Determinazione dei batteri lattici nei prodotti lattiero caseari: metodi, terreni, tecniche

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Determinazione dei batteri lattici nei prodotti lattiero caseari: metodi, terreni, tecniche"

Transcript

1 12 Meeting responsabili e tecnici laboratorio settore lattiero caseario Determinazione dei batteri lattici nei prodotti lattiero caseari: metodi, terreni, tecniche Angiolella Lombardi Veneto Agricoltura Istituto per la Qualità e le Tecnologie Agroalimentari MontegrottoTerme, 6-7 dicembre 2012 Il ruolo positivo dei batteri lattici nella produzione di latti fermentati Acidificazione (fermentazione lattica) Produzione di acetaldeide Produzione di polisaccaridi - Batteri lattici con caratteristiche probiotiche A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 2 1

2 Il ruolo positivo dei batteri lattici nella produzione di formaggi Acidificazione (fermentazione lattica) Produzione di enzimi che agiscono su: Proteine-peptidi-aminoacidi (lipidi) Altre componenti (es. citrato) Maturazione prodotto, caratteristiche organolettiche - nutrizionali Batteri lattici starter Batteri lattici non starter A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 3 Aspetti negativi legati allo sviluppo di batteri lattici nei formaggi Produzione di gas (batteri lattici eterofermentanti, occhiatura eccessiva, gonfiori) Produzione di amine biogene (tiramina, istamina) Produzione di sapori anomali (peptidi amari) Acidificazione eccessiva-gessatura A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 4 2

3 BATTERI LATTICI Caratteristiche generali Batteri Gram positivi Ubiquitari Morfologia differente: bacilli/cocchi Non sporigeni Acido tolleranti e talvolta acidofili Temperatura ottimale di crescita: ampio range (termofili/ mesofili) Catalasi negativi (eccetto alcune specie genere Pediococcus ) Molto esigenti nutrizionalmente Non patogeni (gruppo 1, tranne L. rhamnosus ed enterococchi che rientrano in gruppo 2) Anaerobi (aerotolleranti) Metabolismo fermentativo (omofermentanti, eterofermentanti) A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 5 Principali generi/specie di batteri lattici settore lattiero-caseario Microrganismo Morfologia Fermentazione Temperatura Applicazioni Streptococcus thermophilus Lactococcus lactis Cocchi Omolattica Termofili Formaggi, latti fermentati Cocchi Omolattica Mesofili Formaggi, burro Enterococchi Cocchi Omolattica Mesofili, termodurici Formaggi* (no QPS) Pediococchi Cocchi a tetradi Omolattica Termofili Vegetali fermentati, insaccati, maturazione formaggi Leuconostoc Cocchi Eterolattica Mesofili Burro, vegetali fermentati, paste acide Lactobacilli Bastoncini Omolattica Eterolattica Mesofili. termofili Formaggi, latti ferm., insaccati, paste acide, vegetali A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 6 3

4 Perchè cercare i batteri lattici nei prodotti lattiero caseari? Requisiti di prodotto (es S. thermophilus, L. delbrueckii subsp. bulgaricus yogurt) Requisiti certificazioni ( es. Mozzarella STG) Controllo qualità colture starter (inclusi sieroinnesti/lattoinnesti) Monitoraggio probiotici (L. acidophilus, L. rhamnosus, L casei/paracasei, Bifidobacterium*) Conteggio LAB responsabili difetti (es eterofermentanti obbligati, enterococchi) A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 7 Conteggio batteri lattici Metodi normati Microrganismo Metodo Campo applicazione S. thermophilus ISO 7889-IDF117: 2003 Yogurt Lactobacillus delbrueckii subsp. bulgaricus Lactobacillus acidophilus Batteri lattici mesofili e termofili (diverse specie e generi) ISO 7889-IDF117: 2003 ISO IDF292: 2006 ISO IDF149: 2010 Yogurt Latti fermentati e non fermentati, latte in polvere Colture starter per prodotti fermentati a base di latte (no probiotici) A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 8 4

5 Conteggio batteri lattici Metodi normati Microrganismo Metodo Campo applicazione Enterococchi Bifidobatteri (NB non LAB) CCFRA Met :2007 ISO IDF220: 2010 Alimenti, inclusi prodotti lattiero caseari, mangimi Latti fermentati e non fermentati, latte in polvere, formulazioni per l infanzia,colture starter Leuconostoc (FIL149A:1997) Colture starter Batteri lattici citrato fermentanti (Leuconostoc, Lc.lactis cit+) ISO17792-IDF 180 : 2006 Colture starter e prodotti lattiero caseari in cui sono presenti lattici citrato ferm. A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 9 Streptococcus thermophilus Norma cod. ISO IDF 117:2003 Norma titolo Conteggio di Mezzo di coltura Inoculo Atmosfera incubazione Incubazione Lettura colonie Conferma Yogurt - Enumeration of characteristic microorganisms Colony count technique at 37 C Streptococcus thermophilus M 17, ph 6.8 dopo sterilizzazione (consigliabile aggiungere il lattosio dopo sterilizzazione) inclusione aerobiosi 37+/-1 C x 48 h colonie lenticolari del diametro di 1-2 mm. colorazione gram (+, forma coccica del diametro di micron in coppia o a catena) e catalasi (neg.) (vedi FIL 146/ISO 9232) A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 10 5

6 Lactobacillus delbrueckii subsp. bulgaricus Norma cod. ISO IDF 117:2003 Norma titolo Conteggio di Mezzo di coltura Inoculo Atmosfera incubazione Incubazione Lettura colonie Conferma Yogurt- Enumeration of characteristic microorganisms Colony count technique at 37 C Lactobacillus delbrueckii subsp. bulgaricus MRS acid. ph 5.4 con acido acetico inclusione anaerobiosi 37+/-1 C x 72 h colonie lenticolari, spesso a forma laminare del diametro di 1-3 mm colorazione gram (+, bastoncini, generalmente corti) e catalasi (neg.) (vedi FIL 146/ISO 9232) A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 11 ISO IDF192:2006 Milk Products Enumeration of presumptive Lactobacillus acidophilus on a selective medium-colony count technique at 37 C Conteggio di Mezzo di coltura Lactobacillus acidophilus MRS + Clindamycin + Ciprofloxacin Inoculo Atmosfera incubazione Incubazione Lettura colonie spatolamento anaerobiosi 37 C x 72 +/-3 h colonie piatte opache grigio biancastre bordi irregolari A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 12 6

7 ISO IDF149:2010-Fermented milk Products Bacterial starter cultures standard of identity Specifica caratteristiche delle colture starter del settore lattiero caseario (batteri lattici, ma anche bifidobatteri e propionibatteri) Microrganismo L.delbrueckii subsp. bulgaricus Metodo MRS acidificato come ISO 7889-IDF117:2003 L. acidophilus MRS+ Cli e Cipro come ISO IDF 292: 2006 S. thermophilus M17 ph6,8 come ISO 7889-IDF117: 2003 Lattococchi Colture miste S. thermophilus - lattococchi M17 ph7,2, come da ISO 7889 incubato in aerobiosi a 30 C per 72 ore S.thermophilus : M17 ph6,8 45 C aerobiosi 48 h Lattococchi M17 ph7,2 20 C aerobiosi 5 g A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 13 CCFRA Method 2.7.1:2007 Enumeration of presumptive Enterococcus species:colony count technique Il metodo propone diversi mezzi per il conteggio degli enterococchi negli alimenti e nei mangimi: KF streptococcus agar, Kanamicina,- esculina-azide agar (KAA), Slanetz e Bartley agar (SB) KAA inoculo per spreading, 37 C per 24 h ± 4 h Necessaria conferma Sodio azide e kanamicina agenti selettivi Esculina agente differenziale Colonie bianche o grigie circondate da un alone nero da confermare A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 14 7

8 ISO IDF220:2010 Milk Products-Enumeration of presumptive bifidobacteria-colony count technique at 37 C TOS-MUP propionato agar + agenti selettivi (litio-mupirocina) e galatto-oligosaccaridi (TOS) Inoculo per inclusione, incubazione 37 C per 72 h in anerobiosi Litio e mupirocina inibiscono crescita S. thermophilus, L. delbrueckii subsp. bulgaricus, L. acidophilus, L. casei, L. rhamnosus, Lactococcus lactis, Galatto-oligosaccaridi (TOS) favoriscono sviluppo dei bifidobatteri Colonie bianche piccole da confermare A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 15 FIL-IDF 149A Levains lactiques de cultures de bactéries lactiques. Norme de composition Leuconostoc MSE Agar (Mayeux, Sandine, Elliker), Inoculo per spreading, incubazione a 22 C per 4-5 g in aerobiosi. Sodio azide del terreno inibisce batteri Gram - e lattococchi Saccarosio favorisce formazione destrani. L. mesenteroides dextranicum forma colonie mucose, gelatinose, altri Leuconostoc formano colonie piccole incolori A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 16 8

9 ISO17792-IDF180:2006 Milk, milk products and mesophilic starter cultures Enumeration of citrate fermenting bacteria.colony count technique at 25 C Microrganismi interessati: Lactococcus lactis subsp. lactis cit + Leuconostoc mesenteroides subsp. mesenteroides, cremoris, dextranicum Leuconostoc lactis Terreno di Nickels e Leesment, contenente citrato e calcio lattato, incubato a 25 C in aerobiosi per 72 h. Dopo incubazione viene aggiunto X- gal, ulteriore incubazione per 24 ore Citrato fermentanti presentano alone attorno alla colonia Lactococcus colonie bianche Leuconostoc colonie blu A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 17 Altri batteri lattici L. casei/paracasei, L. rhamnosus, L.plantarum NSLAB formaggi Latti fermentati, probiotici MRS agar + vancomicina ( 10 µg/ml) Incubazione 30 C, anaerobiosi, 72 h. In questo terreno possono sviluppare anche pediococchi e Leuconostoc A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 18 9

10 Batteri lattici eterofermentanti Terreno HHD consente differenziare batteri lattici omo ed eterofermentanti in base alla differente acidificazione del fruttosio presente in bassa concentrazione in questo mezzo. Dopo incubazione 30 C per 72 h i batteri omofermentanti crescono con colonie blu-verdi, mentre quelli eterofermentanti con colonie incolori (non acidificano e quindi non determinano il viraggio del verde bromocresolo) In alternativa per il conteggio degli eterofermentanti: MRS; verifica produzione gas in un numero rappresentativo di colonie Leuconostoc: MSE 22 C per 4-5 g A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 19 Metodi di controllo sieroinnesti-criticità -2-8 x 10 8 ufc/ml -dominanza L. helveticus (80-85%), presenza di diversi biotipi -L. delbrueckii subsp. bulgaricus e subsp. lactis -L. fermentum (eterofermentante) -Talora presenza di S. thermophilus Caratteristiche sieroinnesti MRS acidificato? MRS + casaminoacids? Agar siero? A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 20 10

11 Metodi controllo lattoinnesti naturali-criticità Microrganismo Metodo Campo applicazione S. thermophilus ISO IDF 117: 2003 Colture miste S. thermophilus - lattococchi ISO IDF 149:2003 Terreno Yogurt M17 agar, aerobiosi a 37 C per 48 ore Colture starter termofile S.thermophilus : M17 ph6,8 45 C aerobiosi 48 h Risultati molto variabili in funzione di: Brand commerciale terreno Modalità di aggiunta del lattosio Temperatura di incubazione Aggiunta di ulteriori ingredienti (latte peptonizzato) A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 21 E i probiotici? Es latte fermentato contenente S. thermophilus, L.bulgaricus, L. acidophilus, Bifidobacterium lactis S. thermophilus ISO 7889-IDF 117: 2003 B. lactis ISO IDF 220: 2010 L. acidophilus ISO IDF 292: 2006 L. delbrueckii subsp. bulgaricus? ISO 7889-IDF 117: 2003 non consente conta differenziale L. bulgaricus-l. acidophilus Semina per spreading e differenziazione morfologia colonie? Conferma colonie mediante ISO 9232: 2003-IDF 146? Conferma mediante PCR? A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 22 11

12 Conclusioni Sono disponibili diversi metodi per il conteggio di batteri lattici. Tuttavia, data la complessità di questo gruppo microbico e la presenza in uno stesso alimento di più generi/specie permangono delle criticità Adattamento del metodo in funzione del prodotto Necessità di confronti interlaboratori su matrici reali Sviluppo di metodi che consentano di individuare gruppi di batteri lattici con attività potenzialmente negative (es. proteolitici,, eterofermentanti obbligati)? A. Lombardi - Batteri lattici nei prodotti caseari 23 12

Microrganismi probiotici

Microrganismi probiotici Microrganismi probiotici Concetta Scalfaro Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimantare Reparto Microrganismi e Tecnologie Alimantari Universitàdi Tor

Dettagli

Microrganismi probiotici

Microrganismi probiotici Microrganismi probiotici Concetta Scalfaro Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Reparto Microrganismi e Tecnologie Alimentari Università di Tor

Dettagli

Alimenti funzionali II

Alimenti funzionali II Alimenti funzionali II Probiotici Etimologia della parola Dal greco Pro Bios cioè A favore della vita Il termine è stato usato per la prima volta a metà del secolo scorso Definizione Probiotico è un supplemento

Dettagli

LE COLTURE STARTER PER LA PREPARAZIONE DI ALIMENTI FERMENTATI

LE COLTURE STARTER PER LA PREPARAZIONE DI ALIMENTI FERMENTATI LE COLTURE STARTER PER LA PREPARAZIONE DI ALIMENTI FERMENTATI DEFINIZIONE DI COLTURA STARTER E UNA COLTURA MICROBICA IMPIEGATA ALLO SCOPO DI AVVIARE (DA CUI IL TERMINE STARTER) UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE

Dettagli

Batteri lattici. Generi Lactobacillus, Carnobacterium, Weissella, Leuconostoc, Pediococcus

Batteri lattici. Generi Lactobacillus, Carnobacterium, Weissella, Leuconostoc, Pediococcus Batteri lattici Generi Lactobacillus, Carnobacterium, Weissella, Leuconostoc, Pediococcus Lactobacillus: naturalmente presenti sulle materie prime, sia aggiunti agli alimenti come componenti di colture

Dettagli

Relazione tecnica sulla produzione di formaggio Nostrano Valtrompia

Relazione tecnica sulla produzione di formaggio Nostrano Valtrompia 1 Relazione tecnica sulla produzione di formaggio Nostrano Valtrompia A cura di Germano Mucchetti* e Roberto Mondinelli** *Istituto Sperimentale Lattiero Caseario di Lodi ** Comunità Montana Valle Trompia

Dettagli

I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI

I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI Le applicazioni attuali delle biotecnologie NON OGM nel settore alimentare diego.mora@unimi.it www.distam.unimi.it I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI Quanti microrganismi ingeriamo con gli alimenti? Si ingeriscono

Dettagli

Modificazioni microbiologiche negli insaccati. Dr. Mauro Conter

Modificazioni microbiologiche negli insaccati. Dr. Mauro Conter Modificazioni microbiologiche negli insaccati Dr. Mauro Conter 1 Salame: definizione 2 secondo il DM 21/09/2005 (MIPAF) il salame è: prodotto di salumeria costituito da carni ottenute da muscolatura striata

Dettagli

Cheese-Tek. Yoghurt-Tek. Pro-Tek. Aroma-Tek. Texture-Tek. Vivi-Tek

Cheese-Tek. Yoghurt-Tek. Pro-Tek. Aroma-Tek. Texture-Tek. Vivi-Tek biochem s.r.ll.bi iochemicall Ressearrch Centterr Dairy cultures product list Cheese-Tek Yoghurt-Tek Pro-Tek Aroma-Tek Texture-Tek Vivi-Tek Cheese-Tek Colture di fermenti lattici ideali per le varie tecnologie

Dettagli

Tesi di Laurea. FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico

Tesi di Laurea. FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico Tesi di Laurea FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico IL CONTROLLO QUALITÀ NELLA PRODUZIONE FARMACEUTICA INDUSTRIALE: APPLICAZIONE DI UNA METODICA PER L ANALISI

Dettagli

Bozza UNI Riproduzione riservata

Bozza UNI Riproduzione riservata DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U59099510 Yogurt con aggiunta di altri ingredienti alimentari Definizione, composizione e caratteristiche Yogurt and yogurt with addition of food ingredients Definition,

Dettagli

Latte e caseificazione. Ivano De Noni DeFENS - Università degli Studi di Milano

Latte e caseificazione. Ivano De Noni DeFENS - Università degli Studi di Milano Latte e caseificazione Ivano De Noni DeFENS - Università degli Studi di Milano Le principali filiere di lavorazione del latte Regolamento (CE) N. 853/2004 che stabilisce norme specifiche in materia di

Dettagli

Il latte. Microbiologia lattiero casearia

Il latte. Microbiologia lattiero casearia Microbiologia lattiero casearia Il latte Il latte è la dispersione acquosa di diversi nutrienti, rappresentati da: Componenti in soluzione: o Lattosio o Sali minerali o Vitamine idrosolubili (C, H, B,

Dettagli

Il siero innesto nella produzione del Parmigiano- Reggiano Prof. Luigi GRAZIA

Il siero innesto nella produzione del Parmigiano- Reggiano Prof. Luigi GRAZIA Il siero innesto nella produzione del Parmigiano- Reggiano Prof. Luigi GRAZIA Prof. Luigi GRAZIA Dipartimento di Protezione e Valorizzazione Agroalimentare, Alma Mater Studiorum, Università di Bologna,

Dettagli

Uso industriale di enzimi Applicazione delle biotecnologie alla produzione di alimenti. C. MAZZONI/BiotecnologieMicrobiche07

Uso industriale di enzimi Applicazione delle biotecnologie alla produzione di alimenti. C. MAZZONI/BiotecnologieMicrobiche07 Uso industriale di enzimi Applicazione delle biotecnologie alla produzione di alimenti 07 Applicazioni su larga scala di enzimi 2 Industria Enzima Effetto Detergenti Tessile Mangimi Amido Proteasi Lipasi

Dettagli

Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte

Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte Alterazioni dei formaggi Prof. Roberto Rosmini Alma Mater Studiorum-Università di Bologna 07/07/2005 1 Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte

Dettagli

CUP C42I II ANNO Prof.ssa Elona Xhebraj Materia: Microbiologia Modulo: Microbiologia alimentare

CUP C42I II ANNO Prof.ssa Elona Xhebraj Materia: Microbiologia Modulo: Microbiologia alimentare CUP C42I12000120007 II ANNO Prof.ssa Elona Xhebraj Materia: Microbiologia Modulo: Microbiologia alimentare BATTERI LATTICI I batteri lattici Tra i microrganismi coinvolti nella preparazione di alimenti

Dettagli

..d altra parte molti altri microrganismi sono responsabili di deterioramento o contaminazione di vari alimenti..

..d altra parte molti altri microrganismi sono responsabili di deterioramento o contaminazione di vari alimenti.. Numerosi alimenti vengono prodotti sfruttando la capacità di microrganismi di operare trasformazioni biochimiche che conferiscono a ciascun prodotto le caratteristiche organolettiche tipiche 1 ..d altra

Dettagli

Progetto LATSIER Qualificazione della produzione di latte e siero vaccino

Progetto LATSIER Qualificazione della produzione di latte e siero vaccino Progetto LATSIER Qualificazione della produzione di latte e siero vaccino L ormai rodato sistema di controllo del latte, attivo da oltre trent anni, ha dato negli anni una decisiva spinta al miglioramento

Dettagli

Trasformazione del latte di capra in Sardegna tra tradizione e innovazione

Trasformazione del latte di capra in Sardegna tra tradizione e innovazione L ALLEVAMENTO DELLA CAPRA IN SARDEGNA: TENDENZA E RICERCA Bonassai, 11 dicembre 2015 Trasformazione del latte di capra in Sardegna tra tradizione e innovazione M. Addis, M. Pes, R. Comunian, R. Di Salvo,

Dettagli

Integratori alimentari a base di probiotici: Linee Guida Italiane

Integratori alimentari a base di probiotici: Linee Guida Italiane Integratori alimentari a base di probiotici: Linee Guida Italiane Alfonsina Fiore DSPVSA Reparto Pericoli Microbiologici Connessi agli Alimenti Istituto Superiore di Sanità Convegno INTEGRATORI ALIMENTARI:

Dettagli

LA CASEIFICAZIONE IN ALPEGGIO

LA CASEIFICAZIONE IN ALPEGGIO LA CASEIFICAZIONE IN ALPEGGIO Katia Stradiotto Tecnico Specialista Qualità Latte e Caseificazione LATTE (AFFIORAMENTO) MATURAZIONE COAGULAZIONE LAVORI IN CALDAIA FASI DI LAVORAZIONE DI UN FORMAGGIO -rottura

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Sede amministrativa: Università degli Studi di Padova

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Sede amministrativa: Università degli Studi di Padova UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Sede amministrativa: Università degli Studi di Padova DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA, PATOLOGIA COMPARATA E IGIENE VETERINARIA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE VETERINARIE

Dettagli

Microrganismi per le produzioni lattiero-casearie

Microrganismi per le produzioni lattiero-casearie APPLIED BIOLOGY AND MICROBIOLOGY IN THE AGRICULTURAL INDUSTRY RESEARCH AND INNOVATION Microrganismi per le produzioni lattiero-casearie Giorgio Giraffa, Domenico Carminati Centro di Ricerca per le Produzioni

Dettagli

CARATTERISTICHE: di zucchero PARTICOLARITA : METODO DI LAVORAZIONE:

CARATTERISTICHE: di zucchero PARTICOLARITA : METODO DI LAVORAZIONE: YOGURT di FATTORIA Latte di vacca, fermenti lattici Il latte, di provenienza aziendale, viene pastorizzato secondo le previsioni della normativa vigente; dopo un'idonea fase di raffreddamento del latte

Dettagli

Biodiversità batterica in latti destinati alla produzione di formaggi nostrani trentini

Biodiversità batterica in latti destinati alla produzione di formaggi nostrani trentini Biodiversità batterica in latti destinati alla produzione di formaggi nostrani trentini Franciosi E., Schiavon S., Poznanski E., Cavazza A. Unità Operativa Tecnologie Alimentari e Microbiologia, Istituto

Dettagli

patologie veicolate da alimenti e difese dell organismo Difese immunitarie Microorganismi commensali

patologie veicolate da alimenti e difese dell organismo Difese immunitarie Microorganismi commensali patologie veicolate da alimenti e difese dell organismo Difese immunitarie Microorganismi commensali Principali funzioni della flora batterica Sintesi di vitamine e aminoacidi Degradazione degli amidi

Dettagli

Easiyo: 12 sacchetti per 12kg di yogurt: frutti rossi, greco e misti

Easiyo: 12 sacchetti per 12kg di yogurt: frutti rossi, greco e misti Easiyo: 12 sacchetti per 12kg di yogurt: frutti rossi, greco e misti Base per yogurt al gusto di Fragola Peso Netto x 1 Busta 230 g Latte intero e scremato in polvere 61%, emulsionante (lecitina di soia),

Dettagli

Aspetti microbiologici

Aspetti microbiologici Il latte è VIVO... e pure i suoi derivati! Aspetti microbiologici Prof. Luigi Grazia Dipartimento di scienze e tecnologie agroalimentari (DISTAL) 26 marzo 2013 Composizione del latte Costituente % acqua

Dettagli

FILIERA LATTE E FORMAGGI DI CAPRA PROGRAMMA OPERATIVO DI COOPERAZIONE TRANFRONTALIERA ITALIA-SVIZZERA 2007/2013. Le opportunità non hanno confini

FILIERA LATTE E FORMAGGI DI CAPRA PROGRAMMA OPERATIVO DI COOPERAZIONE TRANFRONTALIERA ITALIA-SVIZZERA 2007/2013. Le opportunità non hanno confini opuscolo 17x24formaggio 14-06-2012 9:27 Pagina 1 F.E.S.R. PROGRAMMA OPERATIVO DI COOPERAZIONE TRANFRONTALIERA ITALIA-SVIZZERA 2007/2013 FILIERA LATTE E FORMAGGI DI CAPRA PROGETTO PROALPI VALORI E SAPORI

Dettagli

BATTERI LATTICI NELLA PRODUZIONE VINICOLA. Dr.ssa Marialuisa Callegari Università Cattolica del Sacro Cuore

BATTERI LATTICI NELLA PRODUZIONE VINICOLA. Dr.ssa Marialuisa Callegari Università Cattolica del Sacro Cuore BATTERI LATTICI NELLA PRODUZIONE VINICOLA Fermentazione alcolica Saccharomyces cerevisiae è il lievito responsabile della fermentazione alcolica che corrisponde alla prima reale trasformazione del materiale

Dettagli

FORMAGGIO RDL 15 Ottobre 1925 n. 2033 e RD 261/33 Def inizio ne di legge caseina sostanza grassa del latte Princ

FORMAGGIO RDL 15 Ottobre 1925 n. 2033 e RD 261/33 Def inizio ne di legge caseina sostanza grassa del latte Princ FORMAGGIO RDL 15 Ottobre 1925 n. 2033 e RD 261/33 Prodotto della maturazione della cagliata, ottenuta mediante coagulazione acida o presamica del latte intero, totalmente o parzialmente scremato, o della

Dettagli

http://www.agriok.it/magazine

http://www.agriok.it/magazine Hai scaricato questo articolo dal portale di Filiera AQ LEGGI GRATUITAMENTE ALTRE NOTIZIE SU: http://www.agriok.it/magazine www.agriok.it/notizie ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER www.agriok.it/newsletter

Dettagli

MICROBIOLOGIA DELLE UOVA E DEGLI OVOPRODOTTI

MICROBIOLOGIA DELLE UOVA E DEGLI OVOPRODOTTI MICROBIOLOGIA DELLE UOVA E DEGLI OVOPRODOTTI TERMINOLOGIA MERCEOLOGICA Uova Uova in guscio di gallina, di anatra, di oca, di tacchina, di gallina faraona e di quaglia, adatte al consumo umano o all utilizzazione

Dettagli

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE Roberto Giangiacomo CRA Istituto Sperimentale Lattiero Caseario, Lodi Convegni Qualyfood - CremonaFiere Spa - 27 ottobre 2005 - Dairy.it:

Dettagli

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI. Orario di ricevimento: lunedì 9-11, qualunque altro orario previo contatto telefonico

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI. Orario di ricevimento: lunedì 9-11, qualunque altro orario previo contatto telefonico Pag. 1 di 5 RIFERIMENTI GENERALI Corso di laurea: Scienze e Tecnologie Agroalimentari Curriculum: Tecnologie Agroalimentari Anno di Corso: 2 Semestre: 2 Insegnamento: Microbiologia degli alimenti CFU:

Dettagli

Pediococcus omolattica ac.lattico DL e L(+)

Pediococcus omolattica ac.lattico DL e L(+) FERMENTAZIONE LATTICA Solo le Lactobacillacee producono acido lattico in grande quantità. Morfologicamente le Lactobacillacee si presentano sotto la forma di diplococchi, tetracocchi, streptococchi e bastoncelli,

Dettagli

I formaggi tradizionali: potenziale fonte di probiotici. Cinzia Caggia - Cinzia Lucia Randazzo

I formaggi tradizionali: potenziale fonte di probiotici. Cinzia Caggia - Cinzia Lucia Randazzo I formaggi tradizionali: potenziale fonte di probiotici Cinzia Caggia - Cinzia Lucia Randazzo Negli ultimi anni i consumatori si rivolgono sempre più ad alimenti ottenuti a livello locale la cui immagine

Dettagli

Petrifilm. Piastre per il conteggio dei Coliformi. Guida all'interpretazione

Petrifilm. Piastre per il conteggio dei Coliformi. Guida all'interpretazione Guida all'interpretazione Petrifilm Piastre per il conteggio dei Coliformi La presente guida serve per familiarizzare con i risultati delle piastre M Petriflm per il conteggio Coliformi (CC). Per ulteriori

Dettagli

1.1 CARATTERISTICHE GENERALI DEI BATTERI LATTICI

1.1 CARATTERISTICHE GENERALI DEI BATTERI LATTICI 1.1 CARATTERISTICHE GENERALI DEI BATTERI LATTICI I batteri che producono acido lattico appartengono a diversi generi e per questo vengono definiti proprio in base al loro metabolismo: i batteri lattici

Dettagli

Tecnologie innovative non termiche: effetti sulla decontaminazione, shelflife e proprietà funzionali degli alimenti

Tecnologie innovative non termiche: effetti sulla decontaminazione, shelflife e proprietà funzionali degli alimenti Tecnologie innovative non termiche: effetti sulla decontaminazione, shelflife e proprietà funzionali degli alimenti M. Elisabetta Guerzoni Parma 30 Ottobre 2009 L industria richiede soluzioni innovazione

Dettagli

E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9

E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9 E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9 MATRICE PROVA METODO Campionamento Latte e lattiero Latte e lattiero Alimenti zootecnici Alimenti zootecnici Preparazione campione per l'analisi

Dettagli

N Matrice Prova Metodo

N Matrice Prova Metodo E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9 Campionamento Latte e lattiero Latte e lattiero Alimenti zootecnici Alimenti zootecnici Preparazione campione per l'analisi microbiologica Preparazione

Dettagli

BURRO. Produzione. Estrazione della crema dal latte (3.5 40%); E un concentrato della frazione lipidica del latte

BURRO. Produzione. Estrazione della crema dal latte (3.5 40%); E un concentrato della frazione lipidica del latte BURRO Burro: Prodotto ottenuto dalla crema ricavata dal latte o dal siero di latte di vacca, nonché dalla miscela dei due indicati prodotti che risponde ai requisiti chimici, fisici ed organolettici (L1526/56

Dettagli

Ecosistemi microbici complessi e loro evoluzione nei prodotti caseari

Ecosistemi microbici complessi e loro evoluzione nei prodotti caseari Ecosistemi microbici complessi e loro evoluzione nei prodotti caseari Monica Gatti Laboratorio Microbiologia degli Alimenti Facoltà di Agraria Università degli Studi di Parma Tranne alcune eccezioni, il

Dettagli

Qualità degli insilati aziendali: problematiche di gestione degli insilati di mais e di foraggere prative

Qualità degli insilati aziendali: problematiche di gestione degli insilati di mais e di foraggere prative Qualità degli insilati aziendali: problematiche di gestione degli insilati di mais e di foraggere prative Giorgio Borreani Dip. di Agronomia, Selvicoltura e Gestione del Territorio Università di Torino

Dettagli

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo Microbiologia predittiva Possibili utilizzi nell attività di controllo ufficiale degli Operatori del Settore Alimentare Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Dettagli

Prodotti lattiero-caseari funzionalizzati: tecnologia e caratteristiche ZEPPA G. Università degli Studi di Torino

Prodotti lattiero-caseari funzionalizzati: tecnologia e caratteristiche ZEPPA G. Università degli Studi di Torino Prodotti lattiero-caseari funzionalizzati: tecnologia e caratteristiche ZEPPA G. Università degli Studi di Torino Batteri «probiotici» «Arricchiti» Zeppa G. Università degli Studi di Torino Batteri

Dettagli

EPS. β-d-glucani. Esopolisaccardi (EPS) da batteri lattici. trisaccaridi (Lactobacillus) tetrasaccaridi (Lactobacillus,

EPS. β-d-glucani. Esopolisaccardi (EPS) da batteri lattici. trisaccaridi (Lactobacillus) tetrasaccaridi (Lactobacillus, Esopolisaccardi (EPS) da batteri lattici I polimeri a lunga catena e di elevato peso molecolare che disciolti o dispersi in acqua determinano un aumento della viscosità o la formazione di un gel sono fondamentale

Dettagli

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque 1 Acque reflue - acque di scolo di origine domestica o industriale che non possono essere smaltite in laghi o torrenti senza una preventiva depurazione

Dettagli

Valido dal 02 Marzo 2009. Rev. 1.0

Valido dal 02 Marzo 2009. Rev. 1.0 1 I N D U S T R I A L M I C R O B I O L O G Y LINEA NUTRIENT PETRI AGAR (NPA) Valido dal 02 Marzo 2009 Rev. 1.0 LICKSON S.r.l. Uffici Amm.vi e stabilimento: S.S. 189 (PA-AG) - C.da Pettineo, 90020 VICARI

Dettagli

Cenni di Microbiologia degli alimenti!

Cenni di Microbiologia degli alimenti! Cenni di Microbiologia degli alimenti! Prof.ssa Olimpia Pepe Dipartimento di Agraria Sezione di Microbiologia OBIETTIVI DELLA MICROBIOLOGIA DEGLI ALIMENTI Conoscenze sul ruolo svolto dai microrganismi

Dettagli

Cenni di Microbiologia degli alimenti

Cenni di Microbiologia degli alimenti Cenni di Microbiologia degli alimenti Prof.ssa Dipartimento di Scienza degli Alimenti Sezione di Microbiologia Agraria, Alimentare, Industriale e di Igiene OBIETTIVI DELLA MICROBIOLOGIA DEGLI ALIMENTI

Dettagli

I processi di preparazione industriale degli starter autoctoni

I processi di preparazione industriale degli starter autoctoni 10/1/2013 Valorizzazione tecnologica dei microrganismi autoctoni del formaggio Silter I processi di preparazione industriale degli starter autoctoni Lunedì 30 settembre 2013 Università della Montagna Edolo

Dettagli

Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra

Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra A. Formigoni e A. Palmonari andrea.formigoni@unibo.it Impianti di Biogas 8 InfoBiogas- Montichiari (Bs) 19-1- 2012 Obiettivi dei gestori

Dettagli

INFLUENZA DELL ANIDRIDE CARBONICA SULLA VITALITÀ DI STREPTOCOCCUS THERMOPHILUS E LACTOBACILLUS DELBRUECKII SUBSP. BULGARICUS NELLO YOGURT

INFLUENZA DELL ANIDRIDE CARBONICA SULLA VITALITÀ DI STREPTOCOCCUS THERMOPHILUS E LACTOBACILLUS DELBRUECKII SUBSP. BULGARICUS NELLO YOGURT INFLUENZA DELL ANIDRIDE CARBONICA SULLA VITALITÀ DI STREPTOCOCCUS THERMOPHILUS E LACTOBACILLUS DELBRUECKII SUBSP. BULGARICUS NELLO YOGURT INFLUENCE OF CARBON DIOXIDE ON STREPTOCOCCUS THERMOPHILUS AND LACTOBACILLUS

Dettagli

INDICE. SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - La produzione dello yogurt - Le caratteristiche dello yogurt - Divertiti imparando - 2

INDICE. SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - La produzione dello yogurt - Le caratteristiche dello yogurt - Divertiti imparando - 2 INDICE 1. Cos è lo yogurt? 2. Quali sono le sue caratteristiche? 3. Come si produce lo yogurt? 4. Che origini storiche ha lo yogurt? 5. In che modo è utile per l organismo? SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI:

Dettagli

NUTRIZIONE MICROBICA. Riproduzione ed accrescimento CONDIZIONI AMBIENTALI PER CRESCERE TERRENO COLTURALE DEVONO TROVARE MICRORGANISMI RIPRODURSI

NUTRIZIONE MICROBICA. Riproduzione ed accrescimento CONDIZIONI AMBIENTALI PER CRESCERE TERRENO COLTURALE DEVONO TROVARE MICRORGANISMI RIPRODURSI NUTRIZIONE MICROBICA Riproduzione ed accrescimento PER CRESCERE CONDIZIONI AMBIENTALI MICRORGANISMI DEVONO TROVARE TERRENO COLTURALE RIPRODURSI NUTRILITI METABOLISMO NATURA Colture pure e caratteri colturali

Dettagli

Tecnologia e caratterizzazione dei prodotti lattiero-caseari Parte 3 La panna, il burro, lo yogurt. ZEPPA G. Università degli Studi di Torino

Tecnologia e caratterizzazione dei prodotti lattiero-caseari Parte 3 La panna, il burro, lo yogurt. ZEPPA G. Università degli Studi di Torino Tecnologia e caratterizzazione dei prodotti lattiero-caseari Parte 3 La panna, il burro, lo yogurt ZEPPA G. Università degli Studi di Torino LATTE ALIMENTARE LATTE CRUDO DERIVATI DEL LATTE LATTE PASTORIZZATO

Dettagli

Latte e prodotti lattiero caseari

Latte e prodotti lattiero caseari Latte e prodotti lattiero caseari Il latte rappresenta il primo alimento per l uomo e, per le sue caratteristiche nutrizionali comprese quelle dei suoi derivati si conferma come uno dei prodotti fondamentali

Dettagli

"I microrganismi nei prodotti tipici; ruolo e potenziale effetto di innovazioni di prodotto e processo"

I microrganismi nei prodotti tipici; ruolo e potenziale effetto di innovazioni di prodotto e processo "I microrganismi nei prodotti tipici; ruolo e potenziale effetto di innovazioni di prodotto e processo" CONVEGNO Evoluzione dei Prodotti Tipici e Tradizionali: quali innovazioni di prodotto/processo per

Dettagli

PROGETTO FERMALGA : SALVAGUARDIA DELLA BIODIVERSITA E DELLA TIPICITA NELLE PRODUZIONI CASEARIE DELLE MALGHE TRENTINE

PROGETTO FERMALGA : SALVAGUARDIA DELLA BIODIVERSITA E DELLA TIPICITA NELLE PRODUZIONI CASEARIE DELLE MALGHE TRENTINE PROGETTO FERMALGA : SALVAGUARDIA DELLA BIODIVERSITA E DELLA TIPICITA NELLE PRODUZIONI CASEARIE DELLE MALGHE TRENTINE Carafa I. 1, Gubert F. 2, Schiavon S. 2, Tuohy K. 1, Pecile A. 2, Franciosi E. 1 1 CENTRO

Dettagli

Caseificazione in allevamento di montagna. Batteri lattici per produzioni casearie di eccellenza.

Caseificazione in allevamento di montagna. Batteri lattici per produzioni casearie di eccellenza. Caseificazione in allevamento di montagna. Batteri lattici per produzioni casearie di eccellenza. Cremona, 26 ottobre 2013 Milena Brasca CNR- Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari Milano Premessa

Dettagli

Alterazioni della flora intestinale?

Alterazioni della flora intestinale? Alterazioni della flora intestinale? Una gamma di prodotti per una microflora intestinale bilanciata ed efficiente. Qualità, Efficacia, Garanzia. Think Green. Live Green. PER IL MANTENIMENTO DI UN INTESTINO

Dettagli

www.regione.lombardia.it Bitto e valtellina casera DOP: tipicità e innovazione

www.regione.lombardia.it Bitto e valtellina casera DOP: tipicità e innovazione www.regione.lombardia.it Bitto e valtellina casera DOP: tipicità e innovazione Quaderni della ricerca N. 132 - Giugno 2011 Sperimentazione condotta nell ambito del progetto di ricerca I formaggi DOP valtellinesi:

Dettagli

Integratori alimentari a base di probiotici: considerazioni generali ed aspetti microbiologici. Alfonsina Fiore Istituto Superiore di Sanità DSPVSA

Integratori alimentari a base di probiotici: considerazioni generali ed aspetti microbiologici. Alfonsina Fiore Istituto Superiore di Sanità DSPVSA Integratori alimentari a base di probiotici: considerazioni generali ed aspetti microbiologici Alfonsina Fiore Istituto Superiore di Sanità DSPVSA Corso I CONTROLLI PER I NOVEL FOOD 11 e 12 aprile 2013

Dettagli

Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori

Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori Andrea Formigoni andrea.formigoni@unibo.it 7 INFOBIOGAS Montichiari - 28 gennaio 2011 Cos è la fibra? Costituenti

Dettagli

"Utilizzazione di flore microbiche selezionate per la produzione di latti fermentati con effetto probiotico"

Utilizzazione di flore microbiche selezionate per la produzione di latti fermentati con effetto probiotico Dagli atti del convegno AITA Probiotici: scienza ed applicazioni industriali Milano, 6 giugno 1996 "Utilizzazione di flore microbiche selezionate per la produzione di latti fermentati con effetto probiotico"

Dettagli

bevanda al sapore di cappuccino bevanda al sapore di cappuccino euro 15,00 prezzo al pubblico consigliato 102 g

bevanda al sapore di cappuccino bevanda al sapore di cappuccino euro 15,00 prezzo al pubblico consigliato 102 g bevanda cappuccino Aggiungere una busta Zero a 250 ml d acqua e mescolare fino al completo scioglimento. Si può consumare subito o riscaldare a fuoco lento o in forno ventilato fino alla consistenza desiderata.

Dettagli

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo?

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo? Convegno: Le nuove frontiere della trasformazione del siero del latte: da costo a valore aggiunto Milano, 2 dicembre 2012 Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è

Dettagli

Terreni di coltura. Fonti di azoto e fosforo. Classificazione in base alla complessità. Sostanze di base nella composizione dei terreni

Terreni di coltura. Fonti di azoto e fosforo. Classificazione in base alla complessità. Sostanze di base nella composizione dei terreni Classificazione in base alla complessità Terreni di coltura Substrati semplici o a composizione definita: la composizione è perfettamente nota. Sono adatti a microrganismi con esigenze nutrizionali semplici

Dettagli

Appunti del modulo di tecnologia enologica

Appunti del modulo di tecnologia enologica Appunti del modulo di tecnologia enologica Difetti ed alterazioni ZEPPA G. Università degli Studi di Torino Alterazioni dei vini (meglio prevenire che curare.!!) Zeppa G. Università degli Studi di Torino

Dettagli

YOGURT INTERO NATURALE

YOGURT INTERO NATURALE YOGURT INTERO NATURALE Prodotto artigianalmente e confezionato dal Caseificio Montoso di Turina Osvaldo Bagnolo Piemonte (CN) Ingredienti: latte, fermenti lattici vivi (lactobacillus bulgaricus, streptococcus

Dettagli

I risultati della ricerca corrente condotta dall Istituto Zooprofilattico dell Abruzzo e del Molise «G. Caporale» Anno 2014

I risultati della ricerca corrente condotta dall Istituto Zooprofilattico dell Abruzzo e del Molise «G. Caporale» Anno 2014 I risultati della ricerca corrente condotta dall Istituto Zooprofilattico dell Abruzzo e del Molise «G. Caporale» Anno 214 «Studio della flora autoctona in alcuni prodotti lattiero caseari molisani» Teramo,

Dettagli

Set 9 sacchetti: greco e cocco, frutti gialli e selez. classica

Set 9 sacchetti: greco e cocco, frutti gialli e selez. classica Set 9 sacchetti: greco e cocco, frutti gialli e selez. classica Base per yogurt al gusto di cocco e tipo Greco Yogurt n Bits Peso Netto x 3 Buste 720g INGREDIENTI: latte vaccino intero pastorizzato in

Dettagli

BATTERI LATTICI MESOFILI E PARMIGIANO-REGGIANO

BATTERI LATTICI MESOFILI E PARMIGIANO-REGGIANO Opuscolo C.R.P.A. 3.40 - N. 6/2011 (spedito nel maggio 2011) ISSN 0393-5094 C.R.P.A. NOTIZIE - C.so Garibaldi, 42 - REGGIO EMILIA - Periodico mensile - Autorizzazione del Tribunale di Reggio Emilia n.

Dettagli

Applicazione delle biotecnologie alla produzione di alimenti. C. MAZZONI/BiotecnologieMicrobiche07

Applicazione delle biotecnologie alla produzione di alimenti. C. MAZZONI/BiotecnologieMicrobiche07 Applicazione delle biotecnologie alla produzione di alimenti 07 2 Prodotti da forno 3 Produzione commerciale di S.cerevisiae Ultimo inoculo: circa 20% del volume finale Gli zuccheri devono avere una concentrazione

Dettagli

Dipartmento di Genetica e Biologia dei microrganismi

Dipartmento di Genetica e Biologia dei microrganismi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dipartmento di Genetica e Biologia dei microrganismi Sezione di Microbiologi degli alimenti latte formaggio modificazioni biochimiche associate all attività metabolica di

Dettagli

FORMAGGI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE

FORMAGGI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO FORMAGGI DELLA TUSCIA VITERBESE Aprile 2012 Disposizioni generali Il presente Regolamento riporta le norme e le procedure necessarie per

Dettagli

Batteri lattici nella produzione di formaggi. Dr.ssa Marialuisa Callegari Università Cattolica del Sacro Cuore

Batteri lattici nella produzione di formaggi. Dr.ssa Marialuisa Callegari Università Cattolica del Sacro Cuore Batteri lattici nella produzione di formaggi FORMAGGIO... si può definire come il prodotto della maturazione della "cagliata" ottenuta con la coagulazione presamica o acida del latte intero o del latte

Dettagli

IGIENE DELL INSILATO: HACCP

IGIENE DELL INSILATO: HACCP IGIENE DELL INSILATO: HACCP NOTE: Abbreviazioni: A w = acqua libera; LAB (Lactic Acid Bacteria) = fermenti lattici; PT = potere tampone; SS = sostanza secca; UFC = unità formanti colonia; ZS = zuccheri

Dettagli

LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani

LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani Fattori: Impossibile competere sul prezzo Diversa scelta del target dei consumatori Conosciamo gli alimenti che consumiamo? Vincenzo

Dettagli

Valorizzazione tecnologica dei microrganismi autoctoni dei formaggi tradizionali lombardi

Valorizzazione tecnologica dei microrganismi autoctoni dei formaggi tradizionali lombardi Valorizzazione tecnologica dei microrganismi autoctoni dei formaggi tradizionali lombardi Morandi S., Brasca M., De Noni I. CNR Istituto di Scienze delle Produzioni alimentari (CNR-ISPA), Milano Dipartimento

Dettagli

Francesca Clementi

Francesca Clementi Giornata di Studio Il ruolo strategico delle Biobanche quale riserva di Biodiversità di Interesse Naturalistico e Biotecnologico Trevi (PG) 7/12/2012 Importanza della biodiversità dei microrganismi pro-tecnologici

Dettagli

Tecnologia lattiero-casearia

Tecnologia lattiero-casearia Corso di Laurea Magistrale in Biosicurezza e qualità degli alimenti Tecnologie alimentari: Tecnologia lattiero-casearia Il processo di caseificazione: l azione tecnologica degli starter lattici Dott.ssa

Dettagli

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte alimentare Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte crudo per essere ammesso all'alimentazione umana non condizionata deve provenire: da allevamenti ufficialmente indenni

Dettagli

Principali microrganismi coinvolti in processi alimentari

Principali microrganismi coinvolti in processi alimentari Principali microrganismi coinvolti in processi alimentari Batteri procarioti Lieviti Muffe eucarioti Lactobacillus Leuconostoc Pediococcus Streptococcus Lactococcus Aerococcus Tetragenococcus Oenococcus

Dettagli

Aspetti microbiologici e tecnologici dei formaggi D.O.P. a pasta cotta da latte bovino Prof. Luigi Grazia

Aspetti microbiologici e tecnologici dei formaggi D.O.P. a pasta cotta da latte bovino Prof. Luigi Grazia Transizione & filiera del latte: sanità animale, uso del farmaco veterinario e tutela del formaggio 18 marzo 2016 Aspetti microbiologici e tecnologici dei formaggi D.O.P. a pasta cotta da latte bovino

Dettagli

Shelf life e Listeria monocytogenes: aspetti sanitari e regolamentari

Shelf life e Listeria monocytogenes: aspetti sanitari e regolamentari Dipartimento di Scienze e tecnologie alimentari e microbiologiche Shelf life e Listeria monocytogenes: aspetti sanitari e regolamentari Listeria: tassonomia Bastoncini Gram positivi, asporigeni, catalasi

Dettagli

CASEIFICAZIONE. Informazione&Zootecnia

CASEIFICAZIONE. Informazione&Zootecnia ARA Umbria Informazione&Zootecnia: CASEIFICAZIONE ARA UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA CASEIFICAZIONE IL FORMAGGIO, BREVE STORIA A.R.A. Umbria Associazione Regionale Allevatori dell Umbria SEDE LEGALE ED

Dettagli

I BATTERI Dott.ssa Selene Marozzi Nel 1700 Leeuwenhoek, utilizzando un microscopio rudimentale, osservò per la prima volta, in una goccia di acqua, migliaia di piccoli organismi Batteri I BATTERI Ubiquitari

Dettagli

aggregati di macromolecole dato virus contiene un solo tipo di acido nucleico (DNA o RNA)

aggregati di macromolecole dato virus contiene un solo tipo di acido nucleico (DNA o RNA) Virus Virus Non sono classificati fra gli organismi viventi in quanto non sono cellule, bensì aggregati di macromolecole (acidi nucleici, proteine, talvolta rivestite da membrana fosfolipidica) Non possono

Dettagli

La vera storia dei terreni di coltura e della microbiologia moderna comincia con. Robert Koch (1843-1910)

La vera storia dei terreni di coltura e della microbiologia moderna comincia con. Robert Koch (1843-1910) La vera storia dei terreni di coltura e della microbiologia moderna comincia con Robert Koch (1843-1910) Autore della teoria del germe (un germe una malattia) Autore dei celeberrimi postulati Scoprì la

Dettagli

LA STRUTTURA OPERATIVA DEL PROGETTO IL PROGETTO DI RICERCA

LA STRUTTURA OPERATIVA DEL PROGETTO IL PROGETTO DI RICERCA IL PROGETTO DI RICERCA Il progetto Applicazione di biotecnologie molecolari e microrganismi protecnologici per la caratterizzazione e valorizzazione delle filiere lattiero-casearia e prodotti da forno

Dettagli

FERMENTATION: The typical sugar fermentation pathways diverge at pyruvate (the Embden Meyerhof pathway end product).

FERMENTATION: The typical sugar fermentation pathways diverge at pyruvate (the Embden Meyerhof pathway end product). FERMENTATION: Organic compounds serve as both the electron donors and acceptors (mostly acceptors). C, H, and O must balance. Any energy for ATP formation must be derived from the oxidation of COH or C=O

Dettagli

Autocontrollo nella filiera lattiero-casearia: aspetti generali

Autocontrollo nella filiera lattiero-casearia: aspetti generali Autocontrollo nella filiera lattiero-casearia: aspetti generali Dr. Pasquale Albano, con la collaborazione della Dr. Donatella Laganà Autocontrollo: risorsa occupazionale? Sepino (CB), 30 ottobre 2010

Dettagli

IL LATTE La composizione del latte varia a seconda dell animale che lo produce

IL LATTE La composizione del latte varia a seconda dell animale che lo produce IL LATTE È il prodotto della secrezione delle ghiandole mammarie delle femmine dei mammiferi e rappresenta l unico ed il più idoneo alimento per il lattante Latte (Definizione legale) Il prodotto ottenuto

Dettagli

MICROBIOLOGIA CASEARIA. ERSAF Ente regionale per i servizi all agricoltura e alle foreste

MICROBIOLOGIA CASEARIA. ERSAF Ente regionale per i servizi all agricoltura e alle foreste MICROBIOLOGIA CASEARIA ERSAF Ente regionale per i servizi all agricoltura e alle foreste 1 Microbiologia scienza che studia i microrganismi, esseri viventi così piccoli da non essere visibili ad occhio

Dettagli

ASPETTI BIOTECNOLOGICI DELL AVVIAMENTO DI IMPIANTI DI BIOGAS

ASPETTI BIOTECNOLOGICI DELL AVVIAMENTO DI IMPIANTI DI BIOGAS Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria ASPETTI BIOTECNOLOGICI DELL AVVIAMENTO DI IMPIANTI DI BIOGAS Giacomo Bucchi Master in Gestione delle biomasse e dei processi

Dettagli

Produzioni biotecnologiche agroalimentari: Latti fermentati e Probiotici

Produzioni biotecnologiche agroalimentari: Latti fermentati e Probiotici Produzioni biotecnologiche agroalimentari: Latti fermentati e Probiotici Il Latte alimentare Prodotto della mungitura regolare, ininterrotta e completa della mammella di animali in buono stato di salute

Dettagli