Vibrazioni e r m a bordo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vibrazioni e r m a bordo"

Transcript

1 Vibrazioni e rma bordo Nulle è peggio del rumore e delle vibrazioni della barca per rovinare la pace e la quiete di una giornata in mare. Ci si deve..urlare addosso anche solo per una normale conversazione, le mani si intorpidiscono per le vibrazioni trasmesse dal timone, è difficile trovare un posto dove sedersi e rilassarsi. I costruttori ed i cantieri investono tempo e denaro cercando di smorzare o attutire i rumori, silenziare il motore, insonorizzare le cabine, talvolta con risultati modesti. Prima di tutto, cos è una vibrazione? La vibrazione è un'ampiezza di oscillazione, relativamente piccola, intorno ad un punto d'appoggio, dove il suo valore è zero. Le vibrazioni di uno scafo, oltre a creare disagio per quelle parti ed oggetti della nave che si muovono con un'alta frequenza, sono causa di rumore altrettanto fastidioso per il comfort a bordo. Le vibrazioni a bordo di una nave possono essere quelle proprie dello scafo quelle prodotte dalle eliche, dai motori, dai gruppi elettronici e da tutti gli impianti che hanno motori con masse rotanti o alternative. Le principali per entità sono quelle dello scafo, eliche e motori propulsivi. In questo articolo saranno trattate le vibrazioni indotte dalle eliche ed i loro assi, insieme al gruppo motoreinvertitore. I rumori e le vibrazioni che possono presentarsi durante la navigazione a varie velocità possono infatti avere molteplici cause, in ordine di importanza: Linea d asse (asse elica): se l albero di trasmissione non è perfettamente allineato al motore oppure se nonostante un corretto allineamento il motore risultasse particolarmente incline alle vibrazioni, queste vibrazioni o quelle insorgenti dal de-allineamento raggiungono le strutture dello scafo attraverso i supporti dell albero di trasmissione.

2 Una possibile soluzione di ripiego, in questi casi, può essere dall installazione di un elemento di accoppiamento tra il gruppo motore-invertitore e asse elica, che realizzi lo stesso effetto antivibrante generato dai supporti motore smorzanti. L allineamento dell asse elica (in realtà si tratta della posizione del gruppo motore-invertitore rispetto all asse dell elica) è uno degli aspetti costruttivi e di manutenzione che sono allo stesso tempo affrontati con grande impegno e scarsa conoscenza delle conseguenze di un lavoro non eseguito a regola d arte: Elica Rapida usura dei cuscinetti della trasmissione-invertitore I sintomi possono essere il rumore dell invertitore, sia in folle che in marcia perdite di olio dalla flangia di uscita dell invertitore Cedimento dell invertitore, causato dalle tensioni e dai carichi crescenti indotti sulla carcassa e sui cuscinetti Asse elica deformato (storto) dopo un lungo periodo di funzionamento con allineamento errato (può danneggiare progressivamente il sistema di trasmissione, i supporti del motore e lo stesso scafo). Perdita del precarico della baderna, con conseguente infiltrazione di acqua Rotazione eccentrica dell asse elica che provoca l usura e/o il cedimento dei supporti dell asse elica Usura e/o allentamento dei bulloni delle staffe di supporto di motore e invertitore, che peggiorano l allineamento già compromesso e aumentano rumore e vibrazioni di tutto il sistema. Vibrazioni indotte dalla forma dell elica Possono essere causate da passo dell elica, inclinazione delle pale e forma della sezione delle pale. Se le vibrazioni sono prodotte dall'elica, per evitare il prodursi delle vibrazioni o almeno ridurre queste entro limiti tollerabili, spesso si è dimostrato efficace influire sulla loro frequenza ed ampiezza variando il numero delle pale e talora anche modificandone il disegno (frazione totale di passo, distribuzione della superficie, variazione del passo lungo la pala, inclinazione e forma della generatrice, forma del contorno della pala, scelta dei profili della pala, ecc.). Erosione, corrosione dell elica Materiali abrasivi, oggetti sommersi (cime in tessuto) possono erodere le pale, riducendo il diametro dell elica e la sua efficienza. L elica può vibrare. Cavitazione E una causa fondamentale delle vibrazioni, del rumore e dei danni maggiori all elica. La cavitazione può essere indotta dall elica stessa (caratteristiche costruttive proprie) o dall imbarcazione (posizione dell elica rispetto allo scafo, appendici della chiglia che alterano il flusso d acqua che investe l elica, ecc.) La presenza della carena induce una sensibile distorsione del flusso incidente che nelle carene bielica è particolarmente accentuata a ridosso dei braccetti portaelica e della linea d'assi Risonanza Alcune eliche possono andare in risonanza a certe velocità di rotazione tra la minima e la massima velocità di funzionamento. Sovraccarico del motore La fumosità eccessiva del motore in navigazione (associata a rumore e vibrazioni) è un sintomo del sovraccarico al motore causato da una scelta imperfetta dell elica (passo, diametro, numero di pale, peso). Sincronia delle eliche (imbarcazioni bi-motore) Talvolta i motori (a parità di giri) non riescono ad erogare la potenza perché le due eliche (in genere controrotanti) non hanno le stesse caratteristiche costruttive (passo, diametro): vibrazione, rumore e fumosità degli scarichi sono i sintomi più frequenti.

3 Motore: per quanto evoluti possano essere i motori moderni (sistema di alimentazione, controllo e gestione elettronica con microprocessori, materiali speciali e leghe metalliche per contenere il peso, ecc.), non è possibile eliminare completamente una serie di vibrazioni fisiologiche (le vibrazioni torsionali) tipiche dei motori a combustione. Un motore a due o tre cilindri è afflitto da vibrazioni (sopratutto torsionali) quasi impossibili da eliminare o smorzare completamente, se non utilizzando giunti elastici e supporti elastici relativamente costosi. Ma spesso si usano materiali così soffici che il sistema motore-invertitore si muove talmente da compromettere l allineamento con l asse elica. Un motore a quattro o più cilindri è sicuramente preferibile, proprio per le caratteristiche costruttive che offrono un funzionamento più regolare e rotondo. Per attenuare quanto più possibile la trasmissione delle vibrazioni dal motore allo scafo, si adottano speciali isolatori (in gomma) su cui poggiare il propulsore, in modo che essi riescano a smorzare il moto vibratorio prima che questo raggiunga il telaio e si propaghi alle altre parti strutturali e non dello scafo. Oggigiorno sono stati sviluppati alcuni elementi di smorzamento molto efficienti, che si basano sulle proprietà anisotrope di alcuni materiali, simili a gelatine molto dense. Invertitore Nella maggior parte delle applicazioni, gli invertitori sono sovradimensionati (per le ovvie esigenze di sicurezza e affidabilità). Oscillazioni e movimenti del gruppo motore-invertitore non dovrebbero essere visibili: se il gruppo si muove o vibra, si è di fronte ad un problema di supporti e prima o poi si verificheranno dei danni. Se la parte superiore del gruppo oscilla avanti e indietro o di lato, le sollecitazioni si concentrano nel collegamento tra la flangia di uscita dell invertitore e l asse elica! Vibrazioni, rumore o, peggio, cedimento della trasmissione possono dipendere da tre cause: Supporti motore e invertitore allentati, usurati o insufficienti permettono al gruppo motoreinvertitore di muoversi, perdendo così l allineamento rispetto all asse elica. Ne consegue un sovraccarico dei cuscinetti dell invertitore Scarsa manutenzione dei supporti dell asse elica (in particolare quelli in sala macchine, malamente lubrificati): quando l usura è eccessiva, l asse/albero dell elica si muove liberamente, danneggiando l invertitore.

4 Elica sovradimensionata (diametro, passo o entrambi). Consultare le tabelle/diagrammi di carico del produttore di eliche e verificare se la coppia trasmessa è compatibile con la coppia che la trasmissioneinvertitore può sopportare. Scarsa manutenzione La manutenzione stagionale (invernale) è un appuntamento che si deve rispettare: l integrità della trasmissione (e la sicurezza in mare) dipendono da una serie di controlli e di interventi: o Motore: sostituzione olio, filtri, verifica e pulizia dell impianto di raffreddamento e dello scambiatore di calore (sostituire gli anodi di zinco!), verifica e serraggio dei supporti motore o Invertitore: sostituzione olio, filtri, verifica e pulizia dell impianto di raffreddamento e dello scambiatore di calore (sostituire gli anodi di zinco!), controllo e regolazione dei comandi di marcia, verifica e serraggio dei supporti o Asse elica: verifica e lubrificazione dei cuscinetti reggispinta, verifica cuscinetti e boccole in gomma, verifica e serraggio baderna o Gruppo motore-invertitore-asse elica: verifica dell allineamento o Elica: verifica, pulizia, controllo del serraggio del dado di bloccaggio La domanda più comune è come mai, diversamente dalle applicazioni industriali e del settore automotive, i sistemi di trasmissione delle imbarcazioni non restano allineati indefinitamente e debbano essere periodicamente controllati e allineati. E opinione diffusa che barche e yacht siano strutture rigide: non è così. Il fatto è che le barche si deformano e flettono in tutte le direzioni, anche se, a occhio nudo, tali movimenti sono assolutamente impercettibili. Ciò è particolarmente evidente nelle imbarcazioni di vetroresina o materiali come PVC: si tratta di resine termosensibili, quindi influenzate anche da fattori ambientali come la temperatura. Questo avviene sia nelle fasi di alaggio, varo e rimessaggio su invaso o anche solo in funzione dell età dell imbarcazione e per effetto della gravità (che ha una forte influenza sul peso della barca e del suo equipaggiamento). Ridurre rumore e vibrazioni Come abbiamo visto, gran parte del rumore e delle vibrazioni in barca hanno origine dal motore, dall elica e dall asse elica. Un allineamento imperfetto, per varie ragioni, è la causa più frequente di tali sintomi. Una regola generale, per l allineamento dell asse elica, è che più grande è l imbarcazione, maggiori saranno diametro e lunghezza dell asse elica e più difficile ed impegnativo sarà procedere con una corretta installazione: ogni errore viene amplificato dalla lunghezza dell asse (un asse centrato sul cuscinetto di supporto può essere disallineato di parecchi centimetri già con un errore di uno o due gradi, quando si presenta alla flangia di uscita del gruppo motore-invertitore). Questo è uno dei fattori da considerare di fronte a rotture o cedimenti del sistema. Una conferma dell influenza di diametro e lunghezza dell asse elica è la modesta incidenza di danni e problemi in imbarcazioni di dimensioni contenute (inferiori a 10 metri), dove assi elica di 2-3 metri di lunghezza e supporti motore non particolarmente costosi danno meno problemi di assi elica da 4-5 metri installati in imbarcazioni da 12 o più metri di lunghezza. A questo punto è evidente che il diametro e la massa di asse elica ed elica, insieme alla coppia trasmessa, giocano un ruolo crescente al crescere della loro entità: tutti gli assi elica, ruotando, tendono ad autoallinearsi, ma gli assi elica di dimensioni minori, grazie alla maggiore elasticità, si adattano meglio. Gli assi di grosse dimensioni, più rigidi, flettono con maggiore difficoltà e trasmettono l energia (vibrazioni torsionali del motore o dell elica) ad altri elementi del sistema: supporti asse, cuscinetti reggispinta, invertitore e supporti motore.

5 Nella maggior parte delle installazioni, si cerca di utilizzare supporti del motore quanto più possibile rigidi per sostenere le sollecitazioni del motore (peso) e dell asse elica e permettere un allineamento rapido ed estremamente accurato: purtroppo i supporti rigidi assorbono solo in parte il rumore e le vibrazioni: lo scafo vibra è opinione diffusa che motore-invertitore e asse elica debbano essere allineati con la precisione di centesimi di millimetro ma non è proprio così. In effetti si riesce ad accoppiare i vari elementi del gruppo propulsivo con una elevatissima precisione (i moderni strumenti ed attrezzi di misura permettono di ottenere risultati eccellenti). Ma si tratta di una precisione che si ottiene limitatatamente all accoppiamento delle flangie, non certo ottenibile per tutto il sistema motore-invertitore-asse elica. Di fatto questo insieme di componenti è libero di muoversi, adattarsi e allinearsi alle varie sollecitazioni e deformazioni. Perché? Il motore è montato su supporti elastici L asse elica è tenuto in guida da boccole di gomma Quindi né il motore-invertitore né l asse elica sono tenuti rigidamente al loro posto e tutta la precisione e cura investita nell accoppiare flangie e mancioni entro pochi millesimi di millimetro a motore spento e con barca sull invaso servono a poco: è virtualmente impossibile allineare correttamente e definitivamente l asse elica i supporti del motore (in funzione) si adattano in funzione della coppia erogata e della spinta dell elica: il motore cambia di posizione continuamente l asse elica tende ad autoallinearsi in funzione della velocità a cui ruota, delle reazioni dello scafo e della spinta dell elica Come controllare se il vostro sistema di trasmissione è sufficientemente allineato La prima cosa (e la più facile) da fare è controllare l efficienza dei supporti (elastici) del motore: in genere sono simili a quelli delle figure: Si tratta di una base, fissata alla chiglia, con un bullone verticale annegato nella gomma. Se il supporto è stato installato correttamente, il bullone dovrebbe essere perfettamente verticale. Eventuali inclinazioni sono il sintomo di un cedimento o spostamento che va corretto. Per capire se i supporti sono adeguatamente precaricati si può fare una semplice prova: 1. Avviare il motore (o un motore alla volta) e accertarsi che l invertitore sia in folle 2. Innestare la marcia e accelerare fino ad 1/3 di acceleratore 3. Mettere in folle 4. Innestare la marcia opposta fino ad 1/3 di acceleratore

6 ed osservate, nelle fasi 2 e 4, se i supporti fanno qualche movimento: movimenti superiori a 3-4 mm sono la conferma che questi non controllano con efficienza i movimenti del motore. Allo stesso modo si può osservare se l asse elica si muove o flette: è accettabile una flessione di 2-3 millimetri con motore al minimo e in marcia, ma se l oscillazione rimane anche oltre 1200 giri/min circa, può esserci un problema (supporti asse elica usurati). Come allineare il vostro asse elica Il modo di dire è improprio: in effetti il lavoro consiste nell allineare motore e invertitore rispetto all asse elica. Il disallineamento è causato dal gruppo motore-invertitore disassato sia lateralmente che in senso verticale rispetto all asse elica Lo spostamento del gruppo motore-invertitore dipende da vari fattori, che abbiamo esaminato nelle pagine precedenti: cedimento dei supporti del motore l'estrema variazione di carico della barca che genera una flessione dello scafo quando la barca viene spostata dalla posizione di ricovero invernale a terra, per essere messa in acqua (problema simile anche per le barche nuove di cantiere ): lo scafo sostenuto sull invaso è soggetto a forze e reazioni diverse da quando è in acqua, con ulteriori flessioni ed adattamenti della sua struttura Intervenire sull allineamento si rivela spesso un esercizio difficile: i costruttori di barche lasciano spesso uno spazio ridotto per poter intervenire sull'accoppiamento tra il mancione (flangia) dell'asse porta elica e il platorello (flangia di uscita) dell'invertitore-riduttore. Questo è il motivo per cui viene tralasciata sovente la manutenzione di questi organi meccanici. Un buon allineamento dell asse elica evita vibrazioni e rumorosità e assicura una lunga durata della baderna e del braccio dell asse elica (verificare il corretto allineamento, allentando il collegamento tra invertitore e asse, è una delle manutenzioni più importanti da fare durante l'inverno).

7 Tipi o forme di non allineamento Il gruppo motore-motore può essere spostato, rispetto alla posizione ottimale in linea, destro sinistra (guardando da) e poi alto basso (guardando di fianco) o in una combinazione di due casi. In breve, tutto si gioca sull accoppiamento (allineamento) tra le flangie di uscita dell invertitore e dell asse elica. Come procedere: un metodo semplice per imbarcazioni con motori di piccola potenza 1) Identificare le viti di collegamento tra flangia di uscita e flangia dell asse elica (si deve avere la possibilità di far scorrere avanti e indietro l asse elica) 2) dotarsi di chiavi fisse della giusta misura per dado e bullone (consigliabile un abbondante applicazione di prodotti che facilitando l allentamento delle viti 3) dotarsi di uno spessimetro (lo stesso che si usa per controllare la distanza tra gli elettrodi delle candele per motori) con linguette da 0,1-0,2 mm 4) dotarsi di una mazzetta o un martello abbastanza pesante Prima di accingersi ad effettuare le verifiche descritte si deve aver bene chiaro in mente che questo tipo "manutenzione" è una operazione molto delicata, che è opportuno affidare a tecnici specializzati o meccanici navali con conoscenze e capacità diverse dal meccanico riparatore di motori. NOTA: E assolutamente sconsigliabile fare questo intervento in motorizzazioni con motore, cardano e invertitore v-drive, per la difficoltà che richiede. Se decidete di tentare, armatevi di molta pazienza. 1) Il primo passo consiste nell allentare e sfilare le viti di collegamento tra flangia di uscita dell invertitore e dell asse elica. Prima di farlo, è importante e necessario posizionare dei blocchetti di legno sotto l asse elica, per tenerlo appoggiato e allineato quanto più possibile (mentre lo si farà scorrere avanti e indietro). 2) allentare e sfilare le viti di collegamento tra flangia di uscita dell invertitore e dell asse elica 3) spingere l asse elica in modo da allontanarlo dalla flangia dell invertitore. 4) attenzione: l asse elica è libero di muoversi e, se è molto lungo e pesante, potrebbe appoggiarsi alla chiglia. Usare dei blocchetti di legno per tenerlo appoggiato e allineato quanto più possibile (mentre lo si farà scorrere avanti e indietro) 5) se le due parti, motore-invertitore e asse, libere dal vincolo dei bulloni hanno le rispettive flangie che non combaciano alla perfezione, siamo in presenza di un disallineamento

8 Se le due flangie risultano sfalsate destra-sinistra dovremo agire sulla base dei supporti antivibranti del motore. Si dovrà spostare il motore dopo aver allentato i tirafondi o i bulloni di bloccaggio dei silent block allo scafo: per far ciò si deve utilizzare la mazzetta con cui colpire la parte bassa del supporto motore. A questo punto riavvicinare le flangie e verificare l'accoppiamento, con l'ausilio dello spessimetro (lo stesso che si utilizza per misurare le candele): un allineamento ottimale non consente l'introduzione di alcun spessore tra le due superfici Se le due flangie si toccano solo sotto o solo sopra, in altre parole c'è aria tra le facce delle flangie (le facce non sono parallele), sarà necessario alzare il motore: davanti nella prima ipotesi dietro nella seconda. Per sollevare il motore utilizzeremo la regolazione del livello dei supporti antivibranti: i silent block su cui poggia il motore hanno due dadi che contengono i supporti motore, allentando quello basso il motore scende, avvitandolo sale. Il dado superiore si utilizza per bloccare il motore nella posizione datagli da quello inferiore, per evitare che a causa delle vibrazioni o del moto ondoso possa uscire dalla sua sede. Sia quando si usa la mazzetta che quando si lavora sui silent block occorre procedere per piccoli passi, avere pazienza e non accontentarsi. Se le regolazioni sono state fatte con la dovuta attenzione, le superfici delle flangie di accoppiamento, avvicinandole, dovranno essere quasi complanari. Lo spessimetro si utilizza quando a occhio le due flangie sembrano baciarsi perfettamente.

9 Lo si deve infilare tra le due superfici in più punti possibili: ripetendo e alternando il controllo con lo spessimetro con l aggiustamento dei supporti motore, si deve ottenere una tolleranza massima nell'ordine del decimo di millimetro (0,1 mm). Quando utilizzate il martello per la simmetria laterale dovrete aver allentato tutti i supporti dai cosciali di bloccaggio del motore, in caso contrario questo non si muoverà. Lo stesso è valido per la riposizionatura verticale: per far scendere il motore a poppa ed eliminare la luce tra le flangie, nella loro parte alta, sarà indispensabile allentare i dadi alti dei supporti antivibranti posteriori. A questo punto si può spingere la flangia dell asse elica definitivamente contro la flangia di uscita dell invertitore e quindi serrare i bulloni dei supporti elastici controllare ancora una volta con lo spessimetro eventuali differenze sulla circonferenza della flangia se è tutto in ordine, fissare flangia e contro-flangia con i bulloni, serrando con cura ciascun dado (a croce, come si fa quando si monta il cerchione dell auto). Un motore ben allineato rende confortevole la navigazione, consente di stringere poco il premitreccia, fa lavorare bene l'invertitore e aumenta le prestazioni A cura del Servizio Tecnico Aftermarket Twin Disc srl

10 Coa è una vibrazione? La vibrazione è un'ampiezza di oscillazione, relativamente piccola, intorno ad un punto d'appoggio dove il suo valore è zero. Le vibrazioni di uno scafo, oltre a creare disagio per quelle parti ed oggetti della nave che si muovono con un'alta frequenza, sono causa di rumore altrettanto negativo per il comfort a bordo. Le vibrazioni a bordo di una nave possono essere quelle proprie dello scafo quelle prodotte dalle eliche, dai motori, dai gruppi elettronici e da tutti gli impianti che hanno motori con masse rotanti o alternative. Le principali per entità sono quelle dello scafo, eliche e motori propulsivi. In questo articolo saranno trattate le vibrazioni dello scafo e dell'elica. Lo scafo di una nave può considerarsi nel suo complesso come un corpo elastico dotato di numerose frequenze proprie che dipendono dalle sue dimensioni e dalla distribuzione delle sue masse e dei carichi. Inoltre lo scafo, come tutti i corpi elastici, può compiere oscillazioni forzate di carattere periodico se sollecitato da azioni di tipo pulsante. Le vibrazioni della trave-nave, come quelle di una qualsiasi trave, possono essere quindi libere o naturali e forzate: sono libere o naturali quando la trave è eccitata da una forza e lasciata libera nel suo moto, sono forzate quando alla trave è applicata una forza variabile nel tempo. Nel primo caso la trave, una volta lasciata libera si mette a vibrare con una frequenza detta "prima frequenza propria". L'ampiezza della vibrazione, che è il valore dello spostamento dell'oscillazione (Figura 1), risulta modesta, compatibilmente con l'intensità della causa eccitante, se la trave viene fatta vibrare con una frequenza diversa da quella propria; viceversa se la frequenza eccitante coincide con la frequenza propria di vibrazione della trave- scafo si ha la condizione di "risonanza". 1 In conseguenza del fenomeno della risonanza, che appunto si verifica quando una delle frequenze di vibrazione dello scafo coincide o è molto vicina alla frequenza di una qualsiasi azione pulsante che si scarichi sulle strutture resistenti della nave, l'ampiezza (Figura 1) delle vibrazioni forzate viene esaltata. Di conseguenza lo scafo è sottoposto a moti vibratori talvolta di sensibile entità e quindi molesti. Infatti, se i giri dell'elica sono molto vicini alla frequenza propria di vibrazione dello scafo e l'elica stessa non è perfettamente bilanciata dinamicamente, nascono delle oscillazioni che, anche se non elevate in valore assoluto, possono far vibrare lo scafo con sensibile entità.

11 Le oscillazioni di maggiore ampiezza si rilevano di solito nel piano longitudinale e quelle che più interessano lo scafo sono: 1. vibrazioni flessionali verticali che avvengono nel piano longitudinale di simmetria 2. vibrazioni flessionali orizzontali o trasversali che avvengono in un piano normale al piano longitudinale di simmetria. Le cause che eccitano il moto vibratorio dello scafo, e quindi provocano la condizione di risonanza, sono l'elica con la relativa linea d'asse, i moti di rollio- beccheggio, i motori termici alternativi di propulsione. Il calcolo delle frequenze, che sono il numero di cicli di vibrazione (Figura 1) eseguite nell'unità di tempo (che è l'inverso del periodo di vibrazione), in Hertz (Hz) delle su menzionate cause eccitanti sono: La frequenza trasmessa dall'elica allo scafo dove: n = numero delle pale N = numero giri al primo dell'asse portaelica La frequenza trasmessa dalla linea assi La frequenza data dal moto ondoso, in qualsiasi senso, il cui semiperiodo e risulta pari a La frequenza data dai motori alternativi di propulsione dove: NC = numero dei cilindri NM = numero dei giri al minuto primo dell'asse del motore termico K = numero dei tempi. Come sopra illustrato, uno scafo presenta per ogni senso di vibrazione più frequenze proprie di risonanza e a ogni frequenza propria corrisponde un modo o grado di vibrare dello scafo.

12 I modi di vibrare sono determinati dal numero di nodi (punti di ampiezza o spostamento nullo) (Figura 2) che mostra la curva che rappresenta la linea elastica dello scafo. Per la trave libera, come è appunto lo scafo di una nave galleggiante, il primo modo di vibrare ha due nodi, il secondo ha tre nodi e così via. 2 In conclusione: alla 1^ frequenza propria corrisponde il 1 modo di vibrare (2 nodi); alla 2^ frequenza propria corrisponde il 2 modo di vibrare (3 nodi); alla 3^ frequenza propria corrisponde il 3 modo di vibrare (4 nodi); e così di seguito (Figura 2). I primi sistemi di calcolo per la previsione delle frequenze proprie di vibrazione delle navi sono state formule teorico-sperimentali. Dette formule, col passare del tempo, sono state affinate e corrette alla luce dei rilievi effettuati su un numero sempre maggiore di navi di diversi tipi. Generalmente la previsione dei modi di vibrare dello scafo si ferma al primo modo, cioè a vibrazioni di scafo con due nodi, sia in senso verticale, sia in senso trasversale. Se le vibrazioni sono prodotte dall'elica, per evitare il prodursi delle vibrazioni o almeno ridurre queste entro limiti tollerabili, spesso si è dimostrato efficace influire sulla loro frequenza ed ampiezza variando il numero delle pale e talora anche modificandone il disegno (frazione totale di passo, distribuzione della superficie, variazione del passo lungo la pala, inclinazione e forma della generatrice, forma del contorno della pala, scelta dei profili della pala, ecc.). Un'elica con un numero di pale limitato non produce alcuna vibrazione nel momento torcente trasmesso e nella spinta prodotta, sempre che essa funzioni sufficientemente immersa in una corrente fluida uniforme; le eventuali vibrazioni prodotte dall'elica sono attribuibili ad una non uniformità della corrente di scia.

13 A causa della disuniformità della scia, l'elica produce tre generi diversi d'impulsi che vengono qui di seguito esaminati in ordine d'importanza: Fluttuazioni della spinta - Le fluttuazioni della spinta agiscono senza produrre disturbo sulla nave attraverso la linea d'asse ed il cuscinetto di spinta, dato che le loro frequenze sono inferiori alla frequenza propria della linea d'asse nella direzione della spinta e lo smorzamento è piccolo. Fluttuazioni del momento torcente - Le fluttuazioni del momento torcente sono notevolmente influenzate sia dal momento d'inerzia dinamico dell'elica relativamente elevato che permette solo piccole variazioni angolari, sia dall'elasticità alla torsione della linea d'asse. Con un torsiografo si può constatare una rapida diminuzione delle variazioni angolari torsionali lungo la linea d'asse prodotte dall'elica. Le fluttuazioni del momento torcente, se arrivano fino al motore, sono trasmesse alla nave attraverso gli appoggi del motore stesso. Fluttuazioni di flessione - In seguito alla continua variazione del carico sulle pale durante la rotazione, il centro di applicazione della spinta si sposta dal centro dell'elica, quindi nascono delle sollecitazioni di flessione sull'asse portaelica, anche se piccole in confronto a quelle dovute al peso dell'elica immersa nell'acqua di mare. Queste sollecitazioni vengono trasmesse alla nave in un piano perpendicolare alla linea d'asse attraverso i cuscinetti dell'astuccio e dato che esse hanno la stessa frequenza della spinta, si sommeranno gli effetti. La conoscenza delle oscillazioni massime del momento torcente assorbito e della spinta fornita dall'elica è importante per il calcolo della robustezza della pala. Le frequenze di queste oscillazioni non dipendono dal numero delle pale, sono multiple del numero di giri e possono produrre vibrazioni nelle pale e quindi sollecitazioni aggiuntive nel materiale. Per evitare nelle navi vibrazioni prodotte dall'elica si devono tenere presenti i seguenti principali accorgimenti: Si deve cercare di ottenere una corrente di scia quanto più possibile uniforme nella zona dell'elica, affinando le linee d'acqua poppiere, adottando un grande pozzo dell'elica ed una buona distanza di questa dal dritto dell'elica e dal dritto del timone. Le frequenze delle vibrazioni dell'elica e del motore non devono coincidere od essere nel rapporto di riduzione del riduttore. La frequenza propria e le vibrazioni di parti strutturali della nave, che cadono nel campo delle frequenza dell'elica, devono essere annullate rinforzando queste parti strutturali. Oltre alle vibrazioni dello scafo possono verificarsi anche dei rumori che dall'elica si trasmettono allo scafo attraverso l'acqua e che vengono amplificati dal fasciame di questo, che entra in vibrazione. Questi rumori, che hanno una frequenza data dal prodotto di giri per il numero delle pale, sono causati da formazioni locali di cavitazione e da forti differenze di velocità di scia durante il passaggio della pala in corrispondenza del dritto o braccio portaelica. In conclusione quanto maggiori sono il numero delle pale di un'elica, poiché saranno maggiori le frequenze e minori le ampiezze vibratorie, tanto maggiore sarà la sicurezza di evitare vibrazioni allo scafo.

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

CARENA PLANANTE. propulsione monomotore solo per le basse velocità. Nell articolo sono esaminate

CARENA PLANANTE. propulsione monomotore solo per le basse velocità. Nell articolo sono esaminate ANDARE PIANO CON UNA CARENA PLANANTE di Andrea Mancini - Foto di Roberto Pistone È possibile andar piano con una carena planante in modo da consumare meno e, al contempo, poter vivere a bordo con il comfort

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002

GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002 GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002 Emerson Power Transmission KOP-FLEX, INC., P.O. BOX 1696 BALTIMORE MARYLAND 21203, (419) 768 2000 KOP-FLEX

Dettagli

POMPE PERISTALTICHE PER OGNI ESIGENZA DI PROCESSO

POMPE PERISTALTICHE PER OGNI ESIGENZA DI PROCESSO POMPE PERISTALTICHE PER OGNI ESIGENZA DI PROCESSO altezza di aspirazione: fino a 9 metri capacità di funzionamento a secco autoadescante senso di rotazione reversibile senza dispositivi di tenuta monitoraggio

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson:

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: 50Z3 75Z3 Liberatevi: Escavatore Zero Tail Wacker Neuson. Elementi Wacker Neuson: Dimensioni compatte senza sporgenze. Cabina spaziosa e salita comoda. Comfort migliorato

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG

CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG CENNI STORICI Nell anno 1946, l ingegnere americano Ray Arden, un vero pioniere della progettazione dei micromotori ed indiscusso genio in materia, ideò e perfezionò

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro.

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro. 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042 TRASPORTATORI LEGGERI Non è saggio pagare troppo. Ma pagare troppo poco è peggio. Quando si paga troppo si

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web:

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web: Via C. Marrocco, 13 93100 Caltanissetta (CL) Tel.: 338.8233126 388.1832953 Fax: 36.338.8233126 E-mail:edil-serv@alice.it Web: www.webalice.it/edil-serv Alla cortese attenzione del Titolare di codesta Spett.le

Dettagli

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt. C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.com www.cfritaly.com È vietata la riproduzione o la traduzione

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

15R-8 PC15R-8 PC15R-8. POTENZA NETTA SAE J1349 11,4 kw - 15,3 HP M INIESCAVATORE. PESO OPERATIVO Da 1.575 kg a 1.775 kg

15R-8 PC15R-8 PC15R-8. POTENZA NETTA SAE J1349 11,4 kw - 15,3 HP M INIESCAVATORE. PESO OPERATIVO Da 1.575 kg a 1.775 kg PC 15R-8 PC15R-8 PC15R-8 M INIESCAVATRE PTENZA NETTA SAE J149 11,4 kw - 15, HP PES PERATIV Da 1.575 kg a 1.775 kg M INIESCAVATRE LA TECNLGIA PRENDE FRMA Frutto della tecnologia e dell esperienza KMATSU,

Dettagli

Maggiore efficienza per i motori elettrici. Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C

Maggiore efficienza per i motori elettrici. Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C Maggiore efficienza per i motori elettrici Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C E l e v a t i v a n t a g g i p e r i l C l i e n t e I cuscinetti radiali rigidi a sfere Generation C... 35

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!!

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! SEZIONE PROGETTI AVAB Amici del Volo Aeromodellistico di Bovolone Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! Di Federico Fracasso In questo articolo spiegherò a grandi passi

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche 24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche ü [.a. 2011-2012 : ultima revisione 1 maggio 2012] In questo capitolo si studiano strutture piane che presentano proprieta' di simmetria ed antisimmetria sia

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

1 Introduzione alla dinamica dei telai

1 Introduzione alla dinamica dei telai 1 Introduzione alla dinamica dei telai 1.1 Rigidezza di un telaio elementare Il telaio della figura 1.1 ha un piano solo e i telai che hanno un piano solo, sono chiamati, in questo testo, telai elementari.

Dettagli

OWNER S MANUAL WHEELS PART 1

OWNER S MANUAL WHEELS PART 1 OWNER S MANUAL WHEELS PART 1 Leggete attentamente le istruzioni riportate nel presente manuale. Questo manuale è parte integrante del prodotto e deve essere conservato in un luogo sicuro per future consultazioni.

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp Erkopress 300 Tp-ci Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Apparecchio di termostampaggio con compressore integrato e riserva di

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento GRUNDFOS WASTEWATER Pompe per drenaggio e prosciugamento Pompe per drenaggio e prosciugamento altamente efficienti tecnologicamente all avanguardia Grundfos offre una gamma completa di pompe per per drenaggio

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano SERIE MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano PAG. 1 ESPLOSO ANTA MOBILE VISTA LATO AUTOMATISMO PAG. 2 MONTAGGIO GUARNIZIONE SU VETRO (ANTA MOBILE E ANTA FISSA) Attrezzi e materiali da utilizzare per il montaggio:

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw SCHEDA TECNICA CAPACITÀ BENNE CARICO OPERATIVO BENNE PESO OPERATIVO POTENZA MASSIMA W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw W270C/W300C ECOLOGICO COME

Dettagli

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI A) Vite di regolazione del minimo. B) Getto MAX C) Getto MIN D) Vite corta coperchio camera del galleggiante E) Vite lunga coperchio camera del galleggiante

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project: serramenti in alluminio ad alte prestazioni Ricche dotazioni tecnologiche e funzionali Eccezionale isolamento termico Massima espressione

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW CATNA 10s ULTRA NARROW 1 - SPCIFICH TCNICH 2 - COMPATIBILITA CX 10 HD-LINK ULTRA-NARROW CN-R400 L utilizzo di pignoni e ingranaggi non "Campagnolo" può danneggiare la catena. Una catena danneggiata può

Dettagli

Performance Line Dai tutto. Per ricevere ancora di più. Bosch ebike Systems 2015

Performance Line Dai tutto. Per ricevere ancora di più. Bosch ebike Systems 2015 Performance Line Dai tutto. Per ricevere ancora di più. Bosch ebike Systems 2015 mi lascio l autobus alle spalle Performance Line Dare tutto. Per ricevere ancora di più. puntuale all appuntamento 45 km/h

Dettagli

TIP-ON per TANDEMBOX. Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia. www.blum.com

TIP-ON per TANDEMBOX. Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia. www.blum.com TIP-ON per TANDEMBOX Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia www.blum.com 2 Apertura facile basta un leggero tocco Nel moderno design del mobile, i frontali

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

< EFFiciEnza senza limiti

< EFFiciEnza senza limiti FORM 200 FORM 400 < Efficienza senza limiti 2 Panoramica Efficienza senza limiti Costruzione meccanica Il dispositivo di comando 2 4 6 Il generatore Autonomia e flessibilità GF AgieCharmilles 10 12 14

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16

Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16 Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16 Dal 1997, anno della sua fondazione, la Erhardt + Abt Automatisierungstechnik GmbH ha finora installato

Dettagli

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari Profilati in alluminio a disegno/standard/speciali Dissipatori di calore in barre Dissipatori di calore ad ALTO RENDIMENTO Dissipatori di calore per LED Dissipatori di calore lavorati a disegno e anodizzati

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli