CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE 8.1 IL PROBLEMA DEL CONTROLLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE 8.1 IL PROBLEMA DEL CONTROLLO"

Transcript

1 80 CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE In questo capitolo è descritto un metodo teorico per l identificazione dell attrito, attraverso l impiego della normale strumentazione di laboratorio. Il risultato dell identificazione viene successivamente impiegato per realizzare un sistema di regolazione della posizione, in grado di compensare l effetto dell attrito e realizzare il corretto inseguimento della traiettoria impostata. Quindi sono descritte le prove sperimentali per l identificazione dell attrito e dell inerzia, eseguite con la metodologia precedentemente illustrata. 8.1 IL PROBLEMA DEL CONTROLLO Tra le numerose tecniche che possono essere impiegate nel controllo di un manipolatore, quella prescelta, nonché il modo con cui essa è realizzata, può avere una significativa influenza sulle prestazioni del manipolatore e di conseguenza sul campo di applicazione. Naturalmente, oltre alla teoria, anche il sistema di azionamento dei giunti del manipolatore ha un effetto sul tipo di strategia di controllo impiegata. Il robot SMART3 S2 viene attuato da servomotori elettrici con organi di trasmissione ad elevato rapporto di riduzione, ed è proprio la presenza delle trasmissioni che tende a linearizzare la dinamica del sistema, disaccoppiando di fatto i giunti a causa della riduzione degli effetti delle non linearità e dell accoppiamento sugli attuatori stessi. Alle trasmissioni tuttavia sono associati fenomeni di attrito, elasticità e giochi che limitano le prestazioni del sistema, specie per quanto riguarda la precisione del posizionamento, anche più di quanto sia dovuto alle inerzie dipendenti dalla configurazione e dalle forze di Coriolis, ecc. Per contro, se il robot fosse azionato con motori di coppia calettati direttamente sul giunto senza organi di riduzione, i problemi di attrito, elasticità e giochi sarebbero in gran parte ridotti; diventerebbe di contro significativo il peso dell inerzia del carico, delle non linearità e dell accoppiamento tra i giunti. Di conseguenza, al fine di ottenere elevate prestazioni, devono essere affrontate problematiche di controllo impostate diversamente.

2 81 In questo lavoro si è scelto di effettuare una regolazione che sia in grado di migliorare le prestazioni in relazione alla dinamica del robot, migliorando l errore di posizione e quindi la risposta del sistema. In particolare ciò è stato ottenuto compensando l attrito dei giunti, dopo averlo identificato. Le procedure di identificazione consentono appunto di ricavare i parametri dei modelli matematici i quali esprimono quantitativamente l andamento osservato nei dati sperimentali; in questo caso si è inteso identificare in particolare l attrito nelle sue diverse componenti. Molti metodi di identificazione consentono di analizzare solo modelli lineari che richiedono quindi la conoscenza a priori della struttura del fenomeno e di solito è necessario disporre allo scopo una strumentazione ed un hardware aggiuntivi che comportano degli alti costi. Il metodo di identificazione scelto [8] consente di stimare una componente fortemente non lineare come l attrito; il procedimento consiste nell analisi dei segnali di errore relativi agli anelli di regolazione retroazionati, precisamente quelli di velocità e di posizione, che definiscono a loro volta il segnale di riferimento per il regolatore di corrente situato all interno dell azionamento. Il metodo ha il proprio punto di forza nel fatto che l hardware necessario è quello già presente per la regolazione; lo svantaggio è che nell errore di anello ci sono componenti proporzionali ad altri elementi di disturbo, alcuni dei quali compensabili, come l inerzia del sistema, altri che devono essere eliminati attraverso metodi numerici, come ad esempio i disturbi relativi al convertitore di potenza. 8.2 METODO PER L IDENTIFICAZIONE SPERIMENTALE DELL ATTRITO Le prove sperimentali per la raccolta delle misure necessarie all identificazione sono state eseguite nella modalità 4 di funzionamento del controllo aperto. Si ricorda che questa modalità consente la lettura da parte dell elaboratore personale della posizione angolare misurata nei motori del robot e la scrittura nella memoria condivisa del riferimento di corrente che alimenta i motori stessi. Essa consente inoltre di stabilire quali assi mettere in movimento, lasciando gli altri bloccati meccanicamente, ciò che permette di stimare i parametri per ogni singolo giunto. A tale scopo la modalità 4 esclude il sistema di controllo dell unità C3G-900 e lo sostituisce con un algoritmo di controllo implementato sul calcolatore in linguaggio C se si decide di lavorare in anello chiuso, o di non sostituirlo affatto qualora si decida di lavorare in anello aperto. In questo lavoro le prove sperimentali condotte per identificare i vari modelli sono state effettuate in anello chiuso per tutti i giunti. In teoria, almeno per quanto riguarda i giunti non in gravità (assi 1, 4, 5, 6), questa scelta non è vincolante, dal momento che gli stessi risultati si sarebbero potuti ottenere in anello aperto, inserendo un riferimento di corrente e misurando la velocità dei motori.

3 82 Lo stesso non si può dire per gli assi in gravità, per i quali la scelta della configurazione in anello chiuso è obbligata, al fine di mantenere sotto controllo i giunti che, altrimenti, tenderebbero a cadere, in quanto sottoposti alla forza peso. Per ognuna delle prove eseguite è stato definito un riferimento di posizione per la procedura che gestisce il controllo degli assi; una volta eseguito l algoritmo di regolazione di tipo PID vengono registrate sulla memoria condivisa le correnti di riferimento per gli azionamenti del robot, così da eseguire la traiettoria impostata. Durante il movimento il programma attua la chiusura degli anelli di posizione e velocità e alla fine salva le correnti e le posizioni realmente raggiunte dal robot in due vettori, current.dat e motpos.dat. Lo schema di principio utilizzato per identificare l attrito è mostrato nella seguente figura 8.1. Sistema Qm q m rif rif ε e θ Regolatore I rif I rif qqm m motore Riferimento PID Riferimento + Posizione trasmissione di posizione - di corrente Figura Schema usato per le prove di identificazione. Per il conseguimento delle diverse componenti dell attrito i valori ottenuti sono stati trattati attraverso appositi programmi, creati in ambiente Matlab, chiò che consente di rilevare agevolmente la caratteristica d attrito, grazie alla possibilità di sfruttare i regolatori di tipo PID. Nel caso del robot SMART3 S2 la posizione dei giunti viene controllata tramite sei regolatori, ognuno tarato sulle caratteristiche dinamiche del corrispondente giunto. L identificazione della curva di Stribeck [11] viene svolta in due fasi: una prima in cui vengono considerate le sole retroazioni di posizione e velocità ed una seconda nella quale si realizza la compensazione dell inerzia tramite un segnale di reazione anticipata (feedforward). Il sistema utilizzato per la prima fase è rappresentato nella figura 8.2, nel quale non è presente alcuna compensazione. Nella parte sinistra è rappresentato lo schema di regolazione implementato dal programma, che fornisce al robot il riferimento di corrente. La parte destra invece rappresenta il modello del sistema fisico costituito da un singolo giunto robotico supposto rigido, di cui si vuole identificare l attrito.

4 83 Figura Schema a blocchi del sistema utilizzato per l identificazione dell attrito. L azionamento genera una coppia motrice stabilita in base al riferimento di corrente (segnale I fb ) generato da un regolatore PID, realizzato in ambiente di programmazione C. La regolazione utilizza due retroazioni che consentono al sistema di eseguire la traiettoria di posizione e di mantenere la stabilità del sistema. Il primo anello di retroazione utilizza l errore di posizione ε q e, dopo averlo moltiplicato per un guadagno K p, lo somma al segnale ottenuto dalla seconda retroazione; questo utilizza l errore di velocità dopo averlo moltiplicato per un blocco PI, per ottenere il segnale di corrente I fb : I fb K i = K pv ( q rif q ) + ( q rif q ) + K p ( qrif q) s (8.1) Nelle (8.1) e (8.2) non viene considerato il blocco diretto supplementare che interviene nella generazione del riferimento di velocità, in quanto il suo significato verrà analizzato ampiamente in seguito; questa scelta non altera comunque la presentazione del metodo di identificazione. Moltiplicando i valori di corrente di feedback (I fb ), misurati dall unità di controllo del robot, per la costante di coppia k t si ottengono i valori della coppia (T fb ). Derivando quindi il segnale di posizione è possibile ricavare la velocità q e tracciare la caratteristica coppia-velocità del motore che per un giunto non in gravità è identificabile, a meno dell inerzia, con la curva di Stribeck.

5 84 Per eseguire una misura dell attrito occorre quindi stimare l inerzia complessiva J del sistema, così da poterla successivamente eliminare. La sua compensazione si realizza tramite un blocco diretto in anello aperto (feedforward) che agisce sul sistema come un disturbo; esso utilizza la corrente Figura Schema a blocchi utilizzato per la compensazione dell inerzia. I ff (figura 8.3), ottenuta mediante il prodotto tra l accelerazione angolare di riferimento q rif ed il guadagno J del blocco diretto. La somma dei segnali di retroazione con il segnale di compensazione diretta costituisce il riferimento di coppia da inviare all azionamento (I rif = I ff + I fb ). I rif K i = K pv ( q rif q ) + ( q rif q ) + K p ( qrif q) + J q rif (8.2) s Se la compensazione fosse completa a causa della esattezza della stima, non vi sarebbero errori nulli negli anelli di retroazione, per cui in condizioni ideali si potrebbe fare a meno dei regolatori. Come conseguenza se si conoscessero tutte le componenti che intervengono nell equazione della dinamica, con i blocchi feedforward, si potrebbe controllare il robot fornendo ai motori la corrente esatta per realizzare il movimento. 8.3 COMPENSAZIONE DELL ATTRITO Dopo aver descritto i passaggi che portano all identificazione e compensazione dell inerzia si sviluppa ora un metodo iterativo per la misura sperimentale dell attrito.

6 85 Questa operazione viene realizzata tramite un segnale aggiuntivo diretto in anello aperto (feedforward) e consente di conoscere i valori dell attrito viscoso, statico e coulombiano (figura 8.1), responsabili della dinamica del motore. L attrito viscoso viene ricavato stimando la pendenza della caratteristica di Stribeck, tramite una misura dell angolo D m ; questo valore, inserito in un ulteriore blocco diretto D, viene compensato moltiplicandolo per la velocità di riferimento (figura 8.4). La strategia utilizzata in seguito per la compensazione degli attriti statico e coulombiano è del tutto simile a quella vista precedentemente. L unica differenza è legata al fatto che queste due componenti costituiscono delle non linearità; per tale ragione vengono trattate via software in modo diverso rispetto all inerzia e all attrito viscoso e più precisamente: l attrito statico contribuisce alla corrente di feedforward (I ff ) soltanto a velocità nulla, mentre quello coulombiano concorre attraverso una corrente costante in modulo, che cambia di segno ogni qualvolta s inverte la velocità. Lo schema di regolazione completo è quello riportato in figura 8.4. Figura Schema di regolazione finale per la compensazione dell attrito. L unico effetto che rimane non compensato riguarda la componente relativa alla zona di stick-slip; tuttavia esso, che risente fortemente delle condizioni operative, può essere ridotto attraverso un adeguata lubrificazione. Le limitazioni relative alla regione di avanzamento a scatti appariranno come un errore nella traiettoria che il sistema deve seguire, risultando comunque di piccola entità. Esso è tanto più piccolo quanto migliore sarà l identificazione delle diverse componenti di attrito. Il programma ATTRITO.M realizzato in ambiente MATLAB raccoglie ed elabora i dati ottenuti applicando il metodo di identificazione ai giunti del robot.

7 INQUINAMENTO DA DISTURBI NELL IDENTIFICAZIONE Un problema che sorge con i metodi di identificazione è costituito dall inquinamento dei risultati dovuto ai disturbi che agiscono sul sistema. Esistono metodi in grado di attenuare i segnali che non sono correlati con i riferimenti, come ad esempio il rumore casuale asincrono e incorrelato rispetto al tempo. Altri tipi di segnali indesiderati che agiscono sul sistema sono invece funzione delle traiettorie impostate, come ad esempio il carico gravitazionale, gli effetti dell accelerazione di Coriolis, l ondulazione di coppia presente nell azionamento ecc. Per ottenere un risultato in base al quale gli effetti di questi disturbi risultino limitati è necessario attenuare quei segnali asincroni (e quindi non correlati) con il comune riferimento di velocità. In questo lavoro tale aspetto non sarà tuttavia preso in considerazione, anche se questo, come si vedrà in seguito, non impedirà di ottenere risultati soddisfacenti. 8.5 PROGRAMMI UTILIZZATI PER L IDENTIFICAZIONE E LA COMPENSAZIONE DELL ATTRITO Allo scopo di disporre di un programma per l interfaccia tra PC e C3G 900 in grado di realizzare l identificazione dell attrito e di avere allo stesso tempo una comoda interfaccia utente per il trattamento dei dati ed il progetto delle caratteristiche del regolatore, sono stati realizzati: un programma in linguaggio C che consente al PC di gestire l interfaccia; un programma Matlab che genera i riferimenti di posizione da inviare al controllore. I due programmi sono stati interfacciati nel modo previsto dal programma in C, il quale restituisce i dati riguardanti le correnti e le posizioni attuate dai motori nel movimento imposto. Questi dati vengono poi utilizzati in ambiente Matlab per visualizzare la caratteristiche dell attrito, rendendone possibile la compensazione. I due programmi sono denominati rispettivamente M4ATTRI.C, riportato in Appendice A, e CREATETA.M. I valori del riferimento di posizione sono di tipo angolare e sono espressi in unità di conteggio del risolutore [bit resolver], quindi per convertirli da gradi a bit resolver si utilizza la relazione: q bit resolver = τ/360 q rad (8.3) dove τ è il rapporto di trasmissione.

8 87 Imponendo la traiettoria a forma di campana rappresentata in figura 8.5, si avrà un profilo di velocità triangolare con accelerazione e decelerazione costante, che corrisponde a un movimento di tipo uniformemente accelerato. Figura Riferimenti di posizione, velocità e accelerazione impostati per le prove. 8.6 PROVE SPERIMENTALI Lo scopo della seconda parte di questo capitolo è di presentare alcune tecniche particolari, atte all identificazione di grandezze non lineari. Tutte le prove di identificazione realizzate sul robot sono state eseguite considerando un singolo giunto.

9 88 L asse del robot scelto per eseguire tutte le prove è l asse 1, in virtù del fatto che il giunto in questione, non essendo un asse in gravità, non presenta la componente di coppia relativa alla forza peso. Quando vengono eseguite delle prove a singolo giunto, si instaurano, anche se tutti gli altri assi vengono frenati meccanicamente, delle oscillazioni su alcuni di essi, per effetto degli elementi di accoppiamento tra motore e giunto, nonché della posizione dei rispettivi assi di rotazione. Di conseguenza, gli assi non interessati direttamente dall esperimento contribuiscono ugualmente alla dinamica da identificare. Ciò è vero soprattutto per la presenza dei giunti 2 e 3, poiché hanno assi di rotazione paralleli. Come risultato si stabiliscono quindi dei fenomeni di dinamica risonante, dovuti appunto alla presenza di questi assi. 8.7 RISULTATI SPERIMENTALI DELLE PROVE Le prove sperimentali si articolano in due parti: una prima in cui si esegue l identificazione e la compensazione dell inerzia ed una seconda che realizza le stesse operazioni per l attrito. Le procedure di identificazione e compensazione precedentemente descritte contribuiscono a realizzare un sensibile miglioramento delle prestazioni dinamiche del sistema RISULTATI DELL IDENTIFICAZIONE DELL ATTRITO. Per poter eseguire la procedura di identificazione, bisogna in primo luogo collegare i due sistemi, cambiando il modo di funzionamento. Eseguita tale operazione viene avviato il programma principale M4ATTRI.C, situato nella cartella C:\PCC3LINK\SAMPLE\M46>. Successivamente il programma richiede il nome del file.d creato precedentemente in ambiente Matlab e contenente il riferimento di posizione in unità digitali. Effettuate queste prime operazioni il programma esegue le sue diverse procedure, a seconda dello schema a blocchi che deve realizzare e restituisce la sequenza temporale di correnti e posizioni reali assunte dal motore, mediante le quali è possibile identificare e compensare l attrito. Il grafico di figura 8.6, ricavato imponendo al giunto robotico la traiettoria di figura 8.5, rappresenta l andamento della corrente di feedback I fb in funzione della velocità del motore; in questo caso, non essendo presente alcun blocco diretto in anello aperto (figura 8.2), la corrente di feedforward è nulla e quindi I rif I fb.

10 89 L andamento della corrente I fb (figura 8.6), a meno della costante di coppia K t, rispecchia il modello dell attrito presentato nel capitolo 7, in cui sono evidenti le diverse componenti dell equazione della dinamica di un manipolatore. Per la scelta del giunto effettuata, in tale equazione non è presente la coppia di gravità, mentre le forze centrifughe e di Coriolis possono essere trascurate; di conseguenza, l equazione del moto si presenta come segue: τ = J ( q) q + F q + T sign( q ) v c (8.4)

11 Figura Identificazione dell attrito senza compensazione dell inerzia. 90

12 91 Un fattore che merita attenzione è l inerzia, che in un robot antropomorfo non è costante, bensì dipendente dalla posizione dei diversi giunti. A tale proposito le prove sono state eseguite a singolo giunto, frenando meccanicamente gli altri cinque; è appunto questa metodica di lavoro che ha permesso di mantenere l inerzia costante. La posizione dei singoli giunti è stata scelta in modo da eseguire le prove con un inerzia media, che coincide con la posizione di riposo del robot ($CAL_SYS). Durante il movimento, a causa della presenza della coppia d inerzia, si verifica un isteresi della corrente di feedback (figura 8.6), rappresentata nel grafico da I fb. Tale fenomeno è legato alle variazioni della velocità; in particolare, durante la fase di decelerazione le coppie di attrito mantengono lo stesso segno algebrico, mentre quella d inerzia s inverte, in quanto il vettore accelerazione cambia il verso. Di conseguenza, in fase di decelerazione l inerzia contribuisce in favore della coppia motrice, essendo di segno contrario agli attriti. L attrito viscoso influenza la pendenza della curva, mentre della discontinuità a velocità nulla è responsabile l attrito statico. Inoltre si può osservare come alle basse velocità l attrito assuma un comportamento analogo a quello sintetizzato dalla curva di Stribeck (figura 7.1). Figura 8.7 Traiettoria impostata (verde) e posizione reale (rosso).

13 92 Per rendere evidente la bontà del software di regolazione, sono stati visualizzati il riferimento di posizione impostato ed il posizionamento reale del motore in funzione del tempo. Ciò rende ben visibile l inseguimento della traiettoria e l errore commesso dal regolatore, riportato in figura 8.7. Il grafico è visualizzato in radianti per consentire una facile lettura dei dati, così da semplificare i calcoli di trasformazione effettuati con la relazione (8.3). Figura Errore di posizione senza compensazione dell inerzia. Osservando l errore di posizione (figura 8.8), è evidente come questo aumenti al crescere della velocità del braccio, in quanto è necessario un regolatore più veloce per seguire le variazioni di velocità; di conseguenza, l errore di posizione tende ad annullarsi per velocità basse. Inoltre, sono visibili delle notevoli discontinuità. All avviamento infatti la forte accelerazione non consente al regolatore di inseguire la traiettoria con grande precisione e l errore aumenta notevolmente; un altra forte variazione si verifica poi in fase di decelerazione, in cui la forza d inerzia risulta essere in favore del moto e partecipa anch essa alla riduzione dell errore. Queste brusche variazioni dell errore di posizione sono presenti in modo speculare nella fase di riposizionamento del braccio. Nel grafico di figura 8.8 è anche evidente come l errore a regime non sia nullo, in quanto non si è utilizzato una componente integrale nell anello di posizione. Per l identificazione dell attrito occorre eliminare l isteresi presente in figura 8.6. Poiché l andamento della coppia segue quello della corrente, (sempre a meno della costante K t ), è possibile misurare la corrente di indotto dei motori e quindi conoscere il valore della coppia motrice.

14 93 Per eseguire la compensazione dell inerzia del sistema, occorre fornire al programma di identificazione il guadagno J; una sua stima può essere ottenuta empiricamente valutando l ampiezza del ciclo di isteresi I fb nel modo seguente: J I = fb 2 K t 1 q m (8.5) L isteresi della corrente di feedback, identificabile con I fb, vale: I = 52 bit-resolver fb = A Conoscendo il valore della costante del motore (K t = 0.54 Nm/A eff ) è possibile ricavare quello della coppia di inerzia come segue: Ti = Kt Ifb = = Nm (8.6)

15 Figura Risultato dell identificazione dell attrito con compensazione dell inerzia. 94

16 95 Se la stima dell inerzia è corretta, tramite compensazione feedforward è possibile ottenere la curva sperimentale dell attrito misurando la corrente di feedback. Quest ultima non corrisponde a tutta la corrente di riferimento inviata ai motori, in quanto ad essa dev essere sommato il contributo proveniente dal blocco diretto (I ff ). Inoltre, si sottolinea il fatto che la corrente di riferimento del motore è sempre la stessa, poiché nelle le prove eseguite lo spostamento angolare del relativo giunto è stato mantenuto costante. Per tracciare la caratteristica sperimentale di attrito è stato utilizzato lo schema a blocchi di figura 8.3, modificando la corrispondente funzione PID del programma principale M4MAIN.C con l inserimento del primo blocco diretto J RISULTATI DELLA COMPENSAZIONE DELL ATTRITO. Effettuata l identificazione della curva di Stribeck, è possibile ridurre l errore di posizione procedendo con la compensazione dell attrito, mediante lo schema a blocchi di figura 8.4. Dal modello della curva di attrito, valutando la pendenza della caratteristica, è possibile determinare il coefficiente di attrito viscoso e, analizzando l intercetta dell asse y, ricavare anche la componente di attrito coulombiano. Dalla misura dei segmenti a e b è possibile risalire alla pendenza della caratteristica, oppure, con una stima ai minimi quadrati, si può ricavare la pendenza e quindi l attrito viscoso. Per q > 0, la retta che approssima la curva di Stribeck (figura 8.9) ha equazione: I fb = ω + 75 [bit-resolver] (8.7) in cui il primo termine rappresenta l attrito viscoso che, come già detto, è funzione della velocità, mentre il secondo identifica quello coulombiano che risulta approssimativamente costante. Il valore massimo della coppia di attrito viscoso T v max si ricava come segue: I vmax ( ωmax ) 30 ( ) 30 = = = A Per passare dalle unità digitali agli Ampère si è moltiplicato per il rapporto di conversione mentre il valore di ω max = bit-resolver corrisponde circa a 60 rad/s (figura 8.10) ,

17 96 Coppia massima di attrito viscoso: F K I = Nm v max = t v max = (8.8) Inserendo il valore pari a F v max all interno del blocco D dell anello diretto si è in grado di compensare la componente di attrito viscoso. Figura Risultato della compensazione dell attrito viscoso. Dalla figura precedente è visibile come gli attriti statico e coulombiano influiscano, rispettivamente: all avviamento e durante l inversione di velocità e come essi siano identificabili misurando l intercetta sull asse y. Coppia di attrito statico: F K I = = Nm (8.9) s = t s Per ω > 0, la (8.7) rappresenta la coppia che il motore deve sviluppare per consentire al braccio di iniziare muoversi. Il valore di I s è stato ricavato dalla caratteristica di figura Coppia di attrito coulombiano:

18 97 30 Fc = K t I c = = Nm (8.10) 2047 I valori di F s e F c ricavati nelle (8.9) e (8.10) sono relativi a valori di velocità positivi. Se il motore viene avviato in senso contrario si può osservare come anche le coppie di attrito invertano il proprio segno. Vi è poi da osservare che per velocità negative i valori di F s e F c non risultano uguali in modulo a quelli ottenuti per velocità positive; questo comportamento è maggiormente accentuato per l attrito statico. A questo punto l identificazione dell attrito può ritenersi completata. La compensazione dell attrito coulombiano viene eseguita incorporando questi parametri nella regolazione feedforward; essa risulterà ottimale solo se la corrente residua I fb diventa prossima a zero (figura 8.11). Figura Effetto della compensazione dell attrito coulombiano. Il risultato della compensazione consente di ridurre l errore di posizione commesso dal sistema nell inseguire la traiettoria impostata in ingresso: ciò costituisce un tipico problema nel controllo di macchine per l automazione.

19 98 Figura Errore di posizione dopo la compensazione delle diverse componenti dell attrito. Attraverso l inserimento di un guadagno Fc è possibile effettuare la compensazione dell attrito coulombiano, in modo tale da ottenere un errore di posizione praticamente trascurabile; l andamento dell errore di posizione è riportato in figura Il risultato ottenuto dalla compensazione dell attrito è molto interessante, in quanto è evidente come il regolatore realizzato con una tecnica di tipo feedforward porti ad un miglioramento nel posizionamento del braccio. Figura 8.13 Confronto tra errori di posizione.

20 99 Per apprezzare la differenza tra un errore di posizione senza alcuna compensazione ed uno che si manifesta dopo la totale compensazione dell attrito, si sono riportati i due andamenti calcolati in radianti. Il massimo valore dell errore di posizione senza compensazione d attrito è pari a: rad = 3.14 mentre quello con compensazione vale: rad = 1.60 I regolatori relativi a questi assi sono stati tarati in modo da rendere stabile il sistema, anche rispetto alle variazioni dell inerzia. Inoltre, è stato omesso l uso della componente integrale dell errore di posizione nel controllo in quanto, in presenza di attrito e di eventuali fenomeni di stick-slip, l integratore è responsabile della nascita di cicli limite che portano all instabilità; in tal caso, si osserverà la presenza di un errore a regime non nullo. [ms] Figura 8.14 Confronto tra correnti con e senza regolazione diretta in funzione del tempo. Naturalmente, un miglioramento del posizionamento attraverso l uso di termini di FFW era un risultato facilmente intuibile; in ogni caso anche visualizzando le correnti è evidente come in

21 100 seguito alla compensazione dell attrito vi siano meno discontinuità di corrente; ciò che significa che il regolatore fa meno fatica ad inseguire la traiettoria impostata (figura 8.14). Figura 8.15 Confronto tra correnti con e senza compensazione dell attrito.

22 101 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE Questo lavoro ha preso in esame una struttura industriale costituita da un robot antropomorfo, descrivendone il modello meccanico, definendo alcuni algoritmi di regolazione comprendenti la compensazione di varie grandezze fisiche e verificandone l efficacia con numerose prove di laboratorio, allo scopo di ottenere un controllo del sistema affidabile ed in grado di fornire un soddisfacente comportamento statico e dinamico. La parte di analisi del processo ha utilizzato una modellistica ormai consolidata per evidenziare la varietà e le diverse possibilità di schemi di regolazione. Uno tra questi, largamente utilizzato nel presente lavoro, è basato su un meccanismo di compensazione anticipata (feedforward) dei disturbi e di altri fenomeni non facilmente modellizzabili a causa della loro intrinseca nonlinearità, come l attrito e le componenti di forza gravitazionale. Proprio dallo studio, dall identificazione e dalla misura sperimentale di questi ultimi si è tratta da un lato la conferma delle loro principali caratteristiche e dell effetto sulle prestazioni del sistema, mentre dall altro si sono potuti definire i parametri dei blocchi di regolazione necessari a migliorare la risposta dinamica e la precisione di posizionamento a regime del robot. Nelle fasi sperimentali di misura e di controllo si è inoltre messo in evidenza il ruolo determinante dell hardware e del software utilizzati sulla prestazione complessiva della macchina. La crescente potenza di calcolo e l organizzazione del controllore in architetture innovative consentono infatti di unire alle caratteristiche di sicurezza indispensabili per questo tipo di prodotti industriali, anche l impiego di tecniche di regolazione avanzate da un punto di vista teorico e utili rispetto alle aspettative dell utilizzatore. A partire da una struttura prettamente industriale si è messo a punto, presso il Laboratorio di Robotica del Dipartimento di Ingegneria Elettrica, un banco di prova che si ritiene possa essere utile anche per svolgere ulteriori ricerche di approfondimento sulle caratteristiche del robot, dei suoi carichi e delle modalità con cui può essere comandato nel modo più efficace.

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO SCHEMA DELL AZIONAMENTO A CATENA APERTA AZIONAMENTO L azionamento a catena aperta comprende il motore asincrono e il relativo convertitore statico che riceve

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Risposta temporale: esercizi

Risposta temporale: esercizi ...4 Risposta temporale: esercizi Esercizio. Calcolare la risposta al gradino del seguente sistema: G(s) X(s) = s (s+)(s+) Y(s) Per ottenere la risposta al gradino occorre antitrasformare la seguente funzione:

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo.

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo. Lavoro ed energia 1. Forze conservative 2. Energia potenziale 3. Conservazione dell energia meccanica 4. Conservazione dell energia nel moto del pendolo 5. Esempio: energia potenziale gravitazionale 6.

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

A. Bicchi Centro I.R. E. Piaggio, Università di Pisa

A. Bicchi Centro I.R. E. Piaggio, Università di Pisa Controllo, Teoria del Teoria dell Enciclopedia Italiana di Scienze, Lettere ed Arti Istituto della Enciclopedia Italiana ``G. Treccani'' XXI Secolo -- Aggiornamento, A. Bicchi Centro I.R. E. Piaggio, Università

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab

Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab Università di Padova FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ing. dell' Informazione Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab Relatore: Prof. Alessandro Beghi Presentata

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA 1. I PROBLEMI E LA LORO SOLUZIONE DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA L'uomo, per affrontare gli innumerevoli problemi postigli dallo sviluppo della civiltà, si è avvalso della scienza e della tecnica, i cui destini

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Pd10 Dc motor controll

Pd10 Dc motor controll PD Manuale Utente Pd Dc motor controll manuale utente cps sistemi progetti tecnologici Presentazione Congratulazioni per aver scelto Pd, una affidabile scheda elettronica per la movimentazione di precisione

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Sistemi di collaudo Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Un Gruppo che offre risposte mirate per tutti i vostri obiettivi di produzione automatizzata e di collaudo ESPERIENZA, RICERCA, INNOVAZIONE

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO

SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO Consideriamo il classico esempio di compensazione in cascata riportato in figura, comprendente il plant o sistema controllato con funzione di trasferimento G P

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli