CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE 8.1 IL PROBLEMA DEL CONTROLLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE 8.1 IL PROBLEMA DEL CONTROLLO"

Transcript

1 80 CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE In questo capitolo è descritto un metodo teorico per l identificazione dell attrito, attraverso l impiego della normale strumentazione di laboratorio. Il risultato dell identificazione viene successivamente impiegato per realizzare un sistema di regolazione della posizione, in grado di compensare l effetto dell attrito e realizzare il corretto inseguimento della traiettoria impostata. Quindi sono descritte le prove sperimentali per l identificazione dell attrito e dell inerzia, eseguite con la metodologia precedentemente illustrata. 8.1 IL PROBLEMA DEL CONTROLLO Tra le numerose tecniche che possono essere impiegate nel controllo di un manipolatore, quella prescelta, nonché il modo con cui essa è realizzata, può avere una significativa influenza sulle prestazioni del manipolatore e di conseguenza sul campo di applicazione. Naturalmente, oltre alla teoria, anche il sistema di azionamento dei giunti del manipolatore ha un effetto sul tipo di strategia di controllo impiegata. Il robot SMART3 S2 viene attuato da servomotori elettrici con organi di trasmissione ad elevato rapporto di riduzione, ed è proprio la presenza delle trasmissioni che tende a linearizzare la dinamica del sistema, disaccoppiando di fatto i giunti a causa della riduzione degli effetti delle non linearità e dell accoppiamento sugli attuatori stessi. Alle trasmissioni tuttavia sono associati fenomeni di attrito, elasticità e giochi che limitano le prestazioni del sistema, specie per quanto riguarda la precisione del posizionamento, anche più di quanto sia dovuto alle inerzie dipendenti dalla configurazione e dalle forze di Coriolis, ecc. Per contro, se il robot fosse azionato con motori di coppia calettati direttamente sul giunto senza organi di riduzione, i problemi di attrito, elasticità e giochi sarebbero in gran parte ridotti; diventerebbe di contro significativo il peso dell inerzia del carico, delle non linearità e dell accoppiamento tra i giunti. Di conseguenza, al fine di ottenere elevate prestazioni, devono essere affrontate problematiche di controllo impostate diversamente.

2 81 In questo lavoro si è scelto di effettuare una regolazione che sia in grado di migliorare le prestazioni in relazione alla dinamica del robot, migliorando l errore di posizione e quindi la risposta del sistema. In particolare ciò è stato ottenuto compensando l attrito dei giunti, dopo averlo identificato. Le procedure di identificazione consentono appunto di ricavare i parametri dei modelli matematici i quali esprimono quantitativamente l andamento osservato nei dati sperimentali; in questo caso si è inteso identificare in particolare l attrito nelle sue diverse componenti. Molti metodi di identificazione consentono di analizzare solo modelli lineari che richiedono quindi la conoscenza a priori della struttura del fenomeno e di solito è necessario disporre allo scopo una strumentazione ed un hardware aggiuntivi che comportano degli alti costi. Il metodo di identificazione scelto [8] consente di stimare una componente fortemente non lineare come l attrito; il procedimento consiste nell analisi dei segnali di errore relativi agli anelli di regolazione retroazionati, precisamente quelli di velocità e di posizione, che definiscono a loro volta il segnale di riferimento per il regolatore di corrente situato all interno dell azionamento. Il metodo ha il proprio punto di forza nel fatto che l hardware necessario è quello già presente per la regolazione; lo svantaggio è che nell errore di anello ci sono componenti proporzionali ad altri elementi di disturbo, alcuni dei quali compensabili, come l inerzia del sistema, altri che devono essere eliminati attraverso metodi numerici, come ad esempio i disturbi relativi al convertitore di potenza. 8.2 METODO PER L IDENTIFICAZIONE SPERIMENTALE DELL ATTRITO Le prove sperimentali per la raccolta delle misure necessarie all identificazione sono state eseguite nella modalità 4 di funzionamento del controllo aperto. Si ricorda che questa modalità consente la lettura da parte dell elaboratore personale della posizione angolare misurata nei motori del robot e la scrittura nella memoria condivisa del riferimento di corrente che alimenta i motori stessi. Essa consente inoltre di stabilire quali assi mettere in movimento, lasciando gli altri bloccati meccanicamente, ciò che permette di stimare i parametri per ogni singolo giunto. A tale scopo la modalità 4 esclude il sistema di controllo dell unità C3G-900 e lo sostituisce con un algoritmo di controllo implementato sul calcolatore in linguaggio C se si decide di lavorare in anello chiuso, o di non sostituirlo affatto qualora si decida di lavorare in anello aperto. In questo lavoro le prove sperimentali condotte per identificare i vari modelli sono state effettuate in anello chiuso per tutti i giunti. In teoria, almeno per quanto riguarda i giunti non in gravità (assi 1, 4, 5, 6), questa scelta non è vincolante, dal momento che gli stessi risultati si sarebbero potuti ottenere in anello aperto, inserendo un riferimento di corrente e misurando la velocità dei motori.

3 82 Lo stesso non si può dire per gli assi in gravità, per i quali la scelta della configurazione in anello chiuso è obbligata, al fine di mantenere sotto controllo i giunti che, altrimenti, tenderebbero a cadere, in quanto sottoposti alla forza peso. Per ognuna delle prove eseguite è stato definito un riferimento di posizione per la procedura che gestisce il controllo degli assi; una volta eseguito l algoritmo di regolazione di tipo PID vengono registrate sulla memoria condivisa le correnti di riferimento per gli azionamenti del robot, così da eseguire la traiettoria impostata. Durante il movimento il programma attua la chiusura degli anelli di posizione e velocità e alla fine salva le correnti e le posizioni realmente raggiunte dal robot in due vettori, current.dat e motpos.dat. Lo schema di principio utilizzato per identificare l attrito è mostrato nella seguente figura 8.1. Sistema Qm q m rif rif ε e θ Regolatore I rif I rif qqm m motore Riferimento PID Riferimento + Posizione trasmissione di posizione - di corrente Figura Schema usato per le prove di identificazione. Per il conseguimento delle diverse componenti dell attrito i valori ottenuti sono stati trattati attraverso appositi programmi, creati in ambiente Matlab, chiò che consente di rilevare agevolmente la caratteristica d attrito, grazie alla possibilità di sfruttare i regolatori di tipo PID. Nel caso del robot SMART3 S2 la posizione dei giunti viene controllata tramite sei regolatori, ognuno tarato sulle caratteristiche dinamiche del corrispondente giunto. L identificazione della curva di Stribeck [11] viene svolta in due fasi: una prima in cui vengono considerate le sole retroazioni di posizione e velocità ed una seconda nella quale si realizza la compensazione dell inerzia tramite un segnale di reazione anticipata (feedforward). Il sistema utilizzato per la prima fase è rappresentato nella figura 8.2, nel quale non è presente alcuna compensazione. Nella parte sinistra è rappresentato lo schema di regolazione implementato dal programma, che fornisce al robot il riferimento di corrente. La parte destra invece rappresenta il modello del sistema fisico costituito da un singolo giunto robotico supposto rigido, di cui si vuole identificare l attrito.

4 83 Figura Schema a blocchi del sistema utilizzato per l identificazione dell attrito. L azionamento genera una coppia motrice stabilita in base al riferimento di corrente (segnale I fb ) generato da un regolatore PID, realizzato in ambiente di programmazione C. La regolazione utilizza due retroazioni che consentono al sistema di eseguire la traiettoria di posizione e di mantenere la stabilità del sistema. Il primo anello di retroazione utilizza l errore di posizione ε q e, dopo averlo moltiplicato per un guadagno K p, lo somma al segnale ottenuto dalla seconda retroazione; questo utilizza l errore di velocità dopo averlo moltiplicato per un blocco PI, per ottenere il segnale di corrente I fb : I fb K i = K pv ( q rif q ) + ( q rif q ) + K p ( qrif q) s (8.1) Nelle (8.1) e (8.2) non viene considerato il blocco diretto supplementare che interviene nella generazione del riferimento di velocità, in quanto il suo significato verrà analizzato ampiamente in seguito; questa scelta non altera comunque la presentazione del metodo di identificazione. Moltiplicando i valori di corrente di feedback (I fb ), misurati dall unità di controllo del robot, per la costante di coppia k t si ottengono i valori della coppia (T fb ). Derivando quindi il segnale di posizione è possibile ricavare la velocità q e tracciare la caratteristica coppia-velocità del motore che per un giunto non in gravità è identificabile, a meno dell inerzia, con la curva di Stribeck.

5 84 Per eseguire una misura dell attrito occorre quindi stimare l inerzia complessiva J del sistema, così da poterla successivamente eliminare. La sua compensazione si realizza tramite un blocco diretto in anello aperto (feedforward) che agisce sul sistema come un disturbo; esso utilizza la corrente Figura Schema a blocchi utilizzato per la compensazione dell inerzia. I ff (figura 8.3), ottenuta mediante il prodotto tra l accelerazione angolare di riferimento q rif ed il guadagno J del blocco diretto. La somma dei segnali di retroazione con il segnale di compensazione diretta costituisce il riferimento di coppia da inviare all azionamento (I rif = I ff + I fb ). I rif K i = K pv ( q rif q ) + ( q rif q ) + K p ( qrif q) + J q rif (8.2) s Se la compensazione fosse completa a causa della esattezza della stima, non vi sarebbero errori nulli negli anelli di retroazione, per cui in condizioni ideali si potrebbe fare a meno dei regolatori. Come conseguenza se si conoscessero tutte le componenti che intervengono nell equazione della dinamica, con i blocchi feedforward, si potrebbe controllare il robot fornendo ai motori la corrente esatta per realizzare il movimento. 8.3 COMPENSAZIONE DELL ATTRITO Dopo aver descritto i passaggi che portano all identificazione e compensazione dell inerzia si sviluppa ora un metodo iterativo per la misura sperimentale dell attrito.

6 85 Questa operazione viene realizzata tramite un segnale aggiuntivo diretto in anello aperto (feedforward) e consente di conoscere i valori dell attrito viscoso, statico e coulombiano (figura 8.1), responsabili della dinamica del motore. L attrito viscoso viene ricavato stimando la pendenza della caratteristica di Stribeck, tramite una misura dell angolo D m ; questo valore, inserito in un ulteriore blocco diretto D, viene compensato moltiplicandolo per la velocità di riferimento (figura 8.4). La strategia utilizzata in seguito per la compensazione degli attriti statico e coulombiano è del tutto simile a quella vista precedentemente. L unica differenza è legata al fatto che queste due componenti costituiscono delle non linearità; per tale ragione vengono trattate via software in modo diverso rispetto all inerzia e all attrito viscoso e più precisamente: l attrito statico contribuisce alla corrente di feedforward (I ff ) soltanto a velocità nulla, mentre quello coulombiano concorre attraverso una corrente costante in modulo, che cambia di segno ogni qualvolta s inverte la velocità. Lo schema di regolazione completo è quello riportato in figura 8.4. Figura Schema di regolazione finale per la compensazione dell attrito. L unico effetto che rimane non compensato riguarda la componente relativa alla zona di stick-slip; tuttavia esso, che risente fortemente delle condizioni operative, può essere ridotto attraverso un adeguata lubrificazione. Le limitazioni relative alla regione di avanzamento a scatti appariranno come un errore nella traiettoria che il sistema deve seguire, risultando comunque di piccola entità. Esso è tanto più piccolo quanto migliore sarà l identificazione delle diverse componenti di attrito. Il programma ATTRITO.M realizzato in ambiente MATLAB raccoglie ed elabora i dati ottenuti applicando il metodo di identificazione ai giunti del robot.

7 INQUINAMENTO DA DISTURBI NELL IDENTIFICAZIONE Un problema che sorge con i metodi di identificazione è costituito dall inquinamento dei risultati dovuto ai disturbi che agiscono sul sistema. Esistono metodi in grado di attenuare i segnali che non sono correlati con i riferimenti, come ad esempio il rumore casuale asincrono e incorrelato rispetto al tempo. Altri tipi di segnali indesiderati che agiscono sul sistema sono invece funzione delle traiettorie impostate, come ad esempio il carico gravitazionale, gli effetti dell accelerazione di Coriolis, l ondulazione di coppia presente nell azionamento ecc. Per ottenere un risultato in base al quale gli effetti di questi disturbi risultino limitati è necessario attenuare quei segnali asincroni (e quindi non correlati) con il comune riferimento di velocità. In questo lavoro tale aspetto non sarà tuttavia preso in considerazione, anche se questo, come si vedrà in seguito, non impedirà di ottenere risultati soddisfacenti. 8.5 PROGRAMMI UTILIZZATI PER L IDENTIFICAZIONE E LA COMPENSAZIONE DELL ATTRITO Allo scopo di disporre di un programma per l interfaccia tra PC e C3G 900 in grado di realizzare l identificazione dell attrito e di avere allo stesso tempo una comoda interfaccia utente per il trattamento dei dati ed il progetto delle caratteristiche del regolatore, sono stati realizzati: un programma in linguaggio C che consente al PC di gestire l interfaccia; un programma Matlab che genera i riferimenti di posizione da inviare al controllore. I due programmi sono stati interfacciati nel modo previsto dal programma in C, il quale restituisce i dati riguardanti le correnti e le posizioni attuate dai motori nel movimento imposto. Questi dati vengono poi utilizzati in ambiente Matlab per visualizzare la caratteristiche dell attrito, rendendone possibile la compensazione. I due programmi sono denominati rispettivamente M4ATTRI.C, riportato in Appendice A, e CREATETA.M. I valori del riferimento di posizione sono di tipo angolare e sono espressi in unità di conteggio del risolutore [bit resolver], quindi per convertirli da gradi a bit resolver si utilizza la relazione: q bit resolver = τ/360 q rad (8.3) dove τ è il rapporto di trasmissione.

8 87 Imponendo la traiettoria a forma di campana rappresentata in figura 8.5, si avrà un profilo di velocità triangolare con accelerazione e decelerazione costante, che corrisponde a un movimento di tipo uniformemente accelerato. Figura Riferimenti di posizione, velocità e accelerazione impostati per le prove. 8.6 PROVE SPERIMENTALI Lo scopo della seconda parte di questo capitolo è di presentare alcune tecniche particolari, atte all identificazione di grandezze non lineari. Tutte le prove di identificazione realizzate sul robot sono state eseguite considerando un singolo giunto.

9 88 L asse del robot scelto per eseguire tutte le prove è l asse 1, in virtù del fatto che il giunto in questione, non essendo un asse in gravità, non presenta la componente di coppia relativa alla forza peso. Quando vengono eseguite delle prove a singolo giunto, si instaurano, anche se tutti gli altri assi vengono frenati meccanicamente, delle oscillazioni su alcuni di essi, per effetto degli elementi di accoppiamento tra motore e giunto, nonché della posizione dei rispettivi assi di rotazione. Di conseguenza, gli assi non interessati direttamente dall esperimento contribuiscono ugualmente alla dinamica da identificare. Ciò è vero soprattutto per la presenza dei giunti 2 e 3, poiché hanno assi di rotazione paralleli. Come risultato si stabiliscono quindi dei fenomeni di dinamica risonante, dovuti appunto alla presenza di questi assi. 8.7 RISULTATI SPERIMENTALI DELLE PROVE Le prove sperimentali si articolano in due parti: una prima in cui si esegue l identificazione e la compensazione dell inerzia ed una seconda che realizza le stesse operazioni per l attrito. Le procedure di identificazione e compensazione precedentemente descritte contribuiscono a realizzare un sensibile miglioramento delle prestazioni dinamiche del sistema RISULTATI DELL IDENTIFICAZIONE DELL ATTRITO. Per poter eseguire la procedura di identificazione, bisogna in primo luogo collegare i due sistemi, cambiando il modo di funzionamento. Eseguita tale operazione viene avviato il programma principale M4ATTRI.C, situato nella cartella C:\PCC3LINK\SAMPLE\M46>. Successivamente il programma richiede il nome del file.d creato precedentemente in ambiente Matlab e contenente il riferimento di posizione in unità digitali. Effettuate queste prime operazioni il programma esegue le sue diverse procedure, a seconda dello schema a blocchi che deve realizzare e restituisce la sequenza temporale di correnti e posizioni reali assunte dal motore, mediante le quali è possibile identificare e compensare l attrito. Il grafico di figura 8.6, ricavato imponendo al giunto robotico la traiettoria di figura 8.5, rappresenta l andamento della corrente di feedback I fb in funzione della velocità del motore; in questo caso, non essendo presente alcun blocco diretto in anello aperto (figura 8.2), la corrente di feedforward è nulla e quindi I rif I fb.

10 89 L andamento della corrente I fb (figura 8.6), a meno della costante di coppia K t, rispecchia il modello dell attrito presentato nel capitolo 7, in cui sono evidenti le diverse componenti dell equazione della dinamica di un manipolatore. Per la scelta del giunto effettuata, in tale equazione non è presente la coppia di gravità, mentre le forze centrifughe e di Coriolis possono essere trascurate; di conseguenza, l equazione del moto si presenta come segue: τ = J ( q) q + F q + T sign( q ) v c (8.4)

11 Figura Identificazione dell attrito senza compensazione dell inerzia. 90

12 91 Un fattore che merita attenzione è l inerzia, che in un robot antropomorfo non è costante, bensì dipendente dalla posizione dei diversi giunti. A tale proposito le prove sono state eseguite a singolo giunto, frenando meccanicamente gli altri cinque; è appunto questa metodica di lavoro che ha permesso di mantenere l inerzia costante. La posizione dei singoli giunti è stata scelta in modo da eseguire le prove con un inerzia media, che coincide con la posizione di riposo del robot ($CAL_SYS). Durante il movimento, a causa della presenza della coppia d inerzia, si verifica un isteresi della corrente di feedback (figura 8.6), rappresentata nel grafico da I fb. Tale fenomeno è legato alle variazioni della velocità; in particolare, durante la fase di decelerazione le coppie di attrito mantengono lo stesso segno algebrico, mentre quella d inerzia s inverte, in quanto il vettore accelerazione cambia il verso. Di conseguenza, in fase di decelerazione l inerzia contribuisce in favore della coppia motrice, essendo di segno contrario agli attriti. L attrito viscoso influenza la pendenza della curva, mentre della discontinuità a velocità nulla è responsabile l attrito statico. Inoltre si può osservare come alle basse velocità l attrito assuma un comportamento analogo a quello sintetizzato dalla curva di Stribeck (figura 7.1). Figura 8.7 Traiettoria impostata (verde) e posizione reale (rosso).

13 92 Per rendere evidente la bontà del software di regolazione, sono stati visualizzati il riferimento di posizione impostato ed il posizionamento reale del motore in funzione del tempo. Ciò rende ben visibile l inseguimento della traiettoria e l errore commesso dal regolatore, riportato in figura 8.7. Il grafico è visualizzato in radianti per consentire una facile lettura dei dati, così da semplificare i calcoli di trasformazione effettuati con la relazione (8.3). Figura Errore di posizione senza compensazione dell inerzia. Osservando l errore di posizione (figura 8.8), è evidente come questo aumenti al crescere della velocità del braccio, in quanto è necessario un regolatore più veloce per seguire le variazioni di velocità; di conseguenza, l errore di posizione tende ad annullarsi per velocità basse. Inoltre, sono visibili delle notevoli discontinuità. All avviamento infatti la forte accelerazione non consente al regolatore di inseguire la traiettoria con grande precisione e l errore aumenta notevolmente; un altra forte variazione si verifica poi in fase di decelerazione, in cui la forza d inerzia risulta essere in favore del moto e partecipa anch essa alla riduzione dell errore. Queste brusche variazioni dell errore di posizione sono presenti in modo speculare nella fase di riposizionamento del braccio. Nel grafico di figura 8.8 è anche evidente come l errore a regime non sia nullo, in quanto non si è utilizzato una componente integrale nell anello di posizione. Per l identificazione dell attrito occorre eliminare l isteresi presente in figura 8.6. Poiché l andamento della coppia segue quello della corrente, (sempre a meno della costante K t ), è possibile misurare la corrente di indotto dei motori e quindi conoscere il valore della coppia motrice.

14 93 Per eseguire la compensazione dell inerzia del sistema, occorre fornire al programma di identificazione il guadagno J; una sua stima può essere ottenuta empiricamente valutando l ampiezza del ciclo di isteresi I fb nel modo seguente: J I = fb 2 K t 1 q m (8.5) L isteresi della corrente di feedback, identificabile con I fb, vale: I = 52 bit-resolver fb = A Conoscendo il valore della costante del motore (K t = 0.54 Nm/A eff ) è possibile ricavare quello della coppia di inerzia come segue: Ti = Kt Ifb = = Nm (8.6)

15 Figura Risultato dell identificazione dell attrito con compensazione dell inerzia. 94

16 95 Se la stima dell inerzia è corretta, tramite compensazione feedforward è possibile ottenere la curva sperimentale dell attrito misurando la corrente di feedback. Quest ultima non corrisponde a tutta la corrente di riferimento inviata ai motori, in quanto ad essa dev essere sommato il contributo proveniente dal blocco diretto (I ff ). Inoltre, si sottolinea il fatto che la corrente di riferimento del motore è sempre la stessa, poiché nelle le prove eseguite lo spostamento angolare del relativo giunto è stato mantenuto costante. Per tracciare la caratteristica sperimentale di attrito è stato utilizzato lo schema a blocchi di figura 8.3, modificando la corrispondente funzione PID del programma principale M4MAIN.C con l inserimento del primo blocco diretto J RISULTATI DELLA COMPENSAZIONE DELL ATTRITO. Effettuata l identificazione della curva di Stribeck, è possibile ridurre l errore di posizione procedendo con la compensazione dell attrito, mediante lo schema a blocchi di figura 8.4. Dal modello della curva di attrito, valutando la pendenza della caratteristica, è possibile determinare il coefficiente di attrito viscoso e, analizzando l intercetta dell asse y, ricavare anche la componente di attrito coulombiano. Dalla misura dei segmenti a e b è possibile risalire alla pendenza della caratteristica, oppure, con una stima ai minimi quadrati, si può ricavare la pendenza e quindi l attrito viscoso. Per q > 0, la retta che approssima la curva di Stribeck (figura 8.9) ha equazione: I fb = ω + 75 [bit-resolver] (8.7) in cui il primo termine rappresenta l attrito viscoso che, come già detto, è funzione della velocità, mentre il secondo identifica quello coulombiano che risulta approssimativamente costante. Il valore massimo della coppia di attrito viscoso T v max si ricava come segue: I vmax ( ωmax ) 30 ( ) 30 = = = A Per passare dalle unità digitali agli Ampère si è moltiplicato per il rapporto di conversione mentre il valore di ω max = bit-resolver corrisponde circa a 60 rad/s (figura 8.10) ,

17 96 Coppia massima di attrito viscoso: F K I = Nm v max = t v max = (8.8) Inserendo il valore pari a F v max all interno del blocco D dell anello diretto si è in grado di compensare la componente di attrito viscoso. Figura Risultato della compensazione dell attrito viscoso. Dalla figura precedente è visibile come gli attriti statico e coulombiano influiscano, rispettivamente: all avviamento e durante l inversione di velocità e come essi siano identificabili misurando l intercetta sull asse y. Coppia di attrito statico: F K I = = Nm (8.9) s = t s Per ω > 0, la (8.7) rappresenta la coppia che il motore deve sviluppare per consentire al braccio di iniziare muoversi. Il valore di I s è stato ricavato dalla caratteristica di figura Coppia di attrito coulombiano:

18 97 30 Fc = K t I c = = Nm (8.10) 2047 I valori di F s e F c ricavati nelle (8.9) e (8.10) sono relativi a valori di velocità positivi. Se il motore viene avviato in senso contrario si può osservare come anche le coppie di attrito invertano il proprio segno. Vi è poi da osservare che per velocità negative i valori di F s e F c non risultano uguali in modulo a quelli ottenuti per velocità positive; questo comportamento è maggiormente accentuato per l attrito statico. A questo punto l identificazione dell attrito può ritenersi completata. La compensazione dell attrito coulombiano viene eseguita incorporando questi parametri nella regolazione feedforward; essa risulterà ottimale solo se la corrente residua I fb diventa prossima a zero (figura 8.11). Figura Effetto della compensazione dell attrito coulombiano. Il risultato della compensazione consente di ridurre l errore di posizione commesso dal sistema nell inseguire la traiettoria impostata in ingresso: ciò costituisce un tipico problema nel controllo di macchine per l automazione.

19 98 Figura Errore di posizione dopo la compensazione delle diverse componenti dell attrito. Attraverso l inserimento di un guadagno Fc è possibile effettuare la compensazione dell attrito coulombiano, in modo tale da ottenere un errore di posizione praticamente trascurabile; l andamento dell errore di posizione è riportato in figura Il risultato ottenuto dalla compensazione dell attrito è molto interessante, in quanto è evidente come il regolatore realizzato con una tecnica di tipo feedforward porti ad un miglioramento nel posizionamento del braccio. Figura 8.13 Confronto tra errori di posizione.

20 99 Per apprezzare la differenza tra un errore di posizione senza alcuna compensazione ed uno che si manifesta dopo la totale compensazione dell attrito, si sono riportati i due andamenti calcolati in radianti. Il massimo valore dell errore di posizione senza compensazione d attrito è pari a: rad = 3.14 mentre quello con compensazione vale: rad = 1.60 I regolatori relativi a questi assi sono stati tarati in modo da rendere stabile il sistema, anche rispetto alle variazioni dell inerzia. Inoltre, è stato omesso l uso della componente integrale dell errore di posizione nel controllo in quanto, in presenza di attrito e di eventuali fenomeni di stick-slip, l integratore è responsabile della nascita di cicli limite che portano all instabilità; in tal caso, si osserverà la presenza di un errore a regime non nullo. [ms] Figura 8.14 Confronto tra correnti con e senza regolazione diretta in funzione del tempo. Naturalmente, un miglioramento del posizionamento attraverso l uso di termini di FFW era un risultato facilmente intuibile; in ogni caso anche visualizzando le correnti è evidente come in

21 100 seguito alla compensazione dell attrito vi siano meno discontinuità di corrente; ciò che significa che il regolatore fa meno fatica ad inseguire la traiettoria impostata (figura 8.14). Figura 8.15 Confronto tra correnti con e senza compensazione dell attrito.

22 101 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE Questo lavoro ha preso in esame una struttura industriale costituita da un robot antropomorfo, descrivendone il modello meccanico, definendo alcuni algoritmi di regolazione comprendenti la compensazione di varie grandezze fisiche e verificandone l efficacia con numerose prove di laboratorio, allo scopo di ottenere un controllo del sistema affidabile ed in grado di fornire un soddisfacente comportamento statico e dinamico. La parte di analisi del processo ha utilizzato una modellistica ormai consolidata per evidenziare la varietà e le diverse possibilità di schemi di regolazione. Uno tra questi, largamente utilizzato nel presente lavoro, è basato su un meccanismo di compensazione anticipata (feedforward) dei disturbi e di altri fenomeni non facilmente modellizzabili a causa della loro intrinseca nonlinearità, come l attrito e le componenti di forza gravitazionale. Proprio dallo studio, dall identificazione e dalla misura sperimentale di questi ultimi si è tratta da un lato la conferma delle loro principali caratteristiche e dell effetto sulle prestazioni del sistema, mentre dall altro si sono potuti definire i parametri dei blocchi di regolazione necessari a migliorare la risposta dinamica e la precisione di posizionamento a regime del robot. Nelle fasi sperimentali di misura e di controllo si è inoltre messo in evidenza il ruolo determinante dell hardware e del software utilizzati sulla prestazione complessiva della macchina. La crescente potenza di calcolo e l organizzazione del controllore in architetture innovative consentono infatti di unire alle caratteristiche di sicurezza indispensabili per questo tipo di prodotti industriali, anche l impiego di tecniche di regolazione avanzate da un punto di vista teorico e utili rispetto alle aspettative dell utilizzatore. A partire da una struttura prettamente industriale si è messo a punto, presso il Laboratorio di Robotica del Dipartimento di Ingegneria Elettrica, un banco di prova che si ritiene possa essere utile anche per svolgere ulteriori ricerche di approfondimento sulle caratteristiche del robot, dei suoi carichi e delle modalità con cui può essere comandato nel modo più efficace.

Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico

Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico Hermes Giberti Politecnico di Milano u robotica u La progettazione di un sistema automatico richiede una collaborazione sinergica tra le

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

Electrical motor Test-bed

Electrical motor Test-bed EM_Test_bed Page 1 of 10 Electrical motor Test-bed 1. INTERFACCIA SIMULINK... 2 1.1. GUI CRUSCOTTO BANCO MOTORE... 2 1.2. GUIDE... 3 1.3. GUI PARAMETRI MOTORE... 3 1.4. GUI VISUALIZZAZIONE MODELLO 3D MOTORE...

Dettagli

Modellistica e controllo dei motori in corrente continua

Modellistica e controllo dei motori in corrente continua Modellistica e controllo dei motori in corrente continua Note per le lezioni del corso di Controlli Automatici A.A. 2008/09 Prof.ssa Maria Elena Valcher 1 Modellistica Un motore in corrente continua si

Dettagli

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA 2.1 La meccatronica 2.2 Componenti di un azionamento elettromeccanico 2.3 Accoppiamento motore-carico 2.4 Regolazione di un azionamento Corso di Meccanica Applicata alle

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: stabilità, errore a regime e luogo delle radici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail:

Dettagli

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO Per errore a regime si intende quello rilevato dopo un intervallo sufficientemente lungo dal verificarsi di variazioni del riferimento o da eventuali

Dettagli

Diagrammi di Bode. delle

Diagrammi di Bode. delle .. 3.2 delle Diagrammi di Bode La funzione di risposta armonica F(ω) = G(jω) può essere rappresentata graficamente in tre modi diversi: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols.

Dettagli

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Davide Giglio Introduzione alle eti Elettriche e reti elettriche costituite da resistori, condensatori e induttori (bipoli),

Dettagli

Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura

Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura Conversione del risultato in informazione utile È necessario fare alcune considerazioni sul

Dettagli

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione 0.0. 3.2 Diagrammi di Bode Possibili rappresentazioni grafiche della funzione di risposta armonica F (ω) = G(jω) sono: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols. I Diagrammi

Dettagli

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI Organi di trasmissione Moto dei giunti basse velocità elevate coppie Ruote dentate variano l asse di rotazione e/o traslano il punto di applicazione denti a sezione larga

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo

L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo CONTROLLORI PID PID L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo Può essere applicato ai più svariati ambiti, dal controllo di una portata di fluido alla regolazione

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA CLASSE 5H Docenti: Raviola Giovanni Moreni Riccardo Disciplina: Sistemi elettronici automatici PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE FINALI Al termine

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

Nome: Nr. Mat. Firma:

Nome: Nr. Mat. Firma: Controlli Automatici - A.A. 1/11 Ingegneria Gestionale 13 Settembre 11 - Esercizi Nome: Nr. Mat. Firma: Rispondere alle seguenti domande. a) Calcolare la trasformata di Laplace X(s) dei seguenti segnali

Dettagli

Controllo di velocità angolare di un motore in CC

Controllo di velocità angolare di un motore in CC Controllo di velocità angolare di un motore in CC Descrizione generale Il processo è composto da un motore in corrente continua, un sistema di riduzione, una dinamo tachimetrica ed un sistema di visualizzazione.

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come 49 Motori brushless 1. Generalità I motori brushless sono idealmente derivati dai motori in DC con il proposito di eliminare il collettore a lamelle e quindi le spazzole. Esistono due tipi di motore brushless:

Dettagli

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE (cod. 8469) APPELLO del 10 Novembre 2010 Prof. Emanuele Carpanzano Soluzioni Esercizio 1 (Domande generali) 1.a) Controllo Modulante Tracciare qualitativamente la risposta

Dettagli

I VANTAGGI. Molti costruttori di macchine si rendono conto dell importanza DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA

I VANTAGGI. Molti costruttori di macchine si rendono conto dell importanza DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA ANDREA MARIO FRANCHINI I VANTAGGI DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA La fusione sinergica delle conoscenze meccaniche, elettroniche e informatiche consente di giungere a nuovi concetti di macchina e a uno

Dettagli

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Gli attuatori pneumatici sono organi che compiono un lavoro meccanico usando come vettore di energia l aria compressa con indubbi vantaggi in termini di pulizia, antideflagranza, innocuità e insensibilità

Dettagli

teoresi studi&ricerche

teoresi studi&ricerche UN SISTEMA DI CONTROLLO PER ELICOTTERO Realizzazione con Simulink e Direct3D di M. CARIDI e L. DAGA Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Roma La Sapienza via Eudossiana

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione Dall equazione alle

Dettagli

Indice. 1 Introduzione 1

Indice. 1 Introduzione 1 Indice Prefazione XIII 1 Introduzione 1 2 Elementi di modellistica 9 2.1 Introduzione... 9 2.2 Equazioni di conservazione per processi a fluido... 9 2.2.1 Portata massica e volumetrica... 9 2.2.2 Principio

Dettagli

2. L ENERGIA MECCANICA

2. L ENERGIA MECCANICA . L ENERGIA MECCANICA.1 Il concetto di forza La forza può essere definita come «azione reciproca tra corpi che ne altera lo stato di moto o li deforma: essa é caratterizzata da intensità direzione e verso».

Dettagli

Retroazione In lavorazione

Retroazione In lavorazione Retroazione 1 In lavorazione. Retroazione - introduzione La reazione negativa (o retroazione), consiste sostanzialmente nel confrontare il segnale di uscita e quello di ingresso di un dispositivo / circuito,

Dettagli

Azionamenti elettronici PWM

Azionamenti elettronici PWM Capitolo 5 Azionamenti elettronici PWM 5.1 Azionamenti elettronici di potenza I motori in corrente continua vengono tipicamente utilizzati per imporre al carico dei cicli di lavoro, nei quali può essere

Dettagli

UNIT 8 Soluzione del problema di controllo con Modelli Poveri 3 - Sintesi per tentativi degli asservimenti nel dominio della variabile complessa

UNIT 8 Soluzione del problema di controllo con Modelli Poveri 3 - Sintesi per tentativi degli asservimenti nel dominio della variabile complessa UNIT 8 Soluzione del problema di controllo con Modelli Poveri 3 - Sintesi per tentativi degli asservimenti nel dominio della variabile complessa Corso di Controlli Automatici Prof. Tommaso Leo Indice UNIT

Dettagli

Controllo del moto e robotica industriale

Controllo del moto e robotica industriale Controllo del moto e robotica industriale (Prof. Rocco) Appello del 27 Febbraio 2008 Cognome:... Nome:... Matricola:... Firma:... Avvertenze: Il presente fascicolo si compone di 8 pagine (compresa la copertina).

Dettagli

1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo... 6

1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo... 6 Indice 1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo................ 6 2 Elementi di modellistica 8 2.1 Modelli nel dominio del tempo................... 8 2.2 La trasformata di Laplace......................

Dettagli

REGOLATORI STANDARD PID

REGOLATORI STANDARD PID CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Gestionale http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm REGOLATORI STANDARD PID Ing. Federica Grossi Tel. 059 2056333 e-mail: federica.grossi@unimore.it

Dettagli

Sensori e trasduttori. Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi

Sensori e trasduttori. Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi Sensori e trasduttori Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi Gli Obiettivi Struttura generale di sistemi di controllo e misura Sensori, trasduttori, attuatori Prima classificazione dei sistemi-sensori

Dettagli

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico 1 L AZIONAMENTO ELETTRICO COME SISTEMA 1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico Si definisce Azionamento Elettrico (A.E.) l insieme composto da un motore elettrico e dagli apparati d alimentazione,

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 I Disciplina: Sistemi automatici Docenti: Linguanti Vincenzo Gasco Giovanni PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA CLASSE 5H Docenti: Raviola Giovanni Moreni Riccardo Disciplina: Sistemi elettronici automaticih PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE FINALI Al termine

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA 1 di 8 Anno scolastico: PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Materia: 2013/14 Fisica Data: Classe: 1A I Insegnante: Barbara Baiguini La presente programmazione fornisce linee guida generali. È suscettibile

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Legge di Coulomb Esercizio 1. Durante la scarica a terra di un fulmine scorre una corrente di.5 10 4 A per

Dettagli

FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 10/02/2014

FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 10/02/2014 FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 10/02/2014 ESERCIZI E1. Un proiettile del peso di m = 10 g viene sparato orizzontalmente con velocità v i contro un blocco di legno di massa M = 0.5 Kg, fermo su una superficie

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi armonica e metodi grafici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. Analisi

Dettagli

Prova scritta di Controlli Automatici

Prova scritta di Controlli Automatici Prova scritta di Controlli Automatici Corso di Laurea in Ingegneria Meccatronica, AA 2011 2012 10 Settembre 2012 Domande a Risposta Multipla Per ognuna delle seguenti domande a risposta multipla, indicare

Dettagli

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Forza CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Cos è una forza? la forza è una grandezza che agisce su un corpo cambiando la sua velocità e provocando una deformazione sul corpo 2 Esempi

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO Può essere espressa sia nel dominio della s che nel dominio della j Definizione nel dominio della s. è riferita ai soli sistemi con un ingresso ed un uscita 2. ha per oggetto

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Progetto di controllo e reti correttrici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico Moto di una carica in un campo elettrico uniforme Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice se il campo elettrico è uniforme,

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

REGOLATORI STANDARD PID

REGOLATORI STANDARD PID SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti/sistemicontrollo.html Regolatore Proporzionale, Integrale, Derivativo - PID Tre azioni di combinate

Dettagli

13. Campi vettoriali

13. Campi vettoriali 13. Campi vettoriali 1 Il campo di velocità di un fluido Il concetto di campo in fisica non è limitato ai fenomeni elettrici. In generale il valore di una grandezza fisica assegnato per ogni punto dello

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

~ Copyright Ripetizionando - All rights reserved ~ http://ripetizionando.wordpress.com STUDIO DI FUNZIONE

~ Copyright Ripetizionando - All rights reserved ~ http://ripetizionando.wordpress.com STUDIO DI FUNZIONE STUDIO DI FUNZIONE Passaggi fondamentali Per effettuare uno studio di funzione completo, che non lascia quindi margine a una quasi sicuramente errata inventiva, sono necessari i seguenti 7 passaggi: 1.

Dettagli

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000 GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI INDICE parte sezione pagina 1. INTRODUZIONE. FONDAMENTI.1. Misurando,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI In collaborazione con UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Facoltà di Ingegneria Corso di studi in Ingegneria Civile Tesi di Laurea Magistrale CONTROLLO ATTIVO DELLE VIBRAZIONI

Dettagli

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L.

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010 Parte 3, 1 Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento Prof. Lorenzo Marconi DEIS-Università di Bologna Tel. 051 2093788 Email: lmarconi@deis.unibo.it URL:

Dettagli

Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte;

Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Obiettivi generali. Laboratorio di Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Manuale di Elettrotecnica e Automazione, Hoepli;

Dettagli

Spiegare il controllo di corrente in un motore brushless sinusoidale con l ausilio di uno schema a blocchi.

Spiegare il controllo di corrente in un motore brushless sinusoidale con l ausilio di uno schema a blocchi. Spiegare il controllo di corrente in un motore brushless sinusoidale con l ausilio di uno schema a blocchi. Il motore brushless (senza spazzole) è costituito da un rotore, su cui sono alloggiati i magneti

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli

L'automazione nei processi industriali

L'automazione nei processi industriali L'automazione nei processi industriali Un processo industriale è l insieme delle operazioni che concorrono a trasformare le caratteristiche e le proprietà di materiali, tipi di energia e/o informazioni

Dettagli

Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO.

Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO. Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO. VIII-1. Introduzione. Il controllo del moto incrementale dei motori passo-passo si ottiene attraverso il software di un computer, programmando opportunamente gli impulsi

Dettagli

2002 ISTITUTO PROFESSIONALE (indirizzo Tecnico per le Industrie Elettriche)

2002 ISTITUTO PROFESSIONALE (indirizzo Tecnico per le Industrie Elettriche) 2002 ISTITUTO PROFESSIONALE (indirizzo Tecnico per le Industrie Elettriche) Tema di SISTEMI, AUTOMAZIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA PRODUZIONE Un sistema a nastro trasportatore, azionato da un motore con funzione

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83 I convertitori c.c.-c.c. monodirezionali sono impiegati per produrre in uscita un livello di tensione diverso da quello previsto per la sorgente. Verranno presi in considerazione due tipi di convertitori

Dettagli

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω GIROSCOPIO Scopo dell esperienza: Verificare la relazione: ω p = bmg/iω dove ω p è la velocità angolare di precessione, ω è la velocità angolare di rotazione, I il momento principale d inerzia assiale,

Dettagli

Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile

Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile Anno Accademico 2015-2016 A. Ponno (aggiornato al 19 gennaio 2016) 2 Ottobre 2015 5/10/15 Benvenuto, presentazione

Dettagli

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica 224 Tonzig Fondamenti di Meccanica classica ). Quando il signor Rossi si sposta verso A, la tavola si sposta in direzione opposta in modo che il CM del sistema resti immobile (come richiesto dal fatto

Dettagli

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO PIANO DI LAVORO CLASSE 5 ES A.S. 2014-2015 MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO INS. TECNICO-PRATICO: PROF. BARONI MAURIZIO MODULO 1: ALGEBRA DEGLI SCHEMI A BLOCCHI

Dettagli

Controlli automatici per la meccatronica

Controlli automatici per la meccatronica Controlli automatici per la meccatronica Applicazione alla robotica industriale Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Il robot Il robot è un manipolatore multifunzionale riprogrammabile, progettato

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: robustezza e prestazioni Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

Fondamenti di Elaborazione di Immagini Estrazione dei Bordi e Segmentazione. Raffaele Cappelli raffaele.cappelli@unibo.it

Fondamenti di Elaborazione di Immagini Estrazione dei Bordi e Segmentazione. Raffaele Cappelli raffaele.cappelli@unibo.it Fondamenti di Elaborazione di Immagini Estrazione dei Bordi e Segmentazione Raffaele Cappelli raffaele.cappelli@unibo.it Contenuti Estrazione dei bordi Calcolo del gradiente Operatori di Roberts Operatori

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Anno scolastico 2015 / 2016. Elettrotecnica ed elettronica Sistemi automatici. Docente/i

Anno scolastico 2015 / 2016. Elettrotecnica ed elettronica Sistemi automatici. Docente/i Alessandria, 17 ottobre 2015 Anno scolastico 2015 / 201 Classe 5AE Indirizzo Materia Elettrotecnica ed elettronica Sistemi automatici Docente/i Nome e cognome Franco GABRIELE Firma Nome e cognome Antonietta

Dettagli

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari Elettronica per l informatica 1 Contenuto dell unità D Conversione dell energia metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari componentistica e tecnologie riferimenti di tensione,

Dettagli

Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R

Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R Studio di funzione Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R : allo scopo di determinarne le caratteristiche principali.

Dettagli

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Angolo di risalita = 25 Altezza massima della salita = 25,87 m Altezza della salita nel tratto lineare (fino all ultimo pilone di metallo)

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. Laboratorio Relazioni di laboratorio Verifiche scritte di laboratorio (elaborazione dati, domande aperte, test a risposta multipla)

IIS D ORIA - UFC. Laboratorio Relazioni di laboratorio Verifiche scritte di laboratorio (elaborazione dati, domande aperte, test a risposta multipla) INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 L EQUILIBRIO DEI SOLIDI 2 IL MOVIMENTO: LA VELOCITA 3 IL MOVIMENTO: L ACCELERAZIONE 4 I PRINCIPI DELLA DINAMICA 5 IL LAVORO, LA POTENZA E L ENERGIA 6 LA TEMPERATURA

Dettagli

Progetto di Modelli Fisici per la Realtà Virtuale

Progetto di Modelli Fisici per la Realtà Virtuale Progetto di Modelli Fisici per la Realtà Virtuale di Cavenaghi Mattia matricola 640926 Indice Il modello fisico Descrizione del sistema pag. 1 Caratteristiche geometriche degli elementi pag. 1 L'equazione

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL 1 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Per l analisi dati con Excel si fa riferimento alla versione 2007 di Office, le versioni successive non differiscono

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Polarizzazione, dispersione dei modi di polarizzazione e sua compensazione

Polarizzazione, dispersione dei modi di polarizzazione e sua compensazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Elettronica Polarizzazione, dispersione dei modi di polarizzazione e sua compensazione Laureando: Danijel Miletic 28/11/2008 1

Dettagli

Controllo di Manipolatori (Calcolo delle Traiettorie 2)

Controllo di Manipolatori (Calcolo delle Traiettorie 2) Controllo di Manipolatori (Calcolo delle Traiettorie 2) Ph.D Ing. Folgheraiter Michele Corso di Robotica Prof. Caglioti Anno Acc.. 2005/2006 Scelta della velocità nei punti di via con metodo Euristico:

Dettagli

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI Alcune proprietà della deformata dei portali Si esaminano nel seguito alcune proprietà della deformata dei portali. Queste proprietà permettono

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua Servomeccanismi 1 1. Il motore elettrico in corrente continua Descrizione fisica Il motore è contenuto in una cassa che in genere è cilindrica. Da una base del cilindro fuoriesce l albero motore; sulla

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

Differenziazione sistemi dinamici

Differenziazione sistemi dinamici Il controllo di sistemi ad avanzamento temporale si basa sulle tecniche di controllo in retroazione, ovvero, elabora le informazione sullo stato del processo (provenienti dai sensori) in modo sa inviare

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton

Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton Parte I Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton 3.1-3.2-3.3 forze e principio d inerzia Abbiamo finora studiato come un corpo cambia traiettoria

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli