Università di Roma Tor Vergata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università di Roma Tor Vergata"

Transcript

1 Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI RISCALDAMENTO AD ACQUA: GENERALITÀ E COMPONENTI Ing. G. Bovesecchi (7249) Anno Accademico

2 Impianti di riscaldamento ad acqua Sono gli impianti che mantengono determinate condizioni negli ambienti in presenza di un carico termico verso l esterno (cessione di calore verso l esterno). Vengono perciò utilizzati prevalentemente in inverno. Il riscaldamento può essere: diretto (stufe e camini); indiretto (il calore generato in una caldaia viene ceduto ad un fluido intermedio, acqua, vapore, o aria, che poi riscalda gli ambienti). La potenza termica che gli impianti devono fornire è pari alla somma dei carichi termici che sono: carico di dispersione, cioè la cessione di calore verso l esterno; carico di ventilazione, dovuto all aria esterna che si infiltra dall esterno, e che deve essere scaldata.

3 Impianti di riscaldamento ad acqua Se il riscaldamento è ottenuto per immissione di aria calda (caso degli impianti ad aria), il carico di ventilazione non è necessario perché è già soddisfatto dall impianto stesso. IMPIANTI AD ACQUA CALDA Vi è un circuito chiuso in cui l acqua dal generatore arriva tramite tubi ai corpi scaldanti. Ci sono diverse tipologie, corrispondenti a diverse modalità di circolazione dell acqua: impianto con circuito a due tubi, i tubi sono differenti per mandata e ritorno. Il vantaggio è che l acqua arriva alla massima temperatura a tutti i corpi scaldanti; lo svantaggio è il numero elevato di tubazioni e un difficile bilanciamento (i percorsi per i diversi corpi scaldanti possono essere molto differenti);

4 Impianti di riscaldamento ad acqua CS1 CS2 CS3 CS4 G Impianti a ritorno inverso: sono analoghi a quelli precedenti, i ritorni convergono su di un tubo sino allo scambiatore più distante, da cui parte il ritorno verso il generatore. Sono quasi automaticamente bilanciati, perché la lunghezza di tutti i tratti di mandata e ritorno è all incirca uguale, ma richiedono tre tubi. CS1 CS2 CS3 CS4 G

5 Impianti di riscaldamento ad acqua Quando l ultimo corpo scaldante è situato vicino al generatore, l impianto assume un altro aspetto, e si chiama ad anello. In tale caso non si ha più l inconveniente dei tre tubi. CS1 CS2 G CS4 CS3 Impianto ad un solo tubo, i corpi scaldanti sono in serie. Il vantaggio è che è semplice e poco costoso. Lo svantaggio è che i singoli corpi scaldanti non ricevono la stessa temperatura di mandata, e quindi vanno dimensionati in modo opportuno CS1 CS2 CS3 CS4 G

6 Impianti di riscaldamento ad acqua L impianto può anche essere realizzato come circuito parzialmente in parallelo ottenendo una temperatura più uniforme ma la superficie di scambio deve essere maggiorata perché la portata è inferiore. CS1 CS2 CS3 CS4 G

7 CALDAIE Sono principalmente a tubi di fumo. Dati caratteristici di una caldaia sono: potenza resa all acqua; potenza di combustione; contenuto d acqua; pressione di esercizio; dimensioni e peso. Il rendimento varia tra 0,7 (piccole caldaie a pieno carico) e 0,85 (grosse caldaie). Potenza resa all'acqua Rendimento = Potenza di combustione

8 Per legge la potenza delle caldaie per impianti di riscaldamento non deve essere superiore al carico termico, o meglio al coefficiente volumico per il volume lordo riscaldato per la differenza di temperatura tra esterno e interno (Te-Ti). Non si deve tener conto nel progetto dell acqua calda sanitaria se il carico è superiore a 58 kw. Se è inferiore l acqua calda può essere calcolata e inserita nel progetto separatamente. In tale ultimo caso la potenza resa all acqua risulta la somma del carico di riscaldamento e dell acqua sanitaria. Se la potenza è superiore a 350 kw si possono istallare 2 caldaie in parallelo, in modo da limitare le perdite a basso regime (basso carico). Le pressioni massime di esercizio sono di 4 5 atm per le caldaie in acciaio e 8 9 atm per quelle in ghisa.

9 CORPI SCALDANTI (RADIATORI O TERMOSIFONI) Sono degli scambiatori di calore con circolazione interna di acqua calda. La differenza di temperatura tra ingresso e uscita nel corpo scaldante è in genere scelta in 10 C, per ottimizzarne le prestazioni. Considerata la piccola differenza di temperatura tra ingresso e uscita dell acqua rispetto alla grande differenza tra temperatura dell acqua e dell aria (da C a 20 C), anziché la differenza di temperatura media logaritmica utilizzata in genere negli scambiatori di calore si può utilizzare la differenza tra la temperatura media aritmetica dell acqua tra ingresso e uscita, e la temperatura dell aria. Il flusso termico assume quindi la forma: Q = Ucs Acs (Tm,ac Ta )

10 Il flusso termico fornito dal corpo scaldante, dal lato del fluido caldo, cioè l acqua, vale: Q = mc (T T ) c.s. p,ac i,ac u,ac dove la differenza di temperatura è, come detto, circa 10 C. Il coefficiente di scambio globale vale: Uc.s. = 1 1 Z + R' p + hac ha con hac coefficiente di scambio convettivo dell acqua, in convezione forzata, e Z rapporto tra l area interna (lambita dall acqua) ed esterna (lambita dall aria) del corpo scaldante. ha è il coefficiente di scambio convettivo dell aria (in convezione naturale).

11 Una relazione che tiene conto che la resistenza termica maggiore tra quelle riportate a denominatore della formula precedente è quella dovuta alla convezione naturale dell aria, è la seguente : n Qc.s. = C (Tm,ac Ta ) dove n vale tra 1,25 e 1,30. e C è una costante specifica del corpo scaldante, fornita tra i dati del costruttore (tiene conto anche dell area effettiva di scambio). Il motivo dei valori dell esponente n sta nelle relazioni empiriche utilizzate per determinare hac: per la convezione naturale l esponente che si trova in tali relazioni varia tra 0,25 per il moto laminare e 0,33 per quello turbolento. Il moto dell aria che lambisce i corpi scaldanti nelle condizioni generali di utilizzo è praticamente sempre laminare.

12 I corpi scaldanti possono essere ad elementi o a piastre. Gli elementi sono modulari e possono essere in ghisa, alluminio o acciaio. Le piastre sono in alluminio o acciaio. Oltre ai dati di cui sopra (C e n) spesso può essere data la resa nominale Q RN, flusso termico quando (Tm,ac Ta ) = 60 C. In condizioni differenti si avrà: n T T Q cs = QRN mac a. 60

13 TUBAZIONI Sono in rame o acciaio (a volte in plastica). In rame si piegano più facilmente e si possono anche giuntare a freddo o a bassa temperatura. In acciaio costano meno, ma vanno saldate con fiamma ossiacetilenica. Sono inoltre più soggette a corrosione. Per il dimensionamento si utilizzano le formule viste per le perdite di carico concentrate e distribuite già viste. La velocità dell acqua si fa in modo che sia è compresa tra 0,3m/s (per trascinare l aria che si infiltra nei condotti sino ai punti previsti per lo spurgo) e 1,5 m/s (per evitare una rumorosità troppo elevata dell impianto).

14 VASO D ESPANSIONE serve ad evitare le sovra-pressioni nell impianto per effetto della dilatazione termica quando l acqua viene scaldata. Può essere di tipo aperto o chiuso.!

15 Se è aperto deve essere nella posizione più alta dell impianto. Deve avere un troppo pieno e spesso è inserito all interno di esso il condotto di alimentazione, con una valvola di chiusura collegata con un galleggiante. Se β è il coefficiente di dilatazione cubica e C il volume dell impianto, β C 80 C è il volume dell espansione dell acqua (ci si aspetta un riscaldamento da 10 C, minimo di temperatura, a 90 C, massimo). Per sicurezza il volume totale del vaso di espansione deve essere circa 3 volte questo valore. Una relazione empirica tra il volume del vaso di espansione e la potenza dell impianto è: V = 1, 5 Pi10 3 [l ] con Pi in kcal h

16 Tale relazione si ottiene considerando che il contenuto medio d acqua dell impianto è 15 l per ogni 1000 kcal/h, che la dilatazione da 10 C a 90 C è del 3,5%, e il volume del vaso è 3 volte il volume di dilatazione. Se è chiuso può essere posto in qualsiasi punto del circuito. È un volume che contiene un gas che si comprime quando aumenta la temperatura dell acqua. La pressione è pertanto variabile (tra quella idrostatica nel punto in cui è mandata l acqua più 3 m H2O per sicurezza) fino alla pressione massima tollerata dall organo più debole dell impianto (deve esserci quindi una valvola di sicurezza che si apre quando la pressione supera questo valore). Può essere di due tipi: con il gas separato dall acqua (vaso a membrana) o a contatto con l aria.

17 Vaso chiuso a membrana La pressione iniziale (pi) ed il volume del vaso (V) sono noti perché il vaso è già, fornito precaricato. Il gas utilizzato è in genere N2. La compressione del gas è isoterma per cui dall equazione dei gas perfetti: V f p f = Vi pi Essendo: V V f = β C 80

18 Dove C è la capacità dell impianto, sostituendo si ottiene: Vi pi = β C 80 V pf E quindi: β C 80 V= pi 1 pf Vaso chiuso senza membrana

19 V pa = V f p f = Vi pi 1 1 Vi V f = β C 80 = pav p i pf β C 80 V = 1 1 pa pi p f

20 POMPA questo componente è previsto solo per gli impianti a circolazione forzata. Sono di tipo centrifugo ad azionamento elettrico. Per ogni pompa esiste la curva caratteristica Δp = f ( m ac ), con parametro il numero di giri al minuto di rotazione n. Il rendimento della pompa è definito come: L eff Δp V Δp v m η= = = L L Ldisp Dove: v = volume specifico massico, Δp = prevalenza ed L = potenza. L eff è la potenza meccanica effettivamente resa all acqua

21 L dispè la potenza meccanica che la pompa ha disponibile (se il motore elettrico avesse rendimento unitario sarebbe la potenza elettrica consumata).

22 L impianto d altra parte possiede una sua curva caratteristica Δp = f ( m acq ) che ha un andamento all incirca parabolico (come visto precedentemente le perdite di carico dipendono dalla velocità, e quindi dalla portata, con un esponente che varia tra 1,75 e 2). Dall intersezione della curva caratteristica della pompa e di quella dell impianto si ha il punto di funzionamento. E meglio chiaramente che il punto di funzionamento si trovi in una zona del piano dove il rendimento è maggiore, e da tale considerazione si effettua la scelta della pompa sulla base della sua curva caratteristica, fornita insieme alla documentazione tecnica. Se nell impianto si vuole diminuire la portata, si può ad esempio chiudere parzialmente una valvola aumentano le perdite di carico. Pertanto il punto di funzionamento si sposta da A ad A.

23 Però così si aumenta la prevalenza (e quindi la potenza e l energia spesa). Anziché utilizzare le valvole di strozzamento è preferibile se è possibile ridurre il numero di giri della pompa ottenendo il nuovo punto di funzionamento A, in quanto ci si muove in zone a rendimento della pompa maggiore. Δp m

24 Δp A. A A m

25 Se l impianto è di dimensioni notevoli, e sono previste due pompe in parallelo, la diminuzione di portata si può ottenere chiudendo una delle due pompe. Generalmente nel circuito è istallata anche una pompa di riserva, in modo tale da poter effettuare, ad esempio, la manutenzione su una delle pompe mantenendo in esercizio l impianto.

26 SFIATI D ARIA Sono tratti del percorso in cui l aria contenuta nell acqua dell impianto e trascinata dalla corrente (se la velocità è maggiore di 0.3 m/s) si raccoglie per poter essere eliminata. Negli impianti a vaso di espansione aperto si fa in modo che l aria arrivi al vaso di espansione, dove è eliminata automaticamente. Negli impianti a vasi di espansione chiuso si mettono degli allargamenti delle tubazioni (bottiglie di sfiato) che permettono di far uscire l aria manualmente o automaticamente. In genere i corpi scaldanti hanno uno sfiato manuale sulla sommità.

27 CENTRALI TERMICHE sono i locali dove sono istallati gli impianti. Devono soddisfare a certi requisiti di dimensioni, isolamento termico delle pareti, posizione e ingresso/uscita rispetto all esterno e ventilazione del locale che dipendono sia dal tipo di combustibile che dalla potenza termica installata (secondo la normativa). SISTEMI DI SICUREZZA E CONTROLLO Esistono norme predisposte ad evitare la possibilità di ebollizione dell acqua, o, se l ebollizione avviene, a scaricare all esterno il vapore formatosi. Tali norme impongono l installazione di termostati o di valvole che regolano la pressione (pressostati).

1.3 Impianti di riscaldamento ad acqua

1.3 Impianti di riscaldamento ad acqua 1.3 Impianti di riscaldamento ad acqua Sono gli impianti che mantengono determinate condizioni negli ambienti in presenza di un carico termico verso l esterno (cessione di calore verso l esterno). Vengono

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI TELERISCALDAMENTO Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di oma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TEMOTECNIC 1 IMPINTI DI ISCLDMENTO D CQU: DIMENSIONMENTO Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com

Dettagli

Gli impianti per la climatizzazione

Gli impianti per la climatizzazione Università IUAV di Venezia Gli impianti per la climatizzazione 1 Tipologie secondo il fluido termovettore Componenti elementi costruttivi Produzione del calore/ frigorifera Dimensioni dei canali d aria

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Impianto termico : Impianto tecnologico

Dettagli

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere IMPIANTI TERMICI Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere Secondo lutenza da servire gli impianti di riscaldamento si dividono in: IMPIANTI

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Potenza per ambiente Dal calcolo del Cd e delle dispersioni invernali si ottiene la potenza necessaria all edificio (W) Q t = Q d + Q v Che deve essere nota anche per ogni singolo

Dettagli

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Impianti di riscaldamento Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Sono i sistemi più utilizzati nell edilizia residenziale dove spesso sono di solo riscaldamento, ma possono

Dettagli

Impianti di riscaldamento convenzionali

Impianti di riscaldamento convenzionali Impianti di riscaldamento convenzionali convenzionale Impianti di riscaldamento Schema di un impianto con caldaia Combustibile Generazione regolazione emissione Carichi termici Distribuzione Impianti di

Dettagli

Descrizione del funzionamento

Descrizione del funzionamento Descrizione del funzionamento Laddomat 21 ha la funzione di......all accensione, fare raggiungere velocemente alla caldaia una temperatura di funzionamento elevata....durante il riempimento, preriscaldare

Dettagli

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 1 Premessa All interno del complesso degli interventi di efficientamento e nell ottica del

Dettagli

VIESMANN. Foglio dati tecnici. VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 6.5 a 35 kw. VITODENS 100-W modello WB1C

VIESMANN. Foglio dati tecnici. VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 6.5 a 35 kw. VITODENS 100-W modello WB1C VIESMANN VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 6.5 a 35 kw Foglio dati tecnici Articoli e prezzi: vedi listino prezzi VITODENS 100-W modello WB1C Caldaia murale a gas a condensazione con

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 1 Premessa All interno del complesso degli interventi di efficientamento e nell ottica del

Dettagli

Valvole miscelatrici a 3 vie a rotore

Valvole miscelatrici a 3 vie a rotore Z61 - Z62 Z61 - Z62 Valvole miscelatrici a 3 vie a rotore Corpi valvola a 3 vie a rotore per impianti di riscaldamento ad acqua calda. Queste valvole si possono installare sia come miscelatrici che come

Dettagli

VITODENS 100-E Caldaia murale a gas a condensazione per installazione ad incasso o a balcone da 7.9 a 26.0 kw

VITODENS 100-E Caldaia murale a gas a condensazione per installazione ad incasso o a balcone da 7.9 a 26.0 kw VITODENS 100-E Caldaia murale a gas a condensazione per installazione ad incasso o a balcone da 7.9 a 6.0 kw VITODENS 100-E Tipo AB1B Caldaia murale a gas a condensazione versione per installazione ad

Dettagli

NUOVI PRODOTTI LINEA RESIDENZIALE

NUOVI PRODOTTI LINEA RESIDENZIALE CALDAIA MODULARE A CONDENSAZIONE VANTAGGI ALTO CONTENUTO D ACQUA RISPETTO A CALDAIE MURALI E BASAMENTO A BASSO CONTENUTO Bassissimi carichi termici maggiore durata nel tempo Drastica riduzione cicli di

Dettagli

Pompe di circolazione

Pompe di circolazione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Pompe di circolazione

Dettagli

http://www.cabdileoncini.it/blog/caldaie-a-condensazione/ 17 aprile 2013

http://www.cabdileoncini.it/blog/caldaie-a-condensazione/ 17 aprile 2013 Le caldaie a condensazione sono caldaie in grado di ottenere rendimento termodinamico superiore al 100% del potere calorifico inferiore del combustibile utilizzato anziché sul potere calorifico superiore

Dettagli

Caldaie a condensazione murali IDRA CONDENS 4100

Caldaie a condensazione murali IDRA CONDENS 4100 Caldaie a condensazione murali IDRA CONDENS 4100 Caldaie a condensazione a gas **** CE Scambiatore in acciaio inox 316 a dissipazione radiale forzata Bruciatore a premiscelazione totale Potenza da 20 a

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli

alfea M Pompe di calore aria-acqua Riscaldamento e raffrescamento Potenza da 6 a 12 kw

alfea M Pompe di calore aria-acqua Riscaldamento e raffrescamento Potenza da 6 a 12 kw alfea M Riscaldamento e raffrescamento Potenza da 6 a kw CARATTERISTICHE La pompa di calore Alfea nasce dalla lunga tradizione del Gruppo Atlantic,di cui Ygnis fa parte, nello sfruttare le energie alternative

Dettagli

Impianti termotecnici: struttura fondamentale tipologie e criteri di scelta FORMAZIONE

Impianti termotecnici: struttura fondamentale tipologie e criteri di scelta FORMAZIONE FORMAZIONE Impianti termotecnici: struttura fondamentale tipologie e criteri di scelta di Mauro Cappello Prosegue con questo secondo articolo la pubblicazione del corso curato dall Ingegnere Mauro Cappello

Dettagli

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81 Miglioramenti Energetici Solare Termico Scolastico 2014-2015 81 Sostituzione Generatore di Calore Sostituzione adeguamento sistema di Distribuzione Sostituzione del sistema di emissione Installazione Solare

Dettagli

Aura FLC B. Possibilità di installazione in cascata

Aura FLC B. Possibilità di installazione in cascata Aura FLC B Generatore termico in acciaio a condensazione, funzionante anche in batteria (cascata certificata INAIL). Corpo caldaia in acciaio a sviluppo verticale a basso carico termico, grande contenuto

Dettagli

Lo scambiatore coassiale Questo è lo scambiatore coassiale che ho acquistato del costo di circa 100 euro + IVA:

Lo scambiatore coassiale Questo è lo scambiatore coassiale che ho acquistato del costo di circa 100 euro + IVA: Riscaldatore d acqua in pompa di calore Da diversi anni utilizzo pompe di calore aria/acqua per riscaldare acqua destinata ad impianti di riscaldamento a bassa temperatura o alla produzione di Acqua Calda

Dettagli

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE Gli oneri economici relativi al riscaldamento invernale e alla climatizzazione estiva di un edificio residenziale sono da considerarsi tra le componenti di spesa principali

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE 1 PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE Sono le perdite di carico (o di pressione) che un fluido, in moto attraverso un condotto, subisce a causa delle resistenze

Dettagli

Voci di capitolato. Generatore termofrigorifero EcoPower Accorroni mod. HPE/C 22

Voci di capitolato. Generatore termofrigorifero EcoPower Accorroni mod. HPE/C 22 Generatore termofrigorifero EcoPower Accorroni mod. HPE/C 22 Classificazione apparecchio: Pompa di calore monoblocco aria/acqua per installazione da esterno con integrato generatore termico a gas metano.

Dettagli

VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 9.0 a 35 kw

VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 9.0 a 35 kw VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 9.0 a 35 kw VITODENS 100-W Tipo WB1B Caldaia murale a gas a condensazione da 9.0 a 35.0 kw Per gas metano e gas liquido VTP 100-W WB1B 06/008 VTD

Dettagli

Tower GREEN Tower GREEN 28 B.S.I. 130 Tower GREEN Tower GREEN Tower GREEN TOP 28 B.S.I. 130

Tower GREEN Tower GREEN 28 B.S.I. 130 Tower GREEN Tower GREEN Tower GREEN TOP 28 B.S.I. 130 Tower Green Tower GREEN è una caldaia a basamento a condensazione equipaggiata di serie con bollitore da 137 litri e separatore idraulico. Nella versione Tower GREEN 28 B.S.I. 130 può gestire una zona

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE?

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? La pompa di calore è costituita da un circuito chiuso, percorso da uno speciale

Dettagli

Luna3 Comfort Max. Caldaie murali a gas con mini accumulo. Controllo remoto programmabile con termoregolazione. (secondo DL 311/06)

Luna3 Comfort Max. Caldaie murali a gas con mini accumulo. Controllo remoto programmabile con termoregolazione. (secondo DL 311/06) Luna3 Comfort Max Controllo remoto programmabile con termoregolazione m o d u l a n t e (secondo DL 311/6) D I S E R I E Caldaie murali a gas con mini accumulo Massime prestazioni in sanitario 15. lt d

Dettagli

ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento

ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento 66 ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento VANTAGGI E CARATTERISTICHE GENERALI PREDISPOSTA PER FUNZIONAMENTO INDIPENDENTE O IN CASCATA ARES Condensing 32 può essere

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Prof. Cinzia Buratti GENERALITA Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati

Dettagli

DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale

DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale Caldaia a condensazione a basamento con corpo in acciaio, camera di combustione in acciaio inossidabile Hoval UltraGas. Superfici di scambio secondarie

Dettagli

2. DESCRIZIONE IMPIANTO

2. DESCRIZIONE IMPIANTO INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Impianto di condizionamento... 2.2 Regolazione... 3 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELL IMPIANTO PROPOSTO 3.1 Tecnologia ad inverter... 3.2 Carica automatica del

Dettagli

L uso delle valvole termostatiche

L uso delle valvole termostatiche L uso delle valvole termostatiche Ing. LAURENT SOCAL Roma, 10 12 novembre 2011 1 12/11/2011 Incominciamo dall inizio Che cos è una valvola termostatica? E un regolatore di temperatura ambiente che agisce

Dettagli

LA CONDENSAZIONE LA CONDENSAZIONE CFP MANFREDINI ESTE (PD) Insegnante. Padovan Mirko 1

LA CONDENSAZIONE LA CONDENSAZIONE CFP MANFREDINI ESTE (PD) Insegnante. Padovan Mirko 1 POTERE CALORIFICO DEI COMBUSTIBILI Il potere calorifico è la quantità di calore prodotta dalla combustione completa di 1 m³ di combustibili gassosi. Generalmente i combustibili hanno un determinato quantitativo

Dettagli

Caldaie murali a condensazione. Prime HT

Caldaie murali a condensazione. Prime HT Caldaie murali a condensazione Prime HT I vantaggi della condensazione La tecnica della condensazione rappresenta sicuramente l innovazione più recente nel campo del riscaldamento e della produzione di

Dettagli

I generatori di calore

I generatori di calore Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl I generatori di calore Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Generatore di calore: macchina comprendente le

Dettagli

GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI. GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE

GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI. GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE MANUALE TECNICO GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE GREENOx/GREENOx.e/K A TRE GIRI DI FUMO DUAL GRX/DUAL

Dettagli

PARVA RECUPERA. Caldaie murali a condensazione pe r impia nti tradizionali

PARVA RECUPERA. Caldaie murali a condensazione pe r impia nti tradizionali PARVA RECUPERA Caldaie murali a condensazione pe r impia nti tradizionali CALDAIE MURALI PARVA RECUPERA Parva Recupera è la caldaia a condensazione pensata per gli impianti tradizionali e facilmente adattabile

Dettagli

IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO

IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO RACCOMANDAZIONI E consigliabile applicare schemi semplici e di provata efficacia e dotare il sistema di elementi utili a verificare il buon

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it SISTEMI DI GENERAZIONE Tipologie più diffuse o in sviluppo Generatori a combustione Caldaie

Dettagli

MISURE D INGOMBRO - COLLEGAMENTI IDRAULICI

MISURE D INGOMBRO - COLLEGAMENTI IDRAULICI La combustione che avviene nelle caldaie tradizionali é in grado di sfruttare, trasformandola in calore, solo una parte dell energia contenuta nel combustibile, mentre il resto viene disperso dal camino.

Dettagli

Caldaie a legna ad alta efficienza. Solo Innova

Caldaie a legna ad alta efficienza. Solo Innova Caldaie a legna ad alta efficienza Solo Innova Caldaie a legna L ampia proposta di prodotto Baxi, accoglie un articolata scelta di caldaie a legna per il comfort ed il riscaldamento domestico. Baxi infatti

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via San Zeno PROGETTO ESECUTIVO SOSTITUZIONE GENERATORE TERMICO

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via San Zeno PROGETTO ESECUTIVO SOSTITUZIONE GENERATORE TERMICO Ing. Paolo Silveri Via Valle Bresciana, 10 25127 Brescia Tel. 347.9932215 silveri.progea@gmail.com COMUNE di ODOLO Provincia di Brescia RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via

Dettagli

Una gamma completa. di serie fino a -15 C (modelli AG).

Una gamma completa. di serie fino a -15 C (modelli AG). Meteo Meteo è una gamma completa di caldaie specifiche per esterni. Gli elevati contenuti tecnologici ne esaltano al massimo le caratteristiche specifiche: dimensioni, pannello comandi remoto di serie,

Dettagli

BESST C.O.P. ~ 4,6 SERIE PECULIARITÀ. - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. con gas refrigerante ecologico R410A

BESST C.O.P. ~ 4,6 SERIE PECULIARITÀ. - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. con gas refrigerante ecologico R410A PECULIARITÀ - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. - Gas refrigerante ecologico R410A. - Rendimento C.O.P. 4,6. - Frequenza ridotta dei cicli di sbrinamento. - Regolazione automatica della velocità

Dettagli

ixincondens 25T/IT (M) (cod. 00916350)

ixincondens 25T/IT (M) (cod. 00916350) ixincondens 25T/IT (M) (cod. 00916350) Caldaie a condensazione, a camera stagna ad altissimo rendimento adatte per il riscaldamento (mod. T - C) e la produzione di acqua calda sanitaria (mod. C). Funzionamento

Dettagli

Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento

Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D AnnunzioD Annunzio Pescara www.lft.unich.it Pompe

Dettagli

Mynute Sinthesi Mynute Sinthesi

Mynute Sinthesi Mynute Sinthesi Mynute Sinthesi Mynute Sinthesi si presenta in una veste rinnovata, mantenendo inalterate tutte le caratteristiche che l hanno sempre contraddistinta. Mynute Sinthesi è l innovativa caldaia a condensazione

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Corpi scaldanti

IMPIANTI RISCALDAMENTO Corpi scaldanti Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Corpi scaldanti Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Il progetto di un impianto di riscaldamento

Dettagli

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL centopercento Made in Italy 1 Dati Tecnici Installazione, uso e manutenzione della caldaia combinata nella quale è possibile bruciare gasolio, gas

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. IV IMPIANTO RISCALDAMENTO DEI LOCALI DI ABITAZIONE

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. IV IMPIANTO RISCALDAMENTO DEI LOCALI DI ABITAZIONE Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. IV IMPIANTO RISCALDAMENTO DEI LOCALI DI ABITAZIONE Comfort Termico Un impianto di riscaldamento è un impianto termico per la produzione e

Dettagli

Caldaie a condensazione. Pro e contro. Vantaggi e possibilità tecniche d installazione. Ing. Marco VIEL Per. Ind. Alberto PORTA. ANACI - 17 marzo 2012

Caldaie a condensazione. Pro e contro. Vantaggi e possibilità tecniche d installazione. Ing. Marco VIEL Per. Ind. Alberto PORTA. ANACI - 17 marzo 2012 Caldaie a condensazione. Pro e contro. Vantaggi e possibilità tecniche d installazione. Ing. Marco VIEL Per. Ind. Alberto PORTA Impianto termico GENERAZIONE Gli impianti si suddividono in due grandi categorie:

Dettagli

Impianto in pompa di calore tipo splittata in caldo e freddo con integrazione solare e produzione di acqua calda sanitaria:

Impianto in pompa di calore tipo splittata in caldo e freddo con integrazione solare e produzione di acqua calda sanitaria: 41 Impianto in pompa di calore tipo splittata in caldo e freddo con integrazione solare e produzione di acqua calda sanitaria: 1- Unità esterna 8- Impianto per riscaldamento o raffrescamento 2- Unità interna

Dettagli

SUPER SIRIO Vip. Libretto istruzioni. Installatore Utente Tecnico. Caldaie a basamento con accumulo a camera aperta (tipo B) e tiraggio naturale

SUPER SIRIO Vip. Libretto istruzioni. Installatore Utente Tecnico. Caldaie a basamento con accumulo a camera aperta (tipo B) e tiraggio naturale SUPER SIRIO Vip Caldaie a basamento con accumulo a camera aperta (tipo B) e tiraggio naturale Libretto istruzioni Installatore Utente Tecnico 1. Pompa di circolazione. Le caldaie serie Super Sirio Vip

Dettagli

FUTURIA FLC B 70 (cod. 00922620)

FUTURIA FLC B 70 (cod. 00922620) FUTURIA FLC B 70 (cod. 00922620) Generatore termico in acciaio a condensazione, funzionante anche in batteria (cascata certificata INAIL). Corpo caldaia in acciaio a sviluppo verticale a basso carico termico,

Dettagli

RECUPERATORI DI CALORE PER ACQUA CALDA SANITARIA O ALTRI USI IN ACCIAIO INOX

RECUPERATORI DI CALORE PER ACQUA CALDA SANITARIA O ALTRI USI IN ACCIAIO INOX RECUPERATORI DI CALORE PER ACQUA CALDA SANITARIA O ALTRI USI IN ACCIAIO INOX Serie mod. da ø a ø MODELLI DISPONIBILI SOLO IN VERSIONE TRM u u u u SIGNIFICATO DELLE SIGLE IDENTIFICATIVE Recuperatore acqua

Dettagli

CENTRALI TERMICHE OSPEDALIERE

CENTRALI TERMICHE OSPEDALIERE CENTRALI TERMICHE OSPEDALIERE L EVOLUZIONE DEL FLUIDO TERMOVETTORE DA VAPORE AD ACQUA CALDA ESPERIENZE PRATICHE ing. Silvano Pippan Fluidi termovettori usualmente utilizzati: ACQUA CALDA ACQUA SURRISCALDATA

Dettagli

ixcondens 35C/IT (M) (cod. 00916340)

ixcondens 35C/IT (M) (cod. 00916340) ixcondens 35C/IT (M) (cod. 00916340) Caldaie a condensazione, a camera stagna ad altissimo rendimento adatte per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria. Corpo caldaia lamellare in alluminio

Dettagli

GRUPPI DI RILANCIO PER LA REGOLAZIONE TERMICA

GRUPPI DI RILANCIO PER LA REGOLAZIONE TERMICA ST.01.01.00 GRUPPI DI RILANCIO PER LA REGOLAZIONE TERMICA Art. 2170 Gruppo di rilancio completo di: - Valvola miscelatrice con servocomando a 3 punti - Circolatore a tre velocità - Valvole d intercettazione

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO: CRITERI DI PROGETTO

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO: CRITERI DI PROGETTO Impianti di Climatizzazione e Condizionamento IMPIANTI DI RISCALDAMENTO: CRITERI DI PROGETTO Prof. Cinzia Buratti ELEMENTI TERMINALI Hanno il compito di fornire all ambiente da riscaldare l energia termica

Dettagli

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25)

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) Sommario 1 DESCRIZIONE... 2 1.1 LIMITI VERSIONE DIMOSTRATIVA... 2 1.2 INSTALLAZIONE... 2 1.2.1 Installazione completa...2 1.2.2

Dettagli

FUTURIA SOLAR 180/25 (M) (cod. 00918170)

FUTURIA SOLAR 180/25 (M) (cod. 00918170) FUTURIA SOLAR 180/25 (M) (cod. 00918170) Caldaia a condensazione, a camera stagna ad altissimo rendimento adatta per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria in abbinamento ad un sistema

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034

AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 PROGETTO ESECUTIVO PER LA MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEI FABBRICATI SITI

Dettagli

RAPPORTI DI CONTROLLO

RAPPORTI DI CONTROLLO RAPPORTI DI CONTROLLO Allegato II (Art.2) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 ( gruppitermici ) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 (gruppi termici)... Cognome... me...

Dettagli

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA CHE COS È IL TELERISCALDAMENTO Gruppo Società Gas Rimini - SGR Servizi S.p.A. 47924 Rimini Via Chiabrera 34 b Tel. 0541 303030 Fax 0541 380344 e-mail

Dettagli

ixcondens 25C/IT (M) (cod. 00916330)

ixcondens 25C/IT (M) (cod. 00916330) ixcondens 25C/IT (M) (cod. 00916330) Caldaie a condensazione, a camera stagna ad altissimo rendimento adatte per il riscaldamento e per la produzione di acqua calda sanitaria. Corpo caldaia lamellare in

Dettagli

AVVERTENZE E SICUREZZE

AVVERTENZE E SICUREZZE AVVERTENZE E SICUREZZE SIMBOLI UTILIZZATI NEL SEGUENTE MANUALE ATTENZIONE: indica azioni alle quali è necessario porre particolare cautela ed attenzione PERICOLO: VIETATO: indica azioni pericolose per

Dettagli

Energie RINNOVABILI Gruppi Termici Ibridi

Energie RINNOVABILI Gruppi Termici Ibridi MADE IN ITALY Energie RINNOVABILI Gruppi Termici Ibridi solare termico SOLARdens aerotermico pompe di calore HPdens SOLARfryo geotermico GEOsolar UN REFERENTE E TANTE SOLUZIONI INTEGRATE PER LE ENERGIE

Dettagli

VITOPEND 100-W Caldaia murale a gas tradizionale ad elevato comfort sanitario con produzione d acqua calda integrata da 10.

VITOPEND 100-W Caldaia murale a gas tradizionale ad elevato comfort sanitario con produzione d acqua calda integrata da 10. VITOPEND 00W Caldaia murale a gas tradizionale ad elevato comfort sanitario con produzione d acqua calda integrata da 0.5 a 3 VITOPEND 00W Tipo WHKB Caldaia murale a gas ad elevato comfort sanitario nella

Dettagli

CAPITOLO 5 IDRAULICA

CAPITOLO 5 IDRAULICA CAPITOLO 5 IDRAULICA Cap. 5 1 FLUIDODINAMICA STUDIA I FLUIDI, IL LORO EQUILIBRIO E IL LORO MOVIMENTO FLUIDO CORPO MATERIALE CHE, A CAUSA DELLA ELEVATA MOBILITA' DELLE PARTICELLE CHE LO COMPONGONO, PUO'

Dettagli

Impianti di propulsione navale

Impianti di propulsione navale Il circuito combustibile del motore comprende in realtà tre circuiti, precisamente: Circuito imbarco e travaso che provvede: All imbarco da terra o da bettoline del combustibile e a smistarlo nelle casse

Dettagli

ROTEX Full Condens I vantaggi della condensazione in riscaldamento e produzione acqua calda sanitaria.

ROTEX Full Condens I vantaggi della condensazione in riscaldamento e produzione acqua calda sanitaria. SEMPLICEMENTE EFFICIENTE ROTEX Full Condens I vantaggi della condensazione in riscaldamento e produzione acqua calda sanitaria. NUOVE CALDAIE MURALI A CONDENSAZIONE DI ROTEX Scambiatore aria/fumi in alluminio

Dettagli

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL &DOGDLHDFRQGHQVD]LRQH 'HVFUL]LRQHGHOODWHFQRORJLD Le caldaie sono il cuore degli impianti di riscaldamento dato che realizzano il processo di combustione da cui si ricava l energia termica necessaria per

Dettagli

Motori e cicli termodinamici

Motori e cicli termodinamici Motori e cicli termodinamici 1. Motore a scoppio 2. Motore diesel 3. Frigoriferi 4. Centrali elettriche XXII - 0 Trasformazioni Trasformazioni reversibili (quasistatiche: Ciascun passo della trasformazione

Dettagli

Impianto di Sollevamento Acqua

Impianto di Sollevamento Acqua CORSO DI FISICA TECNICA e SISTEMI ENERGETICI Esercitazione 3 Proff. P. Silva e G. Valenti - A.A. 2009/2010 Impianto di Sollevamento Acqua Dimensionare un impianto di sollevamento acqua in grado di soddisfare

Dettagli

50 - IMPIANTI DI RISCALDAMENTO

50 - IMPIANTI DI RISCALDAMENTO pag. 1 50 - IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Nr. 1 S50.A05.010 Nr. 2 S50.A05.020 Nr. 3 S50.A05.030 Impianto riscaldamento a raatori - quota fissa per ciascuna caldaia Impianto riscaldamento a raatori per unita'

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA...IMPIANTI TERMOTECNICI... A.S. 2012/2013 di dipartimento individuale del/i docente/i...... per la/e classe/i 4^ TSE 1) PREREQUISITI Saper eseguire dei semplici calcoli matematici. Saper invertire

Dettagli

CONDENSING. EOLO Extra kw HP. Caldaia murale a condensazione per impianti ad alta temperatura

CONDENSING. EOLO Extra kw HP. Caldaia murale a condensazione per impianti ad alta temperatura CONDENSING EOLO Extra kw HP Caldaia murale a condensazione per impianti ad alta temperatura VANTAGGI EOLO Extra kw HP Caldaia murale a condensazione progettata per impianti ad alta temperatura Il continuo

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13 1 Paros HM Guida al capitolato Paros HM C.S.I. caldaia

Dettagli

ESTER T 32 MS DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI E DIMA COMPONENTI CALDAIA

ESTER T 32 MS DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI E DIMA COMPONENTI CALDAIA Generatore termico progettato per essere installato all esterno anche a cielo aperto. In particolar modo può essere ubicato su terrazze e balconi senza necessità di protezione dagli agenti atmosferici

Dettagli

CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1

CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1 CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1 Caldaia a condensazione 06/05/2008 2 Lo scambio termico è tale da raffreddare i fumi ben oltre il loro punto di rugiada (t = 55 C in eccesso

Dettagli

Gruppi termici a condensazione con integrazione solare PRIME SOLAR

Gruppi termici a condensazione con integrazione solare PRIME SOLAR Gruppi termici a condensazione con integrazione solare PRIME SOLAR PR Imperativo Risparmio Energetico La principale voce di spesa di un abitazione è relativa alla climatizzazione invernale. I consumi energetici

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 215-1:1990 31/03/1990 Valvole termostatiche per radiatori. Requisiti e metodi di prova. UNI EN 255-1:1998 31/10/1998 Condizionatori, refrigeratori di liquido e pompe di calore con compressore elettrico

Dettagli

I VANTAGGI DELLA VARIAZIONE DI VELOCITA NEGLI IMPIANTI DI POMPAGGIO E VENTILAZIONE. Stefano PANI

I VANTAGGI DELLA VARIAZIONE DI VELOCITA NEGLI IMPIANTI DI POMPAGGIO E VENTILAZIONE. Stefano PANI I VANTAGGI DELLA VARIAZIONE DI VELOCITA NEGLI IMPIANTI DI POMPAGGIO E VENTILAZIONE c/o Schneider Electric S.p.A. Via Orbetello 140 10148 TORINO Stefano PANI Sommario 1. Consumo d elettricità 2. Il motore

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

thermofon Il termosifone del futuro

thermofon Il termosifone del futuro thermofon Il termosifone del futuro Che cos è thermofon? L energia è il banco di prova delle nostre capacità di progettare il futuro. Anche per il riscaldamento della nostra casa si pensano soluzioni di

Dettagli

EOLO Extra kw HP Pensile a condensazione con recuperatore di calore, per impianti ad alta temperatura. Pre Sales Dept.

EOLO Extra kw HP Pensile a condensazione con recuperatore di calore, per impianti ad alta temperatura. Pre Sales Dept. EOLO Extra kw HP Pensile a condensazione con recuperatore di calore, per impianti ad alta temperatura Nuovi modelli Immergas amplia la propria gamma di caldaie a condensazione con le versioni EOLO Extra

Dettagli

Il Conto Termico per il solare

Il Conto Termico per il solare Il Conto Termico per il solare CONTO TERMICO INSTALLAZIONE DI SISTEMI SOLARI TERMICI Opportunità: Completare sistemi HPSU/GSU/GCU esistenti installando in abbinamento un sistema solare termico NOTA: in

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Sistemi di distribuzione/emissione. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Sistemi di distribuzione/emissione. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Sistemi di distribuzione/emissione Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono

Dettagli

NIKE Maior @ CARATTERISTICHE. Cod. S.0044 Rev. 000/2000-07 Pensili istantanee

NIKE Maior @ CARATTERISTICHE. Cod. S.0044 Rev. 000/2000-07 Pensili istantanee Nike Maior @ è la serie di caldaie pensili a camera aperta e tiraggio naturale caratterizzata dall'elegante e raffinata linea estetica conferitagli dal moderno design. Sono disponibili due modelli combinati

Dettagli

Accessori a richiesta

Accessori a richiesta HOME COMPANY PROFILE SERVICE INFORMANDO ACCESSORI CATALOGO RICAMBI PARTNERS NEWS FIERE EXPORT CONTATTACI NEWSLETTER IXCONDENS C ''ISTANTANEA'' Catalogo ricambi Elenco libretti Elenco certificati CE Elenco

Dettagli

POMPE DI CALORE. Introduzione

POMPE DI CALORE. Introduzione POMPE DI CALORE Introduzione In impianto tradizionale di riscaldamento si utilizza il potere calorifico di un combustibile (gasolio, metano, legno, carbone, ecc.) per riscaldare a bassa temperatura dei

Dettagli