La sezione della struttura interna di un attuatore (motore) a passo a riluttanza variabile (VR), a tre. avvolgimento. fase a.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La sezione della struttura interna di un attuatore (motore) a passo a riluttanza variabile (VR), a tre. avvolgimento. fase a."

Transcript

1 Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto I6 Azionaenti con otoe a ao In queto caitolo i affontano i incii di funzionaento e i dettagli cotuttivi dei inciali attuatoi a ao Veà anche fonito un elice eeio di dienionaento I6 Motoi a ao a iluttanza vaiabile a ezione della tuttua intena di un attuatoe (otoe) a ao a iluttanza vaiabile (V), a te fae b fai e quatto denti di otoe (ole o teeth), è tatoe cheaticaente iotata in FigI6a avvolgiento fae a eanione olae fae c avvolgiento fae a otoe FigI6a - Stuttua di un otoe a ao a iluttanza ae fae a Sia lo tatoe che il otoe ono ealizzati con ateiale feoagnetico (acciaio dolce) e eentano acata aniotoia adiale Ciacuna fae di tatoe è coota da iù avvolgienti, dioti u coie diaetalente oote di eanioni olai (coie olai); la FigI6a iota il cao elice di un avvolgiento tifae, con una ola coia olae e fae Il otoe eenta N alienze (denti) equiditanziati ta loo di un angolo (ao di otoe) dato da α π (I6) D Il inciio di funzionaento è il eguente: i uonga di eee nella condizione indicata in FigI6a, con la fae a alientata con una coente continua e cotante, a vuoto In condizioni di equilibio, il otoe i oiziona in odo che una ua coia di denti i tovi allineata con lae della fae alientata, a cui coionde una configuazione di equilibio tabile a inia iluttanza Si tolga oa lalientazione alla fae a, e i alienti la fae b Sul otoe nace una coia che lo ota in otazione in eno antioaio fino a fa coincidee la coia di denti di otoe iù vicina alla fae b con lae della fae tea, oizione alla quale coionde nuovaente la inia iluttanza del itea a otazione coiuta dal otoe è detta angolo di ao α ed il coiondente nueo di ai/gio è dato dalla (I6) N π α (I6) N è un iotante aaeto dei otoi a ao, in quanto indicativo della ioluzione angolae ottenibile duante il oizionaento di un caico eccanico diettaente collegato allalbeo ietendo le oeazioni e la fae c i ha un ulteioe ao in avanti (in eno antioaio), coe aeentato in FigI6b ae fae b ae fae b ae fae b ae fae a ae fae a ae fae a ae fae c ae fae c ae fae c (a) (b) (c) FigI6b - Poizioni di otoe in due ai ucceivi MZigliotto Univeità degli Studi di Udine

2 Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto Si uò facilente intuie che un ulteioe ao in avanti, ottenuto alientando nuovaente la fae a, ota il otoe in una oizione analoga a quella di FigI6b (a), uotato ietto a queta di un ao di otoe (π/, in queto cao) Dunque alientando ciclicaente le te fai di tatoe i ottiene una otazione ai ad un ao otoico E oibile dunque calcolae il nueo di ai neceai e coletae un angolo gio e tovai in una oizione di otoe coincidente con quella di atenza: N D F (I6) dove F è il nueo di fai di tatoe e D aeenta il nueo di denti di otoe Nello tatoe dei otoi V ciacuna fae uò eee diota in odo che i denti diaetalente ooti abbiano olaità agnetiche coincidenti od oote, a econda del convetitoe che i deidea abbinae al otoe Nei otoi V il tafeo (ai-ga) in aia ta denti di tatoe e di otoe viene tenuto quanto iù iccolo oibile e avee, a aità di coente di eccitazione e dunque di foza agnetootice, induzioni e quindi coie iù elevate A aità di coia eitente alicata, la dionibilità di elevata coia aia oduce anche un idotto cotaento (dilaceent) ietto alla oizione di allineaento a vuoto e dunque oizionaenti iù accuati Unalta caatteitica icecata dai ogettiti è quella di avee un iccolo angolo di ao, che conenta elevata ioluzione nel oizionaento Il ao α π/6 ad che i ottiene dalla (I6) otituendo leeio di FigI6a (D 4, F ) non aeenta natualente una oluzione oddifacente, a eno che non i icoa ad inganaggi deoltilicatoi, che ealto intoducono attiti e giochi dagli effetti indeideati Una ia intuitiva iglioia è cotituita dallauento del nueo dei denti di otoe, fino a quando la coleità eccanica non ne intacchi la obutezza o leconoicità della oduzione In altenativa, i uò enae di auentae il nueo di fai di tatoe Anche in queto cao, il liite alla fattibilità è cotituito dallo azio a dioizione e collocae gli avvolgienti nello tatoe, ente il coto dellazionaento è eanteente influenzato dal convetitoe Il nueo di coonenti di otenza del convetitoe, infatti, è diettaente legato alle fai da alientae, il cui nueo influenza anche i equiiti e il icooceoe di contollo o lequivalente cicuiteia hadwae fae fae fae 4 fae FigI6c - Motoe V con 4 fai di tatoe e 50 denti di otoe Un eeio di tuttua con 4 fai di tatoe (F 4) e 50 denti di otoe (D 50) è iotata, a titolo deeio, in FigI6c A tale tuttua coionde, in bae alla (I6), un nueo di ai ai a N 00 ai, ovveo una ioluzione di 8 Il nueo di denti di tatoe è 40, a iulta chiao che queto dato non inteviene nella deteinazione del ao del otoe; va counque ottolineato che non tutte le cobinazioni ono oibili; elaboate conideazioni otano a definie delle tabelle che contengono le cobinazioni oibili MZigliotto Univeità degli Studi di Udine

3 Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto Pe auentae la ioluzione è tata tudiata una tuttua e i otoi V detta "in cacata" (o "ulti-tack"), di cui una aeentazione cheatica è iotata in FigI6d fai a,b,c c tack tack fae c dente di otoe c tack c tack tack tack (a) (b) FigI6d - Stuttua di un otoe a iluttanza vaiabile "ulti-tack" a te fai ietto al otoe V di FigI6a, che eenta uno tatoe a ingolo tadio ("ingle tack") ul quale alloggiano tutte le te fai, il otoe ulti-tack è ealizzato con uno tatoe a te tadi, uno e ciacuna fae Penando di vedele ovaote in un unico iano, la tuttua è equivalente a quella del V convenzionale di FigI6d (b), in cui e elicità i ono diegnati olo quatto denti di otoe e di tatoe Nei otoi "ulti-tack" i denti di tatoe e di otoe ono olti di iù e eentano lo teo angolo di ao; inolte, ciacuno tadio è ontato faato di / di ao (in geneale, di α /F ad) ietto al ecedente, coe illutato in FigI6d (a) Il inciio di funzionaento è abbatanza intuitivo Si uonga che inizialente ia alientata la teza fae e che dunque il otoe ia allineato con i denti del tezo tadio di tatoe (tack ) A queto unto, alientando la fae a i oduce un avanzaento di un tezo di ao in eno oaio, ente i ottiene il edeio avanzaento in eno ooto alientando la fae b I otoi V ulti-tack ono iiegati nelle acchine utenili a contollo nueico e lottia ioluzione angolae che ne cotituice caatteitica eculiae c I6 - Motoi a ao a agneti eanenti a ezione della tuttua di un attuatoe (otoe) a ao a agneti eanenti (PM), a quatto fai, è cheaticaente iotata in FigI6a fae b eanione olae tatoe fae a fae a N S fae a N S agnete di otoe fae b fae b (a) (b) FigI6a - Stuttua di un otoe a ao a agneti eanenti Il otoe è cotituito da un agnete eanente cilindico e eenta dunque una ola coia olae, con olaità diote in eno adiale; tuttue iù colee, con iù coie olai, oono eee ealizzate ineendo agneti eanenti ootunaente agoati allinteno di una tuttua otoica MZigliotto Univeità degli Studi di Udine

4 Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto otante, ealizzata con gli accogienti neceai (tafei o inteoizione di ateiali aagnetici) atti ad evitae "cotocicuiti" agnetici Quando una fae è ecoa da coente, i uoi conduttoi ientono di una foza che tende a dioe il iano delle ie eendicolaente al cao agnetico odotto dal otoe; e il inciio di azione e eazione, i uoveà natualente il otoe, uotando fino ad allineae il uo ae con quello della fae alientata Con ifeiento ad eeio alla FigI6a (a), alientando in ucceione le fai a b a b i ottiene una otazione in eno antioaio con ai di π/ ad Pe auentae le aeie coinvolte nella oduzione di coia è oibile anche una configuazione con gli avvolgienti collegati in eie a coie, coe illutato in FigI6a (b) In tal cao vi ono olo due fai, a il convetitoe che le alienta deve eee in gado di ioe coenti di abo i vei, oluzione che coota genealente un aggavio dei coti Coe evidenzia leeio di FigI6a, la ioluzione nel oizionaento è iuttoto goolana addoiando ia le fai di tatoe che le coie olai di otoe i ottiene un otoe con angolo di ao α 45 Eitono eò liiti fiici ia al nueo di denti di tatoe che, oattutto, al nueo di coie olai, e cui i uò concludee che a aità di coleità tecnologica e di oduzione la ioluzione dei otoi a ao PM ietto ai otoi V è icuaente eggioe Inolte, la coia odotta è liitata dalla aia induzione al tafeo, a ua volta legata alla induzione eidua dei agneti iiegati nel otoe Genealente, e contenee i coti, i utilizzano noali feiti, che non eentano ne induzioni ne cai coecitivi aticolaente elevati Un vantaggio dei otoi a ao PM è che vi ono e il otoe oizioni di equilibio ai al nueo di ai/gio anche in cao di aenza di eccitazione delle fai di tatoe a coia in aenza di eccitazione è detta coia di tenuta (detent toque, D) e olitaente vaia ta il 5% ed il 0% della coia che i elica quando le fai ono alientate In alcune alicazioni, ove queta caatteitica viene futtata, i agoano ootunaente i denti e accentuae laniotoia di tatoe e aiizzae la coia di tenuta; in alti cai ea intoduce olo un indeideato fenoeno di "untaento" (cogging) e i ceca di iniizzala, ee agendo ulla confoazione dei denti di tatoe Al teine delleecuzione di ogni ingolo ao, il otoe i atteta nella oizione di equilibio doo un tanitoio i cui aaeti caatteitici (ovaelongazione e ozaento) diendono dalle caatteitiche del otoe e del convetitoe che lo alienta Nei otoi a ao PM la eenza del agnete ha e effetto econdaio un auento dello ozaento, che conente oizionaenti iù aidi ietto a quelli dei otoi V I6 - Modi di alientazione dei otoi a ao Nel aagafi ecedenti è tato illutato il inciio di funzionaento dei divei tii di otoe a ao, auendo ee che venie alientata eaataente ogni ingola fae (ingle-hae excitation) Queto tio di alientazione è il iù elice e quello che viene aunto coe bae nellanalii dei eccanii fondaentali di funzionaento; vi ono counque etodi divei di alientazione dei otoi ibidi, ciacuno con aticolai vantaggi e vantaggi Di eguito ne veà fonita una intei cheatica I6 - Eccitazione a ingola fae Coe già accennato nellintoduzione, è il etodo iù elice, noto anche coe "one-hae-on dive" Nella abi6a, ifeita ad un otoe a ao a te fai, è iotato un eeio di equenza di coando agli inteuttoi che ilotano lalientazione di ciacuna fae Un "" ignifica che la fae è alientata, ente una caella vuota ignifica che ea è enta MZigliotto Univeità degli Studi di Udine 4

5 Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto abi6a - Sequenza di coando nel odo di eccitazione a ingola fae I Fae S Fae S Fae S Allinizio i uone che il otoe ia in uno tato dequilibio (I) con la ola fae A alientata Il io ao in avanti viene ottenuto dieccitando la fae S ed alientando la fae S, quindi la fae S e coì via Invetendo la equenza di alientazione delle fai i ottiene linveione del eno di otazione del otoe In bae alle conideazioni ulla conveione elettoeccanica dellenegia, è oibile icavae uneeione e la coia che agice ul otoe quando viene alientata la ingola fae Ad eeio, lautoinduttanza della fae S uò eee aoiata coe: ( ϑ) a o co 4 (I6) Nelliotei di aenza di atuazione del cicuito agnetico, la coia odotta dalla fae S i calcola con la I: W τ a in( 4ϑ) ϑ i (I6) e dunque ha valoe aio ai a i e unto di equilibio tabile in ϑ 0 Allo teo odo i tovano, e le fai S ed S iettivaente: ( 4ϑ ) ( 4ϑ ) b o co π (I6) c o co π (I64) e dunque ( 4ϑ ) ( 4ϑ ) τ b i in π (I65) τ c i in π (I66) andaento delle coie geneate dalle ingole fai è iotato in FigI6a τ b [N] τ c [N] τ a [N] i A -06 o H 05 H ϑ [ ] FigI6a - Coie odotte da ciacuna fae in un otoe V MZigliotto Univeità degli Studi di Udine 5

6 Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto a dinaica del otoe a ao diende foteente dal tio di alientazione e equazioni che decivono la dinaica ia dei otoi V che PM ono diffeenziali non lineai; olitaente, i tudia la dinaica e iccoli otaenti attono ad una oizione di equilibio del otoe, in odo da ote lineaizzae le equazioni del itea ed alicae la tafoata di alace Con quete iotei, i uò diotae che la funzione di tafeiento e un otoe a ao (ia V che PM) alientato con eccitazione a ingola fae è quella di un itea del econdo odine: Θ ω o n (I67) Θ ξω ω i n n dove Θ o e Θ i ono le -tafoate iettivaente della oizione effettiva e del ifeiento a ulazione natuale (natual angula fequency) ω n e lo ozaento ξ e il otoe PM ono dati da: IoΛg ω n B ξ Jωn J (I68) (I69) dove è il nueo di coie olai aociato a ciacuna fae, I o è la coente che in equilibio alienta la ingola fae, Λ g è il valoe aio del fluo odotto dal agnete eanente di otoe e concatenato con la ingola fae, J e B ono iettivaente oento di inezia e coefficiente di attito vicoo del otoe e del caico iotato al otoe E inteeante notae coe I o e Λ g iano anche diettaente eonabili della oduzione della coia tatica Più cecono, iù è alta la fequenza natuale e eno ozato iulta il oizionaento del otoe a eguito di una vaiazione a gadino del ifeiento Pe il otoe V iulta invece: ω n I o J (I60) dove aeenta linduttanza di fae del otoe V o ozaento ξ è ancoa dato dalleeione (I69) Solitaente i otoi PM iultano iù ozati dei otoi V, e la eenza del agnete eanente ul otoe; le eeioni (I68 - I60) indicano counque che vi è un notevole gado di libetà duante la ogettazione del otoe teo I6 - Eccitazione a doia fae Queto odo evede lalientazione conteoanea di due fai (two-hae-on oeation) In analogia a quanto vito nel aagafo ecedente, i iota di eguito la tabella con un eeio di equenze di coando e un otoe V con avvolgiento onofilae, a te fai: abi6a - Sequenza di coando nel odo di eccitazione a doia fae I Fae S Fae S Fae S a FigI6a iota la ituazione nei ai,, della tabella, e una iglioe coenione del funzionaento Ci i ende ubito conto che ciacuna oizione di equilibio non vede iù il otoe MZigliotto Univeità degli Studi di Udine 6

7 Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto allineai con una alienza di tatoe, coe accadeva nel funzionaento a ingola fae Ad ogni ao coionde un avanzaento di 0, coe di conueto S S S S S FigI6a - Poizioni di otoe nel funzionaento a doia fae Ancoa una volta, futtando i incii di conveione elettoeccanica dellenegia, è oibile deivae le divee oizioni di equilibio tabile analizzando la coia che agice ul otoe, quando iano alientate conteoaneaente due fai In odo del tutto analogo a quanto vito in ecedenza, linduttanza elativa alla fae S ha un andaento in funzione della coodinata angolae ϑ che uò eee aoiato analiticaente dalla elazione: ( ϑ) a o co 4 (I6) Allo teo odo, data la ietia eitente, linduttanza della fae S i eie coe: ( 4( ϑ π 6) ) co( 4ϑ ) b o co o π (I6) E anche facile endei conto che la utua induttanza fa gli avvolgienti nei otoi a ao a iluttanza ( e nei otoi Switched eluctance) uò eee tacuata Nelle iotei che: i oli di tatoe iano in nueo ai; non vi ia atuazione delle ati in feo, che i aue abbiano eeabilità infinita; i oli tatoici iano alientati a coie; le linee di cao di ciacuna fae hanno un ecoo efeenziale attaveo i oli coiondenti alla fae eccitata (FigI6b - a) S Feo di otoe S Feo di tatoe FigI6b a) - inee di cao b) Cicuito elettico equivalente o tatoe ed il otoe i tovano allo teo otenziale agnetico, quindi non vi è fluo ui ecoi agnetici dei oli di tatoe non alientati, ovveo non vi è utua induttanza Con le iotei fatte, il cicuito è lineae, e cui vale la ovaoizione degli effetti ed in geneale dunque ogni fae iente olo del fluo autoconcatenato acuando la utua induttanza, ed alientando le due fai con uguale coente i, lenegia agnetica i eie coe: MZigliotto Univeità degli Studi di Udine 7

8 Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto W ( ) a ϑ i b ( ϑ) i (I6) e la coia vale W τ i i ϑ ( in( 4ϑ) in( 4ϑ π ) ) in( 4ϑ ) π (I64) andaento delle due induttanze, dellenegia agnetica e della coia odotta nel cao dellalientazione delle due fai S ed S è iotato in FigI6c, auendo una coente unitaia ia, o H, 05H Si uò notae coe il unto di equilibio tabile i tovi e ϑ5, a cui coionde il aio dellenegia agnetica iagazzinata dal itea a ee dellalientazione delle fai Il iultato è in accodo con la ia ituazione iotata in FigI6a; con agionaenti del tutto analoghi i oono tovae gli alti unti di equilibio 5 enegia agnetica [J] 05 0 a [H] b [H] U dc coia i A -05 [N] o H 05 H - ϑ [ ] FigI6c - Induttanze, enegia e coia in un otoe V con eccitazione a doia fae Confontando la (I6) e la (I64) i nota che lalientazione a ingola e a doia fae oducono la tea coia aia Una notevole diffeenza ta i due etodi di alientazione è icontabile nella iota al tanitoio, ovveo quando viene coandata ad eeio la fae (o la coia di fai) ucceiva, eguendo le ab I6a e I6a Nelleccitazione a S S FigI6d - Ocillazioni nei V con eccitazione a doia fae doia fae i tova che le ocillazioni di aetaento ono olto iù ozate che nellalto cao Queto fenoeno uò eee qualitativaente iegato con lauilio di Fig I6a e della Fig I6d Nel odo in eae, due fai ono ee eccitate e connee alla tea ogente di alientazione Si foa etanto un anello chiuo, nel quale i induce una fe e effetto delle vaiazioni di induttanza che eguono locillazione del otoe ale fe ovoca una coente di cicolazione che tende ad ooi alla caua che la genea, ozando dunque locillazione eccanica Nel cao di alientazione della ingola fae, non i foa alcun cicuito chiuo, e le ocillazioni del otoe vengono ozate olo dallattito eccanico del otoe in(α)in(β) co [(α-β)/] in [(αβ)/] MZigliotto Univeità degli Studi di Udine 8

9 Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto I64 - Cuve caatteitiche dei otoi a ao τ ax otoe V otoe PM coia di tenuta coenti noinali i τ FigI64a - Cuve tatiche, coia aia in funzione della coente di alientazione τ τ b τ c τ a τ b τ c τ a 0 π # π 5π # γ 4ϑ 0 π 5π 7π τ edia> 0 γ 4ϑ alient fai t 0 b c a t t t b c alient fai t 0 b c a t t t α b c τ τ b τ c τ a τ edia 0 π π γ 4ϑ alient fai t 0 α π/ b c a t t t b c τ edia τ a τ τ Pull-out Pull-in π / 0 π/ π α v 0 iola di f [ai/] 0 f [ai/] FigI64b - Cuve dinaiche di ull-out e di ull-in I65 - Dienionaento di un azionaento e otoe a ao Un otoe a ao ia alicato ad un itea di ovientazione vite-adevite coe decitto in Fig80 Si deteini la coia che deve eee odotta dal otoe affinché il caico aggiunga la velocità v0 / in a 4, acceleando la aa M c 00 kg che i ota in eno oizzontale I MZigliotto Univeità degli Studi di Udine 9

10 Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto dati elativi al itea vite-adevite ono i eguenti: ao della vite 0 aggio della vite 50 endiento della taiione μ 07 aa della vite v Kg Il otoe a ao ha una ioluzione di N 00 ai/gio ed una inezia otoica J 0- kg Nel oto talatoio, il caico eenta una foza F a 9 N dattito e ticiaento ullutenile Si deteini anche la aia fequenza degli iuli di coando che devono eee foniti al otoe a ao Fig80 - Sitea vite-adevite a icicolazione di fee Pe ia coa i ocede al calcolo delle coie di oigine ineziale Vi ono te coonenti, ovveo il otoe del otoe a ao, il itea vite-adevite, il caico Suonendo tacuabile il oento di inezia della adevite, il oento di inezia del itea di taiione oto-talatoio vale: J v v ( 005) 5 0 kg (80) Dato che il caico è collegato igidaente alla adevite, nella quale uota la vite enza fine, lintea aa del caico i uò enae concentata in un unto ulla ciconfeenza della vite Il uo oento di inezia è dunque: J c M ceq M c π π 0 0 kg (80) Il oento di inezia dellinteo itea, iotato allalbeo otoe è dunque J tot ( 5 0) kg J J J (80) v c a vite ha un avanzaento di 0 ad ogni gio coleto del otoe, ovveo ogni 00 ai del otoe Alla velocità di avanzaento ichieta di 0 /, il otoe deve uotae alloa con una velocità v π v π 0 ω 4 ad 00 / (804) eq Si noti che v/ è il nueo di gii di vite al econdo, che oltilicato e il nueo N di ai/gio fonice il nueo di ai al econdo; π/n è oi il nueo di adianti e ao del otoe MZigliotto Univeità degli Studi di Udine 0

11 Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto acceleazione angolae ichieta al otoe è 4 α ω 785 ad / (805) 4 a etanto la coonente ineziale della coia di caico vale J Jtotα 45 0 * Nc (806) a otenza eccanica ea e coenae lattito ullutenile è Pea Fa v 9 *0 0 9W (807) a otenza eccanica fonita, tenendo conto dellefficienza della taiione del oto, deve valee P P η ea ecc 8 W (808) alla quale coionde una coia dattito ai a P ω 8 ecc att 4 4 Nc (809) Petanto la coia iultante ichieta al otoe è ai a J att Nc (80) E iotante veificae, utilizzando la cuva di ull-out del otoe, che eo ia in gado di fonie tale coia nel oento iù favoevole, ovveo quando la velocità è oia a v 0 N ai / 0 0 (80) oco ia cioè che teini la aa di acceleazione e i annulli la coia di caico di tio ineziale Una ieva di coia aà natualente da conideae e vincee la coia di attito tatico Pogetto delle ae di acceleazione Coè noto, una delle liitazioni del contollo a catena aeta è la oibilità di edita del inconio ta il teno diuli che coandano in ucceione lalientazione delle fai del otoe e lavanzaento a ai del otoe teo ale edita del inconio uò avvenie a eguito di buche acceleazioni o deceleazioni Pe evitae queto oblea occoe edioe accuati ofili di vaiazione della velocità, tenendo conto del caico e delle cuve dinaiche caatteitiche del otoe Pe una definizione aoiata del ofilo di fequenza che deve eee eguito, occoe fae ifeiento allequazione dequilibio eccanico, data da: dω τ Bω J τ (80) dt MZigliotto Univeità degli Studi di Udine

12 Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto dove B e J ono iettivaente il coefficiente di attito vicoo e linezia totale del itea a Fig80 eve coe ifeiento e coendee la teoizzazione della coutazione delle fai, duante le vaiazioni di velocità ωk ωk ω k k ϑ k ϑ k k k AB CD ω k B A tk tk t k Fig80 - eoizzazione dei coandi di coutazione acuando lattito di tio vicoo (B 0), la (80) uò eee icitta ai valoi edi Al ao k- ea diventa: ω k C D τ k dω J τ dt k k ωk ωk J τ k k ωk ωk J τ k k (80) dove lultio aaggio futta laoiazione di conideae tacuabile la diffeenza ta il aoto inceentale delle velocità edie u due eiodi ucceivi e quello delle velocità itantanee agli etei del io eiodo conideato ale aoiazione diventa olto ecia nel cao di acceleazione cotante (velocità che cece lineaente) e iccole vaiazioni ta un eiodo di coutazione ed il ucceivo In bae alla Fig80, la velocità edia i uò calcolae coe egue: t k ϑ ω () [ ( ) ( ) ] ω t dt ϑ tk ϑ tk (804) k k tk k k dove ϑ aeenta langolo di ao Sotituendo la (804) nellultia delle (80) i ottiene: k k k Jϑ τ (805) k k dalla quale i giunge, con qualche elice aaggio, alleeione icoiva e laggionaento del eiodo di coutazione MZigliotto Univeità degli Studi di Udine

13 Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto k k k τ Jϑ k k a k a τ k k Jϑ α ϑ >0 (806) dove α è lacceleazione angolae deideata Poeguendo i ottiene: k a k k (807) k k (808) a ak k k << k Se a la (808) uò eee aoiata dai ii teini della eie di Mc auin : ( a ) k k k : a > 0 k < k NB (809) a (809) eette di calcolae icoivaente litante di coutazione ucceivo delle ingole fai del otoe a ao, noti i aaeti del caico e lacceleazione che i vuole ioe Pe inizializzae lalgoito occoe fiae la fequenza di ao iniziale, intea coe il ecioco del io eiodo di coutazione: (800) f, i Ea uò eee icavata dalle cuve di ull-in del otoe elezionato, oue (e il otoe non è ancoa tato individuato) i uò cegliee abitaiaente, alvo oi veificae a oteioi la coettezza della celta a (809) è calcolata dal ao k fino al ao km, nel quale una delle due eguenti condizioni i veifica: ( a) ( b) M f N M ullout (80) dove f ullout è la aia fequenza di ao conentita ed N aeenta il nueo totale di ai e aivae a beaglio, e i tatta di un oblea di oizionaento Il nueo N è calcolato in bae alleventuale ecifica ul ifeiento di oizione J*: ϑ * N (80) α ( n ) ( 0) f n x x x x n! x 0 n 0 ( x) x MZigliotto Univeità degli Studi di Udine

14 Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto a econda oizione gaantice un nueo di ai ianenti ufficienti a feae il otoe con una deceleazione ai in valoe aoluto allacceleazione iea, con caico evalenteente ineziale Se è anche una coia di caico indiendente dalla velocità, la condizione (b) è olitaente ecceiva, eché tale coia aiuta la deceleazione e eette dunque fenate in tei iù bevi In deceleazione la (806) diventa k k k τ Jϑ k k d k d τ k k Jϑ β ϑ <0 eché < 0 (80) e dunque la (809) diventa: ( d ) k k k : d < 0 k > k NB (804) In cao di oizionaento, il otoe i feeà quando kn, in alte aole il nueo totale di ai aà quello tabilito inizialente e giungee a beaglio E da notae che, e viene aggiunta e ia la condizione (a) nelle (80), vi otà eee un tatto a velocità cotante ia dellinizio della aa di deceleazione Va inolte ilevato che lalgoito di contollo dovà eee in gado di calcolae on-line con ufficiente eciione la (809) e (80) Nel ogetto in eae la cotante a, legata coe i è vito allacceleazione angolae che i vuole ioe al otoe, vale a Jϑ att J Jϑ α ϑ / π (80) Fig80 - Cuve di ull-in e di ull-out (eeio) Studiando la caatteitica di ull-in del otoe i uò enae di atie con una fequenza iniziale di 0 ai/, alla quale coionde 005 (804) f, in 0 Il nueo totale di ai è legato allavanzaento lineae che è ioto al ezzo in lavoazione Se i fia un avanzaento Δx48 ad eo coionde un nueo di ai Δx 48*0 N N *0 ai (805) Dalla cuva di ull-out, i eni oi di icavae il dato elativo alla aia fequenza di ao f,m alla coia di 764 Nc, dalla quale i icava iediataente leteo infeioe del eiodo di ao: MZigliotto Univeità degli Studi di Udine 4

15 Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto (806) f 400 k 5, M Il elice ogaa in Matlab 8 di cui i iota il litato eette il calcolo icoivo della econda delle (80), tenendo conto delle liitazioni intodotte dalle (805) e (806) 80 - Calcolo della coia e dellinezia aggiuntiva (da cataloghi USA) Un otoe a ao da 8 ia acceleato da f 00 (ule e econd) a f 000 in a 50 Il oento di inezia del otoe ia di 00 g-c, e lalbeo abbia un diaeto D 0 Si calcoli la coia che il otoe deve eogae e gaantie lacceleazione Nei cataloghi del otoe i tova che la aia coia di ullout nellintevallo di velocità conideato è di 65 kgf-c Si deidea aggiungee una uleggia cava in feo (ρ7860 kg/), avente diaeto eteno D 50, del tio iotato in Fig80 l Fig80 - Puleggia cava Deteinae la aia lunghezza l della uleggia (Fig80) che conente acceleazioni coe quella effettuata a vuoto enza edita di ao - Calcolo della coia a vuoto e velocità ono eee in ed occoe iotale in ad/: π ω [ ad / ] f [ ai / ] ϑ [ ad / ao] 00 8 π [ ad / ] (80) 80 Allo teo odo i tova ω 0π [ad/] Anche il oento di inezia va iotato nelle unità del Sitea Intenazionale (SI): J [ kg ] J [ g c ] J [ g c] [ kg ] (80) a coia deve vincee la ola inezia del otoe Si uò civee etanto: dω ω f ωi 0 J J 0 5 π π τ N (80) dt 005 a - Calcolo delle aie dienioni della uleggia cava a aia inezia totale aiibile con la data coia di ull-out vale: MZigliotto Univeità degli Studi di Udine 5

16 Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto J τ a ullout [ 65] kgf c 000 kg ω ω 00 0π π (804) tot f i N e quella detinabile alla uleggia è etanto J J tot -J kg Calcolo del oento dinezia In geneale, il calcolo del oento di inezia e un olido C è dato dalleeione: ( x, y z) J d ρ, dv (805) C C dove indica la ditanza dallae delleleento infiniteio di aa d e volue dvdx dy dz, ente ρ(x,y,z) è la denità del unto di coodinate (x,y,z) integale è eteo a tutta la egione di azio occuata dal coo C Se, coe in queto cao, il coo C è continuo, la ua denità è cotante e la (805) diviene: J ρ dv (806) C e la quantità integale è un fattoe geoetico uguale e tutti i coi oogenei aventi la tea foa e le tee dienioni di quello conideato Nel cao in eae, una uleggia cava è aiilabile ad un cilindo oogeneo cicolae etto, di cui i ceca il oento dinezia ietto al uo ae a definizione del coo C è alloa la eguente: D D l l C ( x, y, z) : x y, z (807) eeione (806) coì i aticolaizza: ( x y ) J ρ dx dydz (808) C Sia nella integanda che nella definizione delliniee aae leeione xy; etanto conviene aae alle coodinate cilindiche x coφ, y inφ, z z In geneale, il aaggio dalliniee chiuo I(x,y,z) alliniee I(u,v,w) avviene econdo la egola I g dx dydz ( g f ) I ( x, y, z) ( u, v, w) o du dv dw (809) dove f è liniee di funzioni che aa x,y,z in u,v,w Va dunque calcolato il deteinante jacobiano delle funzioni che legano le coodinate otogonali a quelle cilindiche: ( x, y, z) ( u, v, w) ( coφ ) ( inφ ) ( z) ( coφ ) ( inφ ) ( z) φ ( coφ ) ( inφ ) ( z) z φ z φ z coφ inφ 0 inφ coφ ( coφ ) ( inφ ) (800) MZigliotto Univeità degli Studi di Udine 6

17 Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto a definizione della uleggia cava, in coodinate cilindiche, diventa alloa: C D D l l φ :,0 φ π, z (80) (,, z) eeione (808), ifeita alla uleggia cava, in coodinate cilindiche, diventa alloa: J l D π ρ d dφ dz ρ C l 0 D d dφ dz ρ l π 4 4 D 4 4 ( D D ) π ρ l 4 6 D (80) Se i conidea che la aa della uleggia cava uò eee icavata dalla aa del cilindo ieno, alla quale i ottae quella del cilindo inteno, i uò civee: M ( ) D D ρ lπ 4 4 ρ lπ (80) J Sotituendo la (80) nella (80) i tova: M 4 4 ( D D ) M ( D ) P ρ l P M P π D (804) che è aticolaente utile e valutae il oento di inezia della uleggia cava note le ue dienioni ed il eo Utilizzando invece la (80) è oibile deteinae la aia lunghezza l della uleggia, nota la aia inezia che uò eee aggiunta al otoe: J l πρ 4 4 ( D D ) 006 (805) I7 Azionaenti con otoe incono a agneti eanenti Gli attuatoi (otoi) inconi a agnete eanente, o buhle inuoidali, ono iiegati ee iù diffuaente in abito indutiale, ecialente nei evoazionaenti di iccola e edia otenza Ei ono eenzialente detinati ad azionaenti ad elevate etazioni, in cui le aticolai ecifiche giutifichino il loo coto che è olitaente elevato e la eenza di agneti eanenti di egio nelleleento obile (otoe) a conveione elettoeccanica che ei attuano egue il inciio di funzionaento dei itei elettodinaici in cui eò i conduttoi u cui agicono le foze ono collocati nella ate fia (tatoe) ed il otoe viene oto in oviento e il inciio fiico di eazione Una aeentazione cheatica della tuttua di un otoe incono a agneti eanenti a due oli è otata in FigI7a MZigliotto Univeità degli Studi di Udine 7

18 Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto a N a c agneti eanenti S b ϑ b S N otoe c tatoe otoe ae fae a a tafeo (a) (b) FigI7a - aeentazione cheatica di un attuatoe incono a agneti eanenti a due oli (a) - Induzione al tafeo odotta dal agnete eanente di otoe (quai quada) (b) - Induzione al tafeo odotta dallavvolgiento tatoico della fae a (inuoidale) o tatoe ed il otoe ono entabi a foa di coona cilindica di ateiale feoagnetico lainato e eaati da un tafeo in aia Sul otoe tovano oto i agneti eanenti; dato che ei eentano genealente una eeabilità agnetica diffeenziale olto iile a quella dellaia, a econda della loo dioizione e della foa del otoe i oono ottenee tuttue di otoe iotoe o aniotoe dal unto di vita agnetico, che caatteizzano iettivaente i otoi buhle SPM (uface eanent agnet) e IPM (inteio eanent agnet) avvolgiento di tatoe è di tio tifae; le te fai ono eciocaente faate nello azio di π/, e ciacuna fa cao ad una coia di oetti indicati con aa, bb, cc in FigI7a (a), attaveo i quali è oibile fonie loo alientazione da una ogente tifae etena I conduttoi che coongono ciacuna fae (FigI7a (b)) ono ditibuiti lungo le cave tatoiche icavate econdo la diezione delle geneatici del cilindo di tatoe, oee e chiaezza nel diegno a tea figua iota, in (a), una aeentazione cheatica in cui ciacuna fae è ibolicaente aeentata con una ola coia di conduttoi; i intende che lae di ogni fae ia la etta noale al iano che aa e ciacuna coia di conduttoi (Fig FigI7a (b)) In egie inuoidale, lequazione faoiale di tenione (ad eeio e la fae a) è la eguente: a I Ue jαv Ie jαi j e Ie jαi j e Λ g e j0 (I7) U j e İ I Ej e Λ g α v I nella quale i è uoto e aticità di oe il faoe del fluo concatenato del agnete eanente ullae eale ultio addendo a econdo ebo è la foza contoeletootice E a (I7) dà luogo alla aeentazione faoiale di FigI7b a coia vale ( α ) K τ Λg I in i (I7) α i Λ g FigI7b - Diagaa faoiale e il PMSM e dove K τ è una cotante che diende dal nueo di oli del otoe, Λ g è il aio fluo concatenato dalla fae a e odotto dal agnete eanente e I è laiezza della coente di fae di tatoe a coia è aia a aità di odulo della coente quando α i π/, ovveo quando il faoe della coente i ovaone a quello della foza contoelettootice E iulta evidente che il coetto funzionaento del otoe buhle è legato alla conocenza eatta della oizione del fluo del agnete eanente, ovveo del otoe Queto eché viene geneata coia olo e i faoi della coente di tatoe antengono una cotante elazione di fae con il fluo di otoe, econdo il inciio di funzionaento dei itei elettodinaici MZigliotto Univeità degli Studi di Udine 8

19 Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto Il otoe incono a agneti eanenti neceita dunque di un enoe di oizione aoluto (eolve o encode aoluto) In altenativa, ono allo tudio olte tecniche di tia della oizione (tecniche enole) Ee i baano u algoiti ateatici olto colei, e olo di ecente le goe caacità di calcolo dei oceoi le ha ee ileentabili in odo efficace ed abbatanza econoico negli azionaenti elettici Pinciio di funzionaento in oientaento di cao - Se indichiao con ϑ e la oizione aoluta del fluo del agnete eanente ietto allo tatoe, il ifeiento di coente e la fae a che ealizza il aio aoto coia/coente è dato dalleeione eguente: * ( ϑ ) I ( ϑ ) * * Ia I co e π in e (I7) e natualente e le fai b e c i oono civee eeioni analoghe, faate di π/ e 4π/ iettivaente ( ϑ π ) ( ϑ 4π ) * * I b I in e (I74) * * I c I in e (I75) Queta aticolae odalità di funzionaento ende il noe di tecnica di contollo in oientaento di cao o chea a blocchi a cui i uò fa ifeiento è il eguente: ω * - ω K τ ω ω τ ω τ * K τ Λ g I* Gen if * i a i* b - i a - i b PID PID u* a u* b - - IV -Sin i b i a PMSM u* c ϑ e FigI7c - Schea a blocchi di un contollo di velocità e attuatoe incono, in oientaento di cao Il blocco geneatoe di ifeiento (Gen if) utilizza le equazioni (I7a-c) In eo coaiono eleenti non lineai, quali i oltilicatoi e le funzioni tacendenti inuoidali I blocchi che aeentano funzioni lineai ono tati invece eei taite la loo funzione di tafeiento ingeo-ucita, econdo la tafoata di alace Gli azionaenti con PMSM hanno caatteitiche dinaiche di olito eccellenti, e vengono iiegati eteaente in obotica, nelle acchine utenili, nella ovientazione ai I7 - Eeio di dienionaento di un azionaento buhle inuoidale Si analizza il cao di un attuatoe buhle accoiato ad una litta con una taiione a vite con icicolo di fee e cucinetti aiali a ulli a FigI7a illuta il etu eientale MZigliotto Univeità degli Studi di Udine 9

20 Azionaenti Elettici I 005 MZigliotto FigI7a FigI7b I dati del itea ono i eguenti: Maa della litta 0 Kg Maa del ezzo 40 Kg Pao della vite 5 unghezza della vite 05 Diaeto della vite d 5 Denità dellacciaio ρ 775*0 Kg/ endiento della taiione η 60 % Coefficiente di attito acciaio-acciaio μ05 Il ezzo deve coiee un ciclo di lavoo ietitivo caatteizzato dal ofilo cineatico di FigI7b Con ifeiento ai iboli utilizzati, i dati ono i eguenti: eo di acceleazione t eo di velocità cotante t eo di deceleazione t Duata della lavoazione Duata della aua Avanzaento del ezzo S Calcolo dei oenti di inezia Pe il dienionaento del evootoe è eenziale il calcolo delle coie di caico; il io ao è dunque la deteinazione dei oenti di inezia delle ati coinvolte, iotati allalbeo otoe Maa della vite: v ρ*π 775*0*π*(5*0-)*05,9 Kg 6 Moento dinezia della vite: Jv v 9( 5 0 ) Kg Data la igidità della taiione (anelatica), i uò iotae allalbeo otoe lintea aa del caico e della litta, con le foule già vite in ecedenza: J J π π e dunque π π Kg Kg J eq J J J v (48556)* * 0-6 Kg MZigliotto Univeità degli Studi di Udine 0

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr 4. Lavoo ed enegia Definizione di lavoo di una foza Si considea un copo di massa m in moto lungo una ceta taiettoia. Si definisce lavoo infinitesimo fatto dalla foza F duante lo spostamento infinitesimo

Dettagli

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia.

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia. Poblema fondamentale: deteminae il moto note le cause (foze) pe oa copi «puntifomi» Dinamica Se un copo non inteagisce con alti copi la sua velocità non cambia. Se inizialmente femo imane in quiete, se

Dettagli

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media Errori di miura Se lo trumento di miura è abbatanza enibile, la miura rietuta della tea grandezza fiica darà riultati diveri fra loro e fluttuanti in modo caratteritico. E l effetto di errori cauali, o

Dettagli

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia I pincipi della Dinamica Un oggetto si mette in movimento quando viene spinto o tiato o meglio quando è soggetto ad una foza 1. Le foze sono gandezze fisiche vettoiali che influiscono su un copo in modo

Dettagli

4. FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOTTI

4. FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOTTI Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine 4 FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOI Nello studio delle ahine si one il oblea di deteinae la onfoazione dei ondotti in odo he il fluido subisa

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

Urti tra due punti materiali

Urti tra due punti materiali Uti ta due punti ateiali URTO: eento isolato nel quale una foza elatiaente intensa agisce pe un tepo elatiaente bee su due o più copi in contatto ta loo isultato di un contatto fisico F F isultato di una

Dettagli

FAST FOURIER TRASFORM-FFT

FAST FOURIER TRASFORM-FFT A p p e n d i c e B FAST FOURIER TRASFORM-FFT La tasfomata disceta di Fouie svolge un uolo molto impotante nello studio, nell analisi e nell implementazione di algoitmi dei segnali in tempo disceto. Come

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

Misure elettriche circuiti a corrente continua

Misure elettriche circuiti a corrente continua Misure elettriche circuiti a corrente continua Legge di oh Dato un conduttore che connette i terinali di una sorgente di forza elettrootrice si osserva nel conduttore stesso un passaggio di corrente elettrica

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua MACCHINE ELETTRICHE Mahine in Corrente Continua Stefano Pastore Dipartiento di Ingegneria e Arhitettura Corso di Elettrotenia (IN 043) a.a. 2012-13 Statore Sistea induttore (Statore): anello in ghisa o

Dettagli

Elementi della teoria della diffusione

Elementi della teoria della diffusione Elementi della teoia della diffusione Pe ottenee infomazioni sulla stuttua della mateia, dai nuclei ai solidi, si studia la diffusione scatteing) di paticelle: elettoni, paticelle alfa, potoni, neutoni,

Dettagli

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Domane. Il lavoo pe spostae una caica ta ue punti è: L 0(! ). Pe i te casi inicati saà alloa: L (50! 00 ) (50 ) : 0 0 : L 0! 0 3: L 0! 0 [5 ( 5 )] (50 ) [ 0 ( 60 )]

Dettagli

Campo elettrostatico nei conduttori

Campo elettrostatico nei conduttori Campo elettostatico nei conduttoi Consideeemo conduttoi metallici (no gas, semiconduttoi, ecc): elettoni di conduzione libei di muovesi Applichiamo un campo elettostatico: movimento di caiche tansiente

Dettagli

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI 1. Tipi di Onde Exercie 1. Un onda viaggia lungo una corda tea. La ditanza verticale dalla creta al ventre è di 13 c e la ditanza orizzontale dalla creta

Dettagli

Gravitazione Universale

Gravitazione Universale Gavitazione Univesale Liceo Ginnasio Statale S.M. Legnani Anno Scolastico 2007/08 Classe 3B IndiizzoClassico Pof.Robeto Squellati 1 Le leggi di Kepleo Ossevando la posizione di Mate ispetto alle alte stelle,

Dettagli

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE La temostatica BQ può essee pesonalizzata pe qualsiasi applicazione di efigeazione e condizionamento. Devi solo selezionae il coetto elemento temostatico, la giusta taglia dell oifizio ed il tipo di copo

Dettagli

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo ESERCIZI DI FISICA CHAPTER 1 CINEMATICA 1.1. Moto Rettilineo Velocità media: vettoriale e calare. Exercie 1. Carl Lewi ha coro i 100m piani in circa 10, e Bill Rodger ha vinto la maratona (circa 4km)

Dettagli

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile INDUCTIVE COMPONENTS I 0 I 0 IBK ELETTROMAGNETI IBK Elettomneti e l utomzione flessibile Ctloo eli elettomneti IBK e l zionmento ei sistemi oscillnti Eizione Mio 2004 www.eoitli.it/ootti/feee.tml Elettomneti

Dettagli

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer Mea a punto avanzata più emplice utilizzando Funzione Load Oberver EMEA Speed & Poition CE Team AUL 34 Copyright 0 Rockwell Automation, Inc. All right reerved. Co è l inerzia? Tutti comprendiamo il concetto

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

PROBLEMI. 1) Calcolare il tempo impiegato dal suono per percorrere 8 Km. La velocità del suono nell aria è v = 340 m/s.

PROBLEMI. 1) Calcolare il tempo impiegato dal suono per percorrere 8 Km. La velocità del suono nell aria è v = 340 m/s. PROBLEMI 1) Calcolare il tempo impiegato dal uono per percorrere 8 Km. La velocità del uono nell aria è v = 340 m/. ) Dopo quanto tempo un onda onora emea da un punto ditante 400 m da una uperficie ripaa

Dettagli

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI Giunzione a compara in lega di alluminio per utilizzo in ambienti interni ed eterni (cl. di erv. 2) Preforata con ditanze ottimizzate per giunzioni ia u legno (chiodi

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1 CopitoTotale_2Feb_tutti_20.nb L Sia data una distribuzione di carica positiva, disposta su una seicirconferenza di raggio R con densità lineare di carica costante l. Deterinare : al l espressione del capo

Dettagli

Dai numeri naturali ai numeri reali

Dai numeri naturali ai numeri reali .1 Introduzione Dai nueri naturali ai nueri reali In questa unità didattica vogliao riprendere rapidaente le nostre conoscenze sugli insiei nuerici (N, Z e Q), e successivaente apliarle a coprendere i

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico TIP Aeroteri TIP Aeroteri coe apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico Indice 01 Inforazioni sul prodotto 6 Panoraica 7 Dati sul prodotto 8 Guida alla scelta: Panoraica delle versioni 9 TIP in un

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

Impianti VAV di ultima generazione

Impianti VAV di ultima generazione PANORAMICA Impianti VAV di ultima generazione Prodotti all'avanguardia per la ventilazione regolabile u richieta! www.wegon.com La ventilazione regolabile u richieta garantice grande comfort e coti di

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l In tutti i problei si userà coe velocità del suono in aria il valore 340 /s (valido per una teperatura dell'aria di circa 18 C), salvo diversa indicazione. La propagazione ondosa La figura seguente ostra

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI I) Introduzione sul nuovo Codice in materia di protezione dei dati personali

Dettagli

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE 21 arzo 2013 GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE La nuova base 2010 A partire dal ese di arzo 2013, l Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione dei nuovi indici

Dettagli

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti Facoltà di Ingegneria - Polo di Rieti Corso di " Ipianti Tecnici per l'edilizia" Ipianti di Condizionaento: Ipianti a tutt'aria e isti Prof. Ing. Marco Roagna INTRODUZIONE Una volta noti i carichi sensibili

Dettagli

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE Se il coefficiente di correlazione r è prossimo a 1 o a -1 e se il diagramma di dispersione suggerisce una relazione di tipo lineare, ha senso determinare l equazione

Dettagli

Raffinamenti dell equilibrio di Nash

Raffinamenti dell equilibrio di Nash Raffinamenti dell equilibrio di Nah equilibri perfetti nei ottogiohi (SPE) ed altro Appunti a ura di Fioravante PATRONE verione del: maggio ndie Equilibri perfetti nei ottogiohi (SPE) SPE problematii 4

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria.

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria. La ecessità di tasmettee poteza ta ogai i moto otatoio è u poblema fequetissimo e di gade impotaza ell igegeia. Gli assi di otazioe ta i quali deve essee tasmesso il moto possoo essee paalleli I questo

Dettagli

Leica Lino L360, L2P5, L2+, L2, P5, P3

Leica Lino L360, L2P5, L2+, L2, P5, P3 Leica Lino L360, L25, L2+, L2, 5, 3 Manuale d'uso Versione 757665g Italiano Congratulazioni per aver acquistato Leica Lino. Le ore di sicurezza sono allegate al Manuale d'uso. Leggere attentaente le ore

Dettagli

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p Caitolo Ventitrè Offerta dell industria Offerta dell industria concorrenziale Come si combinano le decisioni di offerta di molte imrese singole in un industria concorrenziale er costituire l offerta di

Dettagli

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente CAPITOLO Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente. - Struttura e principio di funzionamento Una rappresentazione schematica della struttura di un motore a corrente continua a due poli è mostrata

Dettagli

PRINCIPIO DI INDUZIONE. k =. 2. k 2 n(n + 1)(2n + 1) 6

PRINCIPIO DI INDUZIONE. k =. 2. k 2 n(n + 1)(2n + 1) 6 PRINCIPIO DI INDUZIONE LORENZO BRASCO Esercizio. Diostrare che per ogni n si ha nn. 2 Esercizio 2. Diostrare che per ogni n si ha 2 2 nn 2n. Soluzione Procediao per induzione: la 2 è ovviaente vera per

Dettagli

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2)

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2) Confronto fra valore del isurando e valore di riferiento (1 di 2) Talvolta si deve espriere un parere sulla accettabilità o eno di una caratteristica fisica del isurando ediante il confronto fra il valore

Dettagli

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f).

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f). Due Matrici A,B. Ker f = ker g. 1- Ridurre a scala A e B e faccio il sistema. 2 Se Vengono gli stessi valori allora, i ker sono uguali. Cauchy 1 autovalore, 1- Metto a matrice x1(0),x2(0),x3(0) e la chiamo

Dettagli

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD &2081(',&$625$7(6(03,21( 3URYLQFLDGL9DUHVH $UW5(*2/$0(172(',/,=,2±,QWHUYHQWLGLULVWUXWWXUD]LRQHHGLOL]LD La domanda di Permesso di Costruire dev essere corredata dai seguenti documenti in duplice copia:

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1)

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1) Esercizi sulle distribuzioni binoiale e poissoniana Esercizio n. Una coppia ha tre figli. Calcolare la probabilità che abbia non più di un aschio se la probabilità di avere un aschio od una feina è sepre

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C.

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C. Motoi 1 Idie ue aatteistihe meaihe di motoi elettii.. osideazioi geeali Motoi ad eitazioe idipedete 1 Opeazioi o oete d eitazioe ostate Opeazioi o oete d eitazioe aiabile e tesioe d amatua ostate Motoi

Dettagli

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD 68//(3,67('(,%5,*$17, /,7,1(5$5,2ƒSHUFRUVR L it iner ar io descr it t o è uno dei t ant i possibili che at t r aver sano il 0RQWH 9XOWXUH, e r isult a par t icolar ment e int er essant e per ché consent

Dettagli

SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE

SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE di M. VILLA. e L. MURACCHINI (a Bologna) 1. - Nelle nostre ricerche sull'applicabilita proiettiva delle trasformazioni puntuali fra piani, abbiamo

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Algoritmi di visita di un grafo

Algoritmi di visita di un grafo Algoimi di iia di n gafo Ilaia Caelli caelli@dii.nii.i Unieià degli Sdi di Siena Dipaimeno di Ingegneia dell Infomazione A.A. 2009/2010 I. Caelli Viia di n gafo, A.A. 2009/2010 1/44 Gafi Viia in ampiezza

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

EQUAZIONI CON VALORE ASSOLUTO

EQUAZIONI CON VALORE ASSOLUTO VALORE AOLUTO EQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Esercizi DIEQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Esercizi Prof. Giulia Cagnetta ITI Marconi Domodossola (VB) *EQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Data una qualsiasi espressione

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Integrazione numerica

Integrazione numerica Integrazione numerica Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 6-20-26 ottobre 2009 Indice 1 Formule di quadratura semplici e composite Formule di quadratura

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI nfo g e ne rai. - T T, T T U L T 9 0 n 4 " L" T T T T T T T T T T 4 T T 4 Q u a d ro c o m a n d i p ia c o n tro o fia a o rtin a d i p u iz ia T a n d a ta ris c a d a m e n to T ito rn o ris c a d a

Dettagli

Integrali di superficie: esercizi svolti

Integrali di superficie: esercizi svolti Integrali di superficie: esercizi svolti Gli esercizi contrassegnati con il simbolo * presentano un grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Calcolare i seguenti integrali superficiali sulle superfici

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 CORSO di LAUREA in INFORMATICA Corso di CALCOLO NUMERICO a.a. 2004-05 Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 PROGETTO PER L ESAME 1. Sviluppare una versione dell algoritmo di Gauss per sistemi con matrice

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA anni di AIP Relazione del Preidente in occaione del 10 Congreo Nazionale Gardone Riviera (BS), 15 aprile 2010 Preidenti Onorari Mario Barucci Lodovico Frattola Pat

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 11 settembre 2007 2 Indice 1 ASPETTI GENERALI 7 1.1 Introduzione........................................ 7 1.2 Classificazione delle macchine elettriche........................

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA Catalogo Tecnico Aprile 21 L azienda Brevini Fluid Power è stata costituita nel 23 a Reggio Emilia dove mantiene la sua sede centrale. Brevini Fluid Power produce

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Forza centripeta e gravitazione

Forza centripeta e gravitazione pitolo 6 Foz centipet e gitzione 1. Il oto cicole Quli sono le ctteistiche del oto cicole? Un pticell si dice nit di oto cicole qundo l su tiettoi è un ciconfeenz. Lo studio di questo tipo di oto iene

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli