MA PERCHE DOVREMMO TORNARE A SCUOLA?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MA PERCHE DOVREMMO TORNARE A SCUOLA?"

Transcript

1 Durante la depressione degli anni Trenta ai giovani si chiese di costruire con pala e piccone le autostrade e i ponti: le infrastrutture del ventesimo secolo. Per superare la crisi attuale ai giovani si chiede di costruire le infrastrutture del ventunesimo secolo, fatte di contenuti digitali a disposizione di tutti. MA PERCHE DOVREMMO TORNARE A SCUOLA? Un pensiero italiano per la formazione delle competenze nel Digital Cultural Heritage Digital Cultural Heritage School diculther.school 1

2 La cultura è al centro del progetto europeo e costituisce il fondamento dell'"unità nella diversità" dell'unione Europea Il rispetto della diversità culturale assieme alla capacità di riconoscersi in valori condivisi hanno garantito la pace, la prosperità e la solidarietà di cui l'ue gode, nonché un contributo irrinunciabile per rafforzare la strategia europea Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva, promuovendo la stabilità, la comprensione reciproca e la cooperazione a livello mondiale. La cultura, intesa come fonte di valori, identità e senso di cittadinanza, rappresenta l asset di riferimento per garantire benessere, la coesione e inclusione sociale dei cittadini. Essa è inoltre un volano per la crescita economica, la creazione di posti di lavoro. L'adozione di una Agenda europea per la cultura sin dal 2007 ha inaugurato un nuovo capitolo di cooperazione in materia di politica culturale a livello europeo. Per la prima volta tutti i partner - istituzioni europee, Stati membri e società civile culturale - sono stati invitati a concentrare i loro sforzi sugli scopi comuni esplicitamente definiti, sottoscritti dal Consiglio dell Unione. Sfide ribadite di recente anche nel piano di lavoro per la cultura (1), che individua tra i temi strategici e per i prossimi anni la promozione dell'accesso alla cultura attraverso mezzi digitali, accanto alla promozione della diversità culturale, la promozione della cultura come catalizzatore della creatività e la promozione della cultura come elemento essenziale nelle relazioni internazionali dell'unione. Per sostenere ciò, l'agenda ha introdotto metodologie di lavoro nuove nel settore, per sostenere il riconoscimento del ruolo nel modello di sviluppo europeo fondato sulla Cultura, consentendo il dialogo strutturato con la società civile nel settore attraverso diverse piattaforme di discussione e di scambio (1) (2014/C 463/02) La cultura è un elemento essenziale dell identità europea 2

3 Si c était à refaire, je commencerais par la culture Jean Monnet, 1976, Memoires Per un rinascimento digitale europeo Dialogo che ha fatto emergere con forza la necessità di migliorare il coordinamento trasversale tra le diverse politiche e, tra queste, il completamento delle azioni previste dall Agenda Digitale e la formazione legata alle new skills risultano prioritarie, come fondamento dell integrazione della dimensione culturale nel modello di sviluppo sostenibile auspicato nella revisione in corso della Strategia Europa Europa 2020 interpreta e qualifica queste prospettive e fissa obiettivi in materia di occupazione, produttività e coesione sociale. In particolare, la strategia evidenzia come le azioni previste dall Agenda digitale Europea rappresentino un importante passaggio per realizzare quel rinascimento digitale evocato nella relazione elaborata dal Comité des Sages sulla digitalizzazione del patrimonio culturale europeo (2) e dalle loro raccomandazioni per la messa in rete di tutte le collezioni detenute in biblioteche, archivi e musei non solo per mostrare la ricchezza della cultura e della storia d'europa, ma anche per offrire nuovi benefici a livello di istruzione, innovazione e creazione di inedite attività economiche. La cultura e l'industria creativa rappresentano importanti risorse economiche di un settore che non ha conosciuto crisi ed è stimato oggi al 4 per cento del PIL dell'ue. Investire in cultura e considerare le attività culturali come un'opportunità di crescita sono, dunque, necessità strategiche anche nella prospettiva della transizione digitale che sta ormai investendo l'intera economia europea. Recenti incisive linee di policy dell UE tengono conto del contesto digitale in Europa e delle sue rapide trasformazioni. L'approvazione in questi ultimi mesi di una serie di documenti politici da parte dell UE interviene in un momento particolarmente propizio, in quanto la creazione di un "mercato unico digitale" (come noto fra le priorità della nuova Commissione) postula accesso incondizionato e convergente ai servizi culturali da parte dei cittadini europei, ovunque essi si trovino, ed apre il settore della Cultura a nuove sfide (dalla tutela del diritto d'autore, alla qualità dei nuovi contenuti, alla salvaguarda delle reti) da affrontare con approccio trasversale ed olistico (2) society/activities/digital_libraries/index_ en.htm 3

4 Priorità della nuova Commissione In quest'ottica, e tenendo a mente la necessità di coniugare le esigenze di mercato e competitività su scala europea con quelle di tutela dei cittadini/consumatori e di qualità, vengono tracciati in tali documenti nuove linee direttrici consistenti nella facilitazione all'offerta di qualità, nell'agevolazione nel raggiungimento della domanda di servizi (da ovunque essa provenga nel territorio europeo), nell'assicurazione di parità di condizioni per i fornitori. Di non minor impatto i documenti in materia di nuove modalità di gestione partecipativa del Patrimonio culturale. I negoziati sono partiti dai numerosi spunti raccolti nel corso della Conferenza sul Patrimonio di Torino di Settembre 2014 e dall'input che gli stessi Ministri Europei della Cultura avevano contribuito a delineare nel Consiglio informale del 24 settembre A cominciare dalla nozione dinamica di patrimonio inteso come "risorsa e bene comune" su cui dover contare ai fini della crescita e dello sviluppo della cultura, della società e dell'economia europea, e non più, quindi, quale mero ricettore di finanziamenti pubblici finalizzati alla dimensione statica della sola conservazione e trasmissione. In quest'ottica i documenti fanno emergere per la prima volta il profilo di una "responsabilità condivisa" fra i vari attori, siano essi pubblici o privati, e fra diversi livelli (locale, regionale, nazionale ed europeo). Tali documenti pongono questioni rilevanti volte a fare del patrimonio culturale un terreno di incontro fra Paesi europei e mediterranei, non solo nello sforzo comune della conservazione, ma anche in vista di un recupero culturale e identitario che serva da strumento di ravvicinamento fra popoli vicini. È appena il caso di sottolineare come questa prospettiva apra altresì la via a una politica estera culturale del nostro paese e dell'unione europea in generale. mercato unico digitale gestione partecipativa del Patrimonio culturale risorsa e bene comune responsabilità condivisa 4

5 La cultura, il digitale, una risorsa strategica: un volano per lo sviluppo In questa direzione, la cultura e il digitale, sia nelle punte avanzate della ricerca e della sperimentazione, sia nelle attività di formazione e diffusione volte ad elevare il capitale sociale di cui disponiamo, rappresentano sempre di più una risorsa strategica, un volano dello sviluppo. Ma il digitale ha rivoluzionato e sta rivoluzionando anche la nostra cultura e i nostri comportamenti. Ha trasformato e sta trasformando completamente le modalità di trasmissione e condivisione del sapere e il nostro modo stesso d interagire con esso, determinando l ingresso della società globale nella smart era. Questo processo evolutivo ha il suo valore fondante nella celerità con cui produce miglioramenti nella qualità della vita del cittadino, il quale, grazie alle ricerca e sviluppo di ICT sempre più smart e interattive, sta rapidamente diventando protagonista attivo del cambiamento. La diffusione ormai sempre più capillare delle ICT, infatti, porta con sé una democratizzazione della conoscenza e della cultura senza precedenti, rendendo il cittadino attore privilegiato e intelligente nello sviluppo sostenibile della nuova smart society globale, fondato sulla co-creation. In questo scenario, l UE ha inserito tra i temi prioritari dell Agenda Digitale Europea e della ricerca di Horizon 2020 il Cultural Heritage, rilevando negli investimenti in innovazione e sperimentazione di tecnologie digitali in funzione di un suo uso creativo, intelligente e diversificato uno degli elementi essenziali per la ripresa economica e il progresso sociale e culturale, con l obiettivo di creare un nuovo mercato unico digitale per sfruttare i benefici apportati dall'era digitale e permettere ai cittadini europei, ovunque si trovino, un accesso incondizionato e convergente ai servizi culturali, aprendo il settore della Cultura a nuove sfide (dalla tutela del diritto d autore, alla qualità dei nuovi contenuti, alla salvaguardia delle rete). Ma la prima ed essenziale sfida da affrontare consiste nel costruire e consolidare una cultura del digitale omogenea e condivisa, sulla quale ricalibrare i processi strutturali delle smart societies. Queste, infatti, in breve tempo saranno popolate da cittadini la cui educazione e formazione dovrà essere sempre più smart, per comprendere appieno in che modo e con quali approcci trasversali e olistici le risorse digitali possano fattivamente contribuire a promuovere e valorizzare il patrimonio culturale europeo sia analogico che digitale. In questo processo, l Italia riveste un ruolo primario con il suo vasto patrimonio e le sue tante eccellenze, la cui valorizzazione tramite le tecnologie digitali è, a ragione, considerata uno degli assi portanti per la risoluzione della crisi economica in corso e per la ripresa del Paese. 5

6 Per una visione culturale delle tecnologie Sia nelle attività di valorizzazione del patrimonio culturale, sia in quelle connesse con le tematiche oggetto di ricerca, le istituzioni culturali italiane sono attrezzate per trarre il meglio della rivoluzione tecnologica in atto e farne uno strumento formidabile di crescita individuale e sociale, di organizzazione della produzione e della vita, di conservazione, diffusione, promozione del patrimonio culturale in tutte le sue espressioni. Tuttavia, allo stato attuale, la rivoluzione digitale porta ancora con sé quale corollario negativo un paradosso che ne condiziona pesantemente la definitiva affermazione: all apparente sistematizzazione della smart society globale tramite l uso sempre più pervasivo delle ICT in tutti i livelli esistenziali delle smart cities e delle smart communities, fanno da riscontro sostanziale la vertiginosa velocità con cui esse si rinnovano e l elevata volatilità che caratterizza i dati digitali, che risultano perciò per la maggior parte già obsoleti e inutilizzabili in un arco temporale spesso inferiore anche a quello necessario ai cittadini e alle comunità per apprenderne l esistenza e l utilizzo. E, altro paradosso che ne ridimensiona ancora più sostanzialmente la funzione di nucleo magmatico e reticolare su cui si deve fondare la smart era, manca ancora un sistema di competenze digitali in grado di confrontarsi coerentemente e organicamente con le sfide complesse e le problematiche multilivello che a essa si accompagnano. Manca ancora un sistema di competenze digitali in grado di confrontarsi coerentemente e organicamente con le sfide complesse e le problematiche multilivello che ad essa si accompagnano 6

7 Inesistenza di procedure condivise e standardizzate per la conservazione della memoria digitale Uno dei più evidenti, ma stranamente poco percepiti riflessi di questi paradossi è l inesistenza di una procedura condivisa e standardizzata a livello nazionale e internazionale per la conservazione della memoria digitale prodotta dalle smart societies, in grado di garantirne la trasmissione nello spazio e nel tempo. In Italia, secondo il recentissimo aggiornamento dell AgID, «il sistema di conservazione garantisce autenticità, integrità, affidabilità, leggibilità e reperibilità dei documenti informatici, come previsto dal CAD (art.44)» (3) Nondimeno, nonostante le indicazioni dell AgID, quotidianamente una mole impressionante di dati, che oggi sono le principali e spesso uniche rappresentazioni della conoscenza e veicoli di memoria dei processi evolutivi delle smart societies, ha vita limitata al solo istante della sua creazione, finendo immediatamente dopo dispersa per sempre. I dati più stabili sono resi inutilizzabili in meno di una generazione a causa della velocità con cui si rinnovano le tecnologie digitali per la fruizione e l uso, perdendo la loro funzione valorizzante (3) ultimo aggiornamento del 22 dicembre Non essendo più consultabili se non tramite strumentazioni rinvenienti da depositi di archeologia tecnologica (già oggi esistenti ), i dati perdono l essenziale funzione di veicolatori di memoria della conoscenza e delle identità, e spesso, inutili e inutilizzabili, sono eliminati anche dai repository di conservazione, al fine di evitare la saturazione degli spazi. Milioni (miliardi?) di dati elettronici e digitali prodotti ogni giorno dai diversi livelli sociali, culturali, politici, economici, informativi, formativi, cognitivi, tecnologici delle smart societies sono irreversibilmente distrutti nel momento stesso della loro creazione, altrettanti dopo poco tempo senza che ne resti alcuna traccia né memoria nelle memorie di storage e preservation. A mero titolo esemplificativo, basti pensare alle diverse versioni che questo testo ha avuto già durante la sua composizione, tutte potenzialmente significative testimonianze del percorso della sua genesi, tutte irreversibilmente cancellate in un istante. 7

8 Conservare la memoria del processo creativo Conservare la memoria del processo creativo, da intendersi esso stesso quale fenomeno socio culturale e identitario dilatato nello spazio tempo, sembra quasi non interessare più a nessuno: l annullamento risulta sempre più metabolizzato quale teriaca, pure per molti sgradevole e indigesta, ma ugualmente indispensabile a un miglioramento della qualità della vita in realtà più supposto che non realizzato. Oggi la conoscenza si concentra sul prodotto finale, senza alcuna attenzione per la conservazione del processo di genesi, quasi come se si volesse ridurre l esistenza stessa a un presente che non deve avere memoria del passato anche più recente, e non può essere memoria neanche per il futuro più prossimo. L unica forma di valorizzazione autorizzata nella smart era sembra essere solo l hic et nunc, in tutta la sua valenza estemporanea di immediato. Eppure, la nostra storia ultramillenaria ci dovrebbe insegnare che senza conservazione non c è memoria, senza memoria non può esserci autentica valorizzazione, senza valorizzazione non c è sostenibilità. Dunque, perché essa si concretizzi pienamente nel ruolo di veicolatore della memoria della smart era, diventa prioritario garantire non solo la conservazione dei dati, ma la loro permanenza attiva nello spazio e nel tempo. Solo in questo modo si garantirà la trasmissione di quello che, a ragione, è stato ribattezzato digital cultural heritage, inteso sia quale nuova prospettiva di conoscenza su temi quali l identità, la cultura e il territorio della smart society, sia quale veicolatore di conoscenza del patrimonio culturale digitale da essa prodotto e di quello più tradizionale preesistente. Senza conservazione non c è memoria, senza memoria non può esserci autentica valorizzazione, senza valorizzazione non c è sostenibilità. Diventa prioritario garantire non solo la conservazione dei dati, ma la loro permanenza attiva nello spazio e nel tempo. 8

9 LA SFIDA: LA RICERCA E L INNOVAZIONE Ne consegue che la prima ed essenziale sfida da affrontare consiste nel costruire e consolidare una cultura digitale omogenea e condivisa, che abbia quale presupposto la conoscenza approfondita delle problematiche legate alla conservazione dei dati digitali, sulla quale ricalibrare i processi strutturali delle smart societies. Una sfida che, perciò, concentri la propria ricerca sulla co-creation di un sistema di conservazione che sia organico, omogeneo, condiviso e standardizzato sia a livello nazionale che internazionale, in grado di assicurare la valorizzazione e promozione della cultura digitale e del digital cultural heritage garantendone la trasmissione nello spazio e nel tempo. Una risorsa fondamentale in grado di contribuire sostanzialmente alla realizzazione del sistema delle competenze digitali necessario ad affrontare le sfide ancora aperte è l ERIC DARIAH-EU, rete di eccellenza nella quale le migliori risorse della ricerca nazionale degli Stati UE partner concorrono a progettare e sviluppare metodi di ricerca partecipata sui temi caldi del digital cultural heritage. DARIAH è l esito della riflessione europea ed europeizzante sul digital cultural heritage. È la prima risposta organica e strutturata all emergenza di costruire una rete di saperi e di competenze condivise nei diversi settori di applicazione delle ICT alla conservazione, promozione e valorizzazione del patrimonio culturale e del digital cultural heritage, della quale l Italia è stata partner fin dalla prima ora. In questi ultimi anni, infatti, l Italia sembra finalmente essersi resa conto dell importanza fondamentale che la promozione e valorizzazione del proprio patrimonio culturale rivestono per uscire definitivamente dalla crisi economica e riavviare la ripresa del Paese, ed è scesa in prima linea nel guidare iniziative e progetti di ricerca europei sul digital cultural heritage. Valga qui ricordare, tra i diversi importanti progetti di ricerca internazionali in corso, il progetto per la definizione di una Digital Cultural Heritage Roadmap for Preservation coordinato dall ICCU (4), o il consorzio ARIADNE impegnato a integrare in un unica piattaforma le infrastrutture di dataset relative alla ricerca archeologica esistenti in rete. In questa direzione, un azione strategica prioritaria che ogni Stato membro UE deve intraprendere è sostenere le attività di EUROPEANA, uno dei pilastri dell Agenda Digitale Europea, e tutte le forme di aggregazione di contenuti culturali in essa oggi esistenti (4) 9

10 Pianificare politiche formative condivise Nondimeno, al dinamismo della ricerca nazionale e internazionale, sebbene per lo più ancora affidato a singole iniziative pilota, spesso, malauguratamente, afflitte da grandi difficoltà a dialogare tra loro, in nessuno degli Stati UE corrisponde un pari dinamismo nell intraprendere azioni di strutturazione di reti o sistemi che della ricerca si nutrono e sono a loro volta nutrimento per l innovazione nella ricerca. Pertanto, se la sfida, o per meglio dire l emergenza è oggi quella di rendere la smart era sostenibile valorizzandola tramite la conservazione della memora digitale nella memoria collettiva delle smart societies che ne sono parte costituente e integrante, diventa strategico, basilare e irrinunciabile attivare una serie di altre azioni, a livello sia strutturale che politico, tra le quali la più rilevante è senz altro quella relativa ai sistemi formativi. Il Sistema formativo internazionale e nazionale, ed in particolare le Università italiane, infatti, segnano un notevole ritardo, quasi un blocco nel percorso di allineamento della propria formazione ai nuovi bisogni di conoscenza espressi dal cittadino della smart society e alle problematiche che essa porta con sé a corollario. Fatta eccezione per qualche felice progetto ricordiamo il progetto DigCurV per sostenere la formazione professionale dei digital curators attivi nei settori afferenti al patrimonio culturale e per sviluppare nuove competenze essenziali per la conservazione a lungo termine delle risorse digitali, si fatica non poco ad attivare sinergie tra le reti della ricerca e quelle della formazione per definire e attuare una programmazione che generi competenze capaci di affrontare in modo organico, condiviso e consapevole le sfide ancora aperte. Una programmazione che, peraltro, presuppone il concorso interdisciplinare e trasversale di diverse conoscenze culturali, scientifiche e sociali da mettere in campo in relazione alle complessità che la sfida digitale porta con sé. che mirino ad allineare le dimensioni formative nazionali nei settori del digital cultural heritage, inteso come l insieme del patrimonio culturale della smart era, in un sistema di competenze organico e strutturato. 10

11 Valutazione della ricerca nelle digital humanities Ormai non si può più negare che l urgenza di programmare un sistema formativo in grado di formare competenze adeguate ad affrontare la costruzione, valorizzazione e sostenibilità della smart society con conoscenze e professionalità adeguate al livello della difficoltà che essa ancora presenta è ormai assurta a vera e propria emergenza, per la quale sono necessari interventi seri, organici e condivisi a livello strutturale, politico e istituzionale. Il primo, essenziale intervento deve riguardare una delle cause conclamate dei mali dell università italiana: la ridotta capacità di rinnovarsi di pari passo con l evolversi delle dimensioni culturali, sociali, economiche dei territori di riferimento e degli scenari nazionali e internazionali. In tale ottica va considerato di primaria importanza aprire il confronto volto a discutere e risolvere il problema della valutazione accademica della ricerca nelle digital humanities e di quella condotta con metodologie digitali in tutte le aree relative al cultural heritage. La ricerca in questi domini è ormai realtà nazionale consolidata da diversi anni: c è, esiste, è condotta da centinaia di ricercatori rinvenienti dalle diverse aree del nostro sistema della ricerca la cui eccellenza e preparazione è riconosciuta e consolidata a livello internazionale, è documentata scientificamente, bibliograficamente e istituzionalmente. L AIUCD, la Fondazione Rinascimento Digitale, le iniziative del MIBACT, le decine di progetti di ricerca internazionali nei quali l Italia è stata ed è protagonista con le sue eccellenze sono tutte realtà che impongono come urgente la necessità di riconoscere alla ricerca nelle digital humanities e nel digital cultural heritage pieno e indiscusso valore accademico. Difatti, mentre negli Stati Uniti le associazioni disciplinari si preoccupano della valutazione della ricerca condotta con metodologie digitali e Stanford e UCLA hanno dipartimenti dedicati; mentre nel Regno Unito il King s College e UCL si propongono come piloti a livello europeo con i loro dipartimenti dedicati alle digital humanities e al digital cultural heritage, in Italia questi domini ormai riconosciuti ovunque come strategici per lo sviluppo e l evoluzione costruttiva delle smart societies sono ancora considerati ibridazioni non collocabili né associabile ad alcuna Area Scientifica o Settore Scientifico Disciplinare. 11

12 digital culture; digital FOR cultural heritage; digital AS cultural heritage Con buona pace degli studiosi e degli assai validi ricercatori delle aree biblioteconomiche, archivistiche, archeologiche, architettoniche, urbanistiche, artistiche, creative, letterarie, storiche, geografiche, antropologiche e demoetnoantropologiche, solo per citarne alcune, che da anni vi si dedicano con passione, professionalità e risultati di eccellenza internazionale. Non si può continuare a fingere che questo non sia un vulnus scoperto nel sistema accademico nazionale. È ormai improcrastinabile la definizione dei criteri secondo cui la riflessione teorica nei domini delle digital humanities e del digital cultural heritage debba essere tradotta in risultati concreti sul piano accademico e di carriera. Va da sé che riconoscere pieno valore accademico alla ricerca nei nuovi domini della digital culture non può prescindere dall associarvi un adeguato sistema formativo in grado di avviare la vera rivoluzione digitale, quella che deve portare alla progressiva co-creation di una cultura digitale reale, sostanziata, omogenea, condivisa, e quindi sostenibile nel tempo e nello spazio della memoria. Diventa perciò urgente intraprendere la co-creation di un sistema della competenze digitali trasversali, ma sinergiche e interdisciplinari, un cloud nel quale reti di cluster attivi nella ricerca e formazione sull innovazione e lo sviluppo del digital cultural heritage, inteso come l insieme del patrimonio culturale della smart era, cooperino alla costruzione dei saperi che, nel breve/medio termine, possano essere in grado di elaborare le giuste strategie di approccio e di risoluzione delle problematiche ancora aperte. Sul tema sembra giunto il momento per aprire un confronto europeo per evidenziare le buone prassi da considerare ai fini degli obiettivi posti e, partendo da queste, pianificare politiche condivise che mirino ad allineare le dimensioni formative nazionali in un sistema di competenze organico e strutturato, partendo proprio dai settori del digital cultural heritage, declinato nei tre livelli fondamentali: digital culture; digital FOR cultural heritage; digital AS cultural heritage. co-creation di un sistema della competenz e digitali trasversali Un cloud nel quale reti di cluster attivi nella ricerca e formazione sull innovaz ione e lo sviluppo del digital cultural heritage, cooperino alla costruzione dei saperi 12

13 La digitalizzazione: un opportunità per valorizzare il CH in forme innovative e creative Nel confronto si dovrà tener conto che in Europa, e in Italia in particolare, esistono non solo Università particolarmente attente al fenomeno, ma anche rilevanti Istituzioni di Cultura, pubbliche e private che nel loro insieme costituiscono un grande ed originale patrimonio della memoria del paese, impegnate non solo a conservare e a valorizzare i patrimoni culturali, ma anche a svolgere un ruolo di integrazione dell offerta formativa universitaria e post-universitaria, nella prospettiva di contribuire alla formazione delle competenze per il Digital Cultural Heritage. Istituzioni culturali che da tempo hanno orientato le riflessioni verso usi innovativi delle risorse digitali nella consapevolezza che la digitalizzazione costituisce un opportunità senza precedenti per far conoscere il proprio patrimonio, trasmetterlo, conservarlo per poterlo valorizzare utilizzandolo in forme innovative e creative. Una occasione rilevante per le Università, i Centri di Ricerca, le Istituzioni di Alta Formazione e di cultura italiane per partecipare a pieno titolo alla riflessione per un confronto nazionale ed europeo per evidenziare buone prassi, e per allineare le iniziative formative nei settori del Cultural Heritage alla nuova Strategia Europa 2020 e per porre la Cultura al centro della riflessione stessa per contribuire alla costruzione di quello Spazio Europeo della Cultura da tutti auspicato, per una Europa protagonista della Conoscenza, dell Innovazione e della Cultura nel mondo. L auspicio è che la nuova EUROPA assumendo tutte le funzioni della filiera della Conoscenza e della Cultura e quindi dei valori di civiltà, prenda in carico la ricerca e l innovazione nel settore della cultura come costante riferimento della nuova Strategia E2020. Europa 2020 la ricerca e l innovazione nel settore della cultura come costante riferimento per indirizzare l Europa ad essere protagonista della Conoscenza, dell innovazione e della Cultura nel mondo 13

14 Protocollo d Intesa stipulato tra il MIBACT e il MIUR Il recente Protocollo d Intesa stipulato tra il MIBACT e il MIUR fornisce chiare indicazioni sulle modalità secondo i due Ministeri intendono attivare di concerto politiche di intervento funzionali al raggiungimento dell obiettivo: «Le Parti, nell ambito dei rispettivi compiti e funzioni attribuiti per legge, cooperano per migliorare, integrare e armonizzare la ricerca, i percorsi educativi nelle scuole, i percorsi formativi nelle Università, l aggiornamento continuo del personale del MiBACT e degli enti e istituzioni di ricerca vigilati dal MIUR, la qualità della tutela, della conservazione e della valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici, nonché il rilancio del turismo. La finalità è generare maggiori opportunità di lavoro per i giovani; rendere gli operatori e i funzionari del MiBACT parte attiva e partecipe delle trasformazioni scientifiche, normative, educative e culturali relative alle attività di ricerca, di tutela, di conservazione, di valorizzazione e di fruizione dei beni culturali e paesaggistici; formalizzare le nuove necessità scientifiche e professionali determinate da tali trasformazioni entro programmi formativi strutturati; incrementare in maniera significativa, sulla scorta di prime esperienze comuni in questa direzione, il tasso di lettura e di impiego delle risorse librarie presenti nelle varie biblioteche del Paese» (Art. 2, Finalità) Le direzioni sulle quali i due Ministeri si propongono di intraprendere la cooperazione hanno evidentemente quale obiettivo comune il superamento delle difficoltà di allineare il sistema formativo nazionale ai nuovi scenari proposti dalla smart society. Tali direzioni ruotano intorno ad alcuni fondamentali assi di orientamento: l armonizzazione della formazione interdisciplinare, della formazione continua e dell aggiornamento professionale nelle nuove discipline del management della cultura digitale e della conservazione, promozione e valorizzazione del cultural heritage per gli operatori del cultural heritage, della formazione universitaria per coloro che saranno gli operatori del domani. 14

15 Digital Cultural Heritage, Arts and Humanities School Ne consegue un evidente assunto che segna nel sistema formativo una svolta imprevista fino a qualche tempo fa, ora determinante per l evoluzione della smart society in smart era sostenibile: quelle che fino a qualche anno fa erano, a nostro parere pur sempre a torto, considerate le lauree deboli, oggi assurgono a elementi strutturali per la sopravvivenza stessa nello spazio e nel tempo delle smart societies, a tutti i livelli che le compongono. Essenziale supporto per il raggiungimento degli obiettivi fissati nel Protocollo è, quindi, creare un infrastruttura che recepisca le istanze in esso declinate, senza sovrapporsi o sostituirsi al sistema formativo nazionale, ma in grado di velocizzare il processo di aggiornamento delle competenze ed erogazione dei contenuti, svolgendo compiti e funzioni di aggregatore in grado di accelerare il percorso di progettazione e attivazione dei percorsi formativi destinati ai differenti target di utenza individuati. In tale linea si pone il progetto pilota che nel febbraio di quest anno ha prodotto l avvio del percorso di realizzazione della prima Digital Cultural Heritage, Arts and Humanities School italiana : una rete che aggrega oltre cinquanta organizzazioni tra università, enti di ricerca, scuole, istituti tecnici superiori, istituti di cultura, associazioni e imprese pubbliche e private, con l obiettivo comune di far nascere un infrastruttura virtuale che, con la propria attività formativa non in conflitto, ma a integrazione di quella del sistema formativo nazionale, sia in grado di superare l enpasse del sistema formativo nazionale e contribuisca a costruire quel sistema delle competenze digitali indispensabile al confronto sempre più articolato e complesso con la smart society. In tale direzione, la Scuola intende nel contempo fornire un modello italiano scalabile a livello europeo, che sia in grado di co-creare e diffondere quella cultura digitale abilitante la trasmissione e la valorizzazione nello spazio e nel tempo della memoria della smart global era. Digital Cultural Heritage, Arts and Humanities School: una rete che aggrega oltre cinquanta organizzazioni culturali italiane tra università, enti di ricerca, scuole, istituti tecnici superiori, istituti di cultura, associazioni e imprese pubbliche e private per contribuire a costruire quel sistema delle competenze digitali indispensabile al confronto sempre più articolato e complesso con la smart society. 15

16 Digital Cultural Heritage, Arts and Humanities School La possibilità di un apprendimento flessibile, personalizzato attraverso lo sviluppo di un campus virtuale, può rappresentare, infatti, una grande opportunità per sviluppare e sperimentare un sistema di apprendimento collaborativo in rete, finalizzato a erogare contenuti e servizi formativi condivisi e innovativi in un settore cruciale per lo sviluppo del Paese. Una Scuola organizzata come un modello reticolare, caratterizzata da un ampia distribuzione sul territorio nazionale ed internazionale di Poli Formativi baricentrati sulle Università a essa aggregate, che condivideranno tra loro funzioni, compiti e competenze tali da assicurare elevati standard di qualità, innovazione e flessibilità formativa, in risposta alle richieste di competenze digitali per la conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale tanto nel sistema pubblico che produttivo. I Poli, quindi, saranno costituiti in base al fare e al saper fare dei soggetti che li comporranno, definiti, con riferimento alle macro aree individuate dalla Scuola, in linee guida cui tutti i componenti dovranno conformarsi; concorreranno alla progettazione e realizzazione delle attività della Scuola secondo criteri di innovatività e in linea con gli obiettivi delineati dalla Scuola stessa; concorreranno a costituire la Scuola secondo il modello di costellazione, alla quale ciascuno di essi partecipa con proprio status giuridico/amministrativo. Costellazione a sua volta disciplinata e regolata da direttive condivise e sottoscritte da tutti i Poli Formativi. Apprendimento flessibile, personalizzato in un campus virtuale. Ampia distribuzione sul territorio nazionale ed internazionale di Poli Formativi baricentrati sulle Università a essa aggregate. Condivisioni di funzioni, compiti e competenze. 16

17 VERSO UN MODELLO ITALIANO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE NEL DCH «In contemporary societies, citizens and diverse communities claim an active role in defining, reinterpreting and managing culture and cultural heritage. To understand and promote processes of co-creation in this domain, transdisciplinary research is needed for providing a comprehensive framework for the risk assessment, preservation and participatory management of cultural resources, based on a holistic, societal understanding of culture and cultural heritage». (Scoping Paper for Horizon 2020 Societal Challenge 'Europe in a changing world inclusive, innovative and reflective societies ). Le attività dei Poli saranno unitarie negli obiettivi, nell approccio e nel metodo, e saranno svolte in un infrastruttura senza pareti, un campus virtuale costituito dalle organizzazioni culturali che vi aderiscono, attraverso l attivazione presso gli stessi Poli di unità didattiche e percorsi formativi erogati in modalità blended e/o e-learning. Nella sua articolazione e organizzazione, e nella strutturazione che si darà, il progetto DiCultHer School si propone si assolvere a un triplice obiettivo: 1. diventare l infrastruttura di supporto alla piena e sostanziale realizzazione degli obiettivi declinati nel Protocollo d Intesa MIBACT-MIUR, contribuendo in modo sostanziale con la sua azione formativa alla creazione del sistema delle competenze digitali indispensabile alla efficace ed efficiente conservazione, gestione e valorizzazione del digital cultural heritage; 2. rispondere alla sfida ancora aperta nella smart society, contribuendo a garantirne la vita e la sopravvivenza nel tempo e nello spazio tramite la formazione di competenze adeguate alla salvaguardia e alla valorizzazione del digital cultural heritage; 3. proporre un modello italiano di buone prassi rispondente alle più recenti istanze europee delineate quali presupposti essenziali per favorire il processo di costruzione di una società meno diseguale, meno ingiusta, meno segregante, meno passiva, inclusiva, multiculturale, smart. 17

18 Digital Cultural Heritage, Arts and Humanities School Obiettivi: Principali indirizzi Formativi: dotare i discenti di una serie di strumenti culturali e scientifici atti a stimolare l interdisciplinarietà, l inserimento in comunità di pratiche nazionali ed internazionali attraverso la partecipazione a progetti avanzati nel campo della conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale, delle arti e scienze umane digitali. Scientifici e sociali: sviluppare una cultura del digitale per la conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale nelle arti e scienze umane, sia per aggiornare coloro che già operano nelle organizzazioni culturali, sia per preparare le future generazioni in questo settore. La digitalizzazione, infatti, non è solo un fatto tecnico ma impone un ripensamento dei management models capaci di incidere sulla valorizzazione, sull'effettiva comunicazione e fruizione dell'arte e del patrimonio culturale. Scienze umane digitali: a questa linea afferirà l informatica nelle discipline umanistiche (letteratura, filologia, filosofia, storia dell arte, ecc.). Beni culturali digitali: a questa linea afferiranno le applicazioni informatiche ai beni culturali sia materiali (biblioteche, archivi, musei, patrimonio archeologico e architettonico), sia immateriali (beni demo-etnoantropologici). Arte e comunicazione digitale: a questa linea afferiranno le riflessioni teorico-pratiche sulla creazione artistica digitale (performing arts) e sulla comunicazione digitale (digital media, e-learning). Economia e management dell arte e della cultura digitale: formazione orientata alla gestione del patrimonio digitale in un ottica economico-sociale di promozione e diffusione della cultura e dell arte, anche connesse al turismo. Design di sistema del Cultural Heritage: a questa linea afferirà la formazione per il design di un sistema di ri-funzionalizzazione del patrimonio come risorsa, bene comune e luogo di attivazione, attraverso il digitale, di una nuova titolarità e presa in carico da parte dei cittadini del Cultural Heritage. 18

19 Piena integrazione tra la dimensione digitale, la formazione tecnico scientifica e la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale Un intervento formativo per Operatori culturali per: 1. Usi innovativi delle risorse digitali per: conoscerlo conservarlo trasmetterlo valorizzarlo 2. Rilanciare e innovare i progetti di digitalizzazione 3. e-book 4. Infrastrutture digitali 5. Social Sciences, Humanities and Cultural Heritage 6. Grandi sfide sociali Recependo le istanze espresse nel Protocollo MIBACT-MIUR, nella prima fase di attività i progetti formativi elaborati dalla Scuola saranno destinati prioritariamente agli operatori del patrimonio culturale già attivi nelle organizzazioni pubbliche e private di ogni ordine, grado e tipologia orientate alla conservazione, tutela, gestione, valorizzazione e promozione del Cultural Heritage. In tale direzione, rilevante l accordo siglato tra la Scuola e per la costituzione di un tavolo di partenariato permanente per la programmazione e lo sviluppo della formazione continua dei dipendenti delle imprese e le organizzazioni culturali del settore del Digital Cultural Heritage, assoggettate al contributo integrativo di cui all'art. 12 della legge n. 160/1975, e successive modificazioni ed integrazioni che includono, fra gli aventi diritto, anche i dipendenti delle Amministrazioni Pubbliche. Sul versante della formazione Tecnico Scientifica e tenuto conto delle indicazioni contenute nei provvedimenti in corso per la cosiddetta La Buona Scuola per quanto concerne la piena integrazione tra la dimensione digitale, la formazione tecnico scientifica e la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale nazionale, le attività della Scuola saranno orientate nella individuazione di un modello italiano ed europeo di Istituto Tecnico Superiore basato sulle Digital Cultural Heritage. 7. Europeana 19

20 DigitalCultureCard Formazione integrata di qualità Verso un sistema di certificazione delle competenze acquisite univoco Sperimentazione di una: DigitalCultureCard Formazione in presenza e/o a distanza Comunità di pratica La formazione potrà essere erogata in presenza e/o a distanza, facendo ricorso a moduli/unità didattiche appositamente progettate e strutturate e all attivazione di ambienti di apprendimento per la gestione di Comunità di Pratica (professionali ed interprofessionali). La Scuola utilizzerà l approccio della formazione integrata secondo modelli di qualità e di valutazione rispondenti agli standard internazionali. Questo approccio postula un sistema di certificazione delle competenze acquisite univoco e spendibile in primis nella rete delle Istituzioni aderenti alla Scuola, ma anche e soprattutto spendibile a livello europeo ed internazionale. Sistema di certificazione delle competenze che vede la propria applicazione e concretizzazione nella DigitalCultureCard di riferimento della Scuola, intesa quale sistema per rappresentare e certificare, anche a livello internazionale, le competenze acquisite dagli allievi nei settori del DCH nell ambito della rete e nelle organizzazioni/istituzioni/poli che riterranno di adottarla, integrato da un sistema di servizi e accreditamenti coerenti allo scopo e agli obiettivi della Carta. A riguardo, e in via sperimentale, sarà avviata una pianificazione attenta sulle modalità di accreditamento sulla Carta dei CFU eventualmente rilasciati nell ambito delle attività formative della Scuola quale certificazione delle competenze acquisite, al fine di definirli in relazione a quanto richiesto dal sistema occupazionale internazionale, e non solo nazionale. 20

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli