AEROPORTO VALERIO CATULLO DI VERONA VILLAFRANCA RAMP SAFETY 1.0 1/30

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AEROPORTO VALERIO CATULLO DI VERONA VILLAFRANCA RAMP SAFETY 1.0 1/30"

Transcript

1 AEROPORTO VALERIO CATULLO DI VERONA VILLAFRANCA RAMP SAFETY 1.0 1/30

2 DISCLAIMER Le immagini riprodotte in questo manuale sono a scopo puramente illustrativo e possono non riprodurre fedelmente reali distanze e proporzioni. 2/30

3 Indice Premessa 4 Lavorare in Airside 5 Motori Jet 6 Engine intake 7 Jet Blast 8 Motori turboelica 9 Elicotteri 10 Operazioni sottobordo 12 Avvicinarsi ad un aeromobile 13 Aircraft Safety Area 14 Sbarco a piedi 15 Sbarco a piedi da stand Sbarco a piedi da stand Rifornimento carburante 18 Zona di rifornimento 19 Sversamento di carburante 20 Circolazione veicoli 22 Ordine di precedenze 23 Emergenze sottobordo 24 Fiamme durante la messa in moto 25 DPI - DIspositivi di Protezione Individuale 26 Glossario 28 3/30

4 Premessa L ideale sarebbe la totale assenza di inconvenienti. La realtà è che la totale sicurezza (safety) non esiste. Ci saranno sempre degli errori, nonostante si compiano i migliori sforzi per evitarli. Nessuna attività umana o sistema creato dall uomo è garantito essere privo di rischi. Il concetto di safety è relativo, di conseguenza i rischi correlati sono accettabili in un sistema sicuro. Safety è vista sempre di più come una gestione dei rischi. In questo manuale, quindi, safety sarà considerata come: Lo stato in cui il rischio di lesioni a persone o cose è ridotto a, e mantenuto al di sotto di, un livello accettabile, costantemente monitorato per l identificazione di pericoli e la gestione dei rischi. 4/30

5 Capitolo 1 Lavorare in Airside L airside è sicuramente un posto pericoloso dove lavorare. Aeromobili, mezzi speciali, autobotti per il rifornimento di carburante e tutte le operazioni relative ai loro servizi, la manutenzione e il catering possono creare seri pericoli a chi è noncurante, non addestrato o distratto. Tutti gli enti hanno l obbligo di assicurarsi che i propri collaboratori ricevano l addestramento appropriato prima di affrontare l airside. Questo capitolo è dedicato ai pericoli dei quali è necessario essere a conoscenza quando si lavora in prossimità di un aeromobile. 5/30

6 Sezione 1 Motori Jet Tutti i motori a propulsione aeronautica, funzionano sul principio che per condurre l'aereo è necessaria una notevole spinta in avanti. Il motore aspira l'aria dalla parte anteriore, il compressore aumenta la pressione dell'aria e nell'aria compressa allora è poi iniettato il combustibile. I gas combusti si espandono ed escono fuori dalla parte posteriore del motore spingendo indietro, l'ugello libera l'aria e la miscela del gas ed il motore ed il velivolo sono spinti in avanti. INGESTIONE COMPRESSIONE COMBUSTIONE SCARICO Aria in ingresso Camere di combustione Turbina SEZONE FREDDA SEZONE CALDA 6/30

7 Sezione 2 Engine Intake Il ventilatore (fan) aspira l aria in grande quantità e ad alta velocità dividendola in due flussi: una parte attraversa tutti i componenti del motore, l altra passa in un condotto che circonda il motore fino ad arrivare alla parte posteriore in cui produce gran parte della spinta che fa muovere l aeromobile in avanti. È necessario mantenere almeno 8-10 metri di distanza da un motore di un aeromobile in moto e fermo allo stand. Come regola generale, più grande il motore, maggiore la distanza da mantenere. Spesso sulle gondole esterne del motore e sulla fusoliera sono presenti degli adesivi che evidenziano il raggio di ingestione del motore m 7/30

8 Sezione 3 Jet Blast L'energia contenuta nel flusso d'aria uscita dalla turbina riunita a quella dell'aria più fredda che ha escluso il nucleo del motore, produce una forza che fa muovere l'aeroplano. La combinazione dell'aria calda e l'aria fredda espulse producono lo scarico che provoca una spinta in avanti. È necessario mantenersi ad una distanza di sicurezza proporzionale alla potenza erogata dal motore, ovvero: Motore a potenza minima (fase di messa in moto allo stand) - 1 lunghezza dell aeromobile; Motore a potenza parziale (fase di rullaggio) - 2 lunghezze dell aeromobile. 8/30

9 Sezione 4 Motori Turboelica Turboelica è un motore costituito da un'elica azionata da una turbina a gas. Differisce dal motore jet, in quanto nei motori turboelica la propulsione avviene per mezzo dell'aria messa in movimento dalla rotazione di un'elica e non mediante la spinta di gas di scarico. ELICA RIDUTTORE DI INGRANAGGI COMPRESSORE TURBINA SCARICO ALBERO CAMERA DI COMBUSTIONE 9/30

10 Dato che il motore a turboelica utilizza la spinta dell elica e non dello scarico, i pericolo causato dal jet blast è molto inferiore rispetto ai motori jet. Rimane comunque uno scarico tossico e ad alta temperatura. Tenersi fuori dal raggio d azione dell elica anche se il motore risulta spento. Le eliche non sempre sono bloccate meccanicamente e, in caso di raffiche di vento, potrebbero muoversi incontrollate. Durante la fase di transito verranno posizionati dei coni segnalatori davanti alle eliche. In aggiunta, in caso di sosta prolungata(es. night-stop), le eliche libere saranno ancorate alla fusoliera con un cavo d acciaio. 10/30

11 Sezione 5 Elicotteri Gli elicotteri utilizzano lo stesso tipo di stand degli aeromobili. In fase tattica di assegnazione stand, vengono assegnate le piazzole più remote (prevalentemente stand 61 e/o 11) in modo da non interferire con il traffico veicolare. Il marshaller avrà cura di parcheggiare l elicottero il più vicino possibile alla taxilane di ingresso, così da garantire una massima distanza di sicurezza tra elicottero e veicolare di servizio. Per circolare in prossimità di un elicottero è necessario: mantenere la distanza di sicurezza pari a due diametri del rotore principale per evitare il downwash; rimanere fuori dal raggio d azione del rotore di coda. 2x 11/30

12 Capitolo 2 Operazioni Sottobordo In questa sezione verrà descritto come affrontare rischi e pericoli delle operazioni più sensibili compiute sottobordo. Le attività di mezzi e personale aeroportuale durante il transito di un aeromobile sono concentrate in poche decine di metri quadri e per un periodo di tempo limitato. In sostanza uno stand è una zona ad elevato traffico, e qui dentro è sempre l ora di punta. È necessario rimanere vigili a 360 in modo da ridurre i margini di errore al minimo. 12/30

13 Sezione 1 Avvicinarsi ad un aeromobile Prima di entrare nell Area di Sicurezza di un Aeromobile (ASA) appena entrato allo stand, assicurarsi che: l aeromobile sia fermo; i tacchi siano stati posizionati; i motori di spinta siano spenti; le luci anti-collisione siano spente. Nel caso in cui una di queste condizioni non sia soddisfatta, rimanere al di fuori dell ASA, a meno che non svolgiate una funzione tale da permettervi di accedere allo stand con i motori ancora in moto (es. posizionamento tacchi o GPU). STOP OFF OFF 13/30

14 Aircraft Safety Area Luci anti-collisione spente Motori spenti Tacchi posizionati 14/30

15 Sezione 2 Sbarco a piedi Nell aeroporto di Verona Villafranca è attualmente possibile, in condizioni meteo favorevoli, effettuare sbarchi a piedi dagli stand 44 e 56. Stand 44: si predispongono i coni o altro segnalatore a protezione del percorso dei passeggeri; in caso di sbarco da scala posteriore in linea con la coda dell aeromobile, i passeggeri andranno diretti verso destra, in modo da non ritrovarsi nel lato stive dell aeromobile; l addetto allo sbarco, una volta raggruppato un numero minimo di passeggeri al punto di prima raccolta, li indirizzerà verso il terminal arrivi, dove un operatore avrà cura di supervisionare l attraversamento della veicolare di servizio e il traffico veicolare. Stand 56: la procedura di sbarco è identica a quella per lo stand 44, semplificata dal fatto che le porte dell aeromobile sono rivolte verso il terminal arrivi. 15/30

16 Sbarco a piedi da stand 44 Punto di prima raccolta 16/30

17 Sbarco a piedi da stand 56 Supervisori sbarco 17/30

18 Sezione 3 Rifornimento carburante Durante la fase di rifornimento si individua una zona di sicurezza di 6 metri intorno ai serbatoi dell aeromobile (ali e ventrale) e all autocisterna che li rifornisce. Osservare le seguenti regole: Non usare il telefono cellulare; non avviare il motore di alcun veicolo; non circolare sotto le ali dell aeromobile; Se il rifornimento avviene con i passeggeri a bordo, oppure in fase di imbarco/sbarco, osservare queste ulteriori regole di sicurezza: Posizionare tutto l equipaggiamento necessario allo sbarco/imbarco dei passeggeri prima dell inizio del rifornimento; Informare i passeggeri di non fumare o usare telefoni cellulari durante l imbarco/sbarco. 18/30

19 Zona di sicurezza durante il rifornimento di un aeromobile SERBATOI AEROMOBILE ZONA DI SICUREZZA AUTOCISTERNA 19/30

20 Sezione 4 Sversamento di carburante Quando ci si accorge che un aeromobile perde carburante, seguire scrupolosamente queste indicazioni: Cosa fare Arrestare il rifornimento (se in corso) informare AMS fornendo: stand contaminato; tipo di aeromobile; compagnia aerea; tipo di spillage (se identificato). Cosa NON fare Cercare di bonificare lo spillage; avvicinarsi a piedi o su un mezzo in prossimità dello spillage; utilizzare telefoni cellulari entro 15m dallo spillage; caricare a bordo qualsiasi cosa che sia venuta in contatto con lo spillage; Le operazioni di bonifica saranno dirette dal ROS VVF che si potrà disporre delle risorse dei Vigili del Fuoco e qualunque altro Ente. L eventuale sbarco o evacuazione dei passeggeri viene coordinata dal comandante e dal ROS VVF secondo le procedure interne di compagnia aerea e VVF. Le normali operazioni, inclusa messa in moto di mezzi e aeromobile, riprenderanno quando la persona in carico dell emergenza dichiarerà che l area è sicura. La stessa procedura viene applicata nel caso vengano trattati oli o merci pericolose. 20/30

21 Interattivo Fuel Spillage 2.1 Fuel Spillage Fuel Spillage ROS VVF 21/30

22 Capitolo 3 Circolazione Veicoli Tutto il personale operante in airside ha bisogno di condurre dei mezzi per prestare i vari servizi agli aeromobili e per spostarsi da uno stand all altro. Se consideriamo la varietà di servizi necessari durante un transito di un aeromobile, quali catering, sbarco/imbarco passeggeri, carico/scarico bagagli, manutenzione, rifornimento carburante e acqua, la concentrazione di veicoli intorno ad un singolo aeromobile impone la necessità di creare delle regole per la circolazione in sicurezza. 22/30

23 Sezione 1 Ordine di precedenze La coesistenza di veicoli e velivoli nello stesso spazio comportano il rispetto del codice della strada e della navigazione. È fondamentale avere chiaro l ordine delle precedenza da rispettare in airside: 1 2 Mezzi di soccorso (solo in emergenza) Aeromobili (anche al traino) 3 4 Passeggeri Altri veicoli 23/30

24 Capitolo 4 Emergenze sottobordo 24/30

25 Sezione 1 Fiamme durante la messa in moto In caso si sviluppino fiamme sottobordo, è importante comunicare al Flight Deck, in modo conciso, la presenza delle fiamme e la posizione, mantenendo la calma. Se l equipaggio avverte un allarme di incendio durante la messa in moto dei motori, seguirà una procedura specifica, che includerà lo spegnimento dei motori. Il personale di terra potrebbe non sapere perché i motori siano stati spenti, ma dovrà concentrare l attenzione sull aeromobile, in particolare sui segnali o le comunicazioni del pilota. Se il pilota segnala un incendio con i segnali convenzionali manuali o via radio, vi starà solo INFORMANDO del problema. Quando è il momento di intervenire? Se le azioni intraprese dall equipaggio non avranno esito positivo, ve ne accorgerete da tre cose: 1. Tutti i motori verranno spenti; 2. Le fiamme saranno visibili fuori dalle gondole del motore; 3. L equipaggio vi richiederà assistenza. Come intervenire? 1. Allertare AMS via radio (Ch.1) 2. allontanarsi dall aeromobile 3. mettersi in sicurezza 4. mantenere il contatto radio con AMS per ulteriori informazioni/istruzioni. 25/30

26 Capitolo 5 DPI 26/30

27 Sezione 1 Dispositivi di Protezione Individuale A seconda del settore di appartenenza verrete forniti di differente dotazione. Di seguito viene riportato un elenco della dotazione più comune. 1 Indumenti alta visibilità: tutti gli operatori in Airside devono indossare abbigliamento ad alta visibilità sia alla guida dei veicoli che a piedi. 2 Le protezioni auricolari sono obbligatorie per operare in prossimità degli aeromobili. 3 Operando a bordo o in prossimità di mezzi complessi sono necessarie le calzature antinfortunistiche. 27/30

28 Glossario 28/30

29 Airside Area aeroportuale che comprende attrezzature e servizi impiegati per la movimentazione degli aeromobili: pista di volo, raccordi, piazzole di parcheggio e sistema di controllo del traffico aereo. ASA Aircraft Safety Area - Area dove un aeromobile è considerato in sicurezza AMS Apron Management Service - Ente aeroportuale che gestisce la movimentazione a terra degli aeromobili in Apron. Fornisce istruzioni al rullaggio da/verso gli stand. Beacon lights Luci anti-collisione. Posizionate solitamente sull estremità superiore ed inferiore della fusoliera di un aeromobile. Sono di colore rosso e/o bianco e assicurano un campo di copertura in tutte le direzioni per 75, sopra e sotto il piano orizzontale dell'aeromobile. Indicano che l aeromobile ha i motori accesi, oppure che sta per mettere in moto. Apron Area aeroportuale compresa nell Airside, adibita alla sosta degli aeromobili, imbarco e lo sbarco di passeggeri, carico e scarico delle merci e posta, rifornimento dei combustibili, parcheggio e manutenzione aeromobili. Fuel spillage Spargimento di carburante. In questo manuale si utilizza questo termine in relaziona alla procedura di bonifica di carburanti, olii e merci pericolose. Area di manovra La parte di aeroporto adibita al decollo, all atterraggio ed al rullaggio degli aeromobili, con esclusione dell Apron e di qualsiasi parte dell aeroporto destinata alla manutenzione degli aeromobili. GPU Ground Power Unit - Gruppo elettrogeno esterno con motore diesel a servizio dell aeromobile, utile ad alimentarne i servizi come per esempio la strumentazione di bordo. Area di movimento La parte di aeroporto adibita al decollo, atterraggio e rullaggio degli aeromobili, inclusi Apron e qualsiasi parte dell aeroporto destinata alla manutenzione degli aeromobili. Landisde Area aeroportuale che comprende strutture e servizi associati ai passeggeri, il sistema di accesso all aeroporto, il parcheggio automobili e relativa viabilità. Sono aree normalmente aperte al pubblico. 29/30

30 Marshaller ROS Stand Tacchi Operatore aeroportuale incaricato di segnalare agli aeromobili quali manovre effettuare al suolo attraverso un insieme di comunicazioni visuali codificate e standardizzate a livello internazionale Responsabile delle Operazioni di Soccorso. Figura dei Vigili del Fuoco incaricata di coordinare le operazioni di soccorso. In questo manuale è menzionato nella fase di bonifica di fuel spillage. Piazzola di parcheggio. Una specifica area di un piazzale adibita al parcheggio di un aeromobile. Blocchi per impedire il movimento delle ruote dell aeromobile che vengono posizionati quando l aeromobile è parcheggiato presso uno stand e rimossi quando l aeromobile è pronto al rullaggio. 30/30

La sicurezza antincendio in ambito aeroportuale: Piazzali ed aree di manovra

La sicurezza antincendio in ambito aeroportuale: Piazzali ed aree di manovra La sicurezza antincendio in ambito aeroportuale: Piazzali ed aree di manovra A cura di P.I. Gianmario Gnecchi Vice-Responsabile Distaccamento Aeroportuale Vigili del Fuoco di Orio al Serio - 1997 - sicurezza

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale importanza in quanto nodo

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica GLI AEROPORTI parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Airside: classificazione degli aeroporti Gli aeroporti sono classificati in diversi modi.

Dettagli

CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO

CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO Di autogiri ne esistono di tutti i tipi e la gamma spazia dalle costruzioni amatoriali ai velivoli certificati. Parimenti è altrettanto vasta la gamma dei sistemi impiegati

Dettagli

CORSO DI TRASPORTI AEREI Prof. Luigi La Franca GESTIONE AEROPORTUALE

CORSO DI TRASPORTI AEREI Prof. Luigi La Franca GESTIONE AEROPORTUALE CORSO DI TRASPORTI AEREI Prof. Luigi La Franca GESTIONE AEROPORTUALE Le infrastrutture degli aeroporti statali italiani destinati al traffico commerciale sono, per la massima parte, di proprietà demaniale

Dettagli

Manuale per la guida sicura in Airside

Manuale per la guida sicura in Airside Runway Safety Manuale per la guida sicura in Airside Runway Safety 1/12 Introduzione Il traffico aumenta. Gli aeroporti si espandono. Chi guida in Airside, é tenuto a conoscere come utilizzare il veicolo

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT)

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) 1 PREFAZIONE Il presente Regolamento Operativo costituisce una piccola raccolta di disposizioni,norme e criteri operativi che devono essere

Dettagli

D I R I T T I E T A R I F F E

D I R I T T I E T A R I F F E DIRITTI E TARIFFE Edizione Dicembre 2013 DEFINIZIONE DEI TERMINI Definizione dei termini Società il soggetto cui spetta l esecuzione delle operazioni aeroportuali. Vettore la persona giuridica che svolge

Dettagli

Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO DI EMERGENZA: Flight following

Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO DI EMERGENZA: Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA PIANO DI EMERGENZA: Flight following Redatto a cura di Centrale Operativa 118 - Elisoccorso Regione F.V.G. PRIMA EDIZIONE OTTOBRE 2001 Edizione ottobre 2001 1 2 FLIGHT

Dettagli

Gestione dell intervento

Gestione dell intervento Gestione dell intervento Tipo d emergenza Strutture coinvolte Fasi d'intervento Settori d'intervento Dimensionamento Distribuzione delle risorse Chiusura dell'intervento Piani d emergenza Piano di emergenza

Dettagli

Cod.: Allegato 5/A. Data: 04/03/2013. Versione: Rev. 04 Pagina 1 di 13 REGOLAMENTO DI SCALO ALLEGATO 5/A. Indice degli argomenti

Cod.: Allegato 5/A. Data: 04/03/2013. Versione: Rev. 04 Pagina 1 di 13 REGOLAMENTO DI SCALO ALLEGATO 5/A. Indice degli argomenti Pagina 1 di 13 Indice degli argomenti 1. Generalità... 2 2. Campo di applicazione... 2 3. Riferimenti... 3 4. Attività e Responsabilità... 3 5. Tipi di patenti e loro caratteristiche... 4 6. Modalità per

Dettagli

GALILEI 2003 RELAZIONE FINALE. Relazione Finale Galilei 2003. Esercitazione di protezione civile nell ipotesi di incidente aereo

GALILEI 2003 RELAZIONE FINALE. Relazione Finale Galilei 2003. Esercitazione di protezione civile nell ipotesi di incidente aereo Esercitazione di protezione civile nell ipotesi di incidente aereo GALILEI 2003 RELAZIONE FINALE Data di stampa 15/11/2003 1 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. SCOPI ED OBIETTIVI 3. CRONOLOGIA DEGLI AVVENIMENTI

Dettagli

AIRSIDE DRIVING CERTIFICATE PROGRAMMI DI FORMAZIONE

AIRSIDE DRIVING CERTIFICATE PROGRAMMI DI FORMAZIONE REV. 0 PAG. 1/29 AIIDE DRIVING CERTIFICATE PROGRAMMI DI FORMAZIONE 20.0 GLOSSARIO TERMINI... 3 20.1 LA CIRCOLAZIONE IN AIR SIDE... 7 20.2 IL SEDIME AEROPORTUALE... 7 20.3 AUTORIZZAZIONE ALLA CIRCOLAZIONE

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Sicurezza (Safety Management System) Stefano Fiussello

Il Sistema di Gestione della Sicurezza (Safety Management System) Stefano Fiussello Il Sistema di Gestione della Sicurezza (Safety Management System) Stefano Fiussello 1 AERODROMO MACCHI M.C. 72 1931 Nota introduttiva.- Il presente Annesso contiene gli standard e le raccomandazioni pratiche

Dettagli

MASTER PLANNING AEROPORTUALE. Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano

MASTER PLANNING AEROPORTUALE. Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano MASTER PLANNING AEROPORTUALE Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano 1 1 Definizioni Aeroporto Cos è un aeroporto? - sistema complesso - infrastruttura attrezzata per

Dettagli

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE IO_11_Regole comportamentali per Fornitori Gentile Fornitore, Eco-recuperi srl ha stabilito una propria politica per la Qualità, la Sicurezza e l Ambiente (disponibile sul sito http://www.ecorecuperi.it/it/918-qualita.htm

Dettagli

Pat. Verde e Rossa. Revisione 7 ottobre 2012 0

Pat. Verde e Rossa. Revisione 7 ottobre 2012 0 MANUALE DI CIRCOLAZIONE E SICUREZZA AEROPORTUALE Supporto didattico per operatori aeroportuali per il conseguimento dell Abilitazione alla guida in area di movimento Revisione 7 ottobre 2012 0 Parte 1

Dettagli

GLI AEROPORTI parte 1/2 GLI AEROPORTI

GLI AEROPORTI parte 1/2 GLI AEROPORTI corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica a.a. 2008-2009 GLI AEROPORTI GLI AEROPORTI parte 1/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale

Dettagli

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it Incidente occorso in data 2 febbraio 2013, sull aeroporto di Roma Fiumicino, all aeromobile ATR 72 marche di identificazione YR-ATS: raccomandazioni di sicurezza relative alle operazioni di ricerca e soccorso.

Dettagli

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL Terminal Crociere - Piazzale dei Marmi 57123 Livorno (LI) Italia Tel. (+39) 0586 20.29.01 Fax (+39) 0586 89.22.09 info@portolivorno2000.it Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Parte 1 - AERODINAMICA Parte 2 - METEOROLOGIA Parte 3 - TECNOLOGIA E PRESTAZIONI DEGLI APPARECCHI VDS Parte 4 -

Dettagli

AERO CLUB F. BARACCA LUGO DI ROMAGNA SCUOLA DI ACROBAZIA

AERO CLUB F. BARACCA LUGO DI ROMAGNA SCUOLA DI ACROBAZIA Il presente regolamento è stato redatto per dare a tutti la possibilità di uniformarsi alle procedure che permettono il volo acrobatico in sicurezza. Tutti i piloti sono tenuti a seguire, divulgare e meditare

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI. Sistemi Emergenza

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI. Sistemi Emergenza Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI Sistemi Emergenza 2 Hanno lo scopo di ridurre le conseguenze di guasti o rotture Sistemi attivi: eseguono o consentono di eseguire operazioni per

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

REGOLAMENTO dell'aviosuperficie di CASTELNUOVO DON BOSCO

REGOLAMENTO dell'aviosuperficie di CASTELNUOVO DON BOSCO REGOLAMENTO dell'aviosuperficie di CASTELNUOVO DON BOSCO E LENCO DI DISTRIBUZIONE pubblicato su internet all'indirizzo www.aviocastelnuovo.com Ultimo aggiornamento: 07/07/2014 INDICE Premessa... Pag. 3

Dettagli

Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009

Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009 Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009 SISTEMA AVIAZIONE CIVILE Ministero dei trasporti Ente nazionale per l aviazione i civile il (ENAC) Aero club d

Dettagli

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA L organizzazione tiene in altissima considerazione la Sicurezza del Volo e per questo, con il supporto e

Dettagli

AEROPORTO VERONA VILLAFRANCA REGOLAMENTO DI SCALO - REV. 0.0

AEROPORTO VERONA VILLAFRANCA REGOLAMENTO DI SCALO - REV. 0.0 INDICE 1. INTRODUZIONE... 6 1.1. COMPOSIZIONE DEL DOCUMENTO... 6 1.2. REGISTRAZIONE AGGIORNAMENTI... 6 1.3. CONTENUTI DEL REGOLAMENTO DI SCALO... 6 1.4. EMISSIONE E AGGIORNAMENTO... 6 1.5. MODALITÀ DI

Dettagli

REGOLAMENTO SCALO. Edizione2rev0del26.11.2012

REGOLAMENTO SCALO. Edizione2rev0del26.11.2012 REGOLAMENTO di SCALO Edizione2rev0del26.11.2012 Pagina 1 di 3 COMPETENZE Pagina 2 di 3 Sommario B.1 Il Gestore Aeroportuale 3 B.2 ENAV 4 B.3 Operatori aeroportuali 4 B.4 ENAC 5 B.5 Enti di Stato 5 B.6

Dettagli

Il Carroponte 1 il carroponte

Il Carroponte 1 il carroponte Il Carroponte Il Carroponte è uno strumento portentoso, ma che deve essere utilizzato con la massima prudenza. In commercio ne esistono di vari tipi, anche se alcuni elementi sono comuni fra molti modelli.

Dettagli

PROTOCOLLI OPERATVI COEU 118 MILANO

PROTOCOLLI OPERATVI COEU 118 MILANO CENTRALE OPERATIVA EMERGENZA URGENZA 118 - Milano PROTOCOLLI OPERATVI COEU 118 MILANO DISPONIBILITA L Associazione/Organizzazione di Volontariato Cooperativa Sociale (di seguito denominata A/O-C) comunica

Dettagli

ELICOTTERO AB212. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

ELICOTTERO AB212. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com ELICOTTERO AB212 Descrizione generale COSTRUTTORE AGUSTA su licenza della Bell Helicopter Company ( U.S.A. ). TIPOLOGIA DELLE MISSIONI Addestramento al volo; Concorso in operazioni S.A.R. ( Search And

Dettagli

Impianto pneumatico. 25 mag. 07IMPIANTO PNEUMATICO-libro 1

Impianto pneumatico. 25 mag. 07IMPIANTO PNEUMATICO-libro 1 Impianto pneumatico La finalità di tale impianto è quella di fornire ad una serie di utenze aria a pressione e temperatura controllate. Queste sono raggiungibili con una rete di distribuzione, composta

Dettagli

ICAO Doc 9774 - Manual On Certification Of Aerodromes

ICAO Doc 9774 - Manual On Certification Of Aerodromes ICAO Doc 9774 - Manual On Certification Of Aerodromes ENAC Prevede l obbligo della certificazione per tutti gli aeroporti ove viene svolta una attività di Trasporto Pubblico con velivoli con 10 posti o

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 5 - OPERAZIONI ED ATTERRAGGI DI EMERGENZA 1 Se una situazione d emergenza richiede un atterraggio con vento in coda, il pilota deve

Dettagli

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO. di Carpi. a cura dell Aeroclub Carpi

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO. di Carpi. a cura dell Aeroclub Carpi REGOLAMENTO DI SCALO AEROPORTO di Carpi a cura dell Aeroclub Carpi Edizione: Revisione: Inizio Validità: 1 0 01-01-2013 Edizione 1 Inizio Validità 01/01/2013 Revisione 0 1 2 INDICE Capitolo 1 PREMESSA

Dettagli

G.A.B. CAMPO DI VOLO GIANNI ASSOLARI GHISALBA

G.A.B. CAMPO DI VOLO GIANNI ASSOLARI GHISALBA G.A.B. CAMPO DI VOLO GIANNI ASSOLARI GHISALBA Regolamento per l'utilizzo del campo di volo. Nel presente documento abbiamo inserito le regole cui ogni socio utente del campo deve attenersi per garantire

Dettagli

NORMAL CHECK LIST P 2004 " BRAVO"

NORMAL CHECK LIST P 2004  BRAVO NORMAL LIST P 2004 " BRAVO" ISPEZII PREVOLO DOCUMENTI E UTENZE BREAKERS LIVELLO CARBURANTE TRIM GIRO ESTERNO Parabrezza e finestrini puliti ed integri Cofano, Ruotino anteriore Carenatura ruota integri

Dettagli

REGOLAMENTO DI SCALO

REGOLAMENTO DI SCALO AEROPORTO DI FOGGIA Emissione Direzione Generale AdP: Adozione Direzione Aeroportuale ENAC: Ord. n. 1/2011 del 18/01/2011 Pag. 2 di 72 Storia delle Revisioni Ver Data Modifiche 01 18/01/2011 Versione Basica

Dettagli

IMPIANTO ANTINCENDIO

IMPIANTO ANTINCENDIO IMPIANTO ANTINCENDIO Missione dell impianto L impianto antincendio degli aeromobili ha la missione di attuare la protezione del velivolo da: Fuoco Fumo Surriscaldamento In questi casi l impianto ha la

Dettagli

PREMESSA - QUANDO UN INTERVENTO SI CLASSIFICA IN QUESTA CATEGORIA

PREMESSA - QUANDO UN INTERVENTO SI CLASSIFICA IN QUESTA CATEGORIA Pagina 1/5 PREMESSA - QUANDO UN INTERVENTO SI CLASSIFICA IN QUESTA CATEGORIA Intervento conseguente alla segnalazione o all effettivo ritrovamento di un ordigno o dispositivo incendiario. Intervento per

Dettagli

REGOLAMENTO DI SCALO dell Aeroporto di Linate

REGOLAMENTO DI SCALO dell Aeroporto di Linate Aeroporti di Milano Pag. 1 di 255 REGOLAMENTO DI SCALO dell Aeroporto di Linate S.E.A. - Società p.a. Esercizi Aeroportuali Mauro Zanini POST HOLDER AREA DI MOVIMENTO E TERMINAL Pag. 2 di 255 Edizione

Dettagli

Sicurezza informazioni carrelli elevatori a forche 626

Sicurezza informazioni carrelli elevatori a forche 626 Pagina 1 di 24 I Conducenti devono guidare il carrello elevatore a forche solo se sono stati addestrati in modo adeguato. Siete qualificati per essere dei conducenti di un carrello elevatore a forche?

Dettagli

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs 14 Agosto 1996 n 493) Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza S.P.P via R. Cozzi 53 Edificio U5 1 Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN Tipi di aeromobile e marche Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del volo Persone a bordo

Dettagli

Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei S.p.A

Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei S.p.A Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei S.p.A VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE E RELATIVE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE RIGUARDANTI L ATTIVITÀ : SERVIZIO DI PULIZIA DELLE INFRASTRUTTURE/AREE

Dettagli

La certificazione aeroportuale

La certificazione aeroportuale La certificazione aeroportuale Tra le attività di Enac c è anche la certificazione di aeroporto. Un aspetto particolare di questa certificazione è costituito dal fatto che la stessa riguarda sia le caratteristiche

Dettagli

REGOLAMENTO DI SCALO dell Aeroporto di Linate

REGOLAMENTO DI SCALO dell Aeroporto di Linate INDICE DOCUMENTO DEL Pag. 1-1 dell Aeroporto di Linate EDIZIONE 3 Revisione 3.0 Ultimo aggiornamento RS- LIN-3.0 - DIC '12.doc INDICE DOCUMENTO DEL Pag. 1-2 1 INDICE DEL DOCUMENTO 1 INDICE DEL DOCUMENTO...

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA QUALITA Doc.: IO02

ISTRUZIONE OPERATIVA QUALITA Doc.: IO02 1.0 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE ISTRUZIONE OPERATIVA QUALITA Doc.: IO02 DISTRIBUTORE CARBURANTI Rev.: 4 Data: 19/4/01 Pag. 1 di 7 La presente istruzione regola la gestione in sicurezza del distributore

Dettagli

EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. PRE-START (VERIFICA DEI COMANDI). 1. Freni di Parcheggio: Attivati; 2. Manette: Impostate al minimo (IDLE); 3. Interruttore

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

Definizione di un MIB SNMP per il controllo e la gestione da remoto di un aeromobile Airbus A300-600ST

Definizione di un MIB SNMP per il controllo e la gestione da remoto di un aeromobile Airbus A300-600ST Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Definizione di un MIB SNMP per il controllo e la gestione da remoto di un aeromobile Airbus

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A.

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti in Applicazione a quanto previsto dall Art.28 del D.Lgs. 81/08 tra ATAF S.p.A e Azienda Affidataria per il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO DI SCALO. Edizione 1 revisione 0

REGOLAMENTO DI SCALO. Edizione 1 revisione 0 REGOLAMENTO DI SCALO revisione 0 Indice Sez. IG INDICE PARTE GENERALE... 7 A.1 Contenuti del regolamento di scalo... 7 A.2 Aggiornamento del Regolamento di scalo... 8 A.3 Diffusione del Regolamento di

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI CORSO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI A. A. 2007-08

INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI CORSO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI A. A. 2007-08 INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI CORSO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI A. A. 2007-08 Prof. Giovanni Leonardi, 2007 1 Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale importanza in quanto nodo

Dettagli

Rimini Miramare (RMI/LIPR) STORIA

Rimini Miramare (RMI/LIPR) STORIA Rimini Miramare (RMI/LIPR) STORIA Inizialmente nato come scalo militare tuttora intitolato al colonnello Giannetto Vissura, negli ultimi decenni lo scalo Riminese ha avuto un notevole sviluppo anche del

Dettagli

Ing. Fabio Nicolai Direttore Centrale Attività Aeronautiche. ENAC - Ente Nazionale per l Aviazione Civile

Ing. Fabio Nicolai Direttore Centrale Attività Aeronautiche. ENAC - Ente Nazionale per l Aviazione Civile Ing. Fabio Nicolai Direttore Centrale Attività Aeronautiche ENAC - Ente Nazionale per l Aviazione Civile 1 Incidenti con perdita del velivolo (Jet di costruzione occidentale) per Milione di Tratte Giugno

Dettagli

REVISIONE 1 AEROPORTO LEONARDO DA VINCI FIUMICINO INDICE REGOLAMENTO DI SCALO. Ultimo aggiornamento 18/01/2013. pag. 1 0 1.

REVISIONE 1 AEROPORTO LEONARDO DA VINCI FIUMICINO INDICE REGOLAMENTO DI SCALO. Ultimo aggiornamento 18/01/2013. pag. 1 0 1. INDICE Ultimo aggiornamento 18/01/2013 pag. 1 0 1. INDICE INDICE pagina 21/10/11 pag. 1 1 1. INDICE...1 0 2. AGGIORNAMENTI...2 0 2.1 Scheda riepilogativa degli aggiornamenti...2 1 2.2 Stato delle revisioni

Dettagli

Gli acquisti in SEA Aeroporti di Milano. Roma, venerdì 11 ottobre 2013

Gli acquisti in SEA Aeroporti di Milano. Roma, venerdì 11 ottobre 2013 Gli acquisti in SEA Aeroporti di Milano Roma, venerdì 11 ottobre 2013 Il gruppo SEA: chi siamo Il Gruppo SEA gestisce il sistema aeroportuale milanese in base alla Convenzione, di durata quarantennale,

Dettagli

Il primo volo. 17 dicembre 1903 - Il primo volo del Flyer:

Il primo volo. 17 dicembre 1903 - Il primo volo del Flyer: Stefanelli Cristian 3^E a. sc. 2007/2008 Il primo volo 17 dicembre 1903 - Il primo volo del Flyer: 12" la durata, 36 metri il percorso di Orville Wright; Il fratello Wilbur sostenne l'ala prima del decollo.

Dettagli

AEROPORTO BRESCIA MONTICHIARI REGOLAMENTO DI SCALO - ED 2 (REV. 0) INDICE

AEROPORTO BRESCIA MONTICHIARI REGOLAMENTO DI SCALO - ED 2 (REV. 0) INDICE INDICE 1.! INTRODUZIONE... 6! 1.1! COMPOSIZIONE DEL DOCUMENTO...6! 1.2! REGISTRAZIONE AGGIORNAMENTI...6! 1.3! PREFAZIONE AL TESTO...6! 1.4! SEGNALAZIONE DELLE MODIFICHE AL TESTO...6! 1.5! COPIA ELETTRONICA

Dettagli

2. SCOPO Esecuzione di interventi in ambienti confinati o sospetti di inquinamento

2. SCOPO Esecuzione di interventi in ambienti confinati o sospetti di inquinamento Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Via Massimo d Azeglio 8 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it Istruzione operativa Ambienti I004 Ambienti confinati Rev 00 del

Dettagli

Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza

Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza SOGAER AEROPORTO di CAGLIARI - ELMAS Ing. Mario Orrù Direttore Infrastrutture

Dettagli

Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare

Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare Introduzione Poiché, anche a seguito della valutazione effettuata in conformità all art. 4, comma 1, del D.Lvo 626/94, risultano rischi che non possono

Dettagli

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI(DUVRI) E INFORMATIVA IN MERITO AI RISCHI SPECIFICI PER LE FASI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO

Dettagli

Funzione di Guida Visual Aids Management System

Funzione di Guida Visual Aids Management System Funzione di Guida Visual Aids Management System 09/04/2002 Arg/DT/ADN/522-02 1 Obiettivi Aumento della sicurezza aeroportuale nella movimentazione degli aeromobili Risoluzione di conflitti tra aeromobili

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Manuale dell insegnante : La messa in sicurezza del carico nel trasporto aereo

Manuale dell insegnante : La messa in sicurezza del carico nel trasporto aereo Slide Air 1] [Slide Air 2 & 3] Introduzione Il sistema dei trasporti ha bisogno dei servizi del trasporto aereo quando la merce deve essere trasportata per lunghe distanze e velocemente. La merce è di

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI. Simona Pianese Assistenza Legale Operazioni e Rapporti con gli Enti Pubblici SEA Aeroporti di Milano 1

ASPETTI NORMATIVI. Simona Pianese Assistenza Legale Operazioni e Rapporti con gli Enti Pubblici SEA Aeroporti di Milano 1 ASPETTI NORMATIVI Simona Pianese Assistenza Legale Operazioni e Rapporti con gli Enti Pubblici SEA Aeroporti di Milano 1 Commercial Safety and Security National bodies for Safety, Security and Operations

Dettagli

Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone

Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone 1. Descrizione e scopo La presente procedura disciplina le modalità di accesso, circolazione e sosta di mezzi

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

CINGOLATO IDRAULICO SANDVIK DI 550

CINGOLATO IDRAULICO SANDVIK DI 550 CINGOLATO IDRAULICO SANDVIK DI 550 Il cingolato da cava DI 550 è una macchina di perforazione progettata per l'utilizzo con martello a fondo foro da 4", 5" o 6. Il cingolato è equipaggiato con cabina per

Dettagli

GAS NATURALE O METANO

GAS NATURALE O METANO Composto prevalentemente da un idrocarburo: metano da da cui prende il nome. GAS NATURALE O METANO Alto potere calorifico. Mancanza di tossicità e impurità. È un'ottima risorsa energetica. È l'energia

Dettagli

ANALISI DEI COSTI DEL TRASPORTO AEREO

ANALISI DEI COSTI DEL TRASPORTO AEREO CORSO DI TRASPORTI AEREI Prof. Luigi La Franca DEL TRASPORTO AEREO A.A. 2004/05 PROCESSO ANALISI DI DEREGULATION DEI COSTI DIRITTI AEROPORTUALI SERVIZI DI SICUREZZA INFRASTRUTTURE CENTRALIZZATE DIRITTI

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO EMIP

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO EMIP PRESENTAZIONE DEL PROGETTO EMIP Electromechanical Mobile Industrial Platform Piattaforma Mobile ad Azionamento Elettromeccanico Underground Hangar for Helicopters BOTOLA D'ACCESSO SCORREVOLE PRESENTAZIONE

Dettagli

25 TROFEO CITTA DI LUGO

25 TROFEO CITTA DI LUGO 25 TROFEO CITTA DI LUGO Aeroporto Lugo di Romagna (LIDG) 08-09-10-11 Luglio 2010 Gara di acrobazia aerea Per i giudici di gara Per i partecipanti 1 NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO 2 PARTE PRIMA NORME PER

Dettagli

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE)

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE) RISCHI SPECIFICI DELLA LAVORAZIONE Talvolta è necessario spostare GROSSE LAMIERE con il carroponte. I principali rischi durante queste operazioni sono: Possibile caduta dei carichi pesanti (lamiere) durante

Dettagli

Volo TWA n 891/26 26 giugno 1959

Volo TWA n 891/26 26 giugno 1959 Volo TWA n 891/26 26 giugno 1959 Atene (Grecia) Chicago, Illinois (USA) Ricostruzione del volo fino al momento del disastro aereo Resoconto delle testimonianze Estratti dal verbale del Civil Aeronautics

Dettagli

Coperture assicurative

Coperture assicurative Coperture assicurative Ogni fornitore e/o sub concessionario (di seguito denominato soggetto ) deve stipulare un adeguata copertura assicurativa a garanzia di tutti i danni arrecati a persone e/o cose

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli

Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative -

Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative - Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative - di Avv. Rosa Bertuzzi Il presente lavoro consta in una serie di schede informative sulle

Dettagli

Esperienze di Alternanza Scuola Lavoro dell'anno scolastico 2013/2014

Esperienze di Alternanza Scuola Lavoro dell'anno scolastico 2013/2014 Scuola in Aeroporto Premessa Il progetto sviluppato nelle pagine che seguono è stato concepito dagli alunni del quarto anno dell'itc " GP Chironi " di Nuoro, sulla scorta dell'esperienza fatta dagli alunni

Dettagli

Salzburg Maxglan (SZG/LOWS)

Salzburg Maxglan (SZG/LOWS) (Aggiornata 2014) Salzburg Maxglan (SZG/LOWS) STORIA L aeroporto internazionale di Salisburgo si trova a circa 3 kilometri dal centro della città e nacque nel lontano 1910 quando un primo aeromobile decollò

Dettagli

Gestione operativa dei movimenti nell Apron. Malpensa Layout Aeroportuale Malpensa Dati di traffico Malpensa Apron Mangement Control SEA

Gestione operativa dei movimenti nell Apron. Malpensa Layout Aeroportuale Malpensa Dati di traffico Malpensa Apron Mangement Control SEA Gestione operativa dei movimenti nell Apron Sommario: Malpensa Layout Aeroportuale Malpensa Dati di traffico Malpensa Apron Mangement Control SEA SEA Milan MXP -LIMC Layout aeroportuale 1 MXP Hub Master

Dettagli

La propulsione navale

La propulsione navale Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Lecce In condizioni di moto uniforme la spinta deve uguagliare la resistenza globale incontrata nell avanzamento della nave (che dipende dalle proprietà

Dettagli

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro Il D.Lgs. 626/94 stabilisce le misure generali di tutela della salute e della sicurezza

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO DELL AVIOSUPERFICIE VALDERA 1. Premessa

REGOLAMENTO OPERATIVO DELL AVIOSUPERFICIE VALDERA 1. Premessa REGOLAMENTO OPERATIVO DELL AVIOSUPERFICIE VALDERA 1. Premessa L aviosuperficie Valdera, sede dell Aero Club di Pisa Federico Citi, in seguito Aviosuperficie, è una struttura privata idonea al volo e disciplinata

Dettagli

Attualmente le modalità di attivazione sono da individuarsi in: Cittadino comune tramite telefono fisso o mobile Centrali Operative di altri Enti

Attualmente le modalità di attivazione sono da individuarsi in: Cittadino comune tramite telefono fisso o mobile Centrali Operative di altri Enti Tipologia Intervento Attualmente le modalità di attivazione sono da individuarsi in: Cittadino comune tramite telefono fisso o mobile Centrali Operative di altri Enti (Autostrade per l Italia, 112, 113,

Dettagli

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Schede SEGNALETICA 1 Segnaletica di sicurezza In cantiere dovrà essere posizionata la segnaletica di sicurezza, conforme al D. Lgs. 81/08. Quando nei luoghi di

Dettagli

ENERGIA. Trasferimento e trasformazione dell energia

ENERGIA. Trasferimento e trasformazione dell energia ENERGIA Trasferimento e trasformazione dell energia L energia L auto per muoversi ha bisogno di benzina, il treno di elettricità, l uomo di cibo: indipendentemente dal modo in cui viaggiamo abbiamo bisogno

Dettagli

Cpt G. MANSUTTI - CEDRA Aeroporti & Ambiente Safety & Security

Cpt G. MANSUTTI - CEDRA Aeroporti & Ambiente Safety & Security PIANO DEI RISCHI IN ITALIA PIANI DI RISCHIO Il piano di rischio rappresenta lo strumento per la gestione del rapporto tra aeroporto e territorio come misura di tutela reciproca. A tal fine il Piano di

Dettagli

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA O PROVA DI EVACUAZIONE cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a Avvio

Dettagli

Norme tecniche per macchinari 1

Norme tecniche per macchinari 1 Legge federale sulla sicurezza delle installazioni e degli apparecchi tecnici (LSIT) Norme tecniche per macchinari 1 Visto l articolo 4a della legge federale del 19 marzo 1976 (modificata il 18 giugno

Dettagli

Trasportare bombole di gas o recipienti criogenici su veicoli non dedicati

Trasportare bombole di gas o recipienti criogenici su veicoli non dedicati TP N 06/01 Traduzione e adattamento del Documento EIGA TP n 17/08 a cura di Assogastecnici Trasportare bombole di gas o recipienti criogenici su veicoli non dedicati Documenti di riferimento: IGC 103 and

Dettagli

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO Chiunque noti un principio di incendio o una situazione anomala che presenta pericolo di incendio deve: Mantenere la calma ed evitare

Dettagli

LIBRETTO USO E MANUTENZIONE

LIBRETTO USO E MANUTENZIONE Sistema sequenziale Gpl /Metano LIBRETTO USO E MANUTENZIONE 01/08/2003 Tartarini Auto S.p.a Via Bonazzi 43 40013 Castel Maggiore (Bo) Italy Tel.:+39 051 632 24 11 Fax: 051 632 24 00 E-mail: tartarini@tartarini.it

Dettagli

La propulsione Informazioni per il PD

La propulsione Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/10 Compito Come funziona un automobile? Gli alunni studiano i diversi tipi di propulsione (motore) dell auto e imparano qual è la differenza tra un motore diesel e uno a benzina.

Dettagli