Il panorama dei motori lineari disponibili in commercio, criteri di scelta, studi ed esempi di applicazione MOTORI ELETTRICI LINEARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il panorama dei motori lineari disponibili in commercio, criteri di scelta, studi ed esempi di applicazione MOTORI ELETTRICI LINEARI"

Transcript

1 Il panorama dei motori lineari disponibili in commercio, criteri di scelta, studi ed esempi di applicazione MOTORI ELETTRICI LINEARI 1

2 Premessa Fabrizio Lotti unibo.itit Dottorando della Facoltà di Ingegneria Meccanica dell Università di Bologna presso il DIEM (Dipartimento di ingegneria meccanica) Tesi di laurea: Applicazione dei motori lineari alle macchine per imballaggio Relatore: Prof. G.Vassura Borsa di studio sponsorizzata: dall associazione Associazione Amici del Museo del Patrimonio Industriale e dalla MS-AUTOMATION dell ing. Mario Salmon 2

3 Introduzione I motori lineari sono motori elettrici che producono il moto direttamente in forma lineare. srotolando su un piano i tradizionali motori rotativi 3

4 Introduzione Alcuni parametri da tenere in considerazione con i motori lineari: La corsa corsa Porre attenzione agli ingombri impegnati dal motore durante il moto 4

5 Principi di funzionamento Introduzione I principi di fisici alla base del funzionamento sono gli stessi dei motori rotativi. I principi di funzionamento dei motori lineari Riluttanza variabile Riluttanza fissa Motori passo Motori asincroni Motori sincroni 5

6 Principi di funzionamento Motori passo (LSTM) Come nei motori passo rotativi, all eccitazione di ogni fase, il sistema si dispone per offrire alle linee di flusso del campo magnetico la riluttanza minore. Si ottiene così un moto incrementale ed ogni incremento si definisce passo t = passo della dentatura m = numero di fasi (3 o 4) p = passo = t / 2m Struttura dentata ferromagnetica o magneti permanenti (MP) 6

7 Principi di funzionamento Motori passo (LSTM) Eccitando le fasi 1 7

8 Principi di funzionamento Motori passo (LSTM) Eccitando le fasi 2 8

9 Principi di funzionamento Motori passo (LSTM) Eccitando le fasi 2 9

10 Principi di funzionamento Motori passo (LSTM) La struttura elettromagnetica Motore IBRIDO in cui nell armatura è presente un magnete permanente NORMALE IBRIDO vantaggio - presenza di un campo magnetico permanente conservare la posizione anche con motore spento svantaggi - aumento dei costi e della forza d attrazione 10

11 Principi di funzionamento Principi di funzionamento Motori passo (LSTM) A meno di non richiedere prestazioni molto spinte si ha controllo in catena aperta (semplicità e insensibilità ai disturbi) Prestazioni statiche e dinamiche superiori possono essere ottenute sai inserendo un sensore di posizione per realizzare un anello di retroazione (catena chiusa) sia con tecniche di microstepping Logica di comando + _ Generatore impulsi di comando Energia Convertitore di alimentazione Motore stepper Movimento Sensore di posizione 11

12 Principi di funzionamento Svantaggi Motori passo (LSTM) Moto incrementale Vibrazioni e Rumorosità Instabilità ad alcune frequenze degli impulsi di alimentazione per possibili fenomeni di risonanza meccanica col carico Il rapporto tra traferro e passo deve essere ridotto per avere alta risoluzione traferro di decimi di mm, difficoltà nella realizzazione meccanica di lunghe corse Prestazioni non elevate né velocità né spinta Forza normale d attrazione circa 7-10 volte la spinta massima 12

13 Principi di funzionamento Applicazioni Motori passo (LSTM) Orologeria, macchine a controllo numerico, macchine per l industria tessile, fotocopiatrici, plotter, stampanti, sistemi di controllo ottico, strumenti elettromedicali Esistono anche motori passo capaci di muoversi all interno di un piano (motori X-Y) Applicazione tipica: plotter 13

14 Principi di funzionamento Motori ad induzione (LIM) Motori ad induzione o asincroni Indotto Armatura Primario con avvolgimenti trifase o bifase Secondario di materiale conduttore 14

15 Principi di funzionamento Motori ad induzione (LIM) Le fasi del PRIMARIO vengono opportunamente eccitate da correnti sinusoidali Indotto Armatura 15

16 Principi di funzionamento Motori ad induzione (LIM) Si produce così un campo magnetico traslante con velocità v s = 2 f t f = Frequenza di alimentazione [Hz] t = semipasso polare [m] Indotto Armatura 16

17 Principi di funzionamento Motori ad induzione (LIM) il moto relativo tra l INDOTTO ed il campo magnetico traslante provoca nell indotto una f.e.m che genera le correnti indotte Correnti indotte Indotto Armatura 17

18 Principi di funzionamento Motori ad induzione (LIM) Le correnti indotte generano a loro volta un altro campo magnetico che interagisce con quello generato dal primario inseguendolo Campo magnetico Indotto indotto Armatura 18

19 Principi di funzionamento Particolarità del motore lineare asincrono il motore non può funzionare in condizione di sincronismo cioè se c è coincidenza tra la velocità del campo traslante e quella dell indotto (Asincrono) la parte indotta non deve essere alimentata per cui il secondario può essere costituito dall oggetto stesso che si vuole muovere [Costruzione aperta] Motori ad induzione (LIM) Secondario Primario 19

20 Principi di funzionamento Motori ad induzione (LIM) Prestazioni dei LIM per uso industriale Spinte > 2000 N [con bassi valori del Duty Cycle ] Accelerazioni di 1 g Velocità elevate fino a 50 m/sec Assenza di MP costi ridotti nella realizzazione di lunghe corse Ottimi per sistemi di trasporto civile ed industriale La spinta è indipendente dal contatto ruota rotaia 20

21 Principi di funzionamento Svantaggi Motori ad induzione (LIM) Il controllo risulta complesso Per realizzare il controllo in posizione è necessario il controllo di tipo vettoriale delle correnti nelle fasi del primario Durante il funzionamento può esserci un elevata forza normale repulsive o attrattive DSLIM Il rendimento è peggiore rispetto ai motori sincroni ed a parità di spinta anche l ingombro è maggiore 21

22 Principi di funzionamento Motori ad induzione (LIM) Motore asincrono prodotto da Normag - Baldor 22

23 Principi di funzionamento Motori sincroni (LSM) Avvolgimento trifase N S N S N S N S Pista con magneti permanenti 23

24 Principi di funzionamento Motori sincroni (LSM) N S N S N S N S Flusso magnetico concatenato con la prima spira ϕ c1 Derivata del flusso magnetico concatenato con la prima spira dϕ c1 dl 24

25 Principi di funzionamento Motori sincroni (LSM) ϕ c1 ϕ c2 ϕ c3 dϕ c1 dl dϕ c2 dl dϕ c3 dl F = 3 q= 1 Corrente all interno della fase q [ gradi elettrici ] La spinta che si esercita sull avvolgimento è esprimibile secondo l espressione: I q dϕ dl cq Derivata del flusso concatenato con la fase q 25

26 Principi di funzionamento Motori sincroni (LSM) ϕ c1 Alternando le fasi ed i segni delle correnti all interno delle tre bobine si può ottenere una spinta costante dϕ c1 dl F = 3 q= 1 I q dϕ dl cq [ gradi elettrici ] 26

27 Principi di funzionamento Motori sincroni (LSM) Particolarità del motore lineare sincrono [ Brushless ] Per comandare la commutazione è necessario conoscere la posizione del movente rispetto al campo magnetico ed è quindi necessario un sensore di posizione ad effetto Hall sfruttando l Encoder usato come sensore di posizione per il controllo in retroazione Le correnti nell avvolgimento possono essere sia trapezoidali che sinusoidali (migliore in termini di inerzia potenza e peso) 27

28 Principi di funzionamento Svantaggi Motori sincroni (LSM) Costo elevato dei magneti permanenti In alcune forme costruttive è presente un elevata forza d attrazione (circa volte la spinta massima) Necessità di proteggere con gusci e soffietti i magneti da polveri e trucioli ferromagnetici (macchine utensili). 28

29 Principi di funzionamento Vantaggi Motori sincroni (LSM) Per una serie di aspetti positivi i motori sincroni sono di gran lunga i più diffusi ciò è testimoniato anche della massiccia presenza di prodotti disponibili in commercio Elevate prestazioni dinamiche Dolcezza del moto velocità fino a 5-7 m/sec accelerazioni anche superiori a 20 g spinte massime anche di 15 kn Qualità nel posizionamento [risoluzione, accuratezza, ripetibilità] Il sistema di controllo e alimentazione simile ed integrabile con quello dei brushless rotativi che ormai è da considerarsi uno standard industriale 29

30 Principi di funzionamento Motori sincroni (LSM) I valori di corsa e spinta dei motori sincroni rispondono pienamente alle esigenze delle macchine automatiche Spinta in N 1000 LIM LSTM LSM Sistemi di movimentazione industriale Asservimenti di posizione 0.01 Corsa in m

31 Forme costruttive dei motori sincroni Morfologie costruttive dei motori lineari Un altra fondamentale classificazione dei motori lineari può essere effettuata analizzando le diverse forme costruttive: Ogni struttura ha delle caratteristiche peculiari, generalmente si può distinguere tra: Motori MONOLATERI Motori BILATERI Motori TUBOLARI 31

32 Forme costruttive dei motori sincroni Motori monolateri (IRONCORE( IRONCORE) La struttura monolatera essendo aperta provoca una dispersione del campo magnetico Per concentrare le linee di flusso del campo magnetico concatenato con le spire del movente si aggiunge un nucleo ferromagnetico ϕconc. F Massa mov 32

33 Forme costruttive dei motori sincroni Motori monolateri (IRONCORE( IRONCORE) Vantaggi Si realizzano così i più elevati valori di spinta (15 kn con raffreddamento forzato) Buona possibilità di dissipare il calore prodotto perché la grande superficie di scambio termico per ventilazione forzata data dal moto generalmente rapido Modularità della corsa Svantaggi Nucleo ferromagnetico Forza d attrazione Maggiore inerzia del movente Applicazioni dove sono necessarie alte spinte e precisione macchine utensili [Siemens, Kollmorgen ] 33

34 Forme costruttive dei motori sincroni Motori bilateri (IRONLESS( IRONLESS) L avvolgimento e disposto tra due piste affacciate di magneti permanenti Il flusso si concatena quasi totalmente con le spire Non si può inserire un nucleo ferromagnetico 34

35 Forme costruttive dei motori sincroni Motori bilateri (IRONLESS( IRONLESS) Vantaggi Simmetria del campo magnetico Ottimo sfruttamento del flusso magnetico Assenza di forze d attrazione Massa ridotta del movente (resine epossidiche) Svantaggi Struttura chiusa Difficoltà di smaltimento termico Spinte non superiori a 2 kn Applicazioni Dove non sono necessarie alti valori della spinta ma movimenti rapidi e precisi Pick and Place e robot cartesiani 35

36 Forme costruttive dei motori sincroni Motori cilindrici (TUBULAR( TUBULAR) 36

37 Forme costruttive dei motori sincroni Motori cilindrici (TUBULAR( TUBULAR) I motori della Sulzer LinMot P I motori della ThrustTube 37

38 Forme costruttive dei motori sincroni Motori cilindrici (TUBULAR( TUBULAR) Vantaggi Ottimo sfruttamento del flusso magnetico Eccellente comportamento termico facilità di raffreddamento ventilazione forzata durante il moto Bassi costi di costruzione dell avvolgimento Svantaggi Lunghezza della corsa limitata Effetti di bordo La spinta può calare con la fuoriuscita dello stelo Applicazioni Applicazione molto veloci su corse medio brevi Pick and Place, spingitori, tastatori 38

39 Forme costruttive dei motori sincroni Morfologie costruttive dei motori lineari Confronto tra le prestazioni in termini di spinta delle varie morfologie costruttive di motori sincroni. Da un indagine in cui sono stati considerati più di 200 motori di 10 tra le maggiori ditte produttrici 39

40 Metodi di selezione e dimensionamento 40

41 Dimensionamento elettrico del motore Le prestazioni di ogni macchina elettrica sono limitate dalla capacità di espellere il calore prodotto per effetto Joule (perdite nel rame) Infatti se la temperatura del motore supera un certo limite ( ~150 C ) si danneggia il materiale isolante dell avvolgimento e si smagnetizzano i MP. F = I P Joule K f = R I 2 P Joule = R F K 2 RMS 2 f Condizioni fondamentali per il dimensionamento elettrico F Cont > F RMS F Peak > F MAX P Joule < P nom Da catalogo 41 Caratteristiche dell applicazione

42 Dimensionamento elettrico del motore Flusso di energia E. elettr.. Regolazione En.elettr. Rete elettrica Sistema di alimentazione En. el. En. mec. Motore Azionamento I costruttori oltre al motore forniscono anche il sistema di alimentazione in tal caso sono disponibili da catalogo e vanno verificate le curve caratteristiche (Velocità vs Forza) 42

43 Modello di dimensionamento meccanico Equazioni di equilibrio F = F tˆ + F tˆ + F + F + motore esterne peso attrito bil. stat. F inerzia Spinta richiesta al motore F inerzia = M tot a Canoni fondamentali per il dimensionamento meccanico Riduzione delle masse Ottimizzazione delle leggi di moto (a Max ea RMS ) 43

44 Modello di dimensionamento meccanico Ottimizzazione della legge di moto - rispetto dei vincoli di posizionamento - minimizazare arms e amax Definire la legge di moto Equazioni di equilibrio Motore di primo tentativo Il procedimento di calcolo è INEVITABILMENTE iterativo!! F inerzia = M a tot M totale = M pagante + M movente Calcolo di FRMS e FMAX Verifica: FRMS < Fcont FMAX < FPeak Ok No Scelta di altro motore o della taglia superiore o di un altro costruttore o di un'altra tipologia Scegliendo un motore di taglia maggiore aumentano la Fcont e la F Peak ma aumenta anche la massa del movente ed, a parità di accelerazione, crescono la Frms e Fmax 44

45 Organi ausiliari alla movimentazione lineare La movimentazione lineare necessita di un gran numero di apparati accessori Questi svolgono un ruolo fondamentale in fase di dimensionamento, tanto è vero, non si può in alcun modo trascurare la loro influenza sulle equazioni di equilibrio. Telaio e della slitta traslante (massima cura nel disegno) Sistema guide lineari Sensore di posizione per il sistema controllo Sistema di governo e guida dei cavi Eventuale sistema di raffreddamento Eventuale sistema di bilanciamento statico 45

46 Le tolleranze imposte sul traferro e dal sensore di retroazione impongono strette tolleranze dimensionali e rigidezza strutturale questo impone particolare cura nella progettazione della Struttura del telaio e della slitta Guide lineari del Sistema guide lineari Guide a circolazione di sfere o di rulli: Possono costituire un limite al valore massimo dell acc. Va svolto un intervento di ingrassaggio ogni in media ogni 100 Km di esercizio Manicotti a sfere Guide profilate Guide di precisione Fattr Massa guide 46

47 Sensori di posizione Ci sono differenti tipologie di encoder nel campo dei motori lineari: Encoder ottici predominanti nelle applicazioni industriali permettono un altissima risoluzione [20 µm 0.1 µm] accuratezza maggiore rispetto alle altre tipologie 47

48 Sensori di posizione Encoder magnetici (magneto-resistenze o ad effetto di Hall) semplicità ridotta sensibilità allo sporco e alle vibrazioni costo ridotto 48

49 Cavi e sistemi guidacavi Quasi la totalità dei motori lineari presente in commercio prevede che la parte in moto sia alimentata. L affidabilità dei cavi di alimentazione e di retroazione è fondamentale Potenza Voltaggio Sezioni dei conduttori Stress flessione Sono necessari cavi speciali high flex long life Possono costituire una seria limitazione alle accelerazioni massime 49

50 L evacuazione del calore prodotto negli avvolgimenti è cruciale. Esistono tre tipologie dei sistemi di raffreddamento: Sistemi di raffreddamento Scambiatore alettato Generalmente in alluminio, Al di sopra di un certo valore della velocità del movente lo scambio termico avviene per convezione forzata Raffreddamento forzato ad aria Un flusso d aria compressa transita nell avvolgimento e si disperde nell ambiente Raffreddamento a fluido (acqua, olio) E la più efficace ma molto rara esempio Siemens per macchine utensili tre circuiti di raffreddamento (avvolgimento, magneti, precisione) 50

51 Sistemi per il bilanciamento statico Per loro natura i motori lineari non sono in grado di contrastare il moto retrogrado in condizione di power failure. Nel caso il movimento non sia orizzontale e necessario prevedere un sistema di bilanciamento statico o di frenatura spontanea Bilanciamento a contro-massa usato solo negli ascensori Bilanciamento a molla molto vantaggioso per l elevato rapporto tra forza e massa Bilanciamento pneumatico attuatore pneumatico a semplice effetto + valvola regolatrice della pressione 51

52 Due configurazioni commerciali I motori lineari sono presenti sul mercato in due configurazioni Configurazione minima (solo statore e movente) consente la massima libertà in fase di progettazione per l ottimizzazione delle prestazioni configurazione minima 52

53 Due configurazioni commerciali I motori lineari sono presenti sul mercato in due configurazioni configurazione integrata (completa di tutti gli organi ausiliari) semplifica e rende la progettazione più affidabile ed economica Fine corsa Movente Sensore di posizione Catena portacavi Magneti permanenti Rotaia della guida profilata configurazione integrata 53

54 Alcuni parametri chiave nella progettazione 54

55 In questa sezione verrà fornita l identificazione e la rappresentazione grafica di alcuni parametri caratteristici dei motori lineari Ciò costituisce: un passo fondamentale nel crearsi una sensibilità sui parametri che intervengono in modo più deciso nel dimensionamento e nella scelta di un motore lineare uno strumento di valutazione e di confronto Alcuni parametri chiave sia per orientarsi nella scelta tra le differenti soluzioni costruttive sia nella selezione di singolo prodotto specifico 55

56 Alcuni parametri chiave I parametri più importanti sono: l accelerazione massima l accelerazione continua Acc max = Acc = cont F Massa F Massa max cont movente movente il rapporto tra forza continua e forza d attrazione K = Attr. F F Attr Cont Inoltre, verrà definita la Sensibilità alla variazione del carico pagante 56

57 L accelerazione continua Accelerazione continua Monolateri e Bilateri Forza continua in N Mon. Not cooled Mon. Water cooled Bilateri Massa movente (kg)

58 L accelerazione continua I dati riportati nei diagrammi precedenti sono il risultato di un indagine nella quale sono stati esaminati circa 230 motori monolateri e bilateri di 8 case costruttrici. Forma costruttiva Accelerazione continua [ m/sec2 ] Accelerazione continua [ g ] Motori bilateri Motori monolateri raffreddati ad acqua Motori monolateri non raffreddati

59 L accelerazione continua 59

60 Comportamento con carichi utili Accelerazioni continue di motori di tipologie differenti con valore della spinta continua simile,in funzione della massa trasportata in un moto orizzontale. Casa costruttrice Tipologia Massa del movente [Kg] Forza continua [N] Kollmorgen IL Anorad LCD-T-3-P Anorad LFA-S-3-P Bilatera Monolatera water cooled Monolatera non raffreddato

61 Comportamento con carichi utili Accelerazione (m/sec^2) Sensibilità all'aumentare della massa del carico Motore bilatero Motore monolatero water cooled Motore monolatero non raffreddato I motori monolateri sono meno sensibili alla variazione del carico utile rispetto a quelli bilateri Massa del carico (kg) 61

62 Comportamento con carichi utili Va tenuto in conto anche quanto il motore sia più o meno sensibile al variare dell entità della massa da movimentare Sensibilità all'aumentare della massa del carico 60 Accelerazione (m/sec^2) Kg, 75 N, 54m/sec^ Kg, 97 N, 46m/sec^2 0 Massa del carico (kg)

63 Vantaggi e limitazioni nell utilizzo di motori lineari 63

64 I vantaggi nell utilizzo di motori lineari Elevate prestazioni intrinseche elevate velocità ( > 10 m/sec ) elevate accelerazione ( > 20 g) elevata precisione ed accuratezza di posizionamento Miglioramento delle prestazioni del sistema Consente la filosofia progettuale DIRECT DRIVE Riduzione e semplificazione della catena cinematica Consente una maggiore flessibilità operativa (non ho rigidi meccanismi ma dispositivi programmabili) Eliminazione delle inerzie, dei giochi, dell elasticità e degli effetti d usura degli organi della catena cinematica Aumento dell affidabilità 64

65 Le difficoltà legate all utilizzo di motori lineari Limitazioni tecniche Le spinte esercitate dai motori lineari sono inferiori ai dispositivi tradizionali [ potenza e forza specifica ] Non essendo presente un riduttore di velocità il motore sente direttamente tutto il carico Limitata diffusione La scarsa conoscenza delle reali potenzialità dei motori lineari Limitazioni economiche Costo dei materiali (MP) Il mercato è ancora molto ristretto non si possono applicare economie di scala Costi elevati 65

66 Le applicazioni Il primo motore lineare è stato costruito da Wheatstone nel

67 Le applicazioni I motivi del recente sviluppo dei motori elettrici Sviluppo di materiali sempre più performanti: magneti permanenti processi di sinterizzazione delle polveri isolanti adatti a sopportare alte temperature Sviluppo dell elettronica di potenza Rapida evoluzione nella componentistica elettronica Applicazione di strategie di controllo innovative Metodologie di progettazione più raffinate (F.E.M.) Affermazione di nuove aree di applicazione (industria elettronica) Richiesta di motori direct drive ad alta velocità e ad alta coppia/spinta 67

68 Applicazioni industriali dei motori lineari Capacità movimentare con estrema velocità e precisione oggetti di massa ridotta Sviluppati nella Silicon Vallley per componenti elettronici, chip schede telefoniche, Per la loro flessibilità operativa e precisione sono molto usati nelle macchine utensili tavole porta-pezzo taglio e saldatura laser, fresatrici, macchine per la lavorazione del legno, Per la loro flessibilità operativa e semplificazione dell architettura delle macchine Packaging GD pacchetti di sigarette, imballaggio pannolini, glassatura delle dolciumi, test, alimentatori, 68

69 Applicazioni industriali dei motori lineari Esame di tre casi applicativi scelti per la loro: forte rappresentatività per il mondo delle macchine automatiche e poiché consentono di illustrare due contesti progettuali radicalmente diversi: 1 Alta dinamica Progettazione ad hoc Motore in configurazione minima Flessibilità 2-3 Moderata dinamica Progettazione ordinaria Sistema integrato Economicità 69

70 1 Applicazione ad alta dinamica Tipologia: Dispositivo sollevatore Soluzione attuale: manovellismo di spinta con motoriduttore brushless corsa di 227 mm ritmo operativo pari a 160 battute/minuto Evoluzione oggetto dello studio piattello direttamente azionato da un motore lineare; incrementare il ritmo operativo a 250 battute/minuto 70

71 1 Applicazione ad alta dinamica Legge di moto: Ottimizzazione con obiettivo: a RMS minimo Periodo: 240 msec Corsa: 277 mm Velocità massima: 6 m/sec Valore massimo accelerazione: 24.2 g Valore efficace accelerazione: g 71

72 1 Applicazione ad alta dinamica Sistema di guide lineari: Guida profilata (carrello fisso e rotaia opportunamente alleggerita) Sistema di bilanciamento statico: Pneumatico Massa traslante (ridotta al minimo): 1,5 Kg (escluso movente) Tipo di motore scelto: LSM brushless Morfologia costruttiva: Bilatero ( IRONLESS ) Casa costruttrice: KOLLMORGEN Modello: IL A4 Massa del movente: 1.42 kg Forza Continua: 450 N [ Frms = 400 N; 89% di F cont ] Forza Peak: 1600 N [ Fmax = 585 N; 37% di F peak ] 72

73 2 Applicazione con dinamica moderata Tipologia: Movimentazione delle pistole per deposizione colla a caldo Soluzione attuale: manovellismo di spinta con brushless rotativo corsa 127 mm tratto a velocità costante (0.65 m/sec) ritmo operativo pari a 120 bpm Cordone longitudinale Cordone trasversale 73

74 2 Applicazione con dinamica moderata Evoluzione oggetto dello studio: semplificare l architettura della macchina aumentare la flessibilità operativa In questo caso non è possibile una preliminare ottimizzazione della massa movente poichè il maggiore carico inerziale è costituito dalle pistole per la colla La legge di moto è stata ottimizzata usando il metodo Monte Carlo modificato con obiettivo di ARMS Posizione [mm vs sec] Velocità [m/sec vs msec] Acceleraz. [mm/sec^2 vs msec] 74

75 2 Applicazione con dinamica moderata Tipo di motore scelto: Sistema integrato con motore LSM Morfologia costruttiva: Bilatero ( IRONLESS ) Casa costruttrice: TRILOGY Modello: Stage T3E - 3poli Massa del movente: 2.8 kg Forza Continua: 130 N Forza Peak: 540 N Costo stimato: $ [ Frms = 90 N; 70% di F cont ] [ Fmax = 243 N; 44,6% di F peak ] Stage Trilogy T3E 75

76 3 Applicazione con dinamica moderata Tipologia: Spingitore per una astucciatrice a trasferimento sincrono intermittente Nastro adduzione prodotti Asta spingitore Camma solidale all'albero Master Prodotti Nastro adduzione scatole 76

77 3 Applicazione con dinamica moderata Soluzione attuale: Questa stazione operativa costituisce attualmente il collo di bottiglia per l innalzamento del ritmo produttivo della macchina Vibrazioni Difficoltà nel controllare la legge di moto per migliorare la dinamica dell urto con il prodotto Evoluzione oggetto dello studio spingitore direttamente azionato da un motore lineare; incrementare il ritmo operativo; Ritmo produttivo: 80 btm escursione: 400 mm massa prodotto: 1Kg Posizione mm vs sec Tempo 77

78 3 Applicazione con dinamica moderata Tipo di motore scelto: Sistema integrato con motore LSM Morfologia costruttiva: Tubolare ad albero fisso Casa costruttrice: ThustTube Modello: Linear Drive TB 3804 Massa movente: 2,9 Kg Forza Cont: 104 N Frms: 84,4 N [81% Fcont] Forza Peak: 1584 N Forza Max: 195 N [12% Fpeak] 78

79 Valutazioni conclusive Confrontando le necessità specifiche delle macchine automatiche per il packaging e l assemblaggio con le potenzialità dei motori lineari emerge: I motori lineari devono ancora evolvere per soddisfare le esigenze delle macchine automatiche Molti motori sono sovrabbondanti per accuratezza di posizionamento e rigidezza ma ancora troppo ingombranti e pesanti. Mercato ancora giovane non c è stata ancora né una selezione né una specializzazione, manca una standardizzazione dei datasheet Molti attuatori sono ottimizzati per esigenze di macchine di altre famiglie di impiego (macchine utensili), mentre una progettazione più orientata porterebbe una riduzione di ingombri, costi e migliori prestazioni dinamiche 79

80 Alcuni auspicabili miglioramenti dell offerta commerciale: Per alti ritmi operativi e corse limitate sviluppare motori moving magnet Infatti, non alimentando la parte in moto, si elimina il problema del trasporto e dell usura dei cavi. Valutazioni conclusive Evolvere i motori lineari di tipo asincrono oggi scarsamente presenti sul mercato ma che sono sicuramente i più economici 80

81 Aspetti e raccomandazioni riguardanti la progettazione: Valutazioni conclusive L applicazione di un motore lineare non si può limitare alla semplice sostituzione di una parte di una macchina ma spesso e necessaria una completa riprogettazione del mezzo operativo sia per sfruttare a pieno i benefici di tale tecnologia nell organizzazione funzionale della macchina sia per motivazioni di ordine tecnico riduzione delle masse [FEM, materiali innovativi] curare l ottimizzazione delle leggi di moto irrigidimento della struttura [sistema di retroazione, forze di inerzia] 81

82 Bibliografia Testi E.R. Laithwaite: Induction machines for special porpouses, Ed. Newnes Lim, London (UK),1966 S.A.Nasar, I. Boldea: Linear motion electric machines, Wiles & Sons, New York (USA), 1976 M.Jufer: Trasducteurs Électromécaniques, Ed Giorgi, St-Saphorin (CH), 1979 M. Poloujadoff: The theory of linear induction machinery, Clarendon Press, Oxford (UK), 1980 S.A.Nasar, I. Boldea: Linear motion electromagnetic systems, Wiles & Sons, New York (USA), 1985 J.F.Gieras Linear induction drives, Clarendon Press, Oxford (UK), 1993 A. Basak: Permanent magnet DC linear motors, Clarendon Press, Oxford (UK),

83 Bibliografia Testi I. Boldea, S.A.Nasar: Linear electric actuators and generators, Cambridge University Press (UK), 1997 J.F. Gieras, Z.J. Piech: Linear synchronous motor, CRC Press (USA), 2000 Articoli M. Andriollo, A.Di Geraldo, (Componenti industriali Publitec): Realizzare movimenti rettilinei con guide elettromagnetiche N F. Lotti, G. Vassura, A. Zucchelli, M. Salmon: Selection of linear motors for highspeed packaging machines, IEEE/ASME International Conference on Advanced Intelligent Mechatronics (AIM'01) F.Lotti: I motori lineari e le macchine automatiche : Giu 2001 F.Lotti: Dimensionamento e selezione dei motori lineari per macchine di confezionamento ad alte velocità : Set 2001 F.Lotti: Valutazione dell applicabilità dei motori lineari nella movimentazione di uno spingitore di una macchina automatica per il confezionamento : 83 Ott. 2001

84 Bibliografia Siti Internet 84

85 Bibliografia Siti Internet 85

86 Bibliografia Siti Internet 86

87 Grazie per l attenzione Domande? it 87

88 Disclaim - I dati riportati hanno scopo puramente esemplificativo pertanto possono discostare dai reali dati tecnici dei prodotti commerciali illustrati. 88

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO SCHEMA DELL AZIONAMENTO A CATENA APERTA AZIONAMENTO L azionamento a catena aperta comprende il motore asincrono e il relativo convertitore statico che riceve

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 11 settembre 2007 2 Indice 1 ASPETTI GENERALI 7 1.1 Introduzione........................................ 7 1.2 Classificazione delle macchine elettriche........................

Dettagli

MACCHINA SINCRONA TRIFASE

MACCHINA SINCRONA TRIFASE MACCHIA SICROA TRIFASE + + + + + + + + + + + + + + + + + + L avvolgimento di eccitazione, percorso dalla corrente continua i e, crea una f.m.m. al traferro e quindi un campo magnetico in modo tale che

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

Serie RTC. Prospetto del catalogo

Serie RTC. Prospetto del catalogo Serie RTC Prospetto del catalogo Bosch Rexroth AG Pneumatics Serie RTC Cilindro senza stelo, Serie RTC-BV Ø 16-80 mm; a doppio effetto; con pistone magnetico; guida integrata; Basic Version; Ammortizzamento:

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

Capitolo 1. Generalità sulle macchine elettriche

Capitolo 1. Generalità sulle macchine elettriche Capitolo 1 Generalità sulle macchine elettriche Scopo di questo capitolo è capire come funziona un motore elettrico, quali i princìpi generali che consentono la trasformazione di energia meccanica in energia

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

< EFFiciEnza senza limiti

< EFFiciEnza senza limiti FORM 200 FORM 400 < Efficienza senza limiti 2 Panoramica Efficienza senza limiti Costruzione meccanica Il dispositivo di comando 2 4 6 Il generatore Autonomia e flessibilità GF AgieCharmilles 10 12 14

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

LASER Holmium CALCULASE II 20 W:

LASER Holmium CALCULASE II 20 W: URO 32 10.0 05/2015-IT LASER Holmium CALCULASE II 20 W: Campi di applicazione ampliati LASER Holmium CALCULASE II 20 W CALCULASE II rappresenta la concreta possibilità di effettuare, rapidamente e con

Dettagli

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente CAPITOLO Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente. - Struttura e principio di funzionamento Una rappresentazione schematica della struttura di un motore a corrente continua a due poli è mostrata

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA Catalogo Tecnico Aprile 21 L azienda Brevini Fluid Power è stata costituita nel 23 a Reggio Emilia dove mantiene la sua sede centrale. Brevini Fluid Power produce

Dettagli

Appunti di azionamenti elettrici I Anno accademico 2009/2010 Docente Petrella Vieni a trovarmi sul mio sito: www.ivanbortolin.it.

Appunti di azionamenti elettrici I Anno accademico 2009/2010 Docente Petrella Vieni a trovarmi sul mio sito: www.ivanbortolin.it. Appunti di azionamenti elettrici I Anno accademico 2009/2010 Docente Petrella Vieni a trovarmi sul mio sito: www.ivanbortolin.it Ivan Bortolin 2 Indice 1 Introduzione 7 1.1 Informazioni utili.....................................

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Elettrovalvole a comando diretto Serie 300

Elettrovalvole a comando diretto Serie 300 Elettrovalvole a comando diretto Serie 00 Minielettrovalvole 0 mm Microelettrovalvole 5 mm Microelettrovalvole mm Microelettrovalvole mm Modulari Microelettrovalvole mm Bistabili Elettropilota CNOMO 0

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Bollettino tecnico Gennaio 2013 00813-0102-4952, Rev. DC Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Design non intrusivo per una misura di temperatura facile e veloce in applicazioni su tubazioni Sensori

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max.

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max. Rexroth Pneumatics 1 Pressione di esercizio min/max 2 bar / 8 bar Temperatura ambiente min./max. -10 C / +60 C Fluido Aria compressa Dimensione max. particella 5 µm contenuto di olio dell aria compressa

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt. C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.com www.cfritaly.com È vietata la riproduzione o la traduzione

Dettagli

Maggiore efficienza per i motori elettrici. Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C

Maggiore efficienza per i motori elettrici. Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C Maggiore efficienza per i motori elettrici Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C E l e v a t i v a n t a g g i p e r i l C l i e n t e I cuscinetti radiali rigidi a sfere Generation C... 35

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

sensori di livello Sensori di livello Interruttori tt idi livello Usata nei sistemi di regolazione

sensori di livello Sensori di livello Interruttori tt idi livello Usata nei sistemi di regolazione sensori di livello Introduzione Misura di livello: determinare la posizione, rispetto ad un piano di riferimento, dell interfaccia tra due fluidi separati per azione della forza di gravità Usata nei sistemi

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC Sistemi di presa a vuoto su superfici / Massima flessibilità nei processi di movimentazione automatici Applicazione Movimentazione di pezzi con dimensioni molto diverse e/o posizione non definita Movimentazione

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Martelli - mazze - mazzette 462 Utensili di percussione serie con guaina 472 462 464 467 Utensili di percussione 475 Mazzuole 468 475 468 476

Martelli - mazze - mazzette 462 Utensili di percussione serie con guaina 472 462 464 467 Utensili di percussione 475 Mazzuole 468 475 468 476 460 www.facom.com 10. Martelli, utensili di percussione Martelli - mazze - mazzette 462 Utensili di percussione serie con guaina 472 Martelli con impugnatura in Graphite... 462 Martelli con impugnatura

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli

Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni. 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm

Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni. 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm 2 Migliorate l efficienza della vostra macchina utensile La pressione della concorrenza

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica Raschiatori NBR/FPM DAS, DP6, DP, DP, DRS, DWR Guarnizioni a labbro NBR/FPM /, /M, /M, M, H, C Bonded seal NBR-metallo Guarnizioni a pacco in goa-tela TO, TG, TEO Guarnizioni per pistoni in poliuretano,

Dettagli

Il motore asincrono trifase

Il motore asincrono trifase 7 Giugno 2008 1SDC007106G0901 Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono trifase Generalità ed offerta ABB per il coordinamento delle protezioni Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Pressostati e termostati, Tipo CAS

Pressostati e termostati, Tipo CAS MAKING MODERN LIVING POSSIBLE Opuscolo tecnica Pressostati e termostati, Tipo CAS La serie CAS consiste di una serie di interruttori controllati mediante pressione e di interruttori controllati mediante

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Livelli Soglie Pressione 2 VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Indice Indice 1 Descrizione dell'apparecchio...4 1.1 Struttura...

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli