IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE TECNICA SOMMARIO 1 GENERALITÀ CRITERI PROGETTUALI NORMATIVE E DISPOSIZIONI LEGISLATIVE...

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE TECNICA SOMMARIO 1 GENERALITÀ... 1 2 CRITERI PROGETTUALI... 1 3 NORMATIVE E DISPOSIZIONI LEGISLATIVE..."

Transcript

1

2 SOMMARIO 1 GENERALITÀ CRITERI PROGETTUALI NORMATIVE E DISPOSIZIONI LEGISLATIVE INPUT DI PROGETTO DATI CLIMATICI FLUIDI TERMOVETTORI UTILIZZATI RETI DI DISTRIBUZIONE DELL ARIA E DELL ACQUA CONDIZIONI INTERNE E TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE ADOTTATE LIVELLI DI RUMOROSITÀ MOVIMENTO DELL ARIA DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE ED ESTIVA IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A PANNELLI RADIANTI E VENTILCONVETTORI SOTTOCENTRALE TECNOLOGICA IMPIANTO DI VENTILAZIONE MECCANICA E DEUMIDIFICAZIONE DESCRIZIONE DELL IMPIANTO DI VENTILAZIONE MECCANICA E DEUMIDIFICAZIONE IMPIANTO DI ESTRAZIONE ARIA DAI LOCALI WC METODO DI DIMENSIONAMENTO UTILIZZATO IMPIANTO DI ADDUZIONE ACQUA CALDA E FREDDA SANITARIA IMPIANTO ANTINCENDIO SISTEMI DI SICUREZZA ANTINCENDIO ATTIVI SISTEMI DI SICUREZZA ANTINCENDIO PASSIVI... 11

3 1 GENERALITÀ La presente relazione illustra gli impianti meccanici del nuovo edificio destinato a centro servizi per l impresa e da realizzarsi a Maniago sull area retrostante il municipio. Tali impianti consistono in Impianto di riscaldamento e raffrescamento a pavimento; Impianto di ventilazione meccanica controllata e deumidificazione con integrazione estiva; Impianto di adduzione acqua calda e fredda sanitaria. 2 CRITERI PROGETTUALI La scelta della tipologia degli impianti di climatizzazione è stata effettuata nel rispetto della garanzia delle condizioni di benessere fisiologico nei vari locali ed ottimizzazione dei costi di investimento e di gestione, in funzione delle caratteristiche degli ambienti serviti. 3 NORMATIVE E DISPOSIZIONI LEGISLATIVE Gli impianti meccanici di cui al presente progetto, sono stati progettati e saranno realizzati nel rispetto delle normative tecniche e delle disposizioni legislative vigenti in materia. Di seguito si riporta, a titolo indicativo e non esaustivo, un elenco di tali norme e leggi che si intende ampliato alle integrazioni e modificazioni delle disposizioni legislative citate e non citate. Impianti termici ed idrici Legge n 10/91 Norme per l attuazione del Piano Energetico Nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia ; D.L. 192 del 19/08/05 in recepimento della direttiva CE 2002/91 pubblicato in G.U n 241del 15/10/05; D.L. 311 del 29/12/06 Disposizioni correttive ed integrative al decreto legislativo 19 agosto 2005 n 192, recante attuazione della direttiva 2002/91/CE, relativa al rendimento energetico in edilizia ; D.P.R. n 412/93 Regolamento recante norme per la progettazione, l installazione, l esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini del contenimento dei consumi di energia, in attuazione dell art. 4, comma 4, legge 9 gennaio n 10 ; D.P.R 2 Aprile 2009 n 59 Regolamento di attuazione dell'articolo 4, comma 1, lettere a) eb), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n 192, concernente attuazione della direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizia; D.M. 26/06/2015 Applicazione delle metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche e definizione delle prescrizioni e dei requisiti minimi degli edifici ; 1

4 D.P.R 14/01/97 Circolare del Ministero LL.PP n del 1974; D.P.R n 551 del 21/12/99; Legge n Norme per la sicurezza degli impianti e relativo regolamento di attuazione; UNI 10339, "Impianti aeraulici a fini di benessere. Generalità, classificazione e requisiti. Regole per la richiesta d offerta, l offerta, l ordine e la fornitura ; UNI TS Determinazione del fabbisogno di energia termica per la climatizzazione estiva ed invernale ; UNI TS Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione invernale e la produzione di acqua calda sanitaria UNI TS Utilizzo di energie rinnovabili e di altri metodi di generazione per la climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria. UNI 10349, Riscaldamento e raffrescamento degli edifici. Dati climatici ; UNI 8199 Acustica - Collaudo acustico degli impianti di climatizzazione e ventilazione Linee guida contrattuali e modalità di misurazione ; Legge n 615/66 e successive integrazioni e modifiche; DPR 22 dicembre 1970 n 1391 Regolamento di esecuzione della legge n 615/66 ; D.M. 6 febbraio 1982 Modificazione del D.M. 27 settembre 1965, concernente la determinazione delle attività soggette alla visite di prevenzione incendi ; D.M. 22 febbraio 2006 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici ; Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 1 marzo 1991 Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell ambiente esterno ; D.M. 26 giugno 1984 Classificazione di reazione al fuoco ed omologazione dei materiali ai fini della prevenzione incendi ; UNI Apparecchiature antincendio - Dispositivi di azionamento di sicurezza per serrande tagliafuoco Prescrizioni ; Norme CEI per gli impianti ed i componenti elettrici; D.M. n 443/90 per il trattamento delle acque destinate ai consumi civili; Regolamento edilizio Comune di Maniago; D.M. 31 marzo 2003 Requisiti di reazione al fuoco dei materiali costituenti le condotte di distribuzione e ripresa dell'aria degli impianti di condizionamento e ventilazione ; D. M. 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro ; UNI EN Installazioni fisse antincendio - Sistemi automatici a sprinkler - Progettazione, installazione e manutenzione ; UNI Reti di idranti. Progettazione, installazione ed esercizio ; D.M. 10/03/98. Materiali e componenti distribuiti degli impianti meccanici 2

5 Tutti i materiali, le apparecchiature e i dispositivi utilizzati per la realizzazione degli impianti meccanici saranno rispondenti alle normative vigenti in merito alla qualificazione dei materiali e dei sistemi di produzione (UNI, UNI-CIG, UNI-CTI, IMQ, CE, ecc.). Tubazioni per reti in pressione Tubazioni in acciaio tubi senza saldatura, in acciaio non legato, secondo UNI serie leggera e media; tubi senza saldatura di acciaio per impieghi a pressione - condizioni tecniche di fornitura - tubi di acciaio non legato per impieghi a temperatura ambiente secondo UNI EN ; tubi senza saldatura di acciaio per impieghi a pressione - condizioni tecniche di fornitura - tubi di acciaio non legato e legato per impieghi a temperatura elevata secondo UNI EN ; tubi senza saldatura di acciaio per impieghi a pressione - condizioni tecniche di fornitura - tubi di acciaio legato a grano fine secondo UNI EN ; tubi senza saldatura di acciaio per impieghi a pressione - condizioni tecniche di fornitura - tubi di acciaio non legato e legato per impieghi a bassa temperatura secondo UNI EN ; tubi e raccordi di acciaio non legato per il trasporto di liquidi acquosi inclusa l'acqua per il consumo umano - condizioni tecniche di fornitura secondo UNI EN Tubazioni in rame tubi in rame, senza saldatura, secondo UNI EN 1057, tipo ricotto in rotoli e crudo in verghe. Diametri, spessori e masse conformi alla serie B (pesante). Tubazioni in materiale plastico tubi secondo UNI EN :2001; raccordi secondo UNI :2001; tubi in PEAD secondo UNI EN :2004, UNI EN :2004 raccordi secondo UNI EN :2004; tubi in PEBD secondo UNI 7990-PE 32. Valvolame UNI 6884, Valvole di intercettazione e regolazione di fluidi. Condizioni tecniche di fornitura e collaudo ; UNI EN :2001, Valvole per la fornitura di acqua - Requisiti di attitudine all'impiego e prove idonee di verifica Requisiti generali UNI 8858, Valvole a sfera di leghe di rame per impieghi in impianti di riscaldamento. Prescrizioni e prove ; UNI 9021, Valvole a saracinesca di leghe di rame per impianti di riscaldamento. Requisiti e prove. Canali 3

6 UNI EN ISO 1460, Rivestimenti metallici. Rivestimenti su materiali ferrosi per immersione a caldo. Determinazione gravimetrica della massa per unità di area. ; UNI EN 10327:2004, Lamiere e nastri di acciaio a basso tenore di carbonio, zincati a caldo in continuo, per formatura a freddo - Condizioni tecniche di fornitura ; UNI EN 10326:2004, Lamiere e nastri di acciaio per impieghi strutturali, zincati per immersione a caldo in continuo - Condizioni tecniche di fornitura ; UNI EN 12237:2004, Ventilazione degli edifici - Reti delle condotte - Resistenza e tenuta delle condotte circolari di lamiera metallica. Isolamenti per tubazioni, canali, serbatoi e valvole D.M. 26 giugno 1984 Classificazione di reazione al fuoco ed omologazione dei materiali ai fini della prevenzione incendi ; Legge n 10/91 Norme per l attuazione del F.E.N in materia di risparmio energetico ; D.P.R. 26 agosto 1993 n 412 Regolamento di attuazione della Legge 9 Gennaio 1991 n 10 - Articolo 4, comma 4; D.P.R n 551 del 21/12/99; Norma UNI 6665 Superfici coibentate - Metodi di misurazione ; Norma UNI 8804 Isolanti termici - Criteri di campionamento e di accettazione dei lotti. 4 INPUT DI PROGETTO In questo paragrafo vengono riportati i principali input su cui è stato basato il dimensionamento e sul cui rispetto e sulla cui conformità sono definite le prestazioni degli impianti. 4.1 DATI CLIMATICI Gradi giorno (della zona d'insediamento, determinati in base al DPR 412/93) GG: Temperatura minima di progetto (dell'aria esterna secondo norma UNI 5364 e successivi aggiornamenti) C: -6,46 Temperatura massima estiva di progetto dell'aria esterna secondo norma C: 31,54 Altezza s.l.m. m: 283 Zona climatica: E Il carico termico viene calcolato in funzione delle esposizioni dei vari ambienti e dell'andamento temporale delle condizioni climatiche esterne (temperatura aria esterna, radiazione solare), tenendo conto delle variabili interne ed esterne. 4.2 FLUIDI TERMOVETTORI UTILIZZATI Il fluido termovettore utilizzato è l acqua che avrà diverse temperature di mandata, e quindi ritorno, in funzione del circuito. Infatti, sono previsti due circuiti principali per il riscaldamento: uno in alta e uno in bassa temperatura. Ci sarà inoltre un circuito per il raffrecamento. 4

7 Circuito in alta temperatura T mandata = 70 C T ritorno = 60 C Circuito in bassa temperatura T mandata = 40 C T ritorno = 35 C Acqua refrigerata T mandata = 15 C T ritorno = 20 C 4.3 RETI DI DISTRIBUZIONE DELL ARIA E DELL ACQUA Il dimensionamento delle canalizzazioni sia di mandata che di ripresa e delle tubazioni dei circuiti chiusi sarà effettuato rispettando i seguenti limiti massimi di velocità e perdite di carico per unità di lunghezza, derivati sia dalle normative vigenti che dalle buone regole dell arte. Velocità massime nei canali d aria 5,0 m/s per le canalizzazioni principali di mandata in centrale o in cavedio; 4,5 m/s per le canalizzazioni principali di mandata in controsoffitto; 3,5 m/s per le canalizzazioni terminali di mandata in controsoffitto; 5,0 m/s per le canalizzazioni principali di ripresa in centrale o in cavedio; 4,5 m/s per le canalizzazioni principali di ripresa in controsoffitto; 3,5 m/s per le canalizzazioni terminali di ripresa in controsoffitto; 2,5 m/s sulle sezioni di uscita dei diffusori e delle bocchette di mandata; m/s sulle sezioni delle griglie di ripresa, di presa aria esterna e di espulsione; 1,5 m/s sulle griglie transfert. Velocità massime dell acqua calda m/s per le tubazioni principali; 1,2 m/s per le tubazioni secondarie. Perdite di carico massime nelle canalizzazioni: 0,8 Pa/m per le canalizzazioni di distribuzione e ripresa dell aria a bassa velocità; Perdite di carico massime nei circuiti idraulici chiusi: 250 Pa/m per le tubazioni principali dell acqua calda di riscaldamento; 5

8 200 Pa/m per le tubazioni secondarie dell acqua calda di riscaldamento; 200 Pa/m per le tubazioni principali e secondarie dell acqua refrigerata. 4.4 CONDIZIONI INTERNE E TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE ADOTTATE Sale riunioni e aule didattiche Temperatura interna invernale: 20 C Temperatura interna estiva: 26 C Umidità relativa invernale: non controllata Umidità relativa estiva: non controllata Tipo impianto: ventilconvettori Ventilazione: meccanica controllata Portata di rinnovo: 39,6 m 3 /h persona Uffici Temperatura interna invernale: 20 C Temperatura interna estiva: 26 C Umidità relativa invernale: non controllata Umidità relativa estiva: controllata 50% Tipo impianto: pannelli radianti Ventilazione: meccanica controllata con deumidificazione ed integrazione estiva Portata di rinnovo: 39,6 m 3 /h persona Vano scale e servizi igienici Temperatura interna invernale: 20 C Temperatura interna estiva: 26 C Umidità relativa invernale: non controllata Umidità relativa estiva: non controllata Tipo impianto: ventilconvettori Ventilazione: naturale Archivio Temperatura interna invernale: 18 C Temperatura interna estiva: 26 C Umidità relativa invernale: non controllata Umidità relativa estiva: non controllata Tipo impianto: ventilconvettori Ventilazione: naturale 6

9 4.5 LIVELLI DI RUMOROSITÀ Per tutte le tipologie impiantistiche viene rispettato quanto disposto dalla legislazione vigente, tra cui il D.P.C.M. 5/12/ MOVIMENTO DELL ARIA La distribuzione dell aria negli ambienti viene regolata in modo da garantire che il flusso di aria immesso si misceli convenientemente con l aria ambiente in tutto il volume convenzionale occupato, nel rispetto delle prescrizione riportate nella norma UNI punto ed appendice C. 5 DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE ED ESTIVA 5.1 IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A PANNELLI RADIANTI E VENTILCONVETTORI Gli uffici e le sale d attesa saranno dotate di impianto di climatizzazione a pannelli radianti a pavimento per il riscaldamento invernale e il raffrescamento estivo. I pannelli saranno comandati da valvole elettrotermiche installare sui collettori di alimentazione. Il passo delle tubazioni pari a 10 cm è stato selezionato per garantire un adeguata copertura dal fabbisogno estivo. In regime di raffrescamento, è prevista l integrazione estiva, in caso di richiesta, al deumidificatore abbinato all impianto di ventilazione meccanica controllata. Tutti gli altri ambienti saranno climatizzati per mezzo di ventilconvettori sia in regime invernale che estivo. I terminali saranno comandati da valvole elettrotermiche installare sui collettori di alimentazione. 5.2 SOTTOCENTRALE TECNOLOGICA La generazione del calore per la climatizzazione e l integrazione dell acqua calda sanitaria prodotta dai pannelli solari termici, sarà realizzata in una centrale tecnologica esterno al fabbricato e che servirà, oltre all edificio in progetto anche il municipio e l edificio del giudice di pace. Tale centrale tecnologica sarà dotata di una caldaia a condensazione del tipo Viessmann Vitocrossal 300 con bruciatore WEISHAUPT WG40 e di una pompa di calore Aermec NRL 0350 HL. Dal collettore della centrale termica partiranno i circuiti che serviranno gli edifici suddetti. Nell edificio in progetto sarà realizzata una sottocentrale termica al piano terra in cui sarà collocato un collettore primario, a monte del quale sarà installato un separatore idraulico, da cui si dirameranno i seguenti circuiti: circuito alta temperatura; circuito bassa temperatura; circuito per i deumidificatori; circuito per integrazione all accumulo del solare termico. Ogni circuito sarà dotato di pompe di circolazione, giunti antivibranti e valvole di intercettazione, oltre che termometro e manometro. 7

10 In ogni piano e per ogni zona, si dirameranno i circuiti che andranno ai collettori di zona e quindi ai terminali di erogazione. Nel medesimo locale tecnico al piano terra sarà installato l accumulo del solare termico, da cui partirà la distribuzione dell acqua calda sanitaria, e il relativo gruppo di circolazione e regolazione. L accumulo da 600 l sarà del tipo a doppio serpentino con integrazione elettrica per la stagione estiva e integrazione dalla centrale termica centralizzata per la stagione invernale. Nella sottocentrale termica è installato un sistema di trattamento dell acqua per mezzo di filtrazione, addolcimento e stabilizzazione. In accordo con le Linee guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi, al fine di scongiurare il rischio di colonizzazione e crescita di Legionella si dovrà mantenere la temperatura di distribuzione dell acqua al di sopra di 50 C. Per ottenere questo è stata prevista una rete di ricircolo dimensionata sulla base di questo parametro. Inoltre la temperatura dell acqua nel serbatoio di accumulo non dovrà scendere sotto i 60 C. Qualora si evidenziasse il rischio di ustioni dovranno essere prese adeguate precauzioni per minimizzare tale rischio, ad esempio mediante l installazione di opportune tutele quali ad esempio le valvole termiche che dovranno essere installate quanto più vicine al punto d uso. 6 IMPIANTO DI VENTILAZIONE MECCANICA E DEUMIDIFICAZIONE I requisiti generali per la progettazione dell impianto di ventilazione meccanica che sono stati rispettati hanno riguardato la realizzazione e il mantenimento simultaneo negli ambienti delle condizioni di qualità e movimento dell'aria entro i limiti richiesti per il benessere delle persone, e in particolare: un'immissione d'aria esterna pari o maggiore ai valori minimi secondo normativa; una filtrazione minima convenzionale dell'aria tramite impiego di filtri di classe appropriata secondo le indicazioni della normativa ; una movimentazione dell'aria con velocità comprese entro i limiti fissati dalle norme. 6.1 DESCRIZIONE DELL IMPIANTO DI VENTILAZIONE MECCANICA E DEUMIDIFICAZIONE L impianto in oggetto è stato progettato in modo tale da garantire autonomia funzionale alle diverse zone dell edificio. In particolare ognuna di queste zona sarà servita da un impianto autonomo di ventilazione e deumidificazione. Le zone in questione sono le seguenti: zona 1: piano terra; zona 2: primo piano sinistra; zona 3: primo piano destra; zona 4: secondo piano. Ogni impianto autonomo è costituito dai seguenti elementi: unità di recupero calore con funzione di rinnovo ; 8

11 deumidificatore con funzionalità di integrazione potenza sensibile estiva; canalizzazione in lamiera zincata, opportunamente isolate; bocchette e diffusori di mandata; griglie e bocchette di ripresa; canali di presa d aria esterna e espulsione. Le unità di recupero calore hanno un rendimento minimo del 59% e sono previste in accoppiamento con le unita di deumidificazione. E previsto, quindi, sia ricircolo che rinnovo. Le portate delle unità di recupero calore e dei deumidificatori hanno la stessa portata. In particolare per le diverse zone: zona 1: 700 m 3 /h; zona 2: 700 m 3 /h; zona 3: 1000 m 3 /h; zona 4: 1000 m 3 /h. L aria verrà trattata per mezzo di filtro in materiale di fibra sintetica, classe G3 (EN 779:2002). Le canalizzazioni in lamiera zincata e isolate avranno sezione rettangolare e nella scelta delle dimensioni è stata considerata la disponibilità dello spazio libero a controsoffitto. Il collegamento dalle canalizzazioni ai diffusori e bocchette di mandata e alle griglie e bocchette di ripresa, sono previsti in tubo flessibile, al fine di agevolare le operazioni di messa in opera, considerato anche lo spazio limitato disponibile tra il controsoffitto e il solaio strutturale. La lunghezza del tubo flessibile sarà sempre inferiore a 1 m. I diffusori e le bocchette di mandata sono del tipo a controsoffitto, così come le griglie e bocchette di ripresa, ad esclusione dei tratti terminali dell impianto di ventilazione presente al secondo piano. Questi infatti sono realizzati con tubazioni a vista a sezione circolare e bocchette di mandata e ripresa installate direttamente sul condotto. In ogni ambiente ventilato sarà installato un termoumidostato collegato al sistema di gestione centralizzata delle condizioni termoigrometriche indoor e quindi all unità di deumidificazione. La presa d aria dall esterno è prevista in copertura così come l espulsione dell aria verso l esterno. Le quote in copertura di presa e espulsione saranno diversi e tali da evitare il corto circuito, cioè almeno 60 cm. 6.2 IMPIANTO DI ESTRAZIONE ARIA DAI LOCALI WC Tale impianto, sarà indipendente rispetto a quello di rinnovo e deumidificazione e sarà realizzato tramite aspiratori posti nei servizi igienici di ogni piano dell edificio e collegati a una tubazione con sbocco in copertura. Gli aspiratori dovranno garantire un estrazione di 8 vol/h. 6.3 METODO DI DIMENSIONAMENTO UTILIZZATO Il dimensionamento delle canalizzazioni è stato effettuato secondo il metodo della perdita di carico costante, tra i più affidabili ed utilizzati, rispettando i limiti massimi di velocità imposti dalle norme e dalla 9

12 buona regola dell arte. Nel caso in esame, considerando che la destinazione d uso prevalente dell edificio è uffici, le velocità massime previste sono le seguenti: 5 m/s per le canalizzazioni principali di mandata; 5 m/s per le canalizzazioni principali di ripresa; ad esclusione dell impianto presente al piano terra per il quale sono stati fissati 4 m/s. Il metodo di dimensionamento scelto, porta alla riduzione automatica della velocità verso gli elementi terminali della distribuzione, in modo tale da ridurre o eliminare l autogenerazione del rumore legata all alta velocità del fluido. Esso si suddivide in diverse fasi: 1. definizione del percorso e della portata di ogni bocchetta/diffusore; 2. definire la velocità dell aria nel primo tratto; 3. determinare il valore della perdita di carico lineare del primo tratto in funzione della velocità e della portata ; 4. determinare il diametro equivalente o la sezione rettangolare del primo tratto; 5. scegliere le sezioni dei tratti successivi al primo, in modo tale da mantenere constante il valore della perdita di carico lineare; 6. verificare che la prevalenza del ventilatore vinca le perdite di carico del ramo o tronco più sfavorito; 7. verificare il bilanciamento dell impianto. 7 IMPIANTO DI ADDUZIONE ACQUA CALDA E FREDDA SANITARIA La progettazione delle reti di distribuzione terrà conto delle direttive tecniche che suggeriscono una velocità di scorrimento dell acqua all interno della rete di distribuzione compresa tra 1 m/s e 2 m/s, al fine di ridurre i fenomeni di rumorosità dei fluidi in movimento all interno delle tubazioni. Per il dimensionamento delle reti di distribuzione dell acqua calda, fredda e di ricircolo si è fatto riferimento alla norme tecniche vigenti e alla buona pratica progettuale. La distribuzione principale dell acqua fredda potabile, dell acqua calda sanitaria, dell acqua preriscaldata dal circuito solare e dell acqua di ricircolo sarà realizzata con tubazioni in acciaio zincato, complete di coibentazione in guaina di classe 1 di resistenza al fuoco (a cellule chiuse per l acqua fredda con funzione anticondensa). Gli spessori del rivestimento delle tubazioni dell acqua calda e di quella di ricircolo saranno conformi alla tabella B del D.P.R. del 26/08/93 n 412. Le tubazioni passanti all esterno in posizione interrata saranno realizzate in polietilene ad alta densità adeguatamente isolato. l collegamenti dai montanti verticali di distribuzione dell acqua ai collettori e gli stacchi dal collettore ai singoli apparecchi saranno realizzati in tubazione multistrato. Per i servizi igienici, sono previsti: derivazioni interne in tubo multistrato dal collettore; 10

13 rivestimento delle suddette tubazioni di acqua calda e fredda con guaina isolante in materiale sintetico espanso classificato autoestinguente, con spessore dell'isolante a norma di legge; raccordi per il collegamento ai vari sanitari. 8 IMPIANTO ANTINCENDIO 8.1 SISTEMI DI SICUREZZA ANTINCENDIO ATTIVI In questo progetto non si prevede l installazione di un impianto idrico antincendio ma solo la predisposizione per una futura installazione dello stesso, tramite uno stacco dalla rete di fornitura dell acqua. Infatti, poiché l impianto servirà un edificio destinato a uffici con un numero di presenze inferiore a 100, il DM 22/02/2006 non prevede impianti di spegnimento automatico. Inoltre, l archivio presente nell edificio non avrà carico d incendio superiore a 60 kg/m 2 per cui, anche in questo caso, ai sensi del medesimo decreto, non è prevista la realizzazione di un impianto di spegnimento automatico. 8.2 SISTEMI DI SICUREZZA ANTINCENDIO PASSIVI In tutti i locali oggetto della presente progettazione (compresi i controsoffitti) sono previsti rilevatori di fumo in numero adeguato. Essi sono collegati ad una centralina e consentono una rilevazione di fumi continua nell arco delle ventiquattro ore; in caso di emergenza inseriscono in automatico, gli sganciatori automatici delle porte REI dotate di tale meccanismo e spengono i ventilatori di mandata e di estrazione dei recuperatori di calore. L allarme è contemporaneamente inviato alla centrale di controllo per l attivazione delle operazioni di emergenza da parte del personale specializzato. I percorsi di esodo, le scale e le uscite di sicurezza sono segnalati ed illuminati, in caso di necessità, con lampade di sicurezza autoalimentate. Gli estintori, affissi a parete per mezzo di appositi ganci, saranno installati in modo tale che la distanza che una persona deve percorrere per utilizzarli non sia superiore a 25 m ed in ragione di almeno uno ogni 100 mq di pavimento. Avranno carica minima pari a 6 kg e capacità estinguente non minore di 34A-144B- C. 11

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati IMPIANTO TERMICO 1. Impianto termico La presente relazione riguarda il dimensionamento dell impianto termico a servizio dell edificio in progetto da adibire struttura a servizio del Comune di Orbassano

Dettagli

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO INDICE 1 GENERALITÀ...2 1.1 Oggetto della relazione...2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 2.1 Impianto di riscaldamento...3 2.2 Impianto idrico-sanitario...5 2.3 Impianto antincendio...5 2.4 Impianto di scarico...6

Dettagli

INDICE. 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE. 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4

INDICE. 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE. 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4 INDICE 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4 2.2 - trattamento acqua di consumo e produzione acqua calda sanitaria pag.

Dettagli

SPECIFICHE TECNICA RELATIVE AGLI IMPIANTI A FLUIDO DEL CENTRO ILMA (Ricerche e servizi oncologici nel Salento) NEL COMUNE DI GALLIPOLI (LE)

SPECIFICHE TECNICA RELATIVE AGLI IMPIANTI A FLUIDO DEL CENTRO ILMA (Ricerche e servizi oncologici nel Salento) NEL COMUNE DI GALLIPOLI (LE) SPECIFICHE TECNICA RELATIVE AGLI IMPIANTI A FLUIDO DEL CENTRO ILMA (Ricerche e servizi oncologici nel Salento) NEL COMUNE DI GALLIPOLI (LE) In particolare vengono di seguito citate le principali norme

Dettagli

SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE

SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE _ SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TERMO-MECCANICI INDICE 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO...

Dettagli

Il Tecnico Ing. Renato Borrini

Il Tecnico Ing. Renato Borrini COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO E DI RICAMBIO DELL ARIA E DELL IMPIANTO IDRICO- SANITARIO A SERVIZIO DELLA DISCOTECA SESTO SENSO SITA

Dettagli

L intervento ha come oggetto la realizzazione degli impianti sotto elencati a servizio dell edificio comunale di Azzano San Paolo.

L intervento ha come oggetto la realizzazione degli impianti sotto elencati a servizio dell edificio comunale di Azzano San Paolo. Oggetto dell intervento L intervento ha come oggetto la realizzazione degli impianti sotto elencati a servizio dell edificio comunale di Azzano San Paolo. Il palazzo Municipale sarà dotato dei seguenti

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO EDILIZIO EX CPTA DI VIA NAPOLEONE COLAJANNI IN RAGUSA, DA ADIBIRE A CENTRO POLIFUNZIONALE PER L'INSERIMENTO SOCIALE E LAVORATIVO

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch. Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO RISCALDAMENTO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare s.r.l. - Via Trieste n. 21-60124 Ancona - tel 071 3580027

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO

DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO L intervento in oggetto consiste nel completamento di un porzione del Polo Scolastico di Trescore Balneario (BG) attraverso la creazione del terzo piano al corpo di fabbrica

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE UFFICIO SPECIALE PER L EDILIZIA COMUNE DI VARESE UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA VARESE COMO REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO ESECUTIVO DESCRIZIONE

Dettagli

INDICE. 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI...

INDICE. 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI... INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI... Pagina 1 di 6 1. PREMESSA La presente relazione intende

Dettagli

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO)

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO) INDICE 1 Premessa...2 2 Caratteristiche del sistema edilizio...3 3 Impianti previsti...4 3.1 IMPIANTI FLUIDOMECCANICI ED AFFINI...4 3.1.1 IMPIANTI IDROSANITARI E PER SMALTIMENTO ACQUE...4 3.1.2 IMPIANTI

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO TERMICO. da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari

PROGETTO DI IMPIANTO TERMICO. da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari COMUNE CROTONE PROGETTO DI IMPIANTO TERMICO da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari RELAZIONE TECNICA La presente relazione si accompagna

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RELAZIONE TECNICA IMPIANTO TERMICO RIFERIMENTI NORMATIVI Tutti gli impianti dovranno essere forniti completi in ogni loro singola parte e perfettamente funzionanti, con tutte le apparecchiature ed accessori

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI. Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI. Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL Il tecnico: Ing. Riccardo Tisato Marzo 2012 Descrizione impianti - Quinzano Eureka Immobiliare

Dettagli

1. OSSERVAZIONE DELLE DISPOSIZIONI DI LEGGE E DEI REGOLAMENTI 2. IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO ESTATE/INVERNO COMUNE DI NISCEMI

1. OSSERVAZIONE DELLE DISPOSIZIONI DI LEGGE E DEI REGOLAMENTI 2. IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO ESTATE/INVERNO COMUNE DI NISCEMI 1. OSSERVAZIONE DELLE DISPOSIZIONI DI LEGGE E DEI REGOLAMENTI 2. IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO ESTATE/INVERNO 1 1 Riferimenti legislativi a) per l impianto in generale: NORMA TITOLO PUBBLICAZION E Legge

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE parti 3 4 1 IMPIANTO TERMICO In generale si può pensare articolato nelle seguenti parti: Generatore uno o più apparati che forniscono energia termica ad un mezzo di trasporto

Dettagli

CITTA di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA. Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà

CITTA di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA. Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE E VENTILAZIONE Descrizione del progetto Il progetto prevede il rifacimento

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Impianto termico : Impianto tecnologico

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 215-1:1990 31/03/1990 Valvole termostatiche per radiatori. Requisiti e metodi di prova. UNI EN 255-1:1998 31/10/1998 Condizionatori, refrigeratori di liquido e pompe di calore con compressore elettrico

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria Regione Calabria Unione Europea POR CALABRIA FESR 2007-2013 ASSE V RISORSE NATURALI,

Dettagli

INDICE 1. GENERALITA 2 2. PARAMETRI DI PROGETTO 6 3. IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE 8 4. IMPIANTO IDRICO - SANITARIO 13. 1.

INDICE 1. GENERALITA 2 2. PARAMETRI DI PROGETTO 6 3. IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE 8 4. IMPIANTO IDRICO - SANITARIO 13. 1. INDICE 1. GENERALITA 2 1.1 Oggetto 2 1.2 Normative di riferimento 3 1.3 Attività svolta 4 1.4 Elenco degli impianti previsti in progetto 5 2. PARAMETRI DI PROGETTO 6 2.1 Introduzione generale 6 2.2 Carichi

Dettagli

PLUS Comune di Monterotondo (RM) Intervento n 3: Nuova sostenibilità del verde

PLUS Comune di Monterotondo (RM) Intervento n 3: Nuova sostenibilità del verde 0 Indice 0 Indice... 2 1 Premessa... 3 2 Impianto termico... 3 3 Impianto idrico sanitario... 4 3.1 Descrizione impianto acqua potabile... 4 3.2 Dati di progetto impianto distribuzione acqua potabile...

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 215-1:1990 31/03/90 Valvole termostatiche per radiatori. Requisiti e metodi di prova. UNI EN 255-1:1998 31/10/98 Condizionatori, refrigeratori di liquido e pompe di calore con compressore elettrico

Dettagli

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Progettazioni e Consulenze Termotecniche Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Presentazione in Milano - 19 novembre 2010 Per garantire il confort indoor negli Edifici Evoluti Bertelli gli impianti

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034

AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 PROGETTO ESECUTIVO PER LA MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEI FABBRICATI SITI

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTO RECUPERATORE DI CALORE E RAFFRESCAMENTO ESTIVO. Nuovo complesso edilizio. Via Selva Residence Quinzano.

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTO RECUPERATORE DI CALORE E RAFFRESCAMENTO ESTIVO. Nuovo complesso edilizio. Via Selva Residence Quinzano. RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTO RECUPERATORE DI CALORE E RAFFRESCAMENTO ESTIVO Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL Il tecnico: Ing. Riccardo Tisato Maggio

Dettagli

2. DESCRIZIONE IMPIANTO

2. DESCRIZIONE IMPIANTO INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Impianto di condizionamento... 2.2 Regolazione... 3 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELL IMPIANTO PROPOSTO 3.1 Tecnologia ad inverter... 3.2 Carica automatica del

Dettagli

Art. 1 - PREMESSE. Art. 2 - INVOLUCRO EDILIZIO

Art. 1 - PREMESSE. Art. 2 - INVOLUCRO EDILIZIO Art. 1 - PREMESSE La presente relazione ha lo scopo di descrivere i parametri che dovranno essere presi come basi per la stesura della progettazione definitiva ed esecutiva, e stabilisce la tipologia impiantistica

Dettagli

basso consumo energetico

basso consumo energetico Impianti radianti a pavimento negli edifici a basso consumo energetico Verona, 4 ottobre 2012 Prof. Michele De Carli Dipartimento di 2 Dipartimento di Edifici a basso consumo, definizione: Edifici a basso

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

COMPONENTI D IMPIANTO IN REGIME INVERNALE Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore

COMPONENTI D IMPIANTO IN REGIME INVERNALE Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore Distribuzione del calore E della portata idraulica Tipologie: A velocità fissa A 3 velocità regolabili A velocità variabile o elettronica modulante

Dettagli

INDICE. 1. Premessa pag. 2. 2. Principi di Funzionamento pag. 3. 3. Modalità di installazione pag. 3. 4. Edificio B3 pag. 3

INDICE. 1. Premessa pag. 2. 2. Principi di Funzionamento pag. 3. 3. Modalità di installazione pag. 3. 4. Edificio B3 pag. 3 INDICE 1. Premessa pag. 2 2. Principi di Funzionamento pag. 3 3. Modalità di installazione pag. 3 4. Edificio B3 pag. 3 4.1 Dimensionamento Impianto pag. 4 4.2 Componenti dell Impianto pag. 4 5. Edificio

Dettagli

GHE Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza

GHE Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza Display I deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza della serie sono stati progettati per garantire la deumidificazione

Dettagli

EDIFICIO DI CLASSE A

EDIFICIO DI CLASSE A Pratica n: 489/11 LOTTO 3 Cliente: Bodo Costruzioni Srl, Via Bagnoli, 31/A 35010 Vigonza (PD) ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA (dati riferiti alla situazione successiva agli interventi) Ai sensi

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

LINEE GUIDA Realizzazione impianto di condizionamento PET RADIOLOGIA CENTRALE

LINEE GUIDA Realizzazione impianto di condizionamento PET RADIOLOGIA CENTRALE LINEE GUIDA Realizzazione impianto di condizionamento PET RADIOLOGIA CENTRALE DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI TERMOMECCANICI Generalità La scelta del tipo d impianti termici da adottare per il reparto PET è

Dettagli

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci POLITECNICA SOC. COOP. ING. M. GUSSO GENNAIO 2007 Relazione tecnica descrittiva impianti meccanici - gennaio/07 (ai sensi dell art. 20 D.P.R. 554/99)

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 230:1997 31/10/1997 Bruciatori monoblocco di olio combustibile a polverizzazione. Dispositivi di sicurezza, di comando e di regolazione. Tempi di sicurezza. UNI EN 247:2001 31/05/2001 Scambiatori

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA DEGLI IMPIANTI MECCANICI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA DEGLI IMPIANTI MECCANICI 1 RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA DEGLI IMPIANTI MECCANICI PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI Strutture sanitarie D.P.R. del 14 gennaio 1997: requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi che

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA La ventilazione meccanica controllata degli ambienti con aria esterna rappresenta il sistema più efficace per controllare le condizioni

Dettagli

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete Canne fumarie in acciaio Inox Canne fumarie Flessibili Doppia Parete CARATTERISTICHE TECNICHE Diametri interni: da 80 a 400 mm Materiale tubo: 2 Pareti di acciaio

Dettagli

Allegato INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Allegato INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE Allegato INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE 1 ART. 1 SCOPO DEL DOCUMENTO Il Capitolato Speciale d appalto di cui questo Allegato è parte integrante prevede l esecuzione di alcuni interventi di riqualificazione

Dettagli

La classificazione energetica dei sistemi radianti: massimo comfort, massima efficienza, minimo consumo.

La classificazione energetica dei sistemi radianti: massimo comfort, massima efficienza, minimo consumo. La classificazione energetica dei sistemi radianti: massimo comfort, massima efficienza, minimo consumo. Maggiore efficienza energetica sistema radiante = maggiore comfort, minori consumi Lo scopo di tutti

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : EDIFICIO : Appartamento VICENZA INDIRIZZO : COMUNE : VICENZA INTERVENTO

Dettagli

PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4

PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4 Sommario PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4 Tipologie d impianto... 4 1 - Impianto riscaldamento a pannelli

Dettagli

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE La scelta della tipologia impiantistica varia a seconda della destinazione d uso: EDILIZIA CIVILE: Classe Esempi 1 Locali per la residenza Alloggi ad uso privato 2 Locali per il

Dettagli

La ventilazione meccanica controllata [VMC]

La ventilazione meccanica controllata [VMC] La ventilazione meccanica controllata [VMC] Sistemi di riscaldamento e di raffrescamento - Principio di funzionamento: immissione forzata di aria in specifici ambienti. - Peculiarità: garantisce il controllo

Dettagli

IMPIANTO DI RISCALDAMENTO/CLIMATIZZAZIONE...2

IMPIANTO DI RISCALDAMENTO/CLIMATIZZAZIONE...2 INDICE 1 PREMESSA...2 2 IMPIANTO DI RISCALDAMENTO/CLIMATIZZAZIONE...2 3 IMPIANTO AREAULICO...3 4 IMPIANTO DI SCARICO E VENTILAZIONE...3 5 IMPIANTO IDRICO...3 6 VENTILAZIONE SERVIZI IGIENICI...4 7 SANITARI

Dettagli

COMUNE DI TREPPO GRANDE

COMUNE DI TREPPO GRANDE PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI TREPPO GRANDE IMPIANTO A GEOSCAMBIO E POMPA DI CALORE PER LA SCUOLA MATERNA COMUNALE PROGETTO ESECUTIVO 4.1 CALCOLI ESECUTIVI DEGLI IMPIANTI Relazioni IL PROGETTISTA ing. Martino

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO SANITARIO

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO SANITARIO INDICE 1- GENERALITA...2 2- RETI DI ADDUZIONE DELL ACQUA...3 3- RETI DI SCARICO SERVIZI IGIENICI...5 4- IMPIANO IDRICO ANTINCENDIO...6 5- RETI DI IDRANTI...6 6- IMPIANTI FISSI DI RILEVAZIONE INCENDI...7

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch. Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRAULICO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare s.r.l. - Via Trieste n. 21-60124 Ancona - tel 071 3580027 PROGETTO

Dettagli

Azienda Pubblica Servizi alla Persona. Città di Siena

Azienda Pubblica Servizi alla Persona. Città di Siena RELAZIONE TECNICA Sostituzione Caldaie esistenti con caldaie a condensazione per efficientamento energetico del sistema di generazione di calore dell impianto di riscaldamento e produzione di Acqua calda

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità 1 VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità Ing. Luca Barbieri Product manager Hoval 2 Definizione ventilazione meccanica controllata «I sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) sono

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Durata 80 ore + 2 ore di ulteriore esercitazione (project work) Conforme al D.P.R. 16 aprile 2013 n. 75 MODULO I 6 ore LA

Dettagli

IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI SESTRI LEVANTE PROGETTO DEFINITIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL PALAZZO FASCIE ROSSI POLO CULTURALE E MUSEALE PER LA CITTA E PER IL TIGULLIO ORIENTALE IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

Dettagli

Nuova versione TERMO_CE 9.05

Nuova versione TERMO_CE 9.05 Nuova versione TERMO_CE 9.05 Principali migliorie rispetto alla versione precedente Fabbisogno di energia termica per climatizzazione invernale ed estiva Queste in sintesi le principali variazioni rispetto

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 27 gennaio 2010 PAVIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 STATO DI FATTO PROGETTO INQUADRAMENTO

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

Mammuth - Pompe di rilancio

Mammuth - Pompe di rilancio Mammuth - Pompe di rilancio GRUPPO DI DISTRIBUZIONE PER IMPIANTI A ZONA I gruppi di distribuzione e gestione di utenza di impianti a zone MAMMUTH serie 80, sono stati appositamente studiati per poter

Dettagli

COLLEGAMENTI TUBI/CANALI

COLLEGAMENTI TUBI/CANALI CENTRALE TERMICA/ FRIGORIFERA COLLEGAMENTI TUBI/CANALI ELEMENTI TERMINALI La Centrale Termicasolitamente trova spazio in luoghi chiusi di edifici civili ed industriali. La progettazione deve scrupolosamente

Dettagli

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il presente documento riguarda il progetto esecutivo per la sostituzione della centrale termica a servizio della Villa Andrea facente parte del complesso Ville Ponti in Varese. E inoltre compresa l installazione

Dettagli

CASE CON SISTEMI INNOVATIVI COMPARATIVA IMPIANTI RISCALDAMENTO

CASE CON SISTEMI INNOVATIVI COMPARATIVA IMPIANTI RISCALDAMENTO CASE CON SISTEMI INNOVATIVI COMPARATIVA IMPIANTI RISCALDAMENTO PREMESSA Con la presente relazione si intende fare una analisi comparativa fra alcuni dei sistemi di Riscaldamento utilizzati per la costruzione

Dettagli

REGIONE PUGLIA Comune di Modugno (Ba) Riqualificazione urbana di aree degradate presso il Quartiere S. Cecilia INDICE

REGIONE PUGLIA Comune di Modugno (Ba) Riqualificazione urbana di aree degradate presso il Quartiere S. Cecilia INDICE INDICE 1. OGGETTO... 2 2. SCOPO... 3 3. IMPIANTO IDRICO... 4 4.1 TUBAZIONI IMPIANTO ADDUZIONE ACQUA... 4 4. MATERIALI E PEZZI SPECIALI... 6 5. LEGGI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 7 1 1. OGGETTO Il presente

Dettagli

Sistema radiante Zehnder NIC

Sistema radiante Zehnder NIC Sistema radiante Zehnder NIC Il sistema di climatizzazione radiante Zehnder NIC è adatto sia per il riscaldamento che per il raffrescamento degli ambienti, ed è applicabile a soffitto o a parete. Altro

Dettagli

COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SPECIALISTICA E DI CALCOLO IMPIANTO VENTILAZIONE (PROGETTO ESECUTIVO)

COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SPECIALISTICA E DI CALCOLO IMPIANTO VENTILAZIONE (PROGETTO ESECUTIVO) COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SPECIALISTICA E DI CALCOLO IMPIANTO VENTILAZIONE (PROGETTO ESECUTIVO) PROGETTO DEI LAVORI FINALIZZATI AL RILASCIO DELLA SCIA ANTINCENDIO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE PIETRO ACCLAVIO

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE Elenco dei Corpi d'opera 03 OPERE IMPIANTISTICHE Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE Unità tecnologiche 01 Impianto riscaldamento 02 Impianto smaltimento acque usate e meteoriche 03 Impianto antincendio

Dettagli

ANNOTAZIONI 1.4 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO IL PROGETTISTA. ing. jr. Giuseppe Sena. arch. Pietro Cerra DATA

ANNOTAZIONI 1.4 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO IL PROGETTISTA. ing. jr. Giuseppe Sena. arch. Pietro Cerra DATA Á ANNOTAZIONI 1.4 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO ing. jr. Giuseppe Sena IL PROGETTISTA arch. Pietro Cerra DATA INDICE 01. Premessa...3 1.1 Premessa generale... 3 02. Normative di riferimento...3 2.1

Dettagli

(schema) (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità abitative

(schema) (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità abitative RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Come prevista dall allegato 4 della delibera di Assemblea legislativa della regione Emilia-Romagna n.156/2008, atto di indirizzo e

Dettagli

OGGETTO... 2. Requisiti... 2. Descrizione del sistema di climatizzazione... 3

OGGETTO... 2. Requisiti... 2. Descrizione del sistema di climatizzazione... 3 SOMMARIO OGGETTO... 2 1. IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE... 2 Requisiti.... 2 Descrizione del sistema di climatizzazione.... 3 PARAMETRI DI CALCOLO... 7 2. IMPIANTI IDRICO-SANITARI... 10 3. IMPIANTI DI ESTINZIONE

Dettagli

Auchan Bussolengo Ampliamento Progetto di ampliamento dell Auchan di Bussolengo (VR) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TECNOLOGICI

Auchan Bussolengo Ampliamento Progetto di ampliamento dell Auchan di Bussolengo (VR) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TECNOLOGICI INDICE 1 OGGETTO 3 2 NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO PER GLI IMPIANTI E I COMPONENTI 4 3 RIEPILOGO DEGLI IMPIANTI PREVISTI 8 4 DATI GENERALI 8 4.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO OGGETTO DELL INTERVENTO...8 5

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Prof. Cinzia Buratti GENERALITA Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

DEUMIDIFICATORI CON INTEGRAZIONE E VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA

DEUMIDIFICATORI CON INTEGRAZIONE E VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA DEUMIDIFICATORI CON INTEGRAZIONE E VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA UNITÀ DI TRATTAMENTO ARIA CANALIZZABILI CON RINNOVO E RECUPERO MODELLI / CARATTERISTICHE midificazione estiva con modulazione della

Dettagli

Relazione Tecnica attestante la rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico degli edifici

Relazione Tecnica attestante la rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico degli edifici Relazione Tecnica attestante la rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico degli edifici 1. Informazioni Generali art. 28 Legge n. 10 del 09/01/91 D.Lgs. 29 dicembre

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 24 febbraio 2010 BRESCIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 BORGO DI VILLA ASTORI TORRE

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere IMPIANTI TERMICI Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere Secondo lutenza da servire gli impianti di riscaldamento si dividono in: IMPIANTI

Dettagli

Il sistema radiante a soffitto e parete. Climalife

Il sistema radiante a soffitto e parete. Climalife Il sistema radiante a soffitto e parete Info 2014 Pannello Radiante Pannello radiante in sandwich prefabbricato costituito da: - Strato a vista in cartongesso ignifugo, spessore 15 mm; - Circuito radiante

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : CONI SPA EDIFICIO : PISCINA MILANO CONI INDIRIZZO : VIA MONTEVIDEO N.20

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

sistemi solari soluzioni solari

sistemi solari soluzioni solari sistemi solari soluzioni solari per pompe SOLUZIONI INNOATIE PER ABITAZIONI A BASSO CONSUMO CON ENERGIA SOLARE E POMPE DI CALORE Lo scopo di questo catalogo è di fornire una serie di suggerimenti e soluzioni

Dettagli

Documentazione relativa alle pratiche: ISPESL Prevenzione Incendi. Disposizioni relative all uso razionale dell energia degli impianti termici.

Documentazione relativa alle pratiche: ISPESL Prevenzione Incendi. Disposizioni relative all uso razionale dell energia degli impianti termici. TERMOIDRAULICA: PROGRAMMA FORMAZIONE 2010 Con l obiettivo di fornire costante informazione alle imprese termoidrauliche che operano nel settore degli impianti tecnologici, il programma di aggiornamento

Dettagli

COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA ISO 9001:2008 COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA D.G.R. 1136/2012 - PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA CON CAMBIO DI DESTINAZIONE D'USO E DI RIQUALIFICAZIONE DELL'AREA EX CENTRALE

Dettagli

In allegato si trasmettono i programmi dei corsi di cui si propone l attivazione. In particolare:

In allegato si trasmettono i programmi dei corsi di cui si propone l attivazione. In particolare: Certificata UNI EN ISO 9001: 2008 n. 0312297 Settore EA 37 Provider Ministero Salute ECM n. 1004 Accreditata Regione Lombardia ID Operatore 332877 ID Unità Organizzativa 349065 Iscrizione Albo N. 0516

Dettagli

ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI EXPERT IN ENERGY CERTIFICATION OF BUILDINGS

ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI EXPERT IN ENERGY CERTIFICATION OF BUILDINGS ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI EXPERT IN ENERGY CERTIFICATION OF BUILDINGS IL PRESENTE SCHEMA È STATO REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME: UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012 REQUISITI GENERALI

Dettagli

S T U D I O T E C N I C O

S T U D I O T E C N I C O M S T U D I O T E C N I C O ING. ANTONIO MARANO Via Fieravecchia, 32-84122 - SALERNO COMUNE DI SALERNO COMMITTENTE: CONSERVATORIO DI MUSICA - G. MARTUCCI TAVOLA D DATA: PROGETTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA,

Dettagli

corso di FISICA TECNICA modulo di IMPIANTI TECNICI Scheda 01

corso di FISICA TECNICA modulo di IMPIANTI TECNICI Scheda 01 corso di FISICA TECNICA modulo di IMPIANTI TECNICI Scheda 01 corso di FISICA TECNICA modulo di IMPIANTI TECNICI Scheda 02 Composizione di un impianto di climatizzazione 1. Centrale di produzione del caldo

Dettagli

Impianto in pompa di calore tipo splittata in caldo e freddo con integrazione solare e produzione di acqua calda sanitaria:

Impianto in pompa di calore tipo splittata in caldo e freddo con integrazione solare e produzione di acqua calda sanitaria: 41 Impianto in pompa di calore tipo splittata in caldo e freddo con integrazione solare e produzione di acqua calda sanitaria: 1- Unità esterna 8- Impianto per riscaldamento o raffrescamento 2- Unità interna

Dettagli

Capitolato Prestazionale Impianti Meccanici Brisighella

Capitolato Prestazionale Impianti Meccanici Brisighella SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 3 3. SCELTE PROGETTUALI... 6 4. CALDAIA... Errore. Il segnalibro non è definito. 5. SOLARE TERMICO... Errore. Il segnalibro non è definito. 6. RADIATORI...

Dettagli

Aggiornamento sulle norme UNI e CEI

Aggiornamento sulle norme UNI e CEI Aggiornamento sulle norme UNI e C Elenco tematico delle norme UNI e C per l edilizia nuove o aggiornate, suddiviso in 7 capitoli: I. sistema edilizio e tecnologico; II. applicazioni di fisica tecnica;

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

Impianto Solare Termico

Impianto Solare Termico Impianto Solare Termico La ING DG&R è in grado di progettare, fornire e realizzare impianti solari termici di qualsiasi dimensione, con accesso agli incentivi del Conto Energia Termico. A titolo di esempio

Dettagli