentato da fondi è utilizzato un VaR di simulazione storica. Il Consiglio di Amministrazione della Capogruppo definisce annualmente i limiti di VaR. Ai fini del contenimento del rischio di liquidità, il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di mantenere un portafoglio rappresentato prevalentemente da attività prontamente monetizzabili sul mercato o che possano essere oggetto di operazioni di rifinanziamento presso la Banca Centrale Europea, stabilendo un obiettivo quantitativo in termini di disponibilità immediata di titoli. Il portafoglio di trading, pertanto, ha presentato nel corso del 2013 profili di rischiosità estremamente contenuti. Il processo di controllo dei rischi di mercato si articola su più livelli e viene effettuato, su base giornaliera, per il primo livello dal Dipartimento Finanza, mentre per il secondo livello dal Servizio Rischi Finanziari e Operativi della Capogruppo. Quotidianamente è prodotto un report con i VaR dei portafogli che è inviato alla Direzione Generale, alla Direzione Centrale Pianificazione, Risk e Compliance, alla Direzione Centrale Internal Audit ed alle diverse funzioni del Dipartimento Finanza. Il Servizio Rischi Finanziari e Operativi produce trimestralmente una reportistica per il Comitato Rischi e trimestralmente per il Consiglio di Amministrazione della Capogruppo. Per quanto riguarda nello specifico il rischio di cambio, le esposizioni del Gruppo derivano principalmente dall operatività in valuta con clientela. Il monitoraggio del rischio di cambio viene effettuato dalle strutture di front office della Capogruppo attraverso l utilizzo di apposita 9 Cfr. glossario. 19

20 procedura settoriale nonché all interno della posizione complessiva soggetta a limiti di VaR. Il Servizio Tesoreria della Capogruppo effettua operazioni a copertura del rischio cambio attraverso la negoziazione di divisa a pronti, a termine e con strumenti derivati quali cross currency swap e opzioni. Rischio Operativo Il Gruppo Bancario Banca Etruria adotta il metodo Standardizzato combinato con il metodo Base per il calcolo del requisito patrimoniale consolidato a fronte dei rischi operativi implementando un sistema di gestione dei rischi operativi a livello di Gruppo Bancario nel rispetto dei requisiti organizzativi, qualitativi e quantitativi definiti a livello di vigilanza prudenziale. Il metodo Standardizzato è adottato dalla Capogruppo Banca Etruria e da Banca Federico Del Vecchio, mentre, per le altre Società appartenenti all area valida per il calcolo del requisito patrimoniale, viene utilizzato il metodo Base. La valutazione dell esposizione al rischio operativo è rimessa al Servizio Rischi Finanziari e Operativi della Capogruppo. Il sistema di gestione dei rischi operativi, avente come obiettivi principali il contenimento delle perdite operative e il miglioramento dei processi interni ritenuti critici, prevede l effettuazione di molteplici attività demandate principalmente al Servizio Rischi Finanziari e Operativi della Capogruppo, nell ambito di un apposito modello organizzativo che formalizza compiti e responsabilità delle diverse funzioni coinvolte nelle attività. Di seguito le attività svolte ai fini del sistema di gestione dei rischi operativi: - raccolta perdite operative e relativi recuperi di tipo assicurativo e di altro tipo (Loss Data Collection) normata, a livello di Gruppo, dal Regolamento segnalazione perdite operative all interno del quale sono disciplinate in maniera organica e sistematica, per singola Società Controllata e Unità Organizzativa interessata, competenze di segnalazione e connessi adempimenti; - rilevazione stime soggettive (Risk Self Assessment), parte qualitativa del sistema, consistente in un preventivo processo di risk mapping e nella successiva rilevazione di stime soggettive per singole aree di rischio rilevanti, fornite da esperti delle singole aree, volte a valutare l impatto di scenari sperimentati e potenziali; - calcolo del requisito e valutazione dell esposizione ai rischi operativi. La valutazione dell esposizione ai rischi operativi, complessiva a livello di Gruppo Bancario e per segmento di operatività rilevante 10, viene effettuata attraverso l elaborazione delle stime soggettive di cui sopra e utilizzata gestionalmente per monitorare il rispetto dei limiti di tolleranza al rischio operativo; - reporting e mitigazione, costituita dalla produzione periodica di una serie di report con livelli di dettaglio diversificati in funzione del destinatario di riferimento (tra cui Consiglio di Amministrazione delle Società del Gruppo Bancario, Comitato Rischi della Capogruppo, Referente Risk Management delle Società del Gruppo diverse dalla Capogruppo) che contengono, tra l altro, proposte di interventi di mitigazione poi discussi in appositi Comitati; 10 Per segmento di operatività rilevante si intende ogni Società Controllata soggetta a requisito patrimoniale individuale a fronte dei rischi operativi. 20

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 PILLAR 3 Informativa al pubblico al 31/ /12/2010 INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 15 aprile 2014 Prot. n. All.ti n. 1 51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Alle Imprese capogruppo

Dettagli

POSITION PAPER. Novembre 2012

POSITION PAPER. Novembre 2012 Position Paper in risposta alla procedura di consultazione della Banca d Italia Sistema dei controlli interni, sistema informativo e continuità operativa Novembre 2012 POSITION PAPER Sommario Premessa...6

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI Normativa attinente ad aree sensibili relative al D.Lgs. 231/01 Area di rischio:

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Luglio 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Convergenza internazionale della misurazione del capitale e dei coefficienti patrimoniali Nuovo schema di regolamentazione Versione integrale Comprendente

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 136 del 15 giugno 2015 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 15 giugno 2015

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 136 del 15 giugno 2015 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 15 giugno 2015 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 136 del 15 giugno 2015 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione degli standard di Basilea Aprile 2014 La presente pubblicazione è consultabile sul sito internet della

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2008 Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2009 Pillar 3 1 Pillar 3 Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Capitale Sociale 4.486.786.372,26 interamente versato Iscritta

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Documento di discussione Lo schema di regolamentazione: bilanciare sensibilità al rischio, semplicità e comparabilità Termine per la presentazione dei commenti:

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto ai Ministri finanziari e ai Governatori delle banche centrali del G20 sull attuazione di Basilea 3 Ottobre 2012 Il presente documento è stato redatto

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa FEDERAZIONE DELLE COOPERATIVE RAIFFEISEN Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa Intervento di Carmelo Barbagallo Capo del Dipartimento di Vigilanza

Dettagli

PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011

PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011 PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011 Marzo 2011 Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 1. Perché un programma di attività normativa? Far

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Schema internazionale per la misurazione, la regolamentazione e il monitoraggio del rischio di liquidità Dicembre 2010 Il presente documento è stato

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3 Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto ai leader del G20 sul monitoraggio dell attuazione delle riforme di Basilea 3 Agosto 2013 La presente pubblicazione è consultabile sul sito internet

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli