Controllo Vettoriale di Coppia e Flusso per Motori Asincroni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Controllo Vettoriale di Coppia e Flusso per Motori Asincroni"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO Dipartimeto di Igegeria Idustriale Cotrollo Vettoriale di Coppia e Flusso per Motori Asicroi Giuseppe Tomasso Tesi di Dottorato di Ricerca i Igegeria Idustriale XI Ciclo Il Coordiatore dei Corsi di Dottorato (Prof. G. Figalli) Il Tutor (Prof. C. Attaiaese)

2 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO Dipartimeto di Igegeria Idustriale Cotrollo Vettoriale di Coppia e Flusso per Motori Asicroi Giuseppe Tomasso Tesi di Dottorato di Ricerca i Igegeria Idustriale XI Ciclo

3 Idice INDICE Itroduzioe... 1 Capitolo I: Geeralità sul cotrollo dei motori elettrici... 4 I.1 Geeralità... 4 I. L algoritmo di cotrollo... 5 I.3 Circuiti di cotrollo co limitazioe... 6 Capitolo II: Algoritmi di alimetazioe del motore asicroo... 9 II.1 Geeralità... 9 II. Modello matematico del motore asicroo... 9 II.3 Algoritmo di alimetazioe di u motore asicroo II.3.1 Algoritmo di alimetazioe i correte II.3. Algoritmo di alimetazioe i tesioe Capitolo III: Algoritmi di cotrollo del covertitore III.1 Geeralità III. La modulazioe vettoriale III.3 La modulazioe ad isteresi... 3 Capitolo IV: Il cotrollo della coppia e del flusso i u motore asicroo... 5 IV.1 Geeralità... 5 IV. Algoritmo di alimetazioe i tesioe... 5 IV.3 Algoritmo di alimetazioe i correte... 3 Capitolo V: L algoritmo VTC (Vectorial Torque Cotrol) V.1 Geeralità I1 -

4 Iroduzioe INTRODUZIONE L avveto delle teciche di cotrollo vettoriali ha permesso di otteere, co i motori asicroi, prestazioi diamiche comparabili co quelle otteute da azioameti co motori i correte cotiua. Allo stato attuale diverse soo le soluzioi proposte la cui complessità ed oerosità i termii di hardware e software è strettamete legata alle prestazioi otteibili. Nella tecica di cotrollo comuemete deomiata ad orietameto di campo [1] si assume, geeralmete, che l iverter sia i grado di far circolare egli avvolgimeti statorici del motore u qualsivoglia valore di correte. Ciò comporta che l imposizioe della compoete della correte statorica i quadratura el riferimeto solidale co il flusso rotorico equivale ad imporre il mometo della coppia elettromagetica del motore. Per compesare la costate elettrica del circuito di statore è, però, ecessario utilizzare degli aelli di correte per cotrollare l iverter. Ifatti, l evoluzioe temporale del mometo della coppia elettromagetica sviluppata dal motore dipede sia dalla costate di tempo dei circuiti di rotore che da quella dei circuiti di statore. U ulteriore migliorameto delle prestazioi diamiche, uitamete ad ua semplificazioe dell hardware di cotrollo legata all asseza dell aello di correte, può essere coseguito, pertato, attraverso le teciche di cotrollo diretto della coppia i cui i segali di comado utilizzati per cotrollare l iverter soo fuzioe direttamete dei valori del riferimeto del mometo della coppia elettromagetica e del flusso. Le soluzioi proposte i tal seso [][3] soo idirizzate geeralmete ad applicazioi, come la trazioe elettrica, i cui la gradezza da cotrollare sia apputo la coppia e o la velocità. Questo cosete di limitare il umero di sesori preseti el sistema ma o permette di cotrollare il motore i maiera efficete a basse velocità. I questa tesi viee proposto u approccio del tutto geerale al cotrollo diretto del mometo della coppia elettromagetica e del flusso di u motore asicroo, idipedetemete dal tipo di flusso cotrollato. I particolare, viee descritta ua strategia di cotrollo per motori asicroi alimetati da iverter a tesioe impressa i cui la geerazioe dei comadi di cotrollo dei moduli di poteza dell iverter è fuzioe direttamete dei valori del riferimeto del mometo della coppia elettromagetica e del flusso cotrollato. Tale stategia viee dapprima simulata per verificare le prestazioi e la fuzioalità. Successivamete viee descritta l implemetazioe su ua piattaforma digitale a microprocessore. I risultati sperimetali vegoo cofrotati co quelli otteuti utilizzado il cotrollo ad orietameto di campo ed il cotrollo diretto di coppia tradizioale. - 1-

5 Iroduzioe Di seguito viee riportata ua descrizioe sitetica dei coteuti dei vari capitoli i cui il lavoro è articolato. Nel Capitolo I vegoo descritte le specificità del cotrollo dei motori elettrici perveedo ad uo schema fuzioale di pricipio i cui vegoo idividuati dei blocchi fodametali: l algoritmo di cotrollo, l algoritmo di alimetazioe e l algoritmo di cotrollo del covertitore. Nel capitolo vegoo sviluppate, i particolare, alcue cosiderazioi relative all algoritmo di cotrollo. Nel Capitolo II, ivece, viee descritto l algorimo di alimetazioe di u motore asicroo. Partedo dalla formulazioe del modello matematico del motore, vegoo espressi i valori della tesioe di alimetazioe e della correte statorica i fuzioe del mometo della coppia elettromagetica e del flusso per costituire, rispettivamete, l algoritmo di alimetazioe i tesioe ed i correte del motore asicroo. L algoritmo di cotrollo del covertitore è riportato el Capitolo III i cui, partedo dalla cofigurazioe classica di u iverter a tesioe impressa geeralmete utilizzato per alimetare i motori asicroi, viee descritta la tecica di modulazioe vettoriale per comadare l iverter i tesioe e la tecica di modulazioe ad isteresi per comadarlo i correte. Nel Capitolo IV è riportato u approccio del tutto geerale al cotrollo diretto della coppia e del flusso di u motore asicroo riprededo le equazioi del capitolo II e particolarizzadole per sistemi discreti, i previsioe di u implemeazioe dell algoritmo di alimetazioe su ua piattaforma digitale a microprocessore. Nel Capitolo V viee descritta la strategia di cotrollo VTC (Vectorial Torque Cotrol). Si riportao, ioltre, i risultati otteuti mediate u programma di simulazioe appositamete realizzato e se e cofrotao i risultati co quelli otteuti utilizzado altre teciche di cotrollo per motori asicroi, quali il cotrollo ad orietameto di campo ed il cotrollo diretto di coppia tradizioale (DTC). Ua volta verificata la fuzioalità e le ottime prestazioi diamiche dell algoritmo proposto, el Capitolo VI vegoo dapprima descritte le piattaforme aalogiche e digitali utilizzate geeralmete per l implemetazioe dei cotrolli per motori elettrici. I seguito viee descritto il sistema digitale basato su u Digital Sigal Processor utilizzato per l implemetazioe del - -

6 Iroduzioe cotrollo proposto ed, ifie, viee descritto il codice riguardate le varie parti del cotrollo. Nel Capitolo VII, ifie, dopo la descrizioe del baco di prova allestito per l implemetazioe del cotrollo vettoriale di coppia e flusso proposto, vegoo riportati i risultati sperimetali i varie codizioi di fuzioameto e cofrotati di uovo co quelli otteuti cotrollado il motore asicroo attraverso la tecica di cotrollo ad orietameto di campo ed il cotrollo diretto di coppia tradizioale. Viee ifie mostrato come la strategia proposta possa essere utilizzata co successo per realizzare u cotollo di posizioe del motore asicroo riportado i risultati sperimetali otteuti. - 3-

7 Idice V. L algoritmo VTC V.3 Simulazioe del VTC V.3.1 Risposta del sistema ad ua variazioe a gradio del riferimeto di velocità a vuoto V.3. Risposta del sistema ad ua variazioe a gradio del riferimeto di velocità sotto carico V.3.3 Cofroto co altre teciche di cotrollo Capitolo VI: Implemetazioe dell algoritmo VTC VI.1 Geeralità VI. Piattaforme hardware per azioameti elettrici VI.3 Breve ceo sulla struttura di u microcomputer VI.4 Struttura di u azioameto digitale VI.5 Sistemi a microprocessore ad elevate prestazioi: DSP VI.6 Implemetazioe digitale del VTC VI.7 Il modulatore vettoriale VI.8 Limitazioe della frequeza di commutazioe ei dispositivi di poteza dell iverter VI.9 Implemetazioe dell osservatore di flusso... 7 VI.1 Il codice di cotrollo... 7 VI.1.1 Implemetazioe dell osservatore di stato su DSP VI.1. Implemetazioe del VTC Capitolo VII:Rilievi sperimetali VII.1 Geeralità VII. Allestimeto baco di prova sperimetale per il VTC VII..1 Iverter a tesioe impressa VII.. Motore asicroo trifase VII..3 Carico programmabile VII..4 Ecoder ottico VII..5 Sode ad effetto Hall per l aquisizioe dei segali di correte e tesioe... 8 VII.3 Rilievi sperimetali VII.3.1 Cotrollo VTC: risposta del sistema ad ua variazioe - I -

8 Idice a gradio del riferimeto di velocità a vuoto VII.3. Cotrollo VTC: risposta del sistema ad ua variazioe a gradio del riferimeto di velocità sotto carico VII.4 Cofroto fra le prestazioi diamiche del VTC, FOC e DTC VII.4.1 Cofroto fra VTC, FOC e DTC: prova a vuoto VII.4. Cofroto fra VTC, FOC e DTC: prova a coppia omiale.. 9 VII.5 Cotrollo di posizioe di u motore asicroo mediate VTC... 9 VII.6 Coclusioi RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI I3 -

9 Capitolo I - Geeralità sul cotrollo dei motori elettrici CAPITOLO I GENERALITA SUL CONTROLLO DEI MOTORI ELETTRICI I.1 GENERALITA I motori elettrici, come è oto, soo sistemi be caratterizzati dal puto di vista matematico. E quidi possibile rappresetare il fuzioameto mediate adeguati modelli matematici la cui complessità è fuzioe della precisioe dei risultati che si itede otteere, ochè della sesibilità di questi ultimi ai parametri preseti el modello stesso, che vegoo determiati utilizzado i risultati di opportue prove sperimetali, o mediate calcoli a partire dai dati di progetto. Pertato, la strategia di cotrollo di u motore elettrico o può prescidere dalla modellizzazioe del motore stesso. Da u puto di vista strettamete fuzioale, per strategia di cotrollo di u motore elettrico si itede quell isieme di azioi atte ad idividuare le evoluzioi temporali delle gradezze di alimetazioe da imporre al motore (tesioi e/o correti) alle quali corrispode l adameto desiderato per le gradezze cotrollate (velocità o posizioe). I geerale, si può far riferimeto alla schematizzazioe riportata i fig. I.1 che, lugi dall essere ormalizzata, è però efficace per l idividuazioe delle varie fuzioi preseti el cotrollore di u motore elettrico. I essa si idetificao tre blocchi fuzioali: riferimeti per l Algoritmo di Cotrollo riferimeti per l Algoritmo di Alimetazioe forzameti di tesioe o correte segali di cotrollo per il covertitore Algoritmo di Cotrollo Algoritmo di Alimetazioe Algoritmo di Cotrollo del Covertitore gradezze misurate o stimate Fig. I.1 - Schema del cotrollo di u motore elettrico

10 Capitolo I - Geeralità sul cotrollo dei motori elettrici 1) algoritmo di cotrollo; ) algoritmo di alimetazioe; 3) algoritmo di cotrollo del covertitore. L algoritmo di cotrollo provvede a geerare i valori di riferimeto per l algoritmo di alimetazioe i fuzioe delle gradezze di riferimeto imposte al cotrollore (ad esempio velocità o posizioe) ed evetualmete di quelle misurate. L algoritmo di alimetazioe forisce, ivece, i valori delle tesioi o delle correti da imporre al motore ecessari per seguire l evoluzioe temporale dei riferimeti proveieti dall algoritmo di cotrollo comparadoli, evetualmete, co i corrispodeti valori misurati. L algoritmo di cotrollo del covertitore, ifie, rede l iformazioe proveiete dall algoritmo di alimetazioe compatibile co il sistema di poteza a moduli discreti geeralmete utilizzato per alimetare i motori elettrici, geerado u opportua sequeza di accesioi e spegimeti dei moduli di poteza. La descrizioe degli ultimi due blocchi fuzioali sarà data ei capitoli successivi co riferimeto, i particolare, al cotrollo del motore asicroo. Nel seguito vegoo sviluppate alcue cosiderazioi sugli algoritmi di cotrollo utili soprattutto ai fii della loro reale implemetazioe i u sistema di cotrollo totalmete digitale ovvero basato su u architettura a microprocessore. I. L ALGORITMO DI CONTROLLO L algoritmo di cotrollo, sulla base delle gradezze di riferimeto o del loro scostameto dai valori misurati, provvede a geerare i riferimeti per l algoritmo di alimetazioe. La scelta tra catea aperta e catea chiusa dipede, ovviamete, dalle specifiche imposte dall applicazioe. Ifatti è evidete che la determiazioe a catea aperta dei vari puti di fuzioameto del sistema è affetta da ievitabili errori dovuti ad ua serie di fattori: - imprecisioe ella costruzioe del modello matematico del motore a causa dell itroduzioe di ipotesi semplificative ecessarie all otteimeto di u sistema o eccessivamete complesso; - o esatta determiazioe (dai dati di progetto o da prove di laboratorio) dei valori dei parametri elettrici di macchia; - variabilità el tempo dei parametri stessi; - utilizzo di dispositivi discreti di poteza i modalità switchig per l alimetazioe del motore elettrico

11 Capitolo I - Geeralità sul cotrollo dei motori elettrici Questa serie di icertezze porterebbe il sistema, i codizioi di regime, a lavorare i u puto di fuzioameto o coicidete co quello desiderato. I u sistema retroazioato, ivece, l algoritmo di cotrollo rileva l errore di velocità o di posizioe rispetto al riferimeto fissato e reagisce i modo da aullarlo. Per questi sistemi, i effetti, la retroazioe è tato più efficace quato più elevato è il guadago di aello, la costate, cioè, che caratterizza il trasferimeto del segale, i codizioi di regime stazioario, lugo l aello di retroazioe, supposto aperto i u qualuque suo puto. Tuttavia, se da u lato u guadago di aello elevato cosete di ridurre l iflueza dei disturbi, delle oliearità e delle variazioi parametriche, dall altro il comportameto diamico del sistema potrebbe o essere soddisfacete. Aumetadolo ulteriormete si può raggiugere l istabilità: il trasitorio, cioè, o coduce alle codizioi di regime stazioario volute. Tale istabilità si geera a causa dei ritardi propri del sistema cotrollato che, i geerale, implicao che l azioe del cotrollo sul sistema si maifesti i tempi eccessivi rispetto a quelli strettamete ecessari per l aullameto dell errore. Questo feomeo porta ad ua sovracorrezioe dell errore i sego opposto che, quidi, comicia ad oscillare itoro allo zero. Per far frote a questo icoveiete a volte si utilizzao algoritmi di cotrollo misti dove, cioè, soo preseti sia aelli di retroazioe che sottosistemi a catea aperta. La risposta del sistema retroazioato può, però, essere migliorata sia durate il trasitorio che i regime stazioario itroducedo dei dispositivi di correzioe del comportameto del sistema: si parla di regolatori. I più utilizzati soo, come è oto, il regolatore proporzioale-itegrale (PI) ed il regolatore proporzioale-itegrale-derivativo (PID). L impiego di u regolatore PI comporta l itroduzioe el sistema di u polo ello zero che, ei sistemi lieari, tede ad aullare l errore a regime tra riferimeto e gradezza attuale. Più i geerale, il regolatore PI cosete di correggere co rapidità e precisioe gli scostameti leti della gradezza dal riferimeto. I preseza di variazioi molto rapide di quest ultima, ivece, può essere utile ricorrere ad u regolatore PID, dotato ache di u azioe derivativa che iterviee co ua correzioe tato più forte quato più rapida è la variazioe del riferimeto. I.3 CIRCUITI DI CONTROLLO CON LIMITAZIONE I ogi circuito di cotrollo itervegoo delle o liearità sotto forma di limitazioi. Questa situazioe si riscotra, ad esempio, quado si itede limitare l escursioe delle gradezze i uscita dei regolatori etro itervalli di sicurezza per il sistema. Tali limitazioi possoo causare ua sovraelogazioe elevata della gradezza da cotrollare e, i determiate codi

12 Capitolo I - Geeralità sul cotrollo dei motori elettrici zioi, portare ad u comportameto istabile del cotrollo. I occasioe di gradi variazioi della gradezza di riferimeto, ifatti, l orgao di comado etra i limitazioe e l adameto della gradezza da cotrollare dipede uicamete dal limite imposto alla gradezza di comado e dal comportameto diamico del sistema da cotrollare. I tali codizioi il regolatore o ha più essua iflueza e si geera ua perdita di cotrollo. A questo puto, el caso di regolatori co azioe itegrale, se o si prevedoo misure particolari, la compoete itegrale cotiua a crescere e, ache quado la gradezza da cotrollare si riavvicia al riferimeto, il regolatore cotiua a lavorare ella zoa di saturazioe perdedo l azioe di cotrollo sul sistema. Per ovviare a tale icoveiete bisoga correggere il comportameto diamico del regolatore riportado la compoete itegrale ad u valore adeguato quado si raggiuge la limitazioe. Il regolatore ati-widup ha proprio questa fuzioe. Nella fig. I. è riportato lo schema a blocchi di u regolatore PID ati-widup. Come si può otare i esso è presete u blocco di saturazioe i igresso al regolatore itegrale. Quado questo iterviee, lo scostameto dell uscita del regolatore rispetto al limite di saturazioe viee sottratto all errore da itegrare i modo da + - guadago ati-widup saturazioe valore di riferimeto itegratore uscita del sistema guadago proporzioale uscita regolatore derivatore Fig. I. - Schema a blocchi di u regolatore PID co reset ati-widup

13 Capitolo I - Geeralità sul cotrollo dei motori elettrici atteuare il cotributo. L etità della correzioe può essere regolata mediate u guadago di ati-widup. La determiazioe del valore di tale guadago o può, i geere, essere effettuata per via aalitica. Risulta pertato utile avere a disposizioe u modello sufficietemete approssimato del sistema che e coseta la simulazioe ai fii di u dimesioameto ottimale dei parametri dei regolatori

14 Capitolo II - Algoritmi di alimetazioe del motore asicroo CAPITOLO II ALGORITMI DI ALIMENTAZIONE DEL MOTORE ASINCRONO II.1 GENERALITA I questo capitolo verrà descritto l isieme di relazioi, scritte i forma algebrica e differeziale, che cosete la valutazioe degli adameti delle tesioi e delle correti di armatura di u motore asicroo i fuzioe della coppia elettromagetica sviluppata dal motore e del flusso al traferro. Tale isieme di relazioi viee defiito algoritmo di alimetazioe del motore asicroo. La sua determiazioe avviee elaborado opportuamete il modello matematico del motore, evideziado, cioè, i maiera opportua le variabili di igresso (forzameti) e quelle di uscita (icogite). II. MODELLO MATEMATICO DEL MOTORE ASINCRONO Nella forma più geerale, tutte le gradezze elettriche, magetiche e meccaiche che costituiscoo il modello matematico di u motore elettrico soo fuzioi del tempo e delle tre coordiate spaziali: esiste, ifatti, o solo u evoluzioe temporale ma ache ua distribuzioe spaziale di correti, tesioi, campo magetico ed iduzioe. L itroduzioe di alcue ipotesi relative alla distribuzioe spaziale delle gradezze elettriche e magetiche, cosete di semplificare la formulazioe del modello matematico riducedolo ad u sistema di equazioi alle derivate totali elle quali o compaioo esplicitamete le coordiate spaziali. I particolare, si assumoo le segueti ipotesi semplificative: 1) iflueza delle armoiche di spazio di iduzioe al traferro trascurabile rispetto all effetto della prima armoica; ) lamierii di ferro e coduttori di rame tali che, ell ambito dell approssimazioe umerica richiesta, gli effetti delle correti parassite o ifluiscao sull uiformità delle distribuzioi di iduzioe e di desità di correte elle loro sezioi trasversali; 3) campo magetico piao e ripetuto ideticamete a se stesso su tutti i piai di macchia - 9 -

15 Capitolo II - Algoritmi di alimetazioe del motore asicroo perpedicolari all asse; 4) asseza di codizioi di lavoro i saturazioe del ferro di macchia; 5) avvolgimeti dei circuiti di statore e rotore simmetrici ed equilibrati. Tali approssimazioi soo, i geere, pieamete accettabili ella pratica perché ottegoo lo stesso ordie di approssimazioe raggiuto ella valutazioe teorica o sperimetale dei parametri caratteristici di macchia. Per dare, ioltre, più compattezza al modello matematico, si itroducoo i compoeti simmetrici delle tesioi e delle correti. I geerale, date tre gradezze x 1, x, x 3 comuque variabili el tempo, è sempre possibile rappresetarle attraverso ua variabile complessa x detta compoete simmetrico e defiita come: F HG π j x = k x + x e 3 + x e 1 3 4π j 3 I KJ dove k è u coefficiete arbitrario, ed ua compoete omopolare: (.1) x = x + x + x L operazioe effettuata o è altro che ua trasformazioe di variabili i quato la uova rappresetazioe è acora costituita da tre gradezze: la parte reale ed immagiaria di x e la compoete omopolare. E possibile riotteere le tre gradezze di parteza co le segueti equazioi di atitrasformazioe: R S T x x x 1 = Re x + x 3 k 1 L j = ReMxe 3 k 1 3 = 3 1 Re k NM L N M xe π 3 4π j 3 O P Q O Q P x P + x P + Dalle ipotesi di simmetria della macchia si ha che le compoeti omopolari risultao sempre ulle e quidi la trasformazioe cosete di ridurre di uo il umero delle variabili

16 Capitolo II - Algoritmi di alimetazioe del motore asicroo Il coefficete k, detto ache coefficete di trasformazioe, come già detto può assumere u valore arbitrario. Esistoo, i particolare, due valori otevoli per tale coefficiete: k = 3 i questo caso, detta x r la parte reale e x i quella immagiaria del vettore x, si ha: x r =x 1. k = 3 i questo caso risulta: x r i = x + x = x + x + x 1 3 Itrodotto i questa forma, il compoete simmetrico si preseta come ua mera sostituzioe matematica. I realtà esso ha u sigificato fisico be preciso. I particolare, è possibile dimostrare che l ampiezza e la fase dei compoeti simmetrici delle correti di statore e rotore defiiscoo l ampiezza e la fase delle distribuzioi di forza mageto-motrice al traferro geerate dal sistema di correti statoriche e rotoriche. Itrodotti, i base alla defiizioe (.1), i compoeti simmetrici delle tesioi e delle correti, il modello matematico del motore asicroo può essere espresso mediate due equazioi complesse derivati dall applicazioe del pricipio di Kirchhoff alle maglie idipedeti di statore e di rotore, ed ua equazioe scalare derivate dall applicazioe del pricipio di D Alembert alle masse rotati, suppoedo la velocità di propagazioe della deformazioe elastica lugo l albero di trasmissioe ifiitamete grade. Si ha, i defiitiva: R S T v = r i + L d i + L d jϑ s s s s m i' r e dt dt L O = L d jϑ ' i e + r + L d m s i' dt dt J d ϑ = Tel TL p dt 3 Tel = plm Im i si $ ' r e NM jϑ QP r m r dove si è idicato: r s resisteza di statore;

17 Capitolo II - Algoritmi di alimetazioe del motore asicroo r r L s L r L m p J v i s i r θ T el T L resisteza di rotore riportata allo statore; iduttaza di dispersioe di statore; iduttaza di dispersioe di rotore riportata allo statore; iduttaza di magetizzazioe; umero di coppie polari; mometo di ierzia riportato all asse del motore; compoete simmetrico delle tesioi di fase di statore; compoete simmetrico delle correti di fase di statore; compoete simmetrico delle correti di fase di rotore riportato allo statore; agolo istataeo fra il riferimeto solidale co lo statore ed il riferimeto delle gradezze elettriche di rotore; mometo della coppia elettromagetica; mometo della coppia di resistete. Defiedo le segueti gradezze: α s k r rs = L + L r s m m α r = L s ' r r + L Lm = ' k pl L + L T = 3 m m k s Lm = L + L s m Lt = Ls + Lm il modello si potrà scrivere ella forma: R S T F v di = α + i k d i Lt HG dt K J + ' dt F di = α i k d r + r r ise HG dt K J ' + dt J d ϑ = Tel TL p dt jϑ T = k Im i $ i' e s s s r el T s r e jϑ jϑ Questo isieme di equazioi el quale soo legati i forma algebrica e differeziale i parametri caratteristici di macchia e le gradezze elettriche e meccaiche, costituisce apputo il modello matematico del motore asicroo. Itroducedo il compoete simmetrico della correte - 1 -

18 Capitolo II - Algoritmi di alimetazioe del motore asicroo magetizzate corrispodete al flusso cocateato di rotore come: i = i' e + k i = I e mr r jϑ r s e poedo, ioltre: mr jψ i s = I j s e ϕ il modello matematico si può scrivere ache ella forma: R S T v d = α k k i k d s + ( 1 s r) s + s i mr Ls dtqp dt d dϑ = α r( i mr kri s) + i mr ji mr dt dt J d ϑ = Tel TL p dt T = k I I si( ϕ ψ ) el L NM T mr s O dove co j si è idicata l uità immagiaria. Idicado co: ω r dϑ = 1 p dt la velocità meccaica del motore, il sistema diveta: R S T L NM v d = α + ( 1 k k ) i + k d i Ls dtqp dt d = α ( i k i ) + i ji pω dt s s r s s mr r mr r s mr mr r T = k I I si( ϕ ψ ) el T mr s O (.) dove l equazioe di equilibrio meccaico è stata omessa ipotizzado che la velocità del motore sia ua gradezza misurabile e quidi ua quatità ota i ogi istate di tempo all itero del modello matematico

19 Capitolo II - Algoritmi di alimetazioe del motore asicroo II.3 ALGORITMO DI ALIMENTAZIONE DI UN MOTORE ASINCRONO L algoritmo di alimetazioe di u motore asicroo forisce i valori delle tesioi o delle correti co cui alimetare il motore per seguire l evoluzioe temporale dei riferimeti di coppia elettromagetica e flusso al traferro proveieti dall algoritmo di cotrollo. Esso può essere ricavato partedo dal modello matematico del motore asicroo ed esplicitado il valore della tesioe o della correte di statore i fuzioe delle altre gradezze elettriche e meccaiche del motore. Nel sistema (.), formato da 5 equazioi scalari, le icogite soo: v, i, i, T che s mr el defiiscoo 7 variabili scalari. Sarà duque possibile determiare 5 di esse se altre due (fuzioi forzameto) soo assegate. Sarà, pertato, ecessario aggiugere al sistema (.) due ulteriori equazioi del tipo: R S T F ( I, ϕ, ψ, I, T ) = 1 s mr el F ( I, ϕ, ψ, I, T ) = s mr el cogrueti co le altre e da esse liearmete idipedeti. Tali codizioi costituiscoo a tutti gli effetti le espressioe di particolari codizioi di fuzioameto imposte alla macchia, poichè rappresetao u legame fuzioale tra gradezze caratteristiche di macchia. Voledo, a questo puto, determiare le leggi di tesioe e di correte di armatura che realizzao il coseguimeto di ua coppia elettromagetica assegata, si utilizza il sistema (.) per costruire l algoritmo di alimetazioe del motore, aggiugedo ua fuzioe forzameto del tipo: Tel = T *. Come secoda fuzioe di forzameto si assume solitamete la relazioe: I mr = I * mr i modo da poter cotrollare il mometo della coppia elettromagetica sviluppata dal motore lasciado ivariato il modulo del flusso al traferro cocateato co il rotore oppure, far lavorare la macchia i deflussaggio agedo direttamete sul valore del flusso

20 Capitolo II - Algoritmi di alimetazioe del motore asicroo II.3.1 Algoritmo di alimetazioe i correte Prededo la secoda e la quarta equazioe del sistema (.) ed impoedo l equilibrio separato della parte reale ed immagiaria, si perviee al sistema di equazioi: R S T d dt I mr + α r I mr = α r k r I s cos( ϕ ψ ) d α k I ψ = pω r r s r + si( ϕ ψ ) dt Imr T = k I I si( ϕ ψ ) el T mr s (.3) Poedo, ioltre, y = I mr e riscrivedo il sistema (.3) elle icogite I s e ϕ, si ottiee: R S T T Is = el kt y si( ϕ ψ ) α k p r r k y T α rkrk ϕ' = ω T r + el + k ( y' + α y) + 4α k T y = I mr T α k ψ ' = pω r r r + k y T T el T r r r el ' r el r el ( y' + α y) T ( y'' + α y') T (.4) Il sistema (.4) defiisce il legame aalitico fra il mometo della coppia elettromagetica sviluppata dal motore ed il modulo e la fase della correte di statore. Esso costituisce, pertato, l algoritmo di alimetazioe i correte del motore asicroo. II.3. Algoritmo di alimetazioe i tesioe Sostituedo le espressioi della relazioe (.4) ell equazioe di statore, si ottiee:

21 Capitolo II - Algoritmi di alimetazioe del motore asicroo v = k T α ϕ stele j + ( 1 kskr) y si( ϕ ψ ) L M T e jϕ y' el si( ϕ ψ ) y cos( ϕ ψ )( ϕ' ψ ') N y k y si ( ϕ ψ ) T R S T k T dt y si( ϕ ψ ) el e jϕ + jϕ' Tele dt k ysi ( ϕ ψ ) T F HG O Q P U V W jϕ I K J + y' + + y e jψ jy ψ ' e jψ (.5) I questo caso l espressioe (.5) defiisce ua relazioe aalitica fra il compoete simmetrico della tesioe di alimetazioe da applicare al motore e del mometo della coppia elettromagetica sviluppata; rappreseta, pertato, l algoritmo di alimetazioe i tesioe del motore asicroo

22 Capitolo III - Algoritmi di cotrollo del covertitore CAPITOLO III ALGORITMI DI CONTROLLO DEL CONVERTITORE III.1 GENERALITA Come mostrato el capitolo precedete, da u puto di vista teorico, attraverso l algoritmo di alimetazioe, è possibile forire il compoete simmetrico della tesioe o della correte da imporre ad u motore asicroo per otteere il valore imposto di coppia elettromagetica e flusso al traferro. Nella realtà si deve cosiderare che per l alimetazioe di u motore asicroo si utilizza u dispositivo di poteza limitata e i grado di forire solo u umero discreto di stati di uscita che si traducoo i u umero limitato di compoeti simmetrici della tesioe o della correte di alimetazioe. Per ovviare a ciò si utilizzao delle teciche di modulazioe che pilotao i sigoli moduli di poteza dell iverter i modo da sitetizzare u qualsiasi riferimeto imposto di tesioe o correte statorica. I questo capitolo si esamierao, co riferimeto agli iverter a tesioe impressa (VSI), la tecica di modulazioe vettoriale per gli algoritmi di alimetazioe i tesioe e la modulazioe ad isteresi per quelli i correte V dc a b c 4 6 Fig. III.1 - Schema di u iverter a tesioe impressa

23 Capitolo III - Algoritmi di cotrollo del covertitore III. LA MODULAZIONE VETTORIALE U iverter trifase a tesioe impressa, largamete utilizzato i ambito idustriale per alimetare i motori asicroi, è costituito da sei iterruttori statici disposti su tre rami, secodo lo schema mostrato ella figura III.1, dove si è idicato co V dc la tesioe di uscita del covertitore ac/dc. La coppia di iterruttori apparteeti allo stesso ramo deve essere comadata i modo complemetare per evitare cortocircuiti sull alimetazioe. Ioltre, tra l apertura di u iterruttore e la chiusura del suo complemetare (sullo stesso ramo) deve essere iserito u tempo morto di ritardo, i modo da permettere l estizioe della correte circolate el compoete di poteza che si sta apredo. Le cofigurazioi relative ai possibili stati di uscita dell iverter soo otto. A ciascua cofigurazioe corrispode u be defiito sistema di tesioi d uscita ed ua be defiita correte sul lato cotiua. Suppoedo u collegameto a stella dei circuiti statorici del motore da alimetare, il compoete simmetrico della tesioe statorica applicata i ogi istate è dato da: F HG π j v s a b 3 = k v + v e + v e c 4π j 3 I KJ dove v a, v b e v c soo le tesioi di fase degli avvolgimeti statorici. Itroducedo la fuzioe di commutazioe i-esima defiita come: S i (t)= S i (t)=1 se è i coduzioe l iterruttore che coette il morsetto della fase i al poteziale egativo della V dc ; se è i coduzioe l iterruttore che coette il morsetto della fase i al poteziale positivo della V dc ; le tesioi cocateate si possoo scrivere: v = V S ( t) S ( t) ab dc a b v = V S ( t) S ( t) (3.1) bc dc b c v = V S ( t) S ( t). ca dc c a Sotto l ipotesi che le compoeti omopolari siao ulle:

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE.

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE. Compatibilità totale con ogni apparato. Si usa con pulsanti normalmente chiusi. ella linea dei pulsanti c'è il 24Vcc. Insensibile alle interruzioni di rete. Insensibile agli sbalzi di tensione. Realizzazione

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO SCHEMA DELL AZIONAMENTO A CATENA APERTA AZIONAMENTO L azionamento a catena aperta comprende il motore asincrono e il relativo convertitore statico che riceve

Dettagli

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \ 3,6 56 3,6 TEOR I A SPETTRALE La teoria spettrale degli operatori lieari- eo spazio di Hilbert é f odata, coe per gi spazi f i-ito-dimes ioal j-, sula defiizioe di- risolvete di u operatole' Sia (A,DA)

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano L4 Iterpolazioe L4 Prologo Co iterpolazioe si itede il processo di idividuare ua fuzioe, spesso u poliomio, che passi per u isieme dato di puti: (x,y). y x L4 2 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C.

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C. Motoi 1 Idie ue aatteistihe meaihe di motoi elettii.. osideazioi geeali Motoi ad eitazioe idipedete 1 Opeazioi o oete d eitazioe ostate Opeazioi o oete d eitazioe aiabile e tesioe d amatua ostate Motoi

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

MACCHINA SINCRONA TRIFASE

MACCHINA SINCRONA TRIFASE MACCHIA SICROA TRIFASE + + + + + + + + + + + + + + + + + + L avvolgimento di eccitazione, percorso dalla corrente continua i e, crea una f.m.m. al traferro e quindi un campo magnetico in modo tale che

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria.

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria. La ecessità di tasmettee poteza ta ogai i moto otatoio è u poblema fequetissimo e di gade impotaza ell igegeia. Gli assi di otazioe ta i quali deve essee tasmesso il moto possoo essee paalleli I questo

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZIONI» otori i versioe flagia;» Coessioi laterali o posteriori;» Albero: cilidrico o scaalato;» Coessioi metriche o BSPP;» Altre caratteristiche speciali OPTIONS» Flage mout;» Side ad rear ports;» Shafts-

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale 2. Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale Un amplificatore è realizzato con un LM74, con Ad = 00 db, polo di Ad a 0 Hz. La controreazione determina un guadagno ideale pari a 00.

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente CAPITOLO Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente. - Struttura e principio di funzionamento Una rappresentazione schematica della struttura di un motore a corrente continua a due poli è mostrata

Dettagli

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 11 settembre 2007 2 Indice 1 ASPETTI GENERALI 7 1.1 Introduzione........................................ 7 1.2 Classificazione delle macchine elettriche........................

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli