La lampada a fessura è composta da un sistema di osservazione, il biomicroscopio e un sistema di illuminazione,

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La lampada a fessura è composta da un sistema di osservazione, il biomicroscopio e un sistema di illuminazione,"

Transcript

1 L Oftalmometro Strumento oggettivo per la misurazione dei parametri corneali. Lo strumento misura solo l area centrale della cornea, circa 4 mm di diametro. I valori espressi dalla scala di misurazione possono essere in diottrie o millimetri. La taratura dello strumento è fondamentale nell applicazione delle lenti a contatto. in quanto i parametri fisici letti con lo strumento, devono corrispondere poi ad una lente da applicare. Una volta messe a fuoco le mire sulla superficie corneale, si fanno collimare facendo attenzione che la linea obliqua di riferimento dello strumento, tagli in due le mire. Si esegue la prima misurazione, quindi si fa traslare lo strumento di 90, per misurare il secondo valore. Se partiamo con le mire posizionate a 180 e poi passiamo a 90 e le mire rimangono collimate siamo in assenza di astigmatismo corneale (fig. A) se invece si sovrappongono, l astigmatismo che noi rileviamo è secondo regola (fig. B). Viceversa se passando da 180 a 90 le mire si allontanano l astigmatismo è contro regola (fig. C). Le due mire sono generalmente una rossa e una verde, questo per migliorare la lettura e la collimazione, la mira verde (generalmente) presenta dei gradini, ogni gradino rappresenta circa una diottria di astigmatismo. Entrambe le mire presentano una linea nera centrale: la linea di fede. Questa linea deve essere collimata in modo che formi una linea continua tra le due mire. una volta raggiunta la collimazione abbiamo rilevato il meridiano principale, ovviamente ci sono due meridiani principali: uno più piatto (in genere a 180 ) e uno più stretto (in genere a 90 ). La differenza tra i due meridiani rappresenta l astigmatismo corneale. A B C MIRE NON ALLINEATE MIRE ALLINEATE MIRE ALLINEATE E COLLIMATE Lampada a fessura (biomicroscopio) La lampada a fessura è composta da un sistema di osservazione, il biomicroscopio e un sistema di illuminazione, la lampada a fessura. Nell attività contattologica, è necessario saper utilizzare la lampada a fessura ed avere la padronanza delle tecniche d illuminazione per osservare gli strati corneali e la struttura dell occhio esterno, comprendere i fenomeni legati all utilizzo delle lenti a contatto, riconoscendo quelli avversi e applicando così le lenti in modo sicuro. La lampada a fessura si avvale di 5 tecniche di osservazione base. Queste permettono un controllo approfondito dell occhio esterno e permettono di ottimizzare l applicazione delle lenti a contatto. Le tecniche d illuminazione base si dividono in dirette e indirette. L illuminazione diretta si ha quando la lampada a fessura e il biomicroscopio sono rivolti verso lo stesso punto e fra queste ricordiamo: Diretta; Diffusa; Parallelepipedo; Sezione Ottica; Fascio Conico. Mentre l illuminazione indiretta si ha quando la lampada a fessura e il biomicroscopio non sono rivolti verso lo stesso punto e fra queste ricordiamo: Indiretta; Retroilluminazione; Diffusione Sclerale. Esercitazioni di Contattologia Gli Esami Preliminari 1

2 Illuminazione diffusa: è adatta per il controllo generale dell occhio esterno, del centraggio e movimento delle lenti; si ottiene ponendo un diffusore davanti al fascio di luce. Si utilizza, in questo caso, un basso ingrandimento. L illuminazione parallelepipeda o a fascio: è impiegata per l osservazione di piccoli dettagli. Un fascio di luce abbastanza ampio è indirizzato verso la cornea, formando un blocco illuminato del tessuto corneale. Se si desidera osservare approfonditamente i corpi presenti nell occhio, è necessario ridurre l ampiezza della fessura e inclinare il fascio di luce, in modo da ottenere una visione di tipo trasversale della cornea (sezione ottica della cornea) e del cristallino (sezione ottica del cristallino). Retroilluminazione: Consente l aumento del contrasto per osservare i corpi indistinti presenti nella cornea; è adatta all osservazione d alterazioni corneali e metaboliche (leucomi, microcisti vacuoli). Si ottiene osservando la luce riflessa dal tessuto irideo direttamente sulla cornea (fonte luminosa posteriore). Diffusione Sclerale: Sfrutta la similitudine fra la cornea e una fibra ottica. Illuminando il bordo della cornea la luce compirà tutto il tragitto all interno della stessa uscendo nella zona limbare opposto alla zona illuminata. La diffusione luminosa permetterà di evidenziare anomalie quali alterazioni corneali. abrasioni o edema. La riflessione speculare consente l osservazione dell endotelio mediante un forte ingrandimento. Indirizzare il biomicroscopio e la fonte di luce in direzioni opposte, in modo tale che l angolo d incidenza coincida con quello di riflessione dell immagine Il biomicroscopio deve essere orientato in modo da ricevere direttamente la luce riflessa dalla cornea. Osservando l immagine secondaria vicino alla luce riflessa sulla superficie corneale, potremo notare la pavimentazione esagonale dell endotelio, le diverse dimensioni delle cellule - polimegatismo - o la forma irregolare delle stesse - pleomorfismo. 2 Esercitazioni di Contattologia Esami Preliminari

3 La Fluoresceina Un colorante fondamentale per l ispezione dell occhio esterno e la valutazione dell applicazione delle lenti a contatto è la fluoresceina. La fluoresceina, disponibile allo stato solido in comodi strip, è utilizzata per colorare il film lacrimale. Questo colorante aggiunto al film lacrimale mette in evidenza eventuali anomalie corneo/congiuntivali e la possibilità di osservare la disposizione della lacrima sotto la lente gas permeabile per valutarne l appoggio e l impatto che può avere sulla cornea. Per le LaC morbide si usa la fluoresceina macromolecolare poiché la normale fluoresceina penetra la struttura idrofila della lente e la colora. Altri coloranti utilizzati in contattologia sono il rosa bengala, il verde di lissamina, il blu di metilene e il blu di bromotimolo. Dopo avere installato la fluoresceina nel film lacrimale, illuminiamo l area da osservare utilizzando una luce blu cobalto. Anteponiamo fra gli oculari del biomicroscopio e l area da osservare un filtro di barriera giallo. Si può osservare che la luce blu fa emettere alla fluoresceina una luce verde, mentre il filtro giallo blocca la restante luce blu, riflessa dalla superficie corneo sclerale, aumentando in tal modo il contrasto. Esami preliminari e osservazione dell occhio esterno Esame refrattivo e valutazione dell acuità visiva Per prima cosa è bene valutare l acuità visiva e controllare la correzione in uso. Spesso si tende ad escludere questa parte dell esame preliminare affidandoci alla misurazione di occhiali di qualche anno fa, o, ancor peggio, alla memoria del nostro cliente. Un buon esame refrattivo preapplicativo ci permette di conoscere l acuità visiva con la correzione in uso, di migliorarla se necessario e di non avere sorprese nel caso di visus non soddisfacenti, conoscendo a priori la capacità visiva del soggetto in esame. Misurazione dei parametri dimensionali La misurazione dei parametri corneali è tanto importante quanto la valutazione della qualità visiva. L utilizzo dell oftalmometro è importante tanto quanto l utilizzo della lampada a fessura. La corretta misurazione dei parametri, oltre a fornire i parametri dimensionali della cornea sui meridiani principali, ci permette di conoscere l astigmatismo corneale e la regolarità della superficie. I parametri corneali determinano la scelta della curva base delle lenti a contatto, morbide e rigide. La misurazione dei meridiani corneali nelle visite di controllo ci aiuta a capire se e come la lente applicata interferisce con la struttura della cornea. Oltre alla misurazione dei parametri corneali, è importante acquisire il diametro corneale orizzontale (utile nell applicazione delle lenti morbide) (Immagine 1) e l apertura palpebrale (utile nella scelta del diametro di una lente rigida gaspermabile) (Immagine 2). Esercitazioni di Contattologia Gli Esami Preliminari 3

4 Valutazione della qualità lacrimale La presenza di un buona qualità del film lacrimale garantisce un applicazione di successo; di contro una scarsa qualità lacrimale può compromettere l applicazione delle lenti a contatto. Diventa, quindi, importante controllare la condizione lacrimale del soggetto in esame. Un attenta valutazione della qualità lacrimale, e, di conseguenza, una corretta combinazione fra i tre componenti del liquido lacrimale,-mucoso, acquoso e lipidico,-diventano fondamentali per una corretta applicazione delle lenti a contatto. L applicazione di lenti in condizioni di scarsa lacrimazione può essere gestita in modo migliore utilizzando lenti a contatto rigide-gas-permeabili o lenti morbide che ben si coniughino con la situazione alterata del film lacrimale, sia sotto il profilo fisico che chimico. Alcune condizioni di scarsa lacrimazione, definite spesso in modo improprio di occhio secco sono, invece, generati da stati fisici come la menopausa, la gravidanza o dall utilizzo di contraccettivi orali, di alcuni farmaci quali antistaminici e antidepressivi. E da tenere in considerazione anche l eventuale contaminazione del film lacrimale in soggetti con problemi di acne rosacea, seborrea e acne. L utilizzare cosmetici o sfregarsi gli occhi con le dita sporche può causare la contaminazione del film lacrimale. Queste condizioni, se associate a ricorrenti blefaro-congiuntiviti, possono diventare delle concrete controindicazioni all uso delle lenti a contatto. Esistono alcuni test che ci possono aiutare a misurare non solo la quantità lacrimale, dal punto di vista volumetrico, ma anche la qualità della lacrima. E da premettere, ad ogni modo, che alcuni dei test più utilizzati e conosciuti sono invasivi; ciò comporta una scarsa attendibilità a causa della lacrimazione riflessa indotta dall esecuzione del test. E buona norma per avere dei dati interessanti, prima eseguire i test non invasivi, e a seguire quelli sempre più invasivi. Test quantitativi e qualitativi del film lacrimale B.U.T. (break Up Time) Tempo di rottura lacrimale Si definisce come tempo di rottura del film precorneale l intervallo di tempo che intercorre tra un ammiccamento completo e la comparsa della prima area secca. Si utilizza come mezzo di contrasto la fluoresceina. Valori > 15 sec. lacrimazione ottima Valori tra 10~15 sec. lacrimazione buona Valori < 10 sec. lacrimazione instabile Valori < 5 secondi lacrimazione critica L utilizzo di fluoresceina, spesso in strip, induce una risposta lacrimale. E un test invasivo. 4 Esercitazioni di Contattologia Esami Preliminari

5 N.I.B.U.T. (Non Invasive Break Up Time) Valutazione non invasiva del tempo di rottura del film lacrimale Al contrario del B.U.T, il N.I.B.U.T. è un est non invasivo perché non è prevista l instillazione di un marker cioè di un contrastante. Può essere misurato con un cheratometro a mire circolari oppure con il tearscopetm. Viene misurato il tempo che intercorre fra l ultimo ammiccamento e la prima distorsione dell immagine riflessa dal film lacrimale (NIBUT cheratometrico) la comparsa della prima zona grigia (NIBUT a campo ampio). E considerato accettabile un valore uguale o maggiore di 18/20 secondi. Sotto i 10 secondi viene sospettata la presenza di secchezza oculare. SCHIRMER TEST Quantità percentuale volumetrica Il test di Schirmer è utilizzato per misurare la secrezione totale del liquido lacrimale (soprattutto acquoso) e prevede l utilizzo di strisce di carta bibula lunghe 30 mm e larghe 5 mm. Queste vengono poste delicatamente nell intersezione tra palpebra inferiore e sclera nella zona temporale. Il portatore deve tenere gli occhi aperti e guardare in alto (può ammiccare) per un periodo di 5 min. Valore nella norma >10 mm Valore 5~10 mm lacrimazione limite Valore < 5 mm sospetta secchezza oculare Al fine di ridurre il fastidio prodotto dalla carta bibula, alcuni ricercatori hanno standardizzato il test anche per un minuto. Il risultato che si ottiene, si moltiplica per un fattore di 3. Il risultato e le valutazioni sono perfettamente paragonabili a quelle ufficiali di Schirmer. Anche in questo caso, come per B.U.T., ricordiamo che è un test invasivo che può alterare la risposta lacrimale. M.L.M.I. (Menisco Lacrimale Marginale Inferiore) Valutazione del menisco lacrimale marginale inferiore Il test prevede la misurazione del menisco lacrimale marginale inferiore (quello che si forma nella zona di contatto fra la rima palpebrale inferiore e la cornea). Si utilizza un reticolo millimetrato con incrementi di 0.1 mm inserito in un oculare della lampada a fessura. La valutazione si esegue, nella parte centrale del menisco, dopo circa 3 secondi dall ultimo ammiccamento. Se l altezza è inferiore a 0.2 mm si può sospettare una condizione di secchezza oculare. Esame dell occhio esterno con la lampada a fessura L utilizzo della lampada a fessura nell esame pre applicativo è di vitale importanza. Il controllo dell occhio esterno (palpebre, congiuntiva e cornea) dovrebbe essere effettuato ogni volta che applichiamo delle lenti a contatto o effettuiamo un esame post applicativo. Palpebre La condizione delle palpebre è un importante fattore nell applicazione delle lenti a contatto. Una palpebra tesa, rigida, potrebbe indurre un decentramento della lente stessa o, nel caso di una lente morbida torica, una rotazione che rischierebbe di compromettere la corretta visione. Una palpebra troppo alta potrebbe compromettere il comfort impattando con il bordo della lente. Una palpebra troppo bassa, come nel caso di una ptosi, potrebbe trattenere la lente impedendone un corretto movimento. Esercitazioni di Contattologia Gli Esami Preliminari 5

6 Ricordiamo, inoltre, che la dimensione dell apertura palpebrale, influisce sulla scelta dei parametri dimensionali di una lente vincolando la scelta del diametro finale; per esempio un apertura palpebrale ridotta richiederà un ridotto diametro della lente. Una delle funzioni delle palpebre è quella di distendere il film lacrimale garantendone un corretto ricambio. Inoltre il movimento delle palpebre favorisce la fuoriuscita dei vari componenti lacrimali dalle ghiandole preposte alla produzione del secreto. Facile dedurre che una condizione palpebrale anomala che limiti e alteri il corretto ammiccamento può portare, specialmente nei portatori di lenti a contatto, a complicanze che potrebbero rivelarsi serie: iperemia a ore 3 & 9, causata dall incompleto ammiccamento che lascia scoperta la congiuntiva esposta generando una progressiva evaporazione del film lacrimale; edema indotto dal mancato ricambio lacrimale sotto la lente; la riduzione della qualità visiva a causa del progressivo appannamento della superficie della lente. Anche il numero degli ammiccamenti è importante. Di norma in un soggetto si verifica un ammiccamento ogni 5 secondi; la riduzione degli ammiccamenti, specialmente in condizioni ambientali non favorevoli (aria condizionata, utilizzo del videoterminale, ambiente secco), possono portare ad un intolleranza alle lenti a contatto. Durante l osservazione delle palpebre, quindi, è importante valutarne la tensione, l apertura, la completa chiusura ed il numero di ammiccamenti. Cornea e congiuntiva La cornea, per sua natura, non contiene vasi sanguigni che ne comprometterebbero la trasparenza. L assunzione di nutrimento avviene attraverso il film lacrimale, i vasi parilimbari e l umor acqueo presente nella camera anteriore. E facile intuire che l applicazione di una lente a contatto può interferire con il fragile equilibrio metabolico della cornea. Nell esame preapplicativo l osservazione della cornea e della congiuntiva ci permette di osservare la struttura dell occhio esterno e di valutarne lo stato. Un attenta valutazione e registrazione delle osservazioni pone le basi per una corretta gestione delle visite di controllo post applicative. L identificazione di fenomeni come cicatrici, infiltrati, disepitelizzazioni, neovascolarizzazioni, nell esame preapplicativo, mette al riparo da eventuali errori di valutazione nei controlli post applicativi. In questo caso l utilizzo delle Gradin Scales (tabelle di comparazione), ci aiuta ad una corretta valutazione e quantificazione dei fenomeni osservati. Vediamo, di seguito, le fasi di osservazione dell occhio esterno con il biomicroscopio. Per un analisi d insieme, utilizziamo inizialmente un basso ingrandimento e un illuminazione diffusa, andando poi ad aumentare l ingrandimento, ed eventualmente ad utilizzare l illuminazione parallelepipeda o la retro illuminazione ogni volta che si mettono a fuoco i dettagli. Controlliamo il grado di vascolarizzazione limbare e bulbare, confrontandolo con la Grading Scales in uso, ed osserviamolo con un illuminazione diffusa medio ingrandimento. Verifichiamo la presenza di infiltrati utilizzando un alto ingrandimento e passando ad un illuminazione parallelepipedo. Gli infiltrati sono accumuli sotto epiteliali, intraepiteliali o stromali di leucociti. Se osservati con un illuminazione parallelepipedo, questi appaiono di colore grigio biancastro con bordi più o meno definiti. Verifichiamo la presenza di strie nello stroma, utilizzando un alto ingrandimento, ma passando ad una illuminazione diretta. 6 Esercitazioni di Contattologia Esami Preliminari

7 Le strie si presentano come sottili linee verticali nello stroma profondo ed assomigliano ad incrinature nel vetro. La comparsa della prima stria indica che il rigonfiamento dovuto all edema corneale ha raggiunti l 8%. All aumento di ogni punto percentuale la cornea tende a presentare una stria in più. Esempio 9% di edema 2 strie, 10% di edema 3 strie. Utilizziamo un forte ingrandimento ed un illuminazione a parallelepipedo per osservare le pieghe che appaiono come linee chiare, osservando lo stroma profondo con un illuminazione diretta, o, come linee scure, se osserviamo l endotelio utilizzando la riflessione speculare. Erroneamente si considera la fluoresceina dominio dell applicatore di lenti rigide gas-permeabili. Utilizziamo sempre la fluoresceina nell esame della superficie oculare perché consente all osservatore di scoprire le più piccole anomalie sulla superficie oculare altrimenti invisibili con una luce bianca. Osserviamo la cornea e la congiuntiva utilizzando un illuminazione diffusa e un basso ingrandimento e poi passiamo ad un illuminazione a parallelepipedo ed osserviamo l ubicazione e l intensità della colorazione epiteliale e stromale. Esercitazioni di Contattologia Gli Esami Preliminari 7

8 8 Esercitazioni di Contattologia Esami Preliminari

ECM Formazione A Distanza

ECM Formazione A Distanza ECM Formazione A Distanza Con questo numero dell OTTICO continua anche per il 2008 in virtù della proroga accordata dal Ministero e dalla Regione Lombardia, una grande iniziativa formativa che completa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LATTARI

PROGRAMMAZIONE LATTARI PROGRAMMAZIONE LATTARI 1T ESERCITAZIONE DI LENTI OFTALMICHE Modulo 1: cenni di anatomia oculare: Unità didattica 1: le tre tonache che rivestono il bulbo oculare Unità didattica 2: gli organi accessori

Dettagli

Le funzioni del software presenti in tutte le versioni del programma. Tipologia di esami 2 PERCHÈ SCEGLIERE I.C.P.

Le funzioni del software presenti in tutte le versioni del programma. Tipologia di esami 2 PERCHÈ SCEGLIERE I.C.P. 2 PERCHÈ SCEGLIERE I.C.P. 3 SCHEDA OPTOMETRICA Le funzioni del software presenti in tutte le versioni del programma RISULTATI TEST PARAMETRIZZATI Confronto tra immagini del database Il salvataggio di immagini

Dettagli

Condizione oculare in cui la potenza refrattiva dell occhio non è proporzionata alla distanza fra l apice corneale e la retina (lunghezza assiale)

Condizione oculare in cui la potenza refrattiva dell occhio non è proporzionata alla distanza fra l apice corneale e la retina (lunghezza assiale) Ovvero le ametropie che possiamo riscontrare nell occhio Ametropia Condizione oculare in cui la potenza refrattiva dell occhio non è proporzionata alla distanza fra l apice corneale e la retina (lunghezza

Dettagli

L esame clinico del film lacrimale in contattologia

L esame clinico del film lacrimale in contattologia L esame clinico del film lacrimale in contattologia Alessandro Fossetti, Pietro Gheller I principali test che ogni applicatore di lenti a contatto dovrebbe conoscere. Fig. 1 CANDEES - Canadian Dry Eye

Dettagli

L Astigmatismo DEFINIZIONE CONOIDE DI STURM CLASSIFICAZIONE

L Astigmatismo DEFINIZIONE CONOIDE DI STURM CLASSIFICAZIONE DEFINIZIONE L Astigmatismo Roberto VOLPE roberto.volpe@unifi.it ASTIGMATISMO è un Ametropia molto frequente Il nome deriva dal Greco ove stígma indica punto e a è inteso come elemento privativo, e si traduce

Dettagli

Si definisce astigmatico l occhio che con l accomodazione completamente

Si definisce astigmatico l occhio che con l accomodazione completamente ASTIGMATISMO Si definisce astigmatico l occhio che con l accomodazione completamente rilassata focalizzerà l immagine di un punto posto ipoteticamente all infinito in due focali rappresentate da due linee

Dettagli

L esame in lampada a. Ottica della Contattologia I. L esame in lampada a fessura. La lampada a fessura. Sistema di Osservazione

L esame in lampada a. Ottica della Contattologia I. L esame in lampada a fessura. La lampada a fessura. Sistema di Osservazione Ottica della Contattologia I L esame in lampada a fessura L esame in lampada a fessura Dr. Fabrizio Zeri zeri@fis.uniroma3.it La valutazione dell ambiente delle lac (cornea, congiuntiva, palpebre, film

Dettagli

SINONIMI: CHERATOCONOCONGENITO CORNEA CONICA

SINONIMI: CHERATOCONOCONGENITO CORNEA CONICA CHERATOCONO SINONIMI: CHERATOCONOCONGENITO CORNEA CONICA COS E Affezione della cornea caratterizzata da un aumento della sua curvatura in regione paracentrale che causa una deformazione a cono cui conseguono

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz Semeiotica della funzione visiva - I

www.fisiokinesiterapia.biz Semeiotica della funzione visiva - I www.fisiokinesiterapia.biz Semeiotica della funzione visiva - I APPROCCIO RAZIONALE AL PAZIENTE OCULISTICO AMBULATORIALE CARTELLA ANAMNESI ESAME OBBIETTIVO ESAME FUNZIONALE ACCERTAMENTI SUPPLEMENTARI PRESCRIZIONE

Dettagli

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana L OCCHIO SECCO

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana L OCCHIO SECCO IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana L OCCHIO SECCO CAMPAGNA DI INFORMAZIONE DI SANITA' PUBBLICA SULLE MALATTIE CHE CAUSANO CECITA' O IPOVISIONE NELL'AMBITO DI PROGRAMMI

Dettagli

Scheda informativa sull impianto di lenti a contatto

Scheda informativa sull impianto di lenti a contatto Scheda informativa sull impianto di lenti a contatto Gentile Signor, Lei è portatore in entrambi gli occhi di un difetto della rifrazione denominato... Lei è portatore nel solo occhio.di un difetto della

Dettagli

Programma dell incontro

Programma dell incontro Corso di formazione professionale post-diploma in Ottica e Optometria PRESENTAZIONE Anno scolastico 2012-2013 Materia www.centrostudi.it Programma dell incontro Presentazione Piano di studi e relativi

Dettagli

Dry eye è il termine inglese utilizzato per indicare la Sindrome da occhio secco, ipolacrimia o cheratocongiuntivite secca.

Dry eye è il termine inglese utilizzato per indicare la Sindrome da occhio secco, ipolacrimia o cheratocongiuntivite secca. Dry eye è il termine inglese utilizzato per indicare la Sindrome da occhio secco, ipolacrimia o cheratocongiuntivite secca. È una malattia cronica della superficie oculare a origine multifattoriale caratterizzata

Dettagli

www.otticasanmarco.it

www.otticasanmarco.it Guida alla collimazione con oculare Cheshire 1 Introduzione Di seguito, prima della descrizione della procedura con la collimazione tramite il cheshire avanzato, verranno illustrate le procedure per l

Dettagli

Università degli studi di Padova. Dipartimento di Fisica e Astronomia. Tesi di Laurea

Università degli studi di Padova. Dipartimento di Fisica e Astronomia. Tesi di Laurea Università degli studi di Padova Dipartimento di Fisica e Astronomia Corso di Laurea triennale in Ottica e Optometria Tesi di Laurea Studio quantitativo e qualitativo della componente lipidica del film

Dettagli

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA LA MIOPIA Si parla di miopia quando la vista da lontano è ridotta. Il miope vede bene a distanza ravvicinata, mentre le immagini lontane appaiono sfuocate. La ragione

Dettagli

L Occhio Rosso. Occhio rosso presente in soggetti che ancora non hanno fatto uso di Lac (occhio rosso primitivo)

L Occhio Rosso. Occhio rosso presente in soggetti che ancora non hanno fatto uso di Lac (occhio rosso primitivo) L Occhio Rosso Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria di Pisa L OCCHIO ROSSO Cio che si arrossa e di norma la congiuntiva, ma non solo!!! Occhio rosso primitivo Occhio rosso secondario ad uso

Dettagli

Occhio secco: inquadramento

Occhio secco: inquadramento AZIENDA OSPEDALIERA G. SALVINI GARBAGNATE MILANESE Occhio secco: inquadramento Dott.ssa C. Gozzini 24 Marzo 2010 divisione di Sessione finale 2008 L occhio secco è una malattia multifattoriale delle lacrime

Dettagli

ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA

ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA Lezione quinta parte Dott.ssa Annamaria Fiarè Gli oggetti che si osservano al MICROSCOPIO OTTICO sono generalmente trasparenti

Dettagli

ANATOMIA E FISIOLOGIA OCULARE

ANATOMIA E FISIOLOGIA OCULARE ANATOMIA E FISIOLOGIA OCULARE Dr. U. Benelli U.O. Oculistica Universitaria Pisa oculista@tin.it L occhio L occhio è un trasduttore che: Trasforma in segnale bioelettrico i fotoni che provengono dal mondo

Dettagli

L esame del film lacrimale

L esame del film lacrimale Ottica della Contattologia I L esame del film lacrimale L esame del film lacrimale Risposta soggettiva del paziente Esame della superficie oculare Test lacrimali Dr. Fabrizio Zeri zeri@fis.uniroma3.it

Dettagli

I VIZI DI REFRAZIONE EMMETROPIA ACCOMODAZIONE. Occhio: sistema diottrico con potere refrattivo 60 D

I VIZI DI REFRAZIONE EMMETROPIA ACCOMODAZIONE. Occhio: sistema diottrico con potere refrattivo 60 D I VIZI DI REFRAZIONE Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria EMMETROPIA Occhio: sistema diottrico con potere refrattivo 60 D Emmetropia: quando ad accomodazione rilasciata i raggi luminosi vanno

Dettagli

Guida alla lettura della Topografia Corneale

Guida alla lettura della Topografia Corneale CHEratoconici ONLUS Guida alla lettura della Topografia Corneale A cura della dott.ssa A.Balestrazzi CHEratoconici ONLUS Pagina 1 di 10 CHEratoconici ONLUS Sommario 1. Premessa 3 2. La topografia corneale

Dettagli

ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012

ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012 ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012 Scuola primaria «Calvino» - Moncalieri - Laboratorio "LUCE E VISIONE" con Rosanna Petiti 1 1^ incontro Scoprire quali sono

Dettagli

OTTICA DELLA VISIONE Mauro Zuppardo 2015

OTTICA DELLA VISIONE Mauro Zuppardo 2015 OTTICA DELLA VISIONE OTTICA DELLA VISIONE STIGMATICO ASTIGMATICO OTTICA DELLA VISIONE 90 SUPERFICIE TOROIDALE Disco di Minima Confusione Intervallo di Sturm Asso O=co OTTICA DELLA VISIONE Disco di Minima

Dettagli

/ $33/,&$=,21(',/(17,$&217$772,1 (7 3(',$75,&$ &RQVLGHUD]LRQLJHQHUDOLHDOFXQHOLQHHJXLGD

/ $33/,&$=,21(',/(17,$&217$772,1 (7 3(',$75,&$ &RQVLGHUD]LRQLJHQHUDOLHDOFXQHOLQHHJXLGD / $33/,&$=,21(,/(17,$&217$772,1 (7 3(,$75,&$ &RQVLGHUD]LRQLJHQHUDOLHDOFXQHOLQHHJXLGD $OEHUWR0DQJDQRWWL Prima di applicare le lenti a contatto in un bambino dobbiamo misurare le reali indicazioni all uso,

Dettagli

Per Approfondire. {tab=a cosa serve} Le lac correggono gli stessi difetti di vista correggibili occhiali: Miopia; Ipermetropia; Astigmatismo;

Per Approfondire. {tab=a cosa serve} Le lac correggono gli stessi difetti di vista correggibili occhiali: Miopia; Ipermetropia; Astigmatismo; - Che cosa è: una lente a contatto (lac) è un disco di plastica sottile e trasparente capace di galleggiare sulla superficie oculare. - Che cosa aspettarsi: le lac correggono la vista al pari degli occhiali,

Dettagli

Noi vediamo gli oggetti, perché la luce emessa dalla sorgente arriva all oggetto e si diffonde in tutte le direzioni poi la luce che l oggetto

Noi vediamo gli oggetti, perché la luce emessa dalla sorgente arriva all oggetto e si diffonde in tutte le direzioni poi la luce che l oggetto Noi vediamo gli oggetti, perché la luce emessa dalla sorgente arriva all oggetto e si diffonde in tutte le direzioni poi la luce che l oggetto rimanda indietro arriva ai nostri occhi. Dipende da: SI PROPAGA

Dettagli

LASIK: ritrattamenti in casi complicati

LASIK: ritrattamenti in casi complicati Capitolo 3 LASIK: ritrattamenti in casi complicati Giuseppe Perone, Filippo Incarbone La LASIK (1), di elezione per la correzione chirurgica primaria dei difetti refrattivi, può essere utilizzata con successo

Dettagli

PROTEZIONE DELLA VISTA E DEL CAPO

PROTEZIONE DELLA VISTA E DEL CAPO NORME EUROPEE PER LA PROTEZIONE DELLA VISTA Norme principali Norme per tipologia di filtro (lenti) Saldatura EN116 Requisiti di base EN169 Filtri per saldatura EN175 Dispositivi per la protezione degli

Dettagli

CONTROLLO MANUALE DELLE SALDATURE

CONTROLLO MANUALE DELLE SALDATURE CONTROLLO MANUALE DELLE SALDATURE NOTE 1/12 Annotazioni Le informazioni riportate in questo documento sono suscettibili di cambiamenti senza preavviso. GILARDONI S.p.A. NON FORNISCE NESSUNA GARANZIA RIGUARDO

Dettagli

Costruirsi un cannocchiale galileiano

Costruirsi un cannocchiale galileiano Costruirsi un cannocchiale galileiano I. INFORMAZIONI PRELIMINARI - IL PRINCIPIO OTTICO Un cannocchiale galileiano impiega due sole lenti. La lente obbiettiva è convergente (piano-convessa), la lente oculare

Dettagli

Sistema theremino Theremino Spectrometer Tecnologia

Sistema theremino Theremino Spectrometer Tecnologia Sistema theremino Theremino Spectrometer Tecnologia Sistema theremino - Theremino Spectrometer Technology - 15 agosto 2014 - Pagina 1 Principio di funzionamento Ponendo una telecamera digitale con un reticolo

Dettagli

FLIP-UP. L50 2.5x. 3.5x OTTICHE GALILEIANE. Montatura Goggle. Articolo 250 S, 250R, 250L, 250XL 350S, 350R, 350L, 350XL. Ingrandimento 2.5x 3.

FLIP-UP. L50 2.5x. 3.5x OTTICHE GALILEIANE. Montatura Goggle. Articolo 250 S, 250R, 250L, 250XL 350S, 350R, 350L, 350XL. Ingrandimento 2.5x 3. OTTICHE GALILEIANE FLIP-UP Montatura Goggle L50 2.5x 3.5x Articolo 250 S, 250R, 250L, 250XL 350S, 350R, 350L, 350XL Ingrandimento 2.5x 3.5x Distanza di lavoro Profondità di campo Campo visivo 340mm[S],

Dettagli

Il sistema nervoso e la percezione (parte III) Occhio e visione

Il sistema nervoso e la percezione (parte III) Occhio e visione Il sistema nervoso e la percezione (parte III) Occhio e visione Anatomia e funzione dell occhio (I) Lo sguardo gioca un ruolo essenziale nella relazione tra individui. Nel modulare lo sguardo rispondiamo

Dettagli

/(17,$&217$772(9,'(27(50,1$/,

/(17,$&217$772(9,'(27(50,1$/, /(17,$&217$772(9,'(27(50,1$/, Alberto Manganotti 7UDWWRGDOODUHOD]LRQHDO&RQJUHVVR1D]LRQDOHGHOOD62,GL5RPDQRYHPEUHDJJLRUQDWR Gli autori anglosassoni hanno definito "Computer Vision Syndrome" (CVS) quella

Dettagli

L OCCHIO L OCCHIO : STRUTTURA E FUNZIONAMENTO MIOPIA, IMPERMETROPIA, ASTIGMATISMO I DECIMI LE DIOTTRIE IL CRISTALLINO IL CAMPO VISIVO

L OCCHIO L OCCHIO : STRUTTURA E FUNZIONAMENTO MIOPIA, IMPERMETROPIA, ASTIGMATISMO I DECIMI LE DIOTTRIE IL CRISTALLINO IL CAMPO VISIVO L OCCHIO L OCCHIO : STRUTTURA E FUNZIONAMENTO MIOPIA, IMPERMETROPIA, ASTIGMATISMO I DECIMI LE DIOTTRIE IL CRISTALLINO IL CAMPO VISIVO L ESAME DEL FONDO OCULARE ESAME OCULISTICO DEL BAMBINO 1 L OCCHIO 2

Dettagli

Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn. Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico

Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn. Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico Parte teorica Fenomenologia di base La luce che attraversa una finestra, un foro, una fenditura,

Dettagli

CLASSE 2/A - ANATOMIA, FISIOPATOLOGIA OCULARE E LABORATORIO DI MISURE OFTALMICHE. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 2/A - ANATOMIA, FISIOPATOLOGIA OCULARE E LABORATORIO DI MISURE OFTALMICHE. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 2/A - ANATOMIA, FISIOPATOLOGIA OCULARE Programma d'esame CLASSE 2/A - ANATOMIA, FISIOPATOLOGIA OCULARE Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 2/A - ANATOMIA, FISIOPATOLOGIA OCULARE

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SULL IMPIANTO DI LENTI A CONTATTO

SCHEDA INFORMATIVA SULL IMPIANTO DI LENTI A CONTATTO Gentile Signor, Lei è portatore in entrambi gli occhi di un difetto della rifrazione denominato... Lei è portatore nel solo occhio.di un difetto della rifrazione denominato. L entità del difetto visivo

Dettagli

INDAGINI CLINICHE SUI DISPOSITIVI MEDICI : L IMPORTANZA DEI DATI CLINICI IN CONTATTOLOGIA. di Maria Vittoria Manzoli Optometrista

INDAGINI CLINICHE SUI DISPOSITIVI MEDICI : L IMPORTANZA DEI DATI CLINICI IN CONTATTOLOGIA. di Maria Vittoria Manzoli Optometrista INDAGINI CLINICHE SUI DISPOSITIVI MEDICI : L IMPORTANZA DEI DATI CLINICI IN CONTATTOLOGIA di Maria Vittoria Manzoli Optometrista Le lenti a contatto (LaC) sono classificate come dispositivi medici in materiale

Dettagli

ACUVUE OASYS for PRESBYOPIA. Regalate ai vostri clienti la libertà di portare più a lungo le lenti a contatto.

ACUVUE OASYS for PRESBYOPIA. Regalate ai vostri clienti la libertà di portare più a lungo le lenti a contatto. ACUVUE OASYS for PRESBYOPIA Regalate ai vostri clienti la libertà di portare più a lungo le lenti a contatto. Consentite ora anche ai vostri clienti affetti da presbiopia di scoprire la libertà regalata

Dettagli

Ottica fisiopatologica

Ottica fisiopatologica Ottica fisiopatologica Introduzione La visione è una funzione complessa che dipende da FATTORI AMBIENTALI interazione luce-materia FATTORI ANATOMO-FISIOLOGICI oculari sistema nervoso centrale L occhio

Dettagli

La semeiotica strumentale

La semeiotica strumentale La semeiotica strumentale Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria - Pisa Pachimetria Misura spessore corneale con ultrasuoni Valori medi centrali: 520 micron FLAP = 160 180 micron ABLAZIONE CON

Dettagli

e-scope green efficiency Strumenti tascabili

e-scope green efficiency Strumenti tascabili Strumenti tascabili green efficiency Rudolf Riester GmbH P.O. Box 35 Bruckstraße 31 DE - 72417 Jungingen Germany Tel.: (+49) +7477-9270-0 Fax.: (+49) +7477-9270-70 E-Mail: info@riester.de www.riester.de

Dettagli

MITI DA SFATARE, CERTEZZE DA CONFERMARE OSPEDALE V.BUZZI, MILANO

MITI DA SFATARE, CERTEZZE DA CONFERMARE OSPEDALE V.BUZZI, MILANO MITI DA SFATARE, CERTEZZE DA CONFERMARE OSPEDALE V.BUZZI, MILANO DOTT.SSA LUCIANA SOMAZZI DIRETTORE STRUTTURA SEMPLICE UO OCULISTICA OSPEDALE BASSINI, CINISELLO BALSAMO PRIMARIO DOTT. STEFANO GAMBARO PRODUZIONE

Dettagli

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 Direttore dott A. Scialdone INFORMAZIONE SUL TRATTAMENTO DI CROSS- LINKING CORNEALE ( TERAPIA FOTODINAMICA CORNEALE) PER IL CHERATOCONO E PATOLOGIE ECTASICHE

Dettagli

Miru 1day Menicon Flat Pack

Miru 1day Menicon Flat Pack [ NUOVO CONCETTO ] Miru 1day Menicon Flat Pack Packaging di 1 mm di spessore, che reinventa la modalità di porto delle lenti giornaliere: al tempo stesso facile da aprire, da inserire, da portare con sé

Dettagli

STUDI OFTALMICI VERONA oculistica e diagnostica oculare

STUDI OFTALMICI VERONA oculistica e diagnostica oculare Simposio SiCom- Sibdo CONTATTOLOGIA PRATICA ciò che è necessario sapere sulle lenti a contatto 91 Congresso Nazionale Milano, 23-2626 novembre 2011 E possibile correggere con LAC morbide le aberrazioni

Dettagli

Esame alla lampada a fessura

Esame alla lampada a fessura Elementi essenziali nella pratica delle lenti a contatto Capitolo 2 Esame alla lampada a fessura PUNTI CHIAVE PUNTI CHIAVE Una lampada a fessura con un ampio range di ingrandimenti ed ottiche eccellenti

Dettagli

* $ 1 4*45&.* %* %*"(/045*$" 1035"5*-& SUPPORTO AGGANCIO RAPIDO PER RIUNITI

* $ 1 4*45&.* %* %*(/045*$ 10355*-& SUPPORTO AGGANCIO RAPIDO PER RIUNITI * $ 1 4*45&.* %* %*"(/045*$" 1035"5*-& SUPPORTO AGGANCIO RAPIDO PER RIUNITI E possibile utilizzare un valido supporto nel caso usaste lo strumento in studio. Il cover dell ipad puo ospitare nella parte

Dettagli

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE?

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT L USO DEL VDT NON E MAI CAUSA DELL INSORGENZA DI PATOLOGIE SPECIFICHE L USO DEL VDT PUO SLATENTIZZARE O PEGGIORARE I SINTOMI

Dettagli

1.Visione_01 Ottica geometrica. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona

1.Visione_01 Ottica geometrica. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona 1.Visione_01 Ottica geometrica Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona Obiettivi Principi di refrazione delle lenti, indice di refrazione

Dettagli

PON C1 L invisibile intorno a noi

PON C1 L invisibile intorno a noi Scuola Secondaria di I Grado MICHELANGELO - Bari PON C1 L invisibile intorno a noi Prof.ssa Anna Maria D Orazio Il MICROSCOPIO e uno strumento che consente di osservare oggetti di dimensioni tali da non

Dettagli

Urun VrrA. OccHrALr SENZA. SUt TRATTAMENTO CHIRURGICO DEI DIFETTI DELLA VISTA GUIDA INFORMATIVA

Urun VrrA. OccHrALr SENZA. SUt TRATTAMENTO CHIRURGICO DEI DIFETTI DELLA VISTA GUIDA INFORMATIVA Urun VrrA SENZA OccHrALr GUIDA INFORMATIVA SUt TRATTAMENTO CHIRURGICO DEI DIFETTI DELLA VISTA I difetti visivi piü comuni ln un occhio normale i raggi di luce vengono messi a fuoco dalla cornea e dal cristallino

Dettagli

Corso Specialistico Lenti a Contatto La compensazione ottica del cheratocono: una sfida per l applicatore di lenti a contatto

Corso Specialistico Lenti a Contatto La compensazione ottica del cheratocono: una sfida per l applicatore di lenti a contatto Corso Specialistico Lenti a Contatto La compensazione ottica del cheratocono: una sfida per l applicatore di lenti a contatto Mauro Nocera Responsabile Tecnico Prodotti Carl Zeiss S.p.A. Segni del cheratocono

Dettagli

Ipermetropia e Lenti a Contatto. Fabio Casalboni

Ipermetropia e Lenti a Contatto. Fabio Casalboni Ipermetropia e Lenti a Contatto Fabio Casalboni Ci eravamo lasciati I vantaggi delle lenti a contatto Estetici/Psicologici Funzionali - Riduzione Aberrazioni - Movimenti oculari - Visione prossimale -

Dettagli

Istruzioni per l uso delle lenti a contatto rigide gas-permeabili

Istruzioni per l uso delle lenti a contatto rigide gas-permeabili Istruzioni per l uso delle lenti a contatto rigide gas-permeabili Di materiali BOSTON della Polymer Technology e materiali di altri produttori. Hecht Contactlinsen GmbH D-79280 Au 0483 Vedere bene con

Dettagli

n 14 OBBIETTIVO PL 60/0,85 160/0,17 Ottica Turi

n 14 OBBIETTIVO PL 60/0,85 160/0,17 Ottica Turi n 14 OBBIETTIVO PL 60/0,85 160/0,17 Ottica Turi PERIZIA su 4 esemplari PARAMETRI Caratteristiche meccaniche a norme DIN: lunghezza ottica Lo = 45 mm; passo di vite RMS. Montatura molleggiata. Ingrandimento

Dettagli

CONOSCIAMO GLI ACROMATI

CONOSCIAMO GLI ACROMATI CONOSCIAMO GLI ACROMATI vedono pochissimo non vedono affatto quando c è tanta luce non vedono i colori Associazione Acromati Italiani Onlus Se aiutiamo loro, scopriremo cosa significa vedere, e guarderemo

Dettagli

Dott.. Stefano Baiocchi

Dott.. Stefano Baiocchi Azienda Ospedaliera Universitaria Senese UOC Oculistica Direttore: Prof. Aldo Caporossi Università degli Studi di Siena Clinica Oculistica Direttore: Prof. Aldo Caporossi Dott.. Stefano Baiocchi Responsabile

Dettagli

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali ing. Domenico Mannelli Come Uso di attrezzature munite di videoterminali DEFINIZIONI videoterminale: schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato

Dettagli

COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA?

COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA? COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA? La miopia è un'anomalia rifrattiva, a causa della quale i raggi luminosi che provengono dall infinito non si concentrano sulla retina, ma davanti

Dettagli

La Cheratocoagulazione Radiale

La Cheratocoagulazione Radiale La Cheratocoagulazione Radiale Author: Marco Abbondanza La Stampa Medica Europea, vol. 8, no. 2. 1988 RIASSUNTO L autore illustra una nuova metodica di chirurgia refrattiva, la cheratocoagulazione capace

Dettagli

L occhio secco: terapie non convenzionali

L occhio secco: terapie non convenzionali L occhio secco: terapie non convenzionali Pierluigi Trabucchi Natale Di Giacomo Terapie non convenzionali Terapie alternative ai sostituti lacrimali oppure utilizzabili in associazione alla terapia sostitutiva

Dettagli

MANUALE DI FUNZIONAMENTO. Modello BHT 10440 Durometro Brinell Portatile

MANUALE DI FUNZIONAMENTO. Modello BHT 10440 Durometro Brinell Portatile MANUALE DI FUNZIONAMENTO Modello BHT 10440 Durometro Brinell Portatile 1. Introduzione Questo è un durometro portatile di tipo Brinell. È progettato in accordo con il metodo dinamico di prova di durezza.

Dettagli

Cos è questo oggetto?

Cos è questo oggetto? 1 Cos è questo oggetto? 2 Il Paraluce. 3 1) A non rompere l obiettivo 2) Ad impedire alla luce parassita di togliere contrasto alle nostre foto 4 Senza il paraluce, la luce parassita (quella rossa) ossia

Dettagli

Prima di procedere all'applicazione delle lenti a contatto consigliamo sempre di:

Prima di procedere all'applicazione delle lenti a contatto consigliamo sempre di: COME INDOSSARLE... APPLICAZIONE E RIMOZIONE E MANUTENZIONE DELLE LAC Prima di procedere all'applicazione delle lenti a contatto consigliamo sempre di: Manipolare le lenti a contatto sopra una superficie

Dettagli

LA FASE MONOCULARE DELL ESAME VISIVO. Relatore: Silvio Maffioletti

LA FASE MONOCULARE DELL ESAME VISIVO. Relatore: Silvio Maffioletti LA FASE MONOCULARE DELL ESAME VISIVO Relatore: Silvio Maffioletti La fase monoculare Sistemare il forottero davanti al soggetto Metterlo in bolla Regolare la distanza interpupillare Controllare la distanza

Dettagli

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA Prof. Ceccarelli Antonio ITIS G. Marconi Forlì Articolazione: Elettrotecnica Disciplina: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici A.S. 2012/13 FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA CHE COSA

Dettagli

Gli occhi sono due formazioni sferoidali con un dm medio di 24 mm e un peso di 8g.

Gli occhi sono due formazioni sferoidali con un dm medio di 24 mm e un peso di 8g. Anatomia Umana Gli occhi sono due formazioni sferoidali con un dm medio di 24 mm e un peso di 8g. Le formazioni accessorie dell occhio sono : le palpebre, epitelio superficiale dell occhio e formazioni

Dettagli

POSA DI CONNETTORI SU TRAVI IN ACCIAIO CON LAMIERA GRECATA

POSA DI CONNETTORI SU TRAVI IN ACCIAIO CON LAMIERA GRECATA www.tecnaria.com tel 02 502029 POSA DI CONNETTORI SU TRAVI IN ACCIAIO CON LAMIERA GRECATA Connettore a piolo Ø 12 mm, piastra di base 8 x 50 mm, chiodi lunghezza 22.5 mm, Ø gambo.6 mm Attrezzature necessarie:

Dettagli

Lenti progressive opto in. Informazioni e trattamenti specifici sulla presbiopia.

Lenti progressive opto in. Informazioni e trattamenti specifici sulla presbiopia. Lenti progressive opto in. Informazioni e trattamenti specifici sulla presbiopia. LA PRESBIOPIA La presbiopia è una modificazione fisiologica, di tipo funzionale, di una struttura oculare: il cristallino.

Dettagli

Lenti Polar e Photo-Polar Persol. Ampia gamma d eccellenza

Lenti Polar e Photo-Polar Persol. Ampia gamma d eccellenza Lenti Polar e Photo-Polar Persol Ampia gamma d eccellenza Lenti Polar e Photo-Polar Persol Protezione e comfort in molteplici condizioni di luce Realizzate in cristallo, il più pregiato materiale ottico

Dettagli

DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE

DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE Introduzione Il modello geometrico della luce, vale a dire il modello di raggio che si propaga in linea retta, permette di descrivere un ampia gamma

Dettagli

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE 1 LIGHT PAINTING dipingere con la luce Il LIGHT PAINTING è una tecnica fotografica che permette di realizzare scatti ricercati e suggestivi attraverso l

Dettagli

MULTIFOCALI LENTI A CONTATTO INTRODUZIONE

MULTIFOCALI LENTI A CONTATTO INTRODUZIONE Mario Giovanzana Milano 15dicembre 00 LENTI A CONTATTO MULTIFOCALI INTRODUZIONE Nell ambito della mia professione nel corso degli anni ho sviluppato la progettazione delle lenti a contatto, che gestisco

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

Esercitazione di Microbiologia generale. Microscopia

Esercitazione di Microbiologia generale. Microscopia Esercitazione di Microbiologia generale Microscopia I microrganismi Le cellule più primitive viventi attualmente sono i batteri questi appartengono a un gruppo di organismi chiamati procarioti (letteralmente

Dettagli

CRITERI DI APPLICAZIONE LAC RGP: un po di teoria.

CRITERI DI APPLICAZIONE LAC RGP: un po di teoria. CRITERI DI APPLICAZIONE LAC RGP: un po di teoria. Sono numerose le procedure di applicazione proposte, ma devono sottostare tutte a delle regole ben precise. 1 Ottenere una soddisfacente performance visiva,

Dettagli

Ausili per la funzione visiva Nomenclatore Tariffario delle Protesi (DM 332/99) Estratto dall'allegato 1 - Elenco 1

Ausili per la funzione visiva Nomenclatore Tariffario delle Protesi (DM 332/99) Estratto dall'allegato 1 - Elenco 1 Ausili per la funzione visiva Nomenclatore Tariffario delle Protesi (DM 332/99) Estratto dall'allegato 1 - Elenco 1 PRESIDI AUSILI PER LA FUNZIONE VISIVA COSMETICA FAMIGLIE DI AUSILI SECONDO IL NOMENCLATORE

Dettagli

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA L obiettivo della Copia dal Vero è la trasposizione grafica di ciò che vediamo nella Realtà Tridimensionale (la natura morta), nella Realtà Bidimensionale (il foglio

Dettagli

Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Cataratta

Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Cataratta Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Cataratta Rimini, 21-23 Novembre 2014 Agenda Obiettivi del Dipartimento L innovazione nella chirurgia della cataratta L accesso all innovazione

Dettagli

Parte anteriore della tunica fibrosa del bulbo oculare. Trasparente ed avascolare, è un elemento essenziale del sistema diottrico oculare.

Parte anteriore della tunica fibrosa del bulbo oculare. Trasparente ed avascolare, è un elemento essenziale del sistema diottrico oculare. Parte anteriore della tunica fibrosa del bulbo oculare. Trasparente ed avascolare, è un elemento essenziale del sistema diottrico oculare. SEMEIOTICA Lucida Specchiante Trasparente Cornea normale Colorazione

Dettagli

OFTALMOLOGIA. Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) L'occhio: una macchina fotografica

OFTALMOLOGIA. Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) L'occhio: una macchina fotografica OFTALMOLOGIA Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) a cura di L'occhio: una macchina fotografica L'occhio funziona come una macchina fotografica; possiede lenti, diaframma e pellicola.

Dettagli

OCCHIALI DA SOLE DI QUALITÀ

OCCHIALI DA SOLE DI QUALITÀ MAGAZINE 2011 mod. 196 OCCHIALI DA SOLE DI QUALITÀ BRAND PROPOSTI DA OCCHIBELLI R R OCCHIBELLI MAGAZINE 2011 Dopo il grande successo ottenuto dalle edizioni precedenti - l ultima dedicata all occhiale

Dettagli

LASIK X-tra. Bilaterale Simultanea. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch

LASIK X-tra. Bilaterale Simultanea. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch LASIK X-tra Bilaterale Simultanea Soluzioni in vista www.seri-lugano.ch Dr. Med. Roberto Pinelli Specialista FMH Oftalmologia e Oftalmochirurgia Se siamo in grado di vedere è perché i nostri occhi colgono

Dettagli

La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei

La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei La microscopia ottica è una tecnica di osservazione capace di produrre immagini ingrandite

Dettagli

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI Per rendere più efficiente la collaborazione, per essere i più chiari e rapidi possibili abbiamo riassunto le principali regole di esecuzione dei lavori relativi agli ascensori. MANUALE DI COSTRUZIONE

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI IMPIANTO DI LENTE INTRAOCULARE DA CAMERA POSTERIORE IN OCCHIO FACHICO (LIOF-CP)

SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI IMPIANTO DI LENTE INTRAOCULARE DA CAMERA POSTERIORE IN OCCHIO FACHICO (LIOF-CP) SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI IMPIANTO DI LENTE INTRAOCULARE DA CAMERA POSTERIORE IN OCCHIO FACHICO (LIOF-CP) Data: Informazioni fornite da: Responsabile del trattamento chirurgico:. I difetti visivi,

Dettagli

La propagazione delle onde luminose può essere studiata per mezzo delle equazioni di Maxwell. Tuttavia, nella maggior parte dei casi è possibile

La propagazione delle onde luminose può essere studiata per mezzo delle equazioni di Maxwell. Tuttavia, nella maggior parte dei casi è possibile Elementi di ottica L ottica si occupa dello studio dei percorsi dei raggi luminosi e dei fenomeni legati alla propagazione della luce in generale. Lo studio dell ottica nella fisica moderna si basa sul

Dettagli

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana IL CHERATOCONO

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana IL CHERATOCONO IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana IL CHERATOCONO CAMPAGNA DI INFORMAZIONE DI SANITA' PUBBLICA SULLE MALATTIE CHE CAUSANO CECITA' O IPOVISIONE NELL'AMBITO DI PROGRAMMI

Dettagli

ANATOMIA E PATOLOGIA DELLA CORNEA. Cornea. Cornea

ANATOMIA E PATOLOGIA DELLA CORNEA. Cornea. Cornea ANATOMIA E PATOLOGIA DELLA CORNEA Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria Cornea Membrana avascolare pluristratificata con peculiari caratteristiche ottico-fisiche di trasparenza e rifrazione

Dettagli

Lavoro al videoterminale I nove consigli per lavorare comodi

Lavoro al videoterminale I nove consigli per lavorare comodi Lavoro al videoterminale I nove consigli per lavorare comodi Evitare riflessi e abbagliamenti Posizionare lo schermo e il tavolo parallelamente alla finestra per evitare riflessi e abbagliamenti fastidiosi

Dettagli

Ottica geometrica. L ottica geometrica tratta i. propagazione in linea retta e dei. rifrazione della luce.

Ottica geometrica. L ottica geometrica tratta i. propagazione in linea retta e dei. rifrazione della luce. Ottica geometrica L ottica geometrica tratta i fenomeni che si possono descrivere per mezzo della propagazione in linea retta e dei fenomeni di riflessione e la rifrazione della luce. L ottica geometrica

Dettagli

Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici. prof. ing. Luigi Maffei

Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici. prof. ing. Luigi Maffei Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici prof. ing. Luigi Maffei Le grandezze fotometriche Sono definite per valutare in termini quantitativi le caratteristiche

Dettagli

Applicazione di lenti a contatto su cornee operate di chirurgia refrattiva per la correzione della presbiopia in soggetti ipermetropi

Applicazione di lenti a contatto su cornee operate di chirurgia refrattiva per la correzione della presbiopia in soggetti ipermetropi In collaborazione con Società Optometrica Italiana SOPTI II PARTE Applicazione di lenti a contatto su cornee operate di chirurgia refrattiva per la correzione della presbiopia in soggetti ipermetropi Charles

Dettagli

LENTI A CONTATTO: Come, quando e perché

LENTI A CONTATTO: Come, quando e perché LENTI A CONTATTO: Come, quando e perché AMBULATORIO MEDICO-CHIRURGICO DI OCULISTICA Direttore Tecnico: dott. Giacomo Sanfelici 17027 pietra ligure SV via mameli, 54 12051 alba CN via gastaldi, 5 tel. 019.62.57.02

Dettagli

Beauty Book. by Carla Puchetti make-up artist

Beauty Book. by Carla Puchetti make-up artist Beauty Book by Carla Puchetti make-up artist Il primo step per realizzare un trucco perfetto è l applicazione del fondotinta sulla pelle pulita e idratata Mettere una dose di fondotinta sul dorso della

Dettagli