3.4 Controllo numerico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3.4 Controllo numerico"

Transcript

1 3.4 Controllo numerico Controllo numerico Funzionalità ed elementi costitutivi del CN Il controllore numerico è un dispositivo Hardware e Software utilizzato per controllare macchine utensili tramite istruzioni di comando codificate in un programma detto PART PROGRAM, nel quale vengono fornite le indicazioni geometriche e tecnologiche necessarie a realizzare un pezzo. Figura 3.20: Controllore numerico di una macchina utensile Il dispositivo di controllo numerico riceve in ingresso il Part Program, emettendo in uscita segnali di controllo che determinano i movimenti degli assi della macchina utensile; si è visto infatti nella sezione introduttiva come robot e macchine utensili siano caratterizzati da più gradi di libertà di movimento; alcune macchine sono da questo punto di vista ridondanti, ossia dotate di gradi di libertà aggiuntivi che vengono attivati in particolari situazioni, in genere in sostituzione di uno o più gradi d libertà di tipo standard. Vengono inoltre generati segnali ausiliari indirizzati a particolari dispositivi connessi all utensile: si pensi ad esempio all apertura e chiusura di una valvola per permettere l erogazione di un getto d acqua di raffreddamento; un simile evento è di tipo discreto e viene gestito dal controllo logico mediante PLC. Componenti del controllo numerico CN Part Program; Interfaccia uomo-macchina; Controllo logico; Controllo asse (controllo Modulante).

2 3.4 Controllo numerico 43 Figura 3.21: Movimenti e riferimenti di una macchina utensile Programmazione Per la programmazione del CN occorre scegliere per convezione degli assi di riferimento (indicati in figura 3.21): Assi principali (X, Y, Z) sono quelli che interessano direttamente i movimenti degli assi della macchina; Rotazioni principali (A, B, C) sono quelli che determinano gli orientamenti della macchina; Assi secondari (U, V, W ) sono gli assi di riferimento per dispositivi ausiliari ma comunque necessari per la lavorazione del pezzo, per esempio il cambio automatico dell utensile della macchina durante la lavorazione; Figura 3.22: Esempio di Part Program Il Part Program Istruzioni ll Part Program è un file di testo in formato ASCII conforme allo standard ISO 6983 (G-CODES); questo file consiste in una stringa di caratteri alfanumerici

3 3.4 Controllo numerico 44 suddivisi in unità base (linee di codice) ordinate progressivamente, ciascuna delle quali ha sempre un valore letterale iniziale seguito da un valore numerico. Esempio: N010 G91 X25.00 Y10.00 Z F150 S1100 T06 M06 - La lettera N indica il numero di linea. - La lettera G indica una funzione di preparazione di posizioni e movimenti dell utensile, di cui si riportano i principali: G00 Posizionamento rapido dell utensile, massima velocità programmata; G01 Interpolazione lineare vuol dire che l utensile percorre una retta; G02 Interpolazione circolare dell utensile in senso orario; G03 Interpolazione circolare dell utensile in senso antiorario; G17 X-Y Piano principale; G18 Z-X Piano principale; G19 Y-Z Piano principale; G90 Sistema di riferimento assoluto; - Le lettere X, Y, Z, indicano le coordinate posizionali degli assi di riferimento principali; le quote degli spostamenti vengono espresse in mm oppure in pollici. - La lettera F (feed) indica la velocità di avanzamento dell utensile espresso in mm/min. - La lettera S (speed) indica la velocità di rotazione del mandrino espresso in giri/min. - La lettera T (tool) indica l utensile selezionato. - La lettera M indica le funzioni di controllo per i dispositivi ausiliari, di cui si riportano i principali: M02 Programma finito; M03 Mandrino acceso senso orario; M04 Mandrino acceso senso antiorario; M05 Mandrino spento; M06 Fermata per cambio utensile; M08 Valvola liquido aperta; M09 Valvola liquido chiusa; M30 Programma fermo, avanzamento/rotazione off; Si distingue anche tra - Istruzioni modali: istruzioni che rimangono valide finché non vengono ridefinite, ad esempio: G90, G1, F1000, S500, X5, Z5, Y5. - Istruzioni non-modali: sono le istruzioni che valgono solo per la riga di comando che li contiene, ad esempio: T03, M06, M03.

4 3.4 Controllo numerico 45 Preparazione del Part Program Soprattutto nel passato per la definizione del part program si faceva ricorso all esecuzione in linea diretta della lavorazione, nella quale l utensile viene guidato manualmente, definendo per ogni passo la relativa riga di istruzione. Le tecnologie CAD (Computer Aided Design) e CAM (Computer Aided Manufacturing) consentono oggi la generazione automatica del file: si realizza un modello CAD da passare ad un dispositivo CAM il quale genera il percorso che l utensile deve compiere. Vanno definiti parametri tecnologici quali tipo di pezzo, i materiali utilizzati o la velocità di rotazione. Il CAM genera un file CLDATA, scritto in un linguaggio indipendente dal CNC. Questo file viene trasformato successivamente in Part Program. Figura 3.23: Progetto del Part Program Va osservato che in molte lavorazioni complesse è comunque necessaria una retroazione umana per correggere difetti o apportare migliorie. Esempio di programmazione del CN Si vuole realizzare la contornatura del pezzo riportato in figura 3.24: in un sistema di riferimento assoluto le posizioni P 1, P 2,..., P 5 indicano le posizioni intermedie che l utensile percorre durante la lavorazione. Posizione P0 N10 G90 G17 F300 S1000 T01 M06 M03 N10 = indica il primo blocco di comando; G90 = indica che si lavora con il sistema di riferimento assoluto (X,Y,Z); G17 = indica che tutta la lavorazione avviene solamente sul piano XY; F300 = velocità di avanzamento 300mm/min; S1000 = velocità di rotazione del mandrino di 1000 giri/min; T01 = utensile del tipo 01; M06 = indica che avviene un cambio utensile;

5 3.4 Controllo numerico 46 Figura 3.24: Pezzo da lavorare con macchina utensile M03 = indica che il mandrino viene ruotato in senso orario; Posizione P1 N20 G00 Y-10 N30 Z-10 N20 N30 = indicano la seconda e la terza riga di comando; G00 = posizionamento rapido dell utensile; Y-10 Z-10 = coordinate dell utensile che si sposta rispetto agli assi di riferimento; Posizione P2 N40 G01 Y50 G01 = interpolazione lineare l utensile segue una linea retta; Posizione P3 N50 X17.5 Posizione P4 N60 G03 X37.5 I10 J0 I10 J0 = Centro del cerchio in coordinate relative al punto iniziale. In questo caso vuol dire che ci si sposta di 10 lungo l asse x(i) e di 0 lungo l asse y(j). Posizione P5 N70 G01 X50 Posizione di partenza N80 X0 Y-1.41 N90 M30 M30= Programma terminato, l utensile è fermo.

6 3.4 Controllo numerico 47 Interfaccia uomo macchina L interfaccia uomo macchina è composta da un panello operatore e da una parte software che comprende: Configurazione CN; Ambiente di programmazione Part program; Monitoraggio e Diagnostica; CAD/CAM integrati. Controllo del movimento Il controllo del movimento viene eseguito partendo dal Part-program arrivando all azionamento, come si può vedere dal diagramma di figura Figura 3.25: Diagramma di controllo del movimento di una macchina utensile Si analizzano le 5 fasi di controllo (di cui le prime tre sono rappresentate in figura 3.26): Interpretazione Lettura/verifica di consistenza del Part-program; Preparazione strutturata dati interna (allocazione memoria, conversione part-program nel formato dati intero); Impostazione delle operazioni modali e non modali nella struttura dati interna. Preparazione Applicazione trasformazioni sistemi di riferimento (passaggio dal sistema di riferimento ZP al sistema di riferimento ZM)

7 3.4 Controllo numerico 48 Figura 3.26: Interpretazione, preparazione, interpolazione Applicazione compensazioni utensile (G47,G50,... ); Preparazione del profilo di velocità su più blocchi (LOOK ahead) Interpolazione Interpolazione percorso utensile; Applicazione trasformazioni cinematiche; Controllo finecorsa del volume di lavoro in real-time; Ricevere ed inviare segnali al PLC; Trasferire e ricevere dati dal controllo di posizione. Vi sono diversi tipi di interpolazione, rappresentati nelle figure seguenti. Figura 3.27: Interpolazione lineare (G01) Le interpolazioni riguardano spesso trasformazioni cinematiche. Si prendano in considerazione sistemi come quelli in figura 3.30: gli elementi sui quali è possibile esercitare un azione diretta sono i motori; in un ottica di controllo

8 3.4 Controllo numerico 49 Figura 3.28: Interpolazione circolare (G02/G03) Figura 3.29: Interpolazioni complesse Figura 3.30: Sistema con accoppiamento e disaccoppiato

9 3.4 Controllo numerico 50 è necessario un passaggio dal riferimento di posizione dell utensile a quello dei motori (o più in generale dei giunti). Tale passaggio viene realizzato attraverso relazioni matematiche dette trasformazioni cinematiche. Esempio P END EF F ECT OR P GIUNT I Per esempio θ varia in funzione del verso della rotazione del motore come in figura Figura 3.31: Angolo rispetto alla posizione dell end-effector x : P eex = lcos(θ) y : P eey = lsin(θ) derivando rispetto al tempo si passa alla velocità ẋ = (lsin(θ)) θ ẏ = lcos(θ) θ Si definisce la seguente trasformazione cinematica sulle velocità: [ ] ẋ θ = = J(θ) ẏ θ nella quale J(θ) è detto operatore jacobiano o matrice di trasformazione; la velocità di riferimento per il motore rotazionale è dunque [ ] θ = (J(θ)) 1 ẋ ẏ Il controllo numerico calcola il jacobiano o cinematica inversa per ottenere il riferimento. Nelle figure 3.32 e 3.33 sono illustrati due esempi di macchine che effettuano il processo appena illustrato.

10 3.4 Controllo numerico 51 Figura 3.32: Macchina a tre assi Figura 3.33: Fresatrice a cinque assi Figura 3.34: Azionamenti e controllo di posizione

11 3.4 Controllo numerico 52 Restano da analizzare le ultime due fasi del controllo del movimento (vedi 3.25), illustrate in figura 3.34 Controllo di posizione Trasferire dati tra interpolatore ed azionamenti; Applicare algoritmi per il controllo della posizione; Interpolazione fine a livello asse; Monitorare l errore d inseguimento, velocità posizione. Azionamenti Controllo di velocità; Controllo di corrente; Per riassumere, a titolo di esempio, di seguito si illustrano gli schemi per il controllo di un servomotore e di un asse. Figura 3.35: Azionamenti e controllo di posizione

12 Capitolo 4 Il controllo del moto per macchine utensili Il capitolo si occupa del controllo dei 3 assi di movimento di una macchina utensile (X, Y, Z) in funzione del tempo, in modo particolare si analizzerà il controllo di velocità e di posizione per ogni asse. Il controllo risolve diverse problematiche, tra le quali: l amplificazione o riduzione di segnali, svolta dai convertitori di potenza o amplificatori (che amplificano il segnale erogato dal controllore numerico) e dai riduttori di velocità che convertono la velocità o coppia erogata da un motore per adattarla alle esigenze di velocità dell asse; Figura 4.1: Modello di controllo del moto di una macchina utensile l attuazione dell azione di controllo, tramite i motori (trifase, a corrente continua o brushless);

13 4.1 Motori elettrici 54 la rilevazione del segnale (in particolare velocità o posizione), effettuata dai trasduttori. 4.1 Motori elettrici I motori possono essere alimentati da corrente continua o trifase; essi hanno principi di funzionamento comuni derivanti dalle leggi dell induzione magnetica. Figura 4.2: Motore elettrico Motore trifase Il motore asincrono trifase è costituito da una parte esterna fissa detta STATO- RE e da una parte cilindrica interna ROTORE; rotore e statore sono costituiti da materiale magntico massiccio (di permeabilità infinita) e separati da un sottile strato di aria (TRAFERRO). Nello statore e nel rotore sono presenti un numero variabile di CAVE in cui sono alloggiati i conduttori (AVVOLGIMENTI). La corrente che percorre gli avvolgimenti di statore, alimentati alla tensione di targa (tensione nominale), genera un campo magnetico ( H) legato all induzione elettromagnetica ( B) dalla legge: in cui: B = µ H (4.1) µ è il prodotto tra permeabilità del vuoto e del materiale ferromagnetico;

14 4.1 Motori elettrici 55 Figura 4.3: Motore trifase H =(Nl)I 1 è l intensità del campo magnetico; N è il numero delle spire dell avvolgimento statorico; l è la lunghezza delle spire statoriche; I è la corrente che circola nell avvolgimento statorico. Il campo magnetico prodotto dalla rete di alimentazione trifase è variabile: quindi genera una tensione indotta, legata alla corrente secondo la legge di Lentz: in cui e = L di(t) dt (4.2) e è la forza elettromotrice (f.e.m.); i è la corrente che circola nel rotore; L è l induttanza dell avvolgimento rotorico; La corrente circolante nelle spire del rotore genera una coppia di forze secondo la legge di Lorentz: in cui I è la corrente che circola nel rotore; l è la lunghezza dell avvolgimento rotorico; F = q v B = Il B (4.3) q è la carica che circola nell avvolgimento rotorico. Fisicamente, nella macchina asincrona, il rotore è trascinato dal campo rotante generato dagli avvolgimenti di statore. A regime la velocità del rotore è prossima a quella del campo rotante, ma non saranno mai coincidenti.

15 4.1 Motori elettrici 56 Figura 4.4: Collegamento motore-macchina utensile La velocità del rotore coincide invece con quella dell albero a esso agganciato. Nel funzionamento da generatore, assai raro, il rotore è messo in rotazione da un meccanismo esterno, e induce correnti alternate trifase nello statore. In riferimento all illustrazione in figura 4.4 è necessario un bilancio tra la coppia motrice dell albero motore e la coppia resistiva dell albero macchina cui è connesso (un trapano nell esempio in figura). Nella pratica, il carico di massa M genera una coppia resistente (C r ), in base alla quale si sceglie da catalogo un motore che eroghi un adeguata potenza. Questo motore viene usato principalmente a velocità costante o per piccole variazioni velocità e quindi non va bene per l azionamento degli assi della macchina utensile Motore a corrente continua Eccetto il tipo di alimentazione, questo motore è caratterizzato dagli stessi principi di funzionamento di quello trifase; servono però apparecchi in grado di stabilizzare la tensione di alimentazione (tipicamente condensatori). Come tutte le macchine elettriche, il motore a corrente continua è formato da uno statore e da un rotore. Sul primo è posta l alimentazione: essa è data da avvolgimenti avvolti sulle espansioni polari o dai magneti permanenti (la funzione svolta dai magneti permanenti è generare un campo costante, analogamente a quanto fatto dall avvolgimento di eccitazione in corrente continua). Sul rotore sono realizzate le cave in cui sono collocati gli avvolgimenti. Si ha inoltre il collettore: costituito da più lamelle di rame, opportunamente isolate tra loro, è solidale con l avvolgimento e su di esso strisciano in posizione fissa una o più coppie di spazzole, che collegano l avvolgimento con un circuito esterno. Durante la rotazione del gruppo rotore/collettore, le spazzole raccolgono una f.e.m. dalle lamelle che provoca la circolazione di corrente nel circuito esterno. Svantaggi Nel momento del contatto tra spazzola e statore parte della corrente che

16 4.1 Motori elettrici 57 Figura 4.5: Funzionamento di un motore a corrente continua Figura 4.6: Motore a corrente continua

17 4.2 Trasduttori elettrici 58 circola nel dispositivo viene persa sotto forma di scariche elettriche, dette scariche di commutazione; Soprattutto a prestazioni elevate, la coppia generata da motori di questo tipo è molto oscillante: la continua variazione di velocità del motore produce una sovrapposizione di frequenze diverse rispetto all armonica principale, dando luogo ad un fenomeno chiamato ripple di coppia Motore Brushless Il rotore è costituito da un magnete permanete, lo statore da avvolgimenti. L assenza del collettore e quindi delle spazzole (caratteristica che giustifica il nome dato a questa macchina) evita la presenza di scariche di commutazione. Figura 4.7: Motori Brushless (a sinistra) e Brushless Lineare (a destra) Un ulteriore vantaggio è dato dal fatto che la parte soggetta a riscaldamento è posta sul rotore, il cui movimento favorisce la dissipazione del calore accumulato. Permane tuttavia il problema del ripple di coppia; inoltre la gestione elettronica della commutazione provoca un aumento dei costi di realizzazione. 4.2 Trasduttori elettrici I trasduttori sono dispositivi in grado di rilevare una grandezza fisica di natura qualsiasi e di convertirla in un altra grandezza, generalmente di tipo elettrico, che può essere utilizzata dal sistema di controllo come mezzo per misurare la grandezza di partenza. A seconda del principio di funzionamento, i trasduttori vengono classificati nelle seguenti categorie: - Trasduttori analogici: forniscono in uscita un segnale variabile con continuità nel tempo (es. tensione elettrica); - Trasduttori digitali: l uscita è un segnale numerico, Questi trasduttori possono essere collegati con un sistema a microprocessore, senza utilizzare come interfaccia un convertitore analogico digitale. Inoltre i trasduttori di posizione si possono inoltre essere distinti in:

18 4.2 Trasduttori elettrici 59 - Trasduttori assoluti: consentono di determinare la posizione assoluta che l asse in movimento assume in ogni istante e in qualunque punto della corsa di utilizzo. Sono privi di memoria. - Trasduttori incrementali: memorizzano la prima posizione rilevata (azzeramento con impulso a zero) ogni volta che si avvia la macchina, poi, ad ogni rilevamento, sommano o sottraggono in modo incrementale lo step rilevato. Quando si utilizza un trasduttore incrementale, l entità assoluta dello spostamento viene ricavata mediante un circuito contatore, in grado di contare, in entrambe le direzioni, i passi elementari rilevati dal trasduttore. Il contatore deve essere azzerato in corrispondenza di una particolare posizione dell elemento mobile, assunta come origine degli spostamenti e solitamente coincidente con uno degli estremi della corsa; per questo motivo è necessario effettuare la procedura di azzeramento quando si mette in funzione la macchina utensile Trasduttori di posizione Encoder assoluto L encoder assoluto è un trasduttore digitale rotativo costituito da un disco trasparente suddiviso in diversi settori, solidale con l albero del trasduttore, sul quale è ricavata una serie di tratti opachi e trasparenti, giacenti su corone circolari concentriche. La rilevazione elettronica si effettua parallelamente alla superficie del disco; è costituita da una sorgente luminosa, che emette raggi normali al piano del disco captati da una unità ricevente composta da una serie di fototransistor. Figura 4.8: Encoder assoluto L intensità luminosa che incide sui fototransistor varia da un minimo ad un massimo in corrispondenza dei tratti opachi e trasparenti rispettivamente. Di conseguenza un circuito elettronico traduce i segnali di intensità con un segnale ad onde quadre, cioè tra0ev max, corrispondente a livelli logici 0 e 1. Ad ogni settore corrisponde una codifica (n bit); comunemente è la binaria, che corrisponderà ad una posizione angolare, all aumentare di n aumenta la risoluzione del trasduttore (vedi figura 4.8).

19 4.2 Trasduttori elettrici 60 Encoder incrementale Il principio di funzionamento è lo stesso dell encoder assoluto: anche qui il fototransistor genera un segnale elettrico di forma triangolare o sinosuidale; tale segnale viene successivamente trasformato in un onda quadra mediante circuito elettronico. Quando il disco viene posto in rotazione, si ricava un segnale periodico con periodo uguale al tempo impiegato dal disco per ruotare di un angolo pari al passo della scala. La maggior parte degli encoder incrementali è dotata di un canale supplementare che fornisce un impulso detto impulso a zero, quest ultimo viene generato quando la riga di riferimento dello zero passa in corrispondenza del fototransistor ed è utilizzato per effettuare l azzeramento dell encoder. Infatti, questo tipo di encoder non è in grado di memorizzare le posizioni precedenti in modo assoluto e se viene tolta tensione a qualsiasi posizione dell asse, si perde il riferimento e la misura diventa incosistente, risulta perciò necessario azzerare l encoder incrementale ad ogni riavvio. Figura 4.9: Encoder incrementale Trasduttori di velocità Dinamo tachimetrica É vista come il contrario di un motore in corrente continua, funge cioè dada generatore di tensione sfruttando la legge di Lenz: V = Kω (4.4) la tensione è proporzionale alla coppia generata (o alla velocità angolare ω prodotta ) tramite una costante K. Risulta quindi semplice rilevare la velocità del sistema. É poco precisa a causa dei disturbi di cui sono tipicamente affetti i segnali analogici. Trasduttore derivativo Tale trasduttore misura la velocità è applicando la derivata numerica della posizione in due istanti successivi (esempio k e k +1,vedifigura4.10). É infatti noto che:

20 4.2 Trasduttori elettrici 61 ω = dθ e v = P k+1 P k (4.5) dt t Lo svantaggio principale di questo tipo di trasduttore di velocitàè dato dal trade off tra precisione e prestazioni imposto dal tempo di campionamento. Figura 4.10: Campionamento di un encoder derivativo Riduttori di velocità In molti casi non è possibile collegare direttamente il motore al carico a causa della differenza di velocità tra motore e carico. Per risolvere il problema, nelle macchine utensili viene spesso utilizzato un riduttore di velocità, destinato ad adattare le esigenze del motore a quelle del carico tramite un bilancio meccanico di velocità. Figura 4.11: Riduttore di velocità Nel riduttore di velocità si definisce il rapporto di trasmissione τ: ω 1 = RIDUTTORE = ω 2

21 4.3 Modello matematico dei motori in corrente continua e brushless 62 τ = ω 2 ω 1 = (4.6) Trascurando le inerzie e l attrito, si ha il seguente bilancio energetico: perciò la coppia all ingresso vale: C 1 ω 1 = C 2 ω 2 ω 2 C 1 = C 2 = C 2 τ ω 1 dalla formula ricavata si deduce che, essendo nella maggior parte dei casi τ<<1, la coppia all ingresso èbassa;è quindi possibile che il motore di progetto abbia una potenza inferiore a quella richiesta. Altro vantaggio del riduttore è la trasformazione del moto rotatorio a traslatorio (si pensi ad esempio alla vite a ricircolo di sfere). Uno svantaggio dall uso dei riduttori è dato dal calo di prestazioni nel tempo per il degrado dovuto all usura delle dentature. 4.3 Modello matematico dei motori in corrente continua e brushless Dopo aver preso in esame i componenti in grado di realizzare il controllo del moto di una macchina utensile, si analizza ora il modello di comportamento del sistema in termini matematici. Si analizza la fase del trasferimento di potenza dall alimentazione del motore all erogazione della coppia o velocità dell asse attraverso un bilancio elettrico ed un bilancio meccanico Il bilancio elettrico Il modello di un generico motore in corrente continua o brushless può essere sintetizzato nella figura Figura 4.12: Motore a corrente continua o brushless In base allo schema, si ricava il seguente bilancio elettrico:

22 4.3 Modello matematico dei motori in corrente continua e brushless 63 v m (t) =Ri m (t)+l di m(t) + e(t) (4.7) dt in cui i primi due termini nella parte sinistra dell equazione equivalgono alla caduta di tensione su R e L, mentre e(t) è la f.e.m. indotta al rotore ed è proporzionale alla pulsazione dell albero: e(t) =k e ω(t). Applicando la trasformata di Laplace, si ottiene l equazione esplicitando E(s), si ha che V m (s) =RI m (s)+sli m (s)+e(s) V m (s) =RI m (s)+sli m (s)+k e Ω(s) (4.8) in cui L, R e k e sono parametri del motore. La tensione di alimentazione del motore è regolata dalla tensione erogata dalla macchina a controllo numerico (vedi figura 4.1), tramite la costante k a : Il bilancio meccanico v m (t) =k a v CN (t) (4.9) Figura 4.13: Bilancio meccanico di un motore In base allo schema, si ricava il seguente bilancio meccanico: C m (t) =C r (t)+f c (t)+j ω(t) (4.10) incuilacoppiamotricec m (t) deve compensare la coppia resistiva C r (t), i contributi coulombiani (attriti... ) sintetizzati nella F c (t) eilmomentodi inerzia del motore stesso j ω(t). Applicando la trasformata di Laplace si ottiene la seguente equazione: C m (s) =C r (s)+f c (s)+jsω(s) (4.11)

23 4.4 Comportamento statico di un motore a corrente continua 64 La coppia motrice è proporzionale alla corrente del motore secondo un coefficiente k t : C m (t) =k t i m (t) (4.12) Passando alla trasformata di Laplace, si ottiene, in conclusione, che C m (s) =C r (s)+f c (s)+jsω(s) =k t I m (s) (4.13) 4.4 Comportamento statico di un motore a corrente continua L analisi statica analizza il comportamento del motore a regime, dopo il transitorio. Le grandezze da controllare sono la velocità ω(t) e la coppia motrice c m (t). É noto che { V m (s) =RI m (s)+sli m (s)+k e Ω(s) C m (s) =C r (s)+f c (s)+jsω(s) =k t I m (s) Si ipotizzano C r (s) ef c (s) trascurabili, perciò: C m (s) =jsω(s) (4.14) A transitorio esaurito: Ω diventa costante: Ω =0; la coppia motrice diventa costante: C m = cost; la coppia resistiva eguagli quella motrice: C r = C m. Quindi, la corrente del motore diventa I m (s) = V m(s) R + Ls k eω R + Ls (4.15) I m (s) = V m(s) R k eω R (4.16) In genere il transitorio che porta I m (s) dalla4.15 alla 4.16 è molto breve poichè ivaloridil sono in genere molto bassi (quindi la τ è molto piccola), perciò tale transitorio, rispetto alla dinamica meccanica, è in genere trascurabile. Moltiplicando la 4.16 per k t,sitrovac m : k t I m (s) = k tv m (s) R dato che V m (s) =k a V CN (s), si ottiene che k tk e Ω R = C m C m = k t I m (s) = k ak t R V CN (s) k tk e R Ω (4.17)

24 4.5 Comportamento dinamico di un motore a corrente continua 65 in cui si evidenziano i rapporti (costanti) a regime tra C m, V CN (s) eω. Dato che a regime C m = C r, da cui: C m = C r = k ak t R V CN (s) k tk e R Ω Ω= R ( ) ka k t k e k t R V (s) C CN r semplificando si ottiene che Ω = 1 ( k a V k CN (s) RC ) r (4.18) e k t In base alle relazioni 4.17 e 4.18, si nota che Ω aumenta al diminuire di C m. É possibile scegliere le costanti di progetto adatte a seconda della curva C m /Ω (vedi figura 4.14) scelta per il sistema; le curve più in alto rispetto al verso della freccia danno una maggiore velocità al sistema, ma richiedono maggiori prestazioni. Figura 4.14: Analisi dinamica di un sistema 4.5 Comportamento dinamico di un motore a corrente continua Per quanto riguarda l analisi della dinamica del sistema, si è interessati a trovare la funzione di trasferimento da V CN (s) aω(s). Si accorpano, quindi, in un unico modello, il comportamento elettrico e meccanico del sistema (vedi figura 4.15). Figura 4.15: Amplificatore o convertitore di potenza

25 4.5 Comportamento dinamico di un motore a corrente continua 66 Questa funzione di trasferimento determina la conversione di potenza necessaria per controllare il sistema; tale conversione è indispensabile in quanto i motori in corrente continua sono alimentati da una tensione dell ordine di qualche centinaia di volt (in genere 220V) e con correnti di qualche ampere. Il CN è in grado di fornire una tensione di qualche volt (1 10V) ed una corrente dell ordine dei ma. Occorre quindi amplificare i valori in uscita dal CN, in modo da poter alimentare correttamente il motore; si utilizza a tal fine un amplificatore o convertitore di potenza (vedi figura 4.1). Considerando che, in base alle precedenti semplificazioni, C m = jsω(s) eil tranistorio elettrico trascurabile, si ottiene che jsω(s) = k ak t R V (s) k tk e CN R Ω(s) dacuisiricavache: Ω(s) V CN (s) = kakt R k tk e R semplificando si ottiene, infine + js = k ak t R R k t k e 1 1+ jr k tk e s in cui: e ka Ω(s) V CN (s) = k e 1 + jr k tk e s µ = k a k e τ m = jr k t k e (4.19) La constante di tempo τ m del motore dipende dai parametri costruttivi del motore: - k t si determina attraverso l uso di riduttori che cambiano le prestazioni della coppia; - j è l inerzia del motore; - R è un parametro riassuntivo della parte elettrica; - L in genere è molto piccolo (tale da annullare il transitorio elettrico in tempi brevissimi). Al progettista spetta dunque scegliere µ e τ in base alle dinamiche e ai transitori di cui necessita.

UNIVERSITA degli STUDI di BERGAMO FACOLTA di INGEGNERIA. Corso di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

UNIVERSITA degli STUDI di BERGAMO FACOLTA di INGEGNERIA. Corso di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE UNIVERSITA degli STUDI di BERGAMO FACOLTA di INGEGNERIA Corso di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Prof. Andrea Cataldo andrea.cataldo@itia.cnr.it ARGOMENTI delle ESERCITAZIONI CONTROLLO NUMERICO in AULA CONTROLLO

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua Servomeccanismi 1 1. Il motore elettrico in corrente continua Descrizione fisica Il motore è contenuto in una cassa che in genere è cilindrica. Da una base del cilindro fuoriesce l albero motore; sulla

Dettagli

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica PhD. Ing. Folgheraiter Michele Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 1 Definizione di Attuatore (Robotica) Si definisce attuatore, quella

Dettagli

TRASDUTTORI di POSIZIONE

TRASDUTTORI di POSIZIONE TRASDUTTORI di POSIZIONE Numerosi trasduttori sono stati messi a punto per il rilievo di posizione, in movimenti sia rettilinei sia rotatori. I potenziometri, rettilinei o circolari selezionano una quota

Dettagli

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA 2.1 La meccatronica 2.2 Componenti di un azionamento elettromeccanico 2.3 Accoppiamento motore-carico 2.4 Regolazione di un azionamento Corso di Meccanica Applicata alle

Dettagli

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore Macchine elettriche La macchina sincrona 07 prof. Struttura Essa comprende : a) albero meccanico collegato al motore primo b) circuito magnetico rotorico fissato all albero (poli induttori) i) c) avvolgimento

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI Organi di trasmissione Moto dei giunti basse velocità elevate coppie Ruote dentate variano l asse di rotazione e/o traslano il punto di applicazione denti a sezione larga

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Soluzione del prof. Paolo Guidi

Soluzione del prof. Paolo Guidi Soluzione del prof. Paolo Guidi Lo schema elettrico del sistema formato dalla dinamo e dal motore asincrono trifase viene proposto in Fig. 1; Il motore asincrono trifase preleva la tensione di alimentazione

Dettagli

6.1 Macchine sincrone generalità

6.1 Macchine sincrone generalità Capitolo 6 (ultimo aggiornamento 31/05/04) 6.1 Macchine sincrone generalità La macchina sincrona è un particolare tipo di macchina elettrica rotante che ha velocità di rotazione strettamente correlata

Dettagli

Sensori di posizione di tipo induttivo

Sensori di posizione di tipo induttivo I sensori induttivi a singolo avvolgimento sono composti da un avvolgimento fisso e da un nucleo ferromagnetico mobile. Il sensore converte la grandezza da misurare in una variazione dell induttanza L

Dettagli

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici.

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. GLI ATTUATORI Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. La casistica è assai vasta ; sono comuni i semplici azionamenti magnetici (elettromagneti

Dettagli

Lezione 16. Motori elettrici: introduzione

Lezione 16. Motori elettrici: introduzione Lezione 16. Motori elettrici: introduzione 1 0. Premessa Un azionamento è un sistema che trasforma potenza elettrica in potenza meccanica in modo controllato. Esso è costituito, nella sua forma usuale,

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Impianti navali B. Parte 5. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it

Impianti navali B. Parte 5. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it Impianti navali B Parte 5 II semestre 2013 giulio.barabino@unige.it danilo.tigano@unige.it 1 Motore a induzione (o asincrono) (I) il motore a induzione è una macchina elettrica rotante nella quale il rotore

Dettagli

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico 1 L AZIONAMENTO ELETTRICO COME SISTEMA 1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico Si definisce Azionamento Elettrico (A.E.) l insieme composto da un motore elettrico e dagli apparati d alimentazione,

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone

Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone Le macchine asincrone o a induzione sono macchine elettriche rotanti utilizzate prevalentemente come motori anche se possono funzionare come generatori. Esistono macchine

Dettagli

Il motore in corrente continua

Il motore in corrente continua Capitolo 4 Il motore in corrente continua 4.1 Introduzione Lo scopo di questa dispensa è quello di mettere in rilievo i principi fondamentali di funzionamento dei motori DC con particolare interesse alle

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

Capitolo 10 Macchine elettriche speciali

Capitolo 10 Macchine elettriche speciali Capitolo 10 Macchine elettriche speciali Sezione 10.1: Motori DC senza spazzole Problema 10.1 Macchina sincrona bifase a sei poli a magnete permanente. L ampiezza della tensione di fase a circuito aperto

Dettagli

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Induzione magnetica INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Che cos è l induzione magnetica? Si parla di induzione magnetica quando si misura una intensità di corrente diversa da zero che attraversa

Dettagli

AZIONAMENTI ELETTRICI

AZIONAMENTI ELETTRICI AZIONAMENTI ELETTRICI SORGENTE ENERGIA UTENTE SUPERVISORE PROCESSO C I R C U I T O D ' I N T E R F A C C I A CONVERTITORE STATICO CIRCUITO DI CONTROLLO SENSOR I \ \ MOTORE TRASMISSIO NE MECCANICA CARICO

Dettagli

Sez 2a FUNZIONAMENTO. 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30. c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia

Sez 2a FUNZIONAMENTO. 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30. c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia Sez 2a FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia Unità cinetica o PGM Funzionamento normale: l

Dettagli

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO SCHEMA DELL AZIONAMENTO A CATENA APERTA AZIONAMENTO L azionamento a catena aperta comprende il motore asincrono e il relativo convertitore statico che riceve

Dettagli

Modellistica e controllo dei motori in corrente continua

Modellistica e controllo dei motori in corrente continua Modellistica e controllo dei motori in corrente continua Note per le lezioni del corso di Controlli Automatici A.A. 2008/09 Prof.ssa Maria Elena Valcher 1 Modellistica Un motore in corrente continua si

Dettagli

Motore passo-passo a riluttanza variabile

Motore passo-passo a riluttanza variabile I motori passo-passo, anche se ideati all'inizio del secolo scorso, hanno avuto una diffusione abbastanza recente, ciò e dovuto all'avvento del microprocessore e all'aumento dell'impiego di sistemi digitali.

Dettagli

Macchina sincrona (alternatore)

Macchina sincrona (alternatore) Macchina sincrona (alternatore) Principio di funzionamento Le macchine sincrone si dividono in: macchina sincrona isotropa, se è realizzata la simmetria del flusso; macchina sincrona anisotropa, quanto

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 MANUTENTORI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini MACCHINE PER LA GENERAZIONE

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare

ITI M. FARADAY Programmazione modulare ITI M. FARADAY Programmazione modulare A.S. 2015/16 Indirizzo: ELETTROTECNICA ed ELETTRONICA Disciplina: ELETTROTECNICA ed ELETTRONICA Classe: V A elettrotecnica settimanali previste: 6 INSEGNANTI: ERBAGGIO

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Controllo di un Motore Elettrico in Corrente Continua

Controllo di un Motore Elettrico in Corrente Continua Controllo di un Motore Elettrico in Corrente Continua ARSLAB - Autonomous and Robotic Systems Laboratory Dipartimento di Matematica e Informatica - Università di Catania, Italy santoro@dmi.unict.it Programmazione

Dettagli

Trasformatore di corrente (TA)

Trasformatore di corrente (TA) Sensori di corrente Il modo più semplice di eseguire la misura di corrente è il metodo volt-amperometrico, in cui si misura la caduta di tensione su di una resistenza di misura percorsa dalla corrente

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA LIBRETTO DELLE LEZIONI DEL CORSO MACCHINE ELETTRICHE MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI Anno Accademico 2014-2015

Dettagli

Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte;

Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Obiettivi generali. Laboratorio di Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Manuale di Elettrotecnica e Automazione, Hoepli;

Dettagli

I trasduttori differenziali.

I trasduttori differenziali. I trasduttori differenziali. I trasduttori differenziali sono dei dispositivi che consentono di convertire uno spostamento meccanico in un segnale elettrico. Sono utilizzati anche per piccoli spostamenti

Dettagli

LE MACCHINE ELETTRICHE

LE MACCHINE ELETTRICHE LE MACCHINE ELETTRICHE Principi generali Le macchine sono sistemi fisici in cui avvengono trasformazioni di energia. Quelle particolari macchine in cui almeno una delle forme di energia, ricevuta o resa,

Dettagli

E possibile classificazione i trasduttori in base a diversi criteri, ad esempio: Criterio Trasduttori Caratteristiche

E possibile classificazione i trasduttori in base a diversi criteri, ad esempio: Criterio Trasduttori Caratteristiche PREMESSA In questa lezione verranno illustrate la classificazione delle diverse tipologie di trasduttori utilizzati nei sistemi di controllo industriali ed i loro parametri caratteristici. CLASSIFICAZIONE

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA CONVERSIONE ELETTROMECCANICA

INTRODUZIONE ALLA CONVERSIONE ELETTROMECCANICA INTRODUZIONE ALLA CONVERSIONE ELETTROMECCANICA Il trasferimento dell energia dalle fonti primarie (petrolio, metano, risorse idriche, eoliche, solari, ecc.) agli utilizzatori passa attraverso molteplici

Dettagli

FONDAMENTI DI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Meccanica. http://web.ing.unimo.it/~lbiagiotti/fondamenticontrolli1415.html SISTEMI ELEMENTARI

FONDAMENTI DI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Meccanica. http://web.ing.unimo.it/~lbiagiotti/fondamenticontrolli1415.html SISTEMI ELEMENTARI FONDAMENTI DI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Meccanica http://web.ing.unimo.it/~lbiagiotti/fondamenticontrolli1415.html SISTEMI ELEMENTARI Ing. e-mail: luigi.biagiotti@unimore.it http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti

Dettagli

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare A.S. 2015/2016 Indirizzo: ELETTROTECNICA Disciplina: ELETTROTECNICA E ELETTRONICA Classe: 5Aes Ore settimanali previste: 5 (2) INSEGNANTI: SCIARRA MAURIZIO

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO Elettrotecnica e Automazione (I.T.I.S.) MATERIA Elettrotecnica ANNO DI CORSO Quinto

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO Elettrotecnica e Automazione (I.T.I.S.) MATERIA Elettrotecnica ANNO DI CORSO Quinto INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Generalità sulle macchine elettriche. 2 Macchine elettriche statiche. 3 Macchine elettriche asincrone. 4 Macchine elettriche sincrone. 5 Macchine elettriche in corrente

Dettagli

1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo... 6

1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo... 6 Indice 1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo................ 6 2 Elementi di modellistica 8 2.1 Modelli nel dominio del tempo................... 8 2.2 La trasformata di Laplace......................

Dettagli

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE (cod. 8469) APPELLO del 10 Novembre 2010 Prof. Emanuele Carpanzano Soluzioni Esercizio 1 (Domande generali) 1.a) Controllo Modulante Tracciare qualitativamente la risposta

Dettagli

Laboratorio di Automazione. Azionamenti Elettrici: Generalità e Motore DC

Laboratorio di Automazione. Azionamenti Elettrici: Generalità e Motore DC Laboratorio di Automazione Azionamenti Elettrici: Generalità e Motore DC Prof. Claudio Bonivento DEIS - Università degli Studi di Bologna E-Mail: cbonivento@deis.unibo.it Indice Definizione Struttura Modello

Dettagli

Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche

Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche Sezione 9.1: Macchine elettriche rotanti Problema 9.1 Relazione tra potenza nominale e temperatura ambiente mostrata in tabella. Un motore con funziona

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI PROGRAMMA DEL CORSO

MACCHINE ELETTRICHE MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI PROGRAMMA DEL CORSO MACCHINE ELETTRICHE MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI PROGRAMMA DEL CORSO Docente: Ezio Santini Denominazione del corso: Macchine Elettriche Settore scientifico disciplinare: ING-IND/32 Crediti formativi:

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

Electrical motor Test-bed

Electrical motor Test-bed EM_Test_bed Page 1 of 10 Electrical motor Test-bed 1. INTERFACCIA SIMULINK... 2 1.1. GUI CRUSCOTTO BANCO MOTORE... 2 1.2. GUIDE... 3 1.3. GUI PARAMETRI MOTORE... 3 1.4. GUI VISUALIZZAZIONE MODELLO 3D MOTORE...

Dettagli

Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO.

Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO. Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO. VIII-1. Introduzione. Il controllo del moto incrementale dei motori passo-passo si ottiene attraverso il software di un computer, programmando opportunamente gli impulsi

Dettagli

I motori asincroni trifase possono essere considerati tra le macchine elettriche più affidabili; svolgono la loro funzione per molti anni con

I motori asincroni trifase possono essere considerati tra le macchine elettriche più affidabili; svolgono la loro funzione per molti anni con MOTORE ASINCRONO Il Motore Asincrono Trifase (MAT), venne per la prima volta realizzato da Galileo Ferraris nel 1885. Esso viene alimentato direttamente dalla rete di distribuzione, a tensione e frequenza

Dettagli

MOTORE BRUSHLESS S 2. Motore Brushless.

MOTORE BRUSHLESS S 2. Motore Brushless. MOTORE BRUHLE Introduzione E stato introdotto negli anni 80 con lo sviluppo dell elettronica di potenza. Il nome brushless significa senza spazzole, e sta ad indicare il fatto che questo tipo di macchina

Dettagli

Ingegneria e Tecnologie dei Sistemi di Controllo Sensori per Grandezze Meccaniche

Ingegneria e Tecnologie dei Sistemi di Controllo Sensori per Grandezze Meccaniche Ingegneria e Tecnologie dei Sistemi di Controllo Sensori per Grandezze Meccaniche Ing. Andrea Tilli DEIS Alma Mater Studiorum Università di Bologna E-Mail: atilli@deis.unibo.it Revisionato: 13/11/24 Posizione

Dettagli

Servomotori Brushless Linearmech

Servomotori Brushless Linearmech I martinetti meccanici con vite a sfere possono essere motorizzati con i Servomotori Brushless di produzione Lineamech. Per questa gamma di servomotori, denominata serie BM, Linearmech ha deciso di utilizzare

Dettagli

Azionamenti Elettrici Parte 2 Tipologie dei motori e relativi azionamenti: Motori asincroni Motori e Riluttanza Variabile

Azionamenti Elettrici Parte 2 Tipologie dei motori e relativi azionamenti: Motori asincroni Motori e Riluttanza Variabile Azionamenti Elettrici Parte 2 Tipologie dei motori e relativi azionamenti: Motori asincroni Motori e Riluttanza Variabile Prof. Alberto Tonielli DEIS - Università di Bologna Tel. 051-6443024 E-mail mail:

Dettagli

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come 49 Motori brushless 1. Generalità I motori brushless sono idealmente derivati dai motori in DC con il proposito di eliminare il collettore a lamelle e quindi le spazzole. Esistono due tipi di motore brushless:

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

L avviamento dei motori asincroni

L avviamento dei motori asincroni L avviamento dei motori asincroni Un problema rilevante è quello dell avviamento dei motori. Nei motori asincroni infatti, durante l avviamento, circolano nel motore correnti notevoli sia perché la resistenza

Dettagli

Attuatori. Conversione del segnale. Attuatore

Attuatori. Conversione del segnale. Attuatore Attuatori Nelle applicazioni di controllo, l acquisizione delle variabili da controllare e l elaborazione delle leggi di controllo è realizzata attraverso controllori (analogici o digitali) che lavorano

Dettagli

Energia Eolica Parte ottava

Energia Eolica Parte ottava Energia Eolica Parte ottava Generatori elettrici per l energia eolica Corso di ENERGETICA A.A. 2012/2013 Docente: Prof. Renato Ricci Introduzione al generatore La quasi totalità della potenza elettrica

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Le macchine elettriche

Le macchine elettriche Le macchine elettriche Cosa sono le macchine elettriche? Le macchine elettriche sono dispositivi atti a: convertire energia elettrica in energia meccanica; convertire energia meccanica in energia elettrica;

Dettagli

La macchina a collettore (o in corrente continua) 1 parte

La macchina a collettore (o in corrente continua) 1 parte La macchina a collettore (o in corrente continua) 1 parte Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia E-mail: lucia@unipv.it 1 La macchina in c.c. La macchina

Dettagli

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia E-mail: lucia@unipv.it 1 Avviamento del

Dettagli

Definizione di mutua induzione

Definizione di mutua induzione Mutua induzione Definizione di mutua induzione Una induttanza produce un campo magnetico proporzionale alla corrente che vi scorre. Se le linee di forza di questo campo magnetico intersecano una seconda

Dettagli

MACCHINA ASINCRONA TRIFASE

MACCHINA ASINCRONA TRIFASE MACCHINA ASINCRONA TRIFASE E una macchina elettrica rotante. Si chiama asincrona perché il rotore ruota ad una velocità diversa dal campo rotante. STRUTTURA. La struttura è la stessa di quella analizzata

Dettagli

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO Unità 3 PRODUZIONE E MENU VITI A RICIRCOLO DI SFERE TESTA MOTRICE CONTROTESTA CONTROMANDRINO AZIONAMENTO MANDRINO AZIONAMENTO ASSI ELETTROMANDRINI SERVIZI DI MACCHINA

Dettagli

Il motore brushless (1 parte): principi di funzionamento

Il motore brushless (1 parte): principi di funzionamento Il motore brushless (1 parte): principi di funzionamento Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia E-mail: lucia@unipv.it Motore sincrono a magneti permanenti

Dettagli

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase La prova di laboratorio considerata consente di determinare le prestazioni dei motori ad induzione con il metodo

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA ELETTROTECNICA

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA ELETTROTECNICA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA ELETTROTECNICA PROGRAMMA DEL CORSO MACCHINE ELETTRICHE MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI Anno Accademico 2014-2015 Docente: Ezio Santini

Dettagli

Azionamenti elettronici PWM

Azionamenti elettronici PWM Capitolo 5 Azionamenti elettronici PWM 5.1 Azionamenti elettronici di potenza I motori in corrente continua vengono tipicamente utilizzati per imporre al carico dei cicli di lavoro, nei quali può essere

Dettagli

motori elettrici a magneti permanenti a corrente continua

motori elettrici a magneti permanenti a corrente continua motori elettrici a magneti permanenti a corrente continua Costante di coppia Costante di coppia La distribuzione della corrente di armatura in un motore con una coppia di poli e illustrato a lato La corrente

Dettagli

Motori Coppia. direct drive technology

Motori Coppia. direct drive technology Motori Coppia direct drive technology I perché dei Motori Coppia? Veloci ed efficaci La tecnologia dei motori coppia viene definita nella progettazione meccanica quale l uso di attuatori che trasferiscono

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI IN CORRENTE ALTERNATA

MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI IN CORRENTE ALTERNATA RICHIAMI SUI SISTEMI TRIFASE E SUI TRASFORMATORI - Ripasso generale sui sistemi trifase. - Ripasso generale sulle misure di potenza nei sistemi trifase. - Ripasso generale sui trasformatori monofase e

Dettagli

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83 I convertitori c.c.-c.c. monodirezionali sono impiegati per produrre in uscita un livello di tensione diverso da quello previsto per la sorgente. Verranno presi in considerazione due tipi di convertitori

Dettagli

CAP.2 SENSORI DI GRANDEZZE MECCANICHE

CAP.2 SENSORI DI GRANDEZZE MECCANICHE CAP.2 SENSORI DI GRANDEZZE MECCANICHE Nella categoria dei sensori di grandezze meccaniche sono normalmente inclusi i sensori utilizzati per la misurazione di deformazione, forza, posizione (spostamento),

Dettagli

Componenti per la robotica: Generalità e Attuatori

Componenti per la robotica: Generalità e Attuatori Corso di Robotica 1 Componenti per la robotica: Generalità e Attuatori Prof. Alessandro De Luca Robotica 1 1 Robot come sistema programma di lavoro comandi Robot azioni ambiente di lavoro organi meccanici

Dettagli

Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico San Giorgio Genova A/S 2012/2013 Programma Didattico Svolto Elettrotecnica ed Elettronica

Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico San Giorgio Genova A/S 2012/2013 Programma Didattico Svolto Elettrotecnica ed Elettronica Docenti: Coppola Filippo Sergio Sacco Giuseppe Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico San Giorgio Genova A/S 2012/2013 Programma Didattico Svolto Classe 3A2 Elettrotecnica ed Elettronica Modulo

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

azionamento I quadranti di un azionamento motore cc Gli azionamenti dei motori

azionamento I quadranti di un azionamento motore cc Gli azionamenti dei motori Gli azionamenti dei motori Per azionamento si intende, in generale, un insieme di apparecchiature, gruppi convertitori, attuatori, organi di trasmissione, macchine operatrici, dispositivi di controllo.

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE N10 G0 X5 Y5

LA PROGRAMMAZIONE N10 G0 X5 Y5 LA PROGRAMMAZIONE Un programma per una Macchina Utensile CNC è costituito da una sequenza logica di informazioni geometriche, tecnologiche ed ausiliarie (fasi di lavoro). Le informazioni geometriche riguardano

Dettagli

OPENLAB APPLICAZIONI

OPENLAB APPLICAZIONI IL SISTEMA DL 10280 È COSTITUITO DA UN KIT DI COMPONENTI ADATTO PER ASSEMBLARE LE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI, SIA PER CORRENTE CONTINUA CHE PER CORRENTE ALTERNATA. CONSENTE ALLO STUDENTE UNA REALIZZAZIONE

Dettagli

Spiegare il controllo di corrente in un motore brushless sinusoidale con l ausilio di uno schema a blocchi.

Spiegare il controllo di corrente in un motore brushless sinusoidale con l ausilio di uno schema a blocchi. Spiegare il controllo di corrente in un motore brushless sinusoidale con l ausilio di uno schema a blocchi. Il motore brushless (senza spazzole) è costituito da un rotore, su cui sono alloggiati i magneti

Dettagli

Filobus con marcia autonoma semplificata

Filobus con marcia autonoma semplificata Organizzato da Area Tematica - 2 (Veicolo) Filobus con marcia autonoma semplificata Autore: Menolotto Flavio Ente di Appartenenza: distribuzione energia elettrica Contatti: Tel. 0322 259715 Cell. 328 2154994

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello Indice Prefazione IX 1. Un nuovo approccio alla progettazione e costruzione di macchine 1 1.1 Sistemi tecnici nella costruzione di macchine: esempi 1 1.2 Concetti essenziali del nuovo approccio alla progettazione

Dettagli

La macchina elettrica sincrona (1 parte): aspetti costruttivi del rotore e reazione di indotto

La macchina elettrica sincrona (1 parte): aspetti costruttivi del rotore e reazione di indotto La macchina elettrica sincrona (1 parte): aspetti costruttivi del rotore e reazione di indotto Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione, Università di Pavia E-mail: lucia@unipv.it

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DELLE MUCN

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DELLE MUCN INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DELLE MUCN 1 MACCHINA UTENSILE CN 2 SISTEMA DI RIFERIMENTO Y X Z 3 SISTEMA DI RIFERIMENTO E ASSI MACCHINA L asse Z è sempre coincidente o parallelo con l asse del mandrino.

Dettagli

) in componenti perpendicolari ) che possono essere rilevate attraverso le due piastrine di Hall poste nella parte inferiore (Fig. 1).

) in componenti perpendicolari ) che possono essere rilevate attraverso le due piastrine di Hall poste nella parte inferiore (Fig. 1). Come realizzare un sensore di posizione angolare con MLX90316 Vincent M. Hiligsmann Marketing & Application manages Melexis Grazie alla tecnologia a effetto Hall Triaxis è possibile costruire sensori di

Dettagli

Trasduttore digitale Rettilineo

Trasduttore digitale Rettilineo Trasduttori digitali Un trasduttore digitale fornisce, costruttivamente, in uscita un segnale digitale; I più diffusi trasduttori digitali sono i codificatori di posizione digitale chiamatiencoder. Gli

Dettagli

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ESAME

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ESAME GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ESAME INTRODUZIONE Questa guida è rivolta a tutti gli studenti che intendono sostenere l esame del corso di Macchine e Azionamenti Elettrici in forma orale. I testi consigliati

Dettagli

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C.

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. L automazione di un qualunque procedimento industriale si ottiene mediante un insieme d apparecchiature, opportunamente collegate tra loro, in modo

Dettagli