Come, reumatismo infantile? Ma esiste?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come, reumatismo infantile? Ma esiste?"

Transcript

1 Come, reumatismo infantile? Ma esiste? Dr. med. Traudel Saurenmann, Ospedale pediatrico di Zurigo Quando racconto a qualcuno che mi occupo di reumatologia infantile, spesso la reazione si tratti di un medico o di un profano è: «Come, reumatismo infantile? Ma esiste?» «E terribile!». Sì, il reumatismo infantile esiste, e nessun bambino afflitto da reumatismo lo trova piacevole. Ma non è poi così terribile: oggi siamo in grado di curare efficacemente la maggior parte dei bambini colpiti da questo male! Circa 1 2 bambini su 1'000 hanno una malattia reumatica cronica. Per fortuna, in genere non la si nota affatto! Comunque, nell infanzia una malattia reumatica è circa tre volte più frequente che, per esempio, un cancro infantile, ma naturalmente molto molto più rara che, per es., l asma o le allergie. L affezione reumatica più frequente nell età infantile è l artrite idiopatica giovanile (AIG). Ma oltre a questa esistono molte altre affezioni reumatiche che colpiscono i bambini. In parte si tratta di malattie conosciute - in forma identica o simile - anche nella reumatologia degli adulti, quali il lupus eritematoso sistemico ad esordio giovanile (LES), la dermatomiosite giovanile, la sclerosi sistemica giovanile, la granulomatosi di Wegener, il morbus Behcet, l arterite di Takayasu. In parte, invece, sono affezioni che si manifestano esclusivamente nell infanzia, come forme particolari d infiammazione dei vasi sanguigni (ad es. la sindrome di Kawasaki). Ma anche quando la malattia che colpisce i bambini è scatenata dal medesimo meccanismo cosa che molto spesso non avviene essa produce sempre effetti diversi da quelli che si osservano negli adulti, perché si svolge in un organismo in crescita e può influire sulla crescita stessa e sulla maturazione, e perché l organismo infantile reagisce ai farmaci in modo diverso. Perciò la reumatologia infantile, pur avendo punti di contatto con la reumatologia per adulti, è un settore particolare a sé stante. Esistono ricerche specifiche sulle malattie reumatiche infantili e congressi che si occupano esclusivamente di queste malattie. Tutte le grandi cliniche pediatriche svizzere offrono consultazioni specializzate per malattie reumatiche infantili. Artrite idiopatica giovanile In questo paragrafo mi occuperò specificamente dell artrite idiopatica giovanile: Un tempo l artrite idiopatica giovanile era chiamata in Europa artrite cronica giovanile, e in America artrite reumatoide giovanile. Ma poiché la definizione europea e quella americana differivano troppo l una dall altra, così da impedire, per es., di confrontare i risultati delle ricerche europee con quelli ottenuti in America, negli anni Novanta si è concordata una definizione unitaria con un unico nome, e cioè artrite idiopatica giovanile. Questo nome è composto da: artrite, cioè infiammazione delle articolazioni idiopatica, in quanto l origine della malattia non è nota giovanile, in quanto la malattia è cominciata prima dei 16 anni. Trattandosi di un nome così complicato, d ora in poi usaremo solo più la sigla AIG. AIG è solo un concetto generico. Lo si può interpretare come il nome di una casa composta da diversi appartamenti. Ciascun bambino colpito da AIG ha una forma ben precisa di AIG, cioè la sua malattia appartiene ad uno dei vari appartamenti. In tutto esistono 7 forme di AIG. La forma più frequente è l AIG oligoarticolare, che si manifesta più spesso nella prima infanzia, molto più nelle bambine che nei maschietti. Nei primi 6 mesi di malattia l artrite coinvolge al massimo 4 articolazioni: più spesso quelle delle ginocchia, più raramente quelle tibio-tarsali o quelle delle mani (in linea di principio qualsiasi articolazione può essere colpita da un AIG oligoarticolare. Ma sono piuttosto rari i casi in cui non è coinvolta una di quelle sopra citate). In molti bambini affetti da AIG oligoarticolare si può accertare la presenza nel sangue dei cosiddetti anticorpi antinucleari, detti anche ANA. Questi anticorpi, quindi, sono particolarmente importanti, perché i bambini in cui si può dimostrare la presenza di ANA (detti ANA-positivi) corrono un altissimo rischio di sviluppare, oltre all artrite, anche un infiammazione oculare. Tutti i bambini affetti da AIG dovrebbero essere visitati regolarmente da un oculista, ma per quelli con AIG oligoarticolare questi controlli degli occhi dovrebbero avere luogo con particolare frequenza. Nei bambini con AIG oligoarticolare si distinguono due sottoforme: Nel 60% circa, per tutta la durata della malattia l artrite si limita a 4 articolazioni al massimo. Questo gruppo, da noi chiamato AIG oligoarticolare persistente è, fra tutti i gruppi di bambini colpiti da AIG, quello con la prognosi più favorevole. Nel rimanente 40%, col tempo l artrite colpisce più di 4 articolazioni. Questo gruppo è da noi chiamato AIG oligoarticolare estesa. Il secondo gruppo in ordine di grandezza è rappresentato dall AIG poliarticolare FR (fattore reumatoide) - negativa. Anche qui sono colpite più femmine che maschi e anche questa forma di AIG può cominciare già nella prima infanzia. Si tratta di AIG poliarticolare se nei primi 6 mesi dall inizio della malattia sono coinvolte dall artrite 5 o più articolazioni. Nella maggior parte dei casi questa forma di artrite interessa articolazioni grandi e piccole, e spesso insorgono anche infiammazioni delle guaine tendinee. Anche i bambini affetti da AIG poliarticolare possono avere un ANA positivo, e in tal caso rischiano fortemente di essere colpiti da un infiammazione oculare. Nel sangue dei bambini affetti da AIG poliarticolare si riscontrano spesso valori infiammatori elevati; all inizio della malattia o durante un attacco può insorgere, oltre ai dolori articolari, anche una leggera febbre, e i piccoli sono stanchi e abbattuti. L AIG poliarticolare FR- positiva è la forma più rara di AIG e corrisponde in realtà ad una variante particolarmente precoce di artrite reumatoide, simile a quella propria dell età adulta. E caratterizzata da un infermità poliarticolare, che cioè colpisce 5 o più articolazioni, e dalla presenza di cosiddetti fattori reumatici nel sangue. In confronto con altre forme di AIG, questa sottoforma ha tendenza a distruggere le articolazioni con particolare rapidità. L AIG sistemica era detta un tempo anche malattia di Still o morbo di Still. Si tratta di una forma particolare di artrite, che compare quasi esclusivamente nell infanzia e che oltre a colpire le arti- info 17

2 colazioni è caratterizzata da picchi di febbre alta e dal coinvolgimento di altri organi. Bambine e maschi si ammalano di AIG quasi con la stessa frequenza; spesso la malattia comincia già in età prescolare, ma in linea di principio può manifestarsi in qualsiasi fase dell infanzia. Il segno caratteristico dell AIG sistemica è la febbre alta. Il grafico tipico mostra un innalzamento quotidiano della febbre fino a 40 C, che spesso compare sempre nello stesso momento della giornata e dura qualche ora. Perché si possa prendere in considerazione la diagnosi di AIG sistemica, questi attacchi febbrili devono durare almeno 2 settimane. Durante l attacco di febbre il bambino si sente male, a volte ha brividi, spesso dolori articolari e mal di gola. Nel resto del tempo non ha febbre e si sente quasi bene. Nella maggior parte dei bambini si riscontra un eruzione cutanea di color rosa pallido, che durante gli attacchi di febbre è chiaramente visibile e può cambiare localizzazione molto rapidamente. Spesso i linfonodi sono gonfi, e fegato e milza ingrossati. Spesso è presente anche una pericardite o una pleurite, che però è quasi sempre indolore e viene scoperta solo per caso. Se l infiammazione è particolarmente violenta, può svilupparsi una grave complicazione, detta emofagocitosi o attivazione dei macrofagi, nella quale cellule ematiche e organi interni vengono attaccati e distrutti dalle cellule infiammatorie. I bambini colpiti da questa complicazione devono a volte essere curati nel reparto terapia intensiva, e se essa non viene individuata in tempo può comportare pericolo di vita. In molti bambini l infiammazione articolare è presente fin dal principio, mentre in altri possono passare settimane, mesi, e in casi estremi addirittura anni, prima che l artrite si manifesti e confermi definitivamente la diagnosi. Ciò significa che spesso in presenza di un AIG sistemica è difficile formulare precocemente la diagnosi. Nella maggior parte dei bambini la malattia comincia improvvisamente con febbre alta e dolori articolari, e perciò in un primo tempo viene interpretata e curata come malattia infettiva. Inizialmente anche gli attacchi di febbre possono non essere ancora così tipici e possono mancare altre caratteristiche, come ad es. l artrite. L AIG con entesite è una forma che colpisce più i maschi che le femmine, e che generalmente comincia soltanto nell età scolare. I bambini colpiti da AIG con entesite hanno come segno caratteristico, oltre ad un artrite che per lo più interessa solo poche articolazioni soprattutto nelle gambe, un infiammazione dolorosa nei punti d inserzione dei tendini alle ossa, la cosiddetta entesite. L entesite compare più frequentemente nel calcagno, soprattutto all attacco del tendine di Achille, ma può anche manifestarsi in molti altri punti d attacco di tendini e muscoli. L AIG con entesite è apparentata con le artropatie spondiliche degli adulti. In molti bambini affetti da AIG con entesite si può trovare un carattere genetico ereditario (HLA-B27). Questa forma di AIG ha spesso carattere familiare e nei maschi non soltanto è più frequente, ma spesso ha un decorso più grave che nelle bambine. L AIG con entesite può successivamente trasformarsi in un artropatia spondilica con interessamento delle articolazioni della colonna vertebrale toracica e lombare e delle articolazioni pelviche (articolazione ileo-sacrale). E impossibile prevedere caso per caso se questa evoluzione si verificherà, ma è più probabile se tra i parenti esistono altre persone colpite anch esse da artropatia spondilica. Le infezioni e in particolare le enteriti possono favorire la comparsa di un AIG con entesite. I bambini con questa forma di AIG possono essre colpiti anche da un infiammazione degli occhi, ma questa per lo più è molto dolorosa con arrossamento oculare, per cui è difficile che non venga notata. Età al momento della diagnosi di AIG Ragazze Ragazzi Un altra forma di AIG è l artrite psoriasica giovanile. Questa forma di artrite può colpire bambini affetti da psoriasi, una malattia della pelle che si manifesta anch essa con crisi sotto forma di eruzione. A volte questo tipo di artrite può insorgere ancor prima che diventino visibili i primi sintomi di psoriasi. In casi del genere, parenti affetti da psoriasi o un artrite articolare caratteristica possono costituire indizi sulla presenza di un artrite psoriasica. Anche in questi casi i bambini ANA-positivi corrono un forte rischio di contrarre un infiammazione oculare. L ultima forma di AIG si chiama «l altra AIG»: in essa vengono raggruppati tutti i casi che non corrispondono ad alcuna delle altre forme oppure presentano caratteri di due forme diverse. Così si riesce, per esempio negli studi, a distinguere chiaramente le diverse forme. 0 Anni 5 Anni 10 Anni 15 Anni Chi ha letto attentamente la descrizione delle varie forme di AIG ha certamente notato che soltanto una percentuale minima di bambini (meno del 5%) ha un artrite che corrisponda alll incirca all artrite reumatoide degli adulti. L artrite psoriasica giovanile e l AIG con entesite hanno è vero un riscontro nell età adulta, ma nei bambini hanno spesso un decorso completamente diverso. Dunque, l AIG non si può paragonare all artrite reumatoide. Questa distinzione è importantissima, perché sento parlare continuamente di genitori che sono subissati da buoni consigli non appena raccontano che il loro bambino ha l artrite. Non si possono trasferire ai bambini teral AIG (artrite/idiopatica/giovanile.) si manifesta prevalentemente fra il 1 e il 5 anno di vita, soprattutto in pazienti di sesso femminile 18 info

3 pie, diete ed esperienze fatte da adulti colpiti da artrite. Certe cure, e anche e soprattutto le diete, possono risultare addirittura dannose per i bambini, perché il loro organismo è ancora in fase di crescita e gli organi non sono ancora completamente maturi. Da che cosa si riconosce che un bambino ha l artrite? Prima di tutto è importante sapere che non ogni artrite che colpisce un bambino è reumatismo. Sono relativamente molti i bambini che una volta o l altra, nell ambito di una malattia infettiva, contraggono un artrite destinata a scomparire dopo pochi giorni, che i medici chiamano artrite parainfettiva o concomitante. La più frequente artrite di questo tipo è la cosiddetta sinovite transitoria dell anca, detta anche Coxitis fugax (comunemente chiamata «raffreddore dell anca»). Ma se un bambino ha una sola articolazione gonfia e in più la febbre, si deve assolutamente pensare che potrebbe anche trattarsi di un artrite purulenta, da curare immediatamente in ospedale con antibiotici. Poiché nell età infantile sono relativamente frequenti altre forme di artrite, si parla di AIG solo quando l artrite dura almeno 6 settimane. In alcuni bambini comincia improvvisamente: a volte si svegliano al mattino con un ginocchio gonfio, spesso non riescono più a reggersi in piedi e hanno forti dolori. Spesso, in casi del genere, si fanno molte ricerche e per lo più si analizza anche un po di liquido prelevato dall articolazione, per accertarsi che non si tratti di artrite purulenta. Quando poi, dopo qualche giorno, è assodato che l infiammazione non è pericolosa e non è stata provocata da una ferita o da altre cause, si somministrano medicamenti ad azione antinfiammatoria e analgesica. Per molti genitori è una difficile prova di pazienza aspettare per vedere se l artrite scompare nuovamente da sola o se, dopo 4-6 settimane, si dovrà dire che ormai si tratta proprio di un AIG. Infatti non esiste alcun test del sangue che permetta di affermare con certezza se il bambino ha un reumatismo o soltanto un artrite passeggera. In altri bambini l AIG comincia subdolamente. In questi casi i genitori riferiscono, per esempio, che il bambino al mattino non si alza più dal letto da solo, si rifiuta di correre o corre in modo molto strano e rigido. Dopo qualche ora i sintomi scompaiono e i bambini tornano a giocare spesso in modo del tutto normale, corrono e saltellano, e soltanto la sera o se hanno camminato molto - può darsi che ricomincino a zoppicare. In altri bambini l andatura zoppicante è forse meno evidente, specie se, per esempio, ambedue le gambe sono colpite dall artrite. Spesso per i genitori non è affatto semplice dire se davvero c è qualcosa che non va, o se il bambino ha assunto un nuovo «comportamento» e per questo cammina in modo strano, o improvvisamente vorrebbe essere portato molto più spesso in braccio. In questi casi un artrite alle gambe è spesso ancora più facile da riconoscere che non un artrite che colpisca le braccia, le articolazioni della mascella o la colonna vertebrale cervicale. Molte volte, in un primo momento, i genitori pensano che il bambino si sia fatto male o sia caduto in un momento in cui non era sorvegliato. Spesso anche i ragazzi più grandi, quando scoprono un articolazione gonfia, pensano dapprima ad una lesione e soltanto quando questa non guarisce per molto tempo, o quando i disturbi aumentano, ne parlano ai genitori. In alcuni casi il gonfiore delle articolazioni può anche essere così lieve che non lo si nota affatto. E allora può succedere che le articolazioni, a poco a poco, si irrigidiscano sempre più senza che genitori e bambino si rendano conto che c è qualcosa che non va.. Dolori e gonfiore possono essere molto diversi da un bambino all altro, e non si può partire dal principio che un articolazione molto gonfia faccia più male di una solo leggermente gonfia. Ci sono bambini che continuano a fare sport senza difficoltà anche con ginocchia molto gonfie e non si lasciano frenare nelle loro attività, e altri bambini nei quali un medico di grande esperienza riesce a stento ad individuare il gonfiore dell articolazione, sebbene essi non riescano più a stare in piedi per il dolore. Un segnale utile per indicare che un articolazione è infiammata è il surriscaldamento. Molto spesso, posando la mano sopra un articolazione infiammata, si nota che questa è molto più calda dell articolazione sana sul lato opposto. Un altro sintomo significativo della presenza di un infiammazione si ha quando la mobilità delle articolazioni diminuisce e soprattutto quando la fase finale di un piegamento o di un estensione provoca dolore. Dunque, non si deve pensare subito al reumatismo ogni volta che un bambino ha un gonfiore, un dolore o zoppica. Ma se i disturbi durano più di 3 4 settimane, o se una lesione relativamente lieve riportata facendo sport non è guarita dopo 6 8 settimane, ci si dovrebbe chiedere se non si tratti di un AIG. La cura dell AIG Perché un AIG va curata? Naturalmente, è necessario curarla già solo perché nella maggior parte dei casi l artrite infantile provoca dolore e limita la mobilità delle articolazioni.tuttavia molti bambini non si lagnano continuamente di dolori. Per natura i bambini sono incredibilmente adattabili e sanno trovare modi per schivare il dolore. Ma si può capire che hanno male dall andatura zoppicante, dai movimenti che fanno per non sentire dolore e dalla limitata mobilità delle articolazioni. Spesso, poi, sono continuamente stanchi o più piagnucolosi del solito. Dunque, dobbiamo agire sui dolori, in modo che l articolazione riesca di nuovo a muoversi in modo normale, la gamba possa di nuovo essere caricata completamente e il bambino non si abitui ad un tipo di movimento sbagliato. Ma anche nei bambini che non sentono dolori e non hanno alcuna limitazione della mobilità articolare l artrite va assolutamente curata. Infatti, se un articolazione rimane infiammata a lungo, riporta un danno e la sua cartilagine si logora prematuramente. Questa usura della cartilagine non potrà più guarire, nemmeno se più tardi l artrite sarà scomparsa del tutto. La cartilagine, a guisa di strato protettivo elastico, riveste l osso nel punto in cui due ossa s incontrano formando un articolazione e durante i movimenti sfregano l una sull altra. Nel corso della vita questo strato cartilagineo si consuma lentamente, più o meno presto a seconda dell attività fisica svolta e della predisposizione ereditaria. La distruzione dello strato cartilagineo porta all artrosi, che può provocare forti dolori. L artrosi è la causa principale di operazioni che comportano il ricorso ad un articolazione artificiale. info 19

4 In coloro che da bambini hanno avuto un artrite non curata, può insorgere molto presto - nei casi gravi già durante l adolescenza o nei primi anni dell età adulta - un artrosi così forte da rendere necessaria la sostituzione di un articolazione. Un artrite persistente può inoltre provocare nei bambini disturbi della crescita. Nei casi più frequenti accelera la crescita delle ossa e la loro maturazione nelle zone di crescita vicine all articolazione infiammata. Ma a causa delle alterazioni nella tensione e nel carico dei muscoli, per esempio quando si zoppica, si può anche arrivare ad una crescita asimmetrica, che provoca una posizione errata dell articolazione. Le posizioni errate in un articolazione possono ripercuotersi su quelle vicine o sulla colonna vertebrale e quindi provocare posizioni sbagliate anche in punti in cui le articolazioni non sono affatto infiammate. A volte si arriva anche ad una cessazione prematura della crescita, causata dalla maturazione accelerata delle ossa in un articolazione infiammata, o ad un ritardo generale di crescita in caso di fortissima infiammazione in tutto il corpo. Questi disturbi costituiscono il motivo per cui un artrite va curata anche se i bambini si lagnano poco di dolori. Per impedire l insorgere di conseguenze dannose e per rendere possibile al bambino uno crescita normale e uno sviluppo normale, l AIG deve essere curata così bene che non si noti più nessun sintomo di artrite, anche in occasione di una visita approfondita. Questa scomparsa completa di sintomi si chiama remissione. Naturalmente i genitori si spaventano al pensiero che il loro bimbo dovrà prendere medicine per un lungo periodo, forse per mesi o anni! Alcuni di loro temono di più gli effetti collaterali dei farmaci che i danni provocati dall artrite! Ma ormai in tutto il mondo si ha un esperienza così lunga dei rimedi da usare per la cura dell AIG, che noi sappiamo esattamente quali medicamenti e quali dosi siano ottimali per i bambini, quali siano gli eventuali effetti collaterali da prevedere e come si possa riconoscerli tempestivamente. In complesso la maggior parte dei farmaci che usiamo è molto meglio tollerata dai bambini che dagli adulti. E poiché la sicurezza dei farmaci da somministrare ai bambini è per noi particolarmente importante, nella reumatologia infantile i nuovi prodotti vengono introdotti meno rapidamente che nella reumatologia degli adulti. Questo avviene anche perché i nuovi medicamenti vengono sempre testati sugli adulti prima di somministrarli ai bambini. Ma nello stesso tempo ci preoccupiamo di tenerci sempre al corrente delle ultime novità con congressi e attraverso collaborazioni e scambi d informazioni a livello internazionale, così da poter permettere ai nostri pazienti di approfittare senza ritardi di importanti innovazioni. A questo scopo, per esempio, partecipiamo sempre a studi su nuovi farmaci. Si può intervenire con la medicina alternativa? I genitori spesso mi chiedono se un AIG può essere curata anche con metodi alternativi. Devo sempre dare la stessa risposta: non conosco una sola ricerca scientifica in cui sia stato studiato come rispondano i bambini colpiti da artrite ad una cura alternativa, ad una dieta o ad integratori alimentari. Se mai si è fatto qualcosa in questo senso, lo si è fatto solo su pazienti adulti! Chiedete al vostro naturopata quanti bambini affetti da artrite sono già stati in cura da lui! Nella maggior parte dei casi non ho nulla da obiettare se oltre al trattamento medico si ricorre a certe cure alternative, come misura coadiuvante. Devo però sempre sconsigliare il ricorso ad un trattamento alternativo al posto di una terapia medica convenzionale. Soltanto in casi rarissimi un trattamento di medicina alternativa porta, da solo, alla scomparsa dell artrite. Ritardare una terapia medica convenzionale per saggiare prima un metodo di medicina alternativa aumenta il rischio di danni permanenti alle articolazioni infiammate. In linea di principio i bambini dovrebbero seguire programmi dietetici solo sotto controllo di una dietologa, per garantire che nella dieta siano presenti tutti gli elementi nutritivi necessari alla crescita ed allo sviluppo. Nell adulto è stato dimostrato che l assunzione di alte dosi di acidi grassi Omega-3, di vitamine E e C può avere effetto antinfiammatorio. Gli acidi grassi Omega-3 sono contenuti nel pesce di mare ma, se non si vuole mangiare pesce ogni giorno, è possibile assumerli anche sotto forma di capsule. I grandi distributori quali Migros o Spar, oltre ai preparati vitaminici, vendono in parte anche capsule di olio di pesce contenenti quantità controllate di acidi grassi Omega-3. Questa integrazione alimentare con acidi grassi Omega-3 e, se necessario, con vitamine E e C può essere consigliata come misura complementare. Quali medicamenti si usano per la cura dell AIG? Il gruppo farmacologico di prima scelta, utilizzato per un bambino a cui è stata diagnosticata un AIG, comprende i cosiddetti antireumatici non steroidei, chiamati anche FANS. Di questo gruppo fanno parte l Aspirina, il Voltaren, il Proxene, il Brufene, l Indocide e molti altri medicamenti. Per molti anni l Aspirina è stata il rimedio di prima scelta per bambini reumatici, ma ora non viene più usata perché causa troppo spesso effetti collaterali. Tutti gli altri medicamenti sopra elencati si somministrano in età pediatrica e sono disponibili in gran parte anche sotto forma di gocce o sciroppo per bambini. Per i genitori è importante sapere che la dose da noi utilizzata per bambini reumatici allo scopo di ottenere un effetto antinfiammatorio di solito è più forte di quella indicata nel foglietto accluso alla confezione. Un dosaggio sufficientemente alto è importante, dato che altrimenti si otterrà solo un effetto analgesico e non antinfiammatorio. I genitori che hanno dubbi su indicazioni posologiche poco chiare dovrebbero consultare ancora una volta il loro medico anziché somministrare di propria iniziativa una dose più bassa! Se l artrite si risolve completamente con la terapia farmacologica, si sospenderà il medicamento e si controllerà se ricompaiono sintomi morbosi. Tuttavia, nella maggior parte dei casi i medicamenti di questo gruppo migliorano, ma non alleviano completamente l artrite. Quindi, dopo 1-2 mesi di trattamento con FANS, nei bambini con artrite molto forte o già protrattasi a lungo anche in precedenza, si dovrà optare per altre misure complementari. Se la malattia interessa solo una o un paio di articolazioni, si ricorre prima di tutto ad un iniezione di steroide direttamente nell articolazione colpita. A tale scopo, si inietta un preparato cortisonico nell articolazione infiammata. L iniezione 20 info

5 induce localmente un intensa azione antinfiammatoria nell articolazione senza i temuti effetti collaterali che si osservano con compresse a base di cortisone. L azione si instaura molto rapidamente e di solito i genitori riferiscono che già il giorno dopo il bambino sta sensibilmente meglio. L effetto dell iniezione dura per 4-6 mesi a seconda dell articolazione colpita, dopodiché si deve ripetere il procedimento. Ma in moltissimi bambini sottoposti ad iniezione di steroide non si accertano più nuovi sintomi artritici per un periodo nettamente più lungo, talvolta per parecchi anni. Dato che uno studio su pazienti adulti ha permesso di accertare che l effetto dello steroide dura più a lungo se subito dopo l iniezione si mantiene immobile l articolazione colpita, consigliamo ai genitori di non togliere la fasciatura per 24 ore e di occupare il più a lungo possibile i bambini con attività che li tengano tranquilli. Nei bambini con molte articolazioni colpite, di solito più di quattro, la scelta cade su un trattamento con il farmaco Metotrexato. Questo medicamento trova impiego in tutto il mondo come primo preparato detto di base per la cura dell AIG. Già da molti decenni si conosce e si è utilizzato il Metotrexato in dosi almeno 100 volte più alte per la terapia del cancro, prima che noi ne facessimo uso per il trattamento dell artrite. Si conoscono quindi molto bene gli effetti collaterali che ci si deve talvolta aspettare da questo medicamento. Nella stragrande maggioranza dei casi, il Metotrexato agisce benissimo contro l artrite, nel 60 75% dei bambini tutti i sintomi morbosi regrediscono completamente con il solo Metotrexato. Il Metotrexato deve essere somministrato solo una volta la settimana. L apporto di una vitamina, l acido folico, permette di ridurre gli effetti collaterali, di cui i più frequenti avvertiti dai bambini consistono in lieve sensazione di nausea o di inappetenza, per lo più il giorno dopo l assunzione del Metotrexato. Questo effetto collaterale si manifesta in circa un terzo dei bambini e dovrebbe essere assolutamente oggetto di attenzione e terapie da parte di genitori e medici curanti, perché la nausea può aumentare col passare del tempo. Altri possibili effetti collaterali interessano l ematopoiesi (la produzione delle cellule del sangue) e il fegato. Per questa ragione, durante un trattamento con Metotrexato sono necessari prelievi regolari di sangue, ad intervalli di circa 6 settimane. È peraltro rarissimo che si debba sospendere un trattamento con Metotrexato a causa di valori ematologici alterati. Uno svantaggio del Metotrexato è che non tutti i pazienti sono in grado di assorbirlo altrettanto bene dall intestino al sangue. Può darsi quindi che il Metotrexato in compresse sia meno efficace di quello sotto forma di iniezione. Purtroppo, non possiamo prevedere quali siano quei pazienti che non riescono ad assorbire in misura sufficiente il Metotrexato in compresse. Dato che poi passa parecchio tempo (di solito 2-3 mesi) prima che s instauri l effetto terapeutico del Metotrexato, nei casi di artrite pronunciata o là dove l effetto deve essere ottenuto con particolare rapidità, può essere necessaria una prima somministrazione del medicamento sotto forma di iniezioni. In tal caso il Metotrexato, come del resto l insulina per le persone diabetiche, si inietta sotto cute. I genitori o anche i bambini stessi possono imparare a fare iniezioni sottocutanee, così da non dover più recarsi appositamente dal medico ogni settimana. Di solito, l efficacia del Metotrexato si esplica pienamente dopo 6 settimane di terapia. In generale per i bambini le compresse a base di cortisone si usano il più raramente possibile e solo per breve tempo. Grazie ai numerosi medicamenti efficaci oggi Distribuzione delle forme di AIG AIG sistemica AIG fattore reumatoide positiva artrite psoriasica giovanile AIG poliarticolare fattore reumatoide negativa a nostra disposizione, usiamo il cortisone solo in casi rarissimi, p.es. in bambini con artrite particolarmente forte o con un AIG sistemica associata a febbre alta. I più frequenti effetti collaterali del cortisone sono: rallentamento della crescita, alterazione dell immagazzinamento del calcio nelle ossa, fame associata ad aumento del peso corporeo, guance arrotondate ed arrossate nonché aumento della pressione sanguigna. Questi effetti di solito scompaiono dopo sospensione del cortisone. Il cortisone però è anche un medicamento molto efficace e ad azione rapida nei casi in cui l infiammazione è così violenta da costituire una minaccia per i tessuti! Nei bambini con artrite controllata solo parzialmente dopo 6 mesi di terapia con Metotrexato, si deve prendere in considerazione una terapia combinata con un altro medicamento di base o una combinazione con un nuovo medicamento biologico, un cosiddetto bloccante del TNF-α (farmaci Enbrel o Remicade ). Da quando è stato introdotto questo nuovo medicamento, formulato circa 8 anni fa anche per i bambini, vediamo solo casi rarissimi di AIG difficilmente controllabile. Prognosi dell AIG La prognosi dell AIG è molto diversa da bambino a bambino e da forma a forma. I bambini con una forma di AIG di tipo oligoarticolare hanno di certo la miglior prognosi generale per quanto concerne altre forme di AIG AIG con entesite AIG oligoarticolare Distribuzione delle diverse forme di AIG in uno studio condotto di recente in un grande centro di reumatologia pediatrica in Canada info 21

6 le articolazioni, anche se questa forma talvolta può essere associata ad un infiammazione oculare di cui parlerò più avanti. Di solito si può dire con certezza che quante più sono le articolazioni colpite e quanto più a lungo dura l infiammazione, tanto maggiore è il rischio che compaiano danni articolari. Ci sono bambini che hanno un solo episodio di artrite della durata di alcuni mesi o forse anche di 1 2 anni, dopodiché non accusano più nessun sintomo morboso per molti anni. Altri bambini hanno sempre episodi del genere, di durata più o meno lunga, ma fra una crisi e l altra non avvertono alcun sintomo morboso. Un terzo gruppo di bambini non ha mai fasi di remissione dai sintomi, ma ha sempre bisogno di medicamenti per tenere sotto controllo l artrite. All inizio di un trattamento non si può quindi prevedere per quanto tempo esso dovrà protrarsi. Ma poiché sappiamo che l artrite in certi casi può di nuovo risolversi, se tutti i sintomi sono scomparsi si proverà ogni volta a sospendere i medicamenti per essere certi che il bambino ne ha ancora bisogno. Se si sospende il Metotrexato, la probabilità che l artrite si ripresenti nel giro di qualche mese è circa del 50%. Da recenti studi di lungo respiro si sa che circa il 60% dei pazienti continua ad avere disturbi artritici nell età adulta. È anche importante sapere che l artrite non è mai uguale ogni giorno nello stesso paziente. Ci sono sempre giorni migliori e giorni peggiori, salvo in caso di completa remissione della malattia. Se dobbiamo curare un bambino affetto da AIG, l obiettivo deve essere quello di ottenere la completa remissione della malattia. Solo così si può garantire che non compaia un danno articolare e il bambino si sviluppi e cresca normalmente. Uveite = infiammazione intraoculare Un uveite è un infiammazione delle strutture oculari interne. Anche per l uveite si possono distinguere diverse forme, ma in questo contesto tralascio di addentrarmi nei particolari. Analogamente all artrite, anche l uveite del bambino ha alcune particolarità che la rendono diversa da quella dell adulto. L uveite in età pediatrica è rara, ma di tutti i bambini colpiti da uveite il 50% circa soffre anche di un AIG. Inversamente, circa il 15% di tutti i bambini affetti da AIG ha un uveite. Ma, a seconda della forma di AIG, il rischio di sviluppare un uveite può essere molto diverso! I bambini colpiti da AIG sistemica o da AIG poliarticolare FR-positiva non sviluppano quasi mai un uveite. I bambini affetti da AIG oligoarticolare, quelli con ANA positivi (anticorpi antinucleari, v. più sopra), quelli colpiti da AIG ad inizio precoce nonché quelli che attraversano i primi 4 anni dall esordio dell artrite, corrono un rischio molto accentuato di sviluppare un uveite. Il problema maggiore è rappresentato dall infiammazione oculare perché, a causa del suo inizio molto spesso silente, passa inosservata sia dai genitori sia dai bambini. Solo l oculista al momento della visita con lampada a fessura scopre che nell uvea sono presenti cellule infiammatorie o corpi proteici. I bambini affetti da AIG devono quindi sottoporsi a regolari controlli oculistici, e lo devono fare tanto più spesso quanti più sono i fattori di rischio. Talvolta, però, l uveite ha inizio prima dell artrite. In casi di questo genere può darsi che l infiammazione abbia già causato le prime complicazioni a livello oculare, prima ancora che ne sia stata avvertita la presenza. A seguito di un infiammazione oculare prolungata possono formarsi aderenze dell iride, per cui la pupilla non è più completamente rotonda. Se l infiammazione avanza ancora possono svilupparsi patologie oculari (cataratta e glaucoma) che rendono necessari interventi chirurgici e, in casi gravi, la capacità visiva può risultare compromessa fino alla cecità. Per prevenire esiti di questo genere, si deve riconoscere tempestivamente un infiammazione oculare e curarla con meticolosità. Di solito, per curare l infiammazione l oculista usa anzitutto colliri ed unguenti di diverso tipo, talvolta ricorre anche ad iniezioni direttamente nella zona perioculare. Se le terapie topiche sono insufficienti, per la cura di infiammazioni oculari si usano medicamenti che vengono convogliati dal sangue all occhio come i farmaci per l artrite. Un trattamento di questo tipo viene eseguito da un oculista specializzato se possibile in infiammazioni oculari, che lavora sempre in stretta rapporto con un pediatra, di preferenza un reumatologo pediatra. Talvolta per il trattamento dell infiammazione oculare sono necessarie compresse a base di cortisone, perché l azione deve instaurarsi il più presto possibile. Nel contempo, però, si continuerà ad usare medicamenti ad azione più lenta, negli ultimi anni soprattutto Metotrexato o Sandimmun, per potere rinunciare quanto prima alle compresse a base di cortisone. A volte le infiammazioni oculari sono di lieve natura e rispondono molto in fretta ad un trattamento con colliri. In altri casi, può darsi che sia molto più difficile curare l uveite che non l artrite. Negli uitimi anni, soprattutto per i casi gravi di uveite, si è fatto ricorso anche ai nuovi medicamenti TNFα-bloccanti come l Enbrel e il Remicade. In molti casi, specie con il Remicade, si sono potuti ottenere ottimi risultati e quindi oggi si curano così molti bambini colpiti da gravi infiammazioni oculari. Come per l artrite, anche per l uveite è importante non accontentarsi di sopprimere parzialmente l infiammazione. Un infiammazione silente porta presto o tardi a complicazioni oculari che non sono più curabili! Mi auguro di avervi potuto fornire una panoramica sull interessante e complesso mondo della reumatologia pediatrica. Nei numerosi anni di lavoro con bambini reumatici ho imparato che la classificazione delle forme di AIG è molto utile, ma tuttavia l artrite e il lavoro con la famiglia variano da bambino a bambino e sono addirittura completamente diversi nello stesso bambino quando passa da una fase di vita alla successiva. Grazie ai nuovi medicamenti ed al rafforzamento della ricerca internazionale congiunta, negli ultimi anni la prognosi delle malattie reumatiche in età pediatrica è cambiata radicalmente: non combattiamo più contro menomazioni ma con metodi terapeutici mirati otteniamo la scomparsa della malattia. Ma occorrerà ancora molto lavoro perché si diffonda in tutti la consapevolezza che il reumatismo infantile esiste davvero e può e deve essere curato bene, per permettere ai bambini colpiti di svilupparsi normalmente. Sì, il reumatismo infantile è una realtà! Non è da prendere alla leggera, ma non deve neppure essere visto neppure come una malattia terribile! Vedi encora Pagina 7, info

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte

spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte Unità Operativa Complessa di Reumatologia Ospedale S. Chiara, Trento Quaderni ATMAR 6 spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte In collaborazione con l Unità

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

ANMAR ONLUS. Conoscere le malattie reumatiche

ANMAR ONLUS. Conoscere le malattie reumatiche ANMAR ONLUS Conoscere le malattie reumatiche ANMAR Associazione Nazionale Malati Reumatici ONLUS Conoscere le malattie reumatiche A cura di: ANMAR Associazione Nazionale Malati Reumatici ONLUS Realizzato

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Cos'é un test genetico predittivo?

Cos'é un test genetico predittivo? 16 Orientamenti bioetici per i test genetici http://www.governo.it/bioetica/testi/191199.html IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione al trattamento dei dati genetici - 22 febbraio

Dettagli

Ogni giorno dopo i pasti

Ogni giorno dopo i pasti Ogni giorno dopo i pasti Se si facesse un sondaggio su che cosa la gente porti, abitualmente, nella borsa, uno degli oggetti più quotati sarebbe: medicinali. Non dico gli anziani, ma sapete quanti adolescenti

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

La Terapia con Bifosfonati

La Terapia con Bifosfonati Capire La Terapia con Bifosfonati International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (United States and Canada) 818-487-7455 FAX: 818-487-7454

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch 0844 448 448 Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch L eliminazione del morbillo un obiettivo internazionale

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005 Manuale Applicativo Vers. database tratt.: 221 REV 01 Copyright Copyright 01/09/2005 Lorenz Biotech S.p.A. Via Statale, 151/A 41036 MEDOLLA (MO) Tel.+39-0535-51714 Fax +39-0535-51398 e-mail: customer.service@lorenzbiotech.it

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli