Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1

2

3 3

4

5 5

6

7 7

8

9 9

10

11

12

13 1. IL CONTESTO GLOBALE E IL CREDITO COOPERATIVO Signori Soci, il 2014 sarà ricordato come l anno di uscita dalla crisi. La ripresa ormai si intravede ed anche se la spinta non è molto forte, si può dire che la congiuntura negativa è alle nostre spalle. In passato abbiamo più volte affermato che quello che conta è la tendenza. La crescita è pur vero timida, ma alcuni indicatori, come l indice di fiducia delle famiglie in aumento e la diminuzione della disoccupazione, sono segnali positivi che, accompagnati dai provvedimenti di politica monetaria messi in cantiere dalla Bce, daranno impulso all economia italiana ed al mercato dell Eurozona. Di solito alla politica monetaria viene affiancata una politica fiscale. Il Governo Renzi ha più volte affermato di voler ridurre la pressione fiscale, di essere intenzionato a realizzare le riforme indispensabili al Paese, come quella del Lavoro e della Pubblica amministrazione. Solo quando questi provvedimenti migliorativi entreranno in vigore si potrà realizzare un forte sviluppo economico, ed un rafforzamento dello slancio espansivo. Tra i fattori che hanno contribuito alla debolezza economica europea ed internazionale nel corso del 2014 vanno ricordati: la tensione Russia - Ucraina, la situazione in Medio Oriente, le continue minacce provenienti dall Isis e la Crisi greca. Si è poi registrato il crollo del prezzo del petrolio, sceso a fine dicembre a 50 dollari il barile (praticamente dimezzato rispetto a dicembre 2013) ed il deprezzamento dell euro rispetto al dollaro Usa. Se questi effetti continueranno nel 2015, si avranno miglioramenti significativi nella bilancia dei pagamenti dei singoli stati europei e ci sarà una forte ripresa economica. La crescente liquidità, il cambio favorevole, l inflazione bassa ed il petrolio a buon mercato costituiscono l indispensabile propellente di un occasione che non si ripresenterà, anche perché l ombrello della BCE potrebbe chiudersi a ottobre del Signori soci, l anno 2014, per la nostra Bcc, è sicuramente un anno che andrà ricordato per l utile prodotto ( euro), il più alto della nostra storia, e anche se alla sua formazione ha contribuito quasi esclusivamente la gestione finanziaria piuttosto che quella caratteristica è pur sempre un dato importante soprattutto se accompagnato dalle rettifiche sui crediti operate per euro che permettono di portare il grado di copertura delle sofferenze al 57% e degli incagli al 21%. Le sofferenze lorde e gli incagli lordi restano fondamentalmente stabili. La differenza rispetto al 2013, in valore assoluto è di euro 245 mila in più per le sofferenze (cresciute per effetto del calcolo degli interessi) e di euro 596 mila in meno per gli incagli. Questi dati, che dimostrano il rafforzamento della banca nel corso del 2014 ci portano però a fare delle riflessioni sui crediti concessi alla clientela, scesi da a , in un contesto di debolezza della domanda di credito confermata anche per i primi mesi del A preoccupare è anche l elevato indebitamento delle famiglie e delle imprese. Quelle legate al settore edilizio hanno maggiori difficoltà, mentre per anni hanno rappresentato il riferimento per tutta l economia del territorio che ormai non cresce e non attrae più popolazione proveniente dalle vicine zone montane. Le aziende agricole caratterizzate prevalentemente da produzione di agrumi e olive hanno conosciuto una crisi che non si verificava da diverso tempo. 13

14 Il settore olivicolo ha avuto, nella campagna 2014/2015, una completa assenza di produzione, il prezzo dell olio si è più che raddoppiato ma il prodotto era quasi inesistente, mentre il settore agrumicolo è stato colpito dalla gelatura che ha reso inservibile il prodotto. Si spera che la prossima campagna sia fondamentalmente diversa anche perchè le aspettative sono buone. Il comprensorio Squillace Montepaone- Soverato, che ha conosciuto in passato un forte sviluppo urbano e turistico, ora non ha più la vivacità del passato ed i comuni della zona faticano sempre di più a garantire i servizi essenziali. Diversi di loro sono assoggettati a gestioni commissariali legate a situazioni di dissesto o predissesto. In questo scenario è importante continuare a diminuire i costi operativi, scesi anche nel 2014, di ulteriori euro (per il cui dettaglio si rinvia alla Nota Integrativa). In questa ottica il Cda vi propone di ridurre di due unità (da 9 a 7) il numero dei suoi componenti. Anche quest anno è diminuito il numero delle Bcc calabresi per effetto di commissariamenti in corso e di alcune aggregazioni tra banche. A fine dicembre se ne contavano 8 rispetto alle 12 del 2013 ed alle 36 dell anno della nostra nascita. Il Movimento sta vivendo un periodo particolare. Il Decreto legge del 24 gennaio 2015 n.3 ha riformato le Banche Popolari ma non ha toccato le Bcc alle quali è stata data la possibilità di predisporre un progetto di autoriforma. Con l entrata della Vigilanza unica è necessario apportare dei cambiamenti che rispondano alle nuove esigenze normative europee. L Autoriforma dovrebbe prevedere un contratto di dominio da stipulare tra le Bcc e le banche di secondo livello. Questa adesione lascia spazio a molte perplessità ed è sicuramente anacronistico il fatto che si cerchi di invogliare l afflusso di capitali esterni in delle cooperative in cui il voto è capitario, l utile in genere non viene quasi mai distribuito tra i soci e in caso di scioglimento il patrimonio va devoluto in beneficenza. Si spera che la riforma non snaturi lo spirito con cui queste piccole banche sono nate e si sono sviluppate, il cui modello dimostra ancora oggi di rappresentare un esperienza attuale ed efficace. 1.2 Il conseguimento degli scopi statutari Criteri seguiti nella gestione sociale per il conseguimento dello scopo mutualistico della società cooperativa ai sensi dell art. 2 L. 59/92 e dell art c. c. Prima di illustrare l andamento della gestione aziendale, vengono indicati, ai sensi dell art c.c. i criteri seguiti nella gestione sociale per il conseguimento dello scopo mutualistico, ripresi anche dall art.2 della Legge n.59/92. - Collegamento con la base sociale e con i membri delle comunità locali La Bcc, per favorire lo sviluppo di solide relazioni con le comunità locali, pone particolare attenzione ai rapporti con i Comuni e le Istituzioni operanti sul territorio. A tal proposito, ricordiamo che, ad oggi, curiamo il servizio di tesoreria per i Comuni di: Montepaone, Montauro, Gasperina, Argusto, Badolato, Soverato ed Unione dei Comuni del Versante Ionico. Nel contempo, svolgiamo servizio di cassa per il Gal delle Serre Calabresi, per l STL dell Alta Locride, per l Istituto Comprensivo di Davoli. Come noto, abbiamo redatto un Progetto Soci che contempla svariate iniziative tendenti a migliorare le condizioni sociali dei nostri Associati, favorendo la creazione di svariati strumenti a ciò finalizzati. Il Progetto, dopo una prima fase di avvio, è stato arricchito con ulteriori iniziative ed è stato racchiuso e ricapitolato nel brend Io???... Sono Socio!!!. Nel corso dei futuri esercizi, saranno perseguite specifiche iniziative tendenti a favorire il ricambio generazionale della compagine sociale. 14

15 - Collegamento con l'economia locale e impegno per il suo sviluppo Significativo è lo sforzo che la banca compie in termini di relazioni con le amministrazioni pubbliche locali, alle quali viene offerto prevalentemente il servizio di tesoreria, a testimonianza della volontà di entrare in sinergia con il territorio. In un contesto contrassegnato da difficoltà di mercato, la Banca persegue, per il tramite delle filiali e dell intera struttura operativa, il continuo contatto con l economia del territorio, anche mediante specifici incontri con gli operatori del luogo. 1.3 Sviluppo dell'idea cooperativa e collegamento con le altre componenti del movimento Nell ottica di favorire lo sviluppo della cooperazione sociale, la banca sostiene l attività di varie cooperative collegate al Progetto Laboratorio Sud, mettendo a loro disposizione le necessarie risorse finanziare e la consulenza della Direzione Generale. E forte il legame con le altre realtà del movimento cooperativo. - Sviluppo dell'impresa cooperativa e principi mutualistici La Bcc di Montepaone si pone nei confronti del territorio in cui opera con attenzione, nel tentativo imprenditoriale di dare risposte alle imprese ed alle famiglie che vi operano. L obiettivo prioritario è quello di creare, mediante la propria azione, valore aggiunto per il territorio, assicurando il sostegno creditizio alle imprese e alle famiglie e migliorando la complessiva situazione di contesto in cui operano i diversi attori coinvolti nello sviluppo economico e sociale del nostro territorio. Lavoriamo per una finanza responsabile, gestita e orientata al bene comune. Attenta a dove investe il risparmio. Governata da persone in grado di interpretare i valori nelle decisioni ed essere di esempio. Lavoriamo per una finanza attenta ai bisogni delle famiglie, delle imprese, degli enti nonprofit, delle Amministrazioni locali. Capace di guardare oltre se stessa e di dare un senso alle proprie scelte. La finanza che vogliamo è una finanza di comunità, personalizzata e personalizzante. Se fa crescere le comunità, i territori e le economie locali, la finanza diventa essa stessa "attrice" di sviluppo. Lavoriamo per una finanza che renda capaci di gestire il denaro con discernimento e consapevolezza, nelle diverse fasi della vita. Che accompagni con giusti consigli i processi di risparmio, indebitamento, investimento, spesa, protezione dai rischi, previdenza. Che educhi a guadagnare e a gestire il denaro nel rispetto della legalità e del bene comune. Lavoriamo per una finanza plurale, nella quale abbiano cittadinanza e uguali opportunità soggetti diversi per dimensione, forma giuridica, obiettivi d'impresa. La diversità è ricchezza, consente di essere "complemento" rispetto alle esigenze delle persone. Garantisce migliore stabilità e una maggiore, effettiva concorrenza a beneficio del mercato stesso e dei clienti. Lavoriamo per una finanza inclusiva, capace di promuovere e abilitare, di integrare persone, famiglie e imprese nei circuiti economici, civili e partecipativi. Lavoriamo per una finanza che non abiti i "templi", ma le piazze. Che parli il linguaggio comune delle persone. Che sia trasparente e comprensibile, ponendo la propria competenza al servizio delle esigenze di chi ha di fronte, sinteticamente e con chiarezza. Lavoriamo per una finanza non autoreferenziale, ma al servizio. Non padrona, ma ancella. Non fine ultimo, ma strumento. Per consentire alle persone di raggiungere i propri obiettivi di crescita individuale e collettiva di affrancarsi da destini apparentemente segnati, di mettere a fattor comune le proprie capacità di esperienze. Lavoriamo per una finanza capace di riconoscere il merito, di valutarlo e di dargli fiducia. Anche oltre i numeri, le procedure standard, gli automatismi. In grado di innescare processi virtuosi di sviluppo e di generare emulazione positiva. 15

16 Lavoriamo per una finanza che si impegni a migliorare la propria offerta ed i propri processi di lavoro con il fine di garantire sempre maggiore convenienza ai propri clienti. Che sia in grado di accompagnare e sostenere progetti di vita, sfide imprenditoriali e processi di crescita complessi. Lavoriamo per una finanza nella quale un numero diffuso di persone abbia potere di parola, di intervento, di decisione. Che sia espressione di democrazia economica. Nel rispetto della più elementare esigenza degli individui: quella di immaginare il futuro e di contribuire fattivamente a realizzarlo. 16

17 2. LA GESTIONE DELLA BANCA: ANDAMENTO DELLA GESTIONE E DINAMICHE DEI PRINCIPALI AGGREGATI DI STATO PATRIMONIALE E DI CONTO ECONOMICO. 2.1 Gli aggregati patrimoniali - L intermediazione con la clientela Al 31 dicembre 2014, le masse complessivamente amministrate per conto della clientela costituite dalla raccolta diretta, amministrata e dal risparmio gestito ammontano a euro 83,7 milioni, evidenziando una diminuzione di euro 1,7 milioni su base annua (- 2,04%). - La raccolta totale della clientela La raccolta diretta sta ad indicare somme depositate dalla clientela che, essendo gestite direttamente dalla Bcc, possono essere oggetto di impiego in prestiti ed aperture di credito a favore della clientela stessa. La raccolta indiretta, invece, configura da parte della banca una attività di prestazione di servizio e genera un flusso reddituale che confluisce tra le commissioni attive. Raccolta Diretta e Indiretta variazione assoluta % Raccolta diretta ,43 Raccolta indiretta ,56 di cui : Risparmio amministrato ,71 Risparmio gestito ,98 Totale Raccolta diretta ed indiretta ,04 La variazione rispetto a dicembre 2013 deriva dall andamento della raccolta diretta, diminuita del 7,43%, combinato all aumento della raccolta indiretta, cresciuta del 45,56%. Di seguito si evidenzia, sinteticamente, la differenza tra i due aggregati: Aggregato Fonte di approvvigionamento Destinazione finale delle somme raccolte Contributo economico Raccolta Diretta Clientela 2/3 (circa) Prestiti ad Imprese e Famiglie; 1/3 Liquidità Primaria e Secondaria Raccolta Indiretta Clientela Titoli Obbligazionari ed Azionari di Terzi (Titoli dello Stato, Azioni e Corporate Bond) Interessi Passivi ed Interessi Attivi Margine di Interesse Commissioni attive Margine di Intermediazione 17

18 Per effetto delle dinamiche appena delineate, a fine anno il rapporto tra le due componenti della raccolta da clientela è il seguente. COMPOSIZIONE % DELLA RACCOLTA DA CLIENTELA 31/12/ /12/2013 Raccolta diretta 84,87% 89,82% Raccolta indiretta 15,13% 10,18% In argomento, occorre evidenziare che la contrazione della Raccolta diretta è la conseguenza di una precisa strategia adottata al fine di contenere il costo della stessa, nel contesto di un Margine di interesse reso asfittico dallo scarso apporto degli interessi attivi. In altro termini, la Banca ha preferito rinunciare ad una parte di raccolta che non trovava utile impiego tra i prestiti alla clientela e, così facendo, ha favorito un minor peso degli interessi passivi sul risultato economico. Gran parte delle somme sono state spostate, dalla clientela, in forme di raccolta indiretta, spiegandosi così il dato relativo al suo netto incremento. - La raccolta diretta Al 31 dicembre 2014 la raccolta diretta registra un decremento del 13,99% rispetto al Raccolta Diretta variazione assoluta % Conti correnti e Depositi liberi ,28 Depositi vincolati ,08 Pronti c/termine passivi ,60 Certificati di deposito ,03 Obbligazioni ,61 di cui: valutate al fair value* Altri debiti ,00 Totale Raccolta Diretta ,99 Per effetto delle decisioni assunte in materia di costo della raccolta, l aggregato ha registrato una decisa contrazione nell ammontare dei prestiti obbligazionari collocati (passati da 24 a 11 mln di euro), una riduzione dell 8% circa dei certificati di deposito e del 52% sui pronti c/termine passivi. La raccolta in c/c è invece cresciuta di oltre 5 milioni di euro, attestandosi a euro. Il dato si anche alla raccolta da banche, passata da 7,7 a 3,2 mln, per effetto di Obbligazioni rimborsate anticipatamente (1,5 mln) e giunte a naturale scadenza (3 mln). Al 31/12/2014, residuano Prestiti obbligazionari subordinati per 5 mln di euro, di cui 3,2 mln sottoscritti da banche e 1,8 mln sottoscritti da Clientela ordinaria. La raccolta complessivadelle 11 BCC calabresi esistenti alla data del 31 dicembre 2014, si attesta a circa 1,638 miliardi di euro. La raccolta proveniente esclusivamente da clientela ordinaria risulta pari a milioni di euro circa mentre i titoli sottoscritti da banche sono pari a 27,8 milioni di euro circa. 18

19 Il dato del Gruppo Bcc, a livello nazionale, è cresciutodel 4,9% mentre il Sistema bancario ha registrato una flessione dello 0,1% La Raccolta Diretta - Composizione percentuale della raccolta diretta Dall esame della tabella che segue è possibile apprezzare il diverso contributo offerto da ogni singola forma tecnica al totale dei fondi raccolti. Composizione Percentuale 31/12/ /12/2013 della Raccolta Diretta % sul totale % sul totale variazione % Conti correnti e depositi 69,17 52,30 32,27 Pronti c/ termine passivi 2,97 5,28-43,73 Obbligazioni 16,23 31,44-48,38 Certificati di deposito 11,62 10,87 6,93 Altri debiti - 0,11-100,00 Totale Raccolta Diretta La raccolta indiretta da clientela Anche quale conseguenza delle azioni realizzate nel comparto della raccolta diretta, la consistenza dell indiretta è passata da 9,9 mln a 12,7, registrando un incremento del 27,68%.. Raccolta Indiretta variazione assoluta % Fondi comuni di investimento/ Sicav ,98 Gestioni patrimoniali mobiliari Totale risparmio gestito ,98 Risparmio amministrato ,68 Totale raccolta Indiretta ,68 Le quote di Fondi comuni di investimento acquistate dalla clientela sono aumentate di circa il 150% (+ 1,8 mln), ed il Risparmio amministrato accoglie importi complessivi per 9,6 mln, registrando un incremento percentuale del 10,68%. 19

20 - Gli impieghi con la clientela I crediti per cassa con clientela (voce 70 dell attivo) al netto delle rettifiche di valore si attestano al 31 dicembre 2014 a 44,8 milioni di euro, segnando un decremento del 7,22% rispetto al 31 dicembre Nel 2014 la Banca ha continuato a mantenere il suo costante sostegno all economia del territorio di operatività, in particolare alle famiglie e alle piccole imprese in un contesto macroeconomico oggettivamente complesso che denota ancora una rischiosità dell attività creditizia a causa del perdurare delle difficoltà dell economia reale. Impieghi Netti a Clientela variazione assoluta % Conti correnti ,18 Mutui ipotecari / fondiari / chirografari ,33 Altri finanziamenti ed Sbf ,11 Sofferenze ,26 Totale impieghi con clientela ,22 La tabella su esposta evidenzia il diverso contributo delle singole forme tecniche alla composizione del comparto. Sono tutti numeri negativi tra i quali emerge, per positività, la contrazione delle sofferenze nette, valore in diminuzione per effetto delle consistenti svalutazioni operate sul comparto. Gli impieghi lordi della nostra ammontano ad euro , in diminuzione del 3,87% rispetto allo stesso dato 2013 ( ). Gli impieghi lordi a clientela delle BCC calabresi, al 31 dicembre 2014, ammontano a circa milioni di euro, registrando una flessione del 3,2% (circa 37 milioni di euro di diminuzione in valore assoluto), rispetto ai milioni di euro di dicembre Esaminando nel dettaglio la composizione degli stessi, si evidenzia una diminuzione degli impieghi vivi pari al 2,3% (-22 milioni di euro in valore assoluto). Il Sistema Bcc Italia registra una diminuzione dello 0,6%, inferiore a quella rilevata per l intero sistema bancario nazionale (- 1,1%). Nelle Bcc calabresi le sofferenze sono diminuite di circa il 7,2% (-15 milioni di euro in valore assoluto), rispetto al + 21,2% delle Bcc Italia ed al + 17,9% del sistema bancario italiano. Di seguito viene esposta la composizione degli impieghi per branca di attività economica. Composizione degli impieghi vivi 31/12/ /12/2013 Famiglie 51,06% 50,53% Abitazioni 6,81% 6,61% Servizi degli alberghi e pubblici esercizi 6,76% 7,11% Servizi ausiliari, finanziari assicuraz., affari immobil., ecc. 3,09% 2,91% Servizi della locazione di beni immobili 2,88% 3,05% Comm. al minuto bevande, oli, prod. alim. non class., gen. monopolio 2,20% 2,32% Comm. al minuto mobili, apparecchi e materiali per la casa 2,18% 2,14% Servizi degli intermediari del commercio 2,17% 2,08% Prodotti vegetali dell`agricoltura e delle foreste 1,98% 2,06% Altri servizi personali non altrove classificati 1,93% 1,66% Comm. al minuto articoli di abbigliamento 1,52% 1,49% Pane, biscotti, prodotti di pasticceria 1,41% 1,26% Comm. al minuto altri articoli non altrove classificabili 1,18% 1,13% Articoli di abbigliamento ed accessori 1,13% 1,12% Comm. ingr. prodotti alimentari, bevande e tabacco 1,05% n.r. Servizi ricreativi e culturali n.r. 1,42% Riparazione autoveicoli e biciclette n.r. n.r. Materiali da costruzione in calcestruzzo, cemento e gesso 0,00% 0,00% Servizi sanitari destinabili alla vendita n.r. n.r. Altri minoritari 12,65% 13,10% Totale 100,00% 100,00% 20

21 Il rapporto tra Impieghi lordi e Raccolta Diretta si attesta al 74,27%, con un incremento di oltre 7,5 punti percentuali rispetto al (66,44%). Le politiche di espansione 2014, saranno indirizzate proprio a rilanciare l azione di intermediazione creditizia, con specifiche iniziative volte a favorire l accesso al credito delle famiglie e delle PMI operanti sul territorio di competenza non hanno sortito gli effetti sperati ma, grazie alle manovre attuate sul lato della raccolta, il rapporto impieghi/depositi ha assunto un valore maggiormente significativo rispetto al recente passato. In tale ottica, si è provveduto a revisionare la struttura del processo creditizio, tendendo ad eliminare inefficienze e ridondanze, a tutto vantaggio della snellezza e celerità delle risposte. La politica dei prezzi è stata impostata in coerenza con l obiettivo di fondo. - Composizione percentuale degli impieghi a clientela: Composizione Percentuale degi Impieghi % sul totale % sul totale variazione % Conti Correnti 13,10 12,82 2,20 Mutui Ipotecari / Fondiari 80,22 79,46 0,96 Altri Finanziamenti ed Sbf 1,26 0,82 54,26 Sofferenze 5,41 6,90-21,60 Totale impieghi con clientela Di seguito l evoluzione qualitativa del comparto: Qualità del Credito variazione assoluta % Sofferenze ,26 Incagli ,80 Esposizioni ristrutturate Esposizioni scadute ,84 Totale Crediti Deteriorati Netti ,47 Crediti in Bonis ,44 Crediti rappresentati da Titoli Totale Crediti Netti v/clientela ,22 Dalla lettura della tabella risulta evidente come, al 31 dicembre 2014, i crediti deteriorati netti verso clientela abbiano subito, rispetto al 31 dicembre 2013, un decremento in valore assoluto pari a 2,089 milioni di euro (- 27,47%), con un decremento in termini di incidenza percentuale sul totale crediti netti di 3,42 punti percentuali, passando dal 15,72% del 31 dicembre 2013 al 12,30% del 31 dicembre Tale dinamica ha interessato tutte le tipologie di posizioni; le sofferenze nette sono infatti in diminuzione del 27,26%, gli incagli netti del 24,80%, le esposizione scadute del 67,84%. 21

22 I Grafici che seguono evidenziano: 1) l incidenza delle sofferenze lorde sul totale degli impieghi lordi per le Bcc Calabria (14,96%), le Bcc Italia (10,50%), il Sistema Italia (10,00%) e la nostra Bcc (11,64%). Bcc Calabria Bcc Italia Sistema Banche Bcc Montepaone 2) l incidenza degli Incagli lordi sugli Impieghi per le Bcc Calabria (8,65%), le Bcc Italia (7,50%), il Sistema Italia (6,10%) e la nostra Bcc (7,75%). Bcc Calabria Bcc Italia Sistema Banche Bcc Montepaone 22

23 Esposizioni creditizie per cassa e fuori bilancio verso clientela al 31/12/2014 Tipologie esposizioni/valori A. ESPOSIZIONI PER CASSA Esposizione lorda Rettifiche di valore specifiche Rettifiche di valore di portafoglio Indice di Indice di Importo Incidenza % Importo Importo Copertura Copertura a) Sofferenze , ,49 X b) Incagli , ,12 X c) Esposizioni ristrutturate - X d) Esposizioni scadute , ,27 X e) Altre attività ,42 X ,28 TOTALE A B. ESPOSIZIONI FUORI BILANCIO a) Deteriorate X b) Altre ,00 X ,20 TOTALE B Indici di Qualità del Credito variazione assoluta % % % Crediti deteriorati lordi/crediti lordi 19,58 19, ,61 Sofferenze lorde/crediti lordi 11,64 10,71 1 8,68 Incagli lordi/crediti lordi 7,75 8, ,04 Crediti deteriorati netti/crediti netti 12,30 15, ,83 Copertura crediti deteriorati 42,58 25, ,53 di cui Copertura sofferenze 57,49 38, ,65 Copertura incagli 21,12 9, ,35 Copertura past due 5,27 4, ,31 Copertura crediti verso la clientela in bonis 0,28 0,26 0 8,68 Costo del credito 8,56 5, ,13 II costo del credito è calcolato rapportando, alla data di riferimento, le rettifiche di valore nette su crediti per cassa verso clientela alla relativa esposizione lorda (esclusi i titoli di debito) Sul fronte degli indici di copertura, ovvero il rapporto tra le rettifiche di valore complessive e l esposizione lorda, si evidenzia un miglioramento della copertura complessiva dei crediti deteriorati, che passa dal 25,12% del 31 dicembre 2013 al 42,58% del 31 dicembre Per quanto concerne i crediti in bonis (esclusi i titoli di debito), l indice di copertura è pari allo 0,28%. Il costo del credito, pari al rapporto tra le rettifiche nette su crediti per cassa verso la clientela e la relativa esposizione lorda, passa dal 5,25 % dell esercizio precedente all 8,56% del 31 dicembre Tale incremento risente in particolare dell aumento delle rettifiche di valore sui crediti dell esercizio, pari a 1,5 milioni di euro. 23

24 - Concentrazione dei rischi Di seguito si provvede ad esporre il dettaglio dei settori merceologici che contribuiscono alla formazione delle sofferenze e degli incagli. Branche di attività economica Composizione delle Sofferenze 31/12/ /12/2013 Famiglie 26,24% 27,97% Abitazioni 24,34% 26,28% Servizi ausiliari, finanziari, di assicurazione, di cons. legale, ecc. 8,22% 9,17% Commercio ingrosso prodotti alimentari, bevande e tabacco 6,62% 6,79% Servizi degli alberghi e pubblici esercizi 4,85% 3,02% Servizi trasporti su strada di merci 4,49% 4,60% Servizi ricreativi e culturali 4,42% 0,00% Servizi degli intermediari del commercio 2,99% 3,15% Comm. al minuto prod. diversi con prevalenza prod. non aliment. 2,56% 2,75% Commercio al minuto automobili, cicli/motocicli, accessori autov. 2,17% 2,20% Prodotti per costruzioni metalliche 1,95% 1,95% Riparazione autoveicoli e biciclette 1,89% 1,95% Comm. al minuto bevande, oli, prod. alim. non class., gen. mon. 1,69% 1,86% Riparazione calzat., art.cuoio, elettrodom., gioielli, orologi 1,13% 1,07% Comm. all ingrosso prod. tessili, abbigliam., calz., art. cuoio/pelli n.r 1,05% Altri minoritari 6,45% 6,20% Totale 100,00% 100,00% n.r.: non rilevante (sotto la soglia dell 1%) Composizione degli impieghi - incagli 31/12/ /12/2013 Prodotti vegetali dell agricoltura e delle foreste 18,23% 16,58% Articoli di abbigliamento ed accessori 12,47% 11,46% Famiglie 12,39% 10,54% Servizi degli alberghi e pubblici esercizi 9,09% 8,44% Servizi della locazione di beni immobili 8,95% 8,35% Servizi ausiliari, finanziari assicuraz., affari immobiliari, ecc. 5,08% 0,87% Servizi delle agenzie di viaggio 4,50% 4,12% Servizi ricreativi e culturali 3,90% 8,48% Abitazioni 3,52% 6,93% Commercio al minuto mobili, apparecchi e materiale per la casa 3,16% 3,63% Pietre e prodotti minerali non metalliferi 2,92% 2,79% Pane, biscotti, prodotti di pasticceria 2,63% 2,56% Demolizioni di immobili 2,38% 2,16% Servizi degli intermediari del commercio 2,20% 0,00% Gioielli, prod. orefic., incisione, diamanti tagliati, monete 2,16% 2,12% Comm. al minuto bevande, oli, prod. alim. non class., gen. mon. 2,14% 2,08% Prodotti per costruzioni metalliche 1,64% 1,53% Commercio all'ingrosso prodotti alimentari, bevande e tabacco 1,52% 1,40% Comm. al minuto articoli di abbigliamento 0,78% 0,00% Carpenteria, cost. legno, lavori falegnameria, edilizia, parquets 0,28% 0,34% Commercio ingr. Mobili, elett., 0,07% 0,00% Riparazione calzature, art. cuoio, elettrodomestici, gioielli, orologi 0,00% 2,97% Prodotti in ceramica 0,00% 2,52% Comm. ingr. mobili, elettrodom., app. radiotel., casalinghi, ferram. 0,00% 0,13% Totale 100,00% 100,00% n.r.: non rilevante (sotto la soglia dell 1%) 24

25 - Concentrazione dei rischi (incidenza dei primi clienti/gruppi sul complesso degli impieghi per cassa) Concentrazione dei Rischi % % Primi 10 9,75 8,80 Primi 20 15,83 14,31 Primi 30 20,54 18,85 Primi 40 24,51 22,97 Primi 50 28,10 26,55 Si evidenzia l assenza di grandi esposizioni verso clientela in relazione al valore ponderato dei crediti. Per completezza informativa, nella tabella che segue, si da evidenza delle esposizioni che, per valore nominale, eccedono il 10% dei Fondi Propri. Settore Economico Esposizione Nominale Esposizione Ponderata Incidenza Esposizione Nominale su Fondi Propri Incidenza Esposizione Ponderata su Fondi Propri Amministrazioni comunali ,44 4,49 Holding operative finanziarie (Iccrea) ,85 49,85 Tesoro dello Stato (MEF) ,51 6,58 Totale Ai sensi della disciplina prudenziale in materia di attività di rischio e conflitti di interesse nei confronti di soggetti collegati, si evidenzia che al 31 dicembre 2014 non sono presenti posizioni di rischio verso soggetti collegati che eccedono i limiti prudenziali di riferimento. Alla data di riferimento sono presenti 34 posizioni di rischio verso soggetti collegati(esponenti aziendali più soggetti connessi) per un ammontare complessivo di mila euro. Le attività di rischio complessive verso soggetti collegati, nominali e ponderate, ammontano, rispettivamente, a mila euro e a 684 mila euro. - La posizione interbancaria e le attività finanziarie Posizione Interbancaria Netta variazione assoluta % Crediti verso banche ,67 Debiti verso banche ,52 Totale posizione interbancaria netta ,56 Al 31 dicembre 2014 l indebitamento interbancario netto della Banca si presentava pari a 4,039 mln di euro a fronte dei 3,863 mln di euro al 31 dicembre

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 Società Cooperativa Sede Sociale 47900 Rimini Via XX Settembre, 63 Iscritta al Registro Imprese C.C.I.A.A. di Rimini R.E.A. 287035 Codice Fiscale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A Raccolta da clientela (1) +11,8% a/a a 56.235 milioni di euro, con un incremento in valore assoluto di circa sei miliardi di euro a/a; raccolta

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014.

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014. Società cooperativa per azioni - Fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio SO - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione Relazione economica Posso dire che ritengo oggi ci siano tutte le condizioni per riportare la Banca al ruolo che le compete anche grazie all impegno dei colleghi, che ho potuto apprezzare in questo periodo,

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29%

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% Utile netto consolidato +28,1% a/a a 128,5 milioni di euro;

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

2012, l anno migliore per i tre pilastri di Banca IFIS: Redditività, Liquidità, Patrimonio

2012, l anno migliore per i tre pilastri di Banca IFIS: Redditività, Liquidità, Patrimonio Sommario L intero esercizio COMUNICATO STAMPA 2012, l anno migliore per i tre pilastri di Banca IFIS: Redditività, Liquidità, Patrimonio Proposto all Assemblea un dividendo di 0,37 euro per azione. Incremento

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Relazione sulla gestione dell impresa RISULTATI

Relazione sulla gestione dell impresa RISULTATI RISULTATI Gli schemi di conto economico e stato patrimoniale del Banco Popolare vengono di seguito rappresentati in forma riclassificata secondo criteri gestionali per fornire una lettura più immediata

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI: IL CDA APPROVA LE MODIFICHE STATUTARIE OBBLIGATORIE

RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI: IL CDA APPROVA LE MODIFICHE STATUTARIE OBBLIGATORIE RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI: IL CDA APPROVA LE MODIFICHE STATUTARIE OBBLIGATORIE RISULTATI COMMERCIALI IN ULTERIORE ACCELERAZIONE: I MUTUI A PRIVATI EROGATI

Dettagli

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati:

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Risultati di eccellenza per Banca IFIS sospinti dalla qualità del credito

Risultati di eccellenza per Banca IFIS sospinti dalla qualità del credito COMUNICATO STAMPA PRIMI NOVE MESI 2014 Risultati di eccellenza per Banca IFIS sospinti dalla qualità del credito Soddisfazione per i coefficienti patrimoniali (14,9%) L AD Giovanni Bossi: Miglioramento

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO Prestiti (1) +7,9% a/a (vs -1,4% del sistema (2) ); rapporto sofferenze impieghi a 1,55% tra i più bassi del

Dettagli

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari Nel 21 il calo dei prestiti bancari alle imprese e alle famiglie consumatrici residenti in regione ha mostrato un attenuazione, cui hanno contribuito la

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING

IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING 1. Introduzione L imprenditore intenzionato ad acquisire un nuovo bene per

Dettagli

IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA

IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, di seguito testo unico ); Visto l'articolo

Dettagli

Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo

Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo Relazione sull andamento della gestione 465 Dati di sintesi e indicatori alternativi di performance di Intesa Sanpaolo Commissioni nette Dati economici Interessi

Dettagli

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato:

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato: ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA VENETO BANCA I Soci hanno approvato il bilancio al 31 dicembre 2014 e nominato quattro Consiglieri di Amministrazione. Si è svolta oggi a Villa Spineda, a Venegazzù

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 182 183 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto Economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 340 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/11 30/09/11 31/12/10

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato

Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato 238 Premessa Il Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato, con riferimento alle società

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA. Banche di garanzia collettiva dei fidi

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA. Banche di garanzia collettiva dei fidi 2 VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) Fascicolo W2 Sottoclassificazione BZ00000 NO0007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA Banche

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La struttura

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP)

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) Roma, marzo 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 5 1. LE NUOVE

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

26 gennaio 2014 Roberto Russo

26 gennaio 2014 Roberto Russo Nota sull aumento di capitale del gruppo Banco Popolare 26 gennaio 2014 Roberto Russo www.assitecasim.it Lo scorso 24 gennaio si è riunito il Consiglio di Amministrazione del Gruppo Banco Popolare per

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO RICLASSIFICATO (in milioni di euro) ATTIVO 2012 2011

STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO RICLASSIFICATO (in milioni di euro) ATTIVO 2012 2011 STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO RICLASSIFICATO (in milioni di euro) ATTIVO 2011 Crediti verso clientela 30.712,6 29.985,5 727,1 2,4% Crediti verso banche 4.341,4 3.491,8 849,6 24,3% Attività finanziarie

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza)

Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza) Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza) 1 Agenda Il patrimonio netto contabile Elementi che compongono il patrimonio netto contabile Principali novità introdotte dagli

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BANCA DI ROMAGNA SPA SEDE LEGALE IN FAENZA CORSO GARIBALDI 1. SOCIETÀ APPARTENENTE AL GRUPPO UNIBANCA SPA (ISCRITTO ALL'ALBO DEI

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/09 30/9/09 31/12/08

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 30 settembre 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che

Dettagli

SEZIONE A INTRODUZIONE E AVVERTENZE

SEZIONE A INTRODUZIONE E AVVERTENZE NOTA DI SINTESI SEZIONE A INTRODUZIONE E AVVERTENZE Elemento Imformazioni Obbligatorie A.1 Introduzione: La Nota di Sintesi è costituita da una serie di informazioni denominate gli Elementi. Tali elementi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Utile netto a 5,0 milioni di euro (2,5 milioni di euro al 30 giugno 2006, +100%) Margine

Dettagli

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Agenda Normativa di riferimento Disposizioni generali Schemi di bilancio individuale Stato patrimoniale Attivo Stato patrimoniale

Dettagli

In cerca di un nuovo equilibrio

In cerca di un nuovo equilibrio Advisory In cerca di un nuovo equilibrio Le banche italiane tra qualità del credito, requisiti patrimoniali, recupero di redditività ed efficienza kpmg.com/it Indice Executive summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015 Risultati di Gruppo 214 12 Febbraio 215 Principali evidenze del 214 Superati tutti gli obiettivi di crescita per il 214: Impieghi in crescita di 1.57 milioni rispetto all obiettivo annunciato di un miliardo

Dettagli

Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e

Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e 4 Settembre 2012 Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e consociate, il Gruppo Banca Etruria ).

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Il Bilancio delle Banche L impatto degli IAS nelle valutazioni di fine esercizio 2 Le tipicità delle banche Le valutazioni

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

REDDITIVITA Utile netto 151,8 mln, +31% a/a. Rapporto sofferenze/prestiti. Raccolta da clientela (1) Prestiti a clientela (1) Nuovi clienti (3)

REDDITIVITA Utile netto 151,8 mln, +31% a/a. Rapporto sofferenze/prestiti. Raccolta da clientela (1) Prestiti a clientela (1) Nuovi clienti (3) CREDEM, RISULTATI PRELIMINARI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MLN EURO; PRESTITI (1) +7,9% A/A VALUTAZIONE BCE Stress test scenario avverso Prima banca italiana per CET1 Ratio REDDITIVITA Utile netto 151,8

Dettagli

azienda di prova srl

azienda di prova srl azienda di prova srl Sede in sede in Codice Fiscale - Numero Rea RM Capitale Sociale Euro 100.000 Società in liquidazione: no Società con socio unico: no Società sottoposta ad altrui attività di direzione

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

Gruppo Bancario BANCA POPOLARE DI SONDRIO Esercizio 2012

Gruppo Bancario BANCA POPOLARE DI SONDRIO Esercizio 2012 Gruppo Bancario BANCA POPOLARE DI SONDRIO Esercizio 2012 TITOLO Consiglio di amministrazione del 26 marzo 2013: approvazione bilanci civilistico e consolidato esercizio 2012; proposta di dividendo; convocazione

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA Sede in VIALE TRIESTE 11-30020 ANNONE VENETO (VE) Capitale sociale Euro 7.993.843,00 i.v. Codice fiscale: 04046770279 Iscritta al Registro delle Imprese di Venezia

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Marco Troiani Titolare Divisione Intermediari ex art. 107 TUB Servizio Supervisione Intermediari Specializzati Banca d Italia Convegno Assifact

Dettagli

Analisi della performance degli intermediari creditizi

Analisi della performance degli intermediari creditizi Analisi della performance degli intermediari creditizi Lezione 4 L analisi dei rischi e del patrimonio di vigilanza: il Terzo Pilastro di Basilea 2 Università di Bologna Facoltà di Economia, Forlì 11 dicembre

Dettagli

BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO DI COERENZA 2014

BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO DI COERENZA 2014 BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO DI COERENZA 2014 Carattere solidale e sociale rappresentano per Banca Atestina un elemento univoco. La valorizzazione delle realtà locali e delle loro iniziative volte alla

Dettagli

Gestione patrimoniale e finanziaria

Gestione patrimoniale e finanziaria Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività svolta nel corso del 2013 Durante il 2013 le politiche di investimento adottate dall area finanza hanno perseguito, in un ottica

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

STATO PATRIMONIALE - Attivo Voci dell'attivo 31.12.2010 31.12.2009 10. Cassa e disponibilità liquide 1.571.436 1.723.258 20. Attività finanziarie detenute per la negoziazione 563.381 482.816 40. Attività

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE E DI ATTIVI SOTTOSTANTI I CONTRATTI UNIT LINKED. Roma, 28 febbraio 2007

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE E DI ATTIVI SOTTOSTANTI I CONTRATTI UNIT LINKED. Roma, 28 febbraio 2007 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE E DI ATTIVI SOTTOSTANTI I CONTRATTI UNIT LINKED RELAZIONE DI PRESENTAZIONE PER LA PUBBLICA CONSULTAZIONE Roma, 28 febbraio 2007

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Consiglio di Amministrazione

Consiglio di Amministrazione !!! Consiglio di Amministrazione! "#$%&'$()$! "*"+,+!!-.))/!!0#1(2.! 3&2$!"#$%&'$()$! 9.(%&?66+!!8@2&1(.!! >?A6+!!6&B&1(.!! "*4,+!!4&@%$CC$!! A7D?88+,+!!+=&.!! 3?EE*,+!!0$#(1('.!!

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

BANCA ITALEASE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009

BANCA ITALEASE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 Comunicato Stampa BANCA ITALEASE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 1. RISULTATI AL 30 GIUGNO 2009 a. Principali dati economici e

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (31 marzo 2004) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.291.457,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.035,2 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

Consiglio di Gestione di Mediobanca

Consiglio di Gestione di Mediobanca Consiglio di Gestione di Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvata la relazione semestrale al 31 dicembre 2007 * * * Redditività in aumento malgrado il deterioramento dei mercati Aperte le filiali di Francoforte

Dettagli

CIS RUBICONE SOC.COOP.SOC.ARL ONLUS

CIS RUBICONE SOC.COOP.SOC.ARL ONLUS CIS RUBICONE SOC.COOP.SOC.ARL ONLUS Sede in VIA ANTOLINA, 273 SAVIGNANO SUL RUBICONE Codice Fiscale 01465520409 - Numero Rea 197375 197375 P.I.: 01465520409 Capitale Sociale Euro 12377.12 Forma giuridica:

Dettagli

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre Le banche La banca - definizioni Definizione minima: raccolta risparmio dal pubblico + concessione credito (art. 10 D.lgs. 385/1993) Molteplicità delle attività possibili (ammesse al mutuo riconoscimento):

Dettagli

Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento

Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento 1. REGOLAMENTAZIONE, STABILITA E CRESCITA: QUALI PRIORITA? 2. QUALI VINCOLI «ESTERNI» ALL ATTIVITÀ DI EROGAZIONE

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli