La rivoluzione del Digital: opportunità chiave per il rilancio dell economia del Paese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La rivoluzione del Digital: opportunità chiave per il rilancio dell economia del Paese"

Transcript

1 La rivoluzione del Digital: opportunità chiave per il rilancio dell economia del Paese Gli Incontri ICT appuntamento annuale dei CIO italiani giugno Hilton Giardini Naxos (Me)

2 Gli Incontri ICT E l evento annuale dei CIO italiani, durante il quale si incontrano la domanda e l offerta nel settore italiano dell ICT e delle TLC. La domanda è rappresentata dai CIO delle più importanti aziende medio-grandi, mentre per l offerta partecipano gli AD o i direttori commerciali dei principali Vendor. Un Comitato di programma, composto da CIO, sceglie i temi e conduce i lavori dell evento. Nelle varie sessioni parallele dei lavori (workshop), tutti i partecipanti sono invitati a contribuire attivamente all elaborazione delle conclusioni che verranno presentate e discusse nella seduta plenaria della giornata conclusiva. Per garantire la qualità e l omogeneità degli Incontri, il numero dei partecipanti è limitato alle persone direttamente contattate ed invitate dalla Finaki. Uno scenario lontano dal business quotidiano, la presenza dei familiari per i quali è organizzato un programma parallelo ai lavori, un contorno conviviale ed informale, la condivisione di esperienze, la franchezza del dibattito e l apertura professionale caratterizzano la formula Finaki. Organizzazione FINAKI S.A. Sylvain Jouanny President Finaki Group Giorgio Bongiorno Delegato Finaki in Italia Hélène Fonte Iozzino Event Marketing & Management 23, Rue Colbert F St. Quentin-en-Yvelines Galleria del Corso, 4 I Milano Tel Fax I n d i c e La formula dell'evento 3 Il Comitato di programma 4-5 Il tema principale 6 I workshop 7-11 La tavola rotonda L intervista 13 I keynote speaker Il programma delle giornate 16 Le condizioni di partecipazione 17 L albergo 17 L esperienza Finaki 18 EuroCIO 19

3 L a formula d e ll evento Lo stile degli Incontri Le giornate di lavoro sono caratterizzate dalla completa indipendenza da marchi o architetture e dalla più neutrale trasparenza. L assenza dell approccio commerciale e marketing da parte delle società che rappresentano l offerta, genera un atmosfera estremamente professionale e libera da ogni influenza o cerimoniale pubblicitari. L evento non è aperto al pubblico e i media non sono ammessi. Momenti di serio e fecondo impegno sono alternati e integrati a pause rilassanti. Il Comitato di programma Costituito da CIO appartenenti a settori merceologici diversi nello scenario del business e della economia nazionale, il Comitato sceglie il tema conduttore dell evento e i temi dei workshop. Il presidente del Comitato Il Comitato sceglie ogni anno il suo presidente il quale apre gli Incontri, coordina il loro svolgimento e conclude i lavori. I lavori e gli obiettivi Sono previste sessioni di gruppi di lavoro (workshop), alternate a conferenze in seduta plenaria. Tutti i partecipanti sono invitati a contribuire attivamente alla discussione delle tematiche trattate. L obiettivo che l evento si propone di raggiungere sui vari temi, è di ottenere consenso su un compendio di soluzioni elaborate e presentate in un documento finale che è messo a disposizione di tutti i partecipanti. I workshop Definiti e coordinati dai membri del Comitato di programma, sono il ruolo centrale e motore di tutto l evento e si svolgono in sessioni parallele della durata da 1 a 3 ore ciascuna. Ad ogni workshop partecipano i CIO e i rappresentanti dell offerta in maniera paritaria (20-25 persone). La partecipazione è limitata ad un solo workshop. Ogni partecipante sceglie prima dell evento i 3 temi preferiti. Prima dell evento, la Finaki, per garantire un armonia di rappresentanza ad ogni gruppo di lavoro, nel rispetto delle preferenze indicate, assegnerà ad ogni iscritto un workshop. Tutti i partecipanti sono invitati a contribuire attivamente alla discussione. I risultati dei vari gruppi di lavoro vengono presentati in seduta plenaria nella giornata conclusiva dell evento. Al termine delle presentazioni, il dibattito è aperto a tutti i partecipanti che potranno quindi apportare il loro contributo alle varie tematiche trattate. I keynote speaker Sono operatori del mercato, del mondo accademico, economico e sociale di riconosciuta fama internazionale, i quali contribuiscono ad illustrare i passaggi di rilievo nello sviluppo della tematica principale. Gli atti degli Incontri Finaki prepara la documentazione relativa alle conclusioni e redige gli atti che sono inviati ai partecipanti e resi disponibili nella parte riservata del sito web della Finaki. Gli accompagnatori Sono graditi gli ospiti privati, (un accompagnatore per partecipante), per i quali è previsto un programma turistico/culturale parallelo ai lavori. L organizzazione e il finanziamento La manifestazione è interamente organizzata dalla Finaki S.A. La parte più consistente dei costi viene coperta dalle aziende fornitrici, mentre i CIO partecipano con una quota simbolica. I partecipanti possono ritenersi quindi liberi da ogni amichevole pressione ed alimentare l atmosfera di neutralità che costituisce la caratteristica degli Incontri. 3

4 I l C omitato d i p rogramma Presidente Vicepresidente Ing. Massimo MILANTA UniCredit Group CIO Dott. Daniele RIZZO Autogrill S.p.A. Chief Information & Business Processes Officer Europe Membri del Comitato Ing. Federico ALKER CSI-Piemonte Consorzio per il Sistema Informativo Direttore Relazioni Istituzionali Dott. Lorenzo ANZOLA Mapei S.p.A. Corporate IT Director Dott.ssa Alessandra BANFI Pirelli & C. S.p.A. CIO di Gruppo Dott. Gianluigi CASTELLI Eni S.p.A. Executive Vice President ICT Ing. Dario CASTELLO Maserati S.p.A. CIO Fiat-Chrysler Automobiles IT Head of Parts & Services and Business Development Dott. Aldo CHIARADIA Primadonna S.p.A. Chief Digital Officer Ing. Pierluigi DE MARINIS ANAS S.p.A. Direttore Centrale Sistemi Informativi e Impianti Ing. Emilio FREZZA Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direttore Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) 4

5 Dott.ssa Gloria GAZZANO Snam S.p.A. Direttore ICT Ing. Davide GINDRO Avio Aero ICT Director Dott. Gianluca GIOVANNETTI Amadori Group Group CIO and Business Process Director Dott. Rafael LÓPEZ RUEDA Enel S.p.A. Global CIO Massimo MESSINA, Ph.D UniCredit Head of Global ICT Ing. Alessandro MUSUMECI Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A. Direttore Centrale Sistemi Informativi Ing. Dario SCROSOPPI Assicurazioni Generali S.p.A Responsabile IT Strategy & Monitoring Membri associati Ing. Arrigo ANDREONI Presidente del Comitato di programma degli Incontri ICT2002 Prof. Carlo Alberto CARNEVALE MAFFE' SDA Bocconi Docente di Strategia Aziendale Dott. Marco FORNERIS Presidente del Comitato di programma degli Incontri ICT2003 5

6 I l tema p r i n c i p a le La rivoluzione del Digital: opportunità chiave per il rilancio dell'economia del Paese Tutte le imprese e le istituzioni pubbliche si trovano di fronte ad un momento di grande discontinuità, che altrimenti potrebbe definirsi una rivoluzione, riguardo ai modelli di business, alle procedure tradizionali e all'esigenza sempre più impellente di adottare quei vantaggi che la tecnologia a grandi passi mostra sulla scena del mercato mondiale. Le nuove tecnologie della comunicazione, della sicurezza e della mobilità sono gli elementi abilitanti di una completa revisione e riconfigurazione della struttura del business. Ai passati sforzi di ricerca di massima efficienza e di allineamento al business da parte dell'ict deve per forza seguire un adeguamento del business in chiave digitale alla struttura sempre in evoluzione del mercato da una parte e delle esigenze dei cittadini/clienti dall'altra. Standardizzazione, apertura, trasparenza, partecipazione, miglioramento della qualità della vita, accesso improntato a requisiti di ubiquità, business intelligence, dematerializzazione e digitalizzazione dei processi, cyber security, cloud, internet of things: sono questi ed altri simili i nuovi paradigmi della grande trasformazione alle porte con l'obiettivo primario di favorire il rilancio dell'economia del paese. A fronte di questi paradigmi sono tante e complesse le sfide a cui il CIO è esposto e nei confronti delle quali deve dimostrare resiliente disponibilità al cambiamento. Al centro di queste sfide sta naturalmente il cittadino che, oltre ad essere in continuo dialogo con la comunità locale con procedure e schemi sempre più a misura delle sue esigenze attraverso un modello orizzontale e partecipativo, si pone, come cliente all'interno di un'impresa, con istanze del tutto rinnovate rispetto ad una tradizione che lo vedeva talvolta vittima dell'assenza di adeguate implementazioni tecnologiche, oppure nel migliore dei casi ostaggio e prigioniero della stessa tecnologia e delle sue interpretazioni proprietarie. La Digital Enterprise, declinata nelle sue tre fasi, industriale, tecnica, commerciale e di rapporto con il cliente e collaborativa all'interno dell'azienda, è l'impresa che sfrutta le tecnologie disruptive che arrivano sul mercato per trasformare il proprio modello di business rendendo più efficienti le relazioni fra le persone all'interno dell'azienda, ripensando in modalità digital i processi aziendali, migliorandone la qualità e l'efficienza operativa, favorendo una sensibile accelerazione nei processi decisionali ed introducendo puntuali processi di innovazione sia di prodotto che di servizio. La strategia che deve quindi essere adottata è quella che punta a rompere i tradizionali schemi, esaltando concetti come la disintermediazione, lo spostamento inequivocabile di poteri verso l'utente finale, la trasparenza completa delle informazioni e l'orientamento al valore condiviso attraverso tecnologie innovative e dirompenti e allo sviluppo di competenze specifiche. Il tutto da realizzarsi attraverso alleanze e partnership in grado di realizzare servizi a valore aggiunto, qualificate al raggiungimento di questi obiettivi, reti di imprese e centri di eccellenza volti a percorsi di innovazione e di invenzione di nuovi prodotti e servizi. La tecnologia deve in definitiva essere vista come leva per la business transformation per mantenere il vantaggio competitivo, dato dall'eccellenza operativa e dai contenuti di innovazione e rispondere in modo tempestivo all'evoluzione del mercato e ai nuovi comportamenti dei consumatori. Ovviamente anche la parte pubblica si deve avvicinare sempre di più al cittadino con servizi che dimostrino, nel loro esercizio, una profonda conoscenza da parte dello stato di tutte le esigenze che è chiamato a coprire. 6

7 I workshop I lavori degli Incontri ICT2014 analizzeranno per i vari settori industriali e di mercato, con spirito critico e costruttivo, il tenore e l'attualità di queste sfide, oltre a focalizzare l'attenzione dei CIO partecipanti su due aspetti particolarmente attuali della tecnologia e dell'innovazione relativi alla minaccia cibernetica, alla sicurezza ed all'internet of Things. I CIO, come è consuetudine di lavoro negli Incontri ICT, esploreranno una visione del mercato a 360 gradi, coniugando le effettive potenzialità che essi possono sviluppare per dare un contributo effettivo alla soluzione della crisi, sia per quanto riguarda il mondo della Pubblica Amministrazione, sia per tutti gli ambiti del settore privato. I workshop hanno quindi lo scopo di condividere problemi, esperienze, esigenze e soluzioni, in chiave propositiva non solo per il settore specifico, ma anche per il Paese. Oltre a questo si impegnano a raccogliere utili spunti ed opportuni stimoli da indirizzare verso Governi ed Associazioni. Sono quindi considerati nei singoli workshop interventi specifici rispetto ai diversi mercati di riferimento, tutti focalizzati al raggiungimento del giusto equilibrio dei vari driver che insistono sull attuale situazione di crisi. La visione per mercato, pur costituendo una novità per gli Incontri ICT Finaki, è foriera di interesse ulteriore rispetto alla tradizionale suddivisione orizzontale per tematiche tecnologiche, peraltro presenti nelle varie aree di attenzione prioritarie dei singoli settori. L'obiettivo è quello di: mettere insieme un cluster culturalmente omogeneo di CIO al fine di discutere in maniera proattiva di tematiche comuni per tipologia di attività, integrandole con il contributo di colleghi appartenenti ad altri settori di business per condividere best practice ed esperienze di successo; condividere problemi, esperienze, esigenze e soluzioni, in chiave propositiva per il settore specifico e per il Paese; costituire un elemento di ulteriore coagulo, rivolgendosi in maniera specifica a colleghi che normalmente, e per varie ragioni, partecipano solo a convegni settoriali; uscire con delle proposte concrete da estendere ai prodotti. 1. BANCHE E ASSICURAZIONI Coordinatori: Massimo Milanta, Dario Scrosoppi 2. PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Coordinatori: Federico Alker, Pierluigi De Marinis, Alessandro Musumeci 3. ENERGY & UTILITIES Coordinatori: Giuseppe D'Amato, Gloria Gazzano, Rafael López Rueda 4. INDUSTRY Coordinatori: Alessandra Banfi, Gianluigi Castelli, Dario Castello 5. COMMERCIO E GRANDE DISTRIBUZIONE Coordinatori: Aldo Chiaradia, Gianluca Giovannetti, Daniele Rizzo 6. THE CYBER THREAT Coordinatori: Marco Forneris, Emilio Frezza 7. INTERNET OF THINGS Coordinatori: Davide Gindro, Massimo Messina 7

8 1 BANCHE E ASSICURAZIONI Coordinatori: Massimo Milanta, Dario Scrosoppi Le aziende del settore finanziario si trovano oggi ad un punto di svolta del loro modello di business, strette tra due ruoli cruciali: key player nello sviluppo dell'economia del Paese ed industrie esse stesse. La velocità di cambiamento e la nuova complessità del mondo esterno, gli impatti delle decisioni europee sull'economia italiana, la tecnologia come nuovo driver di sviluppo dei clienti mass-market e business, le agende digitali nazionali ed europee, impongono di intervenire prontamente nel ridisegno di un processo di trasformazione che non può più essere rimandato. La digitalizzazione, da vantaggio competitivo sul mercato, è diventata la nuova rivoluzione industriale. Il settore finanziario è da sempre technology driven e può cogliere questa sfida e contribuire alla creazione di un volano positivo. I CIO hanno la competenza e la potenzialità per contribuire in modo proattivo alle strategie di business, ma dovranno essere in grado di comprendere la portata del cambiamento, supportare il business nelle decisioni all'interno delle loro aziende e fare sistema. Diventa quindi indispensabile confrontarsi su alcuni punti di svolta, tecnologici ed organizzativi: strategie e sviluppo dei singoli task della digitalizzazione (business intelligence, bigdata & analitics; evoluzione dei processi gestionali; dematerializzazione/digitalizzazione; mobile business e altri devices; CRM; cloud; Internet of Things, security, standardizzazione delle piattaforme, e-commerce/e-government, sistemi gestionali ERP, cybersecurity, dematerializzazione, gaming ); costruzione dell'ecosistema formato da aziende, clienti, fornitori, associazioni, start-up e università; contributo alle Agende Digitali (italiana ed europea) (fatturazione elettronica, identità ed anagrafe digitale, e-commerce, banda larga wi-fi, e-payments, e-procurement ); definizione delle strategie di sourcing (outsourcing, cosourcing, insourcing ); definizione di ruoli, organizzazione, processi e competenze all'interno dell'azienda per affrontare le nuove sfide di mercato. La trasformazione necessaria per competere in futuro è rilevante, la sfida per i CIO è di mettere in campo la loro competenza per incidere all'interno delle loro aziende e sul sistema Italia. 2 PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Coordinatori: Federico Alker, Pierluigi De Marinis, Alessandro Musumeci E' ormai chiaro come il Programma dell'agenda Digitale Italiana sia una base salda su cui i CIO della Pubblica Amministrazione potranno anche costruire il futuro del proprio ruolo e portare quei vantaggi di cui ha assolutamente bisogno il potenziale rilancio del sistema paese. A valle delle affermazioni di principio condivise ormai dalla community nei riguardi: dell'apertura dell'e-government in virtù del quale enti e istituzioni pubbliche hanno ridefinito, rispetto agli schemi burocratici tradizionali, le modalità di approccio e relazione con i cittadini e le comunità locali nella direzione di forme di interazione basate su bidirezionalità, condivisione e partecipazione ai processi decisionali dell'amministrazione, attuabili mediante i nuovi strumenti digitali; del concetto di trasparenza, secondo cui le amministrazioni saranno chiamate a consentire, stimolare e facilitare i cittadini nelle attività di controllo continuo dei processi decisionali all'interno delle istituzioni, a tutti i livelli amministrativi e attraverso l'utilizzo delle nuove tecnologie. La trasparenza di un'amministrazione è connessa alla libertà di accesso ai dati e alle informazioni amministrative da parte dei cittadini, nonché alla condivisione di documenti, saperi e conoscenze tra istituzioni e comunità locale; del concetto di partecipazione secondo cui l'intelligenza collettiva e la collaborazione tra istituzioni e cittadini nei processi decisionali rappresenta uno dei nodi centrali del modello obiettivo. In questo caso la finalità da perseguire è il miglioramento della qualità delle scelte politico-amministrative degli enti pubblici, attraverso la proposta di interventi che siano effettivamente legati alle esigenze e necessità dei cittadini. 8

9 Le nuove tecnologie della comunicazione, della sicurezza e della mobilità rappresentano gli elementi abilitanti dell'open Government, che rendono il processo di riconfigurazione di modelli, strumenti e tecnologie all'interno delle amministrazioni effettivamente sostenibile, tanto dal punto di vista tecnico-operativo quanto da quello degli investimenti da affrontare. La sfida del CIO rimane quella di saper mediare, in un momento di crisi economica quale è quello in cui opera il settore in Italia, fra le esigenze sempre attuali di produttività, di efficienza e fra vari altri compiti quali: il miglioramento della qualità della vita dei cittadini attraverso nuovi servizi più aderenti alle esigenze degli utenti; la necessità di rendere l'amministrazione trasparente, attraverso la diffusione delle informazioni relative al suo funzionamento (ad esempio quelle relative alla spesa pubblica); la capacità di rendere possibile l'accesso ai dati aperti come volano di sviluppo economico attraverso il riuso dei dati in maniera creativa. Al centro degli enti e delle istituzioni ci sono i cittadini e il dialogo con la comunità locale, non le procedure amministrative o gli schemi burocratici. In questo senso, il modello gerarchico e top down che ancora oggi contraddistingue in parte gli enti pubblici nei confronti del cittadino, deve venir sostituito da un modello orizzontale e partecipativo, in cui il processo decisionale è finalmente il risultato del dialogo e della collaborazione tra istituzioni e privati. 3 ENERGY & UTILITIES Coordinatori: Giuseppe D'Amato, Gloria Gazzano, Rafael López Rueda Il futuro energetico impone un vero e proprio cambio di paradigma: la diffusione di nuove tecnologie di generazione, di distribuzione e quelle di interazione con i clienti impattano in modo sostanziale il tradizionale modello di business. Dall'altra parte, il contesto economico-finanziario indirizza l'atteggiamento dei consumatori, delle società e dei governi verso comportamenti più attivi e consapevoli. Le tecnologie del mondo digitale vengono definite disruptive in quanto generano delle discontinuità positive ad una velocità esponenziale nel modello di business di chi le adotta attraverso forti accelerazioni dei ricavi o dei margini. Un solo modello operativo per l'ict non è più sufficiente per affrontare la velocità, l'innovazione e l'incertezza indotte dall'introduzione delle disruptive technologies: sta quindi emergendo un modello operativo non lineare anche per l'ict, caratterizzato da modalità alternative nel concepimento delle soluzioni e da flessibilità e rapidità per l'introduzione delle stesse. L'azienda digitale è l'azienda che sfrutta queste tecnologie per trasformare il proprio modello di business: intensificando e rendendo più efficienti le relazioni sia all'interno dell'azienda che a livello di filiera, ripensando in modalità digital i processi aziendali, migliorando qualità, efficacia ed efficienza operativa, introducendo nuove modalità nei processi decisionali, aumentandone la velocità e introducendo processi di innovazione di prodotto e di servizio. L'approccio sistematico all'innovazione rappresenta la soluzione per gestire la non linearità, attraverso l'introduzione di modelli strutturati di gestione dell'innovazione che miscela opportunamente tre ingredienti fondamentali: Creatività, Esecuzione, Attrattività. Inoltre l'azienda digitale percorre una strategia che punta su: tecnologie innovative e dirompenti (parliamo non solo di big data, social, cloud e mobile, ma anche veicoli automatici/semiautomatici, robotica avanzata, ecc.); sviluppo di competenze specifiche per essere i best deployer delle migliori tecnologie ; esperienze su scala pilota, sviluppo di alleanze, partnership per implementare servizi a valore aggiunto, creazione di reti di imprese e centri di eccellenza in un percorso di innovazione e di invenzione di nuovi prodotti e servizi. 9

10 Sono sempre più necessarie competenze qualificate, un'infrastruttura informatica funzionale ai cambiamenti imposti dalla virtualizzazione e dal cloud, un modello evoluto di collaborazione/comunicazione fra tutte le funzioni aziendali e, non ultimo, un approccio responsabile che impone misure di austerità non comuni data la situazione economica attuale. 4 INDUSTRY Coordinatori: Alessandra Banfi, Gianluigi Castelli, Dario Castello Un'economia digitale solida, basata sulla continua innovazione, è fondamentale per la crescita e la competitività del sistema Paese, in particolare in un mondo globalizzato. La tecnologia digitale è vista come leva per la business transformation, per mantenere il vantaggio competitivo e rispondere in modo tempestivo all'evoluzione del mercato ed ai nuovi comportamenti dei consumatori. Comprimere i tempi di sviluppo e lancio di soluzioni (prodotti e servizi) innovativi sul mercato e velocizzarne la commercializzazione, è sempre più di vitale importanza. La strategia digitale, per supportare l'azienda nel raggiungimento degli obiettivi di cui sopra, si può declinare in quattro temi principali: il primo è rappresentato da strumenti dedicati a particolari aree di business, introdotti con lo scopo di raggiungere e servire direttamente il consumatore finale tramite le catene retail, il secondo riguarda le soluzioni di Analytics & Big data real time integrati con i prodotti, utilizzando le potenzialità Internet of things. La terza componente ha l'obiettivo di digitalizzare la extended Supply Chain, integrando i partner sia a monte che a valle della catena tramite le piattaforme B2B, B2B2C; la quarta ed ultima componente riguarda la collaborazione all'interno dell'azienda con soluzioni social enterprise & unified communication, che permettono di operare in tempo reale anywhere, anytime. 5 COMMERCIO E GRANDE DISTRIBUZIONE Coordinatori: Aldo Chiaradia, Gianluca Giovannetti, Daniele Rizzo Eccellenza operazionale, innovazione di prodotto, conoscenza del cliente: le aziende vincenti sono caratterizzate, nel mercato in cui operano, dalla leadership su almeno una di queste dimensioni. Il CIO, storicamente protagonista della digitalizzazione del business, è spesso al crocevia dell'innovazione su ciascuna di queste tre dimensioni per lo sviluppo di un nuovo vantaggio competitivo. Nel nuovo scenario, la sfida del CIO si misura con la capacità di affermare un pensiero ed una leadership digitale diffusa nelle rispettive organizzazioni in grado di spaziare oltre i tradizionali processi, e nell'accresciuta rilevanza dell'innovazione digitale nell'agenda del CEO e del Board. Tale sfida richiede forte disponibilità al cambiamento, attenzione alle tecnologie emergenti e la capacità di creare ed alimentare nuove relazioni interne ed esterne. In particolare, un "Nuovo Patto" tra le funzioni di Marketing ed IT, come strada obbligata verso la crescita delle rispettive organizzazioni. Il futuro premierà i player che, prima e meglio degli altri, sapranno stimolare i 5 sensi del consumatore con le 4 M della Next Customer Experience: Multichannel - Multitasking - Multiscreen - Mobile. 10

11 6 THE CYBER THREAT Coordinatori: Marco Forneris, Emilio Frezza Il potenziamento e l'estensivo utilizzo delle reti di comunicazione a supporto dei Sistemi di Monitoraggio e Controllo nelle infrastrutture critiche (Energia, Trasporti, Sistemi Finanziari, Servizi Pubblici, Servizi Governativi, etc ), unito al crescente grado di interdipendenza dei rispettivi sistemi ICT, se da un lato aumenta la produttività e l'efficienza del sistema Paese, dall'altro apre nuove vie di accesso ai cyber-criminals, con addirittura il rischio di un drammatico (nelle conseguenze) effetto domino. La rapida diffusione poi di nuove tecnologie convergenti nel mobile, nel cloud, nei social e nei big data unita alla diffusione di tablet e smartphone, e il nuovo approccio BYOD, pone la sicurezza informatica nella necessità di essere ridisegnata nei modelli realizzativi. l'internet delle cose (IoT) porterà inoltre ad una maggiore pervasività dell'ict su oggetti o macchinari di uso comune. La difesa della proprietà intellettuale delle aziende, la messa in sicurezza dei dati critici e la protezione dalle azioni di sabotaggio rappresentano peraltro cardini irrinunciabili dell'operatività del CIO, che deve essere anche riferimento per dare valore alla diffusione del nuovo Digital nelle aziende, sia sul lato informativo, sia su quello del prodotto finito. Conciliare le due missioni è la sfida aperta da affrontare e insieme l'opportunità da sviluppare. 7 INTERNET OF THINGS Coordinatori: Davide Gindro, Massimo Messina Dai primi tempi dalla nascita dell'information tecnology, l'informazione ha seguito dei percorsi più o meno tradizionali aprendo negli ultimi vent'anni l'interno delle aziende all'esterno con internet (tradizionale e social). Una nuova discontinuità sta crescendo prepotentemente, muovendosi dagli RFID e dalle applicazioni di nicchia di alta tecnologia dei sensori, facendo diventare il mondo fisico intorno a noi un grande sistema interconnesso che genererà una quantità mai vista prima di informazione in tempo reale. È una discontinuità che sarà probabilmente equiparabile se non superiore a quella di internet stessa. L'interesse dei giganti è testimoniata dalla recente acquisizione di Nest da parte di Google (Domotica) e l'alleanza Open Automotive Alliance che Big G ha lanciato dopo aver sgominato i competitor con la Open Handset Alliance che ha fatto di Android quello che è oggi. L'internet of Things è una grande opportunità, ma anche una grande sfida. Entro il 2020 si stimano oltre 200 miliardi di cose interconnesse grazie alle quali si otterranno benefici in termini di efficienza, nuovo valore per le imprese e miglioramento della qualità della vita per i consumatori. Grazie a questa trasformazione l'it diventerà ancora più pervasiva e fondamentale, ma dovrà vincere la sfida di integrarsi non solo con il Marketing ma anche con l'ingegneria di Prodotto, e non solo nelle società di Servizi come il Banking. All'orizzonte c'è una grande opportunità per il CIO che dovrà saper aiutare la propria azienda a cambiare i modelli di business sfruttando le competenze attuali e quelle che il CIO si dovrà necessariamente costruire nel breve periodo, dovrà capire come migliorare l'esperienza del cliente finale e come rendere più competitivo il prodotto/servizio dell'azienda e soprattutto dovrà riuscire a rendere attiva la sua azienda all'interno di ecosistemi interconnessi: la complessità non ha pari oggi. Le architetture, il computing, lo storage non potranno che essere rivisti radicalmente per consentire i volumi e la risposta in tempo reale che gli ecosistemi basati sull'internet of Things richiederanno. L'IT sta per avere un'altra survival call, a cui il CIO sarà chiamato a rispondere in prima persona. Non è una questione di cambiamento, sarà una questione di sopravvivenza del CIO e probabilmente dell'azienda in cui lavora. Qual è il percorso virtuoso da intraprendere, che approccio deve seguire il CIO per guidare questa wave, quali cambiamenti organizzativi / culturali dovranno essere messi in campo per rilanciare lo sviluppo delle Aziende e del Paese? Quali i modelli e quali le architetture? 11

12 L a tavola rotonda Coordinatori: Arrigo Andreoni, Lorenzo Anzola, Carlo Alberto Carnevale Maffè CIO costruttori d'europa: l'unione riparte dall'ict Nel 2014 l'europa è divisa su tutto. Ma su una cosa non può dividersi: gli standard digitali nel rapporto tra imprese, istituzioni, cittadini e consumatori. Non può dividersi perché sono standard digitali globali, più efficaci dell'ecofin e più resilienti dello spread. Non può dividersi perché non può pensare di farsi un'internet in un solo continente, e perché ha capito la lezione dell'ict: quando si unisce come mercato - ed è accaduto con lo standard GSM e la nascita dei grandi campioni europei delle TLC - diventa leader mondiale; quando si frammenta in decine di mercati nazionali, perde competitività e si marginalizza. I CIO sono i primi a subire questa marginalizzazione, sia nei rapporti con i grandi vendor internazionali che trascurano l'europa, sia nella frammentazione delle scelte tecnologiche in substandard nazionali che distruggono le economie di scala e di scopo. I CIO, non solo per senso civico, ma anche per specifico interesse professionale, si devono quindi reinventare come costruttori di Europa, come supplenza manageriale ad un processo che si è inceppato nella politica. L'Ict è una nuova istituzione per una nuova Europa. La crisi del modello istituzionale europeo va affrontata con il rilancio delle opportunità di integrazione basate sui processi digitali. Le tecnologie dell'informazione sono uno dei più forti driver per il superamento del nazionalismo e della chiusura dei confini nazionali Il ruolo del CIO deve essere quindi quello di un costruttore di un nuovo tessuto istituzionale fatto di processi di coordinamento ed integrazione di filiera prima, di territorio poi e infine di nazione e di continente. La cultura della tecnologia che implica l'orientamento alla interoperabilità e alla standardizzazione dei processi è l'antidoto migliore contro la nuova frammentazione e i suoi rischi. La rete è la metafora della costruzione di una più nuova realtà istituzionale sovranazionale: essa richiede interoperabilità, standardizzazione, convergenza: un principio di collaborazione competitiva e la volontà di confrontarsi sistematicamente e strutturalmente. Luigi Gambardella Executive Chairman, ETNO (European Telecommunication Network Operators) È il Presidente del Board di ETNO, l'associazione Europea degli Operatori di Telecomunicazioni. Nel 1999 entra nel Gruppo Telecom Italia come responsabile delle relazioni con l'autorità nazionale di regolamentazione; attualmente è Vice Presidente per le Relazioni con le Istituzioni ed Organizzazioni Internazionali. Dal 1996 al 1999 ha ricoperto il ruolo di responsabile dei rapporti con le Istituzioni e le Autorità di settore in Olivetti. È inoltre Presidente di EUBrasil -Associazione per lo sviluppo dei rapporti tra l'europa ed il Brasile; Vice Presidente del Comitato Biac per Informazione, Informatica e Comunicazione (ICCP) che rappresenta l'industria presso l'ocse; è membro dell'advisory e Support Group di BUSINESSEUROPE; membro del Board del Trans Atlantic Business Council, la maggiore business association tra Europa e Stati Uniti; membro dell'european Internet Foundation; Associate della European Round Table of Industrialists; Presidente di Puntoit - Associazione Italiana per lo sviluppo dell'economia digitale. Ha contribuito, attraverso la sua attività professionale, a tutte le fasi di sviluppo, sotto il profilo delle policy, del settore europeo delle comunicazioni; in ultimo, ma non meno importante, allo sviluppo dell'agenda Digitale Europea e dei suoi ultimi aggiornamenti. Si è laureato in Economia all'università Bocconi di Milano. 12

13 Stefano Quintarelli NEXA, CLUSIT e Fondatore di I.NET (primo Internet Service Provider Italiano) Laureato in Scienze dell'informazione all'università degli Studi di Milano, Quintarelli è uno dei pionieri nella introduzione di Internet in Italia. È stato uno dei fondatori di I.NET nel 1994, il primo Internet Service Provider commerciale in Italia orientato al mercato professionale ed ha contribuito alla nascita di AIIP, l'associazione Italiana degli Internet Provider. Dal 1º aprile 2011 è stato anche Direttore Generale dell'area Digital del Gruppo 24 Ore ed uno dei fondatori di CLUSIT, l'associazione Italiana per la Sicurezza Informatica, di AIPSI, l'associazione Italiana Professionisti Sicurezza Informatica (emanazione italiana di ISSA.org) e promotore di Equiliber, Associazione per l'informazione equilibrata sull'innovazione tecnologica, il Consorzio per l'interoperabilità, la qualità, la trasparenza dei servizi IP. È stato presidente dell'associazione italiana internet provider (AIIP) fino a gennaio 2007 e membro del Comitato di Programma di Federcomin (Federazione nazionale di settore di Confindustria che rappresenta il settore dei servizi ICT) ora Confindustria Servizi Innovativi. Alle elezioni politiche del 2013 è stato eletto deputato nella circoscrizione Veneto 1 come indipendente nella lista di Scelta Civica. L i n tervista Intervista di Marco Forneris Flavio Bonomi Chief Executive Officer, IoXWorks, Inc. Il nuovo paradigma: Internet of Everything Flavio Bonomi has recently left Cisco, after 14 years with that Company, and is engaged in the launch of a new activity in the domain of the Internet of Things. A first element of this initiative, IoXWorks, Inc., for which Flavio is the Chief Executive Officer, has been incorporated. Previously, Flavio was a Cisco Fellow, Vice President, and is the Head of the Advanced Architecture and Research Organization at Cisco Systems, in San Jose, California. He was co-leading (with JP Vasseur) the vision and technology direction for Cisco s Internet of Things initiative. This broad, Cisco-wide initiative encompasses major verticals, including Energy, Connected Vehicle and Transportation, Connected Cities. In this role, with the support of his team, he is shaping a number of research and innovation efforts relating to mobility, security, communications acceleration, distributed computing and data management. Before joinig Cisco in 1999, Flavio Bonomi was at AT&T Bell Labs, between 1985 and 1995, with architecure and research responsibilities, mosty relating to the evolution of the ATM technology, and then was Principal Architect at two Silicon Valley startups, ZeitNet and Stratum One. Flavio Bonomi received a PhD Electrical Engineering in 1985, and a Master or Electrical Engineering in 1981 from Cornell University in Ithaca, New York. He received is Electrical Engineering Degree from Pavia University, in Italy. 13

14 I k eynote s p e a k e r Industrial Control Systems: Cyberthreats and Trends Andrey Nikishin Special Projects Director, Future Technologies Kaspersky Lab In a career that stretches back to the early days of Kaspersky Lab, Andrey worked as a Senior Software Engineer and Architect before moving to the Strategic Marketing Department as a Product Strategy Manager. Prior to his present role, Andrey headed the Cloud and Content Technologies Research and Development Department. Before joining Kaspersky Lab, Andrey had several years of experience developing his own antivirus programs. Andrey has a degree from the Baltic State Technical University in St. Petersburg and received his MBA from the London Business School. Guus Dekkers CIO Airbus and Corporate CIO Airbus Group CIO Testimonial Guus Dekkers was appointed Chief Information Officer (CIO) of EADS in 2008 shortly after being nominated in the same position at Airbus in June. As such Guus Dekkers is responsible for all information systems and technology at Airbus and Airbus group. Prior to his new position with Airbus, Guus Dekkers was Chief Information Officer of the Automotive Divisions of Continental AG in Germany. Guus Dekkers started working for Volkswagen AG in Germany in 1990 as an internal consultant for business process optimization, successively being the Assistant to the Corporate Chief Information Officer. In 1995, he moved on to GEDAS AG, a 100% VW-subsidiary which was acquired in 2006 by Deutsche Telekom AG. In his initial role at GEDAS, he was responsible for Infrastructure- and IT- Integration activities in Zwickau. In 1996, he moved to Paris in order to create and manage the French affiliate GEDAS France S.A.S. as Director Infrastructures & Software development. In 1999 he joined GEDAS Mexico as Vice President Key Account & Operations Volkswagen where he served until In 2002, Guus Dekkers came back to Germany as Vice President Information Technology Europe & International for Johnson Controls Automotive Group, a role he held until 2005 when he joined Siemens VDO Automotive AG in Germany as Chief Information Officer & Vice President. Upon the acquisition of Siemens VDO Automotive AG by Continental AG in December 2007, he was asked to lead the combined IT-Teams from Siemens VDO Automotive AG and the Continental Automotive Divisions. Guus Dekkers holds a Master Degree in Informatics from the Radboud University of Nijmegen, The Netherlands, as well as an MBA from the Rotterdam School of Management, Erasmus University. 14

15 Paolo Cinelli Group CIO Ikea Closer to Customers : l'approccio multichannel IKEA Paolo Cinelli è dal 2009 il Group CIO di IKEA. I sistemi informativi supportano tutte le attività del business di IKEA, dallo sviluppo di nuovi prodotti alla loro produzione e commercializzazione, dalla logistica al retail, etc. Il ruolo del CIO è di consentire ad IKEA di massimizzare il valore degli investimenti IT, tramite una strategia direttamente collegata agli obiettivi primari di business. Paolo è entrato in IKEA dopo un percorso di carriera in IT Management cominciato con incarichi progressivi in Procter & Gamble, sia in Italia che all'estero, incluse le posizioni di Associate Director IT Africa (residente in Egitto) e Global Master Data (Belgio). Lasciata P&G dopo 14 anni, Paolo è stato IT Service Delivery Director in Unilever Europa (basato in UK), per poi spostarsi ad Amsterdam come Group CIO di Heineken, dove ha condotto, per oltre quattro anni, una radicale trasformazione dei servizi informatici a livello globale. Paolo si è laureato in Scienze Statistiche all'università La Sapienza di Roma nel Big Brother-Friend or Foe: How Governments Exploit Commercial Companies to Enable Surveillance Askahn Soltani Independent Researcher and Security Consultant Ashkan Soltani is an independent researcher and consultant focused on privacy, security, and behavioral economics. His research examines the prevalence of online tracking and exposes practices designed to circumvent consumer privacy choices. Ashkan works to help stakeholders understand the technical nature and capability of various commercial and government surveillances. He has previously served as staff technologist in the Division of Privacy and Identity Protection at the Federal Trade Commission and also worked as the primary technical consultant on the Wall Street Journal's What They Know investigative series, and is currently working with the Washington Post on their coverage of the NSA. He has also testified on privacy and security related topics in front of the Senate Commerce and Judiciary Committees. 15

16 I l p rogramma d e lle giornate Giovedì 26 giugno Benvenuto di Finaki Giorgio Bongiorno Apertura degli Incontri Massimo Milanta UniCredit / Presidente del Comitato di programma Industrial Control Systems: Cyberthreats and Trends Andrey Nikishin Kaspersky Lab Introduzione ai workshop Massimo Milanta Svolgimento dei workshop (sessioni parallele) Cocktail di benvenuto Cena Venerdì 27 giugno Svolgimento dei workshop (sessioni parallele) CIO Testimonial Guus Dekkers Airbus Group Business Lunch Relax Svolgimento dei workshop (sessioni parallele) Coffee break Il nuovo paradigma: Internet of Everything Intervista di Marco Forneris a Flavio Bonomi IoXWorks CIO costruttori d'europa: l'unione riparte dall'ict Tavola rotonda moderata da Carlo Alberto Carnevale Maffè SDA Bocconi - Luigi Gambardella ETNO - Stefano Quintarelli NEXA, CLUSIT, I.NET Relax Cena Sabato 28 giugno Relax, escursioni e attività sportive programmate Business Lunch Closer to Customers : l'approccio multichannel IKEA Paolo Cinelli Ikea Condivisione risultati dei workshop (sessioni comuni stars ) Coffee break Big Brother-Friend or Foe: How Governments Exploit Commercial Companies to Enable Surveillance Askahn Soltani Independent Researcher and Security Consultant Wrap up e annuncio appuntamento degli Incontri ICT2015 Massimo Milanta e Giorgio Bongiorno Relax Cena conclusiva Domenica 29 giugno Check-out entro le ore Alle ore pranzo a buffet e congedo dei partecipanti 16 Il presente programma potrebbe subire alcune variazioni.

17 L e condizioni d i p a r tecipazione L a l b e rgo L iscrizione è riservata ai Direttori dei Sistemi Informativi di aziende medio-grandi italiane e al Top Management delle società fornitrici di sistemi e servizi informativi. Per garantire l opportuna trasparenza e l efficacia delle discussioni di gruppo, il numero complessivo dei partecipanti è limitato a 150 persone (senza accompagnatori). Iscrizioni e soggiorno Per iscriversi all evento basta inviare il modulo di adesione ricevuto dalla Finaki insieme all invito di partecipazione. Le quote di partecipazione indicate sui moduli di iscrizione, comprendono tutte le attività in agenda: - la partecipazione ai lavori e al programma culturale e/o sportivo del sabato mattina; - per gli accompagnatori la partecipazione al programma parallelo ai lavori; - le spese di pensione completa per tutta la durata dell evento, per 2 persone (1 rappresentante aziendale con 1 accompagnatore privato). Le spese di viaggio non sono incluse. Nota Bene - La prenotazione alberghiera è a cura della Finaki. - Per gli accompagnatori è previsto un programma parallelo ai lavori che sarà inviato prima dell evento, unitamente alle opzioni per le attività del sabato mattina. Conferma L iscrizione è sottoposta alla conferma della Finaki, e solo ad avvenuto pagamento della quota di iscrizione, essa è convalidata a tutti gli effetti. Cancellazioni L'iscrizione potrà essere annullata entro il 26 maggio 2014 senza incorrere in penalità; con una penalità pari al 50% della quota di iscrizione, per cancellazioni pervenute dal 27 maggio al 10 giugno; con una penalità pari all'intera quota di iscrizione per cancellazioni pervenute dall 11 giugno in poi. In caso di sopravvenuta impossibilità a partecipare, l'iscritto ha comunque il diritto di farsi rappresentare da un altro membro della società previa approvazione della Finaki. Hilton Giardini Naxos via Jannuzzo, Giardini Naxos (Me) Distanze principali: Aeroporto di Catania: 59 km Taormina: 6 km Orari navette: Arrivi del 26/ Partenze del 29/

18 L ' e s p e r i e n za F i n a k i Fondata nel 1989, Finaki è leader in Europa nella creazione, lancio e organizzazione di seminari e convegni tecnologici di alto livello in Francia, Germania e Italia. Da allora, Finaki riunisce ogni anno i Responsabili dei Sistemi Informativi delle più grandi aziende nazionali e il top management delle principali aziende di informatica, in un dialogo costruttivo. Les Entretiens Informatiques, Les Entretiens Télécoms, INKOP, SISKOP e gli Incontri ICT, sono eventi di portata nazionale ormai divenuti una consuetudine nel settore. L indipendenza dai vendor, un Comitato di programma composto da CIO i quali definiscono le tematiche e conducono i lavori degli eventi, il selezionato e ristretto numero di partecipanti, la condivisione di esperienze, le opportunità di networking e la franchezza del dibattito, caratterizzano la Formula Finaki e ne garantiscono il successo da oltre 25 anni. A livello europeo, insieme al Cigref (il Club dei Direttori dei Sistemi Informativi delle grandi aziende francesi), Finaki ha fondato EuroCIO - The European CIO Association, che riunisce i CIO dei più importanti Gruppi europei. I n I talia 2001 Le sfide della e-impresa 2002 La sfida del valore dopo la e-turbolenza 2003 Business Alignment e Business Transformation: il nuovo ruolo del CIO 2004 CIO: guru, manager o imprenditore? 2005 Il CIO veloce: efficacia e allineamento al business 2006 Il bravo CIO si vede nelle crisi 2007 Competitività e innovazione: il ruolo dell'ict 2008 Italy 2.0: People, Knowledge, Networking 2009 Crescere con la crisi: semplificare, cambiare, trasformare l'it 2010 Creare e comunicare il valore dell'it 2011 Il CIO fra le nuvole: la nuova mediazione fra domanda ed offerta 2012 Agenda Digitale: il contributo dei CIO 2013 Artefici del rilancio della produttività italiana: i CIO fra tattica e strategia 18

19 Association The European CIO Association (EuroCIO) is the only European, independent, not-for-profit representative for the large IT-users (demand side of IT), both private and public. With far over 950 organizations as members, represented by their highest IT-manager or CIO and representing over IT workers, EuroCIO is "the" largest organization in its kind also at global level, with links to other CIO communities around the world. Main objectives of EuroCIO are: sharing and developing vision and exchanging experiences at a European level for the better or best use of information technology. This is mainly done via internal workgroups, web conferences, newsletters, network meetings, etc. for the National CIO communities and the Direct Members (the largest corporates) externally representing the larger user communities towards the main IT suppliers as well as European authorities, like the European Commission, European Parliament, etc. EuroCIO is a very active participant in many programmes of the European Commission like cloud computing, e-skills, security and many others. The voice of the larger users is more and more heard in the European IT policies (Digital Agenda) and will impact coming years definitely the new European IT decision making process in IT, like innovation, e-skills programs, education in IT, regulations & directives for cloud and security, etc. The European CIO Association act as a platform for the following organizations across Europe: CIO Forum Belgian Business (B) - CIGREF (F) Associate Partner - VOICE-EV (D) - VISZ (H) - AICA CIO Forum (I) - Hellenic CIO Forum (GR) - CIO Platform (NL) - DFS CIO Forum (S) - TÜBI YAD (TK) Brussels Office European CIO Association Rue de la Loi Brussels Belgium Operations Team EuroCIO 23 rue Colbert St. Quentin-en-Yvelines, France Tel.: Fax: C a le ndario Appuntamenti francesi marzo Les Entretiens Télécoms Les Arcs 1800 (F) giugno Les Entretiens Informatiques Opio (F) Appuntamenti tedeschi marzo CeBIT Executive Club Hannover (D) maggio SYSKOP Grassau/Chiemgau (D) 9-12 ottobre INKOP Lisbon (P) EuroCIO Annual Conference novembre Brussels (B) 19

20

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

ictduemilanove Crescere con la crisi: semplificare, cambiare, trasformare l'it. Gli Incontri ICT2009 9 appuntamento annuale dei CIO italiani

ictduemilanove Crescere con la crisi: semplificare, cambiare, trasformare l'it. Gli Incontri ICT2009 9 appuntamento annuale dei CIO italiani Crescere con la crisi: semplificare, cambiare, trasformare l'it. Gli Incontri ICT2009 9 appuntamento annuale dei CIO italiani 11-14 giugno Park Hotel Villa Fiorita Monastier di Treviso TV Fondata nel Marzo

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 NetConsulting 2014 1 INDICE 1 Gli obiettivi della Survey...

Dettagli

Webinar. Il Cloud computing tra diritto e tecnologia

Webinar. Il Cloud computing tra diritto e tecnologia DATA: 14 giugno ore 15 16 LOCATION: Internet (online) Organizzazione: Centro Europeo per la Privacy - EPCE Webinar Il Cloud computing tra diritto e tecnologia Abstract Il ciclo di due web conference sul

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time

Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time NOVITÀ 2013! CONSUMER INTELLIGENCE FORUM 7 Aziende: Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time > Nicola Aliperti Global It Project Manager Marketing

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION digitale La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014

Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014 Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano www.osservatori.net COMUNICATO STAMPA Osservatorio Mobile Enterprise Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014 Il mercato

Dettagli

gli Insights dai Big Data

gli Insights dai Big Data Iscriviti ora! CONSUMER INTELLIGENCE FORUM Come cogliere gli Insights dai Big Data per anticipare i bisogni Le 11 Best Practice del 2014: Credem* Feltrinelli Groupon International Hyundai Motor Company

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

CONVEGNO ENERGY MANAGEMENT IDEE E STRUMENTI PER L IMPRESA DEL DOMANI. GIOVEDI 2 Ottobre 2014 Ore 10.00 presso la sede legale

CONVEGNO ENERGY MANAGEMENT IDEE E STRUMENTI PER L IMPRESA DEL DOMANI. GIOVEDI 2 Ottobre 2014 Ore 10.00 presso la sede legale CONVEGNO ENERGY MANAGEMENT IDEE E STRUMENTI PER L IMPRESA DEL DOMANI GIOVEDI 2 Ottobre 2014 Ore 10.00 presso la sede legale In collaborazione con: AEPI INDUSTRIE SRL Via Enrico Fermi n.28 40026 Imola (BO)

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

NUVOLA ROSA: 1.500 RAGAZZE ARRIVANO A MILANO DALL ITALIA E DAL MONDO PER ACCRESCERE LE PROPRIE COMPETENZE TECNICO-SCIENTIFICHE

NUVOLA ROSA: 1.500 RAGAZZE ARRIVANO A MILANO DALL ITALIA E DAL MONDO PER ACCRESCERE LE PROPRIE COMPETENZE TECNICO-SCIENTIFICHE NUVOLA ROSA: 1.500 RAGAZZE ARRIVANO A MILANO DALL ITALIA E DAL MONDO PER ACCRESCERE LE PROPRIE COMPETENZE TECNICO-SCIENTIFICHE Oggi aprono le pre-iscrizioni sul sito www.nuvolarosa.eu 150 corsi gratuiti,

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION

4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION 4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION 4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION INDICE La semplicità nell era dei Big Data 05 01. Data Visualization:

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

I laureati magistrali in Scienze Statistiche

I laureati magistrali in Scienze Statistiche http://www.safs.unifi.it I laureati magistrali in Scienze Statistiche I nostri testimonial Nota: la Laurea Magistrale in Statistica, Scienze Attuariali e Finanziarie è stata attivata nell a.a. 2012/2013

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY Con Kaspersky, adesso è possibile. www.kaspersky.it/business Be Ready for What's Next SOMMARIO Pagina 1. APERTI 24 ORE SU 24...2

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED ANALYTICS WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it ADVANCED ANALYTICS

Dettagli

Proteggere le informazioni in tempo di crisi: si può essere sicuri con investimenti contenuti? Lino Fornaro Net1 sas Giovanni Giovannelli - Sophos

Proteggere le informazioni in tempo di crisi: si può essere sicuri con investimenti contenuti? Lino Fornaro Net1 sas Giovanni Giovannelli - Sophos Proteggere le informazioni in tempo di crisi: si può essere sicuri con investimenti contenuti? Lino Fornaro Net1 sas Giovanni Giovannelli - Sophos L Autore Lino Fornaro, Security Consultant Amministratore

Dettagli

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict 01NET NETWORK www.01net.it Pag 2 Dati di traffico 01net Network Totale

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY Milano, ATAHOTELS Via Don Luigi Sturzo, 45 LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL FUTURO. I SUOI RIFLESSI NEI

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY.

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY. Profilo ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI CISCO NETWORKING ACADEMY Educazione e tecnologia sono due dei più grandi equalizzatori sociali. La prima aiuta le persone

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

l Engagement del Paziente e la Brand Awareness Digitale Milano, 2 Luglio 2015

l Engagement del Paziente e la Brand Awareness Digitale Milano, 2 Luglio 2015 1 EDIZIONE Digital Pharma Confrontati con le migliori Best Practices per rafforzare l Engagement del Paziente e la Brand Awareness Digitale Milano, 2 Luglio 2015 Ascolta le aziende che stanno vivendo il

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

P.E./24H La cas@ fuori casa. Programma. Venerdì 18 ottobre 2013 PAD.14 STAND M34 N47 ORARIO LOCATION EVENTO TEMA

P.E./24H La cas@ fuori casa. Programma. Venerdì 18 ottobre 2013 PAD.14 STAND M34 N47 ORARIO LOCATION EVENTO TEMA Venerdì 18 ottobre 2013 Welcome Coffee 12.30-14.30 Area 14.30-16.30 Master Class Il bar del futuro Lavoro nella Ristorazione: risorsa vincente oltre i confini generazionali Il breakfast e la tradizione

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 sviluppo risorse per l azienda CISITA PARMA IMPRESE Executive TOOLS STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 IN COLLABORAZIONE CON Executive TOOLS Executive Tools - Strumenti

Dettagli

Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico

Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico CITTÀ, RETI, EFFICIENZA ENERGETICA CAGLIARI, 10 APRILE 2015 a cura di Fabrizio Fasani Direttore Generale Energ.it Indice 1. Scenari del mercato

Dettagli