TESINA SUL CONTROLLO DI UN MOTORE IN CORRENTE CONTINUA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TESINA SUL CONTROLLO DI UN MOTORE IN CORRENTE CONTINUA"

Transcript

1 Laboratorio di Automatica - a.a. 2006/2007 Prof.ssa Vendittelli Marilena TESINA SUL CONTROLLO DI UN MOTORE IN CORRENTE CONTINUA Gruppo: Bongiorno Giuseppe Galasso Fabio Gratta Gabriele 20 Dicembre 2007

2 Grazie all infinita pazienza e disponibilità del personale del laboratorio di Robotica. 2

3 Sommario Introduzione... 4 Cenni sul funzionamento di un motore a corrente continua... 5 Parte elettrica... 6 Parte meccanica... 7 Controllo di velocità... 9 Codice Matlab della simulazione del controllo di velocità Controllo in posizione Codice Matlab della simulazione del controllo in posizione Montaggio Encoder Motor controller Comunicazione seriale Comunicazione motor-controller Pezzi sostituiti Comando velocità al motore Lettura encoder Algoritmo per l implementazione del controllore P.I.D Codice finale Schema elettrico e flussi dei dati Appendice Brevi note su particolari funzioni usate nelle simulazioni Matlab

4 Introduzione Al nostro gruppo è stato assegnato il compito di progettare e realizzare il controllo di velocità di un motore alimentato in corrente continua. Il lavoro è stato suddiviso in tre fasi: 1. progetto di un controllo di velocità; 2. progetto di un controllo di posizione; 3. realizzazione del controllo di velocità. Prendendo spunto da un esercitazione svolta in laboratorio, abbiamo iniziato col progettare un controllo di velocità di un robot mobile di piccola taglia (Khepera). Dati e specifiche del sistema sono stati forniti insieme al materiale dell esercitazione. Una volta completata questa prima fase siamo passati al progetto di un controllo di posizione di un motore alimentato in corrente continua. Basandoci sul precedente schema, abbiamo apportato le opportune modifiche per effettuare un controllo di posizione. Una volta ottenuto il datasheet del nostro motore abbiamo modificato i parametri del sistema e completato il controllore. Infine, abbiamo assemblato il materiale in laboratorio, programmato il PIC, realizzato il controllo di velocità di un motore alimentato in corrente continua. Ci sono stati consegnati: un motoriduttore da 12Vdc 200 rpm con predisposizione per l encoder; un encoder da 300CPR per effettuare misure sulla posizione e sulla velocità dell asse del motore; una proto board per PICMicro a 40 pin da 20MHz, versatilissima scheda corredata di tutto l essenziale per il funzionamento del PIC, inclusa una porta seriale RS232 e un circuito di regolazione della tensione con 7805; un PIC della Microchip, modello 18F452, da noi programmato per realizzare un controllo di posizione sul motore suddetto; un Pololu dual serial motor controller, che permette anche il controllo di una coppia di motori. 4

5 Cenni sul funzionamento di un motore a corrente continua In linee generali possiamo considerare il sistema motore come un insieme di tre componenti: alimentatore, motore vero e proprio, carico. Come mostrato in figura: Il motore è a sua volta suddiviso in due parti: una elettrica ed una meccanica. La parte elettrica, alimentata da un generatore di tensione, è costituita da due spazzole che poggiano su un commutatore avvolto da un folto numero di spire e libero di girare attorno al proprio asse. Queste spire sono immerse in un campo magnetico generato da un magnete (se esso è permanente, il campo sarà costante). Quando la corrente elettrica, che dal generatore è stata trasmessa al commutatore attraverso le spazzole, attraversa ogni singola spira immersa nel campo magnetico la forza magnetica (agente perpendicolarmente sia alla spira che al campo magnetico) produce una coppia che muove il rotore. 5

6 Il commutatore inverte la corrente ogni mezzo giro per mantenere costante il verso di rotazione del rotore. Il rotore, infine, è collegato all asse del motore. In questo punto, dunque, la parte elettrica diventa l alimentazione della parte meccanica. Per la costruzione del modello del motore schematizziamo quanto appena descritto. Parte elettrica Il circuito elettrico equivalente di un motore in corrente continua a magneti permanenti è dal quale possiamo ricavare le seguenti relazioni nel tempo 6

7 In cui K e è la costante di velocità, R la resistenza d armatura e L l induttanza d armatura. Poi trasformando nel dominio di Laplace ed ipotizzando che I(0)=0 otteniamo Per un motore in corrente continua vale, inoltre, la seguente relazione dove K t è la costante di coppia del motore. Parte meccanica Passiamo ora ad analizzare la parte meccanica del motore. Come si può ben vedere in figura, la parte meccanica del motore è a sua volta suddivisa in tre parti: motore, riduttore e carico. La parte meccanica del motore senza carico né riduttore può essere così modellata che in uno schema a blocchi diventa 7

8 La dinamica del carico, invece, è descritta dalla seguente equazione E quella del riduttore (supponendo che il rapporto di riduzione sia pari a 1 / n ) da questa Unendo le tre componenti ed imponendo da cui si ricava otteniamo la seguente relazione che, sostituita nell equazione della dinamica del motore, dà come risultato Notiamo, quindi, che il riduttore riduce l effetto dei disturbi agenti sul carico Ponendo e sostituendolo nell equazione della dinamica del motore da cui otteniamo lo schema a blocchi del motore con riduttore e con carico Una volta realizzato questo schema abbiamo implementato il file Matlab per il controllo di velocità del motore. 8

9 Controllo di velocità Inizialmente abbiamo realizzato lo schema in figura ed inizializzato le variabili. Una volta terminato lo schema siamo passati alle specifiche: 1. la sovraelongazione non doveva essere superiore al 20%; 2. il tempo di salita doveva essere inferiore ai 0.3 s. La prima si traduce in un margine di fase pari a mf = 60*(1-20*log10(Mr)*0.1) La seconda specifica, invece, si traduce in una pulsazione di attraversamento pari a dove wtmin e wtmax sono pari wt = (wtmin+wtmax)/2 wtmin = B3/2.52 wtmax = B3/1.26 A questo punto abbiamo verificato che il nostro sistema non soddisfacesse già le nostre specifiche e, come ci aspettavamo, andava ben oltre quanto richiesto. Abbiamo, dunque, dato vita ad un serie di tentativi con un controllore P.I.D., modificando di volta in volta i vari parametri delle tre azioni (proporzionale Kp, integrativa Ki, derivativa Kd) per raggiungere il soddisfacimento delle specifiche. Primo tentativo Abbiamo sintetizzato un controllore di tipo P.I., ossia un controllore di tipo P.I.D. con costante derivativa Kd pari a zero. Inizialmente abbiamo posto Ki = wt Kp = 1 ed aggiunto il controllore in serie al sistema che avevamo già implementato. Tracciando il diagramma di Bode del nuovo sistema ed andandone ad analizzare il margine di fase, abbiamo notato che le specifiche su questo parametro non venivano rispettate. Secondo tentativo Abbiamo, dunque, provato a modificare il valore della costante proporzionale per soddisfare le specifiche ad anello aperto, ponendo Kp = 1.5 Le specifiche ad anello aperto erano rispettate, quindi abbiamo chiuso il sistema in controreazione ed analizzato la risposta all ingresso a gradino. Qui ci siamo scontrati con una sovraelongazione superiore alle specifiche richieste, quindi abbiamo pensato di ridurre la pulsazione di attraversamento. 9

10 Terzo tentativo Per far ciò abbiamo ridotto del 20% la costante integrativa e lasciato costante quella proporzionale Ki = wt*0.8 Kp = 1.5 Le specifiche ad anello aperto erano ancora rispettate e, chiudendo il sistema in controreazione, abbiamo riscontrato un abbassamento della sovraelongazione, sebbene non ancora sufficiente, ma anche un aumento del tempo di salita che non rispetta più le specifiche. Quarto Tentativo A questo punto abbiamo pensato che il problema derivasse da un Kp troppo basso, dunque abbiamo mantenuto il Ki originario ed abbiamo provato ad innalzare ulteriormente il Kp. Ki = wt Kp = 2.1 Abbiamo controllato le specifiche ad anello aperto, abbiamo chiuso il sistema in controreazione ed abbiamo calcolato la risposta all ingresso a gradino, avendo la seguente risposta: 1.4 Step Response 1.2 Amplitude System: Sys Time (sec): Amplitude: Time (sec) Quindi rientriamo nelle specifiche imposte all inizio del controllo anche se in quella sulla sovraelongazione abbiamo un margine veramente minimo. Studiando i vari tentativi però non siamo riusciti a trovare una soluzione migliore che rispondesse alle due specifiche e in cui non intervenisse l azione derivativa. 10

11 Codice Matlab della simulazione del controllo di velocità clear all; close all; disp('---analisi e controllo in velocità di un motore a corrente continua con riduzione e carico---') disp(' ') %Definizione delle costanti Ke = ; %costante di velocità n = 0.04; %rapporto di riduzione L = ; %induttanza di armatura R = 6; %resistenza di armatura Kt = ; %costante di coppia Jm = 0.18*10^(-7); %momento d inerzia rotore Bm = 0.2*10^(-7); %coefficiente di attrito viscoso rotore Jl = 1.2*10^(-3); %momento d inerzia carico Bl = 1.2*10^(-5); %coefficiente di attrito viscoso carico Jeff = Jm + n^2*jl; Beff = Bm + n^2*bl; td = 0; %carico di disturbo r = ; %raggio di una ruota d = ; %distanza tra le due ruote %Costruzione del modello con le funzioni di trasferimento disp('---modello---') num = Kt*n; den = [L*Jeff, (L*Beff+R*Jeff), (R*Beff+Ke*Kt)]; disp('funzione di trasferimento del motore:') mot = tf(num, den) margin(mot); grid on; [Gm, Pm, Wg, Wp] = margin(mot); %Cambio delle specifiche nel tempo ad anello aperto disp('---specifiche---') disp('specifica sulla sovraelongazione:') s = 0.2 Mr = (1+s)/0.85; disp('traduzione sul margine di fase:') mf = 60*(1-20*log10(Mr)*0.1) disp('specifica sul tempo di salita:') ts = 0.3 B3 = 3/ts; wtmin = B3/2.52; wtmax = B3/1.26; disp('traduzione sulla pulsazione di attraversamento:') wt = (wtmin+wtmax)/2 [mag, phase] = bode(mot, wt); disp('in corrispondenza della pulsazione desiderata ho un margine di guadagno di:') magdb = 20*log10(mag) disp('e un margine di fase di:') mphase = phase+180 %Sintesi del controllore disp('---controllore---') disp('---primo tentativo---') disp('proviamo con un controllore P.I.') Ki = wt Kp = 1 Kd = 0 11

12 G = tf([kp, Ki], [1 0]) motore = series(g, mot); margin(motore); grid on; disp('non rispetto le specifiche sul margine di fase.') disp('---secondo tentativo---') disp('per soddisfare le specifiche ad anello aperto aumento l''azione proporzionale.') Ki = wt Kp = 1.5 G = tf([kp, Ki], [1 0]) motore = series(g, mot); margin(motore); grid on; Sys = feedback(motore, 1); disp('la riposta al gradino del sistema chiuso in controreazione è:') step(sys); grid on; disp('ho la sovraelongazione troppo alta quindi provo a ridurre la pulsazione di attraversamento.') disp('---terzo tentativo---') disp('proviamo con un Ki diminuito del 20%.') Ki = wt*0.8 Kp = 1.5 G = tf([kp, Ki], [1 0]) motore = series(g, mot); margin(motore); grid on; Sys = feedback(motore, 1); disp('la riposta al gradino del sistema chiuso in controreazione è:') step(sys); grid on; disp('riducendo il Ki ho prodotto un''abbassamento della sovraelongazione (non ancora sufficiente)') disp('ed un''aumento del tempo di salita che così va oltre le specifiche.') disp('---quarto tentativo---') disp('proviamo allora aumentando ulteriormente il Kp invece di modificare il Ki.') Ki = wt Kp = 2.1 G = tf([kp, Ki], [1 0]) motore = series(g, mot); margin(motore); grid on; Sys = feedback(motore, 1); disp('la riposta al gradino del sistema chiuso in controreazione è:') step(sys); grid on; disp('ora entrambe le richieste sono esaudite quindi ho concluso.') 12

13 Controllo in posizione Terminato il controllo del motore in velocità, il passo successivo è stato andare avanti con un altro tipo di controllo, quello in posizione. Rispetto al modello sintetizzato prima abbiamo solamente dovuto aggiungere in serie un integratore, cioè una funzione di trasferimento, prima della controreazione di controllo. Tutto questo perché velocità e posizione sono legate dalla relazione:. Per prima cosa abbiamo analizzato il diagramma di Bode del modello così ottenuto e rilevato i parametri caratteristici: pulsazione di attraversamento = 1,7496 rad / s margine di fase = 53 41,64 pulsazione in corrispondenza della fase a -180 = 73,9530 rad / s guadagno in corrispondenza della fase a -180 = -65,0391 db Per sintetizzare il controllore P.I.D. abbiamo scelto di usare il secondo metodo di Ziegler-Nichols che prevede di portare il sistema al limite di stabilità per poi configurare dei parametri standard per le varie configurazioni delle tre azioni. Aumentato il guadagno del sistema, siamo arrivati fino all instaurazione di un oscillazione periodica alla risposta a un gradino unitario, caratterizzata da un periodo pari a 0,0850 secondi. 13

14 Ora prendiamo in considerazioni i valori di Kp, Ki e Kd consigliati dalle tabelle per le configurazioni di P., P.I. e P.I.D.. Utilizzando solo l azione proporzionale otteniamo una risposta che è ancora caratterizzata da un oscillazione molto elevata, questo per via della conformazione della fase del nostro sistema che essendo quasi piatta nella nostra zona d interesse non consente di aumentare il margine di fase diminuendo la pulsazione di attraversamento rispetto al caso limite. Aggiungendo l azione integrativa non otteniamo benefici dall effetto memoria (un azione integrativa permette al sistema di ricordare ciò che è successo negli istanti passati) ma anzi non riusciamo più a rendere il sistema stabile visto che otteniamo una fase sempre inferiore a

15 Con tutte e tre le azioni combinate invece otteniamo una risposta quasi accettabile visto che la sovraelongazione è troppo alta (circa del 70%) ma il tempo di salita è più che ottimo (0,0168 s). Quando usiamo anche l azione derivativa, dobbiamo però ricordarci che il controllore P.I.D. venuto così a formarsi non costituisce più un sistema fisicamente realizzabile perché abbiamo che il grado del numeratore è maggiore del grado del denominatore: Analizzando i tre casi studiati prima capiamo che oltre al rischio di portare il sistema al limite di stabilità il secondo metodo di Ziegler-Nichols non fornisce dei valori validi per ogni caso ma dà più che altro delle indicazioni generiche per configurare il controllore secondo le azioni che si vogliano usare. Questi parametri andranno poi regolati da caso a caso. Per tornare a valori delle specifiche accettabili, per esempio una sovraelongazione non maggiore del 20%, abbiamo provato ad aumentare l azione derivativa ma per rientrare nei limiti imposti serviva un incremento troppo elevato, addirittura siamo dovuti arrivare al 350% del valore indicato dalle tabelle. Siccome nel nostro caso l azione integrativa dava problemi rendendo il sistema instabile abbiamo deciso di toglierla e ottimizzare il controllore con le sole azioni proporzionale e derivativa. Procedendo per tentativi abbiamo trovato che per rientrare in una sovraelongazione minore del 20% il Kd doveva sempre essere molto diverso da quello consigliato (questa volta solo 250%). Abbiamo così dimostrato definitivamente che per il nostro sistema il secondo metodo di Ziegler- Nichols non forniva un settaggio atto a dare una risposta sufficientemente accettabile. 15

16 Per completare l analisi dovevamo solo definire la realizzabilità del controllore. Per non modificare troppo la risposta che c eravamo costruiti nelle precedenti simulazioni, abbiamo verificato il disturbo apportato dall aggiunta nel controllore di un polo lontano con valori via via crescenti. Il minimo valore che rende indistinguibili le due risposte, quella realizzabile e quella non, è , quindi abbiamo scelto di sintetizzare un controllore con un P.D. e una funzione di trasferimento: Una volta conclusa tutta la sintetizzazione in Matlab siamo passati all analisi del modello in Simulink: dove possiamo controllare più facilmente l effetto di saturazioni sullo sforzo di carico, che dal parametro sul datasheet dal quale abbiamo ricavato i valori delle costanti per le simulazioni non deve superare gli 0,1 mnm. Con il lavoro fin qui svolto il carico evolve con un comportamento quasi impulsivo: la sua azione termina già dopo circa 0,1 s, però abbiamo un picco che raggiunge il valore di ~1,4Nm per un tempo minore di 0,1 ms e una coda intorno agli 0, Nm, valori troppo elevati rispetto al massimo sopportabile dal nostro sistema, quindi assolutamente inaccettabile. 16

17 Abbiamo allora provato a diminuire i valori dei due parametri del P.D. per cercare di ridurre lo sforzo. Diminuendo di molto l azione proporzionale, portandola allo 0,075% della precedente, abbiamo un significativo miglioramento della sovraengolazione e un peggioramento del tempo di salita che comunque resta più che ottimo (~0,0225 s). Questo perché il diagramma di Bode è caratterizzato da un picco di fase a ~ -90 intorno alle nostre frequenze di lavoro e diminuendo il guadagno ci siamo posizionati esattamente nel punto centrale del picco. Diminuendo anche l azione derivativa del 70% otteniamo un peggioramento significativo delle caratteristiche della risposta, ma siccome partivamo da valori ottimi, arriviamo a specifiche accettabili: sovraelongazione minore del 20% e tempo di salita di poco superiore ai 50 ms. 17

18 Anche se abbiamo peggiorato le caratteristiche, con un Kd più basso però riusciamo a ridurre di molto il valore dello sforzo di carico. Il valore massimo è passato da 1,4 a 0,425 Nm mentre la durata è salita a 0,4 s ma con valori compresi sotto i 5 mnm. Tutto questo lavoro non ci ha portato a valori sufficientemente vicini ai limiti imposti dal modello, essendo superiori di ben tre ordini di grandezza nel valore di picco. Non possiamo allora trascurare gli effetti di azioni non lineari quali la saturazione dello sforzo di carico. Analizzando la risposta in Simulink del sistema vediamo che diventa assolutamente inaccettabile e quindi dovremmo cercare di migliorare ancora il controllore 18

19 Tornando in Matlab abbiamo eseguito nuovi tentativi per arrivare a valori piccoli dei due parametri senza compromettere troppo la bontà della risposta: da una coppia Kp=80,3857 Kd=8,5372 siamo passati a un altra Kp*=0,0161 Kd*=0,7114. I valori sono diminuiti di molto e la risposta peggiorata fino ad arrivare a un tempo di salita pari a 1,02 s e tempo di assestamento di 1,84 s. Pensando però a possibili applicazioni del nostro studio, come per esempio un braccio meccanico che deve raggiungere una fissata posizione, il tempo di salita intorno al secondo e quello di assestamento intorno ai due sono ancora accettabili, anzi un sistema estremamente veloce potrebbe addirittura creare altri problemi meccanici non studiati nel nostro caso. La scomparsa della sovraelongazione è anch essa un ulteriore miglioramento del sistema visto che il fatto di non superare il valore di riferimento durante il movimento del corpo potrebbe per esempio evitare l urto con vincoli presenti non ipotizzati nel percorso seguito partendo dal punto iniziale. 19

20 Tornando allo studio del carico in Simulink vediamo che siamo riusciti a ridurre il tutto di un ordine di grandezza e a rendere l azione molto rapida, istantanea. Notiamo però un effetto strano nell uscita con la saturazione: il sistema si comporta molto diversamente da quanto ci aspettavamo perché notiamo che abbiamo un uscita di un sistema non stabile. Non pensiamo sia un effetto della non linearità, per verifica controlliamo anche l uscita senza saturazione e vediamo che anch essa non risulta uguale alla corrispondente simulata in Matlab. Controlliamo i parametri e verifichiamo che è tutto in ordine. L unico problema potrebbe sorgere dal metodo d integrazione e imputiamo a esso l ambiguità, anche se diversità così marcate sono difficili da incontrare. 20

21 Per contro allora riformuliamo la sintesi del nostro controllore ma usando come sistema per disegnare l uscita Simulink e il suo sistema d integrazione. Procedendo per tentativi arriviamo a un compromesso in cui la risposta in Simulink è simile a quella ottenuta in Matlab (anche se con una leggera sovraelongazione del ~2%) ma con un andamento temporale nettamente più lento infatti troviamo un tempo di salita pari a 5,28 s e assestamento inferiore ai 7 s. Certamente non sono i migliori valori possibili ma ritornando all esempio di applicazione pensato prima potrebbero bastare. Tornando in Matlab per vedere le differenze tra i due metodi d integrazione troviamo una risposta sempre molto lenta (tempo di salita ~1,3 s, tempo di assestamento 5,75 s) ma comunque accettabile. Scegliamo quindi questa seconda configurazione del controllore P.I.D. con parametri: Kp = 0,2400 Ki = 0 Kd = 0,

22 Codice Matlab della simulazione del controllo in posizione %Laboratorio di Automatica a.a. 2006/2007 %Tesina sul motore controllato in posizione %Gruppo formato da: Bongiorno Giuseppe, Galasso Fabio, Gratta Gabriele clear all; close all; clc disp('---analisi e controllo in posizione di un motore a corrente continua con riduzione e carico---') disp(' ') %Definizione delle costanti Ke = ; %costante di velocità n = 0.04; %rapporto di riduzione L = ; %induttanza di armatura R = 6; %resistenza di armatura Kt = ; %costante di coppia Jm = 0.18*10^(-7); %momento d inerzia rotore Bm = 0.2*10^(-7); %coefficiente di attrito viscoso rotore Jl = 1.2*10^(-3); %momento d inerzia carico Bl = 1.2*10^(-5); %coefficiente di attrito viscoso carico Jeff = Jm + n^2*jl; Beff = Bm + n^2*bl; td = 0; %carico di disturbo %Costruzione del modello con le funzioni di trasferimento disp('---modello---') num = Kt*n; den = [L*Jeff, (L*Beff+R*Jeff), (R*Beff+Ke*Kt)]; disp('funzione di trasferimento del motore:') mot = series(tf(num, den), tf(1, [1 0])) scrsz = get(0,'screensize'); figure('position',[scrsz(3)/2, scrsz(4)/2, scrsz(3)/2, scrsz(4)/2]) margin(mot) axis([1e-1, 1e+7, -350, -100, -271, -179]) title('diagramma di Bode del motore senza controllo') [Gm, Pm, Wg, Wp] = margin(mot); disp('la pulsazione di attraversamento è:') Wp disp('e in corrispondenza ho un margine di fase di:') Pm disp('la pulsazione alla quale ho la fase a -180 è:') Wg disp('ed ho un guadagno di:') Gm %Sintesi del controllore disp(' ') disp('---sintesi del controllore---') disp('proviamo a costruire un controllore P.I.D. con il secondo metodo di Ziegler- Nichols.') disp('devo portare il sistema al limite di stabilità per instaurare un''oscillazione permanente') disp('allora moltiplico il sistema per una guadagno:') Kpl = Gm disp('la funzione di trasferimento ad anello aperto quindi diventa:') Lim = series(kpl, mot) disp('il diagramma di Bode del motore al limite di stabilità è:') margin(lim) 22

23 axis([1e-1, 1e+7, -350, -100, -271, -179]) title('diagramma di Bode a ciclo aperto del motore al limite di stabilità') disp('quindi chiudendo in controreazione abbiamo la risposta in figura') step(feedback(lim, 1)) axis([-0.1, 1.5, -0.1, 2.1]) title('risposta al gradino del motore controreazionato al limite di stabilità') disp('caratterizzata da un periodo di oscillazione pari a:') Tl = 2*pi/Wg disp(' ') disp('---primo caso---') disp('usando un controllore P.I.D. con solamente l''azione proporzionale avremmo:') Kp = Kpl*0.5 Ki = 0 Kd = 0 disp('il diagramma di Bode è:') margin(series(kpl, mot)) axis([1e-1, 1e+7, -350, -100, -271, -179]) title('diagramma di Bode ad anello aperto solo con azione proporzionale') disp('la risposta al gradino del motore diventa:') step(feedback(series(kpl, mot), 1)) axis([-0.1, 1.5, -0.1, 2.1]) title('risposta al gradino con controllore P.') disp('per la conformazione della fase solo un''azione proporzionale non basta.') disp(' ') disp('---secondo caso---') disp('usando un controllore P.I.D. con le azioni proporzionale ed integrativa abbiamo:') Kp = 0.45*Kpl Ki = Kp/(0.85*Tl) Kd = 0 G = tf([kp, Ki], [1 0]) disp('il diagramma di Bode è:') bode(series(g, mot)); grid on; title('diagramma di Bode ad anello aperto solo con controllore P.I.') disp('anche con le due azioni combinate non riesco a trovare la stabilità,') disp('infatti la risposta al gradino del motore è:') step(feedback(series(g, mot), 1)); grid on; title('risposta al gradino con controllore P.I.') disp(' ') disp('---terzo caso---') disp('il controllore P.I.D. questa volta avrà come parametri:') Kp = 0.6*Kpl Ki = Kp/(0.5*Tl) Kd = Kp*0.125*Tl G = tf([kd, Kp, Ki], [1 0]) disp('che però non costituiscono un sistema fisicamente realizzabile.') disp('il diagramma di Bode diventa:') margin(series(g, mot)); title('diagramma di Bode ad anello aperto con controllore P.I.D.') disp('la risposta al gradino del motore è quella in figura,') step(feedback(series(g, mot), 1)); grid on; title('risposta al gradino con controllore P.I.D.') 23

24 disp('caratterizzata da una sovraelongazione troppo elevata (~70%).') disp(' ') disp('---quarto caso---') disp('proviamo ad aumentare l''azione derivativa (Kd=3.5*Kd):') Kp = 0.6*Kpl Ki = Kp/(0.5*Tl) Kd = Kp*0.125*Tl*3.5 G = tf([kd, Kp, Ki], [1 0]) disp('ricordandoci sempre che però non costituiscono un sistema fisicamente realizzabile.') disp('il diagramma di Bode diventa:') margin(series(g, mot)); title('diagramma di Bode ad anello aperto con controllore P.I.D.(2)') disp('la risposta al gradino del motore è quella in figura,') step(feedback(series(g, mot), 1)); grid on; title('risposta al gradino con controllore P.I.D.(2)') disp('in cui siamo riusciti a diminuire la sovraelongazione.') disp(' ') disp('---quinto caso---') disp('proviamo ad eliminare l''azione integrativa:') Kp = 0.6*Kpl Ki = 0 Kd = Kp*0.125*Tl*2.5 G = tf([kd, Kp], 1) disp('sistema non fisicamente realizzabile.') disp('il diagramma di Bode è:') margin(series(g, mot)); title('diagramma di Bode ad anello aperto con controllore P.D.') disp('la risposta al gradino del motore è quella in figura,') step(feedback(series(g, mot), 1)); grid on; title('risposta al gradino con controllore P.D.') disp('in cui non abbiamo modificato troppo la sovraelongazione.') %Realizzabilità del controllore disp(' ') disp('cercando di far diventare il controllore realizzabile potremmo aggiungere un polo "lontano":') G = series(g, tf(1, [1e-4 1])) disp('il diagramma di Bode è:') margin(series(g, mot)); title('diagramma di Bode ad anello aperto con controllore P.D. realizzabile') disp('la risposta al gradino:') step(feedback((series(g, mot)), 1)); grid on; title('risposta al gradino con controllore P.D. realizzabile') disp('il minimo valore per non modificare troppo il nostro sistema è ') %Controllo del carico massimo applicabile al motore disp(' ') disp('siccome abbiamo un ottimo tempo di salita, possiamo provare a diminuire il Kp per ridurre lo sforzo:') Kp = 0.075*Kp G = tf([kd, Kp], [1e-4 1]) disp('il diagramma di Bode diventa:') margin(series(g, mot)); title('diagramma di Bode ad anello aperto con controllore P.D. per carico minimo') disp('la risposta al gradino:') step(feedback((series(g, mot)), 1)); grid on; title('risposta al gradino con controllore 24

25 P.D. per carico minimo') disp('diminuendo l''azione proporzionale abbiamo un abbassamento significativo della sovraelongazione') disp('e un peggioramento del tempo di salita che resta comunque più che ottimo (~ s).') disp(' ') disp('proviamo anche a ridurre l''azione derivativa:') Kd = 0.3*Kd G = tf([kd, Kp], [1e-4 1]) disp('il diagramma di Bode diventa:') margin(series(g, mot)); title('diagramma di Bode ad anello aperto con controllore P.D. per carico minimo(2)') disp('la risposta al gradino:') step(feedback((series(g, mot)), 1)); grid on; title('risposta al gradino con controllore P.D. per carico minimo(2)') disp('diminuendo il Kd notiamo un peggioramento della risposta del sistema che rimane nei parametri') disp('riuscendo però a ridurre notevolmente il carico dell''azione di controllo,') disp('che è ancora molto al di fuori dei limiti imposti dal sistema (0.13 invece di 1e- 4).') disp(' ') disp('analizzando in simulink la risposta del sistema con la saturazione del carico') disp('osserviamo che la risposta al gradino non è assolutamente accettabile.') %Miglioramento con Simulink disp(' ') disp('proviamo allora a ridurre ulteriormente le azioni del P.D.') disp('senza arrivare a specifiche non accettabili.') Kp = (1/335)*Kp Kd = (1/21.5)*Kd G = tf([kd, Kp], [1e-4 1]) disp('i valori delle due azioni sono molto piccoli ora.') disp('il diagramma di Bode è:') margin(series(g, mot)); title('diagramma di Bode ad anello aperto con controllore P.D. per carico minimo(4)') disp('risposta al gradino:') step(feedback((series(g, mot)), 1)); grid on; title('risposta al gradino con controllore P.D. per carico minimo(4)') disp('ora il sistema ha una sovraelongazione del 20%, un tempo di salita di 1 s') disp('e di assestamento di 5.76 s.') disp(' ') disp('analizzando in simulink il modello così creato ed inserendo l''effetto di saturazione') disp('troviamo che il sistema non viene alterato di molto.') close all; 25

26 Montaggio Encoder Per prima cosa abbiamo montato l encoder al motoriduttore. Abbiamo incollato il bi-adesivo sul motoriduttore, dalla parte opposta a quella dove va applicato il carico, e sulla base dell encoder. Poi abbiamo inserito il disco forato, chiuso il tutto col coperchio e controllato che il perno del motoriduttore, su cui è stato montato l encoder, non toccasse quest ultimo e non causasse errori nella lettura. Come prova abbiamo collegato il motoriduttore all alimentatore, regolato a 5 volt, e l encoder all oscilloscopio ottenendo come uscita una buona onda quadra. Motor controller Come secondo passo abbiamo saldato al PCB del controllore il microcontroller e il dual H-bridge, operazione che si è rivelata più complicata del solito ma che siamo riusciti a portare a termine con buoni risultati. Comunicazione seriale Una volta saldati i componenti sulla scheda la prima prova che abbiamo fatto è stata quella di comunicazione tra computer e microprocessore. Per una più facile programmazione, abbiamo prima caricato sulla memoria del pic il bootloader utilizzando Tinybld 18 e la scheda con comunicazione parallela presente in laboratorio. Così, di volta in volta, per caricare un nuovo programma sul microprocessore bastava collegarlo con la seriale ed utilizzare il programma Epic, per scriverlo in memoria, ed HyperTerminal, per visualizzare su schermo. Il primo programma che abbiamo utilizzato è stato una semplice prova sia dei comandi in codice C sia dei settaggi in ambiente Windows. Abbiamo superato facilmente questo semplice test. Comunicazione motor-controller A questo punto abbiamo collegato i fili necessari per il motor-controller (alimentazione esterna a 12 V, uscita per l alimentazione al motore, canale di reset, canale seriale) e scritto il programma adatto al suo funzionamento. Con questo programma non abbiamo avuto nessuna risposta dal motor controller. Abbiamo ipotizzato che il problema potesse derivare da due cause: implementazione fisica dei collegamenti; errore nella logica del software. Le prime verifiche sono state fatte sui fili perché montati in maniera volante sullo zoccolo del motor-controller. Assicurata la stabilità della connessione e la non interferenza tra l uno e l altro, ulteriori tentativi hanno dato esito negativo. Siamo, dunque, passati alla verifica del codice. Il datasheet del motor-controller afferma che per il funzionamento dello stesso è necessario inviare una sequenza di quattro bytes così composti: 1. Byte di start della comunicazione (l unico con il bit più significativo settato ad 1). 2. Byte di scelta del dispositivo al quale inviare il comando (tutti 0 per il motor controller). 3. Byte di scelta del motore (in caso di controllo di più motori) e della direzione. 4. Byte di scelta della velocità del motore (dal momento che il bit più significativo deve essere settato a 0, con i restanti 7 bit possiamo comandare un range che va da 0 a 2 7-1=127). Le prove effettuate inviando questi bytes non hanno abilitato l uscita del motor controller. Abbiamo, dunque, ipotizzato che il problema potesse derivare dal tipo di comando utilizzato per l invio della sequenza descritta. Provando vari comandi (printf, putc, ) e tipi di dato che rappresentino la stessa sequenza di bit, non abbiamo risolto il problema. 26

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

Controllo di velocità angolare di un motore in CC

Controllo di velocità angolare di un motore in CC Controllo di velocità angolare di un motore in CC Descrizione generale Il processo è composto da un motore in corrente continua, un sistema di riduzione, una dinamo tachimetrica ed un sistema di visualizzazione.

Dettagli

Controllo di motori in corrente continua. A cura di: Ing. Massimo Cefalo Ing. Fabio Zonfrilli

Controllo di motori in corrente continua. A cura di: Ing. Massimo Cefalo Ing. Fabio Zonfrilli Controllo di motori in corrente continua A cura di: Ing. Massimo Cefalo Ing. Fabio Zonfrilli Sistema di Controllo d rif - C(s) P(s) y T(s) n C(s) P(s) Controllore Sistema d n Disturbo Rumore T(s) Trasduttore

Dettagli

CONTROLLORI STANDARD PID. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Controllori Standard PID

CONTROLLORI STANDARD PID. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Controllori Standard PID ONTROLLORI STANDARD PID Guido Vagliasindi ontrolli Automatici A.A. 6/7 ontrollori Standard PID MODELLO DEI REGOLATORI PID Tra le ragioni del vastissimo utilizzo dei regolatori PID nella pratica dell automazione

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN CONTROLLO PID SU MICROCONTROLLORE PIC 18F2520

REALIZZAZIONE DI UN CONTROLLO PID SU MICROCONTROLLORE PIC 18F2520 REALIZZAZIONE DI UN CONTROLLO PID SU MICROCONTROLLORE PIC 8F252 Laboratorio di Strumentazione elettronica di misura 26 Toss Viviana Il programma realizzato permette di controllare la velocità di un motorino

Dettagli

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua Servomeccanismi 1 1. Il motore elettrico in corrente continua Descrizione fisica Il motore è contenuto in una cassa che in genere è cilindrica. Da una base del cilindro fuoriesce l albero motore; sulla

Dettagli

Controllo di un Motore Elettrico in Corrente Continua

Controllo di un Motore Elettrico in Corrente Continua Controllo di un Motore Elettrico in Corrente Continua ARSLAB - Autonomous and Robotic Systems Laboratory Dipartimento di Matematica e Informatica - Università di Catania, Italy santoro@dmi.unict.it Programmazione

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Sistemi di controllo industriali

Sistemi di controllo industriali Sistemi di controllo industriali Regolatori PID: funzionamento e taratura Modello, funzionamento e realizzazione pratica Metodi di taratura in anello chiuso Metodi di taratura in anello aperto Un esempio

Dettagli

Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO.

Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO. Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO. VIII-1. Introduzione. Il controllo del moto incrementale dei motori passo-passo si ottiene attraverso il software di un computer, programmando opportunamente gli impulsi

Dettagli

Laboratorio di Automazione. Azionamenti Elettrici: Generalità e Motore DC

Laboratorio di Automazione. Azionamenti Elettrici: Generalità e Motore DC Laboratorio di Automazione Azionamenti Elettrici: Generalità e Motore DC Prof. Claudio Bonivento DEIS - Università degli Studi di Bologna E-Mail: cbonivento@deis.unibo.it Indice Definizione Struttura Modello

Dettagli

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA 2.1 La meccatronica 2.2 Componenti di un azionamento elettromeccanico 2.3 Accoppiamento motore-carico 2.4 Regolazione di un azionamento Corso di Meccanica Applicata alle

Dettagli

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE (cod. 8469) APPELLO del 10 Novembre 2010 Prof. Emanuele Carpanzano Soluzioni Esercizio 1 (Domande generali) 1.a) Controllo Modulante Tracciare qualitativamente la risposta

Dettagli

Electrical motor Test-bed

Electrical motor Test-bed EM_Test_bed Page 1 of 10 Electrical motor Test-bed 1. INTERFACCIA SIMULINK... 2 1.1. GUI CRUSCOTTO BANCO MOTORE... 2 1.2. GUIDE... 3 1.3. GUI PARAMETRI MOTORE... 3 1.4. GUI VISUALIZZAZIONE MODELLO 3D MOTORE...

Dettagli

Nome: Nr. Mat. Firma:

Nome: Nr. Mat. Firma: Controlli Automatici - A.A. 1/11 Ingegneria Gestionale 13 Settembre 11 - Esercizi Nome: Nr. Mat. Firma: Rispondere alle seguenti domande. a) Calcolare la trasformata di Laplace X(s) dei seguenti segnali

Dettagli

REGOLATORI STANDARD PID

REGOLATORI STANDARD PID SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti/sistemicontrollo.html Regolatore Proporzionale, Integrale, Derivativo - PID Tre azioni di combinate

Dettagli

Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche

Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche Sezione 9.1: Macchine elettriche rotanti Problema 9.1 Relazione tra potenza nominale e temperatura ambiente mostrata in tabella. Un motore con funziona

Dettagli

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori Microcontrollore Il microcontrollore è un sistema a microprocessore completo,integrato in un unico chip, progettato per avere la massima autosufficienza e versatilità. Infatti visto il loro prezzo esiguo,

Dettagli

Prof. A. Bemporad, Ing. S. Di Cairano 26 Maggio 2005. Esercitazione di Tecnologia dei Sistemi di Controllo

Prof. A. Bemporad, Ing. S. Di Cairano 26 Maggio 2005. Esercitazione di Tecnologia dei Sistemi di Controllo Università degli Studi di Siena Prof. A. Bemporad, Ing. S. Di Cairano 26 Maggio 2005 Esercitazione di Tecnologia dei Sistemi di Controllo Implementazione di controllori con xpc target Questa esercitazione

Dettagli

L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo

L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo CONTROLLORI PID PID L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo Può essere applicato ai più svariati ambiti, dal controllo di una portata di fluido alla regolazione

Dettagli

Prova scritta di Controlli Automatici

Prova scritta di Controlli Automatici Prova scritta di Controlli Automatici Corso di Laurea in Ingegneria Meccatronica, AA 2011 2012 10 Settembre 2012 Domande a Risposta Multipla Per ognuna delle seguenti domande a risposta multipla, indicare

Dettagli

MANUALE UTENTE MITOS VT6 AIR Versione per software release 3.5

MANUALE UTENTE MITOS VT6 AIR Versione per software release 3.5 MANUALE UTENTE MITOS VT6 AIR Versione per software release 3.5 1 / 17 Manuale_MITOS_VT6_AIR_ver3p2_ita Sommario: DESCRIZIONE GENERALE...3 CARATTERISTICHE GENERALI...3 PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO...4 TIPI

Dettagli

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Davide Giglio Introduzione alle eti Elettriche e reti elettriche costituite da resistori, condensatori e induttori (bipoli),

Dettagli

REGOLATORI STANDARD PID

REGOLATORI STANDARD PID CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Gestionale http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm REGOLATORI STANDARD PID Ing. Federica Grossi Tel. 059 2056333 e-mail: federica.grossi@unimore.it

Dettagli

Scopi: CARATTERISTICHE GENERALI: Struttura: Movimento: progetto realizzato da: (ALPHA TEAM)

Scopi: CARATTERISTICHE GENERALI: Struttura: Movimento: progetto realizzato da: (ALPHA TEAM) progetto realizzato da: (ALPHA TEAM) Bisio Giulio,Dal Bianco Davide, Greselin Matteo, Filippi Nicolò Relazione a cura di : Bisio Giulio Scopi: Il progetto nasce dalla voglia di realizzare un robot che

Dettagli

Modellistica e controllo dei motori in corrente continua

Modellistica e controllo dei motori in corrente continua Modellistica e controllo dei motori in corrente continua Note per le lezioni del corso di Controlli Automatici A.A. 2008/09 Prof.ssa Maria Elena Valcher 1 Modellistica Un motore in corrente continua si

Dettagli

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI INTEGRATORE E DERIVATORE REALI -Schemi elettrici: Integratore reale : C1 R2 vi (t) R1 vu (t) Derivatore reale : R2 vi (t) R1 C1 vu (t) Elenco componenti utilizzati : - 1 resistenza da 3,3kΩ - 1 resistenza

Dettagli

Control System Toolbox

Control System Toolbox Control System Toolbox E` un insieme di funzioni per l analisi di sistemi dinamici (tipicamente lineari tempo invarianti o LTI) e per la sintesi di controllori (in particolare a retroazione). All'interno

Dettagli

CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE 8.1 IL PROBLEMA DEL CONTROLLO

CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE 8.1 IL PROBLEMA DEL CONTROLLO 80 CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE In questo capitolo è descritto un metodo teorico per l identificazione dell attrito, attraverso l impiego della normale

Dettagli

Prestazioni dei sistemi in retroazione

Prestazioni dei sistemi in retroazione Prestazioni dei sistemi in retroazione (ver..2). Sensitività e sensitività complementare Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig... Vogliamo determinare quanto è sensibile il sistema in anello

Dettagli

Corso di TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO A.A. 2013/2014, Docente: Ing. Marcello Bonfè SPUNTI PER PROGETTI DI APPROFONDIMENTO (TESINE FACOLTATIVE)

Corso di TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO A.A. 2013/2014, Docente: Ing. Marcello Bonfè SPUNTI PER PROGETTI DI APPROFONDIMENTO (TESINE FACOLTATIVE) NOTE GENERALI: Corso di TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO A.A. 2013/2014, Docente: Ing. Marcello Bonfè SPUNTI PER PROGETTI DI APPROFONDIMENTO (TESINE FACOLTATIVE) 1. Ogni progetto deve essere PERSONALE,

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: robustezza e prestazioni Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it

Dettagli

REGOLATORI STANDARD PID

REGOLATORI STANDARD PID CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale REGOLATORI STANDARD PID Ing. Luigi Biagiotti Tel. 5 29334 / 5 29368 e-mail: lbiagiotti@deis.unibo.it http://www-lar.deis.unibo.it/~lbiagiotti

Dettagli

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica PhD. Ing. Folgheraiter Michele Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 1 Definizione di Attuatore (Robotica) Si definisce attuatore, quella

Dettagli

Capitolo 10 Macchine elettriche speciali

Capitolo 10 Macchine elettriche speciali Capitolo 10 Macchine elettriche speciali Sezione 10.1: Motori DC senza spazzole Problema 10.1 Macchina sincrona bifase a sei poli a magnete permanente. L ampiezza della tensione di fase a circuito aperto

Dettagli

RoboQuaderno. Schema generale di un sistema di controllo Parte I : Proporzionale. Gabriele e Rodolfo Zunino giugno 2015

RoboQuaderno. Schema generale di un sistema di controllo Parte I : Proporzionale. Gabriele e Rodolfo Zunino giugno 2015 RoboQuaderno Schema generale di un sistema di controllo Parte I : Proporzionale Gabriele e Rodolfo Zunino giugno 2015 Sommario Il quaderno illustra la struttura generale di un sistema di controllo, molto

Dettagli

The Brauduino Manual

The Brauduino Manual The Brauduino Manual Questo è il manuale di istruzioni per Brauduino, vedremo il funzionamento attraverso la funzione dei pulsanti e le modalità. Brauduino viene impostato e controllato da 4 pulsanti posti

Dettagli

Esercizi in MATLAB-SIMULINK

Esercizi in MATLAB-SIMULINK Appendice A Esercizi in MATLAB-SIMULINK A.1 Implementazione del modello e del controllo di un motore elettrico a corrente continua A.1.1 Equazioni del modello Equazioni nel dominio del tempo descrittive

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Progetto di controllo e reti correttrici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

E1. IMPLEMENTAZIONE in MATLAB-SIMULINK del MODELLO e del CONTROLLO di un MOTORE ELETTRICO a CORRENTE CONTINUA

E1. IMPLEMENTAZIONE in MATLAB-SIMULINK del MODELLO e del CONTROLLO di un MOTORE ELETTRICO a CORRENTE CONTINUA E1. IMPLEMENTAZIONE in MATLAB-SIMULINK del MODELLO e del CONTOLLO di un MOTOE ELETTICO a COENTE CONTINUA 1. EQUAZIONI DEL MODELLO Equazioni nel dominio del tempo descrittive del Modello elettromagnetico

Dettagli

IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014. Tonco Daniel. Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni

IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014. Tonco Daniel. Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014 Tonco Daniel Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni 1 2 Indice: Obiettivo Premessa Prime operazioni (foto allegate) Spiegazione montaggio

Dettagli

SERVO Motors. Funzionamento Meccanico. Funzionamento Elettrico 30/05/2012

SERVO Motors. Funzionamento Meccanico. Funzionamento Elettrico 30/05/2012 SERVO Motors SERVO Il servomotore serve a gestire la posizione angolare di un disco rotante o di un braccio meccanico. Esso è costituito da un unico contenitore che ha all interno un motore DC (da 4,5

Dettagli

Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2

Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2 Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2 2 e 4 pag vuota Finalità-Obiettivo pag. 5 Situazione di partenza pag. 6 Prime operazioni pag. 7 Schema elettrico pag. 9 Circuito stampato pag 10 Elenco componenti

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Modello fisico. Capitolo 1. 1.1 Descrizione del sistema

Modello fisico. Capitolo 1. 1.1 Descrizione del sistema Introduzione Lo scopo di questa trattazione è quello di analizzare un sistema fisico (veicolo a trazione elettrica) e progettare un adeguato sistema di controllo. Per cercare di ottenere risultati simili

Dettagli

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Sistemi Digitali di Controllo A.A. 9- p. /3 SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Prof. Alessandro De Luca DIS, Università di Roma La Sapienza deluca@dis.uniroma.it Lucidi tratti dal libro C. Bonivento, C. Melchiorri,

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO Per errore a regime si intende quello rilevato dopo un intervallo sufficientemente lungo dal verificarsi di variazioni del riferimento o da eventuali

Dettagli

Differenziazione sistemi dinamici

Differenziazione sistemi dinamici Il controllo di sistemi ad avanzamento temporale si basa sulle tecniche di controllo in retroazione, ovvero, elabora le informazione sullo stato del processo (provenienti dai sensori) in modo sa inviare

Dettagli

Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico

Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico Hermes Giberti Politecnico di Milano u robotica u La progettazione di un sistema automatico richiede una collaborazione sinergica tra le

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA CLASSE 5H Docenti: Raviola Giovanni Moreni Riccardo Disciplina: Sistemi elettronici automatici PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE FINALI Al termine

Dettagli

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO Sono stati trattati gli elementi base per l'analisi e il dimensionamento dei sistemi di controllo nei processi continui. E' quindi importante:

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2 Manuale d uso Note: Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. Per ulteriori informazioni contattare: DUEMMEGI

Dettagli

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali hanno però caratteristiche che approssimano molto bene il

Dettagli

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici PICLOCK Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica Ivancich Stefano Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici Istituto tecnico C. Zuccante Mestre A.S. 2013/2014 progetto n

Dettagli

Sistema dinamico a tempo continuo

Sistema dinamico a tempo continuo Sistema dinamico a tempo continuo Un sistema è un modello matematico di un fenomeno fisico: esso comprende le cause e gli effetti relativi al fenomeno, nonché la relazione matematica che li lega. X INGRESSO

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Capitolo 5. Implementazione sperimentale del controllo

Capitolo 5. Implementazione sperimentale del controllo Capitolo 5 Implementazione sperimentale del controllo 5.1 Allineamento, azzeramento della posizione e compensazione dell offset delle correnti acquisite La tecnica del controllo vettoriale consiste nella

Dettagli

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Esercizio T T V V on riferimento al circuito di figura, si assumano i seguenti valori: = = kω, =. µf, = 5 V. Determinare

Dettagli

PROGETTO: SISTEMA DI CONTROLLO DELLA LETTURA DI UN Hard Disk MAGNETICO

PROGETTO: SISTEMA DI CONTROLLO DELLA LETTURA DI UN Hard Disk MAGNETICO PROGETTO: SISTEMA DI CONTROLLO DELLA LETTURA DI UN Hard Disk MAGNETICO Introduzione [1] Richard C. Dorf, Robert H. Bishop, «Controlli Automatici», Edizione Pearson. [2] http://it.wikipedia.org/wiki/disco_rigido

Dettagli

Progetto di un contatore Geiger Muller

Progetto di un contatore Geiger Muller CAPITOLO V Progetto di un contatore Geiger Muller 1 Introduzione Nel presente capitolo verrà presentato un possibile progetto di un contatore Geiger- Muller. Nei paragrafi due e tre sarà analizzato lo

Dettagli

Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE

Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE Generalità pag. 2 Caratteristiche pag. 2 Modo di funzionamento pag. 3 Collegamenti pag. 3 Visualizzazioni pag. 4 Eventi pag. 4 Allarme pag. 4 Tamper pag. 4 Batteria scarica

Dettagli

TENERE a distanza le persone non qualificate e non autorizzate dell area del test DISPORRE le stazioni di test in maniera sicura e ordinata MAI

TENERE a distanza le persone non qualificate e non autorizzate dell area del test DISPORRE le stazioni di test in maniera sicura e ordinata MAI TENERE a distanza le persone non qualificate e non autorizzate dell area del test DISPORRE le stazioni di test in maniera sicura e ordinata MAI toccare prodotti o connessioni durante lo svolgimento di

Dettagli

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - L amplificatore operazionale Il componente ideale L amplificatore operazionale è un dispositivo che

Dettagli

Light controller PRO Manuale utente Cod. 112955/112956

Light controller PRO Manuale utente Cod. 112955/112956 Centralina di controllo di luci programmabile per applicazioni RC! 2. Introduzione Light controller è una scheda elettronica per sistemi RC programmabile che controlla fino a sei canali indipendenti ed

Dettagli

MANUALE ISTRUZIONI COD. 276/92. Motori, azionamenti, accessori e servizi per l'automazione

MANUALE ISTRUZIONI COD. 276/92. Motori, azionamenti, accessori e servizi per l'automazione MANUALE ISTRUZIONI COD. 276/92 CONFORMITA EMC Motori, azionamenti, accessori e servizi per l'automazione Via Ugo Foscolo 20-36030 CALDOGNO (VI)- ITALIA Tel.: 0444-905566 Fax: 0444-905593 Email: info@rowan.it

Dettagli

Università degli studi di Salerno. Project Work svolto da Federico Fabbricatore matr. 0612200629. Traccia

Università degli studi di Salerno. Project Work svolto da Federico Fabbricatore matr. 0612200629. Traccia Università degli studi di Salerno Project Work svolto da Federico Fabbricatore matr. 0612200629 Traccia SINGLE LOOP CUSTOM PROCESS con Process Model = Disturbance Model 1. adotta un controllore PID ideale

Dettagli

Controllori PID, metodi di taratura e problemi d implementazione

Controllori PID, metodi di taratura e problemi d implementazione Controllori PID, metodi di taratura e problemi d implementazione Prof. Luigi Glielmo Università del Sannio L. Glielmo 1 / 23 Contenuto della presentazione Controllori PID Metodi di taratura in anello aperto

Dettagli

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83 I convertitori c.c.-c.c. monodirezionali sono impiegati per produrre in uscita un livello di tensione diverso da quello previsto per la sorgente. Verranno presi in considerazione due tipi di convertitori

Dettagli

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come 49 Motori brushless 1. Generalità I motori brushless sono idealmente derivati dai motori in DC con il proposito di eliminare il collettore a lamelle e quindi le spazzole. Esistono due tipi di motore brushless:

Dettagli

ITIS J.F. Kennedy prof. Maurilio Bortolussi 1. Indice

ITIS J.F. Kennedy prof. Maurilio Bortolussi 1. Indice ITIS J.F. Kennedy prof. Maurilio Bortolussi 1 Indice 1 I SISTEMI LINEARI E CONTINUI NEL DOMINIO DEL TEMPO 2 1.1 Introduzione........................................ 2 1.2 La funzione di trasferimento...............................

Dettagli

Manuale Utente: AQUADIGIT PRO6 Info: npnmail@mail.com Per versione software 2.2 rx All rights reserved

Manuale Utente: AQUADIGIT PRO6 Info: npnmail@mail.com Per versione software 2.2 rx All rights reserved Manuale Utente: AQUADIGIT PRO6 Info: npnmail@mail.com Per versione software 2.2 rx All rights reserved Indice: Schema generale Input/output Installazione 1 Collegamento delle linee led 2 Collegamento delle

Dettagli

1 Unità di generazione PWM del ADMCF32X

1 Unità di generazione PWM del ADMCF32X SOMMARIO 1 UNITÀ DI GENERAZIONE PWM DEL ADMCF3X... 1 PWM TIMER OPERATION... REGISTRO PWMTM... REGISTRO PWMDT (DEAD-TIME REGISTER)... PWM DUTY-CYCLE... 3 PWMTRIP... 3 GENERAZIONE DI MODELLI SINUSOIDALI

Dettagli

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω GIROSCOPIO Scopo dell esperienza: Verificare la relazione: ω p = bmg/iω dove ω p è la velocità angolare di precessione, ω è la velocità angolare di rotazione, I il momento principale d inerzia assiale,

Dettagli

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE 1 INFRASTRUTTURE FERROVIARIE TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE A.A. 2008-09 2 DISTANZIAMENTO DEI TRENI Criteri di sicurezza La tecnica della marcia guida vincolata si basa sul vincolo, imposto dalla via per la

Dettagli

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8.

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Programmare i PIC in C Prerequisiti: Lezione7 Lezione8 Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L15 1 Timers - Interrupts I timers e gli Interrupts

Dettagli

Sommario Indietro >> Aggiungi Rimuovi Lingua? Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida

Sommario Indietro >> Aggiungi Rimuovi Lingua? Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida Sommario Indietro >> Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida Personalizzazione Apertura del pannello di controllo Funzioni del pannello di controllo Schede Elenchi del pannello di controllo

Dettagli

K8076 Manuale utente

K8076 Manuale utente K8076 Manuale utente Informazioni generali 1. Introduzione La ringraziamo per aver acquistato e realizzato questo kit Velleman. Il K8076 rappresenta un programmatore per uso didattico, in grado di programmare

Dettagli

Manuale istruzioni elettroniche CNC

Manuale istruzioni elettroniche CNC Manuale istruzioni elettroniche CNC Scheda 3 assi GP010-3 A Scheda 4 assi GP010-4 A Interfaccia parallela GPIP-4X Kit 3 assi GP10 3 AM-18 Kit 4 assi GP10 4 AM-18 Kit 3 assi GP10 3 AM-31 Kit 4 assi GP10

Dettagli

è importante farci conoscere e comunicare ai giovani la nostra passione e poi, si sa, da cosa nasce cosa... Premessa. Il Progetto.

è importante farci conoscere e comunicare ai giovani la nostra passione e poi, si sa, da cosa nasce cosa... Premessa. Il Progetto. La Radio nelle scuole, storia di un progetto portato a termine dalla Sezione ARI di Padova in collaborazione con l Istituto Tecnico Industriale F. Severi di Padova. è importante farci conoscere e comunicare

Dettagli

MATLAB Analisi di Sistemi LTI

MATLAB Analisi di Sistemi LTI Esercitazione 1/30 MATLAB Analisi di Sistemi LTI Vincenzo LIPPIELLO PRISMA Lab Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Napoli Federico II vincenzo.lippiello@unina.it www.prisma.unina.it

Dettagli

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

Elettronica e Microcontrollori

Elettronica e Microcontrollori Elettronica e Microcontrollori Costruiamo un trasmettitore per radiocomando a 433MHz con un PIC16F628A e pochi altri componenti. Autore: Antonio d'abbieri Data progetto: 10.05.2011 Microcontrollore: PIC16F628A

Dettagli

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia E-mail: lucia@unipv.it 1 Avviamento del

Dettagli

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH F42-LAB-pag 11-13-ok 27-04-2006 16:15 Pagina 11 LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH COMPONENTI 1. Il componente allegato a questo fascicolo è il più sofisticato di tutta la fase di assemblaggio: con esso il

Dettagli

Misure di frequenza e di tempo

Misure di frequenza e di tempo Misure di frequenza e di tempo - 1 Misure di frequenza e di tempo 1 - Contatori universali Schemi e circuiti di riferimento Per la misura di frequenza e di intervalli di tempo vengono diffusamente impiegati

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi armonica e metodi grafici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. Analisi

Dettagli

Riprogrammazione del robot Ruttolo

Riprogrammazione del robot Ruttolo UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettronica per lʼautomazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica Mobile (Prof. Riccardo Cassinis)

Dettagli

PROGETTO ROBOT BIPEDE

PROGETTO ROBOT BIPEDE Esame di stato 2012/2013 PROGETTO ROBOT BIPEDE Dalla Pellegrina Ivan Indice Introduzione Progetto Ricerca I vantaggi della costruzione di un Robot Lista materiali (breve descrizione componenti) Principio

Dettagli

Università degli studi di Roma La Sapienza. Laboratorio di Automatica

Università degli studi di Roma La Sapienza. Laboratorio di Automatica Università degli studi di Roma La Sapienza DIS Dipartimento di Informatica e Sistemistica Laboratorio di Automatica Implementazione di un controllore PID digitale per il controllo di posizione di un motore

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

TRASDUTTORI DI POSIZIONE: ENCODER Generalità:

TRASDUTTORI DI POSIZIONE: ENCODER Generalità: TRASDUTTORI DI POSIZIONE: ENCODER Generalità: L'Encoder è un apparato elettromeccanico che converte la posizione angolare del suo asse rotante in un segnale elettrico digitale. Collegato ad opportuni circuiti

Dettagli

Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio

Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio I motori elettrici si possono suddividere in varie categorie (vedi figura 1), che si differenziano a seconda della tensione di alimentazione

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

Regolatore Elettronico Automotive per Valvole Proporzionali Singolo Solenoide

Regolatore Elettronico Automotive per Valvole Proporzionali Singolo Solenoide Il comando REP-A400 è nato per pilotare fino a 4 valvole proporzionali sia ad anello aperto,cioè quelle valvole che non hanno il trasduttore di posizionamento interno, sia quelle retro-azionate. Il REP-A400

Dettagli

Disturbi e schermature

Disturbi e schermature Disturbi e schermature Introduzione Cause di degrado di un segnale: il rumore,, un contributo legato alla fisica del moto dei portatori di carica nei dispositivi, descritto da leggi statistiche; Filtraggio

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Specializzazioni: Elettronica e Telecomunicazioni Elettrotecnica - Informatica Modesto Panetti

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Specializzazioni: Elettronica e Telecomunicazioni Elettrotecnica - Informatica Modesto Panetti ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Specializzazioni: Elettronica e Telecomunicazioni Elettrotecnica - Informatica Modesto Panetti BARI Via Re David 186 - Tel : 080/5425512 080/5560840 Anno Scolastico : 2009/2010

Dettagli